Arte – Reggia di Caserta – Marco Lodola – Giovanna Fra Tempus – Time

REGGIA DI CASERTA
Caserta, via Douhet 2/A
Marco Lodola – Giovanna Fra
Tempus – Time
a cura di Luca Beatrice
14 giugno – 15 settembre 2018
conferenza stampa mercoledì 13 giugno, ore 18
inaugurazione su invito

https://webmail32a.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=d26d90d22d67109&uid=91100&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=37d355040d45585&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=3

Marco Lodola, Pegaso Viola , 2018

Unione tra passato e contemporaneo è la mostra “Marco Lodola – Giovanna Fra. Tempus – Time” a cura di Luca Beatrice, esposta presso la Reggia di Caserta dal 14 giugno al 15 settembre.
L’esposizione, organizzata da Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e da Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, gode del patrocinio del Comune di Caserta, del Madre – fondazione donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta.
Il titolo della mostra è un voluto riferimento al trait d’union che Marco Lodola e Giovanna Fra, grazie alle loro opere, creano fra il Tempus, la dimensione temporale legata all’antichità, al classico, alla storica sede espositiva e il Time , sintesi del mondo contemporaneo.
La Reggia di Caserta, la residenza reale più grande del mondo, accoglie il percorso espositivo composto da una selezione di opere dei due artisti, che dall’ingresso si snoda negli spazi interni, nel parco reale, fino ad arrivare agli appartamenti del piano nobile. L’immenso parco della sontuosa villa, nel raggio di un chilometro, è punteggiato da oltre venti monumentali sculture luminose di Marco Lodola che rappresentano alcuni dei suoi soggetti tipici, uomini e donne, ballerini, danzatrici, animali, figure reali e immaginarie, che metaforicamente partecipano a una festa di corte. Questi lavori, oltre al forte impatto creato grazie alla loro imponenza e alla vivacità dei colori, si caratterizzano per la loro peculiarità: l’emanare luce, che genera dinamismo, potenza, vitalità; qualità che non riguardano solamente le opere in sé, ma che vengono trasmesse anche all’ambiente circostante.
Le installazioni di Lodola appaiono in grande sintonia con le tele di Giovanna Fra che accolgono il visitatore negli appartamenti reali e, caratterizzate da un forte cromatismo, incarnano perfettamente quell’arte contemporanea in cui la contaminazione di tecniche e la sperimentazione sono elementi imprescindibili. L’artista si misura con lo spazio interno e l’architettura vanvitelliana, reinterpretando nelle sue opere i motivi decorativi settecenteschi, arazzi, carte da parati, arredi Barocchi e Neoclassici, attraverso il linguaggio segnico, costituito da tracce di colore dalle forme imprevedibili e uniche, da textures astratte che si intrecciano con le trame del supporto digitale. I suoi lavori di matrice informale abbandonano infatti i mezzi tradizionali e, partendo da frame fotografici stampati su tela, Giovanna Fra arriva al risultato finale, percorrendo un cammino a ritroso, che la conduce a terminare l’opera con delle pennellate tradizionali, un’ulteriore dimostrazione del legame fra tempus e time e nel caso specifico del “passaggio da time a tempus”.
Seppure provenienti da formazioni diverse i lavori di Marco Lodola e Giovanna Fra creano un profondo dialogo e si completano vicendevolmente, ma soprattutto instaurano un forte legame con il luogo che li ospita, come afferma Luca Beatrice nel testo dedicato alla mostra: ” Dialogare con stucchi, decorazioni, pitture di genere e, soprattutto, con un’architettura di inestimabile pregio può costituire infatti una sfida ardua eppure affascinante per gli artisti contemporanei, a partire dall’utilizzo di materiali anomali che solo da poco sono entrati nel novero appunto dell’artisticità. Senza contare volumi, cubature e l’immensità di un parco che farebbe spaventare chiunque. […] Realizzare un cortocircuito visivo tra il tempus e il time, ovvero il passato e il presente, è rischio che l’arte di oggi sente di correre con sempre maggior frequenza. Ora, in particolare, tra pittura, elaborazione digitale, plastica e luce “.
La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Skira , con un vasto repertorio di immagini, il testo del curatore Luca Beatrice e numerosi interventi fra cui quelli di Renzo Arbore, Aldo Busi, Lorenzo “Jovanotti” Cherubini, Piero Chiambretti, Roberto D’Agostino, Salvatore Esposito, Ciro Ferrara, Antonio Stash Fiordispino, Enzo Iacchetti, Max Pezzali, Andrea Pezzi, Red Ronnie e di critici illustri quali Achille Bonito Oliva, Philippe Daverio, Gillo Dorfles, Martina Corgnati, Vittorio Sgarbi.
Cenni biografici .
Marco Lodola nasce a Dorno (Pavia), frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze e di Milano. Successivamente, all’inizio degli anni ’80, si affianca al nuovo futurismo. Si avvicina presto all’uso di materiali plastici che sagoma e colora con una tecnica personale, l’evoluzione della sua ricerca lo porta ad inserire fisicamente la luce nei suoi lavori: nascono le sculture luminose, che caratterizzeranno tutta la produzione artistica. Le sue opere sono presenti in vari musei, ha inoltre realizzato scenografie per film, trasmissioni, concerti ed eventi. In particolare è stato attivo nella moda e nel teatro. Fra le numerose mostre, si ricorda la sua presenza al Padiglione Italia della 53ª Biennale di Venezia con un’installazione luminosa e alla 54ª Biennale di Venezia con il progetto a cura di Vittorio Sgarbi “Cà Lodola”.
Giovanna Fra nasce a Pavia, si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera, con una tesi su John Cage ed il rapporto tra arte e musica.
La sua visione creativa ha privilegiato la fisicità dinamica del colore in relazione alle diverse consistenze della materia, fissando nell’immediatezza del gesto attimi di vibrante musicalità. Recentemente è stata invitata ad esporre al Friendschip project nel Padiglione della Repubblica di San Marino per la 57° edizione della Biennale di Venezia.
Main sponsor: GRAND HOTEL BILLIA – PARC HOTEL BILLIA – SAINT-VINCENT RESORT & CASINO – CASINO DE LA VALLÉE SAINT-VINCENT
Sponsor: DHL – OFFICE DEPOT – HARMONT&BLAINE
In collaborazione con DEODATO ARTE
Coordinate mostra
Titolo Marco Lodola – Giovanna Fra. Tempus – Time
A cura di Luca Beatrice
Sede Reggia di Caserta, via Douhet 2/A – 81100 Caserta
Date 14 giugno – 15 settembre 2018
Conferenza stampa mercoledì 13 giugno, ore 18
Inaugurazione su invito
Catalogo Skira
Orari Appartamenti storici : tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 19 – uscita dal museo 19.25) – Parco : dalle 8.30 alle 19 (ultimo ingresso ore 18) – Giardino Inglese : dalle 8.30 alle 18 (ultimo ingresso ore 17) – MARTEDÌ CHIUSURA SETTIMANALE
Ingresso mostra compreso nel biglietto della Reggia
Appartamenti storici, Parco e Giardino Inglese € 12,00 intero – € 6,00 ridotto
Solo Appartamenti Storici (acquistabile quando il parco è chiuso) € 9,00 intero – € 4,50 ridotto
La prima domenica di ogni mese Appartamenti storici gratuito – Parco della Reggia € 5,00 intero –
€ 2,50 ridotto – gratis fino a 18 anni
Info pubblico
www.tempustime.com – info@tempustime.com
Facebook/Instagram: Tempus Time

Arte e Spritz a Venezia – Collezione Peggy Guggenheim

StraOrdinari. Storie non convenzionali all’ora dello spritz

Caparezza, Lara Gilmore e Bebe Vio
si raccontano alla Collezione Peggy Guggenheim

21, 28 maggio e 25 giugno, dalle 19 alle 21

Dieci anni fa nasceva HappySpritz@Guggenheim. Nel 2009, grazie al supporto di AperolSpritz, la Collezione Peggy Guggenheim lanciava un evento innovativo che nel corso di un decennio ha portato migliaia di giovani a casa di Peggy Guggenheim, avvicinandoli ai capolavori collezionati dalla mecenate americana e oggi patrimonio dell’Italia intera.

Per celebrare questo decimo compleanno il museo intraprende una nuova avventura. Caparezza, Lara Gilmore e Bebe Vio: tre ospiti d’eccezione, il 21, 28 maggio e 25 giugno, che dalle 19 alle 21 racconteranno le loro storie non convenzionali, all’ora dell’aperitivo, nel giardino della Collezione Peggy Guggenheim immersi in un’atmosfera intima e raccolta.

Scoprendo e sostenendo giovani talenti artistici e credendo fermamente nel loro lavoro, primo su tutti Jackson Pollock, Peggy Guggenheim è stata una “visionaria” dell’arte. Ora le porte della sua casa-museo si aprono per accogliere le storie di tre protagonisti, “visionari odierni”, del panorama musicale, culinario e sportivo, pronti a condividere “a tu per tu” con il pubblico le loro esperienze straOrdinarie.

Aperol Spritz, storica azienda parte del gruppo Guggenheim Intrapresae che da 10 anni crede fortemente in questa idea, è di nuovo a fianco dell’iniziativa confermando il proprio legame con il territorio di origine e il museo veneziano.

Seguendo la mission del museo, ovvero educare il suo pubblico e sensibilizzarlo a temi attuali come l’istruzione di qualità, l’inclusione sociale, la parità di genere e il rispetto del patrimonio culturale e dell’ambiente, fil rouge dei racconti saranno i 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Per questa nuova iniziativa, la Collezione Peggy Guggenheim è lieta di poter collaborare con ASviS, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile che si occupa di promuovere i 17 Obiettivi, che vanno dallo sconfiggere povertà e fame, al raggiungimento della parità di genere, dalla lotta al cambiamento climatico alla riduzione delle disuguaglianze.

Quali saranno dunque le storie “non convenzionali” che racconteranno i nostri ospiti?

Michele Salvemini, in arte Caparezza, è oggi tra i più acclamati cantautori, rapper e produttori discografici italiani, è un ‘cantastorie moderno’ che, attraverso la trasversalità dei suoi testi e della sua musica, riesce a toccare tematiche sociali attualissime, ma anche legate al proprio io interiore.

Lara Gilmore è Presidente di “Food for Soul”, organizzazione no-profit fondata con suo marito Massimo Bottura, uno dei più celebri chef contemporanei, per combattere lo spreco alimentare e l’isolamento sociale.

“Food for Soul” nasce dall’esperienza di successo del Refettorio Ambrosiano, istituito nel 2015 insieme a Caritas Ambrosiana, in occasione di Expo Milano.

Per questa occasione, un vecchio teatro abbandonato nel quartiere Greco è stato trasformato in una mensa comunitaria in cui chef di tutto il mondo hanno trasformato le eccedenze alimentari dell’Expo in pasti nutrienti per i bisognosi.

Dopo la sede milanese, il Refettorio ha successivamente aperto anche a Rio de Janeiro, Londra e Parigi, e tutte le mense sono attualmente operative.

Infine Beatrice Maria Adelaide Marzia Vio, detta Bebe, campionessa paralimpica e mondiale in carica di fioretto individuale, è oggi tra i personaggi più amati e seguiti, non solo dalle generazioni dei giovanissimi, che con la sua forza, tenacia e coraggio, si è fatta portavoce dell’empowerment femminile.

Sarà grazie alle loro voci che il pubblico potrà vivere il museo in una veste nuova, sedersi in giardino come in un salotto, e ascoltare alcune storie, ci auguriamo, ispiratrici. Grazie alla collaborazione con ASviS, durante le serate il pubblico potrà approfondire i 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile attraverso percorsi creati ad hoc, seguendo una mappa che legherà una selezione delle opere in collezione ai contenuti degli obiettivi. Nel corso dei tre appuntamenti gli “AMATA” del museo (“Ask Me About The Art), stagisti internazionali pronti a rispondere alle domande dei visitatori sulle opere in collezione diventeranno “Ask Me About The Agenda”, interagendo con il pubblico in merito ai collegamenti tra le opere e i Goal dell’Agenda dell’ONU.

Ciascun ospite avrà un suo padrino.

A condurre queste narrazioni saranno infatti Luca de Gennaro, noto DJ, critico musicale e conduttore radiofonico, Marco Maccarini, popolare presentatore televisivo e radiofonico, e Corrado Fortuna, celebre attore, regista, e scrittore italiano. A fare da colonna sonora alle tre serate saranno le playlist “del cuore” di Caparezza, Lara Gilmore e Bebe Vio.

#Straordinari18 e #2030whatareUdoing, in collaborazione con ASviS, saranno gli hashtag da utilizzare su Facebook, Twitter e Instagram per comunicare e condividere questo “straOrdinario” evento.

A seguito delle restrittive normative sulla sicurezza, l’evento potrà accogliere un numero sensibilmente ridotto di partecipanti rispetto alle passate edizioni. Il biglietto d’ingresso al museo è di 15 euro, acquistabile esclusivamente online a partire da giovedì 17 maggio per il primo appuntamento, e dal mercoledì precedente le successive serate.

Corsia d’accesso preferenziale per i possessori di Young Pass, la membership Guggenheim per gli under 26.

Ogni biglietto include due consumazioni. 

In caso di pioggia l’evento verrà cancellato e il prezzo del biglietto rimborsato.

Peggy Guggenheim Collection | Dorsoduro 701, 30123 Venezia | Tel. 041.2405.404/415

MARCHE – mostre Abbronzatissima. Glamour ed arte all’ombra delle palme e Cracking Art. Arte rigenerante

Per tutti i mesi estivi i comuni marchigiani di San Benedetto del Tronto, sul litorale adriatico, e Acquaviva Picena nell’entroterra, borgo medievale sede della più antica fortezza delle Marche, ospiteranno le mostre Abbronzatissima. Glamour ed arte all’ombra delle palme e Cracking Art. Arte rigenerante

ABBRONZATISSIMA.
GLAMOUR E ARTE ALL’OMBRA DELLE PALME

a cura di Stefano Papetti, Elisa Mori e Giorgia Berardinelli

17 giugno – 16 settembre 2018

Palazzina Azzurra

San Benedetto del Tronto (AP)

INAUGURAZIONE
Sabato 16 giugno 2018 ore 18.00

 

Il Comune di San Benedetto del Tronto, in collaborazione con l’Associazione Culturale Verticale D’Arte ed il Professor Stefano Papetti, presenta la mostra Abbronzatissima. Glamour e arte all’ombra delle palme presso la Palazzina Azzurra, a San Benedetto del Tronto. La mostra, che fa parte di un trittico inaugurato al grande pubblico lo scorso anno con Uomo in mare, è patrocinata dal Ministero dei Beni Culturali, dall’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, dalla Regione Marche e dalla Provincia di Ascoli Piceno.

Lo sguardo e l’approccio scelto nei confronti del percorso espositivo tematico di quest’anno – Abbronzatissima. Glamour ed arte all’ombra delle palme – ha l’intento di restituire allo spettatore uno sguardo incantato e divertito nei confronti di un immaginario estivo collettivo lontano nel tempoma che è capace di essere codificato in modo efficace ancora oggi e di mostrare il proprio fascino intatto senza appannamenti di sorta.

Il tema indagato negli spazi della Palazzina Azzurra, ovvero quello della pelle dorata al sole, diventa un grande stereoscopio view – master multicolorindispensabile per viaggiare indietro e avanti nel tempo con flashbackin bianco e nero o virati in seppia pronti a passare il testimone giocoso ai neoned ai colori fluodegli anni della trasgressione in un unico e vivace racconto a più voci traboccante di memorabiliain cui ognuno ha la possibilità di rileggere un po’ del proprio passato, riconoscere tratti del proprio presente e catturare qualche frammento del tempo che sarà.

CRACKING ART 

Arte Rigenerante

a cura di Stefano Papetti, Elisa Mori e Giorgia Berardinelli 

8 luglio – 30 settembre 2018

Fortezza di Acquaviva Picena (AP)
Giardino “Nuttate de Lune” di San Benedetto del Tronto (AP)

Inaugurazione sabato 7 luglio
ore 17.30 Giardino “Nuttate de Lune” di San Benedetto del Tronto (AP)
ore 18.30 Fortezza di Acquaviva Picena (AP)

Il collettivo artistico Cracking Art festeggia nel 2018 25 anni con un nuovo animale – l’elefante – che verrà presentato per la prima volta in Italia ad Acquaviva Picena.

 

L’Associazione culturale Verticale d’Arte, in collaborazione con il Comune di Acquaviva Picena e con il Comune di San Benedetto del Tronto, presenta Cracking Art. Arte rigeneranteun progetto di arte pubblica per la Fortezza di Acquaviva Picena e il Giardino “Nuttate de Lune” di San Benedetto del Tronto.

La mostra diffusa, del collettivo artistico Cracking Art, nata da un’idea dell’Associazione culturale Verticale d’Arte, promossa e organizzata da quest’ultima in collaborazione con i due comuni marchigiani, con la curatela di Stefano Papetti, Elisa Mori e Giorgia Berardinelli è patrocinata dal Ministero dei Beni Culturali, dall’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, dalla Regione Marche e dalla Provincia di Ascoli Piceno.

Un’invasione pacifica e colorata di animali fuori scala occuperà gli spazi della suggestiva Fortezza del Comune di Acquaviva Picena e uno stormo di rondini sosterà nel Giardino “Nuttate de Lune” a San Benedetto del Tronto, coinvolgendo lo spettatore, sia esso adulto o bambino, in una favola contemporanea dall’estetica pop che invita a riflettere su tematiche universali come la memoria, la natura e l’ambiente.

Il collettivo artistico Cracking Art si distingue per le sue grandi installazioni esclusivamente popolate da animali interamente prodotti con plastica rigenerata, da qui la loro poetica evocata nell’uso del termine crackinginteso come rottura, separazione tra il naturale e l’artificiale e passaggio, per certi versi drammatico, dall’organico al sintetico, che assume in questo caso una connotazione positiva nella scelta dei materiali riciclati e riciclabili a testimonianza dell’impegno sociale e ambientale di questo movimento artistico.

 

Street Food Festival a Fabrica di Roma (VT) – 1 – 2 – 3 giugno 2018

Percorsi eno-gastronomici all’insegna del cibo da strada

Nel cuore della Tuscia viterbese, torna l’evento dedicato al cibo da strada con i camion a tema specializzati nel sapore!

Venerdì 1 – Sabato 2 – Domenica 3 giugno 2018

P.le Madre Teresa di Calcutta
Fabrica di Roma (VT)

Orari:
Venerdi e Sabato dalle ore 17
Domenica tutto il giorno

Ingresso libero

(prezzi a consumazione)

A Fabrica di Roma, nel cuore della Tuscia viterbese, torna l’evento dedicato al cibo da strada con i camion a tema specializzati nel sapore!

Dal primo al tre giugno l’Associazione Festeggiamenti SS. Matteo e Giustino, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Fabrica di Roma e la collaborazione di Tipico Eventi e Street Fud Festival, ospiterà una manifestazione incentrata sulle tipicità regionali nel cibo di strada: il secondo Food Truck Festival. Oltre una ventina di camion provenienti da tutta Italia proporranno, sul piazzale antistante al centro storico dell’antico borgo, sapori caratteristici del proprio territorio: da Gragnano arrivano i panozzi, dal Piceno i fritti, dal Salento la puccia, dalla Calabria il pesce fritto, dalla Sicilia i cannoli e dalla stessa Fabrica le caratteristiche pizzette, ma il menu è vario e ricco e spazierà dalla carne di Fassona ai carciofi alla giudia, dal polpo alla piastra al tipico Food family incentrato sul regno dell’hamburgheria. L’ingresso al percorso, diviso per specialità gastronomiche, è libero a tutti e su consumazione a prezzi davvero contenuti. Un’atmosfera conviviale, arricchita anche da performance musicali durante le serate, che è anche occasione di visita ad un antico Paese che celebra le proprie tradizioni tutto l’anno e che si appresta, gastronomicamente, a preparare per il prossimo luglio la settima edizione della rinomata sagra della pecora.

Maggiori informazioni su
https://www.facebook.com/comitatosanmatteo.fabricadiroma/

Arte a Palazzo Reale Milano – Impressionismo e avanguardie

Mary-Cassat-Donna-con-collana-di-perle-1879-particolare

Pierre-Auguste-renoir-Ragazza-con-gorgiera-rossa-1896

IMPRESSIONISMO E AVANGUARDIE. CAPOLAVORI DAL PHILADELPHIA MUSEUM OF ART

Filadelfia è stata la capitale del collezionismo d’arte dalla metà dell’Ottocento

Le collezioni d’arte moderna e impressionista sono uno dei fiori all’occhiello del Philadelphia Museum of Art.

Provocatorie e sperimentali secondo i critici dell’epoca, le opere di Pierre-Auguste Renoir, Claude Monet, Paul Cézanne, Henri Matisse, Pablo Picasso e Paul Klee, tra gli altri, sono oggi considerate i grandi tesori del museo di Philadelphia.

La peculiarità del museo sta nell’aver assemblato il proprio patrimonio grazie alla donazione di collezionisti dalla forte personalità, che spesso hanno creato le loro collezioni in stretta collaborazione con gli artisti, elemento che aggiunge un enorme valore al patrimonio del museo, oggi incrementato anche con opere di giovani artisti.

Sino al 2 settembre 2018, nella magnifica cornice di Palazzo Reale di Milano, apre al pubblico IMPRESSIONISMO E AVANGUARDIE.

Capolavori dal Philadelphia Museum of Art, una selezione di 50 capolavori provenienti da uno dei più importanti e storici musei americani, un’occasione unica per ammirare opere dei più grandi pittori a cavallo tra Ottocento e Novecento nel loro periodo di massima espressione artistica, in un allestimento studiato per valorizzare ogni singola opera.

Filadelfia è stata la capitale del collezionismo d’arte dalla metà dell’Ottocento e l’esposizione vuole essere il racconto di una storia che ha visto protagonista il suo museo ed i collezionisti che hanno contribuito al suo arricchimento. La mostra, è promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e MondoMostreSkira e si inserisce nella linea espositiva Musei del mondo a Palazzo Reale, inaugurata nel 2015, che vede la realizzazione di mostre delle più importanti collezioni museali di tutto il mondo non sempre note al grande pubblico e non sempre accessibili.

Opere di artisti celeberrimi come Pierre Bonnard, Paul Cézanne, Edgar Degas, Edouard Manet, Paul Gauguin, Claude Monet, Vincent van Gogh, Camille Pissarro, Pierre-Auguste Renoir fino alle sperimentazioni di Georges Braque, Vasily Kandinsky, Paul Klee, Henri Matisse, Marc Chagall, Constantin Brancusi, Pablo Picasso, passando per il surrealismo di Salvador Dalí e Joan Mirò. A questi si aggiungono i lavori di tre grandi artiste: Mary Cassatt, Marie Laurencin, Berthe Morisot

Per la mostra milanese sono state scelte cinquanta splendide opere, in un percorso affascinante: troviamo i luminosi paesaggi di Monet con, tra gli altri, Il sentiero riparato(1873) e Il ponte giapponese (1895), di Sisley con Le rive del Loing (1885), di Pissarro con Paesaggio (frutteto) (1892), di Cézanne con Le Quartier du Four, à Auvers-sur-Oise(ca.1873) e Paesaggio invernale, Giverny (1894), di de Vlaminck con La Senna a Chatou(ca.1908), di Soutine con Paesaggio, Chemin des Caucours, Cagnes-sur-Mer (ca.1924), di Dufy con Finestra sulla Promenade des Anglais, Nizza (1938). E imperdibili scene cittadine come I grands Boulevards (1875) di Renoir e Place du Tertre a Montmartre (ca.1912) di Utrillo

Sfilano poi magnifici ritratti come Ritratto di Isabelle Lemonnier (ca.1877) di Manet, Donna con collana di perle in un palchetto (1879) di Mary Cassatt, Ritratto di bambina (1894) di Berthe Morisot, Ragazza con gorgiera rossa (ca.1896), Ragazza che fa il merletto(ca.1906) e Bagnante (ca.1917-1918) di Renoir, Ritratto di Madame Cézanne (1885-1887) di Cézanne, Ritratto di Madame Augustine Roulin e la piccola Marcelle (1888) e Ritratto di Camille Roulin (1888) di van Gogh, Nudo femminile seduto (1908-1909), Uomo con violino(1911-1912), Donna e bambine (1961) di Picasso, L’ora del tè (donna col cucchiaio)(1911) di Metzinger, Uomo al balcone (ritratto del dottor Théo Morinaud) (1912) di Gleizes, Omaggio a Maillol (1917) di Bonnard, Donna seduta in poltrona (1920) di Matisse.

E ancora indimenticabili composizioni di frutta e fiori come Natura morta con rose centifolia in un cestino (1886) di Gauguin, Natura morta con mazzo di margherite (1885) di van Gogh, Cesta di pesci (ca.1910) e Natura morta con piatto di frutta (1936) di Braque, Natura morta sul tavolo (1925) di Matisse. E sculture come L’atleta (1901-1904) di Rodin visivamente legata al Pensatore, che ritrae Samuel S. White III, tra i maggiori donatori del Museo, l’enigmatico Il giullare (1905) di Picasso, la bellissima scultura in pietra Il Bacio(1916) di Brancusi

Imperdibili opere come Marina in Olanda (1872) di Manet, La classe di danza (ca.1880) di Degas, Una sera di carnevale (1886) di Rousseau, Cerchi in un cerchio (1923) di Kandinsky, Carnevale al villaggio (1926) di Klee, Simbolo agnostico (1932) di Dalí, Pierrot con rosa (ca.1936) di Rouault, Nella notte (1943) di Chagall.

Il Philadelphia Museum of Art

Fondata nel 1681, Filadelfia si considerava sempre la prima e la più bella delle città degli Stati Uniti e nell’Ottocento era la più grande città nordamericana, i suoi commercianti facevano fortuna nel commercio, nelle navi a vapore, nelle ferrovie, nelle banche ed abbellirono la città, gareggiando per renderla la capitale culturale dell’America. La prima Fiera mondiale ufficiale negli Stati Uniti fu tenuta proprio a Filadelfia nel 1876 e fu visitata da più di 10 milioni di persone (il 20% della nazione), contribuendo a stimolare i ricchi americani a viaggiare in Europa, dove l’arte era al top nella loro lista della spesa. Ne è nato il Philadelphia Museum of Art, che ha aperto l’anno successivo, e possiede oggi una collezione di oltre 240.000 opere, rappresentative di oltre duemila anni di produzione artistica.

Lo sviluppo del museo si deve a Fiske Kimball, direttore per trent’anni dal 1925, che dotò il museo di arredi originali di vari paesi e epoche, convinto di voler offrire ai visitatori un’esperienza vivida della storia di ogni forma d’arte. Un susseguirsi pressoché continuo di donazioni da parte di imprenditori illuminati e appassionati collezionisti ha arricchito negli anni il museo che ora possiede opere d’arte di ogni epoca e tipologia: dalle terrecotte e sculture giapponesi e cinesi a miniature, xilografie e sculture asiatiche, dai dipinti antichi, disegni e stampe italiani a una collezione di armi e armature, da oggetti di argento e porcellana a opere d’arte e design contemporanei, compresa una collezione di fotografia che consta di trentamila stampe in bianco e nero e a colori.

Le collezioni d’arte moderna e impressionista – ci raccontano Jennifer Thompson e Matthew Affron, conservatori del museo e curatori della mostra – sono uno dei fiori all’occhiello del Philadelphia Museum of Art. La loro peculiarità è che sono il risultato di donazioni, non solo di singole opere, ma di intere eccezionali raccolte caratterizzate dalla forte personalità dei collezionisti. Gli americani, ma in particolare gli abitanti di Philadelphia, sono stati tra i primi collezionisti dell’impressionismo, in gran parte grazie all’artista Mary Cassatt che ha a lungo abitato a Parigi e fatto da tramite tra i propri concittadini e i mercanti e gli artisti francesi. L’atmosfera intima e affascinante dei dipinti impressionisti era ideale per decorare le grandi residenze di questi imprenditori, che hanno poi donato le proprie opere al museo. Alexander Cassatt, fratello della pittrice e capo della Pennsylvania Railroad per primo acquistò opere di Manet, Monet, Degas e Pissarro, contagiando altri dirigenti che fecero a gara nell’acquisto di opere d’arte francesi. Frank Graham Thomson, successore di Cassatt, cercò di conoscere Monet, mentre la Cassatt lo portò nella galleria parigina di Paul Durand-Ruel, il più importante mercante d’arte impressionista dell’epoca. Thomson acquistò nel tempo dodici dipinti di Monet e altre opere impressioniste.

I primi dipinti impressionisti – proseguono nel racconto i due curatori americani – entrarono nella collezione del Philadelphia Museum of Art nel 1921, quando il W.P. Wilstach Fund consentì di acquistare dieci opere dagli eredi di Alexander Cassatt. Tra gli altri collezionisti che contribuirono a fare del museo una meta imperdibile per gli appassionati d’impressionismo negli Stati Uniti figura anche Samuel Stockton White II.

Da giovane, White fu un culturista pluripremiato e, durante un soggiorno a Parigi nel 1901, fece da modello a Rodin, la cui scultura è esposta in mostra. Rientrato a Philadelphia, White cominciò ad acquistare dipinti impressionisti, che la moglie Vera lasciò al museo nel 1967. Allo stesso modo, molte eccezionali donazioni furono il frutto della generosità di Henry P. McIlhenny e della sorella Berenice McIlhenny Wintersteen. I dipinti di Delacroix, Degas, Renoir, Matisse e Picasso che i due fratelli acquistarono e poi donarono al museo costituirono l’ossatura di una straordinaria collezione d’arte moderna, destinata a crescere senza sosta per tutto il XX secolo.

La donazione che diede formalmente il via alla odierna, vastissima, collezione d’arte moderna del museo fu quella di Albert Eugene Gallatin che nel 1927 creò la prima collezione pubblica d’arte moderna del XX secolo negli Stati Uniti.

La sua Gallery of Living Art aveva sede all’Università di New York e prosperò fino al dicembre del 1942, quando venne deciso di non poter più ospitare la collezione. Kimball, direttore del Philadelphia Museum of Art, chiese a Gallatin di considerare Philadelphia come sede permanente della collezione e all’inizio del 1943, i due firmarono un accordo per il prestito immediato e il successivo lascito di oltre centosessanta opere.

La donazione di Gallatin fu seguita da quella di Louise e Walter Arensberg, la cui collezione costituisce l’altra pietra miliare dell’arte del Novecento a Philadelphia. Dopo essersi trasferiti a New York iniziarono a raccogliere la loro collezione e ben presto conobbero Duchamp, appena arrivato da Parigi e già famoso negli ambienti artistici newyorkesi. Gli Arensberg si affidarono alle sue conoscenze per l’acquisto delle opere d’arte, e il loro appartamento non tardò a riempirsi di dipinti, collage e disegni di Picasso, Matisse, Georges Braque e dello stesso Duchamp. Alla fine degli anni Quaranta, le opere che avevano raccolto erano già universalmente riconosciute come tesori dell’arte moderna. I musei di tutti gli Stati Uniti cercarono di aggiudicarsele, ma Fiske Kimball fece presente agli Arensberg che l’ala nordorientale del Philadelphia Museum of Art, ancora incompiuta, avrebbe potuto offrire ampio spazio sia alla loro collezione d’arte moderna sia ai loro oggetti precolombiani. La propensione della coppia ad accettare la proposta di Kimball si consolidò quando Duchamp, mandato a Philadelphia nel 1949 in “ricognizione segreta”, giudicò favorevolmente la “sensazione di stabilità” trasmessa dall’edificio.

La collezione di pittura moderna del museo fu poi arricchita dalla donazione, nel 1964, della collezione Louis E. Stern, che contava più di trecento opere. Stern si concentrò sulla pittura francese del XIX e del XX secolo, dai capolavori impressionisti e postimpressionisti di Renoir, Cézanne e Bonnard alle opere di Henri Rousseau, Henri Matisse e di maestri della Scuola di Parigi come Chagall e Soutine.

Pensare che questi capolavori erano nelle case di industriali americani o di illuminati collezionisti che con grande generosità decisero di donarli al Philadelphia Museum of Art che a sua volta li presta, per oltre cinque mesi, a Milano, rende davvero la mostra una occasione unica. Un assaggio di grandissimo livello che farà senz’altro venire voglia di andare a Philadelphia ad ammirare il resto di questa imponente collezione di fama internazionale, come suggerisce Timothy Rub, Direttore del museo, che entro il 2020 verrà ampliato da Frank O. Gehry

 

Dal 08 Marzo 2018 al 02 Settembre 2018

MILANO

LUOGO: Palazzo Reale

CURATORI: Philadelphia Museum of Art Curatorial Department

ENTI PROMOTORI:

  • Comune di Milano – Cultura
  • Palazzo Reale
  • MondoMostre Skira

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 0288445181

E-MAIL INFO: c.mostre@comune.milano.it

SITO UFFICIALE: http://www.palazzorealemilano.it/

Vacanze da sogno ? – Danimarca e Isole Faroe

La Danimarca soddisfa tutti i gusti

dallo sportivo più estremo a chi ama solo il buon cibo e la cultura.

Spiagge incontaminate, come la natura di tutta la Danimarca; slendide isole che riservano sorprese a tutti , frutti dimare deliziosi e freschissimi, ma anche molto altro …

Lunghi litorali dove camminare, nuotare, correre ….

Architettura moderna straordinaria …

DANIMARCA_Oksbøl_Niclas Jessen
DANIMARCA WIND SURF _Klitmøller_Mark Wengler
DANIMARCA BICI _Fanø_Niclas Jessen
DANIMARCA architettura moderna _Isbjerget, Aarhus_Dennis Borup Jakobsen
DANIMARCA _Mark_Trustrup__Nordjylland_8119929_Mark Trustrup
DANIMARCA _Fanø_Niclas Jessen
Danimarca cibo _Smørrebrød_Kim Wyon
DANIMARCA _Surf – Løkken_Niclas Jessen
DANIMARCA _Djursland_Niclas Jessen
DANIMARCA _Thy National Park Faddersbøl Mølle Ruslan Merzlyakov_Ruslan Merzlyakov
DANIMARCA _Dyrehaven, København_Kim Wyon
DANIMARCA _Badehuse på Eriks Hale, Marstal, Ærø. Photo Bjørg Kiær_Bjørg Kiær

Eventi che si terranno quest’estate in Danimarca e alle Isole Faroe:

l’estate è il periodo migliore per visitare la Danimarca, grazie a temperature gradevoli, giornate lunghe e una luce meravigliosa fino a tarda sera.

Ma sono anche i mesi in cui si concentra la maggior parte degli eventi, dai festival musicali agli appuntamenti gastronomici, senza dimenticare gli eventi culturali e le ultime novità e inaugurazioni.

In particolare, tra le novità da non perdere a Copenaghen:

Inaugurato il 5 maggio, questa imponente struttura posta nel cuore del Cultural District di Copenhagen rappresenta un nuovo spazio urbano, con un calendario continuativo di mostre, conferenze e laboratori.

Al suo interno ospita una serie di istituzioni creative e culturali, tra queste il DAC (Danish Architecture Center) ed il Fashion Institute, nonché un ristorante e café, proponendosi come nuovo centro ricreativo lungo il canale.

La mostra d’apertura Welcome Home del DAC al BLOX (7 maggio – 23 settembre) è un viaggio di scoperta nelle case danesi nel corso del tempo e attraverso le grandi epoche, come l’industrializzazione e la globalizzazione, che hanno plasmato il nostro modo di vivere.

Il primo elemento ad accogliere i visitatori della mostra è un’installazione interattiva del celebre artista danese/islandese Olafur Eliasson.

L’opera intitolata Multiple shadow house è grande quanto una vera casa ed occupa un’intera galleria.

Qui sono gli ospiti stessi a creare l’opera d’arte attraverso un’esperienza sensoriale, dove gli spazi fisici vengono influenzati da comportamento, movimento ed interazione.

Esattamente come una costruzione diventa una casa quando la si riempie di vita.

  • La Grande Parata per i 175 anni delParco Tivoli

In occasione del suo 175esimo compleanno, l’antico parco divertimenti nel cuore di Copenaghen intratterrà grandi e piccini con una Grande Parata, tutta l’estate!

Walt Disney World Resort parteciperà ai festeggiamenti con “Il giardino dell’amicizia in Danimarca”,  un carro che raffigura i personaggi dell’universo Disney con l’iconico castello sullo sfondo, per celebrare l’amicizia, l’ispirazione e la cooperazione tra i due parchi.

Il Walt Disney World Resort e i Giardini di Tivoli hanno infatti una lunga tradizione di collaborazione e rispetto reciproco, risalente ai tempi in cui lo stesso Walt Disney visitò il parco e ne rimase molto ispirato e colpito in particolare dai meravigliosi giardini, dalle giostre e dalle attrazioni.

Ci tornò svariate volte prima che Disneyland venisse aperto negli USA, nel 1955.

La più grande parata nella storia dei Giardini di Tivoli debutterà il 19 maggio alle 17:00, ma durante il periodo estivo sarà riproposta ogni giorno (dal lunedì al giovedì alle 17:00 e nel weekend alle 18:00).

  • Per gli amanti del cibo fantasioso, le novità a Copenaghen non si fanno attendere.
  • E’ d’obbligo una sosta al nuovo food market “The Bridge Street Kitchen” inaugurato a Inderhavnsbroen all’inizio di maggio, in collaborazione con alcuni proprietari del Noma.
  • Mentre chi cerca il cibo da strada in una location alternativa, il concept del Copenaghen Street Food che fino a qualche mese fa si trovava a PapirØen, si è appena trasferito a Refshaleøen, una nuova area urbana emergente, come parte di un progetto più ampio che prevede anche la promozione di iniziative culturali e sostenibili, artigianato e laboratori creativi.

Idea di viaggio a Copenaghen

Soggiorna al nuovissimo Hotel Herman K.

Nato dal progetto di riconversione di una stazione per la trasformazione elettrica del 1963, il nuovo boutique hotel 5 stelle del gruppo Brøchner, Herman K, aprirà a giugno nel pieno centro di Copenaghen.

 

SARDEGNA SHOCK …CON GRIMALDI LINES !

Sconto del 30%, al netto dei diritti fissi, per chi prenota entro il 31 maggio

La flotta vanta infatti cruise ferry e traghetti di ultima generazione, con un età media di circa 10 anni !

Sardegna Shock, che prevede il 30% di sconto – diritti fissi esclusi – sui collegamenti marittimi che raggiungono l’isola al centro del Mediterraneo: Livorno-Olbia, Civitavecchia-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres e viceversa.

– Con Grimaldi Lines gli sconti non finiscono mai! Da oggi, e fino alla fine del mese, chi intende prenotare le vacanze estive in Sardegna potrà infatti usufruire di una nuova imperdibile promozione, che assicura prezzi davvero interessanti per il viaggio via mare.

La Compagnia di navigazione ha lanciato l’offerta Sardegna Shock, che prevede il 30% di sconto – diritti fissi esclusi – sui collegamenti marittimi che raggiungono l’isola al centro del Mediterraneo: Livorno-Olbia, Civitavecchia-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres e viceversa. La promozione è valida per le prenotazioni effettuate entro il 31 maggio 2018, con partenzain alcune date selezionate nel periodo 18 maggio-31 dicembre 2018.

 

La riduzione (al netto dei diritti fissi) si applica al passaggio nave e ai supplementi per le sistemazioni e per gli animali domestici e i veicoli al seguito.

L’offerta è cumulabile con le altre promozioni attive al momento della prenotazione, con le convenzioni e con le tariffa speciale Sardi Doc, riservata ai nativi e ai residenti dell’isola.

I biglietti emessi con la promozione Sardegna Shock non sono rimborsabili, né modificabili.

Grazie alla promozioni per l’estate 2018, Grimaldi Lines offre a tutti la possibilità di un viaggio via mare molto confortevole a prezzi realmente contenuti.

La flotta vanta infatti cruise ferry e traghetti di ultima generazione, con un età media di circa 10 anni, in grado di garantire agli ospiti un buon livello di accoglienza e una traversata che è già di per sé un inizio di vacanza: in particolare, da quest’anno, alla destinazione Sardegna sono dedicate le due nuove eleganti gemelle Cruise Bonaria e Mykonos Palace, che affiancano la nave Cruise Olbia già operativa dall’estate 2016 e le due ammiraglie gemelle Cruise Roma e Cruise Barcelona.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni Sito: www.grimaldi-lines.com e-mail: info@grimaldi.napoli.it call center: 081 496444

Da vedere per i vostri bambini e per voi – Gratuiti e meravigliosi

DOCUMENTARI SULLA NATURA 

Dalla storia di Babilonia alla Papuasia alle steppe dell’Asia

APPROFITTIAMO DI QUELLO CHE IL WEB CI OFFRE DI MEGLIO … !

Documentari bellissimi – gratuiti – insegnano in poche efficaci immagini la curiosità verso storia e geografia; affascinando adulti – bambini e ragazzi.

Ben fatti, brevi e non noiosi suscitano l’interesse sull’argomento.

Anche le scuole dovrebbero proporli come spunto per spiegare storia e geografia; invece dei vecchi e arretrati testi scolatici italiani o degli elenchi di date e nomi a memoria; che non servono a suscitare l’interesse dei più giovani. Ma soprattutto, alla base, ci deve essere la passione e la conoscenza da parte dell’insegnate e il suo aggiornamento, non per corsetti noiosi e obbligatori, ma per cultura personale e doveroso impegno professionale.

Soria della vita sul nostro pianeta

Da http://global.ebs.co.kr

Per esempio guardate:

http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

http://global.ebs.co.kr

DECISAMENTE MEGLIO CHE GUARDARE I PROGRAMMI CRETINI O SUPERFICIALI DELLA TELEVISIONE

IL WEB NON E’ SOLO STUPIDE CHAT E SELFINGinsegnamolo ai nostri figli e nipoti !!!

I COREANI DEL SUD HANNO MESSO A PUNTO DEI DOCUMENTARI CHE SONO ALL’ALTEZZA DELLA MIGLIORE PRODUZIONE MONDIALE

ALTRI ESEMPI DI BELLISSIMI BREVI FILMATI PER AMARE  – CONOSCERE –  CAPIRE IL MONDO DELL’UOMO E DELLA NATURA

Territori estremi:

http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

Dinosauri http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

Il suono del vento: http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

Popoli himalayani http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

Civiltà http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

Cambogia http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

Homo erectus evoluzione dell’uomo: http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

http://global.ebs.co.kr/eng/contents/documentaryInfo

USANDO TECNICHE FOTOGRAFICHE E CONOSCENZE SCIENTIFICHE RECENTISSIME, fanno sembrare i documentari, poveri noi !, presentati dalla TV Marco Polo sull’Italia PRODOTTI ANTIDILUVIANI (non è esterofilia, è realismo e seria conoscenza di come stanno le cose)

Ve lo dice chi ha girato il mondo fotografando le barriere coralline; quando erano vive in superficie, qualcuno che aveva nove in biologia, chi ama e conosce i documentari della BBC e chi ha letto centinaia dei migliori libri di viaggio dei più grandi scrittori-viaggiatori del mondo.

Ecco cosa scrive http://global.ebs.co.kr

There are a handful of places in the world where temperatures and altitudes can reach extremes not seen anywhere else.These environments are starkly different – ranging from scorching deserts where the temperature can soar up to 63 degrees Celsius, to icy fields where things freeze in the blink of an eye. Nevertheless, the people of these regions share a common bond of determination and courage. Let us we meet these people whose lives are a testament to the strength and tenacity of the human spirit.

 

L’uomo andrà su Marte – E’ solo questione di tempo

Abbiamo assistito all’incontro

MARS PLANET

RESEARCH & INNOVATION

MARS TO EARTH

11.5.2018 Milano – Sede Regione Lombardia

Le foto illustrano meglio di ogni parola

Qui sotto i luoghi dove è possibile atterrare:

 Nuovi equilibri anatomici, saranno necessari per conquistare lo spazio … 

L’uomo è passato alla stazione eretta e ora dovrà adattarsi alle esigenze dello spazio … esempio nello spazio non si cammina si salta; serve sviluppare il muscolo quadricipite come alcuni animali terrestri che saltano e non camminano … nuovi equilibri saranno necessari

Far crescere piante commestibili su Marte:

 

 

 

 

DonnE…Cultura