Archivi categoria: ECOLOGIA

ecologia, ecology,

TonnI in estinzione – Non abbassiamo la guardia

Quote tonno, Slow Food ai Governi: «Non abbassiamo la guardia»

 

All’interno dell’Ue, poi, il Tac (Totale ammissibile di cattura) per il 2017 è stato stabilito in 7.428,75 tonnellate da dividere tra gli Stati membri, di cui 3.304,82 tonnellate all’Italia (+ 15 tonnellate per pesca sportiva e/o ricreativa).

«Queste cifre sono già eccessive.

Tutta la comunità scientifica internazionale è d’accordo nel sostenere che aumentare le quote o, peggio, abolirle non consentirebbe di ricostituire gli stock.

Invitiamo pertanto i Governi a non abbassare la guardia perché il tonno non è salvo» è il messaggio di Silvio Greco, presidente del comitato scientifico di Slow Fish.

Slow Food ai Governi: «Non abbassiamo la guardia»

Sino al 22 novembre, è riunito in Marocco, a Marrakech, l’Iccat (International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas), l’organizzazione intergovernativa responsabile della conservazione del tonno e delle specie affini nell’Oceano Atlantico e mari adiacenti.

La Commissione è composta da 51 parti contraenti, tra cui l’Unione Europea e il Giappone.

Alla Commissione può unirsi qualunque Governo membro delle Nazioni Unite, qualsiasi agenzia Onu e le organizzazioni intergovernative che abbiano ricevuto deleghe in materia dai Paesi che ne fanno parte: http://www.iccat.es/en/contracting.htm

In seno alla Commissione si sta verificando un fortissimo lavoro di lobbying da parte delle multinazionali del settore che premono affinché si abbandoni il sistema delle quote che in questi anni ha garantito il ripopolamento della specie.

Tanto che il Comitato scientifico Iccat suggerisce come compromesso un aumento del totale delle catture ammissibili fino a 36.000 tonnellate entro il 2020, oltre il doppio del contingente 2015.

E le decisioni dell’organismo internazionale diventano vincolanti per le parti.

BUONA NOTIZIA: la tecnologia potrebbe aiutarci a vivere meglio

TECNOLOGIA E NUOVE SCOPERTE SCIENTIFICHE INSIEME ALLE SCELTE QUOTIDIANE  DI TUTTI NOI POTREBBERO CAMBIARE IL FUTURO

Uno scienziato italiano, trasferito all’estero, ha scoperto che: dalle ALGHE si estraggono 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina!

E SE QUALCUNO DI NOI COMINCIASSE A PENSARE AL FUTURO DEI FIGLI E DEI NIPOTI ???

Oggi a Milano, due torri di Bosco Verticale ospitano 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia potrebbe imparare, dal progetto di S.Boeri, a costruire in altezza.

 

 

COSA TUTTI NOI POSSIAMO FARE SUBITO ?

Per esempio: NON MANGIAMO GAMBERETTI DA ALLEVAMENTO DEL SUD EST ASIATICO !!!

Non sprechiamo l’acqua corrente e la luce, non usiamo eccessivi quantitativi di detergenti per il corpo e per la biancheria, elimimiano i pericolosi AMMORBIDENTI (riempiono di alghe i mari), non acquistiamo più cibo di quanto consumiamo, non usiamo l’auto se non quando è indispensabile, impariamo a muoverci con i mezzi pubblici, non acquistiamo oggetti in plastica, ma preferiamoli in sostanze naturali, non sprechiamo la carta, riempiamo uffici e casa di piante resistenti, ma che depurano l’aria come i ficus, non mangiamo qunatitativi eccessivi di carne,  ecc…  se ognuno di noi mettesse in pratica solo una delle azioni nominate sopra, il mondo ne trarrebbe grande vantaggio !

Invece di risolvere ecologicamente i problemi continuiamo ad acquistare e allevare gamberetti di mare utilizzando pericolosissimi quantitativi di antibiotici.

VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra.

SE VOGLIAMO UN FUTURO SERENO PER I NOSTRI FIGLI E NIPOTI DOBBIAMO SAPERE QUANTO STA ACCADENDO, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, E FORSE GIA’ E’ TROPPO TARDI…”

Cosa è la “BLU ECONOMY“?

Un rapporto commissionato dall’ONU 4 anni fa si è concluso con la dimostrazione che “Siamo alle soglie dell’estinzione di massa di numerosissime specie animali e vegetali”. 

-Non tutti comprendono quanto l’estinzione di animali e vegetali possa creare dei problemi diretti e gravissimi anche all’uomo e alla sua sopravvivenza.

Ma non possiamo dimenticare che la FAO ribadisce: I nostri consumi sono superiori alle risorse”.

-Siamo in possesso di tecnologie che, se ben utilizzate, potrebbero aiutarci a risolvere molti di questo problemi, soprattutto se unite ad una particolare attenzione verso il risparmio di acqua e fonti energetiche.

Tutto dipenderà da come ci comporteremo nel prossimo futuro.

In molte aree del mondo consumiamo ogni giorno più acqua, più minerali, più energia di quanto il nostro pianeta può offrire senza alterare il suo equilibrio.

La disponibilità di acqua, suolo e cibo rischia di declinare.

Per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%.

Quasi la metà dei silos di stoccaggio degli alimenti appartengono alle banche…

Secondo il direttore generale della FAO: “…rischiamo di ipotecare  il futuro delle prossime generazioni…ma esistono le risorse scientifiche per far fronte alla sfida…quasi un quarto del pianeta è coltivato. Abbiamo occupato uno spazio enorme senza risolvere i problemi di base.

-Al contrario la disponibilità di acqua pura, suolo e cibo rischia di terminare”.

Tra il 2.000 ed il 2002, 856 milioni di esseri umani hanno sofferto di denutrizione, mentre nel periodo 1995-97 i denutriti erano “solo” 32 milioni. Stiamo parlando di una crescita impressionante anche per chi non ha dimestichezza con i numeri!

Il Comitato glaciologico italiano sostiene:

La riduzione del calderone, del Gran Sasso, non è un problema turistico: mette a rischio la portata delle sorgenti ai piedi della montagna. Sull’Appennino la diminuzione del permafrost (terreno ghiacciato) “sembra” avere reso più frequenti frane e crolli…!!

Lucy Jones è la scienziata dell’United States Geological Survey che ha l’incarico, dallo stato Americano, di studiare il fenomeno anche in considerazione del fatto che per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%

LA CALIFORNIA RISCHIA IL DILUVIO: non c’è solo il pericolo big-one (terremoto) o i grandi incendi, pare che qui, ogni 100-150 anni si scateni anche una supertempesta (l’ultima nel 1861).

-Le inondazioni e gli incendi australiani e quelli californiane, non sono state le uniche, tutti i paesi del sud dell’Asia e il Brasile, hanno risentito di gravissimi danni dovuti al clima/incendi/distruzioni umane.

IL GENIO  ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

DALLE ALGHE 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina!

ALICANTE:WILLER BORDON ha fondato la ENALG che produce “olio di alghe”e pregiati sottoprodotti come acidi grassi omega. Il prodotto è privo di zolfo e benzene, facilmente raffinabile come carburante per veicoli ed aerei. Inoltre si sottraggono all’atmosfera 2 kg. di CO2, che sono assorbiti dalle alghe, vi restano fissati e non sono destinati alla combustione. Ancora una volta IL GENIO ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

Dove nasce la battaglia del CIBO: a Ginevra lo dice il prof. E.Fragnière della Haute Ecole di Ginevra

Quasi la metà dei silos di stoccaggio appartengono alle banche…nessuno ammette, ma le performance di alcuni istituti di credito parlano chiaro”.

Secondo i banchieri il raddoppio delle materie prime alimentari è dovuto solo ai cataclismi naturali. In un anno i prezzi dei cereali sono cresciuti del 57% gli olii e i grassi del 56%, lo zucchero del 77%.

CASE ECOLOGICHE: proposta abbandonata per anni

A MILANO ORA ABBIAMO SOLO 2 EDIFICI CHIAMATI BOSCO (bellissimi e produttori di molto benessere, ma ancora molto costosi per creazione e manutenzione)

Case fatte con legnami di scarto, boschi in verticale...la proposta è dell’arch. Stefano Boeri per Milano, ma il progetto fu abbandonato.

Finalmente !!!!

Il 27 ottobre 2017 La rivoluzione verde ispirata dal Bosco Verticale di Milano, ideato da Stefano Boeri, è oggetto dell’articolo pubblicato sul sito del World Economic Forum, l’Organizzazione Internazionale per la cooperazione pubblico-privato finalizzata al miglioramento dello stato mondiale, che coinvolge politica, finanza, industria e società a livello globale.

“Il fatto di avere una cortina di alberi crea un microclima con 2-2,5 gradi in meno d’estate” sostiene Boeri www.stefanoboeri.it

DAL 2007 AL 2017: finalmente la ralizzazione di un progetto verde anche in Italia.

“In quei mesi del 2007 stavo iniziando il progetto di 2 torri alte nel centro di Milano e di colpo – le idee interessanti e nuove arrivano all’improvviso– mi venne in mente di progettare (come reazione alle centinaia di grattacieli in vetro che spuntavano nel mondo) due torri biologiche, due torri rivestite di foglie. Foglie di piante, di arbusti, ma soprattutto foglie di alberi. Due torri rivestite di vita”.

Un Bosco Verticale è il libro in cui Stefano Boeri racconta il progetto di quello che è diventato, persino prima di essere terminato, uno degli edifici più emblematici di Milano. Il capostipite di una nuova generazione di architetture

Le due torri di Bosco Verticale, finalmente realizzate,  ospitano 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia DOVREBBE imparare, dal progetto di S.Boeri e costruire in altezza con il verde verticale..

La diversità e le caratteristiche delle piante scelte producono ossigeno e umidità, assorbendo CO2 e polveri, proteggono dall’irraggiamento e dalla polluzione acustica, migliorando il confort e risparmiando energia.

PALAZZI VERDI:

dall’Accademia delle scienze di California (Renzo Piano) al palazzo del Tribunale di Manchester alla californiana OFF THE GRID HOUSE; ovvero scollegata dall’energia elettrica.

PALAZZI VERDI IN UN LIBRO:

sono 70 quelli illustrati nel libro ATLANTE DI ARCHITETTURA ECOSOSTENIBILE (LOGOS, 39.95 €)

—-

UNA SERIA PROPOSTA PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO.

LA BLU ECONOMY PATROCINATA ANCHE DAL  PRINCIPE ALBERTO DI MONACO… , MA POCHI NE PARLANO.

L’economia “rossa” era basata sul consumo indiscriminato, quella “verde” è di prodotti ecosostenibili, ma costosi quindi per pochi, l’economia “BLU” vuole prodotti di massa per tutti.

BLU ECONOMY“:

1-fare buisiness

2-prodotti e sevizi realizzati senza sfruttare manodopera in modi disumani

3-niente uso di sostanze tossiche

4-no all’inquinamento di oggi e di domani

COSA DOBBIAMO CAMBIARE:

Per depurare l’acqua immettiamo sostanze chimiche che vi annientano tutte le forme di vita

Per produrre una batteria impegniamo un’energia di gran lunga superiore a quella che fornirà.

BLU ECONOMY: buisiness globale con consumi sostenibili anche economicamente per tutti gli abitanti del pianeta

La Blu Economy non chiede alle aziende di investire di più per salvare l’ambiente, ma vuole creare maggiori flussi di reddito:

-coltivare funghi sui fondi di caffè

-usare un cellulare che sfrutta il calore del corpo…

-in natura non esistono disoccupati e neppure rifiuti.

Tutti svolgono un compito e gli scarti degli uni diventano materia prima per gli altri.

IL PRINCIPE DI MONACO ALBERTO SOSTIENE LA “BLU ECONOMY” E LA PROMUOVE NEL SUO STATO

—-

NON MANGIAMO GAMBERETTI CHE PROVENGONO DA ALLEVAMENTI!!!

Siamo alla bancarotta ecologica, negli ultimi 25 anni abbiamo visto sparire una foresta di mangrovie su tre (le aree vengono anche usate per allevare gamberetti di mare utilizzando quantitativi eccessivi di antibiotici), una barriera corallina su cinque(ma alcuni turisti continuano a raccogliere di nascosto le madrepore e camminano sulla barriera corallina distruggendo migliaia di anni di crescita), due ecosistemi su tre evidenziano segni di declino,il 25% dei mammiferi il 12% degli uccelli ed il 32% degli anfibi sono a rischio di estinzione.

Questo è quanto emerge dal Millennium Ecosystem Assessment, la valutazione dell’ecosistema dell’ultimo millennio che il segretario dell’ONU ha voluto e che dopo quattro anni di lavoro per 1.360 esperti è stata presentata alla FAO.

—-

136 mila tonnellate: questo è il quantitativo di impianti fotovoltaici da smaltire in Germania nei prossimi anni.

Il vetro e la pellicola che ricoprono le celle si opacizzazano e il rendimento si abbassa. Con la sostituzione dell’inverter, comunque, si può allungare la vita dei pannelli da 10-15 a 30 anni, con una piccola riduzione di rendimento.

La Germania già ha risolto il problema smaltimento pannelli solari. Il loro 90% può essere facilmente riciclato, oppure si inseriscono triturati nell’asfalto: con ottimi risultati di resistenza per l’asfalto!

—-

2 MILIARDI DI ESSERI UMANI…

Nelle zone aride della terra vivono 2 miliardi di esseri umani: 1 miliardo non ha accesso ad un accettabile rifornimento idrico; circa 2 miliardi soffrono di penuria idrica.

—-

TRIPLICATO L’USO DEI  FERTILIZZANTI A BASE DI FOSFORO, ALTAMENTE INQUINANTE!

Dal 1985 abbiamo utilizzato più della metà di tutti i fertilizzanti a base di azoto prodotti nella storia e creati nel 1913. Dal 1960 al 1990 il consumo di fertilizzanti a base di fosforo è praticamente triplicato.

—-

VECCHI COMPUTER il Banco Informatico Tecnologico e Biomedico è una ONLUS che raccoglie computer, fax, stampanti…da aziende li ricondizionano con l’aiuto di volontari e li spediscono nel terzo mondo perché possano essere ancora utilizzati.

—-

VANDANA SHIVA: troppo pochi ne parlano.

VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra

VANDANA SHIVA: paladina dell’ambiente con laurea in fisica quantistica, denuncia la schiavitù del petroliol’uso degli OGM. Una filosofia del divieto dello spreco dei beni collettivi: aria, acqua, campi coltivati.

VANDANA SHIVA ha ricevuto l’equivalente del premio Nobel per la Pace: Right Livelihood  award.

VANDANA SHIVA: sostiene 500 mila contadini indiani contro i fertilizzanti chimici; anche lei predica una allegra sobrietà di vita (che è poi quello che ha predicato il papa Francesco appena salito al soglio pontificio!!) come Serge Latouce per un mondo migliore.

E SE QUALCUNO DI NOI COMINCIASSE A PENSARE AL FUTURO DEI FIGLI E DEI NIPOTI ???

Inquinamento – Colpevoli non solo le sigarette … Pianura Padana è peggio della Terra dei Fuochi ?

ALTRO CHE ITALIA PAESE MENO INQUINATO DEL MONDO … sicuramente fanno eccezione alcune isole fortunate come zone della Toscana ecc… dove a vivere sono in pochi

COSA E’ PIU’ PERICOLOSO PER LA SALUTE ???

INDUSTRIE 36%

TRAFFICO 29% è il traffico che ci fa venire il cancro non solo le sigarette come si è detto sino a oggi !!!

Tra le auto in circolazione sono le Euro 3 le più inqunanti causa di cancro ma non si può dire … ???

RISCALDAMENTO 7%

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Dati del ministero della Salute

Parole, numeri e grafici del Rapporto sulla Qualità dell’aria dell’Agenzia Europea sull’Ambiente:

  • Pianura Padana è uno dei luoghi più inquinati e saturi di polveri sottili (Pm10, Pm 2,5), diossido di azoto, diossido di zolfo, monossido di carbonio, benzopirene, d’Europa

Polveri sottili (Pm10, Pm 2,5), diossido di azoto, diossido di zolfo, monossido di carbonio, benzopirene, sono sostanze che l’agenzia Iarc (International Agency for Research on Cancer), ha inserito nella “lista nera” dei fattori che provocano il cancro (3% di tutti i tumori, 5% di tutti i tumori polmonari).

Ecomondo – Più grande fiera del Mediterraneo per tecnologie ambientali

Ecomondo

7 al 10 novembre 2017 RIMINI

 

Svezia e Norvegia insieme per la prima volta a Ecomondo: nasce il padiglione Nordico “Nordic Sustainability”

L’edizione 2017 di Ecomondo, la più grande fiera del Mediterraneo riguardante le tecnologie ambientali, sarà caratterizzata dalla novità della collaborazione tra Business Sweden e Innovation Norway che presenteranno il primo padiglione Nordico collettivo, in modo da comunicare in modo ancora più efficace il messaggio di efficienza e innovazione proveniente dalla penisola Scandinava.

Le aziende svedesi e norvegesi presenti nel padiglione promuoveranno i loro prodotti e servizi nei settori della gestione e riciclaggio dei rifiuti, della depurazione di acqua e aria, delle bio-industrie e delle smart city.

Il giorno dell’inaugurazione saranno presenti S.E. l’Ambasciatore di Svezia in Italia Robert Rydberg e S.E. l’Ambasciatore di Norvegia in Italia Margit. F. Tveiten che daranno il benvenuto alle aziende e a tutti gli ospiti.

Innovation Norway, Ufficio Norvegese per il Commercio, è la rappresentanza ufficiale del governo norvegese in Italia in materia di commercio estero.

E’ presente con circa 750 dipendenti in 35 paesi e in tutte le regioni della Norvegia.

Business Sweden rafforza l’immagine della Svezia come partner commerciale attraente, innovativo e competitivo.

Con circa 400 dipendenti in Svezia e in altri 57 Paesi, facilitiamo la crescita di aziende svedesi a livello internazionale e gli investimenti in Svezia per le imprese straniere attraverso consulenza strategica e sostegno pratico. Business Sweden è di proprietà dello Stato e delle aziende. La proprietà condivisa consente di accedere ai contatti e alle reti a tutti i livelli.

Innovation Norway – Ufficio Norvegese per il Commercio e il Turismo.
Innovation Norway è il più importante ente governativo norvegese per la promozione, lo sviluppo e la crescità delle aziende e dell’industria norvegese.

Innovation Norway fa capo al Ministero Norvegese per l’Industria e il Commercio, e’ nata nel 2004 dalla fusione tra il Norwegian Trade Council e l’Ente Norvegese per il Turismo.

La missione di Innovation Norway e’ di promuovere lo sviluppo industriale e socio-economico presso i mercati esteri e di sviluppare le potenzialita’ imprenditoriali dei singoli distretti.

Innovation Norway – Ufficio Norvegese per il Commercio e il Turismo.

Innovation Norway fa capo al Ministero Norvegese per l’Industria e il Commercio, e’ nata nel 2004 dalla fusione tra il Norwegian Trade Council e l’Ente Norvegese per il Turismo.

Innovation Norway supporta, attraverso servizi consulenziali e finanziari, le aziende, i centri di ricerca e le organizzazioni industriali nei processi di internazionalizzazione, innovazione e promozione.

Inquinamento domestico  come misurarlo ? – Emergenza inquinamento

SALUTE 

Parametri di: CO2  polveri sottili  temperatura luminosità  rumore e umidità

MISURATI DA UNA STARTUP

Nota | Startup per misurare i dati dell’inquinamento domestico
 
L’emergenza inquinamento continua ad essere al centro dell’attenzione: nelle ultime settimane i livelli di smog hanno raggiunto, soprattutto al Nord Italia, soglie preoccupanti.

Per questo, vi segnaliamo che all’interno dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino, attualmente incubata nel percorso Treatabit, è presente Nova Smart Home, una startup nata dalla volontà di creare un ecosistema di dispositivi pensati per la casa e progettati per l’utente attento al benessere e alla sicurezza della sua abitazione.

In particolare, il primo prodotto creato da Nova Smart Home è Arya, un assistente che, come un oblò, è in grado di aiutare a monitorare parametri importanti quali la CO2, le polveri sottili, la temperatura, la luminosità, il rumore e l’umidità all’interno delle case.

Recenti studi dimostrano come questi elementi influiscano sulla salute delle persone e sul loro rendimento:

alti livelli di CO2 all’interno di una stanza possono avere un forte impatto sulla concentrazione (fattore fondamentale ad esempio in scuole e biblioteche) e mostrano spesso una correlazione con lo sviluppo di insufficienze respiratorie durante l’infanzia.

Arya non si limita a rilevare questi dati, visualizzandoli sul display e sull’applicazione per smartphone,  ma si occupa di migliorare l’ambiente domestico suggerendo semplici azioni come aprire una finestra oppure interagendo con altri dispositivi connessi.

L’utente sarà in grado di interagire direttamente con la casa attraverso la propria voce grazie ad un microfono integrato e potrà creare scenari personalizzati in modo da massimizzare il benessere dell’ambiente domestico.

“L’obiettivo è quello di creare consapevolezza nelle persone riguardo a elementi intangibili come la qualità dell’ambiente domestico”, spiegano i co-founder Stefano Melis e Mattia Arimondo.

Chi è I3P
I3P è l’Incubatore d’imprese del Politecnico di Torino. È uno dei principali incubatori europei e sostiene startup fondate sia da ricercatori universitari che da imprenditori esterni.
Fondato nel 1999, è una società costituita da Politecnico di Torino, Città Metropolitana di Torino, Città di Torino, Camera di Commercio di Torino, Finpiemonte e Fondazione Torino Wireless.
Ad oggi ha favorito la nascita di 217 imprese, che hanno ottenuto capitale di rischio per circa 52 milioni di Euro e generato circa 1600 posti di lavoro e un giro d’affari di oltre 90 milioni di Euro nel 2016.
I3P offre alle startup spazi attrezzati, consulenza strategica e specialistica, e continue opportunità di contatto con investitori e clienti corporate.
In I3P possono accedere studenti, dottorandi, ricercatori, docenti del Politecnico di Torino o degli enti pubblici di ricerca, oltre che imprenditori o esterni interessati a sviluppare una startup innovativa con validata potenzialità di crescita. I settori di attività delle startup variano dall’ICT al Cleantech, dal Medtech all’Industrial, dall’Elettronica e automazione al digitale e in ambito Social Innovation.
Nel 2011, I3P ha lanciato TreataBit, un percorso di incubazione dedicato ai progetti digitali rivolti al mercato consumer, quali portali di e-commerce, siti di social network, applicazioni web e mobile. Ad oggi Treatabit ha supportato oltre 300 idee d’impresa, di cui 190 progetti sono online e 107 sono diventate impresa.
Promotore di importanti iniziative per il trasferimento tecnologico, l’incubazione e la crescita di impresa, l’attività di I3P si inquadra nelle strategie globali del territorio piemontese volte a sostenere la ricerca, l’innovazione tecnologica, l’innovazione sociale e la nuova imprenditoria.
Nel 2014 I3P si è classificato al 5° posto in Europa e al 15° al mondo nel ranking UBI Index (University Business Incubator) la classifica annuale degli incubatori universitari che ha preso in esame 300 incubatori di 67 paesi, valutandone l’attrattività e la creazione di valore per l’ecosistema e per i clienti.
Maggiori informazioni sul sito: www.i3p.it

Emergenza smog – Denunciamo l’inazione della politica

Emergenza smog, FIMA: “Il giornalismo ambientale denunci l’inazione della politica

L’ITALIA E’ IL PAESE CON PIU’ SMOG D’EUROPA

Chiediamo ai politici di prendere provvedimenti seri, non vogliamo vivere pensando che i nostri figli e nipoti pagheranno le nostre NON scelte

TUTTI GLI ESPERTI SANNO QUANTO SIANO PERICOLOSI I DIESEL EURO3 (PER ESEMPIO), cosa si è deciso al riguardo ???  Aiuti economici per sostituire il parco macchine più pericoloso può anche aiutare l’economia. Ci si poteva pensare anche qualche anno fa …. ma nessuno lo ha fatto

“Siamo davvero uno strano Paese.

Mentre una nuvola nera di polveri sottili e inquinamento strangola le nostre città e crea le premesse per malattie e morti per molti anni a venire, la politica italiana continua a trastullarsi in giochini incomprensibili su temi lontanissimi dai reali interessi dei cittadini.

Spetta al mondo dell’informazione, a cominciare dal giornalismo ambientale, continuare a informare puntualmente i cittadini e denunciare la scandalosa inazione di chi ha la responsabilità di tutelare la salute degli italiani“. Roberto Giovannini, Presidente della Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA)

DA PARTE NOSTRA, COME donneucltura.eu, DA ANNI DENUNCIAMO QUESTA PERICOLOSA SITUAZIONE PERCHE’ NE SIAMO INFORMATI, NELLE CONFERENZE STAMPA, DAI MEDICI CHE CURANO BAMBINI E ANZIANI AMMALTI DI BRONCHI CON PROBLEMI GRAVI DI RESPIRAZIONE, CANCRO ECC… Purtroppo dobbiamo anche precisare, che questi sono gli articoli che ci risultano meno letti da chi ci segue su internet …

Ecco alcuni link di quanto stiamo pubblicando da tempo:

SMOG INQUINAMENTO – QUANTO FANNO MALE OSSIDO DI AZOTO E PM10 ?

Salute – 500.000 morti per inquinamento in Europa ogni anno

Cappa inquinante sul nord Italia – INQUINAMENTO E SALUTE

Da gennaio allo scorso fine settimana,

-a Torino sono 70 i giorni di superamento di PM10,

-mentre Milano è arrivata a quota 59 gg;

grave la situazione anche a Pavia (66gg),

-Cremona (65gg di superamento)

-e Padova (60gg):

la denuncia arriva da Legambiente che ha segnalato quelle città che hanno superato il limite di legge dei 35 giorni di sforamento, con una media giornaliera oltre i 50 microgrammi per metro cubo, previsto per le polveri sottili (PM10).

Lo smog che sta sovrastando l’Italia in questi giorni è composto però anche di ossidi di azoto (NOx ), la cui fonte principale di emissioni è costituita dal trasporto su gomma.

Cos’è la FIMA – Federazione Italiana Media Ambientali

La Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA) è stata fondata il 24 aprile 2013 durante il “Festival internazionale del giornalismo” di Perugia.

Ha lo scopo di promuovere e migliorare la comunicazione ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità, anche in collaborazione con analoghe organizzazioni di altri paesi, concorrendo in questa maniera alla tutela e valorizzazione dell’ambiente.

Ecologia – Salviamo gli elefanti africani

Un tempo c’erano 25 milioni di elefanti in Africa.

Ora l’intera specie rischia l’estinzione. Un terribile segno della disconnessione totale dell’essere umano dalla natura. Ma possiamo ancora invertire la rotta e salvare gli elefanti dall’estinzione.


RICEVIAMO LA NOTIZIA DALL’ASSOCIAZIONE AVAAZ

Abbiamo 10 anni prima dell’estinzione degli elefanti africani. 10 anni!!

Li stiamo spazzando via dal pianeta.

E solo per farne inutili gingilli in avorio!

Ma finalmente abbiamo la possibilità di far chiudere uno dei più grandi mercati dell’avorio: l’Europa. Gli esperti denunciano che il commercio legale di avorio “antico” offre una copertura alla vendita illegale, e alimenta la strage di elefanti.

Ora l’UE ha lanciato una consultazione pubblica, in cerca di prove risolutive. Se le troveranno, un bando totale è possibile.

E Avaaz ha un piano per fornirgli quelle prove.

Stiamo per lanciare una collaborazione con l’Università di Oxford e i migliori esperti di fauna selvatica, per comprare avorio venduto legalmente in Europa e testarlo per verificare la sua vera età. Se dimostreremo che non è antico, avremo la prova necessaria per un bando totale!

I bracconieri uccidono 100 elefanti al giorno. Li ammazzano dagli elicotteri, o spesso gli strappano le zanne a colpi di machete quando sono ancora vivi. La cosa più terribile è che gli elefanti capiscono quello che gli sta succedendo. E passano ore a piangere quando muore un membro della famiglia.

L’unico modo per salvarli è la messa al bando totale del commercio di avorio — e non siamo mai stati così vicini a ottenerla. Stati Uniti e Cina hanno già approvato dei divieti. Hong Kong sembra intenzionata a chiudere il commercio entro il 2021. E l’Europa stessa ha appena sospeso l’esportazione delle zanne. Ma ora potrebbero introdurre ulteriori restrizioni.

E noi possiamo produrre le prove schiaccianti e decisive!

Ma è un’operazione che ha un costo.

E Avaaz ha forse l’unica rete di finanziamento globale in grado di raccogliere in così poco tempo i fondi necessari per uno studio scientifico di larga scala e finanziato dal basso, che possa influenzare l’UE proprio mentre si sta decidendo se vietare o no il commercio d’avorio.

È un progetto che non è mai stato provato prima — deve partire subito, e nessun altro può lanciarlo in un tempo così breve. Dona quanto puoi:

La consultazione si chiude tra poche settimane. Con 50mila donazioni ora, possiamo far partire questo piano già oggi.

Dona ora quanto puoi, evitiamo che questa sia l’ultima decade degli elefanti.

https://secure.avaaz.org/page/it/

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Maggiori informazioni

Il grosso dell’avorio illegale è frutto di caccia recente (ANSA)
http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/natura/2016/11/08/il-grosso-dellavorio-illegale-e-frutto-di-caccia-recente_ae610fd4-a3a6-4ae6-ae76-bb15748a8a18.html

Il massacro degli elefanti in docu (ANSA)
http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2017/09/20/il-massacro-degli-elefanti-in-docu_4087c086-4b75-43c7-b23c-fe67a3f514d0.html

Dal primo luglio stop all’export di avorio grezzo dall’Unione Europea (SkyTG24)
http://tg24.sky.it/ambiente/2017/05/16/ue-stop-export-avorio-grezzo-dal-1–luglio.html

La Cina vieterà il commercio dell’avorio entro la fine del 2017 (The post internazionale)
https://www.tpi.it/2017/01/05/cina-vieta-commercio-avorio-entro-fine-2017/#r

Elefanti, il segreto in un cervello molto simile al nostro (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2017/09/28/cultura/opinioni/editoriali/elefanti-il-segreto-in-un-cervello-molto-simile-al-nostro-Yf0nhmBJu3NzHP00YyIBWO/pagina.html

CO2 e SMOG: IL MIO ALBERO PULISCE TANTA ARIA! TU HAI UN ALBERO?

13I campioni anti smog sono:

-bagolaro, platano e frassino; ovvero gli alberi che catturano più anidride carbonica e smog di tutti.

Ricordatevelo se dovete fare un giardino o se avete la possibilità di piantare un albero, anche in un giardino non vostro; avrete fatto un’opera di bene per tutto il pianeta !

Gli alberi nel mondo ci fanno risparmiare ben

12 MILIONI DI TONNELLATE DI CO2, OGNI ANNO !

-1 pianta di Bagolaro assorbe ogni anno 470 chili di CO2 in un anno !

-1 pianta di Frassino: 511 chili di CO2, in un anno

-1 pianta di Ginko Boloba 362 chili di CO2, in un anno

 -E’ bello pensare che tutte le ville con giardino d’Italia, i boschi e i parchi pubblici 

ASSORBANO 12 MILIONI DI TONNELLATE ANNUE DI CO2 ! E’ una verità scientifica.

 -Va tenuto presente che, se il pioppo assorbe moltissima anidride carbonica, più di molte altre piante, ha un ciclo di soli 10 anni (con la morte della pianta entra in circolo l’anidride carbonica che emana alla sua decomposizione); mentre la quercia che vive ben oltre 100/200 anni, è un magazzini di anidride carbonica garantito per più secoli.

 Un buon rapporto vita dell’albero e suo assorbimento di CO2 e smog lo abbiamo, per il clima italiano, con il Bagolaro e con il Platano.

Che meraviglia quei viali di Platani, che qualcuno vuole abbattere per risparmiare sulla manutenzione e altri vari futili motivi, che rinfrescano le nostre estati, assorbono veleni e ci regalano tanto ossigeno per tutto il giorno !

_Oggi invece vediamo abbattere alberi secolari per questioni “estetiche” e creare piazze senza verde,

-bollenti in estate; come è stato fatto davanti al teatro Sociale  a Como e nella piazza principale di Cantù:

non una pianta, non una fontana: solo squallido pietrame!

Che caldo in estate, che tristezza e che cattivo gusto signori (?) amministratori comunali, e ex.

Salute – 500.000 morti per inquinamento in Europa ogni anno

I dati provengono dal rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente

l’inquinamento atmosferico resta il principale fattore ambientale di rischio per la salute umana ed abbassa la qualità della vita

85% della popolazione è esposto allo smog

Serve una trasformazione radicale della nostra mobilità (autombili che non inquinano, invece delle letali Euro 3 DIESEL !!!)

Finalmente si smette di dare tutte le colpe al fumo delle sigarette e si riconosce il pericolo del traffico automibilistico.

IL RAPPORTO: “Qualità dell’aria in Europa 2016”, dimostra che nel 2014 circa l’85% della popolazione urbana nell’Ue è stato esposto alle cosiddette «polveri sottili» (il particolato PM2.5) a livelli ritenuti dannosi per la salute dalla Organizzazione Mondiale della Sanità.

In particolare le vittime del biossido di azoto (NO2) sono 71mila e quelle dell’ozono (O3) sono 17mila.

Per non parlare degli effetti dannosi, quando non sono mortali,  sulla respirazione di bambini e anziani, in particolare.

L’ Unione Europea,  vara nuovi limiti per gli inquinanti dell’aria.

MILANO – Concorso ‘adotta un albero di natale’ iscrizioni entro 27 ottobre 2017

A MILANO

CONCORSO ‘ADOTTA UN ALBERO DI NATALE’

Iscrizioni  entro le ore 12 di venerdì 27 ottobre 2017

Partecipare direttamente a creare la magica atmosfera del Natale lungo le strade e le aree verdi della città.

CI SI VUOLE RIVOLGERE ai cittadini, ma anche a negozi, parrocchie, associazioni, privati e a gruppi di persone …

Il modello della domanda può essere ritirato direttamente presso gli uffici del Municipio.

Lo promuove il Municipio 4 perché siano gli stessi milanesi ad addobbare il territorio. L’obiettivo della proposta è stimolare il senso civico e di appartenenza dei cittadini alla comunità urbana.

Alla fine delle festività, le tre migliori ‘opere’ riceveranno un premio.

Possono partecipare privati, enti, associazioni
e gruppi presentando la richiesta entro il 27 ottobre.

Milano. Un progetto dedicato a tutti i milanesi per partecipare direttamente a creare la magica atmosfera del Natale lungo le strade e le aree verdi della città, in zona Municipio 4.

E’ questo lo scopo del bando lanciato dall’Assessore alla Sicurezza, Protezione civile, verde e Arredo urbano del Municipio 4 Carmine Abagnale per addobbare i numerosi abeti individuati nel territorio di competenza della circoscrizione.

Altri alberi in vaso saranno posizionati in cinque differenti siti vicini: piazza San Luigi e piazzale Bologna (Quartiere Bologna), piazzale Ferrara (Corvetto), viale Ungheria nell’ quartiere omonimo e piazza Santa Maria del Suffragio (zona XXII Marzo).

Il Municipio 4, circa 170.000 abitanti, per intendersi è il territorio a Est del centro città partendo da Porta Vittoria e Porta Romana e copre Acquabella, Cavriano, Quartiere Forlanini, Monluè, La Trecca, Taliedo, Morsenchio, Ponte Lambro, Calvairate, San Luigi, Gamboloita, Quartiere Corvetto, Quartiere Omero, Nosedo, Castagnedo, Rogoredo, Santa Giulia, Triulzo Superiore, Chiaradia (Ripamonti) con i diversi parchi in ciascuno di questi quartieri si potrà adottare almeno un albero di Natale.

L’iniziativa, voluta dall’assessore Abagnale e condivisa dal presidente del Municipio Paolo Bassi e approvata con una delibera dall’intera giunta municipale, prevede che le iscrizioni giungano entro le ore 12 di venerdì 27 ottobre 2017. Possono essere portate a mano all’Ufficio Protocollo del Municipio 4 (Via Oglio 18, primo Piano) o spedite via fax al numero 02 884 58418 o via email: m.municipio4 assistenzaorg@comune.milano.it.

La giuria che giudicherà che stilerà la graduatoria sarà composta da esperti, le tre migliori opere saranno premiate e a tutti i partecipanti sarà consegnata una targa nel corso di una cerimonia, a ricordo dell’iniziativa ricca di significato civico.

“Ci rivolgiamo a cittadini ma anche a negozi, parrocchie, associazioni, privati e a gruppi di persone interessati a dare gratuitamente il proprio contributo per migliorare l’aspetto della nostra area urbana affinché si costruisca uno spirito di partecipazione alla ‘cosa pubblica’ e si riscopra il senso civico, entrambi necessari per il risanamento etico e la sicurezza della nostra società.

Ci aspettiamo una partecipazione numerosa, soprattutto da parte delle associazioni, proprio per esprimere quel senso di collaborazione e di sostegno a chi lavora per restituire una Milano migliore”, spiega Abagnale.

Il modello della domanda può essere ritirato direttamente presso gli uffici del Municipio oppure scaricato al link http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/amministrazione/governo/municipi/ municipio_4. Ulteriori informazioni possono essere chieste all’ufficio competente del Municipio 4 – 0288458406

Ecco gli alberi individuati nelle varie zone per l’addobbo:

Alberi in vaso