Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

BOOKCITY MILANO – Programma – 16 al 19 novembre 2017

BOOKCITY MILANO

Dal 16 al 19 novembre; quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università

Manifestazione dedicata al libro e alla letteratura che si tiene ogni anno da ormai sei edizioni nel capoluogo lombardo. Milano

BookCity Milano: festa metropolitana
diffusa e partecipata del libro e della lettura

Oltre al Castello Sforzesco, luogo simbolo di Bookcity, moltissime le location che ospiteranno incontri e dibattiti, dalle biblioteche comunali e molte delle realtà culturali milanesi.

Incontri con gli autori / reading / laboratori / mostre

Il programma è scaricabile al link:
http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

Musei, teatri, scuole, università, biblioteche, palazzi storici, librerie, associazioni, negozi, spazi pubblici e privati mettono in scena la loro passione per il libro e per la lettura promuovendo incontri, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, esplorando nuovi modi di leggere e riflettendo sulla scrittura, sulla lettura e sui mestieri dell’editoria, a partire da libri antichi, nuovi e nuovissimi, dalle raccolte e dalle biblioteche storiche pubbliche e private, non solo come evento individuale ma anche collettivo.

BOOKCITY MILANO 2017 si articolerà dal 16 al 19 novembre in quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università. Il centro resta il Castello Sforzesco, al quale si affiancheranno decine di poli tematici nei quali ogni lettore potrà ritrovare le sue passioni e soddisfare le proprie curiosità ma anche scoprire nuovi autori e nuovi interessi.

A BOOKCITY MILANO 2017 i grandi temi vengono raccontati nei poli. Ma il programma consente moltissimi altri percorsi creativi e spesso divertenti, identificati con hashtag come #vogliofareloscrittore, #pariopportunità, #Italia1967_2017, #rosa, #librospettacolo, #migranti, #topoftheopops, #cantautori, #altraEuropa, #hannofattograndeMilano, #transmedialità. Alcuni possono incuriosire i lettori più esigenti, altri offrono suggerimenti per un pubblico più ampio. Questi hashtag, oltre ad una selezione dei migliori suggeriti dal pubblico che arriveranno a segreteria@bookcitymilano.it, si possono ritrovare sul sito bookcitymilano.it.

BOOKCITY MILANO COMINCIA IN LIBRERIA

Quest’anno le librerie milanesi rivestono un ruolo speciale: BOOKCITY MILANO inizia un giorno prima, proprio lì, con una festa.

Giovedì 16 novembre 2017 dalle 18.00 ci sarà una festa diffusa in decine di librerie che offriranno alla città il programma stampato di BookCity, assieme al racconto in anteprima di temi, incontri, idee, letture che nei giorni successivi animeranno Milano. Un momento gradevole e informale per scambiare idee e scoprire i libri protagonisti di BookCity.

Il responsabile di BOOKCITY MILANO 2017, Luca Formenton, dichiara: “Giunto alla sesta edizione BookCity si conferma l’evento diffuso dedicato ai lettori e alla lettura più importante della città. Quest’anno abbiamo deciso di iniziare dalle librerie: nodi centrali per la diffusione della cultura nel territorio.

INAUGURAZIONE DI BOOKCITY MILANO

Venerdì 17 novembre, alle ore 20.30, al Teatro Dal Verme inaugura BOOKCITY MILANO 2017 con Marc Augé intervistato daDaria Bignardi, “Sulla felicità. Nonostante tutto”, alla ricerca di quei momenti di felicità che rappresentano una forma di resistenza all’inquietudine e all’incertezza che pervade il nostro mondo.
Marc Augé riceverà il Sigillo della città
dalle mani del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Sarà presente il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.
La serata sarà arricchita da interludi a cura di Mario Mariotti. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

SERATA CONCLUSIVA DI BOOKCITY MILANO

La manifestazione si chiuderà domenica 19 novembre, alle ore 21, al Teatro Franco Parenti con un omaggio a Umberto Eco che nel 2012 inaugurò la prima edizione di BookCity.A poco più di un anno dalla sua scomparsa Milano rende omaggio a uno dei più stimati protagonisti della cultura contemporanea. Protagoniste della serata saranno le sue parole, a partire dai saggi raccolti in Sulle spalle dei giganti: un fuoco d’artificio del suo pensiero, del suo irresistibile raccontare la storia delle idee, la grande narrativa e il cinema, della disincantata, ironica visione del tempo in cui viviamo.

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre, al Padiglione Visconti, verrà proposta la seconda edizione di LE VOCI DELLA CITTÀ – Una maratona lunga una notte, un progetto a cura di Daniele Abbado.
Una grande maratona di lettura della durata di una notte sul tema delle Lettere luterane
. Al testo-guida di Pier Paolo Pasolini si intersecheranno altri testi collegati ai temi chiave dei suoi scritti e altri che ne amplificano le risonanze in differenti contesti. Si alterneranno letture, presenze e interventi musicali, apparizioni che sviluppano le tante suggestioni contenute nei testi proposti. L’evento coinvolge volontari, scrittori, musicisti, artisti, le comunità internazionali sul territorio. Il pubblico potrà partecipare a tutta la maratona o assistere a una singola parte.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala. Con la partecipazione dell’Accademia Teatro alla Scala, del Forum della città mondo, Associazione città mondo, della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, di SONG onlus – Sistema Orchestre e cori giovanili in Lombardia.

Intesa Sanpaolo organizza alcuni incontri, tra i quali il 19 novembre, al Piccolo Teatro Strehler, il reading teatrale Il caso Malaussène – Mi hanno mentito, di e con Daniel Pennac, che nasce dal desiderio di condividere con il pubblico la gioia del ricongiungimento con i Malaussène.

Durante BOOKCITY MILANO, il programma triennale di rigenerazione urbana Lacittàintorno, recentemente avviato da Fondazione Cariplo per favorire il benessere e la qualità della vita nelle aree periferiche delle città, proporrà alla Casa della Carità ad Adriano e all’Anguriera di Chiaravalle incontri e dibattiti sul tema della città.

Grazie a Borsa Italiana si terrà la seconda edizione di Investire in titoli, un ciclo di incontri a carattere internazionale, dedicato quest’anno al mondo del libro e dell’editoria, per mettere a confronto esperienze virtuose, idee e visioni economiche, analisi e strategie possibili.

Alla Triennale di Milano, il 15 novembre, inaugurerà la mostra “La Lettura. Il colore delle parole”, l’illustrazione d’autore nelle pagine del supplemento del Corriere della Sera, una riflessione sul ruolo dell’illustrazione nel linguaggio giornalistico.

BOOKCITY 2017 si arricchisce di tre nuovi progetti che dialogheranno con la città:

MILANO EXP
Uno dei temi della manifestazione è da sempre l’attenzione per la città di Milano, anche nel suo rapporto con la letteratura e le altre arti. Per BookCity Milano 2017 è stato chiesto ad alcuni autori di condividere un’esperienza con i loro lettori: andranno alla scoperta (o alla riscoperta) di un luogo della città, e racconteranno le loro riflessioni ed emozioni a un gruppo ristretto di appassionati e curiosi. Prenotazione obbligatoria su www.bookcitymilano.it

BOOKCITY NELLE CASE

Nei mesi scorsi alcuni cittadini milanesi hanno risposto alla chiamata di BookCity Milano: “c’è qualcuno in città che trova divertente, poetico, letterario, trasformare le propria casa in una sede #BCM17?”. Abbiamo scoperto che la risposta è si. Nasce dunque BookCity nelle case: letture negli spazi più intimi dei cittadini milanesi.

FESTIVAL DELLE METROPOLI
Durante BookCity si svolgerà il primo Festival delle Metropoli: quattro giorni di narrazione urbana itinerante attorno ai quartieri che cingono il centro cittadino, luoghi colmi di storie da raccogliere e narrare. Percorsi, incontri, proiezioni, mostre, reading danno vita a un calendario di eventi dove mettere in mostra non il singolo quartiere, concepito come “periferia” da redimere, ma l’intera metropoli. Un festival di geografie e di storie in cui ai cittadini/viandanti sarà chiesto di portare in dote memorie e storie personali in grado di dare vita a un

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden e Società Esercizi Aeroportuali.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

La ricchezza di BOOKCITY MILANO è la sua spontanea ed eterogenea presenza in città.

racconto collettivo e partecipato della città.

BOOKCITY MILANO 2017 conferma i quattro progetti speciali presenti nella passate edizioni:

BOOKCITY YOUNG – Il programma delle biblioteche dedicato agli under 18
Laboratori creativi di scrittura, di disegno e illustrazione, e di robotica. Letture in inglese, spagnolo e arabo con Mamma Lingua. All’insegna della partecipazione attiva, per sperimentare in prima persona e interpretare in modo proprio ciò che è letto, detto, mostrato.

BOOKCITY NELLE UNIVERSITÀ

Fin dalla prima edizione le Università milanesi hanno promosso eventi nei loro spazi. Quest’anno offrono un palinsesto condiviso per riflettere sul Novecento, secolo di accelerazione della storia e di profondi cambiamenti. Organizzato da Accademia di Brera, Bicocca, Bocconi, Cattolica, IULM, Politecnico, San Raffaele, Statale e Fondazione Collegio delle Università milanesi.

BOOKCITY PER LE SCUOLE
170 progetti sono stati presentati da 90 promotori, 1200 classi di ogni ordine e grado coinvolte in attività che, ponendo al centro la lettura, andranno a toccare temi di attualità come il rapporto tra informazione e digitale, la mediazione interculturale, il ruolo dei sogni, la lettura ad alta voce, scoprendo nuovi mestieri e nuove professioni nella prospettiva anche di avvicinare sempre più la formazione al mercato del lavoro.

BOOKCITY PER IL SOCIALE

Incontri, eventi e spettacoli negli ospedali milanesi e nelle carceri di Bollate, Opera e San Vittore, nelle Case delle Associazioni e del Volontariato, che hanno sviluppato un proprio ricco programma di iniziative da offrire non solo al territorio di riferimento, ma all’intera cittadinanza, e nelle tante Biblioteche Condominiali.

BOOKCITY MILANO ha inoltre intensificato collaborazioni con altri importanti festival italiani, tra cui “Tempo di libri” (Milano), “Milano Music Week” (Milano), “Festival della Mente” (Sarzana), “Dialoghi sull’uomo” (Pistoia), “la Milanesiana” (Milano).

Da 5 anni i bambini di Milano disegnano e costruiscono, in occasione di BookCity, La città libro aperto. A novembre, le cesate del cantiere M4 di piazza Vetra diventano le pagine aperte del grande libro-città. Progetto a cura di DOdA design.

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

Il programma è consultabile sul sito www.bookcitymilano.it

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

Venezia Museo d’Arte Orientale da non perdere

 

Porcellane con complessi disegni e intarsi

Raffinatissime armi e relativi contenitori: dai pugnali alle aste da guerra

Qui trovate una delle più importanti collezioni mondiali di arte giapponese del Periodo Edo 1614-68

Il Museo d’Arte Orientale è ospitato nell’immenso palazzo della famiglia Pesaro a San Stae, affacciato sul Canal Grande. Linea batteli n° 1.

Più di 30.000 pezzi: spade e pugnali, armature giapponesi, delicate lacche, preziose porcellane, avori, giade e altro, provenienti anche da Cina, Siam, Cambogia ecc…

INDIRIZZO: 

Ca’ Pesaro, sestiere di Santa Croce; sul Canal Grande. Santa Croce, 2076
Tel-fax: 39 041 5241173
E-mail: pm-ven.orientale@beniculturali.itServizi di accoglienza
Orari di apertura Martedì a Domenica: 10.00 – 17.00dal 1 novembre al 31 marzo
10.00 – 18.00 dal 26 marzo al 31 ottobre
La vendita dei biglietti termina un’ora prima della chiusura.
Chiusura completa nei giorni:
Lunedì, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembreSi avvisano i visitatori che lunedì 28 marzo 2016 (Lunedì dell’Angelo) il museo rimarrà aperto dalle ore 10.00 alle ore 18.00

 

Ingresso Biglietto integrato con la Galleria Internazionale d’Arte Moderna
Biglietto intero:
€ 10.00
Biglietto ridotto: € 7.50In base alla Convenzione fra Fondazione Musei Civici e Soprintendenza speciale la biglietteria della Galleria Internazionale d’Arte Moderna garantisce anche le gratuità sottoelencate previste dalla vigente normativa statale con visita limitata al solo Museo d’Arte Orientale.

Biglietto gratuito:
residenti nel Comune di Venezia, bambini da 0 a 5 anni
minori di 18 anni U.E. (i minori di 12 anni devono essere accompagnati)
– studenti e docenti universitari U.E. delle facoltà di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della formazione, iscritti ai corsi di laurea in Lettere o materie con indirizzo Archeologico, Storico-Artistico delle facoltà di Lettere e Filosofia, iscritti alle Acccademie di Belle Arti
– dipendenti del Ministero dei Beni e Attività Culturali
– membri ICOM (International Council of Museums)
– diversamente abili U.E. accompagnati da un familiare o da un assistente socio-sanitario
– giornalisti
– studenti e insegnanti di scuole pubbliche e private U.E.
– guide turistiche con patentino nell’esercizio della propria attività
– interpreti turistici con patentino quando affiancano una guida

Arte e gioielli indiani a Venezia – Spettacolari gioielli a Palazzo Ducale

Stupefacente collezione di antichi gioielli indiani

Grandi diamanti, rubini e smeraldi, oggetti d’oro ricoperti di gemme, giade e cristalli di rocca, spade e amuleti

Tesori dei Moghul e dei maharaja : la Collezione Al Thani

Per la prima volta in Italia, le gemme e i gioielli indiani dal XVI al XX secolo della Collezione Al Thani

270 oggetti esposti a Palazzo Ducale

Sino al 13 gennaio 2018

Cinquecento anni di storia dell’arte orafa

La mostra è promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia.

I pezzi della mostra sono provenienti dalla collezione voluta da sua altezza lo sceicco Hamad bin Abdullah Al Thani, membro della famiglia reale del Qatar.

Dall’antichità, la raffinatissima tradizione artigiana e l’intensità degli scambi di merci preziose tra India e Occidente,  si è mantenuta nei secoli, sino a quando i maharaja, nawab e nizam commissionarono gioielli e preziosi oggetti alle maison europee, come la famosissima Cartier.

 

Evento a Pavia – AFRICA TRA IMMAGINARIO E REALTÀ – INGRESSO GRATUITO – La “Scoperta” del Regno del Benin

Una cultura poco conosciuta, ma sorprendentemente raffinata; oltre ogni immaginazione …

 

DA VISITARE !!!

 

PAVIA Residenza Universitaria Biomedica
Fondazione Collegio Universitario Santa Caterina da Siena,
Via Giulotto 12, polo Universitario Cravino

1 dicembre 2017 –  24 febbraio 2018

Inaugurazione della mostra sarà alle ore 17

AFRICA TRA IMMAGINARIO E REALTÀ . La “Scoperta” del Regno del Benin

#PAVIA.

Venerdì 1 dicembre 2017 verrà inaugurata presso la Residenza Universitaria Biomedica del Collegio Universitario S. Caterina di Pavia un’esposizione dedicata all’Africa degli antichi regni dell’area sud nigeriana che sorpresero i viaggiatori europei nel XV secolo sia per la loro esistenza che per il loro livello di civiltà e vuole evidenziare la grande importanza  storica e culturale degli antichi regni Ife e Benin.

La mostra, che ha carattere didattico divulgativo e che vuole essere  uno stimolo per una più approfondita conoscenza dell’Africa antica, vede esposte 90 opere suddivise in differenti sezioni introdotte da pannelli illustrativi: le esplorazioni della costa occidentale africana e le descrizioni degli Europei, il Regno del Benin e l’arte Ife e Benin, l’evoluzione del regno, la tratta degli schiavi e la colonizzazione.

Sono esposti libri, incisioni, carte geografiche e documenti dal XVI al XIX secolo e una serie di bronzi e avori africani del XIX secolo.

L’inaugurazione della mostra sarà alle ore 17 nell’Aula Magna  della Residenza Universitaria Biomedica, preceduta da un’introduzione  del Prof. Pierluigi Valsecchi, ordinario di Storia ed Istituzione dell’Africa dell’Università di Pavia e dalla conferenza “Arte e potere nell’universo yoruba”, tenuta dalla Prof.ssa Giovanna Parodi Da Passano, Docente di Antropologia Africanista dell’Università degli Studi di Genova.

L’esposizione, curata dal dott. Franco Pavesi e allestita dallo staff della Residenza Universitaria Biomedica con la collaborazione di volontari ed ex allieve del Collegio Universitario S. Caterina da Siena, sarà aperta a INGRESSO GRATUITO dal 1° dicembre 2017 al 24 febbraio 2018 con i seguenti orari: Lunedì-Venerdì h 14-18.30, Sabato h 10-12.
Visite guidate su richiesta e festivi su prenotazione.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++

Nostra immagine del Benin e della sua cultura:

MUSEI: IRAQ ARCHEOLOGIA – MUSEO DI BAGDAD – 6.000 ANNI DI STORIA

DA VISITARE ON LINE !

Pochi paesi al mondo sono tanto ricchi archeologicamente come l’Iraq

Più sotto la storia rocambolesca di questo museo che raccoglie gli albori della civiltà

COVER iraq_bc_06

OK ARTE iraq_bc_01

Entrata del nuovo Museo di Bagdad.

BAGADAD MUSEO KMBAGDAD MUSEO OKOKBAGDAD MUSEO NJ

Spendiamo tanto tempo e soldi per visitare musei, ma non dobbiamo dimenticare che internet offre la possibilità di vedere da vicino, anche in 3D, alcuni tra i reperti più preziosi della storia dell’umanità.

Ne è un ottimo esempio il museo virtuale creato dal nostro CNR per mettere a disposizione di TUTTI e GRATIS i preziosi reperti del Museo di Bagdad.

NEL SITO SI POSSONO VEDERE: LA DAMA DI URUK, L’ELMO DI UR, QUEL CHE RESTA DI NINIVE CAPITALE ASSIRA E DELLA BABILONIA DI NABUCODONOSOR O DELLA BAGDAD DELLE MILLE E UNA NOTTE.

link delle immagini scattate dopo il saccheggio dell’8 aprile 2003:  http://www-3.unipv.it/orientpv/htm/g_museo.html

IRAQ MARIO TAMA GETTY IMAGES ARTE museo15

DISPERAZIONE DI UNO DEGLI ADDETTI AI LAVORI DOPO IL SACCHEGGIO.

Altro link che non dobbiamo scordare a proposito dei più grandi musei del mondo:   http://www.google.com/culturalinstitute/collections?projectId=art-project&hl=it&gclid=CNOCt9-9hLsCFQ1c3godxDcAeQ: cliccando su questo link avete a disposizione i musei più importanti di tutto il mondo; moltissime delle loro raccolte sono a disposizione dei vostri occhi, dai reperti romani alle antiche stampe giapponesi, all’arte cinese, indiana, maya … molto più di quanto possiate immaginare !! A costo ZERO !

Il Museo di Bagdad è il quarto al mondo per quanto riguarda l’arte orientale, dopo Louvre, British Museum e Oriental Institut di Chicago; conservava circa 25mila pezzi; oggi non siamo in grado di avere precise informazioni.

Costruito nel 1926 da re Feisal I, ebbe come direttore onorario Gertrude Bell (archeologa, politica, scrittrice e agente segreta britannica) la quale ottenne il trasferimento in una sede più grande in Ma’mun Street. Negli anni successivi, anche questa sede si rivelò insufficiente a contenere la mole degli oggetti provenienti dai numerosi scavi; infatti nel 1957 si cominciò la costruzione dell’attuale Iraq Museum; inaugurato nel 1967.

L’8 aprile 2003 il museo fu abbandonato dal personale a causa dei bombardamenti americani.

Non protetto militarmente, fu prima saccheggiato da ladri comuni che rubarono computer, prese elettriche, arredi e fecero danni di tipo vandalico, quindi arrivarono ladri più esperti che rubarono DECINE DI MIGLIAIA di reperti.

Il 16 aprile 2003 i soldati americani, finalmente ! ! !, ricevettero l’ordine di difendere il museo.

-Dei 15.000 reperti trafugati, solo 4.000 sono stati ritrovati.

In questo museo sono ampiamente documentate le varie epoche della storia della Mesopotamia; dalla preistoria alla dominazione islamica.

ARTE BAGADAD MUSEO JH

ARTE BAGDAD CNR FOTO MUSEO

CNR foto.

—–

Pochi paesi al mondo sono tanto ricchi archeologicamente come l’Iraq.

Il Museo dell’Iraq, con la sua collezione di pezzi archeologici molto ben organizzata e attentamente classificata è lo specchio di questa ricchezza.

– Il museo è il più prezioso documento dei molti popoli e culture che fiorirono in Mesopotamia a partire da tempi immemorabili fino ai secoli della dominazione araba, il Museo offre una vivida testimonianza di resti preistorici, reperti delle civiltà e dell’arte di sumeri, accadi, babilonesi, assiri, caldei, seleucidi, parti, sasanidi, abbasidi.

I saloni delle esposizioni sono organizzati cronologicamente. A beneficio degli studiosi il museo dispone di una ricca biblioteca in varie lingue, che contribuisce alla fama del Museo dell’Iraq ritenuto uno dei migliori al mondo per lo studio della Mesopotamia“.

(trad. da Iraq. Guía turística , State Organization For Tourism General Establishment For Travel and Tourism Services, Baghdad, 1982)

Bookcity dei microeditori a CHIARI – Festival del fumetto a Orzinuovi – Brescia

Chiari (BS)

15^ edizione

10-12 novembre 2017

rassegna

Microeditoria – Alla scoperta dei mestieri del libro

 100 espositori per tre giorni di incontri e laboratori nella storica cornice di Villa Mazzotti

Novità di quest’anno il Festival del fumetto a Orzinuovi

Programma intero al sito: www.microeditoria.it

 

Fotografia d’arte a Roma – Ingresso libero al MAXXI – Michel Comte. Light

Michel Comte. Light

Corner MAXXI ed Extra MAXXI – ingresso libero
a cura di Jens Remes

Uno dei più importanti fotografi al mondo presenta una raccolta inedita di opere per indagare l’impatto del riscaldamento globale sui paesaggi glaciali.

Conosciuto come uno dei migliori fotografi del mondo, Michel Comte presenta al MAXXI per la prima volta un nuovo corpo di lavori del progetto globale di land art sulla trasformazione della superficie terrestre a causa dei cambiamenti climatici: LIGHT a cura di Jens Remes (14 novembre – 10 dicembre 2017) esplora l’impatto del declino ambientale sui ghiacciai di tutto il mondo.

Light è lo studio di paesaggi naturali attraverso grandi sculture, fotografie, video installazioni e proiezioni. Comte è tornato negli stessi luoghi per oltre dieci anni per registrare anche i più piccoli cambiamenti del paesaggio e della luce.

Light non è solo una raffinata serie di paesaggi: è soprattutto un richiamo alla realtà…

:::::::::::::::::::::::

Michel Comte. Light è un progetto speciale della mostra:

HOME BEIRUT Sounding the Neighbors

 CORPO, MOVIMENTO, STRUTTURA. Il gioiello contemporaneo e la sua costruzione

Domitilla Dardi, curatrice Corpo Movimento Struttura. Il gioiello contemporaneo e la sua costruzione

Giulia Ferracci, co – curatrice Home Beirut Sounding the Neighbors

Gli artisti di Home Beirut Sounding the Neighbors: Ziad Abillama, Ziad Antar, Tarek Atoui, Vartan Avakian, Haig Aivazian, Roy Dib, Sirine Fattouh, Laure Ghoryabe, Khalil Joreige, Lamia Koreige, Hatem Imam, Mazen Kerbaj, Bernard Khoury, Stefanie Saade, Marwan Rechmauoi, Paola Yacoub, Cinthya Zaven, Eric Baudelaire

i designer di Corpo Movimento Struttura: Giampaolo Babetto, David Bielander, Helen Britton, Monica Cecchi, Philip Sajet e Barbara Chang

La diversità culturale, la memoria della guerra, l’effervescenza del presente, la profonda trasformazione urbana, le prospettive per il futuro: tutto questo è HOME BEIRUT Soundings The Neighbors(15 novembre – 20 maggio 2018), terza tappa della Trilogia Mediterraneo e Medioriente dopo le mostre dedicate al panorama artistico contemporaneo dell’Iran e di Istanbul. Oltre 100 opere di 36 artisti che confermano la crescita di una cultura inter-mediterranea capace di favorire il dialogo e importante espressione della creatività contemporanea.

Sei designer e sei architetti per raccontare il linguaggio comune fatto di rapporti, connessioni, equilibri di pesi e volumi che condividono l’Architettura e il gioiello: è CORPO, MOVIMENTO, STRUTTURA. Il gioiello contemporaneo e la sua costruzione (dal 15 novembre 2017 al 14 gennaio 2018) la mostra che porta al museo una indagine inedita sul mondo del gioiello contemporaneo, dove la ricerca sulla forma conta più dei carati.

INDICAZIONI MOSTRE E MUSEO MAXXI

  • MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
  • INDIRIZZO: Via Guido Reni 4a
  • E-MAIL: info@fondazionemaxxi.it
  • TELEFONO: +39 06 3201954
  • TELEFONO PRENOTAZIONI: 892 234
  • APERTURA: Da martedì a venerdì e domenica: ore 11- 19
    Sabato: ore 11- 22
    La biglietteria chiude un’ora prima
    Chiuso: tutti i lunedì, 1 maggio, 25 dicembreENTRATA AL MAXXI
  • COSTO: Intero € 12, ridotto € 8
    Studente (oltre i 14 anni) per gruppi classe (scuole secondarie di secondo grado) che acquistano le attività educative del MAXXI € 4
    Biglietto 48h valido per due ingressi in due giorni consecutivi € 15
    Gratuito minori di 14 anni; disabili che necessitano di accompagnatore; accompagnatore del disabile; dipendenti MiBACT; accompagnatori e guide turistiche Regione Lazio; 1 insegnante ogni 10 studenti; membri ICOM; soci AMACI; giornalisti accreditati; possessori della membership card del MAXXI; studenti e ricercatori universitari di Arte e Architettura dal martedì al venerdì*; il giorno del tuo compleanno presentando un documento di identità.
    La collezione permanente del Museo (Galleria 4) è visitabile gratuitamente dal martedì al venerdì e ogni prima domenica del mese.COME RAGGIUNGERE IL MUSEO:
  • TRASPORTI: Metro: linea A (fermata Flaminio)
    Tram: linea 2 (fermata Apollodoro)
    Autobus: linee 53 (fermata De Coubertin/Palazzetto dello sport), 168 (fermata MAXXI – Reni/Flaminia), 280 (capolinea Mancini), 910 (fermata Reni/Flaminia)
  • DURATA VISITA: 1 ora circa

 

LAC Lugano Arte e Cultura – Sabato 11 novembre 2017 Sala Teatro

Focus India | Danza

LuganoInScena presenta

Shantala Shivalingappa
“Akasha”

sabato 11 novembre 2017, ore 20.30, Sala Teatro
LAC Lugano Arte e Cultura

Programma completo su:
india.laclugano.ch

Shantala Shivalingappa è una delle massime interpreti contemporanee del Kuchipudi, uno dei sette stili di danza classica indiana che si basa sul Natya Sastra, un rigoroso trattato risalente a duemila anni fa. Il Kuchipudi è caratterizzato da una notevole fluidità nel movimento del busto e delle braccia, in contrasto con rapidi e secchi movimenti dei piedi. Si tratta di una vera e propria disciplina che richiede al contempo una tecnica e un’espressività eccezionali.

Lo spettacolo che presenta al LAC s’intitola Akasha che in hindi significa “cielo”; il termine sanscrito indica invece l’etere o lo spazio, ed è utilizzato per riferirsi all’essenza delle cose che appartengono al mondo materiale. “Si dice che l’Akasha abbia origine da una sorta di vibrazione sonora che genera energia e movimento. Si manifesta in diversi modi e può essere percepito a diversi livelli. A partire dallo spazio intorno a noi, che ci circonda e che contiene tutto ciò che conosciamo, per finire con una forma più sottile che si colloca oltre la dimensione spazio-temporale: l’infinito, l’indefinibile, lo spazio dell’Essere. Inconcepibile dalla mente, impercettibile dai sensi, pervade, abbraccia e contiene tutto ciò che esiste.” Attraverso la sua coreografia, Shantala interpreta questo concetto per dare vita a uno spettacolo capace di coinvolgere ed emozionare tutti gli spettatori. “Akasha è la luce e l’origine di tutto. Attraverso le vibrazioni generate dal suono e dal movimento, da questa energia pura e senza tempo, nasce lo spazio infinito che può espandersi dentro di noi, senza confini.”

INCONTRO CON L’ARTISTA

Domenica 12 novembre, alle ore 14:00, Shantala incontrerà il pubblico prima della proiezione del cortometraggio Bhairava (2017) e del documentario Shantala (2017) a lei dedicati.

 

INFORMAZIONI SPETTACOLO “AKASHA”
Sabato 11.11.2017 | ore 20:30 | Sala Teatro LAC
LuganoInScena
Shantala Shivalingappa: coreografia/direzione artistica/interpretazione
J. Ramesh: voce
B. P. Haribabu, N. Ramakrishnan: cimbali/percussioni
K. S. Jayaram: flauti
Una produzione Compagnia Shantala Shivalingappa
 

I PROSSIMI HIGHLIGHTS DI FOCUS INDIA

Concerto di Nishat Khan
Sabato 18.11.2017 | ore 17:00 | Sala Teatro
LuganoMusica
In co-produzione con LAC Lugano Arte e Cultura
Nishat Khan è riconosciuto in tutto il mondo come uno dei più importanti suonatori di sitar del nostro tempo, capace di varcare i confini nazionali grazie alla sua straordinaria capacità espressiva e all’incredibile padronanza tecnica dello strumento. Nell’ambito del progetto Focus India, LuganoMusica e LAC Lugano Arte e cultura presentano il concerto di Nishat Khan, celebre e acclamato musicista indiano che è già stato definito dalla stampa internazionale “il più elegante suonatore di sitar della nuova generazione.”

“Rising” di Aakash Odedra
Sabato 16.12.2017 | ore 20:30 | Sala Teatro
LuganoInScena
In co-produzione con LAC Lugano Arte e Cultura
La danza contemporanea di oggi incontra lo stile della danza indiana tradizionale nel lavoro del danzatore angloindiano Aakash Odedra, del quale Rising è uno degli spettacoli più applauditi. Rising comprende tre diversi lavori di altrettanto importanti coreografi contemporanei, operativi soprattutto nel nord Europa. Accanto a queste tre coreografie, Aakash propone anche Nritta, una sua creazione di danza tradizionale indiana Kathak, come per negoziare con le convenzioni della tradizionale danza classica indiana la necessità di una continua, aperta e rinnovata ricerca di compatibilità fra le culture.

Se vuoi scrivere un libro e pubblicare – Scriba 10-11-12 novembre a Bologna – Associazione Crespi d’Adda

Un lavoro legato alla scrittura

Esperti e professionisti si confronteranno sulla scrittura in tutte le sue forme

Torna a Bologna, da venerdì a domenica, Scriba, il festival sul mestiere di scrivere che quest’anno è dedicato al lavoro: il racconto del lavoro, ma anche il lavoro di raccontare.

Come si scrive ?

-un libro …

-il testo di una canzone o un testo teatrale,

-il soggetto di un film o un brano satirico,

Come nascono le ricette di un piatto o le previsioni del meteo ?

Tutte le risposte a SCRIBA

T. 328 7928112 / info@scribafestival.it / www.scribafestival.it

:::::::::::::

 Produzioni Ininterrotte, progetto dell’Associazione Crespi d’Adda, sarà ospite alla sesta edizione di Scriba (10-11-12 novembre a Bologna) il primo festival in Italia dedicato alle scritture di mestiere.

Tre giorni di incontri e approfondimenti, dove esperti e professionisti si confronteranno sulla scrittura in tutte le sue forme.

Un’imperdibile occasione per creare un ponte, un legame tra chi esercita un lavoro legato alla scrittura e chi vorrebbe arrivarci, ma non sa a chi rivolgersi.

 

Scriba nasce da un’idea dell’associazione culturale Finzioni, che conta fra i soci Carlo Lucarelli, è da sempre attiva nella ricerca nel campo della narrazione.

Il festival edizione 2017 si concentra sotto la cornice del Lavoro.

Per raccontare cos’è il Lavoro, Scriba si avvarrà dell’intervento di professionisti nei diversi campi, con incontri dinamici e coinvolgenti, che puntano ad abbattere le barriere tra relatore e pubblico, per uno scambio proficuo di idee. Solo dalla discussione e dall’approfondimento dei diversi punti di vista possono nascere nuove riflessioni e idee sul vasto mondo del Lavoro e della sua Letteratura. Mai come in questi anni tema centrale della vita del singolo e di nazioni.

È previsto un ricco calendario di incontri che saranno distribuiti in due punti nevralgici della citta: la Libreria Coop Zanichelli e la biblioteca Sala Borsa.

Tra questi segnaliamo quelli di domenica 12 novembre 2017 proposti e curati in collaborazione con Produzioni Ininterrotte – Festival della Letteratura del Lavoro:

Ore 15.30 – Libreria Coop Zanichelli

Il lavoro nelle città ideali

FABIO ISMAN (giornalista e inviato speciale)

con GIORGIO RAVASIO (Presidente dell’Associazione Crespi D’Adda)

Ore 17.00 – Sala Borsa – Sala Incontri

Scrivere una fiaba

GISELLA LATERZA (Autrice di una raccolta di fiabe “La signora dei gomitoli”)

Ricordiamo che l’Associazione Crespi d’Adda, dal 1995 si occupa della valorizzazione e promozione del villaggio operario Crespi d’Adda che dal 1995 è riconosciuto Patrimonio dell’Unesco.

 

Evento alla Venaria Reale 8 novembre – Le luci e le ombre di Caravaggio

Le luci e le ombre di Caravaggio

ingresso gratuito – prenotazione obbligatoria

Mercoledì 8 novembre 2017, ore 16.30

Aula Magna del Centro Conservazione e Restauro

La Venaria Reale – (Torino)

Dialogo
Vittorio Storaro e Claudio Strinati

CONSORZIO DELLE RESIDENZE REALI SABAUDE
www.residenzereali.it – www.lavenaria.it

Le luci e le ombre di Caravaggio

Dialogo tra
Vittorio Storaro e Claudio Strinati

La luce, protagonista assoluta dell’opera di Caravaggio, è il tema del dialogo tra Vittorio Storaro, vincitore di 3 Premi Oscar per la fotografia per i film Apocalypse Now, Reds e L’ultimo imperatore, e Claudio Strinati, tra i massimi studiosi di Caravaggio.

Storaro e Strinati sono accomunati da una passione profonda e duratura per l’artista lombardo, che seppe utilizzare la luce per “avvolgere corpi e oggetti e raffigurarli con una intensità e un senso di realtà unico e inarrivabile per gli autori del suo tempo”.
“Con i suoi potenti effetti di chiaroscuro” – sostiene Claudio Strinati – “Caravaggio sottolinea i volumi dei corpi che con grandissima teatralità, sembra appaiano magicamente dal buio della scena”.

Emerge un’attenzione quasi cinematografica di Caravaggio per la costruzione della scena, che introduce quanto più volte dichiarato da Vittorio Storaro: “Non avrei potuto ideare l’illuminazione del volto di Kurtz/Marlon Brando senza conoscere e studiare la luce di Caravaggio”.

Vittorio Storaro anticipa così il suo intervento al dialogo in programma: “la mia analisi sulle Luci e Ombre di Caravaggio è in diretta, mostrando una serie di dipinti che formano, a mio avviso, un certo percorso creativo, in relazione alla sua natura umana. E’ una analisi, quasi come una Psicoanalisi, una serie di considerazioni pittoriche, un insieme di nozioni della sua storia di vita, pur non essendo un analista, un critico d’arte e uno storico, ma il tutto visto attraverso l’analisi, molto personale, del suo percorso luministico nell’oscurità che ci circonda tutti, durante il nostro percorso di ricerca su chi siamo, sul significato della nostra vita individuale. E’ certamente attraverso la ricerca del suo percorso che ho, in buona parte, capito il mio percorso di Vita creativa… e non solo”.

DOVE

Aula Magna del Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale

QUANDO

Mercoledì 8 novembre 2017, ore 16.30

COME

Il dialogo è gratuito.
A seguire è possibile visitare la videoinstallazione Caravaggio Experience presso la Citroniera. Prenotazione obbligatoria: tel. +39 011 4992333 – prenotazioni@lavenariareale.it

CONSORZIO DELLE RESIDENZE REALI SABAUDE
Ufficio Stampa Istituzionale
Reggia di Venaria – Piazza della Repubblica 4 – 10078 Venaria Reale (Torino) – Italia tel. +39 011 4992300 – fax +39 011 4598432 press@lavenariareale.it – www.residenzereali.it – www.lavenaria.it

Per contatti media:

RESIDENZE REALI SABAUDE UFFICIO STAMPA

Andrea Scaringella (Resp.)

Matteo Fagiano Maria Clementina Falletti Cristina Negus

tel. +39 011 4992300 press@lavenariareale.it www.residenzereali.it www.lavenaria.it

3

CONSORZIO DELLE RESIDENZE REALI SABAUDE
Ufficio Stampa Istituzionale
Reggia di Venaria – Piazza della Repubblica 4 – 10078 Venaria Reale (Torino) – Italia tel. +39 011 4992300 – fax +39 011 4598432 press@lavenariareale.it – www.residenzereali.it – www.lavenaria.it