Archivi categoria: Italia

Friuli Venezia Giulia calendario extra sci

Friuli Venezia Giulia: le proposte del calendario extra sci per vivere la montagna

Villa Chiozza di Cervignano, 17 gennaio 2018 – Sono le racchette da neve a far da padrone tra le proposte extra sci dell’inverno sulle montagne del Friuli Venezia Giulia, dalle escursioni più semplici a quelle per i più allenati e preparati a maggiori dislivelli, fino alle romantiche e suggestive passeggiate al chiaro di luna. Non mancano però uscite sulla neve con le fat bike, visite sui luoghi della Grande Guerra nelle zone montane e soprattutto attività pensate per i bambini e le loro famiglie.

I venerdì delle ciaspole sono appuntamenti consigliati per i principianti. Da gennaio al 16 marzo a Sauris e Forni di Sopra le guide naturalistiche dell’AIGAE e sullo Zoncolan i maestri della scuola Ski Academy accompagnano i partecipanti alla scoperta della wilderness che distingue questo lembo di Alpi e Dolomiti, Patrimonio mondiale dell’UNESCO, attraverso itinerari semplici che consentono di cogliere il fascino della montagna più autentica a contatto con una natura incontaminata e selvaggia.
Non presentano difficoltà alpinistiche ma sono riservate a partecipanti più allenati e in grado di sostenere dislivelli tra i 600 e i 1000 metri le escursioni con racchette da neve organizzate a Tarvisio, Sella Nevea, Pontebba, Malborghetto Valbruna, secondo appuntamenti domenicali previsti fino all’8 aprile che si alternano con giornate Free Ride con g uida alpina a Sella Nevea. Sono itinerari scelti tra i percorsi più interessanti e spettacolari della zona.
Richiedono l’impegno di un’intera giornata le ciaspolate in quota sulle Alpi Carniche e Dolomiti Friulane. Sono organizzate nel fine settimana a Paluzza, Paularo, Sauris, Forni Avoltri dal 5 gennaio al 18 marzo secondo un calendario che prevede ogni volta itinerari diversi.
Il fascino della neve di notte si può assaporare con le ciaspolate serali e notturne a Ravascletto, Sauris, Forni di Sopra. Sono semplici escursioni accompagnate da guide e consigliate a tutti, in cui le sfumature del tramonto sono il preludio di un’esperienza ancora più suggestiva: la magia dell’ambiente innevato in notturna. Si svolgono fino a marzo secondo un calendario che ruota tra le tre località.

Un altro modo per vivere la neve è quello con la fat bike. Tarvisio, Sella Nevea, Malborghetto Valbruna propongono escursioni accompagnate in fat bike su percorsi innevati adatte a tutti, dai 14 anni in su, della durata di due ore. E ancora Sutrio propone il suggestivo Zoncolan con la fat bike, praticabile tutti i giorni con l’accompagnamento di un maestro MTB.

Per gli appassionati di storia si ripetono anche quest’anno le visite Tarvisiano e Carnia – La Grande Guerra in montagna. Dal fondovalle fino alle cime delle Alpi Giulie e Carniche, isoldati della Grande Guerra furono protagonisti anche lungo questo tratto di fronte, caratterizzato da enormi difficoltà logistiche e da condizioni di vita non semplici. Lo si può scoprire tutti i sabati fino a marzo al Parco Tematico Grande Guerra “Abschnitt Saisera” di Valbruna oppure l’11 e il 18 febbraio partendo da Forni Avoltri lungo il Lago Volaia, un itinerario che prevede l’uso delle ciaspole.

Chi ama i prodotti gastronomici apprezzerà i laboratori di cucina ad Arta Terme durante i quali si impara a cucinare insieme a una chef i piatti della tradizione carnica, come i cjalsons. Sempre in Carnia, sullo Zoncolan e a Sauris, è prevista fino ad aprile l’attività “Al galoppo sulla neve” dedicata a chi ha già molta familiarità con l’equitazione e vuole praticare questa disciplina in un contesto diverso.

Molto ricco anche il programma di attività sulla neve a Piancavallo organizzato da Eupolis con ciaspolate serali e notturne, passeggiate e animazione sulla neve per la famiglia, uscite con le fat bike ed escursioni all’alba.

Ampio spazio è poi come sempre riservato alle famiglie. A Tarvisio con l’iniziativa Ciasporellando all’imbrunire, ogni martedì e giovedì pomeriggio fino a marzo, qualificati istruttori accompagnano i bambini alla scoperta delle racchette da neve, mentre a Ravascletto la scuola di sci Carnia Zoncolan accompagna le famiglie sul sentiero degli “Sbilf”. Sempre i bambini il 14 febbraio a Forni di Sopra possono fare una passeggiata con l’asinello Biagio, reduce dalle fatiche natalizie. E ancora, riservato a bambini e ragazzi è il primo approccio con lo sci nordico con lezioni di fondo a Paluzza ogni sabato fino al 24 febbraio e l’approccio al biathlon nella Carnia Arena di Forni Avoltri. Ma in alternativa alle attività sulla neve c’è il Pony Club di Arta Terme, un maneggio in cui ogni sabato e domenica i bambini possono apprendere le caratteristiche comportamentali dei cavallini e prepararsi per la parte pratica a una breve cavalcata in struttura coperta. Presto arriverà il Carnevale e Tolmezzo con Martedì Grasso al Museo il 13 febbraio apre le porte del suo Museo Carnico delle Arti e Tradizioni per far scoprire ai bambini dai 5 ai 12 anni miti e leggende del carnevale in Carnia. E ancora di ispirazione carnevalesca è la Caccia al tesoro naturalistica riservata ai bambini dai 6 ai 14 anni in programma il 12 febbraio a Forni di Sopra.

Per informazioni e prenotazioni www.turismofvg.it.

San Valentino – Lusso a Milano Hotel Principe di Savoia

Hotel Principe di Savoia

DAY SPA…con vista sulla nuova Milano per una pausa di coppia all’insegna del benessere firmata Comfort Zone

Il trattamento viso Comfort Zone Hydramemory Complete per lei, il massaggio corpo Deep Tissue per lui e, per entrambi, un’esclusiva esperienza all’interno di Club 10  Fitness & Beauty Center.

In soli 50 minuti, Comfort Zone Hydramemory Complete lascia la pelle del viso idratata e setosa. Ristabilisce compattezza, nutrimento e luminosità, prevenendo la secchezza e l’invecchiamento precoce. Si tratta di un trattamento profondamente idratante e antiossidante per viso, collo e décolleté, la cui fase cruciale consiste nell’applicazione di una maschera bifasica i cui effetti e piacevolezza sono massimizzati da un massaggio speciale, realizzato grazie a due pennelli, e dall’esclusiva manualità Comfort Touch. I benefici? Profonda idratazione cutanea, elasticità e luminosità, immediatamente visibili.

Deep Tissue è invece un massaggio corpo defaticante e decontratturante, che aiuta a ridurre le tensioni muscolari. Perfetto per concedere ai tessuti una profonda distensione, dona una piacevole sensazione di leggerezza in soli 50 minuti.

Al termine, la coppia potrà usufruire per l’intera giornata di tutte le aree di Club 10 Fitness & Beauty Center: centro fitness, piscina di 60 mq climatizzata e con vista panoramica su Milano, arSan ea relax con vasca idromassaggio Jacuzzi, sauna e bagno turco.

San Valentino al Club 10 Fitness & Beauty Center è acquistabile dal 1 al 14 febbraio ad un prezzo di 200 euro. Il pacchetto ha validità di 1 anno.

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

Club10: 02.6230.4024 –club10.hps@dorchestercollection.com

 

SOGGIORNO…trattamento principesco per una fuga d’amore

Per le coppie che sognano di viziarsi con un mini-break invernale, un indimenticabile soggiorno romantico vi attende all’Hotel Principe di Savoia, dove la magia inizia già dall’arrivo in camera con champagne e fragole di benvenuto.

Gli ospiti potranno poi cenare a lume di candela nella calda e avvolgente atmosfera del nostro ristorante Acanto deliziando il palato con un menu creato dallo chef  Alessandro Buffolino.

L’offerta è disponibile a partire da Euro 430,00 in camera Classic e da Euro 710,00 in Junior Suite.

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

Reservations: 02.6230.5555 -reservations.hps@dorchestercollection.com

 SAN VALENTINO AD ACANTO…irresistibili tentazioni gastronomiche per una serata speciale

Un prezioso menù studiato ad hoc dallo chef  Buffolino per la serata più romantica dell’anno, nell’atmosfera unica e raffinata del ristorante Acanto.

Quattro portate dai sapori delicatamente afrodisiaci: per iniziare granchio reale e lime, scampo, mango e caviale russo oscietra; il primo piatto prevede cuori al pecorino romano con crema di cime di rapa e baccalà e a seguire astice affumicato con frutta esotica e salsa allo yuzu; per concludere questa romantica esperienza di gusto cuore al lampone con gelato al cioccolato e peperoncino.

Il menu è offerto al prezzo di 125,00 Euro a persona,  vino in abbinamento alle portate Rosato Sangiovese  – Capannelle, acqua e caffè inclusi.

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

Acanto: 02.6230.2026 -acanto.hps@dorchestercollection.com

 

 

Evento a Como – Apre Hilton hotel con panorama su lago e città

La catena Hilton ha aperto a Como un hotel che mancava …

Mancava un hotel dove andare “…a rimirirar le stelle ….”

Da oggi l’hotel Hilton di Como ci offre i suoi servizi in uno dei panorami più famosi e belli del  mondo.

 

 

A Como città, mancava un hotel di alta classe;  con vista lago – piscina compresa, mancava una spa degna di questo nome, mancava un luogo dove godere di un brunch speciale, un aperitivo anche con succhi da centrifugato fatti al momento; di fianco alla piscina panoramica.

A Como mancava un intermezzo pomeridiano con vero “ High Tea” o tè delle cinque degno di questo nome con intrattenimento musicale …

Mancava un ristorante con uno chef che sapesse il fatto suo senza pretese stravolgenti (molte volte deludenti), che parlasse di pasta fatta al momento, di affumicatura in loco … che servisse (per esempio) un risotto con provola affumicata degno di questo nome … tanta seria esperienza senza presunzione.

Bravissimo all’ executive Chef MARCO PEDRETTI (più sotto le specifiche della sua carriera).

Executiva-Chef-Marco-Pedretti-Hilton-Como

Mancavano delle camere d’albergo con soppalco e tetto in vetro per ” …rimirar le stelle… e il panorama”.

Mancava un ragionevole rapporto Qualità- prezzo (intendendo per qualità quella con la Q maiuscola).

Mancavano anche tante suite, tutte degne di questo nome con panorama indimenticabile, jacuzzi privata sul grande terrazzo e una camera presidenziale che è un grande appartamento affacciato su uno dei più bei panorami del lago di Como.

Oggi abbiamo visitato e verificato di persona l’efficienza e la bellezza di questo nuovo Hotel Hilton e ne siamo rimasti entusiati.

 

:::::::::::::::::::::::::

LA SPA E LA PISCINA PANORAMICA SUL LAGO E SULLA CITTA’ DI COMO

Perfetta e funzionale, luminosa e genialmente progettata; ecco la spa del nuovo Hilton Como.

L’ambiente è rilassante e abbellito da lastre di raro marmo blu proveniente dal Canada.

La piscina interna, con vasca jacuzzi, permette anche delle brevi nuotate (15 metri), docce emozionali, sauna e bagno turco completano l’offerta.

I trattamenti sono altamente professionali e sapranno accontentare tutti.

Il signor Michele Proclamato è il responsabile della spa e con tutta l’equipe è in grado di consigliare il meglio per ogni cliente.

::::::::::::::::::::::::

Executive Chef MARCO PEDRETTI

Executive-Chef-Marco-Pedretti-Hilton-Como

MARCO PEDRETTI, classe 1970, nasce a Cremona dove sviluppa anche la sua passione per la cucina..

L’interesse per quest’arte gli viene, infatti, trasmessa direttamente dalla bisnonna che, con la sua trattoria in centro a Cremona, tramanda di generazione in generazione le migliori tradizioni della cucina locale e l’amore per le “mmani in pasta””..

Proclamato cresce a Torino, dove ha modo di formarsi sotto la guida di importanti professori come Massaglia e Sobia presso l’Istituto Alberghiero della città..

Completato il percorso formativo, approda in Jolly Hotels come commis di cucina ed in dieci anni arriva al ruolo di primo turnante prestando servizio in molte strutture di punta della catena.

Il Gran Maestro Anchisi lo segue nella progressione, che lo porterà, una volta fuori dalla Jolly alla sua prima esperienza in un hotel di altissimo livello, che innesca la voglia e la ricerca di scoprire grandi realtà e costruire una fitta rete di relazioni fondamentali per conoscere la gastronomia del nostro Paese e le figure più rappresentative di una classe di maestri che portano quest’arte e questo patrimonio culturale nel mondo..

Cresce ulteriormente in grandi alberghi a quattro e cinque stelle tra la Sardegna, l’arco Alpino e la Toscana dove ottiene grandi soddisfazioni..

Grazie ad un’ulteriore esperienza come chef per CostaCrociere, accresce le sue conoscenze nella gestione di grandi numeri ed un ampio team, ed ha modo di rinnovare il suo entusiasmo per la sperimentazione e l’innovazione, rimanendo fedele ai migliori insegnamenti della tradizione..

Creatività e talento sono le coordinate del concept culinario di Pedretti, mentre gli elementi che definiscono ciascun suo piatto sono qualità, stagionalità e territorialità. Il risultato finale è che ogni sua creazione diventa un’emozione, capace di rimanere impressa nella memoria di chi la degusta..

Marco Pedretti arriva in Hilton Worldwide all’inizio del 2017, spinto da una grande ambizione e motivato dal riconoscersi come la persona giusta nel posto giusto, nel momento ideale. Farne parte dall’inizio, contribuendo alla realizzazione di questo nuovo capitolo dell’ospitalità del Lago di Como, è un ulteriore motivo di orgoglio professionale e personale per Marco Pedretti.

Cosa significa fare lo chef di cucina oggi?? Secondo lo stesso Pedretti:

È uno stile di vita, non più solo un lavoro, è emozione e amore con cui si nutre, il mondo intero”..

Umiltà e professionalità, unite ad un’alta capacità organizzativa appresa dalla mamma ragioniera, fanno di questo Executive Chef un uomo capace di fare dei ragazzi che lo circondano in brigata la sua forza, della materia prima il suo punto fermo e dell’esperienza la capacità di modellarsi, adattarsi e creare la situazione lavorativa adeguata nella quale permettere a tutti di crescere e realizzarsi.

HILTON LAKE COMO

Via Borgo Vico 241,

22100 Como, Italy

TEL:: +339 31 – 3382611

www..hhiltonhotels..iit//iitalia//hhilton – lake – como//

2020 – CENTRO TERMALE WELLNESS a PONTEDILEGNO-TONALE

Complesso termale che  verrà inaugurato nell’estate del 2020

PONTEDILEGNO-TONALE PRESENTA
IL FUTURO CENTRO TERMALE WELLNESS

Pontedilegno – Tonale;

-accanto allo sci e agli altri sport invernali, alle attività sportive estive come la mountain bike e il trekking, nel 2020 sarà inaugurata la nuova proposta di benessere termale.

Il complesso sorgerà in piazzale Europa, nei pressi del centro storico di Ponte di Legno e sarà firmato da Archea Associati, studio fiorentino attivo in tutto il mondo; design contemporaneo e valorizzazione del paesaggio nel rispetto del contesto urbano, naturale o della tradizione storico-culturale di riferimento.

Per presentare il nuovo look di piazzale Europa, il Consorzio Pontedilegno – Tonale ha promosso la mostra

— “Acqua, luce, benessere”, che aprirà martedì 9 gennaio al pubblico (con ingresso gratuito) presso la prestigiosa cornice della Triennale di Milano.

Il tema della mostra sarà l’architettura alpina contemporanea promossa dal Consorzio Pontedilegno-Tonale a compimento del Concorso ad inviti per il nuovo Centro termale e di benessere.

Fino al 21 gennaio sarà possibile ammirare i risultati del concorso che ha visto protagonisti gli studi di fama internazionale: aMDL – Architetto Michele De Lucchi, Archea Associati, CZA Cino Zucchi Architetti, Lissoni Architettura e Substantial Architecture. La mostra sarà inaugurata con una conferenza presso la sala Design Lab mercoledì 10 gennaio alle ore 18.30 alla presenza degli architetti e dei maggiori rappresentanti del Consorzio Pontedilegno-Tonale.
“Dopo gli importanti investimenti fatti negli ultimi 10 anni nel settore degli impianti di risalita, adesso è giunto il momento di implementare i servizi, con particolare attenzione al settore del wellbeing. – spiega Mario Bezzi, presidente del Consorzio Pontedilegno-Tonale e della società SIT spa che ha indetto il concorso per il centro termale- Nell’estate del 2020 un Centro termale wellness sorgerà in piazzale Europa, nel cuore di Ponte di Legno, tra il centro storico e le piste da sci. Il progetto porta la firma dell’architetto Marco Casamonti che ha voluto rispettare l’identità del nostro territorio puntando sui suoi tratti più caratteristici: il ghiaccio e le montagne. Sarà un edificio molto elegante che completerà l’offerta turistica del comprensorio Pontedilegno-Tonale attraverso una esperienza di svago e di tempo libero, come alternativa e completamento dell’attività sciistica”.

La mostra, a cura di Luca Molinari, presenta al grande pubblico tutti i cinque progetti che hanno partecipato al concorso indetto da SIT, Società Impianti Turistici Ponte di Legno. La procedura concorsuale ha rappresentato la scelta vincente di puntare alla “migliore qualità progettuale coinvolgendo grandi firme dell’architettura internazionale” per “dare forma a segni inediti, consapevoli e carichi di calore domestico” capaci di trasformare “nuovi monumenti contemporanei in case aperte, frammenti di un futuro migliore”, commenta Luca Molinari.
Il progetto di exhibit design della mostra, a cura di Vudafieri-Saverino Partners con Cristofori Santi Architetti, organizza lungo 6 clusters un percorso semplice – ma di fine dettaglio allestitivo – in cui conoscere e approfondire senza ridondanze le proposte e il profilo dei team di progetto guidati da Marco Casamonti, Michele de Lucchi, Cino Zucchi, Piero Lissoni e Camillo Botticini con Francisco Mangado oltre allo straordinario contesto entro il quale sorgerà il Centro termale. 18 espositori bifacciali in compensato lamellare di betulla naturale e ferro grezzo non trattato sono distribuiti “a fiore” ritmando il percorso dinamico e continuo, di circolazione e sosta, dei visitatori all’interno dell’atrio di Triennale di Milano.
Disegni, rendering e modelli illustreranno le interpretazioni originali di un’infrastruttura pensata per la cura e l’accoglienza in dialogo con i caratteri del paesaggio alpino.
Fotografie d’epoca e contemporanee, insieme ai brevi interventi del Consorzio Pontedilegno-Tonale e di Luca Molinari, introdurranno agli scenari progettuali a partire dai talenti – naturali e artificiali – che il comprensorio sciistico Pontedilegno-Tonale regala ai suoi abitanti e visitatori. Tra le bellezze del patrimonio di questo territorio ricco di storia e paesaggi incontrastati spiccano il Parco regionale dell’Adamello e quello nazionale dello Stelvio, il Passo Tonale che era la linea di confine con l’Impero austro-ungarico, il ghiacciaio Presena e la via ferrata del Sentiero dei fiori, itinerario a quota 3000 metri.
Il comprensorio Pontedilegno-Tonale
Situato a cavallo tra la lombarda Valle Camonica e la trentina Val di Sole, il comprensorio Pontedilegno-Tonale è una delle destinazioni sciistiche più apprezzate dell’arco alpino con 100 km di piste che vanno dai 3.000 metri del ghiacciaio Presena ai 1.120 metri di Temù, passando per il Tonale e per Ponte di Legno. Il nuovo complesso termale sarà il fiore all’occhiello dell’offerta benessere di questo comprensorio, che sa affascinare i turisti in tutte le stagioni. L’unico elemento che rimane sempre invariato è la natura imponente di questo territorio alpino, con alte vette, lussureggianti boschi di conifere, nevi perenni, torrenti che energicamente e senza tregua attraversano le montagne e le rendono ancora più vive.

La tradizione enogastronomica regala forti emozioni anche ai palati più esigenti; la proposta sportiva è variegata: dallo sci al trekking, dal downhill alla mountain bike alla bici da strada sui passi Gavia e Mortirolo resi celebri dal Giro d’Italia, dal golf in quota alle vie ferrate, dalle gare ultra trail alle passeggiate in quota, sui sentieri della Grande Guerra. Un’attenzione particolare è riservata alle famiglie, che, in tutte le stagioni, trovano eventi e luoghi adatti per i più piccoli.
Info www.pontedilegnotonale.com

Acqua, luce, benessere
Un’architettura alpina contemporanea
a cura di Luca Molinari Studio

VERNISSAGE e CONFERENZA INAUGURALE
Mercoledì 10 gennaio 2018, ore 18.30
Apertura dal 9 al 21 gennaio 2018, ingresso gratuito
Triennale di Milano
Viale Alemagna, 6
Milano
con i progetti di:
aMDL – Architetto Michele De Lucchi
Archea Associati
CZA Cino Zucchi Architetti
Lissoni Architettura
Substantial Architecture
Exhibit design
Vudafieri-Saverino Partners con Cristofori Santi Architetti

Progetto grafico
Simone Bastianelli, Bianca Fabbri
Ufficio Stampa
Pizzinini Scolari ComunicAzione, Consorzio Pontedilegno-Tonale
Allestimento
Plotini Allestimenti

Luca Molinari Studio
Nato dall’esperienza di Luca Molinari in ambito curatoriale, editoriale e di ricerca Luca Molinari Studio crea, sviluppa e fornisce – in ambito nazionale e internazionale – servizi multidisciplinari di curatéla, coordinamento scientifico, project management e consulenza per mostre, eventi, pubblicazioni e concorsi di progettazione. Attraverso un approccio multidisciplinare lo studio persegue l’elaborazione di strategie “su misura” volte alla condivisione dei saperi e a forgiare scenari di futuro possibile.
Vudafieri-Saverino Partners
Fedele alla tradizione milanese dell’atelier creativo, il lavoro dello studio guidato da Tiziano Vudafieri e Claudio Saverino spazia tra l’architettura, il design d’interni, il retail e il food design affrontando sia i grandi temi della città, del paesaggio e della società, sia l’architettura dei luoghi residenziali, commerciali e industriali. Vudafieri-Saverino Partners ha sede a Milano e Shanghai ed opera in quasi tutti i paesi d’Europa, Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea, Sud-est Asiatico, Medio Oriente e Russia.

CONTATTI:
Vania Zampatti
Consorzio Pontedilegno-Tonale
Ponte di Legno (BS) – Via F.lli Calvi, 53
tel. 0364.92097/92639 – vania@adamelloski.com – www.pontedilegnotonale.com

Ufficio stampa per l’Italia
Alessandra Fusé alessandra.fuse@pizzininiscolari.com – + 39 328 97 98 955
Christian Pizzinini – christian.pizzinini@pizzininiscolari.com – + 39 338 85 43 309

Traghetti sconti e low cost per vacanze 2018

30% di sconto per: Sardegna – Sicilia – Spagna e Grecia dal 1 giugno al 30 settembre

GRIMALDI LINES INAUGURA IL 2018 CON NUOVE IMPERDIBILI PROMOZIONI

30%% di sconto per le partenze estive e 20%% di sconto per i last minute invernali

 – Non solo le prenotazioni anticipate per la stagione estiva,, ma anche le partenze last minute di questi mesi saranno molto vantaggiose con Grimaldi Lines !

Per inaugurare al meglio il nuovo anno,, la Compagnia propone infatti un super advanced booking con sconto del 30%% per prenotazioni entro il 28 febbraio e partenze sulle linee Sardegna,, Sicilia,, Spagna e Grecia dal 1 giugno al 30 settembre..

La last  minute 7 g iorni garantisce,, infatti , uno sconto del 20%% a chi prenota a partire da 7 giorni prima della data di partenza sui collegamenti marittimi Sardegna e Spagna p e r partenze entro il 30 aprile 2018..

Entrambe le promozioni si applicano alla quota base ed ai supplementi per tutti i tipi di sistemazione e tutti i veicoli al seguito; non si applicano invece ai diritti fissi, né ai pasti o altri servizi di bordo.

Sono cumulabili con le convenzioni , con le altre offerte attive al momento della prenotazione e con le tariffe speciali per i residenti Sardi Doc e Siciliani Doc . I biglietti non sono rimborsabili , ma sono modificabili in base alle condizioni vigenti..

Il Gruppo Grimaldi ha sede a Napoli, controlla una flotta di oltre 120 navi ed impiega circa 15.000 persone.. Facente capo all a famiglia Grimaldi, il Gruppo è una multinazionale operante nella logistica,, specializzata nelle operazioni di navi roll – on//rroll – o ff, car carrier e traghetti.. Nel settore passeggeri,, il Gruppo opera con diversi marchi,, diversificati per destinazione:: Grimaldi Lines nel Mediterraneo ( Sardegna,, Sicilia,, Spagna,, Grecia,, Tunisia e Marocco)),, Minoan Lines per i collegamenti interni greci ( Pireo – Creta)),, Finnlines per il Mar Baltico (FFinlandia,, Germania e Svezia))..

Eventi novità a Cortina d’Ampezzo

FUNIVIA MARMOLADA:

IL 5 GENNAIO ALBA IN QUOTA CON L’ACCOMPAGNAMENTO MUSICALE DEI CORNI ALPINI

Sul sito www.funiviemarmolada.com/eventi/ tutti gli appuntamenti da non perdere per un inverno che si muove sempre più al top con proposte sci, natura e cultura

3 gennaio 2018, Malga Ciapela (BL)

Salire sulla Marmolada per provare l’esperienza unica dell’alba sulle Dolomiti: per l’alba del 5 gennaio è previsto, inoltre, un intrattenimento musicale durante la colazione con il gruppo di corni alpini Deutschnofen Alphornbläser.

Un’esperienza suggestiva in cui apprezzare questo particolare strumento musicale noto anche con il nome di corno delle alpi, alphorn, alpenhorn o cor des alpes, tradizionale strumento a fiato costituito da un corno naturale di legno usato dagli abitanti delle Alpi. E’ questo uno degli eventi offerti dalle Funivie Marmolada che ogni venerdì del mese di gennaio (5-12-19-26 gennaio 2018) permette di salire sulla Regina delle Dolomiti quando ancora a valle tutto è immerso nell’oscurità, per godere dello spettacolo offerto dall’alba da un punto di vista privilegiato a 3.265 m.

Gli altri eventi in programma sulle funivie sono disponibili nella sezione eventi del sito delle Funivie Marmolada (www.funiviemarmolada.com/eventi/ ) dove è possibile scoprire i dettagli degli aperitivi in quota o di vari appuntamenti per discese mozzafiato o altro ancora.

A quota 3.000 metri, inoltre, è raggiungibile con la funivia il Museo Marmolada Grande Guerra, con visite guidate gratuite con una guida esperta del territorio previa prenotazione (al 3346794461; visitmuseo@museomarmoladagrandeguerra.com ) per tutta la stagione.

Di seguito il programma dettagliato di questo evento che offre agli sciatori anche la possibilità di sciare per primi sulle piste immacolate della rinomata bellunese.

ALBE DALLA REGINA
L’Alba dalla Regina a Punta Rocca e a Serauta ha il seguente programma:

MARMOLADA SRL Via Malga Ciapèla, 48 32023 Rocca Pietore (BL) Tel. +39 0473 522984 www.funiviemarmolada.com

06.30 Partenza da Malga Ciapèla
06.45 Breve pausa caffè a Serauta
07.00 Partenza per Punta Rocca per lo spettacolo
07.30 – Per gli sciatori: Rientro con gli sci a Malga Ciapèla e risalita a Serauta per il brunch prima dell’orario di apertura (08.40) purché muniti di biglietto idoneo (Superski, ecc.)
Per non sciatori: Discesa con l’impianto a Serauta per il brunch e poi rientro libero. COSTO PER PERSONA € 40 (comprensivo di biglietto per salita e discesa, pausa caffè a Serauta e ricca colazione a buffet al ristorante di Serauta).

Per prenotazioni e aggiornamenti sul calendario degli eventi telefonare al numero 0437-522984 oppure consultare www.funiviemarmolada.com

La magia della vigilia dell’Epifania continua poi nei Serrai di Sottoguda, quando alle 18.00 la befana si calerà dal ponte più alto delle Dolomiti per portare doni ai più piccini presenti nel fatato regno di Re Ombro, dove le cascate di ghiaccio scendono a picco sul torrente sottostante.

Vin Brulè e tanta musica accompagneranno l’evento allietando i più grandi.
Per maggiori informazioni sull’evento telefonare al 0437 722277 (evento organizzato dal Cnsas Val Pettorina Dolomites in collaborazione con Comune di Rocca Pietore, COT Marmolada, Ana sezione Rocca Pietore Marmolada, Comitato Manifestazioni Marmolada e la Compagnia del Ciaudrin).

Marmolada srl

Marmolada srl è una società che dal 1967 si occupa della gestione dell’omonimo impianto di risalita, costruito per raggiungere facilmente la Regina, la cima più alta delle Dolomiti, la Marmolada. Da 50 anni quindi, la funivia permette a valligiani e turisti di godere dell’incredibile spettacolo delle vette dolomitiche da Punta Rocca (3.265 m), di sciare sul ghiacciaio o semplicemente di fare una gita in quota. La società non si è occupata solo di turismo ma ha coniugato montagna, cultura e turismo, inaugurando già nel 1990 il primo Museo della Grande

MARMOLADA SRL Via Malga Ciapèla, 48 32023 Rocca Pietore (BL) Tel. +39 0473 522984 www.funiviemarmolada.com

Guerra in alta quota che nel 2015 è stato poi completamente rinnovato e ora completa la sua innovazione e attrazione turistica inaugurando due ascensori arditi a Punta Rocca, per sciatori, escursionisti e accessibili a tutti. Per maggiori informazioni: www.funiviemarmolada.com

Museo Marmolada Grande Guerra 3.000 m. il più alto d’Europa

E’ il primo museo in alta montagna dedicato ai cimeli della Grande Guerra rinvenuti sul massiccio della Marmolada. Nel 2015 l’associazione Museo della Grande Guerra in Marmolada Onlus lo ha rinnovato in occasione delle manifestazioni del Centenario, grazie al finanziamento di Marmolada Srl. Il nuovo Museo è stato ampliato in uno spazio all’interno della seconda stazione della funivia (Serauta). Il filo conduttore del nuovo Museo è il racconto della vita del soldato tra il tunnel della morte e la galleria della vita in cima ad una montagna, che sicuramente non era un luogo adatto per una guerra. E’ un museo interattivo e multisensoriale, adatto a tutti i tipi di visitatore: dal bambino, allo storico, allo sciatore che vuole fare una pausa culturale nella sua giornata sugli sci, immergendosi nella storia della guerra di allora. Il significato più grande di questo museo sta nella volontà di trasmettere i valori di pace e di solidarietà, e ogni anno lo fa presentando nuovi eventi utili a mantenere vivi i ricordi di un tragico periodo vissuto dalle popolazioni di questi territori. Per maggiori informazioni: www.museomarmoladagrandeguerra.com

 

TOFANA – FRECCIA NEL CIELO / INVERNO 2017-2018

Per gli sciatori più appassionati nel comprensorio Tofana – Freccia nel Cielo è aperta la pista più lunga di Cortina d’Ampezzo e il rientro fino in paese con gli sci

Après ski imperdibili al Bar Freccia mentre a Col Druscié skipassta da gustare per tutti nelle pause: ecco alcune delle proposte con cui Tofana – Freccia nel Cielo arricchisce il calendario per l’inverno 2017-2018

Cortina 3 gennaio 2018 – Aperta nel comprensorio Tofana – Freccia nel Cielo la pista più lunga di Cortina d’Ampezzo: oltre 7,8 km.

Più in dettaglio, sci ai piedi dalla pista Bus Tofana per Pian Ra Valles, Forcella Rossa, Muro de Ra Cioures e per finire con la pista Stries – per un dislivello di 1686 m e una lunghezza di 7820 m – si arriva alla partenza della funivia proprio a pochi minuti dal centro di Cortina passando tra piste dai panoramici unici sulla Conca ampezzana.

Après ski al Bar Freccia…

E dopo una giornata di sci nella natura spettacolare delle Dolomiti al Bar Freccia, presso la partenza delle funivie, dalle ore 15 alle 18 sarà possibile ballare all’ aprés ski aperto anche a chi non scia.

…Skipassta a Col Druscié

il chiosco di Col Druscié offre un nuovo progetto per questa stagione invernale: lo SKIPASSTA http://skipassta.it/ uno ski break sano e genuino che propone pasta fresca fatta a mano, con un’attenta selezione delle materie prime da

assaporare sulle piste.

Di seguito si riepilogano gli eventi i cui dettagli sono disponibili al link http://www.freccianelcielo.com/eventi/

Alba da Ra Valles

Si sale in funivia avvolti dalle prime luci dell’aurora fino a quota 2.475 dove, presso Capanna Ra Valles, si potranno ammirare i contorni delle cime attendendo l’alba e gustando una prelibata colazione preparate sapientemente dai cuochi della gastronomia di Tofana – Freccia nel Cielo, per poi indossare gli sci e divertirsi sulla neve prima di tutti.

Prenotazione obbligatoria al nr. 0436
5052 oppure scrivendo a info@freccianelcielo.com
Costo dell’evento: € 30.00 a persona che include funivia e colazione. Evento accessibile anche ai non sciatori

Baby Tofana Land

Per il secondo anno consecutivo apre il Baby Tofana Land che, per questa stagione, si sposta presso il Bar Freccia alla partenza della funivia. I bambini dai 3 ai 10 anni, accolti e seguiti da due operatrici dell’infanzia, possono divertirsi tra giochi di società, costruzioni, libri, colori e nell’area esterna attrezzata per giochi all’aria aperta, mentre i genitori sciano liberamente godendosi meritati momenti di relax.
Il servizio viene offerto contestualmente all’apertura della funivia da Dicembre 2017 a Pasqua 2018, da lunedì a domenica, festività incluse. Orario d’apertura, in concomitanza con l’apertura degli impianti sciistici: dalle ore 08.30 alle 17.00. Il costo è di € 12,00/ora.

Info e prenotazioni: babytofanaland@freccianelcielo.com tel. (+39) 333 9172058 | www.freccianelcielo.com

CIASPOLARE IN ALTA QUOTA
A chi ama passeggiare con le ciaspe il comprensorio di Tofana- Freccia nel Cielo offre due nuovi sentieri panoramici in alta quota, adatti a tutti e percorribili in un’ora circa.

Trail Pian Ra Valles

Piacevole passeggiata a quota 2400 metri il Trail Pian Ra Valles offre spettacolari paesaggi sulla Regina e sulle circostanti cime delle Dolomiti d’Ampezzo come Monte Cristallo,Pomagagnon, Croda Rossa, Monte Faloria, Monte Sorapìs e Tofana di Mezzo. Per chi è più allenato questo tracciato può essere completato anche con il Trail Cacciatori.

Trail Cacciatori

Escursione abbastanza impegnativa a quota 2600 metri nei pressi dei Canalini di Ra Valles, il Trail Cacciatori è un sentiero panoramico che consente di addentrarsi nei silenzi unici della Tofana di Mezzo. Con la neve fresca il tracciato consente di percorre il crinale sopra la pista Cacciatori per poi aprirsi sulla Conca Ampezzana, regalando viste mozzafiato anche sulle cime Dolomitiche circostanti.

CIASPE AL CHIARO DI LUNA IN ALTA QUOTA: SPORT E GUSTO INSIEME

Per chi ama la natura, la montagna e la neve, la proposta “ciaspe e gusto” della ski area Tofana- Freccia nel Cielo a Cortina d’Ampezzo è la soluzione ideale.
Novità per la stagione invernale 2017-2018, la Ciaspolata al chiaro di luna inizia con un breve aperitivo di riscaldamento e si sviluppa con un suggestivo percorso con le ciaspole tra gli spettacolari panorami innevati della Tofana di Mezzo, per concludersi con una gustosa cena al Ristorante Capanna Ra Valles, situato a quota 2.475 metri, con splendida vista sulla Conca ampezzana.

L’escursione con le ciaspole si svolgerà in compagnia di una Guida Alpina e avrà una durata di circa 1h e 30 minuti lungo un percorso molto semplice e adatto
a qualsiasi livello di preparazione fisica.
Prenotazione obbligatoria tel. (+39) 0436 5052 oppure info@freccianelcielo.com

ASTROCENE A COL DRUSCIÉ
Immancabile appuntamento del giovedì sono le Astrocene del Ristorante Col Druscié 1778. Tutti i giovedì fino a Pasqua si potranno assaporare i prelibati piatti della cucina di montagna per osservare poi, guidati dagli amici ed esperti dell’Associazione Astronomica Cortina Stelle, il cielo da molto vicino: pianeti, nebulose, la Via Lattea e le meraviglie del firmamento come non le avete mai viste, per un’esperienza unica e coinvolgente grazie al telescopio Newton di 50 cm di diametro e uno Schmidt Cassegrain Celestron 11 ospitati all’interno dell’Osservatorio Astronomico Helmut Ullrich.

Per informazioni e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com o (+39) 3407967039/ (+39) 0436 862372

Tofana- funivia Freccia nel Cielo

L’impianto sarà aperto sino al 2 aprile 2018 tutti i giorni dalle 8.30 alle 16.30.

La società Tofana srl gestisce il complesso funiviario che serve il comprensorio Tofana – Freccia nel Cielo. Questo si sviluppa sulla Tofana di Mezzo, l’imponente massiccio dolomitico che domina la conca ampezzana.

La funivia è stata realizzata in modo da mantenere la visibilità della montagna ed è suddivisa in tre tronconi:

in pochi minuti porta a Col Drusciè(1778 m), dove è situato anche un osservatorio astronomico, a Ra Valles (2470 m) e Cima Tofana (3244 m), la vetta più alta di Cortina d’Ampezzo. La funivia Freccia nel Cielo è situata vicino al centro di Cortina d’Ampezzo e dispone di un ampio parcheggio per auto e pullman. Molte le escursioni in quota per esperti e famiglie e le attrazioni per gli sportivi (dalle piste da sci invernali alle ferrate e al bike park estivi).

Maggiori informazioni su www.freccianelcielo.com

Monza qualche foto e una pizzeria buonissima !

Un weekend molto low cost, con bicilettata (o passeggiata, seocndo i gusti) nel famoso Parco e visita alle serre della Reggia di Monza


Monza-Grande-esempio-di-Gotico-Lombardo-Santa-Maria-in-Strada

Monza Duomo
Monza Duomo
Monza-scorcio-medioevale-case-a-graticcio

Foto: Villa Reale

PARCO E VILLA REALE

Una storia interessante

Il Parco di Monza fu istituito il 14 settembre 1805 per volontà dell’imperatore Napoleone con lo scopo di farne una tenuta agricola modello e una riserva di caccia. La costruzione iniziò nel 1806, per volere del viceré Eugenio di Beauharnais, sui terreni a nord della Villa e dei Giardini reali voluti da Maria Teresa d’Austria già nel 1777.

Da un documento epistolare la madre Giuseppina Bonaparte chiede al figlio Eugenio di costruire un parco più grande di quello di Versailles. Il desiderio verrà esaudito: infatti mentre Versailles occupa un area di 250 ettari, il Parco di Monza sarà di ben 700 ettari.
Luigi Canonica, di origini svizzere, già allievo del Piermarini e architetto “nazionale” della corte francese, fu incaricato della progettazione dell’opera.

Il nuovo Parco si estende verso nord, quasi a lambire i primi rilievi collinari brianzoli. La progressiva acquisizione dei terreni circostanti permise al Parco, intorno al 1808, di diventare il più esteso parco cintato d’Europa, con un muro di recinzione lungo 14 km.
All’interno della cinta muraria furono compresi campi agricoli, strade, cascine, ville e giardini preesistenti e ora facenti tutti parte del complesso, quasi un compendio del territorio agricolo lombardo.
Il significato di tale operazione era soprattutto politico: infatti la costruzione di un parco come Versailles avrebbe provocato malcontento nella popolazione locale, mentre il Parco di Monza, mantenuto a tenuta agricola, con le serre botaniche, gli orti e i frutteti, venne in parte giustificato.

Furono individuate tre zone principali, corrispondenti ad ambienti naturali diversi: la zona vicina alla Villa Reale, a Sud, mantenuta a giardino e campagna aperta; la zona a Nord, sicuramente la più indicata allo scopo, venne piantumata a bosco, il cosiddetto “Bosco bello”, funzionale soprattutto alla caccia; la fascia lungo il fiume Lambro, in posizione inferiore rispetto alle ville e alla parte agricola centrale, mantenuta con vegetazione riparia da zona umida.
Per collegare le diverse zone del Parco, Canonica creò un asse principale nord-sud, il viale Mirabello e il suo proseguimento, il viale del Gernetto, che porta sino al “Rondò della Stella”, al centro del “Bosco bello”. Trasversalmente a tale viale una rete di viali secondari distribuisce i percorsi in tutto il Parco.

La strutturazione del vasto territorio, agricolo e boschivo con l’adattamento e la trasformazione delle cascine e delle importanti architetture di ville esistenti all’interno del territorio del Parco, la costruzione e il riordinamento di ampi viali rettilinei alberati, il modellamento del terreno e l’adeguamento del sistema idrico alle nuove esigenze del Parco, hanno dato vita a un Parco senza precedenti, ancora oggi unico nel suo genere. Attualmente, l’area del Parco è tenuta a bosco per circa un terzo e per il resto è a prato. È possibile usufruire di questo importante patrimonio grazie ai percorsi tracciati all’interno del Parco che permettono ai visitatori di scoprire la ricca flora e la fauna ancora presente, le antiche ville, le cascine e i mulini.

I GIARDINI

I Giardini della Villa Reale, la cui superficie è di 40 ettari circa, circondano gli edifici del complesso monzese da tutti i lati e sono divisi dal retrostante parco da una recinzione. Storicamente distinti da quest’ultimo, che fu realizzato trent’anni dopo, ne sono diventati con il tempo la naturale premessa. La caratteristica che l’ha reso più famoso nel mondo nei suoi duecento anni di vita è costituita dalla grande varietà di alberi ultrasecolari: i “giganti verdi”, tra cui querce, cipressi, ippocastani, cedri del Libano, che per dimensioni o caratteristiche botaniche costituiscono un campionario impareggiabile.

Il giardino di Piermarini prese forma, tra il 1778 e il 1783, dapprima ispirandosi ai principi della moda francese, secondo un grande disegno geometrico e regolare impostato sull’asse prospettico in direzione est-ovest, e successivamente con l’ampliamento proposto nel disegno conservato alla biblioteca nazionale di Vienna, che registra sia la volontà di collegare in modo solenne il palazzo a Milano, mediante un viale a doppio filare di alberi, sia il desiderio di proporre una percezione unitaria del giardino, impostato nella prospettiva centrale, con le potenzialità del paesaggio circostante. Se nella scelta del giardino formale contribuì la consapevolezza che la palese appropriazione dello spazio avrebbe costituito la soluzione più idonea a esaltare il potere e la magnificenza del principe, la decisione di rendere apparentemente naturale parte del giardino monzese dovette invece essere condizionata dall’atteggiamento intellettuale dei circoli letterari milanesi, dalla conoscenza di alcuni testi di giardinaggio particolarmente inclini alla moda del giardino paesaggistico, e dall’opportunità di aggiornarsi sulla realtà internazionale attraverso il ricordo manoscritto del viaggio intrapreso tra il 1783 e il 1786 da Ferdinando d’Asburgo attraverso Francia, Svizzera, Olanda, Inghilterra e Germania.

Tra gli elementi promossi dalla nuova cultura ispirata ai paesi anglosassoni è da annoverare anche il gusto per la chinoiserie e per l’esotico, attestata dalla presenza dei padiglioni di gusto orientale per il ricovero delle barche, situati alla foce della roggia sul laghetto, i cui pinnacoli sono un esplicito riferimento stilistico arabeggiante. La pregevolezza dei giardini e il loro immenso valore culturale, motivati dall’intervento di un professionista d’eccezione coadiuvato da giardinieri inviati da Vienna per volere di Maria Teresa d’Austria, e dal significato assegnato da studiosi ed estimatori e dalla cittadinanza, che tuttora li percepisce come motivo d’orgoglio al pari della Villa, è attestata dalla loro fortuna iconografica. Basti ricordare i celebri dipinti di Martino Knoller (cascata con laghetto e grotta con ninfeo) o le incisioni tratte dai disegni di Gaetano Ribaldi (cascatella, grotta o Antro di Polifemo, il lago con il tempietto classicheggiante sullo sfondo). Non meno affascinanti sono le incisioni di Federico Lose o le vedute di Carlo Sanquirico, entrambe in grado di restituire la bellezza di un luogo in cui il tempo ha apparentemente cessato di scorrere.

Dal sito della Reggia: http://www.villarealedimonza.it/il-parco-e-i-giardini/

Fine anno fuori dalle solite mete – montagna e aria buona

Se il freddo non vi spaventa e se siete bene in forma e ben attrezzati, il parco Naturale del Vercors (Francia, a sud di Lione) vi aspetta

con  sci o racchette da neve

Il GPS sarà molto utile con le batterie di riserva ben cariche.

La spedizione con guida si chiama Vercors Escape

www.vercors-escape.com

COSA E’ LA PULKA ?

Si tratta di una slitta usata nelle spedizioni del Polo Nord. Capace di trasportare sino a 50 kg. di viveri ed equipaggiamento. Viene utilizzata da due persone alternate al traino; si avanza con sci e racchette da neve. Nel Vercors si nolleggia con 25 euro al giorno. Niente luce elettrica, i bivacchi sono ricoveri non gestiti e aperti. Servono un caldissimo sacco a pelo e un buon materassino; si dorme su assi di legno.

Raid Blancc, 5 giorni nella neve con la pulka; 550 euro, due notti in bivacco e due in piccoli alberghi.

www.experience-pulka,fr

 

 

SICILIA: BAROCCO, CIOCCOLATO E MOLTO ALTRO.

SIRACUSA, IBLA, NOTO,MODICA…IL MARE,LA GASTRONOMIA, I PARCHI…

E’ la sontuosa musica di Monteverdi che ci indica quanto sia sottile il confine e l’abbraccio fra teatro e vita, fra sogno e veglia, fra luce e ombra, attraverso l’eterno incontro/scontro: guerra/amore, la più adatta ad introdurre una visita alle sorprendenti città del barocco siciliano.

Certamente meno nota di altre parti della Sicilia, la regione del siracusano riserva al visitatore la possibilità di abbinare un mare ancora fuori dal turismo di massa ad uno splendido entroterra ricco di storia. Siracusa, anzi un bed & breakfast nei dintorni, è l’ideale punto di partenza per bagni in un mare cristallino e le visite alle cittadine e ai parchi naturali che la circondano.

SICILIA Ibla-Ragusa panorama notturno dal ristorante Locanda Don Serafino

Ibla-Ragusa; panorama notturno dal ristorante Locanda Don Serafino.

SICILIA Ibla chiesa dei Cavalieri di Malta

Ibla Ragusa Chiesa dei Cavalieri di Malta.

SICILIA Noto San Nicolò scorcio

Noto, San Nicolò.

SICILIA Noto San Nicolò

Noto, San Nicolò.

SICILIA Noto balcone di Palazzo Nicolaci di Villadorata

Noto, il palazzo di Nicolaci di Villadorata.

SICILIA Noto San Domenico

Noto, San Domenico.

SICILIA Noto Santa Chiara le grate che proteggevano le suore di clausura

Noto, Santa Chiara, le grate che proteggevano le suore di clausura.

SICILIA Noto Palazzo Ducezio sede del Municipio

Noto, Palazzo Ducezio, il Municipio.

SICILIA Modica scorcio con ombrellino parasole

Modica, scorcio.

SICILIA Modica dalla scalinata del Duomo San Pietro ornata dalle statue degli apostoli

Modica scalinata di San Pietro decorata con le statue degli apostoli.

sicilia Siracusa piazza Duomo chiesa di Santa Lucia alla Badia con a fianco il Palazzo At Borgia del Casale

Siracusa, piazza Duomo chiesa di Santa Lucia alla Badia con a fianco il Palazzo At Borgia del Casale.

sicilia Siracusa particolare delle colonne greche del tempio di Atena all'interno della cattedrale

Siracusa. Colonne greche del tempio di Atena all’interno dell’attuale Cattedrale.

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace e parte dell'antico fossato

Siracusa,isola-di-Ortigia, Castello Maniace.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte del gradioso interno

Siracusa-isola-di-Ortigia, Castello Maniace particolare dell’imponente interno.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace particolare di capitello esempio di architettura sveva voluta da Federico II

Maniace; capitello, esempio di architettura aveva voluta da Federico II.

SICILIA Cavagrande al tramonto

Parco naturalistico di Cavagrande al tramonto.

SICILIA Cavagrande DIERI vuole dire casa canjon abitato come Mat Mata in Tunisia nelle grotte ogni finestrella nasconde sino a 21 stanze su 3 livelli particolare delle entrate

Cavagrande. DIERI vuol dire casa-canjon abitato come Mat-Mata in Tunisia nelle grotte ogni finestrella nasconde sino a 21 stanze su 3 livelli; particolare di una entrata.

SICILIA Ferla chiesa nella piazza principale

Ferla, piazza principale e chiesa di San Sebastiano.

SICILIA Ferla Siracusa chiesa di S.Sebastiano

Ferla San Sebastiano.

SICILIA Ferla vsita dalla necropoli di  Pantanica

Ferla vista dalla necropoli di Pantanica.

SICILIA Cavagrande necropoli XIII-VIII sec. a.C finiscono le inumazioni multiple si passa dalla cultura del  Clan alla Società.

Cavagrande necropoli XIII-VIII-sec.-a.C; finiscono le inumazioni multiple, si passa dalla cultura del Clan alla Società.

SICILIA Cavagrande necropoli

sicilia Cavagrande Siracusa panorama

Cavagrande, panorama.

L’organizzazione ideale è fare il bagno dopo le 12, al mare c’è sempre una brezza piacevole,  e programmare le visite culturali al mattino presto o verso il tramonto quando i raggi del sole  donano toni rosati alla la pietra calcarea locale.

Si può partire alla scoperta della zona iniziando la giornata su di una delle spiagge del ragusano per poi raggiungere Noto verso il tramonto.

NOTO: 

-L’attuale città di Noto nasce dalla tragedia del terremoto del 1963, quando l’antica città venne rasa al suolo. Secondo la leggenda Neas, l’antica Noto, ebbe origine nell’età del bronzo (2.200-1450 a.C.) sull’altura della Mendola, e diede i natali a Dicezio condottiero siculo, il quale la trasferì sul monte Alveria. Ducezio, inoltre, difese la città dalle incursioni greche (V sec. A.C.). La ricostruzione incominciò a 14 chilometri sul colle Meti  nel 1704 tenendo presente la passata architettura rinascimentale.  La nuova localizzazione fu decisa da Giuseppe Lanza duca di Camastra, rappresentante del viceré spagnolo, nominato Vicario generale per la ricostruzione. Importanti nomi, come l’ingegnere Carlos de Grunenberg, il matematico netino Giovanni Battista Landolina e l’architetto militare Giuseppe Fomenti, studiarono il piano urbanistico. Mentre gli edifici sono opera di numerosi architetti: Rosario Gagliardi, Paolo Labisi, Vincenzo Sinatra e Antonio Mazza sono i più noti.

 -Nasce così un barocco diverso da quello lecchese, ma non meno interessante tanto che, oggi, Noto è città inserita dall’UNESCO nella lista dei Siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità, definito da Cesare Brandi come “giardino di pietra”.

-Interessante la traduzione letterale della parola  Barocco dal portoghese: “perla mal riuscita”.

SICILIA Noto Porta Borbonica detta Porta Reale

Noto, Porta Borbonica, detta Porta Reale.

-All’ingresso della città di Noto ci accoglie la Porta Borbonica, “Porta Reale”, le cui decorazioni  comprendono anche un pellicano; segno di abnegazione assoluta verso il potere.

La strada in salita che ci accoglie dà subito l’idea della magistrale architettura locale.

-Una città costruita come una grande scenografia settecentesca dove i riccioli, le volute, i mascheroni, i putti , i balconi, i parapetti  in ferro battuto, sono solo il decoro di un rigoroso studio di linee-curve  come andamenti sinuosi.

Ad un occhio attento non sfuggirà la differenza di livello tra la strada e alcuni particolari architettonici. Infatti nell‘800 il livello della via principale venne abbassato notevolmente per problemi fognari, secondo alcuni non giustificati.

-Le numerose chiese non sono meno interessanti dei fastosi palazzi nobiliari ed i monumenti civili: Palazzo Ducrezio, sede del Comune, Teatro e molti altri.

 La strada principale è denominata corso Vittorio Emanuele, qui si incontrano ben tre piazze ognuna con una chiesa. San Francesco all’Immacolata è preceduta da una imponente scalinata, il Monastero di SS. Salvatore e l’omonima Chiesa con una volta completamente affrescata, per terminare con il Convento di S. Chiara il cui interno, la caricatura del barocco tradizionale, contrasta mirabilmente con la semplicità della pietra esterna.

Ecco, infine, la più maestosa piazza del Municipio sulla quale domina la Cattedrale la cui ampia facciata  è esaltata da ben due campanili; va ricordato che la cupola crollò nel 1996 e la ricostruzione terminò nel 2007. Ai lato della cattedrale il Palazzo Vescovile, XIX secolo, e Palazzo Landolina di Sant’Alfano, di fronte il già nominato Palazzo Ducrezio la cui Sala di rappresentanza, detta sala degli specchi, merita una visita.

-Sempre in piazza XVI Maggio, o piazza del Municipio, il Teatro Vittorio Emanuele, oggi Fondazione, non è solo un palazzo che merita attenzione per la sua eleganza neo-classica o per il ricordo dei grandi attori, come la Duse, che passarono dal suo palcoscenico, ma anche perché tutt’oggi sede di vivace tradizione operistica, concertistica e teatrale.

 –L’armonioso barocco della Chiesa di S.Domenico  completa il panorama che si estende sino a Punta Passero, estremo lembo della Sicilia a sud di Tunisi.

Nella vicina Via Nicolaci, non deve sfuggire l’omonimo palazzo, famoso per gli splendidi “mensoloni” e luogo dell’ ”infiorata” di maggio.

SICILIA Noto balconi di corso Vittorio Emanuele

Noto, balconi di Corso Vittorio Emanuele.

SICILIA Noto chiesa di San Francesco scalinata

Noto, scalinata della Chiesa di San Francesco.

SICILIA Noto interno della Chiesa di Santa Chiara Madonna con Bambino

Noto. Chiesa di Santa Chiara, Madonna con Bambino.

SICILIA Noto corso Vittorio Emanuele Chiesa di Santa Chiara

Noto, chiesa di Santa Chiara.

SICILIA Noto ristorante Cantuccio involtino di melanzana e tortino di zucca con marmellata e formaggio locale

Noto, ristorante Cantuccio; delizie siciliane.

SICILIA Noto scorcio di un vicolo

Noto, scorcio.

SICILIA Noto scorcio

Noto.

SICILIA Noto vista da un giardino interno

Noto.

MODICA.

 Un’altra escursione, imperdibile, potrebbe cominciare da una mezza giornata trascorsa sulle spiagge di Marina di Ragusa e un pomeriggio dedicato a quella che per i siculi fu Motyka, Mohac per gli arabi e oggi Modica.

-Famosa per il suo barocco, ma forse ancora di più per la sua produzione artigianale di cioccolato, riconosciuto ed esportato in tutto il mondo. Nel medioevo, la potente Contea, si estendeva sino alle porte di Palermo.

-Qui, dal Quattrocento, ebrei, arabi, e poi spagnoli e normanni, introdussero le loro tecniche agricolo-commerciali facendo della Contea un fulcro molto prospero.

Anche Modica subì le conseguenze del terremoto del 1693, ma, a differenza di Noto, fu ricostruita sul medesimo luogo. La prima edizione dell’enciclopedia Treccani la definisce: “la città più caratteristica d’Italia dopo Venezia”.

Allora le attuali strade erano costituite da cave dove scorrevano i fiumi e le sponde erano collegate da numerosi ponti. Bufalino, invece, parla di Modica come di un “melograno spaccato”; azzeccatissima definizione. Infatti la città si presenta distesa in altezza arroccata nella roccia.

Arrivando si resta colpiti dalla torre del castello dei Conti che si presenta insieme alle guglie di San Pietro e S.Giorgio. 

Modica alta e bassa si presentano all’imbrunire, quando le luci si accendono, come un vero presepe vivente. Non a caso Modica è parte dei Beni dell’Umanità dell’UNESCO. Se c’è tempo l’ideale è cominciare la visita sedendosi ad un bar e ammirando, con calma, uno dei tanti scorci suggestivi. La casa natale di Salvatore Quasimodo, Nobel per la letteratura, è per molti meta imprescindibile.

Altro indirizzo importante è la visita al Museo Civico che conserva L’Ercole di Cafeo, pregevole statua bronzea del periodo ellenistico, mentre il Teatro Garibaldi è la sede di importanti stagioni di prosa e concerti e attira molti visitatori, anche dall’estero.

Il Duomo, dedicato a S.Giorgio e Ippolito, si trova alla fine di una scenografica scalinata, tutta in salita, e che ne accentua l’imponenza sull’abitato  La visita al suo interno non può prescindere dal polittico attribuito a Bernardino Niger (detto Il Greco), dal prezioso altare in argento donato dalla famiglia Cabrera prima del trasferimento in Spagna.

L’organo, prodotto dalla famosa famiglia Serastri di Bergamo, ha 3.500 canne, 86 registri e 6 tastiere ed è il più prezioso della zona, peraltro ricchissima di queste vere e proprie opere d’arte. Tanto che a dicembre vi è una speciale festa dedicata agli organi prodotti dalla Casa Serassi. Ogni 23 aprile è costume esporre la reliquia di S.Giorgio, qui veneratissimo, mentre il 29 giugno le statue di S.Giorgio e S.Pietro sono portate in una importante processione alla quale non sono ammessi gli abitanti di Modica Bassa; in passato la statua veniva addirittura lapidata per impedirle il passaggio alla zona bassa!

 Il secondo Duomo, intitolato a S. Pietro (la cui prima edificazione è da collocarsi tra il 1301 e il 1350) deve le sue linee eleganti al tardo Barocco, già presente in Austria e Germania, e qui introdotto dall’architetto Gagliardi (figlio). Il tardo Barocco del Gagliardi, oltre ad essere più semplice del Barocco vero e proprio, si caratterizza anche per le colonne con capitello con foglia attorcigliata, quale accenno al ricciolo ionico ed un andamento a mezza luna, nella parte superiore.

SICILIA Modica un angolo

Modica.

sicilia cioccolato impasto

Impasto a mano del cioccolato.

DOLCERIA BONAJUTO

Una volta scese le scale della cattedrale, abbellite dalle statue dei dodici apostoli, ci si trova quasi di fronte una stretta stradina arredata con molte piante in vaso: qui ha sede la storica “Dolceria Bonajuto” . La vera differenza tra questo cioccolato e quello industriale sta nella lavorazione, qui mai sopra i 45°, mentre quella industriale avviene a 80°. Inoltre nella lavorazione artigianale non si aggiunge burro di cacao, e quindi il cioccolato è più gradito anche in estate perché “non impasta la bocca”; anche la lecitina di soya, usata abbondantemente in pasticceria industriale, qui è abolita.

La cottura del cacao avviene rispettando la tradizione atzeca: 2 giorni per la cottura per non perdere la maggioranza degli aromi. Purtroppo, racconta il proprietario, non sempre l’industria sceglie il meglio; in alcune zone del Venzuela, un’ottima qualità di cacao può essere schiacciata dalle ruote dei camion per estrarne velocemente i semi, con danni sia al sapore finale sia alla salubrità del prodotto.

Dal 1827 la famiglia Bonajuto produce il suo cioccolato  internazionalmente noto. Il loro è un cioccolato puro, senza grassi vegetali né derivati del latte; come lo facevano gli antichi Atzechi. www.biajuto.it

dal 3 all’8 dicembre la festa del cioccolato: www.chocobarocco.it

COME MAI TANTE BELLE CHIESE?

-Tornando alle numerosissime chiese della zona può essere interessante sapere che furono costruite con le donazioni della nuova borghesia che si era creata, nei secoli, dopo che Bernardo Cabrera nel 1400 donò ai contadini degli appezzamenti di terreno affinché li lavorassero a piacimento, riservando il 10% per lo stato. Nasce così l’”enfiteuta” il contadino che, nel suo interesse, fa fruttare il terreno a disposizione, il quale, divenuto ricco imprenditore, si trasferisce in città dove viene guardato dalla nobiltà con disprezzo. 

Ed ecco l’idea di donare il denaro per costruire nuove chiese. In questo modo il prete è obbligato a nominare, dal pulpito, il nome della famiglia benefattrice ringraziandola; riconoscendo così, una sorta di riabilitazione sociale che nessuno può più ignorare. Nel frattempo i nobili sperperavano i loro capitali in suntuose feste e vizi, impoverendosi tanto da essere poi costretti a vendere le loro ricchezze a questa nuova classe emergente. Tutto ciò avviene nel 1600, l’epoca del Barocco.

RAGUSA IBLA

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace il ponte d'ingresso

Ragusa-Ibla, Castello Maniace, ponte di ingresso.

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace ariete bronzeo ellanistico due arieti come questa copia ornavano il portale marmoreo dell'ingresso

Castello Maniace, uno degli arieti che ornavano l’ingresso.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace particolare dell'arco d' ingresso con lo stemma di Calo V

Stemma di Carlo V al Castello Maniace.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte del soffitto di una navata realizzato in pietra scura particolarmente leggera

 

Castello Maniace, imponenti navate rivestite di leggera pietra scura.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace paticolare di interno

Castello Maniace, capitelli.

SIRACUSA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte spagnola con batteria a fior d'acqua

Interno del Castello Maniace. Parte progettata dagli spagnoli con batteria di cannoni a fior d’acqua.

SICILIA  fichi d'india

SICILIA fiore della carota selvatica

Fiore di carota selvatica.

SICILIA Cavagrande Euforbia si usava per avvelenare le acque dei fiumi dove bevevano i nemici

Euforbia, la si usava per avvelenare l’acqua potabile dei nemici.

SICILIA Cavagrande radici aeree di carrubo

Radici aeree di carruba.

SICILIA aereo ghiaccio nuvole e sole sulla costa nord della della Sicilia

La Sicilia dall’aereo.

panorama MARE generico

Mare siciliano.

-Di Ibla colpiscono subito gli elegantissimi giardini pubblici risalenti al XIX secolo, ancora più suggestivi nel buio della notte quando risaltano le luci delle chiese di S.V.Ferreri e S.Giacomo e dei Cappuccini (dove si trova il trittico di Pietro Novelli). Accanto al giardino pubblico si può ammirare il solo portale gotico di quella che fu S.Giorgio Vecchio.

Segue la risalita Commendatore, ed è subito incanto, qui parlano le vie , i massi, le basiliche, i volti dai balconi o dai cornicioni dei palazzi nobiliari. Alla fine Ragusa Ibla è semplicemente la parte bassa della città di Ragusa, dove ancora il barbiere è luogo di incontro e di chiacchiere, dove ancora sono importanti i circoli e si discute di politica, religione o sport.

Anche Ragusa è riconosciuta patrimonio dall’UNESCO insieme ai buoi ragusani, i muri a secco e molto altro. Gesualdo Bufalino dice di Ibla: “Bisogna essere intelligenti per venire a Ibla, una certa qualità d’animo, il gusto per i tufi silenziosi ed ardenti, i vicoli ciechi, le giravolte inutili, le persiane sigillate su uno sguardo nero che spia“.

Oggi Ibla conta 42 chiese ed occupa il territorio che fu di Hybla Heràia, insediamento siculo colonizzato dai gracidi Siracusa.

Qui dominarono: bizantini, arabi e normanni che nel 1091 ne fecero una Contea con Goffredo, figlio di Ruggero, mentre con Manfredi Chiaramente venne unita alla Contea di Modica.

Anche Ibla fu distrutta dal famoso terremoto del 1693 e durante la ricostruzione iniziò ad estendersi verso la città alta. Piazza della Repubblica è il punto di congiunzione tra Ibla e la città alta insieme alla chiesa di S.Maria dell’Idra e a quella del Purgatorio e Palazzo Casentini, quest’ultimo famoso per le sculture dei balconi sardoniche e sbeffeggianti.

La chiesa dei Cavalieri di Malta, eretta nel 1639, ripaga appieno chi la raggiunge, ma sopra tutto si eleva il Duomo dedicato a S.Giorgio; costruito nella seconda metà del ‘700 dall’architetto Rosario Gagliardi, un vero prodigio di vittoria della pietra sul tempo. Prima di lasciare la piazza, nessuno resiste al richiamo della gelateria del Caffè del Borgo con i suoi gusti dal gelsomino al carrubo.

Muovendosi verso via Chiaramente si incontra la facciata gotica della chiesa da S.Francesco all’Immacolata, unica parte lasciata dalla rovina del terremoto. Mentre il corso XXV aprile è la sede del Palazzo Donnafugata, oggi notevole pinacoteca, a piazza Pola si ammira la facciata barocca della chiesa si S.Francesco, dove il luogo di culto è ancora quattrocentesco.

Tra una cittadina e l’altra non si può evitare la visita ad almeno una cantina, in questa regione dove il carrubo e l’olivo sono superati solo dalle serre del famoso pomodoro-Pachino che, oggi per la verità, subisce grande concorrenza da altri pomodori quali: Pixel, Piccadilly, Zatterino, Cuore di Bue e ultima, per produzione, la Valentina.

Noi abbiamo visitato una cantina che è frutto di uno studio del vino dai racconti di Plinio il Vecchio: “bevevano vino che doveva esser tagliato con acqua di mare, perché il sale ne addolciva l’acidità. Le acque erano prelevate in mare aperto perché fossero ben pulite”.

 Anche i greci” continua il proprietario dell’azienda agricola Cos “bevevano vino, ma era riservato ai ricchi; mentre i romani, ma solo verso la fine della loro civiltà, lo dettero anche agli schiavi. Il padrone di casa, dopo aver assaggiato il vino, decideva quanta acqua di mare aggiungere, chi poteva sostituiva il miele all’acqua salata!

Solo secoli dopo si comprese come l’acidità fosse dovuta  all’ossigeno che, per ossidazione, inacidiva il vino.

Quando poi si accorsero che il vino, trasportato per mare con le anfore e i tappi di sughero,  migliorava , gli antichi ringraziavano il Dio del Mare o del Vento, ma mai il tappo!

Oggi chiudendo ermeticamente le anfore e lasciando in fermentazione le bucce, e vinaccia, per 6 mesi,  finita la fermentazione si separa il vino nuovo dalla feccia e si prosegue la maturazione del vino.

Il risultato è un vino senza tannino. Un vino che matura nelle anfore come nell’antichità e che può durare oltre 11 anni”.

L’ultimo giorno, di un ideale long-week-end, andrebbe dedicato, dopo i consueti bagni in mare, alla visita dell’Ortigia e di di Siracusa. 

Partendo dall’isola di Ortigia, il cuore della città, unisce testimonianze architettoniche di epoca greca con quelle normanne, aragonesi e barocche. Vi si accede tramite il ponte nuovo e il porto interno. Tra i luoghi importanti da visitare segnaliamo: Fonte Aretusa una sorgente a pochi  metri dal mare, piazza Duomo è la piazza più importante del centro storico, nonché luogo di ritrovo e corrisponde all’antica acropoli delle città greche. La piazza è circondata da palazzi in stile barocco costruiti dopo il famoso terremoto del 1693: Palazzo Arcivescovile, Palazzo del Senato (oogi Municipio), la chiesa di S.Lucia alla Badia e il Palazzo Benventano. Il Duomo è opera di Andrea palma, con colonne e statue del Marabitti. La sua peculiarità sta nel fatto di sorgere sui resti dell’antico tempio dorico dedicato ad Athena, fatto costruire dal tiranno Gelone.

Ma la vera “chicca” di Ortigia è il Castello Maniace. alle spalle della fonte Aretusa, sulla punta estrema dell’isola.

I recenti scavi, non hanno portato alla luce le narrate precedenti edificazioni. In ogni caso la sua architettura ed il paesaggio che lo circonda, ne fanno una delle opere più importanti del periodo svevo.

Qui si respira il genio di Federico II, iniziatore della costruzione di una rete di castelli quale sistema di eccezionale controllo del territorio.  La costruzione del Castello si può datare tra il 1232 e il 1240 per opera dell’architetto Lentini su incarico dello stesso Federico II. L’architettura dei castelli, per volontà di Federico II, supera le precedenti esperienze arabo-normanne e gotico-cistercensi per porsi con la qualifica di “sveva”. Ogni castello rappresenterà l’imperatore stesso.

Nel 1288 vi dimorò la famiglia di re Pietro III d’Aragona, successivamente ospitò Le regine Costanza, Maria e Bianca d’Aragona ( 1362-1416). Nel 1540 vi alloggiò Andrea Doria durante una spedizione contro i mussulmani voluta da Calo V. Nel XV secolo fu prigione poi punto importante della cinta muraria di Ortigia. Il 5 novembre 1704 l’esplosione della polveriera sconvolse l’edificio.  Successivamente ricostruito venne munito di bocche da cannone e in età napoleonica  e borbonica venne utilizzato con scopi militari.

 –Una visita fuori dall’ordinario può essere quella dedicata ai bagni di purificazione ebraici. Li si trova nell’antico quartiere ebraico, all’interno del raffinato residence-hotel Alla giudecca, via Alagona n. 52, questa visita può essere anche un’esperienza per conoscere usi e costumi, al femminile, in questo che fu il più importante bagno di purificazione d’Europa in epoca bizantina. Le donne qui trascorrevano molto del loro tempo purificandosi, anche subito dopo il parto, in ambiente umido e, probabilmente, gelido in inverno.

Alla fine della giornata il tramonto va guardato dalla meravigliosa terrazza dell’Hotel-ristorante Des Etrangers et Miramare con un aperitivo in mano di fronte all’isola di Ortigia per apprezzare il vero servizio di alto livello e qualità.

Al mare al Lido Arenella

Chi abita al nord Italia oggi può godere di due situazioni vantaggiose per una vacanza siciliana, o addirittura per un long week-end, sia per i prezzi anche per le navi low-cost T-Linklines che partono da Genova la sera e raggiungono Palermo alle 18 del giorno successivo: cabina per la notte e auto a brodo per una persona in luglio 99 euro, ma il prezzo si abbassa se aumentano le persone per cabina e per auto, con un prezzo base a partire da 65 euro: passeggero in poltrona più auto.

 T-Linklines,low-cost da Genova (Voltri) a Palermo (termini Imerese): partenze giornaliere la sera con arrivo verso le 18 del giorno successivo. Tel 010.59 30 99

Ristoranti: Noto: Il Cantuccio, ottimi la cucina e i vini, via Cavour 12, tel 0931837464,     ristoranteilcantuccio@hotmail.it.

Locanda don Serafino, via avv. G.ottaviano, Ragusa Ibla, tel 0932.248778,  “http://www.locandaserafino.it” www.locandaserafino.it

Des Etrangers et Miramare, albergo-ristorante,

Passeggio Adorno 10/12, Siracusa,

tel 0931.319100,   “http://www.hotel-desetrangers.it” www.hotel-desetrangers.it

Spiaggie con servizio ristorazione: Lido Arenella: vela, canoa, wind-surf, immersioni. Lido attrezzato con cabine-ombrelloni, bar.

Affacciate sul mare  le villette con appartamenti da 500 a 900 euro alla settimana, spiaggia e colazione comprese per 4/5 persone. Tel 0931.67053;  “mailto:residencearenella@simail.it” residencearenella@simail.it

 Residence  a Siracusa: Residence-hotel Alla giudecca, via Alagona n. 52, tel. 0931. 22255,  “http://www.allagiudecca.it” www.allagiudecca.it

Cioccolato di Modica: Dolceria Bonajuto, c.so Umberto I, 159, tel. 0932.941225,  HYPERLINK “http://www.bonajuto.it” www.bonajuto.it.

OLIO: F.lli APRILE un  omaggio a MAMMA TERESA: l’amore per la natura e il rispetto per chi ha tramandato tanto valore sono alla base della produzione di alta qualità nella Sicilia sud-orientale (vicino alla famosa Noto). Olio da meditazione, olio per condimento a crudo: un’esperienza indimenticabile, sapori inconfondibili, nessun retrogusto sgradevole, semplicemente la perfezione dell’olio extra vergine.

 Il modernissimo frantoio rispetta l’antica tradizione del monocultivar, le olive sono raccolte a mano solo quando mature. Il prodotto ha bassa acidità e con caratteristiche uniche come aroma , colore e gusto. F.lli APRILE s.r.l. C.da S.Agata, Scicli (RC) tel 0932.83 38 28,

www.fratelliaprile.it info@fratelliaprile.it

Weekend d’inverno al Gran Paradiso

DGT

Il magico inverno del Gran Paradiso

Anche i piccoli con le ciaspole

Come ogni inverno, il silenzio cala sul Parco Nazionale Gran Paradiso:

-è scesa la prima neve, qualche animale è già in letargo, l’aria si fa pungente, e le 5 vallate dell’area protetta sono avvolte da un’atmosfera quasi fiabesca.

Il Parco sembra addormentato, ma l’apparenza inganna, perchè la vita continua a brulicare: basta solo saper osservare!

In questo caso, affidarsi agli esperti è la soluzione migliore:

le guide del Parco conoscono infatti tutti i segreti della vita degli animali e della natura nel parco e sono pronti a condividerlo con tutti, grandi e piccini.

“Winter Wonderland” – Passi e sensazioni al crepuscolo

La magia del tramonto sulle cime, i colori prima del buio, lo scricchiolio della neve, lo sguardo timido di un animale nascosto, il riflesso della luna: uno spettacolo fatto di cose minute, ma emozionanti, da godere sulle ciaspole, nell’ora magica del passaggio fra il giorno e la notte.

E poi merende, visite, degustazioni, per conoscere tutti gli aspetti della natura e della cultura dell’area protetta più antica d’Italia!

Le ciaspolate si svolgeranno tutti i mercoledì dispari a Rhêmes Notre-Dame e tutti i mercoledì pari a Cogne, da dicembre 2017 fino a Pasqua 2018.
Tutte le info qui: www.pngp.it/winter-wonderland-passi-e-sensazioni-al-crepuscolo e www.winterwonderland.it/

La natura attraverso la lente

Tornano dopo il grande successo dello scorso anno i trekking fotonaturalistici.

L’appuntamento invernale si terrà in Valsavarenche e consentirà di scoprire le selvagge vallate del Parco Nazionale Gran Paradiso e di esplorare un ambiente di montagna unico nel suo genere.

Accompagnati dal fotografo naturalista Alberto Olivero e dagli esperti guardaparco del PNGP, i partecipanti potranno osservare e comprendere le tante sfaccettature dello scenario mozzafiato in cui ci si muove. Un’occasione imperdibile per approcciarsi alla natura e alla fotografia.
Tutte le info qui: www.pngp.it/trekking-fotonaturalistici-inverno-valsavarenche-2018

Ciaspole per golosi e nottambuli

Si chiamano “Ciaspolata dei golosi” e “Luna di neve” gli appuntamenti che si terranno dall’8 al 30 dicembre a Ceresole Reale: nel primo caso, inforcate le ciaspole, i partecipanti andranno alla scoperta della natura del parco, ma anche delle piccole produzioni tipiche -rigorosamente a Marchio di Qualità Gran Paradiso – di queste valli, come il genepy o i dolcetti canavesani; nel caso di “Luna di neve” invece il piacere e la meraviglia di vivere la montagna di notte, ammirando il cielo stellato e del freddo, si coniugano con il piacere di rintanarsi in un rifugio e gustare i sapori tipici di queste vallate.
Tutte le info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/dicembre-sulla-neve-con-naturalp-2017 e www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/gennaio-sulla-neve-con-naturalp-2018

I misteri del Parco

“Gli occhi del lupo” e “Neve e leggende al chiaro di luna” sono le attività pensate per chi, oltre al piacere di ciaspolare, vuole immergersi nella cultura e nella natura del Parco, sperimentando l’emozione di percorrere gli stessi sentieri dei più amati predatori del Parco Gran Paradiso, conoscendone segreti ed abitudini, o di conoscere i racconti e le leggende sui misteri delle montagne. Entrambe le escursioni si svolgono a Rhêmes Notre Dame, nel versante valdostano del PNGP.
Info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/gennaio-sulla-neve-con-naturalp-2018

Per i piccoli

Il 28 e 30 dicembre invece è in programma “Piccoli in ciaspola” (Rhêmes Notre Dame) per insegnare ai ragazzi (dai 6 agli 11 anni) a muoversi sulla neve e in natura sin da piccoli, a correre, a saltare sul manto soffice, a cadere e a rotolare spiando gli animali del Parco.
Info qui:www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/dicembre-sulla-neve-con-naturalp-2017 e qui www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/gennaio-sulla-neve-con-naturalp-2018

Un weekend al Parco

Il Paradiso nella neve è il titolo di un weekend in programma il 13 e 14 gennaio a Ceresole Reale: i partecipanti potranno per scoprire cosa accade alla natura del Gran Paradiso durante la stagione fredda.

Dietro al paesaggio candido infatti, ci sono animali che dormono, altri che affrontano le ingiurie della stagione più dura, piante che si preparano al nuovo ciclo, rocce e ghiacci in perenne rinnovamento e movimento. La Guida del Parco Patrizia Peinetti racconterà tutti i segreti di questo ecosistema ricchissimo e insegnerà anche le tecniche per il corretto utilizzo delle racchette da neve, oltre a qualche importante nozione di sicurezza per imparare come ci si muove in un ambiente di alta montagna in inverno.
Tutte le info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/il-paradiso-nella-neve-2018

CAPODANNO E FESTE NATALIZIE
Sono due le iniziative proposte quest’anno, entrambe a Ceresole Reale, per vivere un Capodanno rustico, celebrato al chiarore delle stelle e del fuoco: romantico, ma non mieloso!
“Racchette e champagne” è adatto a chi desidera salutare in modo originale -e sicuramente informale- l’arrivo del nuovo anno con una passeggiata sulle racchette da neve. Prima una gustosa merenda sinoira, poi un’escursione nella magia della notte ed infine un ricco brindisi intorno al falò in riva al lago di Ceresole!
Tutte le info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/racchette-champagne-2017-2018
Debutta quest’anno “Ciaspolando verso la mezzanotte”, sempre a Ceresole Reale: i partecipanti potranno fare gli ultimi passi del 2017 nella neve soffice dell’alta valle Orco, per attendere la mezzanotte, che si celebrerà con un brindisi attorno al fuoco, sotto la volta stellata.
Tutte le info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/ciaspolando-verso-la-mezzanotte-2017-2018