La Stanza dell’Ambra 7a puntata 2018

CAPITOLO SESTO

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

IL VIAGGIO DI JAQUELINE CON ANTON SULL’ISOLA DESERTA AL SIX SENSES CON DAO IN VIETNAM.

Contemporaneamente Jaq era in viaggio, mille miglia lontana da Emanuel.
Le luci dell’aeroporto scintillavano attraverso le vetrate perfettamente linde.
“Per fortuna che esiste il “Lounge club”, dove tutto è ovattato e funzionale! Voglio provare anche la loro s.p.a.”. Affermò una Jaqueline ormai innamorata persa di Anton.
Dopo tutti quegli sconvolgimenti emotivi e il rocambolesco ritrovamento di altri indizi sulla stanza dell’ambra, Jaq era stata presa da una irrefrenabile nostalgia per i suoi amati viaggi e così se ne era andata all’insaputa dei camerieri rimasti fedeli al marito, al quale, poi, aveva spedito una lettera informandolo di un suo viaggio di piacere a Bali.
“Anton non trovi sia stata una buona idea prenotare due viaggi, uno ufficiale e l’altro solo di facciata che farà una mia amica a nome mio?”.
“Su come imbrogliare le carte sei insuperabile!” rispose il bellissimo Anton.
“Dopo questo scalo, ci fermeremo a per due notti, il tempo giusto per confondere le idee a chi volesse rintracciarmi. Comunque io risulto partita dall’aeroporto di San Pietroburgo assolutamente sola”. Continuò Jaqueline: “Ti amo e voglio godermi ogni momento di questa breve libertà, dopodomani noi due partiremo per quell’isola che molti definiscono come uno dei più bei luoghi al mondo”.
A Ho Chi Minh, non uscirono mai dall’albergo, dando sfogo a tutta la loro passione, alternando il letto con la s.p.a. annessa alla camera.
“Finalmente soli ! Possiamo fare tutto quello che vogliamo senza limiti di tempo! Cosa ne dici di tutti questi ristoranti dell’albergo? Da quale ordiniamo? Io opterei per il giapponese, così la mia linea rimarrà perfetta anche se abbonderò un poco nelle portate”. Sussurrò Jaq all’orecchio di un ormai esausto Anton, il quale assai affamato, rispose: “Scegli tu il ristorante, per quanto mi riguarda voglio ordinare: aragosta, papaia, mango, avocado e quel vino che mi avevi nominato come tra i tuoi preferiti: « La Chapelle » della Maison Paul Jaboulet Ainé, invecchiato in quelle famose cave dove il tasso di umidità non supera l’80%. Un luogo conosciuto da molto tempo. I Romani estrassero le prime pietre da questa cava nel 121 a .C. . Pietre di particolare qualità, utilizzate per costruire le più belle cattedrali. Come quelle di  Strasburgo, Marsiglia, Valence, Lione o Romans. Divino utilizzo…   Le cave di Châteauneuf non sono mai state abbandonate, anche la  Luftwaffe le usò durante la seconda guerra mondiale. Vi coltivarono anche gli champignon, ma è da quando la Maison Jaboulet le ha riscoperte che hanno ritrovato una vera nobile destinazione”.
Finalmente Jaqueline aveva trovato un uomo che di vini ne sapeva anche più di lei e di suo marito e li apprezzava al meglio. Infatti Anton non beveva mai oltre un certo limite, insomma sapeva trarre il meglio, dal magico stato di leggera ebbrezza.
Un impeccabile cameriere, completamente vestito di bianco, portò il carrello delle pietanze che vennero adeguatamente degustate.
“Una splendida colazione tra le lenzuola di lino è il meglio per rimettersi in forma, non trovi? La mia tempura di verdure e pesce era perfetta; croccante fuori, morbida dentro e leggerissima, ma il mio piatto preferito rimane l’anguilla affumicata preparata come solo i bravi chef giapponesi sanno fare. Anche la zuppa di alghe era un incanto di sapori, potessi avere a casa un cuoco di questo calibro! Ma tutti quelli che vengono in Russia lo fanno solo per aprire ristoranti; vogliono soldi e fama.
Ora che ci troviamo in questo meraviglioso stato di grazia cosa ne dici di utilizzare le chele dell’aragosta per farmi quel simpatico solletico che mi fa impazzire?”. Domandò una assai eccitata Jaqueline.
“Credo proprio che questa esaltazione del gusto dobbiamo ampliarla ad altri sensi, mi rassegno piacevolmente alla tua volontà, mia regina! Anzi ho una proposta migliore, cosa ne dici di chiamare anche quella tua amica che ti sei portata come alter ego; pensi che accetterà?”.
Ora Jequeline si sentiva benissimo, il suo corpo e il suo spirito erano stati stimolati al massimo e tutti suoi problemi si erano sciolti come neve al sole. I suoi occhi avevano ritrovato la luminosità dei momenti migliori e lei si sentiva meravigliosamente bene.
Se non fosse stato per la gentile telefonata del portiere, che li avvisava del taxi prenotato, avrebbero perso l’aereo.

IN VOLO VERSO L’ISOLA

Arrivati a bordo Jaq e Anton allungarono piacevolmente le gambe nelle comode poltrone della prima classe bevendosi un vino svizzero, un ottimo Fendant del Vallese.
“Sapevi che nel Vallese si trova il più grande e più lungo ghiacciaio delle Alpi, il ghiacciaio dell’Aletsch, che fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco? E che altri 680 ghiacciai, rappresentanti i due terzi dei ghiacciai presenti in Svizzera e un terzo di tutti i ghiacciai delle Alpi, si trovano in Vallese ?”. “Dopo quello che mi hai detto sarai costretta a mostrarmi personalmente questa magnifica zona della Svizzera, pena il mio totale disinteresse nei tuoi confronti”. Rispose Antony sorridendo, e si addormentarono.
Al risveglio Anty, come ogni tanto lo chiamava Jaqueline, alzata la tendina del finestrino, rimase stupefatto: “Ho visto tante isole tropicali, ma ne rimango sempre stupito. Questo spettacolo è indescrivibile, tutte le sfumature del blu-azzurro-verde insieme, altro che un quadro di arte moderna, a casa mia voglio un proiettore che riproduca sulle pareti questo spettacolo.
Se il paradiso dovesse esistere non potrebbe essere che così. Grazie tesoro”. Disse Antony baciando Jaq. “Lo sapevo che saresti rimasto incantato, come tutti, del resto. Sai che l’idea di riprodurre questo spettacolo sulle pareti di una casa moderna è fantastica? Quando verrai nella mia “casetta” sull’Atlantico troverai tutto questo già realizzato. La persona che ne ha cura è una mia amica artista la quale non avrà alcun problema a realizzare quello che mi hai suggerito. Fammi solo ricordare di telefonarle; per lei sarà solo un gioco divertente. Faremo delle foto dall’elicottero che ci porterà all’isola e io le spedirò via mail in modo che lei possa occuparsi della realizzazione di questa bellissima idea. Pensa, entrare in casa e vederti di fronte una parete che riproduce questa magia. Idem sul soffitto della camera da letto e sulla grande parete del mio bagno. Non mi dispiace affatto dover togliere i quadri per sostituirli con questa bellezza naturale. In fondo sono solo pochi quelli che realmente mi piacciono, anzi io salverei solo quelli di Peter Doig. A proposito penso ti piacerebbe incontrarlo, vive a Trinidad, una meravigliosa isola dei Carabi, ci andremo per il prossimo carnevale e conoscerai il vero spirito caraibico. Io preferisco il loro carnevale a quello di Rio, è più vero. E poi andremo nella vicina Tobago, dove il tempo si è quasi fermato, almeno nella maggior parte dell’isola. Qui potrai vedere depositare le uova le tartarughe di settecento chili. Questi animali vivono sulla terra da centocinquanta milioni di anni. Vederli, nel buio della notte, scavare le loro buche è come tornare all’epoca dei dinosauri”. Disse un’infervorata Jaqueline.

ANTON LA VUOLE SPOSARE

“Con te la vita sembra sempre un sogno, ma quando potremo viverlo quotidianamente, senza nasconderci?”. Buttò lì Anton. “Devo prima risolvere un grande problema e tu lo sai bene, su questo sono inflessibile”. “Ok, ok come non detto, non ne parliamo più, promesso, ma ricorda che un uomo al tuo fianco potrebbe anche rappresentare un’ulteriore sicurezza per la tua persona”.
Un solerte maggiordomo, elegantemente vestito di seta blu notte, trasportò i loro bagagli sull’elicottero.
Jaq ed Anton dopo avere ammirato il panorama e fatto molte foto dall’alto, appena sbarcati si avviarono subito verso la spiaggia, rincorrendosi e rotolandosi come bambini, quindi si buttarono in acqua completamente vestiti, togliendosi solo le scarpe.
“Anche senza maschera qui sotto è un paradiso di colori, mi ricordano i colori abbaglianti dei coralli delle Maldive prima che il turismo di massa, l’inquinamento, il riscaldamento delle acque e lo tsunami cambiassero tutto; almeno sino alla profondità di diciassette metri!”. Disse un incantato Anton.
“E’ un errore chiamarli coralli, queste sono madrepore; ma guarda che bei colori vivaci ha questo pesce Pappagallo! Gira la testa, lì, alla tua destra, quei tentacoli rosa brillante appartengono ad un’ Attinia e guarda come sono belli i pesciolini neri e arancione che vi sguazzano in mezzo, si chiamano Pesci Pagliaccio. L’ attinia, che sembra un fiore con morbidi petali, è urticante per tutti i pesci, ma non per i pagliaccio che mangiando la tengono libera dai parassiti. Si tratta di una forma di mutuo-soccorso, detta simbiosi mutualistica. Non toccare nulla, tra le madrepore si possono nascondere i Pesci Pietra, mortali per il veleno che ti iniettano appena li tocchi. Guarda quel pesce con i pallini bianchi sulla pancia, si tratta di un raro Pesce Balestra. Ormai è quasi impossibile incontrarlo a causa della terribile caccia a cui è stato sottoposto per rifornire gli acquari di tutto il mondo. E pensare che la maggioranza dei pesci catturati ha poca speranza di sopravvivere a lungo. Molti muoiono durante il trasporto, inoltre i proprietari degli acquari sono frequentemente degli ignoranti in materia e non sanno come trattare questi pesci che necessitano di spazi ben definiti e di un impianto sempre al massimo dell’efficienza. Questi pesci vengono comperati, a ben 1.5000 euro l’uno, solo per fare meravigliare gli ospiti, e trattati come un giocattolo. Quando il giocattolo si rompe se ne acquista un altro. Ecco perché ne sono rimasti così pochi”. “Quello che mi dici è criminale, perché dovremmo privare l’umanità intera di tanta bellezza per una felicità così breve?”. “Ti confesso che conosco bene il problema solo perché anche mio padre trattava come un gioco il suo acquario. Poi, un giorno, è venuto a trovarci un regista che era anche un appassionato subacqueo e ci ha consigliato di leggere un libro di Konrand Lorenz. Questo etologo ha osservato e studiato, per anni, anche la vita dei pesci della barriera corallina. Pensa, la maggioranza di loro vive in coppia per tutta la vita e ogni specie necessita di un certo spazio per sopravvivere. Insomma se non ne capiamo nulla è meglio rinunciare all’acquario”. “E … brava la mia Jaqueline, non conoscevo questo aspetto naturalistico del tuo carattere”.
Dopo la nuotata la fame li spinse verso il loro alloggio. “Ma guarda che meraviglia, una casa costruita solo utilizzando le palme, sarà freschissima con questi silenziosi ventilatori a soffitto”. Disse Anton. “E poi che meraviglia questo arredo essenziale, è tanto elegante che ci vedo la mano di un design italiano”. Aggiunse Jaq. “Che ne dici dell’idea di non mettere televisione ed aria condizionata?”. Soggiunse Anton. “Di solito in questi “rifugi” chic c’è tutto, ma ben nascosto tanto che se non lo cerchi, puoi non vederlo”. Rispose una Jaqueline molto a suo agio in questo tipo di ambienti.
Il letto costruito, come i mobili, utilizzando solo alberi di palma, era ricoperto da disegni ben augurali fatti con i petali colorati e profumati del Frangipane. Altri fiori di Frangipane galleggiavano nella grande Jaccuzzi della sala da bagno, a cielo aperto. Per la prima cena sull’isola Jaqueline aveva deciso di indossare un elegante, semplice, ma aderente tunica di lino turchese che metteva meravigliosamente in risalto i suoi occhi. Uscì dalla sua camera da letto muovendo il capo in modo da scompigliare i lunghi capelli che la avvolsero come un velo. “Sei bellissima, anche senza un filo di trucco”. Declamò Anton, realmente incantato dalla bellezza di Jaqueline.

CENA SULL’ISOLA

Arrivò il maggiordomo, giacca e pantaloni neri con bottoni in madreperla scura che, alla luce delle candele, brillavano di mille bagliori. Il menù venne consegnato con un inchino.
Anton lesse con cura la carta dei vini e, ricordando l’ottimo vino bevuto sull’aereo, fece una domanda per saggiare le conoscenze enologiche del maggiordomo, il quale rispose in perfetto inglese: “Signore, lo Chasselas è il vitigno bianco tipico della Svizzera Romanda. In Vallese prende il nome di Fendant. Il Fendant è, comunque e sempre, il vino per aperitivo per eccellenza e lo straordinario compagno di piatti di formaggi stagionati, ottimo anche con il pesce di lago o un pesce delicato di mare come un giovanissimo squalo. Questo Fendant Les Murettes, di Robert Gilliard, è un’ottima scelta, signore”. Intanto l’esperta Jaq recitò: “Uva: Chasselas, alcool: 12%, al naso rivela delicati fiori bianchi e tiglio e al palato un attacco fruttato con note minerali; con un finale intenso. Sai che è prodotto da più di 60 anni? E che va benissimo anche con il sushi?”. “Ne sai una più del diavolo o sei il diavolo in persona?”. Scherzò Anton, mentre il cameriere tornava con la bottiglia.
“A questo viaggio e ai mille che ne seguiranno”. Brindò Anton, senza tralasciare di aggiungere: “Ma soprattutto brindo alla meravigliosa donna che mi sta accanto”.
“Grazie, sei sempre galante con me”. Rispose una soddisfatta Jaqueline.
Bevvero all’aperto sulla spiaggia, mentre il sole si annullava nel mare e comparivano le prime stelle nel cielo color viola. Anche la sabbia aveva assunto una sfumatura viola e un airone solitario stagliava le sue forme sinuose contro il mare.
Il sushi, servito come accompagnamento dell’aperitivo, su richiesta di Jaqueline, venne adeguatamente apprezzato. Il riso era della migliore qualità, preparato secondo le regole tradizionali e il Wasabi era appena stato grattugiato, non quella salsa verde che viene quasi sempre utilizzata per comodità ed economia e che contiene poco, o niente, vero Wasabi e tanto rafano o altre radici più economiche. Ovviamente, anche pesce e salsa di soya erano all’altezza.
“Per fortuna che non sei tra quelli che non sopportano il sapore del Wasabi. Molti occidentali lo odiano; è così diverso dai sapori ai quali siamo abituati ! Partendo da piccolissime quantità, qualunque palato si abituerebbe e lo apprezzerebbe. Sai che ha proprietà formidabili? Le donne giapponesi ne mettono pochissimo sotto la lingua diverse volte al giorno perché aiuta a mantenere la pelle bella, ma non solo.
Il Wasabi ha proprietà antibatteriche e addirittura previene le intossicazioni; forse il suo utilizzo con il pesce crudo nasce proprio da questa sua particolarità, inoltre il Wasabi è anche un ottimo digestivo”. Precisò Jaqueline, facendo sfoggio delle sue conoscenze gastronomiche e salutistiche.
“Ora dobbiamo scegliere il menu, caro”. Disse una deliziata Jaqueline.
“Perché non partiamo dal vino? Mi pare che, sul tema vini, tu sia forse più brava di me, quindi suggerisci cosa bere, poi decideremo il menù per quel vino, ti va?”. “Ottima idea. Ecco, io vorrei un rosso, rimaniamo pure nella zona e con la stessa casa produttrice.
Ci porti un Dôle Des Monts, Robert Gilliard”. Rispose con aria saccente Jaq, aggiungendo: -“Dôle è un’appellazione protetta, esclusivamente vallesana. E’ creato con uve Pinot Noir e Gamay, alcool: 12.5%, ha sentore di frutti rossi, fragole, ciliegie e al palato offre un attacco fruttato con sentori di tannini morbidi e segosi: è prodotto da più di 120 anni. Si abbina con carni bianche e rosse, charcuterie e formaggi. Quindi benissimo per ordinare il pollo al curry che, secondo il maggiordomo, è la specialità del nostro chef”.
Mangiarono con gusto e appetito, apprezzando l’ottimo sapore del pollo al curry.
I vini avevano fatto la loro parte, mentre la magica atmosfera della notte rifletteva la luna appena sorta all’orizzonte, le palme mosse dalla brezza marina bisbigliavano le loro poesie e nel mare il plancton luccicava come ricoperto da mille cristalli; Jaqueline si buttò in acqua vestita. “Lo so che può essere una pazzia, di notte le razze dormono vicino alla riva e se le sorprendi possono alzare l’aculeo e forarti la pancia. Non so se l’elicottero sarebbe tanto veloce da salvarmi. Comunque non potevo resistere”. Disse ritornando sulla spiaggia.
La tunica bagnata le aderiva al corpo che la luce della luna rivelava in tutta la sua eleganza.
Anton prese dall’acqua diverse manciate di luminoso plancton e le depose su tutto il corpo di Jaqueline, che ora risplendeva come un’apparizione extra-terrestre.
“Ferma per tre secondi, vado a prendere la macchina fotografica a raggi infrarossi, voglio farti una foto così, per non dimenticare mai questo momento”. “Ok, ma fai presto; ho dei brividi…-. Rispose un’ormai eccitatissima Jaq.
“Eccomi, devi solo assumere la posa della Venere di Milo, proprio così, due foto e sono tutto per te”. Furono le parole di un affannato Anton. Il quale, appena finite le foto, cominciò a leccare il plancton dal corpo di Jaqueline che, alla fine, si tolse la tunica. Allora Anton la sollevò come fosse un fuscello e la fece ruotare intorno a sé, quindi la depositò sulla sabbia coprendola non solo di baci.
Si addormentarono sulla spiaggia ed al risveglio fecero il bagno, più volte mentre i colori dell’alba srotolavano la loro tavolozza dall’orizzonte. Quindi si addormentarono sulla spiaggia.
Il sole aveva rigato l’orizzonte di fasce rosa, poi le aveva trasformate in arancioni, alternate a sottili strisce di nuvole. Mentre il solito airone impertinente avanzava verso di loro; abbracciati immobili nel sonno.

RISVEGLIO E VITA SULL’ISOLA

Quando l’inserviente arrivò con la barca per portare la colazione, li vide distesi sulla sabbia e silenziosamente, come solo gli orientali sanno esserlo, piantò una tenda sopra di loro, in modo da proteggerli dai raggi del sole.
“Oddio il sole è già basso nel cielo, ma quanto abbiamo dormito? Per fortuna che hanno messo questa tenda altrimenti ci saremmo bruciati! E mi hanno anche lasciato un pareo per coprirmi”. Disse Jaqueline ad un ancora assonnato Anton.
Su di un tavolino trovarono in un thermos del caffé caldo e lo bevvero avidamente. Mentre una caraffa termica conteneva una deliziosa e freschissima spremuta di mango; dopo tante ore di sonno avevano più sete che fame.
Arrivò il cameriere che chiese loro dove servire la cena. “Io propongo di rimanere qui sulla spiaggia cosa ne dici Ant, non trovi sia una magnifica idea?”. “Hai proprio ragione. Ci porti due bicchieri di Champagne in bagno e apparecchi pure qui, torniamo entro venti minuti, intanto prepari la carta dei vini e il menù”. Soggiunse Anton ormai sveglio, dopo il buon caffé.
Mentre andavano in camera a rinfrescarsi camminavano avvinghiati, e sbandavano ridendo ad ogni passo.
“Non trovi che la vita insieme potrebbe essere magnifica?”. Azzardò Anton, ma Jaqueline lo bloccò con un bacio.
Fecero il bagno nella vasca Jaccuzzi sorseggiando la coppa di Champagne, ombreggiati da albero pieno di profumatissimi fiori Frangipane.
“Non ho mai capito perché delle semplici bollicine possano essere considerate tanto afrodisiache, ma funziona!”. “E’ solo uno dei macroscopici effetti dell’influenza che la tradizione, la pubblicità e tutti i media hanno su di noi… e poi l’alcool fa sempre la sua parte, se non ne abusiamo, e tu lo sai meglio di me!”. Furono le parole dell’alquanto allegra Jaqueline
Dopo il bagno, come la sera precedente Jaqueline indossò una semplice tunica, questa volta color corallo, in puro chiffon di seta che lasciava intravedere proprio tutto. Niente gioielli, niente trucco. Era comunque bellissima e guardandola stagliarsi contro il cielo arancio Anton ebbe un sussulto.
“Domani, per espresso desiderio della signora, è stata organizzata un’ escursione all’isola delle mante”. Informò il maggiordomo non appena si sedettero a tavola. “Grazie Jahid, ora ci mandi pure il cameriere”. Disse Antony.
“Vediamo un po’, cosa ordiniamo questa sera?” Continuò Anton non appena ebbe il menù in mano. E si ripeté la scenografia della sera precedente, ricerca dei vini, dei piatti e conclusione con bagno. Ma questa volta raggiunsero il letto abbastanza presto, per le loro abitudini; il giorno dopo la barca li aspettava di buon ora, come suggerito da Jaq, che voleva fare il bagno evitando le ore di maggior insolazione. Lei pensava sempre alla sua bellezza e sapeva bene come l’eccesso di esposizione al sole sarebbe stato un danno irrimediabile e come l’abuso dei filtri solari non fosse la miglior soluzione all’invecchiamento cutaneo.
Le mante solcavano l’acqua come giganteschi uccelli primordiali, creando una grande ombra sul sottostante fondale tanto trasparente da sembrare vicinissimo. Tutto era così calmo, così irreale che Jaqueline sentì quello stesso brivido che gli poteva procurare la promessa di una notte d’amore. Si allontanò da Anton con un guizzo potente di pinne e si mise a rotolare nell’acqua circondata da quei magnifici esemplari della natura.
All’improvviso si ricordò della neve, del ghiaccio di San Pietroburgo e della sua vendetta che doveva ancora consumare e sentì un brivido di freddo, ma tutto era così lontano che non fu difficile scacciare quel pensiero.
“Perché scappi? A volte sei strana, non sei forse felice di condividere con me tanta bellezza?”. Disse Anton raggiungendola: “Perché non mi parli di questi magnifici animali, è la prima volta che li vedo e poi mi piace tanto ascoltare le tue lezioni di biologia marina”.
“Vuoi una lezione di biologia marina? Io vorrei godermi in pace quello che ci circonda?”. Rispose Jaqueline un poco stizzita.
“Veramente, se non ci fosse quel tipo sulla barca potrei chiederti altro, ma dobbiamo rimandare a dopo. Spero che il nocchiere si allontani dopo averci servito il pranzo”. Fu la risposta di Anton.
Quando raggiunsero la riva scoprirono che lo chef stava preparando il pesce sulla brace. Una tenda bianca copriva un angolo della piccola isola e un tavolo bianco con due semplici sedie ricoperte in lino bianco era quanto di meglio si poteva ottenere in quei pochi metri quadri di isola. “Mi sono permesso di scegliere un Pierre Ollaire come mi ha suggerito il maggiordomo, nella speranza di assecondare i vostri gusti. Questo vino è prodotto con uva Petite Arvine. E’ ottimo come aperitivo e con pesci di mare e conchiglie. Quindi l’ho ritenuto perfetto per il menù di oggi. Spero sia di vostro gradimento”, precisò il nocchiere.
“Conosco bene questo vino da quando ero giovanissima, infatti è tra i preferiti da mio padre che dice di amarlo per come associa alla sua ricchezza di sapori delle note che giocano sul contrasto dolce/salato. Ottima scelta, sapremo apprezzarlo”. Rispose l’esperta Jaqueline.
Le giornate e le notti si susseguirono troppo velocemente e venne il giorno del ritorno. Jaqueline, sebbene felicissima della vacanza, ricominciò a pensare al marito ed a come sarebbe stato bello divorziare e vivere per sempre con il suo Anton. “E’ troppo presto”. Pensò: “Devo prima arrivare a fondo nella mia vendetta e trovare la stanza dell’ambra”.
Anton, che le era accanto disteso sull’amaca con lei, si accorse subito del cambiamento di umore di Jaq. “Cosa ti angusta?”, le chiese. “Il ritorno”. Fu la laconica risposta. “Perché non prendi in considerazione l’idea di lasciare tuo marito e venire a vivere con me?” Suggerì, pronto, Anton. “Davvero lo vorresti?” Rispose una più allegra Jaqueline. “Sarà duro, per me, al ritorno aspettare le tue visite, è così bello averti sempre vicina!”. A queste parole Anton fece seguire un profondo bacio nella bocca di Jaqueline. “Conosci troppo bene l’effetto dei tuoi baci su di me. E ne approfitti da quando ti ho confessato che nessuno mi aveva mai baciato come fai tu. I tuoi sono baci “orientali”, dolci, lenti e sensualissimi. Davvero vorresti che io lasciassi mio marito per te? Ma non dimenticare che prima devo portare a termine il compito che mi sono prefissata, ma poi…perché no?”. Fu la risposta di Jaqueline.
Finalmente era di nuovo felice e passarono la notte camminando in riva al mare e ammirando le sconosciute costellazioni dell’emisfero australe. Prima dell’alba Anton spalmò per l’ultima volta sul corpo di Jaq manciate di plancton. “Sei come la Venere di Milo, ma luccicante!”. Constatò un ammirato Anton e fecero l’amore per l’ultima volta sull’isola.

RITORNO ALLA REALTA’

“Cosa ne dici di queste nuove poltrone letto della first-class?”. Domandò Anton, una volta a bordo dell’aereo. “Comode, ma nulla di paragonabile all’intimità dell’isola”. Rispose Jaq. “Non dimenticare che il meglio della nostra vita deve ancora arrivare, sposami e non ti pentirai!”. Disse Anton avvicinando i due bicchieri di Chateau La Fitte delle cantine Rotschild. Poi si addormentarono.
Quando Jaqueline si svegliò Anton non c’era, -sarà alla toilette-, fu il primo pensiero. Aveva sognato di vivere nella sua bella casa di Long Island con Anton insieme a tre bellissimi bambini. -Ecco forse questa è la vera felicità della vita- pensò sorridendo mentre si incamminava verso la toilette. I corridoi erano semi oscurati; tutti dormivano ancora.
All’improvviso sentì una risata soffocata e gli parve di udire la voce di Anton. Scostò la vicina tenda che separava il personale a riposo dai passeggeri e vide Anton avvinghiato a due bellissime hostess.
In un primo momento rimase senza parole, poi sbottò, senza preoccuparsi del tono acuto della sua voce: “Sei anche tu come tutti gli altri uomini. E io che credevo di avere trovato l’amore, che stupida sono stata! Mi fai schifo, trovati un altro posto sull’aereo e non farti mai più vedere da me”.
Anton cercò le solite parole: “Ho sempre pensato che, per una donna di mondo come te, un piccolo diversivo non avesse alcuna importanza. Non volevo ferirti, scusami. Mi hanno dato da bere; non riesco nemmeno a capire cosa ci faccio qui. Io ti amo, non distruggere tutto per una stupidaggine, perdonami. Non potevo immaginare che una donna come te potesse essere gelosa, e poi di cosa? Tra noi non è cambiato nulla. Perdonami!”. E si mise in ginocchio, ma Jaq gli aveva già voltato le spalle e si era chiusa nella toilette a piangere.
Ancora una volta si era innamorata, e si era illusa o la sua era davvero stupida gelosia? No, dopo tutto erano insieme da pochissimo tempo e se già ora lui necessitava di diversivi…e poi dopo una così bella vacanza, dopo averle chiesto di sposarla. Oltretutto era anche una questione di cattivo gusto, non era disposta ad accettare un uomo a queste condizioni, sarebbe stato tutto come con suo marito. Ma anche questa volta, si promise, lei sarebbe stata capace di dimenticare; doveva dimenticare.
Intanto Antony batteva sulla porta della toilette scongiurandola di aprire, mentre il comandante in persona si prodigava per fare abbassare i toni da operetta che la faccenda aveva assunto.
Piano, piano, Jaq riuscì a calmarsi; ora rifletteva freddamente: “Ho perso, ma per fortuna me ne sono accorta in tempo! Non devo sprecare altra energia in questa storia. La mia vera vita devo ancora scoprirla”. E si lavò il viso con un delizioso latte detergente che si sciolse subito a contatto con l’acqua, lasciandole una piacevole sensazione di freschezza. Continuò a spruzzarsi il viso con l’acqua fredda, sino a che le palpebre persero il turgore del pianto. Uscì dalla toilette, mentre tutti la guardavano, ma lei era abituata ad essere osservata dal pubblico e la cosa la lasciò indifferente.
Dietro la porta della toilette si era fatta promettere dal comandante che Anton non l’avrebbe più disturbata e così fu. Il posto accanto a lei era vuoto e lo rimase per tutto il viaggio. Anton era stato evidentemente trattenuto tra la cabina di comando e la zona riservata a hostess e steward.
Appena scesa dall’aereo a Doha, Jaqueline se ne andò tutta sola verso l’aereo che l’avrebbe riportata a San Pietroburgo. Si sentiva molto triste e non riusciva, nonostante tutto, a dimenticare il loro ultimo lungo e romantico bacio.
Tornata a palazzo, trovò un furibondo marito che l’accolse nel peggiore dei modi.
Lei si rinchiuse nelle sue stanze e non ne uscì per parecchi giorni. Intanto suo marito se ne era andato contro la sua volontà, ma solo perché costretto da un grave problema economico che doveva assolutamente risolvere.
La guardia-autista di Jqueline bussò ripetutamente alla porta. “Mi scusi tanto signora, ma sono stato incaricato da una sua conoscenza di comunicarle un fatto molto grave”.
“Quale fatto può essere tanto grave per potermi disturbare quando ho dato ordini contrari?” Urlò una seccatissima Jaqueline.
“Sono veramente dispiaciuto signora, e mi creda fatico a parlare… ma devo comunicarle che il sig. Anton è in punto di morte dopo un gravissimo incidente d’auto”.
Jaqueline rimase impietrita per qualche secondo, poi disse alla guardia di preparare l’auto per una partenza immediata verso la clinica dove Anton era ricoverato. I suoi sforzi per dimenticare il loro amore erano falliti miseramente.
Nascondendo le lacrime sotto scuri e grandi occhiali neri, Jaqueline uscì senza nemmeno cambiarsi d’abito.
Entrata in auto i singulti ebbero il sopravvento e la guardia-autista, preoccupata per il suo stato le domandò se poteva fare qualcosa per lei. La risposta fu: “Non perda tempo e guidi alla maggior velocità possibile”.
Arrivati alla clinica Jaqueline uscì come una furia dall’auto e si diresse verso la sala di rianimazione inseguita da una infermiera che pretendeva di registrare le sue generalità e che Jaq bellamente ignorò.
Aprì la porta delle sale di rianimazione e subito individuò parenti e amici di Anton che stavano davanti ad una porta chiusa. Appena la videro le si avvicinarono spiegandole che nessuno era autorizzato ad entrare. Lei non badò a nulla e spalancò la porta buttandosi verso quel letto che era quasi interamente ricoperto da attrezzature mediche; tubicini di ogni genere e colore fuoriuscivano da buste di plastica appese vicino al letto e finivano sul corpo del moribondo.
Anton respirava a fatica nella maschera ad ossigeno, ma la riconobbe e i suoi occhi ebbero un lampo. “Ti perdono, ti perdono, ma non morire” urlò Jaqueline, e le palpebre di Anton si chiusero e si riaprirono velocemente, tanto che lei vi lesse un: -Ho capito, grazie-.
Il ticchettio dell’apparecchio che registrava i battiti cardiaci fu sovrastato dalle parole del personale paramedico che voleva e doveva allontanare Jaqueline.
Lei, impietrita guardava il suo Anton e non voleva saperne di andarsene. Passò parecchio tempo prima che riuscissero ad allontanarla.
Jaqueline fu fatta uscire con la forza e trascorse l’intera notte di fronte al finestrino che permetteva la visione all’interno della stanza.
La mattina un’infermiera riuscì a convincerla a fare un riposino nella stanza accanto.
Al risveglio Jaqueline si trovò di fronte una dottoressa che, con tutta le delicatezza possibile, dovette informarla della morte di Anton.
Ma il peggio fu quando Jauqeline seppe che la morte era da addebitarsi ad un distacco di una flebo a carico di un estraneo che era entrato nella stanza vestito da medico.
Jaqueline vide il mondo crollarle addosso e i medici dovettero intervenire per collasso cardiaco.

Giappone Tokyo Kyoto 8 giorni 1.400 euro – low cost

E’ un’offerta imperdibile

1.400 euro con guida parlante italiano 6 notti – 8 giorni, escluso volo intercontinentale.

www.giappone.hisitaly.com

Partenze giornaliere minimo 2 partecipanti.

Valido sino a esaurimento posti, prenotando almeno 25 gg. prima.

CODICE OFFERTA DA COMUNICARE: BIT18LAST2

INFO: via Albricci 2, Milano , tel. 89459600

milano@his-italy.net

 

OLANDA ECOLOGICA E SORPRENDENTE

OLANDA

Instock, la catena di ristoranti anti-spreco

2500 kg di cibo salvati ogni settimana
Instock è una catena olandese di ristoranti presente ad Amsterdam, Utrecht e l’Aia che ha come scopo quello di utilizzare prodotti che solitamente verrebbero scartati per varie ragioni, come per esempio le dimensioni, un aspetto imperfetto (ammaccature), o semplicemente perché sono in eccesso. Tutti i prodotti che utilizzano sono infatti prodotti invenduti che altrimenti verrebbero gettati. Dovendo Instock rispettare le stesse leggi e gli stessi regolamenti di qualsiasi altro ristorante dei Paesi Bassi, non usa ovviamente prodotti scaduti.

Ogni anno viene sprecato un terzo della produzione alimentare. Ciò equivale a circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo gettato. Non è infatti solo uno spreco di cibo, ma anche di energia, terreno, acqua e CO2. In altre parole: un enorme onere per l’ambiente in cui viviamo.

I fondatori di Instock, Freke van Nimwegen, Bart Roetert e Selma Seddik, quando lavoravano come assistenti dei gestori dei supermercati della catena olandese Albert Heijn, intuirono la possibilità di creare una migliore destinazione per i prodotti alimentari rimasti invenduti.

Ogni giorno gli chef creativi di Instock, come per esempio Lucas Jeffries, australiano trapiantato in Olanda, preparano colazioni, pranzi, cene e gustosi snack con questo cibo in esubero. Ogni settimana infatti, circa 2.500 chili di cibo vengono salvati da Instock, che spera così di contribuire anche a sensibilizzare l’opinione pubblica sugli sprechi alimentari in maniera divertente e positiva, presentando questo cibo attraverso un’esperienza gastronomica nei propri ristoranti, attraverso corsi culinari di perfezionamento, attraverso la vendita del libro di ricette “Instock Cooking, e attraverso la vendita della loro birra Pieper e Bammetjes Bier” e della Granola Instock.

Grazie ai loro 3 ristoranti, alla vendita dei prodotti e all’attività di catering, sono ora in grado di restituire nuovamente valore a questo cibo, come per esempio ad un mango maturo, a dei broccoli con un piccolo difetto o a un eccesso invenduto di carne e pesce.

Per cambiare la percezione che la gente ha dello spreco alimentare, è importante vedere i flussi di invenduto come una materia prima preziosa, e non come rifiuti.

Per maggiori informazioni: www.instock.nl

La grande diga Afsluitdijk si trasforma in un’attrazione turistica

Nuovi progetti per il centenario della diga Afsluitdijk
Quest’anno ricorre il centernario dell’inizio della costruzione della diga Afsluitdijk, una delle opere di ingegneria più imponenti di tutti i tempi: lunga 32 chilometri, essa chiuse il passaggio dell’acqua al Mare del Nord, trasformando così il ‘Zuiderzee’ (‘Mare del Sud’) nel lago IJsselmeer.

La diga, alla quale attualmente vengono eseguiti lavori di rafforzamento e miglioramento, oltre ad essere importante per la produzione di energia pulita, da quest’anno diventerà anche un polo di attrazione turistica.

Nel 2018 si inaugurerá infatti un centro visitatori all’altezza del monumento che si trova a a metà strada della diga, dove verrano fornite informazioni sul passato, il presente e il futuro della diga. All’estremità della diga, quindi a nord, all’altezza del Kornwerdezand, già in Frisia, nel marzo del 2018 si inaugurerà l’‘Afsluitdijk Wadden Center’, dove oltre ad un centro espositivo e a un punto panoramico, verrà aperto un centro informativo sul Mare di Wadden (Patrimonio Mondiale dell’UNESCO) e sulla storia dell’IJsselmeer. Inoltre, verrà creato un nuovo centro per la protezione dei pesci migratori che permetterà loro di passare dall’acqua dolce all’acqua salata senza impedimenti e infine includerà anche un’attrazione di realtà virtuale in cui sarà possibile sorvolare la provincia della Frisia.
Il progetto includerà un’installazione artistica permanente dal nome “Gates of Light” del noto artista e designer olandese Daan Roosegaarde: si tratta di un’installazione luminosa futuristica che illumina le 60 porte all’inizio della diga mettendo in evidenza i contorni delle strutture originariamente progettate dall’architetto Dirk Roosenburg, il nonno dell’famoso architetto olandese Rem Koolhaas. In assenza di automobili sulla diga, le strutture non si illuminano. L’installazione utilizza infatti un sistema riflettente che non necessita di elettricità, in linea con la decisione del Governo olandese di stabilire un piano energetico sostenibile sulle strade nazionali prima del 2030.
Per ulteriori informazioni: https://www.theafsluitdijk.com/

Una mostra dedicata alla “High Society”
Capolavori internazionali in mostra al Rijksmuseum

Dall’8 marzo al 3 giugno 2018, il Rijksmuseum di Amsterdam presenta la mostra High Society (Alta società), che vedrà esposti oltre trentacinque ritratti a grandezza naturale di potenti principi, eccentrici aristocratici e cittadini incredibilmente facoltosi, raffigurati dai grandi maestri della storia dell’arte, come Cranach, Veronese, Velázquez, Reynolds, Gainsborough, Sargent, Munch e Manet.

Il fiore all’occhiello della mostra saranno gli spettacolari ritratti di nozze di Marten Soolmans e Oopjen Coppit realizzati da Rembrandt ed esposti per la prima volta dopo il restauro.

È la prima volta che una mostra è interamente dedicata a questa favolosa tipologia di ritratti: raffigurazioni di soggetti in piedi, a figura intera, a grandezza naturale. La mostra raccoglie opere provenienti da musei e collezioni private di varie città di tutto il mondo, come Parigi, Londra, Firenze, Vienna e Los Angeles.

Capolavori internazionali

Le opere esposte sono state realizzate tra i primi anni del XVI secolo e gli inizi del XX. Tra i dipinti in mostra ricordiamo gli imponenti ritratti di Enrico il Pio, Duca di Sassonia, e Caterina, Contessa di Meclemburgo di Lucas Cranach il Vecchio (1514), la coppia di sposi Iseppo da Porto e Livia da Porto Thiene con i loro figli del Veronese (1555), Don Pedro de Barberana y Aparregui di Velázquez (ca. 1631-33), il Ritratto di Jane Fleming di Sir Joshua Reynolds (1778/79), L’artista di Edouard Manet (1875) e ovviamente Marten Soolmans e Oopjen Coppit di Rembrandt (1634).

Quattro secoli di moda

Poiché la maggior parte dei ritratti raffigura persone vestite sontuosamente, la mostra è anche una panoramica di quattro secoli di moda: dai pantaloni stretti e farsetto del 1514, all’alta moda della fine del XIX secolo. Alcuni dei soggetti ritratti, tuttavia, indossano abiti di fantasia in stile antico. Un uomo indossa un kilt, mentre un altro non porta i pantaloni, e uno è quasi completamente nudo. Un’altra particolarità è che i soggetti ritratti sono spesso accompagnati da cani. Uno solo è affiancato da un leone. Una coppia è ritratta con i figli. Gli sfondi raffigurano interni riccamente decorati, spesso con colonne e/o tendaggi oppure paesaggi estivi o invernali. Un uomo è in piedi davanti a un paesaggio immaginario punteggiato di palme, mentre un altro è ritratto in una posa stravagante davanti al Colosseo, a Roma.

Marten e Oopjen di Rembrandt

High Society celebra l’acquisizione degli spettacolari ritratti di nozze di Marten Soolmans e Oopjen Coppit di Rembrandt da parte dei Paesi Bassi (Rijksmuseum) e della Francia (Musée du Louvre), avvenuta nel 2016 da una collezione privata. La coppia di sposi è l’unica coppia che Rembrandt abbia mai ritratto in piedi, a figura intera e grandezza naturale (1634).

I dipinti sono esposti in questa mostra per la prima volta dopo il restauro, terminato all’inizio del 2018. La mostra High Society segna anche l’apertura dell’Anno di Rembrandt, nel 2019, anno in cui saranno ampiamente celebrati i 350 anni dalla morte dell’artista.
Guilty Pleasures

Contemporaneamente alla mostra High Society, sarà possibile visitare anche Guilty Pleasures (Piaceri proibiti) nelle gallerie adiacenti. Mentre i ritratti ufficiali rappresentano l’alta società in tutto il suo splendore, più di 80 stampe e disegni della collezione del Rijksmuseum offrono uno sguardo su ciò che succedeva spesso lontano da occhi indiscreti: feste, banchetti, bische e visite segrete a bordelli e boudoir.

Pubblicazione

High Society di Jonathan Bikker (ricercatore e curatore del Rijksmuseum) Edizione in olandese e inglese
Disponibile da marzo 2018 presso il negozio del Rijksmuseum, su rijksmuseum.nl/shop e nelle librerie.

Biglietti
I biglietti possono essere prenotati online all’indirizzo rijksmuseum.nl/en/tickets. Durante il periodo di apertura della mostra, i biglietti possono essere acquistati anche direttamente in loco.
Non sono previsti supplementi. rijksmuseum.nl/high-society

La più antica collezione privata di auto al mondo
al Louwman Museum a l’Aia

Più di 250 automobili storiche su tre piani

Una delle più grandi e famose collezioni di automobili storiche è esposta al pubblico nel Louwman Museum a l’Aia. Qui quasi tutti i veicoli, più di 250, molti dei quali rari esemplari, sono conservati nel loro stato originale, spesso non restaurato. Tra le eccellenze, la seconda automobile più antica del mondo, una De Dion Bouton & Trépardoux del 1887, completa di originali segni d’usura. I contrasti tra le magnifiche auto di lusso degli anni ’20 e ’30 e alcuni dei primi tentativi di auto familiari a prezzi accessibili sono netti, così come le differenze tra la cultura americana, giapponese e nazionale europea e le auto a cui hanno dato origine. La collezione contiene anche un ampio spettro di altri veicoli, tra cui “bubble car” (auto a forma di uovo), veicoli a vapore, auto elettriche e auto da corsa storiche guidate da leggende come Tazio Nuvolari. Altri veicoli degni di nota sono l’eccentrica Swan Car del 1910, un ibrido Woods del 1917, il Jaguar D-type 1957 Le Mans vincitore e l’originale Aston Martin DB5 di James Bond.
Oltre a 250 auto storiche, ospita anche la più grande collezione privata al mondo di arte automobilistica (che comprende dipinti, sculture e manifesti), appartenente all’importatore e collezionista olandese Evert Louwman. L’esposizione mira a fornire l’illustrazione più chiara e affascinante possibile dello sviluppo dell’automobile dal 1886, quando fu costruita la prima autovettura della storia con motore a scoppio (la Patent Motorwagen del tedesco Karl Benz). Le automobili pionieristiche della fine del XIX secolo sono affiancate da auto da corsa, auto sportive e limousine di lusso. L’edificio del museo, di tre piani e oltre 10.000 mq di spazio espositivo, è stato progettato dall’architetto americano Michael Graves e dal suo associato Gary Lapera.

Piet Louwman, il padre dell’attuale proprietario, iniziò la collezione nel 1934. La prima automobile era una Dodge del 1914, che ha ancora un posto d’onore nella collezione.

Louwman Museum
Leidsestraatweg 57
2594 BB Den Haag, Nederland
0031 70 304 7373
https://www.louwmanmuseum.nl

Rotterdam Street Art Museum

Il primo “street art museum” all’aperto

Nella via West-Kruiskade di Rotterdam artisti di street art di fama internazionale mettono in mostra le loro opere al pubblico. Al momento si possono vedere 2 murales realizzati dagli artisti internazionali Insane51 e Wild Drawing e si prevede che a maggio verrà completato un ciclo di 5 murales su larga scala. Questo è solo l’inizio, dato che l’obbiettivo del “Rotterdam Street Art Museum”, iniziato ad ottobre del 2017, è quello di riempire di arte la città. Un movimento artistico merita che le sue opere vengano collocate in uno spazio fisico come un museo ma cosa succedere se la Street Art viene costretta solo all’interno di uno spazio definito? Il Rotterdam Street Art Museum ha trovato il perfetto equilibrio tra “pubblico” e “privato” realizzando un museo di Street Art in strada, all’aperto, accessibile a tutti, nella via West-Kruiskade, dove vedere opere di famosi “street artists” internazionali. Questa strada, che si trova nei pressi della stazione centrale, godeva di una cattiva reputazione ma nel giro di qualche anno si è trasformata in una via movimentata piena di negozi, dal carattere multiculturale dove vivono abitanti appartenenti a ben 170 nazionalità e culture diverse.
Il fondatore e direttore artistico del museo è una street artist olandese che dichiara che il loro obiettivo è di mettere in connessione l’arte con il quartiere, installando per esempio opere e monumenti temporanei nella via, oppure realizzare murales con la storia della vita di un abitante del quartiere, mantenendo sempre uno spirito giocoso e sperimentale.
“I murales su larga scala sono un elemento molto importante del nostro lavoro” raccontano. “Poiché stiamo cercando di rimanere innovativi, pensiamo che anche la scultura e la fotografia possano essere presentate in diversi contesti”.

Lavori già completati:

Artista: Insane51 LOCATION: West- kruiskade 66, Rotterdam
Artista: Wild Drawing LOCATION: West-Kruiskade 89 (angolo con Coolsestraat), Rotterdam

Lavori in programma:
Marzo- JDL Street Art
Aprile – Astro (to be kept secret until artist arrival)
Maggio – Peeta (to be kept secret until artist arrival)

Per maggiori informazioni: http://www.rotterdamstreetartmuseum.com

Keukenhof, il più bel parco floreale al mondo

Riapre dal 22 marzo al 13 maggio 2018

Il 22 marzo 2018, il parco Keukenhof riapre al pubblico per la sessantasettesima edizione, dopo aver accolto lo scorso anno più di 1 milione di visitatori da tutto il mondo.
La più grande esposizione di fiori da bulbo al mondo riapre le sue porte con il tema del “Romanticismo nei Fiori”.

Su un terreno di 32 ettari fioriscono ogni anno in primavera più di 7 milioni di fiori da bulbo tra cui tulipani (oltre a 800 varietà), narcisi, giacinti e altri fiori da bulbo. Oltre alla ricchissima quantità di fiori il parco accoglie anche 2700 bellissimi alberi. Il parco offre un’esperienza davvero indimenticabile.

Il parco, unico nella sua specie, oltre ai 7 milioni di fiori ogni primavera, organizza circa 20 esposizioni floreali, giardini d’ispirazione, ed eventi di vario genere, offendo un’esperienza e un’atmosfera indimenticabile ai visitatori di tutte le età. I fiori del parco e le mostre di piante all’interno dei padiglioni sono una vera festa per gli occhi.

L’unione di fiori di diverso genere ma soprattutto di diverse sfumature genera la nascita di bellissimi disegni e giochi di colore. Grazie a queste su caratteristiche, Keukenhof ha vinto anche nel 2017 il premio come più bel parco primaverile al mondo.

Tema Romanticismo nei Fiori e mosaico di fiori
Il tema del Keukenhof 2018 è nel segno del Romanticismo nei Fiori.

Il Tema del Romanticismo si ritrova per prima cosa nel grande mosaico che misura 250 metri quadrati, per la cui realizzazione sono stati utilizzati ben 50.000 bulbi di tulipano, muscari e crocus. Il mosaico sarà composto da 2 strati di fiori per garantire una fioritura più duratura.

Il romanticismo e i fiori sono uniti da un legame inscindibile. Il parco primaverile più bello del mondo, vi accoglierà in una romantica atmosfera primaverile. Il parco storico è stato progettato in pieno Romanticismo (1857) come giardino ornamentale del Castello Keukenhof. Nel giardino intorno al laghetto, tra stupendi scorci e faggi secolari, fioriscono dal 1950 milioni
di tulipani. Diverse generazioni hanno vissuto grandi momenti di gioia.
Fate la vostra dichiarazione d’amore nel romantico giardino di tulipani o nel Giardino dell’amore vacanziero. Anche il tema degli spettacoli floreali è nel segno del Romanticismo. L’esposizione di rose sarà la più grande degli ultimi anni, con la rosa rossa simbolo dell’amore vero. Durante il Keukenhof 2018 potrete ammirare un meraviglioso mosaico di fiori realizzato con 50.000 fiori da bulbo. La stagione si concluderà con il Romanticismo al Keukenhof, il classico festival di musica tra i tulipani.

Il parco apporta un contributo significativo al turismo dei Paesi Bassi, e si avvale della collaborazione di centinaia di fornitori di bulbi, e della partecipazione di 500 floricoltori.

Fatti e cifre
• Il Keukenhof è aperto otto settimane all’anno
• Ogni anno il Keukenhof accoglie circa un milione di visitatori
• Il 75% dei visitatori proviene dall’estero
• Il parco ha una superficie di 32 ettari
• Ogni anno vengono piantati 7 milioni di bulbi
• Il Keukenhof presenta oltre 20 esposizioni floreali
• I bulbi sono forniti da 100 espositori
• Presenta otto giardini modello

Keukenhof
Stationsweg 166A
2161 AM Lisse
www.keukenhof.nl

La 20esima edizione del Blues Festival di Delft

Particolare attenzione al genere Gospel

Nel 2018 il Blues Festival di Delft, il più grande evento indoor di musica blues dei Paesi Bassi, giunge alla sua ventesima edizione. Nel weekend del 16, 17 e 18 febbraio il festival trasformerà Delft in una vera roccaforte del blues, con 80 spettacoli gratuiti in programma, suddivisi in 36 location sparse per il centro storico.

Come consuetudine il top della scena blues olandese e belga si esibirà durante questo weekend all’insegna del blues, ma sarà anche presente a Delft la cantante americana Michele Denise con la sua Straight Blues Band. Denise, meglio conosciuta come Sugar Queen, è una cantante versatile, cresciuta con un forte background musicale gospel e blues che normalmente si esibisce negli sia negli Stati Uniti che in Asia.

La musica gospel nacque – proprio come il blues – nei campi di cotone negli stati meridionali degli Stati Uniti e fortemente influenzata dai ritmi che gli schiavi portarono con sé dall’Africa.
La musica Gospel è stata inserita anche nel programma con lo spettacolo gratuito dell’Elijah Gospel & Soul Choir, sabato 17 febbraio, nella Chiesa di Maria van Jesse all’indirizzo Burgwal 20, a Delft. E per gli appassionati di questo genere musicale, verrà proiettato giovedì sera 15 febbraio il film “The Gospel according to Al Green” nel Cinema Filmhuis.

Il programma completo dell’Affligem Blues Festival è disponibile sul sito www.delftblues.nl

 

LA STANZA DELL’ AMBRA 6a puntata 2018

CAPITOLO QUINTO

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

ESISTONO CONFINI TRA LA NOSTRA ASSURDA ABBONDANZA E L’ASSURDA MISERIA’?
200 CHILOMETRI DI STRADA COSTRUITA TRA TEMPESTE DI NEVE E BOMBARDAMENTI E POI IL LAGO LADOGA GELATO…UNA STARDA PER LASCIARE ANCORA UN POCO DI SPERANZA AD UNA LENINGRADO ALLO STREMO

Esistono confini per la nostra assurda abbondanza o per l’assurda miseria  di parte dell’umanità ?

Comunque non possiamo smettere di sperare che l’uomo, con le infinite risorse che ha ben dimostrato di possedere nei momenti più bui della storia, sappia andare oltre l’immaginabile, anche nei suoi comportamenti positivi!

I 900 giorni della resistenza di Leningrado ne sono la prova. Già nell’antichità durante la battaglia delle Termopili (430 a.C.), un piccolo esercito di eroi, coraggiosi e ben motivati, riuscì a tenere in scacco i persiani; il più grande esercito dell’epoca!

Jaqueline continuava a ripensare a queste ed altre frasi, lette nei libri della biblioteca, che l’avevano particolarmente colpita.
L’inverno era stato più lungo e più freddo del solito. Proprio come quello del 1942-43 quando i sovietici costruirono, tra l’altro, una strada di comunicazione sul ghiaccio del Lago Ladoga, nonostante i continui bombardamenti nemici. Chi conosce i particolari di questa vicenda la annovera tra le grandi opere al limite del possibile. Anche bambini, donne, uomini e merci vennero bersagliati dal fuoco nemico mentre erano trasportati lontano dall’assedio di Leningrado ma, a dispetto delle SS, molti giunsero salvi alla meta.
I 200 chilometri di strada costruita tra tempeste di neve e bombardamenti, attraverso boschi e paludi si prolungavano sul lago Ladoga gelato. Tutto ciò permise, a fine novembre, di portare nella città ormai priva di tutto, materiale per il riscaldamento, scorte di cibo superiori alle necessità previste e munizioni.
La primavera che seguì fu brevissima.

E venne l’estate con le sue meravigliose notti bianche e gli stratosferici colori dell’aurora boreale. La magia che il grande nord regala ai suoi abitanti; quasi voglia farsi perdonare la durezza dell’inverno.
Persino durante il grande assedio di Leningrado, la bella stagione donò momenti magici ai suoi abitanti; descrizioni che Jaqueline leggeva e memorizzava assai facilmente:
“…una primavera di calma e distensione. Nei Giardini d’Estate campi di cavoli sostituivano le distese erbose. Tra le batterie contraeree sul Campo di Marte, crescevano appezzamenti di patate. Qua e là spuntavano piccoli cartelli “Orto di Kozin”, “Orto di Aleksandr Prokofjev”… Sulla scalinata della cattedrale di Kazan bolliva un samovar di rame e le donne bevevano tè fatto di chissà quali erbe. Tutti si confezionavano sigarette con pezzi di carta strappata da vecchie copie della Pravda. Le accendevano sfruttando il riflesso del sole in una lente. I tram… spesso si fermavano per i cannoneggiamenti..[ma] la morte era meno frequente… Luknitkij…vide soltanto due cadaveri [!]. Certo, la gente era magra e tesa… molti avevano le guance arrossate dal sole estivo… Troppi erano morti… Ai muri delle case erano affissi elenchi di piante selvatiche commestibili, con tanto di disegno… La casa degli scrittori… era di nuovo pulita, non più cadaveri nei ripostigli”; da “L’epopea di Leningrado”.
La città e la sua storia avevano tanto affascinato Jaquelne, che lo studio di quest’ultima era divenuto, per la ex regina del gossip, una vera ossessione che le stava cambiando i punti di riferimento.

LE DOMADE DI JAQUELINE SULLA STANZA DELL’AMBRA. JAQUELINE NON E’ PIU’ SOLO LA DONNA FRIVOLA DI UN TEMPO.

Se di notte Jaqueline rimaneva la donna frivola e capricciosa, di giorno quando non dormiva o leggeva, aveva cominciato a girare per la città con un paio di jeans stracciati ed una semplice t-shirt bianca; interrogando le poche persone sopravvissute ai fatidici 900 giorni ed alla vecchiaia. Registrava le loro storie e le trascriveva.
Ovviamente faceva molte domande sulla sparizione della Stanza dell’Ambra, ma le risposte o erano negative o parevano frutto di una interminabile fantasia.
Secondo qualcuno la Stanza dell’Ambra era stata rubata alle SS e sotterrata in una delle tante fosse comuni.
Un’anziana babushka di Pushkin, sottile come un’acciuga, con le guance “divorate” dagli anni e dalle fatiche, raccontò di avere visto, la notte prima del presunto trasporto del tesoro da parte delle SS, degli uomini incappucciati scaricare grandi contenitori in un magazzino di fronte a casa sua.
Un uomo raccontò che la Stanza era stata portata in salvo dai compagni che erano riusciti a sottrarre il tesoro, già imballato, con un aereo da guerra oltre le linee nemiche verso Irkutsk, in Siberia, dove era stato seppellito sulle sponde del lago Baikal. La medesima persona sosteneva anche che i tedeschi quando si accorsero del furto, per non subire le punizioni dei superiori, prepararono casse identiche, riempite di legna.
Altri ritenevano di aver visto le casse salire verso il cielo nella notte stellata che precedette la loro spedizione ufficiale, chi gridava al miracolo divino, chi alla magia di una strega del luogo.
Alcuni parlavano di un mago che aveva predetto, molti anni prima, il furto di un bene preziosissimo e legato ad una maledizione.
Molti concordavano sul fatto che le casse si erano misteriosamente duplicate e che solo quelle riempite con assi di legno fossero state regolarmente spedite dai tedeschi il giorno dopo.
La teoria più comune era che qualcuno avesse trafugato le casse, che quelle spedite dai tedeschi, in treno, contenessero solo strutture di metallo e legno.
I successivi trasferimenti della Stanza dell’Ambra, in castelli e cave, sarebbero stati solo considerati necessari per deviare le indagini.
Alla fine delle sue ricerche Jaqueline concluse che, sia i russi che i tedeschi, dimostravano di voler più complicare che favorire le ricerche. Forse, erano entrambi complici della sparizione. Si erano spartiti il bottino? Qualcuno, minacciando, era sempre riuscito ad evitare che la verità emergesse?
Se era sopravvissuta dove si trovava oggi la Stanza dell’Ambra?
Jaqueline si ripromise, ancora una volta, che il ritrovamento della Stanza dell’Ambra sarebbe divenuto il suo obbiettivo principale, insieme alla vendetta verso suo marito.

“LA DIFESA DI LENINGRADO 1941-44” Di: N.Baliasnikov.

Jaqueline continuava a leggere; “La difesa di Lenigrado1941-44” di N.Baliasnikov: “Nonostante le privazioni i cittadini lavorarono e continuarono a produrre negli stabilimenti, molti sino alla morte.”.
“…lavoravano sino all’ultimo respiro e morirono al posto di lavoro”.
“Il nostro campo di battaglia è il reparto”. “…gli operai decuplicarono le produzioni…”.
La sua lettura continuava, a volte, a notte fonda sino a che si addormentava direttamente con il capo sul libro e mentre dormiva nella sua mente si fissavano le frasi che l’avevano più colpita: “nel dicembre del 1941 le truppe sovietiche avanzarono da 100 a 120 chilometri riportando il nemico sulle linee di metà ottobre”.
La situazione fu descritta così da un generale: “…inizio della prima grave crisi che investì tutta l’armata tedesca dell’est. I sogni di una rapida vittoria si dissolsero come fumo”.
“Nel frattempo a Leningrado si formarono delle squadre di tiratori scelti e per questo venne creata una scuola utilizzando fucili muniti di cannocchiali. I nuovi esperti si avvicinavano alle linee del nemico costringendolo nelle trincee e scoprendo la localizzazione dell’artiglieria nemica, con il risultato che i cannoneggiamenti sulla città diminuirono”.

DIARIO DA TENERE NEL NASCONDIGLIO SEGRETO

Oggi ho scoperto la sua passione per il balletto e la musica: “Sai che sono orgoglioso di sapere che stiamo camminando sul suolo dove Serge Djagilev portò sul palco i ballerini Anna Pavlova e Vaslav Fomich Nijinsky Era il 19 maggio 1909 e nascevano i Ballets Russes, poi scoprì Igor’ Stravinskij, cui commissionò “ L’Uccello di fuoco ”? E sai che durante l’assedio Dmitrij Šostakovič compose la fiabesca “ Sinfonia di Leningrado ” ?
Mentre parla mi guarda e pare che mi voglia mangiare con gli occhi! Tutto ciò mi fa sentire bella e importante.
Si chiama Alex è bruno con gli occhi scuri, ha disperso le mie tenebre come un dio greco, sempre elegante, percepisce il mio umore come se mi conoscesse da tempo, non sono attirata tanto dal suo bellissimo corpo, quanto dalle sue attenzioni e dalla forza e sicurezza che emana.
Il suo sorriso è contagioso, la sua risata sempre squillante. E, pare, sia pazzo di me, come io di lui. Per la prima volta in vita mia ho capito cosa voglia dire essere innamorati.
Ora mi è chiaro che mio marito è stato solo uno dei tanti miei capricci; volevo dimostrare a me stessa che sarei riuscita a conquistare l’uomo più ambito dalle donne del jet-set. O forse, fu lui a decidere di volermi come moglie per i miei soldi, per le mie amiche e quelle di mio padre e io ci sono cascata da brava stupida qual’ ero allora. Lui si faceva desiderare con le sue numerose assenze e io andavo in paranoia e soffrivo per la sua mancanza. Più ci soffrivo, più lui si divertiva ad assentarsi. Uno stupido gioco, che funziona sempre con donne che non conoscono questo genere di biechi trucchetti.
Con Alex tutto è diverso, lui non finge, lui non si fa desiderare, lui è sempre disponibile, cerca di capirmi; per quello che io gli permetto. Non chiede mai nulla, mai una spiegazione, mai una domanda imbarazzante. Forse tutto questo è un’abilità acquisita con il suo lavoro di importanti pubbliche relazioni? Dice di essere un collezionista d’arte; sarà vero?
Gli ho chiesto se è giusto essere così felici: “Per ora godiamoci i colori delle aurore boreali sulla Neva, mentre i ponti si sollevano ed abbassano lentamente quando guardiamo passare le grandi navi dalla cima della cattedrale di Sant’Isacco.
Il prossimo anno partiremo anche noi su una di quelle navi da crociera ed io farò in modo che non te ne possa mai dimenticare”. Questa è la sua risposta.
La sera ci ritroviamo al fresco sotto la folta chioma secolare degli alberi dell’isola di Krestovsky ed io sono la donna più felice del mondo. Mi chiede sempre di come è andata la mia giornata ed io racconto volentieri: “Oggi sono stata a passeggiare in jeans, maglietta e una vecchia giacca a vento attraverso i parchi cittadini. Mi piace passare ore sulle panchine ammirando il trascorrere delle stagioni ed i grandiosi e edifici rispecchiati nella Neva. Per me questa città è come un’orchestra, dove tutto è splendida armonia; qui stagioni si susseguono eleganti come nelle Quattro Stagioni di Vivaldi. Ecco cosa penso di San Pietroburgo”. Lui sorride, mi ascolta e mi bacia.
“Ma lo sai che la mia vera passione quando piove è andare al Chocolate Museum? Oggi ho comprato questi cioccolatini al peperoncino, devi provarli sono veramente speciali e non guardare quel sacchetto, non è per te. Se proprio sei tanto geloso devo confessarti che si tratta dei cioccolatini riservati ai miei amici; vecchi e poveri.
Domani vado al Museo Etnografico, devo fotografare gli antichi abiti confezionati con pelle di pesce perché ne voglio uno simile per il carnevale del prossimo anno.
Appena pioverà mi devi promettere che verrai con me al Museo Imperiale della Porcellana, all’interno dell’Hermitage, così mi aiuterai a trovare, tra i suoi 35.000 pezzi, un disegno che voglio far riportare sulle tazze della nostra colazione; cosa ne dici?”.
Mentre la nostra Jaqueline si occupa di porcellane e del suo nuovo amore, nella biblioteca del palazzo, continua a leggere al storia si Leningrado.

PRIMAVERA 1941

Richard Sorge, giornalista e agente segreto sovietico, già il 20 maggio 1941, essendo venuto a conoscenza di documenti sicuri e riservatissimi, trasmise a Mosca il seguente messaggio: «…l’attacco inizierà il 20 giugno, è possibile un giorno o due di ritardo, ma i preparativi sono ormai completi. Alla frontiera orientale della Germania sono ammassate dalle 170 alle 190 divisioni tedesche. Non ci saranno né ultimatum né dichiarazioni di guerra. L’esercito russo dovrà crollare ed il regime sovietico cadrà entro due mesi”.

L’ATTACCO NAZISTA TROVO’ LA RUSSIA IN QUESTE CONDIZIONI …

STALIN ERA SULL’ORLO DI UN COLLASSO NERVOSO.
ZHDANOV, FU NOMINATO CAPO DEL COMITATO DEL PARTITO E SPEDITO A LENINGRADO PER LEGARLO ALLA FINE DELLA CITTA’; DATA PER CERTA A MOSCA.

LENINGRADO VIVE IL SUO TERRIFICATE E TRAGICO ASSEDIO DALL’ OTTO SETTEMBRE 1941, AL 18 GENNAIO 1944. I LIBRI DI STORIA NE PARLANO COME DI UNA DELLE PIU’ GRANDI TRAGEDIE VISSUTE DA UNA CITTA’ IN TUTTA LA STORIA DELL’UOMO. Ufficialmente si parla di 1.250.000 tra morti e dispersi; tra i civili e i militari sovietici.

“LE TRUPPE TEDESCHE TRAVOLGONO LA DEBOLISSIMA RESISTENZA RUSSA E AVANZANO SU LENINGRADO MENTRE I TESORI DELL’HERMITAGE ATTRAVRESANO LA PROSPETTIVA NEVSKIJ, ALLA LUCE CREPUSCOLARE DELLE NOTTI BIANCHE, PRIMA DI ESSERE SPEDITI LONTANO DAI TEATRI DI GUERRA”.

Dai libri letti, la bella Jaqueline apprese come, mentre i panzer tedeschi entravano nel paese di Stalin lui, secondo il giornalista americano H.Salisbury, era nella sua stanza con un collasso nervoso.
Probabilmente Malenkov e Beria avevano deliberatamente permesso l’entrata in Russia delle truppe di Hitler.
Questi ultimi, infatti, non permisero che le forze sovietiche venissero messe in stato di allerta; pur essendo informati dell’imminente attacco.
Chi erano Malenkov e Beria ?
Nel giugno 1941, Malenkov fu promosso al Comitato Difesa dello Stato (GKO), insieme a Beria, Vorosilov e Molotov; con Stalin come capo del comitato. Questo ristretto gruppo ha mantenuto il controllo totale su tutta la politica ed economia del Paese ed ha reso Malenkov uno dei primi cinque uomini più potenti dell’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale.
Contemporaneamente vi fu un’esclusione troppo vistosa, per passare inosservata: Andrei Alexandrovich Zhdanov fu spedito a Leningrado quando a Mosca, forse, si era già deciso di abbandonare la città di Leningrado per concentrare tutte le difese sulla capitale.
Il 22 Giugno del 1941 radio Mosca annuncia l’invasione nazista, ma l’aviazione di stanza nelle regioni occidentali del paese era già praticamente distrutta.
Non dimentichiamo che Zhdanov, il 19 giugno, era partito per una vacanza e prese le redini di Leningrado solo il 27 giugno.
Dovremo arrivare al 3 luglio, perché Stalin finalmente parli alla radio appellandosi ai popoli dell’Unione Sovietica con un discorso intensamente patriottico.
Questo episodio, colpì molto Jaqueline, come la descrizione del salvataggio delle opere d’arte dell’Hermitage.
Quando il treno carico dei maggiori valori dell’Hermitage partì da Leningrado, le notti bianche (quando il sole tramonta ben dopo la mezzanotte) non erano ancora terminate.
Chi è stato nell’attuale San Pietroburgo, in giugno, può comprendere la “tragica bellezza” della scenografia delle notti bianche.
“ … Per essere caricate sul treno, le opere dovettero attraversare la Prospettiva Nevskij. Nella luce del crepuscolo sfilarono le Madonne di Leonardo e Raffaello, la “sacra Famiglia” di Rembrandt, i Tiziano, i Giorgine, i Rubens… le collezioni di brillanti, ori e pietre preziose… Mai tanti capolavori furono trasportati contemporaneamente e, fortunatamente, tutto rimase intatto. Grazie anche alla solerzia e al duro lavoro di Joseph Orbeli, il direttore del museo, e dei suoi aiutanti.
A noi piace immaginare Orbeli commosso alla vista della partenza di cotanto carico e con il pensiero rivolto al carico successivo in partenza per il venti luglio ”.
Più o meno questo è quanto Jaqueline, lesse da un libro della biblioteca; con ammirata partecipazione.

LA VELOCE AVANZATA TEDESCA

La veloce avanzata tedesca fu dovuta al ben congegnato, e già nominato, piano “Barbarossa”.
Non meno importanza ebbe la minoranza tedesca, arrivata in terra Russa ai tempi di Pietro il Grande e di Caterina, minoranza che fu costretta a subire il comunismo. In loro il “Piano Barbarossa” trovò degli entusiasti alleati.
Si trattava di una minoranza da sempre importante nella storia della Russia, anche ai tempi del crollo dei Romanov; data la grande influenza tedesca alla corte russa.
60.000 PERSONE FANATICHE FILO NAZISTE, NELLA SOLA LITUANIA, CONTATTATI DAI NAZISTI, AIUTARONO I RUSSI NELLA REALIZZAZIONE DEL FAMOSO “PIANO BARBAROSSA”; PER L’INVASIONE DELLA RUSSIA

Tornando ai tempi della seconda Guerra Mondiale, per quanto riguarda la Lituania, sessanta mila persone erano fanatici filo-nazisti. Inoltre, in tutti i Paesi Baltici, esistevano organizzazioni clandestine anti-socialiste.
L’invasione, come spesso accade, fu preceduta da atti di sabotaggio perpetrati verso ponti, gallerie e fortificazioni.
A partire dal 17 giugno, gruppi di ufficiali tedeschi in automobile zizzagavano sul confine”.
Così lesse una sempre più sbalordita Jaqueline, lei che non aveva mai studiato la storia durante gli anni di scuola, ora ne comprendeva la grande lezione.
“In quel momento il grosso dell’armata russa era nei campi estivi, senza alcuna direttiva sui comportamenti da assumere in caso di combattimento sul territorio. E pensare che era in atto una guerra!
L’ingresso delle truppe naziste fu, anche, preceduto da una fitta distribuzione di volantini, invitanti alla rivolta, da parte di aerei nazisti.
Zhdonov, capo del Comitato del Partito, lavorò sodo, consumando anche i pasti in ufficio, ma nulla fece per predisporre le necessarie scorte in vista di una resistenza ad oltranza.
Quando si decise di evacuare donne e bambini, furono dati loro grandi scorte di cibo. Un grave errore tattico nei confronti della città di Leningrado.
Anche l’impiantistica industriale venne allontanata dalla città sino al 29 luglio, quando, finalmente!, si comprese quanto sarebbe stata indispensabile per la sopravvivenza a lungo termine. Solo allora se ne vietò l’allontanamento insieme alle scorte, ormai tragicamente ridotte, di acciaio e metalli in genere”.
Questo è quanto Jaqueline apprendeva e ricordava delle letture che ormai riempivano molta parte del suo tempo, ma solo quando era a palazzo o nelle varie biblioteche.

LA BELLA STRANIERA CHE TUTTI AMMIRAVANO E DESIDERAVANO E LE SUE VISITE AI CIMITERI DI GUERRA.
La bella straniera dallo sguardo fiero, che tutti ammiravano nelle più importanti occasioni mondane della “rinata” Lenigrando, ora chiamata San Pietroburgo, era molto orgogliosa di come stesse risolvendo i propri problemi. La ricca biblioteca del suo palazzo, quelle della città, i musei, il Palazzo di Caterina a Tsarskoe Selo ed ora un grande amore, le avevano spalancato un nuovo mondo e lei voleva approfittarne a piene mani.
Era sempre stata ingorda di novità e segreti, e pochi segreti furono mai tanto ben celati come quello della stanza dell’ambra e della magica scintilla che si chiama Amore con la a maiuscola: lei li stava scoprendo…
Una sua meta fissa era anche il Monumento agli Eroici Difensori di Lenigrado, con i periodici incontri organizzati tra i giovani cittadini ed i veterani, e il Cimitero Piskarevskoe dove trovava sempre qualche sopravvissuto alla guerra con cui parlare e chiedere informazioni sui racconti di come sparì la stanza dell’ambra.
Nel vederla così dimessa e generosa, nessuno avrebbe mai potuto immaginare il suo frivolo passato.
EMANUEL CONTINUA LA SUA VITA INCAPACE DI COMPRENDERE QUANTO JAQUELINE SIA, REALMENTE, CAMBIATA. ANCORA PROBLEMI ECONOMICI PER EMANUEL.
L’aereo stava volando sopra un banco di nubi, nessun paesaggio da guardare. Emanuel distese le gambe, ancora una volta orgoglioso di essere nella prima fila della prima classe; ma ancora per quanto?
La sua situazione finanziaria si stava rapidamente aggravando. Il denaro ricevuto dal padre di Jaqueline il giorno del matrimonio era stato male investito da quello stronzo di Jorge, l’amico d’infanzia che aveva approfittato della sua fiducia per rifilargli i suoi personali investimenti che stavano per crollare insieme all’economia dell’intera Islanda! Era stato proprio un figlio di puttana quel Jorge, eppure Emanuel lo aveva sempre saputo, come aveva potuto credergli ? Lui, che si riteneva così furbo anche con gli amici ! C’era cascato come un pollo, ed era stato spennato a dovere.
L’unica soddisfazione era che quel figlio di puttana era morto di cancro, o forse aveva chiesto aiuto ad un amico farmacista per non affrontare la lunga malattia. Brutta fine, anche per uno che aveva passato molta delle sua vita a rubare soldi ovunque e comunque.
Anche gli investimenti immobiliari di Emanuel in Cina stavano andando male e, comunque, il loro valore si era talmente ridotto che non rappresentavano più un piccolo tesoretto; come gli aveva sibilato un suo “caro” amico. E poi c’era il processo contro quel figlio di … che era stato l’amministratore dei beni di suo padre. Un leccaculo spaventoso che aveva ridotto la società al fallimento dopo essersi intascato stipendi milionari. Il tribunale di San Pietroburgo non prometteva niente di buono; avvocati legati da interessi comuni, una vera fogna di mafiosi e i pochi onesti dovevano tacere e acconsentire. A proposito, quegli avvocati stavano costando un sacco di soldi e gli investimenti nelle materie prime erano crollati spaventosamente, come avrebbe potuto pagare quelle sanguisughe?
La disgrazia più grave era stato il blocco dei versamenti da parte del padre di Jaqueline, giustificato con un presunto tracollo delle vendite dell’ultimo film di cui era stato regista. Per fortuna, Marx Le Roy aveva promesso di rimborsarlo non appena si fosse ripreso con il prossimo lavoro che, a suo dire, sarebbe stato un successo planetario.
Non ultimo, aveva anche il problema di quella moglie, forse completamente pazza, ma che era riuscita a sfuggire a quel sequestro che lo avrebbe arricchito per sempre e poi questa novità del viaggio improvviso…
Il tutto accadeva nel suo palazzo, no questo capriccio sarebbe stato l’ultimo! Lui sapeva come fare…
L’arrivo della hostess con il carrello lo allontanò da quei brutti pensieri.
Un viso dolcissimo, incorniciato da luminosi capelli di un biondo quasi bianco, trattenuti da un cerchietto di capelli intrecciati, due occhi grigi spalancati su di lui e una pelle bianchissima, una statura giunonica e un enorme seno, forse ampliato ad hoc… se la immaginò completamente nuda: meravigliosa !
“Cosa desidera sir Hannover?”. Dovette ripetere la domanda tre volte, prima che il “signor” Emanuel si destasse dal suo sogno erotico.
Sfoderando uno dei suoi infallibili sorrisi Emanuel rispose: “Quali sono i migliori vini di questo bar ?”.
“Per il signore abbiamo: dei francesi della Côtes du Rhône, il paese dei  « grandi Hermitage », dalle cave nel cuore della Drôme. Questi vini invecchiano nelle gallerie sotterranee di tre grotte di dimensioni ed epoche diverse, ben protetti nelle circa milleduecento barriques di legno”. “Grazie mi serva pure un Chevalier de Sterimberg, poi, se vuole finiamo la bottiglia insieme quando lei ha terminato il suo turno di servizio, ok?”. Rispose prontamente Emanuel, mentre la hostess gli sorrideva in modo apparentemente accondiscendente.

Arte a Milano – PRADA – “Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943″

POST ZANG TUMB TUUUM. ART LIFE POLITICS: ITALIA 1918-1943

Ha aperto il 18 febbraio, la mostra “Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943″, concepita e curata da Germano Celant, che esplora il sistema dell’arte e della cultura in Italia tra le due guerre mondiali, partendo dalla ricerca e dallo studio di documenti e fotografie storiche che rivelano il contesto spaziale, sociale e politico in cui le opere d’arte sono state create, messe in scena, vissute e interpretate dal pubblico dell’epoca.

L’indagine, svolta in collaborazione con archivi, fondazioni, musei, biblioteche e raccolte private, ha portato alla selezione di oltre 600 lavori, tra dipinti, sculture, disegni, fotografie, manifesti, arredi, progetti e modelli architettonici, realizzati da più di 100 autori. In “Post Zang Tumb Tuuum” questi oggetti sono introdotti da immagini storiche, pubblicazioni originali, lettere, riviste, rassegne stampa e foto personali per un totale di 800 documenti. In “Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943” questi oggetti sono introdotti da immagini storiche, pubblicazioni originali, lettere, riviste, rassegne stampa e foto personali per un totale di 800 documenti, così da mettere in discussione, come sostiene Germano Celant, “l’idealismo espositivo, dove le opere d’arte, nei musei e nelle istituzioni, sono messe in scena in una situazione anonima e monocroma, generalmente su una superficie bianca, per riproporle in relazione a una testimonianza fotografica d’epoca e nel loro spazio storico di comunicazione”.

L’intero percorso di visita, che si snoda tra galleria Sud, Deposito, galleria Nord e Podium, si presenta come un viaggio immersivo ritmato da 24 ricostruzioni parziali di spazi pubblici e privati. In questi ambienti, costituiti dall’ingrandimento in scala reale delle immagini storiche, vengono ri-collocate le opere originali di artisti come Giacomo Balla, Carlo Carrà, Felice Casorati, Giorgio de Chirico, Fortunato Depero, Filippo de Pisis, Arturo Martini, Fausto Melotti, Giorgio Morandi, Scipione, Gino Severini, Mario Sironi, Arturo Tosi e Adolfo Wildt, tra gli altri.

L’attenzione al contesto sociale si traduce nella presentazione di progetti architettonici, piani urbanistici e allestimenti di grandi eventi anche attraverso spettacolari proiezioni. Focus tematici dedicati a figure di politici, intellettuali, scrittori e pensatori contribuiscono a restituire il clima di forte radicalizzazione delle idee che caratterizza quel periodo storico.

All’interno del Cinema della Fondazione Prada sono proiettati 29 cinegiornali integrali, selezionati in collaborazione con l’Istituto Luce – Cinecittà, distribuiti nelle sale italiane tra il 1929 e il 1941. I filmati documentano le fasi di allestimento e i momenti di inaugurazione di alcuni tra i principali eventi espositivi e culturali del periodo.

Foto Immagine della mostra “Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943”. Foto Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti

SUDAFRICA IN FESTA EVENTI 2018

SUDAFRICA IN FESTA: TUTTI GLI EVENTI DEL 2018

Un viaggio alla scoperta della storia e della cultura del Paese tra musica, cibo e arte

–  Il Sudafrica è pieno di vita e di energia ed ogni angolo del paese è ricco di fascino e cultura vibrante. Da nord a sud, durante tutto l’anno, sono in programma numerosi festival ed eventi musicali, gastronomici, artistici e sportivi che animano la capitale e le diverse province del paese.

GAUTENG
A Johannesburg, nel cuore della provincia di Gauteng, si terrà il Dance Umbrella, un festival aperto a qualsiasi forma di danza che si è affermato nel corso degli anni come principale trampolino di lancio per molti coreografi sudafricani che, grazie alla partecipazione a questa manifestazione, hanno raggiunto la fama a livello internazionale. La trentesima edizione del festival, che si svolgerà dal 6 al 18 marzo 2018 in vari spazi e teatri della città, è finanziata dalla National Lotteries Commission per celebrare la danza sudafricana contemporanea, presentando i nuovi lavori di talenti locali e internazionali.

WESTERN CAPE

Per tutti gli appassionati di jazz e per gli amanti della buona musica, con l’inizio della primavera la capitale sarà animata dal Cape Town Jazz Festival.

La 19ª edizione si terrà il 23 e 24 marzo 2018 al Cape Town International Convention Centre e il programma 2018 metterà in luce il jazz e tutto ciò che lo ha sempre reso una forma d’arte emozionante e in continua evoluzione. La musica jazz non sarà però l’unica protagonista della manifestazione che vedrà intervenire anche musicisti wing-bop, neo-soul, hip hop, Afro soul e Zulu blues, per un’immersione nella musica sudafricana a 360°.
Dalla sua prima edizione nel 2000, il festival è cresciuto diventando un evento popolare e di grande successo che vede esibirsi, su 5 palcoscenici, oltre 40 artisti internazionali e locali. Per partecipare a questo imperdibile appuntamento occorre prenotare il proprio biglietto con largo anticipo.

KWAZULU 

Dalla sua inaugurazione nel 1990, lo Splashy Fen Music Festival  si è affermato come uno dei più importanti festival musicali in Sudafrica e oggi riunisce migliaia di persone a Underberg, nella provincia di KwaZulu-Natal.
L’evento, ribattezzato “il Festival musicale più amichevole del Sudafrica”, celebra la vita, l’arte, la musica, l’amore e il divertimento nella cornice naturale dei monti The Drakensberg, sito UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Il Festival, il cui nome trae origine dalla tenuta in cui si svolge, è l’ambientazione ideale per organizzare un evento musicale grazie alla presenza di magnifici anfiteatri naturali, alla perfetta acustica, alla vista mozzafiato offerta dal paesaggio montano circostante e ai grandi campi pianeggianti ideali per una notte in tenda sotto le stelle. L’edizione 2018 si svolgerà dal 28 marzo al 1° aprile 2018.

NORTHERN CAPE

Afrika Burn, festival che ha come temi principali la condivisione e la libertà di espressione, si svolgerà dal 23 al 29 aprile 2018 e riunirà 10.000 persone che potranno partecipare alle diverse attività organizzate all’interno degli spazi della manifestazione.
L’evento è il risultato dell’espressione creativa dei partecipanti che si riuniscono, una volta all’anno, nel Tankwa Karoo per dare vita ad una città temporanea di arte, musica e performance di spettacolo.

Ogni partecipante deve portare con sé l’occorrente di cui ha bisogno per tutta la settimana della manifestazione tra cui una tenda, un sacco a pelo pesante e un borsa termica, oltre ad una serie di piccoli pensieri e regali da condividere con gli altri.

L’evento, aperto a persone di tutte le età, offre una ricca serie di attività personalizzate a cui partecipare, come feste e spettacoli di musica elettronica, corsi pratici di yoga e momenti di intrattenimento per bambini e famiglie.
Durante il festival si potrà bere e scatenarsi, ascoltare e suonare buona musica e bruciare le installazioni in legno create appositamente per l’occasione, nel pieno rispetto della natura. È infatti vietato lasciare qualsiasi tipo di rifiuto negli spazi nella manifestazione e tutto ciò che viene portato con sé durante l’evento dovrà essere gettato o portato via.

EASTERN CAPE
Per la maggior parte del popolo sudafricano partecipare almeno una volta al Grahamstown Festival, meglio conosciuto come National Arts Festival, rappresenta un vero e proprio rito di passaggio. Questo appuntamento, lungo dieci giorni, è infatti un importante appuntamento nel calendario culturale del Paese e la più grande celebrazione annuale delle arti del continente africano. Il festival, il più antico e famoso nel campo artistico, si svolgerà dal 28 giugno fino all’8 luglio nella piccola città universitaria di Grahamstown, situata a 130 km da Port Elizabeth nell’Eastern Cape. L’edizione 2018 vedrà animarsi una vera e propria festa culturale tra teatro, musica, danza e cinema.

LIMPOPO

Oppikoppi Bushveld Music Festival è il più grande festival di musica che si svolge su più giorni nella provincia di Limpopo del Sudafrica, vicino alla città mineraria di Northam. Il nome “OppiKoppi” è un’abbreviazione colloquiale in lingua locale della frase “op die koppie”, che significa “sulla collina”.
Appuntamento imperdibile per gli amanti della musica, nel 2008 è stata riconosciuto dai media britannici come il 4° miglior festival musicale a livello internazionale e nel 2016 ha registrato il record di 20.000 partecipanti. Anche se in origine il festival è stato concepito per celebrare e diffondere principalmente la musica rock, oggi più generi sono stati aggiunti al programma della manifestazione. Attualmente l’Oppikoppi Festival ospita infatti circa 160 set di musica internazionale e sudafricana dando ampio spazio a hip hop, hardcore, pun, ska, folk, blues, drum’n bass, big beat, kwaito, jazz, funk, metal, indie e molti altri.
Quest’anno il festival si svolgerà dal 4 al 7 ottobre 2018 e, come nelle passate edizioni, vedrà riunirsi in un unico spazio persone provenienti da diverse città del Sudafrica e del mondo, accomunate dallo stesso amore e interesse per la musica.

FREE STATE  
La città di Ficksburg, incastonata tra colline ondulate e un imponente scenario montano, è una delle mete del Sudafrica prediletta dai turisti. E in questa cornice si svolgerà il Cherry Festival, il più antico festival del raccolto del Paese. L’evento, in programma dal15 al 17 novembre 2018, comprende un ricco programma per tutte le età con musica dal vivo, laboratori, ricette a base di ciliegie e una serie di divertenti eventi sportivi a cui partecipare, come la mezza maratona su strada, partite di golf ed eventi equestri.
Lungo le strade di Ficksburg, nota anche come “Capitale mondiale delle ciliegie”, saranno proposti suggestivi cherry tours e agguerriti concorsi per la realizzazione dei migliori prodotti alimentari a base di ciliegia. Il Cherry Festival offre un’ottima opportunità per promuovere la città in termini di turismo, far assaporare ai visitatori la bontà dei frutti locali e scoprire questo bellissimo angolo del Sudafrica.

SOUTH AFRICAN TOURISM
South African Tourism è la DMO per la repubblica sudafricana e fa capo al National Department of Tourism. South African Tourism lavora con l’industria turistica e con il governo per promuovere il Paese a livello nazionale e internazionale ed accrescere il numero di visitatori in viaggio di piacere o affari con l’obiettivo di aggiungere 5 milioni di turisti nazionali e internazionali nei prossimi 5 anni. Il turismo rappresenta il 3% del PIL del Sud Africa e circa il 4,5% della forza lavoro totale del Paese lavora in questo settore (secondo le statistiche sudafricane del 2014). South African Tourism ha uffici in Australia, Brasile, Cina, Francia, Germania, India, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti.

www.southafrica

Vacanze di Pasqua inedita Laguna di Venezia – lenta – niente folle e natura

A Pasqua una inedita Laguna di Venezia: lenta, lontana dalle folle ed immersa nella natura … anche birdwatching
Lungo i canali della Laguna più famosa del mondo a bordo di un Houseboat, per riscoprire natura, tipicità, luoghi misteriosi.
Ma c’è un modo per conoscere e vivere Venezia e la sua Laguna lontano dalle folle, riscoprendo lentezza, natura, contatto vero con luoghi e persone.
Un itinerario straordinario ed affascinante per conoscere davvero la Laguna lo propone houseboat.it, leader italiano per il noleggio di imbarcazioni fluviali.
Un nuovo modo di fare turismo, nato in Francia e diffusosi in tutto il mondo: le imbarcazioni di Houseboat.it sono belle, eleganti, possono essere guidate senza alcuna patente o brevetto, si impara a pilotarle in un paio d’ore di formazione. Ma soprattutto ti permettono di vedere la Laguna di Venezia in modo del tutto nuovo.
Si parte da Casale sul Sile. In prossimità della base troverete la deliziosa piazzetta con campanile del paese di Casier, dove vi suggeriamo di sostare la prima o l’ultima notte di crociera.
La vostra vacanza fluviale inizierà attraversando il Parco del Fiume Sile, immerso in una lussureggiante vegetazione ed impreziosito dalla presenza di sontuose ville con giardino.
Lungo il tragitto ormeggiate la vostra barca agli ormeggi pubblici di Casale sul Sile e Quarto d’Altino e visitate le loro piacevoli piazze.
Dopo circa tre ore di navigazione fluviale, arriverete al paesino di Portegrandi, e, superata la conca, abbandonerete il fiume Sile per entrare in Laguna di Venezia.
Navigando con la vostra houseboat tra i canneti (zona ideale per il birdwatching) e le meravigliose distese d’acqua lagunari, arriverete in circa un’ora all’isola di Burano.
Sostate negli ormeggi Houseboat.it e andate alla scoperta delle calli tra le caratteristiche case coloratissime. 
Fermatevi al Museo del Merletto o, se preferite comprarne uno, tra i numerosi negozi sparsi nell’isola.
Volendo potrete sedervi alla nota trattoria al Gatto Nero. In questa isola la compagnia offre ormeggio privato anche per la notte. Un vero must.
Attraversate il canale e visitate la meravigliosa cattedrale di Torcello e i suoi mosaici bizantini dorati della basilica di Santa Maria Assunta e la scalata della torre campanaria.
La navigazione verso Venezia dura all’incirca un’ora. Lungo il tragitto incontrerete isole di grande fascino come San Francesco del Deserto, che vi incanterà con il suo monastero francescano e il curatissimo giardino, tappa distante dal turismo di massa e veramente unica , e Sant’Erasmo, detta l’Orto di Venezia per la sua vocazione agricola e ideale per un pomeriggio in spiaggia o in bicicletta.
Straordinario il tramonto lagunare che si ammira da quest’isola, una piccola oasi verde con una spiaggia isolata e un anello di itinerario ciclabile molto piacevole, tra canali, vigneti e monumenti storici. Se capitate in isola nel momento giusto non scordate di provare la tipica specialità isolana: il carciofo viola di Sant Erasmo.
Sostando negli ormeggi privati Houseboat.it di Vignole o nei porti vicini, finalmente farete il vostro grande arrivo a Venezia. Città ricca di storia, di arte, di romanticismo, da cui poter raggiungere anche Murano o il Lido di Venezia
Ripartendo da Venezia con il vostro battello senza patente e dirigendosi verso sud direzione Chioggia, attraverserete numerose piccole isole della laguna (San Servolo, Santa Maria delle Grazie, San Clemente, Santo Spirito) e potrete vedere meravigliosi paesaggi lagunari.
Continuando la navigazione lungo la lingua di terra che divide la laguna dal mare incontrerete Malamocco e Pellestrina, da cui si possono percorrere itinerari ciclabili sul lungomare e in spiaggia. Per gli appassionati di golf, potrete giocare al circolo di golf di Venezia ad Alberoni.
In circa tre ore di crociera si arriva agli ormeggi Houseboat.it a Chioggia, proprio nel centro della città. Chiamata “la piccola Venezia” per le caratteristiche urbanistiche similari, offre un bellissimo centro storico adatto per passeggiate e biciclettate in famiglia. In un quarto d’ora in bici raggiungerete Sottomarina: località balneare molto frequentata in estate per spiagge, aperitivi e divertimenti. Voltando la prua verso nord e risalendo l’itinerario percorrete canali lagunari diversi da quelli dell’andata così potrete visitare tutte le località sopracitate.
I costi? Davvero contenuti e per Pasqua ci sono sconti del 20%, proprio per i weekend nella laguna di Venezia. A titolo di esempio:
barca Minuetto 6+ = 6+2 posti letto, costo scontato del 20% per 850 euro per il weekend di Pasqua.
Oppure la Magnifique, 8+2 posti letto, anche questa scontata del 20% per i 3 giorni da sabato a pasquetta ad euro 979,00
houseboat.it propone tantissimi itinerari, in Italia ed in Europa, per un modello di turismo davvero diverso dal solito, che permette di ritrovare il gusto della lentezza, della natura, ma anche del rapporto vero e diretto con i luoghi e le persone.

DonnE…Cultura