Archivi categoria: viaggiare con i figli

Forte di Fenestrelle – la “Grande Muraglia” italiana

Forte di Fenestrelle: alla scoperta della “Grande Muraglia” italiana tra fascino architettonico e ombre storiche
PaesiOnLine accende i riflettori sulla fortezza militare alpina, al centro di frequenti e accesi dibattiti sul suo utilizzo storico




Che l’’Italia sia ricca di monumenti ed opere d’’arte è ben noto a tutti, basti pensare che è il paese che detiene il record di maggior numero di patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel mondo. Tra le bellezze nostrane, ce n’è una forse poco conosciuta ma che rappresenta un capolavoro dell’’architettura da record, secondo solo alla Grande Muraglia cinese per dimensioni, imponenza e maestosità. Si tratta del HYPERLINK “https://www.paesionline.it/italia/monumenti-ed-edifici-storici-fenestrelle/fortezza”
Forte di Fenestrelle, la più grande fortezza alpina d’Europa, che si trovain Piemonte, lungo la Val Chisone, a pochi chilometri da Torino.

Un’’opera fuori da ogni schema, se si prende come esempio il vecchio modello di costruzione di edifici fortificati, sia per le mastodontiche dimensioni che per l’’articolazione della sua struttura.

Un complesso fortificato unico in Europa, composto da tre forti e due batterie collegate tra loro da una scala di ben 4000 gradini, i cui lavori iniziarono nel 1728 e furono terminati nel 1850.

Il Forte è entrato a far parte delle attrazioni consigliate dalla community di HYPERLINK “https://www.paesionline.it/”PaesiOnLine solo nel luglio del 2015, e da quel giorno più di tre milioni di utenti hanno cercato informazioni, condiviso foto o postato commenti, rendendola protagonista di un dibattito sempre molto acceso e ponendola al centro di aspre polemiche. Se, infatti, è indiscusso il suo valore e la sua maestosità da un punto di vista architettonico, la fanbase sembra dividersi, spesso con toni accesi, sul suo passato, dando vita a veri e propri “salotti” virtuali e svelando pagine di storia che la maggior parte degli utenti definisce cruenta e spesso vergognosa.

Più del 90% degli utenti sposa la teoria del Movimento Neo borbonico e dei suoi sostenitori, ispirati dal libro Il lager dei Savoia, secondo la quale l’’edificio sia un esempio di “campo di concentramento” in cui furono brutalmente uccisi migliaia di soldati borbonici durante il Risorgimento.

Un restante 10%, al contrario, dichiara l’’esistenza di documenti d’’archivio che riportano una realtà diversa da quella comunemente diffusa, mostrando che i reparti del Regno delle Due Sicilie sconfitto inviati al Forte non vivevano, in realtà, le condizioni di lager descritte da altre fonti più vicine ai Borboni, con ufficiali che nulla hanno a che fare con le SS ai quali vengono spesso accostati.

Falso storico, leggenda “metropolitana o complotto?

Sicuramente un argomento molto interessante per gli utenti del web divisi in questa controversia senza fine, che ha avuto il merito di diffondere la conoscenza di un luogo da record d’Italia finora rimasto parzialmente nascosto ai più.

Polemiche a parte, dunque, è impossibile non riconoscere il primato architettonico del Forte di Fenestrelle e il suo valore storico, poiché questa immensa ‘muraglia nostrana’ ha vissuto sulle sue pietre lo snodarsi delle vicende più intense della storia d’Italia, dalla ricerca dell’Unità alla fine della Seconda Guerra Mondiale, comprese le gesta eroiche di chi ha combattuto per la libertà.

 

Finlandia destinazione must-have

 

Visit Finland e Apocalyptica trasformano il DNA in musica

La Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese

“La melodia finale è incredibile. Siamo davvero felici di aver preso parte a questa unione di scienza e arte”

Autenticità e contrasti rendono la Finlandia una destinazione unica

“La Finlandia è una destinazione estremamente interessante sia per la sua autenticità che per i contrasti, poli opposti che non possono che attrarre sempre più visitatori.

Queste dicotomie sono ravvisabili ovunque: nelle persone e nelle stagioni, nella luce e nell’oscurità, nel freddo e nel calore, così come nell’acqua, in tutte le sue forme” ha spiegato il Direttore di Visit Finland Paavo Virkkunen di Finpro.

Un videoclip è stato elaborato in modo da presentare la Finlandia come una destinazione unica, tutta da scoprire.

Tramite l’accostamento di elementi cinematografici d’impatto e differenti effetti visivi legati all’ambiente naturale, il video ispira mente e immaginazione, genera nuove associazioni di idee e favorisce la correlazione tra il contesto naturale della Finlandia e l’identità nazionale.

Unione di arte e scienza

La Sinfonia ha richiesto campioni di DNA che sono stati raccolti in zone della Finlandia molto distanti tra loro: Nuorgam, nell’estremo nord della Lapponia, Hattuvaara, punto più orientale della parte continentale dell’Unione Europea, e le remote isole dell’arcipelago di Hiittinen.

Le basi azotate trovate nei campioni sono state trasformate in suoni con l’aiuto di Jonathan Middleton, professore ordinario dell’Università di Tampere, che ha sviluppato un programma ad hoc.

Tra gli specialisti che hanno collaborato al progetto si ricordano, inoltre, Päivi Onkamo, professoressa ordinaria di genetica all’Università di Helsinki, specializzata in DNA finlandese dell’antichità e Janna Saarela, Direttrice della Ricerca presso l’Istituto di Medicina Molecolare della Finlandia, che si è occupata di raccogliere e analizzare i campioni.

“La melodia finale è incredibile. Siamo davvero felici di aver preso parte a questa unione di scienza e arte”, ha affermato Saarela.

La Sinfonia degli Estremi può essere apprezzata sul sito www.symphonyofextremes.com Ulteriori informazioni sul tema sono scaricabili dal sito http://www.visitfinland.com/it/symphonyofextremes/press/

 

Helsinki, Lunedì 13 novembre 2017, Visit Finland ha ospitato in anteprima mondiale la presentazione della Sinfonia degli Estremi (The Symphony of Extremes), un brano musicale unico, composto da Eicca Toppinen degli Apocalyptica, la cui creazione prende spunto dal DNA finlandese.

La melodia e il videoclip mixano sapientemente arte, scienza e viaggio in modo totalmente inedito, ponendo l’accento sulla personalità dei finlandesi e sui forti contrasti che caratterizzano il Paese.

La celebrazione del centenario dell’Indipendenza – che viene festeggiata quest’anno – e i numerosi, recenti riconoscimenti in ambito turistico hanno puntato ulteriormente i riflettori sulla Finlandia che si impone oggi, ancora di più, come destinazione must-have.

Prova ne sono le ottime performance a livello di arrivi turistici e di overnight (+15% nei primi mesi del 2017*).

Proporsi attraverso attività di marketing insolite è il modo giusto per sottolineare le differenze della Finlandia rispetto alle altre nazioni nordiche.

La nostra intenzione era quella di raccontare la storia della Finlandia attraverso un esperimento che unisse arte, scienza e viaggio.

Questa sinfonia è un eccellente esempio dello spirito innovativo della nazione. Inoltre, la musica è un ottimo aggregatore di persone: il nostro scopo è quello di raggiungere, insieme, nuove platee, attraverso questa campagna” ha affermato Virkkunen.

Una storia di contrasti affascinanti

La Sinfonia degli Estremi è stata composta dal frontman degli Apocalyptica, Eicca Toppinen.

La melodia riunisce in un unico contenitore violoncelli e musica metal.

“E’ stato davvero affascinante comporre una canzone che ha preso spunto dal DNA finlandese.

Certo c’è voluto del tempo per trovare l’approccio giusto, visto che le sequenze del DNA non hanno insite in loro stesse delle vere e proprie melodie. Il risultato finale, ottenuto tramite combinazione di genetica e improvvisazione, ha un tocco decisamente finlandese che ci auguriamo il pubblico riesca a percepire. Questo progetto, altamente gratificante, è il nostro personale tributo al centenario finlandese” ha dichiarato Toppinen, aggiungendo che la sinfonia sarà suonata dagli Apocalyptica, dal vivo, in occasione dei loro prossimi spettacoli.

Informazioni sulla Finlandia

Visit Finland, www.visitfinland.com Twitter, @ourfinland
Facebook, www.facebook.com/visitfinland YouTube, youtube.com/user/VisitFinland Flickr, flickr.com/photos/visitfinland Pinterest, http://pinterest.com/visitfinland Instagram, instagram.com/ourfinland#

UNA MUSICA MAI SENTITA !!!

La Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese.

La Finlandia è una terra di estremi, un ponte tra Est ed Ovest e, allo stesso tempo, tra il Mar Baltico a sud e la tundra artica a nord.

La “Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese” è l’innovativo progetto di Visit Finland che coniuga turismo, scienza e arte, partendo dal genotipo di alcuni personaggi che ben rappresentano i contrasti della nazione nordica. I geni sono stati trasformati in note, grazie alle quali è nata un’inedita composizione musicale in cui si riflettono gli aspetti caratterizzanti di questa terra e della sua gente.

Per celebrare il 100° anniversario dell’Indipendenza finlandese, Visit Finland ha ideato una campagna di comunicazione che non ha uguali a livello mondiale.

Una campagna che si basa su storie autentiche e personaggi reali, senza forzature o finzioni.

Le origini dei finlandesi superano i confini: le regioni occidentali sono influenzate dall’antica cultura agricola europea e dal DNA scandinavo mentre le popolazioni dell’est e del nord derivano da antiche stirpi di cacciatori-raccoglitori arrivati anche da molto lontano. In effetti, a differenza di ciò che si può pensare considerando che la

Finlandia è una tra le più uniformi, egualitarie e sicure nazioni del mondo, i finlandesi delle diverse regioni differiscono molto tra loro, sia da un punto di vista morfologico che genetico.

Scienza e arte: un percorso unico nel suo genere

Jonathan Middleton, professore dell’Università di Tampere e della Eastern Washington University, ha sviluppato un programma che, grazie a degli algoritmi, è in grado di creare suoni dalle coppie di basi del DNA. Eicca Toppinen, della celebre band metal finlandese Apocalyptica, ha utilizzato le note generate dai frammenti di DNA raccolti dai genetisti in giro per la Finlandia per creare una nuova composizione musicale.

I protagonisti

Oltre a Jonathan Middleton, la squadra di scienziati del progetto “Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese” è completata da Päivi Onkamo, docente di genetica all’Università di Helsinki, e Janna Saarela, direttrice della ricerca presso l’Istituto finlandese di Medicina Molecolare (FIMM).

Saranno loro a occuparsi della raccolta del materiale genetico e della creazione dei suoni a partire dal DNA. A quel punto entrerà in gioco Eicca Toppinen, fondatore degli Apocalyptica, gruppo metal di violoncellisti di formazione classica, nato nel 1993 come tribute band dei Metallica, che oggi si esibisce in tutto il mondo suonando musica di propria composizione. Eicca si occuperà dell’aspetto creativo, realizzando il pezzo che andrà a rispecchiare i contrasti estremi che caratterizzano i finlandesi e la loro terra.

Il DNA di partenza è quello dello stesso Eicca Toppinen e di altri personaggi originari delle diverse regioni della Finlandia: Tinja Myllykangas, che vive – senza energia elettrica – nella Lapponia più selvaggia in compagnia dei suoi cani da slitta; Johanna Nordblad, freediver che detiene diversi record mondiali; un gruppo di bambini che vivono a Rosala, in un’isola ai limiti estremi dell’Arcipelago finlandese.

Il DNA della proposta turistica finlandese

La campagna presenta le quattro regioni turistiche della Finlandia – Regione dei Laghi, Lapponia, Arcipelago e Helsinki – attraverso le loro particolarità e i loro contrasti, proponendo offerte rivolte in particolare a una clientela interessata a qualità di vita, natura allo stato puro e sostenibilità.

Il DNA della Regione dei Laghi: un labirinto blu e verde, con specchi d’acqua, isole e fiumi inframmezzati da lingue di terra e foreste, che si stende per centinaia di chilometri a comporre il più grande distretto lacustre d’Europa. Una vacanza nella Regione dei Laghi, con i suoi 500’000 cottage estivi dove i finlandesi vanno a rilassarsi e divertirsi, porta a viaggiare nel cuore dell’identità finlandese.

Il DNA della Lapponia finlandese: terra di miti e natura selvaggia, tradizioni Sàmi sopravvissute alla modernità, renne – più di 190’000 – e Babbo Natale – quello autentico -, i contrasti costituiscono la peculiarità della sua bellezza, caratterizzata da 24 ore di sole in estate e dalla luce blu del “kaamos”, la notte polare, in inverno.

Il DNA dell’Arcipelago: uno stile di vita rilassato, una forte cultura marinara e il senso di libertà caratterizzano l’Arcipelago finlandese che, con le sue 80’000 isole, è il più grande del mondo. Tra antichi villaggi di legno, fari persi nel nulla, patrimoni Unesco e parchi nazionali.

Il DNA della regione di Helsinki: la capitale finlandese è una “metropoli” a misura d’uomo, celebre per il design, l’architettura, il food e i numerosi eventi. Una città di mare viva e attiva ma, allo stesso tempo, rilassata grazie alle sue isole, ai suoi parchi e ai boschi raggiungibili in breve tempo dal centro.

credito fotografico: VisitFinland.com)

Il Paradiso della neve in Vallese – 2’000 chilometri di piste

Dieci buone ragioni per scoprire il Vallese

Quarantacinque vette oltre i 4’000 metri

Oltre 2’000 chilometri di piste e neve sicura

I comprensori sciistici più alti della Svizzera

Riederalp. Casa tipica.

Sei stazioni termali

Leukerbad. Le terme più grandi d’Europa. Foto gentilmente concessa dall’Ufficio del Turismo.

Cinquanta vitigni, coltivati tra i 400 e i 1’100 metri

Un paese dai mille sapori  e tanta aria buona senza auto

Un autentico paradiso invernale, sospeso tra la terra e il cielo !

 

I più alti comprensori sciistici della Svizzera, con oltre 2’000 chilometri di piste e neve sicura, ti danno il benvenuto! Il Vallese propone un’ampia scelta di attività e di destinazioni, per una vacanza invernale indimenticabile.

Potrai respirare a pieni polmoni l’aria delle nostre montagne, lasciare una traccia del tuo passaggio nella neve immacolata e scaldarti al camino di un confortevole chalet.

La media delle ore di sole, eccezionale per una regione alpina, va di pari passo con un clima fuori del comune : è il Vallese stesso la più bella delle stagioni !

Quarantacinque vette oltre i 4’000 metri

In Vallese la stagione invernale è unica. I suoi maestosi 4’000 plasmano un panorama senza eguali e o rono uno scenario in- comparabile per la pratica degli sport invernali.

Sci, snowboard, slittino, soltre 2’000 chilometri di piste e neve si- cura,ciescursionismo, trekking, gite con le racchette da neve, sci di fondo : concediti una nuova avventura oltre il mare di nebbia !

Con i suoi quarantacinque 4’000, il Vallese promette un inverno in vetta alle emozioni.

I comprensori sciistici più alti della Svizzera

La sua posizione peculiare fa del Vallese la regione svizzera più innevata.

Qui si trovano i comprensori sciistici più elevati del Paese ( no a 3’800 metri).

E se la maggioranza delle stazioni apre i battenti da metà novembre, una parte degli impianti di Saas-Fee e Zermatt funziona tutto l’anno: una benedizione per le squadre nazionali di sci che vengono ad allenarsi qui.

Qualunque sia la destinazione prescelta, in Vallese ognuno potrà vivere esperienze uniche e ineguagliabili no alla metà di aprile.

Duemila chilometri di piste

Il Vallese attende tutti gli appassionati con oltre 2’000 chilometri di piste, suddivise in trentasei comprensori sciistici. Chi in mon- tagna si sente a casa sua, ha voglia di evadere dalla quotidianità e di a rontare le s de della natura qui sarà il benvenuto.

Ma potranno divertirsi sulla neve anche i fan dello sciescursionismo o delle gite con le ciaspole, gli amanti dello sci di fondo o dello slittino. Poiché numerosi comprensori sono aperti la sera, gli sciescursionisti possono allenarsi in tutta sicurezza anche durante la settimana.

Sei stazioni termali

In Vallese la vicinanza delle Alpi, con le loro cime e i loro ghiacciai, o re emozioni a fior di pelle.

Qui puoi fare il pieno di calma, respirare a fondo, rilassarti. Il silenzio delle montagne riempie l’anima e libera i pensieri.

Prova le virtù bene che dell’acqua alpina in queste sei stazioni termali vallesane : Breiten, Brigerbad, Leukerbad, Saillon, Ovronnaz e Val-d’Illiez. Troverai sorgenti d’ispirazione per evadere dalla frenesia quotidiana.

Un paese dai mille sapori

Il Vallese è altrettanto rinomato per le sue deliziose specialità gastronomiche. Ecco allora che la raclette compare in qualsiasi festa di paese o famigliare. Il cantone vanta anche il più alto nu- mero di ristoranti gastronomici per abitante di tutta la Svizzera. Nell’edizione del 2017, la guida Gault&Millau recensisce 72 risto- ranti vallesani con almeno 12 punti ciascuno, per un totale di 996 punti. Inoltre, undici ristoranti sono stati insigniti delle preziose stelle della Guida Michelin. Didier de Courten a Sierre e Ivo Adam a Zermatt incarnano la creatività della cucina regionale, ciascuno con due stelle con due stelle all’attivo.

Cinquanta vitigni, coltivati tra i 400 e i 1’100 metri

Il Vallese è contraddistinto da una grande varietà di terreni, espo- sizione, microclimi e regioni. Con i suoi 5’300 ettari di vigneti, non costituisce soltanto il più grande cantone vitivinicolo della Svizzera, ma anche quello che o re la più ricca varietà di vitigni.

Lasciati tentare!

Una cinquantina di vini vallesani DOC aspettano solo di essere degustati. Tra loro, autentiche rarità locali come l’Arvine, il Cornalin o l’Humagne rouge. Per non parlare, poi, di Fendant, Heida, Syrah e dei deliziosi assemblaggi a base di Petite Arvine, Pinot nero o Gamaret. Benvenuto nella più grande enoteca a cielo aperto della Svizzera !

Otto destinazioni turistiche
con il marchio « Famiglie Benvenute »

L’aria balsamica delle montagne, attività divertenti in piena natura : il Vallese non smette mai di sorprendere con le sue o erte tanto numerose, quanto varie e a misura di famiglia.

Le famiglie, infatti, hanno a disposizione un ampio ventaglio di infrastrutture.

Otto destinazioni sono state insignite del marchio « Famiglie Benvenute » dalla Federazione svizzera del turismo (FST): si tratta di Aletsch Arena, Bellwald, Blatten-Belalp, Crans-Montana, Grächen – Saint-Nicolas, Nendaz, Saas-Fee e Zermatt – Matterhorn (Cervino).

Alcune foto sono state offerte dall’Ufficio del Turismo.

Sole e caldo a Cipro per il ponte dell’Immacolata

Cipro. Tramonto a Kourion
Cipro.Sito archeologico di Amathous

CIPRO, META PERFETTA PER IL PONTE DELL’IMMACOLATA!

 Sport, natura, cultura, eccellente enogastronomia per un long weekend

in una meta di grande suggestione

cantine aperte al pubblico

e uno dei mari più puliti dell’area mediterranea

 360 giorni di sole all’anno rendono il clima di Cipro perfetto per un viaggio in ogni stagione.

La combinazione di date di quest’anno regala per il ponte dell’Immacolata un weekend lungo che può essere l’occasione perfetta per scoprire la terza isola del Mediterraneo, lembo d’Europa esoticamente situato nell’estremità orientale del Mare Nostrum.

E per godersi anche gli ultimi appuntamenti di Pafos2017, capitale europea della cultura, come la bellissima mostra Salone d’Automne in Pafos, spin-off dell’evento parigino dedicato all’arte, creato da artisti come Henri Matisse e Pierre Bonnard e giunto alla sua 114esima edizione.

Il fascino di Cipro è legato anche al suo essere un territorio di confine, conteso nei millenni da tutte le civiltà che hanno fatto la storia della cultura europea e scrigno di tesori storico-artistici di inestimabile valore.

La preziosa eredità legata a tutti i passaggi che hanno attraversato l’isola è custodita da una natura spettacolare che oltre a uno dei mari più puliti dell’area mediterranea, mette a disposizione dei visitatori pittoresche zone montuose, morbide colline e un entroterra vario e caratterizzato da differenti tipologie di vegetazione.

Questo mix rende Cipro una meta suggestiva e tra i fattori che la rendono estremamente piacevole figura l’amabilità dei ciprioti sia nei centri urbani di maggiori dimensioni sia nei piccoli borghi che punteggiano il territorio, schiudendo scorci di commovente bellezza.

Oltre agli amanti dell’arte, gratificati dagli ultimi appuntamenti di Pafos2017, per il ponte dell’Immacolata, lo saranno anche gli sportivi che potranno approfittare del clima mite per fare immersioni, trekking, running sui circuiti delle numerose maratone che ospita l’isola e seguire tracciati in bicicletta adatti a tutti, lungo differenti tipologie di percorso. Le bici possono essere comodamente noleggiate in loco e se la neve si manifesta, potrà essere possibile, magari, anche fare una sciata vista mare, lungo le piste dei monti Troodos.

Una grande soddisfazione attende anche degli amanti dell’enogastronomia che potranno varcare la soglia delle numerose cantine aperte al pubblico per assaggiare le produzioni appena imbottigliate. Senza dimenticare altre leccornie tipiche dei mesi freddi come i dolci Soujouko, a base di mosto.

 Qualsiasi sia l’attività preferita, Cipro regala un’opportunità per viverla al meglio. Naturalmente, è perfetta anche per una vacanza slow, magari, all’insegna del benessere approfittando degli ottimi hotel presenti sull’isola che, secondo la leggenda, diede i natali ad Afrodite.

A volte, per diventare un po’ più belli basta semplicemente staccare la spina.

Farlo nell’isola che ha visto nascere la dea della bellezza è una garanzia! Kaló taxídi, buon viaggio!

 Alcune proposte di viaggio:

Ayii Anargyri Natural Healing Spa Resort, situato in prossimità delle sorgenti curative di Miliou, a pochi chilometri da Pafos, offre uno splendido vigneto, corsi di yoga e vari trattamenti salute e bellezza.

Per il ponte del 7 dicembre la quota parte da euro 380 per 3 giorni, con trattamento di B&B per due persone. Incluso l’utilizzo di tutta la splendida area termale e spa.

Londa, situato nella zona turistica di Limassol, è membro della catena Small Luxury Hotels e offre un centro benessere, una piscina all’aperto affacciata sul Mar Mediterraneo,

Per il ponte del 7 dicembre la quota parte da euro 490 per 3 giorni, con trattamento di B&B per due persone.

Incluso l’utilizzo di tutta la splendida area termale e spa.

 Per informazioni: www.turismocipro.it

FOTO da Ufficio Turismo

Capodanno attorno al mondo – Dove ?

Capodanno attorno al mondo

C’è forse modo migliore di cominciare l’anno se non con una valigia in mano?!

A ciascuno il suo viaggio.

Il periodo delle vacanze di Natale è un’occasione golosa per tutti gli amanti dei viaggi: dopo lunghi mesi trascorsi al lavoro, è finalmente ora di pianificare un nuovo periodo di vacanza.


ITALIA – Napoli
“Napule mille culure” cantava Pino Daniele, uno che di Napoli sapeva tutto. Perché i mille colori di questa inafferrabile città non sono solo le sfumature blu del mare, o i gialli, i rossi, gli ocra delle facciate delle case dei vicoli freschi, o il mosaico variopinto delle bancarelle dei mercati: i mille colori sono le tante sfaccettature e le innumerevoli personalità di Napoli, la sua gente, così variegata, i quartieri, ciascuno un mondo a sé. Un caos armonico, un guazzabuglio entusiasmante e in perenne movimento, un nucleo di energia incontenibile tutto da scoprire.
Prima di partire, ascoltare il primo disco di Pino Daniele, Terra Mia
Italia / NAPOLI É MILLE COLORI, LA CITTA’ ATTRAVERSO I SUOI QUARTIERI
Partenze: 30 dicembre – durata: 7 giorni
A partire da 1.250 €
Itinerario completo e dettagli: http://kel12.com/itinerario.aspx?i=12312

::::::

San Pietroburgo

EUROPA – San Pietroburgo

L’INCANTO DEL GRANDE INVERNO

San Pietroburgo: la “Venezia del Nord”, la camaleontica ex capitale della Russia che ha cambiato nome tante volte senza perdere un grammo della sua dirompente identità, la più settentrionale fra le metropoli del mondo, è un vero gioiello dal punto di vista architettonico e culturale.

Fondata dallo zar Pietro il Grande all’inizio del 1700, San Pietroburgo ha fatto proprio il meglio della cultura europea, distillandone l’essenza, che ha poi saputo coniugare con il meglio dell’identità e delle passioni tipicamente russe. In inverno poi, la città acquista una dolcezza indicibile, che ammanta ogni cosa di una bellezza struggente e fuori dal tempo.
Leggere – o rileggere – uno dei capolavori di Dostoevskij, che ha saputo raccontare San Pietroburgo come nessun altro
Russia / SAN PIETROBURGO, IL SOGNO DI PIETRO IL GRANDE
Partenze: 30 dicembre – durata: 5 giorni
A partire da 1.700 €
Itinerario completo e dettagli: http://kel12.com/itinerario.aspx?i=12117

::::::

 

INDIA

ASIA – India

UN’ESPERIENZA INDIMENTICABILE 

La parte meridionale del subcontinente è il luogo dove il viaggiatore può scoprire l’India più “indiana”, dove la cultura dravidica, con le sue tradizioni secolari, non ha ceduto il passo alla cultura occidentale e ha saputo mantenersi intatta: in particolare, il Paese di Dio è la culla della pratica ayurvedica, che favorisce, attraverso massaggi, meditazione e sedute di yoga, la conoscenza di sé e l’equilibrio fra gli elementi che compongono gli esseri umani.
La cultura tradizionale di Tamil Nadu e Kerala offre suggestioni ed esperienze che altre regioni indiane non sanno più offrire, grazie alle immense città-tempio affollate di pellegrini, ai santuari monolitici costruiti sulla spiaggia e alle rappresentazioni teatrali tradizionali, e la natura consente piacevoli momenti di autentica contemplazione: le palme scosse dal vento, il verde luccicante delle risaie incastonate tra i monti e il mare, i canali che scorrono lenti fra la fitta vegetazione tropicale, i giardini di spezie e i piccoli villaggi di pescatori offrono ristoro allo sguardo, che si ritempra osservando i dettagli minuti e i ritmi finalmente più umani.
Leggere “I figli della Mezzanotte” di Salman Rushdie, per capire l’India contemporanea, lontana dall’esotismo e dalle caricature.
India / CAPODANNO NELL’INDIA DEL SUD: TAMIL NADU E KERALA
Partenze: 26 dicembre – durata: 14 giorni
A partire da 3.900 €
Itinerario completo e dettagli: http://kel12.com/itinerario.aspx?i=11218

AFRICA – Gibuti

Gibuti, un angolo del Corno d’Africa grande come la Sardegna, è uno degli ultimi posti del pianeta a rimanere quasi del tutto fuori dagli itinerari turistici, nonostante la bellezza singolare del paesaggio, davvero fuori dal comune: laghi punteggiati da fenicotteri rosa, distese di lava nera che si alternano a coni fumanti, pianure deserte lambite dal mare dove vivono innocui -ma impressionanti- squali balena.

In questa terra di confine, posta fra il Tropico del Cancro e l’Equatore, si può sentire il respiro della terra, che esce a sbuffi dalle fumarole di origine lavica: qui, dove la crosta terrestre raggiunge uno spessore di appena 5 km, si è davvero vicini al cuore del pianeta.
Leggere “Gibuti” di Elmore Leonard, storia di pirati, spie e diplomatici che si muovono circospetti in uno dei luoghi più reconditi e sconosciuti della terra.
Gibuti / MERAVIGLIA DEL CORNO D’AFRICA
Partenze: 26 dicembre – durata: 10 giorni
A partire da 2.770 €
Itinerario completo e dettagli: http://kel12.com/itinerario.aspx?i=11185

::::


AMERICA – Colombia

Cartagena de Indias, sulla costa colombiana affacciata sul Mar dei Caraibi, è contornata da isole e lagune che, nei secoli delle grandi conquiste coloniali, erano teatro di scorribande di pirati e mercenari provenienti dal Vecchio Continente.

Pur essendo una città fortificata, pensata per resistere ai possibili attacchi, Cartagena da Indias è un luogo colorato e vivacissimo, dove si respira un’atmosfera gioiosa e vitale: il dedalo di viuzze del centro storico è una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto, dove murales di ogni genere fanno bella mostra di sé; i portici ospitano negozi e bancarelle di ogni genere, dove si possono fare ottimi affari, e i cocchieri che conducono le carrozze trainate da cavalli attraverso i vicoli e le piazze della città non vi faranno mai mancare una chiacchiera o un suggerimento riguardo al miglior mojito della città!

Ma il vero spirito di Cartagena si coglie durante i festeggiamenti per il Capodanno quando la sfrenata voglia di festa e l’allegria dirompente degli abitanti della città esplodono in musiche, balli, canti e colori: una gioia contagiosa a cui è impossibile resistere.
Leggere uno dei capolavori dell’imprescindibile Gabriel Garcia Marquez, fra cui “Cent’anni di solitudine”, “L’amore ai tempi del colera” o “Memoria delle mie puttane tristi”.
Colombia / CAPODANNO A CARTAGENA DE INDIAS
Partenze: 26 dicembre – durata: 13 giorni
A partire da 5.700 €
Itinerario completo e dettagli: http://kel12.com/itinerario.aspx?i=12813

ATTESA DEL NATALE A VILLACH E DINTORNI

L’ATTESA DEL NATALE NELLA ZONA TURISTICA DI VILLACH: MERCATINI, FOLKLORE E MAGICA ATMOSFERA


Luci scintillanti, colori, sapori e profumi in un’atmosfera magica e incantata.

L’avvicinamento al Natale nella zona turistica di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach è un momento atteso tutto l’anno da grandi e piccini, nonché l’occasione perfetta per scoprire le bellezze e le attrattive di questa piccola perla nel cuore della Carinzia.

Come i Mercatini dell’Avvento di Villach, aperti dal 17 novembre al 24 dicembre, con tutte le piccole e tipiche curiosità.

Da non perdere il grande corteo delle maschere dei “Krampus e Perchten”, che riempirà il centro delle atmosfere e del fascino di un’epoca antica.

L’offerta turistica per l’inverno si arricchisce, dunque, di eventi per tutta la famiglia, tra musica, gastronomia, e tanta magia.
hashtag di riferimento: #Villach #RegionVillach
Cartella zippata con testi e foto
Mercatini dell’Avvento a Villach, la marcia di avvicinamento al Natale

Con l’arrivo dell’inverno, l’atmosfera si riempie di luci e di colori, che s’intensificano con l’avvicinarsi del Natale.

Tra le attrazioni, che da anni ricorrono con l’avvicinarsi del Natale, ci sono i tipici mercatini.

Come quelli della città carinziana di Villach, a pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio.

Davvero suggestivi e caratteristici, sono l’ideale per chi vuole immergersi nella più autentica atmosfera natalizia, lasciandosi inebriare dallo sfavillante luccichio di migliaia di lucine dorate, e dal profumo di cannella e caldarroste.

Quest’anno il Mercatino dell’Avvento di Villach aprirà i battenti il 17 novembre 2017, e resterà aperto fino al 24 dicembre.

Sarà suddiviso in tre aree: la parte più tradizionale del mercatino (Villacher Traditions Advent), con le sue bancarelle in legno, installata nei pressi della chiesa parrocchiale di S. Jakob; la parte dedicata alla tradizione enogastronomica (Villacher Hütten Advent) allestita in piazza Hauptplatz, e il mercato dell’artigianato (Villacher Kunst Advent) allestito nel parco del Parkhotel.

Per maggiori informazioni: www.villacheradvent.at

E il divertimento non finisce qui: per grandi e piccoli, la pista di pattinaggio sul piazzale del Municipio offre una grande opportunità di svago in famiglia, con la possibilità di noleggiare i pattini in loco.

Immancabile, inoltre, il mini-zoo con gli animali della fattoria da accarezzare, come coniglietti e pony.

Tanti anche gli spettacoli di musica e marionette che intratterranno tutti rubando tanti sorrisi. Imperdibili i concerti d’Avvento e di Natale, le mostre di bellissimi presepi, il Mercatino di Capodanno, e i tanti eventi, che saranno organizzati per tutto il periodo natalizio, come la sfilata delle spaventose maschere dei “Krampus e Perchten” prevista in città per il 1 dicembre 2017: dalle 18.30 in poi, mostri e diavoli provenienti da tutta l’Austria passeggeranno indisturbati per le vie del centro presentando questa curiosa tradizione.
Le luci della città viste dalla Drava

Anche per l’inverno 2017 ci sarà la possibilità di combinare la visita ai mercatini di Villach a una piacevole crociera sul fiume.

A bordo della Nave MS Landskron, si scivolerà lungo il corso del fiume Drava, che costeggia Villach e ammirare lo splendido scenario della città illuminata da una prospettiva davvero unica e particolare.

Sarà possibile anche sorseggiare fumanti tazze di sidro caldo fatto in casa, vin brulè e punch, accompagnate da altre specialità tipiche della zona. Partenze previste dalla Drauterrasse ogni sabato e domenica dal 25 novembre al 16 dicembre, oltre a venerdì 8 dicembre, alle ore 16.30 e alle 17.30. Prezzo: € 12,00 per adulti, € 6,00 per bambini (esclusi bevande e spuntini).

L’Avvento Contadino

Il quarto weekend d’Avvento, il 17 dicembre alle ore 17.00, il “Villacher Bauerngman” (un’associazione a cui aderiscono importanti soggetti nel mondo del commercio e dell’imprenditoria di Villach) organizza per il settimo anno l’Avvento Contadino.

Un momento per dare il benvenuto a Gesù Bambino, ai re Magi e agli immancabili angioletti che arriveranno su un battello sulla Drava.

Un gruppo di pastori (impersonati da alcuni bambini di Villach) accompagnerà Gesù Bambino in un festoso corteo fino alla piazza del municipio (Rathausplatz). Qui il “pargol divin” consegnerà i suoi doni all’associazione Bauerngman, per la gioia dei bambini bisognosi.

Il Natale ovunque!

La magia dell’Avvento e dei mercatini di Natale si espande naturalmente per la zona turistica di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach.

In tutta la regione, e non solo a Villach, saranno innumerevoli gli appuntamenti con concerti, come l’Avvento Vocale della CMA a Ossiach il 10 dicembre 2017, o altre caratteristiche manifestazioni, come il corteo di Krampus e Perchten del 7 dicembre 2017 alle 19.00 a Finkenstein. A questi si aggiungono i mercatini in altre località come Bad Bleiberg o Arriach, mostre di presepi e tanto altro.

Una pausa natalizia da dedicare allo shopping

Per chi ama fare acquisti anche durante le festività, a pochi chilometri a sud del centro storico si trova lo Shopping Center ATRIO, un centro commerciale di circa 28.000 m², con oltre 80 negozi, bar e ristoranti e 2.000 posti auto. E per i genitori che vogliono fare acquisti in tutta tranquillità, il parco giochi “Lollipop-Kindererlebniswelt” è uno spazio di 600 m², in cui i bimbi possono sconfiggere la noia divertendosi.

È possibile raggiungere la città di Villach dall’Italia, partendo da Udine, e viaggiare in modo ecologico, in tutta comodità e senza stress con il treno MICOTRA o con l´Intercitybus delle ÖBB. Per informazioni: www.obb-italia.com

Calendario appuntamenti inverno 2017-18 (con riserva di eventuali variazioni)
17.11.17 / 24.12.17 – Mercatino d’Avvento nel centro storico di Villach, www.villacheradvent.at
01.12.17 – Apertura stagione sciistica all’Alpe Gerlitzen
01.12.17 – Grande corteo delle maschere Perchten nel centro storico di Villach, ore 18.30
16.12.17 – Apertura stagione sciistica al Dreiländereck
17.12.17 – Avvento contadino con arrivo del Bambin Gesù, centro di Villach, ore 17.00
24.12.17 – Giornata del Bambin Gesù all’Alpe Gerlitzen: i bambini sciano gratis
27.12.17 / 31.12.17 – Mercatino di Capodanno nella piazza della chiesa a Villach
31.12.17 – San Silvestro a Villach, musica dal vivo nel centro storico di Villach
08.01.18 – Mercatino dei Re Magi a Villach
10.02.18 – Sabato di Carnevale, corteo nel centro storico di Villach, ore 14.00
18.03.18 – Fine stagione sciistica al Dreiländereck
22.03.18 / 31.03.18 – Mercatino di Pasqua a Villach, nella piazza della chiesa
03.04.18 – Fine stagione sciistica all’Alpe Gerlitzen (evt. prolungamento secondo le condizioni della neve)

Come arrivare:
In treno: ogni giorno collegamenti diretti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma). Per dettagli e approfondimenti: www.dbitalia.it e www.obb-italia.com o www.oebb-italia.com.

In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach www.region-villach.at.
Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Region Villach Tourismus GmbH
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail: office@region-villach.at

 

Foto; villach-tourismus-gmbh_adrian-hipp_villacher-alpen-arena

Weekend di dicembre in Norvegia arriva Babbo Natale con tante cose buone

Foto G.Seregni

ystein-Lunde-Ingvaldsen_www.nordnorge-1400

Foto G.SeregniFoto G.Seregni

Foto G Seregni

Cibi tradizionali e Babbo Natale

Feste e spettacoli

Dicembre è un mese vivace per le città norvegesi:

i negozi sono ricchi di offerte natalizie, le case si vestono di luci e colori, i bambini aspettano l’arrivo di Babbo Natale e non c’è tempo per annoiarsi!

Nel periodo che precede il Natale la capitale Oslo si veste a festa e organizza molte iniziative:

https://www.visitoslo.com/it/eventi/natale/eventi/mercatini/

Come da tradizione, il Museo del Folklore Norvegese, un museo all’aria aperta, organizza l’annuale mercatino di Natale.

Passeggiando tra le oltre 100 bancarelle si potranno trovare regali per ogni gusto:

addobbi, oggetti d’antiquariato, composizioni floreali, stoffe, e naturalmente dolci e delizie tipicamente norvegesi.

I salotti del museo sono addobbati con decorazioni tipiche natalizie e mostrano come si festeggiava tradizionalmente il Natale nelle diverse regioni della Norvegia.

Periodo: Dal 2 al 3 dicembre e dal 9 al 10 dicembre. Orari: 11.00-16.00. www.norskfolkemuseum.no

Per chi ricerca invece un mercatino più intimo con un’atmosfera divertente e accogliente, dal 18 novembre al 30 dicembre a Spikersuppa verranno allestite le tradizionali bancarelle natalizie.

Gli stand e i tendoni saranno adornati con le tipiche luci di Natale e offriranno prodotti e specialità dell’Avvento, addobbi e prodotti artigianali. Orari: dalle 11 alle 19.

Un insolito mercatino natalizio da visitare è quello al Blå, un locale a Grünerløkka, qui potrete trovare ogni tipo di abbigliamento anche di seconda mano, prodotti di bigiotteria, ceramiche, vetri, giocattoli e addirittura vecchi LP e quadri.

Alla vetreria, Hadeland, il Natale si annuncia ogni anno con una grande festa all’aperto, in cui il Governatore della Regione accende 50˙000 luci che fanno scintillare il parco con tutte le antiche e splendide case in legno.

Questo singolare evento, chiamato “Festa della Luce”, segna l’inizio dell’Avvento, ovvero quelle settimane buie, ma dall’atmosfera familiare, che precedono il Natale.

Il Mercatino al coperto offre poi, nella sua calda atmosfera, un’ampia varietà di attività pensate anche per i più piccoli, squisiti dolci natalizi tipici norvegesi, e una vasta selezione di articoli in vetro per un elegante regalo di Natale. http://www.hadeland-glassverk.no/

Per tutti coloro che ricercano un’idea regalo originale consigliamo il mercatino presso il Centro Norvegese per il Design e l’Architettura (DogA): qui i designer norvegesi vendono i loro prodotti, abiti, gioielli, borse, accessori e complementi d’arredo.

Periodo: dal 2 al 3 dicembre. Orari: 10.00-17.00. www.dejm.no

Il Blaafarveværket, anticamente famoso per le miniere di cobalto e a solo un’ora di strada di macchina da Oslo offre a partire dal 25 novembre fino al 17 dicembre, la più autentica atmosfera natalizia: al ristorante Kroa si potranno degustare biscotti, prelibatezze culinarie locali come le salsicce e le aringhe di Natale, il paté di fegato e il formaggio stagionato nelle miniere.

Saranno aperti anche i negozi per lo shopping natalizio: il “Blue Shop” con una grande selezione di vetri blu cobalto, e l’emporio con il suo delicato profumo di caramelle e un’ampia offerta di giocattoli per bambini.

I mercatini saranno aperti tutti i giorni dalle 12 alle 17, durante il weekend ci saranno inoltre laboratori gratuiti dedicati alle decorazioni natalizie per i bambini. www.blaa.no

A Bærums Verk, antico centro artigianale del XVII secolo e oggi centro commerciale composto da piccole botteghe, si trova uno dei più grandi alberi di Natale di tutta la Norvegia.

Durante il mese di dicembre vengono organizzate attività di intrattenimento per tutti i gusti. https://www.baerumsverk.no/aktiviteter/jul-pa-baerums-verk/

La casa di Natale a Drøbak è aperta tutto l’anno e oltre ad proporre una vasta scelta di prodotti natalizi dà la possibilità di inviare gli auguri natalizi dall’ufficio postale di Babbo Natale con tanto di timbro ufficiale. http://julehus.no

A Bergen la stagione natalizia inizia come da tradizione il 2 dicembre, data in cui le famiglie sfilano con le torce accese attorno al lago Lille Lungegårdsvann, nel centro della città, per assistere a un magnifico spettacolo di fuochi artificiali.

In città è possibile visitare anche Pepperkakebyen, un’insolita ricostruzione di Bergen creata dai bambini delle scuole e degli asili con biscottini di pan di zenzero. Pepperkakebyen è ormai un’istituzione per Bergen ed è anche la più grande città di zenzero al mondo.

Per entrare nel vero spirito natalizio, durante le quattro domeniche che precedono il Natale è possibile recarsi sul Monte Fløyen e ammirare le imponenti candele dell’Avvento che creano un’atmosfera unica. Lì ad aspettarvi ci saranno Babbo Natale e i suoi aiutanti che raccoglieranno tutti i desideri dei più piccoli.

Gli appassionati di shopping potranno recarsi a Julehuset, un negozio che tutto l’anno offre un’ampia selezione di oggetti tipici della tradizione natalizia norvegese.

Novità di quest’anno il Mercato di Natale di Bergen che si terrà nella piazza Festplassen.

Aperto dal 7 al 23 dicembre 2017 metterà a disposizione dei visitatori oggetti artigianali o fatti in casa. Il Natale è anche la festa per i golosi di tutte le età e Bergen, città della gastronomia, con le sue pasticcerie e gli chef provenienti da tutti gli angoli del mondo sa offrire il meglio delle prelibatezze natalizie e dei dolci tipici. Oltre al cibo attività ed esperienze all’aperto e indoor per bambini e adulti.

Da visitare anche il Juletorget, il piccolo bazar di Natale con bancarelle dove sarà possibile acquistare regali natalizi unici di tutti i tipi. www.visitbergen.com

Egersund, cittadina del sud della Norvegia, è la rivisitazione norvegese del Natale delle città tedesche: luci colorate, bancarelle che vendono cibi e regali natalizi, sculture di legno, maglie e stoffe colorate in pezzi unici che non troverete nei centri commerciali.

Per assaporare la vera tradizione, potrete passeggiare tra i vicoli accoglienti e godervi il profumo della polenta, del vin brulé e del pan di zenzero. Per gli appassionati, Egersund offre spettacoli di teatro dei burattini e di canto corale. Dal 7 dicembre: http://www.julebyen.no/

A Maihaugen, un museo all’aria aperta con case di epoche diverse, il 2 e 3 dicembre dalle 11 alle 17, si può vedere come si celebra il Natale nelle case norvegesi dal 1780 ad oggi. Passeggiando tra le case e le oltre 100 bancarelle si può assaggiare cibo tipico norvegese e comprare regali di Natale che non si trovano da nessun’altra parte. http://www.maihaugen.no/

Da non perdere il mercatino di Natale nel cuore di Røros.

Con le sue case di legno colorate e coperte di neve, Røros incanta grandi e piccoli.

È l’ambiente ideale per assaporare lo spirito del Natale, visitando le bancarelle del mercatino. Periodo: 7-10 dicembre. Orari: 11.00-16.00. https://julemarkedroros.no/christmas-market-in-roros/

Anche Trondheim si veste a festa per il Natale: ogni anno a dicembre la piazza del mercato si anima di luci, colori e bancarelle natalizie con tante idee per i regali.

Qui potrete trovare oggetti della tradizione norvegese fatti a mano, piatti tipici e alberi di Natale. Inoltre potrete assistere a rappresentazioni teatrali all’aperto, fare un giro su una slitta trainata dai cavalli oppure entrare in una tipica tenda lavvu e ascoltare le favole tradizionali norvegesi. http://julemarkedet-trondheim.no/english

A Henningsvær nelle isole Lofoten, durante i mesi di novembre e dicembre (3 novembre – 17 dicembre), si può assistere a un evento insolito.

Dal venerdì al sabato (dalle 11 alle 16) chiunque è invitato a provare una nuova esperienza di shopping natalizio: lontano dai classici centri commerciali, gli artigiani del posto, con molta esperienza nel campo, espongono e vendono oggetti di produzione locale e artigianale. www.lofoten.info

Innovation Norway – Ufficio Norvegese per il Commercio e il Turismo.
Innovation Norway è il più importante ente governativo norvegese per la promozione, lo sviluppo e la crescità delle aziende e dell’industria norvegese.

Le foto dove non è specificato l’autore sono state gentilmente fornite dall’Ufficio del Turismo.

Neve e sci a Cortina – Cortinainnevata

Cortinainnevata: i primi fiocchi di neve sono scesi questa notte, regalando al risveglio un paesaggio imbiancato a tutti gli ospiti della Regina delle Dolomiti.

Il 25 novembre è prevista l’apertura degli impianti in Faloria, ma in attesa di questo imperdibile e ormai tradizionale appuntamento a Cortina per la prima sciata della stagione invernale, la Regina delle Dolomiti riserva alcune sorprese.

Per la felicità dei più piccoli, sabato 11 novembre si festeggerà San Martino a Cortina: ritrovo alle ore 16.00 presso il Centro Montessori per attendere l’arrivo di San Martino sul suo possente cavallo; dopo aver condiviso castagne e succo di mela caldo, si accenderanno le lanterne realizzate pochi giorni prima presso il Museo d’arte moderna Mario Rimoldi e si partirà per un piccolo giro nel villaggio di Zuel, naturalmente guidati da San Martino (www.montessoricortina.it).

Sempre sabato 11 novembre la rassegna Dolomiti in coro – promossa dall’Associazione per lo sviluppo delle attività corali del Veneto Consulta provinciale di Belluno – farà tappa a Cortina presso la Basilica dei Santi Filippo e Giacomo: dalle ore 20.30 si esibiranno la corale d’Ampezzo Enrico Zardini diretta da Simone Nucciotti, il coro bellunese Crystal Tears e il coro polifonico CTG di Belluno sotto la direzione del maestro Sebastiano Sitta.

Ancora sabato 11 novembre, alle ore 19.00 presso l’Alexander Girardi Hall, Ra filodramatica d’Anpézo in collaborazione con il Comune di Cortina d’Ampezzo presenteranno la prima dello spettacolo teatrale in ampezzano Ci Sóne? con la regia di Roberto Zambelli Nichelo (repliche il 12 di novembre alle ore 16.00; il 15, 17, 18 novembre alle ore 21.00; prevendita presso il reparto cartoleria della Cooperativa di Cortina: costo del biglietto 12 euro; gratuito per bimbi sotto i 12 anni; posti numerati).

E per i piccoli attori in erba, dall’8 novembre e tutti i mercoledì di questo mese dalle ore 17.00 alle 19.00, i laboratori gratuiti di avvicinamento al teatro organizzati da Fairplay in collaborazione con l’Associazione culturale Repeat, grazie al contributo del Comune di Cortina d’Ampezzo (per bimbi dai 7 ai 12 anni; posti limitati; per info e prenotazioni: segreteriafairplay@gmail.com).

Weekend nelle città della Svizzera -Treno a 25 euro

Basilea

I MERCATNI DI NATALE NELLE CITTA’ SVIZZERE SONO OLTRE 130

Svizzera: in treno nelle città a 25 euro con la Promo Mercatini e proposte per il Natale

Dai villaggi di montagna alle città di piccole e medie dimensioni, sono oltre 130 i mercatini e gli appuntamenti legati alle festività natalizie.

Il calendario degli eventi rispecchia bene la molteplicità di culture che convivono in Svizzera. Alcuni Cantoni danno inizio ai festeggiamenti in base alla liturgia cattolica romana, altri si rifanno alla tradizione protestante mentre in alcuni sono sopravvissute usanze di origine pagana legate al susseguirsi delle stagioni.

Riparte la promozione congiunta di Trenitalia e Ferrovie Federali Svizzere per viaggiare in treno durante il periodo dei mercatini di Natale risparmiando fino al 75%.

Un esempio? Milano-Basilea costa 25 euro(invece che 101 euro) in 2a classe e 45 euro (invece che 163 euro) in 1a classe.

Occorre acquistare in prevenditaa novembre per viaggiare dal 23 novembre al 20 dicembre da Milano a Basilea, Berna, Zurigo, Losanna, Montreux, Ginevra, Lucerna.

Zurigo immensa pista di pattinaggio

 

BASILEA, atmosfera speciale …

Chi passeggia per la storica città vecchia, con le sue case decorate ad arte e le vetrine addobbate a festa, resta stregato dall’atmosfera natalizia di Basilea.

I mercatini di Barfüsserplatz e di Münsterplatz sono ormai da tempo un must per visitatori vicini e lontani nel periodo dell’Avvento. E centinaia di grandi abeti abbelliscono il centro cittadino, rendendo ancora più palpabile l’incanto della festa. Le tradizionali luminarie natalizie alla Freie Strasse riescono ogni anno a incantare da capo. Particolarmente piacevole è anche l’illuminazione natalizia di St. Alban-Tal, che viene allestita con grande cura dagli apprendisti del vivaio della città.

Il “Märchenwald” di Natale

Offerte speciali per bambini nell’ ambito di Robi-Spiel-Aktionen ; vedi al link : https://www.myswitzerland.com/it-it/suggerimenti/citta/natale-a-basilea.html

LOCARNO , luci e la pista di ghiaccio in piazza….

Una patinoire su Piazza Grande contribuisce a creare la giusta atmosfera natalizia a Locarno da fine novembre all’inizio di gennaio.

Oltre alla patinoire ci sono anche dei bar a forma di iglù: un luogo caldo e invitante, ideale per aperitivi e incontri con gli amici. Di notte, «Locarno on Ice» si trasforma in un balletto di luci colorate che si riflettono sulla patinoire, sulle cupole trasparenti degli iglù e sulla pista da ghiaccio. La musica fa da cornice alla patinoire per tutto il giorno. In occasione dei concerti di solisti e gruppi, la fa persino da padrone. Il programma di intrattenimento comprende numerose manifestazioni per bambini e la tradizionale serata di Capodanno.

ZURIGO, non solo mercatini: 

Alla Bahnhofstrasse, le luminarie natalizie «Lucy» risplendono nella magia del periodo prenatalizio. Al contempo, i negozi della city di Zurigo danno il benvenuto ai visitatori per il «Night Shopping» e tengono aperti i loro locali fino alle ore 22.00.

Insieme a molte attività interessanti e stimolanti, la serata si trasforma in un evento speciale. L’accompagnamento musicale sui palcoscenici della Bärengasse, al Bellevue, alla Löwenplatz e al «ShopVille-RailCity» di Zurigo garantisce altri appuntamenti imperdibili.

Alle ore 18.00 del terzo giovedì di novembre, l’accensione di tutte le luminarie natalizie nel centro storico di Zurigo inaugura la perfetta atmosfera prenatalizia.

Con i suoi 6000 metri quadri, la pista di ghiaccio artificiale Dolder, costruita nel 1930, è a tutt’oggi la più grande superficie di ghiaccio artificiale d’Europa, e da decenni è punto d’incontro prediletto per il pattinaggio.

L’atmosfera è unica nel suo genere: un grande albero di Natale al centro e l’illuminazione a LED con colori alternati trasformano ogni giro sui pattini in una piccola avventura invernale. E chi ha voglia di una pausa può ristorarsi per tutto l’inverno al ristorante con punch e fonduta.

I pattini possono essere noleggiati alla pista di ghiaccio artificiale Dolder, i caschi per i bambini sono addirittura a disposizione gratuitamente. La stagione invernale va novembre all’ marzo.

Attenzione: il mercoledì, dalle ore 17.45 alle ore 19.15, la pista di ghiaccio è chiusa perché riservata ad allenamenti.

MONTREUX

Dalle rive del Lago Lemano su fino ai monti circostanti, la versione natalizia di Montreux (Montreux Noël) offre numerose attività legate al tradizionale mercatino di Natale.

Per un mese intero, il mercatino di Natale entusiasma i quasi 420’000 visitatori garantendo loro un’accoglienza calorosa e ospitale.

Una visita al Rocher-de-Naye, alla casa del vero Babbo Natale, un tour alla scoperta di un autentico paesino natalizio a Caux, un mercatino medievale e un festival delle fiabe dietro alle mura solenni del leggendario Castello di Chillon: a Natale, Montreux ha molto più da offrire di un tradizionale mercatino di Natale.

Per bambini

Montreux Noël a Castello di Chillon

Lucerna: mercatini fra tradizione e design (23 novembre – 24 dicembre)

A Lucerna si respira l’atmosfera natalizia in ogni angolo. Lo shopping inizia in Stazione con il Mercato del Bambin Gesù dal 20 novembre al 23 dicembre. Gli stand offrono un mix di dolci e cibo piccante ma anche candele, lampade ad olio ed utensili da cucina. La piazza adiacente alla Chiesa francescana – la Franziskanerplatz – si anima di luci e bancarelle per tutto il mese, dall’1 al 20 dicembre, con il Mercato di Natale. Dall’1 al 3 dicembre si tiene invece il festival “Design Schenken” (Design da regalare) presso la Kornschütte (municipio): nella tre giorni oltre 90 marchi svizzeri propongono idee regalo creative. Durante i weekend a dicembre e il giorno dell’Immacolata in Weinmarkt ha luogo l’Handcraft Market per chi è alla ricerca solo di oggetti fatti a mano. Dal 14 al 17 dicembre gruppi musicali di diverse nazionalità suonano in Kapellplatz all’interno della manifestazione “Venite”.

Losanna: illuminazioni artistiche e specialità del territorio (23-31 dicembre).

Si terranno sulla Piazza St-François attorno alla Chiesa, sulla Piazza Pépinet e al Flon. Sotto i tetti in legno delle caratteristiche casette, troverete prodotti, dolciumi, oggetti da regalo… da scegliere tra un sorso di vino caldo, un assaggio di raclette ed una piacevole, avvolgente sensazione di convivialità.

Inoltre, dal 23 novembre a fine dicembre, si terrà la nuova edizione del “Festival Lausanne Lumières”: la luce diventa l’elemento di decoro artistico di strade e piazze della città.

Biciocada: campane in festa per l’avvento (16-24 dicembre).

Morcote (non lontano da Lugano), merita una visita anche in inverno.

Soprattutto durante i nove giorni prima di Natale.

Dal 16 al 24 dicembre infatti si coltiva una tradizione natalizia del tutto speciale.

Si tratta di una tradizione rinata nel 1977 grazie al pensionato Giuseppe “Pepo” Ardizio e a un gruppo di amici.

Da allora, le persone del luogo e i turisti si ritrovano ogni anno la sera del 16 dicembre alle 20.30 nel campanile della chiesa di Santa Maria del Sasso di Morcote per inviare saluti musicali come segno dell’arrivo delle festività natalizie.

Mentre le campane suonano alternate, c’è chi griglia salsicce sul fuoco. Ci sono anche formaggi, salametti, vino ticinese e lo stare in compagnia.

Vacanze di Natale di lusso … in ostello

Design, piscina, rooftop e camere superior: a Firenze, Berlino e Praga gli ostelli targati Human Company promettono un soggiorno di qualità a prezzi contenuti

Se per le prossime festività natalizie siete alla ricerca di una sistemazione in una delle più belle città d’Europa che a comfort e qualità dei servizi unisca elementi di design e posizione strategica il tutto a prezzi contenuti, gli ostelli del circuito Human Hostels a Firenze, Berlino e Praga fanno al caso vostro.

Grazie alla formula ostello + hotel, le strutture Human offrono sistemazioni condivise e private di alta qualità dotate di servizi straordinari, come piscine, sauna, terrazza panoramica, area gym, ristorante, bar e molto altro ancora. Per le prossime festività natalizie la doppia parte da 154 euro e i letti in camere comuni da 35 euro a persona (prezzi soggetti a disponibilità).

Mercatini di Natale (Berlino ne conta oltre 60, Praga vanta quelli più belli del mondo, Firenze ospita il suggestivo mercato in Piazza Santa Croce), shopping, mostre, eventi e bellezze artistiche sono di ispirazione per un indimenticabile soggiorno natalizio alla (ri)scoperta di alcune delle più belle città del Vecchio Continente.

Il PLUS Florence si trova nel centrale quartiere di San Lorenzo, dove i colorati commercianti gridano da dietro i loro banchi, raccontando una ricca varietà di prodotti in uno dei quartieri più tradizionali del capoluogo toscano. A PLUS Berlin è ospitato all’interno di un edificio storico in mattoni rossi nel quartiere di Friedrichshain, una delle zone più alla moda della capitale tedesca, tra atmosfera bohemienne e cultura emergente. Il PLUS Prague è immerso nel verde al centro del quartiere di Praga 7, zona tipicamente residenziale molto ben collegata al centro della città.

Per maggiori informazioni sulla tipologia di camere, i servizi delle singole strutture e per prenotazioni: www.plushostels.com/it

Vania Brogi

Senior Account

SEC Spa

via Panfilo Castaldi, 11

20124 Milano

tel. 02 62499954

cell. 338 1367220

www.secrp.it – www.secglobalnetwork.com