Archivi categoria: energie alternative

energie alternative, energia, energy, ecology, alternative energy,

GLI SCIENZIATI CONFERMANO: IL FUTURO E’ ROBOT ! !

Lo si diceva già nel 2014 e oggi è realtà quotidiana che avanza senza sosta … contro il lavoro dell’uomo ???

Richard Watson è futurologo ed esperto di trend, consulente per la Cambridge University e l’IBM e sostiene che …vedi più sotto.

Aggiungiamo una notizia dell’ultima ora che è strettamente legata all’invasione dei computer nella nostra vita:

-il ricercatore Catalin Voss, considerato il genio tedesco della Silicon Valley, ha portato sul mercato un programma per leggere e analizzare le espressioni del viso e quindi degli stati d’animo.

-La società che produce questo “lettore della nostra anima” si chiama Sension e vi fanno parte i più prestigiosi informatici e matematici del mondo.

Tra i tanti che finanziano la Sension anche Alex Taussing, amico d’infanzia di Zuckerberg e Reid Hoffmann, inventore di Linkedin; e scusate se è poco !

-CONCLUSIONE: saremo tutti giudicati da un computer che potrebbe anche mal interpretare una nostra espressione, magari un tic nervoso, un momento di depressione o di rabbia e farci passare per bugiardi davanti a una giuria, o perdere una possibilità di lavoro, solo perché  un computer ci decreta bugiardi  ?? !!!

Ma il futuro, pare riservarci anche molte altre sorprese.

-NEL FUTURO BERE UN BICCHIERE D’ACQUA POTREBBE DIVENTARE ASSAI COSTOSO  !!!!!!

-A CAUSA DELL’INQUINAMENTO, DELL’INNALZAMENTO DELLE TEMPERATURE E DELLA CRESCITA DEMOGRAFICA    !!!!!!!!

NEL XXI SECOLO LA POPOLAZIONE MONDIALE AUMENTERA’ DI UN TERZO E IL CONSUMO DELL’ACQUA SARA’ DI 6 VOLTE SUPERIORE ALL’ATTUALE !

UNA MACCHINA PIU’ INTELLIGENTE E VELOCE DEI CERVELLI UMANI PROGGETTERA’ MACCHINE ANCORA PIU’ INTELLIGENTI.

-ENTRO IL 2020 I VEICOLI MILITARI AMERICANI SARANNO SENZA GUIDATORE UMANO !

La nostra speranza sta nel fatto che le previsioni siano veramente difficili.

 Richard Watson è futurologo ed esperto di trend, consulente per la Cambridge University e l’IBM,una tra  le maggiori aziende informatiche al mondo.

Dal suo pulpito precisa che oggi abbiamo

 – più promesse e più minacce di un tempo.

 -Quando la nostra intelligenza non sarà più l’autrice del progresso, ma il suo posto verrà preso dall’intelligenza artificiale, allora – preconizza Richard Watson – tutto è ancora di più difficile previsione.

 -Tra 15 anni un computer di 1.000 euro sarà potente quanto il nostro cervello.

 -Nel 2050 un computer da 1.000 euro, sarà potente come tutti i cervelli dell’intero pianeta ! (questi calcoli si riferiscono alla famosa legge di Moore)

 CI POTREMO TROVARE NELLA SITUAZIONE PER CUI:

 -UNA MACCHINA PIU’ INTELLIGENTE E VELOCE DEI CERVELLI UMANI PROGETTERA’ MACCHINE ANCORA PIU’ INTELLIGENTI…

 -…UN FUTURO AL DI FUORI DELLE CAPACITA’ COMPRENSIVE DELL’UOMO !

 -Non prima del 2050 potremo avere reattori a fusione nucleare

 -L’efficienza del fotovoltaico sarà di molto superiore all’attuale, grazie alle nano tecnologie.

 -Alghe produrranno idrocarburi come l’ottano;  una scienza ancora da sviluppare.

-Entro il 2050 le auto saranno elettriche, almeno all’80%.

-nel 2020 sono già previste le prime auto senza guidatore; con tutte le conseguenze legali del caso, che noi abbiamo presentato al link: https://www.donnecultura.eu/?p=7209

 -AVREMO SEMPRE PIU’ ROBOT CHE SOSTITUIRANNO IL LAVORO DELL’UOMO:

-I DRONI HANNO GIA’ INCOMINCIATO A SOSTITUIRE I FOTOGRAFI, I GIORNALISTI, GLI UOMINI SUGLI AEREI MILITARI, LE SPIE… VEDI AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=7661

-GUIDERANNO LE AUTO, I MEZZI PUBBLICI…

-CURERANNO GLI ANZIANI

-LAVORERANNO I CAMPI

–ENTRO IL 2020 I VEICOLI MILITARI AMERICANI SARANNO SENZA GUIDATORE UMANO ! ecc…

hanno già sostituito il lavoro di migliaia di operai e impiegati in tutto il mondo

gia’ sostituiscono i fisioterapisti in alcuni ospedali italiani

-da tempo molte funicolari e funivie sono guidate da robot…i sistemi automatici aiutano gli aerei ad atterrare nella nebbia totale…

Noi ci domandiamo:

 Sarà un bel futuro? La nostra speranza sta nel fatto che le previsioni siano veramente difficili e quindi

possiamo ancora avere speranza che l’intelligenza dell’uomo riesca a gestire al meglio questo imprevedibile futuro.

-Forse l’istinto della sopravvivenza ci aiuterà ancora una volta !

Un consumo energetico di mille volte meno rispetto a quello attuale; è possibile !

Una nuova generazione di dispositivi super efficienti, con un consumo energetico che potrebbe ridursi di oltre mille volte

Memorie magnetiche: nuovo meccanismo minimizza i consumi

 L’esperimento, illustrato su ‘Nature Communications’, coinvolge Cnr, Elettra Sincrotrone Trieste e Politecnico di Milano

apre la strada a una nuova generazione di dispositivi super efficienti, con un consumo energetico che potrebbe ridursi di oltre mille volte rispetto a quello attuale.

scienze clip_image002

1. Piero Torelli tiene in mano il campione analizzato. (Foto di Tommaso Pincelli)

 Un nuovo meccanismo capace di scrivere l’informazione nelle memorie digitali con un’efficienza mai raggiunta prima.

È stato ottenuto  presso il centro di ricerca Elettra Sincrotrone Trieste di Area Science Park da un gruppo internazionale di ricercatori, in primis Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e Politecnico di Milano. L’esperimento, illustrato su ‘Nature Communications’,

-si basa sulla magnetizzazione di un materiale tramite un impulso elettrico e apre la strada a una nuova generazione di dispositivi super efficienti, con un consumo energetico che potrebbe ridursi di oltre mille volte rispetto a quello consentito dalle tecnologie attuali.

scienze clip_image004

2. Elettra Sincrotrone Trieste: veduta interna di camera sperimentale per la produzione dei campioni (Foto di Tommaso Pincelli)

“L’immagazzinamento dell’informazione nei sistemi di memoria, come i dischi rigidi dei computer – spiega Piero Torelli, fisico dell’Istituto officina dei materiali del Cnr di Trieste e fra gli autori del paper – viene ancor oggi effettuata tramite un piccolo elettromagnete che magnetizza la superficie del disco: un processo lungo, energeticamente costoso e che non permette elevata miniaturizzazione.

Indurre questa magnetizzazione attraverso un campo elettrico darebbe enormi vantaggi, permettendo di superare le attuali limitazioni, diminuendo il consumo energetico di un fattore mille e

realizzando uno dei sogni della comunità scientifica e di chi cerca nuove soluzioni tecnologiche per l’elettronica moderna”.

Con questo esperimento il gruppo di ricerca ha ottenuto proprio un sistema in cui la magnetizzazione può essere spenta o accesa in risposta all’applicazione di un campo elettrico, in modo reversibile e a temperatura ambiente.

-“Il sistema che abbiamo studiato – continua Torelli – è costituito da due strati di materiale facilmente reperibile e poco costoso: uno di ferro e uno di ossido di bario e di titanio, che una volta sovrapposti reagiscono formando un sottilissimo ossido di ferro nella zona di interfaccia.

Sottoponendo il campione a un’analisi spettroscopica con la luce di sincrotrone di Elettra siamo riusciti a seguire le proprietà di ciascuno strato, verificando come il grado di magnetizzazione all’interfaccia variasse in base al campo elettrico applicato sullo strato di ossido, in modo controllabile e reversibile”.

Il successo dell’esperimento conferma che l’abbinamento di materiali con proprietà ferroelettriche e ferromagnetiche in strati contigui rappresenta una via promettente verso il controllo elettrico della magnetizzazione e apre la strada a una nuova generazione di dispositivi di memoria.

Un’elettronica moderna capace di riunire i vantaggi della ferroelettricità (basso costo di scrittura delle informazioni) e quelli del magnetismo (durata dell’informazione immagazzinata).

La scheda

 Chi: Istituto officina dei materiali (Iom) del Cnr di Trieste; Elettra Sincrotrone Trieste; Politecnico di Milano

Che cosa: Studiato un meccanismo capace di scrivere l’informazione nelle memorie digitali con un’efficienza mai raggiunta prima. Ricerca pubblicata su ‘Nature Communications’

 Riferimenti editoriali:

Pubblicazione: Nature Communications 5, Article number:3404  DOI: 10.1038/ncomms4404

Titolo originale: “Electric control of magnetism at the Fe/BaTiO3 interface”.

Autori: G. Radaelli, D. Petti, E. Plekhanov, I. Fina, P. Torelli, B. R. Salles, M. Cantoni, C. Rinaldi, D. Gutiérrez, G. Panaccione, M. Varela, S. Picozzi, J. Fontcuberta and R. Bertacco

Per maggiori informazioni su Elettra Sincrotrone Trieste (http://www.elettra.eu)

 Elettra Sincrotrone Trieste è un centro di ricerca internazionale, che opera al servizio della ricerca e dell’industria. È insediato nel parco scientifico tecnologico AREA Science Park ed è specializzato nello studio dei materiali attraverso uno strumento d’analisi di grande versatilità e potenza: la luce di sincrotrone.

 Questa luce permette di rivelare i dettagli della struttura e del comportamento di atomi e molecole, per dare soluzione ai problemi più diversi, in ambiti che vanno dall’elettronica alle scienze ambientali, dalla farmacologia alla diagnostica, dall’ingegneria alle nanotecnologie e alla tutela dei beni culturali.

 Per maggiori informazioni sul CNR (http://www.cnr.it)

 Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è Ente pubblico nazionale di ricerca con competenza scientifica generale, vigilato dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). È dotato di personalità giuridica di diritto pubblico e di autonomia scientifica, finanziaria, organizzativa, patrimoniale e contabile.

Il CNR, in un quadro di cooperazione e integrazione europea, ha il compito di svolgere, promuovere, trasferire, valutare e valorizzare ricerche nei principali settori della conoscenza. E di applicarne i risultati per lo sviluppo scientifico, culturale, tecnologico, economico e sociale del Paese.

La rete scientifica del CNR è composta da oltre 100 Istituti, articolati in 7 Dipartimenti, con circa 8.000 dipendenti. Le dimensioni, l’articolazione e la diffusione su tutto il territorio nazionale fanno del CNR il più grande Ente di ricerca italiano, caratterizzato da un elevato grado di multidisciplinarietà che lo distingue da tutti gli altri Enti, e uno dei maggiori a livello internazionale.

————

L’articolo è qui pubblicato dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

Italiani di successo nel mondo Giuliana Maugeri e Pietro Percudani

La scienza che ci può salvare

 Energia da un pavimento …

LA SCIENZA CHE CI PUO’ REGALARE UN FUTURO MIGLIORE E CHE MERITA DI ESSERE FINANZIATA

per ora dagli arabi di Dubai

La sollecitazione dei passi dei pendolari si può trasformare in energia gratuita, senza produrre inquinamento

Giuliana Maugeri e Pietro Percudani, studenti di ingegneria del Politecnico, andranno a Dubai per rappresentare l’Italia; in un concorso per un premio a livello mondiale dell’associazione Yspt ( Youth for public transport ).

Ecco cosa ha detto Giuliana Maugeri:

«Centinaia di migliaia di persone ogni giorno utilizzano i mezzi pubblici a Milano. Con il loro incessante movimento producono energia pulita, rinnovabile e gratuita. Abbiamo preso come esempio la stazione Cadorna e pensato a una superficie calpestabile con tecnologia piezoelettrica … La pressione dei passi si trasforma in energia capace di illuminare l’ambiente o alimentare il movimento dei vagoni e dei treni».

FACILE – NON INQUINANTE E POCO COSTOSO – SE NON SI METTE DI MEZZO LA NOSTRA IGNORANTE  E COLPEVOLE BUROCRAZIA 

CAMBIAMENTI CLIMATICI; NUOVE CASE PER AFFRONTARLI.

Alcuni architetti cominciano a parlare di edilizia anfibia. Cosa significa?

SOPRAVVIVEREMO CON L’UMILTA’ DELL’ADEGUAMENTO, RICONOSCENDO ALLA NATURA UNA FORZA CHE NON POSSIAMO CONTRASTARE.

l43-case-anfibie-regno-121203140730_medium

Nx233xl43-case-anfibie-121203140548_medium.jpg.pagespeed.ic.IK7dK9m766

CASE ANFIBIE 80_Hokiyume_ingegneri_M

A Copenaghen le hanno già realizzate, case galleggianti, spostabili…

-L’edilizia anfibia comincia ad essere presa in considerazione come ideale soluzione al problema delle ricorrenti alluvioni che, ormai, si scatenano sempre e più frequentemente in tutte  le parti del mondo.

Pioniera è l’Olanda che, per avere molti territori sotto il livello del mare, si sente la più minacciata.

-Alcuni architetti hanno pensato di costruire

case anfibie che possano galleggiare, ogni volta che si presenti un’alluvione.

-Insomma si tratta di costruire delle novelle “arche di Noé”

Infatti, secondo gli olandesi è

più economico far galleggiare le abitazioni, all’occorrenza, che cercare di fermare l’acqua quando decide di avanzare.

-Le abitazioni galleggianti costano, in media, il 20% in più di quelle normali.

-LA NUOVA STRATEGIA E’ SEMPRE PIU’ ORIENTATA A CONVIVERE CON IL PROBLEMA, PIUTTOSTO CHE CERCARE DI  PREVENIRLO.

-I modelli disponibili, per ora, sono solo due:

abitazioni ancorate a riva come barche, con stanze sopra e sotto l’acqua;

oppure abitazioni costruite sulla terra ferma, ma in grado di galleggiare all’occasione.

Tra i primi test, anche quelli degli esperti dell’Architects Baca, supervisionati dall’Agenzia per l’ambiente, che si stanno realizzando nel Buckinghamshire, a una decina di metri dalle rive del fiume Tamigi.

-l rinomato studio BACA ARCHITECTS, specializzato in progetti sensibili ai cambiamenti climatici,  realizzerà il suo progetto a soli dieci metri dalle sponde del Tamigi, su una piccola isola nel Buckinghamshire;

-un’ area soggetta a frequenti alluvioni; detta Flood Zone 3b.

-L’abitazione  si appoggia regolarmente su di un substrato cementizio, ma quando le acque si alzano, quest’ultima  si solleva sfuggendo all’inondazione.

-In questo progetto  le fondamenta coincidono con il perimetro di una darsena artificiale.
COSTA SOLO IL 20% IN PIÙ DI UN’ABITAZIONE NORMALE.

-La casa anfibia proposta è di 225 metri quadrati,disposta su tre piani, può ospitare una famiglia di quattro persone.

Il risparmio è garantito dallo’ uso di fonti naturali per la produzione di energia. Secondo i tecnici Baca le spese per far fronte alle alluvioni non sono più sopportabili dal bilancio pubblico

La proposta è accettata anche da Tony Andryszewski, dal 2007 all’Environment agency, luminare nel campo dell’ingegneria delle costruzioni, per i disastri naturali.

-Ci si è ispirati anche alle case degli  abitanti della Thailandia e del Bangladesh, che da sempre convivono con alluvioni disastrose e da sempre edificano palafitte per sfidare  gli eventi più disastrosi.

-Anche la Site specific and Prefab laboratory,  istituto di ricerca con sede a Bangkok, sostiene che sia possibile costruire case anfibie copiando gli esempi delle case costruite da sempre dalle popolazioni autoctone del sud-est asiatico.
In Thailandia si progettano mini-comunità che vivano in questo tipo di costruzioni.

—–

Sub Biosphere 2, la città anfibia

Si tratta di un laboratorio sperimentale capace di autosostenersi producendo: acqua, cibo, aria ed energia.

-Sub Biosphere 2 è il nome della città anfibia autosufficiente progettata per galleggiare sulla superficie del mare.

-Autore è il designer britannico Phil Pauley, che ha studiato un grande laboratorio sperimentale-galleggiante per studiare diverse specie animali e vegetali e capace, in caso di necessità,  di immergersi nell’oceano.

-Ecologica, la Sub Biosphere 2  produce: acqua, cibo, aria ed energia.

-Si tratta di otto sfere che sono collegate ad un’unità centrale.

-Le unità satelliti  sarebbero la sede dei ricercatori e dei  laboratori.

-Le piante all’interno purificano l’aria con la  fotosintesi.

-E’ anche previsto un potente riciclo dei rifiuti per l’irrigazione  e per nutrire gli animali presenti nel centro.

CRISI ECONOMICA – SOLUZIONI ?

Si dice che la crisi economica la stiamo superando; sarebbe magnifico tornare ai vecchi anni 70-80, quando esisteva un ceto medio che guadagnava discretamente e spendeva molto; facendo muovere il mercato moderno che vive proprio del continuo compra-consuma velocemente e ricompra.

Così gira il nostro mercato, che funziona solo se non si ferma mai, se continua a vendere e guadagnare di più, ma il sistema sembra inceppato  da anni … la gente ha meno soldi da spendere; anche se con debiti, risparmi e /o pensioni degli anziani, qualcuno, degli ex ceto medio,  vive ancora discretamente e poi ci sono i pochi che hanno un lavoro sicuro e ben pagato … per loro quanto sopra è inesistente.

Non parliamo di Italia, ma di andamento generale nel mondo:

OGGI LA CLASSE MEDIA STA SPARENDO E IL MONDO INTERO SI STA DIVIDENDO SEMPRE PIU’ IN VERI POVERI E VERI RICCHI.

Questo è un fatto incontestabile, come il lavoro che è sempre più precario e poco pagato (è indispensabile per poter tenere bassissimi i prezzi; vedi Amazon), come le importanti entrare finanziarie che sono tassate nei paesi dove si paga pochissimo o nulla … e come poi finanziamo gli ospedali, la scuola, l’università, le strade, l’innovazione … se nessuno paga le tasse (perché quelli che le pagano sono tanto pochi che non bastano a permettere una vita dignitosa a tutti).

Qulcuno dice che sia già cominciata un’inversione di tendenza. MAGNIFICO, SE E’ VERO !!!

I conti dello stato italiano però sono sempre più in rosso, non tutte le banche ci danno sicurezza  e abbiamo speso una fortuna per salvare quelle dove avevano rubato …

La sanità è sempre più povera, le tasse pagate ormai solo dai poveri (i ricchi veri hanno i soldi in società; quasi sempre all’estero), la mancanza di lavoro fisso o comunque retribuito decentemente per tutti … FINO AD ORA SIAMO RIMASTI A GALLA, GRAZIE ANCHE A CHI CI HA PROTETTO IN EUROPA;  sino a oggi … e speriamo anche domani.

L’AUSTERITA’ PUO’ ESSERE UNA SOLUZIONE ? GUARDIAMO COME HA RIDOTTO LA GRECIA, AVREMMO POTUTO E DOVUTO FARE DI MEGLIO.

Aiutando la Grecai all’inizio della sua crisi, l’Europa avrebbe speso pochi soldi e un intero Paese non sarebbe caduto nel baratro della povertà, della sanità ormai distrutta completamente …m ala Germania non voleva perdonare chi aveva barato al gioco … e dal suo punto di vista aveva anche ragione, ma …

Nessuno lo dice, ma

-l’Europa (e non solo) sta vivendo una guerra, sebbene diversa da quelle combattute con le armi.

Nel  caso Italia:

-le armi usate sono la disoccupazione, le droghe, gli stipendi al di sotto dei costi della vita media;

più di una generazione è bruciata sull’altare della globalizzazione: senza lavoro, senza soldi o con stipendi bassissimi e insicuri, senza futuro. Ovviamente rimane una piccola parte di privilegiati che, invece, gode di ottimo stipendi, ma non sempre sicure prospettive.

La storia ci ha insegnato che ogni volta che ci si trova di fronte ad una generazione di maschi disoccupati, la carneficina della guerra riequilibra il sistema.

In Europa, almeno per il momento, non abbiamo nessuna guerra nel senso fisico del termine, ma stiamo comunque

-annientando intere generazioni.

Questi i fatti:

-molto evidenti in Grecia e Spagna, meno in Italia dove le famiglie dispongono, ancora per poco, di notevoli risparmi. Comunque anche le benestanti Danimarca e Germania stanno subendo i contraccolpi della situazione generale; molto ammortizzati da un ancora evidente benessere generale. Ma, ovviamnete, hanno goduto ancora più di noi di questo; momentaneo ?,  miglioramento del mercato globale.

Dal mondo globalizzato, che tanti hanno sostenuto e sostengono come prospettiva di futuro migliore dove il mercato libero ha o avrebbe armonizzato il tutto, abbiamo ricevuto:

-diritti, lavoro e futuro sempre più evanescenti.

Il lavoro flessibile avrebbe dovuto produrre più occupazione; obbiettivo che si è rivelato una trappola mortale. Aumenta solo il lavoro temporaneo; sempre meno pagato.

Ovvio; più sono i disoccupati che cercano lavoro, più chi da lavoro può offrire stipendi sempr epiù bassi.

Nessun governo è in grado di proporre una valida alternativa; tutti succubi dell’andazzo generale.

Eppure le soluzioni non mancano e il fatto che siano ignorate, ci fa pensare che quanto accade sia deliberatamente voluto per la vittoria finale di una globalizzazione che prevede

-pochi ricchissimi e una massa di disperati in condizioni tali da accettare qualunque lavoro a qualunque prezzo. Come già accade nei Paesi del Terzo Mondo o in via di sviluppo; dove anche i bambini lavorano in condizioni penosissime.

I diritti acquisiti stanno velocemente regredendo parallelamente alle condizioni economiche.

La soluzione più logica sarebbe investire in energie alternative, in agricoltura  e pesca eco-sostenibile, ma questi settori, addirittura, sono

-spesso ostacolate da leggi e burocrazia.

Esempio banale, perché

-non si sono mai dati incentivi per sostituire il parco auto a benzina-disel con GPL o INBRIDO (cominciano ora le ditte starniere) e investito moltissimo nell’energia alternativa, anche per eliminare tutte le pesantissime dipendenze dal petrolio che dobbiamo pagare in dollari, dal gas; con Putin che ci può chiudere i rubinetti quando vuole, come l’Algeria in mano ai fondamentalisti ?? ?

-Immaginate quanto lavoro si sarebbe potuto produrre trasformando, già qualche anno fa, le  case automobilistiche  e le altre industrie in crisi  in produzioni a SOLO GPL e elettriche, produzione e recupero di energie alternative, recupero materiali di scarto e loro trasformazione?

Progettazione da parte di ingegneri specializzati, produzione del materiale per i nuovi macchinari, enorme produzione di auto e materiali per la produzione di energia dal sole o eolica, energia e nuovi materiali dal riciclo dell’immondizia;

-quindi lavoro per tecnici specializzati, professionisti e operai !!

Il principe di Monaco ha, da tempo, sostenuto la necessità di una nuova economia di libero mercato, ma basata sul riciclo e le energie alternative con il nome di BLU ECONOMY, ma l’iniziativa non ha avuto la diffusione e i riconoscimenti che meriterebbe.

Evidentemente poteri più forti NON vogliono questi cambiamenti.

Peccato che il  potere politico, almeno in Italia sino a oggi,  sia in mano a persone non certo lungimiranti, né particolarmente intelligenti e scientificamente colte (pochi parlano un inglese decente in un mondo globalizzato…); ma molto furbi  e scaltri, ma questo basta solo per fare soldi per se. Le eccezioni  ci sono, ma sono rare.

Solo uomini di ampie vedute e grande intelligenza possono lavorare anche per il futuro; gli altri si fermano al presente.

Non siamo capaci di costruire un modello di vita adeguato all’epoca postindustriale.

Viviamo come se fossimo ancora nell’era industriale, perché non siamo capaci di costruire un modello di vita adeguato all’epoca postindustriale.

Siamo solo capaci di guardare con grande preoccupazione questa nuova redistribuzione del reddito che già è avvenuta nel mondo.

Secondo Domenico de Masi, autore di Mappa mundi. Modelli di vita per una società senza orientamento, Rizzoli editore,

dobbiamo trovare un nuovo universo di diritti in grado di correggere le ingiustizie del mondo, esasperate dal neoliberismo e dalla sua ideologia di crescita all’infinito.

La speranza di uscire da questo tunnel starebbe, secondo l’autore del libro, nel

cogliere il meglio delle passate ideologie: Cristianesimo, Buddismo, socialismo e liberismo; unendoli per disegnare un mondo migliore; dove l’indice della

felicità non dipenda solo dal Pil delle nazioni.

Domenico de Masi porta l’esempio dell’aquila che a quarant’anni si ritira per sei mesi aspettando che becco e artigli ricrescano. Dopo la muta ricomincia una nuova vita.

-Così dovrebbe fare tutta l’umanità  e rinascere diversa, adattata alle nuove condizioni nel migliore dei modi per un migliore futuro del mondo e di tutti gli uomini.

Purtroppo noi, ovvero il mondo attuale italiano, si sta comportando  come un tacchino che non è in grado di uscire dal cerchio che lo circonda.

Intanto il resto del mondo, che chiamavamo terzo mondo, progredisce e vede salire i propri salri e la disponibilità eocnomica:

-vedi sud est asiatico, Cina, Corea …

Una splendida novità verso un futuro migliore! Non solo veleni a livello strada…

PASSEGGIATA SOLARE ! Non un  progetto, ma una realtà già esistente.

Alla George Washington University (GW) hanno realizzato un marciapiede fotovoltaico.

Non più veleni a livello strada, ma produzione di energia.

Questi speciali pannelli solari sono calpestabili e anti scivolo; la luce viene convertita in energia solare.

Un marciapiede pedonale che converte la luce solare in energia elettrica.

-I pannelli solari calpestabili sono già una realtà; si tratta di un prolungamento del marciapiede pubblico all’incrocio tra Boulevard e GW University Drive.

Eric Selbst è il responsabile del progetto a GW.

I MIGLIORI AUGURI PERCHE’ QUESTO TIPO DI PROGETTO ABBIA LA MAGGIOR DIFFUSIONE POSSIBILE, PER LA SALUTE DI TUTTI NOI: basta veleni da scarico auto e riscaldamento, le cui prime vittime sono i bambini che respirano più veleni degli adulti (sia perché sono più bassi e quindi respirano molto più inquinamento di un adulto sia perché il bambino respira più velocemente di un adulto e quindi immette più veleni a parità di tempo).

———–

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

TERREMOTI E INQUINAMENTO DELLE FALDE NEL NOSTRO FUTURO: POCHI NE PARLANO.

nero Natale 2a versione ok

I NUOVO METODI DI ESTRAZIONE DEGLI IDROCARBURI SONO CAUSA DI TERREMOTI E INQUINAMENTO DELLE FALDE ACQUIFERE.

DAGLI USA LA PRIMA GRANDE PROTESTA UNISCE AMBIENTALISTI E ARTISTI; già nel 2013.

Robert de Niro, Patty Smith, Ulma Thurman e molti altri, sono gli artisti americani uniti per combattere il fracking o hydraulic fractturing (fratturazione idraulica) nel movimento denominato Artist Against Fracking.

Il fracking è’ l’ultima “spiaggia” del nostro mondo consumistico assetato di petrolio e pericolosamente al limite delle scorte.

Il fracking è la procedura che permette di estrarre gas (soprattutto metano) da argille iniettando nel sottosuolo acqua, sabbia e agenti chimici ad altissima pressione.

La procedura prevede di causare una tale scossa alle rocce, tanto da frantumarle per liberare gli idrocarburi contenuti. Questi ultimi, molto volatili tendono a risalire in superficie dove possono essere immagazzinati dall’uomo.

L’Energy Policy Act del 2005 ha ammorbidito la precedente restrittiva legislazione lasciando decidere ai singoli stati USA se utilizzare o no questo sistema di produzione di idrocarburi.

Anche lo stato di Nuova York potrebbe accettare il fracking, ma nel frattempo si sono mobilitati contro, grandi nomi come: Yoko Ono, Sean e Julian Lennon, Paul Mc Cartney e Ringo Starr.

Infatti lo stato di NY, Pennsylvania e Ohio si trovano sopra il Marcellus Shale, un enorme giacimento di scisto. A quanto sostiene il geologo Terry Englender questi stati si trovano sopra a tre miliardi di metri cubi di idrocarburi; sufficienti a soddisfare le necessità energetiche degli USA per i prossimi 14 anni, mentre altri sostengono che basterebbero addirittura per un secolo.

PERCHE’ E’ PERICOLOSO:

IL COCKTAIL DI SOSTANZE INIETTATE PER FRANTUMARE LE ROCCE CONTIENE ANCHE SOSTANZE CANCEROGENE (benzene,etilbenzene,metanolo, isopropano, acido nitrilotriacetico…)

IL GAS CHE RISALE PUO’ ANCHE CONTENERE SOSTANZE RADIOATTIVE LIBERATESI NELLE ROCCE

NON SI E’ CALCOLATO QUANTA ANIDRIDE CARBONICA VIENE RILASCIATA NELL’INTERO PROCESSO

SE NON SI RIUSCISSE AD IMMAGAZZINARE TUTTO IL GAS LIBERATO QUESTO FINIREBBE NELL’ATMOSFERA (“Il metano non combusto, sul clima, ha effetti più gravi di quelli prodotti dal CO2 ;questo è quanto sostiene Marco Mucciarelli, direttore del Centro di Ricerche Sismologiche dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Applicata)

LE CONDUTTURE DI CEMENTO POSSONO PERDERE VELOCEMENTE L’ IMPERMEABILITA’ SCARICANDO NELLE FALDE ACQUIFERE SOSTANZE PERICOLOSISSIME (lo dimostra Josh Fox, autore del film Gas-Land candidato all’Oscar e premiato al Sundance Festival, nel nuovo film The sky is Pink)

PERICOLO DI TERREMOTI PERCHE’ SI POMPA MALE O IN ZONE GIA’ PERICOLOSE (Si sono verificati casi a Dallas, scosse per sei anni dopo che l’esercito aveva iniettato reflui sotto le Montagne Rocciose, a Denver, in Italia nella pianura Padana vicino a Modena…)

PER ORA IN EUROPA IL FRACKING E’ AGLI INZI: FRANCIA, OLANDA,GERMANIA E REPUBBLICA CECA, MA I MAGGIORI DEPOSITI SONO IN POLONIA E UCRAINA.

IL FILM “PROMISED LAND” TRATTA DI GAS, PETROLIO E PETROLIERI.

Nel film “Promised Land” Damond cerca di convincere gli abitanti di una cittadina a cedere i loro terreni per la perforazione, ma l’arrivo di un ambientalista, l’attore John Krasinski, con le sue rivelazioni complica tutto. Si tratterà di far prevalere il bene comune.

————

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

CAR SHARING – COME FUNZIONA ? – Vivere low cost ? – Car sharing può essere una soluzione

In Europa e nel mondo, sono sempre più i cittadini dei grandi centri che non hanno un’auto propria (certamente in molte grandi e piccole città i mezzi pubblici sono più efficienti che in Italia), ma il futuro è sicuramente nel Car Sharing.

Il Car Sharing offre un’auto solo quando se ne ha bisogno con enormi risparmi, se non se ne fa un uso giornaliero. Pensate a cosa costa un’auto, garage e l’assicurazione (almeno 3.500 / 4.000 euro ogni anno per le auto più piccole e usi occasionali, quasi un affitto o un mutuo per una casa).

Un’auto in car sharing sostituisce circa sei vetture private, riducendo non solo il traffico e i problemi di parcheggio, ma anche le emissioni nocive.

In Lombardia il primo car-sharing ecologico, diffuso su scala regionale, si chiama E-Vai.

www.e-vai.com

E-Vai è anche il primo car sharing integrato con il servizio ferroviario regionale.

Ed anche primo car sharing presente nei principali aeroporti lombardi.

E’ presente in oltre  30 località, con più di 100 postazioni; compresi gli aeroporti milanesi, Orio Al Serio e la Fiera di Milano Rho.

Per fare un esempio. Se si arriva tardi, nella notte, in un aeroporto o si ha un impegno a Milano che termina tardi; è possibile ritirare l’auto a Milano, per esempio in aeroporto o nel punto più vicino disponibile, arrivare a casa e parcheggiare sotto casa, restituire l’auto la mattina dopo al punto più vicino.

Il paco auto è composto da 100 auto in prevalenza elettriche e di facile utilizzo.

Per chi arriva in aeroporto o stazione, può essere comodo trovare un’auto a disposizione; molto più economico del prezzo di un taxi.

Inoltre queste auto permettono di muoversi in città con meno problemi di parcheggio.

E-Vai COME ?

Ci si iscrive gratuitamente al sito www-e-vai.com; qui si sceglie la formula che meglio si adatta alle nostre esigenze.

– SILVER : per noleggi occasionali; il pagamento si può effettuare solo con carta di credito e ad ogni noleggio va aggiunto un costo di 5 euro alla tariffazione oraria del servizio.

– GOLD per utilizzo frequente; consente di versare una quota di credito prepagato (per un minimo di 50 euro), che è convertita immediatamente in credito da utilizzare per i futuri noleggi; non si pagano i 5 euro ogni noleggio, come invece accade nel profilo Silver.

-si prenota e si ritira l’auto nel luogo indicato.

-TARIFFA ORARIA 5 EURO

-TARIFFA GIORNALIERA TUTTO COMPRESO 60 EURO. 

— esempio di due ore di noleggio con Tariffa Gold:

Tariffa oraria: 2,40 (x 2 ore, in questo caso) + Tariffa chilometro 0,48 * = 14,40

Le auto E-Vai possono essere prese e rilasciate in qualsiasi postazione della stessa città senza costi aggiuntivi; oppure possono essere riconsegnate in qualsiasi E-Vai point della Lombardia con 10€ di maggiorazione ad eccezione degli spostamenti da Milano a Rho Fiera e viceversa il cui costo aggiuntivo è di soli 5€.

Non verrà applicata nessuna maggiorazione per tutti gli E-Vai point di Milano verso gli E-Vai point dell’hinterland milanese (Novate. M.se e Cesano Boscone) e viceversa.

Per prenotare con numero verde si deve essere già iscritti; oppure lo si può usare per informazioni sul servizio.

È possibile parcheggiare nei parcheggi blu e dei residenti (nei comuni convenzionati), circolare nelle ZTL e nelle corsie preferenziali (taxi); un elenco completo dei comuni con relative convenzioni è disponibile all’indirizzo https://www.e-vai.com/web/evai/vantaggi.

Il servizio è attivo tutti i giorni 24 ore su 24.

Le postazioni presidiate sono:
MILANO CADORNA: tutti i giorni dalle 7:30 alle 12:00, dalle 13:00 alle 17:00, dalle 18:00 alle 22:30
COMO: tutti i giorni dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00

———————————

AEROPORTO MALPENSA
Prendendo l’ uscita “Malpensa – Terminal 1” della Superstrada SS336, seguire le indicazioni “Arrivi” e “Partenze” mantendendo la destra, quindi imboccare l’uscita in direzione “Stazione”.Alla discesa della rampa, imboccare la rotonda e prendere la 3°uscita in direzione “stazione”.

L’ E-Vai point si trova di fronte l’hotel Sheraton e l’ingresso della stazione.Caratteristiche Point: n.4 parcheggi e n.2 colonnine di ricarica.

AEROPORTO LINATE
All’ ingresso dell’ aeroporto seguire la direzione “Arrivi” e proseguire verso “autonoleggi/car hire”. Dopo il sottopasso, imboccare la rotonda e uscire in direzione parcheggio P3 – car sharing, proseguite sulla rampa per raggiungere il parcheggio P3, qui troverete il nostro E-Vai Point.Caratteristiche Point: n.4 parcheggi e n.2 colonnine di ricarica.

——-

BERGAMO ORIO
Centro Commerciale Orio Center Fascia oraria diurna, dalle 07:00 alle 22:00

Uscendo dall’autostrada seguire le indicazioni per il Centro Commerciale Orio Center. Gli stalli si trovano all’interno del parcheggio, nell’area ARANCIO. Fascia oraria notturna, dalle 22:00 alle 07:00; per informazioni contattare n° verde 800.77.44.55Caratteristiche Point: n. 2 parcheggi e n.1 colonnina di ricarica

———-

PUNTI E-VAI:

Abbiategrasso Stazione Ferroviaria
Aeroporto Linate
Aeroporto Malpensa
Aeroporto Orio Al Serio
Alzate Brianza
Bergamo Stazione Ferroviaria
Bergamo Sentierone
Bergamo Città Alta
Biandronno Whirlpool Cassinetta
Brescia Stazione
Cairate Municipio
Casalmaiocco
Casorezzo Municipio
Cesano Boscone Auchan
Cesano Boscone Municipio
Cesano Boscone Stazione Ferroviaria
Cesano Maderno Stazione Ferroviaria
Cesano Maderno Municipio
Como Municipio
Como Stazione Ferroviaria Nord Lago
Concorezzo Euro Hotel Residence
Cremona Stazione Ferroviaria
Cuggiono Municipio
Erba Stazione Ferroviaria
Gallarate Stazione Ferroviaria
Giussano Ospedale
Lainate Hotel Ibis
Laveno Mombello Stazione Ferroviaria
Lecco – Stazione FS
Legnano Stazione Ferroviaria
Legnano Tribunale
Legnano Tecnocity
Lodi Stazione Ferroviaria
Maccagno Municipio
Magenta Stazione Ferroviaria
Magenta Municipio
Mantova
Mantova Aster
Mantova Castello San Giorgio
Mantova Stadio
Mantova Stazione FS
Mariano Comense Stazione
Mariano Comense Municipio
Milano Stazione Cadorna
Milano Sede Provincia Porta Vittoria
Milano Sede Provincia Dateo
Milano Sede Provincia Soderini
Milano Sede Provincia Principe Eugenio
Milano Stazione Ferroviaria Bovisa
Milano Centro Leoni
Milano Porta Garibaldi
Milano Stazione Centrale Autosilo Boscovich
Morbegno Stazione Ferroviaria
Novate Stazione Ferroviaria
Novegro Espresso Hotel
Pavia Stazione Ferroviaria
Pavia Policlinico San Matteo
Pavia Sede della Provincia
Pavia Campus Acquae
Pavia Piazzale San Giuseppe
Rho Fiera Porta Sud
Rho Fiera Stazione Ferroviaria
Rho Ospedale Corso Europa
Rho Stazione F.S.Piazza Libertà
Rho Via Risorgimento
Rho Center via Luigi Capuana
Rho OSPEDALE “GIUSEPPE CASATI” via Settembrini
San Vittore Hotel Poli
Saronno Stazione FNM
Sondrio Stazione Ferroviaria
Ternate
Ternate Municipio
Ternate Stazione Ferroviaria
Tirano Stazione Ferroviaria
Tradate Stazione Ferroviaria
Travedona Monate Municipio
Varese Ospedale dal Ponte
Varese Stazione Ferroviaria Nord
Varese Stazione FS
Varese Tribunale
Varese Stadio Franco Ossola
Varese Municipio
Varese Agenzia delle Entrate
Varese villa Baragiola
Varese Questura
Varese ALS
Varese Ippodromo
Varese Università Biologia
Vigevano Municipio
Vigevano Stazione Ferroviaria
Vimercate Energy Park

NUMERO VERDE: 800.77.44.55
(per prenotazioni dall’estero 0039 – 0272494024)

——————-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

INFRASTRUTTURA CULTURALE FRUIBILE DA TUTTI A COSTO ZERO – SENTIERI METROPOLITANI – Le città a piedi o in bici

E’ nato www.sentierimetropolitani.org

L’obiettivo è quello di creare un vero e proprio Museo diffuso della memoria urbana. Un incubatore dell’identità cittadina, un contenitore aperto di storie che tutti possono arricchire e condividere.

Sul sito  trovate una ricca serie di informazioni che riguardano Milano:
-percorsi turistici
-più di 400 km cittadini, ma non solo in centro città
-percorsi con storie nascoste

I percorsi si possono utilizzare sia singolarmente che in gruppo.

Diversi gli strumenti utilizzabili:
-app
-sito
-mappa
-libro.
Dal sito si scarica gratuitamente l’applicazione.

Il tutto è stato realizzato con la collaborazione di Trekking Italia.

——-

L’articolo è pubblicato dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

Scuola: la Guida per ridurre consumi di energia e usare fondi green

– Presentata il 19.4.16 a Roma la “Guida all’efficienza energetica negli edifici scolastici” realizzata dall’ENEA e dalla Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, uno strumento operativo per gli interventi di riqualificazione energetica nelle scuole.

Si tratta di un manuale di facile lettura che in settanta pagine affronta i temi della diagnosi energetica, degli interventi sull’edificio e sugli impianti (con alcuni esempi di scuole efficienti in Italia)e degli strumenti finanziari pubblici e privati a disposizione di dirigenti scolastici e Amministratori.

Oltre ai 350 milioni di euro dal fondo Kyoto recentemente sbloccati dal Ministero dell’Ambiente, per la riqualificazione dell’edilizia scolastica sono a disposizione anche finanziamenti nazionali, fondi strutturali europei e il Conto Termico che incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

La guida è uno dei risultati – condivisi con il Ministero dell’Istruzione e il Ministero dell’Ambiente – della collaborazione siglata lo scorso anno tra la Struttura di Missione di Palazzo Chigi e l’ENEA,che ha dato il via all’operazione Green School, per supportare anche dal punto di vista tecnico la riqualificazione energetica degli edifici scolastici.

“La collaborazione tra Istituzioni nazionali per l’efficienza energetica degli edifici scolastici dev’essere allargata agli Enti locali e a chi vive la scuola tutti i giorni: insegnanti, ragazzi, genitori. L’obiettivo è accelerare la riqualificazione del nostro patrimonio edilizio, con un occhio al risparmio della bolletta energetica e uno all’ambiente”, ha sottolineato Laura Galimberti, coordinatrice della Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Silvia Velo, sottosegretario del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha approfondito il Fondo Kyoto, “un fondo rotativo a tasso agevolato per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico sugli immobili pubblici destinati all’istruzione di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido. Il nuovo bando, che sarà pubblicato a breve sulla Gazzetta Ufficiale, riapre lo sportello per accedere ai finanziamenti a tasso agevolato dello 0,25% per quei progetti che porteranno a un miglioramento di due classi del parametro di efficienza energetica dell’edificio”.

“L’efficienza energetica nelle scuole – hacommentato Federico Testa, presidente dell’ENEA – può diventare motore di innovazione sociale, economica e ambientale, favorendo la crescita di una nuova generazione di cittadini più consapevoli e sensibili ai temi dell’energia.

La Guida che presentiamo oggi è il primo passo verso una grande sfida, quella di trasformare le scuole in edifici ad alte prestazioni, più belli, confortevoli e adatti all’apprendimento. L’ENEA sta già lavorando a progetti pilota con l’impiego di soluzioni tecnologiche innovative e si propone come catalizzatore verso gli stakeholder del settore per facilitare la realizzazione di interventi di per sé abbastanza costosi”.

ENEA può essere partner degli Enti locali anche nella valutazione dei progetti (consumi, condizioni dell’immobile, elementi progettuali, costi, finanziamenti, autorizzazioni) e nelle diagnosi energetiche.

Allo studio una sorta di ‘bollinatura verde’, a garanzia della qualità dell’intervento proposto, sotto il profilo tecnico-economico e di certificazione del risparmio energetico.

Ad oggi sul territorio italiano sono presenti oltre 40mila edifici ad esclusivo o prevalente uso scolastico – dei quali un terzo è concentrato in 10 province – con consumi termici pari a 9,5 TWh/ anno ed elettrici di 3,66 TWh/anno.

All’Anagrafe dell’edilizia scolastica risulta che nel 58% degli edifici scolastici sono già state messe in atto misure finalizzate al risparmio energetico, installando pannelli fotovoltaici, doppi vetri e doppi serramenti o isolando le pareti esterne e la copertura.

——–

L’articolo è pubblicato dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.