Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

LISBONA – QUINTESSENZA DI ARTE E CULTURA

Lisbona Portogallo ferro battuto kj

Lisbona Parque das Nacoes

Portogallo lisbona q

La capitale lusitana e i suoi dintorni sono un concentrato di bellezze artistiche

 – E’ difficile trovare una capitale europea in grado di competere con Lisbona, una città poliedrica adatta allo svago, ai viaggi di lavoro e ai weekend fuori porta, ma soprattutto ricca di arte e cultura.

I motivi per visitarla sono tanti e si può farlo in qualsiasi periodo dell’anno:

gli inverni sono miti e le notti estive rinfrescate dalla brezza oceanica.

Ben collegata via aereo, dista 1-3 ore di volo dalle principali città europee.

— Rispetto ad altre capitali europee, è economica, sia per mangiare che per dormire.

Lisbona è anche una città aperta e ospitale: i suoi 800 anni di storia e la posizione strategica l’hanno resa un insieme di influenze culturali diverse, che si riflettono ancora oggi negli edifici di stampo francese e arabo.

Il quartiere di Alfama, il più antico della città, è un ottimo esempio di come le influenze moresche abbiano modellato Lisbona: costruita come un reticolo di viuzze e salite, Alfama oggi ospita monumenti storici, ristoranti e bar dove si suona il fado.

Da non perdere è la piazza Dom Pedro IV situata al centro del Rossio, cuore della città e della vita politica e sociale tra caffè, teatri, fontane e il verde che la circonda.

Buona idea iniziare la visita della città dal Lisboa Story Centre in Terreiro do Paço (ludico e interattivo, rispettando l’accuratezza storica, qui si vede il passato di Lisbona  attraverso il sistema audio guida, 60 minuti di un viaggio nel tempo e spazio ), e godere della vista sulla città dall’Arco da Rua Augusta; al tramonto spettacolare la vista che si gode dai vari miradouros o dal Castello di São Jorge che imperante su una collina domina la capitale.

IMPERDIBILI:

– una passeggiata tra gli edifici manuelini della città – come il Mosteiro dos Jerónimos, la Torre di Belém e il portale della chiesa di Nossa Senhora da Conceição Velha – diventa un vero e proprio tour nel passato, nel periodo d’oro delle scoperte rinascimentali, quando marinai ed esplorazioni mettevano Lisbona al centro del mondo.

A poca distanza da Belém, ha da poco aperto il nuovissimo MAAT – Museu Arte Arquitetura Tecnologia con diverse mostre e spazi di riflessione e dialogo che fanno riferimento sia alle esposizioni che ai trend contemporanei. Info: www.maat.pt

Altro museo da non perdere è il MNAA-Museu Nacional de Arte Antiga, che ospita la più importante collezione portoghese d’arte, con oggetti che spaziano dalla pittura alla scultura, oro e argenteria, così come tessili, ceramiche e mobili provenienti da Europa, Africa ed Estremo Oriente. Composta da oltre 40.000 oggetti, la collezione del MNAA ha il maggior numero di opere classificate come “tesori nazionali” portoghesi. Info: http://www.museudearteantiga.pt

Un altro bellissimo posto da visitare, forse meno conosciuto, è il Museo Nazionale dos Coches (o Museu dos Coches Reais), situato vicino al fiume Tago. Occupa i locali già appartenenti alle Oficinas Gerais do Exército. Ne fa parte l’ala della Cavalleria Reale, parte del Palazzo Reale di Belém, attualmente residenza ufficiale del Presidente della Repubblica, che può essere visitata come un nucleo espositivo del museo. Info: http://museudoscoches.pt

La città conserva tuttora la vivacità e l’energia rinascimentali. Il calendario è ricco di eventi, le strade vibranti.

Uno degli appuntamenti più importanti è il NOS Alive, tre giorni di concerti vicino al fiume Tago in programma in luglio. Definito come uno dei principali festival europei.

Anche i dintorni della capitale sono ricchi di storia e cultura.

Si può, ad esempio, visitare Sintra, patrimonio UNESCO, un luogo talmente magico che il poeta romantico inglese Lord Byron lo definì «giardino dell’Eden».

Nata come insediamento arabo sulla costa a ovest di Lisbona, Sintra fu la residenza estiva dei re portoghesi, e tuttora affascina i visitatori con i suoi palazzi mistici, colorati e unici, che fanno di Sintra la capitale dell’architettura romantica.

Tra i monumenti da non perdere ci sono Palácio Nacional, Quinta de Regaleira, Palácio de Seteais, Castelo dos Mouros e il Palácio da Pena, eletto tra le sette meraviglie del Portogallo. Costruito nel 1840 da re Ferdinando II, Palácio da Pena si erge sulle rocce della Serra De Sintra ed è l’esempio più completo di architettura romantica portoghese, un insieme di stile gotico, neomanuelino, arabo, rinascimentale e barocco.

Lo stile neomanuelino, in particolare, riprende i motivi del tardo gotico portoghese (XVI secolo), chiamato anche manuelino in onore di Manuele I, re all’epoca del suo sviluppo. Caratterizzato da elementi marinari che celebravano le scoperte dei navigatori portoghesi come Vasco da Gama, lo stile manuelino si ritrova nelle chiese, monasteri, palazzi e castelli, ma anche nella scultura e nella pittura.

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com

SERATA EVENTO Sabato 13 gennaio a Rancate

A corredo della mostra DIVINA CREATURA. La donna e la moda nelle arti del secondo Ottocento
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst, Rancate (Mendrisio)

SERATA EVENTO
Sabato 13 gennaio, ore 20.30

MOI
Monologo dedicato alla scultrice francese Camille Claudel, allieva, modella e amante di Auguste Rodin
Prima della pièce verrà presentata la figura di Camille Claudel, una “divina creatura” vissuta tra Otto e Novecento. Camille fu una scultrice di grande valore, ma la sua opera fu apprezzata solo dopo la morte, avvenuta in un asilo per alienati mentali dove era ricoverata.
Ingresso comprensivo di spettacolo e visita libera alla mostra (19.30-22.30): fr. / € 15.-
(V. ALLEGATI)

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: Tel.  0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch

In collaborazione con il Circolo di cultura di Mendrisio e dintorni e con le Amiche e Amici della Filanda
_______________________________________________________________

Info: www.ti.ch/zuest; Tel.  0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch.
Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscritti l’evento verrà annullato.
I partecipanti verranno avvisati tempestivamente.

COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST
Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con l’ausilio della segnaletica. Per chi proviene dall’autostrada Milano-Lugano l’uscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate. La Pinacoteca è di fronte alla chiesa parrocchiale di Santo Stefano, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti, o con l’autobus (linea 524, Mendrisio-Serpiano).

La Pinacoteca cantonale Giovanni Züst è su Facebook!  Vieni a trovarci!

SICILIA: BAROCCO, CIOCCOLATO E MOLTO ALTRO.

SIRACUSA, IBLA, NOTO,MODICA…IL MARE,LA GASTRONOMIA, I PARCHI…

E’ la sontuosa musica di Monteverdi che ci indica quanto sia sottile il confine e l’abbraccio fra teatro e vita, fra sogno e veglia, fra luce e ombra, attraverso l’eterno incontro/scontro: guerra/amore, la più adatta ad introdurre una visita alle sorprendenti città del barocco siciliano.

Certamente meno nota di altre parti della Sicilia, la regione del siracusano riserva al visitatore la possibilità di abbinare un mare ancora fuori dal turismo di massa ad uno splendido entroterra ricco di storia. Siracusa, anzi un bed & breakfast nei dintorni, è l’ideale punto di partenza per bagni in un mare cristallino e le visite alle cittadine e ai parchi naturali che la circondano.

SICILIA Ibla-Ragusa panorama notturno dal ristorante Locanda Don Serafino

Ibla-Ragusa; panorama notturno dal ristorante Locanda Don Serafino.

SICILIA Ibla chiesa dei Cavalieri di Malta

Ibla Ragusa Chiesa dei Cavalieri di Malta.

SICILIA Noto San Nicolò scorcio

Noto, San Nicolò.

SICILIA Noto San Nicolò

Noto, San Nicolò.

SICILIA Noto balcone di Palazzo Nicolaci di Villadorata

Noto, il palazzo di Nicolaci di Villadorata.

SICILIA Noto San Domenico

Noto, San Domenico.

SICILIA Noto Santa Chiara le grate che proteggevano le suore di clausura

Noto, Santa Chiara, le grate che proteggevano le suore di clausura.

SICILIA Noto Palazzo Ducezio sede del Municipio

Noto, Palazzo Ducezio, il Municipio.

SICILIA Modica scorcio con ombrellino parasole

Modica, scorcio.

SICILIA Modica dalla scalinata del Duomo San Pietro ornata dalle statue degli apostoli

Modica scalinata di San Pietro decorata con le statue degli apostoli.

sicilia Siracusa piazza Duomo chiesa di Santa Lucia alla Badia con a fianco il Palazzo At Borgia del Casale

Siracusa, piazza Duomo chiesa di Santa Lucia alla Badia con a fianco il Palazzo At Borgia del Casale.

sicilia Siracusa particolare delle colonne greche del tempio di Atena all'interno della cattedrale

Siracusa. Colonne greche del tempio di Atena all’interno dell’attuale Cattedrale.

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace e parte dell'antico fossato

Siracusa,isola-di-Ortigia, Castello Maniace.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte del gradioso interno

Siracusa-isola-di-Ortigia, Castello Maniace particolare dell’imponente interno.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace particolare di capitello esempio di architettura sveva voluta da Federico II

Maniace; capitello, esempio di architettura aveva voluta da Federico II.

SICILIA Cavagrande al tramonto

Parco naturalistico di Cavagrande al tramonto.

SICILIA Cavagrande DIERI vuole dire casa canjon abitato come Mat Mata in Tunisia nelle grotte ogni finestrella nasconde sino a 21 stanze su 3 livelli particolare delle entrate

Cavagrande. DIERI vuol dire casa-canjon abitato come Mat-Mata in Tunisia nelle grotte ogni finestrella nasconde sino a 21 stanze su 3 livelli; particolare di una entrata.

SICILIA Ferla chiesa nella piazza principale

Ferla, piazza principale e chiesa di San Sebastiano.

SICILIA Ferla Siracusa chiesa di S.Sebastiano

Ferla San Sebastiano.

SICILIA Ferla vsita dalla necropoli di  Pantanica

Ferla vista dalla necropoli di Pantanica.

SICILIA Cavagrande necropoli XIII-VIII sec. a.C finiscono le inumazioni multiple si passa dalla cultura del  Clan alla Società.

Cavagrande necropoli XIII-VIII-sec.-a.C; finiscono le inumazioni multiple, si passa dalla cultura del Clan alla Società.

SICILIA Cavagrande necropoli

sicilia Cavagrande Siracusa panorama

Cavagrande, panorama.

L’organizzazione ideale è fare il bagno dopo le 12, al mare c’è sempre una brezza piacevole,  e programmare le visite culturali al mattino presto o verso il tramonto quando i raggi del sole  donano toni rosati alla la pietra calcarea locale.

Si può partire alla scoperta della zona iniziando la giornata su di una delle spiagge del ragusano per poi raggiungere Noto verso il tramonto.

NOTO: 

-L’attuale città di Noto nasce dalla tragedia del terremoto del 1963, quando l’antica città venne rasa al suolo. Secondo la leggenda Neas, l’antica Noto, ebbe origine nell’età del bronzo (2.200-1450 a.C.) sull’altura della Mendola, e diede i natali a Dicezio condottiero siculo, il quale la trasferì sul monte Alveria. Ducezio, inoltre, difese la città dalle incursioni greche (V sec. A.C.). La ricostruzione incominciò a 14 chilometri sul colle Meti  nel 1704 tenendo presente la passata architettura rinascimentale.  La nuova localizzazione fu decisa da Giuseppe Lanza duca di Camastra, rappresentante del viceré spagnolo, nominato Vicario generale per la ricostruzione. Importanti nomi, come l’ingegnere Carlos de Grunenberg, il matematico netino Giovanni Battista Landolina e l’architetto militare Giuseppe Fomenti, studiarono il piano urbanistico. Mentre gli edifici sono opera di numerosi architetti: Rosario Gagliardi, Paolo Labisi, Vincenzo Sinatra e Antonio Mazza sono i più noti.

 -Nasce così un barocco diverso da quello lecchese, ma non meno interessante tanto che, oggi, Noto è città inserita dall’UNESCO nella lista dei Siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità, definito da Cesare Brandi come “giardino di pietra”.

-Interessante la traduzione letterale della parola  Barocco dal portoghese: “perla mal riuscita”.

SICILIA Noto Porta Borbonica detta Porta Reale

Noto, Porta Borbonica, detta Porta Reale.

-All’ingresso della città di Noto ci accoglie la Porta Borbonica, “Porta Reale”, le cui decorazioni  comprendono anche un pellicano; segno di abnegazione assoluta verso il potere.

La strada in salita che ci accoglie dà subito l’idea della magistrale architettura locale.

-Una città costruita come una grande scenografia settecentesca dove i riccioli, le volute, i mascheroni, i putti , i balconi, i parapetti  in ferro battuto, sono solo il decoro di un rigoroso studio di linee-curve  come andamenti sinuosi.

Ad un occhio attento non sfuggirà la differenza di livello tra la strada e alcuni particolari architettonici. Infatti nell‘800 il livello della via principale venne abbassato notevolmente per problemi fognari, secondo alcuni non giustificati.

-Le numerose chiese non sono meno interessanti dei fastosi palazzi nobiliari ed i monumenti civili: Palazzo Ducrezio, sede del Comune, Teatro e molti altri.

 La strada principale è denominata corso Vittorio Emanuele, qui si incontrano ben tre piazze ognuna con una chiesa. San Francesco all’Immacolata è preceduta da una imponente scalinata, il Monastero di SS. Salvatore e l’omonima Chiesa con una volta completamente affrescata, per terminare con il Convento di S. Chiara il cui interno, la caricatura del barocco tradizionale, contrasta mirabilmente con la semplicità della pietra esterna.

Ecco, infine, la più maestosa piazza del Municipio sulla quale domina la Cattedrale la cui ampia facciata  è esaltata da ben due campanili; va ricordato che la cupola crollò nel 1996 e la ricostruzione terminò nel 2007. Ai lato della cattedrale il Palazzo Vescovile, XIX secolo, e Palazzo Landolina di Sant’Alfano, di fronte il già nominato Palazzo Ducrezio la cui Sala di rappresentanza, detta sala degli specchi, merita una visita.

-Sempre in piazza XVI Maggio, o piazza del Municipio, il Teatro Vittorio Emanuele, oggi Fondazione, non è solo un palazzo che merita attenzione per la sua eleganza neo-classica o per il ricordo dei grandi attori, come la Duse, che passarono dal suo palcoscenico, ma anche perché tutt’oggi sede di vivace tradizione operistica, concertistica e teatrale.

 –L’armonioso barocco della Chiesa di S.Domenico  completa il panorama che si estende sino a Punta Passero, estremo lembo della Sicilia a sud di Tunisi.

Nella vicina Via Nicolaci, non deve sfuggire l’omonimo palazzo, famoso per gli splendidi “mensoloni” e luogo dell’ ”infiorata” di maggio.

SICILIA Noto balconi di corso Vittorio Emanuele

Noto, balconi di Corso Vittorio Emanuele.

SICILIA Noto chiesa di San Francesco scalinata

Noto, scalinata della Chiesa di San Francesco.

SICILIA Noto interno della Chiesa di Santa Chiara Madonna con Bambino

Noto. Chiesa di Santa Chiara, Madonna con Bambino.

SICILIA Noto corso Vittorio Emanuele Chiesa di Santa Chiara

Noto, chiesa di Santa Chiara.

SICILIA Noto ristorante Cantuccio involtino di melanzana e tortino di zucca con marmellata e formaggio locale

Noto, ristorante Cantuccio; delizie siciliane.

SICILIA Noto scorcio di un vicolo

Noto, scorcio.

SICILIA Noto scorcio

Noto.

SICILIA Noto vista da un giardino interno

Noto.

MODICA.

 Un’altra escursione, imperdibile, potrebbe cominciare da una mezza giornata trascorsa sulle spiagge di Marina di Ragusa e un pomeriggio dedicato a quella che per i siculi fu Motyka, Mohac per gli arabi e oggi Modica.

-Famosa per il suo barocco, ma forse ancora di più per la sua produzione artigianale di cioccolato, riconosciuto ed esportato in tutto il mondo. Nel medioevo, la potente Contea, si estendeva sino alle porte di Palermo.

-Qui, dal Quattrocento, ebrei, arabi, e poi spagnoli e normanni, introdussero le loro tecniche agricolo-commerciali facendo della Contea un fulcro molto prospero.

Anche Modica subì le conseguenze del terremoto del 1693, ma, a differenza di Noto, fu ricostruita sul medesimo luogo. La prima edizione dell’enciclopedia Treccani la definisce: “la città più caratteristica d’Italia dopo Venezia”.

Allora le attuali strade erano costituite da cave dove scorrevano i fiumi e le sponde erano collegate da numerosi ponti. Bufalino, invece, parla di Modica come di un “melograno spaccato”; azzeccatissima definizione. Infatti la città si presenta distesa in altezza arroccata nella roccia.

Arrivando si resta colpiti dalla torre del castello dei Conti che si presenta insieme alle guglie di San Pietro e S.Giorgio. 

Modica alta e bassa si presentano all’imbrunire, quando le luci si accendono, come un vero presepe vivente. Non a caso Modica è parte dei Beni dell’Umanità dell’UNESCO. Se c’è tempo l’ideale è cominciare la visita sedendosi ad un bar e ammirando, con calma, uno dei tanti scorci suggestivi. La casa natale di Salvatore Quasimodo, Nobel per la letteratura, è per molti meta imprescindibile.

Altro indirizzo importante è la visita al Museo Civico che conserva L’Ercole di Cafeo, pregevole statua bronzea del periodo ellenistico, mentre il Teatro Garibaldi è la sede di importanti stagioni di prosa e concerti e attira molti visitatori, anche dall’estero.

Il Duomo, dedicato a S.Giorgio e Ippolito, si trova alla fine di una scenografica scalinata, tutta in salita, e che ne accentua l’imponenza sull’abitato  La visita al suo interno non può prescindere dal polittico attribuito a Bernardino Niger (detto Il Greco), dal prezioso altare in argento donato dalla famiglia Cabrera prima del trasferimento in Spagna.

L’organo, prodotto dalla famosa famiglia Serastri di Bergamo, ha 3.500 canne, 86 registri e 6 tastiere ed è il più prezioso della zona, peraltro ricchissima di queste vere e proprie opere d’arte. Tanto che a dicembre vi è una speciale festa dedicata agli organi prodotti dalla Casa Serassi. Ogni 23 aprile è costume esporre la reliquia di S.Giorgio, qui veneratissimo, mentre il 29 giugno le statue di S.Giorgio e S.Pietro sono portate in una importante processione alla quale non sono ammessi gli abitanti di Modica Bassa; in passato la statua veniva addirittura lapidata per impedirle il passaggio alla zona bassa!

 Il secondo Duomo, intitolato a S. Pietro (la cui prima edificazione è da collocarsi tra il 1301 e il 1350) deve le sue linee eleganti al tardo Barocco, già presente in Austria e Germania, e qui introdotto dall’architetto Gagliardi (figlio). Il tardo Barocco del Gagliardi, oltre ad essere più semplice del Barocco vero e proprio, si caratterizza anche per le colonne con capitello con foglia attorcigliata, quale accenno al ricciolo ionico ed un andamento a mezza luna, nella parte superiore.

SICILIA Modica un angolo

Modica.

sicilia cioccolato impasto

Impasto a mano del cioccolato.

DOLCERIA BONAJUTO

Una volta scese le scale della cattedrale, abbellite dalle statue dei dodici apostoli, ci si trova quasi di fronte una stretta stradina arredata con molte piante in vaso: qui ha sede la storica “Dolceria Bonajuto” . La vera differenza tra questo cioccolato e quello industriale sta nella lavorazione, qui mai sopra i 45°, mentre quella industriale avviene a 80°. Inoltre nella lavorazione artigianale non si aggiunge burro di cacao, e quindi il cioccolato è più gradito anche in estate perché “non impasta la bocca”; anche la lecitina di soya, usata abbondantemente in pasticceria industriale, qui è abolita.

La cottura del cacao avviene rispettando la tradizione atzeca: 2 giorni per la cottura per non perdere la maggioranza degli aromi. Purtroppo, racconta il proprietario, non sempre l’industria sceglie il meglio; in alcune zone del Venzuela, un’ottima qualità di cacao può essere schiacciata dalle ruote dei camion per estrarne velocemente i semi, con danni sia al sapore finale sia alla salubrità del prodotto.

Dal 1827 la famiglia Bonajuto produce il suo cioccolato  internazionalmente noto. Il loro è un cioccolato puro, senza grassi vegetali né derivati del latte; come lo facevano gli antichi Atzechi. www.biajuto.it

dal 3 all’8 dicembre la festa del cioccolato: www.chocobarocco.it

COME MAI TANTE BELLE CHIESE?

-Tornando alle numerosissime chiese della zona può essere interessante sapere che furono costruite con le donazioni della nuova borghesia che si era creata, nei secoli, dopo che Bernardo Cabrera nel 1400 donò ai contadini degli appezzamenti di terreno affinché li lavorassero a piacimento, riservando il 10% per lo stato. Nasce così l’”enfiteuta” il contadino che, nel suo interesse, fa fruttare il terreno a disposizione, il quale, divenuto ricco imprenditore, si trasferisce in città dove viene guardato dalla nobiltà con disprezzo. 

Ed ecco l’idea di donare il denaro per costruire nuove chiese. In questo modo il prete è obbligato a nominare, dal pulpito, il nome della famiglia benefattrice ringraziandola; riconoscendo così, una sorta di riabilitazione sociale che nessuno può più ignorare. Nel frattempo i nobili sperperavano i loro capitali in suntuose feste e vizi, impoverendosi tanto da essere poi costretti a vendere le loro ricchezze a questa nuova classe emergente. Tutto ciò avviene nel 1600, l’epoca del Barocco.

RAGUSA IBLA

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace il ponte d'ingresso

Ragusa-Ibla, Castello Maniace, ponte di ingresso.

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace ariete bronzeo ellanistico due arieti come questa copia ornavano il portale marmoreo dell'ingresso

Castello Maniace, uno degli arieti che ornavano l’ingresso.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace particolare dell'arco d' ingresso con lo stemma di Calo V

Stemma di Carlo V al Castello Maniace.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte del soffitto di una navata realizzato in pietra scura particolarmente leggera

 

Castello Maniace, imponenti navate rivestite di leggera pietra scura.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace paticolare di interno

Castello Maniace, capitelli.

SIRACUSA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte spagnola con batteria a fior d'acqua

Interno del Castello Maniace. Parte progettata dagli spagnoli con batteria di cannoni a fior d’acqua.

SICILIA  fichi d'india

SICILIA fiore della carota selvatica

Fiore di carota selvatica.

SICILIA Cavagrande Euforbia si usava per avvelenare le acque dei fiumi dove bevevano i nemici

Euforbia, la si usava per avvelenare l’acqua potabile dei nemici.

SICILIA Cavagrande radici aeree di carrubo

Radici aeree di carruba.

SICILIA aereo ghiaccio nuvole e sole sulla costa nord della della Sicilia

La Sicilia dall’aereo.

panorama MARE generico

Mare siciliano.

-Di Ibla colpiscono subito gli elegantissimi giardini pubblici risalenti al XIX secolo, ancora più suggestivi nel buio della notte quando risaltano le luci delle chiese di S.V.Ferreri e S.Giacomo e dei Cappuccini (dove si trova il trittico di Pietro Novelli). Accanto al giardino pubblico si può ammirare il solo portale gotico di quella che fu S.Giorgio Vecchio.

Segue la risalita Commendatore, ed è subito incanto, qui parlano le vie , i massi, le basiliche, i volti dai balconi o dai cornicioni dei palazzi nobiliari. Alla fine Ragusa Ibla è semplicemente la parte bassa della città di Ragusa, dove ancora il barbiere è luogo di incontro e di chiacchiere, dove ancora sono importanti i circoli e si discute di politica, religione o sport.

Anche Ragusa è riconosciuta patrimonio dall’UNESCO insieme ai buoi ragusani, i muri a secco e molto altro. Gesualdo Bufalino dice di Ibla: “Bisogna essere intelligenti per venire a Ibla, una certa qualità d’animo, il gusto per i tufi silenziosi ed ardenti, i vicoli ciechi, le giravolte inutili, le persiane sigillate su uno sguardo nero che spia“.

Oggi Ibla conta 42 chiese ed occupa il territorio che fu di Hybla Heràia, insediamento siculo colonizzato dai gracidi Siracusa.

Qui dominarono: bizantini, arabi e normanni che nel 1091 ne fecero una Contea con Goffredo, figlio di Ruggero, mentre con Manfredi Chiaramente venne unita alla Contea di Modica.

Anche Ibla fu distrutta dal famoso terremoto del 1693 e durante la ricostruzione iniziò ad estendersi verso la città alta. Piazza della Repubblica è il punto di congiunzione tra Ibla e la città alta insieme alla chiesa di S.Maria dell’Idra e a quella del Purgatorio e Palazzo Casentini, quest’ultimo famoso per le sculture dei balconi sardoniche e sbeffeggianti.

La chiesa dei Cavalieri di Malta, eretta nel 1639, ripaga appieno chi la raggiunge, ma sopra tutto si eleva il Duomo dedicato a S.Giorgio; costruito nella seconda metà del ‘700 dall’architetto Rosario Gagliardi, un vero prodigio di vittoria della pietra sul tempo. Prima di lasciare la piazza, nessuno resiste al richiamo della gelateria del Caffè del Borgo con i suoi gusti dal gelsomino al carrubo.

Muovendosi verso via Chiaramente si incontra la facciata gotica della chiesa da S.Francesco all’Immacolata, unica parte lasciata dalla rovina del terremoto. Mentre il corso XXV aprile è la sede del Palazzo Donnafugata, oggi notevole pinacoteca, a piazza Pola si ammira la facciata barocca della chiesa si S.Francesco, dove il luogo di culto è ancora quattrocentesco.

Tra una cittadina e l’altra non si può evitare la visita ad almeno una cantina, in questa regione dove il carrubo e l’olivo sono superati solo dalle serre del famoso pomodoro-Pachino che, oggi per la verità, subisce grande concorrenza da altri pomodori quali: Pixel, Piccadilly, Zatterino, Cuore di Bue e ultima, per produzione, la Valentina.

Noi abbiamo visitato una cantina che è frutto di uno studio del vino dai racconti di Plinio il Vecchio: “bevevano vino che doveva esser tagliato con acqua di mare, perché il sale ne addolciva l’acidità. Le acque erano prelevate in mare aperto perché fossero ben pulite”.

 Anche i greci” continua il proprietario dell’azienda agricola Cos “bevevano vino, ma era riservato ai ricchi; mentre i romani, ma solo verso la fine della loro civiltà, lo dettero anche agli schiavi. Il padrone di casa, dopo aver assaggiato il vino, decideva quanta acqua di mare aggiungere, chi poteva sostituiva il miele all’acqua salata!

Solo secoli dopo si comprese come l’acidità fosse dovuta  all’ossigeno che, per ossidazione, inacidiva il vino.

Quando poi si accorsero che il vino, trasportato per mare con le anfore e i tappi di sughero,  migliorava , gli antichi ringraziavano il Dio del Mare o del Vento, ma mai il tappo!

Oggi chiudendo ermeticamente le anfore e lasciando in fermentazione le bucce, e vinaccia, per 6 mesi,  finita la fermentazione si separa il vino nuovo dalla feccia e si prosegue la maturazione del vino.

Il risultato è un vino senza tannino. Un vino che matura nelle anfore come nell’antichità e che può durare oltre 11 anni”.

L’ultimo giorno, di un ideale long-week-end, andrebbe dedicato, dopo i consueti bagni in mare, alla visita dell’Ortigia e di di Siracusa. 

Partendo dall’isola di Ortigia, il cuore della città, unisce testimonianze architettoniche di epoca greca con quelle normanne, aragonesi e barocche. Vi si accede tramite il ponte nuovo e il porto interno. Tra i luoghi importanti da visitare segnaliamo: Fonte Aretusa una sorgente a pochi  metri dal mare, piazza Duomo è la piazza più importante del centro storico, nonché luogo di ritrovo e corrisponde all’antica acropoli delle città greche. La piazza è circondata da palazzi in stile barocco costruiti dopo il famoso terremoto del 1693: Palazzo Arcivescovile, Palazzo del Senato (oogi Municipio), la chiesa di S.Lucia alla Badia e il Palazzo Benventano. Il Duomo è opera di Andrea palma, con colonne e statue del Marabitti. La sua peculiarità sta nel fatto di sorgere sui resti dell’antico tempio dorico dedicato ad Athena, fatto costruire dal tiranno Gelone.

Ma la vera “chicca” di Ortigia è il Castello Maniace. alle spalle della fonte Aretusa, sulla punta estrema dell’isola.

I recenti scavi, non hanno portato alla luce le narrate precedenti edificazioni. In ogni caso la sua architettura ed il paesaggio che lo circonda, ne fanno una delle opere più importanti del periodo svevo.

Qui si respira il genio di Federico II, iniziatore della costruzione di una rete di castelli quale sistema di eccezionale controllo del territorio.  La costruzione del Castello si può datare tra il 1232 e il 1240 per opera dell’architetto Lentini su incarico dello stesso Federico II. L’architettura dei castelli, per volontà di Federico II, supera le precedenti esperienze arabo-normanne e gotico-cistercensi per porsi con la qualifica di “sveva”. Ogni castello rappresenterà l’imperatore stesso.

Nel 1288 vi dimorò la famiglia di re Pietro III d’Aragona, successivamente ospitò Le regine Costanza, Maria e Bianca d’Aragona ( 1362-1416). Nel 1540 vi alloggiò Andrea Doria durante una spedizione contro i mussulmani voluta da Calo V. Nel XV secolo fu prigione poi punto importante della cinta muraria di Ortigia. Il 5 novembre 1704 l’esplosione della polveriera sconvolse l’edificio.  Successivamente ricostruito venne munito di bocche da cannone e in età napoleonica  e borbonica venne utilizzato con scopi militari.

 –Una visita fuori dall’ordinario può essere quella dedicata ai bagni di purificazione ebraici. Li si trova nell’antico quartiere ebraico, all’interno del raffinato residence-hotel Alla giudecca, via Alagona n. 52, questa visita può essere anche un’esperienza per conoscere usi e costumi, al femminile, in questo che fu il più importante bagno di purificazione d’Europa in epoca bizantina. Le donne qui trascorrevano molto del loro tempo purificandosi, anche subito dopo il parto, in ambiente umido e, probabilmente, gelido in inverno.

Alla fine della giornata il tramonto va guardato dalla meravigliosa terrazza dell’Hotel-ristorante Des Etrangers et Miramare con un aperitivo in mano di fronte all’isola di Ortigia per apprezzare il vero servizio di alto livello e qualità.

Al mare al Lido Arenella

Chi abita al nord Italia oggi può godere di due situazioni vantaggiose per una vacanza siciliana, o addirittura per un long week-end, sia per i prezzi anche per le navi low-cost T-Linklines che partono da Genova la sera e raggiungono Palermo alle 18 del giorno successivo: cabina per la notte e auto a brodo per una persona in luglio 99 euro, ma il prezzo si abbassa se aumentano le persone per cabina e per auto, con un prezzo base a partire da 65 euro: passeggero in poltrona più auto.

 T-Linklines,low-cost da Genova (Voltri) a Palermo (termini Imerese): partenze giornaliere la sera con arrivo verso le 18 del giorno successivo. Tel 010.59 30 99

Ristoranti: Noto: Il Cantuccio, ottimi la cucina e i vini, via Cavour 12, tel 0931837464,     ristoranteilcantuccio@hotmail.it.

Locanda don Serafino, via avv. G.ottaviano, Ragusa Ibla, tel 0932.248778,  “http://www.locandaserafino.it” www.locandaserafino.it

Des Etrangers et Miramare, albergo-ristorante,

Passeggio Adorno 10/12, Siracusa,

tel 0931.319100,   “http://www.hotel-desetrangers.it” www.hotel-desetrangers.it

Spiaggie con servizio ristorazione: Lido Arenella: vela, canoa, wind-surf, immersioni. Lido attrezzato con cabine-ombrelloni, bar.

Affacciate sul mare  le villette con appartamenti da 500 a 900 euro alla settimana, spiaggia e colazione comprese per 4/5 persone. Tel 0931.67053;  “mailto:residencearenella@simail.it” residencearenella@simail.it

 Residence  a Siracusa: Residence-hotel Alla giudecca, via Alagona n. 52, tel. 0931. 22255,  “http://www.allagiudecca.it” www.allagiudecca.it

Cioccolato di Modica: Dolceria Bonajuto, c.so Umberto I, 159, tel. 0932.941225,  HYPERLINK “http://www.bonajuto.it” www.bonajuto.it.

OLIO: F.lli APRILE un  omaggio a MAMMA TERESA: l’amore per la natura e il rispetto per chi ha tramandato tanto valore sono alla base della produzione di alta qualità nella Sicilia sud-orientale (vicino alla famosa Noto). Olio da meditazione, olio per condimento a crudo: un’esperienza indimenticabile, sapori inconfondibili, nessun retrogusto sgradevole, semplicemente la perfezione dell’olio extra vergine.

 Il modernissimo frantoio rispetta l’antica tradizione del monocultivar, le olive sono raccolte a mano solo quando mature. Il prodotto ha bassa acidità e con caratteristiche uniche come aroma , colore e gusto. F.lli APRILE s.r.l. C.da S.Agata, Scicli (RC) tel 0932.83 38 28,

www.fratelliaprile.it info@fratelliaprile.it

Architettura a Roma – MAXXI PROGETTO ALCANTARA

PROGETTO ALCANTARA – MAXXI  

 PER STUDIO VISIT, DAL 2 AL 25 FEBBRAIO 2018, NANDA VIGO PRESENTA ARCH-ARCHOLOGY

Il Progetto Alcantara – MAXXI prende una inedita direzione, rinnovandosi nei suoi contenuti.

Con il programma Studio Visitogni anno un designer affermato viene invitato a progettare uno spazio all’interno del museo che restituisca una sua personale interpretazione di un’opera della collezione permanente.

Primo appuntamento dal 2 al 25 febbraio 2018 con Nanda Vigo che presenta Arch-Archology, a cura di Domitilla Dardi, omaggio al visionario architetto Paolo Soleri, i cui lavori sono conservati nella collezione del MAXXI Architettura.

 

 

Weekend culturale – Scoprire l’antico Egitto a Jesolo GRANDE MOSTRA

Egitto, tomba di Tutankhamon.

 

UNA MOSTRA PER TUTTI: APPASSIONATI DI EGITTOLOGIA E BAMBINI

La mostra aprirà nel giorno di Santo Stefano 2017


A VENEZIA PER SCOPRIRE L’ANTICO EGITTO

Egitto. Dei, faraoni, uomini

Un’ intera sezione è dedicata alle scoperte più recenti

MOSTRA UNICA: ESPLORARE di PERSONA due camere sepolcrali …

Reperti unici e suggestive ricostruzioni di piramidi in un format innovativo, coinvolgente e interattivo

-specifico per scolaresche di ogni ordine e grado, alle famiglie, ma anche per gli appassionati di egittologia.

La storia, le dinastie, la religione, i culti, le abilità tecniche e scientifiche, partendo dal passato e arrivando ad oggi …

A Jesolo (Venezia)

Rotolo di papiro e reperti dal Cairo “per la prima volta in Italia papiri e reperti dal museo del Cairo” …

Una grande mostra a Jesolo dal 26 dicembre 2017 al 30 giugno 2018.

Il fasto di Tutankhamon 

A Jesolo, solitamente meta estiva, apre una monumentale mostra dedicata all’antico Egitto, con riproduzioni a grandezza naturale, multimedialità e reperti provenienti da diversi importanti musei.

“Egitto. Dei, Faraoni, uomini” è la grande mostra che aprirà il 26 dicembre a Jesolo, con reperti originali provenienti dalle più importanti collezioni egizie dei musei italiani e stranieri (dal museo del Cairo, Luxor, Roma, Firenze, Trieste, Siracusa, Asti e collezioni private), per la prima volta riuniti.

La mostra è anche un’esperienza altamente emozionale,  all’avanguardia:

-un percorso espositivo innovativo, un approccio moderno e dinamico che si fonde armonicamente con solide basi scientifiche

-ricostruzioni scenografiche e fedeli riproduzioni in scala 1:1, multimedialità interattiva e immersiva.

Imperdibile la ricostruzione in scala naturale della camera funeraria di Tutankhamon e la tomba dell’artigiano Pashed.

Questa mostra offre qualcosa di impensabile; sino a qualche decennio fa:

esplorare di persona due camere sepolcrali egizie: la tomba dell’artigiano Pashed

vedere con i propri occhi la leggendaria tomba di Tutankhamon, “il faraone fanciullo” dodicesimo re della XVIII dinastia egizia, scoperta da Howard Carter nel 1922.

Il tutto ricostruito in scala 1:1.

Sarà EMOZIONANTE osservare da vicino reperti originali antichissimi provenienti dalle più importanti collezioni egizie dei musei italiani e stranieri;

– per la prima volta riuniti nella medesima esposizione.

PER I PIU’ PICCOLI:

postazioni multimediali

-attività ludica,

-scoperta e meraviglia

-animazioni video – proiezioni interattive – ologrammi e schermi touch.

La mostra è allestita nello spazio espositivo:

Spazio Aquileia 123 del Lido di Jesolo, a cura di Venice Exhibition e Cultour Active.

Curatrici e produttrici della mostra: Venice Exhibition Srl, società promoter di mostre internazionali, e Cultour Active Srl, società di Treviso pioniera del binomio cultura e digitale dal 2011; preziosa anche la collaborazione del vicinissimo Tropicarium Park che offrirà al pubblico il biglietto combinato fra le due esposizioni.

Image

Venezia non ha certo bisogno di pretesti per essere visitata: i motivi e le attrazioni che invogliano al viaggio sono tanti, in tutte le stagioni, nel centro storico come nella sua bella laguna. 

SE VOLETE DORMIRE NEL LUSSO: 

Dal fasto di Tutankhamon a quello di Condé Nast Johansens,cinque strutture di charme consigliate per il soggiorno

E per il soggiorno, cinque alberghi affiliati a Condé Nast Johansens: uno proprio a Jesolo a 2 km dalla mostra e quattro situati a Venezia in pieno centro.

Dove dormire a Venezia:

Almar Jesolo Resort&Spa
Via Dante Alighieri 106, Lido di Jesolo (VE) – Tel. 0421 388111
www.johansens.com/europe/italy/venice-and-veneto/almar-jesolo-resort-spa/
Almar Jesolo Resort&Spa sorge in una delle più rinomate destinazioni della Riviera Adriatica a soli 50 minuti da Venezia con autobus e vaporetto. L’albergo è un lussuoso 5 stelle e si trova a due passi dal centro di Jesolo, meta d’eccellenza con i suoi 15 chilometri di spiaggia dorata e isola pedonale più lunga d’Europa raggiungibile con una passeggiata. Gli interni di design dai colori chiari, comprendono una grande spa, una piscina, tre ristoranti, 8 tipologie di camere e suites fra cui la Almablu Spa Suite con spa privata, doccia multisensoriale, palestra e cantinetta. L’offerta gastronomica è affidata a tre ristoranti: l’elegante Mediterra Restaurant, l’informale River Lounge Bar per pranzo e a bordo piscina il LightBlue Bar.

SINA Centurion Palace
Dorsoduro 173, Venezia – Tel. 041 34281
www.condenastjohansens.com/sina

A due passi dal Museo Peggy Guggenheim: il Sina Centurion Palace domina il Canal Grande alla foce del bacino di San Marco, sul versante di Dorsoduro, in una posizione straordinaria tra la Basilica di Santa Maria della Salute e Punta della Dogana (sede della Fondazione François Pinault). 50 camere e suite diverse con finiture e arredi raffinati e dettagli d’epoca, in un antico palazzo dalla facciata gotica e dagli interni di design creati in esclusiva: un contrasto in armonia col sestiere dove sorge, la più antica di Venezia, ma che ormai ospita l’eccellenza dell’arte contemporanea.

Ca Maria Adele
Dorsoduro 111, Venezia – Tel. 041 5203078
www.condenastjohansens.com/camariaadele

Pochi metri più in là, si trova Ca Maria Adele.

Si sviluppa tra le mura di un’antica casa del 1500 completamente ristrutturata nel rispetto dell’ambiente, ubicata nel quartiere più esclusivo, affascinante e tranquillo di Venezia: affacciata sul canale prospiciente la magnifica Chiesa della Salute e ad un minuto da Piazza San Marco. Ca Maria Adele mescola la tipicità dei damaschi veneziani alla linearità dei mobili in legno africano, maestosi lampadari in vetro di Murano, fasci di luce, linee essenziali e minimaliste.

Ca’ Sagredo
Campo Santa Sofia 4198/99, Ca’ D’Oro, Venezia – Tel: 041 2413111
www.condenastjohansens.com/casagredo
Situato sul Canal Grande, Ca’ Sagredo Hotel è un antico palazzo veneziano dotato di affreschi, opere d’arte, stucchi, dipinti e arredi del XVII-XVIII secolo: Nicolò Bambini, Giambattista Tiepolo, Sebastiano Ricci e Pietro Longhi vi hanno lasciato il segno. Un tempo proprietà dei Conti Sagredo, oggi è aperto anche a cene di gala, matrimoni, eventi e ricevimenti. Il Ristorante L’Alcova, direttamente sul canale, di fronte al Mercato di Rialto, propone piatti veneziani a base di prodotti freschi e pesce appena pescato.

Palazzo Selvadego
S.Marco, 1124\B, Venezia – Tel.: 041 520 0211
www.condenastjohansens.com/palazzoselvadego
Nascosto alle spalle di Piazza San Marco, Palazzo Selvadego è un rifugio nel cuore di Venezia ma lontano dal chiasso e dalla folla. Situato in posizione privilegiata, a brevissima distanza da tutti i punti di maggiore interesse come la Basilica di San Marco; il Ponte dei Sospiri; il Teatro La Fenice questo palazzo del 13° secolo in pieno stile gotico veneziano è intimo e affascinante come pochi altri.

Condé Nast Johansens
Pubblicata da 36 anni dagli editori di Vogue, GQ, Condé Nast Traveller e Glamour, Condé Nast Johansens è la principale guida cartacea e multimediale per viaggiatori indipendenti comprendente oltre 550 hotel indipendenti, Spa, residenze d’epoca, location per eventi di grande bellezza in 60 paesi. Il numero dei lettori si attesta oggi a 5,8 milioni con una distribuzione di 26.950 guide in tutto il mondo. Solo ed esclusivamente le migliori strutture sono annoverate nelle tre Guide “Luxury Hotels & Spas UK, Europe & The Mediterranean”, “Luxury Hotels, Inns, Resorts, Spas & Villas The Americas & Caribbean”, “Luxury Spas”. Il livello di attenzione è sempre altissimo fin dalla fase di selezione delle strutture e prosegue nel tempo grazie alle visite ispettive annuali di 30 local experts.
Il sito www.condenastjohansens.com – rapido e user friendly – è stato creato espressamente per cercare hotel, prenotare, acquistare guide e buoni regalo, senza dimenticare le sempre gradite offerte speciali promosse dagli alberghi affiliati divise per aree d’interesse (arte, luna di miele, eventi e molte altre). Il numero di accessi al sito internet registrato ogni anno significativi incrementi: attualmente 100.000 pagine visitate al mese, prevalentemente da UK, USA, Italia, Brasile, Spagna, Germania, Canada, Francia, Australia, Svizzera.
Per scaricare gratuitamente l’applicazione iPad delle guide 2018 basta visitare iTunes e cercare ‘Condé Nast Johansens’.
Condenastjohansens.com/app

Find us on Facebook Follow us on Twitter Follow us on Instagram

BOOKCITY MILANO – Programma – 16 al 19 novembre 2017

BOOKCITY MILANO

Dal 16 al 19 novembre; quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università

Manifestazione dedicata al libro e alla letteratura che si tiene ogni anno da ormai sei edizioni nel capoluogo lombardo. Milano

BookCity Milano: festa metropolitana
diffusa e partecipata del libro e della lettura

Oltre al Castello Sforzesco, luogo simbolo di Bookcity, moltissime le location che ospiteranno incontri e dibattiti, dalle biblioteche comunali e molte delle realtà culturali milanesi.

Incontri con gli autori / reading / laboratori / mostre

Il programma è scaricabile al link:
http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

Musei, teatri, scuole, università, biblioteche, palazzi storici, librerie, associazioni, negozi, spazi pubblici e privati mettono in scena la loro passione per il libro e per la lettura promuovendo incontri, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, esplorando nuovi modi di leggere e riflettendo sulla scrittura, sulla lettura e sui mestieri dell’editoria, a partire da libri antichi, nuovi e nuovissimi, dalle raccolte e dalle biblioteche storiche pubbliche e private, non solo come evento individuale ma anche collettivo.

BOOKCITY MILANO 2017 si articolerà dal 16 al 19 novembre in quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università. Il centro resta il Castello Sforzesco, al quale si affiancheranno decine di poli tematici nei quali ogni lettore potrà ritrovare le sue passioni e soddisfare le proprie curiosità ma anche scoprire nuovi autori e nuovi interessi.

A BOOKCITY MILANO 2017 i grandi temi vengono raccontati nei poli. Ma il programma consente moltissimi altri percorsi creativi e spesso divertenti, identificati con hashtag come #vogliofareloscrittore, #pariopportunità, #Italia1967_2017, #rosa, #librospettacolo, #migranti, #topoftheopops, #cantautori, #altraEuropa, #hannofattograndeMilano, #transmedialità. Alcuni possono incuriosire i lettori più esigenti, altri offrono suggerimenti per un pubblico più ampio. Questi hashtag, oltre ad una selezione dei migliori suggeriti dal pubblico che arriveranno a segreteria@bookcitymilano.it, si possono ritrovare sul sito bookcitymilano.it.

BOOKCITY MILANO COMINCIA IN LIBRERIA

Quest’anno le librerie milanesi rivestono un ruolo speciale: BOOKCITY MILANO inizia un giorno prima, proprio lì, con una festa.

Giovedì 16 novembre 2017 dalle 18.00 ci sarà una festa diffusa in decine di librerie che offriranno alla città il programma stampato di BookCity, assieme al racconto in anteprima di temi, incontri, idee, letture che nei giorni successivi animeranno Milano. Un momento gradevole e informale per scambiare idee e scoprire i libri protagonisti di BookCity.

Il responsabile di BOOKCITY MILANO 2017, Luca Formenton, dichiara: “Giunto alla sesta edizione BookCity si conferma l’evento diffuso dedicato ai lettori e alla lettura più importante della città. Quest’anno abbiamo deciso di iniziare dalle librerie: nodi centrali per la diffusione della cultura nel territorio.

INAUGURAZIONE DI BOOKCITY MILANO

Venerdì 17 novembre, alle ore 20.30, al Teatro Dal Verme inaugura BOOKCITY MILANO 2017 con Marc Augé intervistato daDaria Bignardi, “Sulla felicità. Nonostante tutto”, alla ricerca di quei momenti di felicità che rappresentano una forma di resistenza all’inquietudine e all’incertezza che pervade il nostro mondo.
Marc Augé riceverà il Sigillo della città
dalle mani del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Sarà presente il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.
La serata sarà arricchita da interludi a cura di Mario Mariotti. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

SERATA CONCLUSIVA DI BOOKCITY MILANO

La manifestazione si chiuderà domenica 19 novembre, alle ore 21, al Teatro Franco Parenti con un omaggio a Umberto Eco che nel 2012 inaugurò la prima edizione di BookCity.A poco più di un anno dalla sua scomparsa Milano rende omaggio a uno dei più stimati protagonisti della cultura contemporanea. Protagoniste della serata saranno le sue parole, a partire dai saggi raccolti in Sulle spalle dei giganti: un fuoco d’artificio del suo pensiero, del suo irresistibile raccontare la storia delle idee, la grande narrativa e il cinema, della disincantata, ironica visione del tempo in cui viviamo.

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre, al Padiglione Visconti, verrà proposta la seconda edizione di LE VOCI DELLA CITTÀ – Una maratona lunga una notte, un progetto a cura di Daniele Abbado.
Una grande maratona di lettura della durata di una notte sul tema delle Lettere luterane
. Al testo-guida di Pier Paolo Pasolini si intersecheranno altri testi collegati ai temi chiave dei suoi scritti e altri che ne amplificano le risonanze in differenti contesti. Si alterneranno letture, presenze e interventi musicali, apparizioni che sviluppano le tante suggestioni contenute nei testi proposti. L’evento coinvolge volontari, scrittori, musicisti, artisti, le comunità internazionali sul territorio. Il pubblico potrà partecipare a tutta la maratona o assistere a una singola parte.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala. Con la partecipazione dell’Accademia Teatro alla Scala, del Forum della città mondo, Associazione città mondo, della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, di SONG onlus – Sistema Orchestre e cori giovanili in Lombardia.

Intesa Sanpaolo organizza alcuni incontri, tra i quali il 19 novembre, al Piccolo Teatro Strehler, il reading teatrale Il caso Malaussène – Mi hanno mentito, di e con Daniel Pennac, che nasce dal desiderio di condividere con il pubblico la gioia del ricongiungimento con i Malaussène.

Durante BOOKCITY MILANO, il programma triennale di rigenerazione urbana Lacittàintorno, recentemente avviato da Fondazione Cariplo per favorire il benessere e la qualità della vita nelle aree periferiche delle città, proporrà alla Casa della Carità ad Adriano e all’Anguriera di Chiaravalle incontri e dibattiti sul tema della città.

Grazie a Borsa Italiana si terrà la seconda edizione di Investire in titoli, un ciclo di incontri a carattere internazionale, dedicato quest’anno al mondo del libro e dell’editoria, per mettere a confronto esperienze virtuose, idee e visioni economiche, analisi e strategie possibili.

Alla Triennale di Milano, il 15 novembre, inaugurerà la mostra “La Lettura. Il colore delle parole”, l’illustrazione d’autore nelle pagine del supplemento del Corriere della Sera, una riflessione sul ruolo dell’illustrazione nel linguaggio giornalistico.

BOOKCITY 2017 si arricchisce di tre nuovi progetti che dialogheranno con la città:

MILANO EXP
Uno dei temi della manifestazione è da sempre l’attenzione per la città di Milano, anche nel suo rapporto con la letteratura e le altre arti. Per BookCity Milano 2017 è stato chiesto ad alcuni autori di condividere un’esperienza con i loro lettori: andranno alla scoperta (o alla riscoperta) di un luogo della città, e racconteranno le loro riflessioni ed emozioni a un gruppo ristretto di appassionati e curiosi. Prenotazione obbligatoria su www.bookcitymilano.it

BOOKCITY NELLE CASE

Nei mesi scorsi alcuni cittadini milanesi hanno risposto alla chiamata di BookCity Milano: “c’è qualcuno in città che trova divertente, poetico, letterario, trasformare le propria casa in una sede #BCM17?”. Abbiamo scoperto che la risposta è si. Nasce dunque BookCity nelle case: letture negli spazi più intimi dei cittadini milanesi.

FESTIVAL DELLE METROPOLI
Durante BookCity si svolgerà il primo Festival delle Metropoli: quattro giorni di narrazione urbana itinerante attorno ai quartieri che cingono il centro cittadino, luoghi colmi di storie da raccogliere e narrare. Percorsi, incontri, proiezioni, mostre, reading danno vita a un calendario di eventi dove mettere in mostra non il singolo quartiere, concepito come “periferia” da redimere, ma l’intera metropoli. Un festival di geografie e di storie in cui ai cittadini/viandanti sarà chiesto di portare in dote memorie e storie personali in grado di dare vita a un

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden e Società Esercizi Aeroportuali.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

La ricchezza di BOOKCITY MILANO è la sua spontanea ed eterogenea presenza in città.

racconto collettivo e partecipato della città.

BOOKCITY MILANO 2017 conferma i quattro progetti speciali presenti nella passate edizioni:

BOOKCITY YOUNG – Il programma delle biblioteche dedicato agli under 18
Laboratori creativi di scrittura, di disegno e illustrazione, e di robotica. Letture in inglese, spagnolo e arabo con Mamma Lingua. All’insegna della partecipazione attiva, per sperimentare in prima persona e interpretare in modo proprio ciò che è letto, detto, mostrato.

BOOKCITY NELLE UNIVERSITÀ

Fin dalla prima edizione le Università milanesi hanno promosso eventi nei loro spazi. Quest’anno offrono un palinsesto condiviso per riflettere sul Novecento, secolo di accelerazione della storia e di profondi cambiamenti. Organizzato da Accademia di Brera, Bicocca, Bocconi, Cattolica, IULM, Politecnico, San Raffaele, Statale e Fondazione Collegio delle Università milanesi.

BOOKCITY PER LE SCUOLE
170 progetti sono stati presentati da 90 promotori, 1200 classi di ogni ordine e grado coinvolte in attività che, ponendo al centro la lettura, andranno a toccare temi di attualità come il rapporto tra informazione e digitale, la mediazione interculturale, il ruolo dei sogni, la lettura ad alta voce, scoprendo nuovi mestieri e nuove professioni nella prospettiva anche di avvicinare sempre più la formazione al mercato del lavoro.

BOOKCITY PER IL SOCIALE

Incontri, eventi e spettacoli negli ospedali milanesi e nelle carceri di Bollate, Opera e San Vittore, nelle Case delle Associazioni e del Volontariato, che hanno sviluppato un proprio ricco programma di iniziative da offrire non solo al territorio di riferimento, ma all’intera cittadinanza, e nelle tante Biblioteche Condominiali.

BOOKCITY MILANO ha inoltre intensificato collaborazioni con altri importanti festival italiani, tra cui “Tempo di libri” (Milano), “Milano Music Week” (Milano), “Festival della Mente” (Sarzana), “Dialoghi sull’uomo” (Pistoia), “la Milanesiana” (Milano).

Da 5 anni i bambini di Milano disegnano e costruiscono, in occasione di BookCity, La città libro aperto. A novembre, le cesate del cantiere M4 di piazza Vetra diventano le pagine aperte del grande libro-città. Progetto a cura di DOdA design.

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

Il programma è consultabile sul sito www.bookcitymilano.it

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

Venezia Museo d’Arte Orientale da non perdere

 

Porcellane con complessi disegni e intarsi

Raffinatissime armi e relativi contenitori: dai pugnali alle aste da guerra

Qui trovate una delle più importanti collezioni mondiali di arte giapponese del Periodo Edo 1614-68

Il Museo d’Arte Orientale è ospitato nell’immenso palazzo della famiglia Pesaro a San Stae, affacciato sul Canal Grande. Linea batteli n° 1.

Più di 30.000 pezzi: spade e pugnali, armature giapponesi, delicate lacche, preziose porcellane, avori, giade e altro, provenienti anche da Cina, Siam, Cambogia ecc…

INDIRIZZO: 

Ca’ Pesaro, sestiere di Santa Croce; sul Canal Grande. Santa Croce, 2076
Tel-fax: 39 041 5241173
E-mail: pm-ven.orientale@beniculturali.itServizi di accoglienza
Orari di apertura Martedì a Domenica: 10.00 – 17.00dal 1 novembre al 31 marzo
10.00 – 18.00 dal 26 marzo al 31 ottobre
La vendita dei biglietti termina un’ora prima della chiusura.
Chiusura completa nei giorni:
Lunedì, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembreSi avvisano i visitatori che lunedì 28 marzo 2016 (Lunedì dell’Angelo) il museo rimarrà aperto dalle ore 10.00 alle ore 18.00

 

Ingresso Biglietto integrato con la Galleria Internazionale d’Arte Moderna
Biglietto intero:
€ 10.00
Biglietto ridotto: € 7.50In base alla Convenzione fra Fondazione Musei Civici e Soprintendenza speciale la biglietteria della Galleria Internazionale d’Arte Moderna garantisce anche le gratuità sottoelencate previste dalla vigente normativa statale con visita limitata al solo Museo d’Arte Orientale.

Biglietto gratuito:
residenti nel Comune di Venezia, bambini da 0 a 5 anni
minori di 18 anni U.E. (i minori di 12 anni devono essere accompagnati)
– studenti e docenti universitari U.E. delle facoltà di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della formazione, iscritti ai corsi di laurea in Lettere o materie con indirizzo Archeologico, Storico-Artistico delle facoltà di Lettere e Filosofia, iscritti alle Acccademie di Belle Arti
– dipendenti del Ministero dei Beni e Attività Culturali
– membri ICOM (International Council of Museums)
– diversamente abili U.E. accompagnati da un familiare o da un assistente socio-sanitario
– giornalisti
– studenti e insegnanti di scuole pubbliche e private U.E.
– guide turistiche con patentino nell’esercizio della propria attività
– interpreti turistici con patentino quando affiancano una guida

Arte e gioielli indiani a Venezia – Spettacolari gioielli a Palazzo Ducale

Stupefacente collezione di antichi gioielli indiani

Grandi diamanti, rubini e smeraldi, oggetti d’oro ricoperti di gemme, giade e cristalli di rocca, spade e amuleti

Tesori dei Moghul e dei maharaja : la Collezione Al Thani

Per la prima volta in Italia, le gemme e i gioielli indiani dal XVI al XX secolo della Collezione Al Thani

270 oggetti esposti a Palazzo Ducale

Sino al 13 gennaio 2018

Cinquecento anni di storia dell’arte orafa

La mostra è promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia.

I pezzi della mostra sono provenienti dalla collezione voluta da sua altezza lo sceicco Hamad bin Abdullah Al Thani, membro della famiglia reale del Qatar.

Dall’antichità, la raffinatissima tradizione artigiana e l’intensità degli scambi di merci preziose tra India e Occidente,  si è mantenuta nei secoli, sino a quando i maharaja, nawab e nizam commissionarono gioielli e preziosi oggetti alle maison europee, come la famosissima Cartier.

 

Evento a Pavia – AFRICA TRA IMMAGINARIO E REALTÀ – INGRESSO GRATUITO – La “Scoperta” del Regno del Benin

Una cultura poco conosciuta, ma sorprendentemente raffinata; oltre ogni immaginazione …

 

DA VISITARE !!!

 

PAVIA Residenza Universitaria Biomedica
Fondazione Collegio Universitario Santa Caterina da Siena,
Via Giulotto 12, polo Universitario Cravino

1 dicembre 2017 –  24 febbraio 2018

Inaugurazione della mostra sarà alle ore 17

AFRICA TRA IMMAGINARIO E REALTÀ . La “Scoperta” del Regno del Benin

#PAVIA.

Venerdì 1 dicembre 2017 verrà inaugurata presso la Residenza Universitaria Biomedica del Collegio Universitario S. Caterina di Pavia un’esposizione dedicata all’Africa degli antichi regni dell’area sud nigeriana che sorpresero i viaggiatori europei nel XV secolo sia per la loro esistenza che per il loro livello di civiltà e vuole evidenziare la grande importanza  storica e culturale degli antichi regni Ife e Benin.

La mostra, che ha carattere didattico divulgativo e che vuole essere  uno stimolo per una più approfondita conoscenza dell’Africa antica, vede esposte 90 opere suddivise in differenti sezioni introdotte da pannelli illustrativi: le esplorazioni della costa occidentale africana e le descrizioni degli Europei, il Regno del Benin e l’arte Ife e Benin, l’evoluzione del regno, la tratta degli schiavi e la colonizzazione.

Sono esposti libri, incisioni, carte geografiche e documenti dal XVI al XIX secolo e una serie di bronzi e avori africani del XIX secolo.

L’inaugurazione della mostra sarà alle ore 17 nell’Aula Magna  della Residenza Universitaria Biomedica, preceduta da un’introduzione  del Prof. Pierluigi Valsecchi, ordinario di Storia ed Istituzione dell’Africa dell’Università di Pavia e dalla conferenza “Arte e potere nell’universo yoruba”, tenuta dalla Prof.ssa Giovanna Parodi Da Passano, Docente di Antropologia Africanista dell’Università degli Studi di Genova.

L’esposizione, curata dal dott. Franco Pavesi e allestita dallo staff della Residenza Universitaria Biomedica con la collaborazione di volontari ed ex allieve del Collegio Universitario S. Caterina da Siena, sarà aperta a INGRESSO GRATUITO dal 1° dicembre 2017 al 24 febbraio 2018 con i seguenti orari: Lunedì-Venerdì h 14-18.30, Sabato h 10-12.
Visite guidate su richiesta e festivi su prenotazione.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++

Nostra immagine del Benin e della sua cultura:

MUSEI: IRAQ ARCHEOLOGIA – MUSEO DI BAGDAD – 6.000 ANNI DI STORIA

DA VISITARE ON LINE !

Pochi paesi al mondo sono tanto ricchi archeologicamente come l’Iraq

Più sotto la storia rocambolesca di questo museo che raccoglie gli albori della civiltà

COVER iraq_bc_06

OK ARTE iraq_bc_01

Entrata del nuovo Museo di Bagdad.

BAGADAD MUSEO KMBAGDAD MUSEO OKOKBAGDAD MUSEO NJ

Spendiamo tanto tempo e soldi per visitare musei, ma non dobbiamo dimenticare che internet offre la possibilità di vedere da vicino, anche in 3D, alcuni tra i reperti più preziosi della storia dell’umanità.

Ne è un ottimo esempio il museo virtuale creato dal nostro CNR per mettere a disposizione di TUTTI e GRATIS i preziosi reperti del Museo di Bagdad.

NEL SITO SI POSSONO VEDERE: LA DAMA DI URUK, L’ELMO DI UR, QUEL CHE RESTA DI NINIVE CAPITALE ASSIRA E DELLA BABILONIA DI NABUCODONOSOR O DELLA BAGDAD DELLE MILLE E UNA NOTTE.

link delle immagini scattate dopo il saccheggio dell’8 aprile 2003:  http://www-3.unipv.it/orientpv/htm/g_museo.html

IRAQ MARIO TAMA GETTY IMAGES ARTE museo15

DISPERAZIONE DI UNO DEGLI ADDETTI AI LAVORI DOPO IL SACCHEGGIO.

Altro link che non dobbiamo scordare a proposito dei più grandi musei del mondo:   http://www.google.com/culturalinstitute/collections?projectId=art-project&hl=it&gclid=CNOCt9-9hLsCFQ1c3godxDcAeQ: cliccando su questo link avete a disposizione i musei più importanti di tutto il mondo; moltissime delle loro raccolte sono a disposizione dei vostri occhi, dai reperti romani alle antiche stampe giapponesi, all’arte cinese, indiana, maya … molto più di quanto possiate immaginare !! A costo ZERO !

Il Museo di Bagdad è il quarto al mondo per quanto riguarda l’arte orientale, dopo Louvre, British Museum e Oriental Institut di Chicago; conservava circa 25mila pezzi; oggi non siamo in grado di avere precise informazioni.

Costruito nel 1926 da re Feisal I, ebbe come direttore onorario Gertrude Bell (archeologa, politica, scrittrice e agente segreta britannica) la quale ottenne il trasferimento in una sede più grande in Ma’mun Street. Negli anni successivi, anche questa sede si rivelò insufficiente a contenere la mole degli oggetti provenienti dai numerosi scavi; infatti nel 1957 si cominciò la costruzione dell’attuale Iraq Museum; inaugurato nel 1967.

L’8 aprile 2003 il museo fu abbandonato dal personale a causa dei bombardamenti americani.

Non protetto militarmente, fu prima saccheggiato da ladri comuni che rubarono computer, prese elettriche, arredi e fecero danni di tipo vandalico, quindi arrivarono ladri più esperti che rubarono DECINE DI MIGLIAIA di reperti.

Il 16 aprile 2003 i soldati americani, finalmente ! ! !, ricevettero l’ordine di difendere il museo.

-Dei 15.000 reperti trafugati, solo 4.000 sono stati ritrovati.

In questo museo sono ampiamente documentate le varie epoche della storia della Mesopotamia; dalla preistoria alla dominazione islamica.

ARTE BAGADAD MUSEO JH

ARTE BAGDAD CNR FOTO MUSEO

CNR foto.

—–

Pochi paesi al mondo sono tanto ricchi archeologicamente come l’Iraq.

Il Museo dell’Iraq, con la sua collezione di pezzi archeologici molto ben organizzata e attentamente classificata è lo specchio di questa ricchezza.

– Il museo è il più prezioso documento dei molti popoli e culture che fiorirono in Mesopotamia a partire da tempi immemorabili fino ai secoli della dominazione araba, il Museo offre una vivida testimonianza di resti preistorici, reperti delle civiltà e dell’arte di sumeri, accadi, babilonesi, assiri, caldei, seleucidi, parti, sasanidi, abbasidi.

I saloni delle esposizioni sono organizzati cronologicamente. A beneficio degli studiosi il museo dispone di una ricca biblioteca in varie lingue, che contribuisce alla fama del Museo dell’Iraq ritenuto uno dei migliori al mondo per lo studio della Mesopotamia“.

(trad. da Iraq. Guía turística , State Organization For Tourism General Establishment For Travel and Tourism Services, Baghdad, 1982)