Archivi categoria: ARTE

arte, mostre, artisti, foto d’arte, storia dell’arte,

Cultura a Milano – Entrata gratuita18 gennaio – Museo Nazionale della Scienza

LEONARDO 39. LA COSTRUZIONE DI UN MITO

Giovedì 18 gennaio una giornata di studi  accompagnata da un’esposizione documentaria sulla “Mostra Leonardo da Vinci e delle invenzioni italiane” del 1939 che fu decisiva per la creazione del mito del genio universale

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

via San Vittore 21, Milano

All’indirizzo http://www.museoscienza.org/areastampa/leonardo39/sono disponibili il comunicato stampa e alcune immagini

 La “Mostra Leonardo da Vinci e delle Invenzioni Italiane” organizzata a Milano nel 1939 è stato il più importante ma anche discusso evento culturale mai concepito attorno alla figura dell’artista vinciano. Se ne parlerà giovedì 18 gennaio, in unagiornata di studiaperta al pubblico, concepita dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia in collaborazione con il Centro Internazionale per la Storia delle Università e della Scienza dell’Università di Bologna.

In occasione della giornata di studi sarà inaugurata la mostra documentaria “Leonardo 39. La costruzione di un mito”, curata e realizzata dal Museo, che resterà aperta fino a domenica 6 maggio. Attraverso documenti, volumi, fotografie, disegni e oggetti storici provenienti dalle collezioni, dall’archivio e dalla biblioteca del Museo, questa esposizione ripercorre la genesi e il contesto della mostra del 1939 e i suoi sviluppi, fino ad arrivare alla nascita del Museo stesso nel 1953.

Nel 1939 al Palazzo dell’Arte di Milano furono esposti molti dipinti, disegni e codici di Leonardo insieme alle opere degli allievi. Fu inoltre costruita con grandissima cura un’enorme quantità di modelli di macchine tratte dai suoi disegni. In pieno clima di autarchia, l’immagine di Leonardo che emerge dalla mostra è quella dell’inventore capostipite di una tradizione italica che, dal Rinascimento a Guglielmo Marconi, è destinata a svettare su tutti gli altri popoli rivendicando i propri primati scientifici e tecnologici. Questa lettura, depurata dai tratti ideologici più compromettenti, ha avuto influenza duratura anche dopo la caduta del fascismo, consacrando anche all’estero l’immagine di Leonardo da Vinci come genio universale,anticipatore delle più disparate scoperte scientifiche: un mito più che mai vivo ancora oggi.

Le celebrazioni leonardiane organizzate nel 1952-53 in Italia e all’estero ripresero e svilupparono  l’idea di Leonardo genio anticipatore dei tempi. Tra queste rientra ancheil Museo, che venne inaugurato nel 1953 proprio con una mostra dedicata a Leonardo da Vinci e la cui storia si è intrecciata a più riprese con il mito di Leonardo.

La mostra “Leonardo 39. La costruzione di un mito”prende le distanze dal mito costruito nel secolo scorso sottolineandone allo stesso tempo l’importanza storica. Tra i beni esposti, alcuni tra i primi facsimili di manoscritti leonardeschi pubblicati a fine Ottocento, come il Codice Hoepli, che hanno contribuito a diffondere gli studi di Leonardo ingegnere; le fotografie della mostra aeronautica del 1934, allestita da Giuseppe Pagano al Palazzo dell’Arte; fotografie, lettere, cartoline, articoli di giornale, cataloghi e locandine della mostra leonardesca del 1939, insieme a un grande modello di argano per sollevare artiglierie realizzato nel 1952 sul modello di quello esposto nel 1939 al Palazzo dell’Arte; documenti, disegni, fotografie della mostra leonardesca del 1953 con cui si inaugura il Museo.

Lo studio e la divulgazione della figura di Leonardo rappresentano ancora oggi la più importante missione del Museo. Il convegno del 18 gennaio e la mostra documentaria sono le prime tappe di un percorso che porterà il Museo al 2019, anno delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo. Per questa occasione è in corso un ampio progetto di studio e ricerca mirato al rinnovamento totale della storica Galleria Leonardo che renderà conto delle interpretazioni storiografiche più aggiornate dell’opera scientifico-tecnologica di Leonardo da Vinci.

Dal 19 gennaio, la visita alla mostra documentaria “Leonardo 39. La costruzione di un mito” sarà compresa nel biglietto d’ingresso al Museo.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI STUDI DEL 18 GENNAIO
Sala del Cenacolo
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili
Iscrizioni sul sito del Museo

9.30-9.45
Registrazione partecipanti

9.45-10.15
Saluti
Fiorenzo Galli, Università degli Studi di Milano, Direttore Generale Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Filippo del Corno, Assessore alla Cultura Comune di Milano
Luca Del Gobbo, Assessore all’Università, Ricerca e Open Innovation Regione Lombardia
Marco Edoardo Minoja, MIBACT, Segretariato Regionale per la Lombardia, Comitato Territoriale “Milano e l’eredità di Leonardo 1519-2019”

10.15-12.15
Chairman della sessione:  Pietro Cesare Marani, Politecnico di Milano
Marco Beretta, Università di Bologna, “Leonardo nella storiografia della scienza italiana. 1797-1939”
Alessandro Tosi, Università di Pisa, “Le arti e le scienze intorno a Leonardo”
Francesco Cassata, Università di Genova, “Il fascismo e il mito della scienza”
Elena Canadelli, Università di Padova, “La Mostra delle Invenzioni italiane e le esposizioni della scienza e della tecnica nella Milano degli anni Trenta”
Claudio Giorgione, Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, “La Mostra delle Invenzioni Italiane. La storia al servizio dell’autarchia”

12.15-13.00
Discussione

14.30-16.30
Chairwoman della sessione: Maria Conforti, Università La Sapienza, Roma
Roberto Cara, Storico dell’Arte, “Quanto di più assurdo si possa oggi immaginare nel campo del buon gusto e della museografia. Giuseppe Pagano ‘supervisore’ e l’allestimento della Mostra Leonardesca”
Monica Azzolini, Università di Bologna, “Rileggere Leonardo: anatomia, storiografia e storia”
Andrea Bernardoni, Museo Galileo di Firenze, “L’alba della filologia macchinale vinciana: i modelli di macchine per il volo (1929-1939)”
Davide Colombo, Università di Parma, “La Leonardesca in trasferta a New York. Un modello per le mostre delle macchine vinciane negli Stati Uniti”
Yoshimi Takuwa, Università di Kobe, “La Mostra di Leonardo da Vinci nel 1942 a Tokyo: il ruolo della mostra leonardesca come strumento di propaganda di guerra e la sua eredità culturale nel Giappone postbellico.”

16.30-17.30
Discussione

In collaborazione con
Centro Internazionale per la Storia delle Università e della Scienza, Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna

Nell’ambito di
Palinsesto Novecento Italiano
Progetto Nuove Gallerie Leonardo

Con il contributo di
Fondazione Cariplo

Si ringrazia
Famiglia Beretta che, in memoria di Gianmario Beretta, ha finanziato un progetto di ricerca e valorizzazione della storia del Museo in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano Bicocca

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Giorni e orari di apertura: da martedì a venerdì: 9.30 – 17 | sabato e festivi 9.30 – 18.30.
Biglietti d’ingresso
intero 10,00 € | ridotto 7,50 € per bambini e giovani da 3 a 26 anni; persone oltre i 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; giornalisti in visita personale dietro presentazione del tesserino dell’Ordine dei Giornalisti in corso di validità e compilando il form di accredito; docenti delle scuole statali e non statali; convenzioni | speciale 4,50 € per gruppi di studenti accompagnati dall’insegnante previa prenotazione.
Ingresso gratuito per: visitatori disabili e accompagnatore, bambini sotto i 3 anni; giornalisti che stanno realizzando un servizio sul Museo, accreditati in precedenza.
Biglietti online
Sul sito del Museo è possibile acquistare il biglietto d’ingresso al Museo – intero o ridotto, il biglietto per il sottomarino Enrico Toti. È possibile prenotare alcune attività interattive e visite guidate (max. 1 attività per persona), al costo di prevendita di 1 euro.
www.museoscienza.org | info@museoscienza.it | T 02 48 555 1

Splendide foto vincitrici di “Fotografare il Parco”

MigliorPaesaggio_ElisabettaFaccin
Faunaselvatica_Roberto Boccucci
Menzione_Daniel_Durand-e

Concorso “Fotografare il Parco”:
ecco i vincitori della 12° edizione

Tutte le foto vincitrici sono disponibili sul sito del concorso www.fotografareilparco.it.

La giuria del concorso internazionale “Fotografare il Parco”, organizzato dai Parchi Nazionali dello Stelvio, Gran Paradiso, Abruzzo, Lazio e Molise e Vanoise in collaborazione con Swarovski Optik Italia, ha decretato, tra le circa 3.000 immagini presentate da ben 373 autori, le fotografie vincitrici della dodicesima edizione.

I lavori della giuria, resi impegnativi anche in questa edizione dal livello qualitativo delle opere presentate, hanno espresso il seguente risultato.

Gianluca Damiani di Roma si è aggiudicato il primo premio assoluto grazie alla fotografia “Apparizioni fugaci”. La fugacità dell’incontro con un lupo è resa in maniera estremamente evocativa grazie alla nebbia mattutina e alla particolare composizione dell’immagine.

“Gazè Moonlight” di Thomas Delahaye di Pralognan la Vanoise è la particolare foto di una farfalla diurna ripresa di notte, stagliata contro un firmamento di luci artificiali, vincitrice del secondo premio assoluto.

Il terzo premio è stato assegnato al “Tulipano di montagna” di Lorenzo Shoubridge di Lido di Camaiore, in cui il soggetto diventa protagonista unico dell’immagine grazie all’accurato impiego del controllo del piano di messa a fuoco.

Nella categoria “Paesaggi del Parco” è stata premiata, quale migliore immagine, la fotografia “Contrasti di luce” di Elisabetta Faccin di Valdagno. In un contrastato bianco e nero, il “piccolo” rifugio Larcher si affaccia su ripide pareti e morene glaciali.

Le migliori immagini dedicate alle singole aree protette hanno visto affermarsi: per il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise la foto “Il bacio” di Francesco Ferruzzi di Guidonia Montecelio, dedicata al Bosco della Difesa, foresta di splendidi alberi secolari dal particolare portamento. Il frammentarsi del ghiaccio del Lago Serrù in “Disgelo” del tortonese Pietro Ruffini è risultata la migliore foto del Parco nazionale Gran Paradiso. “L’apertura del ghiacciaio” di Valter Pallaoro di Ora, grazie all’inusuale punto di vista da dentro il ghiacciaio al Passo dello Stelvio, è stata premiata quale migliore immagine per il Parco nazionale dello Stelvio. Migliore scatto del Parc national de la Vanoise è risultato “Orage sur l’Esseillon” di Jean-Luc Viart di Modane, che ha saputo cogliere luci e oscurità di un violento nubifragio sull’antico forte di difesa a Avrieux.

La categoria “Fauna selvatica del Parco” ha visto l’affermazione del “Volo” di pernici bianche, nel loro candido manto invernale, di Roberto Boccucci di Marina di Gioiosa Ionica. L’affacciarsi della “Civetta capogrosso” dal suo nido è valso a Mauro Arzillo di Risano il secondo premio di categoria. Terza premiata è risultata la dinamica “Valanga di camosci” di Thomas Martini di Ville d’Anaunia/Tuenno.

Fiori e farfalle sono stati i protagonisti delle due migliori foto della categoria “Micromondo del Parco e dettagli naturali”, nella quale si è affermato nuovamente Thomas Delahaye con l’immagine “Apollo trio”, mentre al secondo posto si è classificato Massimo Arcaro, di Quart, con la fotografia “Delicatezze di fine estate”. Al terzo posto si è piazzato “L’incontro” a pelo d’acqua tra due piccole chiocciole di Luigino Zangobbo di Tombolo.

L’”Anemone epatica” del bolognese Melchiorre Pizzitola si è aggiudicata il primo premio della categoria “Mondo vegetale del Parco”. Lorenzo Shoubridge si aggiudica anche il secondo premio di questa categoria con l’immagine onirica “Fungo”. Al terzo posto si è classificato Fabrizio Stefani di Besana Brianza, grazie al bianco e nero invernale di “Confini”.

Il premio unico della categoria “Digiscoping del Parco” è stato attribuito al ritratto tra le fronde della giovane “Coturnice” di Giancarlo Giudici di Tovo Sant’Agata.

L’alto livello qualitativo delle immagini presentate ha indotto la giuria a segnalare ben sette ulteriori immagini dei fotografi Tommaso Renzi, Alberto Olivero, Maurizio Pol, Valter Pallaoro, Andrea Roverselli, Daniel Durand e Sara Di Maro.

Il numero crescente di opere presentate conferma il sempre maggiore interesse dei fotografi per il concorso delle aree protette. I Parchi Nazionali interessati sono visti sempre più, oltre che come luoghi di conservazione e valorizzazione degli aspetti ambientali e culturali, anche come spazi d’elezione in cui esercitare il proprio senso estetico e le proprie capacità fotografiche.
Ai vincitori verranno assegnati i premi messi a disposizione dalle aree protette, da Swarovski Optik Italia, Photogem e Edinat.

Arte a Brescia – Palazzo Martinengo – PICASSO – DE CHIRICO – MORANDI

Un’occasione imperdibile per entrare virtualmente nelle più belle e inaccessibili dimore della provincia di Brescia

Dal 20 gennaio al 10 giugno 2018, Palazzo Martinengo di Brescia accoglierà la mostra “PICASSO, DE CHIRICO, MORANDI. 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane”, curata da Davide Dotti, organizzata dall’Associazione Amici di Palazzo Martinengo, col patrocinio della Provincia e del Comune di Brescia.

Per venti settimane Palazzo Martinengo si trasformerà in una sorta di “museo ideale” dove confluiranno capolavori di Basiletti, Inganni, Filippini, Balla, Boccioni, De Chirico, Savinio, Morandi, Sironi, Burri, Manzoni, Fontana e altri ancora, ricercati, acquistati e amati dalle più illustri famiglie bresciane che, quadro dopo quadro, hanno dato vita a raccolte di importanza museale uniche per qualità, varietà e vastità.

Per il pubblico si tratta di un’occasione imperdibile per entrare virtualmente nelle più belle e inaccessibili dimore della provincia di Brescia e ammirare, in via del tutto eccezionale, opere di straordinario valore storico-artistico che consentiranno di esplorare le varie correnti e i movimenti artistici succedutesi nel corso dei decenni, dal futurismo alla metafisica, dal “ritorno all’ordine” fino all’arte informale del dopoguerra.

Verrà presentato un capolavoro inedito di Pablo Picasso del 1942, opera mai esposta prima in pubblico autenticata di recente dalla Fondazione Picasso di Parigi.

Cultura a Torino – I profumi della storia a Palazzo Madama

PerFumum
I profumi della storia

Palazzo Madama, Sala Atelier
Piazza Castello – Torino

15 febbraio – 21 maggio 2018

Mercoledì 14 febbraio 2018
– inaugurazione ore 18.00

Palazzo Madama presenta, dal 15 febbraio al 21 maggio 2018, la mostra PerFumum.

I profumi della Storia. Un racconto sull’evoluzione e la pluralità dei significati del profumo dall’Antichità greca e romana al Novecento, visto attraverso più di duecento oggetti esposti, tra oreficerie, vetri, porcellane, affiches e trattati scientifici.

L’esposizione, curata da Cristina Maritano, conservatore di Palazzo Madama, e allestita in Sala Atelier, presenta oggetti appartenenti alle collezioni di Palazzo Madama e numerosi prestiti provenienti da musei e istituzioni torinesi, come il MAO Museo d’Arte Orientale, il Museo Egizio, il Museo di Antichità, la Biblioteca Nazionale, la Biblioteca Guareschi della Facoltà di Farmacia. Importante anche il contributo di realtà nazionali come il Museo Nazionale del Bargello, Palazzo Pitti, il Museo Bardini e la Galleria Mozzi Bardini di Firenze e il Museo di Sant’Agostino di Genova. Fondamentale è stata inoltre la collaborazione con il Musée International de la Parfumerie di Grasse (Francia) che, insieme ad una preziosa selezione di opere, ha messo a disposizione gli apparati multimediali sulle tecniche della profumeria.

A completamento della mostra, l’Associazione culturale torinese Per Fumum, fondata da RobertaConzatoe Roberto Drago, organizza una rassegna di incontri internazionali sulla cultura dell’olfatto rivolta a tutto il mondo degli appassionati della profumeria. Dalla presentazione di profumi storici dell’Osmothèque di Versailles, all’incontro con creatori di profumi riconosciuti a livello internazionale, fino ad appuntamenti legati al mondo food & beverage.

Gli incontri si terranno il 16, 17, 18 febbraio e il 7 e 8 aprile 2018 presso Palazzo Madama e altre sedi.

In occasione della mostra, infine, il creatore di fragranze Luca Maffei, creerà degli odori-profumi ispirandosi alle collezioni storiche del museo del periodo romano, medievale, rinascimentale e barocco che verranno diffusi nelle sale del Palazzo.

Il desiderio di trattenere i profumi, conservarli e di godere della loro fragranza accompagna la storia dell’uomo dall’antichità a oggi. Il percorso espositivo presenta un excursus storico avviato a partire dalle civiltà egizia e greco-romana che, sulla scorta di tradizioni precedenti, assegnano al profumo molteplici significati: da simbolo dell’immortalità, associato alla divinità, a strumento di igiene, cura del corpo e seduzione.

Nell’Europa del primo Medioevo, sottoposta all’urto delle invasioni barbariche, sono rare le testimonianze di utilizzo di sostanze odorifere al di fuori della sfera sacra. Sopravvive tuttavia la concezione protettiva e terapeutica del profumo, come testimoniato in mostra dalla preziosa bulla con ametiste incastonate proveniente dal tesoro goto di Desana.

L’uso di profumi a contatto con il corpo con funzione di protezione nei confronti di malattie è attestato più tardi nei pommes de musc frequentemente citati negli inventari dei castelli medievali, come il rarissimo esempio quattrocentesco in argento dorato in prestito dal Museo di Sant’Agostino di Genova, che conserva ancora la noce moscata al suo interno.

La civiltà islamica, che eredita e preserva il sapere del mondo antico, sviluppa e innova la cultura del profumo greca e romana, persiana e bizantina, introducendo importanti conquiste tecnologiche, come il perfezionamento dell’arte della distillazione compiuto da Avicenna. In mostra alcune fiasche da profumo di arte ottomana, in ottone geminato, in legno di rosa e in maiolica e vetro.

L’età rinascimentale vede la progressiva laicizzazione dei significati del profumo, il cui uso si fa più esteso e articolato presso le classi sociali più elevate. Gli antichi trattati circolano grazie alle edizioni a stampa, fioriscono nuovi ricettari che propongono la fabbricazione individuale dei profumi, si sviluppa la profumeria alcolica.

Si diffonde in tutta Europa la moda invalsa nelle corti italiane di profumare oltre al corpo anche gli accessori di vestiario, specialmente in pelle, e di indossare contenitori per profumi di straordinaria ricercatezza, come il flacone in agata con montatura in oro, rubini, diamanti e smalto, proveniente dal Museo degli Argenti di Palazzo Pitti, forse un dono di Caterina de Medici, a cui si deve l’esportazione della moda italiana dei profumi in Francia.

Dal Seicento, la supremazia nel campo della produzione dei profumi spetta incontestabilmente alla Francia. Nascono nuove fragranze, sempre più orientate verso le note floreali e leggere, conservate in flaconi in vetro o porcellana, oppure diffuse negli ambienti grazie a pot-pourri e bruciaprofumi.

L’Ottocento apre la strada alla “democratizzazione” del profumo, che da prodotto riservato alle élites diventa accessibile a fasce più ampie di popolazione. Lo documentano i ricettari e la raccolta di etichette di profumi, saponi e pomate esposti in mostra, appartenuti al profumiere torinese Nicola Perrone (1784-1859) insignito del titolo di profumiere della Real Casa e al contempo fornitore di essenze profumate per la nobiltà come per la borghesia cittadina.

Il percorso espositivo offre infine una ricca panoramica sul Novecento grazie ai prestiti provenienti da collezioni private che hanno consentito di arricchire il percorso con un’ampia carrellata di flaconi, come quelli creati da René Lalique per François Coty, manifesti, calendari e etichette di case produttrici di profumo.

Catalogo edito da Silvana Editoriale.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica
Fondato nel 1863, il museo è oggi ospitato in uno dei più antichi e affascinanti palazzi della città, con testimonianze architettoniche e di storia dall’età romana al Barocco di Filippo Juvarra. Le raccolte contano oltre 60.000 opere di pittura, scultura e arti decorative dal periodo bizantino all’Ottocento.
www.palazzomadamatorino.it

Orario: lun-dom 10.00-18.00, chiuso il martedì. La biglietteria chiude 1 ora prima

Info per il pubblico:
palazzomadama@fondazionetorinomusei.it – t. 011 4433501 – www.palazzomadamatorino.it

———————————————————

Fondazione Torino Musei – Palazzo Madama

Piazza Castello – 10122 Torino

Domenica 21 a Milano al Poldi Pezzoli cultura e arte

DOMENICA AL POLDI

21 gennaio 2018

 ore 15.30 – 16.30

> Visite guidate

“Storie del tempo. Dalle meridiane all’orologio automatico”

A cura di Hora, Associazione Italiana Cultori Orologeria Antica

Il racconto si snoda tra i capolavori delle collezioni di orologeria del museo: dalle meridiane portatili e orologi solari, alla nascita dell’orologio meccanico da tavolo, gli automi barocchi e l’orologeria da persona francese, inglese del Seicento e del Settecento e quella svizzera dell’Ottocento.

Visita su prenotazione 02 794889 – 02 796334

Gruppo max 20 persone

Visita guidata gratuita compresa nel costo del biglietto di ingresso (10/7 euro)

ore 16.30 – 17.30

> Concerti

“A tempo di musica”

In collaborazioni con Serate Musicali

La visita al Museo è accompagnata da musicisti che eseguono repertori dedicati al tema del tempo

Vibrafono: Jordan Corda, Contrabbasso: Alessandro Cassani

FOTO: Orologio a ripetizione ore e quarti

John Graham, Londra 1760 circa

Oro, diamanti, smalto

inv. 5941

© Milano, Museo Poldi Pezzoli

____________________________________

Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus»
Museo: Via A. Manzoni, 12 – 20121 Milano
Centralino: 02 45473800
Fax: 02 45473811  www.museopoldipezzoli.it
P.IVA 04265690158  CF  80068270158
Orari apertura museo: 
da mercoledì a lunedì ore 10.00 – 18.00 orario continuato. MARTEDI’ CHIUSO.

Seguici su
Follow us on
Facebook: Museo Poldi Pezzoli
Twitter: @PoldiPezzoli

 

Arte a Milano – Galleria Fumagalli – GIULIO PAOLINI

GIULIO PAOLINI
TEORIA DELLE APPARENZE
Opere dal 1969 al 2015
A cura di Angela Madesani e Annamaria Maggi
Inaugurazione
lunedì 15 gennaio 2018 dalle 18.30
Dal 16 gennaio al 14 aprile 2018
Durante la mostra verrà presentato un libro con un testo inedito tratto da un incontro con GIULIO PAOLINI a cura di Angela Madesani.
 

 

Giulio Paolini,  L’Indifferent, 1992
Assemblage, cavalletto, riproduzione fotografica, plexiglass 229,9×130,2×180 cm
Galleria Fumagalli presenta la mostra “Giulio Paolini. Teoria delle apparenze”, una selezione di opere realizzate dal 1969 al 2015.
Abbracciando l’intero arco di produzione dell’artista, iscritto in un ambito di ricerca di matrice concettuale, l’esposizione si propone di restituire una visione complessiva dell’operare di Giulio Paolini: dalle tele prospettiche degli anni ’70, alla dimensione teatrale e letteraria degli anni ’80 fino ai più recenti studi sull’identità dell’autore e la sua condizione di spettatore.
L’atto di nascita della ricerca artistica di Giulio Paolini risale al “Disegno geometrico del 1960, una piccola tela (40×60 cm) sulla quale l’artista ha riportato la squadratura della superficie. Da questo momento, l’artista definisce come suo campo d’analisi la struttura base della visione e i metodi dell’operare artistico che, negli anni successivi, lo portano a sviluppare un processo di decodificazione lontano dall’elaborazione di immagini e vicino al segno, alla geometria visiva, alla matematica.

Eventi e mostra a Milano – Orologi al Museo Poldi Pezzoli

IL TEMPO DEGLI OROLOGI

Rassegna dedicata alle collezioni di orologi del Museo Poldi Pezzoli

gennaio – febbraio – marzo 2018

 Il Museo Poldi Pezzoli, grazie alla collaborazione diPisa Orologeria e in occasione di “L’arte merita più spazio”,  propone “Il tempo degli orologi”, una rassegna di iniziative dedicate agli orologi che fino alla fine di marzo accompagna il pubblico di tutte le età alla scoperta di questi oggetti, capaci di raccontare l’evoluzione tecnica e della storia del gusto attraverso i meccanismi e la preziosità delle casse.

L’arte merita più tempo. Tempo non solo da dedicare alla visita della nuova collezione di orologi del Museo ma soprattutto per riappropriarsi di ritmi di vita adeguati che permettano di godere appieno dei tesori che offre la nostra città.

Madrina dell’iniziativa Chiara Pisa, direttore generale di Pisa Orologeria, il punto di riferimento in Italia per gli appassionati di alta orologeria. “Siamo lieti di supportare questo progetto, da sempre abbiamo a cuore la divulgazione della conoscenza e dell’arte orologiera e crediamo fortemente nella sinergia con una realtà simbolo della città di Milano, come il Museo Poldi Pezzoli.”

 

La rassegna prevede un ricco calendario di appuntamenti: i mercoledì sera (7, 14 febbraio, 21 marzo) sono dedicati agli aperitivi, durante i quali, grazie alla collaborazione con Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, si possono incontrare maestri artigiani, veri artisti nell’arte della smaltatura delle casse e della decorazione dei quadranti; ai giovani under35, è dedicato un aperitivo mercoledì 24 gennaio.

Per tre serate (25 gennaio, 22 febbraio, 14 marzo) dialoghi con collezionisti, restauratori, esperti, fra cui Michel Parmigiani.

Molto ricca anche l’offerta del weekend: una domenica al mese (21 gennaio, 25 febbraio, 18 marzo) le visite guidate a cura degli esperti dell’Associazione HORA (Associazione Italiana cultori di orologeria antica) narrano la storia del tempo dalla meridiana all’orologio automatico attraverso le collezioni del Museo, mentre ARASS Brera (Associazione Restauratori Strumenti Scientifici) tiene dei laboratori per adulti sul funzionamento dell’orologio antico (28 gennaio, 11 marzo, 25 marzo).

Ai più piccoli sono dedicati i sabato pomeriggio (27 gennaio, 24 febbraio e 17 marzo) con i Watchlabjunior, in collaborazione con Pisa Orologeria e ad Artem: dopo una visita guidata agli orologi più belli e curiosi della collezione, i bambini possono montare il loro orologio e comprenderne il funzionamento. Infine, concerti ispirati al tema del tempo in collaborazione con Serate Musicali (21 gennaio, 25 febbraio, 18 marzo).

Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus»

Museo: Via A. Manzoni, 12 – 20121 Milano

Centralino: 02 45473800  Fax: 02 45473811

 www.museopoldipezzoli.it

P.IVA 04265690158  CF  80068270158

 

Arte a Venezia – Mario Marini – Peggy Guggenheim

Marino Marini. Passioni visive
Apre il 27 gennaio (fino all’1 maggio, 2018)

È la prima retrospettiva mai realizzata dedicata a Marino Marini (1901 – 1980), una mostra che permette un’inedita lettura di oltre cinquanta sculture dell’artista pistoiese e di venti opere, dall’antichità al ‘900, con cui Marino si è confrontato. In mostra i grandi modelli della scultura del XX secolo e alcuni importanti esempi di scultura dei secoli passati: dall’antichità egizia a quella greco-arcaica ed etrusca, dalla scultura medievale a quella del Rinascimento e dell’Ottocento. Tutti i giorni alle 15.30 visite guidate gratuite previo acquisto del biglietto d’ingresso

Carnevale@PGC
27 gennaio – 13 febbraio, 2018

Il museo partecipa al Carnevale di Venezia 2018, CREATUM: Civitas Ludens, con un ricco calendario di visite guidate e laboratori gratuiti per bambini. Un programma tutto da scoprire.

Guggenheim Art Classes 2018.
La Biennale prima e dopo Peggy Guggenheim
Iscrizioni aperte dal 10 gennaio

Da febbraio a dicembre un nuovissimo ciclo di lezioni di storia dell’arte, a cura di Alessandra Montalbetti, Pinacoteca di Brera, Milano. Tema di questa quinta edizione saranno artisti, correnti e curatori che hanno segnato la storia della Biennale di Venezia, prima e dopo il 1948, anno in cui Peggy Guggenheim espose la sua collezione nel Padiglione Greco.

Doppio senso: percorsi tattili alla Collezione Peggy Guggenheim
13-14 gennaio

Visite tattili e laboratori dedicati al pubblico con disabilità visive: appuntamenti a cadenza mensile, per persone non vedenti, ipovedenti e vedenti, che conducono i partecipanti a scoprire i capolavori collezionati da Peggy.

Kids Day
Tutte le domeniche dalle 15 alle 16.30 laboratori gratuiti per bambini dai 4 ai 10 anni. Prenotazione telefonica obbligatoria, a partire dalle 9.30, il venerdì precedente il laboratorio ai numeri 041 24.05.444/401.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Guggenheim Network:

Solomon R. Guggenheim Museum, NY | Guggenheim Bilbao

Arte a Milano – IL MESSICO DI FRIDA KAHLO IN MOSTRA AL MUDEC

IL MESSICO DI FRIDA KAHLO

IN MOSTRA AL MUDEC DI MILANO
Un viaggio che inizierà il 1° febbraio,

Travagliata, infelice per molti versi ma anche fonte d’ispirazione ed esempio: quella di Frida Kahlo sulla terra fu senz’altro un’esperienza unica di vita e di passione. Passione politica, amorosa e, ovviamente, artistica.

Ciò che ne rimane oggi è l’immagine di una donna quanto mai attuale, indipendente seppure con molte fragilità, ed un ampio patrimonio artistico che per la prima volta sarà in Italia in forma inedita.

Quella che si terrà al MUDEC di Milano dal 1 febbraio al 3giugno 2018, infatti, sarà una mostra unica, un’occasione per ammirare in un sol luogo per la prima volta da quindici anni, tutte le opere provenienti dal Museo Dolores Olmedo di Città del Messico e dalla Jacques and Natasha Gelman Collection, le due più importanti e ampie collezioni di Frida Kahlo al mondo, con la partecipazione di autorevoli musei internazionali che presteranno alcuni dei capolavori dell’artista messicana mai visti in Italia.

“Mi consideravano surrealista ma non è vero. Non ho mai dipinto sogni.
Quel che ho raffigurato era la mia realtà”.

Non una mostra come le altre per un personaggio decisamente diverso da tutti gli altri. La mostra “Frida Kahlo. Oltre il mito”, che aprirà le porte il 1 febbraio al MUDEC di Milano, si prospetta come un fulmine nel cielo sereno di coloro che credono di conoscere il mito di Frida. Ebbene sì, una mostra di rottura, il cui scopo non è solo quello di tracciare il profilo di un’artista geniale e tormentata ma anche penetrare a fondo nel suo mistero, lasciando fuori dalla porta ciò che si crede di conoscere e ciò che sarebbe facile presupporre.

Un progetto espositivo frutto di sei anni di studi e ricerche, reso possibile dall’impegno del suo curatore Diego Sileo in Messico, dai documenti inediti rinvenuti nell’archivio di Casa Azul svelati nel 2007 e da altri importanti archivi che per la prima volta contribuiranno alla mostra con materiali sorprendenti e rivoluzionari.

La mostra intende superare la credenza che basti focalizzarsi sulla relazione tra la vita e l’opera dell’artista messicana per spiegarne la poetica e predilige, invece, un’analisi seria e approfondita della sua opera attraverso lo studio delle singole tele. Dalle indagini effettuate in prima persona da Sileo sono emersi alcuni temi principali come l’espressione della sofferenza vitale, la ricerca cosciente dell’Io, l’affermazione della “messicanità”, la sua leggendaria forma di resilienza, che permetteranno ai visitatori di percepire la coerenza profonda che esiste, molto più in là delle sue apparenti contraddizioni, nell’opera di Frida Kahlo. La mostra, dunque, indaga il personaggio di Frida a partire proprio da quattro tematiche principali, che scandiranno il percorso espositivo: La Donna; La Terra; La Politica e Il Dolore.

Frida Khalo. Oltre la mostra
Non solo una mostra, ma un intero complesso di conferenze ed eventi che accompagneranno i lunghi mesi dell’esposizione. Tanti i temi che verranno approfonditi da giornalisti ed esperti: la figura dell’artista messicana, ovviamente, con la lettura di lettere e diari di Frida Kahlo e del marito Diego Rivera, ma anche il contesto socio culturale in cui vivevano, i tesori emersi dall’Archivio Segreto, dal Messico di Frida alle tradizioni precolombiane che le hanno fatto da substrato artistico. E ancora la moda, il territorio, il cibo. Appuntamento poi con il Festival della cultura messicana, che accompagnerà la mostra coinvolgendo i visitatori del MUDEC in tante attività e laboratori per bambini e adulti, atelier di pittura e tessitura con artisti messicani alla scoperta del colore e della bellezza della natura, rappresentata nelle opere di Frida Kahlo.

:::::::::::::::::::::::::::::

PER CHI NON ABITA VICINO A MILANO

DORMIRE NEL LUSSO

 Occasione imperdibile, dunque, per soggiornare a Milano e immergersi appieno in una città in grado di ospitare eventi così attuali con grande tempestività e spirito critico. Gli hotel perfetti per il soggiorno? Quelli affiliati al gruppo Space Hotels ovviamente: la scelta giusta per vivere la città da local.

Space Hotels: la Milano più vera

Andreola Central Hotel
Storico albergo 4 stelle in centro a Milano, prestigioso luogo d’incontro di personaggi della cultura e dello sport, l’Andreola Central Hotel rinnova la sua apprezzata tradizione milanese d’ospitalità in ambienti confortevoli ed interamente rimodernati. Si tratta di uno tra i più apprezzati hotel 4 stelle di Milano per la posizione funzionale ai luoghi del business, della cultura e dello shopping. 85 camere tra standard, superior, junior suite e suite, ristorante panoramico, sei sale meeting.
Prezzo per la camera doppia a partire da euro 119.00 a notte.

Hotel Dei Cavalieri Milano Duomo
L’Hotel Dei Cavalieri è uno storico albergo 4 stelle a soli 300 metri da Piazza Duomo e poco più dal Teatro alla Scala, da Via Montenapoleone e dalle altre vie dello shopping. Situato nel centro di Milano, in una posizione ottimale, da esso si possono raggiungere tutte le attrazioni turistiche comodamente a piedi, mentre chi soggiorna per affari o lavoro, trova le principali società, banche o la Borsa nelle immediate vicinanze. Il Dei Cavalieri si propone come riferimento ideale per incontri di affari e cultura.
Prezzo per la camera doppia a partire da euro 199.00 a notte.

Hotel Des Etrangers
Recentemente ampliato e ristrutturato l’albergo si trova in posizione strategica in Zona Tortona, comodo dalla Tangenziale Ovest e a poco più di 5 minuti dalla Fiera Milanocity, dalle Università Cattolica, Bocconi e Iulm, servitissimo da tram e filobus, l’Hotel Des Etrangers è la soluzione ideale per soggiorni sia business sia turistici a Milano: ambienti accoglienti e funzionali, sale meeting, professionalità.
Prezzo per la camera doppia a partire da euro 109.00 a notte.

Hotel Gran Duca di York
L’Hotel Gran Duca di York è un piccolo, romantico e confortevole albergo recentemente rinnovato, che si trova in un antico palazzo del 700 nel centro storico del capoluogo lombardo. L’hotel è situato a soli pochi passi dal Duomo, dalle vie più prestigiose dello shopping e dalla Borsa di Milano.
Prezzo per la camera doppia a partire da euro 187.00 a notte.

Hotel Spadari al Duomo
Se desiderate l’atmosfera di un hotel di Milano piccolo, raccolto e centralissimo, oggi la trovate in un elegante palazzo situato proprio accanto al Duomo. Progettato per ospitare una raccolta privata di opere d’arte contemporanea, sia di grandi autori che di giovani artisti dell’avanguardia milanese, l’hotel unisce al comfort e all’eleganza un’ospitalità raffinata e discreta.
Prezzo per la camera doppia a partire da euro 280.00 a notte.

 

Su Space Hotels
Space Hotels, gruppo alberghiero nato nel 1974, è attualmente presente nel nostro paese con una collezione unica di più di 60 alberghi indipendenti da 3 a 5 stelle in 35 destinazioni business e leisure. L’offerta di Space Hotels comprende: soggiorni di lavoro o di vacanza; organizzazione di meeting e congressi; la grande cucina di alcuni tra i migliori chef italiani; relax, massaggi e sauna in eleganti centri benessere. In ogni soggiorno sono sempre inclusi breakfast, una bottiglietta d’acqua e free Wi-Fi. Per le prenotazioni è attivo il numero verde gratuito 800.813.013, i GDS (codice SX) o il sito www.spacehotels.it.

SERATA EVENTO Sabato 13 gennaio a Rancate

A corredo della mostra DIVINA CREATURA. La donna e la moda nelle arti del secondo Ottocento
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst, Rancate (Mendrisio)

SERATA EVENTO
Sabato 13 gennaio, ore 20.30

MOI
Monologo dedicato alla scultrice francese Camille Claudel, allieva, modella e amante di Auguste Rodin
Prima della pièce verrà presentata la figura di Camille Claudel, una “divina creatura” vissuta tra Otto e Novecento. Camille fu una scultrice di grande valore, ma la sua opera fu apprezzata solo dopo la morte, avvenuta in un asilo per alienati mentali dove era ricoverata.
Ingresso comprensivo di spettacolo e visita libera alla mostra (19.30-22.30): fr. / € 15.-
(V. ALLEGATI)

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: Tel.  0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch

In collaborazione con il Circolo di cultura di Mendrisio e dintorni e con le Amiche e Amici della Filanda
_______________________________________________________________

Info: www.ti.ch/zuest; Tel.  0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch.
Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscritti l’evento verrà annullato.
I partecipanti verranno avvisati tempestivamente.

COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST
Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con l’ausilio della segnaletica. Per chi proviene dall’autostrada Milano-Lugano l’uscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate. La Pinacoteca è di fronte alla chiesa parrocchiale di Santo Stefano, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti, o con l’autobus (linea 524, Mendrisio-Serpiano).

La Pinacoteca cantonale Giovanni Züst è su Facebook!  Vieni a trovarci!