Archivi categoria: NOTIZIE

Anticipazioni 2008 – Nuovo TWA Hotel aeroporto JFK di New York

C’è un po’ di Italia nel nuovo TWA Hotel all’aeroporto JFK di New York

 Il tabellone a palette di Solari porta l’Italia nell’hub statunitense

Aperta la prima lounge all’86° piano in attesa dell’inaugurazione dell’hotel

NEW YORK.

C’è un tocco di Italia nell’hotel più atteso del mondo, il TWA Hotel all’interno dell’aeroporto JFK di New York: non aprirà prima della fine del 2018, ma è già un cult tra le mete turistiche da non perdere della Grande Mela e tra gli appassionati di design e di architettura di tutto il mondo.

L’Italia ne è già protagonista all’interno della TWA Lounge, inaugurata pochi giorni fa all’86° piano, grazie ai tabelloni orari di Solari che rappresentano ormai da oltre 50 anni il simbolo per eccellenza del tempo di chi viaggia visualizzando partenze ed arrivi con la tecnologia a palette e il suono inconfondibile del loro aggiornarsi.

Il display made in Italy è stato realizzato nella forma ovale tipica dell’architetto finlandese Eero Saarinen cheprogettò il vecchio terminal TWA del 1962, rimasto inutilizzato dal 2001 perché non riusciva ad ospitare il sempre crescente volume di passeggeri.

Il display originale, progettato dall’architetto Gino Valle, era racchiuso da un guscio ovale disegnato da Saarinen, completamente ricoperto da tessere bianche realizzate dai celebri mosaicisti della scuola di Spilimbergo in provincia di Pordenone: la struttura si è conservata e la Solari è al lavoro per realizzare un nuovo identico tabellone orario.

La lounge appena inaugurata è un vero tuffo nel passato per i viaggiatori del JFK: tutto è volutamente vintage dagli arredi alle divise delle hostess fino al merchandising e alle sigarette, compreso il tabellone a palette di Solari che, nella versione degli anni ‘60, era racchiuso da un guscio ovale disegnato da Saarinen, completamente ricoperto da tessere bianche realizzate dai celebri mosaicisti della scuola di Spilimbergo, in provincia di Pordenone.

“Con l’apertura del Twa Hotel, ancora una volta Solari è al centro del mondo, simbolo intramontabile del tempo del viaggio e icona del design italiano – commentaMassimo Paniccia, presidente di Solari – Oltre ad essere uno degli hub internazionali più importanti e uno spazio di business, grazie a questo albergo l’aeroporto JFK diventerà esso stesso una destinazione di viaggio: ci sarà anche un tocco di Italia grazie a Solari”.

 È talmente importante l’autenticità di ogni dettaglio storico del progetto che Taylor Morse, CEO di Mcr, l’azienda proprietaria del futuro hotel, ha fatto visita alla Solari a Udine insieme a Richard Southwick, Director of Historic Preservation, per verificare fattibilità del progetto: l’azienda è riuscita a risalire a tutti i progetti originali degli anni ’60 per garantire che i due display per le hall dell’hotel saranno identici agli originali.

 Progettati e creati per chi viaggia, gli orologi a palette di Solari sono entrati nelle case e negli uffici di tutto il mondo e oggi, grazie al progetto Solari lineadesign, i due modello cult – il piccolo Cifra 3 da tavolo e Dator 60 che segna anche data e giorno della settimana – sono stati rimessi in produzione e acquistabili in Europa, USA, Russia e Giappone. Per portare il tempo del viaggio anche nella propria casa. www.solarilineadesign.com

L’apertura del TWA Hotel sarà un evento per gli Stati Uniti tanto che ne stanno già scrivendo le più importanti riviste USA.

Nuove scoperte – Miniera d’oro nello spazio – Onde gravitazionali

QUANDO SI SCONTRANO SFERE DI NEUTRONI 

Le onde gravitazionali ci hanno guidato alla scoperta …

L’uomo è riuscito a dimostrare  come nell’universo si formino i metalli pesanti quali:  oro, platino e uranio.

L’oro e gli altri metalli pesanti che si riuniscono nelle nubi interstellari danno vita ai nuovi pianeti

 Dalle antenne gravitazionali Ligo-Virgo e da 70 telescopi sulla Terra e nello spazio l’uomo, per la prima volta, ha osservato come due stelle di neutroni si siano scontrate a 130 milioni di anni luce dalla terra.

Lo scontro di due stelle di neutroni ha mostrato un’onda gravitazionale, quindi i raggi gamma e le radiazioni di ogni tipo, osservati da 70 strumenti contemporaneamente, hanno sollevato, dopo l’esplosione, una nube di polvere d’oro.

La “miniera spaziale” contiene una quantità d’oro come dieci volte la massa della Terra.

Queste onde gravitazionali furono già previste da Einstein un secolo fa e osservate per la prima volta a settembre del 2015.

Le stelle di neutroni sono uno degli oggetti più “estremi” del cosmo

La loro formazione avviene quando una stella esaurisce il suo carburante e smette di brillare.

A quel punto, la pressione è tanto forte che protoni ed elettroni si fondono, formando neutroni.

I due corpi, filmati dall’uomo, avevano una massa pari a 1,2 e 1,6 volte il Sole.

Mentre il loro diametro era di poche decine di chilometri.

La densità di una stella di neutroni è altissima e il suo peso impressionante.

SCI – Sölden Tirolo – Novità sciatori 007 ELEMENTS

A 3050 m di quota è stato realizzato un fabbricato a due piani di 1300 m² … natura mozzafiato !!!

007 ELEMENTS: A SÖLDEN APRE LA NUOVA INSTALLAZIONE CINEMATOGRAFICA DI JAMES BOND 007.

LA COSTRUZIONE DI DESIGN INCANSTONATA NELLA ROCCIA A 3.050 M DI QUOTA E’ VISITABILE A PARTIRE DA DICEMBRE 2017

SÖLDEN, TIROLO.Si chiamerà 007 ELEMENTS la nuova installazione cinematografica dedicata a James Bond, costruita nella pancia della montagna del Gaislachkogl a Sölden, località rinomata per la Coppa del Mondo di Sci.

Il nome  “007 ELEMENTS” rappresenta le 7 gallerie dove verrà inscenato il fantastico mondo di James Bond 007.

L’installazione si concentrerà in special modo sull’ultima produzione „Spectre“ e sulle scene che sono state girate propria a Sölden, ma vedremo anche dei capitoli dedicati alle rispettive 24 produzioni.

Il progetto è nato da una collaborazione tra il direttore creativo Neal Callow (anche art director di Casino Royale, Quantum of Solace, Skyfall e Spectre) e Tino Schaedler, il direttore creativo di Optimist Inc. e dal suo team. Insieme hanno creato un percorso sensoriale che porterà il visitatore ad esplorare l’affascinante mondo di Bond. 

A 3050 m di quota è stato realizzato un fabbricato a due piani di 1300 m², incastonato nella montagna, con un bassissimo impatto ambientale. L’edificio sarà infatti visibile solamente dopo aver attraversato un tunnel. Le  due sale principali offrono una vista spettacolare sulle montagne e sulle vallate attorno.

Grazie alla geniale combinazione tra tecnica avanzata e architettura sobria e contemporanea, la nuova attrazione 007 ELEMENTS promette un’esperienza forte in alta montagna.

L’installazione, costruita in mezzo ad una natura mozzafiato, verrà corredata da una colonna sonora particolare, che renderà il tutto drammatico e emozionante. L’edificio, che accoglierà il fantastico mondo di James Bond è attualmente in costruzione ed è stato progettato dallo studio di architettura Obermoser. Il pluripremiato architetto tirolese Johann Obermoser ha realizzato a partire dal 1983 moltissime costruzioni nel pubblico e privato. Sono suoi anche i progetti di Ice Q – il ristorante futuristico che si trova in cima al Giaslachkogl – e delle cabinovie Gaislachkoglbahn e Giggijochbahn.

007 ELEMENTS è un progetto realizzato da EON Productions,  Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (che detiene tutti i diritti dei film di James Bond) e gli impianti di Sölden.

Informazioni sulle Produzioni  EON
EON Productions Limited e Danjaq LLC sono imprenditori che appartengono e vengono controllati dalla famiglia Broccoli/Wilson. Danjaq è residente negli Stati Uniti e detiene insieme alla Metro-Goldwyn-Mayer Studios tutti i diritti di copyright dei film di James Bond. EON Productions, una costola di Danjaq, è la società di produzione con sede in Gran Bretagna. Il franchise 007 ha prodotto dal 1962 24 film di James Bond.
www.007.com

Informazioni su  Metro-Goldwyn-Mayer
Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) è una delle aziende leader nel mondo dell’intrattenimento con focus sulla produzione e distribuzione internazionale di film e di programmi tv. L’azienda è tra l’altro proprietaria delle Pay TV EPIX ed ha partecipazioni in vari canali televisivi, piattaforme digitali, ecc.
www.mgm.com

Informazioni sulla società Impianti di Risalita di Sölden
La società Impianti di Risalita di Sölden sta investendo da sempre in innovazione e tecnologia avanzata. L’azienda tirolese si è posizionata tra gli impiantisti più all’avanguardia dell’arco alpino ed è orgogliosa di aver creato alcuni gioielli architettonici unici nel loro genere. Tra questi le piattaforme panoramiche BIG 3, che si trovano su tre montagne oltre i 3.000 m di quota, le due cabinovie con la portata più veloce d’Europa (Gaislachkoglbahn e Giggijochbahn) e il ristorante Ice Q sulla cima del Giaslachkogl. Il comune di Sölden è al secondo posto in Austria per il numero pernottamenti, prima c’è solo la città di Vienna
www.soelden.com

Informazioni sullo studio d’architettura Obermoser
Obermoser arch-omo ZT GmbH è uno degli studi d’architettura leader in Austria. Dal 1983 ha realizzato svariati progetti pubblici e privati. L’architetto tirolese Johann Obermoser ha firmato i progetti delle cabinovie Giggijochbahn e Gaislachkoglbahn e del ristorante Ice Q.
www.arch-omo.at

Informazioni su  Optimist Inc.
Optimist Inc. è un’agenzia creativa, che vive di vera innovazione e di novità. Il credo dell’agenzia è basato sull’autenticità e la passione, valori sempre vincenti.
www.optimistinc.com

Donna vittima della serieta’ professionale -Daphne Caruana Galizia

Aveva indicato l’isola di Malta, come “base pirata per l’evasione fiscale in Ue”

Uccisa a Malta la giornalista anti-corruzione Daphne Caruana Galizia

indagava sui Malta-files

Daphne Caruana Galizia era celebre per le sue critiche al governo

LA DEMOCRAZIA STA SPAVENTOSAMENTE DEGENERANDO ???

La cronista e blogger conduceva inchieste su  importanti personalità locali come il primo ministro Muscat e l’ex leader dell’opposizione Busuttil.

Aveva sostenuto che la società panamense Egrant fosse di proprietà della moglie del premier ed aveva indicato l’isola di Malta, come “base pirata per l’evasione fiscale in Ue”. 

La giornalista Daphne Caruana Galizia è rimasta uccisa nel pomeriggio di oggi dall‘esplosione della sua auto.

15 giorni fa, aveva depositato una denuncia dopo aver ricevuto minacce di morte.

 

Sci – foto e soccorsi – Mai più telefono scarico

Helly Hansen: choose like a Pro!

Se si desidera scattare foto o video in pista o sugli impianti, o se si ha bisogno di chiedere soccorso, non succederà mai di avere il telefono scarico a causa dle freddo …

La tasca garantisce due o tre volte più calore di una tasca normale e mantiene le batterie cariche fino a -30 gradi

Helly Hansen permette agli sciatori di scegliere come un Professionista  con la nuova Collezione di Abbigliamento Sci Inverno 2017

Con il nuovo esclusivo sistema Life Pocket le batterie del cellulare o delle fotocamere action durano più a lungo 

OSLO, NORVEGIA 

Dal 1877, Helly Hansenha sviluppato abbigliamento professionale che aiuta ciascuno a stare e sentirsi vivo nelle condizioni climatiche più dure del mondo.

Utilizzando i feedback forniti dai professionisti, i capi di Helly Hensen sono sviluppati per vestire più di 55.000 addetti ai resort e guide che operano in tutto il mondo. Per l’Autunno/Inverno 2017, Helly Hansen presenta una collezione di nuovi capi di abbigliamento tecnico per lo sci che permette ad ogni appassionato della montagna di scegliere come un Professionista.

Prendendo ispirazione dei professionisti che vivono giorno dopo giorno indossando i capi di Helly Hansen, il marchio utilizza i feedback dei suoi resort partner e dagli sciatori per realizzare nuovi prodotti con tecnologie evolute sia per la collezione freeride Ullr, sia per la collezione Resort.

Il cinquanta per cento dei modelli 2017 ha integrato il nuovo sistema Life Pocket, che preserva la durata delle batterie del cellulare o delle fotocamere action.

Utilizzando il nuovissimo PrimaLoft® Aerogel sviluppato con la Nasa, la tasca garantisce due o tre volte più calore di una tasca normale e mantiene le batterie cariche fino a -30 gradi di temperatura esterna. La tecnologia Life Pocket è un plus della collezione sci di questa stagione.

Dopo dieci anni senza produrre tute intere, Helly Hansen ha creato per gli amanti della neve fresca la Ullr Powder Suit, a prova di neve, impermeabile, antivento e traspirante, dotata di tutte quelle caratteristiche che assicurano protezione dagli agenti atmosferici.

I dettagli Hi-Viz e i colori luminosi rendono visibili in neve fresca, mentre il sistema di regolazione termica H2Flow™ aiuta a mantenere sempre la giusta temperatura grazie all’utilizzo di cuscinetti isolanti PrimaLoft® sul retro per una perfetta distribuzione dell’aria in tutto il corpo, anche quando si indossa uno zaino. La pluripremiata Elevation Shell Jacket e la W Aurora Shell Jacket sono state ambedue implementate con l’introduzione della Life Pocket, caratteristica che assicura di essere sempre in contatto se necessario e di non perdere nemmeno una foto mentre si scende in neve fresca.

“Gli sviluppi e le nuove tecnologie non sono soltanto il risultato della collaborazione con i nostri partner, ma anche la conseguenza di guardare con occhio attento il nostro target di consumatori”, afferma Philip Tavell, Category Managing Director per la linea Ski. “Sappiamo perfettamente quanto sia importante oggi stare sempre connessi e a portata di mano.

Il sistema Life Pocket garantisce al proprio telefono una lunga durata della batteria, quindi se si desidera scattare foto o video in pista o sugli impianti, o se si ha bisogno di chiedere soccorso, non succederà mai di avere il telefono scarico per via delle temperature gelide”.

In quei giorni in cui si sente la voglia di raggiungere le piste, Helly Hansen ha introdotto nella collezione le nuove Icon Jacket e W Platinum Jacket.

Entrambe le giacche sono dotate del sistema di regolazione termica H2Flow™, che permette di distribuire in modo omogeneo ed efficace la temperatura del corpo.

Questa tecnologia ottimizza l’isolamento, utilizzando sacche d’aria o fori che immagazzinano il calore del corpo e, allo stesso tempo, consente di controllare il calore e il flusso d’aria attraverso cerniere di ventilazione, trasformando l’aria fredda che entra in aria calda che esce. A completare il design, le giacche hanno migliorato le proprie caratteristiche Hi-Viz per essere certi di essere sempre ben visibili e quindi sicuri in montagna. Sapendo che più del 12% degli infortuni che accadono in pista sono procurati da collisioni, l’alta visibilità diventa uno degli accorgimenti principali in tema di sicurezza.

Le giacche hanno un design elegante, dettagli Hi-Viz che assicurano di esser sempre ben visibili, al di là del numero di persone che si trovano in pista.

I sistemi Life Pocket e l’isolamento PrimaLoft® mantengono dispositivi elettronici e temperatura corporea in perfette condizioni.

Le nuove linee della collezione proseguono nell’impegno di Helly Hansen di collaborare con professionisti, per progettare e fornire capi sempre più durevoli e performanti. L’intera collezione verrà presentata alle fiere di settore Outdoor Retailer, ISPO e SIA. 

 

Helly Hansen Ullr Powder Suit

La nuova Ullr Powder Suit è il sogno di tutti quelli che amano la neve fresca. I dettagli della tuta e le caratteristiche sono stati studiati in base alle esigenze del professionista che vuole vivere momenti indimenticabili in montagna facendo freeride o anche un backcountry tour. L’Helly Tech® Professional 3L, tessuto impermeabile molto traspirabile usato in combinazione con l’innovativo sistema di regolazione termica H2Flow™, migliora notevolmente il comfort e mantiene più caldi, freschi o asciutti a seconda delle condizioni, anche indossando eventualmente uno zaino.

  • Helly Tech® Professional
  • Tessuto a 3 strati con membrana extra traspirante
  • Tesa del cappuccio con dettagli di sicurezza ad alta visibilità
  • Life Pocket
  • Sistema di regolazione della temperatura H2Flow™ per un comfort ottimale
  • Cuciture nastrate
  • Durable Water Repellency (DWR)
  • Idrorepellente, antivento e traspirante
  • Cuscinetti interni in PrimaLoft®
  • Zip per il ricambio meccanico dell’aria
  • Cappuccio fisso compatibile con il casco regolabile
  • 2 tasche chiuse con pateletta, 1 tasca sul petto, 2 taschine aperte e una 1 tasca per la torcia
  • Ghette per il polso con foro per il pollice
  •  Tasche interne per maschera e cappellino

 

Helly Hansen Icon Jacket

La nuova giacca da sci Icon Jacket offre un design sofisticato ricco di funzionalità e nuove tecnologie. Questa giacca imbottita si contraddistingue per le sue caratteristiche altamente innovative come il sistema di regolazione della temperatura H2Flow™. A seconda delle condizioni, questo sistema di canali permette all’aria fredda di entrare e scaldarsi mentre si è attivi e di fuoriuscire tramite alcuni sfiati posti all’interno della giacca, come il sistema di climatizzazione dell’auto. Alcune delle caratteristiche chiave includono la Life Pocket, integrata nella tasca del petto per conservare la batteria degli apparecchi elettronici più a lungo rispetto a una normale tasca in ambienti freddi, nonché una striscia di tessuto Hi-Viz sul cappuccio per essere visibile quando le piste sono affollate.

 

  • Helly Tech® Professional
  • Tessuto a doppio strato
  • Tessuto elasticizzato quadri-stretch
  • Sistema meccanico di ventilazione per la regolazione della temperatura H2Flow™ per un comfort ottimale
  • Life Pocket con isolamento Aerogel PrimaLoft®
  • Cuciture nastrate
  • Impermeabile, antivento e traspirante
  • Idrorepellenza di lunga durata (DWR)
  • Tesa del cappuccio a scomparsa Hi-Viz
  • Tasca esterna Air Pocket tagliata al laser
  •  PrimaLoft® Gold
  • Completamente isolata
  • Sistema RECCO® Advanced Rescue
 

 About Helly Hansen

Fondata in Norvegia nel 1877, Helly Hansen continua a sviluppare abbigliamento tecnico che aiuta a stare e sentirsi vivi.  Grazie alle sue expertise negli ambienti più avversi del mondo, il brand ha sviluppato una lunga serie di innovazioni esclusive sul mercato, compresi i primi indumenti da lavoro impermeabili creati quasi 140 anni fa. Altre innovazioni includono il primo tessuto in pile nel 1960 e il primo intimo tecnico nel 1970, con la Lifa® Stay Dry Technology™ e oggi, la brevettata e premiata tecnologia H2Flow per la regolazione della temperatura. Helly Hansen è leader nel settore dell’abbigliamento tecnico da vela e da sci. Le sue uniformi da sci sono indossate e consigliate da più di 55.000 professionisti, così come dalle nazionali di sci, squadre olimpioniche e in oltre 200 ski resort nel mondo. L’abbigliamento protettivo, l’intimo tecnico, lo sportswear e il footwear   di Helly Hansen sono venduti in oltre 40 nazioni e utilizzati sia da professionisti che da entusiasti dell’outdoor. Per vedere le ultime collezioni Helly Hansen visitate: www.hellyhansen.com

Con il nuovo esclusivo sistema Life Pocket le batterie del cellulare

o delle fotocamere action durano più a lungo.

 

Helly Hansen permette agli sciatori di scegliere come un Professionista

con la nuova Collezione di Abbigliamento Inverno 2017

OSLO, NORVEGIA (Gennaio 2017) Dal 1877, Helly Hansenha sviluppato abbigliamento professionale che aiuta ciascuno a stare e sentirsi vivo nelle condizioni climatiche più dure del mondo. Utilizzando i feedback forniti dai professionisti, i capi di Helly Hensen sono sviluppati per vestire più di 55.000 addetti ai resort e guide che operano in tutto il mondo. Per l’Autunno/Inverno 2017, Helly Hansen presenta una collezione di nuovi capi di abbigliamento tecnico per lo sci che permette ad ogni appassionato della montagna di scegliere come un Professionista.

Prendendo ispirazione dei professionisti che vivono giorno dopo giorno indossando i capi di Helly Hansen, il marchio utilizza i feedback dei suoi resort partner e dagli sciatori per realizzare nuovi prodotti con tecnologie evolute sia per la collezione freeride Ullr, sia per la collezione Resort. Il cinquanta per cento dei modelli 2017 ha integrato il nuovo sistema Life Pocket, che preserva la durata delle batterie del cellulare o delle fotocamere action.

Utilizzando il nuovissimo PrimaLoft® Aerogel sviluppato con la Nasa, la tasca garantisce due o tre volte più calore di una tasca normale e mantiene le batterie cariche fino a -30 gradi di temperatura esterna. La tecnologia Life Pocket è un plus della collezione sci di questa stagione.

 

Dopo dieci anni senza produrre tute intere, Helly Hansen ha creato per gli amanti della neve fresca la Ullr Powder Suit, a prova di neve, impermeabile, antivento e traspirante, dotata di tutte quelle caratteristiche che assicurano protezione dagli agenti atmosferici.

I dettagli Hi-Viz e i colori luminosi rendono visibili in neve fresca, mentre il sistema di regolazione termica H2Flow™ aiuta a mantenere sempre la giusta temperatura grazie all’utilizzo di cuscinetti isolanti PrimaLoft® sul retro per una perfetta distribuzione dell’aria in tutto il corpo, anche quando si indossa uno zaino. La pluripremiata Elevation Shell Jacket e la W Aurora Shell Jacket sono state ambedue implementate con l’introduzione della Life Pocket, caratteristica che assicura di essere sempre in contatto se necessario e di non perdere nemmeno una foto mentre si scende in neve fresca.

“Gli sviluppi e le nuove tecnologie non sono soltanto il risultato della collaborazione con i nostri partner, ma anche la conseguenza di guardare con occhio attento il nostro target di consumatori”, afferma Philip Tavell, Category Managing Director per la linea Ski. “Sappiamo perfettamente quanto sia importante oggi stare sempre connessi e a portata di mano. Il sistema Life Pocket garantisce al proprio telefono una lunga durata della batteria, quindi se si desidera scattare foto o video in pista o sugli impianti, o se si ha bisogno di chiedere soccorso, non succederà mai di avere il telefono scarico per via delle temperature gelide”.

In quei giorni in cui si sente la voglia di raggiungere le piste, Helly Hansen ha introdotto nella collezione le nuove Icon Jacket e W Platinum Jacket.

Entrambe le giacche sono dotate del sistema di regolazione termica H2Flow™, che permette di distribuire in modo omogeneo ed efficace la temperatura del corpo.

Questa tecnologia ottimizza l’isolamento, utilizzando sacche d’aria o fori che immagazzinano il calore del corpo e, allo stesso tempo, consente di controllare il calore e il flusso d’aria attraverso cerniere di ventilazione, trasformando l’aria fredda che entra in aria calda che esce. A completare il design, le giacche hanno migliorato le proprie caratteristiche Hi-Viz per essere certi di essere sempre ben visibili e quindi sicuri in montagna. Sapendo che più del 12% degli infortuni che accadono in pista sono procurati da collisioni, l’alta visibilità diventa uno degli accorgimenti principali in tema di sicurezza.

Le giacche hanno un design elegante, dettagli Hi-Viz che assicurano di esser sempre ben visibili, al di là del numero di persone che si trovano in pista.

I sistemi Life Pocket e l’isolamento PrimaLoft® mantengono dispositivi elettronici e temperatura corporea in perfette condizioni.

Le nuove linee della collezione proseguono nell’impegno di Helly Hansen di collaborare con professionisti, per progettare e fornire capi sempre più durevoli e performanti. L’intera collezione verrà presentata alle fiere di settore Outdoor Retailer, ISPO e SIA. 

 

Helly Hansen Ullr Powder Suit

La nuova Ullr Powder Suit è il sogno di tutti quelli che amano la neve fresca. I dettagli della tuta e le caratteristiche sono stati studiati in base alle esigenze del professionista che vuole vivere momenti indimenticabili in montagna facendo freeride o anche un backcountry tour. L’Helly Tech® Professional 3L, tessuto impermeabile molto traspirabile usato in combinazione con l’innovativo sistema di regolazione termica H2Flow™, migliora notevolmente il comfort e mantiene più caldi, freschi o asciutti a seconda delle condizioni, anche indossando eventualmente uno zaino.

  • Helly Tech® Professional
  • Tessuto a 3 strati con membrana extra traspirante
  • Tesa del cappuccio con dettagli di sicurezza ad alta visibilità
  • Life Pocket
  • Sistema di regolazione della temperatura H2Flow™ per un comfort ottimale
  • Cuciture nastrate
  • Durable Water Repellency (DWR)
  • Idrorepellente, antivento e traspirante
  • Cuscinetti interni in PrimaLoft®
  • Zip per il ricambio meccanico dell’aria
  • Cappuccio fisso compatibile con il casco regolabile
  • 2 tasche chiuse con pateletta, 1 tasca sul petto, 2 taschine aperte e una 1 tasca per la torcia
  • Ghette per il polso con foro per il pollice
  •  Tasche interne per maschera e cappellino

 

Helly Hansen Elevation Shell Jacket

La pluripremiata Elevation Shell Jacket migliora gli standard in termini di protezione, performance e comfort quando si vuole praticare il freeride e vivere infinite avventure. Questo guscio è sviluppato e testato da sciatori professionisti per soddisfare ogni esigenza. La versione 2017 è stata ulteriormente migliorata con l’aggiunta della Life Pocket che estende la durata della batteria del cellulare e della fotocamera action. È realizzata in Helly Tech® Professional 3 L, con una nuova membrana che consente protezione e traspirabilità senza pari. In combinazione con l’innovativo sistema di regolazione di temperatura H2Flow™, migliora indiscutibilmente il comfort rimanendo asciutti, caldi o al fresco a seconda delle condizioni e all’intensità dello sforzo – anche portando uno zaino sulle spalle.

 

  • Helly Tech® Professional
  • Tessuto a 3 strati con membrana extra traspirante
  • Tesa del cappuccio dettagli di sicurezza ad alta visibilità
  • Life Pocket
  • Sistema di regolazione della temperatura H2Flow™ per un comfort ottimale
  • Cuciture nastrate
  • Durable Water Repellency (DWR)
  • Impermeabile, antivento e traspirante
  • Cuscinetti interni in PrimaLoft®
  • Zip per il ricambio meccanico dell’aria
  • Cappuccio fisso compatibile con il casco regolabile
  • 2 tasche a soffietto e 2 sul petto
  • Gonnella asportabile per non far entrare la neve fresca
  • Cappuccio fisso compatibile col casco e regolabile

 

Helly Hansen W Aurora Shell Jacket

Disegnata con le freeskier pro attorno al mondo, l’Aurora Shell Jacket è pronta per ogni avventura nella neve fresca. È stata concepita con il tessuto tecnologico Helly Tech® Professional 3L con una nuova membrana che dona una impareggiabile traspirabilità in modo da rimanere asciutti, caldi e nel confort. È leggermente più lunga rispetto agli standard e con il suo fit rilassato, le tasche e le zip per la ventilazione meccanica, è una giacca che più essere utilizzata anche con lo zaino.

 

  • Helly Tech® Professional
  • Costruzione del tessuto a 3 strati con membrana
  • Life Pocket con PrimaLoft® Aerogel Insulation
  • Tesa del cappuccio e dettagli per la sicurezza Hi-Viz
  • Compatibile con lo zaino
  • Cuciture nastrate
  • Idrorepellente, resistente al vento e traspirante
  • Durable Water Repellency (DWR)
  • Ricambio dell’aria meccanico
  • RECCO® advanced rescue system
  • Cappuccio fisso compatibile con il casco e regolabile
  • Tasca interna per la maschera e tessuto per pulire la maschera

 

 

 

 
Helly Hansen Icon Jacket

La nuova giacca da sci Icon Jacket offre un design sofisticato ricco di funzionalità e nuove tecnologie. Questa giacca imbottita si contraddistingue per le sue caratteristiche altamente innovative come il sistema di regolazione della temperatura H2Flow™. A seconda delle condizioni, questo sistema di canali permette all’aria fredda di entrare e scaldarsi mentre si è attivi e di fuoriuscire tramite alcuni sfiati posti all’interno della giacca, come il sistema di climatizzazione dell’auto. Alcune delle caratteristiche chiave includono la Life Pocket, integrata nella tasca del petto per conservare la batteria degli apparecchi elettronici più a lungo rispetto a una normale tasca in ambienti freddi, nonché una striscia di tessuto Hi-Viz sul cappuccio per essere visibile quando le piste sono affollate.

 

  • Helly Tech® Professional
  • Tessuto a doppio strato
  • Tessuto elasticizzato quadri-stretch
  • Sistema meccanico di ventilazione per la regolazione della temperatura H2Flow™ per un comfort ottimale
  • Life Pocket con isolamento Aerogel PrimaLoft®
  • Cuciture nastrate
  • Impermeabile, antivento e traspirante
  • Idrorepellenza di lunga durata (DWR)
  • Tesa del cappuccio a scomparsa Hi-Viz
  • Tasca esterna Air Pocket tagliata al laser
  •  PrimaLoft® Gold
  • Completamente isolata
  • Sistema RECCO® Advanced Rescue
 

 

 

 

About Helly Hansen

Fondata in Norvegia nel 1877, Helly Hansen continua a sviluppare abbigliamento tecnico che aiuta a stare e sentirsi vivi.  Grazie alle sue expertise negli ambienti più avversi del mondo, il brand ha sviluppato una lunga serie di innovazioni esclusive sul mercato, compresi i primi indumenti da lavoro impermeabili creati quasi 140 anni fa. Altre innovazioni includono il primo tessuto in pile nel 1960 e il primo intimo tecnico nel 1970, con la Lifa® Stay Dry Technology™ e oggi, la brevettata e premiata tecnologia H2Flow per la regolazione della temperatura. Helly Hansen è leader nel settore dell’abbigliamento tecnico da vela e da sci. Le sue uniformi da sci sono indossate e consigliate da più di 55.000 professionisti, così come dalle nazionali di sci, squadre olimpioniche e in oltre 200 ski resort nel mondo. L’abbigliamento protettivo, l’intimo tecnico, lo sportswear e il footwear   di Helly Hansen sono venduti in oltre 40 nazioni e utilizzati sia da professionisti che da entusiasti dell’outdoor. Per vedere le ultime collezioni Helly Hansen visitate: www.hellyhansen.com

 

OLANDA – “Leeuwarden-Frisia Capitale Europea della Cultura 2018”

Leeuwarden-Frisia Capitale Europea della Cultura 2018

Lo scorso 3 ottobre ha preso il via a Leeuwarden, il capoluogo della provincia settentrionale olandese della Frisia, l’evento “Leeuwarden-Frisia Capitale Europea della Cultura 2018”. A meno di 100 giorni dall’inaugurazione ufficiale è arrivato il momento di lanciare un nuovo rinascimento del pensiero che, partendo dalla Frisia, si diffonda in tutto il mondo. La cultura è il motore di Leeuwarden-Frisia 2018, che punta a dimostrare che il coraggio e l’originalità sono essenziali per fare crescere i propri sogni, gesti e diversità a livello internazionale.

 

Una comunità aperta

Riunendo artisti, scienziati, agricoltori, frisoni orgogliosi e visitatori pieni di idee, la Capitale Europea della Cultura contribuisce a ricostruire il mondo per farne una comunità aperta (“iepen mienskip” in lingua frisone). È questo il nucleo su cui è imperniato il calendario di eventi di Leeuwarden-Frisia 2018. Migliaia di frisoni stanno ultimando il programma, creato a partire da un vasto movimento di base. Grazie ai contributi innovativi di artisti internazionali è stato predisposto un calendario che ruota intorno al concetto frisone di comunità aperta.

 

Il calendario

Il calendario completo comprende oltre 60 eventi principali e centinaia di progetti “Mienskip”. I progetti sono articolati seguendo 4 filoni narrativi:

  1. “Osa sognare”: progetti che ci incoraggiano a sognare in grande
  2. “Osa fare”: progetti che puntano ad accrescere la sostenibilità della Terra
  3. “Osa essere diverso”: progetti che promuovono maggiore diversità culturale
  4. “Royal Frisian”: le perle e gli eroi locali della Frisia

Eventi principali

Qui di seguito alcuni degli eventi principali del ricco e interessante calendario:

Il primo evento è la prima grande mostra sul personaggio di Mata Hari

 

Mata Hari, dal 14 ottobre 2017 al 2 aprile 2018 presso il museo Fries Museum

Mata Hari: la cortigiana frisona dalla vita intrigante e misteriosa. A cento anni dalla morte, il museo Fries Museum presenta la più grande esposizione su Mata Hari di tutti i tempi. Oggetti personali, fotografie, album, lettere e dossier militari vi faranno conoscere Margaretha Zelle, la ragazza dietro all’icona frisona soprannominata “Mata Hari”. Partire con lei da Leeuwarden, la sua città natale, alla volta delle Indie Olandesi, per arrivare puntuali all’appuntamento con il destino. Rivivere la sua ascesa nel mondo nei teatri dansant di Francia prima di essere sospettata di spionaggio e scoprire la rete di intrighi in cui si ritrovò intrappolata durante la Prima Guerra Mondiale.

Per comunicato e foto della mostra, clicca qui.

Escher in Viaggio, dal 28 aprile presso il museo Fries Museum
Le sue creazioni sono note in tutto il mondo: le riproduzioni delle sue incredibili immagini sono affisse in camere di adolescenti, esercizi pubblici e abitazioni private. Le opere di Escher sono vere e proprie icone e sono oramai divenute parte integrante della memoria collettiva di tutta l’umanità. Chi non conosce gli uccelli e le salamandre, le scale e i cubi disegnati da Escher? Quando si è l’artista più popolare del XX secolo, una grande esposizione è certamente d’obbligo.

 

11 Fontane dal 18 maggio in undici città della Frisia
Undici artisti tra i più influenti del mondo hanno adottato undici città frisone e i loro abitanti. Ogni artista ha creato una fontana che svela il racconto e la storia della città. Non semplici fontane quindi, ma vere e proprie creazioni artistiche che fondono con originalità la storia e le varie culture delle città frisone.

I Giganti di Royal de Luxe, 17-19 agosto
Il magico spettacolo di strada Royal de Luxe arriva dalla Francia e porta con sé a Leeuwarden i suoi iconici personaggi giganti. Marionette così grandi da svettare al di sopra degli edifici della città, reduci del successo riscosso a Buenos Aires, Montreal, Liverpool e Barcellona: grandiose e impressionanti! Passeggiando per le strade di Leeuwarden I Giganti danno vita, animati da centinaia di volontari, a un racconto ispirato dalla città stessa.

 

Calendario

Il calendario completo per il 2018 è disponibile on-line, con maggiori informazioni sul contenuto degli eventi e dei progetti e con interviste ai volti di Leeuwarden-Frisia 2018:

Ecologia – Salviamo gli elefanti africani

Un tempo c’erano 25 milioni di elefanti in Africa.

Ora l’intera specie rischia l’estinzione. Un terribile segno della disconnessione totale dell’essere umano dalla natura. Ma possiamo ancora invertire la rotta e salvare gli elefanti dall’estinzione.


RICEVIAMO LA NOTIZIA DALL’ASSOCIAZIONE AVAAZ

Abbiamo 10 anni prima dell’estinzione degli elefanti africani. 10 anni!!

Li stiamo spazzando via dal pianeta.

E solo per farne inutili gingilli in avorio!

Ma finalmente abbiamo la possibilità di far chiudere uno dei più grandi mercati dell’avorio: l’Europa. Gli esperti denunciano che il commercio legale di avorio “antico” offre una copertura alla vendita illegale, e alimenta la strage di elefanti.

Ora l’UE ha lanciato una consultazione pubblica, in cerca di prove risolutive. Se le troveranno, un bando totale è possibile.

E Avaaz ha un piano per fornirgli quelle prove.

Stiamo per lanciare una collaborazione con l’Università di Oxford e i migliori esperti di fauna selvatica, per comprare avorio venduto legalmente in Europa e testarlo per verificare la sua vera età. Se dimostreremo che non è antico, avremo la prova necessaria per un bando totale!

I bracconieri uccidono 100 elefanti al giorno. Li ammazzano dagli elicotteri, o spesso gli strappano le zanne a colpi di machete quando sono ancora vivi. La cosa più terribile è che gli elefanti capiscono quello che gli sta succedendo. E passano ore a piangere quando muore un membro della famiglia.

L’unico modo per salvarli è la messa al bando totale del commercio di avorio — e non siamo mai stati così vicini a ottenerla. Stati Uniti e Cina hanno già approvato dei divieti. Hong Kong sembra intenzionata a chiudere il commercio entro il 2021. E l’Europa stessa ha appena sospeso l’esportazione delle zanne. Ma ora potrebbero introdurre ulteriori restrizioni.

E noi possiamo produrre le prove schiaccianti e decisive!

Ma è un’operazione che ha un costo.

E Avaaz ha forse l’unica rete di finanziamento globale in grado di raccogliere in così poco tempo i fondi necessari per uno studio scientifico di larga scala e finanziato dal basso, che possa influenzare l’UE proprio mentre si sta decidendo se vietare o no il commercio d’avorio.

È un progetto che non è mai stato provato prima — deve partire subito, e nessun altro può lanciarlo in un tempo così breve. Dona quanto puoi:

La consultazione si chiude tra poche settimane. Con 50mila donazioni ora, possiamo far partire questo piano già oggi.

Dona ora quanto puoi, evitiamo che questa sia l’ultima decade degli elefanti.

https://secure.avaaz.org/page/it/

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Maggiori informazioni

Il grosso dell’avorio illegale è frutto di caccia recente (ANSA)
http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/natura/2016/11/08/il-grosso-dellavorio-illegale-e-frutto-di-caccia-recente_ae610fd4-a3a6-4ae6-ae76-bb15748a8a18.html

Il massacro degli elefanti in docu (ANSA)
http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2017/09/20/il-massacro-degli-elefanti-in-docu_4087c086-4b75-43c7-b23c-fe67a3f514d0.html

Dal primo luglio stop all’export di avorio grezzo dall’Unione Europea (SkyTG24)
http://tg24.sky.it/ambiente/2017/05/16/ue-stop-export-avorio-grezzo-dal-1–luglio.html

La Cina vieterà il commercio dell’avorio entro la fine del 2017 (The post internazionale)
https://www.tpi.it/2017/01/05/cina-vieta-commercio-avorio-entro-fine-2017/#r

Elefanti, il segreto in un cervello molto simile al nostro (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2017/09/28/cultura/opinioni/editoriali/elefanti-il-segreto-in-un-cervello-molto-simile-al-nostro-Yf0nhmBJu3NzHP00YyIBWO/pagina.html

Arte a Torino – OGR oltre 50.000 visitatori

OGR TORINO: È STATO UN VERO “BIG BANG”

OLTRE 50.000 VISITATORI IN DUE SETTIMANE

 

I concerti di The Chemical Brothers e Atomic Bomb! Hanno chiuso  il “Big Bang” delle OGR, le due settimane gratuite di musica e arte organizzate dalla Fondazione CRT in occasione dell’inaugurazione del nuovo hub della creatività e dell’innovazione di Torino. Grandissima la partecipazione di pubblico. Nelle Officine Nord è già iniziato l’allestimento della mostra “Come una Falena alla Fiamma” che inaugurerà il 3 novembre; l’installazione di William Kentridge e l’opera di Arturo Herrera continueranno a essere visitabili tutti i giorni.

 – È stato un vero e proprio Big Bang per le OGR, le nuove Officine Grandi Riparazioni di Torino. Oltre 50.000 persone hanno partecipato al grande opening lungo due settimane, dal 30 settembre al 14 ottobre, organizzato dalla Fondazione CRT per festeggiare la riapertura della storica “cattedrale” di architettura industriale recuperata e restituita alla città con una nuova missione: dalla riparazione dei treni alla generazione delle idee.

Sono stati 12 mila gli spettatori dei concerti gratuiti che, per tre sabati consecutivi, hanno visto alternarsi sul palco Giorgio Moroder, Elisa, Ghali, Omar Souleyman, Danny L Harle, The Chemical Brothers e il super gruppo Atomic Bomb! – per l’occasione con la partecipazione di Samuel.

Sono 40.000invece le persone che hanno potuto ammirare i progetti site-specific a firma di tre protagonisti delle arti visive contemporanee: l’installazione realizzata dall’artista sudafricano William Kentridge, “Procession of Reparationists”, nella Corte Est delle OGR, “Track”, opera dell’artista venezuelano Arturo Herrera e “Tutto Infinito”, un paesaggio futuristico rivestito di terra rossa e animato da totemiche sculture pensate e realizzate da Patrick Tuttofuoco in collaborazione con i piccoli ospiti di CasaOz e con il network ZonArte.

I visitatori delle OGR hanno apprezzato anche l’area di “Snodo”, il nuovo punto di aggregazione con due ristoranti, un’area lounge, un cocktail bar ed uno smart bar con il “social table” dalla lunghezza record di 25 metri.

Partecipazione da record anche per le attività proposte dal network ZonArte – sostenuto dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT –  che ha accolto i visitatori in un suggestivo viaggio di scoperta all’interno delle OGR: incontri di formazione per insegnanti e professionisti, workshop per gli studenti delle Università e Accademie, programmi per i giovani e per le scuole, anche nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, fino al Family (Sun)Day che ha richiamato una folla di famiglie entusiaste, con oltre 10 mila persone nella seconda domenica del Big Bang.

Da oggi l’installazione di William Kentridge e l’opera di Arturo Herrera saranno visitabili tutti i giorni (lunedì-mercoledì dalle 7 all’1 di notte, giovedì-sabato dalle 7 alle 2 di notte, domenica dalle 8 a mezzanotte), mentre gli spazi delle Officine Nord rimarranno chiusi al pubblico per l’allestimento di Come una Falena alla Fiamma, Like a Moth to a Flame, il  grande progetto espositivo che inaugurerà il prossimo 3 novembre, realizzato da OGR Torino, in collaborazione con Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. La mostra sarà firmata da tre curatori internazionali d’eccezione: Tom Eccles, direttore del Center for Curatorial Studies del Bard College di New York, Mark Rappolt, redattore capo della rivista inglese Art Review, e l’artista britannico Liam Gillick. Nella tradizionale Contemporary Art Week di Torino, la Sala Fucine delle OGR ospiterà il festival Club To Club con i live di Richard Russell, Artetetra, Kamasi Washington, Powell & Wolfgang Tillmanns e, dal 4 al 7 novembre, The Catalogue 1-2-3-4-5-6-7-8, lo show antologico dei Kraftwerk con due concerti al giorno in 3D: un vero e proprio evento che, prima di approdare alle OGR, è stato ospitato in alcuni luoghi-simbolo dell’arte mondiale, tra cui il MoMA di New York, la Tate Modern di Londra, il Guggenheim di Bilbao.

 

TORNA A CRESCERE IL NUMERO DEGLI AFFAMATI NEL MONDO

Noi personalmente abbiamo anche lavorato in Africa; in anni in cui la maggior parte della gente era poverissima, ma non moriva di fame (1975-1985).

Oggi il mondo è più ricco, la scienza è progredita, la medicina è progredita; perché ora di fame si muore molto di più di una volta ?

Le colpe non sono solo dei cambiamenti climatici …

Perché anche in paesi dove non si era mai vista la miseria per tanti decenni, come gli USA e anche la stessa Europa, oggi ci sono abitanti di periferie che vivono nella miseria, senza una casa ?

 E SENZA ANDARE LONTANO, I NOSTRI PENSIONATI CON 700 EURO AL MESE; CHE NON HANNO I SOLDI PER IL DENTISTA E PER ARRIVARE A FINE MESE …

Dati ONU 2016

815 MILIONI di persone hanno sofferto la FAME

= l’11% c.a. della popolazione mondiale.

38 MILIONI in più rispetto al 2015 !!!

CAUSE DELLA FAME:

-i conflitti armati sono aumentati negli ultimi 10 anni !!!
-nello Yemen, in particolare, metà della popolazione – 489 -MILIONI di persone, soffrono la fame
-rischiamo di morire di fame anche moltissimi abitanti di: Siria, Repubblica Democratica del Congo, Myanmar …
-i cambiamenti climatici sono la causa delle principali alluvioni, siccità e conseguentemente delle carestie
-la produzione agricola globale è SCESA, solo nel 2016 è aumentata per la prima volta dopo 8 anni di discesa
-il Sud Sudan è dilaniato dalla siccità: 100 mila persone a rischio di morte per fame e 4,9 milioni riescono a sfamarsi a stento
-Nigeria settentrionale e Somalia: hanno 8,1 milioni e 2,9 milioni di affamati, nel XXI secolo che denuncia gravi problemi di obesità dall’altra parte del mondo …
-Venezuela: oggi in penuria alimentare

-la fame e la miseria sono molto presenti anche nelle periferie delle città più grandi del mondo.

E c’è ancora qualcuno che ritiene i cambiamenti climatici una scelta politica !

G7: Coldiretti a Bergamo

IL CIBO NON DEVE (ma le segue) SEGUIRE LE REGOLE DEL MARKETING

Il nostro mondo è pieno di sprechi, mentre l’altra parte muore di fame …. la dignità dell’uomo è degradata, non stimolata dalla società moderna !

E come mai, con

— milioni di ASSOCIAZIONI SENZA SCOPO DI LUCRO 

nel mondo, LA FAME E’ AUMENTATA E NON

DIMIUNITA ???

La fame è aumentata nonostante si sia verificato un drastico calo dei prezzi dei prodotti agricoli che nel 2016 sono scesi al minimo dell’ultimo quinquennio per le principali materie prime ricomprese nell’Indice Fao”. Lo ha denunciato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalv.

Uno su tre nel mondo – precisa la Coldiretti – lavora in agricoltura o nella pesca con 2,5 miliardi di persone impegnate quotidianamente a sfamare il pianeta che molto spesso sono spinte loro stesse all’indigenza dalle quotazioni irrisorie”.

” … nonostante il forte calo dei prezzi alla produzione agricola – denuncia sempre la Coldiretti – quelli al consumo rimangono alti con conseguenti difficoltà per i più poveri dove resta alta l’insicurezza alimentare tanto che l’11% della popolazione soffre la fame secondo la Fao”.

Domanda semplice;

-a cosa sono servite tutte quelle Società Senza Scopo di Lucro ?

Se la situazione è peggiorata, mentre loro continuano ad aumentare come numero e chiedere soldi con i mezzi più disparati; compresi  ricorsi a immagini di bambini sofferenti ?

E richiami alla morte degli anziani come motivo per donare denaro per essere ricordati ?

Viviamo veramente in un mondo peggiore di quello che abbiamo consciuto nel dopoguerra, o sono solo “pessimistiche visioni” ???

DOCUMENTIAMOCI DA FONTI SERIE E FACCIAMOCI UNA ONESTA IDEA DI COME STANNO ANDANDO LE COSE.

Salute – 500.000 morti per inquinamento in Europa ogni anno

I dati provengono dal rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente

l’inquinamento atmosferico resta il principale fattore ambientale di rischio per la salute umana ed abbassa la qualità della vita

85% della popolazione è esposto allo smog

Serve una trasformazione radicale della nostra mobilità (autombili che non inquinano, invece delle letali Euro 3 DIESEL !!!)

Finalmente si smette di dare tutte le colpe al fumo delle sigarette e si riconosce il pericolo del traffico automibilistico.

IL RAPPORTO: “Qualità dell’aria in Europa 2016”, dimostra che nel 2014 circa l’85% della popolazione urbana nell’Ue è stato esposto alle cosiddette «polveri sottili» (il particolato PM2.5) a livelli ritenuti dannosi per la salute dalla Organizzazione Mondiale della Sanità.

In particolare le vittime del biossido di azoto (NO2) sono 71mila e quelle dell’ozono (O3) sono 17mila.

Per non parlare degli effetti dannosi, quando non sono mortali,  sulla respirazione di bambini e anziani, in particolare.

L’ Unione Europea,  vara nuovi limiti per gli inquinanti dell’aria.