Archivi categoria: I miei libri preferiti

libri di viaggio, libri scritti da donne, libri che parlano di donne…

Libro da leggere e regalare – Una ciambella ci salverà – Kate Raworth

Un’economia che funzioni per il 21° secolo

tra pessimismo della ragione e ottimismo della volontà

La crescita non può essere infinita

Sottotitolo:  “Sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo

PER UN MONDO MIGLIORE

Kate Raworth è un’economista britannica; docente a Oxford, già ricercatrice per Oxfam e Onu.

Con un linguaggio semplice, Kate Raworth ci aiuta a capire i dogmi del mercato e della crescita a ogni costo, mentre ci spiega come sia possibile reindirizzare la distribuzione della ricchezza e lo sfruttamento delle risorse.

L’autrice ci spiega come ridisegnare  l’attività umana, definita da 12 priorità tra cui: cibo, salute, istruzione, igiene, energia, equità; rendendo la vita umana tollerabile e sostenibile.

Non vorremmo che l’autrice peccasse di ottimismo, con la sua speranza di cambiare i paradigmi che reggono il mondo e i rapporti di forza tra Stati del G8, unicamente con la sua appassionata persuasione.

Kate Raworth,  L’economia della Ciambella. Sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo, Edizioni Ambiente, pp.302, 22 euro.

Libro da leggere – Francesca Borri Ma quale paradiso ? – Non andiamo alle Maldive !

Ma quale paradiso?

Tra i jihadisti delle Maldive

Un video che non potete perdere – Le Maldive non sono il paradiso che ci dicono

Alle Maldive, noi ci siamo stati quando non c’erano voli diretti e molti non sapevano nemmeno dove, queste isole, fossero nel mondo.

Abbiamo visto un paradiso, almeno sotto l’acqua, che oggi è in gran parte distrutto;  sino ai 17 metri sotto il livello dle mare (la barriera corallina è grigia e morta con qualche pesce colorato sopravvissuto).

Poi abbiamo verificato di persona la nascita del turismo più becero e dell’impoverimento terribile della popolazione; mentre i prezzi salivano e il pesce, una volta abbondantissimo, ora quasi ASSENTE NEL MERCATO DELLA CAPITALE!!!

Foto: la barriera grigia e un pesce colorato tra i pochi sopravvissuti fino a 17 metri sotto il mare.

CONTEMPORANEAMENTE, LA POPOLAZIONE PIU’ SVEGLIA SI E’ ARRICCHITA ED E DIVENTATA ARROGANTE, NULLA SI E’ FATTO PER LA DISCARICA GRANDE QUANTO UNA GRANDE ISOLA DI FORNTE ALLA CAPITALE …

E NULLA SI RIESCE A FARE DI FRONTE ALLA  SEMPRE MAGGIOR DIFFUSIONE DI UNA RELIGIONE MUSSULMANA SEMPRE PIU’ ESTREMISTA … pericolosa … 

Ma torniamo al libro Ma quale paradiso ? 

Tutti conosciamo qualcuno che è stato alle Maldive.

Ma quanti di noi sanno che si tratta di un paese musulmano?

E che sono il paese con il piú alto numero pro capite di foreign fighters?

Alle Maldive tutti conoscono qualcuno che è stato in Siria.

Nonostante la pretesa universalità del «califfato», i jihadisti sono molto influenzati dai contesti nazionali.

Nella scelta di arruolarsi l’emarginazione economica e sociale spesso ha un ruolo piú decisivo della religione.

Icona del turismo di lusso, sinonimo di paradiso, le Maldive OGGI sono in realtà tra le isole piú inospitali del pianeta.

La popolazione è concentrata nella capitale, Male, una delle città piú sovraffollate al mondo, preda di povertà, criminalità, eroina.

Dal turismo arrivano miliardi di dollari, che finiscono a una manciata di imprenditori vicini al governo, che non tollera alcun dissenso.

In questo libro-reportage non parlano solo i jihadisti.

Parlano i loro fratelli, i loro amici.

Che anche se non condividono le loro ragioni, non li contrastano, perché non si sentono parte del mondo contro cui combattono.

I jihadisti, alle Maldive, non sono degli squilibrati.

Sono i nostri autisti e camerieri.

Un libro per capire …

Ma quale paradiso ?, Francesca Borri, Einaudi, 16 euro.

Libro – Colto e sofisticato, Sorokin scrive con un linguaggio ricercatissimo – Da leggere – Vladimir Sorokin “ La tormenta ”

Erede dello spirito di Gogol’, lo scrittore russo Sorokin ha tra i suoi autori preferiti: Joyce, Kafka, Tolstoj e Rabelais e, solo per questo, invoglia alla lettura.

La traduzione, come raramente accade, rende giustizia al suo linguaggio di indiscutibile livello.

“ La Tormenta ”, l’ultimo lavoro di Sorokin, merita l’attenzione dei lettori più esigenti.

Allegoria di una Russia più rivolta al passato che al futuro, il libro ci racconta di una Paese dove gli spazi immensi annullano la volontà degli uomini. Dove i rapporti sono ancora tra servo e padrone; anche quando il padrone è un uomo che vuole salvare l’umanità, non opprimerla.

Il protagonista è un medico che deve raggiungere un piccolo paese dove imperversa un’epidemia che minaccia l’umanità, ma il viaggio diviene un cammino verso la catastrofe. Arrivando a rappresentare  un futuro di regressione tecnologica.

Come sempre, Sorokin, svela contenuti che oltrepassano l’ambito sociale e raccontano di un cammino verso la catastrofe; senza alcuna speranza di redenzione.

Il tutto scritto in uno stile che è debitore alla sperimentazione di stampo postmodernista.

Vladimir Sorokin “ La tormenta ”, Bonpiani, 17 euro.
Traduzione di Denise Silvestri.

Libro da regalare a una donna per Natale – DONNE IN FUGA

Donne in fuga. Vite ribelli nel Medioevo

Non obbedire alla volontà della famiglia, non ubbidire agli uomini, padri, mariti, madri  

Nel Medioevo, ma anche oggi, le donne vivevano e vivono, in molti paesi, in una sottomissione a volte totale, a volte raffinatamente crudele; a volte per obbedire a religioni sessiste (anche senza rendersene conto) …, ma sempre in una condizione di infelice sudditanza.

Poche hanno il coraggio di fuggire dalla sudditanza; questo libro parte da loro.

«Si può fuggire inseguendo un miraggio, una speranza di vita e di lavoro migliore. Si voltano le spalle a mariti violenti. Si schiude il battente di un convento nel quale non si voleva entrare e dove ogni giorno impone la sua pena. Si tenta di andare lontano da creditori e sfruttatori. Si scappa dalle case altrui, dalla servitù e dalla schiavitù, dalle mani rapaci dei padroni, dalla mancanza di diritti. Oppure si abbandona una casa, una famiglia, per tentare la sorte in un altrove indefinito, per un richiamo di curiosità, per non rimirare ogni giorno lo stesso limitato orizzonte».

Donne in fuga. Vite ribelli nel Medioevo, Maria Serena Mazzi, Il Mulino, da 9,99 su internet.

Libri – 24/7 Jonathan Crary

 Jonathan Crary (professore di Modern Art and Theory alla Columbia University), riflette sulla vita senza pause della nostra civiltà edisegna un profilo del nostro presente.

L’uomo è ridotto a consumatore o produttore di qualcosa.

Oggi si erode anche il tempo del sonno; momento fondamentale per il riequilibrio della psiche e la fissazione dei concetti da memorizzare.

24/7 Il capitalismo all’assalto del sonno di Jonathan Crary

L’apogeo del capitalismo odierno: produttività e capacità di consumare sempre in azione.

-aperto 24 ore su 24

-7 giorni su 7

-mantra del capitalismo contemporaneo.

Lavorare, mangiare, giocare, chattare o twittare 24 ore su 24

E’ vita umana questa ?

Una domanda che l’uomo onesto dovrebbe porsi, prima che sia troppo tardi.

Vita senza pause, in qualsiasi momento del giorno o della notte, per una veglia globale ?

Il mercato dissolve ogni forma di comunità e di pensiero politico.

Lo spiega Jonathan Crary nel suo libro Il capitalismo all’assalto del sonno.

24/7 Il capitalismo all’assalto del sonno di Jonathan Crary, Einaudi, 18 euro.

 

Kazuo Ishiguro – Premio Nobel letteratura

Kazuo Ishiguro

Premio Nobel per la Letteratura 2017; “Scoperchiando l’abisso sotto il nostro illusorio senso di connessione con il mondo”, come precisa la motivazione dell’Accademia di Svezia.

Uno stile letterario visionario tutto personale.

Umile. Mai autoreferente ! Mai didascalico, mai moralistico.

“Spero solo che ricevere questo grande onore, anche se nel mio piccolo, possa incoraggiare le forze del bene e della pace in questo momento” ha detto  Ishiguro, dopo l’annuncio del Nobel.

Nei suoi romanzi e racconti, ha l’abilità dei pochi che riescono sempre a spiazzare, a stupire anche il più navigato dei lettori. E non è facile.

Kazuo Ishiguro, celebra l’inafferabilità del rapporto con se e con gli altri.

Con ‘Quel che resta del giorno’ vinse il Booker Prize.

Nato nel 1954 a Nagasaki,  trasferitosi in Inghilterra con la famiglia a cinque anni, Ishiguro,  62 anni, vive a Londra. Qui si è laureato in inglese e filosofia. Ha studiato Creative Writing all’Universita’ dell’East Anglia, dove era uno degli studenti di Angela Carter. In Giappone e’ tornato solo da adulto.

A Nagasaki, pochi anni dopo la Seconda Guerra Mondiale, ha ambientato il suo romanzo d’esordio ‘Un pallido orizzonte di colline (1982) e il secondo “Un artista del mondo fluttuante” (1986), per cui gli venne assegnato il premio Withbread.

Kazuo Ishiguro, sale alla notorietà con una storia su di un maggiordomo ossessionato dal dovere, abilissimo nel nascondere i propri sentimenti; si tratta del libro: “Quel che resta del giorno”, diventato un film di James Ivory con Anthony Hopkins e Emma Thompson.

Anche il libro “Non lasciarmi” del 2005, dove parla di  fantascienza e immagina un mondo di cloni (creati solo per estirpargli gli organi), diventa un film con la regia di Mark Romanek con Andrew Garfield, Carey Mulligan e Keira Knightley.  Questo bestseller viene inserito da Time nella lista dei 100 migliori romanzi in lingua inglese pubblicati dal 1923 al 2005.

“Il gigante sepolto” è l’ultimo, discusso, romanzo; un Fantasy alla Tolkien. Rimembranze e vendetta, tra la bruma dell’Inghilterra medioevale. Sanguinarie apocalissi, orchi e draghi, hanno sconvolto i lettori abituati ai testi di Kazuo Ishiguro più intimi e poetici.

LIBRI – Un libro da leggere per amare la vita – “ Gratitudine ” – Oliver Sacks

 “… un senso di gratitudine… sono stato un animale pensante su questo pianeta bellissimo ” Garbo e semplicità nel libro

“ Gratitudine ”.

Un’ottimistica lezione di vita.

Scrittore e neurologo in un reparto di ammalati dimenticati da tutti, Oliver Sacks inizia a scrivere con “ Risvegli ”, ma forse il suo più grande capolavoro è l’ultimo libro, scritto quando già sa di dover morire, “ Gratitudine ”.

Un libro da leggere per non avere paura di affrontare i più gravi problemi della vita.

Gli ultimi scritti di Oliver Sacks sono usciti sul New York Times ed hanno il pregio di fare emozionare il lettore; un pregio assai raro.

“ Gratitudine ” è un libro che tutti dovremmo leggere; per imparare ad amare la vita al di là di tutto.

Nel libro Sacks affronta, con unica semplicità e grande garbo, il tema dell’età che avanza, della malattia e della morte, della quale “non può fingere di non averne paura”.

“ Gratitudine ”, di Oliver Sacks, editore Adelphi, 9 euro.

LIBRI – Cercare un senso alla vita ecco cosa ci insegna “ L’Outsaider ” di Colin Wilson

Scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo …

Saggio scritto di getto da Colin Wilson, durante il Natale del 1954;  rifugiandosi nel British Museum per sfuggire al freddo.

La situazione attuale rende, la maggioranza della popolazione mondiale, più povera e infelice; lontana dalla bellezza del vivere,

E’ sempre più necessario accontentarsi di quello che si ha.

Una bella lezione ci arriva dal libro “ L’Outsaider ” ( Lo straniero ) di Colin Wilson.

Solo e squattrinato, Colin Wilson ha 24 anni e vive le sue notti estive in un sacco a pelo per risparmiare poi, ai primi freddi, trova un rifugio diurno nella sala di lettura del British Museum.

Aveva mangiato solo pomodori in scatola nella sua umida stanza a sud di Londra, ma quando arrivò al British Museum iniziò a scrivere quello che diventerà un capolavoro.

Gli eroi di Wilson erano Emma Bovary e i suoi personaggi d’appendice, ma anche eroi estremi come i personaggi di Dostoevskij e Rijke.

Il suo saggio scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo.

Cosa è il nostro vero io? Quale mistero sta dietro quello che percepiamo ?

Il successo del libro fu immediato e Wilson si trovò improvvisamente ricco.

La prima versione di questo libro, in Italia si intitolò “ Lo straniero ”; il titolo originale “ Outsider ” era una parola troppo sconosciuta, all’epoca, per essere utilizzata. Fu pubblicato da Lerici nel 1958.

Oggi “ L’Outsaider ” di Colin Wilson, ha come editore Antartide, 35 euro.

Libro – Armi di distruzione di matematica – Carthy O’Neil

Come i big data aumentano le disuguaglianze e minacciano la democrazia (Saggi Bompiani)

Gli algoritmi, anche se non lo abbiamo ancora capito bene,  dominano la nostra quotidianità iperconnessa

Sono definiti:

modelli matematici oggettivi e trasparenti [!?],

ma sarebbe bene rifletterci sopra perché questo è il mondo che stimo consegnando a figli e nipoti che ci potrebbero maledire ...

Sono pericolosi perché:

-non tengono conto di variabili fondamentali, incorporano pregiudizi (tutto sta in una media matematica tra comportamenti diversi, anche se non sempre prevedibili; invece, la vita ci ha abituato a trovarci di fronte a problemi e situazioni che nemmeno avevamo immaginato) e se sbagliano non offrono possibilità di appello

-queste armi “micidiali”,  giudicano (senza possibilità di appello) insegnanti e studenti, vagliano Curriculum Vitae, decidono se concedere o negare prestiti, valutano l’operato dei lavoratori, influenzano gli elettori; promuovendo magari  il politico che può permettersi la campagna elettorale più costosa, decidono e decideranno sempre di più per la nostra salute.

Armi di distruzione matematica. Come i big data aumentano la disuguaglianza e minacciano la democrazia, Carthy O’Neil, Saggi Bompiani, 15,30 euro.

 

Concorso per nuovi talenti nella narrativa di viaggio – Bruce Chatwin in edizione limitata Vintage – Moleskine

Nuovo concorso internazionale rivolto a nuovi talenti nella narrativa di viaggio

Bruce Chatwin, fu un grande viaggiatore capace di  scrivere di viaggi fuori dai soliti schemi e banalità.

The Bruce Chatwin Project

Dedicata all’uomo che reinventò la scrittura di viaggio negli anni ’80, parte un’iniziativa internazionale per esplorare le evoluzioni del racconto di viaggio oggi, con un concorso e un’edizione limitata del libro Le Vie dei Canti.

Image

 

“Perdere il passaporto era l’ultima delle preoccupazioni. Perdere un taccuino era una catastrofe.”

Bruce Chatwin, The Songlines (Le Vie dei Canti) 1987, Edizioni Vintage.

Per celebrare i 30 anni dall’uscita della pietra miliare nella lettura di viaggio Le Vie dei Canti (titolo originale: The Songlines) di Bruce Chatwin, Vintage ne pubblica un’edizione speciale a tiratura limitata in collaborazione con Moleskine.

Nell’occasione, Vintage annuncia un nuovo concorso internazionale rivolto a nuovi talenti nella narrativa di viaggio, in tutte le sue forme. Intitolato all’autore che reinventò il racconto di viaggio negli anni ’80, il concorso vuole incoraggiare gli spiriti nomadi dei nostri giorni a esplorare nuove strade per raccontare e dare un senso al proprio viaggiare.

Il concorso si chiuderà giovedì 7 settembre e l’annuncio del vincitore è previsto per i primi di ottobre 2017.

Bruce Chatwin ha rivoluzionato e rivitalizzato la narrazione di viaggio come la conosciamo oggi: una personalità complessa, in cui convivevano l’esteta e l’antropologo, il fotografo e lo scrittore, che mise l’irrequietezza del viaggiatore al centro del racconto, uscendo dall’oggettivismo. Il concorso si propone di scandagliare il salto evolutivo che la narrazione di viaggio ha fatto negli ultimi 30 anni, dopo Chatwin.

 

The Songlinessarà ripubblicato da Vintage Classics in un’edizione speciale creata da Moleskine: un volume in forma di taccuino Moleskine large, stampato in tiratura limitata di 2.000 esemplari, abbinato ad un taccuino con pagine bianche ancora da scrivere, per la scrittura di viaggio del lettore, disponibile in librerie selezionate d’Europa e Australia, sull’ecommerce ufficiale di Moleskine e in Moleskine Store selezionati nelle città d’Europa.

 

COME FUNZIONA IL CONCORSO. Il concorso rimarrà aperto per tutta l’estate.

Le candidature devono includere un testo di 1.500 parole su un’esperienza di viaggio.

Il testo può essere scritto a mano o in forma digitale, enunciato a voce e registrato in video o audio ed eventualmente accompagnato da immagini.

Non sono imposte restrizioni di formato  e di media: potrà essere anche una serie Instagram, un video YouTube o una serie di post su un blog. Maggiori informazioni sul premio e sulle modalità di partecipazione su: www.chatwinproject.co.uk. La giuria privilegerà i racconti originali che meglio rappresentano lo stato e il significato del viaggio nel 2017 e che guardano al futuro di questo genere narrativo, sulle orme di Chatwin.

 

Fanno parte della giuria del premio:

– Nicholas Shakespeare (autore della casa editrice Vintage e biografo di Bruce Chatwin)

– Rosa Park (editor del magazine dedicato ai viaggi CEREAL)

– Charlotte Knight (senior editor di Vintage Classics)

– Maria Sebregondi (co-fondatrice della marca Moleskine)

– Alessandro Timpanaro (fotografo di viaggio, fondatore di Collater.al)

 

“Moleskine disegna oggetti per nomadi contemporanei. Chatwin fu il primo a parlarci dei piccoli taccuini neri usati in passato dagli artisti d’avanguardia come loro dispositivi mobili ante litteram, per disegnare o scrivere agilmente per le strade, nei caffè o in viaggio. Oggi quest’esigenza di creatività in movimento è cresciuta a dismisura. Mai prima d’ora il viaggiare e il racconto di viaggio sono stati così diffusi. Internet è il più grande archivio di racconti di viaggio che sia mai esistito. In questo panorama così variegato però rischiamo di cedere alla banalizzazione e di perdere il senso profondo dell’esperienza di viaggio. Il bisogno di un’arte del raccontare ricca d’inventiva e di significato è più impellente che mai.”Maria Sebregondi, co-fondatrice della marca Moleskine.

 

“Siamo entusiasti di avere Moleskine al nostro fianco per celebrare Chatwin, scrittore tra i più rappresentativi della letteratura del viaggio. L’edizione speciale del volume The Songlines, con la sua inconfondibile copertina Moleskine, è uno splendore e siamo impazienti di ascoltare le storie di viaggiatori vicini e lontani che parteciperanno al nostro concorso incentrato sul duplice tema del viaggio e della sua narrazione. Charlotte Knight, Vintage Classics.

 

Il concorso si chiuderà giovedì 7 settembre e l’annuncio del vincitore è previsto per i primi di ottobre 2017.

 

L’opera del vincitore verrà pubblicata su readcereal.com e mostrata sui canali ufficiali dei promotori del concorso. Il vincitore riceverà in premio un kit da viaggio Bruce Chatwin comprendente: una raccolta dei racconti di Chatwin editi da Vintage e accessori di scrittura di viaggio Moleskine. Le condizioni generali del concorso sono disponibili su: http://www.chatwinproject.co.uk.

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

VINTAGE e BRUCE CHATWIN.

VINTAGE è una delle maggiori case editrici letterarie del Regno Unito, parte del gruppo Penguin Random House. Vintage è specializzata nella scoperta di illustri esponenti del pensiero e della scrittura di ogni  lingua e provenienza. L’ascesa di Bruce Chatwin nell’olimpo dei grandi scrittori britannici del dopoguerra venne prematuramente interrotta dalla sua morte nel 1989. Chatwin conquistò fama e rispetto nel 1977 con il sorprendente e originalissimo “In Patagonia”, seguito nel corso della sua carriera da altre cinque opere di straordinario spessore che mettono in luce la vastità e la ricchezza del suo talento. Le pubblicazioni Vintage comprendono:

In Patagonia (speciale edizione celebrativa a 40 anni dalla prima uscita, in arrivo a ottobre 2017)

The Viceroy of Ouidah (Il viceré di Ouidah)

On the Black Hill (Sulla collina nera)

The Songlines (Le Vie dei Canti, edizione celebrativa in collaborazione con Moleskine pubblicata il 29 giugno 2017)

Utz

What Am I Doing Here (Che ci faccio qui?)

The Novels (una raccolta completa di tutte le novelle di Chatwin con prefazione di Hanya Yanagihara, in uscita a ottobre 2017)

 

MOLESKINE.

MOLESKINE nasce nel 1997 per far rivivere i piccoli taccuini neri, da tempo introvabili, usati da celebri scrittori e artisti delle avanguardie storiche che frequentavano Parigi. È lo stesso Chatwin a celebrare la storia di questi taccuini ne Le Vie dei Canti (The Songlines), quando racconta della sua visita a una cartoleria in Rue de l’Ancienne Comédie. Oggi la marca Moleskine abbraccia una serie di proposte pensate per assistere la registrazione e l’organizzazione delle idee e del tempo dei moderni nomadi urbani: taccuini, agende, quaderni, borse, strumenti analogici e digitali per la scrittura, oggetti per leggere, app e cover per dispositivi digitali. La sede principale si trova a Milano, con affiliate a New York, Parigi, Colonia, Hong Kong, Shanghai, Singapore.