I curdi catturano un reclutatore dell’11 settembre

Curdi catturano un reclutatore dell’11 settembre radicalizzato nel 1991 durante un viaggio in Arabia Saudita

L’uomo, Mohammed Zammar, cittadino tedesco di origine siriana, è un jihadista della vecchia guardia

Nel 1996 si era affiliato ad al-Qaeda; nella cerchia dei più fidati collaboratori di Osama Bin Laden.

In Germania aveva reclutato alcuni degli attentatori dell’11 settembre.

La CIA LO AVEVA ARRESTATO in Marocco; poi in segreto spedito in Siria, suo paese di origine, lì è stato in carcere sino al 2013, poi aveva beneficiato di una delle tante amnistie che Basar al-Asad (Siria); alla faccia  della sua ostentata lotta al radicalismo !

A Raqqa si era unito allo stato islamico; come reclutatore in Siria Egitto ed Iraq.

De suo arresto riferisce France Presse; secondo UN COMANDANTE CURDO, Zammar sarebbe ora in custodia in un carcere nel nord del paese.

Suspected 9/11 recruiter, Mohammed Haydar Zammar, a Syrian-born German jihadist has reportedly been detained by Kurdish fighters in northern Syria. http://www.bbc.com/news/world-middle-east-43821844 

Cuba senza Castro

DAL SITO ISPI anche VARIE OPINIONI SU CUBA

Con il ritiro di Raúl Castro e il passaggio di consegne a Miguel Díaz-Canel, a Cuba dopo ben sessant’anni volge al termine un’era: quella dei Castro.

Iniziata con l’ascesa al potere del líder maximo Fidel nel 1959, è continuata nell’ultimo decennio con le prime aperture e riforme intraprese da suo fratello Raúl.

Che oggi, ottantaseienne, lascia il potere.

Dalla morte di Fidel alla storica distensione con gli Stati Uniti di Barack Obama, passando per le devastazioni dell’uragano Irma, l’isola della “rivoluzione del Che”, dell’invasione della Baia dei Porci e della crisi dei missili del 1962 torna al centro dell’attenzione mondiale.

:::::::::::::

Le riforme realizzate da Raúl Castro negli ultimi dieci anni hanno dato ai cubani la possibilità di mostrare la loro capacità e voglia di fare attività economica: si stima che oggi vi siano circa 580.000 piccoli imprenditori nel settore privato.
Ma accanto all’effetto positivo di creare micro e piccole imprese, le riforme economiche hanno reso ancora più evidenti le enormi distorsioni esistenti, legate alla coesistenza di un’economia statale scarsamente produttiva e di un più dinamico settore del turismo internazionale, che è diventato quasi l’unica fonte di entrate valutarie nel paese.
I privati, per esempio, possono affittare ai turisti una camera nella loro casa per 20-30 dollari americani al giorno, mentre un dipendente pubblico guadagna circa 35 dollari al mese.
Non stupisce quindi che tanti laureati lascino il lavoro pubblico per diventare affittacamere a turisti internazionali.
E così viene sottoutilizzata anche quella parte di capitale umano del paese, che ancora non è emigrata all’estero.
Dal sito ISPI  –  un’opinione su Cuba
Una versione di questo articolo è stata pubblicata nell’edizione in edicola de Il Mattino del 17 aprile 2018.
Il dopo-Castro e la paura dei cubani

| 19 aprile 2018

Cuba non è mai come appare: poiché l’Assemblea Nazionale elegge il Consiglio di Stato e il Consiglio di Stato elegge il nuovo presidente che di cognome fa Díaz-Canel, tutti dicono che finisce l’era Castro.

Ma non è mica vero: ad oggi, tutto cambia sull’isola perché nulla cambi.

Di presidenti che non si chiamavano Castro, Cuba ne ebbe due. Il primo l’aveva messo in sella Fidel dopo la Rivoluzione.

Dopo pochi mesi lo tirò giù dal cavallo; dovette fuggire in esilio.

L’altro era una sua pallida controfigura: morì suicida, qualcuno dice suicidato, nel 1980.

Ma il punto non è questo.

Basta leggere la Costituzione cubana, per quel che vale: “la forza dirigente della società e dello Stato”, recita l’articolo 5, è il partito comunista.

E chi è il segretario del partito comunista?

Raúl Castro, che tale rimarrà per altri tre anni, se la biologia o la provvidenza glielo consentiranno, trattandosi di un dinosauro quasi novantenne, seduto sugli scranni del potere dal 1959.

Ma non è tutto: chiunque conosca un po’ di Cuba e della sua storia, sa bene che quello cubano è stato ed è un regime militare.

Per essere più precisi: un regime di Croce e Spada, alla antica usanza ispanica; la Croce del sacerdote evangelizzatore che predica ed esige fedeltà alla religione del regime; la Spada che impone unanimità e disciplina, pena il duro castigo che tocca agli eretici.

E chi comanda le forze armate cubane?

Raúl Castro, di nuovo; sempre dal 1959.

E chissà, si domandano in molti, se di qui a tre anni non ci sarà un altro Castro pronto a prolungare la dinastia? L’identikit circola già.

Ma si sa, Cuba è terra di miti. E ai miti crede chi di miti ha bisogno, chi alla realtà preferisce i suoi sogni, ai fatti la sua fede. Da ciò la ricorrente voce di “transizione” a Cuba, dove l’unica parola ammessa è semmai “conservazione”.

D’altronde il mondo è pieno di gente che crede che a Cuba ci siano meravigliose scuole e fantastici ospedali, benché le scuole e la sanità di cui beneficia il cubano medio siano tremende; di devoti che credono sia una società basata sulla fratellanza e l’egualitarismo, quando quella cubana è una delle società più gerarchiche al mondo e un abisso separa chi ha dollari da chi non ne ha, la nomenclatura dal tanto evocato “popolo”; e stracolmo di ingenui che tornano dalla settimana al tropico all inclusive felici di aver fatto un tuffo nel passato, un passato dove non resisterebbero due giorni toccasse a loro viverci, perfino di dongiovanni convinti di avervi spezzato cuori, salvo ricevere letterine dalle inconsolabili amanti che chiedono loro un paio di scarpe per il figlio, un aiutino per tirare avanti. Non sanno, come non sapevano ma scoprirono sbalordite certe antropologhe statunitensi accorse a studiare come si vive in paradiso, che la cubana media dedica sette ore al giorno a procacciarsi e preparare il cibo, tra code ai negozi, trattative al mercato nero, blackout elettrici e tutto il resto.

Eppure qualcosa si muove e quando qualcosa si mette in moto nessuno può mai sapere quali meccanismi inneschi. Nemmeno a Cuba, soprattutto oggi: già, perché per quanto tutti ripetano che il disgelo voluto da Obama non abbia prodotto nulla e che nulla è cambiato sull’isola, dicono il vero ma solo a metà.

È vero che non è cambiato di un apice il regime, che gli indipendenti che si sono candidati alle elezioni sono stati estromessi con la forza, che la repressione d’ogni minimo dissenso è la solita di sempre ed è vero che l’attività economica privata è oggetto di mille vessazioni; che la miseria, infine, non la prosperità, rimane l’orizzonte ideologico del regime, la fonte inesauribile del suo potere, di un regime da sempre più imbevuto di Vangelo che di Capitale.

Ma è anche vero che ciò che in fondo il disgelo perseguiva sta poco a poco avvenendo: saranno i turisti, saranno le star in visita, sarà la lenta ma capillare diffusione di internet, sarà che nulla, nemmeno un’isola mummificata, è impermeabile al mondo che cambia intorno, ma la scatola si sta aprendo. Dunque? Nulla, per ora nulla, né nessuno si aspetta nulla da Díaz-Canel.

Ma se fino a tempo fa, gettando un cerino a Cuba non c’era da aspettarsi che appiccasse un incendio, oggi non è così e ancor meno lo sarà domani. La scomparsa dell’ultimo Castro, se e quando ci sarà, significherà soprattutto questo: la liberazione dalla paura. Allora potrà accadere di tutto. Nel bene o nel male. Ma almeno Cuba tornerà nella storia.

:::::::::::::

 

Il dopo-Castro e 
la paura dei cubani
Loris Zanatta
Università di Bologna e ISPI

Il difficile cammino 
delle riforme economiche
Antonella Mori
Università Bocconi e ISPI

L’ombra di Trump sulle 
relazioni Cuba-Usa
Alessandro Badella
Università degli Studi di Genova

Aspettando Washington: le sfide internazionali de l’Avana
Alfredo Somoza
I.C.E.I.

Dalla rivoluzione a 
Raúl Castro, il finale 
è ancora aperto
Raffaele Nocera
Università “L’Orientale” di Napoli

La nostra sfida più grande si chiama ancora libertà
Dimas Castellanos
Giornalista

Evento
Cuba, fine di un’era?
Martedì 24 aprile, 18:00 – ISPI (Milano)

A cura di:
Nicola Missaglia, Research Fellow ISPI
ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale

Via Clerici, 5 – 20121 Milano
Tel.: +39 (0)2 86 33 13 1
Fax: +39 (0)2 86 92 055
ispi.segreteria@ispionline.it

57° EDIZIONE DEL SALONE DEL MOBILE a Milano

AL VIA LA 57° EDIZIONE DEL SALONE DEL MOBILE. ORSINI, FEDERLEGNOARREDO: ”IL SALONE DEL MOBILE È IL MIGLIORE INDICATORE DEL PRIMATO DI UN COMPARTO DINAMICO, IN ITALIA E OLTRE CONFINE” 

Si è aperto sotto il segno un rinnovato ottimismo e dinamismo il Salone del Mobile, vetrina della migliore produzione italiana e internazionale e “motore” d’impresa della città di Milano, sino al 22 aprile, a Fiera Milano, Rho.

I NUMERI DEL COMPARTO 
Un anno positivo per la filiera italiana del legnoarredo: secondo i risultati consuntivi elaborati dal Centro Studi Federlegno Arredo Eventi, la produzione delle imprese di arredamento e illuminazione ha raggiunto nel 2017 i 26,9 miliardi di euro, pari a un incremento del 2,1%, continuando la ripresa avviata nel 2015 e consolidatasi nel 2016. La crescita della produzione è stata stimolata dall’aumento dei consumi interni e da una maggiore capacità di spesa dei consumatori che si è rivolta anche ai beni durevoli come i mobili: 16,9 miliardi di euro, pari a un significativo +1,6%. Buono anche l’andamento delle esportazioni: 14,3 miliardi di euro pari a un significativo incremento del 3,1%.

I BONUS FISCALI
Una spinta ulteriore alla domanda è giunta dalle iniziative fiscali – bonus mobili e bonus ristrutturazioni fortemente voluti da FederlegnoArredo – e dalla dinamicità del mercato immobiliare che ha visto l’aumento delle compravendite residenziali e, soprattutto, la crescita delle ristrutturazioni che si sono confermate come l’area attiva di un settore edile ancora ai minimi in termini di nuove costruzioni. La ripresa del credito alle famiglie da parte del settore bancario ha inoltre fornito i mezzi necessari all’utilizzo degli incentivi, che hanno così potuto esprimere tutto il potenziale di sviluppo della domanda.

L’EXPORT
Buono anche l’andamento delle esportazioni: 14,3 miliardi di euro pari a un significativo incremento del 3,1%.Tra i destinatari di prodotti di arredo e illuminazione italiani, analizzando il periodo gennaio-dicembre 2017 troviamo al primo posto la Francia (2,2 miliardi di euro, +5,4%) seguita da Germania (1,6 miliardi di euro, +1,0%), Stati Uniti (1,3 miliardi di euro, +4,1%) e Regno Unito (1,2 miliardi di euro, -3,4%). Confermata la forte crescita del mercato cinese che ha raggiunto i 518 milioni di euro pari a un incremento del 36,5%.

CUCINE E ARREDO BAGNO
Risultato stabile per il comparto delle cucine che ha chiuso il 2017 con una produzione pari a 2,2 miliardi di euro (+0,5%), ma con un’impennata delle esportazioni: +3,2% pari a 779 milioni di euro.
Nel settore arredobagno, infine, positive sia la produzione (2,7 miliardi di euro, +1,5%) sia le esportazioni cresciute dell’1,1% e attestatesi a 1,3 miliardi di euro.

ISPI – Focus Mediterraneo Allargato

LA SIRIA E’ UN PROBLEMA CON TANTE DIRAMAZIONI

PIU’ QUANTO  POSSANO APPARIRE …

Lo Stato Islamico (IS) è riuscito a instaurarsi nell’area siro-irachena, nel giugno del 2014, approfittando di contesti politici di estrema instabilità …

Oggi si teme, infatti, che i miliziani rimasti in loco possano reinventarsi quale movimento insurrezionale soprattutto in situazioni di vuoto, o di transizione, politico-istituzionale …

permane, pertanto il rischio di attentati contro i paesi occidentali

La minaccia terroristica interna è viva anche in Egitto nella regione del Sinai

SIRIA E DINTORNI

Da : ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale

A sette anni dal suo inizio, la crisi in Siria appare più complessa che mai:

mentre le speranze di una soluzione negoziata appaiono sempre più lontane, il regime di Assad, appoggiato saldamente da Russia e dai proxies iraniani sul campo cerca con ogni mezzo di riconquistare le ultime fasce di territorio in mano ai ribelli, scatenando la reazione occidentale contro il presunto utilizzo di armi chimiche a Douma.

A nord intanto, la Turchia continua la sua avanzata nel territorio siriano in funzione anticurda con l’intenzione di procedere verso Manbij, dove sono stanziate truppe americane, una mossa che potrebbe determinare un ulteriore escalation di tensione.

Anche Israele è più che mai all’erta:

la crescente presenza di Hezbollah in Siria avvicina la possibilità che la milizia libanese filo-iraniana possa stabilire basi su territorio siriano, da cui sarebbe poi molto facile lanciare attacchi contro Israele senza pericolo di rappresaglia sul territorio libanese.

A meno di un mese dalla proclamata data di spostamento (14 maggio) dell’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, peraltro, Israele si trova a far fronte anche alle crescenti proteste provenienti dai Territori palestinesi, e in particolare dalla Striscia di Gaza, dove la tensione tra Hamas e le forze di sicurezza israeliane ha raggiunto picchi mai toccati dall’ultimo conflitto del 2014.

Gli ormai consolidati e continui interventi esterni nel contesto siriano e il crescente effetto spillover a livello regionale rischiano peraltro di fare perdere di vista un punto estremamente importante:

lo Stato Islamico (IS) è riuscito a instaurarsi nell’area siro-irachena, nel giugno del 2014, approfittando di contesti politici di estrema instabilità e – per quanto riguarda l’Iraq – di crescente divisione settaria.

È bene dunque monitorare questi contesti perché le sacche di resistenza non abbiano la possibilità di riorganizzarsi: si teme, infatti, che i miliziani rimasti in loco possano reinventarsi quale movimento insurrezionale soprattutto in situazioni di vuoto, o di transizione, politico-istituzionale.

A tale proposito, il risultato delle prossime elezioni parlamentari irachene sarà fondamentale per comprendere la configurazione del nuovo Iraq post-IS, sia per quanto riguarda il ruolo delle varie componenti etno-settarie irachene, sia in merito alla ricostruzione del paese.

La sconfitta territoriale del califfato non implica inoltre una sua débâcle a livello ideologico: permane, pertanto il rischio di attentati contro i paesi occidentali.

Un altro focolaio di crisi è lo Yemen, dove sussistono oggi tre governi, sostenuti dai tre attori esterni che hanno progressivamente trasformato la guerra civile yemenita in uno scontro per procura: I

ran, Arabia Saudita e Eau.

Difatti, la coalizione a guida saudita che dal 2015 è impegnata contro gli huthi, sostenuti da Teheran, è lungi dall’essere compatta:

sempre più chiara è la diversità di interessi tra Arabia Saudita e Eau, che sostengono attori diversi e adottano strategie diverse in campo yemenita.

L’Iran sta attraversando una fase quanto mai delicata: l’impegno esterno di Teheran si concentra su numerosi scenari, dallo Yemen alla Siria alla Palestina, con il supporto a Hamas.

Fondamentale per il paese, con conseguenze sia sul suo standing internazionale sia sulla situazione politico-economica interna sarà la ridiscussione dell’accordo sul nucleare, e l’eventuale re-imposizione di sanzioni da parte statunitense.

Anche il Nord Africa è lungi dall’aver trovato un proprio equilibrio:

innanzitutto in Libia, la costituzione di un unico governo che raccolga un trasversale consenso a livello nazionale e che rappresenti il paese a livello internazionale appare ancora lontana, mentre si riaccendono gli scontri nel Fezzan e i gruppi radicali continuano a rappresentare una minaccia per la sicurezza del paese, nonché dell’intera area.

La minaccia terroristica interna è viva anche in Egitto, nella regione del Sinai.

In seguito alle elezioni presidenziali che hanno visto un sostanziale plebiscito in favore di al-Sisi, il paese attraversa una crescente deriva autoritaria, mentre il tentativo di risanare l’economia delle nazione non fa che pesare sui ceti medio-bassi.

Il malcontento popolare per le pessime condizioni economiche imperversa anche in Algeria e, unito alle incertezze legate alla successione presidenziale e al rischio terrorismo, evidenzia la necessità di un processo di riforma strutturale che risani il sistema politico-economico, eliminando quelle condizioni che rendono possibile il proliferare dei gruppi radicali.

Sebbene si distingua come l’unico paese dell’area a avere iniziato un processo di democratizzazione, anche la Tunisia lotta contro la corruzione, il problema del terrorismo e della reintegrazione dei returnees, e le difficili condizioni economiche, soprattutto nelle aree periferiche, che portano numerosissimi giovani tunisini a emigrare verso l’Europa.

Al presente Focus, curato da Valeria Talbot, hanno contribuito:

Mappe e infografiche di Matteo Colombo (Università degli Studi di Milano e ISPI) e Tiziana Corda (ISPI)

Cuba – fine di un’era ? – Milano – 24 aprile 2018 – ore 18.00

Palazzo Clerici, ingresso da Via Clerici, 3

La partecipazione è libera con registrazione obbligatoria.

Il 19 aprile chiude una fase lunga e importante della storia di Cuba: con il ritiro di Raúl e l’elezione di un nuovo Presidente, dopo ben sessant’anni finisce l’era Castro.

Dalla storica distensione con gli Stati Uniti di Obama alle devastazioni dell’uragano Irma, passando per le dimissioni e poi la scomparsa del leader rivoluzionario Fidel Castro, l’isola caraibica è tornata al centro dell’attenzione mondiale.

Cosa succederà ora?

Siamo davvero all’inizio di una nuova era?

Dopo la normalizzazione dei rapporti con gli Usa, cosa cambia per Cuba nel mondo di Trump?

E cosa si prospetta per l’economia, le istituzioni, la società e le relazioni internazionali dell’isola?

Intervengono :

Gilberto Bonalumi , ISPI
Lucia Capuzzi , Avvenire
Antonella Mori , Università Bocconi
Sergio Romano , Corriere della Sera
Loris Zanatta , Università di Bologna

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul sito dell’ISPI.

La partecipazione è libera con registrazione obbligatoria.
Per registrarti clicca qui

http://www.ispionline.it/it/eventi/evento/cuba-fine-di-unera

L’accesso alla sala sarà consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

Sostenga l’ISPI con il 5×1000 indicando nella Sua dichiarazione dei redditi il codice fiscale 02141980157

Segreteria ISPI
tel: +39 02 86.93.053
email: ispi.eventi@ispionline.it
web: www.ispionline.it

‌ ‌

ISPI | Via Clerici, 5, Milano, 20121 Italia

Weekend 28 – 29 aprile Villa Litta di Lainate (MI)

Nel parco storico di Villa Litta a Lainate

NINFEAMUS 2018: DAL MERCATO DELLE MERAVIGLIE

AGLI ALVEARI URBANI, MACROMONDO E GIARDINO DEGLI ANGELI

Confermata la collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brera

‘Il Mercato delle meraviglie’, ma anche gli ‘Alveari Urbani’, un ‘Macromondo’ dell’Accademia di Brera dedicato al Parco Storico di Villa Litta, un ‘Giardino degli angeli’. Saranno questi i pezzi forti della VII edizione di NINFEAMUS.

Sabato 28 e domenica 29 aprile torna a Villa Visconti Borromeo Litta di Lainate (MI) l’annuale appuntamento dedicato alla promozione della cultura della natura e del paesaggio, organizzata da Paola Ferrario, conservatore del Museo Il Ninfeo di Lainate, con la collaborazione del Comune di Lainate e dell’Associazione ‘Amici di Villa Litta’.

Con il biglietto d’ingresso alla manifestazione si potrà accedere liberamente anche alle Serre delle Orchidee per ammirare il nuovo allestimento, accedere alla visita guidata al parco con l’esperto Emilio Trabella.

Tra riconferme…
Torna a Ninfeamus ‘Il Mercato delle meraviglie’

Dopo lo straordinario successo della passata edizione, torna ospite di Ninfeamus ‘Wunder Mrkt – Il Mercato delle Meraviglie’, nel magnifico scenario del Parco Storico di Villa Litta. Conosciuto e apprezzato dal pubblico milanese, il Wunder Mrkt è un mercato della creatività nelle forme più varie, dall’arte al design, dalle creazioni artigianali agli oggetti ricercati. Non mancheranno spazi vintage, musica e isole tematiche per il Food&drink.

… e novità
Gli Alveari Urbani

Tra le chicche dell’edizione 2018 ci saranno gli Alveari Urbani, un progetto ecologico e architettonico dedicato al mondo delle api e degli impollinatori, alla biodiversità e creatività.

Nato dal progetto internazionale GREEN ISLAND, il percorso lainatese porta la firma della storica dell’arte e paesaggista Claudia Zanfi. In una parte del parco storico di Villa Litta sarà allestito un percorso di sensibilizzazione sui temi dell’impollinazione e della biodiversità urbana, per la città e i suoi cittadini.

Un progetto che rimarrà alla città, con la possibilità di installazione di arnie permanenti presso i futuri orti collettivi (o in altro luogo da definire), attivando la raccolta di miele urbano (MI_LA Miele Lainate).

Il progetto (che ha vinto vari premi internazionali tra cui il premio EXPOINCITTA’ 2015 e Premio Timberland, stimolato mostre e eventi, seminari con studenti all’Università di Londra e del Politecnico di Milano) rimarrà alla città, con la possibilità di installazione di arnie permanenti.

Dal safari fotografico all’installazione Macromondo

Grazie alla consolidata collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brera, sarà proposta una nuova installazione ‘Macromondo’: partendo da un ‘safari’ fotografico nel parco della Villa, si procederà alla creazione di una raccolta di immagini di microcosmi vegetali molto simili ad anatomie umane, installate a pagine libere, fluttuanti come foglie, scattate e riallestite dagli studenti del corso di Teoria e Pratica della Terapeutica Artistica dell’Accademia, guidati dalla prof.ssa Laura Tonani.

Il progetto prevede l’ampliamento dell’installazione realizzata per l’Orti Botanico di Brera con una personalizzazione del ‘set’ lainatese. Un’opera che work in progress crescerà nella nuova dimora di delizia.

Un giardino degli angeli

Gioca in casa l’artista lainatese Maria Grazia Baggio che allestirà la mostra ‘Il giardino degli angeli’ con opere interamente realizzate assemblando petali e fiori.

Le visite guidata a Ninfeo, Parco e Serre delle Orchidee

Nella due giorni dedicata alla natura ci sarà spazio anche per le visite guidate al Ninfeo di Villa Litta con i suoi irriverenti giochi d’acqua organizzate dall’associazione Amici di Villa Litta; la visita botanica al Parco storico con l’esperto Emilio Trabella (nella giornata di domenica); e le visite alle restaurate Serre delle Orchidee.

INGRESSO:

Sabato 28 e domenica 29 aprile

€ 10,00 intero / € 8,00 ridotto – manifestazione + serre + Ninfeo

€ 5,00 –manifestazione + serre

€ 0,50 (under 18) – manifestazione + serre + Ninfeo

Per informazioni sull’organizzazione:

Paola Ferrario

Mobile 333 7805140

LA VITA COMINCIA A 60 ANNI. La vacanza studio per gli Over

Un’idea per una vacanza diversa.

Per qualcuno l’inglese è un vago ricordo scolastico, per altri una curiosità ancora da regalarsi un soggiorno studio nei paesi anglosassoni frequentando un corso speciale per studenti senior.

Si entra in confidenza con la lingua di Shakespeare e si visitano luoghi nuovi, senza correre il rischio di ritrovarsi insieme ad una frotta di ragazzini ma insieme a persone della stessa età e con gli stessi interessi.

Si tratta di soggiorni in località di sicuro interesse artistico, di alto livello qualitativo sia sotto il profilo della didattica che dell’accoglienza per consentire a studenti maturi di vivere un’esperienza  sociale e formativa in un ambiente autenticamente “British”.

 Tutti i programmi proposti prevedono un ricco programma sociale con attività organizzate dalla scuola da svolgere con gli altri partecipanti.

I programmi sono realizzati a Londra, Bournemouth, Torquay, Cheltenham in Inghilterra.

Ma anche nella bellissima Isola di Jersey, a Galway in Irlanda, a Siviglia in Spagna e Rouen in Francia.

Euroeduca propone inoltre: vacanze studio nei college più esclusivi, soggiorni studio per tutte le età ed esigenze, corsi per esami riconosciuti, corsi di inglese per professionisti, programmi di inserimento scolastico all’estero, programmi alla pari e di studio&lavoro..

 

ERC EUROEDUCA SRL – Piazza S. Alessandro, 220123Milano

Tel. 0289013014 – erc@euroeduca.it  – www.euroeduca.it

Donne e natura – lei ci parlerà di natura – Floreka 2018 a Bergamo

Parco Comunale di Gorle Bergamo

Via Marcono 5

L’Associazione Petali e Parole per l’11esimo anno consecutivo, il 28 e 29 aprile 2018, organizza la kermesse dedicata ai giardini, alla natura ed alle arti creative “green”, in una parola: «Floreka»

FLOREKA 2018

una veste tutta al femminile

DONNE E NATURA: LEI CI PARLERÀ DI NATURA 

TORNA LA MOSTRA MERCATO DI GIARDINAGGIO E PRODUZIONI CREATIVE. PROTAGONISTE: LE DONNE

Le piante? Parlano! e probabilmente la lingua delle donne.

Lo sanno bene le “Petale”, infaticabili amanti del verde, volto e cuore dell’Associazione Petali e Parole che per l’11esimo anno consecutivo, sabato 28 e domenica 29 aprile, organizza la kermesse di giardinaggio e arti creative «Floreka: Donne e Natura, Lei ci parlerà di Natura».

Una rassegna dedicata agli amanti del pollice verde, e non solo, che nell’ultima edizione è riuscita a coinvolgere oltre 7 mila persone e che quest’anno punta a fare ancora di più con una veste tutta al femminile: gli incontri a corollario della mostra-mercato, infatti, avranno per protagoniste le donne.

DONNE CHE SI RACCONTANO

Si parte sabato con Elena Macellari, agronoma e paesaggista, autrice del libro

Le signore della botanica: storie di grandi naturaliste italiane” che, con un attento e minuzioso lavoro di ricerca, ha ricostruito gli studi di numerose botaniche del ‘900 come Eva Mameli Calvino, Eleonora Francini, Albina Masseri e Camela Cortini (h. 11.00).

A seguire nel pomeriggio (h. 15.30), sempre per il ciclo «Passioni che divengono mestieri», Camilla Zanarotti, racconterà di come la sua passione per la musica si sia accostata a quella per il paesaggio durante l’incontro “Musica e Agronomia»; agronoma e architetto del paesaggio, Zanarotti è esperta di progetti di restauro di parchi storici e autrice de “Porcinai ed il paesaggio”, I giardini delle ville venete” con il fotografo Dario Fusaro e di “Più orto che giardino” con Simonetta Chiarugi.

Domenica 29 Simonetta Chiarugi sarà protagonista dell’appuntamento «Dalla moda ai giardini» per il ciclo «Passioni che divengono mestieri» raccontando la sua esperienza: dal mondo della moda, alla passione per orto e giardino che diventa un mestiere, passando per la creazione del seguitissimo blog Aboutgarden, fino alle recenti pubblicazioni (h. 10.30).

Ancora domenica, un‘altra donna speciale: Cristina Mostosi racconterà del suo Giardino delle Iris a Trebecco, simbolo di un legame familiare che, nel ricordo di suo papà, è riuscita a trasformare da luogo di ricordi in instancabile ed appassionata opera di divulgazione e, forse, nel mestiere della sua vita (h. 16.30). Ad accompagnare nei loro racconti le ospiti di Floreka sarà Lorita Biffi, appassionata libraia, anima della libreria Spazio Terzo Mondo.

Per tutti gli appassionati di giardini e natura che vorranno incontrare le Camilla, Simonetta, Elena e Cristina tutte assieme in un unico appuntamento, sabato pomeriggio le quattro special guest dialogheranno sul filo conduttore di questa edizione di Floreka: “Donne e natura”. (h.17.00)

Affiancheranno i racconti delle nostre protagoniste, le esperienze innovative di giovani che hanno deciso di riscoprire e/o recuperare la terra.

Questa edizione di Floreka, infatti, dedicherà spazio ed approfondimento ai racconti di chi recupera antiche tradizioni (il mais spinato di Gandino) a chi sperimenta nuove coltivazioni, (il Tropico dei Colli) e a chi coltiva fiori e si inventa un mestiere, come accaduto con Edwin e Nitsuhe con il loro progetto Tulipani Italiani. Il tutto, tra la magia di laboratori e corsi ispirati ad arte e natura dedicati ai più piccoli, attività educative volte a promuovere lo sviluppo di una cultura sostenibile, momenti musicali ed enogastronomici che, come da tradizione, renderanno per un week end la manifestazione un punto di attrazione imperdibile per tutti i green lovers.

INCONTRI E APPUNTAMENTI

Dopo l’inaugurazione, domenica si parte con Rose Rifiorentissime «Coltivazione delle Rose» (h. 14.30) e «Cura delle piante grasse» con Giorgio Tomio (h. 15.00); a seguire «La gioia di coltivare un agrume nella nostra casa» con il Vivaio Ghellere (17.30) e la dimostrazione di composizione floreale «Bouquet di primavera» con il fiorista Mazzoleni (h. 18.00). Per concludere la giornata dalle 19 l’Happy FL-Hour con musica dal vivo con il trio Très Manouche.

Domenica si prosegue con «Cura, coltivazione e utilizzo delle aromatiche» a cura di Floricoltura del Bosco (h. 9.00), l’incontro «Edwin e Nitshue. Un coloratissimo campo di tulipani sboccia in città» con Tulipani Italiani (h. 14.30) e il Lab «Cupcakes in Fiore» con i Pasticcioni (h. 15). E, da non perdere, il convegno con show cooking «Lo sapevi? I fiori si mangiano» per scoprire con Fioreat, Francichef – volto noto anche della trasmissione Tv La Prova del Cuoco – e Fiori commestibili bio Carmazzi, tutte le proprietà nutritive – antiossidanti, antitumorali e organolettiche – dei fiori edibili, il loro tradizionale linguaggio e il loro significato (h.15.00).

In entrambe le giornate i laboratori a cura di Tropico dei Colli «Giardini utili. Piante utili, sempreverdi e a bassa manutenzione» e «Verde insolito. Coltivazione e cura delle carnivore» a cura di Daniele Righetti.

LABORATORI PENSATI PER I PIÙ PICCOLI

Durante l’intero weekend anche laboratori per i bambini a cura di Trentunodi: «Cresco sempre di più: seminare, giocare, crescere. Il tempo dell’attesa» (sabato h. 10.30 e 17.30, domenica 17.30). «Mani che creano con gioia. I colori delle emozioni» (sabato h. 16.00, domenica h. 10.30 e h.16).

CURIOSITÀ FLOREKA 2018

Il programma, come ogni anno, sarà arricchito da un appuntamento dedicato ad arte e natura – la mostra fotografica «Lumen Print» di Danilo Pedruzzi e da momenti di puro relax – i mini trattamenti zen e shiatsu con la scuola Zen Shiatsu, accompagnati da piacevoli Flash mob musicali nel parco.

Poi spazio all’intrattenimento tra libri e caffè con Spazio Terzo Mondo, il Bistrot a cura di M1.lle Storie & Sapori e i corner food a cura di Pasticcioni e Birrificio Artigianale Elav.

Diffondere la conoscenza della natura, dell’ambiente, del paesaggio e del florovivaismo, parlare di buone pratiche, coltivazioni agricole e della produzione del cibo, ma anche di giardini e di fiori, si può fare in molti modi, ma per le Petale è diventata una missione senza mai dimenticare lo spirito che ha fatto nascere tutto questo: l’amicizia e la condivisione!

Ed è questo che gli appassionati di Floreka respirano da anni durante la due giorni.

«Quest’anno ci siamo volute fare un regalo: dedicare l’undicesima edizione di Floreka alle donne! Saranno proprio quelle donne, a cui le piante, i fiori, i giardini, l’ecologia, la sostenibilità hanno cambiato la vita, infatti, a declinare quest’universo. Il risultato sarà un fiorire di contaminazioni creative, di sensazioni e sensibilità diverse ma tutte rivolte alla condivisione dei temi che sentiamo nostri. Non mancate!» – raccontano le Petale, le amiche fondatrici dell’associazione Petali e Parole.

Per informazioni http://florekabg.wixsite.com/floreka 

BASE Milano alla Design Week 2018

Un’indagine critica sul city making, le smart cities e le nuove forme di progettazione e rigenerazione urbana protagoniste del Fuorisalone all’ex-Ansaldo:

Spazi in corso di rigenerazione verso il raddoppio di BASE a 12.000 mq

Fino a domenica 22 aprile 2018

Milano, Via Bergognone 34

www.base.milano.it

Image

Mostra “Trouble Making. Who’s Making the city”_ph Delfino Sisto Legnani

 

In occasione della Design Week 2018, fino a domenica 22 aprileBASE Milano – tra i più importanti progetti di rigenerazione urbana in Europa – propone una riflessione critica sul city making e le nuove forme della trasformazione urbana.

 

Apre il racconto “Trouble Making. Who’s making the city?”, una mostra commissionata da BASE Milano e a cura di Raumplan sui fenomeni di massa e le reti virtuali che stanno cambiando il volto delle nostre città. Attraverso il lavoro di artisti, fotografi, designer e videomaker, la mostra offre una lettura di alcuni fenomeni collettivi che coinvolgono la realtà urbana: dall’esplosione dell’attività dei corrieri ai nuovi circuiti del turismo di massa, fino ai processi innescati dalla sharing economy, dall’home sharing e dall’informazione online fai-da-te. Chi sono gli attori e quali sono i processi che, realmente, «fanno città», in un’epoca in cui la disciplina urbanistica appare sempre più in crisi? I contributi in mostra indagano le conseguenze e l’impatto dei grandi flussi globali di capitali, informazioni, merci e turisti, sulle realtà a scala locale e sulla vita delle persone.

Image
Image

Mostra “Trouble Making. Who’s Making the city”_ph Delfino Sisto Legnani

Tra i progetti esposti: l’analisi delle fotografie degli alloggi di Airbnb a cura di Calibro, Donato Ricci e Òbelo che individuano i capisaldi di un’estetica omologante caratteristica degli interni delle case e delle camere in affitto sulla piattaforma; le fotografie di Delfino Sisto Legnani che ritraggono alcuni dispositivi come i bottoni di Amazon e le serrature smart controllabili in remoto per la consegna dei pacchi; il filmato realizzato da Louis De Belle e Giacomo Traldi che racconta gli itinerari cittadini del turismo su gomma; un’indagine fotografica sui corrieri del food delivery realizzata da Louis De Belle insieme a Nicolò Ornaghi; un contributo sulle conseguenze urbane dei flussi di informazione online presentato da Giga Design Studio e Superinternet. Il percorso espositivo chiude con una scultura di Ayr che si appropria di uno dei più famosi prodotti di Achille Castiglioni.

Image

Opera “Freed from design”, Ayr_mostra “Trouble Making. Who’s Making the city”_ph Delfino Sisto Legnani

Tra i casi studio di progettazione urbana, la stessa BASE Milano che presenterà al pubblico una nuova porzione di spazi in corso di rigenerazione – da 6.000 a 12.000 metri quadri –, con nuovi prototipi di servizi e funzioni: una portineria di quartiere di nuova concezione, una rinnovata officina interna in condivisione e un cortile che da area di carico-scarico industriale viene restituito alla città e trasformato in spazio per l’intrattenimento culturale.

Image

La nuova portineria di BASE Milano_ph Serena Eller

Al suo terzo Fuorisalone, BASE si riconferma quindi un punto di riferimento fondamentale per l’innovazione, la creatività e la cultura, proponendosi come caso studio per nuovi modelli di rigenerazione urbana: uno spazio pubblico, gestito da un’impresa sociale privata, non-profit, frutto di un consorzio misto di associazioni e imprese private, auto-finanziato, che vive sul mercato, con una programmazione partecipativa e miscellanea, costruita insieme a molteplici attori culturali della città. Un ecosistema in continua trasformazione, caso unico nel suo genere e allo stesso tempo parte di un processo di trasformazione più ampio che interessa larga parte delle aree metropolitane occidentali, in cui l’arretramento del manifatturiero lascia spazio a nuove industrie e nuove funzioni urbane. Una scelta – quella di indagare i processi urbani e di rigenerazione – che scaturisce proprio a partire dall’attuale fase evolutiva che vede BASE come una grande Learning Machine: una macchina per l’apprendimento, laboratorio di formazione permanente al servizio della città, del quartiere e dei professionisti delle industrie creative. E, allo stesso tempo, una macchina che apprende, un grande organismo capace di mettere in dialogo comunità creative diverse per assorbire, condividere e ritrasformare reciproci contenuti e contaminazioni.

Image
Image

L’officina condivisa di BASE Milano_ph Giuseppe Martella

SERATE MUSICALI | Suoni di rigenerazione

In linea con le tematiche scelte per questa edizione del Fuorisalone, la programmazione musicale della Design Week 2018 sarà dedicata a celebrare le scene musicali e le sottoculture urbane che storicamente hanno avuto un impatto sulle trasformazioni urbane.

Il programma delle serate musicali negli spazi reinventati di BASE, prevede tutte le sere all’ora dell’aperitivo musica nel cortile (tempo permettendo) dell’ex-Ansaldo, trasformato da piazzale di carico scarico industriale e luogo sociale e culturale, dancefloor e bar. Le serate proseguono poi fino a tarda notte all’interno dell’ex-edificio industriale.

Inoltre, per tutta la durata della Design Week, Radio Raheem – la web radio indipendente di Milano – si trasferisce ne La Portineria dell’Ex Ansaldo con la propria programmazione, fatta di musica e interviste ai protagonisti del design, e non solo.

 

Martedì 17 aprile, orari 21.00 – 01.00
TROUBLE MAKERS       
Threes presenta Gabber Eleganza, “The Hakke Show”.  

Mercoledì 18 aprile, orari 18.00 – 01.00

Automat Radio Block Party powered by Emporio Armani

Giovedì 19 aprile, orari 19.00 – 03.00

POP IS LOVE – festa in cortile a cura de I Distratti

Venerdì 20 aprile, orari 20.00 – 03.00

RRRIOT DESIGN WEEK 2K18

Sabato 21 aprile, orari 21.00 – 03.00

RADAR FESTIVAL e SPOTIFY ITALIA presentano RADAR FESTIVAL SPECIAL LAUNCH PARTY/w SOHN

Domenica 22 aprile, orari 12.00 – 01.00

Party di chiusura con Automat Radio Block Party powered by Emporio Armani    

Image

BASE Milano

Con il patrocinio del Comune di Milano

Un progetto di: ARCI Milano, Avanzi, esterni, h+, Make a Cube3

Con il supporto di: Fondazione Cariplo

Partner: iGuzzini Illuminazione

Partner Tecnici: Azienda Grafica Italiana, COEX Naturally Fireproof, Duravit, Dyson, PRESTO, Redaelli Velluti, RIVO interior, Sikkens – AkzoNobel, Venber – Geo Hydrica, Zumtobel Group

Partner della Design Week 2018

Media partner: Domus, Zero

Con il supporto di: Tortona Design Week

Partner: Ageas UmbertoPiedi, AmicoBlu, Desamanera, 90×100 FERRO

INFORMAZIONI BASE Milano

Via Bergognone 34

base.milano.it

fb: https://www.facebook.com/BaseMilano.aplaceforculturalprogress/

twitter: @basemilano | instagram: base_milano | hashtag: #basemilano

Donne in pericolo – Minacce in aula di tribunale – OSTIA pericolosa

Libertà di stampa, l’Italia crolla al 77° posto – Meglio di noi anche Burkina Faso e Botswana …

” Giornalaia. Pensa alla famiglia “…  Poi si corregge con gionalista … !

Nell’Italia del 2018 succede nei tribunali …. !!!

” Non è così che fai carriera ”

” Federì, sei giovane, hai una famiglia ”

COSI’ PARLA L’ITALIA DI CUI VERGOGNARSI 

Chi ha accusato ha ” spiegato “: ma non era una minaccia, secondo lui. Solo un consiglio.

LO HA SOSTENUTO in tribunale Paolo Riccardo Papagni, socio e fratello del presidente di Assobalneari, sentito come imputato nel processo per tentata violenza privata ai danni della giornalista di Repubblica Federica Angeli.

A proposito delle sue ” parole minaccioise ” Papagni ha risposto: ” Nulla. Non sono abituato a minacciare io. Era solo un consiglio. Un con-si-glio!”.

Non abbiamo nulla da aggiungere le parole si commentano da sole; non per niente come libertà di parole per i giornalisti l’Italia

 

 

DonnE…Cultura