Archivi categoria: la donna nella storia

donna e storia, donne nella storia, la storia e le donne,

VIOLENZE DOMESTICHE IN RUSSIA ORA SONO DEPENALIZZATE !!! – Maltrattamenti in famiglia ora sono solo illecito amministrativo

DEPENALIZZATE LE VIOLENZE DOMESTICHE DECLASSATE A ILLECITO AMMINISTRATIVO.

CON SOLO 3 VOTI CONTRARI.

Oggi 380 deputati russi si sono espressi a favore della proposta di legge.

La Duma  ha approvato un progetto di legge che depenalizza i maltrattamenti in famiglia e li abbassa a semplice illecito amministrativo.

UN PASSO INDIETRO PER TUTTE LE DONNE DEL MONDO !

 

LE DONNE NEL RINASCIMENTO – Properzia de’ Rossi, grande scultrice del Cinquecento accusata di essere: “pubblica concubina”

maria-sybilla-marian-studio-di-fiore-di-banano-artista-donna

Maria-Sybilla-Marian-studio-di-fiore-di-banano. Particolare.

La creatività femminile, nel Rinascimento e non solo fu, quasi sempre, limitata all’arazzo e al ricamo.

Firenze è un tripudio di statue e lavori artisti e architettonici di stampo maschile.

Nessuna donna per bene si sarebbe mai fatta vedere in piazza, se non per andare alla messa.

Gli artisti dovevano passare dalla bottega di un maestro per imparare l’arte e una donna non avrebbe mai potuto frequentare questo ambiente.

Properzia de Rossi (1490 circa – 1530), contro ogni convenzione, fu un’artista del Rinascimento.

Ebbe un’esistenza burrascosa, con gravi preoccupazioni finanziarie, piena di invidie e appesantita dal suo carattere turbolento e aggressivo.

Il Vasari fu affascinato dalla personalità della “femmina scultora”, le riservò questo elogio: “Properzia de’ Rossi da Bologna, giovane virtuosa, non solamente nelle cose di casa, come l’altre, ma in infinite scienzie, che non che le donne, ma tutti gli uomini l’ebbero invidia”. “Ella finì, con grandissima maraviglia di tutta Bologna, un leggiadrissimo quadro (si tratta in realtà di un bassorilievo marmoreo, ndr), dove (perciocché in quel tempo la misera donna era innamoratissima d’un bel giovane, il quale pareva che poco di lei si curasse) fece la moglie del maestro di casa del Faraone, che innamoratasi di Iosep, quasi disperata del tanto pregarlo, a l’ultimo gli toglie la veste d’attorno con una donnesca grazia e più che mirabile. Fu questa opera da tutti riputata bellissima et a lei di gran soddisfazione, parendole con questa figura del Vecchio Testamento avere isfogato in parte l’ardentissima sua passione”.

Da quanto sappiamo di Properzia, riceviamo l’impressione che il mondo culturale dell’epoca volesse far “pagare” alla donna il suo genio anticonformista.

Questa artista ci ha lasciato, tra l’altro, un prezioso bassorilievo nel marmo. Eseguì, infatti, dei lavori per la basilica di San Petronio; dove dimostrò una geniale conoscenza dell’anatomia. Come aveva fatto ? Aveva però scritto la sua condanna nel marmo.

La gelosia è tipica tra gli artisti, Properzia trovò in un artista uomo un nemico, tanto che fu poi costretta a lasciare l’arte e morì povera in un ospedale.

Perché siamo rimasti all’oscuro di tanto talento? E’ un fatto che poco sappiamo, non solo di lei, ma di tante altre donne artiste che finirono con l’essere accusate di essere donne poco serie e furono costrette a lottare tutta la vita contro pregiudizi, finendo la vita, frequentemente, nella povertà o nella violenza come fu per Artemisia. Che lasciò Roma e si trasferì a Firenze. Per questo aveva accumulato molti debiti, cercando di fare affari come un uomo vendendo i suoi quadri ai creditori.

La sua reputazione raggiunse Re Carlo Primo in Inghilterra, dove accorse in aiuto dell’anziano padre; pure lui artista.

In Inghilterra ancora oggi possiamo ammirare la sua impronta artistica, aveva guadagnato l’applauso del pubblico.

Tra le tante donne artiste dell’epoca, ci piace ricordare anche Clara Peeters (Anversa 1594 forse morta dopo il 1657); pittrice appartenente alla tradizione pittorica del barocco fiammingo.

Un’altra artista da segnalare è Maria Sibylla Merian (1647 Francoforte – 1717 Amsterdam) arrivò dopo i cinquant’anni a studiare insetti esotici nel Suriname, colonia olandese dell’America equatoriale. Maria Sibylla raggiunse livelli di alta professionalità in un’attività ai confini tra arte e scienza.
Nata a Francoforte sul Meno, crebbe in una famiglia di illustratori, seguendo la medesima scuola dei suoi fratelli nell’arte dell’incisione di tavole in rame. Si specializzò in tavole di fiori e di insetti, ma ebbe una vera passione per i bruchi e il loro sviluppo in farfalle e le sue ricerche e lavori si possono collocare non solo nell’arte, ma anche nella ricerca scientifica.

Queste segnalazioni sono parziali, ma vogliono incuriosire e, magari, suggerire nuove prospettive per non limitare le mostre d’arte ai soliti noti. Visto che l’arte ci offre ben di più di quanto ci vogliano far credere coloro che hanno interesse a portare all’esasperazione i valori di pochi autori.

LE ORIGINI DELLA CULTURA EUROPEA. Secondo Marija Gimbutas.

Poco si studia sulle vere origini della cultura europea: i tempi dell’uomo preistorico. 

ARTE archeologia dea-in-trono--Bulgaria--4500-a.-C-jpg

Dea-in-trono-Bulgaria-4500-a.-C.

Periodo  7.000 al 3.500 a.C.;  paleolitico ed  neolitico in tutta Europa  e Mediterraneo, sino a gran parte dell’età del bronzo.

ARTE archeologia Grande-Dea--Malta

Grande-Dea- conservata a Malta.

Questa parte della nostra storia si studia poco perché l’Europa fu dominata da una importante e pacifica cultura MATRIARCALE ? !

Una cultura millenaria e pacifica, con una struttura sociale egualitaria e matrilineare, legata a simbolismi religiosi coniugati al femminile, a cui poi seguì una cultura assolutamente differente, patriarcale, bellicosa, di matrice indoeuropea.

Dal testo “IL LINGUAGGIO DELLA DEA” dell’archeologa lituana Marija Gimbutas.

“Le donne erano considerate e valorizzate – regine, sacerdotesse, artigiane,  anziane del clan e la società aveva un  carattere egualitario”.

Lo dimostrano i numerosi reperti di raffinato artigianato, monili compresi, che raffigurano la dea-madre.

Poi dall’oriente arrivarono UOMINI ARMATI A CAVALLO e la civiltà della Dea Madre venne sconfitta a vantaggio di una cultura patriarcale e guerrafondaia.

Queste teorie sono sostenute e dimostrate nel testo “IL LINGUAGGIO DELLA DEA” e negli altri  libri di Marija Gimbutas.

Grande studiosa e teorica della CULTURA DELLA GRANDE MADRE, Marija Gimbutas 1921-1984.

Marija Gimbutas, fu archeologa e lingusita lituana. Studiò le culture del neolitico e del bronzo nell’antica Europa. I suoi lavori furono pubblicati tra il 1946 e il 1971 ed introdussero nuovi punti di vista nell’ambito della linguistica e riguardo all’interpretazione della mitologia.

La Gimbutas scoprì, nelle rappresentazioni femminili che rinvenne del Paleolitico e del Neolitico, l’espressione di una unica Grande Divinità universale e  come manifestazione di una varietà di dività femminili rappresentanti una società matriarcale (teoria molto contestata da archeologi di sesso maschile).

 Nel settembre/ottobre 2008 si è tenuta a Roma una mostra sulla cultura diCucuteni-Trypillia che conferma l’ipotesi di Marija Gimbutas sul carattere pacifico, sulla struttura sociale egalitaria e sull’importanza del ruolo femminile di questa cultura dell’EUROPA ANTICA.

Il catalogo della mostra, “Cucuteni-Trypillia: una grande civiltà dell’Antica Europa“, Palazzo della Cancelleria, Roma-Vaticano, 16 settembre-31 ottobre 2008, fu curato dal Ministero della cultura e degli affari religiosi di Romania nonché dal Ministero della cultura e del turismo di Ucraina, e sostiene quanto segue:

pag.40: 

“-Non vi erano differenze tra le varie tipologie abitative. Dunque non è possibile stabilire quali case appartenessero a persone ricche e quali a persone povere. Le variazioni nelle dimensioni delle abitazioni potrebbero essere attribuite al numero dei membri della famiglia che vi risiedeva, o dipendere dalle tecniche di costruzione delle case.

 –Pertanto non è possibile parlare di ineguaglianza sociale (come nelle società in cui vigeva la schiavitù), ma solo di esistenza di una naturale gerarchia all’interno di ciascuna comunità.

Non si può sostenere che esistesse una categoria di guerrieri, in quanto la maggior parte degli abitanti era dedito all’agricoltura. Gradualmente iniziarono ad emergere gli artigiani (ceramisti, addetti alla lavorazione dei metalli, intagliatori del legno e della pietra, costruttori), così come dei personaggi con un ruolo specifico nel campo della religione. L’abbondanza di statuine antropomorfe femminili e la parallela scarsità di sculture a soggetto maschile sembra suggerire l’importanza del ruolo delle donne all’interno di queste comunità.

-pag.70: La civiltà Cucuteni-Trypillia non era una società schiavista, come la civiltà Sumera e L’Egitto, ma il risultato di relazioni comunitarie. Era compatibile con i moderni ideali di democrazia e autogoverno.

-pag.15: All’interno di una Antica Europa (termine felicemente coniato dalla grande scienziata americana, di origine lituana, Marija Gimbutas), che era ancora alla ricerca della sua identità di espressione, al di qua dei Carpazi nacque una civiltà di innegabile originalità“.

La vita di Marija Gimbutas in breve.

A 16 anni partecipò alla sua prima spedizione etnografica, ed ebbe l’occasione di registrare più di 5 mila canti popolari tradizionali legati alle origini della cultura più antica.

-Nel ‘39 vede l’invasione tedesca e poi quella sovietica.

-La visione comunista  materialistica non coincide con la cultura lituana e di Marija Gimbutas basata sull’arte e le lettere.

-E’ poi costretta a vedere le deportazioni di massa in Siberia dove spariscono 25 membri della sua famiglia.

-Marija si unisce alla resistenza ed alla lotta politica, ma nel ’42 riesce egualmente a laurearsi in archeologia.

-Fugge in Austria.  Con una figlia, nata da poco ,ottiene il dottorato in filosofia dell’archeologia presso l’università di Tubingen, in Germania.

-Fugge negli Usa (1949)  e nel ’47 nasce la seconda figlia.
-Mentre il marito lavora come ingegnere a Boston, Marija diviene  ricercatrice alla Harvard University.

Nel 1963 accetta la cattedra di Archeologia all’Università di Los Angeles dove rimarrà sino alla pensione.

DA: http://www.enciclopediadelledonne.it/index.php?azione=pagina&id=882

“Marija scopre che i popoli arcaici utilizzano un complicato simbolismo religioso e che la forma femminile riflette la centralità delle donne nella vita culturale e religiosa. Le immagini di Dee femminili e Dei maschili, sia antropomorfi che zoomorfi, esprimono una partecipazione sacra nei grandi cicli naturali di fertilità; nascita, morte e rigenerazione.
La concezione del tempo è ciclica, non lineare. Questa civiltà non conosce l’uso delle armi, pur avendo già sviluppato la metallurgia. Gli insediamenti sono posti in pianura e lungo i corsi d’acqua; nelle sepolture non vi sono distinzioni di rango: se ne deduce quindi una società che si sviluppa in grandi centri – anche di 15.000 abitanti- tendenzialmente egualitaria.
«È stata una rivelazione vedere che una cultura successiva sia stata meno avanzata di una più antica. L’arte è incomparabilmente inferiore a quella che c’era prima, ed è esistita una civilizzazione di tremila anni almeno, prima che fosse distrutta».

Infatti, ad un certo punto, a partire dal V millennio A.C., ha inizio l’arrivo della prima ondata di popoli indoeuropei provenienti dal bacino del Volga, nel sud della Russia, quella che Marija definisce cultura Kurgan (dal russo “tumulo”, perché i morti venivano sepolti in tumuli circolari che coprivano le dimore funebri dei maschi importanti).

La struttura sociale di queste genti è gerarchica, patriarcale, patrilineare e guerriera.

Sono popolazioni semi-nomadi, possiedono armi letali (arco e freccia, lancia e daga) e cavalli addomesticati.

In varie ondate, nel corso dei millenni, avviene l’ibridazione dell’antica cultura europea, sedentaria, pacifica, gilanica (termine proposto da Riane Eisler per le strutture sociali in cui c’è uguaglianza tra i sessi, gy-, da gynè, donna e an- da aner, uomo ed L come legame tra le due metà dell’umanità) che termina tra il 4300 e il 2800 a.C. con la sua trasformazione da matrilineare a patrilineare e androcratica.

I temi principali relativi a queste ricerche su arte, simbologie e religione dell’Europa Antica sono contenuti nel libro Il Linguaggio della Dea 1989.

La visione di Marija Gimbutas ha provocato una spaccatura nel mondo accademico e non. E fortemente influenzato il pensiero femminista, il mondo artistico e moltissimi storici e archeologici, anche se non mancano i detrattori che negano in parte o del tutto la sua teoria.

Secondo Joseph Campbell, studioso di mitologia comparata e religione comparata, il valore dell’opera della Gimbutas si può paragonare alla decifrazione della Stele di Rosetta, grazie alla quale si riuscì ad interpretare il pensiero religioso dell’antico Egitto: «Marija Gimbutas è stata in grado non soltanto di elaborare un repertorio basilare di elementi figurativi ricorrenti quali chiavi interpretative della mitologia di un’epoca mai documentata, ma anche di fissare, sul fondamento di questi segni decodificati, le linee peculiari ed i principali contenuti di una religione che venerava sia l’universo in quanto vivente corpo della Dea-Madre Creatrice, sia tutto ciò che vive al suo interno perché partecipe della sua divinità».

Merito della Gimbutas è di aver riportato alla luce la presenza femminile nella visione del sacro, che per molte donne ha avuto, per usare le parole di Luciana Percovich «l’effetto insieme destabilizzante e potentemente energico dell’irruzione del rimosso».

Nel 1991 esce il suo ultimo libro, La civilizzazione della Dea, compendio di tutta la sua opera.”

—————————————————

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

Reg. Tribunale di Como il 7.6.10 n°7/10

Donne aggredite e violentate a Colonia – Per ora solo due condanne

COVER SCARPE ROSSE FIRMA

500 è il numero delle donne aggredite a Colonia nella notte di Capodanno.

Per fortuna è stata modificata la legge, che ora protegge  veramente le donne.

Con la nuova modifica al codice penale, è sufficiente che la vittima dimostri che l’aggressore ha agito contro la sua “volontà riconoscibile” (sino ad ora dovevano provare di essere state minacciate o costrette con violenza all’atto sessuale; ovvero essersi difese attivamente).

Sono 1.182 le donne che hanno sporto denuncia, di cui 497 per reati sessuali. I NUMERI SI COMMENTANO DA SOLI.

Al momento si registra la condanna di due uomini, un iracheno e un algerino, con un anno di prigione. Altre condanne, poche, sono state per borseggi, o rapine … MOLTE VITTIME ASPETTANO GIUSTIZIA … speriamo che i tribunali facciano il loro dovere, sino in fondo.

VIAGGI E LETTERATURA , GERTRUDE BELL poco conosciuta in Italia – Film con la Kidman da rivedere

Gertrude Bell, una donna straordinaria la cui storia appassiona, insegna e fa sognare.

egitto sfinge

Egitto 400 archeologia antico storia Margaret Atwood libri letteratura antico piramide

Il libro di Gertrude Bell, colta gentildonna inglese vissuta due secoli fa, si intitola “”La regina del deserto” (Neri pozza, 18 euro).

Non è un libro qualunque, perché scritto da un’autrice che non ha nulla della donna qualunque e non solo come ceto sociale, ma come intelligenza, coraggio e dedizione.

Nata come erede della dinastia dell’acciaio Lowthian Bell, Gertrude cresce bene educata, ma senza le limitazioni imposte dalla nobiltà.

Dotata di un cervello geniale e di un fisico atletico; diviene ottima studentessa e cavallerizza e si laurea a Oxford in storia e a pieni voti.

La sua matrigna la dispensa dalle mansioni tipicamente femminili dell’epoca. Epoca nella quale si riteneva che l’eccesso di cultura nuocesse alle capacità riproduttive della donna !!!

Con la scusa di andare a trovare parenti diplomatici, Gertrude parte per la Romania e poi per la Persia; siamo nel 1892.

archeologia BAGDAD MUSEO OKOK

archeologia BAGDAD MUSEO NJ

archeologia ARTE BAGDAD CNR FOTO MUSEO

In Persia (oggi divisa in Iran e Iraq), impara la lingua farsi e traduce in inglese le struggenti poesie persiane di Hafiz.

Hafiz: poeta persiano e mistico sufi, Hafiz nacque nel 1325 a Shiraz, in Persia (attuale Iran). Il vero nome di Hafiz era Muhammad Shams ad-Din; egli fu il più grande e popolare poeta d’amore della cultura persiana, incarnando il confronto tra l’ortodossia delle scuole coraniche, l’intensità mistica dei dervisci e l’aspirazione alla libertà laica nell’Iran. La sua famosa opera Divan (Canzoniere), comprende oltre  500 componimenti.
E’ stato il cantore dell’amore assoluto. Le sue poesie hanno una forma e e un linguaggio squisiti, sono ricche di immagini e di melodia. Si sa poco della sua vita
Hafiz ha portato la novità dei temi dell’amore, del vino e della natura, ma soprattutto tanta freschezza e ricchezza di immagini.

–In una poesia è pronto a scambiare le ricchissime e bellissime città di Samarkanda e Bujhara, per il neo di una bella ragazza.

Tutta la sua poesia, per altro, è stata interpretata dai dotti sufi in senso mistico; le sue amate sarebbero immagini e metafore di Dio.

La lettura “occidentale” delle sue poesie (nota quella di Goethe, che ne è stato molto influenzato !!!) è assai realista: la sua poesia è letta come ardente poesia d’amore e di desiderio.
Amore terreno o divino ? Ancora oggi sono assai forti le dispute tra gli studiosi.
In Occidente, fra i suoi maggiori estimatori vi fu il poeta e filosofo americano Ralph Waldo Emerson.
Hafiz muore nel 1389.

Ecco una poesia di Hafiz:

Ero perso
Ero perso con lo sguardo verso il mare
Ero perso con lo sguardo nell’orizzonte,
tutto e tutto appariva come uguale;
poi ho scoperto una rosa in un angolo di mondo,
ho scoperto i suoi colori e la sua disperazione
di essere imprigionata fra le spine
non l’ho colta ma l’ho protetta con le mie mani,
non l’ho colta ma con lei ho condiviso il profumo e le spine tutte quante.
Ah, stenderei il mio cuore come un tappeto sotto i tuoi passi,
ma temo per i tuoi piedi le spine di cui lo trafiggi.

Tornando alla nostra straordinaria Gertrude, studia anche l’arabo, visita Siria e Gerusalemme, dorme nel deserto, come poi le altre donne viaggiatrici e grandi scrittrici inglesi: Vita Sackville West e Freya Stark.

In Europa impara a scalare le Alpi; come Freya Stark scalerà le montagne del lontano Oriente.

Scrive libri di memorie e rischia la vita sulle Alpi Svizzere.

Nonostante tutto, sente il forte richiamo dell’Oriente e ci torna nel primo decennio del ‘900.

Nel 1916, dopo averle negato un incarico ufficiale per la prima Guerra Mondiale, l’Inghilterra la nomina ufficiale di Collegamento dell’Arab Bureau; nessuno conosce alcune zone dell’Oriente meglio di lei.

Sarà lei, alla fine del conflitto che deciderà di far salire al trono del neonato Iraq il re Faysal.

Gertrude resterà in Iraq e promuoverà la nascita del famosissimo Museo Archeologico di Bagdad; ora depredato durante la caduta di Saddam e poi ristrutturato dagli italiani.

Morirà nel 1926 per un’overdose di sonniferi e sarà sepolta nella sua Asia.

La sua foto più famosa la ritrae a dorso di un dromedario di fronte alle Piramidi con accanto Churchill e Lawrence d’Arabia; nei suoi soliti abiti arabi.

IL FILM, DI WERNER HERZOG E LA KIDMAN COME GERTRUDE, RENDE DEGNO OMAGGIO AD UNA FIGURA TANTO IMPORTANTE ED E’ ALL’ALTEZZA DEL LIVELLO CULTURALE DELLA VERA GERTRUDE .

Violenze contro le donne – Mettiamo tutte un lembo rosso sul davanzale

Ogni giorno le cronache ci riportano di inaudite violenze contro le donne.

Non è questione di partito, e NON LO DEVE ESSERE, non è questione di femminismo, E’ QUESTIONE DI DIFENDERE I DIRITTI ACQUISITI AL DI SOPRA DI TUTTO E TUTTI !!!

Per questi motivi ci è sembrato una buona idea mettere una copertina rossa sul nostro balcone, ma può essere una maglietta, un foulard …

MANDIAMO TUTTE UN MESSAGGIO … unite si può vincere, ma se ci dividiamo su tutto come gli uomini… non arriveremo da nessuna parte

LA DONNA NEL MONDO – Violenze sulle donne – RITORNO AL MEDIOEVO ?

COVER DONNE  ALESSANDRIA D'EGITTO MUSSULMANA mette la mano davnti al viso del bimbo grigio

Ai nostri giorni, purtroppo, il numero delle società che riconoscono, non solo sulla carta, la parità tra uomo e donna sono limitatissime e tutte al nord del mondo; Finlandia, Svezia, Canada … qui le donne hanno gli stessi stipendi degli uomini e sono concretamente e abbondantemente  aiutate in caso di maternità (anche la Francia ha una politica molto favorevole alla donna che lavora con figli).

Parliamo di modi di vestire, anche come metafora che si amplifica nel modo di vivere

Al contrario stanno aumentando i paesi dove alle donne si impone anche come vestire.

-Non possiamo credere che in paesi dove il caldo è sempre più soffocante, sia nell’interesse della donna vestire abiti neri, spesso in tessuti sintetici ! Non andare a scuola, non guidare l’auto, non poter uscire di casa sole, non poter avere un lavoro ecc..

-Comunque ci piacerebbe poter ascoltare, al riguardo, le suffragette, che diedero anche al vita,  per la libertà della donna nelle società future.

QUESTO E’ QUANTO SOSTIENE FRANÇOISE HÉRITIER ANTROPOLOGA FRANCESE,  ALLIEVA ED EREDE DELL’ANTROPOLOGO CLAUDE LÉWI-STRAUSS:

  • -ABBIATE FIDUCIA IN VOI STESSE
  • -PARTECIPATE AD AZIONI COLLETTIVE

DONNE NON SI NASCE SI DIVENTA. E LA REGOLA VALE NON SOLO PER L’OCCIDENTE, MA RISALE ALLA NOTTE DEI TEMPI

-“Uomini si diventa? “: “Lo si diventa ATTRAVERSO IL DOMINIO SUL CORPO DELLA DONNA

— LE BASI  DELLA DIFFERENZA CULTURALE UOMO-DONNA

  • INCULCARE ALLA DONNA CHE IL SUO SCOPO NELLA VITA E’ FARE FIGLI
  • IMPOSSIBILITA’ DI STUDIARE E DI SVILUPPARE SPIRITO CRITICO
  • DIVIETO DI SVOLGERE MANSIONI DI POTERE
  • -LE ARMI UTILIZZATE [contro la donna] ERANO [e sono in parte ancora oggi] IL DISPREZZO E L’OSTRACISMO
  • QUESTI PUNTI SONO IL MODELLO DI OGNI DOMINIO
  •  il velo?
  • -“E’ UN MODO PER OCCULTARE LA DONNA, E’ COME CHIUDERLA DENTRO CASA; ci sono cose che non si dovrebbero poter imporre per legge”.

FEMEN, LE FEMMINISTE UCRAINE CHE SI BATTONO PER LA LIBERTA’.

In Italia si parla veramente poco delle FEMEN, le donne ucraine che hanno visto in faccia la morte per 24 ore quando furono sequestrate e torturate all’inizio della loro attività.

Certo che in un Pese, come l’Italia, che sino a 50 anni fa riconosceva ancora il “delitto d’onore” e oggi assiste a un terribile incremento di violenza contro le donne, non è  nel sentire comune parlare di donne che si battono coraggiosamente per la libertà.

-Probabilmente siamo molto più retrogradi di quanto crediamo di essere! E lo sono sicuramente una buona parte dei nostri uomini, anche direttori di giornali, telegiornali ecc..visto che:

-nessun telegiornale ha riferito, nel 2013, che le FEMEN, in una loro recente manifestazione a Parigi, erano accompagnate anche da  suor Veronique, la quale evidentemente non si è sentita scandalizzata dal loro modo, svestito, di provocare, ma ha considerato più importante l’obbiettivo che le giovani donne si sono prefigurate: la libertà in tutte le sue accezioni, ma  la loro protesta si concentra soprattutto contro il turismo sessuale.

ARTE G il mago di Otz copy

STORIA DEL MOVIMENTO FEMEN.

Il movimento ucraino Femen nacque a Kiev nel 2008.

Le radici del movimento affondano nell’ humus delle aule universitarie ed,  infatti, il suo nucleo è composto da giovani studentesse ucraine.

Fondatrice di questa organizzazione è Anna Hutsol, classe 1984, convinta che in Ucraina solo attraverso manifestazioni in topples sia possibile dare  voce ai diritti femminili.

Ho fondato FEMEN perché ho capito che nella nostra società mancavano donne attiviste, l’Ucraina è maschilista e le donne hanno un ruolo passivo».

-La caratteristica di questa protesta è nel fatto che le ragazze manifestano in topless, con scritte e slogan dipinti sulla pelle,  sfruttando il potere  di messe in scena provocatorie. Un modo efficace per attirare l’attenzione dei media (Tv, giornali ecc. ..) sulla loro protesta

-L’idea è  di sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi fondamentali che riguardano la condizione femminile.

-La protesta ha come bersaglio principale il turismo sessuale, fenomeno molto diffuso in Ucraina.

-Altri obiettivi sono: la necessità di una maggiore partecipazione femminile al dibattito sociale e politico,  una considerazione maggiore del ruolo della donna nella società odierna.

-Il movimento delle Femen si è diffuso a macchia d’olio in tutta Europa; in Italia vi è un gruppo nutrito di simpatizzanti ed attiviste delle quali si parla assi poco. Il loro motto è: «Queste non sono tette ma un messaggio politico».

-Le Femen hanno all’attivo numerose iniziative in tutta Europa; a Parigi fecero una manifestazione che le ha viste sfilare davanti alla moschea, a Milano, di fronte al consolato tunisino, dove hanno ideato la protesta al fine di intercedere per la liberazione di Amina Tyler, la ragazza tunisina che pubblicò, per protesta, una sua foto a seno scoperto su facebook e che ha  rischiato la lapidazione.

—-

TRA OTTOCENTO E NOVECENTO: LE DONNE NELLA NASCENTE SOCIETA’ DI

MASSA.

-Il fenomeno più vistoso del periodo qui considerato consiste in una complessiva massificazione della società.

Si possono individuare schematicamente tre ambiti fondamentali in cui questo fenomeno si manifestò: l’ambito sociale ed economico, l’ambito politico e l’ambito culturale.

-Per rispondere alla crisi di sovrapproduzione industriale si avviò una razionalizzazione e una maccanizzazione del lavoro, si cercò di attenuare il selvaggio sfruttamento dei lavoratori e nacquero le prime legislazioni sociali.

-In Italia la prima legge adottata per la tutela sul lavoro delle donne e dei minori è del 1902, su iniziativa del Partito Socialista Le masse popolari chiesero maggiore e migliore rappresentanza politica: nacquero cosi i partiti di massa 

-Fu proprio all’interno di questi partiti che le donne ottennero di far sentire per la prima volta la loro voce nella politica, settore tradizionalmente riservato agli uomini.

  • -Si organizzarono i primi veri movimenti femministi che animarono la battaglia per il diritto al voto:
  • in Inghilterra le donne ottennero il diritto di voto municipale nel 1869 e il diritto di farsi eleggere nel 1894.
  • -Nel 1903 l’Unione politica e sociale delle donne passò a vere e proprie forme di lotta e di disturbo contro tutti i partiti istituzionali, condotte dalle cosiddette suffragette e represse con violenza.
  • -Finalmente nel 1917 fu concesso il suffragio alle donne sopra ai trent’anni e nel 1928 a tutte le donne maggiorenni.
  • -Il primo stato del mondo a concedere il suffragio alle donne fu il Wyoming (Stati Uniti) nel 1869;  diritto esteso a tutte le donne statunitensi solo nel 1920.
  • -In Germania il suffragio femminile risale al 1919, in Francia al 1945
  • IN ITALIA:

  • -In Italia le lotte per l’emancipazione femminile furono guidate a fine Ottocento da figure come quella di Anna Matia Mozzoni, dapprima mazziniana e poi socialista, e della socialista Anna Kuliscioff.
  • -Il quadro sociale italiano era complessivamente molto arretrato, anche per il forte influsso conservatore della chiesa cattolica: basti pensare che alle donne venivano sconsigliate le attività fuori casa, la letture libere, l’istruzione superiore e universitaria
  • Tra le principali conquiste del movimento femminista italiano ci furono nel 1908 l’introduzione del primo Congresso delle donne italiane e, nel 1919 si ottenne l’emancipazione giuridica, con l’ampliamento delle funzioni di tutela, il riconoscimento del facoltà commerciale e l’abolizione dell’obbligo dell’autorizzazione maritale, sia sulla gestione dei propri beni, sia per rendere testimonianza in giudizio.
  • Nel 1922 le donne italiane ottennero il diritto di voto alle elezioni amministrative, anche se il fascismo abolì poi le elezioni.
  • Solo nel 1945 si ottenne il suffragio universale attivo maschile e femminile e nel 1946 anche quello passivo.
  • La diffusione dei giornali quotidiani, del cinema e infine delle trasmissioni radiofoniche favorirono la nascita di una cultura di massa che proponeva un’immagine della donna più omogenea, ma spesso lontana dalla quotidianità della massa perché scritta da giornaliste che vivevano comunque una situazione assai privilegiata, non solo economicamente parlando.
  • Dall’America giunse attraverso la stampa e il cinema l’immagine di una donna più libera nelle sue scelte, concentrata sulla realizzazione della propria personalità e delle proprie aspirazioni, benché  solitamente queste rimanessero ristrette all’ambito tradizionale della famiglia e della casa.
  • LA DONNA SCRITTRICE:
  • Carolina Invernizio(1858 – 1916), ebbe un grandissimo successo in un settore : la letteratura rosa, specificamente indirizzata alle donne, alle quali la Invernizio propose però un’immagine di donna tradizionale e quietamente sottomessa.
  • Sibilla Aleramo (1876 – 1960), inventò, con altre scrittrici, una vera e propria letteratura femminista, in cui si rifletteva sulla condizione di oppressione delle donne e la si  denunciava.
    Altre ancora, come Matilde Serao (1856 – 1927), si dividevano tra letteratura e giornalismo.
  • Grazia Deledda(1871 – 1936) vinse il premio Nobel per la letteratura nel 1926; Cristina Trivulzio di Belgioioso (1808 – 1871) fu singolare figura di viaggiatrice intellettuale;
  • le scrittrici e poetesse Neera (pseudonimo di Anna Radius Zuccari, 1846 – 1918 ) e Ada Negri (1870 – 1945) contribuirono alla formazione di una nuova cultura al femminile.

 SONO POCHISSIME LE SOCIETA’ MATRIARCALI ANCORA

ESISTENTI.

Nella Cina sud-occidentale, non lontano dal Tibet a 2.650 metri,  si incontrano ancora le donne del popolo Mosu.

Qui il bel lago Lugu, che significa “lago madre”, è circondato da foreste, camelie e azalee.

-Uomini e donne Mosu passano la loro vita nella casa materna.

Quando una donna raggiunge la maggiore età ha diritto ad una propria camera dove dove l’uomo scelto appenderà, all’ingresso,  il proprio cappello per far sapere che nessuno deve disturbare. Ma l’uomo può restare solo la notte e andarsene di prima mattina.

Questi costumi sono documentati nel libro del fotografie scrittore  argentino Ricardo Coler: “Il regno delle donne”, editore Nottetempo.

Tra i Mosu conta solo la maternità, la paternità non è contemplata;  nella loro lingua le parole padre e marito semplicemente non esistono.

I Mosu non conoscono divorzi o separazioni, tutto è posseduto dalla matriarca; la Dabu, la quale decide come distribuire equamente tutto quello che serve alle varie famiglie.

Le coppie non vivono insieme e non ci sono violenze sulle donne.

Nel Vietnam sugli altopiani della provincia di Dak Lak vive la popolazione degli Ede, minoranza etnica di sole 285 mila persone.

Qui case e terreni sono posseduti solo dalle donne che li tramandano alle figlie.

Dopo il matrimonio gli uomini vanno a vivere nella casa della famiglia della moglie.

Nella Black Mesa, in Arizona, vivono gli indiani Hopi; le donne possiedono case e terreni, mentre gli uomini possono avere la proprietà degli animali che allevano.  Anche qui il marito vive nella casa della moglie.

Altre società matriarcali sono i Bemba, in Africa Centrale, e i Mangkabu, in Indonesia.

Il viaggiatore inglese Johon Hawkins, alla fine del diciottesimo secolo, riporta esempi di matrilinearità su alcune isole greche: Naxos, santorini, Lasbo,Lemno.

Superiori agli uomini, anche fisicamente, le pescatrici ama, sono rispettate ed hanno la fama di donne brusche e libere.

Pensate che le ama pescano perle anche a ottant’anni.

Le ama sono, in Giappone, un esempio di vita libera dai vincoli e costrizioni della società.

Nina Poppe, fotografa tedesca ha documentato la vita delle donne ama nel libro “Ama” dell’editore Kehrer Verlag; 48 euro.

VIOLENZE CONTRO LE DONNE A CAPODANNO – EMERGONO I PARTICOLARI

Vedi anche l’articolo precedente al link https://www.donnecultura.eu/?p=27907

Le indagini sulle violenze commesse verso le donne la notte di Capodanno, in Germania, proseguono.

Nel Nord Reno-Vestfalia, si sta stringendo il cerchio intorno  agli assalitori nordafricani.

Ora le denunce, nella sola Colonia, sono poco meno di 700.

Una ricompensa di 10.000 euro è stata promessa a chiunque darà importanti informazioni per identificare altri aggressori.

Video, foto e testimonianze, postati sui social media, hanno aiutato all’identificazione di una parte dei responsabili degli assalti alle donne.

Anche se con imbarazzante ritardo, la verità sta venendo a galla.

Secondo quanto scrive “ Il Corriere del Ticino “: “diversi poliziotti hanno parlato di veri e propri diktat imposti dall’alto”, relativamente fatto che in forma non ufficiale gli aggressori (quasi rifugiati ), appaiano più protetti delle stesse vittime.

I media avrebbero accettato, secondo i bene informati, un accordo segreto con la polizia, per il silenzio stampa relativamente ad informazioni considerate a rischio per l’ordine pubblico.

Pare che i ladri e violentatori fossero tutti ubriachi, ma questo non attenua certo le colpe.

I giovani arrestati sarebbero tutti dei richiedenti asilo.

Per la legge tedesca è stupro anche solo la penetrazione di un dito nelle parti intime di una donna; per fortuna, delle donne, molti assalti non sono finiti con un vero stupro, grazie ai vari indumenti indossati dalle donne per proteggersi dal freddo.

Tra gli arrestati, un algerino proveniente da un campo profughi di Kerpen, ma sono diversi gli algerini accusati di violenze e furti finiti in manette. Tutti provenienti da vari campi per profughi e di età compresa tra i 26 e i 22 anni.

I soggetti, di cui sopra, hanno ammesso le loro responsabilità.

La polizia locale, ora sempre in stato di allerta, è riuscita a fermare un gruppo di rocker hooligan e protettori, intenzionati a dare una lezione violenta agli immigrati.

Intanto è avvenuta una retata della polizia nella vicina città di Düsseldorf, precisamente nella zona chiamata “Maghreb”; per l’alta incidenza di immigrati nord africani. Un segno che la polizia tedesca ha voluto dare a ogni malintenzionato.

300 nordafricani sono stati controllati. Tutte le persone fermate sono gia’ state rilasciate.

DONNA AFGANA LAPIDATA ;  AVEVA 19 ANNI

E’ successo la scorsa settimana e lo riporta la TV CNN.

Costretta a sposarsi contro la sua volontà, Rokhshana questo è il nome della donna, era scappata con un altro uomo ed è stata catturata in soli due giorni.

Il Governo e il Parlamento afghano, condannando l’assassinio lo hanno anche definito: “inumano e contrario all’Islam”.

Il ministro dell’Interno afghano, Noor-ul-Haq Ulomi, ha chiesto alla polizia di arrestare i lapidatori.

La Governatrice della provincia dove è avvenuto il fatto ha commentato: “E’ stato disumano”.

OBBLIGO DI INFIBULAZIONE PER TUTTE LE DONNE DAGLI 11 AI 46 ANNI !

ONU ALLARME INFIBULAZIONE PER 4 MILIONI DI DONNE.

LE LUNGHE LOTTE DELLE DONNE PER LA PARITA’ DEI SESSI SI SCHIANTANO CONTRO L’EDITTO DELL’ISIS DI AL  BAGHDAD: OBBLIGO DI INFIBULAZIONE PER TUTTE LE DONNE DAGLI 11 AI 46 ANNI !

LA MUTILAZIONE GIA’ RIGUARDA FRA I 100 E I 140 MILIONI DI DONNE E BAMBINE NEL MONDO CHE VIVONO IN 29 PAESI AFRICANI E MEDIORIENTALI, MA ANCHE FRA I MIGRANTI IN EUROPA PER UN NUMERO STIMATO IN 500 MILA CASI, DEI QUALI 40 MILA IN ITALIA.

Poco diffusa, sino a oggi, in Siria e Iraq, l’infibulazione sta per diventare pratica ordinaria su tutto il territorio fra Iraq e Siria in mano agli jihadisti.

L’allarme è stato dato da Jaqueline Badcock, coordinatrice umanitaria dell’ Onu in Iraq.

Nell’editto che obbliga all’infibulazione sono citati come motivazioni “il peccato e il vizio; nel timore che si propaghino tra gli uomini e le donne della nostra società islamica, il nostro signore e principe dei fedeli Abu Bakr Al Baghdadi ha deciso che in tutte le regioni dello Stato islamico le donne debbano essere cucite”.

Conferme sono arrivate dal portavoce del Partito democratico curdo dell’area di Ninive (vicina a Musul), Sa’eed Memozini che ha confermato l’obbligo della mutilazione femminile insieme all’obbligo di mandare uno figlio, per le famiglie di almeno tre figli, a combattere con l’Isis o pagare una multa; inoltre è stato ingiunto a tutti i curdi di  di lasciare al città, pena la morte.

L’editto è datato 21 luglio 2014 e postato su Twitter, ma è stato, per ora, respinto da siti ed account vicini all’Isis.

La rappresentante numero due dell’ Onu in Iraq, signora Colei, dice di non poter dare  ulteriori dettagli sino a che non avrà raggiunto i territori personalmente, ma di avere altri rapporti che confermano casi di violenza sulle donne e matrimoni forzati.