Archivi categoria: ARTE

arte, mostre, artisti, foto d’arte, storia dell’arte,

Vincent van Gogh Mulino ad acqua a Kollen – Mostre Van Gogh

La maggiore acquisizione in assoluto del Noordbrabants Museum

MOSTRE DI VAN GOGH E SPIAGAZIONI DEL QUADRO

L’opera di Vincent van Gogh Mulino ad acqua a Kollen vicino Nuenen torna definitivamente nella provincia olandese del Brabant dopo più di un secolo

Il Noordbrabants Museum ha apppena acquistato all’asta Impressionist & Modern Art Sale di Sotheby’s a New York il dipinto realizzato da Vincent van Gogh (1853- 1890) Mulino ad acqua a Kollen vicino Nuenen.

Questo paesaggio primaverile con un mulino ad acqua dai tetti rossi è una rappresentazione relativamente nitida e ricca di colore nell’opera di Van Gogh realizzata inBrabant.

Il quadro è stato acquistato per un importo pari a circa 3 milione euro (hammer price 2.6 dollari). Esattamente un anno fa, il museo aveva acquisito l’acquerello Il giardino della canonica a Nuenen di VanGogh.

 Per questa acquisizione, il museo si è servito della consulenza del Museo VanGogh.

Il deputato Henri Swinkels della provincia olandese del Noord-Brabant è fiero del fatto che questo particolare pezzo da collezione si potrà ammirare a breve nel Noordbrabants Museum: “Il Noordbrabants Museum ha un ruolo importante nel trasmettere la storia di Van Gogh. Con quest’opera unica si traccia la connessione fra il racconto nel museo e il luogo fisico e ‘monumentale’ di Van Gogh in Brabant. Ciò è importante non solo per la cultura ma anche per l’economia del tempo libero, la natura e il paesaggio, il branding e la caratterizzazione a livello internazionale.

Ci sono pertanto moltissime ragioni che ci hanno spinto a contribuire come provincia con un sussidio di 1,5 milione euro. Siamo molto felici che sia stato possibile acquisire il dipinto. Con questo quadro riportiamo un pezzetto di Vincent a casa, in Brabant.”

Il fascino di Van Gogh per i mulini ad acqua del Brabant

Vincent van Gogh visse dal 1883 per quasi due anni a Nuenen, prima a casa dei genitori e poi altrove, in paese. Durante il suo soggiorno a Nuenen si concentrò più che in passato sulla pittura. Sceglieva spesso la rappresentazionedipersoneallavoro,peresempiotessitori,edellanatura,comenelpaesaggioconilmulino ad acqua di Kollen appena acquisito dalmuseo.

Sebbene Van Gogh non abbia dipinto alcuna figura in questo paesaggio, il mulino ad acqua con le ruote che girano simboleggia la vita lavorativa. Lo scorrere dell’acqua e il riflesso delle costruzioni nell’acqua, inoltre, costituiscono delle sfide pittoriche. Van Gogh scrisse sulla rappresentazione di questa scena al suo amico, il pittore Anthon van Rappard, che gli aveva fatto visita per dieci giorni nel maggio 1884. Avevano lavorato su diversi soggetti nella zona:

‘Dalla sua partenza ho lavorato a un Mulino ad acqua – quello su cui avevo chiesto informazioni in quella pensione alla stazione, dove avevamo parlato con quell’uomo del quale le avevo raccontato che sembrava impegnarsi per una mancanza cronica di contanti nelle tasche.– Si tratta di un caso simile agli altri due mulini ad acqua che abbiamo visitato insieme, ma ha due tetti rossi e appare quando si è già vicino – circondato da pioppi. In autunno sarà superbo.’

Il mulino ad acqua di Kollen si trovava vicino a quella che era la stazione di Nuenen-Tongelre. Con ‘gli altri due mulini ad acqua’ probabilmente Van Gogh si riferisce ai mulini di Opwetten e Hooijdonk, nei dintorni di Nuenen.Attualmente,ilmulinoadacquadiKollendipintodaVanGoghnelmaggio1884sitrovanelcomune di Eindhoven. Il mulino è stato restaurato nel 1975 ed è stato dichiarato monumentonazionale.

 

Monumenti Van Gogh

L’acquisizione di questo dipinto da parte del Noordbrabants Museum avviene in un momento particolare. Due settimane prima, il 30 ottobre 2017, era stato firmato un accordo dalla provincia del Noord-Brabant, nove comuni del Brabant e alcune organizzazioni culturali del Brabant, in cui i firmatari hanno espresso l’intenzione di proteggere 39 monumenti selezionati, tutti di valore e con qualche relazione con Vincent van Gogh. Il mulino ad acqua di Kollen è uno dei 39 cosiddetti Monumenti di Van Gogh.

Importanza per il Noord-Brabant

Negli ultimi anni, Van Gogh ha acquisito sempre più l’immagine di icona per il Brabant. Dal 2008 c’è una stretta collaborazione tra la provincia Noord-Brabant, Van Gogh Brabant, VisitBrabant e il Noordbrabants Museum per aumentare l’attenzione per questo artista del Brabant nella regione in cui è nato e dove si è formataingranpartelasuapraticaartistica.Conl’associazioneVanGoghBrabant,cinqueistituzioniculturali delBrabant(VanGoghVillage(ilpaesedivanGogh)aNuenen,VincentsTekenlokaal(l’auladidisegnodivan Gogh) a Tilburg, Van Goghkerk (la chiesa di Van Gogh) a Etten-Leur, Vincent van Goghhuis (la casa di Van Gogh)aZunderteilNoordbrabantsMuseuma’s-Hertogenbosch)hannounitoleloroforzeperconservaree condividereilpatrimonioculturalelegatoaVanGoghinBrabant.L’associazionecollaborainmisuracrescente conVanGoghEurope,un’alleanzainternazionaletradiverseorganizzazionineiPaesiBassi,inBelgioeFrancia, impegnata nella conservazione e nella promozione comune del patrimonio culturale legato a VanGogh.

Molta attenzione per Van Gogh nel Noordbrabants Museum

Il Noordbrabants Museum è l’unico museo nel sud dei Paesi Bassi che espone opere originali di Vincent van Gogh. Le nove opere si possono ammirare nella sezione Storia del Brabant, in un padiglione dedicato all’artista e al periodo che egli trascorse in questa regione. Oltre al quadro Contadina che zappa e all’acquerelloIlgiardinodellacanonicaaNuenen(entrambidiproprietàdelmuseo)sonoespostedueopere incomodatod’usopermanentedalRijksdienstvoorhetCultureelErfgoed,l’agenzianazionaleolandeseperil patrimonio culturale, e alcune in comodato temporaneo dal Museo Van Gogh, dal Rijksmuseum e da una collezione privata. Tra qualche settimana vi sarà aggiunto il dipinto Mulino ad acqua a Kollen vicino Nuenen.

Mostre su Van Gogh

Anchenellaprogrammazionediesposizionitemporanee,dallariaperturanel2013ilNoordbrabantsMuseum dedicaun’attenzioneparticolareall’artistadelBrabantfamosointuttoilmondo.Ilmuseohaancheeseguito una ricerca recente sulle opere della sua collezione: i risultati sono esibiti dall’estate scorsa nella presentazione Van Gogh examined. Attualmente si può visitare anche la mostra Loving Vincent, in cui viene illustratalacreazionedelfilmdianimazionedallostessotitolo(finoal28gennaio2018).Inoltre,èincorsodi preparazione una mostra sui rapporti di Van Gogh con famiglia, amici, modelli e altri artisti. Questa mostra internazionaledaltitoloVanGogh’sIntimateCircle,sipotràvisitarepressoilNoordbrabantsMuseumdal21 settembre 2019 al 12 gennaio 2020.

Informazioni per i visitatori

Het Noordbrabants Museum Verwersstraat 41 ’s-Hertogenbosch

www.hnbm.nl

T 0031 73  6877 877

Aperto dal martedì alla domenica, dalle ore 11 alle 17.

Chiuso il lunedì (ad eccezione dei giorni festivi), a Capodanno, durante il Carnevale, la Festa del re e a Natale. Prezzo del biglietto per il Noordbrabants Museum

Adulti: € 12, dai 4 ai 17 anni: ingresso gratuito

Arte a Roma – Gagosian – ANDREAS GURSKY   BANGKOK 

ANDREAS GURSKY
BANGKOK 
 
  Inaugurazione
  Giovedì, 14 dicembre, 18:00 – 20.00
  14 dicembre 2017 – 3 marzo 2018
Via Francesco Crispi 16
  00187 Roma
Con l’introduzione del digitale non si può più dare una definizione univoca del termine “fotografia”. Quando ho iniziato il mio lavoro, sentivo che sarei stato sempre dipendente dal mondo materiale. Sembrava più interessante essere un pittore nel proprio studio, libero di decidere cosa fare, come sviluppare la composizione. Non sono un pittore, ma ora ho la stessa libertà.
— Andreas Gursky
Gagosian è lieta di presentare una selezione di opere di Andreas Gursky dalla serie Bangkok (2011) e la monumentale Ocean VI (2010), esposte per la prima volta in Italia. La mostra coincide con il decimo anniversario dell’apertura di Gagosian a Roma.
Gursky ha dimostrato che un fotografo può ideare e costruire—piuttosto che semplicemente “scattare” foto del mondo contemporaneo, e realizzarle con la stessa scala della pittura monumentale.
Così come i pittori di storia del passato trovavano i loro soggetti nella vita quotidiana, anche Gursky trae ispirazione dalla sua esperienza visiva personale e dai fenomeni globali comunicati dai media.
Avendo utilizzato inizialmente il computer come semplice strumento di ritocco, ha poi esplorato le sue potenzialità per modificare le immagini: a volte combinando elementi dello stesso soggetto tratti da foto differenti, unendoli in un insieme intricato ma omogeneo, a volte decidendo di ritoccare pochissimo l’immagine.
Le opere di Gursky hanno una coerenza formale che nasce dal dialogo audace e tagliente tra fotografia e pittura, rappresentazione e astrazione.
Nel corso del tempo, l’artista ha ampliato i suoi soggetti inquadrando e distillando gli schemi e le simmetrie del mondo globalizzato, con i suoi flussi e reticolati di dati e persone, architettura e spettacolarizzazione di massa. Inseguendo l’obiettivo di creare “un’enciclopedia della vita”, il mondo di Gursky fonde il moto perpetuo dell’esistenza con la stasi della riflessione metafisica.
Nella primavera del 2011 Gursky visita Bangkok e osserva il fiume Chao Phraya che scorre attraverso la città sfociando nel Golfo del Siam.
Nelle fotografie di questa serie, l’artista immortala da vicino la superficie tremolante del fiume con le sue luminose increspature catturate in un’estesa struttura verticale a suggerire gli effetti cromatici dell’Impressionismo, o le intense composizioni dei modernisti americani del dopoguerra. Il fiume, nella sua costante trasformazione, mostra un mutevole e cangiante disegno; una simmetria come nelle immagini di Rorschach; o, come in Bangkok VI, una luminosa fascia turchese, riflesso della rete di plastica di un ponteggio per costruzioni. Tuttavia, questa bellezza formale suggerisce una realtà tossica e scientifica. Come i corsi d’acqua urbani in tutto il mondo, tra i quali anche il Tevere a Roma, il Chao Phraya attraverso l’obiettivo di Gursky rivela le sue diverse nature: discarica per ogni tipo di rifiuto (preservativi usati, materassi, copertoni d’auto); crogiolo di squilibri naturali (pesci morti e la bella ma devastante alga conosciuta come giacinto d’acqua); riflesso della città moderna in uno stato di flusso costante.
Ocean VI (2010) è un’immagine satellitare nella quale l’acqua diventa un sublime e imperscrutabile vuoto. Incantato dalle immagini della rotta di un lungo viaggio aereo, Gursky ne interpreta la rappresentazione grafica—i margini e le vette delle masse terrestri nitidamente delineate intervallate dalle vaste distese blu dell’oceano—come fosse una fotografia. Per la serie Oceans ha reperito foto satellitari in alta definizione, da cui ha generato la sua personale interpretazione di mare e terra, consultando mappe dei fondali per ottenere la giusta densità visuale. Dominata dall’Atlantico, con le isole caraibiche e parti della costa del nord e sud America visibili ai confini più estremi, Ocean VI sottolinea la vulnerabilità dei continenti della Terra, mentre i livelli degli oceani aumentano ad un ritmo crescente. Le opere di Gursky toccano così un tema fondamentale della vita contemporanea, rivelando le minacce ambientali su scala locale e globale.
Andreas Gursky è nato nel 1955 a Leipzig, ex Germania Est, e vive e lavora a Düsseldorf, Germania. Il suo lavoro è incluso nelle collezioni della Tate Modern, Londra; Museum Ludwig, Colonia; Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, Düsseldorf; Kunstmuseum Bonn; Kunsthaus Zürich; Kunstmuseum Basel; National Galleries of Art, Edimburgo; The Metropolitan Museum of Art, New York; Solomon R. Guggenheim Museum, New York; National Gallery of Art, Washington, DC; San Francisco Museum of Modern Art; e il Los Angeles County Museum of Art (LACMA). Tra le recenti mostre museali si annoverano: “Retrospective 1984–2007,” Haus der Kunst, Monaco (2007, successivamente esposta a Istanbul Museum of Modern Art, Turchia; Sharjah Art Museum, Emirati Arabi Uniti; National Gallery of Victoria, Melbourne; e presso Ekaterina Foundation, Mosca, fino al 2008); Sharjah Biennial, Emirati Arabi Uniti (2007); “Works 80–08,” Kunstmuseen Krefeld, Germania (2008; successivamente esposta a Moderna Museet, Stoccolma; e a Vancouver Art Gallery, Canada, fino al 2009); Museum für Moderne Kunst (MMK), Francoforte sul Meno (2008); Museum Haus Esters Haus Lange, Germania (2008); Pinchuk Art Center, Ucraina (2008); “Andreas Gursky at Louisiana,” Louisiana Museum of Modern Art, Danimarca (2012); Stiftung Museum Kunstpalast, Düsseldorf (2012); The National Art Center, Tokyo (2013); The National Museum of Art, Giappone (2014); “Landscapes,” Parrish Art Museum, New York (2015); the 56th Biennale di Venezia (2015); Museum Frieder Burda, Germania (2015–16); Manifesta 11, The European Biennial of Contemporary Art, Zurigo (2016); e “Andreas Gursky – nicht abstrakt,” Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, Düsseldorf (2016).
Nel gennaio 2018 un’importante retrospettiva di Gursky inaugurerà presso la Hayward Gallery di Londra.
Per tutte le altre informazioni si prega di contattare la galleria a +39.06.4208.6498 o roma@gagosian.com. Tutte le immagini sono coperte da copyright. L’approvazione della galleria deve essere concessa prima della riproduzione.
Si prega di partecipare alla conversazione con Gagosian su Twitter (@GagosianRome), Facebook (@GagosianGallery), Google+ (@+Gagosian), Instagram (@GagosianGallery), Tumblr (@GagosianGallery), e Artsy (@Gagosian-Gallery) tramite gli hashtags # AndreasGursky #GurskyBangkok #GagosianRome #GagosianRoma.
Gagosian | T. +39.06.4208.6498 | www.gagosian.com
Immagine:. Andreas Gursky, Bangkok II, 2011, inkjet print, framed: 120 7/8 x 93 5/16 x 2 1/2 inches
(307 x 237 x 6.4 cm) Edition 5 of 6 © Andreas Gursky / SIAE, Italy. Immagine ruotata di 180 ° PARTICOLARE.

ARTE FOTOGRAFICA A MILANO – Racconto fotografico dei bambini di Haiti

 ingresso libero

EY YOU!

�Stefano Guindani_EY YOU_2-r52
�Stefano Guindani_EY YOU_5-r52

il racconto fotografico dei bambini di Haiti ritratti da Stefano Guindani
colora le facciate della Microsoft House

MOSTRA DI STEFANO GUINDANI IN COLLABORAZIONE E A FAVORE
DELLA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA – NPH ITALIA ONLUS

Microsoft House, viale Pasubio 21 Milano
22 novembre 2017 – 6 gennaio 2018
Ingresso libero
Inaugurazione 22 novembre ore 19, aperta al pubblico

Dal 22 novembre al 6 gennaio a Milano prende forma con il Patrocinio del Comune di Milano la prima mostra fotografica in esterni, Ey You! di Stefano Guindani, che utilizza le facciate della Microsoft House per raccontare la vita e i volti dei bambini di Haiti.

EY YOU! prende il nome dalla caratteristica espressione in creolo con cui i bambini accolgono gli stranieri negli slum della capitale Port Au Prince.

Su 100 finestre della Microsoft House saranno applicate le gigantografie dei bambini ritratti da Stefano Guindani mentre saltano, si danno idealmente la mano da un piano all’altro del palazzo e si aprono a calorosi abbracci. EY YOU! diventa così un saluto gioioso da parte dei bambini di Haiti agli Italiani, un invito a visitare la mostra, ma soprattutto un invito a non dimenticarsi di loro.

Contestualmente allo spettacolare allestimento esterno, oltre 65 immagini verranno esposte all’interno dello showroom della Microsoft House.

La mostra raccoglie le immagini realizzate da Stefano Guindani durante il suo ultimo reportage sull’isola, assieme alla Fondazione Francesca Rava, nel luglio 2017, oltre a una selezione di scatti tratti dal volume ‘Do You know?’ edito da SKIRA e ad alcune tra le più suggestive immagini dei primi viaggi di Stefano ad Haiti tra il 2008 ed il 2010.

Al centro del racconto fotografico c’è proprio il sorriso dei bambini di Haiti, accolti nella Casa NPH e quelli negli slums:

Non è stata una mia scelta, sono stati i bambini a entrare con forza nel mio obiettivo. Ad Haiti i bambini sono dappertutto con i loro sorrisi, con le loro fragilità, con la loro allegria e spontaneità. Ho visto bambini sofferenti e malnutriti, li ho fotografati perché non ci si dimentichi di loro, ma ho fotografato anche tanti bambini gioiosi, bambini che – nonostante abbiano una baracca per casa e giochino a piedi scalzi nelle fogne a cielo aperto, hanno una carica vitale che ti sorprende e ti cattura. Li ho fotografati per dare un messaggio di speranza, un invito a non rassegnarsi” dice Stefano Guindani.

La mostra, a ingresso libero, rappresenta un’occasione concreta per sostenere i progetti della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus in Haiti, in particolare le scuole di strada, che accolgono ogni giorno 13.000 bambini nelle baraccopoli di Port au Prince e nelle zone più povere del Paese, dando loro istruzione, cure mediche, un pasto e la protezione dai rischi della vita di strada.

Le immagini in mostra, stampate in tiratura limitata, certificate e autografate da Stefano Guindani sono a disposizione del pubblico e il ricavato sarà interamente devoluto alla realizzazione di una scuola di strada; sarà inoltre possibile contribuire con una donazione per il volume ‘Do You Know?’ oppure con un’offerta libera.

“La filosofia con cui la Fondazione Francesca Rava opera in Haiti e negli altri paesi in cui NPH è presente, è quella dell’aiuto immediato e di empowerment delle popolazioni locali, ma anche creare ponti di conoscenza tra i giovani. Perché i nostri giovani si sentano responsabili di aiutare i loro coetanei nei paesi del quarto mondo, e a loro volta possano imparare dagli stessi, i valori veri e il senso della vita.

Le foto di Stefano Guindani alla Microsoft House ristabiliscono la connessione tra due mondi solo apparentemente lontani” dichiara Mariavittoria Rava, Presidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus.
Il progetto EY YOU!, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milano, è reso possibile grazie al contributo di Fujifilm Italia, Microsoft Italia, Artemide e al sostegno di numerose aziende partner.
Microsoft Italia collabora da diversi anni con la Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus -mettendo a disposizione risorse e competenze e in particolare promuovendo la formazione tecnologica dei ragazzi e la creazione di nuove opportunità attraverso l’acquisizione di skill digitali.

“Siamo particolarmente felici di ospitare per la prima volta un’iniziativa di così forte impatto per sensibilizzare tutti coloro che passeranno vicino alla nostra sede sulle iniziative della Fondazione a sostegno dei bambini bisognosi, in Italia e nel mondo”, ha dichiarato Paola Cavallero, Direttore Marketing & Operations Microsoft Italia. “La mostra e le installazioni presso Microsoft House sono un segno concreto del nostro impegno nel sostenere le organizzazioni del terzo settore e si affiancano alle numerose attività di formazione tecnologica che realizziamo con la Fondazione”.
INAUGURAZIONE E ALTRI EVENTI COLLEGATI ALLA MOSTRA
L’inaugurazione con accesso libero avrà luogo mercoledì 22 novembre alle ore 19:00.
La mostra sarà poi aperta tutti i giorni dal 23 novembre al 6 gennaio 2018 dalle ore 10:00 alle 19:00 in Viale Pasubio 21. Ingresso gratuito.
In questa occasione gli istanti più significativi della serata verranno fissati dalle fotocamere a sviluppo istantaneo Fujifilm Instax e immediatamente condivisi con gli ospiti.

Inoltre, sabato 2 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 13:00 Stefano Guindani terrà nello showroom della Microsoft House il workshop “Sul Set con Stefano Guindani”. L’incontro, gratuito, è rivolto a un massimo di 10 partecipanti che verranno selezionati tramite un social contest.

Si ringraziano per il sostegno e il prezioso contributo:
Bagutta – Cotril – Giovanni Cova & C. – Gabriella Magnoni Dompé – Dr. Farmer – IGP Decaux – Mirtillo – Moet&Chandon – San Pellegrino – Seri-Art – Silvana Editoriale – Taxi 8585 .

STEFANO GUINDANI
Stefano Guindani, fotografo di respiro internazionale, nutre da sempre una grande passione per il linguaggio del reportage. Nel 1998 fonda la sua agenzia, SGP Stefano Guindani Photo, una realtà dinamica e competitiva che unisce alla produzione editoriale servizi per le aziende operanti nel settore moda e lusso. Affermatosi come fotografo di moda, backstage e celebrity, Stefano Guindani approfondisce il suo interesse per il reportage, prima in Cina poi ad Haiti.
Quest’ultima esperienza lascia un segno così profondo da spingerlo a tornare più volte sull’isola per documentare le condizioni di vita di un popolo che, pur devastato da immani tragedie, mantiene dignità e speranza. Il materiale scattato durante i viaggi di Stefano ad Haiti è stato messo a disposizione per la raccolta di fondi destinati alle attività della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus tramite la pubblicazione del libro Haiti through the eye of Stefano Guindani edito da Electa, e la realizzazione di diverse mostre fotografiche a Milano, New York e Firenze.
Negli anni che seguono, l’interesse per la realtà dell’America Latina si rafforza, grazie ai viaggi, oltre che ad Haiti, in Repubblica Dominicana, Honduras, Guatemala, Nicaragua, Messico, El Salvador, Perù e Bolivia. Nel 2015, in occasione dei 60 anni dell’organizzazione internazionale N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos, esce da Skira il volume Do You Know? La prima copia del libro viene consegnata a Papa Francesco da Stefano durante l’udienza del 2 dicembre 2015.
Nel 2014 è coach e giudice di Scattastorie NX Generation, il primo talent show televisivo dedicato al mondo della fotografia andato in onda su Real Time, canale di Discovery.
Nel 2015 Stefano Guindani firma i ritratti fotografici di Ricette e ritratti d’attore, format web e tv realizzato da Rai Cinema e Condé Nast, da cui sono nati in seguito un libro edito da Rai Eri, e una mostra a Los Angeles. A maggio 2016 è uscito il volume Sguardi d’attore che raccoglie i ritratti di oltre 350 attori del cinema italiano.
Nel dicembre 2015 viene chiamato da Samsung a interpretare Porta Nuova, il nuovo quartiere tecnologico di Milano. Da questo reportage è nato il volume fotografico Frames of Milan, di cui Frames of Iceland, uscito a Settembre 2017, è l’ideale prosecuzione.

L’IMPEGNO DELLA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA – NPH ITALIA ONLUS PER I BAMBINI
La Fondazione Francesca Rava aiuta l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo tramite adozioni a distanza, progetti, volontariato, attività di sensibilizzazione sui diritti dei bambini, educa ai valori del volontariato e dell’amore universale. Rappresenta in Italia N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli), organizzazione umanitaria internazionale che dal 1954 accoglie i bambini orfani e abbandonati nelle sue Case ed ospedali in 9 paesi dell’America Latina e la Fondazione Saint Luc di Haiti.
La Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus è particolarmente impegnata nel portare assistenza medica, istruzione, accoglienza nel paese quarto mondo di Haiti sotto la guida di Padre Rick Frechette, medico in prima linea, da 30 anni direttore di NPH Haiti e presidente della Fondazione Saint Luc, con 3 ospedali tra cui l’ospedale Saint Damien unico pediatrico sull’isola, cliniche mobili negli slums, 2 centri per bambini disabili, 2 case orfanotrofio, il centro produttivo e di formazione professionale Francisville città dei mestieri, distribuzione di acqua potabile e cibo nelle baraccopoli, 33 scuole di strada nelle baraccopoli e nelle province più povere del paese.
In Haiti ogni ora due bambini muoiono per malnutrizione e malattie curabili. 1 bambino su 4 non ha accesso alla scuola primaria, 1 ragazzo su 3 è completamente analfabeta. Le Scuole di strada di NPH e della Fondazione Saint Luc, che riunisce i ragazzi cresciuti nella Casa NPH sull’isola che hanno scelto di rimanere al fianco di Padre Rick per aiutare la propria gente, assicurano ogni giorno a 13.000 bambini tra i 2 e 16 anni, un pasto caldo, spesso l’unico della giornata, vaccinazioni e cure mediche, una divisa pulita, libri, matite e quaderni, istruzione per costruire il loro futuro, trasmettono loro valori ed esperienze positive, la fiducia in se stessi e nel mondo che li circonda. Ogni mese inoltre ai bambini vengono consegnati pasta e generi alimentari per aiutare anche i fratellini a casa.

MICROSOFT
Fondata nel 1975, Microsoft è leader mondiale nel software, nei servizi e nelle tecnologie Internet per la gestione delle informazioni di persone e aziende. Offre una gamma completa di prodotti e servizi per consentire a tutti di migliorare, grazie al software, i risultati delle proprie attività – in ogni momento, in ogni luogo e con qualsiasi dispositivo. Ogni informazione relativa a Microsoft è disponibile al sito http://www.microsoft.com/italy/.

ARTEMIDE
Artemide supporta il progetto Ey You! di cui condivide a pieno i valori. Con speciali Tolomeo, appositamente realizzate per sottolineare le fotografie esposte, mette in risalto attraverso la luce l’emozione e la carica vitale che queste immagini trasmettono.
Storica azienda leader nell’illuminazione è da sempre sinonimo di Innovazione e Made in Italy, con prodotti considerati icone del design contemporaneo, a livello internazionale. Le collezioni Artemide, rappresentano un incrocio unico di valori: l’approccio alla luce umana e responsabile si coniuga a un saper fare progettuale e materico, in un incontro tra tecnologia di ultima generazione e antichi saperi. Centrale è da sempre nella visione di Artemide il rapporto tra uomo, luce e ambiente, che negli anni si è sviluppato declinandosi dagli aspetti rivolti al benessere dell’individuo e alla sua percezione degli spazi, fino a confrontarsi con i temi legati alla sostenibilità ambientale.
FUJIFILM Italia
FUJIFILM Italia opera sul mercato italiano con soluzioni integrate e prodotti destinati ai settori Imaging, Electronic Imaging, Graphic Arts e Medical Systems. Utilizza tecnologie proprietarie di alta gamma per fornire prodotti e servizi di elevata qualità che contribuiscano alla promozione della cultura, della scienza, della tecnologia e dell’industria, nonché una maggiore tutela della salute e dell’ambiente nella società. L’obiettivo primario è quello di contribuire a valorizzare la qualità della vita delle persone, sotto il profilo spirituale, culturale e materiale, a livello mondiale.

Fujifilm Italia ha perciò fin da subito riconosciuto nel progetto di Stefano Guindani e di Fondazione Francesca Rava notevoli punti di incontro con la propria filosofia aziendale. L’obiettivo principe di questa collaborazione è quello di dare maggiore risonanza al progetto, con l’auspicio di poter contribuire alla consapevolezza di quanto sia necessario sostenere progetti no profit.

Ceramica a Como – Decorare con gli ingobbi – teoria e pratica sul tema

Decorare con gli ingobbi – teoria e pratica sul tema

1.  Mercoledì 22.11.17 dalle ore 20 -22.30

Incontro introduttivo teorico:

Cos’è un ingobbio, quali sono le sue caratteristiche, in che modo e per cosa si applica?

Partecipanti: minimo 4 e massimo 6

Costo: 30 Euro a persona

Prenotazioni entro 7 giorni dalla data dell’incontro

per e-mail

2. Lunedì 27.11.17 dalle ore 19.30 – 22.30 ca.

Passiamo alla pratica:

Applichiamo vari ingobbi sulle superfici crude … 

a) … di piastrelle o piccoli oggetti in gres bianco preparati da me

b) …. e/o in alternativa: di manufatti preparati per questo scopo da voi. Nel caso desiderate portare oggetti di vostra lavorazione, dovete assolutamente considerare che:

•  il materiale utilizzato dovrà essere gres, ciò è adatto alla cottura a 1230 °C

• le superfici dei vostri pezzi dovranno essere ancora leggermente umide (“consistenza cuoio”): quindi non troppo umide e non del tutto asciutte.

Partecipanti: minimo 4 e massimo 6

Costo: 60 Euro a persona (sono compresi i materiali e la prima cottura).

I pezzi biscottati saranno successivamente smaltati (trasparente) da me; cottura a 1230°C.

A secondo del numero/dimensione dei pezzi, il contributo per la smaltatura varierà da 15- 25 Euro.

Prenotazioni entro 7 giorni dalla data dell’incontro

per e-mail

Tedesca di origine, vivo da 30 anni in provincia di Como, e ad ancora più tempo risale la mia passione per la ceramica. Nel 2012 ho concluso un corso quinquennale presso la Staatl. Fachschule für Keramikgestaltung Höhr-Grenzhausen (Istituto di Stato per il Design delle Materie Ceramiche), con la qualifica di  Designer di Materie Ceramiche e formatrice professionale nel settore. Il mio atelier a Como in Via Borsieri 16 è aperto dal 2013, nell’edificio dell’antico monastero di Santa Margherita.

Cell.: 349 241 2583

Prime foto dopo la nostra visita alla Biennale 2017

Biennale 2017 Russia Bruskin
Biennale 2017 Russia

 

Mongolia-672-chimeddorj_shagdarjav_i_am_a_bird

 

Luis-Vitton-Venezia-biennale-fondazione-
Giappone-Takahiro-Iwasaki-Reflection-model-
Biennale 2017 Ungheria PACE SULLA TERRA

Ungheria

Ungheria

Biennale Ungheria 2017 ingresso
Biennale 2017 Russia
Biennale 2017 Russia
Biennale 2017 Russia
Biennale 2017 Russia

 

 

Bruskin – Russia

Sciamani moderni

 

 

 

Foto: UNA PAUSA NELLA VISITA GUARDANDO IL CIELO

:::::::::::

DOPO LA BIENNALE  GLI APERITIVI CON BUONISSIMI

BOCCONI

Ottima !!!


POI UN SECONDOAPERITIVO … MOLTO RINFORZATO 

Venezia Museo d’Arte Orientale da non perdere

 

Porcellane con complessi disegni e intarsi

Raffinatissime armi e relativi contenitori: dai pugnali alle aste da guerra

Qui trovate una delle più importanti collezioni mondiali di arte giapponese del Periodo Edo 1614-68

Il Museo d’Arte Orientale è ospitato nell’immenso palazzo della famiglia Pesaro a San Stae, affacciato sul Canal Grande. Linea batteli n° 1.

Più di 30.000 pezzi: spade e pugnali, armature giapponesi, delicate lacche, preziose porcellane, avori, giade e altro, provenienti anche da Cina, Siam, Cambogia ecc…

INDIRIZZO: 

Ca’ Pesaro, sestiere di Santa Croce; sul Canal Grande. Santa Croce, 2076
Tel-fax: 39 041 5241173
E-mail: pm-ven.orientale@beniculturali.itServizi di accoglienza
Orari di apertura Martedì a Domenica: 10.00 – 17.00dal 1 novembre al 31 marzo
10.00 – 18.00 dal 26 marzo al 31 ottobre
La vendita dei biglietti termina un’ora prima della chiusura.
Chiusura completa nei giorni:
Lunedì, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembreSi avvisano i visitatori che lunedì 28 marzo 2016 (Lunedì dell’Angelo) il museo rimarrà aperto dalle ore 10.00 alle ore 18.00

 

Ingresso Biglietto integrato con la Galleria Internazionale d’Arte Moderna
Biglietto intero:
€ 10.00
Biglietto ridotto: € 7.50In base alla Convenzione fra Fondazione Musei Civici e Soprintendenza speciale la biglietteria della Galleria Internazionale d’Arte Moderna garantisce anche le gratuità sottoelencate previste dalla vigente normativa statale con visita limitata al solo Museo d’Arte Orientale.

Biglietto gratuito:
residenti nel Comune di Venezia, bambini da 0 a 5 anni
minori di 18 anni U.E. (i minori di 12 anni devono essere accompagnati)
– studenti e docenti universitari U.E. delle facoltà di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della formazione, iscritti ai corsi di laurea in Lettere o materie con indirizzo Archeologico, Storico-Artistico delle facoltà di Lettere e Filosofia, iscritti alle Acccademie di Belle Arti
– dipendenti del Ministero dei Beni e Attività Culturali
– membri ICOM (International Council of Museums)
– diversamente abili U.E. accompagnati da un familiare o da un assistente socio-sanitario
– giornalisti
– studenti e insegnanti di scuole pubbliche e private U.E.
– guide turistiche con patentino nell’esercizio della propria attività
– interpreti turistici con patentino quando affiancano una guida

Arte e gioielli indiani a Venezia – Spettacolari gioielli a Palazzo Ducale

Stupefacente collezione di antichi gioielli indiani

Grandi diamanti, rubini e smeraldi, oggetti d’oro ricoperti di gemme, giade e cristalli di rocca, spade e amuleti

Tesori dei Moghul e dei maharaja : la Collezione Al Thani

Per la prima volta in Italia, le gemme e i gioielli indiani dal XVI al XX secolo della Collezione Al Thani

270 oggetti esposti a Palazzo Ducale

Sino al 13 gennaio 2018

Cinquecento anni di storia dell’arte orafa

La mostra è promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia.

I pezzi della mostra sono provenienti dalla collezione voluta da sua altezza lo sceicco Hamad bin Abdullah Al Thani, membro della famiglia reale del Qatar.

Dall’antichità, la raffinatissima tradizione artigiana e l’intensità degli scambi di merci preziose tra India e Occidente,  si è mantenuta nei secoli, sino a quando i maharaja, nawab e nizam commissionarono gioielli e preziosi oggetti alle maison europee, come la famosissima Cartier.

 

Le mostre d’arte generano mostri ? Più marketing che cultura ?

L’arte oggi è una catena di montaggio soprattutto dedita a fare cassa ?

“mostre blockbuster”, allestite sempre con gli stessi nomi di grande richiamo: Caravaggio e Leonardo, gli impressionisti, Van Gogh, Picasso, Dalí e Warhol …  diecimila mostre l’anno in italia !!!

Due critici polemizzano, forse anche a ragione e spiegano il loro punto di vista

Capolavori messi a rischio per sbancare i botteghini ?

Mostri giganti in plastica, dominano piazze e interni di musei, ma è arte vera ?

E’ ancora accettabile fare arte con mezzi altamente inquinanti come la plastica ? Aggiugiamo noi.

CONTRO LE MOSTRE; libro di Tommaso Montanari e Vincenzo Trione.

Rispettivamente: Montanari, insegna Storia dell’arte alla Federico II di Napoli e collabora con Repubblica, Trione scrive sul Corriere della Sera e Io donna e insegna arte allo Julm di Milano, inoltre ha curato il Padiglione Italia nella 56a edizione della Biennale di Venezia..

Ovviamente, nel libro si fanno le distinzioni tra una buona mostra, che serve per arricchire culturalmente chi la visita, e quelli che vengono definiti “show d’arte”.

Questo ultimi quando, prima si decide cosa fare e poi si cerca di trovare un perché; invece dell’operazione inversa.

Secondo gli autori si parla troppo di marketing nelle mostre e meno di cultura come occasione di apprendimento e vera ricerca.

SOSPETTO O IRONIA ?
Anche questo libro è un’operazione di marketing per far discutere e vendere ?

CONTRO LE MOSTRE, Tommaso Montanari e Vincenzo Trione, Einaudi

Appuntamento a Milano il 19 novembre al Museo di Storia Naturale di Milano – Dalla carta e dalla luce

Dalla carta e dalla luce. Il giardino è aperto

Con Alessandra Angelini e Paolo Cottini. A cura di Cento Amici del Libro

Alessandra Angelini

Museo di Storia Naturale di Milano

19 Novembre 2107
 
Ore 13.00

Milano Music Week 2017 – Le Cannibale in collaborazione con il PAC

In occasione della Milano Music Week 2017
Le Cannibale in collaborazione con
il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano
 
Venerdì 24 Novembre 2017
h. 22:00 – 02:00
LE CANNIBALE al PAC
SOUNDHERITAGE
Durante la prima Milano Music Week, Le Cannibale propone un evento speciale presso il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano all’interno della mostra “Io, Luca Vitone”, dedicata ai trent’anni di carriera dell’artista genovese che vede riuniti alcuni dei suoi progetti principali.
Partendo dall’architettura, fisica e storica, dei luoghi, Vitone analizza una dimensione personale costruita attraverso la stratificazione di diversi linguaggi legati all’identità e alle radici del luogo stesso. Come un viaggiatore curioso e instancabile, con uno spirito a metà tra l’anarchico e il nomade, il suo lavoro esplora i modi in cui i luoghi costruiscono la loro identità attraverso la cultura: arte, musica, architettura, politica e minoranze etniche.
In questo contesto, focalizzando l’attenzione sulla capacità di racconto intrinseca nella musica, Le Cannibale invita il duo Boot & Tax e la dj Paquita Gordon a spingersi oltre ai confini abituali dell’idea di djset, cimentandosi con la descrizione di un vero e proprio soundscape  – un paesaggio evocato tramite la musica – all’interno della mostra al PAC.
Analizzando le proprie radici e la propria biografia, due interpretazioni di latitudini differenti del concetto di djing si cimenteranno con la costruzione di due racconti sonori che ripercorrano il rapporto tra luoghi e suoni, identità e memoria, tra storia dei filoni musicali e quella personale di ciascun artista, raccontando contemporaneamente l’evoluzioni dei ritmi e della sonorità delle città (natie o d’adozione) che hanno segnato la storia di ognuno, e quella delle radici sonore che hanno contaminato l’influenza delle medesime nella costruzione del proprio marchio di fabbrica sonoro.
La Milano Music Week costituisce un ponte tra Milano e l’Europa, esplorando non solo quello che la nostra città “riceve” in termini di offerta dal resto del continente, ma anche quello che offre e come questa duplice dimensione di creatrice e ricettrice si articola attorno alla città stessa. Ecco quindi che, in occasione di questo evento speciale, Le Cannibale esplora l’influenza tra le realtà locali, l’Europa e la città di Milano – mai come adesso preda di un grande fermento, una vera e propria esplosione culturale che vede il capoluogo lombardo affacciarsi sempre più frequentemente nel cosmo delle città produttrici e non solo importatrici di suoni.
EVENTO UFFICIALE:
MORE INFO:
Biglietti € 14 in vendita al PAC e online Viva Ticket
 
 
ARTISTI  
 
PAQUITA GORDON (Il Vulcano / IT)
Francesca Faccilongo è nata e cresciuta a Milano, laureata nella facoltà di Media, Art and Design presso la University of Westminster. Per alcuni anni apprende l’arte del cinema lavorando come assistente alla regia e montatrice al fianco di cineasti come Pippo Delbono, Luca Guadagnino e Carlo Vanzina. Nel frattempo consolida un interesse per la musica, e con alcuni amici forma il collettivo AV-Netwerk sviluppando progetti artistici a Roma, Berlino e Venezia, dove si esibisce in un DJ set di cinque ore in Piazza San Marco presso la fondazione Bevilacqua La Masa in supporto all’installazione fotografica ‘CLUBNIGHT#2 meets AVNetwerk’ di Riccardo Banfi. In Sicilia tra il 2013 e il 2015 costituisce l’associazione culturale il Vulcano dirigendo quattro edizioni delle rassegne musicali ‘Stereocybele’ e ‘Capofaro Space & Sound’ sulle isole di Pantelleria e Salina. Nell’estate del 2016 a Stromboli cura una rassegna radiofonica di dodici ore che include, tra le altre, le partecipazioni musicali di Roberto Cacciapaglia e Gigi Masin, oltre a presentare ‘Paroxysm’, un live sperimentale basato sui field recordings vulcanici eseguito da Robert Lippok e Giuseppe Cordaro. Paquita Gordon, viaggia con le sue sacche dei dischi come ambasciatrice del suono analogico, proponendo una selezione di vinili dal groove vivo che mette d’accordo l’orecchio di molteplici generazioni di ascoltatori. Il suo talento nell’utilizzo dei giradischi l’ha portata a condividere la consolle con celebri artisti e ad esibirsi in musei e centri culturali come l’Institute of Contemporary Art di Londra e Pirelli Hangar Bicocca a Milano per l’inaugurazione della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano “21st Century Deisgn After Design”; Consolida la collaborazione con la Triennale eseguendo una performance durante l’inaugurazione della Design Week 2017 con il progetto esclusivo “Italian Music. Antologia in vinile a cura di Paquita Gordon”. Ha partecipato nel 2016 al tour internazionale del musicista David August, nel 2017 ha fatto parte della line up di Circoloco al DC10 di Ibiza.
BOOT & TAX (Optimo Trax / IT)
Boot & Tax sono Claudio Brioschi (noto come dj con l’alias Brioski) e Christian Croce (The Barking Dogs, Le Macchine) artisti italiani con carriere soliste alle spalle che hanno trovato un riconoscimento e una dimensione europea nel fondare questo progetto parallelo nel 2013. É la label britannica di JD Twitch Optimo Trax che crede con convinzione, per prima, nel progetto dei due artisti milanesi pubblicando l’ep “Acido”. Boot & Tax viene poi “adottato” da importanti figure quali Erol Alkan e Andrew Weatherall che forniscono un ulteriore ‘endorsement’ all’ ep inserendone le tracce nei set suonati in giro per l’europa. Ecco dunque che la frase “acido” ripetuta ipnoticamente diventa l’anteprima del sound che contraddistingue il progetto, una miscela di disco dalle tinte cosmiche e referenze all’italia, al suo folklore (si veda la successiva “fusci”), con ammiccamenti sonori e continue suggestioni che collocano di diritto l’universo sonoro del progetto in una dimensione orgogliosamente nazionale. Boot & Tax rappresenta l’avanguardia disco italiana all’estero, un progetto che rielabora la lezione dei decani del genere che durante gli anni 70 e 80 hanno esportato l’eccellenza italiana fuori dai confini nazionali, contaminandola con sonorità tribali e derive cosmiche