Archivi categoria: NOTIZIE

Rimborsi voli e vacanze rovinate

RIMBORSI voli in ritardo o cancellati

Ritardi e cancellazioni come CHIEDERE I RIMBORSI ?

Vacanze rovinate per 52 mila passeggeri: con AirHelp si può chiedere il rimborso

AirHelp calcola oltre 15 milioni di euro di rimborsi per gli italiani che si sono mossi in aereo tra il 7 dicembre 2017 e il 7 gennaio 2018

Il lungo periodo di ponti e feste a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno è passato ed è stato denso di prenotazioni di voli:

tra chi è tornato a casa e chi è partito per mete straniere, il traffico aereo in questo lasso di tempo è stato alle stelle.

Non sono però mancati i disagi, infatti gli italiani che hanno subito ritardi e cancellazioni sono stati oltre 52 mila.

Ma com’è stata, nello specifico, la situazione degli aeroporti quest’anno?

Ecco i dati di AirHelp (https://www.airhelp.com/it/), società che ha aiutato oltre 5 milioni di passeggeri a ottenere un rimborso per i loro voli in ritardo o cancellati, sui voli per il periodo dal 7 dicembre 2017 all’7 gennaio 2018.

La classifica dei 10 peggiori aeroporti italiani

Quali sono stati gli aeroporti italiani con più ritardi durante il periodo delle festività natalizie? Di seguito, una classifica con i dati di AirHelp sui 10 peggiori aeroporti della Penisola per quantità di ritardi (non necessariamente rimborsabili). Al primo posto troviamo l’aeroporto di Alghero, che ha avuto una percentuale di voli in ritardo dell’86% e oltre 20 mila euro da rimborsare da parte delle compagnie aeree. A seguire c’è Napoli Capodichino, con le compagnie che dovrebbero rimborsare più di 580 mila euro, e, in terza posizione, l’aeroporto di Firenze Peretola, le cui compagnie si dovrebbero fare carico dei reclami di oltre 800 passeggeri. Secondo i dati, gli aeroporti migliori sono stati quelli di Pisa e di Treviso con percentuali di ritardi rispettivamente del 50% e del 43% e rimborsi di 226 mila e 322 mila euro.

I diritti dei passeggeri
Ogni anno in Italia i passeggeri avrebbero diritto a rimborsi per oltre 94 milioni di euro. Un diritto il più delle volte sconosciuto ai viaggiatori stessi, tant’è che solamente il 2% richiede e ottiene il risarcimento, ma che esiste e può essere applicato su ritardi, overbooking o cancellazioni di voli. In casi come quelli elencati, tutte le compagnie aeree (comprese le low cost) devono corrispondere da 250€ fino a 600€ di rimborso a prescindere dal prezzo pagato per il biglietto acquistato. Grazie ad AirHelp i passeggeri che hanno subito un disagio sul proprio volo possono verificare se hanno diritto a un risarcimento e richiederlo in maniera facile e rapida, grazie all’app gratuita per dispositivi mobile e il sito web.

“Il periodo natalizio è sempre denso di partenze aeree e, anche quest’anno, le cifre dei rimborsi dovuti raggiungono numeri molto alti” dichiara Lorenzo Asuni, country manager per l’Italia di AirHelp . “In molti, al rientro dalla pausa natalizia, non hanno il tempo di occuparsi di reclami da compilare e rinunciano prima ancora di aver provato a ottenere i rimborsi: la nostra missione è di aiutare anche questi passeggeri, che magari hanno avuto ripercussioni sulle loro vacanze a causa di un ritardo o una cancellazione e hanno tutto il diritto di essere risarciti”.

AirHelp
AirHelp. è stata fondata nel 2013 da Henrik Zillmer, Nicolas Michaelsen, Greg Roodt e Morten Lund ed ha aiutato negli ultimi 4 anni oltre 5 milioni di passeggeri ad ottenere oltre 200 milioni di € in risarcimenti. L’azienda è parte di Y-Combinator, il più grande acceleratore di start up al Mondo, ed aiuta i passeggeri di tutto il mondo ad ottenere il risarcimento dovuto in caso di volo in ritardo, volo cancellato o in overbooking. Il lavoro di AirHelp è quello di far rispettare ai vettori aerei i loro obblighi, online e attraverso organismi di controllo nazionali, con l’obiettivo di rendere le domande di risarcimento il più semplice e fluide possibile.

Ecologia – Compattare l’immondizia in casa

I n commercio non vi sono ancora validi prodotti che facilitino lo smaltimento dei vari materiali di uso domestico

Ed ecco l’idea di due giovani svizzeri: Alexandre Traber e Jean-Christophe Jaques; creare un agile ed ecologico compattatore di immondizia casalinga. Così si evita di tenere in casa sacchi ingombranti e per il futuro si pagherà meno perché l’immondizia si pagherà secondo le dimensioni di consegna (in Svizzera è già una relatà).

Alexandre Traber è un ex bancario e Jean-Christophe Jaques è ingegnere.

Il prodotto si chiama OLIFAN e presto verrà messo in vendita su internet.

Viaggiare sicuri 2018 gennaio – Farnesina e viaggiatori esperti

Ecco i consigli della Farnesina a gennaio 2018

Paesi da evitare:

-Siria

-Iraq

_Venezuela

-Congo

-Yemen (la Farnesina non lo nomina, ma certo non è affatto sicuro)

-Turchia; ancora rischio di retate e controlli, incapparvi potrebbe portare a gravi spiacevoli conseguenze a causa dei metodi della polizia locale

-Serbia

-Iran ( per le nostra esperienze di viaggio  non ci risulta, al momento, che ci sia alcun rischio ragionevole, nemmeno altri Paesi seganlano questo pericolo ai loro cittadini viaggiatori o turisti).

-Kenya e Madagascar hanno il problema della peste

USA la Farnesina li indica come pericolosi per incendi e inondazioni … a noi pare un’indicazione vaga e imprecisa trattandosi di un territorio cosi vasto e con climi tanto diversi; gli incendi in California sono finiti da tempo e gli allagamenti conseguenza degli incendi si sono già verificati.

 

Ancora violenze contro donne e muore figlio di 18 anni …

Accade a Crotone.

La mamma della vittima, Katia  Villirillo, aveva la “colpa” di lavorare in una associazione contro al violenza verso le donne; “Libere donne”.

L’associazione ha sede nella casa vicino a dove abita l’assassino, Salvatore Gerace, 57 anni e passato da tossicodipendente.

A questo personaggio dava fastidio il via vai di donne dell’associazioe; anche di colore !!!.

Da tempo c’era attrito su questo argomento tra Salvatore Gerace e Katia  Villirillo.

Ieri l’uomo prima si è affacciato alla finestra, inveendo contro la signora Katia, poi è sceso ed entrato nella sede la stava per aggredire, quando il figlio diciottenne della signora si è frapposto per difendere la madre; allora il  Gerace ha estratto la pistola e sparato uccidendo il ragazzo.

Tra giovani decenni che aggrediscono in branco i coetanei (accade a Napoli) e le violenze alle donne … non riusciamo a vedere un futuro migliore.

 

Per trovare lavoro in Italia – Competenze ricercate – Quali professionalità ?

Quali sono le figure professionali richieste in Italia ?

-specialisti in sicenze informatiche, fisiche e chimiche

-tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione

-operatori della cura estetica; estetisti, massaggiatori, insegnati specializzati in fitness; meglio se con conoscenza delle lingue

-professioni specifiche dei servizi alle persone; anziani ecc…

-progettisti, ingegneri e simili

-conduttori di mezzi di tarsporto

-operai specializzati nell’edilizia e manutenzione edifici

-operatori dell’assistenza sociale

-conduttori di impianti e operai specializzati per industrie tessili, abbigliameneto e calzature.

 

Evento imperdibile a Milano cucina giapponese per gourmet

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti …

Selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki a Eataly Milano Smeraldo

Assaggi e show cooking … da non perdere !

Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki

Più sotto due ricette di grandi maestri di cucina

Nagasaki; una zona del Giappone da scoprire; ricca di natura, terme, cultura e ottima cucina; più sotto tante informazioni

Foto: preparazione giapponese della pasta, lunga e complessa, richiede grande esperienza e materie prime eccellenti. Il risultato è un prodotto di altissima qualità; in questo caso addirittura preparato con speciale acqua purissima e olio di camelia …

:::::::::

Degustazioni a Eataly Milano Smeraldo

NAGASAKI GOURMET DUET
MENU DEGUSTAZIONE APERTA AL PUBBLICO

12 gennaio ore 18.00 – 20.00
Maguro Shimabara Somen
il piatto con cui chef Lavezzari e il maestro Ichikawa hanno vinto il Girotonno 2017. Si tratta di un particolare tipo di spaghetto di grano giapponese molto sottile cotto nel brodo dashi e condito con:
tonno rosso
Edamame
Sesamo Nero
Alghe Wakame
Ikura
Erba cipollina
Aceto di riso al pompelmo
Salsa di soia

il 13 gennaio alle ore 12.00-14.00
Goto Tenobe Udon (famoso spaghetto in grano duro con olio di camelia) con brodo di pesce volante (ti allego le foto)

il 14 gennaio alle ore 12.00-14.00
Kurogoma Somen (spaghetto sottile con sesamo nero) con Anatra

tutti i piatti saranno accompagnati con il té di Nagasaki.

Maestro Haruo Ichikawa e Chef Lorenzo Lavezzari

:::::::::

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Gli italiani sono stati stregati dalla cucina giapponese: una recente ricerca, ha infatti dimostrato che il piatto più ordinato nel 2017 nel nostro Paese è il sushi.

Da mangiare in un sol boccone, dopo averle intinte nella salsa di soia, le polpettine a base di riso bollito e aromatizzato e pesce, hanno evidentemente conquistato il cuore e i palati nostrani.

Ma, così come la cucina italiana non è sinonimo esclusivo di pizza, anche la tradizione gastronomica del Paese del Sol Levante è ricca di ingredienti e piatti straordinari.

Apparentemente, Italia e Giappone a tavola sono lontanissimi:

la nostra cucina ama mescolare gli ingredienti con grande creatività e innovare le ricette tradizionali grazie ad accostamenti sorprendenti; le parole chiave della cucina giapponese sono invece eleganza e perfezione formale, all’insegna di sapori netti e impiattamenti rigorosi.

In comune, oltre all’attenzione per la freschezza e la qualità degli ingredienti, sicuramente il concetto di convivialità:

nel Paese orientale, a differenza che in Italia, non esiste differenza fra primo piatto, secondo, contorno e frutta; di solito in tavola vengono portati contemporaneamente tutti i cibi, che vengono consumati senza ordine prestabilito.

Nelle case giapponesi spesso però si servono anche piatti cotti con un fornello portatile direttamente in tavola, dove i commensali attingono dalla pentola. È il caso dello shabu shabu: fettine sottilissime di manzo vengono immerse per una ventina di secondi nel brodo di alghe kombu che bolle in un contenitore al centro del tavolo. Una delizia.


Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti: oltre a una fascinazione per il fritto chi non apprezza la tempura?ci unisce infatti l’amore per la pasta.

Il prodotto italiano per antonomasia fa parte infatti anche della tradizione giapponese, con due formati tradizionali e allungati rigorosamente a mano: i sōmen e gli udon, che gli italiani sempre più riconoscono e apprezzano.

Così lontani eppure quindi così vicini, Italia e Giappone hanno iniziato anche a contaminarsi a tavola: quando due culture diverse, ma tanto incentrate sul cibo si incontrano, il risultato non può che essere eccezionale.

Lontanissimi dalla confusione di sapori e forme del fusion, quello che sempre più chef italiani stanno sperimentando è infatti utilizzare ingredienti giapponesi – come sōmen e udon – per esprimere la cucina italiana in un modo diverso, sposando il background, l’impiattamento, e magari una tavola di design in stile giapponese.

1. Fonte: http://www.gamberorosso.it/it/news/1046525-i-piatti-piu-ordinati-nel-2017-le-specialita-che-hanno-spopolato-in-italia-e-all-estero

:::::::::::

Nagasaki Gourmet Duet

A Milano la migliore selezione di prodotti della provincia di Nagasaki 
incontra la cucina italiana

Italia e Giappone hanno da poco più di un anno festeggiato i 150 anni del primo Trattato bilaterale di amicizia e commercio fra i due Paesi

Le tradizioni gastronomiche dei due Paesi saranno protagoniste di una straordinaria quattro giorni all’insegna dell’eccellenza e della contaminazione culinaria: Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki per presentare al grande pubblico e ai professionisti dell’Ho.Re.Ca. i prodotti a marchio Yokamon! Market di Nagasaki.

L’appuntamento è stato venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 gennaio presso Eataly Smeraldo (Piazza XXV Aprile, 10, Milano) con una selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki, lo splendido territorio situato all’estremità occidentale del Giappone noto per la sua ricca produzione agroalimentare e ittica: i suoi pendii toccati dal clima mite sono storicamente dediti all’agricoltura e alla frutticoltura, mentre le numerose isole e i mari pescosi l’hanno reso nei secoli il secondo centro di produzione ittica di tutto il Giappone.

Lunedì 15 gennaio sarà dedicato esclusivamente agli chef e ai professionisti di settore.

Yokamon è la parola che nel dialetto di Nagasaki significa “cosa buona, frutto di scelta attenta”: lo Yokamon! Market di Nagasaki porta a Milano, capitale italiana del food e città da sempre aperta sia alle tendenze internazionali sia alla sperimentazione in ambito gastronomico, sōmen e udon (pasta di grano duro allungata a mano), condimenti e salse come il ponzu e l’agodashi, il prezioso olio di camelia, il tè verde, liquori come il shochu, ma anche oggetti di design.

Durante Nagasaki Gourmet Duet la bellezza, l’armonia e il rigore formale della cucina giapponese incontreranno la tradizione culinaria italiana; i quattro giorni di degustazioni gratuite, sia aperte al pubblico sia riservate ai professionisti dell’Ho.Re.Ca., racconteranno in particolare una eccellenza gastronomica comune ai due Paesi: la pasta. 


Gli udon, un formato di pasta a base di farina di grano duro realizzato da secoli a mano nella prefettura di Nagasaki, verranno infatti utilizzati per reinterpretare una delle ricette maggiormente rappresentative della cucina italiana: l’amatriciana.

A Eataly, a rappresentare la fusione fra il Paese del Sol levante e l’Italia saranno due chef d’eccellenza: il Maestro Haruo Ichikawa e lo chef Lorenzo Lavezzari, che hanno vinto la Tuna Cuisine Competition al Girotonno di Carloforte 2017 proprio con un piatto di Maguro Shimabara Sōmen, dove i tradizionali spaghetti giapponesi sono stati serviti in brodo con tonno, wasabi e dashi.

Si tratta di una gara gastronomica internazionale alla quale partecipano chef provenienti da diversi Paesi che si sfidano presentando ricette a base di tonno.

Nella giornata del 15 gennaio presso Feeling Food Milano invece ad affiancare il Maestro Haruo Ichikawa sarà Vito Mollica, grande interprete della cucina e dei sapori italiani,1 stella Michelin presso Il Palagio del Four Seasons Firenze e La Veranda del Four Seasons Milano.
Programma dettagliato
Venerdì 12 gennaio

– Ore 10:30. Welcome drink Nagasaki Style.
– Ore 11:00. Conferenza stampa e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki, Auditorium Eataly Smeraldo (2° piano).
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon

– Dalle ore 11:30, degustazione presso la cucina Arclinea di Eataly Smeraldo. Show cooking a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello chef Lorenzo Lavezzari che prepareranno i Goto Udon (una varietà di noodles preparati con farina di grano duro e olio di camelia) all’amatriciana e i Maguro Shimabara Sōmen.
– 12:00 Conclusione
– Dalle ore 18:00 alle 20:00, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone) con oltre 80 assaggi. I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki saranno eccezionalmente venduti a Eataly, negli spazi adiacenti la cucina Arclinea, nei quattro giorni del Nagasaki Gourmet Duet. Non è necessaria la prenotazione.

Sabato 13 gennaio e domenica 14 gennaio
– Dalle 12.00 alle 14.00, nella cucina Arclinea di Eataly Smeraldo, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone). Non è necessaria la prenotazione.
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style
– Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
– Ore 18:15. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Lorenzo Lavezzari.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento pomeridiano è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Lunedì 15 gennaio
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style.
- Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Vito Mollica (1 stella Michelin);
Camilo Becerra, GM di Feeling Food Milano;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
– Ore 18:00. Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon.
- Ore 18:30. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Vito Mollica.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento del 15 gennaio è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Gli chef
Haruo Ichikawa
Il Maestro Haruo Ichikawa conosce benissimo l’Italia, dove vive da più di vent’anni. Classe 1954, è stato al timone della cucina di un importante ristorante giapponese a Milano, dopo un percorso che lo ha visto formarsi fra Tokyo e Los Angeles. Pur rimanendo fedele alla tradizione giapponese, lo chef Ichikawa integra spesso e volentieri nelle sue preparazioni prodotti di eccellenza italiana. L’incontro con lo chef Lavezzari è stato determinante per entrambi. Una coppia creativa perfetta che unisce la tradizione all’innovazione.
Lorenzo Lavezzari
Lo chef Lorenzo Lavezzari entra prima alla corte dello chef Igles Corelli, poi dello chef Bruno Barbieri e infine dello chef Mauro Ricciardi. Di ritorno a Milano nel 2008, entra a far parte della brigata dello chef bistellato Claudio Sadler presso il suo Ristorante Sadler (2 stelle Michelin) a Milano, una delle esperienze più importanti della sua carriera.
Lavezzari ha inoltre un passato da responsabile della pralineria di cioccolato e aiuto pasticcere presso Ernst Knam. In seguito, affascinato dal mondo asiatico inizia la sua lunga avventura al fianco del maestro Haruo Ichikawa in un famoso ristorante di Milano, unico in Italia, premiato nel 2014 con una stella Michelin.
Oggi lo chef conduce Otto – Bottega&Cucina, suo progetto innovativo a Novate Milanese. Si tratta di una Bottega dove poter acquistare e degustare i prodotti che l’Azienda Agrituristica produce e di una cucina che offre “merende salate” ed “emozioni di gusto”, le materie prime stagionali a km zero di aziende agricole liguri, toscane e della cerchia milanese. Il progetto dello chef è quello di riportare la gente a stare tutti assieme a tavola, una social kitchen, creando un legame speciale tra Agri-Chef e commensali.
Vito Mollica

Classe 1971, lucano di nascita ma cresciuto a Origgio, nel varesotto, Vito Mollica può definirsi a tutti gli effetti un veterano del Four Seasons: vi entrò per la prima volta nel 1996, nella sede di Milano, per poi trasferirsi, quattro anni dopo, al Four Seasons di Praga. Particolare il rapporto che lo lega ancora oggi alla città, dove sono nati i suoi due figli, che nel 2007 ha lasciato per tornare in Italia alla volta di Firenze, dove oggi è responsabile del comparto Food&Beverage ed Executive Chef del ristorante gourmet dell’hotel, Il Palagio, premiato nel 2011 dalla stella Michelin. Nel maggio 2015 Vito Mollica duplica i suoi incarichi, affiancando alla guida del ristorante fiorentino anche quella de La Veranda del Four Seasons Milano. Un ritorno alle origini che lo vede succedere a un grande maestro della cucina italiana di cui fu allievo, Sergio Mei.
Appassionato cultore della materia prima, Mollica seleziona personalmente i suoi fornitori, setacciando campagne, aziende agricole e mercati regionali in cerca di produttori che con lui condividano la passione per la qualità e l’eccellenza. “La cura nella produzione degli ingredienti – spiega nel suo profilo ufficiale – si riflette nel gusto. Più semplice è la preparazione degli ingredienti, più facile sarà amplificarne il sapore”.

I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Sōmen 
I sōmen sono la pasta allungata a mano di Shimabara, la penisola situata nella parte meridionale del Giappone, circondata dal mare di Ariake. Si tratta di una specie di tagliolini la cui produzione risale a 350 anni fa; oggi Nagasaki ne riesce a soddisfare un terzo del fabbisogno nazionale. Preparati con acque sotterranee pure e ricche di minerali del monte Fugendake e farina a contenuto di glutine medio-alto, arrivano sulle tavole dopo un attento processo di stagionatura. 

Udon allungati a mano di Gotō
Introdotti in Giappone nel VII secolo d. C. da un viaggiatore cinese, questi udon sono fra i tre più celebri del Paese. A medio contenuto di glutine, sono preparati con farina di grano duro, sale delle acque a largo del mare di Gotō e olio di camelia selvatica tipica della città della prefettura di Nagasaki. Data la limitata produzione di questi ingredienti, quelli di Gotō vengono chiamati “udon dei sogni”.
Ponzu
Si tratta di un condimento onnipresente nella cucina giapponese, di una salsa acidula e agrumata. Si prepara con mirin (sakè dolce giapponese da cucina), aceto di riso, fiocchi di katsuobushi (fiocchi filetti di tonnetto striato essiccato, fermentato e affumicato) e alga (konbu), e bollito a fuoco lento. Quando il liquido è raffreddato viene colato per far asciugare il katsuobushi e viene aggiunto succo di yuzu o sudachi (agrumi giapponesi). È il condimento ideale per una grande varietà di piatti, come marinate, cibi alla griglia, tempura. 

Agodashi
Prediletto dagli chef, è un dashi (ingrediente fondamentale per la preparazione dei brodi giapponesi) a base di pesce volante. Cotto accuratamente al carbone e fatto seccare al sole, è un autentico condensato di umami, il sapore raffinato che è uno dei pilastri della cucina giapponese. Al pari del katsuo (tonno striato) e delle alghe konbu, permette di ottenere brodi eccellenti che lo rendono un prodotto davvero popolare se non insostituibile.
Olio di camelia 
Si tratta di un olio vegetale preparato a base di camelia selvatica dell’arcipelago di Gotō.
Con un maggior contenuto di acido oleico dell’olio d’oliva, l’olio di camelia ha un potere idratante che lo rende ideale per la bellezza della cute ed è per questo utilizzato per la preparazione di cosmetici e farmaci.
Tè verde giapponese 
La prefettura di Nagasaki è celebre per essere stata la prima area del Giappone dove si è diffusa la coltivazione delle foglie del tè e l’arte della degustazione. Essa infatti presenta una grande abbondanza di terreno adatto alla coltivazione di foglie di alta qualità ed è rinomata per essere una delle principali regioni di produzione in Giappone, avendo vinto numerosi premi a fiere di settore.
Sochu
Si tratta di un distillato d’orzo prodotto nell’isola di Iki, situata nelle agitate acque del mar Genkainada. Al pari del whisky scozzese, del bourbon e del bordeaux, nel 1995 anche lo shochu di Iki è stata conferita dalla WTO, l’organizzazione mondiale del commercio, la designazione di prodotto a indicazione geografica, trasformandolo così in un marchio riconosciuto a livello internazionale. Le sue caratteristiche distintive sono la dolcezza del malto di riso e l’aroma dell’orzo.
Ingredienti alimentari creativi
Grazie alla nostra abilità dello Yokamon! Market di Nagasaki nello sviluppare nuovi piatti, vengono creati nuovi ingredienti con sapori inediti che vanno incontro alle necessità degli chef che li hanno desiderati. Si tratta di prodotti concepiti con idee molto gustose e ottimi per la salute, dove nessuno dei loro preziosi ingredienti varrà mai sprecato. 

Design giapponese 
In Europa sta crescendo la domanda di design giapponese. L’artigianato in ceramica della prefettura di Nagasaki ha un design che si armonizza facilmente con ambienti di gusto europeo, in luoghi come hotel e ristoranti, case private e altri. Un esempio? Gli origami a forma di gru realizzate con fogli di ceramica, considerate simbolo di pace, oltre che di armonia fra moglie e marito. Sono ideali come regalo.

La prefettura di Nagasaki

Situata all’estremità occidentale del Giappone, la prefettura di Nagasaki vanta il maggior numero di isole di tutto il Paese. Grazie ai mari pescosi e alle terre fertili, questo territorio è il secondo centro di produzione ittica del Giappone e vi prosperano importanti allevamenti di bestiame, agricoltura e frutticoltura. Inoltre, grazie alla vicinanza con il continente asiatico, nei secoli scorsi la prefettura di Nagasaki è stata il punto di accesso del Giappone al mondo esterno, plasmando così la sua vocazione internazionale.

::::::::::

SUPER – RICETTE

GOTO UDON ALL’AMATRICIANA

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

300 g Goto Udon con olio di camelia di Nagasaki
300 g pancetta di Wagyu 
500 g pomodorini ciliegini
1 cipolla bionda
Aceto Balsamico di Modena
Pecorino grattugiato
4 foglie di shiso (basilico giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

In una casseruola, rendere fondente una cipolla bionda tagliata fine con 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, frullare i pomodorini ciliegini, passarli al setaccio e aggiungerli nella casseruola. Sfumare con dell’aceto balsamico e cuocere per circa 20 minuti (aggiustare con del brodo vegetale se la salsa risulta troppo densa).

Tagliare la pancia di Wagyu a pezzettini regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Cuocere i Goto Udon in acqua bollente, senza sale ma con un cucchiaio di salsa di soia, per 6 minuti. Scolare e lavorare in una ciotola con olio extravergine e un po’ di acqua di cottura.

Trasferire i Goto Udon nella casseruola e mantecarli con la salsa di pomodorini, il pecorino grattugiato e metà di pancetta di Wagyu croccante. Creare quattro nidi di pasta, disporli sui piatti da portata e guarnire con la salsa di pomodoro, pecorino, guanciale croccante e foglioline di shiso tritato molto fine.

MAGURO SHIMABARA SOMEN
Vincitore Girotonno 2017

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

200 g Shimabara Somen di Nagasaki
140g tonno rosso
200 g pancetta di tonno
n. 20 fave di edamame
20 g wasabi
n. 4 foglie di shiso (basilico giapponese)
1.600 ml dashi (brodo giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

Preparare il dashi bollendo in una pentola acqua, salsa di soia, mirin, sake, umami dashi (Ago dashi, brodo di pesce volante di Nagasaki).

Affettare la pancetta di tonno a pezzetti regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Preparare il Zuke Maguro (tonno marinato) lasciando per 4 ore il tonno rosso precedentemente affettato in una marinatura a base di salsa di soia e mirin.

Cuocere i Shimabara Somen in acqua bollente, senza sale, per 1/1,5 minuti; scolarli.
Passarli velocemente sotto un getto di acqua fredda per interrompere la cottura e scolarli nuovamente per rimuovere l’acqua in eccesso.

In un piatto fondo disporre in sequenza i Shimabara Somen, alcune fette di Zuke Maguro, la pancetta di tonno croccante, il wasabi, gli edamame e guarnire con delle foglioline di shiso. Prima di servire, aggiungere il brodo di dashi caldo.

Evento a Como – Apre Hilton hotel con panorama su lago e città

La catena Hilton ha aperto a Como un hotel che mancava …

Mancava un hotel dove andare “…a rimirirar le stelle ….”

Da oggi l’hotel Hilton di Como ci offre i suoi servizi in uno dei panorami più famosi e belli del  mondo.

 

 

A Como città, mancava un hotel di alta classe;  con vista lago – piscina compresa, mancava una spa degna di questo nome, mancava un luogo dove godere di un brunch speciale, un aperitivo anche con succhi da centrifugato fatti al momento; di fianco alla piscina panoramica.

A Como mancava un intermezzo pomeridiano con vero “ High Tea” o tè delle cinque degno di questo nome con intrattenimento musicale …

Mancava un ristorante con uno chef che sapesse il fatto suo senza pretese stravolgenti (molte volte deludenti), che parlasse di pasta fatta al momento, di affumicatura in loco … che servisse (per esempio) un risotto con provola affumicata degno di questo nome … tanta seria esperienza senza presunzione.

Bravissimo all’ executive Chef MARCO PEDRETTI (più sotto le specifiche della sua carriera).

Executiva-Chef-Marco-Pedretti-Hilton-Como

Mancavano delle camere d’albergo con soppalco e tetto in vetro per ” …rimirar le stelle… e il panorama”.

Mancava un ragionevole rapporto Qualità- prezzo (intendendo per qualità quella con la Q maiuscola).

Mancavano anche tante suite, tutte degne di questo nome con panorama indimenticabile, jacuzzi privata sul grande terrazzo e una camera presidenziale che è un grande appartamento affacciato su uno dei più bei panorami del lago di Como.

Oggi abbiamo visitato e verificato di persona l’efficienza e la bellezza di questo nuovo Hotel Hilton e ne siamo rimasti entusiati.

 

:::::::::::::::::::::::::

LA SPA E LA PISCINA PANORAMICA SUL LAGO E SULLA CITTA’ DI COMO

Perfetta e funzionale, luminosa e genialmente progettata; ecco la spa del nuovo Hilton Como.

L’ambiente è rilassante e abbellito da lastre di raro marmo blu proveniente dal Canada.

La piscina interna, con vasca jacuzzi, permette anche delle brevi nuotate (15 metri), docce emozionali, sauna e bagno turco completano l’offerta.

I trattamenti sono altamente professionali e sapranno accontentare tutti.

Il signor Michele Proclamato è il responsabile della spa e con tutta l’equipe è in grado di consigliare il meglio per ogni cliente.

::::::::::::::::::::::::

Executive Chef MARCO PEDRETTI

Executive-Chef-Marco-Pedretti-Hilton-Como

MARCO PEDRETTI, classe 1970, nasce a Cremona dove sviluppa anche la sua passione per la cucina..

L’interesse per quest’arte gli viene, infatti, trasmessa direttamente dalla bisnonna che, con la sua trattoria in centro a Cremona, tramanda di generazione in generazione le migliori tradizioni della cucina locale e l’amore per le “mmani in pasta””..

Proclamato cresce a Torino, dove ha modo di formarsi sotto la guida di importanti professori come Massaglia e Sobia presso l’Istituto Alberghiero della città..

Completato il percorso formativo, approda in Jolly Hotels come commis di cucina ed in dieci anni arriva al ruolo di primo turnante prestando servizio in molte strutture di punta della catena.

Il Gran Maestro Anchisi lo segue nella progressione, che lo porterà, una volta fuori dalla Jolly alla sua prima esperienza in un hotel di altissimo livello, che innesca la voglia e la ricerca di scoprire grandi realtà e costruire una fitta rete di relazioni fondamentali per conoscere la gastronomia del nostro Paese e le figure più rappresentative di una classe di maestri che portano quest’arte e questo patrimonio culturale nel mondo..

Cresce ulteriormente in grandi alberghi a quattro e cinque stelle tra la Sardegna, l’arco Alpino e la Toscana dove ottiene grandi soddisfazioni..

Grazie ad un’ulteriore esperienza come chef per CostaCrociere, accresce le sue conoscenze nella gestione di grandi numeri ed un ampio team, ed ha modo di rinnovare il suo entusiasmo per la sperimentazione e l’innovazione, rimanendo fedele ai migliori insegnamenti della tradizione..

Creatività e talento sono le coordinate del concept culinario di Pedretti, mentre gli elementi che definiscono ciascun suo piatto sono qualità, stagionalità e territorialità. Il risultato finale è che ogni sua creazione diventa un’emozione, capace di rimanere impressa nella memoria di chi la degusta..

Marco Pedretti arriva in Hilton Worldwide all’inizio del 2017, spinto da una grande ambizione e motivato dal riconoscersi come la persona giusta nel posto giusto, nel momento ideale. Farne parte dall’inizio, contribuendo alla realizzazione di questo nuovo capitolo dell’ospitalità del Lago di Como, è un ulteriore motivo di orgoglio professionale e personale per Marco Pedretti.

Cosa significa fare lo chef di cucina oggi?? Secondo lo stesso Pedretti:

È uno stile di vita, non più solo un lavoro, è emozione e amore con cui si nutre, il mondo intero”..

Umiltà e professionalità, unite ad un’alta capacità organizzativa appresa dalla mamma ragioniera, fanno di questo Executive Chef un uomo capace di fare dei ragazzi che lo circondano in brigata la sua forza, della materia prima il suo punto fermo e dell’esperienza la capacità di modellarsi, adattarsi e creare la situazione lavorativa adeguata nella quale permettere a tutti di crescere e realizzarsi.

HILTON LAKE COMO

Via Borgo Vico 241,

22100 Como, Italy

TEL:: +339 31 – 3382611

www..hhiltonhotels..iit//iitalia//hhilton – lake – como//

Bellomo – Espulso dalla Magistratura

DEVE LASCIARE LA MAGISTRATURA

UNA VITTORIA PER LE DONNE !!!

Voleva, per contratto nella sua scuola privata per magistrati (con una percentuale di vincitori del concorso del 75%, mentre la media è bassissima) le allieve con

-tacchi a spillo

-minigonne

-non potevano sposarsi   … !!!!!!!!!!!!!

AVEVAMO GIA’ PUBBLICATO:

18 Dic, 2017

Bellomo magistrato vuole tacchi a spillo e mini – Continuiamo a denunciare

SCUOLA DI FORMAZIONE PER MAGISTRATI (scuola privata e si auspica che diventi solo una cosa pubblica)

le donne dovevano PRESENTARSI AI CORSI IN MINIGONNA, TACCHI A SPILLO E CON TRUCCO MARCATO E ADDIRITTURA  NON SPOSATE.

Se ne  parla troppo poco, quasi niente, alla televisione e sui giornali italiani; soprattutto se pensiamo allo spazio dedicato a simili scandali in America e Inghilterra.

Forse perché è coinvolta un’alta istituzione dello stato italiano: IL CONSIGLIO DI STATO.

Infatti, finalmente, per salvaguardare il nome dell’istituzione, il 10 gennaio è convocata un’ adunanza del Consiglio di Stato sulla  destituzione di Bellomo.

La Procura, aveva aperto un fascicolo d’indagine senza ipotesi di reato, ma oggi basandosi su alcuni elementi acquisiti  la Procura di Bari, ipotizza che il magistrato amministrativo abbia obbligato alcune sue allieve della Scuola di formazione per magistrati a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e con trucco marcato e addirittura preteso che non fossero sposate.

Il padre di una studentessa aveva da tempo denunciato il fatto che la figlia aveva sofferto notevolmente a causa della situazione di cui sopra.

Ecco cosa ha detto il padre, dopo la denuncia, i carabinieri “sono venuti più volte, chiedevano a mia figlia di firmare un atto di conciliazione. Sono venuti a maggio, e poi a ottobre, ma lei era in ospedale”. La denuncia risale alla fine del 2016 .

Il consigliere di Stato Francesco Bellomo è oggi indagato a Bari per estorsione.

GLI ANTEFATTI:

Anche in Italia escono, a fatica, i nomi degli uomini che hanno molestato ripetutamente e approfittato della loro posizione per pretendere attenzioni da allieve e altre donne.

La denuncia, di qualche anno fa, da parte del padre di una allieva del magistrato Bellomo, riferisce che la ragazza doveva sottoscrivere una dichiarazione che le imponeva di presentarsi ai corsi con tacchi alti e minigonna ….

Bellomo, il cui nome è uscito su TV e giornali, sino a ieri promeva battaglia legale.

Violenze e libertà di importunarci ? ! Non condividiamo le affermazioni di Catherine Deneuve

Catherine Deneuve: “Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci …  La donna, oggi, può vigilare affinché il suo stipendio sia uguale a quello di un uomo, ma non sentirsi traumatizzata per tutta la vita se qualcuno le si struscia contro nella metropolitana”.? ! ?

Ma scherziamo ??? Vogliamo dare la libertà agli uomini di importunare le donne in metropolitana? e perché non lottare pe ril medesimo stipendio degli uomini?

NO NO NO !!! NON “Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci”

Per noi è solo basso pettegolezzo, ma non possiamo ignorarlo.

Cara Catherine Deneuve, forse l’età che avanza ti spinge a cercare ancora protagonismo … ma un uomo può fare la corte in mille modi; con parole gentili, con dei fiori, scrivendo qualcosa di carino … ma forzare un bacio non voluto, toccare dove la donna non gradisce NO NO NO NO NO NO per le molte donne  è violenza anche questa !

Se poi la signora Catherine Deneuve è abituata e gioisce di questo, abbia il pudore di STARE ZITTA !!! Invece di condannare le attrici di Hollywood che stanno facendo uno sforzo per portare alla luce vergogne e secoli di silenzi e paure ….

Forse, non cara Catherine Deneuve, per le tue frequentazioni ti sei abituata ad altro, ma ci sono ancora donne che hanno una dignità secondo regole ben precise e NON gradiscono e NON vogliono che qualcuno tenti di baciarle con la forza o toccarle dove non vogliono !!! …

Possibile che non si possa capire una cosa così semplice???

Ma che uomini sei abituata a frequentare cara (non) Catherine ???

Cultura a Torino – Circolo dei lettori 12 gennaio si parla di donne …

Voices of woman è un progetto di storytelling fotografico dedicato al femminile

venerdì 12 gennaio alle ore 18, il Circolo dei lettori ospita Raquel Lourençoe Voices of women, un progetto di storytelling fotografico dedicato al femminile, alla discriminazione e all’identità di genere. Incontro a cura di SeNonOraQuando? con la linguista Manuela Manera e Laura Onofri di SeNonOraQuando? Torino.
il Circolo dei lettori, via Bogino 9, Torino

venerdì 12 gennaio, ore 18

VOICES OF WOMEN
progetto di storytelling fotografico
incontro con Raquel Lourenço,
Manuela Manera, linguista
e Laura Onofri, SeNonOraQuando?Torino
a cura di SeNonOraQuando?

Cosa vuol dire essere donna?

Raquel Lourenço gira il mondo con la sua macchina fotografica.

Ma non è una turista.

È un’attivista per i diritti delle donne che viaggia alla ricerca di volti, quelli delle donne, da immortalare nei suoi scatti, donne in difficoltà, perseguitate per motivi religiosi, politici e sociali. In Asia, attraverso Vietnam, la Thailandia, l’India, Lourenço ha trovato volti poveri, stanchi, maltrattati, sciupati, facce di chi esiste solo difendendosi sempre dalle violenze.

La fotografa porta con sé questi volti struggenti, per farli conoscere in luoghi lontani. L’incontro è al Circolo dei lettorivenerdì 12 gennaio, ore 18.

Voices of woman è un progetto di storytelling fotografico dedicato al femminile, alla discriminazione e all’identità di genere, che raccoglie testimonianze di donne di tutto il mondo. Ma non solo, è anche una piattaforma in fase di costruzione, per mettere in collegamento Ong e realtà del volontariato che si occupano della condizione femminile nel mondo.
È su Facebook, Instagram e Twitter.
Un esempio di realtà a cui Lourenço spera di dare maggior rilevanza è quella di Hope Unending, Ong che si occupa del dramma delle donne vendute come spose schiave dal Vietnam, soprattutto verso la Cina. Hope Unending sta raccogliendo risorse attraverso una campagna di crowdfunding.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili