Dubai Food Festival

Il

Dubai Food Festival è alle porte e quest’anno promette di superare le aspettative di turisti e abitanti.

A cominciare dal fatto che si esce dai confini della città, direzione deserto; dopo kilometri nel mezzo del nulla, improvvisamente un cartello “The Last Exit”. Una food truck station che mixa street food e cinema sotto le stelle in perfetto stile on the road dal sapore vintage americano.

The Last Exit è un concept completamente nuovo a Dubai; sono stazioni di sosta molto chic dallo stile retrò che hanno la particolarità di sorgere nel cuore del deserto, lungo la strada Sheikh Zayed che collega Dubai con Abu Dhabi. Ad oggi ci sono quattro stazioni con food trucks di ogni genere, ognuna costruita attorno ad un particolare tema. All’E11 si entra nel mondo del vintage americano e offre panini, pizze, gelati, falafel, tacos e piatti a base di pesce. Al Mad X il tema è quello post-apocalittico, ispirato al film Mad Max, dove si possono trovare hot dogs, cucina cinese, street food indiano, cucina tailandese e sushi. In queste due stazioni verrà installato un cinema all’aperto con comodi puff per vedere film sotto le stelle accompagnati dai sapori di tutto il mondo.

I film saranno proiettati tutti i giovedì, venerdì e sabato da questo giovedì 22 febbraio al 10 marzo. Sono previsti 3 spettacoli in tre orari differenti, non c’è bisogno di prenotazioni, il parcheggio è disponibile e la visione del film è gratuita. Il Dubai Food Festival è anche questo!

Qui il calendario completo:

Giovedì (22 febbraio, 1 marzo, 8 marzo)

18.00: Thor – The Dark World 20.30: Star Wars Rogue One 22.45: Men in Black III

Venerdì(23 febbraio, 2 marzo, 9 marzo)

18.00: Alice in Wonderland 20.30: Turbo 22.45: Ghostbusters (2016)

Sabato (24 febbraio, 2 marzo, 10 marzo)

18.00: Lego Batman 20.30: Rio 2 22.45: Aliens vs. Predator: Requiem (AVP 2) .

Per maggiori informazioni: www.lastexit.ae

DTCM – Dubai Department of Tourism and Commerce Marketing (Dubai Tourism)

In linea con la visione di affermare il ruolo di Dubai quale destinazione turistica e hub commerciale leader nel mondo, la missione di Dubai Tourism consiste nell’accrescere la visibilità di Dubai nei confronti del grande pubblico, attrarre turisti ed investimenti stranieri nell’Emirato. Dubai Tourism è l’autorità principale responsabile della pianificazione, supervisione, sviluppo e commercializzazione del comparto turistico di Dubai; promuove inoltre il settore commerciale dell’Emirato ed è responsabile delle licenze e della classificazione di tutti i servizi turistici a destinazione, tra cui alberghi, tour operator e agenzie di viaggio. I brand e i dipartimenti del portfolio di Dubai Tourism includono Dubai Convention and Events Bureau, Dubai Calendar, Dubai Festivals e Retail Establishment (già noto come Dubai Events and Promotions Establishment).

Dubai Tourism 
Via Carducci, 36 – 20123 Milano

www.visitdubai.com

Milano mostra foto – Mia Photo Fair 2018 ‘VIII edizione – dal 9 al 12 Marzo

8a edizione: 130 gli espositori di quest’anno,, di cui 90 gallerie (337 provenienti dall’estero)), circa 25.000 visitatori previsti

Milano, The Mall – Porta Nuova | Dal 8 al 12 marzo 2018

www..mmiafair.it

MIA 8 – 1 2 marzo 201 8 Piazza Nuova Varesine – Piazza Lina Bo Bardi 1, Milano –  Giovedì 8 Marzo inaugurazione su invito –

Orari Venerdì 9 Marzo:: 12 .000 – 21.00 / Sabato 1 0 Marzo:: 11.00 – 20 .000 / Domenica 1 1 Marzo:: 11.00 – 20.00 /LLunedì 1 2 Marzo : 11.00 – 20.00

L’ARCHIVIO DI CARLA CERATI VINCE IL PREMIO ARCHIVI APERTI

SOSTENUTO DA EBE R HARD & CO..

Milano,, The Mall – Porta Nuova | Dal 8 al 12 marzo 2018 | STAND 5A

Eberhard & Co.. è partner per il sesto anno di MIA Photo Fair,, la prima e unica fiera italiana dedicata alla fotografia d’arte giunta alla sua

8^^ edizione:: 130 gli espositori di quest’anno,, di cui 90 gallerie (337 provenienti dall’estero), circa 25.000 visitatori previsti all’interno della moderna superficie espos itiva di The Mall di 5.000 mq.. Gli orologi della Maison vantano più di un secolo di ricerca e di passione:: tecnica e classe scandiscono le tappe di una storia fatta di creazioni dalla grande personalità e dal design inconfondibile .

Da sempre il brand,, attento e sensibile al mondo dell’arte,, premia il talento e sostiene iniziative di particolare interesse in ambito artistico e culturale .

” Mia Photo Fair fa parte del nostro ampio impegno nel mondo dell’arte”” – dichiara Mario Peserico,, Amministratore D elegato di Eberhard Italia – “oogni anno sosteniamo con passione e presentiamo all’interno del nostro spazio,, progetti che valorizzino l’eccellenza e il savoir – faire e che sviluppino il concetto del Tempo,, così strettamente legato a noi,, che produciamo orol ogi da oltre 130 anni . Un tempo da preservare con la nuova iniziativa “PPremio Archivi Aperti””,, che ha l’obiettivo di riportare alla luce e conservare immagini simbolo della nostra storia,, realizzate nel passato da autori spesso dimenticati ” .

Quest’anno il riconoscimento è andato all’Archivio Carla Cerat i . E clettica,, indomita e curios a fotografa e scrittrice italiana cominciò la professione nel 1960 come fotografa di scena per poi dedicarsi al reportage e al ritratto.. Il premio è stato conferito da una giuria composta da Fabio Castelli (DDirettore MIA Photo Fair e Consigliere di Rete Fotografia)),, Renata Ferri (IIO Donna – il femminile del Corriere della Sera)),, Laura Gasparini (FFototeca della Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia)) e Lucia Miodini (CCentro Studi e Archivio della Comunicazione,, Università degli Studi di Parma ) .

Questa la motivazione espressa dalla giuria nella scelta dell’archivio vincitore:: “ssi è ritenuto interes sante e significativo lo sguardo dell’autrice,, fotografa,, intellettuale e scrittrice,, espressione di una memoria personale e sociale di grande rilevan za culturale . Carla Cerati è scomparsa nel quasi silenzio.. Il premio è un segnale forte e intende salvagua rdare la memoria

Orolog io Chrono4 130

Eberhard & Co .

del suo sguardo impresso indelebilmente negli scatti di un’Italia che cambia,, recita,, pensa,, lotta,, soffre,, e danza””.. “LL’archivio di Carla Cerati – prosegue la motivazione – è un bene comune da tutelare,, un patrimonio iconografico di fonda mentale importanza,, una preziosa testimonianza delle mutazioni avvenute nella cultura e nella vita sociale del nostro Paese.. Si segnala,, per la straordinaria e innovativa qualità narrativa,, il lungo e articolato racconto Milano ”..

”HHo avuto occasione di c onoscere personalmente Carla Cerati ” – riprende Mario Peserico,, AD di Eberhard Italia – “ sono quindi particolarmente contento che il premio sia stato assegnato a lei e alla tutela del suo lavoro.. Aveva un carattere difficile e pungente ma era una donna dotata di grande arguzia e ironia ed evidentemente anche di grande creatività””

I l Premio Archivi Aperti consiste in un contributo da parte di Eberhard & Co.. per supportare i costi e le azioni relative agli interventi necessari all’inventariazione,, catalog azione,, digitalizzazione in alta risoluzione,, conservazione e tutela dell’archivio vincitore.. Il Premio è p romosso da MIA Photo Fair,, con il patrocinio di Rete Fotografia , in collaborazione con IO Donna ( femminile del Corriere della Sera di RCS Mediagroup ) , con AFIP International – Associazione Fotografi Professionisti (““AAFIP International””)),, Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU Visual (““TTAU Visual””)) e Associazione GRIN – Gruppo Redattori Iconografici Nazionale (““GGRIN””)),, soci di Rete Fotogra fia .

All’interno del progetto s ono state inoltre assegnate due menzioni d’onore a Gianpaolo Barbieri e a Paola Mattiol i,, due delle loro opere saranno esposte all’interno dello Spazio espositivo Eberhard a Mia.. La giuria “ ha convenuto di segnalare Gian Paolo Barbieri , uno dei fotografi di moda più influenti della seconda metà del Novecento,, che ha dato vita nel 2016 alla Fondazione Gian Paolo Barbieri.. La Fondazione raccoglie il patrimonio artistico dell’artista e ha come scopo principale la conservazion e,, tutela,, archiviazione,, catalogazione e promozione dell’archivio,, con l’obiettivo ultimo di rendere accessibile al grande pubblico l’eredità inestimabile di Barbieri””.. La giuria ha inoltre ritenuto di gratificare “iil lavoro di Paola Mattioli per le sue i ndagini sui grandi temi storici e politici affrontati con un linguaggio sperimentale e la connessione tra riflessione estetica e militanza,, in particolare i lavori che colloca l’artista nel campo della riflessione estetica in fotog rafia..””..

Eberhard & Co.. ti aspet ta a MIA Photo Fair dal 9 al 1 2 marzo !

www..eeberhard – co – watches..cch

Eberhard & Co .,, Maison di orologeria,, è stata fondata nel 1887 a La Chaux – de – Fonds,, nel Jura svizzero.. Nel 2017 Eberhard & Co.. ha celebrato 130 anni di storia,, confermando la propria naturale inclinazione verso l’evoluzione e la crescita,, mantenendo allo stesso tempo inta tta la propria personalità e il forte spirito d’indipendenza,, senza rinunciare al profondo legame con le origini e la tradizione.. Eberhard & Co.. produce circa 16.000 pezzi all’anno con ob iettivi di crescita ponderata ma costante ed è presente in circa 25 P aesi,, dall’Europa agli Stati Uniti,, dall’Estremo al Medio Oriente.. La storia di Eberhard & Co.. è un susseguirsi di creazioni indimenticabili,, dal Chrono 4 all’’ 8 JOURS,, dalla collezione Tazio Nuvolari al modello Extra – fort,, alla collezione femminile Gilda fino alle ultime novità:: Tazio Nuvolari 336 e Desk – Clock,, Contograf Special Edition e Scafograf 300,, riedizione di una celebre collezione della fine degli anni ’550,, premiato al Gran d Prix d’Horlogerie de Genève (GGPHG)) nel 2016,, come miglior orologio spor tivo dell’anno.. Nel 2017 il brand ha presentato una inedita e preziosa versione celebrativa di Chrono 4,, Chrono 4 130,, sia i n un’’ edizione limitata a 130 esemplari con quadrante scheletrato sia in una versione di serie e Scafograf in versione GMT..

Ricerca ISPI – dati non parole – 84% degli attentatori sono immigrati

80% sono gli attacchi singoli, non strutturati. Messi in opera da ” lupi solitari “; quindi imprevedibili e particolarmente pericolosi.

Negli ultimi 14 anni, quasi 100 attacchi nella sola Unione Europea.

600 morti e 5 mila feriti.

2017, negli ultimi 3 anni:

Dati Ispi, in tre anni 51 attacchi terroristici, 65 attentatori, 395 morti e più di 1.500 feriti.

Il Paese che ha subito il maggior numero di attentati è stata la Francia con 17 azioni terroristiche, seguita da Stati Uniti (16), Germania (6), Regno Unito (4), Belgio (3).

Solo 99 euro in due – pasto compreso per il Trenino Rosso

Da Tirano a St. Moritz

La Valposchiavo, il Lago Bianco, il Massiccio del Bernina, il ghiacciaio del Morteratsch:

  • un panorama a 360 gradi su una delle più affascinanti trasversali alpine al mondo.

99 euro per due persone; tutto compreso.

Sino al 29.3.2018

A bordo; pranzo tipico incluso per due persone.

www.rhb.ch/99

::::::::::::::::::::::::::

VIAGGIO CON AGENZIA E GUIDA:

Vivi una giornata con il TRENINOROSSO e ammira la natura delle valli svizzere. 

Approfitta dell’offerta con la guida gratis POSTI RISERVATI e puoi prenotare il tuo viaggio con il Bernina.

TRE PARTENZE SPECIALI:

orario 24 marzo: andata ore 11.40-14.11, ritorno ore 16.48-19.00
orario 22 aprile: andata ore 11.00-13.11, ritorno ore 16.48-19.00
orario 13 maggio: andata ore 09.41-12.11, ritorno ore 15.48-18.23

Programma:

Incontro con la guida a Tirano circa mezz’ora prima della partenza del Trenino Rosso.
All’orario indicato, partenza con il famoso TRENINO ROSSO fino a St.Moritz. Il treno, composto da moderne e confortevoli carrozze, lascia questa graziosa cittadina per iniziare un viaggio mozzafiato su pendenze del 70 per mille fino a 2253 m s.l.m., cosa unica in Europa. Le linee dell’Albula e del Bernina sono state inserite nell’elenco del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel luglio 2008.
Visita del centro di St.Moritz con la guida e, tempo permettendo, passeggiata attorno al lago di St.Moritz.
Nel tardo pomeriggio rientro a Tirano con il TRENINOROSSO del Bernina.

Atlante Viaggi Italia srl
Via Dante, 10

22100 Como (CO)

Tel. 031 3100046 – Fax 031 3100054

e-mail: info.como@atlanteviaggi.com

veronica.pirovano@atlanteviaggi.com

web:     www.atlanteviaggi.com

Centro Pecci – MARK WALLINGER MARK

Il Centro Pecci inaugura venerdì 23 febbraio MARK WALLINGER MARK, la prima mostra personale in Italia dell’artista inglese.

Mark Wallinger, nato nel 1959 a Chigwell, è uno dei più importanti artisti contemporanei attivi nel Regno Unito. Noto per la sua ricerca sul tema dell’identità e per aver indagato fin dagli esordi della sua carriera i concetti di potere, autorità, inganno e illusione, l’artista utilizza una grande varietà di mezzi espressivi, spaziando tra pittura, scultura, fotografia, video, installazione, performance e arte pubblica.

Dopo una prima candidatura nel 1995, nel 2007 Wallinger ha vinto il Turner Prize con l’installazione State Britain, una replica fedele del presidio di protesta messo in atto in Parliament Square a Londra dall’attivista e pacifista Brian Haw.

Al Centro Pecci saranno esposte le opere più significative delle varie fasi della carriera di Wallinger, offrendo così la possibilità al pubblico di comprendere la sua pratica artistica.

Il percorso espositivo inizia con Ecce Homo (1999-2000), la prima scultura di arte contemporanea ad aver occupato il piedistallo storicamente vuoto di Trafalgar Square a Londra. La figura di un perseguitato tormentato da una corona di spine rappresentava un interrogativo provocatorio nel suo contrasto con le altre statue presenti nella piazza, in pietra e bronzo, che simboleggiano i principi di una nazione. Ecco l’uomo, circondato dal dubbio, in attesa del verdetto finale in risposta alla domanda “È un comune mortale o vivrà in eterno?”.

In Passport Control (1988), una serie composta dagli ingrandimenti di alcune sue fotografie di passaporti rielaborate con scarabocchi di pennarello e bianchetto, Wallinger affronta direttamente le questioni relative agli stereotipi razziali e culturali. Un lavoro lungimirante, se si pensa ai recenti sviluppi geopolitici e alla crescente paranoia associata ai confini internazionali.

Gli id Paintings (2015-2016), sviluppati a partire dalla numerosa serie dei Self Portraits, rimandano al corpo dell’artista stesso: la sua altezza, sommata all’ampiezza delle sue braccia spalancate, determina infatti le dimensioni della tela. Wallinger adotta delle pose simmetriche, in modo che i gesti sulle due metà della superficie pittorica siano speculari, rimandando alla simmetria bilaterale dell’Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci, ma anche alle macchie del test di Rorschach. Realizzati distribuendo il colore sulla tela attraverso i movimenti spontanei delle mani intinte nella vernice, gli id Paintingscostituiscono la testimonianza del gesto alla base della loro creazione e del confronto fisico dell’artista con la superficie pittorica. Nel riconoscere forme e figure differenti sulla superficie, ogni spettatore rivela le proprie preferenze e inclinazioni mentre cerca di interpretare quelle dell’artista.

Nella variegata serie Self Portraits (2007-2015) l’artista prende la lettera maiuscola “I” (“IO”), il pronome personale inglese che ognuno utilizza per riferirsi a sé stesso, e cerca di estrarne una forza espressiva; allo stesso modo in Self (Symbol) 2017, la stessa “I” maiuscola nel font Symbol è espansa fino a diventare una statua tridimensionale della stessa altezza di Wallinger.

La presenza dell’artista si avverte chiaramente anche in altre due opere. In Shadow Walker (2011), Wallinger ha ripreso la propria ombra che gli si staglia davanti mentre cammina per le strade di Londra, ipotizzando un’esistenza autonoma della sagoma, “reale” tanto quanto il corpo dell’artista che l’ha originata. In MARK (2010), Wallinger ripete in vari luoghi della città di Londra il titolo dell’opera, inscrivendolo ripetutamente con un gessetto all’interno della misura standard di un mattone. Un’operazione di tagging imperturbabile viene riproposta attraverso uno slide-show di fotografie in cui la scritta MARK appare nel medesimo punto di fuga prospettico in 2265 immagini.

The Unconscious (2010) è un’installazione costituita da enormi ingrandimenti di fotografie digitali, trovate dall’artista online, che ritraggono delle persone addormentate sui mezzi pubblici. Alle immagini manca la solidità delle fotografie in alta risoluzione, come se i loro soggetti stessero a poco a poco scivolando via dalla dura realtà del mondo dei trasporti pubblici, portati alla deriva da interferenze che emergono protettive dalla dimensione del sonno.

Pietre Prato (2018) è una nuova opera site-specific realizzata per la mostra. Le pietre numerate a mano con il loro intrinseco contrasto tra il lavoro dell’uomo e la monumentale scala temporale della geologia, convogliano riflessioni sulla mortalità e sulle liste degli scomparsi e degli ignoti.

A chiudere il percorso espositivo vi sono due imponenti video-documentazioni. Construction Site (2011) segue le operazioni di tre operai edili intenti ad erigere sulla spiaggia una torre di impalcature perfettamente allineata all’orizzonte, che, una volta completata, viene smantellata e riassemblata da capo. In Sleeper(2004) l’artista, indossando un costume da orso, percorre per tutta la notte gli immensi spazi deserti della Neue Nationalgalerie di Berlino.

MARK WALLINGER MARK è una mostra itinerante che è stata ospitata precedentemente presso il Serlachius Museum di Mänttä in Finlandia (2016), il The Fruitmarket Gallery di Edimburgo e il Dundee Contemporary Arts di Dundee in Scozia (2017).

 

Salerno – “infiltrato” Perrella e De Luca jr nel video di Fanpage

Roberto De Luca con l’accusa di corruzione iscritto nel registro degli indagati

Si tratta di migliaia di tonnelate di rifiuti ” speciali “; ovvero molto pericolosi

NONOSTANTE COPIOSI FINANZIAMENTI PUBBLICI IL PROBLEMA DELL‘INQUINAMENTO DELLE TERRE E ACQUE PER LE FUTURE GENERAZIONI; che sono i nostri figli e nipoti, NON E’ STATO RISOLTO !!!

COSA SONO LE ECO – BALLE ?

-cilindri di grosse dimensioni in cui si compattano i rifiuti solidi urbani, trattati eliminando le parti non combustibili e le materie organiche; spesso un ammasso di sostanze velenose indifferenziate.

Roberto De Luca è uno dei due figli del governatore Pd Vincenzo.

Vincenzo De Luca, governatore della Campania,  nasce a Ruvo del Monte (Pz) l’8 maggio 1949. Sin da adolescente, aderisce al Partito Comunista Italiano. Viene poi nominato segretario provinciale del PCI e poi del Partito Democratico della Sinistra. Quindi Vincenzo De Luca entra nel consiglio comunale di Salerno nel 1990, come assessore ai lavori pubblici e vicesindaco, poi sindaco con il 71,3% dei consensi. La sua  lista di programma si chiamava “Progressisti per Salerno”  poi riconfermato per i suoi successivi mandati. Dal 2001 al 2008 viene eletto alla Camera dei Deputati e ha, anche, fatto parte della Commissione bicamerale per l’emergenza rifiuti. Nel gennaio 2013, il quotidiano “Il Sole 24 Ore” (Governance Poll) riconosce Vincenzo De Luca al primo posto come “sindaco più amato d’Italia”. Si propone come primato tra i capoluoghi di provincia per la raccolta differenziata dei rifiuti (74,16% nell’ottobre 2009). Poi nominato sottosegretario al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del governo Letta. A fine 2014 è candidato alle elezioni primarie del centro-sinistra e vince con il 52% dei voti; diviene il candidato del Partito Democratico per le elezioni regionali in Campania. Il 18 giugno 2015 è  eletto presidente della Regione Campania.

Sulla strategica bonifica ambientale  il presidente della Regione aveva puntato la sua missione, con il sostegno del governo Renzi. “Il premier ci dà 500-600 milioni, non è contento, ma lo fa”, aveva sbandierato il governatore.

Nello studio di De Luca jr  si parla di smaltimento delle ecoballe e di come partecipare agli appalti della Regione

Nel video, pubblicato da fun-page e messo in onda dai telegiornali; si vede l’incontro a Salerno tra l’ex boss Nunzio Perrella e Roberto De Luca, figlio del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e assessore a Salerno.

La sera del 21 febbraio 2018, la TV La7, ha fatto una trasmissione chiara e precisa sui fatti di cui sopra.

 

Giappone Tokyo Kyoto 8 giorni 1.400 euro – low cost

E’ un’offerta imperdibile

1.400 euro con guida parlante italiano 6 notti – 8 giorni, escluso volo intercontinentale.

www.giappone.hisitaly.com

Partenze giornaliere minimo 2 partecipanti.

Valido sino a esaurimento posti, prenotando almeno 25 gg. prima.

CODICE OFFERTA DA COMUNICARE: BIT18LAST2

INFO: via Albricci 2, Milano , tel. 89459600

milano@his-italy.net

 

Libro – Da leggere … anche prima di visitare il Giappone

Questo libro è scritto da un profondo conoscitore della cultura giapponese e del Giappone.

Il tema è un viaggio in autostop; inseguendo la fioritura dei ciliegi.

Divertenti equivoci e gag esilaranti, si alternano a piacevoli conversazioni con i personaggi più disparati; dal professore universitario, allo studente alternativo, all’ingegnere della Mitsubishi:  in vacanza.

Merita di essere letto.

CHI E’ WILL FERGUSON ?

Will Ferguson è nato in Canada, a Fort Vermilion, nel 1964. Il suo nome originario è William Stener “Will” Ferguson. Maggiori informazioni su Will Ferguson:
http://www.willferguson.ca/

Will Ferguson, Autostop con Budda -Viaggio attravreso il Giappone, Feltrinelli, 12,50 euro.

 

DonnE…Cultura