Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

Como evento Villa del Grumello – 27 maggio wellness day per Bambini e adulti

IMPERDIBILE

NELLA MAGNIFICA CORNICE DEL PARCO CIRCOSTANTE VILLA GRUMELLO (dopo Villa Olmo sulla strada per Cernobbio)

Dalle ore 11 Qi quong e Taiji quan nel parco; sino alle ore 12.

Negli stessi orari giochi marziali pe ri bambini.

Dalle ore 10.30 alle 12 e dalle 15,30 alle 17; usi e consumi delle erbe aromatiche per la salute; da renotare: parco@villadelgrumello.it

Ore 16- 17 altra attività relativa ad erbe aromatiche; riconoscimento olfattivo delle erbe aromatiche.

 

 

Il mondo in Italia a Ciuduno (BG) – Lo spirito del pianeta

“Lo spirito del pianeta”,  18° edizione

Da Venerdì 25 Maggio 2018 16:00
a Domenica 10 Giugno 2018 23:00

Da venerdì 25 maggio a Chiuduno (Bg)

Tanti ospiti provenienti da tutto il mondo.

Popoli maori, masai, tufi, inuit, zulu, maka, indios, indiani …

Mercatini etnici e numerosi punti di ristoro per provare la cucina di diversi Paesi. 

-27 maggio la Marcia delle donne per pace,

-30 l’accensione del Fuoco sacro dei Gruppi indigeni,

-4 giugno la notte dei tamburi

-10 giugno,

– chiudono la manifestazione, canti e danze tradizionali di tutti i gruppi ospiti.

https://www.lospiritodelpianeta.it/festival/2018/

EVENTO MILANO – full immersion Corea 28 maggio – 1° giugno 2018

A Milano full immersion sulla Corea

dal 28 maggio al 1° giugno

ENTRATA GRATUITA

Cultura – beauty – cucina – musica – danza – dibattito politico  ….

Dalla politica internazionale – agli chef –  dai musici ai ballerini – dagli atleti del Taekwondo al make up

Gratis cibo, corsi e spettacoli per cinque giorni
aperti a tutti coloro che vogliono conoscere
il Paese del Calmo Mattino

In apertura K-Union, un convegno sulle 2 Coree

Da Palazzo Clerici al Teatro Burri nel Parco Sempione, al Consolato Generale della Repubblica di Corea, allo Spazio Oberdan e al Teatro No’hma, tutti i luoghi per conoscere la Corea

 – Dagli studiosi di politica internazionale agli chef, dai musici ai ballerini, dagli atleti del Taekwondo alla make up artist, sono queste le personalità che per 5 giorni accompagneranno milanesi e non solo alla scoperta di uno dei più affascinanti Paesi dell’Estremo Oriente: la Repubblica di Corea.

Dal 28 maggio al 1° giugno si svolge, infatti, la Korea Week, organizzata dall’Ambasciata Coreana, dal Consolato Generale della Repubblica di Corea a Milano, in collaborazione con il Comune di Milano; una settimana di approfondimenti, workshop, degustazioni, musica e cinema.
La kermesse è diretta dall’Istituto Culturale Coreano che ha organizzato un fitto calendario di eventi, tutti gratuiti: la settimana si apre con un convegno politico sulle relazioni tra le due Coree, dove sarà presente l’Ambasciatore della Repubblica di Corea, e continuerà con una vera e propria festa al Teatro Burri al Parco Sempione, dove scenderanno in campo numerose maestranze dell’artigianato, artisti e atleti coreani. Al Teatro No’hma sarà, invece, organizzata una nuovissima forma di performance coreana, mentre al Consolato Generale della Repubblica di Corea, sarà celebrata con una mostra la calligrafia coreana. Chiude la settimana il cinema coreano allo Spazio Oberdan, accompagnato dal Mini Food Truck di street food coreano.

Ecco tutti i dettagli degli eventi.

Lunedì 28 maggio, ore 17.30

PALAZZO CLERICI
Via Clerici, 5

K – UNION
Forum politico sulle due Coree

Jong Hyun Choi, ambasciatore della Repubblica di Corea in Italia, terrà insieme all’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale ISPI di Milano, un forum internazionale sulle relazioni tra le due Coree e sulla situazione attuale di quest’ultime.
Si discuterà delle circostanze coreane, come il vertice del 27 aprile tra le due Coree, il vertice del 22 maggio tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud e il vertice del 12 giugno tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti, e sulle prospettive future.
Parteciperanno, inoltre, esperti sul campo come Myung Hyun Ko, ricercatore sulla Corea del Nord, e altri numerosi ricercatori italiani sulle relazioni tra le due Coree.

Martedì 29 e mercoledì 30 maggio, dalle 15.00 alle 19.00

TEATRO BURRI
Parco Sempione

Padiglioni aperti al pubblico con attività gratuite per conoscere in prima persona la cultura coreana
K-BEAUTY per conoscere il make up Coreano
La make up artist anglo-coreana Maria Gomez insegnerà a tutte le ragazze (e non) i trucchi per realizzare un make up coreano di tendenza, di straordinaria lucentezza dove punto focale sono le labbra con famoso effetto pillow lips. La make up artist fornirà inoltre spiegazioni sullo skin care delle donne coreane
K-PAPER, giornate dedicate alla carta coreana Hanji con laboratori per creare ventagli tradizionali
K-FOOD, il cibo e la cultura culinaria della Corea attraverso mostre e degustazioni

L’arte gastronomica coreana si concentra sulle salse fermentate che partono dai fagioli di soia, come ad esempio ganjang (salsa di soia), dwenjang (pasta di fagioli di soia fermentati),gochujang (pasta di peperoncino) e via dicendo. Insieme al Kimchi, un piatto già molto conosciuto, esse rappresentano la cultura culinaria coreana.
Presente sarà l’esposizione e la presentazione dei cibi fermentati e dei vari alimenti provenienti dalla Corea.
Dalle 15.00 alle 17.00: assaggi dei prodotti agricoli come Yakgwa (il dolce coreano tradizionale) e lo snack di riso che si mangia spesso in Corea.

Martedì 29 maggio dalle 17.00 alle 19.00 e mercoledì 30 maggio dalle 18.00 alle 20.00: degustazione cibi tra i quali Kimchi, bulgogi, japchae , ssamjang al bap, insalate coreane e bevande.

Il kimchi è l’alimento fermentato più conosciuto della Corea e si contraddistingue per il suo sapore particolare. In un solo Kimchi possono esserci più di 10 erbe e verdure differenti che si armonizzano in modo impareggiabile. I fermenti lattici del Kimchi, dal sapore fresco e delizioso, rafforzano il sistema immunitario del nostro organismo.

Bulgogi (manzo marinato alla griglia)

Il bulgogi è un caratteristico piatto di carne coreano fatto con strisce sottili di manzo marinato in salsa di soia e poi grigliato. Nonostante il termine Bulgogi letteralmente significhi “Carne cotta al fuoco”, questa pietanza viene spesso anche saltata in padella.

Japchae

Questo piatto si ottiene con spaghetti di patate dolci e verdure, funghi e carne in salsa di soia.
La caratteristica principale è che tutti gli ingredienti vengono cotti a parte prima di essere messi insieme.
Grazie al suo aspetto molto vivace e colorato viene presentato spesso durante i pranzi o le cene familiari in occasione di festività. Il termine ‘Jap’ significa mischiare, mettere insieme; mentre ‘chae’ significa verdure.

Ssamjang al bap
Il Ssamjang al bap è un piatto che prende il nome dalla sua forma. Al significa “la forma palline”, mentre Bap e’ il riso.Esso e’ infatti una pallina di riso, verdura e ssamjang (una pasta con peperoncino e fagioli di soia fermentati).

Insalata di Yuja
La Yuja è un tipo di agrume ricco di qualità nutrizionali, si utilizza in cucina con la sua polpa. In Corea spesso d’inverno si beve il the di Yuja. La polpa di questo frutto è usata anche come condimento per l’insalata.

K- FASHION possibilità di provare magnifici abiti della tradizione coreana, chiamati “Hanbok”

K-CALLIGRAPHY stand di scrittura in calligrafia coreana del proprio nome su carta Hanji

Martedì 29 maggio, dalle ore 18.30
TEATRO BURRI
Parco Sempione

K-TAEKWONDO

La tradizionale arte marziale coreana.

La prima parte della performance (dalle 18.30 alle 19.00), organizzata in collaborazione con la Federazione Italiana Taekwondo (FITA), coinvolge le principali Associazioni Sportive della Regione Lombardia, che si esibiranno sul palco del Teatro Burri, subito prima della performance del WT Demo Team.

A partire dalle ore 19, invece, gli atleti del World Taekwondo si esibiranno in uno spettacolo intitolato ‘La Mattina dell’Oriente’. In questa esibizione la squadra del World Taekwondo darà dimostrazione della bellezza di questa disciplina con la partecipazione di atleti delle Associazioni Sportive della Regione Lombardia, mostrando un’altra volta che la forza dello sport può unire paesi diversi, come già successo ai Giochi Invernali di Pyeongchang con le due Coree.

Mercoledì 30 maggio, dalle ore 20.00
TEATRO BURRI
Parco Sempione

K-DANCE&FASHION
Danze tradizionali e moda si uniranno a partire dalle 20 per 30 minuti circa con i musicisti della compagnia ‘Doodulsori’ con la percussione di strumenti tradizionali coreani. Alle 20.30 andranno in scena le ballerine della compagnia ‘Do dance’, che mostreranno la dinamicità della danza tradizionale coreana.
Tutti gli spettacoli sono gratuiti.
Doodulsori

Gylnori

Gylnori, chiamato anche Gylgut o Geoligut, ha il ruolo di scaldare l’atmosfera prima dell’esecuzione vera e propria attraverso gli esecutori che, muovendosi, iniziano a suonare gli strumenti a percussione.

Pangut

Il Pangut è una tipologia di esecuzione con danza che fa parte dei Pungmulnori (genere di musica basata sugli strumenti a percussioni) ed è caratterizzato da movimenti spettacolari e acrobazie. È un’esecuzione in cui il pubblico e gli esecutori possono condividere l’euforia dello spettacolo.

Samulnori

È un’esecuzione in cui vengono suonati gli strumenti principali del Pungmulnori (come il Kkwaenggwari, il Jing, il Janggu e il Buk), ma, a differenza del Pungmulnori, non ci sono danze e ci si concentra solo sul ritmo degli strumenti.

Do Dance

Hwagwanmu

È una danza eseguita con una corona di fiori in cui si lascia ondeggiare in aria l’Hansam (pezzo di stoffa di vari colori usato durante la danza) e vengono usati come musica d’accompagnamento il Seyongsan e il Dodeuri che fanno parte del Yongsanhwesang.

Hanbyeokcheongyeon
Hanbyeokru è un luogo in cui, fin dall’antichità, si svolgevano ricerche sulla lingua coreana e, nello stesso tempo, venivano composte raffinate poesie. È quindi un’esecuzione in cui viene espressa la fermezza d’animo degli antichi studiosi.

Buchaechum

È una danza eseguita tenendo per ogni mano un ventaglio, su cui sono disegnati dei fiori, e indossando l’abito tradizionale Dangui.

Nelle coreografie si viene a formare la forma di un grande fiore e questo tipo di esecuzione venne elogiato molto durante le Olimpiadi in Messico del 1968 e, ancora oggi, è considerato come una delle opere più famose.
Shinnori

È un’esecuzione fatta con il Kyonggo (una piccola percussione tradizionale coreana) e attraverso il Madangnori (Buponori) si prega per avere un buon anno, fortuna e ricchezza. Vengono inoltre rappresentati i colori caratteristici della Corea.
Sfilata di Hanbok

È una rappresentazione degli abiti tradizionali coreani tra cui i Dangui (usati nell’era Chosun dalle donne), i Soryebok (abiti usati durante piccole cerimonie) e i più moderni Hanbok. Infine ci sarà una presentazione di come potrebbero evolversi nel futuro questi Hanbok.

Mercoledì 30 e giovedì 31 maggio, ore 21.00
TEATRO NO’HMA
Via Orcagna, 2

K-MODERN PERFORMANCE
Ingresso gratuito, con prenotazione al sito www.nohma.org, telefonando allo 02 4548 5085/ 02 2668 8369 o tramite e-mail a: nohma@nohma.it
Spettacolo The “Drawing Show”, il primo tentativo di portare l’arte sul palcoscenico, lanciando un nuovo mondo di performance artistiche. Il pubblico sarà “inghiottito” in straordinarie sessioni di disegno dal vivo.

Dal 1° – 11 giugno, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18
Inaugurazione 31 maggio, ore 18.00
CONSOLATO GENERALE DELLA REPUBBLICA DI COREA
4° piano, Piazza Cavour, 3

K-CALLIGRAPHY
Mostra di calligrafia coreana dal titolo “Arte calligrafica, Danza del pennello ed Eco dell’inchiostro che risuona”
Il visitatore avrà l’opportunità di conoscere l’antica arte della calligrafia sviluppatasi in Asia Orientale. Il 2018 segna inoltre il 600° anno dall’invenzione dell’alfabeto coreano “Hangeul”, ad opera del Re Sejong. Per commemorare tale evento, verranno presentate alla mostra delle opere di arte calligrafica in Hangeul del maestro Kim Byeong-gi e di altri artisti di calligrafia italiani.
Venerdì 1° giugno, ore 19.00
SPAZIO OBERDAN
Piazza Oberdan

K-MOVIE, proiezione del film coreano “A Taxi Driver” (2017), sottotitolato in italiano.
L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.
Proiezione del film coreano con sottotitoli in italiano “A Taxi Driver”, un action drama diretto dal regista Jang Hun, con la partecipazione di Song Kang-Ho nel ruolo principale. Il film è incentrato sulla storia di un autista di taxi di Seoul che casualmente viene coinvolto negli eventi del Movimento di Democratizzazione di Gwangju del 1980.

Venerdì 1° giugno, dalle 15.30 alle 19.30
Mini Food Truck
Zona Piazza Oberdan / c.so Buenos Aires

STREET FOOD COREANO

Organizzato da Korea Agro-Trade Center Milano, in un simpatico food truck si potranno degustare gratuitamente alcuni cibi coreani come pollo fritto con salsa Ganjang e Ginseng (Ganjang è la salsa di soia coreana),

Teokpokki con funghi coreani (gnocchi di riso con salsa piccante e funghi coreani), Frittella Kimchi.

L’attività si svolgerà dalle 15.30 alle 19.30 in c.so Buenos Aires (verso P.ta Venezia) e si sposterà davanti allo Spazio Oberdan per accompagnare gli spettatori del K-MOVIE.

 

Arte – Reggia di Caserta – Marco Lodola – Giovanna Fra Tempus – Time

REGGIA DI CASERTA
Caserta, via Douhet 2/A
Marco Lodola – Giovanna Fra
Tempus – Time
a cura di Luca Beatrice
14 giugno – 15 settembre 2018
conferenza stampa mercoledì 13 giugno, ore 18
inaugurazione su invito

https://webmail32a.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=d26d90d22d67109&uid=91100&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=37d355040d45585&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=3

Marco Lodola, Pegaso Viola , 2018

Unione tra passato e contemporaneo è la mostra “Marco Lodola – Giovanna Fra. Tempus – Time” a cura di Luca Beatrice, esposta presso la Reggia di Caserta dal 14 giugno al 15 settembre.
L’esposizione, organizzata da Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e da Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, gode del patrocinio del Comune di Caserta, del Madre – fondazione donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta.
Il titolo della mostra è un voluto riferimento al trait d’union che Marco Lodola e Giovanna Fra, grazie alle loro opere, creano fra il Tempus, la dimensione temporale legata all’antichità, al classico, alla storica sede espositiva e il Time , sintesi del mondo contemporaneo.
La Reggia di Caserta, la residenza reale più grande del mondo, accoglie il percorso espositivo composto da una selezione di opere dei due artisti, che dall’ingresso si snoda negli spazi interni, nel parco reale, fino ad arrivare agli appartamenti del piano nobile. L’immenso parco della sontuosa villa, nel raggio di un chilometro, è punteggiato da oltre venti monumentali sculture luminose di Marco Lodola che rappresentano alcuni dei suoi soggetti tipici, uomini e donne, ballerini, danzatrici, animali, figure reali e immaginarie, che metaforicamente partecipano a una festa di corte. Questi lavori, oltre al forte impatto creato grazie alla loro imponenza e alla vivacità dei colori, si caratterizzano per la loro peculiarità: l’emanare luce, che genera dinamismo, potenza, vitalità; qualità che non riguardano solamente le opere in sé, ma che vengono trasmesse anche all’ambiente circostante.
Le installazioni di Lodola appaiono in grande sintonia con le tele di Giovanna Fra che accolgono il visitatore negli appartamenti reali e, caratterizzate da un forte cromatismo, incarnano perfettamente quell’arte contemporanea in cui la contaminazione di tecniche e la sperimentazione sono elementi imprescindibili. L’artista si misura con lo spazio interno e l’architettura vanvitelliana, reinterpretando nelle sue opere i motivi decorativi settecenteschi, arazzi, carte da parati, arredi Barocchi e Neoclassici, attraverso il linguaggio segnico, costituito da tracce di colore dalle forme imprevedibili e uniche, da textures astratte che si intrecciano con le trame del supporto digitale. I suoi lavori di matrice informale abbandonano infatti i mezzi tradizionali e, partendo da frame fotografici stampati su tela, Giovanna Fra arriva al risultato finale, percorrendo un cammino a ritroso, che la conduce a terminare l’opera con delle pennellate tradizionali, un’ulteriore dimostrazione del legame fra tempus e time e nel caso specifico del “passaggio da time a tempus”.
Seppure provenienti da formazioni diverse i lavori di Marco Lodola e Giovanna Fra creano un profondo dialogo e si completano vicendevolmente, ma soprattutto instaurano un forte legame con il luogo che li ospita, come afferma Luca Beatrice nel testo dedicato alla mostra: ” Dialogare con stucchi, decorazioni, pitture di genere e, soprattutto, con un’architettura di inestimabile pregio può costituire infatti una sfida ardua eppure affascinante per gli artisti contemporanei, a partire dall’utilizzo di materiali anomali che solo da poco sono entrati nel novero appunto dell’artisticità. Senza contare volumi, cubature e l’immensità di un parco che farebbe spaventare chiunque. […] Realizzare un cortocircuito visivo tra il tempus e il time, ovvero il passato e il presente, è rischio che l’arte di oggi sente di correre con sempre maggior frequenza. Ora, in particolare, tra pittura, elaborazione digitale, plastica e luce “.
La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Skira , con un vasto repertorio di immagini, il testo del curatore Luca Beatrice e numerosi interventi fra cui quelli di Renzo Arbore, Aldo Busi, Lorenzo “Jovanotti” Cherubini, Piero Chiambretti, Roberto D’Agostino, Salvatore Esposito, Ciro Ferrara, Antonio Stash Fiordispino, Enzo Iacchetti, Max Pezzali, Andrea Pezzi, Red Ronnie e di critici illustri quali Achille Bonito Oliva, Philippe Daverio, Gillo Dorfles, Martina Corgnati, Vittorio Sgarbi.
Cenni biografici .
Marco Lodola nasce a Dorno (Pavia), frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze e di Milano. Successivamente, all’inizio degli anni ’80, si affianca al nuovo futurismo. Si avvicina presto all’uso di materiali plastici che sagoma e colora con una tecnica personale, l’evoluzione della sua ricerca lo porta ad inserire fisicamente la luce nei suoi lavori: nascono le sculture luminose, che caratterizzeranno tutta la produzione artistica. Le sue opere sono presenti in vari musei, ha inoltre realizzato scenografie per film, trasmissioni, concerti ed eventi. In particolare è stato attivo nella moda e nel teatro. Fra le numerose mostre, si ricorda la sua presenza al Padiglione Italia della 53ª Biennale di Venezia con un’installazione luminosa e alla 54ª Biennale di Venezia con il progetto a cura di Vittorio Sgarbi “Cà Lodola”.
Giovanna Fra nasce a Pavia, si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera, con una tesi su John Cage ed il rapporto tra arte e musica.
La sua visione creativa ha privilegiato la fisicità dinamica del colore in relazione alle diverse consistenze della materia, fissando nell’immediatezza del gesto attimi di vibrante musicalità. Recentemente è stata invitata ad esporre al Friendschip project nel Padiglione della Repubblica di San Marino per la 57° edizione della Biennale di Venezia.
Main sponsor: GRAND HOTEL BILLIA – PARC HOTEL BILLIA – SAINT-VINCENT RESORT & CASINO – CASINO DE LA VALLÉE SAINT-VINCENT
Sponsor: DHL – OFFICE DEPOT – HARMONT&BLAINE
In collaborazione con DEODATO ARTE
Coordinate mostra
Titolo Marco Lodola – Giovanna Fra. Tempus – Time
A cura di Luca Beatrice
Sede Reggia di Caserta, via Douhet 2/A – 81100 Caserta
Date 14 giugno – 15 settembre 2018
Conferenza stampa mercoledì 13 giugno, ore 18
Inaugurazione su invito
Catalogo Skira
Orari Appartamenti storici : tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 19 – uscita dal museo 19.25) – Parco : dalle 8.30 alle 19 (ultimo ingresso ore 18) – Giardino Inglese : dalle 8.30 alle 18 (ultimo ingresso ore 17) – MARTEDÌ CHIUSURA SETTIMANALE
Ingresso mostra compreso nel biglietto della Reggia
Appartamenti storici, Parco e Giardino Inglese € 12,00 intero – € 6,00 ridotto
Solo Appartamenti Storici (acquistabile quando il parco è chiuso) € 9,00 intero – € 4,50 ridotto
La prima domenica di ogni mese Appartamenti storici gratuito – Parco della Reggia € 5,00 intero –
€ 2,50 ridotto – gratis fino a 18 anni
Info pubblico
www.tempustime.com – info@tempustime.com
Facebook/Instagram: Tempus Time

BIENNALE ARCHITETTURA A VENEZIA – Apre il 26 maggio 2018

BIENNALE ARCHITETTURA 2018

Da sabato 26 maggio a domenica 25 novembre

75 Paesi partecipanti

sette per la prima volta

curata da due donne architetto irlandesi come Yvonne Farrell e Shelley Mc Namara.

Freespace (Spazio libero)

è il titolo dell’esposizione 2018

PIU’ SOTTO SPECIALE CINA E PERU’

Quest’anno la novità è che la mostra non sarà solo ai Giardini ed all’Arsenale, ma l’intera città aprirà alla mostra:

-molte esposizioni collaterali

alcuni padiglioni stranieri con sede nei palazzi veneziani.

Più che  mostra, sarà una nuova idea di architettura “sociale”.

Saranno presenti anche molti architetti pressoché sconosciuti, che Farrell e McNamara hanno scoperto e selezionato in giro per il mondo. Scelta che fa onore alle curatrici.

Ovviamente non mancano i progettisti famosi:

David Chipperfield, Alvaro Siza, Kazuyo Sejima (già direttore di Architettura), Rafael Moneo, Souto Moura, Odile Decq, Toyo Ito, tra i tanti.

Italiani: Cino Zucchi, Marco Pogacnik, Francesca Torzo, Maria Giuseppina Grasso Canizzo.

Per la prima volta, saranno presenti: Antigua e Barbuda, Arabia Saudita, Guatemala, Libano, Mongolia, Pakistan e la Santa Sede.

Dopo la Brexit, il Padiglione inglese, intitolato “Island”, diventerà uno spazio pubblico per incontri popolari per un intero anno.

“Repair” è titolo del padiglione australiano, 30 mila piante esposte all’interno;  65 specie della prateria che rischiano di scomparire.

“In Statu Quo: Architecture of Negotiation” è il tema del  padiglione israeliano; sull’ attuale  tormentata relazione tra Israele e Palestina. Sarà uno dei padiglioni con maggiori misure di sicurezza insieme alla Russia.

Il Padiglione Italia all’Arsenale è curato da Mario Cucinella, con il nome di  “Arcipelago Italia”; per indagare le complessità dei territori interni al Paese Italia.

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Padiglione della Cina

Il ritorno alla vita pastorale è stato a lungo un ideale della tradizione letteraria cinese

16a Mostra Internazionale di Architettura La Biennale di Venezia
COSTRUIRE UNA CAMPAGNA DEL FUTURO

26 maggio – 25 novembre 2018 Giorni di anteprima: 24-25 maggio 2018

Anteprima stampa: 25 maggio, 14.45 Cerimonia di apertura: 25 maggio, ore 15.30

“La motivazione per questa mostra è più che solo xiangchou, un termine cinese che si riferisce alla nostalgia per le terre rurali.

Ritorniamo nelle campagne dove la cultura cinese ha origine per recuperare valori dimenticati e possibilità trascurate; da lì, costruiremo una futura campagna. “- Li Xiangning (Curatore)

Una delle maggiori sfide per gli ambienti contemporanei costruiti è il futuro dello sviluppo rurale. In Cina, la campagna è diventata una nuova frontiera per gli esperimenti in questo settore, e il paese sta sviluppando le sue campagne a una velocità e una scala invisibili in Occidente.

Disegnati dalla promessa di opportunità illimitate, architetti, artisti, sviluppatori e il flusso di capitali stanno convergendo nelle aree rurali di tutta la nazione.

Il ritorno alla vita pastorale è stato a lungo un ideale della tradizione letteraria cinese.

Nei tempi moderni, vivere in aree rurali coinvolge in genere aspetti come politica, capitale, infrastrutture e tecnologia.

Mentre la modernizzazione e il progresso tecnologico ci promettono una vita migliore con le condizioni di vita moderne, anche loro, in una certa misura, separano il legame tra vita rurale e tradizione.

Di fronte alle abitazioni rurali prodotte in serie dall’urbanizzazione, gli architetti cercano di trovare una via di mezzo tra tradizione e modernizzazione, sfruttando la tecnologia moderna alla ricerca di una connessione vernacolare.

Dalla grande distesa gialla dell’altopiano di Loess alle città acquatiche a sud dello Yangtze, dalle vaste e abbondanti pianure della Cina nord-orientale alle verdi e bellissime fattorie del sud, centinaia e migliaia di villaggi sono diventati siti per lo sviluppo industriale, -building e creazione culturale.

Questi siti godono di enormi opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche, tra cui internet, sistemi logistici e economie di condivisione.

Lo sviluppo della campagna nella Cina contemporanea non ha precedenti sia nella sua scala che nei suoi approcci.

Ancora più importante, questo sviluppo anticipa una nuova soluzione fondata sulle condizioni uniche della Cina.

Costruire un futuro La campagna descrive la campagna della Cina contemporanea attraverso sei episodi: abitazioni poetiche, produzione locale, pratiche culturali, turismo agricolo, ricostruzione della comunità e esplorazione futura. Questa mostra delinea un freespace per opportunità e anticipa lo sviluppo futuro.

PROGETTI PRINCIPALI
Entrando nel padiglione, seguendo il percorso della mostra, i progetti principali sono:
Forno in legno Bing Ding di Zhang Lei, AZL Architects
Xinzhai Coffee Manor di Hua Li, Trace Architecture Office – TAO
Una vecchia-nuova casa di John Lin + Joshua Bolchover, Rural Urban Framework Cidi Memo, una città della memoria di Liu Yuyang, Atelier Liu Yuyang Architects Mountain Dwelling. Abitazione Waterside. Forest Dwelling di Dong Yugan In Bamboo di Philip F. Yuan, Archi-Union Architects, co. Ltd

Fuori dal padiglione della Cina, nel giardino:

Cloud Village di Philip F. Yuan, Shanghai Digital Fabrication Engineering Technology Centre
LI XIANGNING, CURATORE

Il Dr. Li Xiangning è vice preside e professore ordinario di storia, teoria e critica all’Università di architettura e pianificazione urbana dell’Università di Tongji. È membro della CICA (Comité International des Critiques d’Architecture), ha lavorato come curatore per numerose mostre e ha pubblicato numerose pubblicazioni sull’architettura e l’urbanistica cinese contemporanea. È capo redattore di Architecture China e President of Architecture China Foundation. Inoltre, ha lavorato con musei e istituti internazionali ed è stato membro della giuria di numerosi premi e concorsi internazionali.
PADIGLIONE DELLA CINA – 16 MOSTRA INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA LA BIENNALE DI VENEZIA
Commissario: China Arts and Entertainment Group (CAEG)
Organizzatore: Ministero della cultura e del turismo della Repubblica popolare cinese. Presentatore: China International Exhibition Agency
Vice commissario: Li Jinsheng, Wang Chen
Commissari aggiunti: Huang Xiaogang, Liu Zhenlin, Li Rui, Yang Xin, Xie Yanyi, Li Yunyun, Zhang Ziwei
Collaboratori: Zhu Di, Zheng Hao, Wang Mingxian, Zhu Wenyi, Shi jian, Li Hu
Curatore: Li Xiangning
Assistenti del curatore: Yao Weiwei, Mo Wanli, Gao Changjun Research Team: Zhang Xiaochun, Lin Lin, Deng Yuanye
Display Design: Liu Yuyang, Zhang Ziyue
Graphic Design: Ni Minqing, Li Jixin
Espositori: Dong Yugan, Hua Li, Liu Yuyang, Philip F. Yuan, Rural Urban Framework, Zhang Lei, Atelier Archmixing, Atelier Deshaus, Chen Haoru, Cina Nuova pianificazione rurale e design, Dong Gong, Drawing Architecture Studio, Hsieh Ying-Chun , Jin Jiangbo, Li Yikao, Li Xinggang, Seung H-sang, Nishizawa Ryue, Li Zhenyu, Lyu Pinjing, Naturalbuild, O-office Architects, temp architects, Xu Tiantian, Zhang Li, Zhao Yang, Zhu Jingxiang

Photo: CINA Biennale 2018 Philip F. Yuan, In Bamboo, © Bian Lin Courtesy Pavilion of China at the 16th International Architecture Exhibition of La Biennale di Venezia

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PERU’ ALLA BIENNALE 2018

Biennale di Architettura di Venezia 2018 – Il Perù si prepara

Per ulteriori informazioni:

http://www.peru.travel

Facebook: www.facebook.com/visitperu

Twitter: https://twitter.com/visitperu

Youtube: www.youtube.com/VisitPeru

Instagram: https://instagram.com/peru/

 

Palermo Città della Cultura Italiana e Manifesta 12 SIGNORI PREGO SI ACCOMODINO

In occasione di Palermo Città della Cultura Italiana
e Manifesta 12
SIGNORI PREGO SI ACCOMODINO
approda a Palermo con la mostra
Lia Pasqualino Noto
a cura di
Geraldine Blais
 
progetto organizzato da
NUOVE//Contemporary Art Production
 
in collaborazione con
Marsèll  
 
con il patrocinio di
GAM – Galleria D’Arte Moderna, Palermo
Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, Palermo 

 

 

18.06 – 01.07.2018  


inaugurazione solo su invito
18.06.2018, 18.00 – 21.00

visite solo su prenotazione
orari | 10 – 12 / 17 – 20

 

In occasione di Manifesta 12 approda a Palermo, nominata nel 2018 città della Cultura Italiana,  il ciclo espositivo di grande successo Signori prego si accomodino, ideato e curato da Geraldine Blais con il sostegno e la collaborazione di Marsèll.

Il progetto, dedicato alla valorizzazione di grandi artisti del passato, si sviluppa come un dialogo tra la loro eredità culturale e creativi contemporanei, attivando inediti percorsi all’interno di luoghi intimamente legati alla vicenda umana e alla poetica di questi fondamentali protagonisti della recente storia dell’arte.

L’edizione palermitana di Signori prego si accomodino è il terzo capitolo di un racconto partito a Venezia (Biennale Arte 2015 e Architettura 2016) con due appuntamenti dedicati alla figura di Carlo Scarpa.

La mostra si articolerà come un progetto costruito ad hoc per la città e dedicato a un’artista che proprio a Palermo ha legato indissolubilmente la sua vita e la sua arte: Lia Pasqualino Noto (Palermo, 1909 – Palermo, 1998) celebrando così il ventesimo anniversario della sua scomparsa.
Da lunedì 18 giugno a domenica 1 luglio 2018, apriranno per la prima volta al pubblico le porte della casa-studio dell’artista.
Il progetto ha coinvolto diversi artisti del panorama internazionale contemporaneo, invitati a relazionarsi con la vita e l’opera della pittrice palermitana, in un percorso che si riappropria degli spazi di casa Pasqualino Noto.

Creando uno scenario capace di dialogare in sintonia con l’atmosfera e gli ambienti preesistenti, si rende testimonianza di quel fervore intellettuale che fu fra i più vivi focolari culturali della città di Palermo, ospitando tra le più radicali personalità del panorama artistico italiano fra le due guerre.

Il progetto espositivo intreccia passato e presente anche della famiglia Pasqualino Noto invitando, accanto agli artisti, i componenti della famiglia dell’artista – Beatrice, Caterina, Lia, Liuc, Maia, Matilde – a realizzare alcune opere, con il fine di restituire l’immensa eredità che l’artista ha lasciato nell’esperienza delle generazioni successive.

Lia Pasqualino Noto, esponente del Gruppo dei Quattro insieme a Renato Guttuso, Nino Franchina e Giovanni Barbera, fu una dinamica e singolare voce femminile della pittura dei primi del Novecento, a lungo lasciata ai margini dal dibattito artistico, ma figura fondamentale del panorama culturale palermitano.

La pittrice affrontò con ferma posizione e coraggiosa coerenza gli influssi dei nuovi stili pittorici del suo tempo, dagli epiloghi del futurismo sino al più deciso astrattismo.
Nel suo percorso artistico e nella sua storia emergeranno i grandi contrasti dell’Italia tra gli anni ’30 e gli anni ’50, tra cui la questione del femminile, incontrata nelle sue personali difficoltà a raggiungere il successo, di pubblico e critica, in quanto donna, arrivando a giocare sull’equivoco creato dal doppio cognome “Pasqualino Noto” per lasciare credere che il suo lavoro fosse opera di un uomo, suo marito Guglielmo Pasqualino Noto.
Curatore
Geraldine Blais
Assistente Curatore
Giuseppina Vara
Informazioni
liapasqualinonoto@gmail.com
Grafica
Tommaso Lodi
Fotografo
Giacomo D’Aguanno

Arte a Torino da non perdere ! ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica

ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà di Roma

dal 20 Aprile 2018 al 26 Agosto 2018

Giovedì 24 maggio 2018, ore 18

Doppia conferenza in occasione della mostra ORIENTI

::::::::

Mostra ORIENTI

Protostoria, l’Età del Ferro, l’arte sudarabica, delle culture imperiali iraniche, l’arte buddhista del Gandhāra, la tradizione religiosa dell’Induismo e del Jainismo … miniature indiane e bronzi tibetani, statuine cinesi e dipinti giapponesi

La collaborazione avviata negli anni tra le due più importanti realtà museali italiane che hanno come oggetto d’interesse l’Asia, il MuCiv Museo delle Civiltà – Museo d’Arte Orientale ‘Giuseppe Tucci’ di Roma e il MAO Museo d’Arte Orientale di Torino, ha trovato un naturale punto d’incontro nell’accordo che prevede la presentazione a Torino di una importante selezione di opere d’arte conservate a Roma.

La mostra presenterà al pubblico circa 180 opere della ricchissima collezione romana, opere tra le più significative dell’ex Museo Nazionale d’Arte Orientale che, dopo questa esposizione temporanea, approderanno alla nuova sede dell’EUR. La grande esposizione, come uno scrigno che si apre ai visitatori, metterà in luce l’arte di epoche e regioni poco rappresentate nel museo torinese, eccellenze della produzione artistica asiatica lungo sette millenni di storia, a partire dalla fine del VI millennio a.C.

Il progetto di mostra si svilupperà attraverso due filoni narrativi che nell’allestimento correranno paralleli.

Il primo filone riguarda la storia del Museo Nazionale d’Arte Orientale di Roma e delle collezioni che nel corso della lunga storia del museo sono entrate a farne parte. In ogni sezione il pubblico ripercorrendo la storia delle collezioni entrerà a far parte del museo attraverso campagne di scavo italiane in Asia, accordi internazionali o donazioni di importanti collezioni private.

Il secondo filone riguarda le diverse aree culturali e tradizioni artistiche presentate in mostra, quali il Vicino e Medio Oriente antico, l’arte sudarabica, l’arte regale degli Achemenidi, dei Parti e dei Sasanidi, l’arte islamica ghaznavide e quella dell’area persiana, per finire con l’Asia meridionale e l’Asia orientale. Il visitatore potrà apprezzare esempi straordinari che illustrano la Protostoria, l’Età del Ferro, l’arte sudarabica, delle culture imperiali iraniche, l’arte buddhista del Gandhāra, la tradizione religiosa dell’Induismo e del Jainismo.

Miniature indiane e bronzi tibetani, statuine cinesi e dipinti giapponesi si susseguiranno nelle sale della mostra.

Tra le opere esposte una Testa funebre in alabastro del I secolo a.C. –  I secolo d.C. proveniente dallo Yemen.

Si tratta di una categoria di manufatti che fino alla metà del secolo scorso sebbene già musealizzati erano ancora avulsi dal loro contesto e la cui giusta collocazione è stata identificata a partire della missione del 1947 di Ahmed Fakhry.

Tuttavia solo gli scavi della Missione Archeologica Tedesca a Mārib, alla fine degli anni Novanta, hanno scoperto per la prima volta che queste teste erano posizionate su stele e non collocate all’interno di templi, come erroneamente ritenuto fino a quel momento.

E ancora in mostra si potrà godere della raffinatezza di un piccolo Calice con serbatoio conico scanalato con terminazione a testa taurina in argento sbalzato proveniente da Qasr-e Shirin, Iran occidentale, del periodo achemenide, IV secolo a.C.

Oggetti in metallo pregiato con terminazione zoomorfa erano impiegati nelle cerimonie e nei banchetti regali e la valenza rituale di questo tipo di manufatto è confermata dai testi, come dal cerimoniale di corte assiro.

Il serbatoio conico fortemente rastremato con testa d’animale definisce la rarità di attestazione e l’originalità del modello.

Sempre iraniani, ma del periodo sasanide, VI-VII sec. d.C., sono gli Elementi di cintura: puntale, fibbia con ardiglione e placca, placche e pendenti in oro, manufatto realizzato unendo diverse tecniche come fusione, granulazione, battitura e incisione.

L’arte dei Sasanidi ha svolto un ruolo fondamentale nella trasmissione al mondo tardoantico e medievale della più autentica eredità culturale e spirituale dell’Oriente antico, dell’Occidente ellenistico-romano e dell’Eurasia.

Nel tardo periodo, con l’intensificarsi dei contatti commerciali e politici, si accentuò un particolare processo di globalizzazione artistica a forte connotazione iranica, che spiega l’originalità e la peculiarità formale e decorativa di alcuni modelli.

Dall’India, dal Rajasthan del XVIII secolo, arriva l’acquerello opaco su carta raffigurante un Diagramma cosmologico di ambito jainista.

La dottrina jaina non prevede un dio creatore e ordinatore, considera l’universo non una forma illusoria ma una realtà regolata da proprie leggi, che esiste da sempre e sempre esisterà.

La complessa cosmologia che ne deriva, caratterizzata dall’utilizzo dell’astronomia e della matematica e basata sulla teoria del karman, porta alla realizzazione di immagini per la meditazione sul rapporto tra il microcosmo e il macrocosmo e a manoscritti geografico-cosmologici sul mondo degli uomini denominati Kṣetrasamāsa.

Dalla Cina settentrionale del II millennio a.C. (cultura Qijia o dinastia Shang) arriva un Elemento decorativo o amuleto in giada.

La giada, già importante per queste culture, nelle dinastie successive fu assunta tra i più alti simboli di nobiltà e di ricchezza dell’aristocrazia e la Scuola daoista ne esaltò le propietà taumaturgiche.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Museo Nazionale d’Arte Orientale in Roma

Il Museo Nazionale d’Arte Orientale in Roma venne istituito nel 1957 con Decreto del Presidente della Repubblica e aperto al pubblico nel 1958. Nel 2010 il museo è stato intitolato a Giuseppe Tucci (1894-1984), uno fra i massimi orientalisti del Novecento, che ne promosse la fondazione. Giuseppe Tucci, noto anche al pubblico non specialista per le ricerche compiute nell’area tibetana in occasione di spedizioni delle quali ha lasciato memorabili resoconti di viaggio, è stato inoltre Presidente dell’Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente (IsMEO) dal 1947 al 1978. Il Museo Nazionale d’Arte Orientale era un Istituto con finalità particolari del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Le sue specificità si sostanziavano innanzitutto nella tutela delle collezioni statali d’arte orientale e al contempo nella promozione di sempre maggiori conoscenza e consapevolezza in Italia riguardo alle culture e civiltà d’Asia, attività di valorizzazione resa tanto più necessaria dall’incalzare dei più recenti sviluppi globali.

Insieme all’IsMEO-Istituto Italiano per il Medio e l’Estremo Oriente il Museo Nazionale d’Arte Orientale ha organizzato, per oltre cinquanta anni, missioni archeologiche ed etnografiche in diversi paesi asiatici: Afghanistan, Armenia, Cina, Giordania, Iran, Iraq, Kazakistan, Nepal, Oman, Pakistan, Tagikistan, Thailandia, Turkmenistan, Uzbekistan, Yemen. Oltre al rilievo posto sull’attività archeologica italiana in Oriente, il Museo è stato il naturale collettore di importanti donazioni e depositi d’opere d’arte asiatica presenti in Italia, nonché della fondamentale attività di sorveglianza, svolta in collaborazione con le Soprintendenze territoriali, per controllare il transito doganale dei beni culturali, evitando la dispersione delle collezioni private.

Dal settembre 2016, in un complesso piano di riforma e riassetto delle strutture del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, il Museo Nazionale d’Arte Orientale in Roma è confluito nel nuovo Museo delle Civiltà, chiudendo definitivamente nell’ottobre del 2017 per il trasferimento nella nuova sede dell’EUR di Roma. L’istituzione del nuovo museo ha permesso di raggruppare in un unico organismo quattro importanti musei nazionali: il Museo Nazionale d’arte orientale ‘Giuseppe Tucci’, il Museo Nazionale Preistorico e Etnografico “Luigi Pigorini”, il Museo Nazionale delle arti e tradizioni popolari (ora intitolato a Lamberto Loria) e il Museo dell’Alto Medioevo (ora intitolato ad Alessandra Vaccaro).

MAO Museo d’Arte Orientale

Un viaggio in Oriente. Oltre 2200 opere provenienti da diversi Paesi dell’Asia, dal IV millennio a.C. fino al XX d.C., raccontano cinque diversi percorsi per cinque diverse aree culturali: Asia meridionale, Cina, Giappone, Regione Himalayana, Paesi Islamici dell’Asia. Culture millenarie distanti e poco conosciute si avvicinano al pubblico. Il MAO, invita ad un viaggio affascinante di scambio, scoperta e conoscenza. In una realtà fatta di molte culture, il Museo contribuisce a costruire una comunità di cittadini che conoscono e amano le differenze. Al MAO tutti sono inevitabilmente stranieri, tutti hanno qualche cosa da imparare sugli altri e strumenti per riflettere su se stessi.

A partire dalla sua apertura il Museo organizza mostre, conferenze, concerti, dimostrazioni ed esibizioni, visite guidate e percorsi tematici, attività per le scuole e le famiglie, proponendo al pubblico un consistente calendario di appuntamenti che consentono di conoscere gli aspetti più vari delle culture rappresentate dalle collezioni. Numerose anche le occasioni di partecipazione a grandi eventi e di collaborazione con istituzioni Internazionali.

:::::::::::::::::::::

MAO Museo d’Arte Orientale
Via San Domenico 11, Torino
mao@fondazionetorinomusei.it

011.4436932

www.maotorino.it

Mostra
Intero €10; ridotto €8;
Gratuito Abbonati Musei Torino Piemonte, Torino + Piemonte Card, Torino + Piemonte Card Junior, i minori di anni 6, accompagnatori disabili e partecipanti ai laboratori didattici.

Mostra + collezioni
Intero €14; ridotto €12; Gratuito per le categorie sopra elencate.

Biennale di Architettura di Venezia 2018 – Il Perù si prepara

5ta Reunion Ministerial de Turismo APEC 5-11 Abril. Lima Perú 2008/Daniel Silva
PERU’ HUACA LIMA∏Walter Hupiu_PromPeró_3

Il Perù si prepara per la Biennale di Architettura di Venezia

Dal 26 maggio al 25 novembre 2018

“En Reserva” è il nome del padiglione che rappresenta il Perù quest’anno 

Un’ eredità di 447 strutture risalenti agli ultimi 4000 anni

Per la prima volta, viene messa in mostra una combinazione di siti archeologici, canali d’irrigazione preispanici e camminamenti che attraversano Lima da ancor prima dell’arrivo degli spagnoli

Presentazione al Teatro Piccolo Arsenale della Biennale di Venezia il 27 maggio alle 11:00

Il Perù si prepara per la 16 ª Esibizione Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, dove sarà presente, dal 26 maggio al 25 novembre 2018, con una mostra curata da Marianela Castro, Janeth Boza e Javier Lizarzaburu.

PERU’ Huaca LIMA ∏Beatrice Velarde_PromPeró
PERU’ HUACA LIMA ∏Walter Hupiu_PromPeró_3
PERU’ HUACA LIMA ∏Walter Hupiu_PromPeró
PERU’ HUACA LIMA ∏Walter Hupiu_PromPeró_2

 

La presenza del Paese è stata possibile grazie alla convenzione che MINCETUR, attraverso PROMPERÚ, ha firmato nel 2014 con i dirigenti della Biennale ottenendo, per un periodo di 20 anni, un esclusivo spazio espositivo all’interno dello storico Arsenale di Venezia.

Il titolo della mostra è “EN RESERVA” 4000 anni di architettura e urbanistica in un luogo inaspettato: Lima.

Tra le 40 iniziative in gara, ad aggiudicarsi la vittoria del concorso nazionale è stato proprio questo progetto, che fa rivivere il valore delle “huacas”.

“Huaca” è un termine di origine quechua che identifica un luogo, un oggetto o un essere animato ritenuto sacro.

Con questa parola si intende anche tutto il patrimonio monumentale e architettonico pre-colombiano come templi, centri amministrativi, fortezze o cimiteri.

Lima è una città in cui piove poco e proprio il clima è stato un fattore determinante per la sopravvivenza di una gran numero di strutture architettoniche monumentali in adobe, un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole.

I curatori si sono avvalsi infatti della generosa eredità di 447 strutture risalenti agli ultimi 4000 anni.

A Venezia sarà presentata un’installazione di 250 m², con un panello d’entrata che mostra 447 nodi che rappresentano le 447 huacas presenti a Lima.

Questa rappresentazione simbolica si è ispirata al punto di vista dell’artista peruviano Jorge Eduardo Eielson, nella sua dimensione di conflitto e possibilità.

Le varie parti della struttura sono state lavorate in cotone peruviano da un gruppo di artigiani diretti da don Florentino Guevara.

Il progetto si è avvalso di supporti d’eccezione, tra cui quello della creatrice musicale peruviana Pauchi Sasaki, la quale partecipa grazie al Mentore & Protegé Arts Initiatives di Rolex.

Inoltre, la realizzazione delle piante della città di Lima, di 5 x 3, sono il risultato di un grande sforzo istituzionale e, per la prima volta, viene messa in mostra una combinazione di siti archeologici, canali d’irrigazione preispanici e camminamenti che attraversano Lima da ancor prima dell’arrivo degli spagnoli.

Questo lato inedito contribuirà alla comprensione dell’evoluzione urbana e culturale della città durante gli ultimi 4000 anni.

Dal 2016, il Patronato Culturale del Perù si occupa della partecipazione peruviana alle mostre Internazionale di Arte e Architettura organizzate dalla Biennale di Venezia. Inoltre, la presente edizione conta sul patrocinio e il supporto di varie istituzioni pubbliche e private.

La presentazione al Teatro Piccolo Arsenale

I curatori Marianela Castro de la Borda e Javier Lizarzaburu terranno una presentazione al Teatro Piccolo Arsenale della Biennale di Venezia il 27 maggio alle 11:00.

Verrà trattato il complesso tema delle huacas di Lima nel contesto della Nuova Agenda Urbana e della città del XXI secolo, oltre a esplorare quali azioni possono essere intraprese per salvaguardare questa grande eredità.

PROMPERÚ – La Commissione Peruviana per la Promozione delle Esportazioni e del Turismo l’organismo ufficiale specializzato in promozione turistica e marketing, collegato al Ministero del Commercio Estero e del Turismo del Perù.

Per ulteriori informazioni:

http://www.peru.travel

Facebook: www.facebook.com/visitperu

Twitter: https://twitter.com/visitperu

Youtube: www.youtube.com/VisitPeru

Instagram: https://instagram.com/peru/

 

Foto copertina

Huaca Huallamarca a San Isidro, Lima – ©Denise Tejada/PromPerù

Fotografia a Brescia – Seconda edizione di Brescia Photo Festival

In contemporanea con Mille Miglia

La seconda edizione di Brescia Photo Festival dedicata a Collezioni e Collezionisti, conquista anche Franciacorta, Garda e Montichiari.

Il Festival – quest’anno esplora l’universo del collezionismo fotografico

Il programma quest’anno viene arricchito sia dalla collaborazione con la Provincia di Brescia che dall’inaugurazione in un momento di grande festa per la città – la partenza della Mille Miglia

Due le mostre principali al Museo di Santa Giulia

Le grandi collezioni di Ferdinando Scianna e Mario Trevisan al Museo di Santa Giulia, di Paolo Clerici al Ma.co.f oltre a tante straordinarie mostre non solo in città.

Con lo stimolo del clamoroso debutto dello scorso anno, il Brescia Photo Festival, alla sua seconda edizione, accende i riflettori sull’affascinante svelamento delle grandi collezioni nascoste.

 Al centro dell’attenzione è  l’arte del collezionare immagini.

Dall’accumulo quantitativo alle scelte mirate, dall’approccio monotematico a quello enciclopedico, collezionare è una pratica fondata su una profonda passione, sulla volontà di possedere e di custodire oggetti preziosi, sull’appropriazione, atteggiamento tipico anche dello sguardo del fotografo.

Numerose le mostre e gli eventi collegati al Brescia Photo Festival per un programma che quest’anno viene arricchito sia dalla collaborazione con la Provincia di Brescia che dall’inaugurazione in un momento di grande festa per la città, la partenza della Mille Miglia.

Si estende fino alla fine dell’estate, e viene ospitato non solo da prestigiosi spazi cittadini come il Museo di Santa Giulia e il Ma.Co.f. Centro Italiano della Fotografia e del Mo.Ca., ma anche da luoghi preziosi del territorio provinciale i musei di Desenzano, Coccaglio e Montichiari.

Due le mostre principali al Museo di Santa Giulia: Ferdinando Scianna. Cose, a cura di Luigi Di Corato e Percorsi paralleli.

La Collezione Mario Trevisan, a cura di Mario Trevisan con Renato Corsini e Luigi Di Corato.

NOTA: purtroppo il programma del testo che abbiamo ricevuto dall’ufficio  stampa,  toglie tutti gli accenti; abbiamo corretto quello che è stato possibile; ci scusiamo per un problema che non dipende da noi

Ferdinando Scianna, il primo grande fotografo Magnum italiano, è indagato lungo un doppio percorso: le immagini di una collezione ideale di ottanta oggetti trovati e fotografati, accompagnati da una selezione della propria collezione di oggetti acquistati nei corso dei suoi innumerevoli viaggi, in Italia e nel mondo, accompagnati da foto e testi dellautore che raccontano il suo personalissimo rapporto con le cose, dalle cere votive di Polsi agli Ekeki boliviani, dalle terrecotte di Ocumichu, ai toreri madrileni.

Mario Trevisan – tra i più grandi collezionisti di fotografia in Italia e in Europa che proprio a Brescia ha dato avvio alla sua collezione con lacquisto della sua prima foto dautore – apre al pubblico parte del suo immenso patrimonio personale, proponendo una selezione di quaranta coppie, tutte rigorosamente vintage, di fotografie in dialogo tra loro.

Una selezione che ci accompagna in un viaggio inedito, tra distonie e sintonie, in cui le immagini e i loro autori diventano protagonisti di una nuova opera, nata dallaccostamento pensato dal collezionista che, come in un disegno automatico, fa dialogare tra loro De Clercq e Jodice, Fox Talbot e Man Ray, Weegee e Penn, Carmi e Nan Goldin, Serrano e Giacomelli, Strache e Salgado, Beato e Stern, Lartigue e Callahan, per citarne solo alcuni.
Tre Per Uno Dalla Collezione Paolo Clerici, a cura di Carlotta Clerici, viene ospitata invece nella sede del Ma.Co.f. Centro della Fotografia Italiana presso Palazzo Martinengo Colleoni (Mo.Ca.) e presenta la collezione di Clerici, concepita come una serie di piccole personali allinterno di una collettiva permanente, dove alle singole immagini si prediligono gli autori, come Lucien Clergue, Mario Giacomelli, Robert Mapplethorpe, Duane Michals, Helmut Newton, Leslie Krims, Sandy Skoglund, Joyce Tenneson, William Klein, e ai semplici scatti si preferiscono le storie raccontate per immagini.

La manifestazione coinvolge anche altre istituzioni e spazi espositivi della città: oltre al Museo di Santa Giulia e al Mo.Ca., partecipano infatti il Museo Nazionale della Fotografia di Brescia con tre mostre: Mario De Biasi, monografica composta da 30 immagini in bianco e nero vintage del grande fotografo italiano che fanno parte della collezione FIAF Grandi Mostre, Carmine di Mariagrazia Beruffi, e unesposizione di scatti realizzati sul set del film Ossessione di Luchino Visconti del 1943 dallarchivio di Pietro Delpero; lAAB Associazione Artisti Bresciani – con la mostra 1976-2018.

Foto di gruppo con bresciani, che espone i grandi ritratti vintage che furono fatti ai visitatori della mostra organizzata nel 1976 dal Collettivo Fotografi costituitosi negli anni 70, presso lo Spazio Contemporanea (Corsetto SantAgata 22); lUniversità Cattolica con il progetto espositivo ospitato presso la propria sede di via Trieste Immagini oltre la storia. Da Jünger a oggi, riflessioni contemporanee sul reale dedicato alla collezione di immagini fotografiche realizzata da Ernst Jünger nel volume Il mondo mutato. Un sillabario per immagini del nostro tempo; la Fondazione Berardelli nel proprio spazio espositivo di via Milano 107 con la mostra Volti, Azioni, Oggetti. La Poesia Visiva nelle fotografie della collezione Berardelli e Planet Vigasio con la mostra Fotografia moderna. La collezione di Ivano Catini a cura di Renato Corsini, collezione di apparecchi fotografici raccolti in un ampio lasso di tempo che raccontano, dal professionista al dilettante, l’evoluzione della macchina fotografica negli ultimi cinquant’anni. Gli oggetti veri e propri si accompagneranno a fotografie di autori vari che documentano persone nell’atto di usare appunto quelle macchine fotografiche in una sorta di gioco sul tema del fotografo ergo sum.

Anche per questa edizione si rinnova la proficua collaborazione con la LABA.

Molti gli studenti coinvolti sul progetto: sia del Dipartimento di Graphic design e Multimedia, che anche questanno hanno curato il logo, il sito web dedicato e limmagine coordinata del festival, oltre alla progettazione di una azione di marketing non convenzionale che unirà ambiente e social media; sia del Dipartimento di Fotografia, che stanno curando la mostra L’occhio della passione L’attrazione del collezionista allestita presso Alba Area Gallery in Corsetto SantAgata 22 a Brescia, dove il tema della collezione è visto dagli studenti non come un insieme di oggetti congeneri, condotto con criteri prestabiliti, ma come una raccolta disordinata di tracce del proprio sentimento, come confusione di dati materiali, corporei e biografici, e come luogo della memoria, dello scarto e della morte.

Ma non è tutto. Quest’anno il Brescia Photo Festival si estende anche sul territorio provinciale. A Desenzano del Garda, con le due mostre che uniscono collezionismo, glamour e fotografia, che provengono dalla collezione del Ma.Co.f e che vengono ospitate dalla Galleria Civica di Palazzo Todeschini: Star & Starlette I miti del cinema dagli anni 50 ad oggi, più di 100 scatti che ritraggono le dive cinematografiche dellepoca e Chapeau! La magia e larte del cappello nelle fotografie che alle immagini uniranno alcuni nei modelli esclusivi dellArchivio Penelope, un focus attorno al cappello, accessorio fantasioso in continua evoluzione nella moda femminile. La Franciacorta accoglie invece il magnetismo esotico dellOriente al Museo Mazzocchi dArte Orientale di Coccaglio con la mostra Giappone 1923 Collezione Antonio Locatelli, a cura di Stefano Mazza, un reportage sociale di Antonio Locatelli negli anni Venti giapponesi. Infine, al Museo Lechi di Montichiari viene allestita la mostra Letà delleleganza. Memorie fotografiche dalle collezioni di nobili famiglie, a cura di Paolo Boifava con la collaborazione di Beatrice Bianca Bertoli e Matteo Pontoglio Emilii. Vi viene presentata una raccolta di scatti realizzati tra lultimo ventennio dellOttocento e linizio della Grande Guerra, provenienti dagli archivi privati delle famiglie Mazzola, Fenaroli, Soncini, Bettoni Cazzago e Lechi, questultimo il più importante archivio storico privato bresciano.
Completano la proposta momenti di confronto, grazie agli incontri con i collezionisti e i grandi fotografi presenti nelle collezioni e alla rassegna cinematografica dedicata al tema dal Cinema Nuovo Eden.
A confermare Brescia Photo Festival, come la manifestazione irrinunciabile per tutti gli appassionati di fotografia.

Il Festival,  promosso e organizzato da Fondazione Brescia Musei e dal Ma.Co.f. Centro della fotografia italiana con il sostegno di Comune di Brescia, Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Mo.Ca., Mille Miglia, e con la collaborazione di LABA Libera Accademia di Belle Arti, Silvana Editoriale, Contrasto e comuni di Desenzano, Coccaglio e Montichiari – quest’anno esplora luniverso del collezionismo fotografico.

Info www.bresciaphotofestival.it

Arte a Bilbao – Guggenheim Museum –

ART AND CHINA AFTER 1989: THEATER OF THE WORLD

May 11 to September 23, 2018
Curators: Alexandra Munroe, Solomon R. Guggenheim Museum, New York; Philip Tinari, UCCA, Beijing; Hou Hanru, MAXXI, Rome

• The exhibition presents artistic experimentation in a context framed by the spread of globalization and the rise of China as a world power.  Accordingly how Chinese contemporary artists play a key role in the process of the making of a new “global art scene”.
• Across six thematic and chronological sections, the show encompasses a variety of artistic practices, such as performance, painting, photography, installation and video art, and invites us to consider our own recent history through the lens of the work of these significant Chinese contemporary artists.
• Centered on the conceptualist practices of two generations of artists, this exhibition examines how Chinese artists have been both critical observers and agents of China’s emergence as a global presence, and places their experiments in a global art-historical context.

The Guggenheim Museum Bilbao presents Art and China after 1989: Theater of the World, the largest exhibition held to date on Chinese contemporary art during the most transformative period in the country’s recent history, from 1989, the year of the Tiananmen protests, to 2008, when the Olympic Games were held in Beijing. Organized by the Solomon R. Guggenheim Museum, the exhibition provides a fresh interpretive survey of Chinese experimental art in a context framed by the end of the Cold War, the spread of globalization, and the rise of China as a world power.

PHOTO: ‘New Beijing’ by Wang Xingwei, 2001 (oil on canvas); particolare.

Hou Hanru, MAXXI, Roma, curator; Juan Ignacion Vidarte, Director General of the Guggenheim Museum Bilbao; Alexandra Munroe, curator; Philippe Tinari, UCCA, curator.

Guggenheim Museum Bilbao
Marketing and Communications Department
+34 94 435 90 08
media@guggenheim-bilbao.eus
www.guggenheim-bilbao.eus