Archivi categoria: varie: scuole, manifestazioni…

varie d’arte scuole, manifestazioni ecc..

Arte a TORINO – ARTWEEK

TORINO ARTWEEK

31.10 / 5.11

In occasione dell’artweek torinese viadellafucina16 – primo esperimento internazionale dcondominio-museo – apre le sue porte alla città per restituire i risultati dei primi intensi mesi di incubazione, divenuti rapidamente modello e ispirazione per altre progettualità che stanno fiorendo in varie parti d’Italia.

Il condominio, luogo di intersezione tra dominio pubblico e privato, della democrazia come del conflitto, apre i suoi spazi per promuovere un nuovo modello di condivisione, scambio e apertura alla differenza e per avviare un processo di trasformazione e conoscenza collettiva, mediato dal potere dell’arte, della bellezza e della cura.

Quattro le iniziative in programma dal 31 Ottobre negli spazi comuni dello stabile.

Al piano terra, nello Spazio Idiòt, trova posto la collettiva “I ragazzi di via della Fucina” con opere di 24 artisti internazionali under35, trai 442 partecipanti al bando di residenza.
Grazie alla collaborazione con NESXT, il festival degli spazi indipendenti diretto da Olga Gambari, già dal 26 Ottobre sarà presente “THERE IS NO PLACE LIKE HOME” con una galleria di manifesti allestiti nell’atrio del condominio-museo.

Il gruppo ha anche invitato gli artisti Calixto Ramirez e Josè Angelino a realizzare un intervento site specific all’interno del Laboratorio Fucina16, sul grande giardino condominiale.
Al primo piano, infine, si potrà assistere dal vivo alla realizzazione dell’intervento pittorico “Assemblea di Condominio” di Francesco Maluta, già da alcune settimane in residenza a viadellafucina16.

L’opening sarà martedì 31 Ottobre alle ore 17.30

Domenica 5 Novembre alle ore 18, viadellaFucina16 si trasferisce all’interno di ARTISSIMA per un momento di dibattito e riflessione insieme ai membri del Comitato Scientifico:

Luisa Perlo (A.Titolo), Ilaria BonacossaMario CristianiIlda CurtiAlessandra PioselliAnna PirontiPier Luigi SaccoCatterina Seia oltre a Brice Coniglio (ConiglioViola), ideatore e direttore artistico del progetto.

Non dimenticate di seguire la pagina facebook del progetto.

viadellafucina16 è un progetto di Kaninchen-Haus
da un’idea di Brice Coniglio

con il sostegno di SIAE e MiBACT
nell’ambito di “Sillumina – Copia privata per i giovani e la cultura”
e del Programma Housing di Compagnia di San Paolo
nell’ambito del bando “Abitare una casa, vivere un luogo”.

Con il Patrocinio della Regione Piemonte, della Città di Torino e del GAI Giovani Artisti Italiani.

sponsor tecnico: SIKKENS ITALIA
 

con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di Torino, del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, del Dipartimento Culture Politica Società dell’Università degli Studi di Torino,  a.titolo, Liberitutti, Progetto The Gate Porta Palazzo.

ENGLISH

For this year Turin’s ARTWEEK, viadellafucina16 – the first international experiment of condominium-museum – opens its doors to the city showing the results of the first intense months of incubation, which already became an inspiring model for other projects that are coming to life in Turin and other parts of Italy.

The condominium, meeting point between the public and the private domain, place of democracy and conflict, opens its spaces to promote a new model for sharing, exchange and openness towards diversity, starting a process of transformation and collective knowledge, mediated by the power of art, beauty and care.

There are four initiatives in the programme taking place from October 31st in the building’s common spaces.

At the ground floor, in the space Idiòt, it will take place the group exhibition “I ragazzi di via della Fucina”, with works by 24 international artists under35, selected in between the 442 participants of the residency open call.

Thanks to the collaboration with NESXT, the festival of independent spaces directed by Olga Gambari, from October 26th it will be on show “THERE IS NO PLACE LIKE HOME”, a collection of posters in the hall of the condominium-museum.

The same group invited the artists Calixto Ramirez e Josè Angelino to create a site-specific intervention inside the workshop Fucina16, in front of the condominium’s big garden.
To end, on the first floor it will be possible to attend at the making of “Assemblea di Condominio” by Francesco Maluta, artist in residence at viadellafucina16 since a few weeks already.

The opening will be on Tuesday 31st of October, at 5:30 pm.

Sunday November 5th, at 6 pm, viadellafucina16 will be inside ARTISSIMA bringing a public moment of debate and reflection with the members of the Scientific Committee: Luisa Perlo (A.Titolo), Ilaria Bonacossa, Mario Cristiani, Ilda Curti, Alessandra Pioselli, Anna Pironti, Pier Luigi Sacco, Catterina Seia and Brice Coniglio (ConiglioViola), creator and artistic director of the project.

We also invite you to take a look at the pages dedicated to KaninchenHaus by Artribune Magazine 39 that enrich the press of the project. You can find it here: http://viadellafucina16.kaninchenhaus.org/press

More important news are to come, we will reveal them on day by day basis on the http://facebook.com/viadellafucina16.

 

Arte a Torino – OGR oltre 50.000 visitatori

OGR TORINO: È STATO UN VERO “BIG BANG”

OLTRE 50.000 VISITATORI IN DUE SETTIMANE

 

I concerti di The Chemical Brothers e Atomic Bomb! Hanno chiuso  il “Big Bang” delle OGR, le due settimane gratuite di musica e arte organizzate dalla Fondazione CRT in occasione dell’inaugurazione del nuovo hub della creatività e dell’innovazione di Torino. Grandissima la partecipazione di pubblico. Nelle Officine Nord è già iniziato l’allestimento della mostra “Come una Falena alla Fiamma” che inaugurerà il 3 novembre; l’installazione di William Kentridge e l’opera di Arturo Herrera continueranno a essere visitabili tutti i giorni.

 – È stato un vero e proprio Big Bang per le OGR, le nuove Officine Grandi Riparazioni di Torino. Oltre 50.000 persone hanno partecipato al grande opening lungo due settimane, dal 30 settembre al 14 ottobre, organizzato dalla Fondazione CRT per festeggiare la riapertura della storica “cattedrale” di architettura industriale recuperata e restituita alla città con una nuova missione: dalla riparazione dei treni alla generazione delle idee.

Sono stati 12 mila gli spettatori dei concerti gratuiti che, per tre sabati consecutivi, hanno visto alternarsi sul palco Giorgio Moroder, Elisa, Ghali, Omar Souleyman, Danny L Harle, The Chemical Brothers e il super gruppo Atomic Bomb! – per l’occasione con la partecipazione di Samuel.

Sono 40.000invece le persone che hanno potuto ammirare i progetti site-specific a firma di tre protagonisti delle arti visive contemporanee: l’installazione realizzata dall’artista sudafricano William Kentridge, “Procession of Reparationists”, nella Corte Est delle OGR, “Track”, opera dell’artista venezuelano Arturo Herrera e “Tutto Infinito”, un paesaggio futuristico rivestito di terra rossa e animato da totemiche sculture pensate e realizzate da Patrick Tuttofuoco in collaborazione con i piccoli ospiti di CasaOz e con il network ZonArte.

I visitatori delle OGR hanno apprezzato anche l’area di “Snodo”, il nuovo punto di aggregazione con due ristoranti, un’area lounge, un cocktail bar ed uno smart bar con il “social table” dalla lunghezza record di 25 metri.

Partecipazione da record anche per le attività proposte dal network ZonArte – sostenuto dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT –  che ha accolto i visitatori in un suggestivo viaggio di scoperta all’interno delle OGR: incontri di formazione per insegnanti e professionisti, workshop per gli studenti delle Università e Accademie, programmi per i giovani e per le scuole, anche nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, fino al Family (Sun)Day che ha richiamato una folla di famiglie entusiaste, con oltre 10 mila persone nella seconda domenica del Big Bang.

Da oggi l’installazione di William Kentridge e l’opera di Arturo Herrera saranno visitabili tutti i giorni (lunedì-mercoledì dalle 7 all’1 di notte, giovedì-sabato dalle 7 alle 2 di notte, domenica dalle 8 a mezzanotte), mentre gli spazi delle Officine Nord rimarranno chiusi al pubblico per l’allestimento di Come una Falena alla Fiamma, Like a Moth to a Flame, il  grande progetto espositivo che inaugurerà il prossimo 3 novembre, realizzato da OGR Torino, in collaborazione con Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. La mostra sarà firmata da tre curatori internazionali d’eccezione: Tom Eccles, direttore del Center for Curatorial Studies del Bard College di New York, Mark Rappolt, redattore capo della rivista inglese Art Review, e l’artista britannico Liam Gillick. Nella tradizionale Contemporary Art Week di Torino, la Sala Fucine delle OGR ospiterà il festival Club To Club con i live di Richard Russell, Artetetra, Kamasi Washington, Powell & Wolfgang Tillmanns e, dal 4 al 7 novembre, The Catalogue 1-2-3-4-5-6-7-8, lo show antologico dei Kraftwerk con due concerti al giorno in 3D: un vero e proprio evento che, prima di approdare alle OGR, è stato ospitato in alcuni luoghi-simbolo dell’arte mondiale, tra cui il MoMA di New York, la Tate Modern di Londra, il Guggenheim di Bilbao.

 

Arte a Verona – ARTVERONA 2017 – 13 al 16 ottobre 2017

ARTVERONA 2017: VIAGGIO TRA 140 GALLERIE PER LA VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL’ARTE ITALIANO

 www.artverona.it

 – Una selezione di 140 gallerie, di cui 35 presenti per la prima volta, 14 nuove realtà indipendenti e 20 nel settore editoria, 480 coppie di collezionisti vip italiani e stranieri ospitati in città, 30 in più rispetto al 2016.

Sono i numeri della 13ª edizione di ArtVerona, in programma dal 13 al 16 ottobre 2017 alla Fiera di Verona. La manifestazione, sotto la nuova direzione artistica di Adriana Polveroni e forte della partnership con ANGAMC-Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, continua il percorso di crescita, puntando su innovatività e qualità delle proposte, con l’obiettivo di costituire sempre più uno strumento di promozione e valorizzazione per il sistema dell’arte italiano.

Filo rosso di ArtVertona 2017 è il tema “Viaggio in Italia #backtoitaly”, simbolo del fascino che il Paese ha esercitato e continua ad esercitare sugli artisti.

La 13ª ArtVerona è stata presentata oggi alla Galleria d’Arte Moderna di Verona dove sono intervenuti Romano Artoni, consigliere di amministrazione di Veronafiere, Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, Adriana Polveroni, direttrice artistica di ArtVerona, Francesca Briani, assessore alla Cultura del Comune di Verona, e Patrizia Nuzzo, responsabile della direzione artistica della Galleria d’Arte Moderna di Verona.

 

MOSTRA D’ARTE – “LUCE, OCCHIO, VISIONE”

MOSTRA D’ARTE A SCOPO BENEFICO
SUL TEMA “LUCE, OCCHIO, VISIONE”

12 OTTOBRE 2017- ORE 11,00
Società Umanitaria -Via San Barnaba, 48

Viene inaugurata la terza mostra di opere svolte dai migliori allievi di Accademie italiane e straniere sul tema “Luce, Occhio, Visione”. Come nelle edizioni precedenti le opere saranno vendute e il ricavato sosterrà il progetto LOV4vision realizzato dal Centro Ambrosiano Oftalmico (CAMO) in collaborazione con Fondazione Istituto Sacra Famiglia per la diagnosi e la cura oculistica di anziani assistiti dalla Onlus.
Quest’anno le opere messe in mostra sono state realizzate da allievi della Joshibi University of Art and Design di Sagamihara (Giappone) e dell’Accademia di Brera. L’esposizione è aperta dalle 11.00 alle 19.00 e il vernissage ufficiale si tiene alle ore 11.00 nel Chiostro dei Glicini della Società Umanitaria con la presenza dei giovani artisti giapponesi e italiani. Segue buffet.

Nella conferenza verranno presentati i risultati del progetto LOV4vision che ha permesso di curare centinaia di anziani affetti da patologie oculistiche varie con visite effettuate dai migliori specialisti nelle sedi dell’Istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone, Settimo Milanese, Lecco e Regoledo.

RELATORI
dr. Lucio Buratto, oftalmologo, CAMO Centro Ambrosiano Oftalmico, Milano
d.ssa Carla Dotti, Igienista Direttore sanitario di Fondazione Sacra Famiglia e Casa di Cura Ambrosiana, Fondazione Istituto Sacra Famiglia Onlus
Maestro Stefano Pizzi, Accademia di Belle Arti di Brera

Mostra a ingresso libero a Milano Fall Design Week 2017 – #Creativi in Sciopero

#Creativi in Sciopero. LA MOSTRA
Milano, 7 ottobre 2017 / Spazio Donno, Via Conte Rosso 36 Lambrate

Guardare, toccare, scoprire . Il 7 ottobre , in occasione del Milano Fall Design Week 2017 , va in scena la prima edizione di “Creativi in Sciopero “. Allo spazio Donno , in via Conte Rosso 36 a Lambrate, dalle ore 11.00 alle 24.00 . Quindici Creativi esporranno le loro creazioni in un percorso visivo/tattile e olfattivo di opere d’arte contemporanee e oggetti di design. Creativi in Sciopero sarà anche l’occasione durante la quale i creativi finalmente racconteranno la storia e gli aneddoti che sono all’origine della nascita dei loro progetti e delle loro idee, stimolando così un coinvolgimento di tutti i visitatori .
Lo scopo di Creativi in Sciopero è dare spazio e visibilità all’ecletticità dei creativi.
La vera forza di queste persone è che sono state in grado di uscire da dinamiche routinarie dando vita a prodotti inusuali e che spesso non sono in diretto collegamento con la professione quotidiana.
Dalle campane di vetro ai giocattoli, dalle poltroncine ai divani, dai panciotti alle opere d’arte, lo sfogo creativo è assolutamente libero e irrefrenabile. Creativi in Sciopero è solo l’inizio perché l’evento continuerà nei prossimi mesi con nuove mostre, workshop e iniziative anche a sostegno di progetti sociali, coinvolgendo varie zone della città di Milano.
L’idea di realizzare Creativi in Sciopero è nata dall’instancabile Creativo e Digital Artist Stefano Epis. Dopo aver ideato DesignCircus e Wo/Man Italian Style, ha voluto creare un nuovo evento per dare visibilità a 360° a una realtà non sempre valorizzata, ma molto presente nel nostro Paese: il mondo dei Creativi. La definizione di ‘Creativi in Sciopero’ è stata scelta per sottolineare come, per un creativo, sia impossibile frenare lo sviluppo di un’idea o di un progetto. L’immaginazione del creativo è sempre viva e attiva, anche quando dorme. Creativi non si diventa…si nasce.

I 16 “Creativi in Sciopero”
Andrea Rizzi / BaBau Lab / Cristina Prinetti / Emanuel Bullita / Enrico Posla / Luca Boriello / Manuela Bucci / Maria Pia Rossini / Menelavo / Mirco Vacchi – cosecomunicanti / Savy / Sabrina Tajé / SeghesioGrivon / Silvia Musumarra / Stefano Epis / TableSwing

Creativi in Sciopero. LA MOSTRA
Milano, 7 ottobre 2017 / Spazio Donno, Via Conte Rosso 36 Lambrate
Open non stop dalle ore 11 alle 24
M2 Verde: Lambrate / Ingresso Libero
hello@creativiinsciopero.it
www.creativiinsciopero.it

Eventi – Milano Fondazione Prada – 7 – 15 OTTOBRE 2017 – Ingresso gratuito

RASSEGNA DI FILM DI ALEXANDER KLUGE

L’ingresso alle proiezioni è gratuito

FONDAZIONE PRADA PRESENTA UNA RASSEGNA DI FILM DI ALEXANDER KLUGE DAL 7 AL 15 OTTOBRE 2017 A MILANO, IN DIALOGO CON LA MOSTRA “THE BOAT IS LEAKING. THE CAPTAIN LIED.” IN CORSO A VENEZIA

 – Fondazione Prada presenta una rassegna cinematografica dedicata al regista e scrittore tedesco Alexander Kluge al Cinema della sede di Milano dal 7 al 15 ottobre 2017 (tutti i giorni alle ore 18, tranne martedì 10 ottobre).

L’ingresso alle proiezioni è gratuito. I film saranno proposti in lingua originale, con sottotitoli in inglese.

La rassegna è stata ideata da Alexander Kluge, in dialogo con il progetto espositivo “The Boat is Leaking. The Captain Lied.”, in corso alla Fondazione Prada a Venezia fino al 26 novembre 2017. Approfondisce le sperimentazioni cinematografiche e l’indagine storica, politica e filosofica di una delle figure più rilevanti della cultura europea. In questa occasione Kluge ha deciso di presentare una selezione di sette film da lui realizzati dal 1965 al 2014, oltre a sei opere concepite nel 2017 per la mostra della Fondazione a Venezia, nata da un approfondito confronto tra il regista, l’artista Thomas Demand, la scenografa Anna Viebrock e il curatore Udo Kittelmann. Il pubblico della rassegna è chiamato a confrontarsi con la sua lucida visione intellettuale sviluppata negli ultimi cinquant’anni, e con il suo inconfondibile stile a collage derivato da una complessa tecnica di montaggio, dallo straniante innesto di eterogenei materiali visivi e da un uso sperimentale della musica e del commento fuori campo.

La rassegna include i seguenti lungometraggi: Abschied von Gestern (La ragazza senza storia), 1965–66; In Gefahr und größter Not bringt der Mittelweg den Tod (Quando un grave pericolo è alle porte le vie di mezzo portano alla morte), 1974; Deutschland im Herbst (Germania in Autunno), 1978; Der Angriff der Gegenwart auf die übrige Zeit (L’assalto del presente al resto del tempo), 1985; Nachrichten aus der ideologischen Antike (Notizie da un’antichità ideologica), 2008; Entstehung der Zivilisation aus Paradies und Terror und das Prinzip Stadt (L’emergenza della civilizzazione dal paradiso e il terrore, e il principio della città), 2014 e Früchte des Vertrauens. Finanzkrise, Adam Smith, Keynes, Marx und wir selbst. Auf was können wir uns verlassen (I frutti del trust. Crisi finanziaria, Adam Smith, Keynes, Marx, e Noi Stessi. Ciò su cui possiamo contare), 2014. Saranno inoltre incluse sei opere filmiche presentate nella mostra “The Boat is Leaking. The Captain Lied.” e riunite da Kluge sotto il titolo “Ahimè! Senza speranza, qual sono, pur m’abbandono alla speranza”, citazione dall’opera L’olandese volante di Richard Wagner: Terror = Furcht Und Schrecken (Terrore = paura e orrore), Die Königin Von Zypern (La regina di Cipro), Arbeit, Anti-Arbeit Und Industrie 4.0. (Lavoro, antilavoro e industria 4.0), Tempel Der Ernsthaftigkeit (Tempio dell’impegno totale), “Die Bürde Der Vernunft”(Il peso della ragione), “Circular Montage“.

Alexander Kluge (Halberstadt, Germania, 1932) è uno dei pionieri del Nuovo cinema tedesco e nel 1966 è il primo tedesco del dopoguerra a ricevere il Leone d’argento al Festival di Venezia per Abschied von Gestern (La ragazza senza storia). Nel 1968 vince il Leone d’oro

con Artisten in der Zirkuskuppel: ratlos (Artisti sotto la tenda del circo: perplessi) e nel 1982 il Leone d’oro alla carriera per la sua attività cinematografica. Dal 1988 la casa di produzione DCTP (Development Company for Television Program), che Kluge ha cofondato, gira migliaia di ore di programmi indipendenti. Kluge è anche ideatore della trasmissione televisiva “Kulturmagazine”. La sua attività televisiva si rifà alla tradizione del cinema d’autore, sviluppando nuove tipologie di dialogo che rientrano nel format “Facts & Fakes”. I più recenti lavori cinematografici di Kluge includono i “Minutenfilme” (cortometraggi di qualche minuto) e i “10-Stunden-Programme” (programmi di dieci ore), in continuità con gli albori della storia del cinema. I libri di Kluge come Geschichte und Eigensinn (scritto con Oskar Negt), Chronik der Gefühle e il più recente L’ora di Kong. Cronaca della correlazione (edito anche dalla Fondazione Prada come parte della pubblicazione che accompagna la mostra “The Boat is Leaking. The Captain Lied.”) appartengono allo stesso contesto della sua produzione per il cinema e la televisione. Kluge ha vinto il Büchner Preis e il Theodor W. Adorno Preis. Il Museum Folkwang a Essen gli ha dedicato una mostra dal titolo “Pluriverse”, in corso fino al 7 gennaio 2018, che esplora il nucleo della sua opera multimediale.

Informazioni per il pubblico

L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili. Ogni giorno saranno distribuiti i biglietti per la proiezione della data corrente. I titoli di accesso possono essere ritirati presso la biglietteria della Fondazione Prada da un’ora prima dall’inizio della proiezione scelta. Si possono ritirare al massimo quattro biglietti per persona. Tutti i film sono presentati in lingua originale, con sottotitoli in inglese.

Contatti stampa

Fondazione Prada
T +39 02 56 66 26 34 press@fondazioneprada.org fondazioneprada.org

Programma delle proiezioni

SABATO 7 OTTOBRE, 18:00

FRÜCHTE DES VERTRAUENS. FINANZKRISE, ADAM SMITH, KEYNES, MARX UND WIR SELBST. AUF WAS KÖNNEN WIR UNS VERLASSEN
(I FRUTTI DEL TRUST. CRISI FINANZIARIA, ADAM SMITH, KEYNES, MARX, E NOI STESSI. CIÒ SU CUI POSSIAMO CONTARE)

DOMENICA 8 OTTOBRE, 18:00

DEUTSCHLAND IM HERBST (GERMANIA IN AUTUNNO)

LUNEDÌ 9 OTTOBRE, 18:00

IN GEFAHR UND GRÖSSTER NOT BRINGT DER MITTELWEG DEN TOD
(IN PERICOLO E PROFONDA SOFFERENZA LA VIA DI MEZZO PORTA A UNA MORTE CERTA)

MERCOLEDÌ 11 OTTOBRE, 18:00

NACHRICHTEN AUS DER IDEOLOGISCHEN ANTIKE (NOTIZIE DA UN’ANTICHITÀ IDEOLOGICA)

GIOVEDÌ 12 OTTOBRE, 18:00

“ACH, OHNE HOFFNUNG, WIE ICH BIN, GEB‘ ICH DER HOFFNUNG DOCH MICH HIN!“ “AHIMÈ! SENZA SPERANZA, QUAL SONO, PUR M’ABBANDONO ALLA SPERANZA!”

VENERDÌ 13 OTTOBRE, 18:00

ABSCHIED VON GESTERN
(LA RAGAZZA SENZA STORIA)

SABATO 14 OTTOBRE, 18:00

ENTSTEHUNG DER ZIVILISATION AUS PARADIES UND TERROR UND DAS PRINZIP STADT (L’EMERGENZA DELLA CIVILIZZAZIONE DAL PARADISO E IL TERRORE, E IL PRINCIPIO DELLA CITTÀ)

DOMENICA 15 OTTOBRE, 18:00

DER ANGRIFF DER GEGENWART AUF DIE ÜBRIGE ZEIT (L’ASSALTO DEL PRESENTE AL RESTO DEL TEMPO)

Raffintaissima mostra a Palazzo Te – Mantova – IL TESSUTO COME ARTE

IL TESSUTO COME ARTE: ANTONIO RATTI

IMPRENDITORE E MECENATE

a cura di Lorenzo Benedetti, Annie Ratti e Maddalena Terragni

Palazzo Te, Mantova
01.10.2017-07.01.2018

Palazzo Te a Mantova, dal 1 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018, ospita la mostra “Il tessuto come arte: Antonio Ratti imprenditore e mecenate”. L’esposizione è prodotta e realizzata dal Comune di Mantova, dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te, dal Museo Civico di Palazzo Te e dalla Fondazione Antonio Ratti.

La vita di Antonio Ratti è un intreccio tra impresa e arte, creatività e promozione culturale, pubblico e privato. Il suo pensiero nasce dall’idea che la cultura, la conoscenza e l’arte siano strumenti fondamentali per interpretare il proprio tempo.

Sperimentazione e innovazione sono le caratteristiche che distinguono l’operare di Antonio Ratti, raccontate trasversalmente in un percorso che prevede un dialogo con le sale monumentali per poi svilupparsi negli spazi espositivi delle Fruttiere. La mostra intende restituire il ritratto di un personaggio raffinato ed elegante, poliedrico ed eclettico, che, investendo nella formazione delle risorse umane e nella valorizzazione del tessuto come arte, ha saputo dare risalto alla qualità dei prodotti tessili.

Grazie al contributo dell’architetto Philippe Rahm, l’esposizione racconta il tessuto nelle sue varie forme: dalla ricca collezione di reperti antichi della Fondazione Antonio Ratti ai grandi archivi dell’azienda Ratti; sarà possibile fare un’esperienza tattile delle diverse stoffe messe a disposizione del visitatore su una pedana centrale che attraversa lo spazio delle Fruttiere, restituendo un’idea sinestetica del tessuto.

 

L’arte contemporanea è presente con opere di artisti coinvolti nelle numerose attività della FAR, tra questi alcuni artisti invitati a condurre e a partecipare alle ventitrè edizioni del workshop

CSAV-Artists Research Laboratory, tra cui: John Armleder, Julia Brown, Jimmie Durham, Mario Garcia Torres, Melanie Gilligan, Renée Green, Joan Jonas, Giulio Paolini, Diego Perrone, Yvonne Rainer e Gerhard Richter.  Negli spazi esterni di Palazzo Te sono presenti importanti installazioni di Yona Friedman, Hans Haacke, Richard Nonas, Matt Mullican e Liliana Moro.

Image
Image

Il tessuto come arte: Antonio Ratti imprenditore e mecenate
Palazzo Te, Mantova
01.10.2017-07.01.2018

ORARI
lunedì 13.00 – 19.30
da martedì a domenica
9.00 – 19.30
(ultimo ingresso 18.30)

A partire da domenica
29 ottobre 2017:
lunedì 13.00 – 18.30
da martedì a domenica
9.00 – 18.30
(ultimo ingresso 17.30)

BIGLIETTERIA
T +39 0376 323266

INFO

centropalazzote.it

Prevendita (link)

La mostra è realizzata con il patrocinio di Regione Lombardia, con il contributo di Ratti S.p.A, della Fondazione Banca Agricola Mantovana e di Unindustria Como, sponsorizzata da Banca Monte dei Paschi di Siena e da La Serenissima, con il supporto degli Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani, e dello sponsor tecnico Apam.

Venezia TEATRINO DI PALAZZO GRASSI ingresso libero –

TEATRINO DI PALAZZO GRASSI
6 – 9 – 11- 19 ottobre 2017
Unbelievable Cinema
Incontri e proiezioni per una rassegna interamente organizzata da Palazzo Grassi in occasione della mostra di Damien Hirst, Treasures from the Wreck of the Unbelievable
 
Orson Welles, Quarto Potere
 
Venerdì 6 ottobre, ore 18.00: Vero come la finzione: il cinema e il falso.
Incontro con Roy Menarini, coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Fashion Culture and Management dell’Università di Bologna.
Lunedì 9 ottobre, ore 20.30: Quarto Potere (USA, 1941) di Orson Welles.
Proiezione in lingua originale con sottotitoli in italiano.
Mercoledì 11 ottobre, ore 20.30: F come Falso (Francia/Iran/Germania, 1973) di Orson Welles.
Proiezione in lingua originale con sottotitoli.
Giovedì 19 ottobre, ore 20.30: Più falso del vero: perché la realtà non ci può bastare.
Incontro con Andrea Bellavita, critico cinematografico.
Proiezione di Forgotten Silver di Peter Jackson e Costa Botes (Nuova Zelanda, 1995).
Proiezione in lingua orginale con sottotitoli in italiano.
ingresso libero sino a esaurimento posti.
 
Da venerdì 6 ottobre il Teatrino di Palazzo Grassi propone una serie di appuntamenti dedicati all’ esplorazione del rapporto tra verità e finzione nella narrazione di mondi in occasione dela mostra di Damien Hirst Treasures from the Wreck of the Unbelievable, a cura di Elena Geuna in corso presso Palazzo Grassi e Punta della Dogana, sino al 3 dicembre.
Gli appuntamenti indagano alcune delle tematiche alla base del progetto espositivo che racconta dell’antico naufragio della nave Unbelievable( Apistos, in greco antico) il cui prezioso carico costituiva l’imponente collezione appartenuta al liberto Aulus Calidius Amotan e destinata a un tempio dedicato al Dio Sole in oriente.
L’attenzione si accende sul cinema attraverso la rassegna in 4 puntate, organizzata da Palazzo Grassi – Punta della Dogana intitolata Unbelievable Cinema. Un ciclo di incontri di approfondimento con autorevoli critici cinematografici come Roy Menarini e Andrea Bellavita e proiezioni con un focus specifico su Orson Welles (Kenosha, 1915 – Los Angeles, 1985) e sul genere mockumentary a partire dal caso esemplare di Forgotten Silver (Nuova Zelanda, 1995) di Peter Jackson e Costa Botes.
Si parte venerdì 6 ottobre alle 18.00 con il primo ospite, Roy Menarini, Coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Fashion Culture e Management dell’Università di Bologna, per l’incontro dal titolo Vero come la finzione: il cinema e il falso.
Menarini condurrà il pubblico lungo un viaggio alla scoperta dei punti cardine intorno ai quali ha preso forma negli anni il codice cinematografico e la progressiva accettazione della realtà filmica da parte del pubblico. Dalle prime reazioni al treno in corsa proiettato dai fratelli Lumière, sino a quegli esperimenti metalinguistici che hanno posto la questione del rapporto tra vero e falso in primissimo piano. Lo stesso titolo di quest’appuntamento si rifà all’omonimo film di Marc Foster ( Stranger than Fiction, USA, 2006) in cui il protagonista è pienamente consapevole di ritrovarsi entro una narrazione e di conseguenza vive sospeso tra realtà e finzione.
Orson Welles
S i prosegue lunedì 9 ottobre alle 20.30 con la prima proiezione, il capolavoro indiscusso di Orson Welles , Quarto Potere ( Citizen Kane , USA 1941). Si tratta del primo lungometraggio girato da Welles, sino ad allora noto al grande schermo per la sua carriera di attore, la cui trama rievoca la vita del magnate statunitense dell’industria del legno e dell’editoria William Randolph Hearst (San Francisco, 1983 – Beverly Hills, 1951), traslata nella ricostruzione della storia personale di Charles Forster Kane.
Attraverso il racconto di un cinegiornale e di cinque personaggi distinti, che per diversi motivi hanno avuto a che fare con Kane, la pellicola ricostruisce attraverso flashback la sua vicenda, alternando ritratti diversi del medesimo uomo, influenzati dalla visione e dal vissuto condiviso con ciascun testimone. Per la prima volta, né il narratore, né tanto meno il pubblico sanno davvero di chi si stia parlando, per questo, e per molteplici ragioni di carattere prettamente linguistico, l’opera è considerata uno dei primi esempi di cinema moderno.
Mercoledì 11 alle ore 20.30, torna il cinema di Orson Welles, con la proiezione di F come falso ( F for fake, Francia/Iran/Germania, 1973), in cui il cineasta statunitense è sia regista che attore, interpretando se stesso così come molti altri protagonisti di questa pellicola, quali il falsario ungherese Elmyr de Hory (Budapest, 1906 – Ibiza, 1975), l’amico Clifford Irving (USA, 1930), autore della biografia di Hory e della ben più celebre finta autobiografia del miliardario “the Aviator” Howard Hughes (Humble, 1905 – Huston, 1976), anch’esso incluso nel cast.
Si tratta dell’ultima opera girata da Welles che chiude così il ciclo di sperimentazioni e riflessioni metalinguistiche che ne hanno caratterizzato la produzione artistica. È un esplicito omaggio al rapporto tra finzione e atto creativo. La narrazione si sviluppa sotto forma di documentario e trattazione cinematografica, la trama appare come un patchwork di girati tratti da veri documentari sui vari soggetti rappresentati, immagini di repertorio, fotografie d’epoca e poi aneddoti, ricordi dello stesso autore e vere interviste. Welles racconta di falsari e critici d’arte, quadri spacciati per veri e storie completamente inventate, presentate come se fossero documenti.
Forgotten Silver, Peter Jackson, © Chris Coad/Wingnut Films Limited.
Conclude la rassegna, giovedì 19 ottobre alle 20.30, l’incontro con il critico cinematografico Andrea Bellavita, già ospite del Teatrino di Palazzo Grassi lo scorso marzo ( David Lynch tra arte e cinema), dal titolo Più falso del vero: perché la realtà non ci può bastare. Bellavita traccerà un excursus nei meandri del genere del mockumentary (da to mock: sbeffeggiare, imitare, “fare il verso” e documentary), ovvero la presentazione di documentazioni fittizie come fossero reali testimonianze storiche.
A seguire la proiezione di Forgotten Silver, il film di Peter Jackson e Costa Botes, che con rigore pseudo filologico racconta la scoperta dell’opera di Colin McKenzie, il falso padre del cinema neozelandese delle origini. Alternando raffinati falsi storici a interviste reali, la narrazione si snoda tra scoperte geniali ed episodi coincidenti fatti realmente accaduti, restituendo una trattazione curiosa e scanzonata sui cliché del cinema degli albori.  
 
 
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

MOSTRA D’ARTE A SCOPO BENEFICO – 12 OTTOBRE 2017

MOSTRA D’ARTE A SCOPO BENEFICO
 SUL TEMA “LUCE, OCCHIO,VISIONE”
12 OTTOBRE 2017- ORE 11,00
Società Umanitaria -Via San Barnaba 38 – Milano
Nell’ambito della Giornata mondiale della vista viene inaugurata la terza mostra di opere prodotte dai migliori allievi di Accademie italiane e straniere sul tema “Luce, Occhio, Visione”. Come nelle edizioni precedenti le opere saranno vendute e il ricavato sosterrà il progetto LOV4VISION realizzato dal Centro Ambrosiano Oftalmico (CAMO) in collaborazione con la La Sacra Famiglia di Cesano Boscone per la diagnosi e la cura oculistica di anziani assistiti dalla onlus.
Quest’anno le opere in mostra sono state realizzate da allievi della Joshibi  University of Art and Design di Sagamihara (Giappone) e dell’Accademia di Brera. L’esposizione è aperta dalle 9,00 alle 20,00 e il vernissage ufficiale si tiene alle ore 17,00 con la presenza dei giovani artisti giapponesi e italiani.
Nella conferenza verranno presentati i risultati del progetto LOV4VISION che ha permesso di curare centinaia di anziani affetti da patologie oculistiche varie con visite effettuate dai migliori specialisti nelle sedi dell’Istituto La Sacra Famiglia di Cesano B., Settimo Milanese, Lecco e Regoledo.
RELATORI
dr. Lucio Buratto , oftalmologo, CAMO Centro Ambrosiano Oftalmico, Milano
d.ssa Carla Dotti , Responsabile sanitario, Fondazione Istituto Sacra Famiglia onlus
Maestro Stefano Pizzi , Accademia di Belle Arti di Brera