Archivi categoria: la donna nella storia

donna e storia, donne nella storia, la storia e le donne,

DONNE – medico VIOLENTATE E IGNORATE in Sicilia – ma non solo ….

SERAFINA STRANO – DOTTORESSA CORAGGIOSA DENUNCIA IN TELEVISIONE
UNA STORIA DA MEDIOEVO

La dottoressa Serafina Strano, è stata violentata durante il suo turno di Guardia Medica notturna a Trecastagni, in provincia di Catania

NELLE GUARDIE MEDICHE D’ITALIA VI SONO SITUAZIONI DI GRAVE PERICOLO

IN TRIBUNALE NON HA VUTO NEMMENO IL CONFORTO DELLA PRESENZA DI UN RAPPRESENTANTE UFFICIALE DELL’ORDINE DEI MEDICI (lo ha riferito la TV La7 nella trasmissione: “Non è l’Arena” di Massimo Giletti)

Lo stupro NON è come una caduta dalle scale …. !!! Per chi non lo avesse ancora capito !!!

Dopo una violenza la dottoressa è stat dichiarata dall’apposito comitato di Palermo:

“ NON INDONEA A TORNARE AL LAVORO ” – Ma non è stata accettata la sua richiesta di trasferimento in un luogo di lavoro più sicuro !!!

Più sotto:

ITALIANA TORNA NEL SUD DEL SUDAN PER INCHIODARE GLI STUPRATORI ma …

::::::::::

SERAFINA STRANO, NON è l’UNICA DOTTORESSA VIOLENTATA IN UN PRONTO SOCCORSO

Alla trasmissione televisivo era presenta anche un’altra dottoressa; Mia Francesca Falconi, anche lei con esperienza nell’ambito delle violenze nelle guardie mediche.

Entrambe hanno dichiarato di altre donne – medico accoltellate …

MA LE MUSURE DI PREVENZIONE ADOTTATE SANNO SOLO DI RIDICOLO: NON COLLAUDATE, NON EFFICIENTI …

SERAFINA STRANO – in televisione risponde di continuare la sua battaglia, grazie alla rabbia che è diventata la sua forza.

Nemmeno un citofono a difesa della dottoressa sola nella guardia medica in piena notte; obbligata ad aprire il portone senza vedere chi ha bussato.

I braccialetti introdotti, come ?? SICUREZZA ???, solo dopo numerose pressioni, portano alla possibilità di parlare, dopo avere composto il numero del caso, da un altro telefono , fuori dalla stanza dove è in atto il pericolo …per chiedere aiuto !!!

PRIMA DELLO STUPRO LA DOTTORESSA SERAFINA STRANO, ed altre, AVEVANO SEGNALATO ALLE AUTORITA’ COMPETENTI I RISCHI E LE DIFFICOLTA’ CHE DOVEVANO AFFRONTARE QUOTIDIANAMENTE … senza ricevere risposta !!!

PER LEGGE LE AUTORITA’ COMPETENTI DEVONO PROVVEDERE AD ADEGUATI PRESIDI NELLE ZONE SEGNALATE COME PERICOLOSE ….

IL FATTO SOPRA SEGNALATO è AVVENUTO IL 19 SETTEMBRE 2017, PRESSO UNA GUARDIA MEDICA IN SICILIA – alle ore 24.

La dottoressa conosceva il paziente che aveva già chiesto, in passato e più volte, un antidolorifico.

Le telecamere, come in  molti latri luoghi,  esistono solo fuori dall’ambulatorio … ed hanno segnalato ingresso del violentatore, tentativi di fuga della vittima … ma non quanto accaduto nell’ambulatorio – dove NON sono previste telecamere di sicurezza !!!

Il violentatore era un culturista, che non ha avuto problemi ad immobilizzare la donna – medico.

Quando, alla fine ha chiesto un accendino, la dottoressa ha colto l’occasione per scappare fuori dall’ambulatorio, ma è stata immediatamente immobilizzata di nuovo.

Durante l’aggressione, alla dottoressa, sono stati anche tappati la bocca e il naso; così ha compreso che avrebbe anche potuto morire; se non avesse cercato in qualche modo di non irritare ulteriormente l’aggressore …. la morte per asfissia è un fatto già accaduto durante uno stupro e ben presente nella memoria della dottoressa.

NON ULTIMO PER IMPORTANZA IL RISCHIO CHE OGNI DONNA CHE LAVORA IN ORARI NOTTURNI DEVE AFFRONTARE NEGLI SPOSTAMENTI IN AUTO O MEZZI PUBBLICI.

La maggioranza si fa accompagnare, ma non a tutte questo è possibile.

::::::::::::::::::

ITALIANA TORNA NEL SUD DEL SUDAN PER INCHIODARE GLI STUPRATORI

Ora è la comunità internazionale che deve fare pressione affinché quella busta venga aperta e sia fatta giustizia. In un paese dove la giustizia è una parola dai significati ambigui …

L’operatrice umanitaria era stata stuprata con altre cinque donne, dai soldati governativi nel 2016.

Il Sudan è al 165° posto, su 188, tra i paesi dove è più bassa la Gender Inequality.
Index ONU, che misura la disparità di genere.

L’italiana è stata l’unica a testimoniare davanti alla corte marziale locale.

Per farlo, ha dovuto tornare nel paese dove era stata stuprata; le è stato impedito di testimoniare e deporre a distanza.

Lì le donne subiscono violenza e stupri tutti i giorni, ma non hanno la possibilità di denunciare; per vari motivi legati alla situazione locale.

Questo è di fatto il primo processo per violenza sessuale come crimine di guerra del paese.

L’esito di quel processo non è ancora stato reso noto e rimane chiuso in una busta; il giudice è morto un mese dopo avere emesso la sentenza.

Ora è la comunità internazionale che deve fare pressione affinché quella busta venga aperta e sia fatta giustizia.
In un paese dove la giustizia è una parola dai significati ambigui … !

Spagna – NON SI FERMANO LE DONNE SPAGNOLE – hashtag #YoTeCreo non è solo abuso

Un modesto invito a tutte le donne italiane e, in primis, alle nostre donne nel ” governo ” …

CONTINUA LA PROTESTA DELLE DONNE SPAGNOLE CONTRO LA LEGGE TROPPO DEBOLE SULLE VIOLENZE SESSUALI

IL GOVERNO PROMETTE SUBITO UN CAMBIO DELLA LEGGE

La costanza delle donne spagnole che non mollano la difesa dei loro diritti dalle violenze, potrebbe essere un buon esempio per l’Italia e i suoi, quasi quotidiani, omicidi di donne per motivi sessuali – familiari !

Un modesto invito a tutte le donne italiane e, in primis, alle nostre donne di ” governo ” … che si sono dimostrate debolucce … e forti solo nelle parole ai talk show… !!!!

::::

I FATTI SPAGNOLI

“Stupro di gruppo? No è solo abuso”

Cinque sivigliani, di età compresa fra 27 e 29 anni, avevano aggredito una ragazza

durante la festa di San Fermin, Pamplona – 2016

Uno dei tre giudici della Navarra si era addirittura pronunciato per l’assoluzione completa.

Migliaia di spagnoli si riversano nelle pizze di tutto il paese per protestare

Colpevoli condannati a 9 anni di carcere per “abuso sessuale” e assolti dall’accusa di “aggressione sessuale”

9 anni di carcere ai colpevoli – l’accusa aveva chiesto 20 anni …

LA RAGAZZA HA DICHIARATO DI NON ESSERSI DIFESA PERCHE’ TERRORIZZATA, AVEVA COMPRESO DI NON POTERSI DIFENDERE DA 5 UOMINI 

La Procura generale della Repubblica di Navarra ha annunciato che presenterà ricorso CONTRO L’IGNOBILE SENTENZA.

Migliaia i post online con l’hashtag #YoTeCreo

 

A una donna il Nobel per la pace – Beatrice Fihn has received the Nobel Peace Prize

Il premio Nobel per la pace “è un messaggio agli Stati che hanno armi nucleari”, ha dichiarato la direttrice esecutiva dell’Ican, Beatrice Fihn.

Il premio Nobel per la Pace 2017 è stato assegnato all’organizzazione per il bando alle armi nucleari (Ican) con sede a Ginevra.

Beatrice Fihn è la la direttrice esecutiva di ICAN: organizzazione per l’abolizione delle armi nucleari

Il premio è stato assegnato all’ICAN per:  “il suo ruolo nel fare luce sulle catastrofiche conseguenze di un qualunque utilizzo di armi nucleari e per i suoi sforzi innovativi per arrivare a un trattato di proibizioni di queste armi”; ha detto Beatrice Fihn.

L’Ican, organizzazione non-profit nata nel 2007 in Australia, con sede a Ginevra, è composta da 468 organizzazione in 101 Paesi.

Questa organizzazione, è stata determinante perché  l’Onu adottasse il nuovo trattato per la messa al bando delle armi nucleari, che entrerà in vigore quando i 50 Stati lo ratificheranno.

Donna uccisa davanti a scuola elementare – ennesimo femminicidio …

La donna si chiamava Immacolata Villani, 31 anni sposata, aveva appena accompagnato sua figlia alla scuola elementare.

Il fatto è accaduto a Terzigno, nel Napoletano.

La donna si era fermata a parlare con un uomo, davanti alla scuola, il quale avrebbe estratto una pistola e sparato un solo colpo.

I carabinieri stanno cercando il marito.

La donna, aveva denunciato il marito, da qualche giorno, per maltrattamenti.

A voi ogni commento … !!!

Sesso per cibo – ONG implicati i distributori – Il crimine più grave del dopoguerra

Il crmine più grave del dopoguerra

Siria, lo conferma Danielle Spencer; la cooperante alla Bbc: “Cibo e aiuti umanitari in cambio di favori sessuali a operatori di diverse ong e dell’Onu” – «Non consegnavano gli aiuti fino a che le donne non si concedevano».

La pratica è così diffusa, che sempre più donne si rifiutano di andare nei centri di distribuzione del cibo perché poi saranno accusate di avere fatto sesso con estranei (gravissimo per una mussulmana; con la sharia c’è la lapidazione) e nel timore di essere ricattate.

Lo United Nations Population Fund (Unfpa) ha spiegato che questo tipo di abusi è frequente tra i vari governatorati della Siria.

Rapporto Voices from Syria 2018:

– “ragazze vengono date in spose a funzionari per un breve periodo di tempo, per servizi sessuali, in cambio di cibo.”, I rappresentanti delle ONG vogliono visitare le case delle donne assistite e chiedono in cambio degli aiuti prestazioni del tipo: “passare una notte assieme”; generalmente si tratta di  donne “senza protezione maschile”,

orfane, vedove, divorziate, sono le più esposte al rischio di abusi sessuali. 

NON SI FANNO I NOMI DELLE ORGANIZZAZIONI UMANITARIE IMPLICATE .vuol dire che ne sono coinvolte moltissime; anche i grandi nomi !!!

Vorremmo che i dirigenti, per queste vergogne, si dimettessero ….

Senza accusare tutti e riconoscendo i volontari pieni di buona volontà.

Ancora scandali per le ONG Organizzazioni senza scopo di lucro, ma a scopo sessuale ?

Dopo i fatti recenti lo pensano in molti; senza accusare tutti e riconoscendo ai volontari seri, la loro buona volontà.

Violenze alle donne 44% gli assolti a Caltanissetta

Brutte storie di donne due volte umiliate e violate: il 44% dei processi, nella “civile e democratica Italia”, vede assolti i violentatori o massacratori !!! Accade a caltanissetta.

La commissione sul femminicidio ha denunciato caos nei tribunali e abusi derubricati a conflitti familiari.

Inoltre sussiste un vero e proprio scandalo delle assoluzioni: a Caltanissetta il 44 per cento degli imputati è salvato dai giudici.

Riportiamo  fatti recenti :

Gennaio 2018

Ancora episodi di violenza sulle donne a Gela.

Tra i tanti, un ventenne tossicodipendente avrebbe in più occasioni picchiato, minacciato di morte e insultato la madre per avere i soldi per acquistare stupefacenti e alcol. la donna è stata picchiata tanto da finire in ospedale.

25.11.17

La donna ha riportato un trauma cranico e il setto nasale deviato.

Un uomo di 38 anni, in stato di ubriachezza, ha colpito con schiaffi e pugni alla fronte e al viso la fidanzata. Sanguinante, al pronto soccorso la donna è stata medicata e dimessa con una prognosi di 15 giorni per un trauma cranico e la deviazione del setto nasale…  !

ASSOCIAZIONE IN DIFESA DELLE DONNE A CALTANISSETTA:

https://www.facebook.com/associazione.galatea/

 

Solo uomini e molestie nel lusso del Dorchester Hotel

Un incontro per soli uomini a scopo di beneficenza, invitati  politici, uomini di affari e finanzieri, ma le hotess dovevano indossare abiti succinti con biancheria nera

Lo riporta Finanacial Times  del 24.1.18, che aveva mandato due sue inviate, sotto copertura; per scoprire come sono andate effettivamente le cose.

In sei ore le hostess sono state sottoposte a: COMMENTI SPIACEVOLI, LASCIVE E RIPETUTE RICHIESTE DI UNIRSI AI COMMENSALI NELLE CAMERE DA LETTO … mentre vini e liquori venivano serviti anche alle hotess che erano state invitate a bere dalla stessa organizzazione…

Le hostess hanno riferito  che gli invitati hanno messo ripetutamente le mani sulle gonne delle hotess, una partecipante parla anche di avere dovuto vedere, senza volerlo,  una parte intima di un invitato.

CONCLUSIONE DELLE RIUNIONI:

Hostess palpeggiate e proposte esplicite, inviti nelle camere degli invitati …

L’ incontro, ad alto livello e per soli uomini, è avvenuto nel prestigioso hotel The Dorchester; scopo apparente la beneficienza per un ospedale per bambini di Londra.

Invitati: 360 personaggi notisssimi del mondo della finanza, della politica e degli affari.

Presenti anche: Boris Jhonson, segretario agli esteri britannico, il governatore della Bank of England Mark Carney, sino al comico David Walliams.

Donne presenti: solo bellisssime giovanissime hostess, per contratto in abiti succinti, tacchi alti e biancheria nera.

Molte di queste hostess sono studentesse universitarie che si guadagnano da vivere accettando questi lavori occasionali di hotess per eventi e fiere.

Moltissime donne, dopo la prima esperienza si dichiarano scioccate e che non parteciperanno mai più ad un evento simile, ma molte provengono da esperienze serie ed altre dichiarano di sapere tenere a bada la situazione. Tutte hanno bisogno di lavorare, ma non per questo accettano di sottopoprsi a tante “violenze”; che siano psicologiche o concrete, poco conta sono solo e sempre da condannare.

Finalmente se ne parla … quando un giornale italiano farà un lavoro simile a questo del Financial Time ? Non crediamo che in Italia non esista niente di simile, è più probabile che da noi ci sia solo molta più OMERTA’.

 

 

Bellomo – Espulso dalla Magistratura

DEVE LASCIARE LA MAGISTRATURA

UNA VITTORIA PER LE DONNE !!!

Voleva, per contratto nella sua scuola privata per magistrati (con una percentuale di vincitori del concorso del 75%, mentre la media è bassissima) le allieve con

-tacchi a spillo

-minigonne

-non potevano sposarsi   … !!!!!!!!!!!!!

AVEVAMO GIA’ PUBBLICATO:

18 Dic, 2017

Bellomo magistrato vuole tacchi a spillo e mini – Continuiamo a denunciare

SCUOLA DI FORMAZIONE PER MAGISTRATI (scuola privata e si auspica che diventi solo una cosa pubblica)

le donne dovevano PRESENTARSI AI CORSI IN MINIGONNA, TACCHI A SPILLO E CON TRUCCO MARCATO E ADDIRITTURA  NON SPOSATE.

Se ne  parla troppo poco, quasi niente, alla televisione e sui giornali italiani; soprattutto se pensiamo allo spazio dedicato a simili scandali in America e Inghilterra.

Forse perché è coinvolta un’alta istituzione dello stato italiano: IL CONSIGLIO DI STATO.

Infatti, finalmente, per salvaguardare il nome dell’istituzione, il 10 gennaio è convocata un’ adunanza del Consiglio di Stato sulla  destituzione di Bellomo.

La Procura, aveva aperto un fascicolo d’indagine senza ipotesi di reato, ma oggi basandosi su alcuni elementi acquisiti  la Procura di Bari, ipotizza che il magistrato amministrativo abbia obbligato alcune sue allieve della Scuola di formazione per magistrati a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e con trucco marcato e addirittura preteso che non fossero sposate.

Il padre di una studentessa aveva da tempo denunciato il fatto che la figlia aveva sofferto notevolmente a causa della situazione di cui sopra.

Ecco cosa ha detto il padre, dopo la denuncia, i carabinieri “sono venuti più volte, chiedevano a mia figlia di firmare un atto di conciliazione. Sono venuti a maggio, e poi a ottobre, ma lei era in ospedale”. La denuncia risale alla fine del 2016 .

Il consigliere di Stato Francesco Bellomo è oggi indagato a Bari per estorsione.

GLI ANTEFATTI:

Anche in Italia escono, a fatica, i nomi degli uomini che hanno molestato ripetutamente e approfittato della loro posizione per pretendere attenzioni da allieve e altre donne.

La denuncia, di qualche anno fa, da parte del padre di una allieva del magistrato Bellomo, riferisce che la ragazza doveva sottoscrivere una dichiarazione che le imponeva di presentarsi ai corsi con tacchi alti e minigonna ….

Bellomo, il cui nome è uscito su TV e giornali, sino a ieri promeva battaglia legale.

LE ORIGINI DELLA CULTURA EUROPEA. Secondo Marija Gimbutas.

Poco si studia sulle vere origini della cultura europea: i tempi dell’uomo preistorico. 

ARTE archeologia dea-in-trono--Bulgaria--4500-a.-C-jpg

Dea-in-trono-Bulgaria-4500-a.-C.

Periodo  7.000 al 3.500 a.C.;  paleolitico ed  neolitico in tutta Europa  e Mediterraneo, sino a gran parte dell’età del bronzo.

ARTE archeologia Grande-Dea--Malta

Grande-Dea- conservata a Malta.

Questa parte della nostra storia si studia poco perché l’Europa fu dominata da una importante e pacifica cultura MATRIARCALE ? !

Una cultura millenaria e pacifica, con una struttura sociale egualitaria e matrilineare, legata a simbolismi religiosi coniugati al femminile, a cui poi seguì una cultura assolutamente differente, patriarcale, bellicosa, di matrice indoeuropea.

Dal testo “IL LINGUAGGIO DELLA DEA” dell’archeologa lituana Marija Gimbutas.

“Le donne erano considerate e valorizzate – regine, sacerdotesse, artigiane,  anziane del clan e la società aveva un  carattere egualitario”.

Lo dimostrano i numerosi reperti di raffinato artigianato, monili compresi, che raffigurano la dea-madre.

Poi dall’oriente arrivarono UOMINI ARMATI A CAVALLO e la civiltà della Dea Madre venne sconfitta a vantaggio di una cultura patriarcale e guerrafondaia.

Queste teorie sono sostenute e dimostrate nel testo “IL LINGUAGGIO DELLA DEA” e negli altri  libri di Marija Gimbutas.

Grande studiosa e teorica della CULTURA DELLA GRANDE MADRE, Marija Gimbutas 1921-1984.

Marija Gimbutas, fu archeologa e lingusita lituana. Studiò le culture del neolitico e del bronzo nell’antica Europa. I suoi lavori furono pubblicati tra il 1946 e il 1971 ed introdussero nuovi punti di vista nell’ambito della linguistica e riguardo all’interpretazione della mitologia.

La Gimbutas scoprì, nelle rappresentazioni femminili che rinvenne del Paleolitico e del Neolitico, l’espressione di una unica Grande Divinità universale e  come manifestazione di una varietà di dività femminili rappresentanti una società matriarcale (teoria molto contestata da archeologi di sesso maschile).

 Nel settembre/ottobre 2008 si è tenuta a Roma una mostra sulla cultura diCucuteni-Trypillia che conferma l’ipotesi di Marija Gimbutas sul carattere pacifico, sulla struttura sociale egalitaria e sull’importanza del ruolo femminile di questa cultura dell’EUROPA ANTICA.

Il catalogo della mostra, “Cucuteni-Trypillia: una grande civiltà dell’Antica Europa“, Palazzo della Cancelleria, Roma-Vaticano, 16 settembre-31 ottobre 2008, fu curato dal Ministero della cultura e degli affari religiosi di Romania nonché dal Ministero della cultura e del turismo di Ucraina, e sostiene quanto segue:

pag.40: 

“-Non vi erano differenze tra le varie tipologie abitative. Dunque non è possibile stabilire quali case appartenessero a persone ricche e quali a persone povere. Le variazioni nelle dimensioni delle abitazioni potrebbero essere attribuite al numero dei membri della famiglia che vi risiedeva, o dipendere dalle tecniche di costruzione delle case.

 –Pertanto non è possibile parlare di ineguaglianza sociale (come nelle società in cui vigeva la schiavitù), ma solo di esistenza di una naturale gerarchia all’interno di ciascuna comunità.

Non si può sostenere che esistesse una categoria di guerrieri, in quanto la maggior parte degli abitanti era dedito all’agricoltura. Gradualmente iniziarono ad emergere gli artigiani (ceramisti, addetti alla lavorazione dei metalli, intagliatori del legno e della pietra, costruttori), così come dei personaggi con un ruolo specifico nel campo della religione. L’abbondanza di statuine antropomorfe femminili e la parallela scarsità di sculture a soggetto maschile sembra suggerire l’importanza del ruolo delle donne all’interno di queste comunità.

-pag.70: La civiltà Cucuteni-Trypillia non era una società schiavista, come la civiltà Sumera e L’Egitto, ma il risultato di relazioni comunitarie. Era compatibile con i moderni ideali di democrazia e autogoverno.

-pag.15: All’interno di una Antica Europa (termine felicemente coniato dalla grande scienziata americana, di origine lituana, Marija Gimbutas), che era ancora alla ricerca della sua identità di espressione, al di qua dei Carpazi nacque una civiltà di innegabile originalità“.

La vita di Marija Gimbutas in breve.

A 16 anni partecipò alla sua prima spedizione etnografica, ed ebbe l’occasione di registrare più di 5 mila canti popolari tradizionali legati alle origini della cultura più antica.

-Nel ‘39 vede l’invasione tedesca e poi quella sovietica.

-La visione comunista  materialistica non coincide con la cultura lituana e di Marija Gimbutas basata sull’arte e le lettere.

-E’ poi costretta a vedere le deportazioni di massa in Siberia dove spariscono 25 membri della sua famiglia.

-Marija si unisce alla resistenza ed alla lotta politica, ma nel ’42 riesce egualmente a laurearsi in archeologia.

-Fugge in Austria.  Con una figlia, nata da poco ,ottiene il dottorato in filosofia dell’archeologia presso l’università di Tubingen, in Germania.

-Fugge negli Usa (1949)  e nel ’47 nasce la seconda figlia.
-Mentre il marito lavora come ingegnere a Boston, Marija diviene  ricercatrice alla Harvard University.

Nel 1963 accetta la cattedra di Archeologia all’Università di Los Angeles dove rimarrà sino alla pensione.

DA: http://www.enciclopediadelledonne.it/index.php?azione=pagina&id=882

“Marija scopre che i popoli arcaici utilizzano un complicato simbolismo religioso e che la forma femminile riflette la centralità delle donne nella vita culturale e religiosa. Le immagini di Dee femminili e Dei maschili, sia antropomorfi che zoomorfi, esprimono una partecipazione sacra nei grandi cicli naturali di fertilità; nascita, morte e rigenerazione.
La concezione del tempo è ciclica, non lineare. Questa civiltà non conosce l’uso delle armi, pur avendo già sviluppato la metallurgia. Gli insediamenti sono posti in pianura e lungo i corsi d’acqua; nelle sepolture non vi sono distinzioni di rango: se ne deduce quindi una società che si sviluppa in grandi centri – anche di 15.000 abitanti- tendenzialmente egualitaria.
«È stata una rivelazione vedere che una cultura successiva sia stata meno avanzata di una più antica. L’arte è incomparabilmente inferiore a quella che c’era prima, ed è esistita una civilizzazione di tremila anni almeno, prima che fosse distrutta».

Infatti, ad un certo punto, a partire dal V millennio A.C., ha inizio l’arrivo della prima ondata di popoli indoeuropei provenienti dal bacino del Volga, nel sud della Russia, quella che Marija definisce cultura Kurgan (dal russo “tumulo”, perché i morti venivano sepolti in tumuli circolari che coprivano le dimore funebri dei maschi importanti).

La struttura sociale di queste genti è gerarchica, patriarcale, patrilineare e guerriera.

Sono popolazioni semi-nomadi, possiedono armi letali (arco e freccia, lancia e daga) e cavalli addomesticati.

In varie ondate, nel corso dei millenni, avviene l’ibridazione dell’antica cultura europea, sedentaria, pacifica, gilanica (termine proposto da Riane Eisler per le strutture sociali in cui c’è uguaglianza tra i sessi, gy-, da gynè, donna e an- da aner, uomo ed L come legame tra le due metà dell’umanità) che termina tra il 4300 e il 2800 a.C. con la sua trasformazione da matrilineare a patrilineare e androcratica.

I temi principali relativi a queste ricerche su arte, simbologie e religione dell’Europa Antica sono contenuti nel libro Il Linguaggio della Dea 1989.

La visione di Marija Gimbutas ha provocato una spaccatura nel mondo accademico e non. E fortemente influenzato il pensiero femminista, il mondo artistico e moltissimi storici e archeologici, anche se non mancano i detrattori che negano in parte o del tutto la sua teoria.

Secondo Joseph Campbell, studioso di mitologia comparata e religione comparata, il valore dell’opera della Gimbutas si può paragonare alla decifrazione della Stele di Rosetta, grazie alla quale si riuscì ad interpretare il pensiero religioso dell’antico Egitto: «Marija Gimbutas è stata in grado non soltanto di elaborare un repertorio basilare di elementi figurativi ricorrenti quali chiavi interpretative della mitologia di un’epoca mai documentata, ma anche di fissare, sul fondamento di questi segni decodificati, le linee peculiari ed i principali contenuti di una religione che venerava sia l’universo in quanto vivente corpo della Dea-Madre Creatrice, sia tutto ciò che vive al suo interno perché partecipe della sua divinità».

Merito della Gimbutas è di aver riportato alla luce la presenza femminile nella visione del sacro, che per molte donne ha avuto, per usare le parole di Luciana Percovich «l’effetto insieme destabilizzante e potentemente energico dell’irruzione del rimosso».

Nel 1991 esce il suo ultimo libro, La civilizzazione della Dea, compendio di tutta la sua opera.”

—————————————————

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

Reg. Tribunale di Como il 7.6.10 n°7/10

Francia DENUNCIA IL TUO AGGRESSORE contro violenze sessuali

’hashtag “Me too” passa dai social network alle strade

Dall’affare Weistein in Francia è nato un ” movimento “ che dice

DENUNCIA IL TUO AGGRESSORE

per denunciare gli abusi subiti e dimostrare solidarietà alle vittime di abusi.

peché non è accaduto anche in Italia ???

Migliaia di donne ma anche uomini si sono riuniti nelle principali città francesi per denunciare gli abusi subiti.

Penso molto a mia figlia, alle mie nipoti e pronipoti. Penso a queste generazioni. Bisogna porre fine a quelle cose perché non siamo degli oggetti”.

ABISSALE IL SILENZIO ITALIANO; qui le donne sono più sottomesse, la cultura è più arretrata o sono comunque ancora considerate inferiori e le nostre ministre cosa stanno facendo perquesto ????? … troppo occupate ad apparire in televisione parlando d’altro … e sempre vergognosamente  eleganti ( pensiamo alle molte donne italiane disoccupate, alle pensionate povere … che non hanno aiuti sociali sufficienti per vivere dignitosamente, pagare una badante o un’asilo o le cure mediche …o l’affitto ) .