Archivi categoria: NOTIZIE

Calendario 2018 dei Missionari Cappuccini di Milano

DOMENICA ‘GIORNATADEI POVERI

Il calendario 2018 dei Missionari Cappuccini di Milano

lancia una provocazione:

“Siamo tutti poveri perché tutti bisognosi di vera gioia”

                                                                       Si può ritirare al centro Missionario in piazzale Cimitero Maggiore 5

www.missioni.org

 

Programma – 19 novembre BOOKCITY MILANO 2017 omaggio a Umberto Eco

Si conclude domenica 19 novembre

BOOKCITY MILANO 2017

con un omaggio a Umberto Eco

e, per tutta la giornata,

incontri con gli autori, reading, laboratori, mostre

 Una festa metropolitana diffusa e partecipata del libro e della lettura

 

Il programma è scaricabile al link:

http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

gallery foto: http://bookcitymilano.it/gallery/2017

Domenica 19 novembre, ultimo giorno di BookCity Milano 2017: incontri con gli autori, reading, spettacoli, mostre, una grande festa metropolitana diffusa e partecipata del libro e della lettura.

Al Piccolo Teatro Strehler, grazie a Intesa Sanpaolo, si terrà il reading teatrale Il caso Malaussène – Mi hanno mentito, di e con Daniel Pennac, che nasce dal desiderio di condividere con il pubblico la gioia del ricongiungimento con i Malaussène, mentre proseguono al Castello Sforzescogli appuntamenti, tra cui “Il Divino che si rivela nella maestosità della Natura. Le parole di Folco Terzani e i disegni di Nicola Magrin per riscoprire la maestosità e il senso di libertà della natura” con Folco Terzani, Nicola Magrin e Laura Pezzino; “Le contraddizioni del presente, la forza della memoria” con Walter Veltroni, Claudio Bisio, Massimo Gramellini, modera Alessandra Tedesco; “Cambiare insieme uomini e donne: la sfida incompiuta di questo secolo” con Tiziana Ferrario, Daria Colombo, Mara Maionchi, Federica Marchionni, Luisa Pronzato, modera Anna Scalfati; “Saghe da Oscar. Napoleone e i Medici star della letteratura” con Simon Scarrow, Matteo Strukul e Massimo Lugli; “La realtà dell’Islam politico e le ipocrisie del politicamente corretto” con Maurizio Belpietro, Francesco Borgonovo, Peter Gomez.

Tra gli appuntamenti ai poli tematici: all’ARCI Bellezza – Palestra“Buoni da morire” con Luca Iaccarino e Marco Malvaldi; a Base Milano“Il linguaggio delle storie” con Licia Troisi, Roberto Recchioni e Emilio Cozzi; alla Borsa Italiana “Investire in titoli I Valore economico del catalogo e del marchio editoriale” con Luca Formenton, Anna Dávid, Ágnes Orzóy, Mario Piazza e Marco Zapparoli, e “Investire in titoli I Valore economico delle librerie di domani” con Andrea Vecci, Massimiliano Lepratti, Paolo Ambrosini, Cristina Giussani, Alessandro Monti e Marco Zapparoli; “Evasione fiscale: un problema irrisolvibile per l’Italia?” con Mario Monti, Vincenzo Visco, Fabrizio Massaro; alla Casa Della Memoria“Chi sono i terroristi?” con Marco Belpoliti, Luigi Zoja, Omar Bellicini e Nicole Janigro; al Central District“Shakespeare o dell’immortalità” con Francesco Carofiglio e Camilla Tagliabue; al Centro Culturale di Milano“Ken Follett tra buona e cattiva fede” con Alessandro Zaccuri; al Circolo Filologico Milanese“Pensare con il cuore” con Vito Mancuso e Antonio Sanfrancesco; “Si può ancora parlare di valori nella post modernità?” con Francesco Alberoni e Roberta Russo.

Al FAI –  Villa Necchi Campiglio“La narrativa al femminile: stati generali” con Ricciarda Barbieri, Patricia Chendi, Chiara Ferrari, Maria Paola Romeo, Valentina Rossi; “Ricordando Tiziano Terzani. Il giornalista, lo scrittore, l’uomo” con Angela Terzani Staude, Folco Terzani e Luciano Fontana; alla Fondazione Piero Portaluppi “I salvagenti dell’editoria: i libri per ragazzi e la letteratura rosa” con Elisabetta Fiumeri, Gabriella Giacometti, Luigi Spagnol, Alice Basso, Cristiana Verazzo e Rachele Bindi, modera Désirée Pedrinelli; all’Ispi – Palazzo Clerici“Il legno storto della giustizia” con Gherardo Colombo che dialoga con Ferruccio De Bortoli; “Piazza Tahrir. Un romanzo” con Omar Robert Hamilton e Viviana Mazza; all’Istituto dei Ciechi di Milano“L’ossessione del potere” con Herman Koch e Giuseppe Culicchia; al Mudec – Museo delle Culture“Accogliere i migranti. Per una politica dell’ospitalità” con Donatella Di Cesare, David Bidussa e Pierfrancesco Majorino; al Museo Tennis Italia“Le strade bianche del ciclismo: aneddoti, poesia e sudore tra la polvere leggendaria” con Marco Pastonesi e Vittorio Seghezzi; al Museo di Storia Naturale “Gli alberi ci fissano dal cuore del tempo” con Tiziano Fratus e Emanuela Rosa Clot; al Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo Da Vinci “Quello che le donne (non) dicono” con Clara Sanchez e Antonella Fiori; “Le linee rosse” con Federico Rampini; “Il populismo nell’era del Web: il fascismo travestito da democrazia diretta” con Alessandro Dal Lago e Armando Besio.

Per il progetto “Da Sud a Nord: storie di Milano”, a cura della Fondazione Cariplo, all’Angureria di ChiaravallePiero Colaprico racconterà “Storie del Corvetto” e alla Casa della CaritàLivia Grossi parlerà di “Due storie di donne coraggio”.

A Palazzo Greppi“Dimagrire è facile, bastano 5 tappe” con Evelina Flachi e Susanna Messaggio; “Per mangiare e comprare il giusto, basta scoprire quanto basta” con Lisa Casali e Gianluca Gazzoli; a Palazzo Moriggia “La memoria contundente: perché i conflitti sui simboli del fascismo e del comunismo non finiscono mai” con Luca Telese;aPalazzo Reale“Tra fotografia e poesia: bestie, animali e uomini” con Ferdinando Scianna e Franco Marcoaldi; “La gioia del tesoro d’Italia” con Vittorio Sgarbi; al Piccolo Teatro Grassi “Ho visto un Fo. Racconto della vita di Dario” con Giuseppina Manin e Natalia Aspesi; “Un’altra forma di Legge: liberare la vita dal peso del sacrificio” con Massimo Recalcati; al Teatro Dal Verme“Music week a BookCity: 40 anni di musica dal vivo in Italia” con Claudio Trotta, Luca De Gennaro, Giampiero Ingrassia, Gian Paolo Serino, Stefano Boeri e Franco Mussida; al Teatro del Buratto “Dal romanzo al film” con Sofia Viscardi; “Ti racconto una favola” con Gianni Biondillo; “Ogni bambino è il mio bambino”, un’iniziativa per raccogliere  fondi per ricostruire la Plaster School al confine con la Siria, a cui parteciperanno, tra gli altri, Claudio Bisio, Marco Bonini, Paolo Calabresi, Giorgia Cordaci, Alessandro Cattelan, Martina Colomari, Anna Foglietta, Sofia Viscardi; al Teatro Elfo Puccini “La suspense è donna” con Paula Hawkins e Matteo Strukul; al Teatro Franco Parenti“Piero Angela, 90 anni di storie” con Piero Angela e Elvira Serra; “Il potere di chi scrive” con Ferruccio De Bortoli e Milena Gabanelli, presenta Piergaetano Marchetti; “Festival della mente a BookCity Milano: l’incanto. Dalla Val Grande ai ghiacci polari” con Marco Albino Ferrari e Denis Biason, a cura di Fondazione Carispezia e Fondazione Cariplo; alla Triennale di Milano“L’Allieva diventa grande” con Alessia Gazzola, Lino Guanciale e Roberta Scorranese;“Guarire con passione” con Mattia Torre e Valerio Mastandrea; “Le cicatrici di Rocco Schiavone” con Antonio Manzini e Alessandro Robecchi; “Indiani di montagna” con Mauro Corona e Luigi Maieron; “Domus a BookCity Milano. La moda del design il design della moda. Contaminazione, aporie, utopie” con Walter Mariotti, Daniela Hamaui e Arthur Arbesser.

BOOKCITY MILANO 2017 si chiuderà domenica 19 novembre, alle ore 21, al Teatro Franco Parenti con un omaggio a Umberto EcoSulle spalle di Umberto Eco – che nel 2012 inaugurò la prima edizione di BookCity.A poco più di un anno dalla sua scomparsa Milano rende omaggio a uno dei più stimati protagonisti della cultura contemporanea. Protagoniste della serata saranno le sue parole, a partire dai saggi raccolti in Sulle spalle dei giganti: un fuoco d’artificio del suo pensiero, del suo irresistibile raccontare la storia delle idee, la grande narrativa e il cinema, della disincantata, ironica visione del tempo in cui viviamo.  Intervengono Natalia Aspesi, Marco Belpoliti e Vincenzo Trione. Coordina Mario Andreose. Letture di Michela Cescon.

BOOKCITY MILANO è una manifestazione dedicata al libro e alla lettura che si svolge in più di 200 spazi della città metropolitana e che fin dalla prima edizione registra una straordinaria partecipazione di pubblico. È promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Associazione BOOKCITY MILANO, fondata da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori  e Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri.

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Lavazza, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden, Società Esercizi Aeroportuali, Lavazza e Fondazione Fiera.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

 

Da leggere – Mario Marini e le sue sempre belle scritture

Di Mario Marini

Da l’antologia

“Mai la parola rimane sola. 40 anni fra poesia e cultura”.

:::::::::::::

LA TROMBETTINA (Storia d’estate)
– Suggestioni estemporanee dalla lirica di Corrado Govoni –

… E dunque, risoluto dalla fiorente Primavera, crescente ad ogni giorno in spessore e convinzione, Estate arrivava, attraversando noncurante quegli inequivocabili segnali che si susseguivano rinforzandosi l’un l’altro, finché si poteva finalmente concedere a se stessi: “siamo d’estate”, come tacita e piena consapevolezza di un accadimento atteso e imprescindibile.
E allora, allora… quelle giornate, luminose e infinite che si condensavano nell’ocra maturo dei campi di grano; e la festa collettiva della battitura, con i carri in cerchio, stipati di covoni, in paziente aspettativa sulla spianata, desiderato suggello, felice compimento ai giorni silenziosamente consumati nell’alacre rito della mietitura e quei sacchi, quei sacchi, come sai grezzi, preparati in ordinata teoria sull’aia bianca e finalmente straripanti piccoli grani bruni, sputati di lato, dalla macchina rossa, come una gragnuola, con la paglia che ingabbiata e compressa, un colpo dopo l’altro, pazientemente assumeva la forma squadrata di parallelepipedi giallo oro, omaggio estremo del portentoso congegno, offerto ad umani prudentemente dubbiosi per il prodigio meccanico che si compiva al loro vigile cospetto nell’antro spaventoso e magico del marchingegno, ma finalmente sorridenti per il frutto tanto atteso che concretava felicemente quella prima parte di stagione.
Perché la fervida immaginazione dei bimbi aveva tempo, tanto tempo ancora per transitare intatta attraverso gli assolati meriggi, addensanti calore e silenzio, finché l’ora si attardava disfacendosi all’imbrunire e un refolo d’aria spandeva, tra le ombre immanenti, che si estendevano come un sipario tirato sopra il fuoco del tramonto, un po’ di refrigerio e i tremuli puntini, distanti, delle stelle.
E il tempo, quel tempo, portava difilato, dalla ricorrenza operosa del grano maturo, alla fiera sfaccendata delle vanità di giostre e carrozzoni, magnifiche di luci e i lumi e i fuochi, sulle strade e sui sentieri dondolavano percorsi di intenzioni, brulicanti andirivieni di persone, trepidamente accarezzate e univocamente conducenti, persone ed intenzioni, ai gesti giubilanti della festa, in un tripudio di letizia che si spegneva tuttavia, a poco a poco, come i falò, qua e là sui campi e tra le rive, umide di guazza e delle voglie segrete degli innamorati che le celavano anche a se stessi, stringendosi, ad occhi chiusi, in abbracci bisbiglianti…
Fu quella sera, fu proprio quella sera che i passi impazienti di giungere alla festa del bambino, si incontrarono con quelli della bambina che da essa proveniva, munita dell’esultanza gioiosa appena conosciuta e scortata dalla nonna che inciampava insicura negli anni suoi e sulle balze del sentiero. Indossava la bambina, una corto vestitino bianco che lasciava scoperte due esili e volubili gambette e intravvedere le innocenti mutandine, e un nastro tra i capelli, anch’esso candido. Soffiava a tratti in una trombettina da clown, dalla quale traeva allegre suggestioni e canticchiava, nelle pause, improvvisate melodie, eppure ispirate dalla nota strascicata e sempre uguale di quel semplice congegno. Si incontrarono faccia a faccia, sulla traccia ristretta del sentiero e lei sorrise, chissà perché, con un’alzata di spalle.
“Ciao, come ti chiami” disse lui; lei lo guardò con quegli occhi vivaci e sognanti che posseggono i bimbi nei loro impeti di felicità e gli passò di lato, senza una parola, di nuovo sorridendo e strusciandosi un po’ contro la riva.
Poi si mise a correre soffiando a più non posso in quella sua imitazione di strumento e quella nota, strascicata e sempre uguale, si perse, poco alla volta, nella vastità notturna della campagna.
Così giugno splendente luccicando di lucciole la sera, lasciava posto a luglio rovente, riverberante la vampa delle ore che esplodevano in echi ed attese, finché la canicola sovrana sembrava volersi attenuare nei tardi giorni d’agosto, che avanzavano impazienti verso le prime avvisaglie dei temporali, magnifici e paurosi.
E le giornate che s’accorciavano a vista d’occhio già introducevano voglie d’uva e di mosto e aliti più freschi intiepidivano il tempo felice dell’estate, già bagnando di rugiada l’erba matura dei prati, la mattina. E una nostalgia precoce, dorata di ricci e bruna di castagne, ammorbidiva, un poco, la consapevolezza crescente che la bella stagione si avviava al declino, soppiantata presto da Autunno pieno e possente.
Poi, quando le prime foschie si ispessivano umide e fredde nei giorni che imbuivano prematuri e i fuochi scoppiettanti dei camini eccitavano nuove fantasie e desideri imbiancati dalla neve, Inverno collocava le sue mani artigliate nel gelo scricchiolante della terra e la serrava tutta nella sua morsa implacabile.
E allora forse, chissà, se nello specchio sincero di un camino acceso, una bambina, re-immaginando le sue storie, avrebbe lasciato un po’ di spazio alla reminiscenza estiva di quella nota strascicata e sempre uguale che soffiando, modulava, e alla traccia tutta balze del sentiero e ai fuochi, ai lumi, ai cavalli e alle risate, ai carrozzoni incantevoli dei clown e alla lusinga di quell’incontro inaspettato, magia del sogno, impronta e segno della sua sera dei sorrisi…
E allora forse, chissà, se nello specchio sincero di un camino acceso, anche un bambino avrebbe provato a escogitare un modo nuovo per far rinascere le storie e prevedere e credere e presumere possibile ciò che era parso, in un sorriso, ingenua e condivisa gioia di vivere.
Fu in quel momento, fu proprio in quel momento, che l’estro d’artista del grande camino decise di intervenire, assecondando il variegato carico di legna che in esso si esibiva scricchiolando.
Forse una bolla d’aria o forse una vena d’umido nel corpo pure essiccato di quel legno. Prima un sussurro, un bisbiglio, un frusciare, come un moto impaziente di uscir fuori; poi come una nota: sì, una nota, strascicata e sempre uguale di trombettina da clown, come l’estate, come d’incanto, come la sera degli sguardi e dei sorrisi.

:::::::::::::::::::

DOVE S’AFFUSOLA L’INVERNO

Era un richiamo basso sulla strada
quasi l’incanto d’una calamita
colori bruni e rocce, tinte stinte
e riverberi di fuochi come dita

Scrosci di neve straripava l’aria
tracimando coriandoli impazziti
faceva quasi buio e quel biancore
mitigava riflessi intorpiditi

E c’era un lume più acceso del lucore
diffuso e terso sulla pietra viva
danzava svelto ipnotico fulgore
contro il crinale della rupe schiva

“Luce che attrai e attiri d’ogni dove
dimmi quale, qual senso il tuo chiamare?”
“Perché precorri tempo e spazio aperto
ad indagare il cosmo a setacciare

l’animoso dibattersi dell’uomo
dentro le pieghe delle sua paura,
contro i quesiti oscuri e indecifrati,
lungo i barbagli della sua natura,”

“perché lo inviti infine a quel convegno
che sembra non finire nella fine
di ognuno pervenuto a quel confine
e che dunque egli debba pagar pegno?”

Brilla la luce muta nella notte
non ha risposte se non in quel chiamare
nugoli e schiere, stuoli, sciami e frotte
d’esseri alla ricerca dove andare…

E poi dove s’affusola l’inverno,
dove l’estate allude vago al riso,
l’arco di pietra, porta dell’inferno,
la scala fatta d’aria, il paradiso.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Gruppo letterario Acarya presenta l’antologia

“Mai la parola rimane sola. 40 anni fra poesia e cultura”.

Egitto – Fiavet Nazionale lancia il progetto “Piramide”

 

Egitto, Fiavet Nazionale lancia il progetto “Piramide”

 La volontà di sostenere e supportare il rilancio della destinazione Egitto da parte di Fiavet Nazionale – condivisa a inizio agosto al Cairo in occasione dell’incontro con il Ministro del Turismo Mohamed Yehia Rashed, promosso dall’Ente del Turismo Egiziano in Italia, – diventa realtà con il progetto di incentivazione “Piramide”.

Una selezione di 1000 Agenzie di Viaggi dell’Associazione riceverà entro Natale un kit con un totem vetrina che richiama una delle icone egiziane:

— una piramide girevole con tre immagini rappresentative che gli agenti, aggiungendo un pizzico di creatività, dovranno utilizzare per realizzare una vetrina dedicata a questo straordinario Paese.

All’iniziativa seguirà un contest fotografico che premierà con un educational le 10 Agenzie di Viaggi che avranno realizzato le vetrine che in assoluto avranno saputo raccontare le meraviglie di un patrimonio storico, artistico e naturalistico di ineguagliabile bellezza, che racchiude l’esperienza di un viaggio in Egitto.

“La destinazione Egitto manca non solo alle Agenzie ma agli stessi viaggiatori – ha dichiarato Jacopo De Ria, Presidente Fiavet Nazionale – e siamo estremamente orgogliosi di poter collaborare con l’Ente del Turismo Egiziano contribuendo a riportare l’attenzione su una destinazione molto amata dal mercato italiano.”

“Il desiderio di tornare in Egitto da parte dei nostri clienti è stata senza dubbio la leva che ci ha portato a voler rendere concreta la sua presenza in primis nelle agenzie, da dove parte il viaggio, attraverso un oggetto fortemente evocativo”, continua Ivana Jelinic, Vice Presidente Fiavet Nazionale.  “A cui abbiamo voluto abbinare un’operazione di incentivazione che mira a rendere le nostre Agenzie protagoniste dalla proposta al vissuto di quel desiderio.”

“Iniziative creative come questa promossa da Fiavet Nazionale possono incentivare in modo concreto ed efficace la promozione e il rilancio dell’Egitto quale meta ideale per le vacanze degli appassionati di storia, mare e natura”, dichiara il Direttore dell’Ente del Turismo Egiziano in Italia, Emad Fathy Abdalla.

“Ritengo che rendere l’Egitto protagonista delle vetrine delle Agenzie di Viaggi potrà contribuire a mostrare ai viaggiatori aspetti e bellezze del Paese che vale realmente la pena esplorare”.

 

Fiavet Nazionale

FIAVET (Federazione Italiana Associazioni Imprese di Viaggi e Turismo) è l’Associazione di categoria delle Agenzie di Viaggio e più in generale delle imprese del turismo per antonomasia.Fondata nel febbraio 1961, è in prima fila a fianco delle Agenzie da oltre 56 anni; raggruppa e rappresenta in logica federativa 16 Associazioni regionali o sovra-regionali, a loro volta articolate per rappresentanze provinciali, con una copertura totale del territorio nazionale, con circa 1500 Associate. FIAVET opera sul piano della filiera turistica essendo socio fondatore di Confturismo (Confcommercio), confederazione che, con più di 500.000 imprese aderenti, rappresenta circa i tre quarti del sistema turistico nazionale. FIAVET è inoltre socio fondatore di EBNT (Ente Bilaterale Nazionale Turismo).

 

L’Ente del Turismo Egiziano

L’Ente del Turismo egiziano è stato fondato nel marzo del 1981, per ordine del decreto presidenziale No. 134 che approvava una raccomandazione del Ministro del Turismo. L’Ente si dedica alla promozione dell’Egitto come destinazione turistica di prima classe, in linea con la crescita del marketing turistico come disciplina autonoma e l’emergere di nuovi strumenti di promozione turistica. L’Ente ha risposto alla crescente concorrenza nel settore dei viaggi e del turismo attraverso l’adozione di una configurazione avanzata, in grado di agire in modo dinamico. L’assunzione di questa struttura è dovuta al crescente numero di nuove attraenti destinazioni e di compagnie aeree a basso costo e agli enormi progressi compiuti dall’industria delle compagnie aeree.

 

BOOKCITY MILANO – Programma sabato 18 novembre

PROSEGUE IL 18 NOVEMBRE

BOOKCITY MILANO

la festa metropolitana

diffusa e partecipata del libro e della lettura

 

Il programma è scaricabile al link:

http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

gallery foto: http://bookcitymilano.it/gallery/2017 

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre (con una pausa fra le 3.00 e le 9.00), al Padiglione Visconti (via Tortona 58), verrà proposta la seconda edizione di LE VOCI DELLA CITTÀ – Una maratona di suoni, luci, voci, un progetto ideato e curato da Daniele Abbado, con la collaborazione di Marco Zapparoli. L’ingresso è libero.

Una grande maratona di lettura della durata di dodici ore sul tema delle Lettere luterane. Al testo-guida di Pier Paolo Pasolini si intersecheranno altri testi collegati ai temi chiave dei suoi scritti e altri che ne amplificano le risonanze in differenti contesti. Si alterneranno letture e interventi musicali. L’evento coinvolge volontari, scrittori, musicisti, artisti, le comunità internazionali sul territorio.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala. Con la partecipazione dell’Accademia Teatro alla Scala, del Forum della città mondo, Associazione città mondo, della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, di SONG onlus – Sistema Orchestre e cori giovanili in Lombardia.

Tra i tanti incontri previsti nella giornata del 18 novembre,  nelle sale del Castello Sforzesco:

“Arte e Vita” con Geoff Dyer e Andrea Gentile;  “Segreti dello scrittore: le storie che colpiscono gli editori, ma anche i produttori di cinema, videogiochi o serie tv. Premiazione IoScrittore” con Alessia Gazzola, Massimo Del Frate, Ivan Cotroneo, Monica Rametta, Rosario Rinaldo, Giuseppe Strazzeri, Alessandra Tedesco, Stefano Mauri, Luigi Spagnol, Lucia Tomelleri, Laura Pezzino, Eugenio Trombetta Panigadi, Nicoletta Bencivenni, Sabrina Perucca; “Radio magia” con Massimo Cirri, Sara Zambotti, Gian Marco Bachi e Luca Sofri; “Stregata dal fantasy” con Scarlett Thomas e Alessandra Tedesco; “La felicità è una febbre leggera” con Margherita Oggero e Diego De Silva; “Libertà nel piatto. Ci deve essere un’etica nel mangiare?”  con Giuseppe Cruciani, Nicola Porro e Gianfranco Vissani.

All’Acquario Civico di Milano “Orientarsi nella bioetica: ragione contro sentimento” con Gilberto Corbellini, Chiara Lalli, Armando Massarenti; “Cosa fa il nostro cervello mentre noi siamo impegnati a vivere” con Mariano Sigman, Julio Velasco e Pierangelo Garzia; all’Archivio di Stato  “Ancora un passo. Il nostro impegno contro le mafie sulla strada di Peppino” con Giovanni Impastato e Gianni Barbacetto; “Come la ‘ndrangheta lava i soldi sporchi” con Nicola Gratteri, Antonio Nicaso e Mario Giordano; Base Milano “Wait till I’m dead. Allen Ginsberg e la beat generation” con Luca Formenton e Chiara Brambilla; Biblioteca Sormani “Il coraggio di vivere, amare e educare” con Paolo Crepet; Circolo Filologico Milanese “Parliamo scientificamente di calcio” con Edoardo Boncinelli, Giovanni Boncinelli e Luciano Tellaroli; Civica Scuola Interpreti e Traduttori “Il gulco gianigeva le brale. Lingue possibili e impossibili” con Andrea Moro e Michele Di Francesco; Teatro Dal Verme “Amore e d’altri rimedi” con Federico Moccia e Eleonora Gaggero; Fondazione Adolfo Pini: “Il fascino dell’antieroe” con Michele Dalai.

Alla Borsa Italiana inizia la seconda edizione di Investire in titoli (18 e 19 novembre), un ciclo di incontri a carattere internazionale, dedicato quest’anno al mondo del libro e dell’editoria, per mettere a confronto esperienze virtuose, idee e visioni economiche, analisi e strategie possibili. Sabato 18 novembre si terranno due incontri: “Valore  economico e relazionale delle manifestazioni legate al libro” con Jürgen Boos, Nicola Lagioia, Giulia Cogoli e Guido Guerzoni; “Impegno economico delle istituzioni nel mondo del libro” con Yari Bernasconi, Nicolas Georges, Pietro Lironi e Flavia Piccoli Nardelli.

Alla Fondazione Corriere della Sera si terrà “Racconti di guerra. Ricordando Maria Grazia Cutuli”,  l’inviata del Corriere della Sera che fu uccisa con altri tre colleghi in un agguato in Afghanistan, il 19 novembre del 2001. Tre giornate di dialoghi, testimonianze e incontri per parlare dei conflitti contemporanei.

Nel pomeriggio alla Triennale di Milano si svolgerà la presentazione della biografia di Emilio Isgrò intitolata Autocurriculum, alla quale intervengorranno Ferruccio de Bortoli e Salvatore Silvano Nigro per Sellerio. L’incontro precede la cerimonia di presentazione della definitiva collocazione, in via Emile Zola nel Parco Sempione, dell’opera Il Seme dell’Altissimo di Emilio Isgrò.

Alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli “Migrazioni dalla Cina all’Italia” con Yang Shi e Marianella Sclavi; “Disobbedire per cambiare” con Marco Cappato e Marianna Aprile; “L’Amaca e altre parole strane” con Michele Serra; “La disfatta” con Alessandro Barbero.

Alla Fondazione Piero Portaluppi: “L’amico dei libri? L’ebook” con Luciano Simonelli, Nicoletta Salvatori, Claudio Pina, Sabrina Talarico, Alberto Beonio-Brocchieri, Paolo Menon, Luigi Gattinara, Danilo Maggi; alla Gam Galleria d’Arte Moderna “L’orchestra dei Bambini” con Paolo Rumiz e Moni Ovadia; Ispi – Palazzo Clerici “Sulle macerie di Aleppo” con Domenico Quirico; all’Istituto dei Ciechi di Milano “I segreti più inviolabili dei sacri palazzi” con Gianluigi Nuzzi e Mario Giordano; al Laboratorio Formentini “Premio Babel-Booksinitaly: premiazione e lectio magistralis del vincitore/della vincitrice dell’edizione 2017” con Luca Formenton, Ilide Carmignani, Franca Cavagnoli, Yasmina Mélaouah, Ada Vigliani, Luisa Finocchi; al Mudec – Museo delle Culture “L’Europa di oggi raccontata con gli occhi dei migranti” con Kader Abdolah e Alberto Rollo; “Nessuno può volare, dal libro al documentario” con Simonetta Agnello Hornby e Alessandro Milan; al Museo Tennis Italia “Vogliamo la bicicletta! La grande avventura del ciclismo” con Davide De Zan, Felice Gimondi e Giuseppe Saronni; al Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci “I love Tokyo. Viaggio nella capitale del Sol Levante” con La Pina e Emiliano Pepe, “Una grande scommessa del chimico: sapere di non sapere per trovare soluzioni” con Marco Malvaldi; “Madre natura” con Matteo Righetto, Mauro Corona e Paolo Foschini; a Palazzo Greppi“Prendersi cura di lei” con Eliana Liotta, Paolo Veronesi e Filippa Lagerback; a Palazzo Reale “Immaginare” con Oliviero Toscani, Angela Madesani, Nicoletta Ossanna Cavadini; al Philo – Pratiche Filosofiche: “L’onda d’urto del 1977” con Gianfranco Manfredi e Andrea Arrighi; al Piccolo Teatro Grassi “La verità e la giustizia sui desaparecidos in Argentina in un libro e in un film” con Daniele Biacchessi, Gaetano Liguori e Giulio Peranzoni; “Ogni volta che si racconta una storia” con Marco Baliani; al Teatro Dal Verme – Music Week a BookCity: “Come un racconto chiamato jazz. Immagini di un viaggio con la musica e i musicisti” con Pino Ninfa, Enrico Intra, Renato Diaz; al Teatro del Buratto “Crescere le nuove generazioni” con Daniele Novara e Annalisa Monfreda; al Teatro Elfo Puccini “Quando tutto inizia” con Fabio Volo;  “Maigret è tornato” con Marco Malvaldi, Enrico Arosio e Chiara Maffioletti; al Teatro Franco Parenti: “Il commissario Ricciardi: dai romanzi ai fumetti” con Maurizio De Giovanni, Luca Crovi, Federica Fracassi e Michele Masiero; “Mi sono svegliato vivo nell’aldilà” con Jean Blanchaert, Filippo Timi, Michele Capuano, Vjiaya Bol Bechis e Achille Mauri; “La mia radio sei tu” con Marco Presta; alla Triennale di Milano “Danza. Istruzioni per la vita” con Aurora Marsotto e Carla Fracci; “Le tre del mattino” con Gianrico Carofiglio e Francesco Colombo.

In occasione di BOOKCITY #BCM17 sabato 18 novembre all’Aeroporto di Milano Malpensa ci saranno tre appuntamenti dedicati alle Alpi: “Bertone: la montagna come rifugio” di Guido Andruetto, presentato da Alessandro Gogna, “Con la roccia tra le mani” con Maurizio Zanolla, in arte “Manolo”, presentato da Roberto Mantovani, “La Chimera” di Sebastiano Vassalli, letture di Stefania Tagliaferri, a cura del Forte di Bard.

BOOKCITY MILANO è una manifestazione dedicata al libro e alla lettura che si svolge in più di 200 spazi della città metropolitana e che fin dalla prima edizione registra una straordinaria partecipazione di pubblico. È promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Associazione BOOKCITY MILANO, fondata da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto  Mondadori  e  Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri.

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Lavazza, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden, Società Esercizi Aeroportuali, Lavazza e Fondazione Fiera.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

Il programma è consultabile sul sito www.bookcitymilano.it

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

 

Como incontro gratuito – Tra filosofia – arte – matematica – Miniartextil e …

PAROLARIO E MINIARTEXTIL:

UN INCONTRO TRA FILOSOFIA, ARTE E MATEMATICA

Giovedì 23 novembre, ore 20.30

Ex Chiesa di San Francesco, Como

Giovedì 23 novembre alle 20.30 nello Spazio Culturale Antonio Ratti (ex Chiesa di San Francesco) a Como si terrà l’incontro organizzato da Parolario nell’ambito di Miniartextil2017Le funzioni della pittura: arte, numero e bellezza” con Giancarlo Lacchin, filosofo e ricercatore in Estetica all’Università degli Studi di Milano. In dialogo con lui ci sarà Alfredo Tomasetta.

La pittura, ha detto Platone, è copia del mondo, a sua volta copia imperfetta di un mondo ideale colto solo dal puro pensiero. Eppure la bellezza sensibile, e la proporzione numerica, così caratteristiche della pittura, sono vie d’accesso – e proprio da Platone in poi – a quello stesso mondo ideale da cui l’arte sarebbe esclusa.

Qual è dunque la funzione della pittura? E che cosa se ne può dire oggi alla luce delle rivoluzionarie esperienze del XX secolo?

Ingresso libero.

Per chi volesse visitare anche la mostra, è previsto ingresso a biglietto ridotto (euro 5 – gratuito per i possessori della Card Amici di Parolario) dalle 20 alle 20.30.

Giancarlo Lacchin

Svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi di Milano, dove tiene l’insegnamento di Estetica I. Si occupa di poetica ed estetica tedesca in epoca classico-romantica e nella Jahrhundertwende. È curatore dei volumi “Goethe come esploratore dell’anima” (Mimesis, 2003) e “Nietzsche. Le sue conquiste psicologiche” (Mimesis, 2006) di L. Klages, “Goethe. Evoluzione e forma” (Herrenhaus, 2007), “La lettera di Lord Chandos” (Mimesis, 2007) di H. von Hofmannsthal, “Umanesimo e romanticismo nell’età di Goethe” (Zandonai, 2007) di H.A. Korff, “Estetica” (Mimesis, 2009) di A. Baeumler ed è autore del testo “Stefan George e l’antichità. Lineamenti di una filosofia dell’arte” (Lumières Internationales, 2006).

Dirige la collana “Panoptikon” presso l’editrice Herrenhaus di Seregno, è caporedattore della redazione milanese della rivista “Estetica. Studi e ricerche” e collaboratore delle riviste “Anterem. Rivista di ricerca letteraria” e “Palomar”.

Per informazioni:

Segreteria organizzativa Parolario

Ellecistudio

Tel. +39.031.301037 info@parolario.it – www.parolario.it

Facebook: facebook.com/Parolario  Twitter: @Parolario

Salute – Bacche miracolose ?! – Goji poi Araçá Piranga cereja-do-rio-grande grumixama e …

CERTAMENTE SERVONO A FAR STAR BENE LE FINAZE DI CHI LE VENDE

E’ di  moda credere le bacche e spezie o radici  esotiche possano risolvere i nostri problemi di salute.

Le mode passano, i prezzi esageratamente alti rimangono; insieme ai conservanti o agli zuccheri (vedi i mirtilli rossi nelle confezioni in vendita in Italia) che ingoiamo credendo di manguare qualcosa di assolutamente sano …

Anche il buon senso ci suggerisce che è meglio una dieta sana e con cibi locali.

Mangiare lamponi per colazione è certamente sanissimo e molto chilometro quasi zero, ma attenzione fatelo solo se potete permettervelo; il loro prezzo è molto alto ripsetto a cosa offrono.

Fanno bene anche le mele, le arance ecc …  nostrane e costano meno.

Comunque, se volete, potete avere molte informazioni sulle bacche di goji al seguente link; poi valutate voi:

SALUTE le bacche di Goji in Tibet e in tutto l’Oriente sono usate come potente anti-invecchiamento.

CONVEGNO DI TRAUMATOLOGIA CLINICA E FORENSE

SIMLA AL CONVEGNO DI TRAUMATOLOGIA CLINICA E FORENSE

17 – 18 NOVEMBRE 2017

“Il rischio di infortuni e di incidenti è oggi in aumento …

“Il trauma dal soccorso alla perizia”: questo il titolo del prossimo Convegno di traumatologia clinica e forense che vedrà, tra i propri illustri protagonisti, Riccardo Zoja, Presidente di SIMLA Società Italiana di Medicina Legale e delle Assicurazioni. Il Convegno, patrocinato da SIMLA, accanto a Siot (Società italiana di ortopedia e traumatologia), si svolgerà presso le Terme di Salsomaggiore venerdì 17 e sabato 18 novembre 2017.

All’interno delle due giornate, avrà luogo un aggiornamento sul corso di ortopedia, traumatologia e medicina legale, dove verrà trattato in modo approfondito il tema del trauma, dal primo soccorso alla perizia finale.

Verranno presi in esame differenti aspetti, sia clinici sia medico legali, in un momento di incontro ufficiale, che rappresenta un punto di riferimento per un grande numero di esperti professionisti appartenenti a più settori professionali: saranno infatti presenti e coinvolti sia medici legali sia clinici, avvocati, e infine giudici.

“Il rischio di infortuni e di incidenti è oggi in aumento e la confusione ogni tanto sembra regnare sovrana; si rende quanto mai necessario dunque dare vita a un dialogo proficuo e a un confronto aperto a cui ci sembra ottimale dare avvio in questo consesso”, afferma Riccardo Zoja.

In primo piano, insieme ad altri luminari, proprio il Presidente di SIMLA Riccardo Zoja, che durante la giornata di sabato 18 novembre, che avrà come tema principale appunto la medicina legale, terrà una simulazione di una consulenza tecnica d’ufficio, descrivendo un caso clinico e quindi avviando un processo con relativa sentenza del magistrato in conclusione.

 

Evento a Como – “Mai la parola rimane sola”… alle 17 Villa Gallia

Venerdì 17 novembre, alle 17, nel salone di Villa Gallia (via Borgo Vico 154), il gruppo letterario Acarya presenta l’antologia

“Mai la parola rimane sola. 40 anni fra poesia e cultura”.

L’evento sarà animato dalla partecipazione dell’attore Diego Gaffuri e del pianista Luca Pina; poi le letture dei soci Acarya concluderanno la serata.

Secondo appuntamento venerdì 24 novembre. Info www.acarya.it.

EVENTO – Una notte al Museo delle Scienze di Trento in esclusiva per il pubblico adulto

Notte al MUSE. Incontri del terzo tipo

sabato 9 dicembre

le gallerie del Museo delle Scienze di Trento si aprono in esclusiva per il pubblico adulto e offrono un’esperienza inedita, lunga una notte intera

speciale osservazione guidata delle costellazioni del cielo di dicembre

incontri con talenti e professionisti del mondo dell’arte, dello sport, della scienza

particolari degustazioni a sorpresa

esperienze vissute,  emozioni provate

Incontri del terzo tipo: 9 dicembre ore 20.00

con Roberta Lanfranchi, Flavio Oreglio, Ruggero Tita, Francesco Guatieri, Costantino Bonomi
e lo chef stellato Alfio Ghezzi

 Un format unico per un museo italiano, che ricalca esperienze analoghe offerte da grandi musei internazionali del calibro di Science Museum di Londra e di American Museum of Natural History. Un’iniziativa che accomuna il MUSE Museo delle Scienze di Trento alle grandi strutture culturali grazie a un’iniziativa a metà fra il glamour e la comunicazione scientifica informale, del tutto inedita.

È la NOTTE AL MUSE, dedicata al pubblico adulto, che viene proposta per la prima volta sabato 9 dicembre a partire dalle 20.00. Tema della serata, che è intitolata INCONTRI DEL TERZO TIPO (V.M. 18), è l’importanza della socialità e della relazione per la formazione delle persone e della loro individualità. Una notte da cui uscire divertiti e forse, perché no, anche un po’ cambiati.

Cosa ci rende ciò che siamo?

Cosa influisce sulla nostra vita e plasma la nostra personalità?

Non tutto è frutto di un intreccio di geni ed ereditarietà.

Anche l’ambiente, come si sa, ha la sua influenza così come le esperienze vissute, le emozioni provate, le persone incontrate.

Proprio su quest’ultimo aspetto si sviluppa la serata al Muse che, oltre a offrire l’esclusiva opportunità di vivere gli spazi e gli allestimenti in orario non ordinario, pernottando per un’intera notte al museo, propone anche di vivere esperienze esclusive di commistione di arte, scienza e filosofia, oltre ad alcuni momenti di sfidante uscita dalla propria comfort zone, in attesa dell’incontro che può cambiare, almeno un po’, la vita.

Notte al MUSE, sabato 9 dicembre alle 20.00, è solo per visitatori 18+ e per chi non ha paura di mettersi in gioco.

Il programma prevede un’intera nottata a disposizione dei partecipanti e una serie di incontri con talenti e professionisti del mondo dell’arte, dello sport, della scienza e con vari testimoni che racconteranno l’esperienza o l’incontro che ha cambiato loro la vita.

Tre i principali momenti di dialogo e riflessione, stimolati dagli ospiti presenti al museo: l’attrice, ballerina, conduttrice televisiva e speaker radiofonica Roberta Lanfranchi, il comico Flavio Oreglio, il campione mondiale di vela Ruggero Tita e il ricercatore CNR Francesco Guatieri, il ricercatore e botanico del MUSE Costantino Bonomi.

In particolare, Roberta Lanfranchi svelerà quanto sia presente nel mondo della comunicazione mediatica il problema delle fake news, Flavio Oreglio, assieme al conservatore botanico del MUSE Costantino Bonomi affronterà in modo scanzonato ma scientificamente inappuntabile il tema del “sesso nelle piante”, Ruggero Tita e Francesco Guatieri racconteranno come nella loro vita la passione ha potuto davvero fare la differenza.

Oltre a questi momenti di confronto, negli spazi delle sale opportunamente allestite, si potranno effettuare particolari degustazioni a sorpresa, come un aperitivo di benvenuto con ingredienti inusuali e una calda buonanotte studiata appositamente per gli ospiti dallo chef Alfio Ghezzi, doppia stella Michelin.

Si potranno infine visitare le collezioni del museo e venire a conoscenza dei segreti dei reperti solitamente non esposti al pubblico, oppure visitare sotto una leggera pioggia la serra tropicale (un lembo di foresta pluviale dei Monti Udzungwa, hotspot di diversità ed endemismo dell’Africa Tropicale Orientale in Tanzania).

I più romantici potranno vedere svelati i misteri del cielo grazie a una speciale osservazione guidata delle costellazioni del cielo di dicembre.

Nelle ore più profonde della notte – oltre al riposo – si potrà continuare a dialogare in tranquillità. Come in un vero e proprio bosco, le prime luci dell’alba saranno annunciate dai versi degli animali selvatici. Dopo una robusta (ma sana) colazione, l’ultima attività dedicata al risveglio mentale, ma anche al perfezionamento del benessere fisico, prima di salutarsi e tornare alla vita di sempre. Divertiti e forse, perché no, anche un po’ cambiati.

Info
Tariffa € 80,00.

Ridotto per possessori MyMUSE card
Prenotazioni al numero 0461.270311 o sul sito www.muse.it

Per dormire, il MUSE metterà a disposizione dei materassini. Ogni partecipante dovrà portare con sé, oltre a un abbigliamento adeguato e ai propri effetti personali, il sacco a pelo o la coperta di cui avrà bisogno.

MUSE- Museo delle Scienze
Inaugurato nel 2013 e disegnato da Renzo Piano, è il museo dedicato a scienza, natura, biodiversità, innovazione e tecnologia, con un occhio di riguardo all’ambiente alpino.

In meno di 4 anni ha superato la ragguardevole soglia dei 2 milioni di visitatori, provenienti da tutta Italia e anche dall’estero. Tra le iniziative più apprezzate, da sempre, c’è la Nanna al museo dedicata ai bambini, una proposta che coinvolge ogni volta circa 200 piccoli visitatori che possono trascorrere tutta la notte al museo, tra animali del bosco, scheletri di grandi rettili e installazioni interattive.
Quella del 9 dicembre, invece, è la prima proposta per adulti, un progetto pilota che si basa sull’esperienza maturata in questi anni e si rivolge a chi desidera vivere gli spazi del museo in modo insolito.