Weekend o Ponte – VOLA AL MUSE a Trento – Serra e farfalle tropicali

VOLA AL MUSE
nella serra tropicale del museo, torna l’OASI DELLE FARFALLE

una serie di laboratori di approfondimento per bambini e famiglie

FARFALLE PER SALVARE LE FORESTE E AIUTARE LE POPOLAZIONI LOCALI …
accompagnata dall’installazione interattiva THE MISTERY OF THE BLUE MOTH

Entrati nella grande crisalide e indossato il visore – attraverso il movimento degli occhi – sarà possibile effettuare le proprie scelte e procedere nel percorso. In una “caverna” …

Laboratori e appuntamenti …

5 maggio – 3 giugno, MUSE Museo delle Scienze
Inaugurazione: 4 maggio alle 18.30

Tornano dal 4 maggio al 3 giugno nella Serra tropicale del MUSE numerose specie di farfalle tropicali originarie delle foreste pluviali dell’Africa, del sud est asiatico e del centro America.

L’iniziativa L’OASI DELLE FARFALLE, che nel 2017 aveva riscosso un notevole successo e apprezzamento da parte del pubblico, quest’anno si arricchisce con due importanti novità: la maggiore presenza di lepidotteri che provengono dalle foreste tropicali africane e l’installazione artistica The mistery of the blue Moth, a cura di Falenablu, un progetto artistico che propone una esperienza virtuale sulla trasformazione dei lepidotteri e sulla parità tra uomini e donne, in un connubio speciale tra tecnologia e comunicazione sociale.

Il progetto artistico sarà occasione anche per visite guidate e una serie di laboratori di approfondimento per bambini e famiglie.

Il giorno dell’inaugurazione, che si svolgerà venerdì 4 maggio alle 18.30, oltre all’apertura della installazione e alla liberazione in serra di farfalle e falene, si potrà assistere a un breve talk sulla comunicazione efficace.

L’OASI DELLE FARFALLE

Saranno oltre 1000 gli esemplari, portati al museo allo stadio di crisalidi, da cui sfarfalleranno gli adulti all’interno della serra.

Verranno ospitate in un’apposita “nursery”, un’incubatrice dove sarà possibile osservare l’eccezionale evento della schiusa delle crisalidi.

Nella nursery le crisalidi recuperano – in ambiente protetto – le forze necessarie al primo volo verso la vegetazione tropicale della serra, dove trovano decine di piante in fiore, come Pentas e Saintpaulia, pronte a fornire loro sostentamento attraverso secrezioni nettarine.

Ulteriormente, sono stati posizionati in serra i cosiddetti ‘Bar delle farfalle’, strutture colorate che contengono frutta matura e fiori recisi necessari per il loro nutrimento.

Queste farfalle troveranno nella serra del MUSE un ambiente perfettamente consono alle loro esigenze:

un’alta temperatura del dì e della notte e un’altissima umidità relativa dell’aria, quest’ultima strettamente necessaria per una corretta metamorfosi e successiva crisalide schiusa delle crisalidi.

L’esposizione L’OASI DELLE FARFALLE é realizzata grazie alla consulenza dell’associazione Farfalle nella testa.

L’INSTALLAZIONE THE MISTERY OF THE BLUE MOTH

Come comunicano le farfalle?

E le falene che vivono al buio?

Quanti tipi di comunicazione utilizzano donne e uomini?

Ne sono consapevoli?

L’installazione The mistery of the blue moth, creata ad hoc per il MUSE, propone un parallelismo tra il modo di comunicare delle farfalle e quello dell’uomo.

All’esterno della serra tropicale del museo, una gigantesca crisalide e un oculus, condurranno i visitatori a vivere un’esperienza immersiva nel mondo della comunicazione non verbale e non violenta.

“Questa installazione – spiega Valentina Musmeci di Falenablu, associazione che si occupa di trasformazione, di recupero da situazioni di violenza attraverso l’arte e la bellezza – propone un’esperienza virtuale sulla trasformazione dei lepidotteri e sulla parità tra uomini e donne, in un connubio speciale tra tecnologia e comunicazione sociale.

La metafora della trasformazione permette di proporre una riflessione sociale sulla comunicazione, che sta alla base dei problemi di disparità e di violenza che la nostra società si trova ad affrontare”.

Una volta entrati nella grande crisalide e indossato il visore – attraverso il movimento degli occhi – sarà possibile effettuare le proprie scelte e procedere nel percorso. In una “caverna” si parteciperà a un questionario interattivo che fa luce su diversi contesti della società contemporanea, portando a riflettere su comportamenti che si considerano sessisti e sugli stereotipi che condizionano le azioni quotidiane. Al termine dell’esperienza virtuale ci si troverà all’interno della serra circondati da centinaia di farfalle e falene.
Possono accedere all’utilizzo dell’oculus solo i maggiori di 14 anni.

L’installazione è a cura di Falenablu, art director: Valentina Musmeci, set designer: Laura Scapin, produzione: Nuovartec. Supporto scientifico: Francesco Barbieri e Lorenzo Gasparrini. Sviluppatore VR: Victor Dabjia
Falenablu ringrazia la Provincia autonoma di Trento, Creval, Dorigoni

Laboratori e appuntamenti

Inaugurazione: venerdì 4 maggio, 18.30
Apertura della Crisalide gigante, liberazione di Farfalle e Falene presso la Serra Tropicale
“La comunicazione efficace” intervengono Francesco Barbieri, Biologo, Stefania Cavagnoli, Linguista, Lorenzo Gasparrini, Filosofo. A seguire buffet

Laboratori per famiglie: sabato 5 maggio, 11,00-13,00 e 14,00-16,00
Laboratorio ludico-didattico per famiglie, genitori con figlie e figli (età 6-18), condotto da Lorenzo Gasparrini e Valentina Musmeci, a cura di Falenablu, gratuito, prenotazioni al 0461.270311

Laboratori per bambine/i e ragazze/i: sabato 19 maggio e sabato 2 giugno, 14.00 – 16.00
Laboratorio di Coding, a coppie (età 6-18), condotto da CoderDolomiti. Ogni coppia, formata da una ragazza e un ragazzo, realizzerà una piccola falena blu che potrà comandare attraverso il proprio computer, gratuito, per prenotazioni:
19 Maggio: https://cdtn-19-05-2018.eventbrite.it/
2 Giugno: https://cdtn-02-06-2018.eventbrite.it

Visite guidate alla Serra Tropicale: Da sabato 5 maggio a sabato 3 giugno ore 15.00
Una speciale visita guidata nella serra abitata da farfalle tropicali.
Tariffa: € 3 (oltre al biglietto di ingresso) – gradita la prenotazione 0461.270311
APPROFONDIMENTO

FARFALLE PER SALVARE LE FORESTE E AIUTARE LE POPOLAZIONI LOCALI

Buona parte delle farfalle presenti in serra provengono da Amani Butterfly Project, un’associazione non profit con sede in Tanzania che si impegna a ridurre la povertà locale e a salvaguardare la foresta pluviale.

Gli allevatori di farfalle locali, più di 400, sono per più del 50% donne. Quest’ultime hanno potere decisionale su come utilizzare i fondi provenienti dalla vendita delle crisalidi: recentemente è stata finanziata la costruzione di una nuova scuola.

Anche le farfalle asiatiche e centro americane ospitate dal Muse provengono da altrettanti progetti sociali e di conservazione.

Questi progetti offrono a molte famiglie dei relativi paesi tropicali (come Costa Rica e Filippine) un’attività economica del tutto sostenibile basata sull’allevamento di questi insetti.

Ogni anno vengono prodotte migliaia di crisalidi la cui rendita rappresenta una fonte di sostentamento alternativa alla coltivazione, all’allevamento di bestiame e al conseguente taglio della foresta.

Una percentuale dei proventi delle crisalidi è inoltre destinata all’acquisto di terreni coltivati, successivamente convertiti in foresta originaria.

Questo allevamento è quindi una attività economica che ha una ricaduta positiva sull’ambiente: per far sviluppare un bruco di farfalla sono necessarie piante nutrici autoctone e occorre perciò conservare ed eventualmente reintrodurre elementi di foresta originaria, recuperando e salvaguardando la biodiversità locale e eliminando specie alloctone precedentemente coltivate.

NOTE DI BIOLOGIA

Le farfalle fanno parte del vastissimo ordine dei Lepidotteri, che comprende oltre 158.000 specie originarie di zone temperate e tropicali. Hanno un ciclo vitale piuttosto complesso che prevede una metamorfosi completa.

L’insetto alato depone le uova su un vegetale adatto al sostentamento del secondo stadio di sviluppo, quello del bruco.

Il bruco, attraverso un potente apparato masticatore dotato di robuste mandibole, si ciba delle parti più tenere delle piante e dei nuovi germogli.

Poiché la cuticola della larva non si accresce, questa viene cambiata da tre a cinque volte nel corso del tempo ciclo larvale, con un processo denominato muta. Successivamente, quando il bruco ha accumulato sufficienti energie cerca un luogo riparato dove trasformarsi in pupa, solitamente protetta da un bozzolo sericeo.

Dopo un lasso di tempo variabile in base alla specie e alla temperatura, il rivestimento della crisalide si lacera e fuoriesce il quarto ed ultimo stadio, l’insetto alato.

Prima che quest’ultimo sia adatto al volo, però, è necessario che i fluidi contenuti all’interno del corpo vengano pompati nelle ali, dispiegandole e rendendole rigide.

La livrea delle farfalle è estremamente variabile: sono presenti esempi di colorazioni criptiche, che vanno a mimetizzare l’insetto tra la vegetazione o colorazioni aposematiche che avvertono eventuali predatori della tossicità dell’insetto stesso.

NOTE DI SOCIOLOGIA (di Valentina Musmeci)

La comunicazione è un aspetto essenziale della vita. L’interazione umana è un sistema aperto in grado di scambiare materiali, energie o informazioni con il proprio ambiente.
Non è solo verbale o esteriore, è più profonda, ma è resa difficile dalle strutture di pensiero che ci condizionano.
I sistemi interpersonali, come i gruppi o le famiglie, sono sistemi in cui il comportamento di ogni persona influenza ed è influenzato dal comportamento di ogni altra. La rete è più intensa se la comunicazione è efficace.

A caratterizzare tutte le famiglie che rimangono unite, ad esempio, c’è qualcosa che consente loro di resistere alle tensioni imposte dall’ambiente e qualcosa che favorisce un processo di apprendimento e di crescita.

Questo deriva da una trasformazione individuale interna.
Il corteggiamento umano, nelle diverse culture, ha prodotto comportamenti diversi. Donne e uomini sono biologicamente diversi e la discriminazione sessuale è sempre stata molto forte per esigenze biologiche.
Se l’uomo è stato “predatore sessuale” in passato e la donna preda, oggi necessariamente si deve trasformare questo approccio in paritario e consensuale. Modificare la comunicazione è veicolo per l’evoluzione.

 

FOTO

Frafalla-da-MUSE-Copyright-Francesco-Barbieri.

Lake Como Festival della Luce 2018 – 2 – 20 maggio – eventi gratuiti con PRENOTAZIONE

Anche quest’anno lo spettacolo della luce ritorna ad animare Como, città di Alessandro Volta, in occasione del Lake Como Festival della Luce 2018 – 2/20 maggio (quinta edizione). Un anno speciale, perchè il 16 maggio 2018 l’UNESCO ha istituito in tutto il mondo la prima Giornata Internazionale della Luce. A questa nuovissima celebrazione, il Festival  dedica un evento speciale al Teatro Sociale (vedi sotto)

I n totale, sono ben 16 gli eventi – mostre, conferenze, spettacoli – che si susseguono dal 2 al 20 maggio.

TUTTI GLI EVENTI SONO GRATUITI MA E’ INDISPENSABILE LA PRENOTAZIONESU www.festivaldellaluce.it . Sul sito si trova il calendario: basta cliccare sull’evento di interesse ed effettuare la registrazione direttamente online.
In particolare vogliamo segnalare:

2-20 maggio, Palazzo del Broletto – Mostra interattiva “Illusioni e Riflessioni”, a cura di Maria Bondani (CNR-IFN), dedicata al sorprendente mondo della riflessione della luce e alle illusioni ottiche.  Evento aperto, senza prenotazione online. 

4 maggio, Teatro Sociale, ore 21: serata di inaugurazione del Festival con Vittorio Sgarbi, “Come in uno specchio – Luce. Illusione e riflessione nell’arte”

5 maggio, Sala Bianca del Sociale, ore 18, Giacomo Rizzolatti e Corrado Sinigaglia, ” Il meccanismo specchio e la comprensione degli altri”. Il neuroscienziato che ha osservato per primo i neuroni specchio, responsabili anche dell’empatia, dialoga con un filosofo della scienza .

6 maggio, Sala Bianca del Sociale, ore 18, PREMIO NOBEL Martin Chalfie, “Lighting up life/Illuminare la vita”. Lo scopritore della Proteina Verde Fuorescente che ha rivoluzionato le scienze biologiche permettendo di osservare il funzionamento delle cellule in vivo. Evento con traduzione simultanea.

12 maggio, Sala Bianca del Sociale, ore 18 – Luca Mercalli e Piero Bianucci, “Riflessioni su specchi di aria e ghiaccio”.

Un climatologo di fama e un giornalista scientifico tracciano gli scenari dei ghiacci e delle variazioni nel ciclo idrologico per riflettere su come sta cambiando il clima, quali sono i rischi e i rimedi.

16 maggio, Teatro Sociale, ore 21, serata di gala per la celebrazione della Prima Giornata Internazionale della Luce– La serata è presentata da Michela Prest, professore associato del dipartimento di Scienza e Alta tecnologia dell’Università dell’Insubria a Como. L’intrattenimento di luminose illusioni è curato da GianLupo con la sua “Smart Magic”. Parteciperanno inoltre alla serata  il soprano Lorna Windsor e al pianoforte Antonio Ballista. Nel corso della serata, Edison, la Fondazione Alessandro Volta e la European Physical Society conferiranno il prestigioso Premio europeo per la Fisica EPS Edison Volta ai vincitori dell’edizione 2018. Verrà inoltre assegnata la Borsa di studio Edison in memoria di Francesco Somaini ad un giovane ricercatore per svolgere, presso una università straniera, una ricerca nel campo della fisica con particolare riguardo ai temi dell’energia.In collaborazione con Edison, Società Italiana di Fisica e Teatro Sociale-AsliCo.

INTOLLERANZE; NON STIAMO ESAGERANDO?

L’articolo è scritto dalla giornalista G.Seregni iscritta all’UGIS: Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

La sovrabbondanza di cibo, medicine e inquinamento ci ha reso tutti più fragili?

E’ sempre più frequente ascoltare amici che dichiarano di avere scoperto di essere intolleranti a qualcosa: al glutine, al lattosio ecc…

Le allergie vere e proprie, poi, sono diventate quasi  pane quotidiano per i bambini.

Viene naturale ricordare che quaranta anni fa era assai raro incontrare persone che dichiarassero allergie, quindi qualcosa è cambiato, o siamo cambiati noi?

Cominciamo con il precisare che gli effetti di una dieta sono soggetti ad  un enorme quantitativo di variabili che influiscono sulla nostra salute; per esempio: i nostri geni, lo stile di vita ecc…

Isolare le variabili dovute solo ad un certo tipo di cibo richiederebbe una ricerca tra un enorme quantitativo di persone e decenni di ricerca.

Al momento questo non è stato fatto, quindi le deduzioni relative alla nostra dieta si possono sempre definire approssimative. Si va per tentativi ed errori.

All’inizio ti tolgono il pomodoro, poi il latte, poi gli agrumi (è solo un esempio) e poi magari ti senti meglio perché una dieta ristretta e severa comunque ha un effetto disintossicante e può fare anche molto bene.

Peccato che può anche fare male, se al persona curata è carente di qualche sostanza la quale viene ancora più ridotta a causa di queste dite a volte troppo limitative.

DA RICORDARE (quasi mai i medici ne sono al corrente, leggono i dati su giornali di categoria e questo a loro basta; oppure ricevono informazioni durante i congressi, ma non hanno mai tempo o interesse, per approfondire la logica e su quali dati si basano le ricerche) : le diete propinate si basano, al massimo, su studi su cavie da laboratorio che vivono solo due anni  e hanno diete ultraregolate, non paragonabili a quelle umane.

Ovviamente non si devono confondere le intolleranze con le vere e proprie allergie, queste ultime vere e proprie reazioni immunitarie (anche gravi sintomi cutanei, respiratori o digestivi).

A questo proposito varrebbe la pena di leggere anche l’articolo al link:

https://www.donnecultura.eu/?p=20285

dove si parla delle relazioni tra gli alimenti OGM (Organismi Geneticamente Modificati o transgenici) e la salute dell’uomo e degli animali.

Le intolleranze, al contrario non hanno una chiara reazione immunitaria, ma solo impossibilità di digestione.

Basti pensare che il latte, se non ingerito regolarmente, da dei problemi di digestione che , una volta, si risolvevano semplicemente riabituando il corpo a produrre quanto necessario per la sua normale  digestione; ovvero aggiungendo ogni giorno un cucchiaino in più di latte ad una tazza di te. Semplice ed efficace. Oggi, invece, si vende del latte speciale per la gioia di chi lo produce!

PER LE INTOLLERANZE ALIMENTARI I TEST ATTENDIBILI SONO POCHISSIMI E RIGUARDANO SOLO GLUTINE E LATTOSIO.

I TEST, PER ALTRI ALIMENTI OLTRE IL LATTOSIO E IL LUTINE, PROPOSTI DA FARMACIE E AMBULATORI NON SONO ACCETTATI DA TUTTA LA COMUNITA’ SCIENTIFICA COME VALIDI, MA SOLO DA UNA PARTE DI ESSA.

I test “alternativi” poi, portano solo a diete che causano gravi carenze.

Comunque i test vanno sempre interpretati alla luce della storia del paziente.

Abbiamo riportato le opinioni del prof. Lorenzo Maria Donini, docente di Fisiologia della Nutrizione Università La Sapienza Roma e della prof.ssa Elisabetta Bernardi, nutrizionista, docente all’Università di Bari, autrice della trasmissione Rai Superquark.

 Trend in crescita esponenziale per diverse cause: i dati dell’Istituto Superiore di Sanità.

Un trend in crescita esponenziale per diverse cause: i dati dell’Istituto Superiore di Sanità riferiscono che il 7,5-8% dei bambini e il 2% della popolazione adulta soffrono di ‘reazioni avverse ad uno o più cibi’ che si manifesta con sintomi esclusivamente gastrointestinali: dolori addominali, crampi, diarrea, vomito.

OPINIONI DIVERSE:

Al contrario delle allergie classiche, nelle reazioni avverse

non c’è coinvolgimento del sistema immunitario e rilascio di istamina e la terapia si basa principalmente sull’eliminazione dell’alimento dalla dieta. Nonostante

-solo un terzo delle intolleranze sia diagnosticato con il Test della Provocazione Orale, considerato il Gold Standard per la conferma della diagnosi,

gran parte della popolazione ritiene di essere ‘intollerante’ a qualche alimento, condizione a cui attribuisce ad esempio un malessere generale, sintomi aspecifici e l’incapacità a perdere peso. Inoltre sotto a questo grande capitolo vengono introdotti 

-anche le avversioni ad alcuni cibi legati ai gusti personali e i condizionamenti psicologici.

Una singolare ipotesi eziologica è quella formulata dalla Dottoressa Edi Salvadori, psicopedagogista e counselor è che

dietro al rifiuto di un cibo da parte dell’organismo ci sia una emozione non riconosciuta e riconducibile all’alimento stesso. Ne consegue che alla

rimozione del blocco emotivo, il sintomo scompaia. Approccio particolarmente utile quando l’intolleranza riguardi alimenti difficili da eliminare completamente come le uova, il latte ecc.

“Nella mia esperienza professionale” sostiene la Dott.ssa Salvadori “mi sono accorta che

-le intolleranze alimentari nascono, essenzialmente, dalla nostra incapacità di ascoltarci, di ascoltare i nostri desideri più profondi, di dare fiducia alla saggezza antica del nostro corpo”. Ecco quali sono le più comuni e le relative  correlazioni sintomatiche:

Mela = Senso di colpa. La correlazione nasce dalla simbologia che associa questo frutto al peccato. Le persone che si sentono in colpa perché hanno atteggiamenti arroganti nei confronti delle persone con cui hanno un legame affettivo più profondo e scagliano su di loro la rabbia inespressa possono sviluppare questa intolleranza che si manifesta con gonfiore a livello addominale o crampi.

Latte = Legame figura materna. E’ una intolleranza legata alla presenza di una madre ansiosa (per paura del distacco, perché ha vissuto un aborto, ha subito violenze, per proteggere la prole)  o una assente, (perché presa dai suoi problemi lavorativi, esistenziali, dai suoi disagi relazionali). Le persone che si sentono un peso per la madre sviluppano insicurezza e spesso intolleranza verso l’alimento che li ha nutriti, perché si carica di stati emotivi che l’organismo non riesce più a “digerire”. Disturbi digestivi, senso di gonfiore o peso diventano i compagni di vita di queste persone. L’intestino è  correlato al secondo chakra che, a sua volta, è correlato alla relazione con la figura materna, per cui una sua distorsione genera un blocco energetico che può provocare la sintomatologia. L’ intolleranza al latte, che compare in età adulta, può esprimere un conflitto irrisolto, che si muove tra il bisogno di fusione e quello di autonomia, oppure è l’effetto di una madre ambivalente, o dal comportamento opprimente. Quando si presenta in un neonato, potrebbe essere l’espressione della relazione con una madre depressa, che non riesce ad accudire il figlio. Trovarsi nella condizione di dover eliminare il latte dalla propria dieta vuol dire “stare alla larga” dagli zuccheri che compongono il latte e che simbolicamente, possiamo associare al bisogno di dolcezza/affetto. Chi non ‘digerisce’ il latte presenta quindi un’ambivalenza fra il bisogno di ricevere dolcezza, amore, affetto, e l’impossibilità di accettarla, accoglierla.

Glutine = Difficoltà di intessere relazioni stabili e paura dell’invischiamento, soprattutto nel contesto familiare. Solitamente i soggetti che  sviluppano questa intolleranza sono persone vissute all’interno di contesti familiari particolarmente “fagocitanti”, dove non è stato facile rivendicare la propria individualità. Potremmo vedere questa intolleranza

come il grido di quelle parti bambine che hanno bisogno di essere viste, di essere al centro dell’attenzione, solo che noi dobbiamo recuperare la percezione che prima di essere importanti per gli altri lo dobbiamo essere per noi stessi, in modo da non essere prevaricati. La paura di un coinvolgimento eccessivo può generare la difficoltà di intessere delle relazioni stabili e profonde, facendoci vivere come delle “api” che vanno di fiore in fiore. I sintomi fisici sono a livello gastrico ed intestinale

Prezzemolo = Difficoltà di porre dei confini. Questa intolleranza può insorgere in quelle persone particolarmente disponibili, gentili, responsabili, sempre pronte a mettere da parte il proprio sentire, al punto tale che non pongono dei confini per cui si lasciano invadere continuamente. Questa intolleranza deve indurre la persona a riflettere che è arrivato il momento di scrollarsi di dosso delle responsabilità eccessive di cui si sta caricando, per eccesso di disponibilità, iniziando a dire dei NO. Alla base di questa intolleranza c’è una bassa autostima e il desiderio di compiacere gli altri.

Carne = Stile di vita frenetico e caotico. Fare tante cose contemporaneamente, non riuscire a stare fermi e quando lo si fa sentirsi in ansia, con un forte stato di angoscia,  ci può portare a prestare attenzione verso il fare e non il sentire. L’azione ci impedisce di pensare, di ascoltare il disagio che c’è dentro di noi. Quando il corpo non regge più questo meccanismo, in quanto emerge un forte stato di stress e di stanchezza, anche come conseguenza di un sovraccarico energetico del fegato. Questa intolleranza può essere l’espressione di persone che non si concedono nemmeno il tempo per nutrirsi, proprio perché la carne necessita di tempi più lunghi per la masticazione e l’assimilazione.

Cioccolato fondente = Vita sessuale vissuta come senso del dovere e non del piacere, Cioccolato al latte = Bisogno di coccole, di affetto, di dolcezze. Il cioccolato, simbolicamente, rappresenta uno dei piaceri della vita , ma quando questa è costellata di dovere non è facile lasciarsi andare nemmeno nell’intimità, così come potremmo non concederci di esternare il nostro bisogno di essere amati. Si tende a compensare ciò che manca con questo alimento, fino al giorno in cui non sarà più sufficiente e il nostro corpo lo esprime con l’intolleranza. L’intolleranza alla cioccolata e quella alla caffeina insorgono in persone particolarmente rigide con se stesse, con un grande senso del dovere e con una forte responsabilità. Soggetti che pensano che ciò che ottengono deve essere sempre il frutto di grandi sacrifici, e se ottengono qualcosa facilmente non se lo godono Per assurdo gli unici momenti che si concedono potrebbero essere proprio le pause caffè ma l’estrema rigidità della personalità genera l’intolleranza.

ISPI notizie – Non solo Europa: perché la Turchia ora guarda all’Asia

Mercoledì 2 maggio, ore 17.30
ISPI (Palazzo Clerici, ingresso da Via Clerici, 3 )

Negli ultimi anni, la Turchia sembra guardare sempre più all’Asia, sia per differenziare le proprie relazioni estere sia per perseguire i propri interessi strategici, economici ed energetici.

I legami più forti con i paesi eurasiatici, Russia e Cina, sono la cartina di tornasole per gli alti e bassi nelle relazioni con gli Stati Uniti e l’Europa.

Cosa c’è alla base dello sguardo eurasiatico di Ankara?

Quali gli interessi in gioco, le aree di cooperazione e concorrenza?

E quali implicazioni per le relazioni con l’Unione europea?

Su questi temi ISPI ha pubblicato il rapporto ” Turkey towards a Eurasian shift?, realizzato dall’Osservatorio sul Medio Oriente e il Nord Africa dell’ISPI, a cura di Valeria Talbot.

::::::::::::::::::::::::

Riproduciamo:

” Turkey towards a Eurasian shift ?

Negli ultimi anni, la Turchia sembra aver abbracciato di nuovo l’Oriente .

Le relazioni più strette di Ankara con i paesi eurasiatici vanno di pari passo con la tendenza internazionale di spostarsi verso est , verso la regione in continua crescita e più dinamica del mondo.

Sono anche il risultato di una crescente differenziazione delle relazioni estere della Turchia, guidata da interessi strategici, economici ed energetici.

I legami più forti con i paesi eurasiatici, ovvero la Russia e la Cina , sono anche la cartina di tornasole degli alti e bassi nelle relazioni con Washington e Bruxelles.

Mentre Ankara mantiene ancora forti legami con l’Occidente, sta gettando le basi per ampliare ulteriormente i suoi interessi verso l’Oriente.

Questo rapporto mira ad analizzare gli aspetti sfaccettati del cambio eurasiatico di Ankara , evidenziando i driver interni del “eurasianismo” della Turchia, gli interessi in gioco, le aree di cooperazione e concorrenza, e non da ultimo le implicazioni per l’UE.

Di più su : https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=https://www.ispionline.it/en/pubblicazione/turkey-towards-eurasian-shift-20310&prev=search

Sommario

Introduzione , Paolo Magri

1. Discorsi e politica dell’Eurasianismo in Turchia durante gli anni 2000, Oktay Tanrısever

2. Principali driver di sicurezza della Turchia in Eurasia, F. Stephen Larrabee

3. L’ intesa russo-turca: un abbraccio tattico lungo convergenze strategiche e geopolitiche, Carlo Frappi

4. La proiezione geo-economica della Turchia e gli interessi energetici in Asia centrale, Fabio Indeo

5. Turchia e Cina: verso un partenariato strategico ?, Valeria Talbot

Raccomandazioni politiche per l’UE

:::::::::::::::::::::::

Mercoledì 2 maggio, ore 17.30
ISPI (Palazzo Clerici, ingresso da Via Clerici, 3 Intervengono:

Vittorio Da Rold , Il Sole 24 Ore
Carlo Marsili , ISPI e già Ambasciatore d’Italia in Turchia
Dorothée Schmid , French Institute for International Relations (IFRI) – in collegamento
Valeria Talbot , ISPI

L’evento sarà trasmesso in diretta  streaming  sul sito dell’ISPI.

La partecipazione è libera con prenotazione obbligatoria.
Per registrarti clicca qui

https://www.ispionline.it/it/eventi/evento/turchia

L’accesso alla sala sarà garantito fino al raggiungimento della capienza massima.

Sostenga l’ISPI con il 5×1000
indicando nella Sua dichiarazione dei redditi il codice fiscale  02141980157

Segreteria ISPI
tel: +39 02 86.93.053
email: ispi.eventi@ispionline.it
web: www.ispionline.it

Vacanze 2018 – HAMMAMET Luogo di benessere

HAMMAMET

Luogo di benessere fin dall’antichità

Sabbia fine e acqua trasparente… le spiagge della regione di Hammamet sono tra le più belle della Tunisia.

L’offerta turistica di questa regione è davvero ottima, splendidi hotel a 4 o 5 stelle offrono tutti i servizi necessari per trascorrere una bella vacanza in famiglia oppure, se si preferisse una vacanza lontana dal caos, hotel adult only consentono di concedersi il meritato riposo dopo un lungo periodo di lavoro.

Ad Hammamet l’offerta non si limita agli hotel, tanti B&B o appartamenti, dai più semplici fino a ville e villette dotate di piscina, a prezzi davvero vantaggiosi.

Se le giornate di ozio in spiaggia dovessero annoiare si può sempre scegliere tra un’ampia offerta di attività sportive: moto d’acqua, parasailing, catamarano, gite in mare, immersioni subacquee e molte altre ancora.

Anche per i bambini ci sono tante attività come kayak, lezioni di windsurf o mini club.

Anche i golfisti apprezzeranno la cittadina e i suoi tre campi da golf a 18 buche che corrono attraverso le verdi colline.

I tramonti e le serate ad Hammamet hanno un sapore del tutto particolare.

Si possono trascorrere tranquille serate cenando sulla terrazza di uno dei ristoranti tipici della medina, in un patio o lungo la marina di Yasmine Hammamet.

Per chi poi volesse proseguire la serata, i migliori DJ tunisini e internazionali animano le serate nei locali notturni della città.

Durante un soggiorno ad Hammamet sono tante le cose che si possono fare e i luoghi che si possono visitare. Circondata da bastioni e delimitata dal mare, la piccola medina di Hammamet è fiancheggiata da un forte medievale, ampliato dai turchi.

Antico borgo fortificato, Hammamet divenne quindi un tranquillo villaggio di pescatori.

I suoi minuscoli vicoli e le case in calce bianca e blu gli conferiscono un fascino unico. Imperativo perdersi nel souk facendo shopping, scalare i bastioni del forte e passeggiare fino al porto turistico.

Per far contenti anche i bambini si può optare per una visita al Parco divertimenti Carthage Land.

Gli appassionati di storia saranno certamente incuriositi da Pupput, il sito archeologico a pochi passi da Hammamet. Pupput era una colonia romana che addirittura si guadagnò il rango di colonia onoraria sotto l’Imperator Commodus tra il 185 e 192 d.C. prendendo il nome di Colonia Aurelia Commoda Pia Felix Augusta Pupput.

La splendida colonia deve la sua reputazione al grado di civiltà raggiunto già in quell’epoca.

Che fosse una città ricca e prosperosa si evince dai resti archeologici presenti nell’area come i resti delle terme, espressione di una irrinunciabile qualità della vita in epoca romana, le domus con peristili, fontane e mosaici di ottima fattura, iscrizioni, resti di installazioni idrauliche (tra cui un acquedotto da Wadi el-Faouara a Siagu) e persino un teatro e un anfiteatro. Il nome Hammamet deriva dal corrispettivo turco di “Bagni” o “Terme”, visti i ritrovamenti sepolti nella vecchia città romana di Pupput.

Ad appena 300 metri dal sito di Pupput è stata scoperta la più grande necropoli romana in Africa che ha consentito di superare la scarsità di testi e fare nuova luce sul passato della città.

Poco distante da Hammamet si trova la splendida cittadina di Nabeul, famosa per le sue ceramiche coloratissime, è il luogo in cui si possono vedere gli artigiani che lavorano.

Se si è attratti dai mercati, quello di Nabeul è assolutamente incantevole e qui si potranno assaggiare delle specialità locali. Inoltre si possono vedere i mosaici romani e le statue in terracotta cartaginesi nel piccolo museo archeologico di Nabeul.

Superando Nabeul, dirigendosi verso nord, si giunge nella penisola di Cap Bon: campi, frutteti, siti storici, villaggi e piccoli porti si susseguono creando un paesaggio spettacolare, tutto da scoprire.

Salendo sulla collina di Kelibia si può accedere alla più grande fortezza medievale della Tunisia (XII secolo): da qui si gode una vista mozzafiato. Ai suoi piedi si estendono il porto e lunghe e bellissime spiagge sabbiose.

Proseguendo verso nord si incontra Kerkouane, una piccola città il cui territorio fu abbandonato prima della conquista romana, lasciando intatte le vestigia.

Questo sito offre una testimonianza eccezionale sul modo di vivere dei Cartaginesi: case, templi, botteghe, mura … Il sito di Kerkouane è stato inscritto nel Patrimonio Mondiale dall’UNESCO.

All’estremità nord della penisola, troviamo El Haouaria, un tranquillo villaggio circondato dalla natura selvaggia. I suoi abitanti praticano tradizionalmente la falconeria, godendosi il passaggio degli uccelli migratori.

Le sue “grotte”, antiche cave sotterranee che si aprivano sul mare, permisero alla pietra di essere consegnata direttamente alle imbarcazioni dirette a Cartagine.

Una sosta nella piccola città di Korbous permetterà di scoprire un antico centro termale e meravigliose spiagge sabbiose ai piedi delle colline rocciose. Una delle sorgenti termali si riversa direttamente nel mare e molte persone amano fare il bagno lì.

Ad ovest di Hammamet, circa ad un’oretta di macchina, troviamo il sito archeologico di Thuburbo Majus, antica città punica rifondata dai romani, dove passeggiare tra rovine arrossate da secoli di sole. Un campo sportivo romano, i gradini della capitale, il pavimento a mosaico degli antichi bagni… Una piacevole passeggiata in un bellissimo sito storico circondato da verdi colline.

Ad ovest di Hammamet sorge una catena montuosa, le ultime vette della catena dell’Atlante: regione perfetta per le escursioni. Il Monte Zaghouan sorge a 1295 metri. Ai suoi fianchi si erge la piccola città di Zaghouan, un tempo popolata da andalusi. Nei tempi antichi, le sorgenti del Monte Zaghouan rifornivano di acqua Cartagine; è ancora possibile vedere il monumento romano che circondava queste sorgenti (Tempio delle Acque) e il gigantesco acquedotto che misurava 132 km.

A sud di Tunisi, il sito di Oudhna custodisce reliquie di dimensioni eccezionali come l’anfiteatro romano da 16000 posti e la capitale di cui restano alcune colonne su un podio gigante.

A sud di Hammamet troviamo il villaggio di Takrouna. Questo piccolo villaggio beduino si trova in cima a uno sperone roccioso ripido, che domina la pianura circostante.

Per maggiori informazioni, visitate il sito www.tunisiaturismo.it

AUTISMO IN ITALIA – Dati ufficiali

LA PRIMA FOTOGRAFIA UFFICIALE DELL’ AUTISMO IN ITALIA:

COLPISCE CIRCA 1 BAMBINO SU 100

 Per la prima volta un dato ufficiale

sulla prevalenza dei disturbi dello spettro autistico:

se ne parlerà al convegno Erickson: Autismi, benessere e sostenibilità 4-5 maggio, Rimini

Grazie ad ASDEU (Autism Spectrum Disorder in European Union), progetto europeo biennale finanziato dalla Commissione Europea, arrivano oggi in Italia i dati definitivi della prevalenza dei disturbi dello spettro autistico: circa 1 bambino italiano su 100 è colpito da autismo.

Il progetto ASDEU ha avuto come obiettivo quello di fare il punto sullo stato dell’arte dell’autismo in Europa, sotto diversi punti di vista.

Per molti Stati, Italia compresa, questa ricerca ha rappresentato una prima esperienza di studio epidemiologico dei disturbi dello spettro autistico. ASDEU in Italia è stato ufficialmente rappresentato dall’IRCCSStella Maris e guidato dal Prof. Filippo Muratori e dal dottor Antonio Narzisi. In un secondo momento al progetto ASDEU ha aderito anche l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), con uno studio promosso e finanziato dal Ministero della Salute dal titolo ‘Osservatorio nazionale per il monitoraggio dei disturbi dello spettro autistico’, che ha effettuato un ulteriore studio epidemiologico nelle aree di Lecco-Monza-Brianza, Roma e Palermo.

Lo studio epidemiologico ASDEU-Stella Maris è stato eseguito su più di 10.000 bambini d’età compresa tra i 7 e i 9 anni nell’area metropolitana di Pisa e provincia.

Il progetto aveva il duplice obiettivo di stimare il numero di bambini di età compresa tra i 7 e i 9 anni con una diagnosi di autismo e di individuare alunni della stessa fascia di età che non avevano una diagnosi ma il cui profilo comportamentale poteva essere suggestivo di autismo.

La chiusura della ricerca ha confermato i dati attesi relativi alla prevalenza dei disturbi dello spettro autistico in Italia ovvero di circa 1:100. I dati finali del progetto sono attualmente in via di elaborazione.

Coinvolgendo le scuole, ASDEU ha facilitato una migliore comprensione delle necessità dei bambini con autismo, elementi essenziali per una migliore organizzazione delle risorse a supporto di famiglie e alunni e ha permesso di individuare le forme di autismo più lievi, ad alto funzionamento, che sono più difficili da intercettare e poi diagnosticare.

Lo studio sarà presentato dal dottor Antonio Narzisi al convegno Erickson: Autismi, benessere e sostenibilità atteso per il 4 e 5 maggio al Palacongressi di Rimini. Durante queste due giornate ospiti e relatori internazionali faranno il punto su ricerca scientifica, nuovi modelli di diagnosi e intervento e strumenti operativi.

Per ulteriori indicazioni sono consultabili i siti www.asdeu.eu e www.convegnoautismi.it.

Milano Food City Dal 7 al 13 maggio

Anche  Lo Street Food Made in Italy …

L’appuntamento  diventerà annuale e fisso nel calendario degli eventi di Milano

Oltre 400 eventi dedicati all’agroalimentare

Milano Food City 2018 presentA con un calendario di eventi dedicati a professionisti, gourmand, cittadini e turisti;  dalla città alla periferia, nel segno del gusto e della cultura alimentare.

La seconda edizione di Milano Food City si inserisce nella programmazione di eventi voluti dal MIBACT;   il 2018 sarà l’anno da dedicare alla valorizzazione del cibo italiano.

Il sito ufficiale di Milano Food City, www.milanofoodcity.it

Dal 7 al 13 maggio, dalle ore 10 alle 21, ai Giardini Indro Montanelli ci sarà – con Apeca (l’Associazione ambulanti di Confcommercio Milano) – il villaggio Lo Street Food Made in Italy di qualità eccellente.

8 maggio; all’interno di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit, TuttoFood organizza la seconda edizione della Retail Plaza, dedicata alla grande distribuzione; Nielsen e i partner Carrefour, Coop Lombardia, Gruppo Végé e Unes con Il Viaggiatore Goloso. Laboratori, masterclass e showcooking organizzari con i partner di TuttoFood: SalumiAMO, Cheeseforpeople Award …

In Stazione Centrale si incontrerà il primo punto di accesso all’evento; un’installazione raccontaterà la manifestazione e fornirà tutte le informazioni necessarie per vivere Milano Food City.

Fieramilano e TuttoFood, avrà il centro operativo  a Palazzo Giureconsulti in via Mercanti, dove saranno organizzati: convegni, incontri, festival.

 The Mall a Porta Nuova ospita Taste of Milano: 12 chef con le loro cucine.

In piazza Castello Coldiretti Lombardia proporrà il meglio della produzione agroalimentare made in Italy.

Milano Food City 2018 è una festa del cibo a tutto tondo che abbraccia tutti i protagonisti del sistema agroalimentare con YES MILANO.

Più siamo, più doniamo; progetto di solidarietà porterà per Milano bilance speciali in luoghi simbolo della lotta allo spreco alimentare, da Piazza Castello al Gratosoglio a via Mercanti.

In piazza Duomo beneficenza con prodotti cpme pane e pizza di ottima qualità.

Tre giorni della Camera di commercio, dedicata a bambini e famiglie, con attività ludico-informative.

L’11, 12 e 13 maggio in piazza Castello anche la Camera di commerciodi Milano Monza Brianza Lodi, nell’ambito dell’iniziativa Latte Days.

Ecc…

Ecologia – Moquette per salvare il mondo e l’economia

REIVENTARE TUTTO IL SISTEMA INDUSTRIALE

lo capiranno i politici che non hanno studiato biologia o materie scientifiche e letto pochi o niente libri di ecologia  ??

OBBIETTIVO ZERO RIFIUTI

Nel 1996 Schmidheiny disse: “Prevedo che entro una decade sarà diventato quasi impossibile per un’azienda essere competitiva senza essere anche ‘eco-efficiente

Michael Braungart ha inventato Cradle to cradie; prodotti bidegadabili che assorbono sostanze nocive

La sua teoria:

“fare di più con meno”

“andrebbero incoraggiate le industrie e le attività industriali che producono meno rifiuti … “.

La moquette dell’azienda di Michael Braungart e altri progettisti, combatte le polveri sottili che uccidono ogni anno, in Europa, oltre 40 mila persone.

Praticamente, tutto quello che producono è riciclabile, nulla va distrutto o bruciato …

L’esempio lampante è il catalogo Ikea; contiene migliaia di sostanze chimiche al suo interno.

L’usura dei pneumatici finisce sullem strade e noi la respiriamo con effetti devastanti …

IL NOSTRO COMMENTO:

il modello che questa azienda propone è conveniente, ma devono capirlo tutti … !!!

Politici pep rimi; nell’Europa del Nord lo hanno  capito da tempo, ma  molti di loro sono laureati e leggono e partecipano anche  a conferenze scientifiche, che sono sempre in inglese ….

 

 

 

 

 

Viaggi last minute ? – Provate anche con www.trovaviaggi.it

Turistipercaso è  ormai noto a tutti almeno come rivista, ma offre anche viaggi su www.trovaviaggi.it –

A volte visitare un sito in più può servire per trovare l’occasione più economica; meglio in bassa stagione. Ma non smettete mai di confrontare bene prima con altri siti sicuri, solo così risparmierete davvero.

Il meglio anche com esicurezza, per risparmiare, è quasi sempre organizzarsi da soli con Booking.com o altri del genere, ma non vale in assoluto.

Se avete tempo confrontate sempre con calma e scoprirete il miglior rapporto tra qualità e prezzo.

Viaggiare – Donne che camminano da sole

Digital Camera

Una vita normale, anzi privilegiata, ma …

Alessandra Beltrame, giornalista, spiega che si sentiva in gabbia.

Ha trovato la soluzione viaggiando, non ha smesso di lavorare, ma ha abbandonato la scrivania e lo stress.

Ora viaggia per conoscere se stessa e il mondo.

Ha scelto il silenzio, la lentezza, camminando per antiche strade.

Orgogliosa di avere appreso che si può vivere con sobrietà e dignità.

Io cammmino da sola, Alessandra Beltrame, Edicilo, 14,50 euro.

 

DonnE…Cultura