Archivi categoria: donne che pensano

cultura generale, riflessioni, dove va il mondo?, dove stiamo andando?, quale futuro?

Appuntamento a Milano il 19 novembre al Museo di Storia Naturale di Milano – Dalla carta e dalla luce

Dalla carta e dalla luce. Il giardino è aperto

Con Alessandra Angelini e Paolo Cottini. A cura di Cento Amici del Libro

Alessandra Angelini

Museo di Storia Naturale di Milano

19 Novembre 2107
 
Ore 13.00

Paghi quello che gli algoritmi decidono … non è un’ipotesi

Non lo diciamo noi, ma lo afferma Beppe Severgnini su

“ Io donna “, allegato del Corriere della Sera.

Gli algoritmi controllano e scelgono per noi; anche se non ce ne rendiamo conto …

MA CHI CONTROLLA GLI ALGORITMI ? Nessuno, direbbe Ulisse, ma lo diciamo anche noi dopo quello che abbiamo saputo su queste “misteriose” potenze matematiche chiamate algoritmi.

SCHIAVI DI UN ALGORITMO

Sanno tutto di noi:

-cosa desideriamo,

-possono decidere cosa farci vedere (NOTIZIE, PROGRAMMI ECC…),

-possono suggerirci cosa leggere

-come viaggiare e quanto spendere

-influenzano come mangiamo

-possono condizionare anche il nostro voto ? (forse si, secondo quanto si sta scoprendo negli USA, riguardo alle manipolazioni via messaggi mail da parte della Russia per le elezioni di Trump)

GLI ALGORITMI SONO UN VERO PERICOLO E DOVREMMO TUTTI CERCARE DI CAPIRLI MEGLIO

Il cosiddetto servizio al cliente, nasconde un’insidia … i giganti del web conoscono tutti i particolari della nostra vita, i gusti, dove andiamo, quanto spediamo e possiamo spendere ecc… e vendono i nostri dati a chiunque.

Non si tratta di vivere nel terrore che altri rubino i nostri dati, ma è indispensabile diventare tutti consapevoli di come stanno andando le cose.

Sapevate che il prezzo del vostro volo può essere determinato dal mezzo, luogo e ora, quando ne fate richiesta ?

NON E’ FANTASCIENZA:

Le compagnie aeree hanno smentito, ma Rafi Mohammed, ha appena scritto sulla prestigiosa rivista Harvard Business Review, di avere verificato come le compagnie aeree applichino diverse tariffe (del 6,5%) sul medesimo volo seguendo le informazioni degli algoritmi.

Leonard Barberi, del Corriere della Sera, ha ripetuto l’esperimento e ha scoperto una differenza di costi, per il medesimo servizio, anche del 9% !!!!

Ovvero, il prezzo del volo (o di altro acquisto via internet) che compare davanti a voi può variare in base a:

geolocalizzazione ( vi trovate in centro città o in periferia …)

fasce di reddito (individuate dagli algoritmi secondo i vostri precedenti acquisti di categoria alberghi, viaggi, lusso ecc…)

mezzo di acquisto (lo smartphone è considerato economico, se usate un Mac gli algoritmi vi considerano ricchi … addirittura gli algoritmi distinguono tra i diversi sistemi operativi; quelli di Apple vi fanno considerare di fascia di reddito alta)

orario di prenotazione e luogo (da un computer in ufficio di mattina si tratta, per l’algoritmo, di viaggio di affari e quindi può essere più costoso).

ADDIRITTURA GLI ALGORITMI SARANNO DETERMINANTI PER VINCERE NELL’ECONOMIA MONDIALE

Se negli USA si scopre l’algoritmo giusto per produrre auto che si guidano da sole, la Germania perderà la supremazia nelle vendite delle auto; che verrà presa dagli USA.

Quanto sopra, è confermato da pag 21 dell’allegato ” Io donna ” del Corriere della Sera 11.11.17

Libro da leggere – Francesca Borri Ma quale paradiso ? – Non andiamo alle Maldive !

Ma quale paradiso?

Tra i jihadisti delle Maldive

Un video che non potete perdere – Le Maldive non sono il paradiso che ci dicono

Alle Maldive, noi ci siamo stati quando non c’erano voli diretti e molti non sapevano nemmeno dove, queste isole, fossero nel mondo.

Abbiamo visto un paradiso, almeno sotto l’acqua, che oggi è in gran parte distrutto;  sino ai 17 metri sotto il livello dle mare (la barriera corallina è grigia e morta con qualche pesce colorato sopravvissuto).

Poi abbiamo verificato di persona la nascita del turismo più becero e dell’impoverimento terribile della popolazione; mentre i prezzi salivano e il pesce, una volta abbondantissimo, ora quasi ASSENTE NEL MERCATO DELLA CAPITALE!!!

Foto: la barriera grigia e un pesce colorato tra i pochi sopravvissuti fino a 17 metri sotto il mare.

CONTEMPORANEAMENTE, LA POPOLAZIONE PIU’ SVEGLIA SI E’ ARRICCHITA ED E DIVENTATA ARROGANTE, NULLA SI E’ FATTO PER LA DISCARICA GRANDE QUANTO UNA GRANDE ISOLA DI FORNTE ALLA CAPITALE …

E NULLA SI RIESCE A FARE DI FRONTE ALLA  SEMPRE MAGGIOR DIFFUSIONE DI UNA RELIGIONE MUSSULMANA SEMPRE PIU’ ESTREMISTA … pericolosa … 

Ma torniamo al libro Ma quale paradiso ? 

Tutti conosciamo qualcuno che è stato alle Maldive.

Ma quanti di noi sanno che si tratta di un paese musulmano?

E che sono il paese con il piú alto numero pro capite di foreign fighters?

Alle Maldive tutti conoscono qualcuno che è stato in Siria.

Nonostante la pretesa universalità del «califfato», i jihadisti sono molto influenzati dai contesti nazionali.

Nella scelta di arruolarsi l’emarginazione economica e sociale spesso ha un ruolo piú decisivo della religione.

Icona del turismo di lusso, sinonimo di paradiso, le Maldive OGGI sono in realtà tra le isole piú inospitali del pianeta.

La popolazione è concentrata nella capitale, Male, una delle città piú sovraffollate al mondo, preda di povertà, criminalità, eroina.

Dal turismo arrivano miliardi di dollari, che finiscono a una manciata di imprenditori vicini al governo, che non tollera alcun dissenso.

In questo libro-reportage non parlano solo i jihadisti.

Parlano i loro fratelli, i loro amici.

Che anche se non condividono le loro ragioni, non li contrastano, perché non si sentono parte del mondo contro cui combattono.

I jihadisti, alle Maldive, non sono degli squilibrati.

Sono i nostri autisti e camerieri.

Un libro per capire …

Ma quale paradiso ?, Francesca Borri, Einaudi, 16 euro.

Violenza sulle donne – Tutte al WeWorld Festival 24 – 26 novembre 2017

WeWorld Festival:

l’emergenza della violenza sulle donne si fa arte con le opere di Ciriaca+Erre e Chiara Corio

 Mostre e video proiezioni in anteprima per la kermesse in programma dal 24 al 26 novembre a Milano

– L’emergenza della violenza sulle donne si trasforma in arte al WeWorld Festival, la kermesse in programma dal 24 al 26 novembre a Milano, presso l’UniCredit Pavilion di Piazza Gae Aulenti.

Durante la tre giorni ideata da WeWorld -Organizzazione non Governativa che da quasi vent’anni si occupa di difendere i diritti delle donne e dei bambini in Italia e nel mondo – infatti, le artiste Ciriaca+Erre e Chiara Corio presenteranno la propria personale riflessione sul tema della violenza di genere e dell’empowerment femminile, fil rouge dell’intera manifestazione.

Si muove su suggestioni audio-visuali il progetto che l’artista materana di fama internazionale Ciriaca+Erre, il cui lavoro spazia dalla dalla performance al video, dalla pittura alla fotografia, dalla scultura all’istallazione. In esclusiva per il We World Festival, sabato 25 novembre alle ore 17, l’artista presenterà in prima assoluta il suo ultimo lavoro dal titolo “SUSPENDED WITCHES 2017”, a cui seguirà l’incontro “Il corpo dell’Arte tra identità e giustizia” a cui parteciperanno  l’artista Ciriaca+Erre, le critiche d’arte e curatrici Ginevra Bria e Francesca Guerisoli.

Il nuovo capitolo della sua ricerca sull’identità femminile e la violenza sulle donne vede l’artista impegnata in un viaggio attraverso il nord Africa fino al Ghana alla scoperta dei villaggi in cui, dal 1800 a oggi, vengono isolate le donne accusate di stregoneria.

L’evolouzione umana, i suoi comportamenti dominanti e la rinascita dell’identità femminile sono al centro del video; tra le citazioni presenti nell’opera quella dell’ingegnere medico Mae Jemison prima donna afroamericana nello spazio, Emmeline Pankhurst figura centrale e guida del movimento delle suffragette e Lise Meitner, prima donna fisico a spiegare la fissione nucleare, a cui vennero preclusi il premio Nobel e ancora prima l’università, allora vietata alle donne.

L’artista Ciriaca+Erre, la critica d’arte e sociologa Francesca Guerisoli autrice del libro “Ni una más. Arte e attivismo contro il femminicidio” e la critica e curatrice d’arte Ginevra Bria, che ha curato con Adelina Von Fustenberg la recente mostra “Africa. Raccontare un mondo” al Pac, parleranno di come l’identità femminile si sia affermata in differenti epoche e culture, in un viaggio che partendo dall’Africa arriva in America Latina, senza tralasciare la cultura occidentale.

Io mi rialzo” è invece il titolo della mostra dell’artista milanese Chiara Corio in esposizione permanente per i tre giorni di Festival negli spazi dell’UniCredit Pavilion: una trentina di quadri di piccole dimensioni realizzati con materiali di riciclo –  cartoline, inviti, sacchetti della spesa, stoffe, circuiti di computer, perline, piume, mappe, etichette – dove l’artista riflette sulla violenza di genere, sessuale, fisica, psicologica, e sul femminicidio attraverso le immagini didonne, che nel corso dei secoli hanno lasciato un segno forte del loro pensiero. Dall’arte alle scienze dalla politica all’ecologia e alla letteratura; la galleria tutta al femminile di Chiara Corio si popola di volti entrati nell’immaginario collettivo di più generazioni: da Tina Modotti a Frida Khalo, da Arundhaty Roy a Malala, da Jane Austen ad Alice nel paese delle Meraviglie.

In esclusiva per il We World Festival, inoltre, saranno esposte al pubblico 9 opere inedite, 9 ritratti di donne che, segnate da un passato difficile, hanno risposto alla violenza in maniera diversa: dalle dive di ieri e di oggi come Louise Brooks, Rita Hayworth e Amy Winehouse a Franca Viola, prima donna italiana a rifiutare un matrimonio riparatore e che divenne nel dopoguerra simbolo dell’emancipazione femminile.

Tutti gli incontri sono aperti al pubblico previa registrazione sul sito www.weworld.it/weworldfestival inviando una mail a festival@weworld.it

BUONA NOTIZIA: la tecnologia potrebbe aiutarci a vivere meglio

TECNOLOGIA E NUOVE SCOPERTE SCIENTIFICHE INSIEME ALLE SCELTE QUOTIDIANE  DI TUTTI NOI POTREBBERO CAMBIARE IL FUTURO

Uno scienziato italiano, trasferito all’estero, ha scoperto che: dalle ALGHE si estraggono 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina!

E SE QUALCUNO DI NOI COMINCIASSE A PENSARE AL FUTURO DEI FIGLI E DEI NIPOTI ???

Oggi a Milano, due torri di Bosco Verticale ospitano 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia potrebbe imparare, dal progetto di S.Boeri, a costruire in altezza.

 

 

COSA TUTTI NOI POSSIAMO FARE SUBITO ?

Per esempio: NON MANGIAMO GAMBERETTI DA ALLEVAMENTO DEL SUD EST ASIATICO !!!

Non sprechiamo l’acqua corrente e la luce, non usiamo eccessivi quantitativi di detergenti per il corpo e per la biancheria, elimimiano i pericolosi AMMORBIDENTI (riempiono di alghe i mari), non acquistiamo più cibo di quanto consumiamo, non usiamo l’auto se non quando è indispensabile, impariamo a muoverci con i mezzi pubblici, non acquistiamo oggetti in plastica, ma preferiamoli in sostanze naturali, non sprechiamo la carta, riempiamo uffici e casa di piante resistenti, ma che depurano l’aria come i ficus, non mangiamo qunatitativi eccessivi di carne,  ecc…  se ognuno di noi mettesse in pratica solo una delle azioni nominate sopra, il mondo ne trarrebbe grande vantaggio !

Invece di risolvere ecologicamente i problemi continuiamo ad acquistare e allevare gamberetti di mare utilizzando pericolosissimi quantitativi di antibiotici.

VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra.

SE VOGLIAMO UN FUTURO SERENO PER I NOSTRI FIGLI E NIPOTI DOBBIAMO SAPERE QUANTO STA ACCADENDO, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, E FORSE GIA’ E’ TROPPO TARDI…”

Cosa è la “BLU ECONOMY“?

Un rapporto commissionato dall’ONU 4 anni fa si è concluso con la dimostrazione che “Siamo alle soglie dell’estinzione di massa di numerosissime specie animali e vegetali”. 

-Non tutti comprendono quanto l’estinzione di animali e vegetali possa creare dei problemi diretti e gravissimi anche all’uomo e alla sua sopravvivenza.

Ma non possiamo dimenticare che la FAO ribadisce: I nostri consumi sono superiori alle risorse”.

-Siamo in possesso di tecnologie che, se ben utilizzate, potrebbero aiutarci a risolvere molti di questo problemi, soprattutto se unite ad una particolare attenzione verso il risparmio di acqua e fonti energetiche.

Tutto dipenderà da come ci comporteremo nel prossimo futuro.

In molte aree del mondo consumiamo ogni giorno più acqua, più minerali, più energia di quanto il nostro pianeta può offrire senza alterare il suo equilibrio.

La disponibilità di acqua, suolo e cibo rischia di declinare.

Per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%.

Quasi la metà dei silos di stoccaggio degli alimenti appartengono alle banche…

Secondo il direttore generale della FAO: “…rischiamo di ipotecare  il futuro delle prossime generazioni…ma esistono le risorse scientifiche per far fronte alla sfida…quasi un quarto del pianeta è coltivato. Abbiamo occupato uno spazio enorme senza risolvere i problemi di base.

-Al contrario la disponibilità di acqua pura, suolo e cibo rischia di terminare”.

Tra il 2.000 ed il 2002, 856 milioni di esseri umani hanno sofferto di denutrizione, mentre nel periodo 1995-97 i denutriti erano “solo” 32 milioni. Stiamo parlando di una crescita impressionante anche per chi non ha dimestichezza con i numeri!

Il Comitato glaciologico italiano sostiene:

La riduzione del calderone, del Gran Sasso, non è un problema turistico: mette a rischio la portata delle sorgenti ai piedi della montagna. Sull’Appennino la diminuzione del permafrost (terreno ghiacciato) “sembra” avere reso più frequenti frane e crolli…!!

Lucy Jones è la scienziata dell’United States Geological Survey che ha l’incarico, dallo stato Americano, di studiare il fenomeno anche in considerazione del fatto che per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%

LA CALIFORNIA RISCHIA IL DILUVIO: non c’è solo il pericolo big-one (terremoto) o i grandi incendi, pare che qui, ogni 100-150 anni si scateni anche una supertempesta (l’ultima nel 1861).

-Le inondazioni e gli incendi australiani e quelli californiane, non sono state le uniche, tutti i paesi del sud dell’Asia e il Brasile, hanno risentito di gravissimi danni dovuti al clima/incendi/distruzioni umane.

IL GENIO  ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

DALLE ALGHE 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina!

ALICANTE:WILLER BORDON ha fondato la ENALG che produce “olio di alghe”e pregiati sottoprodotti come acidi grassi omega. Il prodotto è privo di zolfo e benzene, facilmente raffinabile come carburante per veicoli ed aerei. Inoltre si sottraggono all’atmosfera 2 kg. di CO2, che sono assorbiti dalle alghe, vi restano fissati e non sono destinati alla combustione. Ancora una volta IL GENIO ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

Dove nasce la battaglia del CIBO: a Ginevra lo dice il prof. E.Fragnière della Haute Ecole di Ginevra

Quasi la metà dei silos di stoccaggio appartengono alle banche…nessuno ammette, ma le performance di alcuni istituti di credito parlano chiaro”.

Secondo i banchieri il raddoppio delle materie prime alimentari è dovuto solo ai cataclismi naturali. In un anno i prezzi dei cereali sono cresciuti del 57% gli olii e i grassi del 56%, lo zucchero del 77%.

CASE ECOLOGICHE: proposta abbandonata per anni

A MILANO ORA ABBIAMO SOLO 2 EDIFICI CHIAMATI BOSCO (bellissimi e produttori di molto benessere, ma ancora molto costosi per creazione e manutenzione)

Case fatte con legnami di scarto, boschi in verticale...la proposta è dell’arch. Stefano Boeri per Milano, ma il progetto fu abbandonato.

Finalmente !!!!

Il 27 ottobre 2017 La rivoluzione verde ispirata dal Bosco Verticale di Milano, ideato da Stefano Boeri, è oggetto dell’articolo pubblicato sul sito del World Economic Forum, l’Organizzazione Internazionale per la cooperazione pubblico-privato finalizzata al miglioramento dello stato mondiale, che coinvolge politica, finanza, industria e società a livello globale.

“Il fatto di avere una cortina di alberi crea un microclima con 2-2,5 gradi in meno d’estate” sostiene Boeri www.stefanoboeri.it

DAL 2007 AL 2017: finalmente la ralizzazione di un progetto verde anche in Italia.

“In quei mesi del 2007 stavo iniziando il progetto di 2 torri alte nel centro di Milano e di colpo – le idee interessanti e nuove arrivano all’improvviso– mi venne in mente di progettare (come reazione alle centinaia di grattacieli in vetro che spuntavano nel mondo) due torri biologiche, due torri rivestite di foglie. Foglie di piante, di arbusti, ma soprattutto foglie di alberi. Due torri rivestite di vita”.

Un Bosco Verticale è il libro in cui Stefano Boeri racconta il progetto di quello che è diventato, persino prima di essere terminato, uno degli edifici più emblematici di Milano. Il capostipite di una nuova generazione di architetture

Le due torri di Bosco Verticale, finalmente realizzate,  ospitano 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia DOVREBBE imparare, dal progetto di S.Boeri e costruire in altezza con il verde verticale..

La diversità e le caratteristiche delle piante scelte producono ossigeno e umidità, assorbendo CO2 e polveri, proteggono dall’irraggiamento e dalla polluzione acustica, migliorando il confort e risparmiando energia.

PALAZZI VERDI:

dall’Accademia delle scienze di California (Renzo Piano) al palazzo del Tribunale di Manchester alla californiana OFF THE GRID HOUSE; ovvero scollegata dall’energia elettrica.

PALAZZI VERDI IN UN LIBRO:

sono 70 quelli illustrati nel libro ATLANTE DI ARCHITETTURA ECOSOSTENIBILE (LOGOS, 39.95 €)

—-

UNA SERIA PROPOSTA PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO.

LA BLU ECONOMY PATROCINATA ANCHE DAL  PRINCIPE ALBERTO DI MONACO… , MA POCHI NE PARLANO.

L’economia “rossa” era basata sul consumo indiscriminato, quella “verde” è di prodotti ecosostenibili, ma costosi quindi per pochi, l’economia “BLU” vuole prodotti di massa per tutti.

BLU ECONOMY“:

1-fare buisiness

2-prodotti e sevizi realizzati senza sfruttare manodopera in modi disumani

3-niente uso di sostanze tossiche

4-no all’inquinamento di oggi e di domani

COSA DOBBIAMO CAMBIARE:

Per depurare l’acqua immettiamo sostanze chimiche che vi annientano tutte le forme di vita

Per produrre una batteria impegniamo un’energia di gran lunga superiore a quella che fornirà.

BLU ECONOMY: buisiness globale con consumi sostenibili anche economicamente per tutti gli abitanti del pianeta

La Blu Economy non chiede alle aziende di investire di più per salvare l’ambiente, ma vuole creare maggiori flussi di reddito:

-coltivare funghi sui fondi di caffè

-usare un cellulare che sfrutta il calore del corpo…

-in natura non esistono disoccupati e neppure rifiuti.

Tutti svolgono un compito e gli scarti degli uni diventano materia prima per gli altri.

IL PRINCIPE DI MONACO ALBERTO SOSTIENE LA “BLU ECONOMY” E LA PROMUOVE NEL SUO STATO

—-

NON MANGIAMO GAMBERETTI CHE PROVENGONO DA ALLEVAMENTI!!!

Siamo alla bancarotta ecologica, negli ultimi 25 anni abbiamo visto sparire una foresta di mangrovie su tre (le aree vengono anche usate per allevare gamberetti di mare utilizzando quantitativi eccessivi di antibiotici), una barriera corallina su cinque(ma alcuni turisti continuano a raccogliere di nascosto le madrepore e camminano sulla barriera corallina distruggendo migliaia di anni di crescita), due ecosistemi su tre evidenziano segni di declino,il 25% dei mammiferi il 12% degli uccelli ed il 32% degli anfibi sono a rischio di estinzione.

Questo è quanto emerge dal Millennium Ecosystem Assessment, la valutazione dell’ecosistema dell’ultimo millennio che il segretario dell’ONU ha voluto e che dopo quattro anni di lavoro per 1.360 esperti è stata presentata alla FAO.

—-

136 mila tonnellate: questo è il quantitativo di impianti fotovoltaici da smaltire in Germania nei prossimi anni.

Il vetro e la pellicola che ricoprono le celle si opacizzazano e il rendimento si abbassa. Con la sostituzione dell’inverter, comunque, si può allungare la vita dei pannelli da 10-15 a 30 anni, con una piccola riduzione di rendimento.

La Germania già ha risolto il problema smaltimento pannelli solari. Il loro 90% può essere facilmente riciclato, oppure si inseriscono triturati nell’asfalto: con ottimi risultati di resistenza per l’asfalto!

—-

2 MILIARDI DI ESSERI UMANI…

Nelle zone aride della terra vivono 2 miliardi di esseri umani: 1 miliardo non ha accesso ad un accettabile rifornimento idrico; circa 2 miliardi soffrono di penuria idrica.

—-

TRIPLICATO L’USO DEI  FERTILIZZANTI A BASE DI FOSFORO, ALTAMENTE INQUINANTE!

Dal 1985 abbiamo utilizzato più della metà di tutti i fertilizzanti a base di azoto prodotti nella storia e creati nel 1913. Dal 1960 al 1990 il consumo di fertilizzanti a base di fosforo è praticamente triplicato.

—-

VECCHI COMPUTER il Banco Informatico Tecnologico e Biomedico è una ONLUS che raccoglie computer, fax, stampanti…da aziende li ricondizionano con l’aiuto di volontari e li spediscono nel terzo mondo perché possano essere ancora utilizzati.

—-

VANDANA SHIVA: troppo pochi ne parlano.

VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra

VANDANA SHIVA: paladina dell’ambiente con laurea in fisica quantistica, denuncia la schiavitù del petroliol’uso degli OGM. Una filosofia del divieto dello spreco dei beni collettivi: aria, acqua, campi coltivati.

VANDANA SHIVA ha ricevuto l’equivalente del premio Nobel per la Pace: Right Livelihood  award.

VANDANA SHIVA: sostiene 500 mila contadini indiani contro i fertilizzanti chimici; anche lei predica una allegra sobrietà di vita (che è poi quello che ha predicato il papa Francesco appena salito al soglio pontificio!!) come Serge Latouce per un mondo migliore.

E SE QUALCUNO DI NOI COMINCIASSE A PENSARE AL FUTURO DEI FIGLI E DEI NIPOTI ???

A Como convegno donne e la scienza – CONTEMPLARE MINERVA

Martedì 7 novembre  – LA SCIENZA E LE DONNE

Como Aula Magna del Chiostro di S. Abbondio

CONVEGNO:

“ALLE SOLE A CUI FU DATO DI CONTEMPLARE MINERVA. LA SCIENZA E LE DONNE: UN DIFFICILE E LUMINOSO PERCORSO”

Ingresso libero

Martedì 7 novembre 2017, dalle ore 14:30, alle 18:30, nell’Aula Magna del Chiostro di S. Abbondio, a Como, si terrà il convegno organizzato dal Centro Speciale di Scienze e Simbolica dei Beni Culturali, “Alle sole a cui fu dato di contemplare Minerva. La scienza e le donne: un difficile e luminoso percorso”.

Gli interventi verteranno sulle complicate vie percorse dalle donne “illuminate”, che hanno sfidato i costumi dell’epoca, per farsi strada nella campo della ricerca scientifica, perenne privilegio maschile.

Programma:

• 14.30-14.45 Saluti
Giuseppe Colangelo, Prorettore Vicario dell’Università degli Studi dell’Insubria
Umberto Piarulli, Direttore del Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia
Laura Rampazzi, Direttrice del Centro Speciale di Scienze e Simbolica dei Beni Culturali
• 14:45-16:30 Prima parte, modera Andrea Spiriti
Chiara Milani e Laura Rampazzi, Centro Speciale di Scienze e Simbolica dei Beni Culturali, La mostra “Donne e scienza. Dal passato al futuro”, Biblioteca Comunale di Como
Marco Taddia, Università degli Studi di Bologna, Marie Curie (1867-1934): ricerche, risultati e riconoscimenti scientifici
Barbara Pozzo, Università degli Studi dell’Insubria, All’ombra di Marie Curie: percorsi di emancipazione femminile agli inizi del XX secolo
Michela Prest, Università degli Studi dell’Insubria, Troppo donne per il Nobel
Marta Cavazza, già Università degli Studi di Bologna, Donne scienziate e docenti nella Bologna del Settecento
• 16:30-17:00 Pausa caffè
• 17:00-18:30 Seconda parte, modera Laura Rampazzi
Alessandra Mita Ferraro, Università eCampus di Novedrate, Teresa Ciceri e Candida Lena Perpenti, scienziate comasche al tempo di Volta
Andrea Spiriti, Università degli Studi dell’Insubria Fra scienza, arte e spiritualità: Maria Gaetana Agnesi
Chiara Milani, Centro Speciale di Scienze e Simbolica dei Beni Culturali Contro la maligna sorte: herbarie, levatrici e medichesse dall’empiria alla scienza
Paolo Bellini, Università degli Studi dell’Insubria
Il simbolismo sessuale nella tradizione alchemica

A Natale regaliamo gentillezza 13 novembre: Giornata Mondiale della Gentilezza – La forza della gentilezza un libro per tutti

La forza della gentilezza.
Pensare e agire con il cuore fa bene al corpo e allo spirito
Libro di Piero Ferrucci
Essere gentili conviene: fa bene alla salute, guadagna simpatie, crea intorno un clima positivo e sereno.
Il vero tornaconto della gentilezza, tuttavia, sta proprio nell’essere gentili.
La gentilezza, infatti, dà un senso e un valore alla nostra esistenza, ci fa dimenticare i guai quotidiani e sentire bene con noi stessi.
Piero Ferrucci mostra in questo libro, frutto di ricerche scientifiche, ricco di aneddoti tratti dalla sua esperienza di psicoterapeuta e punteggiato di rimandi a fiabe e racconti.
Piero Ferrucci, allievo di Roberto Assagioli, fondatore della Psicosintesi, mostra in questo libro, frutto di ricerche scientifiche, che una qualità “inattuale” come la gentilezza può rivelare un potere dirompente soprattutto nell’epoca odierna, in cui i rapporti fra esseri umani sono sempre meno autentici e sempre più formali.
La forza della gentilezza, Piero Ferrucci
ALTRI LIBRI SULLA GENTILEZZA DA REGALARE AGLI AMICI E ALLE PERSONE MENO GENTILI …

Siate ribelli, praticate gentilezza , Saverio Tommasi, Editore: Sperling & Kupfer

Elogio della gentilezza, Adam Philips.

Circolo dei lettori Torino – STAI ZITTA – 8 novembre ingresso gratuto

il Circolo dei lettori, via Bogino 9, Torino
mercoledì 8 novembre, ore 21

STAI ZITTA
Come il linguaggio influisce sulla parità di genere

Ingresso libero fino a esaurimento posti

con Sara Benedetti, Giusi Marchetta, Stefania Soma aka Petunia Ollister,
Elena Varvello. Musiche di Valeria Lacarra e Valerio Casanova

Come sei vestita? Quando ce lo fai un nipotino? Chiudi le gambe! Che fai, piangi?

Quante volte le donne si sono sentite dire così?

Alcune parole rimangono dentro, definendo, cambiando le persone.

Chi usa quelle espressioni, magari in maniera inconsapevole, non riflette sull’impatto che hanno. Una tavola rotonda al Circolo dei lettori, mercoledì 8 novembre, ore 21, per discutere di Come il linguaggio influisce sulla parità di genere, con le scrittrici Giusi Marchetta ed Elena Varvello, Sara Benedetti, sceneggiatrice e docente presso la Scuola Holden e Petunia Ollister, influencer, famosa in rete, su Robinson e in libreria per le sue #bookbreakfast. Le musiche sono di Valeria Lacarra e Valerio Casanova.

La serata, ideata da Giulia Muscatelli, Giulia Cuter e Giulia Perona, curatrici di Senza rossetto, podcast che racconta la figura della donna oggi attraverso la penna e la voce di scrittrici italiane, è l’occasione per riflettere sulla relazione tra lingua e identità di genere.

Infatti le parole contano.

Nella vita di tutti i giorni, discutendo, e sui social network, dove si passa la maggior parte del tempo. E le parole sono strettamente legate alla visione del mondo che ognuno si è costruito attraverso esperienze, letture, conoscenze, amicizie.

Riflettere ora intorno all’apporto semantico del genere grammaticale, all’uso del uso del “maschile non marcato”, per esempio, è quanto mai urgente. Il genere maschile, infatti, può essere inclusivo o esclusivo in modo ambiguo, e oscurare talvolta la presenza delle donne in ruoli sociali e professionali. Sappiamo che i mutamenti linguistici avvengono naturalmente in tutte le lingue, soprattutto grazie a spinte politiche e culturali. E che sono possibili solo se largamente condivisi.

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Inquinamento – Colpevoli non solo le sigarette … Pianura Padana è peggio della Terra dei Fuochi ?

ALTRO CHE ITALIA PAESE MENO INQUINATO DEL MONDO … sicuramente fanno eccezione alcune isole fortunate come zone della Toscana ecc… dove a vivere sono in pochi

COSA E’ PIU’ PERICOLOSO PER LA SALUTE ???

INDUSTRIE 36%

TRAFFICO 29% è il traffico che ci fa venire il cancro non solo le sigarette come si è detto sino a oggi !!!

Tra le auto in circolazione sono le Euro 3 le più inqunanti causa di cancro ma non si può dire … ???

RISCALDAMENTO 7%

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Dati del ministero della Salute

Parole, numeri e grafici del Rapporto sulla Qualità dell’aria dell’Agenzia Europea sull’Ambiente:

  • Pianura Padana è uno dei luoghi più inquinati e saturi di polveri sottili (Pm10, Pm 2,5), diossido di azoto, diossido di zolfo, monossido di carbonio, benzopirene, d’Europa

Polveri sottili (Pm10, Pm 2,5), diossido di azoto, diossido di zolfo, monossido di carbonio, benzopirene, sono sostanze che l’agenzia Iarc (International Agency for Research on Cancer), ha inserito nella “lista nera” dei fattori che provocano il cancro (3% di tutti i tumori, 5% di tutti i tumori polmonari).

OMAGGIO A UNA GRANDE MODESTA ARTISTA

Opere di Trude Müllauer

 

 

A Trude Müllauer

una ceramista tecnicamente bravissima e dotata di grande talento e ironica fantasia.

 

 

Troppo modesta per avere, oggi, successo.

Cara amica,

mi auguro che, dove sei ora, possa continuare a produrre quelle meraviglie che ti regalavano momenti di serenità e soddisfazione.

Un giorno verrò a vederle e ti potrò riabbracciare.

Grazia