Archivi categoria: TECNOLOGIA

tecnologie per vivere meglio ?

Nuova era – non solo Pil ma anche Ic Index che valuta le “Intelligent communities”

Nuova era – non solo Pil ma anche Ic Index che valuta le “Intelligent communities”

E’ urgente parlare e prepararsi per la connettività veloce ?

L’arrivo del computer ci era stato presentato come un miglioramento della qualità della vita di tutti …

Cosa sta facendo l’Italia ? Noi non abbiamo notizie positive al riguardo; abbiamo l’impressione che chi dovrebbe oraganizzare il nostro futuro, non abbia nemmeno la capacità e la cultura per capire come si sta sviluppando il mondo intorno a noi.

Esiste già un Intelligent Community Forum che, dal 2002, lavora ad una visione più business delle comunità intelligenti mondiali …

BANDA ULTRALARGA VORRA’ DIRE LAVORARE ALLA VELOCITA’ DELLA LUCE?

I nuovi servizi offerti da internet non possono prescindere dalla

-“banda larga”; ovvero dalla possibilità di far viaggiare i nostri dati alla velocità della luce.

E’ previsto l’uso di una sofisticata piattaforma;

ovvero, da strumenti che migliorano l’efficienza e la competitività delle industrie, al tele-lavoro, alla domotica (un computer che regola tutto nelle case; dalla spesa all’apertura del portone, a quella delle finestre, all’accensione delle luci).

I media ci stanno prospettando tutto questo come un miglioramento della vita del cittadino: sicurezza, semplificazione della burocrazia, e-government, e-commerce ecc…

Per comprendere al portata di questa innovazione prevista dalla ricerca più avanzata, possiamo paragonare la banda larga e la futura ultra-larga, alla rivoluzione economica creata, nel 1800, dall’arrivo del treno, più avanti nel 1900 dalle autostrade, nel XXI secolo parliamo di trasporto dati, secondo gli scienziati è qui che si giocherà il progresso delle nazioni.

Oggi, ci dicono i media, bloccare la banda larga vuole dire disincentivare l’innovazione, bloccare sul nascere il telelavoro e non frenare lo spopolamento delle aree lontane dalle affollatissime città, sempre più megalopoli.

Stiamo entrando in una nuova era dove non saranno più solo il Pil e i vari indicatori economici dell’Ocse, a valutare il nostro livello di sviluppo, ma anche l’Ic Index che valuta le “Intelligent communities”: classifica che si basa sull’economia e sul business innovativo generato dalle città che sono state lungimiranti ed hanno adottato, prima di altre, la connettività veloce assicurata solo dalla banda larga, oggi, e da quella ultra-larga domani.

Esiste già un Intelligent Community Forum che, dal 2002, lavora ad una visione più business delle comunità intelligenti mondiali.

La prima in questa classifica è la città di Taichung a Taiwan; in Europa un ottimo piazzamento lo hanno avuto Eindhoven (Olanda), Stoccolma, Edimburgo, Glasgow e, un poco più indietro nella classifica Héracliton (Grecia), Oulu (Finlandia), Tallin (Estonia), ma l’Italia non è presente.

Non eravamo il paese della sregolatezza, ma anche del genio?

DATI SUL TELELAVORO

-Negli USA , entro il prossimo anno, 4 su 10 lavoratori saranno teleworking.
Anche su queste scelte i media ci stanno dipingendo un futuro dorato:
-niente più inquinamento per gli spostamenti giornalieri negli uffici
-più libertà di scelta degli orari di lavoro e quindi un grande vantaggio anche per le neo-mamme

In India il 57% del lavoro intellettuale è a distanza, in Indonesia il 34 %, in Messico il 30%.

Un recente sondaggio ha dimostrato che, se ne avessero la possibilità, anche i lavoratori intellettuali di Russia, Sud-Africa e Argentina vorrebbero il telelavoro.

L’Europa in questo settore si segnala per il suo ritardo dovuto alla scarsa diffusione della banda larga.

Sempre secondo dati ufficiali 4 telelavoratori su 5 si dichiarano meno stressati.

MA E’ CORRETTO ANCHE PARLARE DEI LATI NEGATIVI …

Noi personalmente abbiamo provato il telelavoro e non ne siamo esattamente entusiasti: in casa ci si impigrisce; meno movimento, meno cura di se stessi…, si perdono i contatti fisici con i colleghi (poco umano lavorare otto o più ore da soli con un computer!), si hanno, almeno come donne, tutte le sollecitazioni da figli, telefonate, richieste varie perché sei a casa … Ma riconosciamo il vantaggio di non spendere tempo, soldi e inquinamento negli spostamenti; mal bilanciati con le alte spese di manutenzione di linea internet, computer, stampanti, tecnici per i guasti, nuovi software a nostre spese …

E’ ovvio che il librero professionista affermato, che stabilisce il numero dei clienti e il costo del suo lavoro non potrà che trarne vantaggio, ma i dipendenti, i piccolissimi lavoratori ??

Premesso che le statistiche andrebbero giudicate anche da come vengono poste le domande per poterle valutare seriamente, a noi risulta che stare in casa, senza vedere nessuno, nemmeno nella pausa pranzo, magari con un bambino che piange o grida mentre si è al telefono per lavoro, con la suocera che chiama perché si sente sola, e con una media di guadagno all’ora bassissima rispetto all’impiegato di 20 anni fa; ore notturne di lavoro per poterlo fare senza telefono, campanello che suona e cibo sul fuoco che brucia…non ci entusiasmano.

Senza dimenticare la situazione abitativa delle famiglie moderne, senza spazi divisori e corridoi tra le camere da letto e il salotto che spesso confina con la cucina e i suoi odori.
La tendenza a dare in appalto esterno il lavoro e rendere così indipendente il lavoratore, lontano da un punto di possibile aggregazione sindacale, non fa che renderlo sempre più vulnerabile e ricattabile.

Inoltre noi non abbiamo dimenticato che

-l’arrivo del computer ci era stato presentato come un miglioramento della qualità della vita di tutti, lavoro per pochi giorni la settimana e poi tanto tempo libero per gli hobbies…

In realtà oggi avere un posto di lavoro è quasi un piccolo miracolo

-gli stipendi medi si sono abbassati tanto da non permettere più alla famiglia di spendere in extra (almeno in molte nazioni europee e negli USA) e, con l’avvento massiccio dei robot la certezza di tanti posti di lavoro in meno !

-Oggi già alcuni ospedali hanno sostituito i fisioterapisti con robot programmati da un computer che, secondo severi esami scientifici, sono più efficienti del personale umano !

Che progresso ! ?

 

Pericolo sicurezza elettronica Italia tra i primi 10 a rischio

SICUREZZA SUL WEB ???

Cybercrimine, 2017 è il nostro anno peggiore secondo Clusit (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica), l’Italia è preda degli hacker

Allarme sul cybercrime in Italia

CLUSIT

invia gli allarmi e nessuno li ascolta

La (non) sicurezza informatica è diventata una minaccia sistemica

Il consumatore NON è informato sui rischi che corre

Il cittadino pensa che i suoi dati non sono interessanti per nessuno; invece NON è così

La scuola italiana non prepara ad affrontare i rischi dell’elettronica avanzata; nemmeno i maestri o professori (in genere) ne sono informati

Mancano informazione e coscienza su quali siano i rischi ai quali ci affacciamo usando i nostri mezzi elettronici.

Si spende poco in sicurezza, molto in nuove tecnologie che il cittadino poi non sa gestire e non capisce i rischi che corre.

Gli incidenti classificati come pericolosi, mostrato una crescita esponenziale nel tempo; questo significa una crescita annua del 600 e 400%”.

In Italia, siamo nella top ten globale per numero di vittime.

LA VERITA’

Alessio Pennasilico, uno degli autori del rapporto Clusit, sostiene che:

” Siamo entrati nella top ten degli attacchi più gravi per via di quello subito dalla Farnesina nei giorni scorsi. Inoltre, “per la prima volta siamo saliti al quarto posto nel mondo per numero di vittime di attacchi informatici. Una  particolarità italiana sono gli attacchi ransomware, che criptano tutti i file dell’hard disk chiedendo un riscatto all’utente per sbloccarli. Un fenomeno che è forte solo in Italia, dato che da noi le vittime sono impreparate e al tempo stesso pagano i criminali per riavere accesso ai propri file, non avendo alternative”.

E’ successo ad aziende, Comuni, ospedali  ecc… 

Il rischio viene sottovalutato e non sempre gli strumenti a disposizione vengono sfruttati al massimo delle loro possibilità, perché affidiamo i nostri dati sensibili (per esempio degli ospedali, manicipalità … ) a persone che non lavorano bene o non sono preparate ...

perché i Italia manca la MERITOCRAZIA …

Ciò che preoccupa maggiormente gli esperti del Clusit,  è l’aumento a quattro cifre (+1.166%) degli attacchi con tecniche di Phishing /Social Engineering, che puntano a  indurre la vittima a fare passi falsi che poi rendono possibile l’attacco informatico vero e proprio.

SALUTE e TECNOLOGIA a TORINO

SALUTE E TECNOLOGIA:

Il Politecnico di Torino e Thermo Fisher Scientific collaborano sui temi delle tecnologie per la salute, dalla medicina di precisione all’uso dei big data

  – Formazione congiunta, ricerca e scambi di studenti e ricercatori per contribuire all’innovazione in uno dei settori chiave del mercato:

  • quello delle scienze della vita e delle tecnologie per la salute.
  • È questo l’oggetto dell’accordo siglato da Politecnico di Torino e Thermo Fisher Scientific nel corso dell’incontro “The future of Health trough a Technology Lens: from Precision Medicine to Big Data as Boost for a Healthier World”, che ha visto il confronto tra rappresentanti dell’azienda cinese e docenti, ricercatori e studenti dell’ateneo sui temi delle tecnologie più all’avanguardia nel settore biomedicale.

I campi di collaborazione sono vari, dalla medicina di precisione all’uso dei big data, fino alle tecnologie più all’avanguardia, campi nei quali il Politecnico ha una solida tradizione e porta in dote un know-how riconosciuto a livello internazionale.

Thermo Fisher Scientific, azienda leader a livello mondiale nel settore delle tecnologie per la salute, intende promuovere partenariati con istituzioni accademiche di livello internazionale nel campo della ricerca di base e applicata, come ha ricordato Gianluca Pettiti, Presidente di Termo Fisher Scientific China ed ex-allievo del Politecnico, intervenuto con una lezione rivolta agli studenti e relativa al suo percorso di formazione e alla sua carriera di successo.

Nel corso della mattinata di scambi di esperienze, organizzata dal professor Danilo Demarchi del Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni, il Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico Emilio Paolucci ha ricordato la valenza dell’accordo per creare opportunità per gli studenti, oltre che per condividere attività di ricerca su temi strategici come quelli della salute: “Sfide come quelle della salute sono quanto mai attuali e riguardano tutti, a livello globale.

È quindi quanto mai importante stringere partnership strategiche con aziende di rilevanza internazionale, come Thermo Fisher Scientific, che in più opera in uno dei mercati trainanti per l’economia, come quello cinese. Lavoreremo insieme su tematiche strategiche, forti anche della nostra conoscenza della realtà cinese, con la quale abbiamo  forti collaborazioni e nella quale sarà possibile sicuramente creare anche nuove opportunità per i nostri laureati. L’esempio del Presidente Gianluca Pettiti, uno dei nostri più brillanti ex allievi, è in questo senso estremamente significativo e può essere di ispirazione per i nostri studenti e laureati”.

Al termine della mattinata l’ingegner Pettiti è stato insignito del titolo di “Alumnus Testimonial”, riconosciuto agli ex-allievi che si siano particolarmente distinti nelle loro carriere professionali.

Milano evento – ROBOT e LAVORO – John Hagel spiega finalmente la verità

Singularity Summit

per costruire nuovi modelli di crescita e sviluppo

a Milano – Rho si discute anche di come gestire il cambiamento

Dalla California,  organizzato dall’Università della Silicon Valley

L’organizzazione, che si occupa di formazione e innovazione e mette in contatto tra loro influencer e innovatori di tutto il mondo, mette piede per la prima volta in Italia

Finalmente, uno scienziato dalla fama indiscutibile del livello di Hatari John Hagel, parla della reale paura dei posti di lavoro a rischio; a causa dell’avenazare dei robot.

Chi è Hatari John Hagel ?

Hatari John Hagel, è creatore di  startup, vicepresidente Atari, 16 anni in McKisey e fondatore del Centro di Ricerca sull’innovazione di Deloitte per trovare le tendenze emergenti.

LA PAURA E’ CHE I NOSTRI LAVORI

SIANO A RISCHIO E’ GIUSTIFICATA

… Ci aspettano sfide da non sottovalutare”

Finalmente qualcuno ha il coraggio di dire come stanno le cose. E non imbroglia il popolo dicendo che ci saranno tanti e nuovissimi posti di lavoro per tutti … !!

Una soluzione, secondo Hatari John Hagel, sarebbe usare le tecnologie per ripensare il lavoro e CAMBIARE IL SISTEMA .

“Gli uomini per farcela devono focalizzarsi sull’intelligenza critica e sociale cercare una passione e trovare il modo per ricavarci da vivere

…il lato negativo delle tecnologie: creano pressione sulle persone e sul loro lavoro perché spingono a muoversi velocemente [in tempi che non sono quelli naturali per l’uomo].

Se la riduzione dei costi è l’unico ideale, L’UMANITA’ E’ SPACCIATA. … ma ridefinendo il lavoro sulla creazione di valore, allora le persone posso contare ancora.

DOBBIAMO RIPENSARE IL SISTEMA EDUCATIVO [in Italia ci siamo molto lontani … se i nostri politici non capiscono niente di scienza e ricerca, come possono ridefinire la scuola su un mondo di cui non sanno quasi NULLA?].

Chiediamo più creatività e immaginazione a cui le aziende dovranno fare ricorso…

TRA GLI ITALIANI PRESENTI:

Chiara Burberi, co-autrice del libro Le ragazze con il pallino per la matematica, Paolo di Cesare, co-fondatore di Nativa, la prima Benefit Corporation e Certified B Corp in Europa, Francesco Gattei, Executive Vice President Scenarios, Strategic Options & Investor Relations di Eni, e lo scienziato e imprenditore Riccardo Sabatini.

Online il sito del progetto Open Data 200 Italia

Open Data 200 Italia

E’ online il sito del progetto Open Data 200 Italia, il primo studio sistematico sulle imprese italiane che utilizzano dati aperti per generare prodotti e servizi.

L’open data è visto anche come uno strumento importante per favorire la crescita economica.

Il censimento è sviluppato dalla Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con il GovLab – New York University che ha realizzato l’analogo progetto Open Data 500 negli Stati Uniti.

“Da oggi”, spiega Francesca De Chiara, ricercatrice della Fondazione Bruno Kessler che grazie al progetto FBK Mobility ha lavorato presso il GovLab di New York, “è possibile esplorare sul nuovo sito, disponibile in italiano e in inglese, i primi dati sulle aziende coinvolte. Da una prima analisi risulta che i dati più usati sono quelli geospaziali, anche grazie alla direttiva INSPIRE che ha fatto un po’ di ordine in materia. Molte aziende usano fonti alternative di dati, si spostano su sorgenti aperte e collaborative come Wikipedia e OpenStreetmap. La maggior parte del mercato dei dati aperti, o degli open government data, genera servizi per la PA, trovando una sua dimensione nel settore del Business to Business. Quest’ultimo aspetto evidenzia la necessità di avere molti dati da elaborare, unire, affinare e re-distribuire a terzi. Un esempio interessante viene dal Ministero della Salute che espone dati molto usati da aziende che operano nel settore del Turismo, in quanto il dataset più richiesto è quello delle farmacie georeferenziate. Preziosa la collaborazione con Spazio Dati per l’utilizzo della banca dati Atoka e l’interesse espresso da dati.gov e dalla Camera di Commercio di padova, con i quali abbiamo organizzato webminar di divulgazione e sessionio di presentazione del progetto”.

“Quando si parla di open data”, sottolinea Maurizio Napolitano, responsabile di Digital Commons Lab alla FBK, “ci si riferisce alle molte aspettative legate ad una crescita che questi sono in grado di offrire alla comunità. I temi più ricorrenti sono quelli della trasparenza e dell’economia. Molte sono le stime di cosa potrebbe accadere se, l’open data, fosse una realtà concreta in grado di fornire dati aggiornati e ben strutturati. Purtroppo, questo percorso, è ancora lontano. Ci sono però persone che ancora ci credono. Fra i principali attori ci sono le aziende che fanno uso di dati. Si tratta per la maggiore di aziende che lavorano nel settore ICT. Queste, assieme alla realtà degli attivisti e dei ricercatori, sono la prova evidente di come il rilascio di dati da parte di pubbliche amministrazioni, enti para-statali, aziende stesse e comunità può realmente creare impatto economico e sociale. L’invito pertanto è quello di prendere visione (anche in maniera critica) dei risultati di questo studio e di continuare a segnalarsi al fine di migliorare e rendere sempre più efficace questa azione”.

Il Contesto

Con il termine “open data” si intende il libero accesso ai dati per qualsiasi scopo e riutilizzo. I dati sono descrizioni di fatti privi di ambiguità e archiviabili in formato digitale (es. temperatura, numero di abitanti, numero di mezzi presenti in questo momento in autostrada, la quantità di merce venduta e così via).

L’evoluzione delle nuove tecnologie ha reso sempre più facile la raccolta e l’archiviazione dei dati in formato digitale. Diversi sono gli attori che raccolgono dati: pubbliche amministrazioni, aziende, comunità. Ognuno di questi, detenendo il diritto sulla banca dati, può decidere di renderli disponibili affinché terzi possano utilizzarli per qualsiasi scopo.

La pubblica amministrazione viene considerata quale attore principale in grado di aprire dati in quanto si occupa di beni comuni. Nelle politiche internazionali, l’open data è visto come uno dei punti di partenza per attivare processi di trasparenza, collaborazione e partecipazione (il tutto si sintetizza con il termine “open government” e Open Government Partnership è un’iniziativa internazionale che promuove la condivisione di questi principi, sono 65 le nazioni che hanno aderito).

L’open data è visto anche come uno strumento importante per favorire la crescita economica.

Diversi sono gli studi di riferimento che intravedono, nell’apertura dei dati, scenari in grado di generare valore sociale ed economico.

Open Data 500

Open Data 500 è un progetto promosso e realizzato dal GovLab presso la New York University dove vengono messi in evidenza gli scenari di riuso da parte dei dati del settore pubblico da parte di 500 aziende negli Stati Uniti.

Il catalogo nazionale dei dati aperti statunitense ha una sezione “impact” (http://data.gov/impact), nel quale trovate una directory di aziende che usano open government data.

Open Data 200 Italia

Grazie al progetto Mobility promosso dalla Fondazione Bruno Kessler, Francesca De Chiara del Digital Commons Lab è stata resident fellow presso Govlab-NYU e ha sviluppato la stessa ricerca su scala italiana, partendo da una prima selezione di 200 aziende. La piattaforma di Open Data 200 Italy è disponibile in Italiano e in inglese.

Dopo una fase di identificazione delle aziende, somministrazione del questionario e ricerca sul campo, ora sono disponibili i primi dati dello studio che offrirà un quadro maggiormente chiaro e aggiornato sullo stato di salute dell’ open data in Italia, e importanti suggerimenti per una migliore implementazione delle politiche nazionali di apertura dei dati.

Dati emersi

Visitando il sito di Open Data 200 Italia è possibile prendere visione di un campione significativo di 55 aziende italiane (sono previsti ulteriori rilasci in futuro e si invitano le aziende a candidarsi compilando qui il survey per partecipare allo studio).

I dati evidenziano che il segmento principale dove queste aziende operano è per il 47% del campione nel B2B (business to business, quindi il mercato fra aziende) con attività di integrazione, analisi e rielaborazione di dati utili a terzi (es. strumenti di supporto per assicurazioni o banche).

Rimanendo nei segmenti di mercato solo il 17% sviluppa soluzioni per gli utenti finali (B2C). Qui la problematica si applica anche sul fronte della disponibilità di dati disponibili e della necessità di incidere su mercati già saturi.

Il restante 36% è occupato da aziende che lavorano nei servizi verso la pubblica amministrazione. Si tratta, per la maggiore, della creazione di piattaforme per la distribuzione di open data o di implementazioni di estensioni per estrarre e convertire dati secondo i paradigmi dell’open data (letteralmente “dati aperti”).

Leggi la news: https://magazine.fbk.eu/it/news/open-data-200-italia-ecco-il-primo-censimento-sulle-imprese-italiane/

Tecnologia – Siamo padroni del tempo e del clima ?

04Ioduro d’argento pericoloso per la salute umana ?

Siamo già in grado di dominare gli elementi atmosferici ?

1896: primo serio tentativo di modificare il clima con l’invenzione del cannone antigrandine di Albert Stiger, sindaco di Windisch-Feistritz (Austria) e viticoltore.

Novembre 1946: Bernard Vonnegut, scienziato americano della General Electric,   capì che i nuclei di ioduro d’argento erano in grado di catalizzare l’umidità contenuta nelle nubi per produrre pioggia.

Nel 2009, a Pechino, nel tentativo di tramutare in pioggia alcune nubi di passaggio sulla città, afflitta da due mesi di siccità,  ha cambiato la pioggia in neve a causa di un improvviso fronte freddo; così Pechino si è fatta cogliere impreparata, causa paralisi titale dei dei trasporti …

Oggi, lo sfruttamento dello ioduro d’argento per produrre pioggia è divenuto un processo molto utilizzato.

 

Soprattutto grazie ad Israele che utilizzò moltissimo questa tecnologia negli anni 50 e 60 per sfruttare ogni possibile risorsa idrica del suo terreno desertico.

Oggi non meno di 40 paesi utilizzano questa tecnica, con  un consumo mondiale annuo di circa 50 tonnellate di sali d’argento.

Purtroppo si vanno anche moltiplicando le denunce sulla loro possibile pericolosità per la salute umana.

Sono circa 2 milioni i “trattamenti” con sali d’argento che si effettuano ogni anno; la metà dei quali effettuati dalla Cina.

L’agenzia d’informazioni cinese valuta in 250 miliardi di tonnellate la pioggia artificiale prodotta tra il 1999 e il 2006.

La Cina ricorre continuamente a questa tecnica per contrastare la desertificazione.

Negli aeroporti viene usata l’inseminazione delle nuvole principalmente per ridurre la nebbia.

Un metodo che appare meno pericoloso, è nato in Sudafrica e si è diffuso fino in Messico; in questo caso si usano sali igroscopici (calcio e sodio).

Anche limitare le piogge è una necessità molto sentita, in questo periodo di pericolosi e numerosi tifoni e uragani.

Tutto questo è possibile cospargendo le nuvole con un  polimero polverizzato, capace di assorbire acqua fino a 1.500 volte il proprio peso. Si crea così una sostanza gelatinosa che cadendo al suolo, riduce l’intensità delle precipitazioni.

QUALCOSA DI BUONO 

Pare che sia riuscito il disperato tentativo dell’ex Unione Sovietica d’inseminare di ioduro d’argento le nubi causate dall’incidente di Chernobyl, per circoscrivere la diffusione di dosi micidiali di radioattività.

Cosa è utile sapere al riguardo della nostra salute ?

Ci sono molte teorie complottistiche sull’inseminazione delle nubi ma nessuna è mai stata dimostrata.

Le vari etcniche utilizzate possono essere perfezionate perché diventino il più possibile innocue per l’ambiente e per l’uomo.

IODURO D’ARGENTO:

pericoloso per l’ambiente acquatico – pericolo acuto.

Questa sostanza viene immessa nell’atmosfera soprattutto attraverso produzioni industriali e non per le inseminazioni di nuvole.

Lo ioduro d’argento ha una bassa tossicità; così dicono alcune note stampa; ovviamente dipende sempre dai quantitativi.

 

 

Fondazione Bruno Kessler – Centro CREATE-NET – Centro di eccellenza per le telecomunicazioni del futuro

CREATE-NET
un centro di eccellenza per le telecomunicazioni del futuro
Da quest’anno è entrato a far parte della Fondazione Bruno Kessler. Ottenuto un finanziamento europeo sulle tecnologie 5G.

(v.l.) Il Centro CREATE-NET (Center for REsearch And Telecommunication Experimentation for NETworked communities) ha ottenuto un nuovo finanziamento per un progetto europeo H2020 nell’ambito delle future reti radiomobili di quinta generazione “5G”.

Riconosciuto a livello internazionale per le competenze nel campo delle Tecnologie dell’Informazione e delle Telecomunicazioni, il Centro rafforza così le proprie attività di ricerca e sviluppo nel settore 5G che sono già in corso all’interno di altri tre progetti europei a cui partecipa: SESAME, COHERENT e 5G-CROSSHAUL.

In particolare, il nuovo progetto 5G-Essence consentirà di evolvere l’attuale rete radiomobile 4G ai fini di ottenere una migliore risposta alle esigenze di servizi in termini di velocità di dati scambiati e tempi di reazione dell’infrastruttura di rete. In sintesi, la tecnologia 5G viene sviluppata per rispondere a molteplici scenari, dalle auto connesse, alle fabbriche intelligenti, alle applicazioni realizzate tramite droni connessi, fino alla telerobotica o la telemedicina in cui i tempi di reattività dell’infrastruttura di rete devono essere inferiori al millisecondo. Il progetto avrà la durata di 30 mesi e insieme a CREATE-NET parteciperanno altre 20 realtà di ricerca e aziende europee del settore.

Nato nel 2003 come associazione no-profit con il supporto della Provincia autonoma di Trento, CREATE-NET dall’inizio di quest’anno è un Centro della Fondazione Bruno Kessler. Principali finalità di CREATE-NET sono raggiungere l’eccellenza della ricerca nel settore delle Tecnologie dell’Informazione e delle Telecomunicazioni (con particolare attenzione per le Infrastrutture Digitali del Futuro quali reti, cloud e Internet delle cose) e promuovere il trasferimento tecnologico verso l’industria grazie all’ingegnerizzazione di tecnologie e soluzioni.

“CREATE-NET”, sottolinea il presidente della Fondazione Bruno Kessler Francesco Profumo, “ha conseguito importanti risultati positivi nell’ambito dei finanziamenti europei e industriali fin dal suo concepimento. Siamo orgogliosi che da quest’anno il Centro sia entrato a far parte della Fondazione Bruno Kessler integrando in piena sinergia le proprie competenze con gli altri centri scientifici e tecnologici della Fondazione”.
“Oltre ai numerosi progetti di ricerca in cui partecipa come coordinatore o partner scientifico,” spiega il direttore Elio Salvadori, “CREATE-NET vanta numerose collaborazioni con importanti realtà del settore, formalizzate con accordi commerciali e progetti internazionali, come nel caso di Cisco System, Siemens, Deutsche Telekom, Orange e Telecom Italia. Per il Centro è fondamentale incentivare la realizzazione di soluzioni tecnologiche innovative in contesti reali di applicazione sul mercato”.

La collaborazione pluriennale con Cisco System rappresenta un particolare punto di forza.

In questo ambito è stato assegnato al Centro l’importante compito di sviluppare i sistemi di controllo delle reti ottiche del futuro ad altissima velocità, rendendone il funzionamento il più possibile automatizzato e omogeneo rispetto a quello delle reti tradizionali a pacchetto con cui le infrastrutture di rete ottica, che costituiscono la cosiddetta spina dorsale di Internet, si interfacciano a livello locale.

Per maggiori informazioni: https://create-net.fbk.eu/

Elio_Salvadori.

Galaxy Tab S3 Samsung – Per un mercato difficile

Samsung Galaxy Tab S3 è un gioiellino estetico e tecnico

Pesa 429 grammi, meno del nuovo iPad 2017.

Con l’aggiunta di una tastiera, questo tablet, dallo schermo migliore dell’iPAD PRO 9,7 Apple, può fare più o meno tutto, come un vero computer.

Samsung Galaxy Tab S3 , dipone di una nuova S Pen con 4096 livelli di pressione, punta da 0.7 mm e la piacevolezza dei Galaxy Note con una presa da vera matita e più punte a disposizione.

Chi non avesse bisogno della S Pen può pensare al vecchio Tab S2 per risparmiare ben 400 euro.

Primo tablet con Snapdragon 820 e con dispositivo mobile con schermo HDR, pronto per; Netflix e Amazon Prime Video.

Supera le 10 ore di autonomia e dispone di digitalizzatore Wacom su Android.

Non scalda.

Schermo: 9.7 pollici Super AMOLED / 2048 x 1536 pixel / Digitalizzatore Wacom 4096 livelli.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Processore: Snapdragon 820 Quad Core 2.15 GHz + 1.6 GHz / Adreno 530.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Batteria 6000 mAh / Alimentatore 9-5V 1.67-2A / Sensore impronte digitali.

Prezzo di lancio: 799 euro in Italia (ma il prezzo si abbasserà in breve tempo) nella versione LTE con penna inclusa (ma tastiera da acquistare a parte).

Come tutti i tablet, il Galaxy Tab S3 non potrà mai sostituire un notebook. Ma è ottimo per le cose veloci.; controllare e  vedere contenuti, crearne con la penna per  note, testi, appunti all’università, correzioni di bozze, e disegnio schizzi.

Un Chromebook da 300 euro basta per dimostrare quanto il notebook sia più comodo, più pratico e più veloce. Il Chromebook ( inventato da Google ) può essere una valida alternativa per sostituire il normale computer.

Il Chromebooks può servire a chi vuole pendere poco e disporre di un vero computer, veloce come un buon Mac, ma più semplice nell’utilizzo rispetto ad un PC Windows.

RISPARMIARE all’epoca delle start up – Tutto facile basta un attimo di attenzione – 24 febbraio 2017 Besozzo- Varese truck di street food di Cuochingiro – sharing mobility – carpooling aziendale

Con URBI in regalo il primo pacchetto di mobilità condivisa

24 febbraio dalle 9 alle 18 presso l’Urban Mobility Point, l’angolo informativo gestito da URBI e ospitato presso la succursale di Via Gonzaga 3 di Banca Sella

Jojob, il carpooling aziendale premia la condivisione …

Gnammo, cene al buio contro lo spreco di energia…

Il Comune di Besozzo, in provincia di Varese, per l’occasione aprirà invece il cortile del Palazzo Comunale dove i truck di street food di Cuochingiro

M’Illumino di Meno, tre startup aderiscono e promuovono condivisione e risparmio energetico

Jojob, URBI e Gnammo hanno accolto l’invito di Caterpillar e coinvolgeranno gli utenti organizzando cene collettive senza sprechi, promuovendo la sharing mobility e premiando chi darà un passaggio in auto ai colleghi.

Con URBI in regalo il primo pacchetto di mobilità condivisa

URBI, l’aggregatore dei principali sistemi di mobilità urbana e condivisa, aderisce a M’Illumino di Meno e rilancia il messaggio #condiVivo promuovendo l’utilizzo della sharing mobility e mostrando quanto possa essere facile, per chiunque, rinunciare alla macchina privata.

Scaricando sin da ora la app di URBI sul proprio smartphone sarà possibile prenotare l’abbonamento giornaliero a BikeMi, il servizio di bike sharing di Milano, da ritirare gratuitamente il 24 febbraio dalle 9 alle 18 presso l’Urban Mobility Point, l’angolo informativo gestito da URBI e ospitato presso la succursale di Via Gonzaga 3 di Banca Sella.

Inoltre, ai primi 50 utenti che si recheranno all’Urban Mobility Point il 24 febbraio, URBI regalerà, in collaborazione con BikeMi e Car2Go, il primo “pacchetto di mobilità condivisa” comprendente un abbonamento giornaliero BikeMi, un biglietto del trasporto pubblico ATM e l’iscrizione gratuita a Car2Go con 5 euro di guida omaggio.

Jojob, il carpooling aziendale premia la condivisione

Per la Giornata del Risparmio energetico Jojob, la principale piattaforma italiana di carpooling aziendale, coinvolgerà gli oltre 90.000 utenti per stimolarli a condividere l’auto ed aderire a #CondiVivo, incoraggiando anche nuovi colleghi.

Ogni utente che quel giorno certificherà di aver condiviso il tragitto in auto con altri dipendenti riceverà sul proprio profilo il badge di M’Illumino di Meno che identificherà la buona azione per la Terra. In più, si vedrà assegnata una “foglia oro”, da convertire in premi speciali.

Alle oltre 100 aziende di grandi dimensioni e alle 1.000 piccole e medie imprese che aderiscono al servizio, Jojob invierà la comunicazione sull’adesione a M’Illumino di Meno, con grafica ad hoc da esporre e divulgare a tutti i dipendenti.

Inoltre, per coinvolgere sempre di più le aziende nel risparmio ambientale, in occasione di M’Illumino di Meno il 24 febbraio Jojob lancerà un nuovo servizio per facilitare la condivisione dell’auto anche nelle trasferte aziendali dei dipendenti: un modo per utilizzare meglio le risorse, tagliare gli sprechi, promuovere la condivisione ed inquinare meno.

Gnammo, cene al buio contro lo spreco di energia

Serata a lume di candela per spegnere le luci ed evitare gli sprechi di energia: questa l’iniziativa lanciata da Gnammo, la piattaforma di social eating più grande d’Italia, in occasione di M’illumino di meno.

Tra gli eventi più curiosi c’è la cena del team di Gnammo, “Noi speGNAMMO”, durante la quale verrà preparata la bourguignonne per non usare gas e corrente elettrica.

Il Comune di Besozzo, in provincia di Varese, per l’occasione aprirà invece il cortile del Palazzo Comunale dove i truck di street food di Cuochingiro spegneranno i generatori e cucineranno solo con fornelli a gas. All’intero della Sala Mostre del Palazzo gli ospiti potranno condividere il piacere di gustare le prelibatezze dello street food insieme ai propri concittadini.

Il primo sistema di soccorso alpino che lega uomo e robot

Localizzazione esatta in pochissimo tempo di una persona sepolta fino a 3 metri sotto la neve

SHERPA è rapidissimo e invia in pochi minuti informazioni che normalmente richiedono ore

Droni, robot e soccorritori insieme in una nuova tecnologia europea nata per i salvataggi ad alte quote: il suo nome è SHERPA

È il primo sistema di soccorso alpino che lega uomo e robot, nato grazie ai finanziamenti dell’Ue sotto l’egida dell’Alma Mater Studiorum di Bologna: adesso, dopo quattro anni di sviluppo, è arrivato a compimento.

– Per la prima volta, uomo e robot collaborano per il soccorso degli individui dispersi ad alta quota grazie ad un progetto coordinato dall’Università di Bologna e finanziato dall’Unione europea: si chiama SHERPA (Smart collaboration between Humans and ground-aErial Robots for imProving rescuing activities in Alpine environments) ed è un sistema a servizio dei soccorritori basato sull’uso di droni, robot, aereomodelli ad ala fissa.

Obiettivo di SHERPA è raggiungere luoghi oggetto di slavine in pochi minuti e localizzare i dispersi travolti dalla neve, mentre sistemi alternativi impiegano ore o sono addirittura inagibili in alcune situazioni. Il tutto salvaguardando anche i soccorritori stessi, grazie all’uso di robot nominati come animali: “falchi” (aeromodelli), “asini intelligenti” (rover) e “vespe” (droni). Elementi che compongono il progetto SHERPA, ideato da giovanissimi ricercatori europei guidati dal DEI (Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione) dell’Università di Bologna.

Un’innovazione sociale nata da un progetto partecipato a livello europeo che mette la tecnologia al servizio dei soccorritori e che infatti ha trovato la collaborazione e l’interesse del Soccorso Alpino del CAI (Club Alpino Italiano) e dei Carabinieri. Un progetto scientifico mai così attuale e opportuno visto il grande numero di incidenti in alta quota causati dalla neve.

Adesso, dopo quattro anni di sviluppo, il progetto SHERPA è stato testato nella sua interezza durante l’Integration Week appena conclusa a Davos che ha visto la presenza di tutti i soggetti operativi guidati dal DEI di Bologna: l’Eth di Zurigo, l’Università di Leuven in Belgio, l’Università di Napoli Federico II, l’Università di Linkopings in Svezia, l’Università di Twente in Svizzera, l’Università di Bremen in Germania, quindi due aziende (la Bluebotics di Losanna, specializzata in robotica, e l’Asla Tech di Bologna, specializzata in droni) e il Club Alpino Italiano come “end user” del progetto. Questo network di eccellenze europee ha creato contaminazione tra settori diversi per creare un prodotto originale e unico.

Innovazione tecnologica: l’integrazione adattativa tra uomo e robot per il soccorso

SHERPA è un sistema di droni da cielo e da terra in grado di lavorare in condizioni estreme: il suo obiettivo primario è la localizzazione esatta in pochissimo tempo di una persona sepolta fino a 3 metri sotto la neve.

Questo sistema si articola sull’uso di tre elementi robotici: i “patrolling hawks” (falchi di pattuglia), gli aeromodelli che fanno il primo screening della zona colpita; gli “intelligent donkeys” (asini intelligenti), i rover che trasportano su terra i “trained wasps” (vespe allenate), ovvero i droni in grado di fotografare le aree colpite, riportare dati utili anche in condizioni avverse grazie alle telecamere ad infrarossi e registrare i segnali radio ARVA, cioè gli impulsi del segnalatore che ogni scalatore o sciatore esperto porta con sé.

È la prima volta che si combina un sistema di droni a supporto del soccorritore alpino, che rimane sempre il leader dell’azione: è lui quello che in SHERPA è chiamato il “Busy Genius” (genio occupato), ovvero colui che riceve un supporto tecnologico dalle macchine ma che rimane sempre il leader delle operazioni.

«L’integrazione uomo-robot in SHERPA è adattativa – spiega il prof. Lorenzo Marconi del DEI di Bologna, coordinatore del progetto SHERPA e del corso di studi in Ingegneria dell’Automazione dell’Università di Bologna – cioè quando l’uomo è presente, le macchine sono al suo servizio, viceversa quando il soccorritore è impegnato i robot agiscono in maniera autonoma.

In che modo?

Selezionando informazioni utili e quindi cercando di semplificare il lavoro dell’operatore:

-infatti, la guida dei droni viene fatta attraverso comandi gestuali e vocali e il sistema SHERPA è in grado di capire dal tono di voce e dal comportamento umano se in quel momento l’uomo è troppo impegnato o emotivamente stressato per guidare al meglio le operazioni. Qualora così fosse, SHERPA si regola di conseguenza, cercando di semplificare il lavoro umano.

È importante infatti ricordare che il soccorritore è il “genio” e può sempre bypassare i robot: in SHERPA, l’uomo è sempre più in alto nella scala gerarchica».

Innovazione sociale: la risposta alla crescita degli incidenti in montagna

Il progetto SHERPA nasce come risposta all’esigenza sociale di intervenire in modo più efficace nei soccorsi in alta quota. Infatti, la situazione dei dispersi per valanghe nell’arco alpino è sempre più drammatica: secondo il CAI, si è passati dai 1300 del 1955 ai circa 8mila del 2014. «Sono aumentati i frequentatori della montagna, soprattutto sciatori ed escursionisti.

Così aumentano anche le persone a rischio, senza togliere il fatto che alcune calamità siano dovute al surriscaldamento globale», spiega Adriano Favre, Direttore del Soccorso Alpino Valdostano.

Come alpinista, Favre ha scalato gran parte delle principali montagne al mondo e da oltre quarant’anni si occupa di soccorso: era presente con il suo team anche nelle recenti operazioni di ricerca dei superstiti all’Hotel Rigopiano in Abruzzo. «Il progetto SHERPA – continua – è un aiuto validissimo per la risoluzione ad un problema che nasce dalla domanda dei soccorritori: ottimizzare le ricerche dei dispersi. Siamo così più efficienti con meno persone: e i sistemi di localizzazione di SHERPA arrivano anche laddove non c’è copertura gps».

Inoltre, SHERPA è rapidissimo e invia in pochi minuti informazioni che normalmente richiedono ore: così, chi di solito morirebbe, vive. Perché una persona sepolta dalla neve può essere recuperata ancora in vita entro 30 minuti dal fatto ed entro 90 può presentare ancora funzioni vitali: ma è il reperimento entro i primi 15-20 minuti ad essere il più rilevante in termini di sopravvivenza. Per questo SHERPA fa la differenza in termini di efficacia rispetto alle tecnologie esistenti comparabili.