Archivi categoria: salviamo il pianeta

safe the planet, salviamo il pianeta, futuro, il nostro futuro,

Ecologia – Compattare l’immondizia in casa

I n commercio non vi sono ancora validi prodotti che facilitino lo smaltimento dei vari materiali di uso domestico

Ed ecco l’idea di due giovani svizzeri: Alexandre Traber e Jean-Christophe Jaques; creare un agile ed ecologico compattatore di immondizia casalinga. Così si evita di tenere in casa sacchi ingombranti e per il futuro si pagherà meno perché l’immondizia si pagherà secondo le dimensioni di consegna (in Svizzera è già una relatà).

Alexandre Traber è un ex bancario e Jean-Christophe Jaques è ingegnere.

Il prodotto si chiama OLIFAN e presto verrà messo in vendita su internet.

PESCE SEMPRE PIU’ RARO E SEMPRE PIU’ …

Negli ultimi 10 anni la domanda ittica mondiale è aumentata dal 5 al 10 %.

Responsabili soprattutto i Paesi in via di sviluppo che aumentano anche le loro richieste alimentari, pesce compreso.

Gli allevamenti pareva potessero arginare la distruzione di pesce selvaggio.

Le cose non funzionano esattamente come appaiono; la farina di pesce, che serve per gli allevamenti, proviene da pesce selvaggio e quindi si tratta di un ciclo chiuso che contribuisce all’esaurimento di quest’ultimo.

Sul nostro pianeta si sta mangiando più pesce di quello che si riesca a produrre, anche nell’allevamento.

Infatti gli allevamenti di salmone necessitano del pesce pescato nell’America Latina, e ricco di Omega 3, che purtroppo inizia a scarseggiare.

Da questi fatti, all’aumento del prezzo del pesce sul mercato, il passo è ovvio.

Per non parlare delle alte concentrazioni di antibiotici, indispensabili, per la produzione di pesce di allevamento che però  contamina anche i pesci e le acque circostanti…

I problemi non sono solo per i salmoni, ma anche per i tonni di allevamento ecc….

::::::::::::

SOLUZIONE ??? 

Ora diverse multinazionali stanno studiando come estrarre Omega 3 dalla soia e dalle alghe.

Ribadiamo anche quanto già pubblicato: 

-Una società bitecnologica canadese, la AquaBounty, ha ottenuto l’autorizzazione per produrre 100 mila uova l’anno di una varietà di salmoni transgenici (OGM).

Simone Mirto, biologo marino dell’Istituto dell’ambiente marino e costiero del CNR a Mazara del Vallo, sostiene che dagli allevamenti in mare i pesci fuggono…e quindi, essendo più grandezze voraci, i pesci OGM elimineranno tutti i più deboli pesci naturali.

-Noi abbiamo già visto personalmente come, nelle acque del lago Titicaca in Perù, l’arrivo di una vorace trota salmonata, immessa dall’uomo, abbia ucciso tutti i pesci nativi.

-Simone Mirto sostiene anche che l’errore è continuare a fare ricerca su pesci che mangiano altri pesci, e ne distruggono 10 volte più del loro peso!

-Sarebbe stato meglio investire in una ricerca che avesse prodotto pesci non carnivori !

-Questa varietà transgenica di salmone si chiama AquAdvantage ha due geni estranei: uno del salmone del pacifico, che accelera la crescita, e uno di un pesce di acque molto fredde.

-Qualcuno lo ha già chiamato il salmone “Frankenfish”.

Eco – Architettura Bosco Verticale per il sociale – Trudo Vertical Forest

La Trudo Vertical Forest sarà il primo Bosco Verticale destinato al social housing (abitazioni non di lusso)

sulle facciate 125 alberi e 5.200 tra arbusti e piante

La Trudo Vertical Forest di Eindhoven:

-il nuovo progetto sociale di Forestazione Urbana di Stefano Boeri Architetti.

Sorgerà a Eindhoven il primo Bosco Verticale in edilizia sociale, firmato da Stefano Boeri Architetti per Trudo.

www.stefanoboeriarchitetti.net/trudoverticalforest

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di architetture sostenibili nel mondo.

Dopo i progetti di Bosco Verticale di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e dopo la diffusione globale del video/appello per la Forestazione Urbana (stefanoboeriarchitetti.net/urbanforestry) – arriva oggi l’annuncio del nuovo Bosco Verticale che sarà costruito nei Paesi Bassi, ad Eindhoven.

La Trudo Vertical Forest sarà il primo Bosco Verticale destinato al social housing e dunque rivolto a un’utenza popolare e in particolare a giovani coppie. La torre ospiterà nei suoi 19 piani appartamenti con affitto calmierato, che godranno della presenza sui balconi di centinaia di alberi e piante delle specie più varie.

“Il grattacielo di Eindhoven conferma la possibilità di unire le grandi sfide del cambiamento climatico con quelle del disagio abitativo.

La forestazione urbana non è solo una necessità per migliorare l’ambiente delle città nel mondo, ma l’occasione per migliorare le condizioni di vita dei cittadini meno abbienti” dichiara Stefano Boeri.

L’edificio è stato fortemente voluto dal committente Sint-Trudo e darà spazio a 125 unità abitative adibite a social housing.

“La Trudo Vertical Forest definisce nuovi standard abitativi.

Ogni appartamento avrà una metratura di meno di 50 mq e disporrà di 1 albero, 20 cespugli e più di 4 mq di terrazzo.

Tramite l’utilizzo della prefabbricazione, la razionalizzazione di alcune soluzioni tecniche di facciata, e quindi l’ottimizzazione delle risorse, sarà il primo prototipo di Bosco Verticale destinato ad alloggi sociali” dichiara Francesca Cesa Bianchi, Project Director di Stefano Boeri Architetti.

La Trudo Vertical Forest sarà un grattacielo di 75 metri che ospiterà sulle facciate 125 alberi e 5.200 tra arbusti e piante.

Creerà all’interno dell’ambiente metropolitano un habitat verde per lo sviluppo della biodiversità, un vero e proprio ecosistema con oltre 70 specie vegetali differenti in grado di contrastare l’inquinamento atmosferico, grazie alla capacità degli alberi di assorbire oltre 50 tonnellate di anidride carbonica ogni anno.

La caratteristica degli edifici della famiglia di Boschi Verticali è quella di concepire la vegetazione e la natura vivente come elementi costitutivi – e non più solo ornamentali – dell’architettura.

Per la progettazione della componente vegetale della Trudo Vertical Forest, lo Studio Laura Gatti, diretto dall’agronoma Laura Gatti (che ha collaborato nella realizzazione del Bosco Verticale di Milano e in altri progetti di forestazione urbana con Stefano Boeri Architetti) lavorerà a stretto contatto con DuPré Groenprojecten di Helmond e il vivaio Van den Berk di Sint-Oedenrode.

Sint Trudo sarà responsabile per la manutenzione.

Dopo Milano, Losanna, Nanchino, Parigi, Tirana, Shanghai, Utrecht e Liuzhou Forest City, è ora il turno di Eindhoven, nuovo tassello del grande disegno di forestazione urbana di Stefano Boeri Architetti

Crediti Trudo Vertical Forest

Location

Strijp-S, Eindhoven, The Netherlands

Cliente

Sint Trudo

General contractor

Stam + De Koning

Architecture
Stefano Boeri Architetti
Partner: Stefano Boeri
Project Director: Francesca Cesa Bianchi Project Leader: Paolo Russo
Team: Giulia Chiatante; Elisa Versari Inbo
Project Coordinator: Aron Bogers

Landscape consultant

Studio Laura Gatti

Façade consultant

SCE Project

Structure

Adviesbureau Tielemans

MEP Engineer

Ten Hooven

Landscape contractor

Dupre

Visualization*

The Big Picture Visual

* Ovunque applicabile specialmente su blog, pubblicazioni online e social media, si prega di citare “© The Big Picture” e taggare l’account instagram @bigpicturevisual nella didascalia dell’immagine.

Bici – Bike – Bicicletta e l’aria non è più inquinata !!!

E l’aria non è più inquinata !!!

La città NON inquinata non è impossibile lo dicono i rilevamenti a Copenaghen

40 anni fa Copenaghen era intrappolata tra le  auto come oggi Roma o Milano.

Alla base del grande cambiamento non è stata una campagna pubblicitaria che invitasse a usare la bicicletta, ma grandi investimenti per favorire in ogni modo il ciclista. 

Un esperto di Copenaghenizeu; società di architetti che hanno già programmato possibili piste ciclabili in molte grandi città del mondo, precisa che prima di fare investimenti in bike sharing è meglio realizzare eccellenti piste ciclabili e servizi adeguati per i ciclisti.

Cosa si trova a Copenaghen ?

Tra l’altro, le aziende regalano la disponibilità di un tecnico, una volta la settimana, per aggiustare le bici con problemi, lungo le piste ciclabili i cestini della spazzatura sono inclinati per favorire i ciclisti, ai semfori appositi supporti per far appoggiare più comodamente  i clcisti …

” Il programma ciclistico della città di Copenaghen accoglie tutte le iniziative che accelereranno l’innovazione e la progettazione dei prodotti locali nel settore del ciclismo, portando l’attenzione globale sulla cultura ciclistica unica di Copenaghen. Stabilire un punto di incontro fisico per la co-creazione e la presentazione sarà prezioso per la città così come alla comunità globale. “
Marie Kåstrup, città di Copenaghen

Nuovi ponti solo per bici, grandi supefici ciclabili nelle zone più affollate, priorità e sicurezza nelle strade grazie ad una speciale segnaleca e precedenze.

2008; il CEO di Copenhagenize Design Co., Mikael Colville-Andersen, aveva previsto:

la cultura della bicicletta danese ha bisogno di una casa fisica, un luogo in cui le idee possono essere promosse e discusse, una piattaforma di lancio e vetrina per l’innovazione della bicicletta danese “.

L’idea del 2008 ha portato all’istituzione del Bicycle Innovation Lab , il primo centro culturale per il ciclismo completo di una biblioteca con molti libri sulle biciclette e di eventi.

Ora la Grande Copenaghen dispone di 1000 km di piste ciclabili.

Il 41% della popolazione, arriva al lavoro o a scuola  in bicicletta; da tutta la zona metropolitana.

Il 56% dei cittadini di Copenaghen utilizza la bicicletta ogni giorno.

E l’aria non è più inquinata !!! Lo dicono i controlli degli scienziati.

Foto: EBIKE-2017-672-bici-Bosch

Salute – Incendi dolosi a ripetizione – Avevamo già denunciato ….

Portavano da mesi merci sospette con camion, il fatto era stato segnalato, perché non si è intervenuti subito ??

SEMPRE PIU’ GRAVE LA SITUAZIONE SANITARIA IN ALCUNE ZONE D’ITALIA

I NOSTRI NIPOTI BERRANO L’ACQUA INQUINATA CHE POTRA’ SGORGARE ANCHE A CENTINAIA DI CHILOMETRI DI DISTANZA

L’ignoranza della loro gravità e l’omertà, hanno permesso che questi fuochi che uccidono oggi e domani, 

continuino a ripetersi

ora la terra dei fuochi si trova anche in LOMBARDIA !!!

Lomellina terra dei fuochi, c’è una regia comune? … Siamo al quinto incendio avvenuto in lomellina, nell’arco di pochi mesi.

4 gennaio 2018

Un’altro incendio è divampato mercoledì sera in un capannone industriale di 2mila metri quadrati nel pavese, lungo la provinciale 31 all’altezza del comune di Cortelona e Genzone.

 Nell’incendio sono bruciati plastica, pneumatici e e altri materiali di scarto.

E’ stata emessa un’ordinanza che invita i cittadini a non uscire di casa e tenere chiuse porte e finestre.

VIETATA la raccolta e il consumo dei prodotti ortofrutticoli coltivati ed è vietato il pascolo degli animali, vietato anche il consumo di uova.

:::::::::::::::::::::::::::::::::

10 settembre 2017

AVEVAMO GIA’ PUBBLICATO:
Non se ne parla abbastanza – Mortara i cittadini ” Ci stanno uccidendo “

Gli abitanti ” Questa è la LOMELLINA DEI FUOCHI ” i genitori temono per i figli.

Qui si concentrano inceneritori e raffinerie e vogliono anche portarvi un deposito di fanghi pericolosi …

Una zona dove i fuochi sono diventati la “norma” !!!

” Ci stanno facendo morire lentamente … tutti zitti perché hanno tanti soldi sotto il cuscino … i nostri figli e nipoti pagheranno …. ” Così si è espresso un abitante della zona.

Mortara

ancora la colonna di fumo dalla Eredi Bertè

Il fumo dalla Eredi Bertè di Mortara proviene dall’incendio  nei rifiuti stoccati in azienda.

RIFIUTI, ANCHE MOLTO PERICOLOSI, BRUCIANO E TUTTO FINISCE NEI POLMONI E NELLE FALDE ACQUIFERE.

COVER 450X140 SCIENZE DOMANDA92deserto

Avevamo pubblicato l’ 11 luglio  2013

A CALVANO, NEL NAPOLETANO, I CAVOLFIORI CAMBIANO COLORE A CAUSA DEI METALLI PESANTI…!

LA NOTIZA E’ DEL CORRIERE DELLA SERA (2 giugno pag. 22).

LA TERRA DEI FUOCHI:  TRA I COMUNI DI QUAGLIANO, VILLARICCA E

GIUGLIANO.

QUI SONO STATI SVERSATI IMMENSI QUANTITATIVI DI RIFIUTI TOSSICI.

PERCHE’?

RISPOSTA: IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI VALEVA 200/300 vecchie

lire, MENTRE LO SMALTIMENTO DI UN CHILO DI RIFIUTO TOSSICO RENDEVA

2.000/3.000 vecchie lire.

 

Così negli anni la camorra ha fatto i soldi,  a rischio zero.

Versare veleni in un terreno è stato sanzionato dalla legge solo a patire dall’8 marzo 2001 !

Recentemente, sempre secondo il Corriere della Sera, sono stati sequestrati due ettari, coltivati a cavolfiori,  fortemente inquinati da piombo e cadmio; presenti da 700 a 500 volte più del consentito.

Ma quanti altri terreni, culture. allevamenti ecc… attendono un sequestro ? Nel frattempo i loro prodotti vengono venduti, magari anche ad alto prezzo…

CLIMA – Grandi cambiamenti in atto – Quello che dobbiamo sapere – Possiamo fare qualcosa ?

Quest’inverno gli USA e l’Europa hanno vissuto tempeste di  neve e acqua che hanno causato morti e devastazioni. Intanto in Australia si sono registrati picchi di 47° a Sidney … anche alle Canarie si sono registrate temperature insolitamente calde per il mese di gennaio.

Il clima è in continuo mutamento; con piogge torrenziali e tempeste di neve d’inverno ed estati sempre più afose che registrano un aumento esponenziale di devastanti tornado (o tornadi plurale italianizzato di tornado) e altre tempeste tropicali..

Dopo i ghiacciai della Groenlandia, anche le nuvole cambiano forme e posizione, lo dice il Centro di Ricerca di Ispra.

La Groenlandia tra il 2011 e il 2014 ha perso circa tremila miliardi di tonnellate di ghiaccio. Diversi filmati hanno mostrato gli orsi bainchi che vagano alla ricerca del ghiaccio dove vivere e cacciare, mentre intono a loro c’è sempre più acqua e meno  ghiaccio.

Settembre 2016 segna un record “nero” per il clima:

-l’anidride carbonica (CO2) ha superato la soglia “simbolo” di 400 parti per milione (ppm).

Dal 2016 la situazione non è migliorata.

Le nostre scelte quotidiane:

dal cibo al tipo di auto allo stile di vita,

dalla scelta dei tessuti a quella del tipo di casa e giardino o sport (il golf è il peggior sport dal punto di vista ecologico; sottrae acqua preziosa alle falde che si stanno riducendo; soprattutto in alcuni Paesi poveri di piogge, a partire dal Marocco al sud della Spagna, California ecc )

da dove e come andiamo in vacanza a cosa insegnamo a figli e nipoti;

tutto può contribuire a peggiorare o migliorare il futuro dell’umanità che è anche il futuro della nostra famiglia.

Questi dati ci devono interessare perché ci riguardano anche personalmente; se non ci sarà più acqua o cibo non inquinati, sarà un grosso problema per la salute dei nostri figli o nipoti.

1 miliardo e 300 milioni di tonnellate di cibo si buttano ogni anno
USA, il 40% del cibo è buttato: tanto spreco, tanto inquinamento inutile.

In Italia 16 miliardi di cibo vengono buttati ogni anno.

La deforestazione riguarda le foreste di tutto il mondo; togliendoci tante piante che trasformano i veleni dell’aria in ossigeno.

Il consumo massimo di acqua nel mondo è destinato agli allevamenti di carne.

1kg carne 15.000 litri d’acqua = 2 mesi di docce

1 cotoletta consuma come una panda che viaggia per 20Km.

Non si tratta di decidere di non mangiare più carne, ma almeno possiamo cercare di alternarla anche con altri alimenti, altrettanto nutrienti e meno costosi.

Un esempio: i legumi mescolati con cereali.

Un piatto di lenticchie con un buon pane è molto nutriente, salutare e costa meno della carne.

Pasta e fagioli è un piatto molto economico; ovviamente dobbiamo mangiare solo quello, non aggiungere antipasti, dolci, bibite gasate, the o altre bibite a base di frutta (ma soprattutto di acqua + concentrati di succo e zucchero) e gelati … in caso contrario siamo sicuri di ingrassare.

Pensiamoci di più e insegnamolo ai nostri figli e nipoti.

IL CLIMA CHE CAMBIA biodiversità – Nature Ecology and Evolution

IL CLIMA CHE CAMBIA

biodiversità e riserve d’acqua a rischio

Nuovi dati e previsioni sugli effetti dei cambiamenti climatici e il ritiro dei ghiacciai sulla biodiversità in Trentino e nel mondo

La prestigiosa rivista Nature Ecology and Evolution ha pubblicato il 18 dicembre un lavoro sul tema “Cambiamenti climatici e Biodiversità” a cui ha contribuito Valeria Lencioni, ricercatrice idrobiologia del MUSE-Museo delle Scienze, unico ente italiano nel team internazionale coinvolto nella ricerca.

È il terzo lavoro uscito nell’autunno 2017 su questa tematica che coinvolge la dott.ssa Lencioni, da vent’anni impegnata sul campo e in laboratorio, a studiare la fauna degli ambienti glaciali delle Alpi, dell’Artico e asiatici

La pubblicazione su Nature attesta che le comunità di animali che popolano i torrenti glaciali stanno cambiando, in modo molto simile in tutti i sistemi glaciali studiati (in Europa, America e Nuova Zelanda), in relazione al ritiro dei ghiacciai che li alimentano.

Si assiste alla risalita verso monte, come a inseguire le fronti glaciali che arretrano, delle specie cosiddette “criali” che vivono solo nelle prime centinaia di metri di un torrente glaciale.

Contemporaneamente, dal fondovalle, risalgono specie adattate ad acque più calde e lente che trovano condizioni di vita per loro oggi ideali, a quote molto elevate (sopra i 2000-2500 m nelle Alpi), proibitive in passato.

Laddove i ghiacciai sono ridotti a pochi ettari e il torrente glaciale ha perso le sue caratteristiche ambientali estreme (acque gelide, torbide e turbolente), dunque, le specie “criali” stanno scomparendo.

Queste specie hanno nomi diversi nelle diverse regioni del mondo ma svolgono nella comunità lo stesso ruolo, la stessa “funzione”. È questa che, quando viene a mancare cambia la capacità di autodepurazione del fiume, cambia la struttura della rete alimentare.

La ricerca pubblicata descrive come le comunità animali dei torrenti glaciali stanno cambiando e consente di fare delle previsioni sugli effetti a medio-lungo termine dei cambiamenti climatici sulla biodiversità dei fiumi e sulla disponibilità futura di “servizi ecosistemici” associati alle acque di fusione glaciale, a livello globale.

Un dato è certo: il clima sta cambiando a livello globale.

I ghiacciai coprono circa il 10% della superficie della Terra e stanno scomparendo in tutto il mondo con effetti a cascata sugli ecosistemi a valle, fino al mare.

Dal 2003, si è registrata addirittura un’accelerazione annuale del ritiro del 2%, non lasciando a piante e animali selvatici alpini il tempo per adattarsi ai cambiamenti.

Le proiezioni correnti suggeriscono che solo il 4-18% della superficie di ghiaccio di oggi rimarrà nelle Alpi entro la fine del XXI secolo, con la scomparsa nei prossimi decenni di tutti i piccoli ghiacciai (cioè quelli con una superficie minore di 1 km2), che rappresentano l’80% del numero totale nelle Alpi.

Quali sono gli effetti del ritiro dei ghiacciai sulla biodiversità e le riserve d’acqua per il futuro? Quale è il destino delle specie animali che popolano le gelide acque dei torrenti glaciali?

A essere a rischio di estinzione sono poche specie di insetti, le uniche a essersi adattate ai torrenti glaciali che presentano caratteristiche ambientali “estreme” per la vita.

Il principale fattore limitante per la vita è in questo caso la temperatura dell’acqua, che rimane attorno agli zero gradi per tutto l’anno.

Per viverci, questi insetti hanno adottato strategie molecolari di interesse anche per l’uomo, come la produzione di zuccheri e proteine antigelo.

La perdita dell’habitat glaciale comporterà la scomparsa di queste specie.

La nicchia lasciata libera verrà invece occupata da altre specie più “banali”, che risalgono dal fondovalle, a colonizzare un torrente che non è più glaciale.

Arrivano specie con ciclo vitale più breve (e che non fanno la metamorfosi) e onnivore (da trituratori di foglie, a filtratori e carnivori predatori).

Cambiano “le funzioni” delle comunità, cambia la capacità di autodepurazione del fiume, cambia la struttura della rete trofica del fiume al cui apice ci sono i pesci, gli uccelli acquatici, e l’uomo.

Il ritiro dei ghiacciai sta comportando e comporterà la perdita di “servizi ecosistemici” (ovvero di “beni forniti all’umanità dagli ecosistemi naturali) di vario tipo: produttivo (es. ridotta fornitura di acqua per l’irrigazione, per la produzione di energia idroelettrica e per uso potabile); culturale (es. perdita di bellezze naturali a scapito del turismo e riduzione di attività ricreative come lo sci), regolativo (es. perdita della capacità di diluizione di inquinanti di varia origine, anche in quota).

Per ciascuna regione la ricerca ha consentito di selezionare delle specie “indicatrici” di cambiamento – trovarle in un torrente significa che ancora la comunità “criale” sopravvive e la loro abbondanza ci dice qual è il livello di “naturalità e glacialità” di un sistema.

Per il Trentino gli studi condotti in sei sistemi glaciali in Adamello – Presanella e nell’Ortles-Cevedale hanno consentito di isolare 4 specie indicatrici di “glacialità”: le troviamo solo dove la copertura glaciale è superiore al 30% del bacino e la temperatura dell’acqua massima rimane sotto i 6 gradi (°C).

Nei siti dove queste condizioni non sono più soddisfatte, 1 o più di queste 4 specie sono già scomparse.

La prima a scomparire, in Trentino, è Diamesa steinboecki, nota come “moscerino del ghiaccio”, non è più presente in tratti del torrente glaciale Conca sul Carè Alto dove abbondava una ventina d’anni fa.

Solo studi ecologici a medio-lungo termine potranno aiutarci a comprendere gli effetti del riscaldamento globale sulla biodiversità sul paesaggio alpino.

Le conoscenze di oggi, messe a disposizione dai ricercatori (ecologi, ingegneri ambientali, chimici, geologi ecc.), sono strumenti utili alle amministrazioni che si trovano a dover definire linee guida per la gestione dei rischi naturali e della biodiversità in tempi di cambiamenti climatici.

Condividere le esperienze di regioni diverse diventa strategico per la euroregione Euregio, che lo scorso 11 dicembre ha riunito esperti delle diverse discipline (tra cui la dott.ssa Lencioni) per lavorare al documento di EuregioLab2018 dedicato alle misure politiche, economiche, tecnologiche e di pianificazione da intraprendere per affrontare il cambiamento climatico e gestire i rischi naturali e la perdita di biodiversità in Tirolo, Alto Adige eTrentino.

La situazione in Trentino

Anche in Trentino la temperatura è cresciuta di circa un grado negli ultimi 30 anni, due gradi se prendiamo come riferimento il periodo preindustriale (1850-1899).

Gli effetti principali si vedono nel ritiro dei ghiacciai, nell’anticipo delle fioriture, nella diminuzione delle giornate di gelo, nell’aumento delle ondate di calore, nell’arrivo di nuovi parassiti delle colture e di specie dannose per la salute umana.

Oggi, in Trentino, l’estensione glaciale è di 32 km2, il 28% di quella presente nel massimo della “Piccola Età Glaciale”.

La ricerca in corso del MUSE mette in evidenza che si stanno verificando dei cambiamenti anche nella struttura e caratteristiche funzionali delle comunità animali che popolano i fiumi alimentati dalle acque di fusione glaciale.

La portata dei fiumi, la temperatura e la torbidità delle acque stanno cambiando e la qualità dell’acqua sta peggiorando.

Infatti, con la fusione di strati di ghiaccio “antichi” si liberano nelle acque superficiali sostanze che erano rimaste intrappolate nei ghiacci, dove erano state trasportate dai venti, tra cui pesticidi, elementi radioattivi e metalli di reperti bellici rimasti sepolti sotto neve e ghiaccio durante la Prima Guerra Mondiale.

In queste acque vivono, in condizioni naturali, poche specie di insetti, tra cui la già menzionata Diamesa steinboecki che in alcuni torrenti è scomparsa.

Il Trentino e le Alpi italiane in generale sono un ottimo caso studio, perché ospitano molti ghiacciai piccoli che nel giro di pochi anni probabilmente spariranno. Inserire questi siti in un dataset mondiale diventa strategico per la costruzione di modelli previsionali a breve-medio termine.

Da un paio d’anni il MUSE collabora con i Dipartimenti Provinciali che monitorano le condizioni meteorologiche della Provincia autonoma di Trento (Meteotrentino) nel monitoraggio di temperatura dell’acqua e portata di due torrenti glaciali, il Rio Careser e il Torrente Mandrone, entrambi alimentati da ghiacciai con una superficie superiore al chilometro quadrato ma in forte ritiro.

Una terza stazione idrometrica è stata posizionata sul Rio Presena per la misura in continuo delle portate d’acqua che fuoriescono dal ghiacciaio omonimo. Questi dati sono essenziali per poter comprendere i cambiamenti osservati nella struttura delle comunità di invertebrati in provincia.

***
Articoli

Brown L., K. Khamis, M. Wilkes, P. Blaen, J. Brittain, J. Carrivick, S. Fell, N. Friberg, L. Fuereder, G. Gislason, S. Hainie, D. Hannah, W. James, V. Lencioni, J. Olafsson, C. Robinson, S. Saltveit, C. Thompson, A. Milner – 2017 – Globally consistent responses of invertebrates to environmental change. Nature Ecology and Evolution https://www.nature.com/articles/s41559-017-0426-x.epdf?author_access_token=xSqZFOeBHOVK9l8W32otJNRgN0jAjWel9jnR3ZoTv0MIwGwadLz0OWNB0ANM28qzWk4lerDAnkVLZZiqU55VRHkhUsKV_2NeiOYena1dwTa8Hp02MV11F0CLvdJF8VyumHU6dYEh1db_mEbSJErG7A%3D%3D

Lencioni V., 2017 – Glacial influence and macroinvertebrate biodiversity under climate change: lessons from the Southern Alps. Science of the Total Environment, 622-623 (2018): 563-575. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2017.11.266

Milner A.M., Khamis K., Battin T.J., Brittain J.E., Barrand N.E., Fuereder L., Cauvy-Fraunié S., Gislason G.M., Jacobsen D., Hannah D.M., Hodson A.J., Hood E., Lencioni V., Olafsson J.S., Robinson C.T., Tranter M., Brown L.E., 2017 – Glacier shrinkage driving global changes in downstream systems. PNAS Proceedings of the National Academy of Sciences Vol. 114, N. 37: 9770-9778. doi: 10.1073/pnas.1619807114

Regalo per l’amica / o ecologista e non – Addio ai ghiacciai

Peter Wadhams

Addio ai ghiacciai

Peter Wadhams, porta tutto il peso della sua enorme esperienza in questo settore in un libro scritto in maniera eccellente. Ci spiega il motivo per cui il destino del ghiaccio artico è cruciale per il clima e chiarisce le controversie e le difficoltà di scienziati e politici. Un libro affascinante».

Martin Rees, astronomo reale, Presidente della Royal Society 2005-10
«Questo scienziato esperto e razionale afferma ciò che molti altri ricercatori temono privatamente ma non osano dire pubblicamente: l’Artico è sull’orlo di una spirale mortale che potrebbe portare al collasso del poco ghiaccio estivo rimanente nel futuro prossimo».
John Vidal, «The Guardian»
 Addio ai ghiacci, Peter Wadhams Bollati Boringeri, 24 euro.

” Basta carne ?” – Lo scrive una cuoca – macellaia – Regalo per tutti a Natale

Anche per carnivori, un’analisi onesta della situazione

Basta Carne?

 di Katy Keiffer

Questo non è un libro contro il consumo di carne, ma cerca di spiegare perché i governi e le industrie dovrebbero cambiare politiche e metodi.

In occidente inizia ad avanzare un movimento di persone che vogliono cercare di eliminare o mangiare meno carne,  ma nei paesi in via di sviluppo si abbandonano progressivamente riso e cereali a favore della carne.

Un’analisi a 360 gradi, sulla situazione del consumo della carne all’epoca della globalizzazione.

Ogni anno, nel mondo, si producono quasi quattrocento milioni di tonnellate di carne. Cinquanta chili pro capite.

L’autrice Katy Keiffer, ha fatto la cuoca e per più di vent’anni la macellaia; al momento si occupa di giornalismo agroalimentare.

Basta Carne?,  Katy Keiffer, EDT, 19 euro.

Orsi polari muoiono documentato dal National Geographic

Il cambiamento climatico, che rovoca lo scioglimento dei ghiacci, impedisce la caccia del cibo agli gli orsi polari; destinati all’estinzione …

Lo dice il National Geographic

Il fotografo del National Geographic Paul Nicklen e alcuni filmmakers di Sea Legacy sull’Isola di Baffin, in Canada, hanno assistito e filmato lo spettacolo straziante di un orso polare denutrito che muore per fame.

Siamo rimasti lì a piangere, filmando con le lacrime che scendevano giù per le nostre guance”, ha detto Paul Nicklen.

Nel 2002, un rapporto del World Wildlife Fund sosteneva che il cambiamento climatico avrebbe potuto portare l’orso polare all’estinzione.

Quindici anni dopo, la situazione è ancora più grave; i terreni ghiacciati dove cacciano gli orsi polari, si sono ridotti più del prevedibile !!!

Tutto su

Messenger di Facebook.