Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

Viaggiare sicuri 2018 gennaio – Farnesina e viaggiatori esperti

Ecco i consigli della Farnesina a gennaio 2018

Paesi da evitare:

-Siria

-Iraq

_Venezuela

-Congo

-Yemen (la Farnesina non lo nomina, ma certo non è affatto sicuro)

-Turchia; ancora rischio di retate e controlli, incapparvi potrebbe portare a gravi spiacevoli conseguenze a causa dei metodi della polizia locale

-Serbia

-Iran ( per le nostra esperienze di viaggio  non ci risulta, al momento, che ci sia alcun rischio ragionevole, nemmeno altri Paesi seganlano questo pericolo ai loro cittadini viaggiatori o turisti).

-Kenya e Madagascar hanno il problema della peste

USA la Farnesina li indica come pericolosi per incendi e inondazioni … a noi pare un’indicazione vaga e imprecisa trattandosi di un territorio cosi vasto e con climi tanto diversi; gli incendi in California sono finiti da tempo e gli allagamenti conseguenza degli incendi si sono già verificati.

 

CARNEVALE più vivo in CANTON TICINO

ARRIVA IL CARNEVALE IN CANTON TICINO
Da Bellinzona, a Locarno, passando per Chiasso e Brissago, il Carnevale ticinese si muove a passo di danza fra cortei e concorsi mascherati per far dimenticare problemi e difficoltà.

 

Il Carnevale Ambrosiano, il Rabadan, l’istituzione della Libera Repubblica di Nebiopoli, la Stranociada di Bellinzona: in Canton Ticino un ampio periodo del calendario è dedicato al carnevale, che in ogni località assume caratteristiche diverse.

Numerose tradizioni sono scomparse, particolarmente nelle città, altre invece sopravvivono, ma trasformate: il ballo, un tempo rara occasione di incontro, oggi ha assunto il carattere di festa campestre, dove predominano la musica e la gastronomia. Scopriamo cosa accade a Carnevale in tutto il Canton Ticino.

Il Re Rabadan festeggia i 155 anni del carnevale di Bellinzona.
Rabadan | Bellinzona, 8.02 – 13.02.2018

A Carnevale Bellinzona diventa una monarchia ai servigi del grande Re Rabadan!

Infatti, a partire dalla sera dell’8 febbraio, quando gli verranno consegnate le chiavi, inizieranno i festeggiamenti carnevalizi che culmineranno con il “Grande Corteo Mascherato”, al quale parteciperanno duemila comparse, che animano ogni anno la sfilata umoristica di musiche, carri e bande. La tradizione vuole che la nascita del carnevale bellinzonese risalga al 1862, mentre nel 1874 appare il nome Rabadan. Questo termine, in dialetto piemontese, ha doppio significato. Indica baccano, fracasso ma anche un uomo mal ridotto dalle privazioni. Sembra che la parola derivi dal termine mussulmano Ramadan, appreso dai piemontesi durante le crociate.

 Libera Repubblica Nebiopoli.
Nebiopoli | Chiasso, 8.02 – 13.02.2018
Unica in tutto il Canton Ticino, Chiasso a Carnevale non passa sotto la guida di un Re ma si trasforma in “Libera Repubblica di Nebiopoli”. La festa ha inizio il Giovedì, con la consegna delle chiavi del Sindaco al Primo Ministro di Nebiopoli, che dichiara l’istituzione della Repubblica, Il Martedì Grasso, lungo le vie cittadine, sfila il famoso Corteo mascherato Nebiopoli.

Bande e Guggen, gruppi mascherati e carri rappresentano – in modo satirico ed ironico – eventi avvenuti durante l’anno trascorso. Il Carnevale di Chiasso ha inoltre la particolarità di essere accompagnato da un giornalino satirico chiamato “Nebiolino”.

Stranociada
Carnevale | Locarno città vecchia, 9-10.02.2018
Il termine Stanociada basta da solo a spiegare l’incredibile senso di attesa che questo evento provoca negli abitanti di Locarno e nei turisti sopraggiunti per l’occasione. Questo nome, infatti, si potrebbe tradurre come la notte dove non si chiude occhio. La tradizione vuole che il tutto abbia inizio di venerdì, con la consegna delle chiavi della città, seguita dai concerti delle “Guggen”, le bande locali. All’una di notte avviene la premiazione con ricchi premi e la sfilata di tutti i partecipanti in piazza San Antonio. Le molteplici tendine, sparse qua e là in Città Vecchia, invitano ad una sosta rigenerante tra specialità locali e altre leccornie. Il sabato, invece, tutti in piazza San Antonio per gustare il risotto con luganighe.

Carnevale ambrosiano | Tre Valli, Tesserete, Brissago
In Canton Ticino ci sono ancora zone dove si segue il rito ambrosiano della chiesa cattolica. Un retaggio molto antico che risale addirittura al VI-VII Secolo d.C. Il carnevale segue così un calendario diverso nelle Tre Valli (Leventina, Blenio e Riviera), a Brissago e a Tesserete.

A Biasca, capoluogo delle Tre Valli, Re Naregna e la Regina Taitü festeggiano con i loro sudditi, praticamente senza interruzione per 24 ore.

Anche a Brissago, sul Lago Maggiore, la festa impazzerà dal giovedì al sabato grasso. Musica e balli fino a tarda notte, bancarelle gastronomiche, cortei mascherati e risotto in piazza e cene sono il programma del Carnevale Ambrosiano. A Tesserete il carnevale inizia presto. Alle 7 del mattino di giovedì 15 con l’accensione dei fuochi poi un momento di calma apparente per ultimare i preparativi e, alle 19 grande maccheronata e consegna delle chiavi a Sua Maestà Or Penagin. Da quel momento i bagordi hanno inizio, fino a tarda notte.

 Per ulteriori informazioni:

TICINO TURISMO
Cecilia Brenni
Press Office Ticino and Italy Tel: +41 (0)91 821 53 30 e-mail: cecilia.brenni@ticino.ch Via C. Ghiringhelli 7, CH – 6500 Bellinzona

Vacanze estate 2018 – Le mete low cost

Le 3 città europee più economiche:

-Bucarest

-Cracovia; vedi al link https://www.donnecultura.eu/?p=41443

-Belgrado

Foto: ostello a Belgrado

Mete all’estero:

-Albania, vicina con belle spiagge e prezzi ancora economici (nulla a che vedere dell’Albania arretrata di decenni fa)

-Bolivia; 700 euro c.a. il volo, 30-40 euro per un boutique hotel a La Paz.

-Marocco; voli scontati del 30%;  prezzi medi decisamente più bassi che in Italia


Foto: albergo 5 stelle in Vietnam con vasca in legno e doccia esterna in giardino tropicale privato.

-Vietnam; Hanoi ha il miglior rapporto qualità/prezzo di tutto l’estremo oriente, verso le montagne in siggestivi paesaggi agricoli una notte in hotel 5 stelle modernissimo ed elegante costa 100 euro c.a.. Vedi info al link: https://www.donnecultura.eu/?p=19165

-Senegal; 30 euro per un hotel 3 stelle.

 

 

Brunei – Lusso e foreste tropicali

Fantastici colori della foresta vergine che stiamo velocemente distruggendo.

Il Brunei, grande come la nostra Liguria,  è uno Stato piccolo ma molto ricco, grazie al petrolio.

La religione di Stato è l’Islam sunnita, 70%; le altre religioni sono sottoposte a molte restrizioni: cristiani, buddisti e animisti.

Il sultano è uno degli uomini più ricchi del mondo; gli abitanti del Brunei non pagano le tasse ed hanno il più alto reddito pro capite del mondo.

Questo Paese è meta solo di un turismo d’élite: perché risulta essere un paradiso terrestre per il lusso e lo sfarzo.

Enormi centri commerciali offrono quanto di più costoso esiste al mondo.

In realtà, qui esiste anche una interessantissima zona di foreste tropicali incontaminate; un’ottima meta per gli amanti della natura con buone disponibilità economiche.

Il Brunei è un Paese islamico, ma gli abitanti hanno usi più simili a quelli della vicina Malesia che a quelli arabi. Comunque, tutte le donne portano un foulard intorno al viso e abiti che le coprono interamente.

La capitale, Bandar Seri Begawan, è famosa per lo sfarzoso Palazzo del sultano, sormontato da cupole d’oro e l’appariscente Moschea (progetto e marmi italiani; sormontata da un’enorme cupola d’oro).

Per coloro che possono e volesser visitare questo Paese, è bene sapere che il miglior punto di vista della capitale è  dall’acqua: a bordo di un water taxi. Dall’acqua si vedono mondo opposti: dalla vita dei pescatori sulle palafitte, tra plastiche galleggianti e acque inquinate e l’enorme, ricchissima cupola d’oro della moschea.

Dopo le 18 non ci sono più autobus e taxi in molte parti del Paese. Comunque la vita serale quasi non esiste; almeno apparentemente.

Fa eccezione il mercato notturno di Gadong che apre dalle 16 alle 23 ; un vero paradiso del cibo!

Nella capitale le telecamere sono ovunque; tutti sono sorvegliati. I cittadini non parlano di politica.

I cittadini ricevono  dallo stato:  la sanità gratuita, l’educazione, sia nel Brunei, che all’estero; dove sono coperte tutte le spese. Comunque, terminato gli studi, si deve tornare e lavorare.

 

Meravigliosa crociera nei mari dei Caraibi partenza 20 marzo 2018

MSC Armonia arrives in Havana

UN’IRRIPETIBILE CROCIERA PER UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DI LUOGHI AFFASCINANTI, ANTICHE CITTA’, SPIAGGE BIANCHISSIME E TEMPLI MILLENARI … A BORDO DI MSC ARMONIA

MSC Armonia  offre una meravigliosa crociera, della durata di 11 notti , che solcherà i mari dei Caraibi, toccando alcune delle destinazioni più affascinanti, dalla capitale di Cuba , l’Avana, alla meraviglia naturale della Giamaica , per poi visitare l’affascinante paradiso tropicale di Cozumel in Messico  e le spettacolari spiagge di sabbia bianca e fondali corallini in Honduras  dove poter vivere emozioni indimenticabili.

Un’ opportunità unica con partenza il 20 marzo che darà vita ad una magnifica crociera con una vasta gamma di attività e intrattenimenti per famiglia e bambini di ogni età, relax e benessere ed escursioni nei luoghi più affascinanti e inediti nel mare dei Caraibi.

Partenza: 20 marzo da L’Avana (Cuba),

Itinerario: Montego Bay (Giamaica), George Town (Isole Cayman), Cozumel (Messico), Isola di Roatan (Honduras), Costa Maya (Messico), Belize City, (Messico), L’Avana (Cuba).

Durata: 11 notti

Prezzo: a partire da € 1219 (tasse e servizi portuali inclusi, volo incluso)

Finnair inaugura il 2018 con strepitose offerte e grandi novità:

Finnair inaugura il 2018 con grandi novità: nuove rotte, incremento delle frequenze a lungo raggio e strepitose offerte

 – L’anno di Finnair si apre con l’annuncio di una nuova rotta verso Lione, l’aggiunta di frequenze a lungo raggio verso Osaka, Hong Kong, Delhi e Phuket e offerte davvero incredibili.

Conosciuta per la sua gastronomia, i monumenti storici e la sua vicinanza alle Alpi francesi, Lione è la seconda area metropolitana più grande della Francia. Dall’11 dicembre 2018, Finnair effettuerà due voli settimanali dal suo hub di Helsinki verso Lione con un aereo E90. Operando il martedì e il sabato, i voli offriranno collegamenti regolari alla rete asiatica di Finnair.

Continuando con la sua strategia di crescita, Finnair riceverà il dodicesimo velivolo A350 nel 2018 e aggiungerà diverse frequenze alle destinazioni più popolari del suo network a lungo raggio. La rotta di Finnair per Osaka diventerà giornaliera durante la stagione invernale con due frequenze aggiuntive il martedì e il giovedì. Due ulteriori frequenze verranno aggiunte alla tratta di Hong Kong il venerdì e la domenica, per un totale di 12 voli settimanali. Inoltre, la rotta verso Delhi diventerà giornaliera durante la stagione invernale con l’aggiunta di un volo il mercoledì. L’orario del volo per Miami verrà modificato in modo da coincidere meglio con le altre partenze nordamericane di Finnair e con i suoi voli di collegamento con l’Europa.

Ulteriori frequenze a corto raggio verranno aggiunte alle destinazioni di Finnair più popolari in Europa durante la stagione invernale. Una frequenza settimanale supplementare per i voli verso Malaga e Visby, due frequenze settimanali per Roma e un volo giornaliero nei giorni feriali verrà aggiunto a Rovaniemi nella Lapponia finlandese. Finnair proseguirà inoltre i voli non-stop in Lapponia da Londra Gatwick, Parigi e Zurigo
ed estenderà inoltre il periodo operativo su alcune delle rotte esistenti. Malta e Antalya continueranno a operare dalla stagione estiva 18 fino al 9 dicembre. Le rotte per Edimburgo e Gazipasa saranno inoltre prorogate fino al 30 marzo 2019, rendendole nuove destinazioni annuali per Finnair.

“Finnair è attualmente nella più grande fase di espansione della sua storia e stiamo anche aumentando la nostra capacità verso destinazioni popolari in Asia ed Europa”, afferma Juha Järvinen. “Queste frequenze aggiuntive offriranno ai nostri clienti più scelta e flessibilità per i loro piani invernali”.

 

OFFERTE FINNAIR:

ECONOMY CLASS DESTINAZIONI A LUNGO RAGGIO –

Voli a lungo raggio (via Helsinki da Milano e Roma): validi per viaggi dall’11 gennaio fino al 31 ottobre 2018* su alcune destinazioni:

Shanghai e Pechino a partire da 419 € a/r** (Black out 1 luglio-31 agosto 2018)

Chongqing e Delhi a partire da 429 € a/r** (Black out 1 luglio-31 agosto 2018)

Xi’an, Canton e Hong Kong a partire da 449 € a/r** (Black out 1 luglio-31 agosto 2018)

Singapore, Seoul, Bangkok e L’Havana a partire da 459 € a/r**(Black out Singapore Bangkok 1 luglio-31 agosto 2018)

ECONOMY CLASS DESTINAZIONE FINLANDIA

Voli da Milano e Romaa Helsinki dal 11 gennaio fino al 31 marzo 2018 a partire da 199 a/r**

Voli da Milano e Romaa Kittilä dal 1° aprile fino al 30 giugno 2018 a partire da 269 a/r**

Voli da Milano e Romaa Ivalo dal 1° aprile fino al 30 giugno 2018 a partire da 279 a/r**

Voli da Milano e Romaa Rovaniemi dal 1° aprile fino al 30 giugno 2018 a partire da 289 a/r**

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di viaggio visitare il sito www.finnair.it.

**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

BUSINESS CLASS LUNGO RAGGIO

Voli di Business Class lungo raggio (via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi dall’11 gennaio fino al 31 ottobre 2018 * su alcune destinazioni:

              Delhi, a partire da 1.399 a/r**

Havana a partire da 1.458 € a/r**

Canton, Xi’an e Chongqing a partire da 1.499 a/r**

Pechino a partire da 1.559 a/r**

Bangkok a partire da 1.599 a/r**

Shanghai a partire da 1.649 € a/r**

Hong Kong a partire da 1.699 € a/r**

Singapore a partire da 1.749 a/r**

Seoul a partire da 1.749 a/r**

Vacanze e weekend 2018 in Danimarca – Novità – inaugurazioni – eventi

 

Restaurant-Gastromé
isole-Skagen.
Frederiksborg-slot.
Danimarca -Djursland_Niclas-Jessen
Klitmøller_Mark-Wengler.

Le principali novità, inaugurazioni ed eventi che si svolgeranno in Danimarca nel corso del 2018.

Durante la primavera e l’estate, il paese offre una grande varietà di festival all’aperto ed eventi musicali, mentre i mesi invernali ed autunnali sono il momento perfetto per visitare i meravigliosi musei della Danimarca.

Tra le grandi novità del 2018 segnaliamo in particolare il Nuovo Noma.

Pioniere del movimento New Nordic Cuisine, sotto la guida di René Redzepi il ristorante riaprirà in una nuova location e seguirà il proprio approccio culinario stagionale con uno zelo ancora maggiore. L’inverno al Noma sarà dedicato ai frutti di mare, in estate la cucina sarà invece completamente vegetariana e l’autunno sarà a base di carne. Il nuovo Noma riaprirà a Copenhagen il prossimo 15 febbraio.

 

A inizio maggio, invece, sarà inaugurato il BLOX.

L’imponente struttura posta nel cuore del Cultural District di Copenhagen, rappresenta un nuovo spazio urbano, con un calendario continuativo di mostre, conferenze e laboratori.

BLOX ospiterà al suo interno una serie di istituzioni creative e culturali, tra queste il DAC (Danish Architecture Center) ed il Fashion Institute. Nuova attrazione turistica, polo professionale e al tempo stesso centro ricreativo grazie ai sui ristoranti e caffè ed ai numerosi eventi, il BLOX diventerà il centro di una serie di nuove connessioni nella città costruite attraverso e lungo il porto.

Dall’autunno 2018 Copenhill ospiterà invece la prima pista da sci della Danimarca sul tetto dell’impianto di termovalorizzazione di Amager Bakke, il più pulito al mondo. Progetto del famosissimo studio BIG, rappresenta un nuovo faro architettonico e sarà visibile da ogni punto di Copenaghen. La pista è parte del centro ricreativo Amager Ressource Center (ARC).

Altra interessante apertura prevista per fine estate/inizio autunno 2018 a Camp Adventure Park, il parco avventura più grande della Danimarca, la Treetop Experience, una rampa a spirale interna di oltre 600 metri che regalerà ai visitatori un’incredibile vista a 360 gradi.

Infine, il 2018 in Danimarca segna anche due importanti anniversari, il 50° del parco LEGOLAND® che festeggerà con nuove attrazioni tra cui il nuovo rollercoaster “Flying Eagle”, una città del selvaggio West “LEGOREDO” totalmente rinnovata ed un enorme dinosauro LEGO® ; e il Parco Tivoli nel cuore di Copenaghen, che festeggerà il suo 175° anniversario con una nuovissima apertura stagionale. I Giardini di Tivoli saranno infatti aperti per la prima volta dal 2 al 25 febbraio. Perfetto per una pausa di San Valentino!

:::::::::::::::

Eventi 2018 dal Festival delle luci in Febbraio a Herry Potter, a Copenhagen Opera Festival e poi molto altro: Architecture Festival … SHAKESPEARE al Castello di Amleto …festival scandinavo di musica elettronica …

event i gastronomici e molto altro …

 

Skagen Winter Swimmin g F estival

, Skagen 25 – 28 gennaio

Il Festival accoglie qualsiasi vero Vichingo e offre un mare ghiacciato, bevande calde, e un incontro ravvicinato con la natura di Skagen. Per i partecipanti la mattina inizia con una nuotata alla spiaggia di Sønderstand vicino a “GGrenen””..

Copenhagen Fashion Festival

30 gennaio – 3 febbraio

Il Copenaghen Fashion Festival propone al pubblico un’ampia scelta di eventi.. Il festival comprende concorsi,, feste,, sfilate di moda,, spettacoli e mol to altro ancora..

Copenhagen Light Festival

febbraio 2018

Il Copenhagen Light Festival celebra la light art e il design e offre suggestive esperienze di lighting in spazi urba ni e luoghi non convenzionali della città..

Compleanno di H..CC Andersen

2 a prile

È tradizione festeggiare il compl eanno dello scrittore di fiabe d anese più famoso al mondo,, nella sua città natale a Odense,, che si prepara per l ’ occasi one ad accogliere spet tacoli ed eventi tutto il giorno ( ingr esso g ratuito ).. C i ttadini e visitatori sono invitati alla cerimo nia nella Memorial Hall tra le 13::000 e le 14::000.. Da non perder e l ’HHans Christian Andersen Parade e i loro spettacoli!!

Mercato Vichingo a Ribe

30 aprile – 6 maggio

Tra i più grandi mercati vichinghi del Nord Europa,, quello che il Ribe Vikingecenter organizza ogni a nno a fine aprile . È il primo mercato dopo la fine del lungo inverno , ed è propr io come accadeva 1300 anni fa . Il mercato è ricostruito sulla più vecchia piazza d’affari del Nord Europa,, la piazza di Ribe..

Tulip Festival

, Ribe 18 – 21 maggio

Il Tulip Festival di Ribe è una festa tradizionale di primave ra con sfilate,, musica,, birra,, bancarelle e giostre.. La parata del tulipano si svo lge l’ultimo giorno del Festival .

Mercato Medievale di Copenaghen

1 8 – 21 maggio

Il Mercato Medie vale di Copenaghen ti riporta indietro al tempo dei cavalieri,, dei vichinghi e dei tornei con più di mille attori.. Sperimentate la “BBattaglia delle Nazioni”” (CCampionato del Mondo di Battaglia Medievale)) e andate a fare shopping in stile medievale al mercat o con 160 bancarelle..

Carnevale ad Aalborg

18 – 2 6 maggio

Ancora una volta la piccola cittadina di Aalbo rg ospita un grandioso carnevale.. Circa 100.000 persone partecipano all’evento ogni anno,, alla parata o come spettatori lungo il percorso della sfilata..

Aarhus Pride

2 giugno

Ci vediamo sotto l’arcobaleno!! Aarhus Pride celebra la diversità nella città definita come “ccittà dei sorrisi”” e che è stata Capitale della Cultura Europea nel 2017 . Ch iunque è il benvenuto in città durante il Gay Pride,, a

prescindere dal genere,, orientamento sessuale,, età,, provenienza,, religione o visione politica.. Il Pride di Aarhus è organ izzato e gestito da volontari..

Sankt Hans

Le Celebrazioni di San Giovanni – 23 giugno

Alla vigilia di San Giovanni,, i danesi si riuniscon o con la famiglia e gli amici,, lungo tutti i quasi 7.500 km di costa del paese , e celebrano insieme la notte di San Gio vanni raccogliendosi intorno al fuoco di falò notturni. Mentre le fiamme si riflettono sul mare calmo e l ’ aria mite della sera comincia a rinfrescarsi,, ci si raduna intorno ai falò e s’intona secondo la tradizione la canzone della notte di mezza estate,, s critta nel 1885 dal poeta nazionale Holger Drachmann..

Copenhagen Opera Festival

luglio 2018

L’Opera lascia i teatri e le sale da concerto tradizionali per riempire strade, piazze, canali e sotterranei della città di Copenaghen.. Un’occasione per dare vita a nuovi spazi ed esperienze legate al mondo dell’’ Opera..

Congresso Internazionale di Babbo Natale

Parco di Bakken – Copenhagen 23 – 26 luglio

Durante l’annuale congresso i Babbo Natale di tutto il mondo si riuniscono in Danimarca e indossano la loro pesante divisa anche in piena estate.. L’evento fu ideato dal professore danese Tribini 56 anni fa,, nel 1957,, quando decise di invitare tutti i Babb i Natale del mondo a tenere viva l’atmosfera natalizia anche durante l’estate..

Raduno Vichingo a Moesgaard

2 8 – 29 luglio

L’ultimo week end di luglio i guerrieri di tutta Europa (ee più di 20.000 danesi ) si radunano a Moesgaard,, vicino a Aarhus, per assistere alle battaglie dei vichinghi.Durante l’evento, da non perdere il mercato vichingo d i Moesgaard, il più antico mercato della Danimarca – e forse di tutto il mondo..

SHAKESPEARE al Castello di Amleto

1 – 24 agosto

Il castello di Kronborg a d’ Elsinore, ospita ogni anno alcuni tra i migliori grupp i teatrali al mondo che interpretano le intramontabili opere classiche di William Shakespeare.

Ti aspettano momenti memorabili all’aria aperta accompagnati dalle urla dell’esercito e dal mormorio del vento. Una serata magica avvolta dal tramonto sopra il c astello e illuminata dalle torce per un’atmosfera unica..

Festival dei fiori

, Odense 1 6 – 19 agosto

Fiori, fiori ovunque!! Guarda,, senti e annusa più di 180.000 fiori,, piante e ortaggi dispost i in belle e orig inali composizioni,, secondo il tema di quest ’ anno che è “ Cycling – Recycling ” . Il Festival dei Fiori conta più di 100.000 visitatori ogni anno..

H..CC.. Andersen Festival

19 – 26 agosto

8 giorni da favola!! Un festival intero ded icato a H..CC.. Andersen si celebra ogni anno ad Odense, la città natale dello scrittore.. Un evento per tutti i sensi e tutte le età!! Sfilate,, orchestre,, artisti,, parole ed energia,, tutto nello spirito di H..CC.. Andersen.. Come diceva nel suo tempo:: “LLa nostra epoca è l’’ e poca della favol a”” e questo vale ancora nel 201 8 !

Copenhagen Pride

13 – 19 agosto

Copenhagen Pride è un festival dedicato alle comunità gay e lesbo che si svolge ogn i anno ad agosto nella capitale danese . Prevede molte attività ed eventi LGBT si svolgono nella piazza del municipio a Copenaghen,, ribattezzata Pride Square.. Il festival si conclud e con una sfilata attraverso tutta la città..

Festival Medievale Europeo

2 4 – 2 5 agosto

Ogni anno,, nell’ultimo weekend di agosto,, le strade di Horsens,, nello Jutland , si animano di tornei,, spettacoli,, musica medievale,, e sono pronte ad accogliere più di 100.000 visitatori provenienti da tu tto il mondo..

Aarhus Festival

31 agosto – 9 settembre

L’Aarhus Festival è uno dei più grandi eventi culturali della Scandinavia, con esibizioni di musicisti locali, nazionali e d internazionali. L’evento è riconosciuto sia localmente sia all’estero e mostra tutto quello che la seconda città d ella Danimarca ha da offrire!!

Bornholm Cultural Week

14 – 23 s ettembre

Durante la settimana della cultura a Bornholm sarai catapultato in una grande varietà di esperienze ed eventi culturali su tutta l’isola..

Notte della cultura, Copenaghen

12 ottobre

Oltre 500 location in tutta la città saranno aperte al pubblico dalle 18 a mezzanotte.. Il programma coinvolge musei, chiese, librerie,scuole e organizzazioni , oltre ad una serie di spazi normalmente non accessibili al pubblico.. I luoghi pubblici diventano palcoscenico per spettacoli musicali, letture , esibizioni d’arte e molto altro ancora.. L’acquisto del badge della Notte della Cultura dà libero accesso a tutte le manifestazioni,, oltre che al traspo rto gratuito sui mezzi pubblici in tutta la città..

Harry Potter Festival

, Odens e 18 – 20 O ttobre

Il Festival dedicato al famoso mago Harry Potter è un evento annuale che si svolge in autunno, periodo nel quale le scuole in Danimarca chiudono per una settimana.. Il festival è organizzato dalla biblioteca centrale di Odense ed offre ogni anno una moltitudine di esperienze magiche per grandi e piccini..

Eventi Design

 

3dayso f d esign

24 – 26 maggio

Il Salone del Mobile di Copenaghen attira ogni anno giornalisti,, buyer e d appassiona ti di design da tutto il mondo.. L’evento permette di scoprire tutte le novit à e le nuove tendenze grazie al coinvolgimento di brand iconici ed emergenti e alla partecipazione dei migliori professionisti design del paese..

CPH Architecture Festival

3 – 16 maggio

I l Copenhagen Architecture Festival esplora come l’architettura caratterizzi le nostre vite e il nostro mondo – e al tempo stesso come le nostre vite influenz i no l’architettura.. Attraverso conferenze,, mostre,, visite sul campo e d un ricco programma cinematog rafico,, l’evento si focalizza sui luoghi in cui le trasformazioni architettoniche si incrociano con la vita e la quotidianità . Il festival presenta visioni,, conflitti e cambiamenti storici nell’ambiente costruito ed esplora i confini tra estetica,, funzione e identità..

Event i Gastronomici

Festival dell’Aringa

, Hvide Sande 29 aprile – 1 maggio

La gara di pesca all’arin ga più importante della Danimarca quest’anno si s volge dal 29 aprile al primo maggio.. La cosiddetta aringa di maggio pescata a partire dalla fine di aprile sembra essere davvero deliziosa e il villaggio di pescatori Hvide Sande,, tra il Mare del Nord e il f iordo di Ringkøbing,, è il luogo ideale per i pescatori.. Al “ Sildefestival ” si partecipa con tre categorie per gli adulti e un a per i bambini fino a 12 anni..

Festival della Birra

, Copenaghen mag gio – date da definire

Un’occasione speciale per conoscere e d assaggiare la specialità del nord,, la birra danese!! Qui anche il bevitore più scettico potrà apprezzare non solo la vastissima produzione danese,, che ultimamente è stata rinnovata grazie alla nascita di nuovi birr ifici,, ma anche una vasta selezione internazionale.. Più precisamente più di 1000 varietà di birra provenienti da 200 birrifici in Europa,, USA e Canada..

Copenhagen Beer Walk

Una gustosa esperienza per i vi sitatori che amano la birra e che permetterà loro di esplorare la città in un modo originale scegliendo tra 12 bar nei quartieri cool di Vesterbro e Nørrebro.. Costo del tour:: 199 DKK ( circa 26 euro)) il pacchetto comprende un bicchiere,, una cartina e sei gettoni per la degustazione di birra))..

Festival del crostace o a Nykøbing Mors

J utland del N ord 1 – 2 gi ugno

Il festival mette in primo piano l’aria di Limfjord,, luogo dedicato al tempo libero e alle attività legate al mare e all’industria del crostaceo.. Oltre alla vendita dei prodotti,, ti aspettano musica e di vertimento per grandi e piccini.. S arà inoltre possibile visitare il centro ittico più grande del Nord Europa..

Sol over Gudhjem,, Gudhjem

Bornholm 2 3 giugno

Una vera sfida gastronomica tra chef di fama internazionale si consuma ogni anno a Gudhjem sull’isola di Bornholm . Il concorso ha contribuito a creare un forte l egame tra produttori e g randi ristoranti in Danimarca . Il concorso offre anche a i buongustai un’occasione unica per vedere come top chef internazionali utilizzano prodotti locali di Bornholm per creare il piatto perfetto.. Sarete in grado di osservare da vi cino,, e chiedere informazioni,, tecniche e il pensiero dietro la cucina creativa..

Festival della ciliegia

20 – 22 luglio

3 giorni dedicati alle dolci e succose ciliegie nella cittadina di Kerteminde,, in Fi onia,, a breve distanza da Odense.. Vieni a gustare questo frutto che da sempre è simbolo di vita e amore..

Festival dello scampo

, Læsø 4 agosto

Sabato 4 agosto 201 8 si terrà la 1 5 esima edizione del Fest ival dello scampo nel porto di Østerby sull’isola di Læsø.. Il festival è diventato una grande attrazione per migliaia di visitatori.. Attesissima la gara di cucina tra

4 – 5 degli chef più talentuosi della Scandinavia,, che si sfideranno per la “ Chela d’oro””,, pr emio assegnato a chi interpreterà al meglio questo ingrediente per un piatto sfizioso e succulento.. Oltre a poter assaggiare piatti gustosi si potranno gustare musica e altri intrattenimenti..

Copenhagen Coo king & Food Festival

24 agosto – 2 settembre

Copenhagen si trasforma in un gran ristorante ricco di prodotti della Cucina Nordica.. Dall’anno scorso il festival gastronomico viene organizzato in collaborazione con F . O . O . D . (FFood Organisation of Denmark)).. Fai u n giro tra le bancarelle che offrono cibi prelibati,, oppure fai vivere ai tuoi bambini un’esperienza in cucina.. Concediti un pranzo in uno dei ristoranti stellati Michelin,, che per l’occasione offrono menu a prezzi più contenuti , e scopri come Copenaghen p ossa essere il nuovo paradiso della gastronomia..

Food Festival,,

Aarhus 7 – 9 settembre

Foodies e consumatori consapevoli,, piccoli golosi,, chef danesi ed internazionali,, produttori,, scrittori,, ricercatori,, educator i,, critici – Food Festival è un incontro per professionisti ed appassionati di gastronomia . Oggi più che mai,, la Danimarca apprezza e valorizza le grandi materie prime che offre la campagna danese.. L’ambizione del Food Festival è quella di ampliare la cono scenza di questi prodotti di eccellenza sia a livello nazionale sia internazionale..

Mer cato delle aringhe

a Stege,, Møn settembre

Ogni anno a settembre,, Stege,, isola a sud di Copenhagen,, ospita il mercato delle ari nghe,, una rappresentazione che ricostruisce lo splendore del periodo d’oro medievale lungo le banchine e nelle strade della città.. Le barche dei pescatori ormeggiano sulle banchine vendendo aringhe direttamente dall’imbarcazione.. Sulle bancarelle e nei ten doni si vende il pesce fritto e si prepara l’aringa nera medievale,, mentre all’esterno e possibile assistere al processo di affumicamento del pesce.. Ovunque è possibile assaggiare e acquistare specialità locali..

EAT!! Odens e Food Festival

10 – 16 settembre

EAT!! È un nuovo food festival.. L’evento valorizza i

produttori delle eccellenze gastronomiche danesi

e gli ottimi ristoranti di Odense che negli ultimi

hanno contribuito a mettere Odense nella mappa gastronomica della Danimarca..

E venti Musicali

Winter Jazz

2 – 25 Febbraio

Winter Jazz è un festival musicale annuale.. La combinazione tra la lunghezza del festival e la sua valenza nazionale rende il Winter Jazz l’occasione ideale per incontrare star internazionali in tour,, conoscere nuovi prog etti danesi premiati e temi interessanti come Jazz for Kids,, Future Sound of Jazz e Jazz’n’Poetry..

Frost Festival

, Copenaghen 4 – 25 Febbraio

Ogni anno il Frost Festival presenta una serie di eventi musicali e installazioni luminose nell’area di Copenaghen.. La coesione tra,, luogo,, musica e luci del festival invita gli ospiti ad esplorare la città in inverno nel buio mese di Febbraio..

Spot F estival,,

Aarhus 9 – 13 magg io

Vivi la primavera scandinava nella città di Aarhus:: durante lo Spot Festival potrai assistere ai concerti di oltre 100 gruppi nordici e internazionali!! Il festival accoglie ogni anno più di 1000 esperti del settore e oltre 4000 appassionati di musica:: u n’ottima occasione per scoprire i nuovi artisti della scena nordica..

Distortion

Festival,, Copenaghen 30 maggio – 3 giugno

Il Copenhagen Distortion – che celebra la street life e la club culture – è uno degli st orici festival più stravaganti d’Europa,, con centinaia di feste,, concerti e ospiti.. Distortion festival offre un fitto programma di feste gratuite per le strade e nelle migliori location di Copenaghen..

Roskild e

Festival,, la Woodstock della Danimarca 30 giugno – 7 luglio

Dal 1971,, il Roskilde Festival è il più grande festival rock di tutta Europa.. Per una settimana offre le performance delle migliori rock star di tutto il mondo..

Copenhagen Jazz Festival

6 – 1 5 luglio

Nel 2018,, l’iconico Jazz Festival di Copenaghen celebra il suo 40 ° anniversario..

Il Copenhagen Jazz Festival riunisce più di 120

location e circa 1.400 concerti,, rendendolo uno dei più grandi festival jazz de l mondo.. Il festival presenta il meglio della scena jazz

danese e internazionale e mira a estendere i confini del jazz incoraggiando nuove iniziative artistiche..

Aarhus Jazz Festival

14 – 2 1 luglio

Ogni anno a lugl io si può ascoltare jazz in tutta la città di Aarhus.. Numerosi concerti,, spettacoli e performance vengono allestiti in strade,, piazze,, caffetterie,, ristoranti..

Skagen Festiv al

5 – 8 luglio

Quello di Skagen è il più antico festival musicale della Danimarca e si tiene in diverse location per tutta la città e al porto,, al suon di eccellenti band danesi ed internazionali..

Copenhagen Summer Festival

30 luglio – 10 agosto

Ogni anno il Copenhagen Summer Festival presenta numerosi talenti emergenti e concerti di musica classica nella splendi da cornice di Charlottenborg nella piazza di Kongens Nytorv,, nel cuore della capitale..

Aalborg O pera Festival

, Aalborg – Agosto

La piccola ma vivacissima città di Alborg o spita il prestigioso Opera Festival . Gli spettacoli si svolgono sui palchi allestiti i n vari luoghi della città,, è inoltre possibile incontrare il mondo dell’opera all’intern o d ei caffè e nelle chiese della città..

Smuk Fest Festival

, Skanderborg 8 – 12 agosto

Dal 1980,, l’annuale festival pop di Skanderborg si svolge nella foresta nei pressi di questa città dello Jutland.. Conosciuto come “ii l più bel festival della Danimarca”” attira ogni anno 50.000 visitatori..

Strøm

, Copenaghen 8 – 1 1 agosto

Il più grande festival scandinavo di musica elettronica con una schiera di artisti danesi e internazionali in l ocandina e ingresso gratuito..

LISBONA – QUINTESSENZA DI ARTE E CULTURA

Lisbona Portogallo ferro battuto kj

Lisbona Parque das Nacoes

Portogallo lisbona q

La capitale lusitana e i suoi dintorni sono un concentrato di bellezze artistiche

 – E’ difficile trovare una capitale europea in grado di competere con Lisbona, una città poliedrica adatta allo svago, ai viaggi di lavoro e ai weekend fuori porta, ma soprattutto ricca di arte e cultura.

I motivi per visitarla sono tanti e si può farlo in qualsiasi periodo dell’anno:

gli inverni sono miti e le notti estive rinfrescate dalla brezza oceanica.

Ben collegata via aereo, dista 1-3 ore di volo dalle principali città europee.

— Rispetto ad altre capitali europee, è economica, sia per mangiare che per dormire.

Lisbona è anche una città aperta e ospitale: i suoi 800 anni di storia e la posizione strategica l’hanno resa un insieme di influenze culturali diverse, che si riflettono ancora oggi negli edifici di stampo francese e arabo.

Il quartiere di Alfama, il più antico della città, è un ottimo esempio di come le influenze moresche abbiano modellato Lisbona: costruita come un reticolo di viuzze e salite, Alfama oggi ospita monumenti storici, ristoranti e bar dove si suona il fado.

Da non perdere è la piazza Dom Pedro IV situata al centro del Rossio, cuore della città e della vita politica e sociale tra caffè, teatri, fontane e il verde che la circonda.

Buona idea iniziare la visita della città dal Lisboa Story Centre in Terreiro do Paço (ludico e interattivo, rispettando l’accuratezza storica, qui si vede il passato di Lisbona  attraverso il sistema audio guida, 60 minuti di un viaggio nel tempo e spazio ), e godere della vista sulla città dall’Arco da Rua Augusta; al tramonto spettacolare la vista che si gode dai vari miradouros o dal Castello di São Jorge che imperante su una collina domina la capitale.

IMPERDIBILI:

– una passeggiata tra gli edifici manuelini della città – come il Mosteiro dos Jerónimos, la Torre di Belém e il portale della chiesa di Nossa Senhora da Conceição Velha – diventa un vero e proprio tour nel passato, nel periodo d’oro delle scoperte rinascimentali, quando marinai ed esplorazioni mettevano Lisbona al centro del mondo.

A poca distanza da Belém, ha da poco aperto il nuovissimo MAAT – Museu Arte Arquitetura Tecnologia con diverse mostre e spazi di riflessione e dialogo che fanno riferimento sia alle esposizioni che ai trend contemporanei. Info: www.maat.pt

Altro museo da non perdere è il MNAA-Museu Nacional de Arte Antiga, che ospita la più importante collezione portoghese d’arte, con oggetti che spaziano dalla pittura alla scultura, oro e argenteria, così come tessili, ceramiche e mobili provenienti da Europa, Africa ed Estremo Oriente. Composta da oltre 40.000 oggetti, la collezione del MNAA ha il maggior numero di opere classificate come “tesori nazionali” portoghesi. Info: http://www.museudearteantiga.pt

Un altro bellissimo posto da visitare, forse meno conosciuto, è il Museo Nazionale dos Coches (o Museu dos Coches Reais), situato vicino al fiume Tago. Occupa i locali già appartenenti alle Oficinas Gerais do Exército. Ne fa parte l’ala della Cavalleria Reale, parte del Palazzo Reale di Belém, attualmente residenza ufficiale del Presidente della Repubblica, che può essere visitata come un nucleo espositivo del museo. Info: http://museudoscoches.pt

La città conserva tuttora la vivacità e l’energia rinascimentali. Il calendario è ricco di eventi, le strade vibranti.

Uno degli appuntamenti più importanti è il NOS Alive, tre giorni di concerti vicino al fiume Tago in programma in luglio. Definito come uno dei principali festival europei.

Anche i dintorni della capitale sono ricchi di storia e cultura.

Si può, ad esempio, visitare Sintra, patrimonio UNESCO, un luogo talmente magico che il poeta romantico inglese Lord Byron lo definì «giardino dell’Eden».

Nata come insediamento arabo sulla costa a ovest di Lisbona, Sintra fu la residenza estiva dei re portoghesi, e tuttora affascina i visitatori con i suoi palazzi mistici, colorati e unici, che fanno di Sintra la capitale dell’architettura romantica.

Tra i monumenti da non perdere ci sono Palácio Nacional, Quinta de Regaleira, Palácio de Seteais, Castelo dos Mouros e il Palácio da Pena, eletto tra le sette meraviglie del Portogallo. Costruito nel 1840 da re Ferdinando II, Palácio da Pena si erge sulle rocce della Serra De Sintra ed è l’esempio più completo di architettura romantica portoghese, un insieme di stile gotico, neomanuelino, arabo, rinascimentale e barocco.

Lo stile neomanuelino, in particolare, riprende i motivi del tardo gotico portoghese (XVI secolo), chiamato anche manuelino in onore di Manuele I, re all’epoca del suo sviluppo. Caratterizzato da elementi marinari che celebravano le scoperte dei navigatori portoghesi come Vasco da Gama, lo stile manuelino si ritrova nelle chiese, monasteri, palazzi e castelli, ma anche nella scultura e nella pittura.

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com

TAIWAN shopping low cost , ma non solo – STREET FOOD IL MEGLIO DEL MONDO A TAIWAN

BALI MERCATO CIBO HSB

Bali street food smz
LA CUCINA DI TAIWAN E’ ECCELLENTE PER : rigore e qualità delle materie prime.

La famosa e prestigiosa rivista TRAVELLER L’HA SCELTA COME “destinazione food” DELL’ANNO 2015.

Taiwan è diventata la regina della gastronomia mondiale.

Lo street food di Taiwan è nella top ten della televisione americana CNN.

Dai baracchini street food di Taipei, all’ispirazione fusion (cinese e giapponese), questa è la ristorazione sull’isola di Taiwan.

———-

Grattacieli, treni superveloci, industrie informatiche all’avanguardia e tanto traffico ovunque in città, ma anche templi con angoli che sembrano fuori dal mondo.

La montagna più alta raggiunge i 3.952 metri e tanta natura intatta riveste tutta l’isola; foreste di bambù, alberi della canfora e sorgenti termali a Beitou e Wulai ( a pochi chilometri dalla capitale ).

Arrivati a Taipei, la capitale, il meglio è andare sul grattacielo 101, per un magnifico panorama di tutta la città. La città è caotica, caratterizzata da ingorghi colossali.

Per muoversi è bene usare le 5 linee metropolitane che uniscono tutti i punti importanti della città.

Da visitare:

-tempio buddista di Longshan (la montagna del drago), è il cuore pulsante della città, qui tutti vengono per festeggiare o chiedere aiuto al cielo

-National Palace Museum; qui si trovano i tesori della civiltà plurimillenaria. Da non perdere

-mausolei dedicati ai due padri della Cina moderna: Chiang Kaishek e Sun Yan-sen

-mercati notturni di Shilin e Huax; ci si trova di tutto, la città vive 24 ore su 24: cibo, abbigliamento, steet food  ecc…

-la via dei serpenti: solo per chi ha fegato. Qui vengono cotti anche rettili velenosissimi.

JIOUN FEN: cittadina montana di Taiwan, situata nella municipalità di Nuova Taipei, vicino alle città di Keelung e Rueifang. In OLD STREET: case da tè con vista sull’oceano.

NELL’ISOLA:

-Alishan National Scenic Area; foresta pluviale, terme, piantagioni di tè di montagna ed alpinismo

-Lago Riyue: villaggi aborigeni.

ALL’ESTREMO SUD DELL’ISOLA:

-belle spiagge di sabbia corallina, barriera corallina e snorkeling

——–

Street Food

Già famosa per il suo street food, oggi Taiwan inizia a imporsi come una delle frontiere culinarie più interessanti al mondo anche per la ristorazione..
Cucina fusion, menù che cambiano con le stagioni e prezzi contenuti attirano turisti da tutto il mondo.
THAI PEI ; il cuoco Andre Chiang, ha studiato in Francia, lavorato a Singapore e ha aperto il suo ristorante “Raw” a Taipei.
Andre Chiang è definito come un re-interprete della cucina tradizionale dell’isola.
Il suo ristorante ha 7 menu che cambiano ogni mese : gamberi in cracker di riso viola, cavolfiori in wafer di pelle di pollo, torta all’ananas in versione cubetti semi-ghiacciati; il menu costa sui 24 euro
Tofu fermentato, dolcetti piccanti, panini con maiale bollente, guava verde caramellato….prodotti sempre freschi; ecco il segreto di Taiwan; da provare !!!
INFORMAZIONI
VISTO NECESSARIO?
Per soggiorni inferiori ai 90 giorni non è richiesto il visto ma solo un biglietto di andata e ritorno e passaporto valido.
All’arrivo a Taiwan dovete mostrare il passaporto e la carta di immigrazione compilata è sempre consegnata a bordo dell’aereo o la potete ritirare all’arrivo). Il funzionario applicherà un timbro di entrata ed una copia della carta di immigrazione sarà graffettata in una pagina del passaporto. Non perdetela perché è necessaria per uscire da Taiwan.

CLIMA 

Il periodo migliore per andare a Taiwan è l’autunno: giornate soleggiate e asciutte.
Anche la prima parte della primavera è un buon periodo per andare a Taiwan mentre l’ultima parte della primavera (maggio) è quasi sempre ricco di forti piogge.
Da evitare: il capodanno cinese, tra gennaio e febbraio; tutti viaggiano e voli e alberghi sono pieni e cari.

Inverno ed estate:

-umidità e pioggia per la maggior parte dell’anno e tifoni in estate.
In inverno fronti freddi (dalla Mongolia) con temperature basse; per un isola tropicale.

Per la maggior parte dell’anno la temperatura è facilmente sopra i 30 gradi.

In inverno non di rado si raggiungono i 5-10 C, almeno a Taipei; nel Nord.
DA TENERE PRESENTE: le case non sono riscaldate e il vento è molto frequente.
Piovosità massima al Nord.
Taiwan è più umida della foresta pluviale.

ABBIGLIAMENTO: abiti caldi, a strati, IN INVERNO AUTUNNO E PRIMAVERA.
In estate SOLO abiti molto leggeri.
L’aria condizionata è freddissima, soprattutto d’estate; portate un golfino, una scarpa leggera e un cappello.

SHOPPING: abbigliamento, a costi molto molto convenienti; articoli sportivi, giacche a vento e piumini; QUI TUTTO è PIU’ CONVENIENTE CHE IN EUROPA: RIFATEVI IL GUARDAROBA ! Partite con la valigia semi vuota !

ELETTRICITA’ : corrente elettrica a Taiwan è a 110 V, la presa simile all’ americana (ma spesso senza la terra). NESSUN PROBLEMA per i moderni alimentatori per computers portatili, carica batterie, per telefonini; ma DOVETE avere un adattatore che trovate in aeroporto o in Taiwan.
TELEFONO: da Taiwan in Italia : prefisso 00239 oppure 01939; quest’ultimo con una tariffa leggermente più conveniente.
SIM prepagata : fornire 2 documenti di identità con foto (patente passaporto o passaporto e carta identità).
———
SALUTE :
L’acqua del rubinetto non è potabile LA SI DEVE BOLLIRE.
-consigliata è la vaccinazione per l’epatite A
-COME IN OGNI VIAGGIO E’ DOVEROSO portare le proprie medicine
-I medici parlano quasi tutti inglese (molti hanno studiato in America)
-le cure mediche non sono costose
——–
MONETA
L’Euro viene comunemente cambiato.
Potete usare la vostra carta di credito per ritirare contante.
——-
VOLI
Una soluzione veramente low cost (tipo Ryan Airi) è la malese Air Asia che vola da Londra Stansted o Parigi Orly a Taipei via Kuala Lumpur.
Abbiamo cercato un volo per fine settembre (21.9/ 1.10.2015) e abbiamo trovato questo prezzo :
-Expedia: 616 euro andata/ritorno con Air China 1 solo scalo 18 ore e 55′ per l’andata (586 euro con Tripadvisor, ma senza sconto per hotel)
-più confortevole con Emirates: 718 euro A/R; 23 ore e 30′ per l’andata. 1 scalo.
-Cathay Pacific è il meglio, ma anche il più caro, 960 euro A/R ; 14 ore e 35′ per l’andata, 1 scalo.
Con Expedia si ha lo sconto fino a 282 euro se si prenotano anche gli alberghi.
COLLEGAMENTI DA AEROPORTO
Taoyuan Airport ha due terminali (Terminal 1 e 2). L’aeroporto è collegato a Taipei da frequenti autobus e dai taxi; a efficiente e comoda la metropolitana di Taipei (Taipei MRT).
SPOSTAMENTI IN TAIWAN:
THSR ; Ferrovia ad Alta Velocità da Taipei a Kaohsiung
– collega le principali città della costa occidentale
-da Taipei a: Hsinchu, Taichung, Tainan, Chiayi o Kaohsiung il meglio è il treno ad alta velocità (anche 300Km ora)

-BUS: diverse società private, le più importanti: Ubus, Ho-hsin e GuoGuan.

TAXI E PRUDENZE

Tra Taichung e l’aeroporto di Taoyuan (circa un ora e mezza) costa tra 2000 e 2500 NTD, pedaggi autostradali inclusi; non è caro.

-pochi tassisti non usano il tassametro o “fanno i furbi” allungando l’itinerario; attenzione spessissimo non parlano inglese
-DOVETE sempre avere un biglietto da visita con la vostra destinazione scritta in cinese.

AUTO NOLEGGGIO

Occorre la patente internazionale, non derogate !
-noleggio auto e moto
-guidare a Taiwan è scoprire regole locali molto diverse dalle nostre e, a volte impegnativo, è sicuramente possibile per chiunque abbia preso la patente in Italia.

LINGUA: lingua ufficiale Cinese Mandarino, il Taiwanese è un dialetto della Cina Meridionale
-circa 250.000 persone parlano una delle diverse lingue aborigene chenulla hanno anche vedere con il cinese.
————–
RELIGIONE:
-credenze Taoiste, Buddiste e Confuciane con forte substrato animistico
—————
MONETA:
-Il codice ufficiale ISO ( per conoscere il cambio attuale) è TWD.
—————
SALARI: stipendio medio ammonta a circa 40.000 NTD (CIRCA 820 euro)
————–
COSTO DELLA VITA:
-minore che in Italia.

Evento imperdibile a Milano cucina giapponese per gourmet

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti …

Selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki a Eataly Milano Smeraldo

Assaggi e show cooking … da non perdere !

Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki

Più sotto due ricette di grandi maestri di cucina

Nagasaki; una zona del Giappone da scoprire; ricca di natura, terme, cultura e ottima cucina; più sotto tante informazioni

Foto: preparazione giapponese della pasta, lunga e complessa, richiede grande esperienza e materie prime eccellenti. Il risultato è un prodotto di altissima qualità; in questo caso addirittura preparato con speciale acqua purissima e olio di camelia …

:::::::::

Degustazioni a Eataly Milano Smeraldo

NAGASAKI GOURMET DUET
MENU DEGUSTAZIONE APERTA AL PUBBLICO

12 gennaio ore 18.00 – 20.00
Maguro Shimabara Somen
il piatto con cui chef Lavezzari e il maestro Ichikawa hanno vinto il Girotonno 2017. Si tratta di un particolare tipo di spaghetto di grano giapponese molto sottile cotto nel brodo dashi e condito con:
tonno rosso
Edamame
Sesamo Nero
Alghe Wakame
Ikura
Erba cipollina
Aceto di riso al pompelmo
Salsa di soia

il 13 gennaio alle ore 12.00-14.00
Goto Tenobe Udon (famoso spaghetto in grano duro con olio di camelia) con brodo di pesce volante (ti allego le foto)

il 14 gennaio alle ore 12.00-14.00
Kurogoma Somen (spaghetto sottile con sesamo nero) con Anatra

tutti i piatti saranno accompagnati con il té di Nagasaki.

Maestro Haruo Ichikawa e Chef Lorenzo Lavezzari

:::::::::

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Gli italiani sono stati stregati dalla cucina giapponese: una recente ricerca, ha infatti dimostrato che il piatto più ordinato nel 2017 nel nostro Paese è il sushi.

Da mangiare in un sol boccone, dopo averle intinte nella salsa di soia, le polpettine a base di riso bollito e aromatizzato e pesce, hanno evidentemente conquistato il cuore e i palati nostrani.

Ma, così come la cucina italiana non è sinonimo esclusivo di pizza, anche la tradizione gastronomica del Paese del Sol Levante è ricca di ingredienti e piatti straordinari.

Apparentemente, Italia e Giappone a tavola sono lontanissimi:

la nostra cucina ama mescolare gli ingredienti con grande creatività e innovare le ricette tradizionali grazie ad accostamenti sorprendenti; le parole chiave della cucina giapponese sono invece eleganza e perfezione formale, all’insegna di sapori netti e impiattamenti rigorosi.

In comune, oltre all’attenzione per la freschezza e la qualità degli ingredienti, sicuramente il concetto di convivialità:

nel Paese orientale, a differenza che in Italia, non esiste differenza fra primo piatto, secondo, contorno e frutta; di solito in tavola vengono portati contemporaneamente tutti i cibi, che vengono consumati senza ordine prestabilito.

Nelle case giapponesi spesso però si servono anche piatti cotti con un fornello portatile direttamente in tavola, dove i commensali attingono dalla pentola. È il caso dello shabu shabu: fettine sottilissime di manzo vengono immerse per una ventina di secondi nel brodo di alghe kombu che bolle in un contenitore al centro del tavolo. Una delizia.


Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti: oltre a una fascinazione per il fritto chi non apprezza la tempura?ci unisce infatti l’amore per la pasta.

Il prodotto italiano per antonomasia fa parte infatti anche della tradizione giapponese, con due formati tradizionali e allungati rigorosamente a mano: i sōmen e gli udon, che gli italiani sempre più riconoscono e apprezzano.

Così lontani eppure quindi così vicini, Italia e Giappone hanno iniziato anche a contaminarsi a tavola: quando due culture diverse, ma tanto incentrate sul cibo si incontrano, il risultato non può che essere eccezionale.

Lontanissimi dalla confusione di sapori e forme del fusion, quello che sempre più chef italiani stanno sperimentando è infatti utilizzare ingredienti giapponesi – come sōmen e udon – per esprimere la cucina italiana in un modo diverso, sposando il background, l’impiattamento, e magari una tavola di design in stile giapponese.

1. Fonte: http://www.gamberorosso.it/it/news/1046525-i-piatti-piu-ordinati-nel-2017-le-specialita-che-hanno-spopolato-in-italia-e-all-estero

:::::::::::

Nagasaki Gourmet Duet

A Milano la migliore selezione di prodotti della provincia di Nagasaki 
incontra la cucina italiana

Italia e Giappone hanno da poco più di un anno festeggiato i 150 anni del primo Trattato bilaterale di amicizia e commercio fra i due Paesi

Le tradizioni gastronomiche dei due Paesi saranno protagoniste di una straordinaria quattro giorni all’insegna dell’eccellenza e della contaminazione culinaria: Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki per presentare al grande pubblico e ai professionisti dell’Ho.Re.Ca. i prodotti a marchio Yokamon! Market di Nagasaki.

L’appuntamento è stato venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 gennaio presso Eataly Smeraldo (Piazza XXV Aprile, 10, Milano) con una selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki, lo splendido territorio situato all’estremità occidentale del Giappone noto per la sua ricca produzione agroalimentare e ittica: i suoi pendii toccati dal clima mite sono storicamente dediti all’agricoltura e alla frutticoltura, mentre le numerose isole e i mari pescosi l’hanno reso nei secoli il secondo centro di produzione ittica di tutto il Giappone.

Lunedì 15 gennaio sarà dedicato esclusivamente agli chef e ai professionisti di settore.

Yokamon è la parola che nel dialetto di Nagasaki significa “cosa buona, frutto di scelta attenta”: lo Yokamon! Market di Nagasaki porta a Milano, capitale italiana del food e città da sempre aperta sia alle tendenze internazionali sia alla sperimentazione in ambito gastronomico, sōmen e udon (pasta di grano duro allungata a mano), condimenti e salse come il ponzu e l’agodashi, il prezioso olio di camelia, il tè verde, liquori come il shochu, ma anche oggetti di design.

Durante Nagasaki Gourmet Duet la bellezza, l’armonia e il rigore formale della cucina giapponese incontreranno la tradizione culinaria italiana; i quattro giorni di degustazioni gratuite, sia aperte al pubblico sia riservate ai professionisti dell’Ho.Re.Ca., racconteranno in particolare una eccellenza gastronomica comune ai due Paesi: la pasta. 


Gli udon, un formato di pasta a base di farina di grano duro realizzato da secoli a mano nella prefettura di Nagasaki, verranno infatti utilizzati per reinterpretare una delle ricette maggiormente rappresentative della cucina italiana: l’amatriciana.

A Eataly, a rappresentare la fusione fra il Paese del Sol levante e l’Italia saranno due chef d’eccellenza: il Maestro Haruo Ichikawa e lo chef Lorenzo Lavezzari, che hanno vinto la Tuna Cuisine Competition al Girotonno di Carloforte 2017 proprio con un piatto di Maguro Shimabara Sōmen, dove i tradizionali spaghetti giapponesi sono stati serviti in brodo con tonno, wasabi e dashi.

Si tratta di una gara gastronomica internazionale alla quale partecipano chef provenienti da diversi Paesi che si sfidano presentando ricette a base di tonno.

Nella giornata del 15 gennaio presso Feeling Food Milano invece ad affiancare il Maestro Haruo Ichikawa sarà Vito Mollica, grande interprete della cucina e dei sapori italiani,1 stella Michelin presso Il Palagio del Four Seasons Firenze e La Veranda del Four Seasons Milano.
Programma dettagliato
Venerdì 12 gennaio

– Ore 10:30. Welcome drink Nagasaki Style.
– Ore 11:00. Conferenza stampa e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki, Auditorium Eataly Smeraldo (2° piano).
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon

– Dalle ore 11:30, degustazione presso la cucina Arclinea di Eataly Smeraldo. Show cooking a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello chef Lorenzo Lavezzari che prepareranno i Goto Udon (una varietà di noodles preparati con farina di grano duro e olio di camelia) all’amatriciana e i Maguro Shimabara Sōmen.
– 12:00 Conclusione
– Dalle ore 18:00 alle 20:00, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone) con oltre 80 assaggi. I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki saranno eccezionalmente venduti a Eataly, negli spazi adiacenti la cucina Arclinea, nei quattro giorni del Nagasaki Gourmet Duet. Non è necessaria la prenotazione.

Sabato 13 gennaio e domenica 14 gennaio
– Dalle 12.00 alle 14.00, nella cucina Arclinea di Eataly Smeraldo, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone). Non è necessaria la prenotazione.
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style
– Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
– Ore 18:15. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Lorenzo Lavezzari.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento pomeridiano è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Lunedì 15 gennaio
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style.
- Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Vito Mollica (1 stella Michelin);
Camilo Becerra, GM di Feeling Food Milano;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
– Ore 18:00. Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon.
- Ore 18:30. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Vito Mollica.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento del 15 gennaio è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Gli chef
Haruo Ichikawa
Il Maestro Haruo Ichikawa conosce benissimo l’Italia, dove vive da più di vent’anni. Classe 1954, è stato al timone della cucina di un importante ristorante giapponese a Milano, dopo un percorso che lo ha visto formarsi fra Tokyo e Los Angeles. Pur rimanendo fedele alla tradizione giapponese, lo chef Ichikawa integra spesso e volentieri nelle sue preparazioni prodotti di eccellenza italiana. L’incontro con lo chef Lavezzari è stato determinante per entrambi. Una coppia creativa perfetta che unisce la tradizione all’innovazione.
Lorenzo Lavezzari
Lo chef Lorenzo Lavezzari entra prima alla corte dello chef Igles Corelli, poi dello chef Bruno Barbieri e infine dello chef Mauro Ricciardi. Di ritorno a Milano nel 2008, entra a far parte della brigata dello chef bistellato Claudio Sadler presso il suo Ristorante Sadler (2 stelle Michelin) a Milano, una delle esperienze più importanti della sua carriera.
Lavezzari ha inoltre un passato da responsabile della pralineria di cioccolato e aiuto pasticcere presso Ernst Knam. In seguito, affascinato dal mondo asiatico inizia la sua lunga avventura al fianco del maestro Haruo Ichikawa in un famoso ristorante di Milano, unico in Italia, premiato nel 2014 con una stella Michelin.
Oggi lo chef conduce Otto – Bottega&Cucina, suo progetto innovativo a Novate Milanese. Si tratta di una Bottega dove poter acquistare e degustare i prodotti che l’Azienda Agrituristica produce e di una cucina che offre “merende salate” ed “emozioni di gusto”, le materie prime stagionali a km zero di aziende agricole liguri, toscane e della cerchia milanese. Il progetto dello chef è quello di riportare la gente a stare tutti assieme a tavola, una social kitchen, creando un legame speciale tra Agri-Chef e commensali.
Vito Mollica

Classe 1971, lucano di nascita ma cresciuto a Origgio, nel varesotto, Vito Mollica può definirsi a tutti gli effetti un veterano del Four Seasons: vi entrò per la prima volta nel 1996, nella sede di Milano, per poi trasferirsi, quattro anni dopo, al Four Seasons di Praga. Particolare il rapporto che lo lega ancora oggi alla città, dove sono nati i suoi due figli, che nel 2007 ha lasciato per tornare in Italia alla volta di Firenze, dove oggi è responsabile del comparto Food&Beverage ed Executive Chef del ristorante gourmet dell’hotel, Il Palagio, premiato nel 2011 dalla stella Michelin. Nel maggio 2015 Vito Mollica duplica i suoi incarichi, affiancando alla guida del ristorante fiorentino anche quella de La Veranda del Four Seasons Milano. Un ritorno alle origini che lo vede succedere a un grande maestro della cucina italiana di cui fu allievo, Sergio Mei.
Appassionato cultore della materia prima, Mollica seleziona personalmente i suoi fornitori, setacciando campagne, aziende agricole e mercati regionali in cerca di produttori che con lui condividano la passione per la qualità e l’eccellenza. “La cura nella produzione degli ingredienti – spiega nel suo profilo ufficiale – si riflette nel gusto. Più semplice è la preparazione degli ingredienti, più facile sarà amplificarne il sapore”.

I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Sōmen 
I sōmen sono la pasta allungata a mano di Shimabara, la penisola situata nella parte meridionale del Giappone, circondata dal mare di Ariake. Si tratta di una specie di tagliolini la cui produzione risale a 350 anni fa; oggi Nagasaki ne riesce a soddisfare un terzo del fabbisogno nazionale. Preparati con acque sotterranee pure e ricche di minerali del monte Fugendake e farina a contenuto di glutine medio-alto, arrivano sulle tavole dopo un attento processo di stagionatura. 

Udon allungati a mano di Gotō
Introdotti in Giappone nel VII secolo d. C. da un viaggiatore cinese, questi udon sono fra i tre più celebri del Paese. A medio contenuto di glutine, sono preparati con farina di grano duro, sale delle acque a largo del mare di Gotō e olio di camelia selvatica tipica della città della prefettura di Nagasaki. Data la limitata produzione di questi ingredienti, quelli di Gotō vengono chiamati “udon dei sogni”.
Ponzu
Si tratta di un condimento onnipresente nella cucina giapponese, di una salsa acidula e agrumata. Si prepara con mirin (sakè dolce giapponese da cucina), aceto di riso, fiocchi di katsuobushi (fiocchi filetti di tonnetto striato essiccato, fermentato e affumicato) e alga (konbu), e bollito a fuoco lento. Quando il liquido è raffreddato viene colato per far asciugare il katsuobushi e viene aggiunto succo di yuzu o sudachi (agrumi giapponesi). È il condimento ideale per una grande varietà di piatti, come marinate, cibi alla griglia, tempura. 

Agodashi
Prediletto dagli chef, è un dashi (ingrediente fondamentale per la preparazione dei brodi giapponesi) a base di pesce volante. Cotto accuratamente al carbone e fatto seccare al sole, è un autentico condensato di umami, il sapore raffinato che è uno dei pilastri della cucina giapponese. Al pari del katsuo (tonno striato) e delle alghe konbu, permette di ottenere brodi eccellenti che lo rendono un prodotto davvero popolare se non insostituibile.
Olio di camelia 
Si tratta di un olio vegetale preparato a base di camelia selvatica dell’arcipelago di Gotō.
Con un maggior contenuto di acido oleico dell’olio d’oliva, l’olio di camelia ha un potere idratante che lo rende ideale per la bellezza della cute ed è per questo utilizzato per la preparazione di cosmetici e farmaci.
Tè verde giapponese 
La prefettura di Nagasaki è celebre per essere stata la prima area del Giappone dove si è diffusa la coltivazione delle foglie del tè e l’arte della degustazione. Essa infatti presenta una grande abbondanza di terreno adatto alla coltivazione di foglie di alta qualità ed è rinomata per essere una delle principali regioni di produzione in Giappone, avendo vinto numerosi premi a fiere di settore.
Sochu
Si tratta di un distillato d’orzo prodotto nell’isola di Iki, situata nelle agitate acque del mar Genkainada. Al pari del whisky scozzese, del bourbon e del bordeaux, nel 1995 anche lo shochu di Iki è stata conferita dalla WTO, l’organizzazione mondiale del commercio, la designazione di prodotto a indicazione geografica, trasformandolo così in un marchio riconosciuto a livello internazionale. Le sue caratteristiche distintive sono la dolcezza del malto di riso e l’aroma dell’orzo.
Ingredienti alimentari creativi
Grazie alla nostra abilità dello Yokamon! Market di Nagasaki nello sviluppare nuovi piatti, vengono creati nuovi ingredienti con sapori inediti che vanno incontro alle necessità degli chef che li hanno desiderati. Si tratta di prodotti concepiti con idee molto gustose e ottimi per la salute, dove nessuno dei loro preziosi ingredienti varrà mai sprecato. 

Design giapponese 
In Europa sta crescendo la domanda di design giapponese. L’artigianato in ceramica della prefettura di Nagasaki ha un design che si armonizza facilmente con ambienti di gusto europeo, in luoghi come hotel e ristoranti, case private e altri. Un esempio? Gli origami a forma di gru realizzate con fogli di ceramica, considerate simbolo di pace, oltre che di armonia fra moglie e marito. Sono ideali come regalo.

La prefettura di Nagasaki

Situata all’estremità occidentale del Giappone, la prefettura di Nagasaki vanta il maggior numero di isole di tutto il Paese. Grazie ai mari pescosi e alle terre fertili, questo territorio è il secondo centro di produzione ittica del Giappone e vi prosperano importanti allevamenti di bestiame, agricoltura e frutticoltura. Inoltre, grazie alla vicinanza con il continente asiatico, nei secoli scorsi la prefettura di Nagasaki è stata il punto di accesso del Giappone al mondo esterno, plasmando così la sua vocazione internazionale.

::::::::::

SUPER – RICETTE

GOTO UDON ALL’AMATRICIANA

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

300 g Goto Udon con olio di camelia di Nagasaki
300 g pancetta di Wagyu 
500 g pomodorini ciliegini
1 cipolla bionda
Aceto Balsamico di Modena
Pecorino grattugiato
4 foglie di shiso (basilico giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

In una casseruola, rendere fondente una cipolla bionda tagliata fine con 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, frullare i pomodorini ciliegini, passarli al setaccio e aggiungerli nella casseruola. Sfumare con dell’aceto balsamico e cuocere per circa 20 minuti (aggiustare con del brodo vegetale se la salsa risulta troppo densa).

Tagliare la pancia di Wagyu a pezzettini regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Cuocere i Goto Udon in acqua bollente, senza sale ma con un cucchiaio di salsa di soia, per 6 minuti. Scolare e lavorare in una ciotola con olio extravergine e un po’ di acqua di cottura.

Trasferire i Goto Udon nella casseruola e mantecarli con la salsa di pomodorini, il pecorino grattugiato e metà di pancetta di Wagyu croccante. Creare quattro nidi di pasta, disporli sui piatti da portata e guarnire con la salsa di pomodoro, pecorino, guanciale croccante e foglioline di shiso tritato molto fine.

MAGURO SHIMABARA SOMEN
Vincitore Girotonno 2017

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

200 g Shimabara Somen di Nagasaki
140g tonno rosso
200 g pancetta di tonno
n. 20 fave di edamame
20 g wasabi
n. 4 foglie di shiso (basilico giapponese)
1.600 ml dashi (brodo giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

Preparare il dashi bollendo in una pentola acqua, salsa di soia, mirin, sake, umami dashi (Ago dashi, brodo di pesce volante di Nagasaki).

Affettare la pancetta di tonno a pezzetti regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Preparare il Zuke Maguro (tonno marinato) lasciando per 4 ore il tonno rosso precedentemente affettato in una marinatura a base di salsa di soia e mirin.

Cuocere i Shimabara Somen in acqua bollente, senza sale, per 1/1,5 minuti; scolarli.
Passarli velocemente sotto un getto di acqua fredda per interrompere la cottura e scolarli nuovamente per rimuovere l’acqua in eccesso.

In un piatto fondo disporre in sequenza i Shimabara Somen, alcune fette di Zuke Maguro, la pancetta di tonno croccante, il wasabi, gli edamame e guarnire con delle foglioline di shiso. Prima di servire, aggiungere il brodo di dashi caldo.