Archivi categoria: qualità/prezzo

Viaggi organizzati estate 2018 – Il nostro modesto parere su di un rapporto qualità prezzo

ABBIAMO TROVATO QUESTI PREZZI COMPETITIVI:

8 GIORNI TOUR USA/CANADA giugno – agosto  – settembre : 1.435 EURO (mezza pensione + 295 euro)

http://www.brevivet.it/viaggio.php/id_114/canada-usa-da-toronto-a-new-york-min-2-persone-8-giorni-aereo.html

Giro Portogallo 1.420 euro / 8 gg. / luglio agosto e settembre

http://www.brevivet.it/viaggio.php/id_59/gran-tour-del-portogallo-8-giorni-aereo.html

Spagna del Nord: 1.610  euro /8 giorni / estate 2018

http://www.brevivet.it/viaggio.php/id_58/spagna-d-oro-8-giorni-aereo.html

San Pietroburgo e Mosca:8gg. 1.480 / agosto / settembre

http://www.brevivet.it/viaggio.php/id_69/san-pietroburgo-e-mosca-8-giorni-aereo.html

 

E molte altre proposte al link http://www.brevivet.it

 

VIAGGIO DA NON PERDERE: PANAMA FOTO E INFORMAZIONI.

Il rarissimo uccello Quetzal

Un Paese che ci ha affascinato più del Costa Rica.

Meravigliose spiagge e impressionate natura; balene, tartarughe, rari uccelli dalle piume dorate…

UN RAPPORTO QUALITA’ PREZZO MOLTO VANTAGGIOSO.

Panama 672 Contadora mareIMAG4426_BURST001

Panama 672 aereo viaggi ok Contadora MAG4528

Isola di Contadora.

PANAMA 300 IMG_0441

Cascata di Boquete.

PANAMA orchidee fiori IMG_0739

 Orchidea della FINCA DRACULA; il miglior luogo dove vedere orchidee rare al mondo. In questa zona ne crescono 2.000 specie.

PANAMA 300 guida IMG_0515

Boquete.

PANAMA 450 IMG_0402

PANAMA foresta passerella IMG_0318

PANAMA 300 IMG_0513

 Boquete.

Panama canale IMAG4321

Il Canale di Panama dal treno.

Panama IMAG4280

Panama città.

Panama IMAG4319

Antico treno che porta i viaggiatori lungo il canale.

Panama IMAG4322

 

Panama IMAG4317_BURST001

Panama IMAG4576

Panama, chiesa.

PANAMA IMG_9716

Panama la città vecchia; parzialmente ristrutturata.

Panama MAG4245_BURST001

Panama città vecchia.

Panama IMAG4249

 Panama Colon IMAG4387

Storico albergo a Colon, alla fine del Canale sul lato dell’Oceano Atlantico.

Panama cibo IMAG4209

Panama Contadora aereo IMAG4570

PANAMA IMG_9815

PANAMA IMG_9930

Panama IMAG4250

Città di Panama

Panama IMAG4277

PANAMA balena megattera IMG_0071

Balena a Contadora.

PANAMA 672 quezal uccello IMG_0469

Il rarissimo Queztal.

Informazioni generiche su Panama:
tutte le informazioni che possono interessare il turista: www.atp.gob.pa
-telefono dall’Italia 00507
-due stagioni ( 26-30° e oltre, umido durante la stagione delle piogge):
secca da gennaio ad aprile (Boquete a gennaio gode del clima migliore, comunque qui sempre eccellente, con splendidi arcobaleni, in città e lungo la costa del Pacifico fa molto caldo)
umida negli altri mesi, con una diminuzione consistente delle piogge a settembre; comunque il clima è tropicale ed alle piogge si alternano, nella medesima giornata, ore di sole e fa meno caldo che durante il periodo secco.
lingua: spagnolo, ma molti parlano anche inglese
moneta: il dollaro americano è accettato ovunque ed ha un valore identico alla moneta locale
mance: se non sono comprese nel prezzo (servizio) è bene lasciare un 10%
tasse: come negli USA, al prezzo dichiarato si devono sempre aggiungere le tasse
patente: per 90 giorni si può guidare con la patente italiana
assicurazione: ogni turista gode di una assicurazione GRATUITA
ospedali: gli ospedali di eccellente livello sono numerosi, Clinca Paitilla, Clinica San Fernando, Hospital Nacional e Hospital Punta Pacifica
ambulanze: 236-6060
elettricità: PORTARE GLI ADATTATORI PER GLI USA, 110 volts, nessun problema con i dispositivi elettronici se si porta l’adattatore.
-PANAMA CITTA’: trasporto gratuito dal vostro hotel al centro commerciale Multiplaza e Metromall di Panama: telefono 222-8210, 6613-4694
-I pensionati a Panama godono di molti privilegi: sconti sull’elettricità, poche tasse, speciali trattamenti nelle banche, l’Italia gode di vie preferenziali per la richiesta di residenza.
Vedi altre informazioni per i pensionati al link:

Partenza 19 settembre, ritorno il 5 ottobre 2014, (per Panama è bassa stagione, settembre è il mese della stagione delle piogge nel quale le precipitazioni sono abbastanza ridotte; noi ci siamo trovati bene).
Volo Malpensa Panama: 650 euro.
Siamo partiti da Milano Malpensa alle 10 a.m., con un volo American Airlines diretto a New York.
Arrivati a N.Y. all’aeroporto J.F.K. nel pomeriggio, abbiamo raggiunto l’albergo con i mezzi pubblici: Air Train e poi metropolitana.
Albergo: World Center Hotel (144 Woshington Street, www.wordcenterhotel.com; con vista spettacolare su Ground Zero (L’hotel è esattamente di fronte alle fontane) e grattacieli intorno, prenotato con Booking.com. Due persone con cucina e salottino per eventuale terza persona: 200 euro (camera più piccola 150 euro).
L’abbiamo scelto perché centralissimo e vicinissimo ad un ottimo ristorante e ad un ottimo posto per la prima colazione all’americana: tutto entro 30 metri.
Inoltre, l’albergo dista 200 metri (2 strade) dal Century 21; dove si acquista tutto a prezzi eccellenti. Per esempio un set completo per trucco Elizabeth Arden a 20 dollari (matite, fard, rossetti, pennelli in bella scatola con cassettino), principali marche di vestiario scontate del 70 % anche 80.
La cena era programmata al MORTON’S THE STEAK HOUSE, appena usciti dall’ingresso dell’albergo a sinistra la porta vicina. Ristorante elegante. Attenzione perché il ristorante chiude alle 21,30.
Il mattino successivo colazione da BILL?S BAR & BURGER, DI FIANCO ALL’HOTEL: VERA, NOSTRANA CUCINA USA: PAN CAKES E HABURGHER MEGA UOVA E PANCETTA CROCCANTE
Poi siamo partiti per l’aeroporto di Newark con un auto a noleggio prenotata in anticipo via internet con Carmel www.CarmelLimo.com per 70 dollari mancia, tasse, pedaggi compresi.
Volo per Atlanta, sosta in aeroporto in attesa del volo con pranzo a base di prime ribe, tipicamente americano: costolette di maiale in una salsa deliziosa.
Arrivati a Panama abbiamo preso un taxi bianco, quelli segnalati dalle guide, spendendo più del doppio rispetto ai taxi gialli; che negli ultimi anni sono controllati e sicurissimi.
Per muoverci in città poi useremo sempre il taxi giallo del conduttore più simpatico della città, scoprendo così ch eu taxi gialli sono molto meno cari, ma altrettanto sicuri a differenza di quanto dicono tutte le guide che abbiamo letto (Lonely e National Geographic; ultimamente la politica turistica ha permesso l’eliminazione dei tassisti abusivi e poco sicuri.
AVIER e tel 00507 6870 9036: con lui spendevamo circa 6 dollari per ogni spostamento, 25 per andare all’aeroporto internazionale.

Per dormire, abbiamo scelto il Novotel, prenotato con Booking com, 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, con prima colazione (non eccellente), ma avevamo una bellissima grande camera comoda con due grandi letti.
Da questo hotel si può camminare a piedi, anche in piena notte, per raggiungere il vicino ristorante El Prado, ottimo rapporto qualità prezzo, frequentato dai locali; ottimo pesce, ma non solo.
La mattina ci siamo diretti, a piedi, verso il Mercado del Mariscos: mercato del pesce.
Dal mercato, con una breve passeggiata lungo l’oceano, abbiamo raggiunto il centro antico.
Visita del centro, ben ristrutturato, foto e caffè italiano.
Al ritorno, affamati, ci siamo fermati in due dei ristorantini intorno al mercato del pesce (Mercado de Mariscos, via Cinta Costera,) per gustare i piatti locali: “cevice” (pesce crudo nel lime e cipolla) poi due pesci alla piastra: ottimi.
All’albergo ci aspettava il nostro autista per portarci a visitare la foresta vergine Metropolitana: niente di speciale, se avete già visto le foreste tropicali; ma è speciale la vista dei grattacieli della città incorniciata dalle piante della foresta.
il giorno successivo lo abbiamo interamente dedicato al viaggio con l’antica ferrovia che costeggia il canale. Ci siamo fatti portare per le 7,30 alla stazione dal nostro taxi e abbiamo acquistato i biglietti, circa 36 dollari per tratta e per persona.
Il viaggio sulle antiche carrozze permette di vedere tutto il canale e la sua lussureggiante vegetazione. Si deve precisare che non è consigliabile camminare, anche in pieno giorno, nelle strade di Colon, se non si è panamensi.
All’arrivo avevamo chiesto all’autista del vicino hotel Melià di venirci a prendere con l’auto e così abbiamo conosciuto una persona che ci ha raccontato tutto quello che volevamo sapere della zona e della struttura che oggi, in piccola parte è hotel, ma che fu scuola militare americana.
La Scuola delle Americhe (SOA). Nei suoi 56 anni di vita ha insegnato a più di 60.000 soldati latinoamericani: tecniche di repressione, di guerra d’assalto e psicologica, di spionaggio militare e tattiche per gli interrogatori. La storia, purtroppo, ci racconta che centinaia di migliaia di latinoamericani sono stati torturati, stuprati, assassinati, “fatti sparire”, massacrati e obbligati a fuggire ad opera dei “diplomati” presso la SOA. 
La Scuola fu istituita inizialmente a Panama nel 1946 e cacciata dal paese nel 1984 seguendo le condizioni del Trattato del Canale di Panama. Questi “diplomati” hanno spesso utilizzato le loro abilità per intraprendere una guerra contro la loro stessa gente. Qui hanno studiato: Manuel Noriega, Juan Francisco Velasco Alvarado, Roberto Eduardo Viola Prevedini e molti altri.
Dell’antica struttura rimangono ancora edifici abbandonati o ben ristrutturati, come l’hotel Melià che, seppur un poco datato, mantiene il fascino dei vecchi alberghi dei veri viaggiatori.
Un giorno in hotel con uso delle piscine e degli spogliatoi immersi in un giardino spettacolare, pranzo a buffet compreso, ci è costato 36 dollari a testa; una pausa che abbiamo molto apprezzato anche per il magnifico giardino dell’albergo con affaccio sul lago dove si possono fare escursioni, praticare la canoa ecc..
Al ritorno, senza pagare alcun supplemento, l’autista ci ha portato a visitare rapidamente la città di Colon, non raccomandabile ai turisti solitari, meglio in auto .
Abbiamo visitato il vecchio e glorioso hotel Washington, un poco decaduto, ma sempre bello.
Il taxi ci ha mostrato anche la zona tax free, qui si trova di tutto, senza tasse.
Una signora locale conosciuta in aereo ci ha poi raccomandato di farvi gli acquisti, tutto molto scontato.
Qui i prezzi sono ancora più economici che negli outlet statunitensi: si trova tutto, dall’abbigliamento alle macchine fotografiche agli orologi delle marche più prestigiose, tutto esente dalle tasse.
Al ritorno; cena, riposo e partenza per l’isola di Contadora in aereo. Prenotato precedentemente via internet, costo: 120 euro, tasse comprese.
Volo con piccolissimo aereo, dopo una lunga attesa, atterraggio su altra isola (non previsto), panorama mozzafiato sulle isole.
A Contadora abbiamo sbagliato completamente il luogo dove dormire. Seguendo i suggerimenti della Lonely Planet e di Trip Advisor abbiamo prenotato Casa del Solo: non fatelo ! Il secondo letto era più simile ad una cuccia per cani che a un letto per una persona. L’aria condizionata non era regolabile: o freddo gelido o caldo soffocante.
Le pale al soffitto, bassissimo, hanno causato una forte faringite con forzata sosta a letto per 2 giorni!.
Per soli 15 dollari in più, il bellissimo ed elegante Hotel Romantica, direttamente sulla spiaggia, ci offriva una bella ampia camera con aria condizionata ben funzionante !!
Omar 00507 694 08 771 è stato il nostro punto forte a Contadora: bravissimo nocchiere ci ha portato a visitare tutte le isole più vicine con la sua barca.
Grazie a lui abbiamo sempre visto le balene, pescato ottimi pesci, anche il, qui raro, wahoo (buonissimo a tavola); che poi abbiamo mangiato ottimamente cucinato da un ristorante locale raccomandato da Omar (sull’angolo di fianco alla sede della compagnia area, sopra Isla del Pacifico supermercato)
Uscite in barca a 40 dollari l’ora per 2 persone. Omar tel
Il miglior ristorante dell’isola è il Ricon, in centro vicino alla stazione della polizia.
Ottimo anche il ristorante dell’hotel La Romantica.
Nota su Contadora, se siete allergici alla puntura degli insetti, microscopici, che abbondano sull’isola, potreste soffrire parecchio. Pungono anche con il repellente; portate medicine adeguate per combattere l’allergia e per togliere il dolore.
CONTADORA
www.visitcontadoraisland.com
info@contadoraisland.com
Dormire:
Villa Romantica: sulla spiaggia, brezza costante nella stagione umida (maggio-dicembre), ottimo servizio, belle camere. Prezzi speciali in bassa stagione, buono il ristorante; contadora@villa-romantica,com www.contadora-villa-romantica.com
Più economica, al centro dell’isola: Hotel Hibiscus per 32 persone 95 dollari più 10% tasse con colazione ricca di frutta tel +507-6781-1638 (che vanno sempre aggiunte a qualunque prezzo), qui abbiamo trovato un’auto elettrica per 50 dollari al giorno.
Partiti da Contadora, dall’aereo abbiamo fatto delle splendide foto alle isole sottostanti.
All’aeroporto dei voli nazionali di Panama, ci siamo recati all’ufficio della compagnia Thrifty, con la quale avevamo prenotato un’auto dall’Italia.
La compagnia si è rivelata efficientissima; personale educato e sollecito.
Non disponendo dell’auto che avevamo prenotato, l’hanno subito sostituita con una di categoria superiore al medesimo prezzo: fantastico.
Spesa totale: 310 dollari.
La benzina costa 1 dollaro al litro.
In due ore di auto abbiamo raggiunto la località montana di El Valle: famoso centro di soggiorno per panamensi benestanti con villa privata.
E’ subito evidente l’immensa distanza tra i grandi suv e jeep e le povere bici dei locali.
Il paese non offre molto, la cascata è famosa, soprattutto per la possibilità di sorvolarla appesi a una fune. All’entrata abbiamo pagato anche per fare il bagno, ma non era sotto la cascata, solo un bacino artificiale vicino: non ci è piaciuto e abbiamo rinunciato.
Anche la cascata, se siete abituati alle cascate delle foreste tropicali con bagno nella pozza sottostante, non vi sembrerà meritevole della sosta.
Abbiamo invece apprezzato la possibilità di alloggiare nel luogo dove sorgeva un antico albergo, ancora oggi gestito da una famiglia locale.
Situato in un gradevole contesto naturale, ai piedi della montagna, dalle finestre è possibile vedere e fotografare uccelli e un’uscita notturna, con torcia e attenzione, vi farà scoprire la famosa rana dorata, tipica di questa zona e salvata dall’estinzione proprio dalla famiglia proprietaria dell’albergo.
Anni fa queste rane furono vittime di un’aggressione di funghi chiodini che le stava sterminando. I proprietari dell’albergo misero a disposizione delle stanze per salvare le rane.
L’albergo antico è stato distrutto e ora si alloggia in grandi, semplici, camere dotate dei confort necessari.
Se volete il lusso, lo troverete altrove.
Dopo El Valle, con un viaggio sulla Panamericana di 4 ore, abbiamo raggiunto la torrida città di David.
Da qui abbiamo proseguito per Boquete, famosa località di montagna.
Boquete si è rivelata essere una delle più ambite mete dove trascorrere la pensione per gli americani.
Molto meno cara degli USA, dotata di un clima abbastanza fresco tutto l’anno; solo nelle ore centrali del giorno, in centro città si può soffrire un poco il caldo nei mesi delle piogge. mentre in estate, dal nostro gennaio, il cielo è terso e soffia sempre una gradevole brezza.
Gennaio è il mese migliore per visitare Boquete, il cielo terso permette di vedere la cima del vulcano BARÚ e numerosissimi arcobaleni.
Le sistemazioni sono alla portata di tutte le tasche dall’economico a 10 euro a notte, in bassa stagione, ma in centro dove fa caldo e senza aria condizionata, sino agli alberghi con spa.
Per fermarsi a lungo è consigliabile parlare con la gente che vi abita; se vi accontentate potrete trovare alloggio con cucina anche a 100 euro al mese, in località Vulcancito, dove non fa mai caldo, ma nemmeno mai freddo. Ben collegata con la città con i bus e gli economici taxi.
Ottima la frutta tropicale che si acquista nei negozi o al mercato.
Non manca un supermercato fornitissimo che offre tutti i prodotti di marca degli USA, ma anche pasta italiana e sugo Mutti a prezzi alti.
Numerosi e vari i luoghi dove mangiare. A noi è piaciuto il ristorante peruviano Machu Pichu; ottimi pesce, carne e zuppe.
Economico e senza pretese il self service locale denominato Duran. Lo trovate in centro, non lontano dalla piazza principale dove si affaccia il miglior bar; qui l’aria condizionata permette una gradevole sosta nelle ore più calde, il caffè Moccacito è delizioso come i pochi, ma gustosi dolci. Qui trovate anche il famoso caffè qualità DURAN, assai raro e considerato il migliore al mondo.
Passato il ponte sul fiume, girando a sinistra trovate il negozio che vende piante e orchidee accanto ad un giardino eclettico. Qui ha sede la famosa fiera delle orchidee che si tiene a Boquete ogni anno durante il mese di aprile.
Noi abbiamo alloggiato al B&B Palo Alto (85 dollari la camera doppia con colazione in bassa stagione), sulla strada per palo Alto a circa due chilometri dal centro della città di Boquete.
Lo consigliamo perché non è facile trovare un servizio tanto efficiente e delle camere tanto funzionali e gradevoli in un giardino che, da solo meriterebbe la sosta.
La colazione del mattino viene servita di fronte ad un magnifico scenario naturale. uova, salsicce, frutta tropicale, yogurt, pane tostato e corn flakes, succo di frutta esotica e caffè. Qui l’ultima mattina abbiamo mangiato i migliori pan
cakes della nostra vita, cucinati dalla padrona della struttura; fantastici !
I dintorni di Boquete offrono la possibilità di camminate di ogni tipo; dalla più impegnativa, sino alla bocca del vulcano, alle altre non meno faticose alla ricerca del mitico uccello Quetzal; che noi abbiamo avuto la fortuna di fotografare, grazie alla nostra bravissima guida Edoardo tel 00507 6601 6479.
Le passeggiate nella foresta richiedono un’adeguata attrezzatura, ma soprattutto sconsigliamo di avventurarsi da soli in quanto i pericoli sono più numerosi di quanto un profano si aspetti. Ma chiunque può fare delle belle passeggiate all’aria buona intorno alla città.
Le guide hanno sempre con loro i vari sieri contro i morsi dei serpenti, che sono abbastanza rari.
Solo per chi va a cavallo le possibilità di morsi di serpenti aumentano. Il movimento delle braccia che sfiorano i rami degli alberi li spaventa e un serpente, che salta, attacca alle gambe; non servono scarponi, attacca alla coscia.
In ogni caso nella zona ci sono molto meno serpenti che in altre località con foresta tropicale, poiché nelle circostanti piantagioni di caffè viene sparsa una sostanza che li tiene lontani.
Comunque esistono anche possibilità di fare anche n passeggiate non impegnative, fuori dalla città per respirare aria buona di montagna.
I ragazzi giovani arrivano a Boquete per praticare i soliti sport “estremi”; rafting, bike, arrampicate, uscite con mezzi motorizzati per spingersi nelle foreste; quest’ultimo un passatempo che a noi non piace perché inquina, anche per il rumore e non fa bene alla salute.
Molte sono ile zone intorno a Boquete dove gli americani, e non solo, hanno costruito grandi ville, giardini, campi da tennis e da golf.
Uno sport club esclusivo è a loro disposizione.
Nelle vicinanze di Boquete si trovano anche delle acque termali.
La destinazione più interessante, per noi, è stato l’orto botanico di Guadalupe, dopo Cerro Punta. Per raggiungerlo abbiamo dovuto rifare, parzialmente, la strada per David e poi, solo con l’auto del satellitare, siamo riusciti a trovare la strada perché non ci sono indicazioni di alcun genere.
Comunque partendo da David si spendono 36 dollari di taxi per raggiungere la Finca Dracula.
Il parco botanico FINCA DRACULA (il paradiso delle orchidee) , aperto dalle 8 alle 17 tutti i gironi, con visite guidate ben presentate da una ragazza molto competente in materia. 1 adulto e uno studente: 11 dollari, ma dopo avere sentito il profumo di vaniglia di alcune orchidee, avrei pagato qualunque cifra.
Il luogo è definito da molti, anche da noi, una delle più ricche serre di orchidee mai viste.
Qui si incontra il miglior clima al mondo per la crescita delle orchidee. Il nome Dracula proviene dal fatto che i fiori di molte di queste orchidee si aprano solo di notte.
Qui potete acquistare orchidee per pochi dollari, anche se vi sono specie rare che possono costare anche oltre 200 dollari.
Finca Dracula è uno dei più interessanti luoghi al mondo per vedere orchidee rare.
I mesi migliori vanno da aprile a maggio, con quest’ultimo come migliore in assoluto.
Alla Finca Dracula è possibile vedere molto altre piante che non siano orchidee, un bel laghetto e una cascatella.
Comunque siamo riusciti a fotografare diverse orchidee Diablo; scure con sfumature nere, sicuramente emozionanti per qualunque appassionato del genere.
Ma la cosa che ci ha più colpito è stato il persistente e delicatissimo profumo di vaniglia che aleggiava nell’aria; un profumo che mai avevamo sentito tanto intensamente.
Dopo un soggiorno di 3 giorni e le foto del rarissimo Queztal, abbiamo lasciato Boquete ci siamo diretti verso l’oceano Pacifico. Dopo David abbiamo deviato per
Las Lajas Beach; dove si trova Las Lajas Beach Resort www.laslajasbeachresort.com
La località deve ancora svilupparsi dal punto di vista turistico.
La spiaggia è immensa e circondata dalle palme.
Qui si vendono lotti di terreno a 20.000 dollari per 500 mq., ma in seconda linea rispetto alla spiaggia; considerato che la zona è molto calda e dove si deve edificare sono stati tagliati tutti gli alberi grandi, forse non è un affare, anche se la spiaggia è veramente affascinante: immensa e totalmente libera.
Una famosa scrittrice americana (Anna Markland) viene su questa spiaggia per rilassarsi e ispirarsi e non è difficile crederle.
Tornati sulla Panamericana, il viaggio prosegue con una certa lentezza a causa del traffico dei giorni feriali e dei grandiosi lavori in corso per raddoppiare la carreggiata.
L’idea di fermarci per una notte lungo l’oceano si rivela vincente.
Arriviamo all’hotel con tante ore di auto alle spalle, ma ci sentiamo subito meglio anche per la meravigliosa vista sull’oceano dalla nostra camera e la lunghissima e deserta spiaggia dove passeggiare.
L’hotel scelto è lo Sheraton, del quale abbiamo letto anche diverse relazioni negative.
Noi l’abbiamo scelto anche per il prezzo che abbiamo trovato su Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti vista mare, pensione e bevande comprese per 2 persone.
Il buffet non è di quelli che si ricordano, ma comunque c’era tanta buona frutta e dell’ottima coda di toro veramente ben cucinata, i dolci non erano male, il resto non ci interessava.
Il numero delle piscine è notevole come la loro scenografia, ma a noi interessa il mare e così ci precipitiamo in spiaggia: lunghissima, sino all’orizzonte, completamente vuota, salvo le sdraio dell’albergo. Entrando nella parte dedicata agli sport d’acqua scopriamo che la canoa è gratis e ne approfittiamo subito; la corrente non è pericolosa.
Il mare è molto caldo e invita anche ad un bel bagno.
Le onde non sono eccessive, ma non è per nuotatori insicuri.
La sera abbiamo prenotato il ristorante giapponese, compreso nella pensione completa.
La scenografia all’entrata è molto elegante. Tutto il gruppo che ha prenotato viene fatto sedere attorno ad una piastra dove un cuoco locale si esibisce in alcuni giochi d’effetto, giusto per un villaggio turistico.
Non si è trattato di una cena in vero stile giapponese, né il cibo lo era, comunque era tutto commestibile e la gente che ci circondava è sembrata molto soddisfatta. Per noi si è trattato di fare qualcosa di diverso; comunque non eravamo interessati al buffet ,che per questa sera, era a base di piatti italiani.
La colazione del mattino l’abbiamo limitata a tanta frutta, caffè latte e corn flackes.
Poi ci siamo goduti ancora una bella nuotata in mare, anche se il rientro ha richiesto un minimo di attenzione, l’oceano va sempre rispettato ed è solo per chi sa veramente nuotare.
Partiti verso le 10 di mattina, ci siamo rifermati sull’oceano a un’ora da Panama città per ammirare un nuovo gruppo di condomini di lusso in prima fila sull’oceano. Posizione magnifica, grande eleganza e linearità di stile, splendide viste sulla spiaggia e sull’oceano.
Un vero ottimo investimento; a partire da 380,000 dollari per un’ampio bilocale all’ultimo piano con vista mozzafiato,
A Panama abbiamo riconsegnato l’auto a noleggio e con 2,50 dollari ci siamo fatti portare in taxi al ristorante vicino al nostro albergo, sempre il Novotel. Il ristorante, senza pretese, ma quasi sempre buono El Prado è raggiungibile, in piena sicurezza anche di notte camminando 5′ dal Novotel.
Quest’ultimo raccomandabilissimo; per la sua comoda ubicazione anche per raggiungere il nuovissimo ed efficiente metro; un ristorante per mangiare pollo si trova proprio di fronte all’albergo e qui i polli hanno ancora un sapore !
Un poco più avanti dall’hotel, in giornata si può anche raggiungere un altro luogo frequentato solo da locali, dove si può avere un pasto tipico panamense a pochi dollari.
La nostra vacanza è terminata con una partenza la mattina prestissimo con volo per Atlanta, poi volo per New York e quindi per Milano.
Abbiamo prenotato poco prima della partenza e quindi non avevamo molta scelta, non volendo spendere una grossa cifra per il solo volo, ma chi può prenotare con largo anticipo sicuramente troverà dei voli, se non più economici più comodi.
La prossima volta che torneremo a Panama, durante il soggiorno in città prenoteremo presso un’agenzia locale una giornata o due alle isole San Blas e trascorreremo qualche giorno in un albergo a palafitte sul mare sull’arcpelago Bocas del Toro ( tiotomsguesthouse.com Isla Bastimentos; careeningeay.com, www.farodelcolibri.com, , se avremo tempo anche altri giorni nel selvaggio Darien, ma solo con una buona guida (tour organizzati da 4 gg a 6gg. tel. 00507 3958 165 39 Eco Adventure tel locale: 6655-0984; per la pesca d’altura: tel.00507 3467 162 7 Deep Sea Fishing; per bird watching tel 00507 3571 163 16).
Al prossimo viaggio.
Foto e info di altri nostri viaggi su www.donnecultura.eu

PANAMA:
Autonoleggio: Triffy; Sizuky ritirata in aeroporto e lasciata nella sede in centro città; aperta sino alle ore 10 di sera. Ottimo servizio, personale gentile: 337 dollari per 7 giorni. La benzina costa circa 1 euro al litro.

HOTEL A PANAMA: Novotel, in centro, possibile raggiungere, a piedi, ristorante per la cena; zona assolutamente sicura. 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, bassa stagione, su Booking.com; per 3 notti. Eccellente rapporto qualità prezzo. Piccole pecche: profumazione non gradita nella hall e colazione a buffet con caffè-latte veramente inbevibile (ma si può chiedere caffè italiano a 2,5 dollari), pancakes senza sciroppo…
MANGIARE:
Dal Novotel, proprio di fronte un locale che serve dell’ottimo ed economico pollo arrosto; a piedi si raggiunge El Prado: cucina locale discreta. Sempre a piedi (indicativamente verso la metro) anche RIKO POLLO; semplicissima cucina locale rustica, molto economico.
Sushi Itto: cucina giapponese e latina; pesce fresco, anche servizio a domicilio; Multipalza Mall e Plaza Obarrio (vicino a El Santuario).

BOQUETE
All’Ufficio di Informazioni per il Turista: sulla strada principale, prima di arrivare a Boquete centro, all’altezza della deviazione per Vulcancito, ma sul lato opposto della carreggiata. Personale molto gentile; la miglior fonte di informazione; ci ha ricevuto la signora: Cefati.
Dormire:
Hotel Palo Alto; per noi il miglior rapporto qualità prezzo, eccellente servizio, eccellente colazione all’americana con panorama mozzafiato; tutto ok, un poco in alto rispetto al centro (2,5 Km) per godere del fresco della montagna; in città in giornata può fare abbastanza caldo. WiFi gratis nelle camere.
http://hotelpaloaltoboquete.com ; info@hotelpaloaltoboquete
Boquete Tree Trek, per chi non bada a spese e vuole stare immerso nella natura, casette in legno. Non vicino alla città. www.boquetetreetrek.com
Per chi non ha pretese: Casa Pedro, camere da 35 a 100 dollari. La sistemazione è spartana, ma avete tutto il necessario, anche la possibilità di cucinare. Chiedete la camera con il balcone. 5 camere. A 5′ dal centro. WiFi e caffè gratis www.casapedroboquete.com casapedroboquete@hotmail.com
Pe visite accompagnate:
Noi abbiamo fatto riferimento ad una guida espertissima, come segnalato nelle foto
Per chi ama il tutto organizzato, anche direttamente dall’albergo: Boquete Tour, telefono: 730-9353 WWW.BOQUETESAFARI.COM INFO@BOQUETESAFARI.COM

OCEANO PACIFICO:
Sheraton Bijao Beach Resort: località Santa Clara, a circa 2 ore di auto a nord della città di Panama, con Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti e vista oceano, pensione completa, bibite e canoa.  

Fiori 450 Panama varie IMG_9851

Varie aereo 672 Contadora aereo IMAG4522_BURST001

Panama IMAG4612

Mangiare street food sulla Panamericana lungo l’oceano Pacifico.

Panama cucina IMAG4608

Panama IMAG4504

Contadora ristorante casalingo.

panama Contadora IMAG4506

 

 

 

Panama Contadora IMAG4503

Contadora aeroporto.

Panama cibo IMAG4258

Pesce fritto e contorno al Mercado dei Mariscos a Panama città.

Panama IMAG4192

Panama IMAG4251

Panama hotel Boquete Palo Alto IMAG4624

Albergo Palo Alto a Boquete.

Panama Boquete IMAG4633

Boquete la piazza centrale.

Panama Boquete antico treno IMAG4628

L’antico treno che univa Boquete all’oceano Pacifico.

Panama Boquete IMAG4634

Annunci di vendita a Boquete

Panama Boquete ristorante Machu Pichu IMAG4625

Ristorante Machu Pichu a Boquete.

Panama IMAG4274

Camera Novotel a Panama.

Panama Colon interno h Washington IMG_9942

Interno dell’ormai decaduto albergo Washington a Colon

Panama COLON IMG_9968

Panama Colon IMG_9958

 Colon, la chiesa più antica.

Panama Colon Hotel Washington IMG_9945L’ormai decaduto, ex albergo di lusso, Washington a Colon; comunque ancora ricco di fascino.

Panama Colon IMG_9935

 

 

Colon, la città sul canale di Panama dal lato dell’Oceano Atlantico. Una città dove non manca il lavoro, ma gli abitanti preferiscono o non lavorare o spendere i soldi in auto e feste, ma non per pagare l’affitto e la luce.

A Colon si trova anche un grandissimo centro fee tax, dove si acquista tutto senza pagare tasse: dagli orologi di marca ai telefonini agli elettrodomenstici.

Qui i ricchi affari del canale sono anche in mano ad una minoranza araba ed ebrea.

COLON IMG_9976

ORCHIDEE e altri fiori DALLA FINCA DRACULA:

PANAMA orchidee fiori IMG_0716

Abbiamo visitato una delle collezioni più ricche al mondo di orchidee.

Profumi inebrianti, colori e trappole semoventi (come quella fotografata qui sotto)per insetti: ecco cosa sono le orchidee.

PANAMA orchidee fiori IMG_0715

L’orchidea qui sopra fotografata, quando viene toccata da un insetto si muove per far scivolare l’insetto verso  il suo polline !

Si chiama FINCA DRACULA il posto migliore al mondo per chi ama le orchidee. 2.000 specie crescono in questa zona.

PANAMA orchidee fiori IMG_0558

PANAMA orchidee fiori IMG_0711

PANAMA orchidee fiori IMG_0709

PANAMA orchidee fiori IMG_0708

PANAMA orchidee fiori IMG_0707

PANAMA orchidee fiori IMG_0705

PANAMA orchidee fiori IMG_0703

PANAMA orchidee fiori IMG_0691

PANAMA orchidee fiori IMG_0708

PANAMA orchidee fiori IMG_0704

PANAMA orchidee fiori IMG_0703

PANAMA orchidee fiori IMG_0691

PANAMA orchidee fiori IMG_0688

PANAMA orchidee fiori IMG_0654

Alcuni fiori non sono di orchidee, ma li abbiamo fotorafati per laloro rarità e bellezza.

(PIU’ SOTTO TROVERETE LE ORCHIDEE DIABLO)

PANAMA orchidee fiori IMG_0651

PANAMA orchidee fiori IMG_0637

PANAMA orchidee fiori IMG_0618

PANAMA orchidee fiori IMG_0563

QUI SOTTO LE ORCHIDEE DIABLO CHE CRESCONO SOLO QUI

 PANAMA orchidee fiori Dracula vampira IMG_0693

PANAMA orchidee fiori Dracula Vampira IMG_0686

PANAMA orchidee fiori Dracula Vampira IMG_0685

Altre orchidee e fiori che ci hanno affascinato:PANAMA 672 orchidee fioriIMG_0729

PANAMA 672 orchidee fiori ok IMG_0566

PANAMA 672 acqua cascata ok IMG_0677

PANAMA 450 fiori IMG_0458

PANAMA IMG_0243

I grattacieli di Panama city visti dall’aereo.

PANAMA Varano animali IMG_0130

PANAMA animali cerbiatti IMG_0175

PANAMA IMG_0164

Albego Romantica a Contadora

PANAMA 450 fiori IMG_0458

L’uccello idolatrato dagli indigeni; il Quetzal.

PANAMA caimano coccodrillo animali IMG_0266

Caimano.

PANAMA 450 Edoardo +507 66016479 IMG_0460

La nostra guida a Boquete: Edoardo.

PANAMA 450 IMG_0402

Cartelli lungo la strada per Boquete.

PANAMA foresta passerella IMG_0318

PANAMA montagna foresta IMG_0365

Pareti dell’enorme, antichissimo ed enorme vulcano che circonda la zona dove è situata la località montana di El Valle: qui troverete una bella cascata che potrete superare appesi ad una corda in assoluta sicurezza.

A Panama assaggerete il più dolce ananas del mondo.

WEEK END DA NON PERDERE: monte Bisbino e…

Un’imperdibile passeggiata,  tra i boschi del comasco e il Canton Ticino.

www.viaregina.eu

Sabato 9 maggio 2014 e poi tanti prossimi appuntamenti in tutto il nord d’Italia e confini,

Dal progetto Interreg, un’idea garbata e intelligente per trascorrete lietamente il tempo;  conoscendo il territorio e le su storie.

Bisbino IMAG2724

Bisbino IMAG2694

Bisbino IMAG2713

Da qui vedono anche il Monte Rosa e il Monviso.

Bisbino 5000 IMAG2711

Bisbino 672 IMAG2729

Storie di contrabbandieri.

Bisbino IMAG2709

Bisbino IMAG2706

Bisbino IMAG2707

Bisbino IMAG2697

Bisbino IMAG2714

Un poeta scrittore del ‘700 ha rallegrato il nostro cammino insieme ad una bella, ed elegante,  signora dell’epoca.

Bisbino IMAG2718

SEGUONO LE FOTO DELLA CAMMINATA SUL BISBINO CON www.

Bisbino IMAG2741

Bisbino IMAG2732

Bisbino IMAG2710

Bisbino IMAG2720

Panorami.

Bisbino IMAG2740

BISBINO IMAG2744

Vari personaggi, in costume, hanno divertito tutti con tante bellissime storie.

Bisbino IMAG2705

Bisbino IMAG2733

Bisbino IMAG2735

Bisbino IMAG2736

Bisbino IMAG2734

Bisbino IMAG2725

Bisbino IMAG2731

Il signor Giovanni ha creato una serie di divertenti sculture in legno che allietano grandi e bambini di passaggio su questo itinerario che porta a Piazzola (monte Bisbino; Cernobbio-Como).

Per informazioni sulle sue opere: cell 366 4274 336. Tante idee per un regalo non banale.

Bisbino IMAG2739

Tra appunti e schizzi di viaggio, su apposita agenda regalata,  recite a soggetto,  informazioni storico-geologiche e molto altro… per finire nel mondo favoloso di uno scultore-artista che ha regalato un paesaggio da fiaba a tutti i viandanti… e poi polenta con farina prodotta sul posto !

Una bella giornata tra simpatiche persone e una sana passeggiata.

www.viaregina.eu

Più sotto  altre proposte  a Milano e sulla Via Francigena.

—-

Per altre idee per il tuo weekend, questa volta a Milano,  vedi anche Forum della Città Mondo   nel sito del Comune di Milano.

https://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/CDM?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/ContentLibrary/elenco+siti+tematici/elenco+siti+tematici/forum+della+citta+mondo/nuova+home+page+forum+citta+mondo2

Partecipazione del Forum della Città Mondo alla Marcia “Tutti insieme con i Trofei di Milano”

Sabato 10 maggio alle ore 9.00 presso l’Arena di Milano – via Byron, 2 (tram 2-4-12-14 fermata “Arena” e MM2 Lanza) si terrà la marcia “Tutti insieme con i Trofei di Milano”, prevista all’interno del progetto “Trofei di Milano – 5 Cerchi per Exsport”, organizzato dal Comitato Organizzatore AICS con il prezioso supporto del suo Presidente Prof. Franco Ascani.

Il progetto, inserito nel palinsesto di Expo in Città – maggio 2014, ha come obiettivo la valorizzazione dello sport ed il suo linguaggio universale per trasformare in realtà quella “energia per la vita” che costituisce uno dei temi fondamentali di EXPO 2015 e comprende la “Maximarcia dei 50 anni dei Trofei” aperta a tutti con iscrizione gratuita.
L’iniziativa prevede una camminata di circa 2 Km all’interno del Parco Sempione per ragazzi, famiglie, gruppi sportivi, nonni e nipoti e la partecipazione dell’Associazioni del Forum della Città Mondo, all’insegna dell’amicizia tra i popoli. I partecipanti dovranno trovarsi all’Arena Brera entro e non oltre le ore 8,45, dove sarà consegnato gratuitamente il Pettorale.

Per maggiori informazioni Comitato Organizzatore AICS via De Amicis, 17 Milano – tel. 02.8940.90.76  – email:aicsmilano@ficts.org per l’iscrizione compilare il modulo: https://trofeidimilano.wufoo.com/forms/z91i0090yokdmu/

Partecipa al Concorso “Dal Mondo con Sapore”. Invia le tue ricette entro il 30 maggio 2014

Nell’ambito del progetto “ Urban Cooking & Gardening” (FEI), è stato organizzato il Concorso di cucina interculturale “Dal Mondo con Sapore” con la collaborazione del Partner Pandora Società Cooperativa Sociale Onlus. 
-Il Concorso è riservato ai cittadini maggiorenni di paesi terzi e comunità migranti sul territorio della provincia di Milano, che prevede due sezioni: 
– Sezione “ricette di famiglia”: aperta a tutti, si propone di raccogliere ricette nelle varianti familiari e domestiche.
– Sezione “professionisti”: riservata ai cuochi “professionisti”, raccoglierà le ricette in una versione “ufficiale” (per questa sezione è necessario allegare un curriculum vitae).

Partecipare è semplice: 
– basta compilare il modulo online sul sito www.cittamondo.it oppure: 
– scaricare il modulo nella sezione “Allegati” ed inviarlo via mail a: cooking@cittamondo.it o ac.reticoopculturale@comune.milano.it
– in caso di impossibilità di invio telematico, il modulo può essere consegnato al Servizio Reti e Cooperazione Culturale – Piazza Duomo 14. Il modulo deve essere compilato in ogni sua parte e inviato entro il 30 maggio 2014.

Le ricette selezionate saranno comunicate ai vincitori entro il 7 giugno 2014 sul sito web di Città Mondo e direttamente tramite la loro posta elettronica. Il premio verrà consegnato durante la Conferenza Internazionale sull’Intercultura dell’ 11 giugno 2014 a Palazzo Reale e sarà il seguente:

– Ai vincitori delle tre ricette selezionate per ciascuna categoria – sezione famiglia e sezione professionisti – verranno assegnati dei panieri di prodotti alimentari equosolidali. 
– I vincitori della “sezione professionisti” saranno anche proclamati “Cuochi Ufficiali di Cittàmondo “ e vedranno proposte le loro ricette all’interno del menu del buffet della Conferenza stessa.

Regolamento e Modulo nella sezione “Allegati”.

——–

Le “ONDE” in programma

EVENTI TRANSNAZIONALI

Cammino di San Carlo

collegamento con il progetto “CoEUR, nel cuore dei cammini d’Europa, il sentiero che unisce” Interreg IT-CH

  •  Associazione Storie di Piazza in collaborazione con CAI


DA Sabato 3 Maggio 2014
 (GIORNATA NAZIONALE DEI CAMMINI FRANCIGENI) (Vedi) a sabato 6 settembre alla Madonna del Sasso ecompletamento del percorso Cammino di San Carlo – CoEUR verso la Svizzera 

ONDE:

Venerdì 16 maggio                 
da Santuario della Brughiera di Trivero (BI) al Santuario di Banchette di Bioglio (BI)
via Mosso, Veglio, Santuario del Mazzucco di Camandona, Callabiana, Selve Marcone, Pettinengo e Santuario di Banchette.
La tappa si svolge al pomeriggio (partenza ore 14,30 dal Santuario della Brughiera), con arrivo serale in fiaccolata da Pettinengo a Banchette (ore 21), nell’ambito del 500° anniversario del Santuario.
Lungo il percorso animazione culturale e teatrale con la “Portantina di San Carlo, parole e musica in cammino”.
L’ultima parte del percorso raccoglierà anche i fedeli delle parrocchie prossime al Santuario, per un pellegrinaggio comune. Al Santuario si terrà una conferenza in tema mariano, con letture e animazioni teatrali.

Domenica 18 Maggio     
da Arona (NO) a Orta San Giulio (NO)
via Paruzzaro, Invorio, Monte Barro, Cascine di Ameno, Monte Mesma, Legro, Sacro Monte di Orta.
Partenza ore 8 da Arona Colosso di San Carlo.

Sabato 7 giugno       
dal Sacro Monte di Orta (NO) al Sacro Monte di Varallo (VC) in occasione della 15° PEREGRINATIO
via Orta, traversata in battello, Pella, Arola, Colma di Civiasco, Addolorata di Civiasco, Cilimo, Varallo.
Partenza ore 7,00 dl Sacro Monte di Orta (info www.sacrimonti.net).

Domenica 8 giugno         
da Varallo (VC) a Guardabosone (VC)
via Roccapietra, laghi di S. Agostino, Quarona, S. Giovanni in Monte, Agnona, Guardabosone.
Partenza ore 8 da Varallo, Piazza Vittorio (Collegiata).

Sabato 21 giugno     
da Guardabosone (VC) a Coggiola (BI)
via Postua, Madonna del Ferro, Ailoche, Santuario della Brugarola, Caprile, Santuario dei Moglietti, Coggiola.
Partenza ore 8 da Guardabosone, parcheggio all’inizio del paese.

Domenica 22 giugno   
da Coggiola (BI) al Santuario della Brughiera di Trivero (BI)
via Santuario del Cavallero, Masseranga, Santuario della Novareia, Castagnea, Trivero, Oasi Zegna, Santuario Brughiera.
Partenza ore 8 da Coggiola, chiesa parr. di S. Giorgio.

Sabato 28 giugno        
da Pettinengo (BI) a Santuario di S. Giovanni d’Andorno (BI)
via Locato, Tavigliano, Rialmosso, Quittengo, Campiglia Cervo, San Giovanni. Partenza ore 8 da Arona Colosso di San Carlo.
Partenza ore 8 da Pettinengo, chiesa di S. Sebastiano (ingresso Villa al Piazzo).

Domenica 29 giugno     
dal Santuario di S. Giovanni d’Andorno (BI) al Santuario di Oropa (BI)
facendo in mattinata il panoramico percorso pianeggiante del Tracciolino. Partenza ore 8 da S. Giovanni.

Sabato 5 luglio       
dal Santuario di Oropa (BI) alla Trappa di Sordevolo (BI)
lungo il percorso dell’ex tramvia di Oropa, Favaro, Parco della Burcina, Pollone, Sentiero Frassati, Tracciolino, la Trappa.
Lungo il percorso animazione culturale e teatrale con la “Portantina di San Carlo, parole e musica in cammino”.
A Pollone sosta nell’ambito delle manifestazioni a ricordo di Pier Giorgio Frassati (1901-1925). Si riparte seguendo il Sentiero Frassati. Partenza ore 8 di cancelli del Santuario.

Domenica 6 luglio    
dalla Trappa di Sordevolo (BI) al Santuario di Graglia (BI)
passando dalle Salvine, dal villaggio di Bagneri, da San Carlo di Graglia. Partenza ore 8 dalla Trappa.

Sabato 19 luglio   
dal Santuario di Graglia (BI) a Chiaverano (TO)
via Netro, Donato, lago Cossavella di Sala, superamento della Serra, Chiaverano. Partenza ore 8 dal Santuario.

Domenica 20 luglio     
da Chiaverano (TO) a Viverone (BI)
via Maddalena di Burolo, S. Martino (Ciucarun), Magnano, S. Secondo, Monastero di Bose, Zimone, Viverone.
Arrivo al lago e congiungimento con la Via Francigena. Partenza ore 8 dalla piazza principale di Chiaverano.

Sabato 6 settembre            
da Cannobio, SS. Pietà (VB) alla Madonna del Sasso di Locarno (Canton Ticino-CH)
via Cinzago, S. Bartolomeo, dogana Piaggio Valmara, Brissago, Sacro Monte Madonna del Soccorso, Ronco di Ascona, Monte Verità, Ascona, Locarno. Completamento del percorso Cammino di San Carlo – CoEUR verso la Svizzera
In serata, alla Madonna del Sasso di Locarno: “Apparizione” evento-spettacolo della rassegna “in Montibus” dell’Assoc. Storie di Piazza, nell’ambito del progetto CoEUR. Partenza ore 8 dal Santuario della SS. Pietà (lungolago Cannobio).

GRAN FINALE 29 novembre a Domodossola (VB) 
al pomeriggio al Calvario di Domodossola, spettacolo-evento di Storie di Piazza con la presenza del Gran Presepe e delle altre attività teatrali e audiovisive già inserite nella rassegna “in Montibus” nell’ambito del progetto CoEUR.
Per questo evento non è al momento previsto un cammino.

Info programmi definitivi, pernottamenti, su  www.storiedipiazza.it – Ref.: Franco Grosso E.mail: francogrosso.studio@tin.it  335 7852310

VEDI PROGRAMMA E MAPPE

 

 VIA DEL LUCOMAGNO

  • Association Internationale Via Francigena

21- 28 giugno, da Feldkirch (A) a Disentis (CH)

Inaugurazione del primo tratto della Via del Lucomagno, la via degli Imperatori dal Lago di Costanza a Pavia

 escursione di gruppo guidata

Contatti Italia: Adelaide Trezzini, 030 068530; e.mail: info@francigena-internationale.org

Contatti Svizzera: Margot Collins-Fah, Lucerna –  tel ; e-mail: ch@francigena-internationale.org

Finnair: strepitose offerte per volare in Asia

Escluso periodo alta stagione luglio-agosto 

 Finnair conferma la sua vocazione per l’Oriente e lancia nuove offerte Business ed Economy per raggiungere a prezzi scontati Singapore, Cina, Thailandia, India e Corea del Sud. Come sempre i voli, in partenza da Helsinki, percorrono la rotta polare, garantendo un tempo di volo ridotto e collegamenti agevoli per i passeggeri di tutta Europa.

Il 13 maggio 2018, verrà inaugurata la settima destinazione cinese servita da Finnair -Nanchino- e per continuare con la sua strategia di crescita, Finnair riceverà a breve il dodicesimo velivolo A350 .

 

OFFERTE FINNAIR ACQUISTABILI FINO AL 17 MAGGIO E VALIDE FINO AL 30 NOVEMBRE 2018:

ECONOMY CLASS DESTINAZIONI A LUNGO RAGGIO

Voli a lungo raggio A/R lungo raggio (via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi da maggio fino al 30 novembre 2018 * su alcune destinazioni:

Chongqing e Delhi a partire da 429 € a/r** (Black out 1° luglio-31 agosto 2018)

Shanghai, Pechino, Xi’an e Canton a partire da 439 € a/r** (Black out 1° luglio-31 agosto 2018)

Bangkok, Nanchino e Hong Kong a partire da 459 € a/r** (Black out 1° luglio-31 agosto 2018)

Singapore a partire da 469 € a/r**(Black out Singapore Bangkok 1° luglio-31 agosto 2018)

 

BUSINESS CLASS LUNGO RAGGIO

Voli di Business Class A/R lungo raggio (via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi da maggio fino al 30 novembre 2018 * su alcune destinazioni:

              Delhi, a partire da 1.399 a/r**

Canton, Xi’an e Chongqing a partire da 1.499 a/r**

Pechino a partire da 1.589 a/r**

Bangkok a partire da 1.599 a/r**

Shanghai a partire da 1.669 € a/r**

Hong Kong a partire da 1.699 € a/r**

Singapore a partire da 1.729 a/r**

Nanchino a partire da 1.799 a/r**

Seoul a partire da 1.899 a/r**

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di viaggio visitare il sito www.finnair.it.

**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

Vacanze 2018 – HAMMAMET Luogo di benessere

HAMMAMET

Luogo di benessere fin dall’antichità

Sabbia fine e acqua trasparente… le spiagge della regione di Hammamet sono tra le più belle della Tunisia.

L’offerta turistica di questa regione è davvero ottima, splendidi hotel a 4 o 5 stelle offrono tutti i servizi necessari per trascorrere una bella vacanza in famiglia oppure, se si preferisse una vacanza lontana dal caos, hotel adult only consentono di concedersi il meritato riposo dopo un lungo periodo di lavoro.

Ad Hammamet l’offerta non si limita agli hotel, tanti B&B o appartamenti, dai più semplici fino a ville e villette dotate di piscina, a prezzi davvero vantaggiosi.

Se le giornate di ozio in spiaggia dovessero annoiare si può sempre scegliere tra un’ampia offerta di attività sportive: moto d’acqua, parasailing, catamarano, gite in mare, immersioni subacquee e molte altre ancora.

Anche per i bambini ci sono tante attività come kayak, lezioni di windsurf o mini club.

Anche i golfisti apprezzeranno la cittadina e i suoi tre campi da golf a 18 buche che corrono attraverso le verdi colline.

I tramonti e le serate ad Hammamet hanno un sapore del tutto particolare.

Si possono trascorrere tranquille serate cenando sulla terrazza di uno dei ristoranti tipici della medina, in un patio o lungo la marina di Yasmine Hammamet.

Per chi poi volesse proseguire la serata, i migliori DJ tunisini e internazionali animano le serate nei locali notturni della città.

Durante un soggiorno ad Hammamet sono tante le cose che si possono fare e i luoghi che si possono visitare. Circondata da bastioni e delimitata dal mare, la piccola medina di Hammamet è fiancheggiata da un forte medievale, ampliato dai turchi.

Antico borgo fortificato, Hammamet divenne quindi un tranquillo villaggio di pescatori.

I suoi minuscoli vicoli e le case in calce bianca e blu gli conferiscono un fascino unico. Imperativo perdersi nel souk facendo shopping, scalare i bastioni del forte e passeggiare fino al porto turistico.

Per far contenti anche i bambini si può optare per una visita al Parco divertimenti Carthage Land.

Gli appassionati di storia saranno certamente incuriositi da Pupput, il sito archeologico a pochi passi da Hammamet. Pupput era una colonia romana che addirittura si guadagnò il rango di colonia onoraria sotto l’Imperator Commodus tra il 185 e 192 d.C. prendendo il nome di Colonia Aurelia Commoda Pia Felix Augusta Pupput.

La splendida colonia deve la sua reputazione al grado di civiltà raggiunto già in quell’epoca.

Che fosse una città ricca e prosperosa si evince dai resti archeologici presenti nell’area come i resti delle terme, espressione di una irrinunciabile qualità della vita in epoca romana, le domus con peristili, fontane e mosaici di ottima fattura, iscrizioni, resti di installazioni idrauliche (tra cui un acquedotto da Wadi el-Faouara a Siagu) e persino un teatro e un anfiteatro. Il nome Hammamet deriva dal corrispettivo turco di “Bagni” o “Terme”, visti i ritrovamenti sepolti nella vecchia città romana di Pupput.

Ad appena 300 metri dal sito di Pupput è stata scoperta la più grande necropoli romana in Africa che ha consentito di superare la scarsità di testi e fare nuova luce sul passato della città.

Poco distante da Hammamet si trova la splendida cittadina di Nabeul, famosa per le sue ceramiche coloratissime, è il luogo in cui si possono vedere gli artigiani che lavorano.

Se si è attratti dai mercati, quello di Nabeul è assolutamente incantevole e qui si potranno assaggiare delle specialità locali. Inoltre si possono vedere i mosaici romani e le statue in terracotta cartaginesi nel piccolo museo archeologico di Nabeul.

Superando Nabeul, dirigendosi verso nord, si giunge nella penisola di Cap Bon: campi, frutteti, siti storici, villaggi e piccoli porti si susseguono creando un paesaggio spettacolare, tutto da scoprire.

Salendo sulla collina di Kelibia si può accedere alla più grande fortezza medievale della Tunisia (XII secolo): da qui si gode una vista mozzafiato. Ai suoi piedi si estendono il porto e lunghe e bellissime spiagge sabbiose.

Proseguendo verso nord si incontra Kerkouane, una piccola città il cui territorio fu abbandonato prima della conquista romana, lasciando intatte le vestigia.

Questo sito offre una testimonianza eccezionale sul modo di vivere dei Cartaginesi: case, templi, botteghe, mura … Il sito di Kerkouane è stato inscritto nel Patrimonio Mondiale dall’UNESCO.

All’estremità nord della penisola, troviamo El Haouaria, un tranquillo villaggio circondato dalla natura selvaggia. I suoi abitanti praticano tradizionalmente la falconeria, godendosi il passaggio degli uccelli migratori.

Le sue “grotte”, antiche cave sotterranee che si aprivano sul mare, permisero alla pietra di essere consegnata direttamente alle imbarcazioni dirette a Cartagine.

Una sosta nella piccola città di Korbous permetterà di scoprire un antico centro termale e meravigliose spiagge sabbiose ai piedi delle colline rocciose. Una delle sorgenti termali si riversa direttamente nel mare e molte persone amano fare il bagno lì.

Ad ovest di Hammamet, circa ad un’oretta di macchina, troviamo il sito archeologico di Thuburbo Majus, antica città punica rifondata dai romani, dove passeggiare tra rovine arrossate da secoli di sole. Un campo sportivo romano, i gradini della capitale, il pavimento a mosaico degli antichi bagni… Una piacevole passeggiata in un bellissimo sito storico circondato da verdi colline.

Ad ovest di Hammamet sorge una catena montuosa, le ultime vette della catena dell’Atlante: regione perfetta per le escursioni. Il Monte Zaghouan sorge a 1295 metri. Ai suoi fianchi si erge la piccola città di Zaghouan, un tempo popolata da andalusi. Nei tempi antichi, le sorgenti del Monte Zaghouan rifornivano di acqua Cartagine; è ancora possibile vedere il monumento romano che circondava queste sorgenti (Tempio delle Acque) e il gigantesco acquedotto che misurava 132 km.

A sud di Tunisi, il sito di Oudhna custodisce reliquie di dimensioni eccezionali come l’anfiteatro romano da 16000 posti e la capitale di cui restano alcune colonne su un podio gigante.

A sud di Hammamet troviamo il villaggio di Takrouna. Questo piccolo villaggio beduino si trova in cima a uno sperone roccioso ripido, che domina la pianura circostante.

Per maggiori informazioni, visitate il sito www.tunisiaturismo.it

Vacanze in Grecia isola di Kos dall’Aeroporto di Milano Bergamo

Kos –  mitica isola dei beati, patria di Ippocrate
Qui il padre della medicina pronunciava ai suoi studenti il famoso “Giuramento di Ippocrate”
Isoletta di Kastri  ...
Tesori archeologici di Kos …
Colori e profumi della cucina greca …
Kos si raggiunge dall’Aeroporto di Milano Bergamo con voli bisettimanali il lunedìed il venerdì gestiti dalla compagnia aerea Blu-express.
Durata del volo: 2:50 circa.
Nell’angolo sud-orientale dell’Egeo, emerge la verdeggiante Kos, patria di Ippocrate.
La natura lussureggiante con i tradizionali villaggi della Grecia, le sconfinatespiagge dorate dalle acque di un intenso azzurro, i notevoli tesori archeologici di un’illustre passato affiorano numerosi nell’isola e fanno si che la terra natale di Ippocrate sia una meta turistica ambita, perché mantiene un fascino particolare derivato dal miscuglio dell’oriente ed dell’occidente.
Scopri l’isola, le principali attrazioni, i più importanti musei da visitare e i tour da non perdere, selezionati per te dalla redazione della nostra rivista Avion Tourisme scarica il pdf dell’articolo con le principali informazioni turistiche.
Nell’angolo sud-orientale dell’Egeo, emerge la verdeggiante Kos, patria di Ippocrate.
Qui, secondo la leggenda, sotto un platano situato nella parte centrale dell’isola, il padre della medicina pronunciava ai suoi studenti il famoso “Giuramento di Ippocrate”.
La natura lussureggiante con i tradizionali villaggi, le sconfinate spiagge dorate dalle acque azzurrissime, i notevoli tesori archeologicifanno si che la terra natale di Ippocrate sia una meta turistica ambita perché mantiene un fascino particolare derivato dal miscuglio dell’oriente ed dell’occidente.
Nell’antichità, per le sue bellezze, la chiamavano “Isola dei Beati“, perché credevano che li abitassero dei ed eroi. Galeno sosteneva che il suo clima era il più temperato della terra. In effetti Kos è particolarmente dotata dal punto di vista climatico: gli inverni sono miti e le estati, grazie ai venti di nord-ovest, sono lunghe e non eccessivamente calde. Il costante soleggiamento ed i caldi autunni consentono di fare il bagno da maggio a ottobre.
La città di Kos si sviluppa attorno al porto in un dedalo di viuzze vivacemente animate che si ricongiungono alle caratteristiche Moschee di Deftedar e di Hadji Hassan, dietro ai resti dell’antica Agora.
L’isoletta di Kastri 
Spiagge di sabbia fine e mare limpidissimo dalle mille sfumature di blu
La parte migliore dell’isola è nella zona di Kefalos dove ci sono le spiagge più rinomate. La più bella, di sabbia fine, viene chiamata Paradise Beach e si trova all’interno di una deliziosa baia con un mare limpidissimo di colori che variano dal blu chiaro al blu scuro.
Poco oltre, ad Agios Stefanos, la spiaggia che si stende ai piedi delle rovine della Basilica Paleocristiana di Aghios Nikolaos permette di raggiungere a nuoto l’Isoletta di Agios Stefanos, chiamata più comunemente Kastri, e di arrampicarsi fino all’omonima chiesetta, tutta bianca e azzurra.
Il panorama è meraviglioso e alcuni alberi consentono di ripararsi all’ombra nei momenti piuù caldi della giornata. L’isola offre altre bellissime spiagge, sia intorno alla città che fuori.
 Da visitare la vivissima Kardamena dove a 26 km dalla città sorge il pittoresco villaggio di Kardamena, mentre da Mastichari partono i traghetti per Kalymnos, altra bella isola famosa per le sue spugne. L’isola è situata a 4 km dalla costa turca; ciò consente di effettuare mini crociere giornaliere a Bodrum.
La città di Kos è cosparsa di innumerevoli testimonianze archeologiche di epoca classica, ellenistica e romana. Oltre al Museo Archeologico, sono da visitare l’antica agorà, le rovine del Tempio di Afrodite, il Tempio di Ercole e una basilica cristiana del V secolo.
Tesori archeologici di Kos
Testimoninianze archeologiche di un illustre passato affiorano numerose nell’isola
I monumenti più significativi di Kos sono il Castello dei Cavalieri, che domina la città dall’alto e le rovine di Asklepion, il più antico ospedale del mondo, un tempio dedicato ad Asclepio (che i romani chiamarono Esculapio), il dio greco della medicina.
Le rovine dell’Aklepeion, inserite in un ambiente suggestivo, sono distribuite su tre livelli. Dalla sommità si gode di un bellissimo panorama su Kos e sulle coste turche.
Altri importanti scavi archeologici si trovano nella zona del porto e comprendono templi, case, strade e terme greco-romane.
Altre presenze monumentali sono le moschee turche, i minareti, la cattedrale ortodossa, l’ormai abbandonata sinagoga, i palazzi in stile italiano, i quattrocenteschi bastioni veneziani.
Colori e profumi della cucina greca
L’isola di Kos offre una ricca tradizione gastronomica con piatti greci e mediterranei.
Tra i prodotti tipici assolutamente da gustare, ci sono:
  • il formaggio-vino, un formaggio di capra locale immerso nel vino rosso;
  • la pitaridia, una lasagna bollita nel succo di brodo;
  • il dolce locale “Barbara”, composto da grano bollito con tahini, zucchero, mandorle, noci, uvetta, melograno, cannella, acqua di rose, buccia d’arancia e spezie;
  • i lampropites, un formaggio con uova e lievito;
  • la katimeria, una torta di formaggio fritta servita con sciroppo e marmariti (frittelle tradizionali cotte sul marmo) servite con zucchero o miele.
Da provare anche l’afrena o eftazima, un pane fermentato con lievito di spuma di ceci bolliti e foglie di alloro, e il lazari o lazarakia, un pane bianco di grano. Invece, le bevande tradizionali sono la Kanelada, fatta di cannella, e l’Alefaskia un tè simile a un’erba che si trova sull’isola. Inoltre, i vini locali e il miele di timo. Molti ristoranti e taverne si possono trovare in tutta l’isola di Kos, dove esplorare i tipici sapori locali.
Ospitalità
Kos offre hotel in tutte le più belle zone dell’isola, dove soggiornare durante la vacanza in strutture dotate di diversi servizi.
Per trovare l’hotel ideale e le migliori offerte si può fare una ricerca per stelle ma anche per quartieri o luoghi d’interesse.
Uffici Turistici
Testo di: Luca Lembi 
Foto: Sisterscom.com, Shutterstock
Copyright © Sisterscom.com
Video: www.kos.gr 
Pubblicato su Avion Tourism N51,N66

Viaggi last minute ? – Provate anche con www.trovaviaggi.it

Turistipercaso è  ormai noto a tutti almeno come rivista, ma offre anche viaggi su www.trovaviaggi.it –

A volte visitare un sito in più può servire per trovare l’occasione più economica; meglio in bassa stagione. Ma non smettete mai di confrontare bene prima con altri siti sicuri, solo così risparmierete davvero.

Il meglio anche com esicurezza, per risparmiare, è quasi sempre organizzarsi da soli con Booking.com o altri del genere, ma non vale in assoluto.

Se avete tempo confrontate sempre con calma e scoprirete il miglior rapporto tra qualità e prezzo.

Street food – ristoranti – mercati a Francoforte – La città che non ti aspetti

FRANCOFORTE Lafleur-im-Gesellschaftshaus-Palmengarten-piatto

Street food, ristoranti, mercati all’aria aperta, la scena gastronomica a Francoforte è una festa per i sensi

Visitare il quartiere della stazione, un melting pot culturale e culinario senza paragoni euna grande varietà di prelibatezze internazionali

Chi pensa che l’offerta gastronomica tedesca sia legata ad una cucina fatta di carne, crauti e patate dovrà ricredersi. Francoforte è la città dai mille sapori: ristoranti stellati, bistrot, mercati all’aria aperta, street food;  Francoforte è un crogiuolo di infiniti sapori.

I ristoranti di Francoforte:
I ristoranti nella città affacciata sul Meno sono diversi e multiculturali come la città che li ospita.

L’offerta culinaria è diversificata come ci si può aspettare da una metropoli in continua evoluzione: dai sapori più tradizionali come l’Apfelwein e la Grüne Sauce, ai piatti gourmet provenienti da tutto il mondo.

La metropoli affacciata sul Meno conta ben 8 Ristornati Stellati: “Carmelo Grecco”, “Lafleur”, “Gustav”, “Weinsinn”, “Erno’s Bistro”, “Atelier Wilma”, “Restaurant Villa Merton” e “Français” tutti offrono delizie culinarie di altissima qualità.

Chi invece è alla ricerca di qualcosa di innovativo e gustoso non può non visitare il quartiere della stazione, un melting pot culturale e culinario senza paragoni.

Qui, i visitatori troveranno una grande varietà di prelibatezze internazionali, così come i classici preparati in modo creativo in bar e ristoranti alla moda.

Ecco solo alcuni indirizzi da non perdere: Walon & Rosetti, è un luogo in cui la tradizione incontra la modernità. Il bar-ristorante attira una clientela che ama mangiare e cenare in un’atmosfera accogliente e rilassata. Maxie Eisen, invece, prepara ottimi piatti ebraici à la Kosher Nostra.

I panini pastrami sono davvero da provare.

A Mittagsgold, l’atmosfera ricorda gli anni ’50, gli ospiti si godono i cocktail comodamente seduti sulle sedie a sdraio oppure ai tavoli a forma di fagiolo, così in voga in quel periodo.

La vicina Münchener Straße è ugualmente colorata, eccitante e multiculturale.

I ristoranti e i negozi di alimentari che si trovano qui sembrano provenire dai quattro angoli della terra: supermercati turchi accanto a bistrot libanesi, parrucchieri marocchini adiacenti a ristoranti coreani, calzolai tedeschi di fronte a negozi di dolci indiani. In questa via si può dire che la varietà sia davvero il sale della vita.

La cucina tradizionale:
Anche la cucina tradizionale di Francoforte ha molto da offrire. Che si tratti delle famose salsicce di Francoforte, “Handkäs ‘mit Musik” (piccoli formaggi rotondi marinati in una vinaigrette di cipolle), o la “Grüne Soße” (una salsa verde fredda a base di sette erbe regionali), oppure la dolce Frankfurt Crown Cake (“Frankfurter Kranz”) Fatto con noci, crema al burro e ciliegie rosse, il tutto annaffiato dal famoso vino di mele di Francoforte, sono tutti pilastri della cucina locale.

La cultura del vino di mele o Apfelwein di Francoforte è parte integrante della vita della città da centinaia di anni.

Versato da una cosiddetta “Bembel” (una brocca di terracotta blu-grigia), che ne assicura la temperatura perfetta, viene bevuta dentro uno speciale vetro a coste, noto come “Gerippte”.

Gli amanti di questa bevanda non possono non visitare le birrerie e i pub della zona di Old Sachsenhausen, durante l’estate, il quartiere emana un’atmosfera molto mediterranea e le persone si ritrovano all’aria aperta per bere e scambiare due chiacchiere fino a tarda notte.

I mercati settimanali, coperti e all’aria aperta:

I mercati settimanali di Francoforte sono molto più di una collezione di bancarelle di frutta e verdura all’aperto o al chiuso.

Sono anche popolari luoghi di incontro dove amici e vicini si incontrano per una chiacchierata mentre si gustano cibi freschi e bevande.

L’Erzeugermarkt (mercato dei coltivatori) a Konstablerwache è uno dei più popolari e grandi della città e offre solo prodotti regionali e biologici.

Le bancarelle di cibo e bevande vendono bratwurst, salsa verde, patate arrosto, vino alla mela, vino locale e birra fatta in casa.

Il Markt im Hof (Mercato del cortile) si tiene ogni sabato nel Brückenviertel e attrae la sua clientela con un’offerta gastronomica proveniente da tutto il mondo: empanadas, quiches, chutney e molto altro ancora.

Le specialità di questo mercato sono la limonata fatta in casa e le cialde salate. A Friedberger Markt, gli abitanti di Francoforte si incontrano per gustare un drink dopo il lavoro accompagnato da stuzzichini.

Nella pittoresca Paradiesplatz si svolge il mercato di Freitags-Treff, qui non troverete solo frutta e verdura, ma prodotti più ricercati come salmone affumicato, vini della famosa regione del Rheingau, salumi biologici, specialità turche e sorbetti.

Dopo la conclusione del mercato, i visitatori si fermano spesso per festeggiare l’inizio del weekend in uno dei pub e birrerie che fiancheggiano la piazza.

Direttamente di fronte alla principale stazione ferroviaria di Francoforte, si trova il Kaisermarkt.

Ogni martedì e giovedì questo mercato attrae chi lavora nel quartiere e che spesso ci trascorrono la pausa, al suo interno si trovano bancarelle di street food sia tradizionali che internazionali.

Per chi ama i fiori, ogni venerdì da non perdersi il Blumenmarkt (Mercato dei fiori) a Liebfrauenberg abbellisce i suoi dintorni del centro con un colorato e profumato spettacolo di magnificenza floreale.

Il venerdì è anche il giorno in cui Schillerstraße si trasforma in un delizioso ritrovo culinario: si tiene infatti lo Schillermarkt, con oltre 50 bancarelle che propongono prelibatezze culinarie di altissima qualità.

I visitatori troveranno anche oggettistica artigianale come giocattoli di legno fatti a mano e articoli per la casa in vendita. Chi ha bisogno di una pausa dopo una lunga giornata di shopping può scegliere di riposarsi in uno dei tanti caffè circostanti e godersi la città da un punto di vista più rilassato.

Anche il mercato di Friedberger Platz nella zona nord di Francoforte si svolge ogni venerdì. Qui i clienti sono viziati con una selezione di frutta fresca, formaggi pregiati e vini. Nell’orario serale il mercato (che chiude alle ore 20) si trasforma in una zona ricca di vita, dove le persone amano darsi appuntamento.

Da non perdere il Kleinmarkthalle (il piccolo mercato coperto), che è uno dei monumenti più famosi di Francoforte. Il mercato coperto di generi alimentari è aperto dal lunedì al sabato e le sue 60 bancarelle accolgono i visitatori con una meravigliosa atmosfera, anche quando fuori il tempo è inclemente.

Per maggiori informazioni

Francoforte è la città delle mille possibilità. È una città metropolitana, dallo skyline moderno, dove la notte si festeggia, ma di giorno ci si rilassa nei parchi, dove fare shopping, ma anche scoprire una storia emozionante.Nel centro della città si trova il vecchio quartiere, il DomRömer che era stato completamente distrutto dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, ma è oggi in fase di ricostruzione grazie alle planimetrie storiche e i vecchi modelli. Altro cuore culturale della città, il quartiere dei musei che si estende intorno al nuovo Historischen Museum Frankfurt e crea una grande connessione tra la città e la sua storia.I più importanti musei della città si trovano infatti sulla riva del fiume Meno e danno un carattere unico e originale a questa zona della città. Francoforte è una città innovativa, in continua evoluzione e aperta a nuove idee e cambiamenti, ma allo stesso tempo, ha a cuore le sue tradizioni e la sua storia. La capitale del “Applwein” o vino di mele, ha mantenute intatte le proprie tradizioni gastronomiche come la famosa Grüne Sauce o Salsa Verde e l’Handkäs, un formaggio locale dal sapore pungente. Ma senza dimenticare però la cucina gourmet (Francoforte vanta 8 ristoranti stellati) e la cucina creativa di strada, che mescola prodotti locali e internazionali. Sempre grazie alla sua posizione strategica vicino alla zona di Rhein-Main, Frankfurt offre una base ideale per esplorare la regione. Intorno alla metropoli si trovano pittoresche cittadine medievali con le tradizionali case a graticcio, castelli e siti Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO.

Da Tabarka a Biserta – la côte du Corail

I porti del nord, punti d’ingresso per l’Europa in Africa

Tunisia Cartagine
Sidi-Bou-Said.

Spa
Tunisia Bulla
Tunisia Bizerte

 

Se si ama passare le giornate in relax su una spiaggia deserta, giungere in barca su un’isola selvaggia o tuffarsi in cerca di grotte subacquee, la costa nord della Tunisia è il luogo ideale.

Conosciuta come la côte du Corail, in quanto i suoi fondali sono ricchissimi di corallo rosso che per secoli ha fatto la ricchezza della zona.

La costa nord della Tunisia è un susseguirsi di spiagge deserte e insenature rocciose poco battute dal turismo di massa.

In questa regione, si trovano anche straordinari siti naturali come il villaggio di Aïn Draham, il parco nazionale di Feija, il lago di Ichkeul, la splendida spiaggia di Raf-Raf, o storici come Utica, Ghar El-Melh, Bulla Regia, Chemtou e Dougga.

Tabarka e Biserta sono due cittadine che si affacciano sulla costa nord della Tunisia, ricche di storia, in bilico fra passato e presente.

Vantano infatti l’indiscusso fascino di cittadine tradizionali ed accoglienti, pur essendo dotate di quartieri moderni propri delle grandi città e di tutte le infrastrutture necessarie.

Situate all’estremità settentrionale della Tunisia, godono di una posizione strategica nel centro del Mediterraneo che nell’arco della storia ha fatto sentire la sua importanza.

 

Fondate attorno all’anno 1000 a.C. queste cittadine portuali videro susseguirsi diverse dominazioni: punica, bizantina, romana, andalusa, ligure, turca e francese si avvicendarono in questa terre.

Tabarka, che significa buon rifugio per navi, nel 1540 divenne territorio ligure sotto il controllo della famiglia aristocratica genovese dei Lomellini che ai tempi delle repubbliche marinare si vide concedere l’intera isola di Tabarka, antistante la città di Tabarka, dal bey di Tunisi in persona.

Si dice che tale concessione sia stato il prezzo per la liberazione del corsaro turco Dragut, catturato nel 1540 da Giannettino Doria, nipote di Andrea Doria, imparentato con i Lomellini.

Il vecchio Forte genovese, arroccato su una piccola penisola, fu eretto dai Lomellini e appartenne alla famiglia genovese dal 1540 al 1742.

Serviva a proteggere le case, gli empori e il porto; si può dire che dal 1541 e fino alla metà del XVIII secolo sia stata una roccaforte cristiana in mezzo all’Impero Ottomano.

Anticamente era situato proprio su un’isola che è stata poi collegata con la terraferma nel 1940 durante la dominazione francese del secondo dopoguerra.

Biserta invece, soprannominata la Venezia africana per la configurazione dei canali che collegano il lago al mare e che tagliano la città a formare un’isola centrale, è sempre stato un ottimo rifugio per marinai, flotte civili e militari.

Al tempo delle repubbliche marinare passò sotto la dominazione turca, i quali ne fecero una roccaforte di Corsari.
Molto suggestiva è la città vecchia con i suoi vicoli intricati, souks, la bella fontana turca o altri monumenti storici come la Grande Moschea.

Se si vuole scoprire la vera essenza della città bisogna però addentrarsi nella Kasbah, l’antica cittadina fortificata che si trova all’interno delle antiche mura, eretta prima dai Punici e poi dai Bizantini, con la sua moschea ed un dedalo di vicoli attraverso i quali giungere fino alla Ksiba, una piccola fortezza, trasformata oggi in museo oceanografico.

Assolutamente da non perdere il magnifico lungomare e poco distante la grande fortezza turca, il Forte di Spagna, che domina il “quartiere Andaluso”.

La città è ancora oggi permeata dalla presenza delle popolazioni africane, orientali, arabe ed europee che vi hanno abitato, che le hanno conferito un carattere ben specifico e molto aperto.

La regione nord della Tunisia presenta una grande diversità di paesaggi, dalla costa di sabbia finissima, alle montagne che si ergono alle sue spalle, alla vasta area boschiva preservata con foreste di pini, insenature rocciose e punti panoramici che offrono viste mozzafiato sugli splendidi paesaggi incontaminati, unici in Tunisia.

All’interno del parco nazionale di Feija (3000 ettari) una catena montuosa raggiunge Tabarka e si tuffa a strapiombo nel mare: ricoperta da una fitta foresta di querce da sughero è una delle più belle del Mediterraneo.

C’è poi Aïn Draham, villaggio di montagna caratterizzato da case con tetti rossi dove è possibile vedere le donne che tessono tappeti la cui qualità è assai rinomata.

È anche possibile fare delle escursioni e imbattersi in ruscelli, cascate o laghi artificiali; qui d’inverno è anche possibile che nevichi.

Due siti archeologici di primaria importanza si trovano nella zona di Tabarka, Bulla Regia, l’antica città romana di età adrianea, Chemtou, antica città di Simittu famosa fin dall’antichità per il suo marmo rosso e giallo.

Nella zona di Biserta troviamo invece gli splendidi siti archeologici di Utica, una delle più antiche città del Mediterraneo, fondata dai Fenici ancora prima di Cartagine e Dougga, una città nordafricana che conserva numerosi resti di monumenti punici, numidi e romani, che ne fanno uno dei più importanti siti archeologici della Tunisia. Il sito è annoverato nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità dell’UNESCO.

Anche in questa zona troviamo delle bellezze naturali di grande rilevanza come il Parco nazionale Ichkeul che offre un paesaggio affascinante e pieno di mistero: una montagna verde e solitaria emerge in un paesaggio pianeggiante, un vasto lago naturale in un paese semi-arido che attira un grande numero di specie di uccelli.

È stato inserito dall’UNESCO nella lista dei patrimoni dell’umanità. La zona offre uno scenario incantevole di coltivazioni “all’andalusa” in quanto un tempo furono coltivate dagli esuli della Spagna.

Arroccato su una collina si trova il borgo di Raf-Raf, conosciuto per la sua splendida spiaggia, le sue viti d’uva moscato e gli sgargianti abiti nuziali tradizionali.

Ghar El-Melh è un piccolo paese il cui nome significa “Grotta del sale” (ma che gli italiani battezzarono Porto-farina) fu nel XVII secolo la principale base navale della Tunisia. Ci sono ancora oggi tre fortezze e gallerie del vecchio arsenale.

A metà strada tra Tabarka e Biserta troviamo Sejnane e Cap Serrat.

Gli abitanti di Sejnane sono noti per la loro abilità come ceramisti. Lavorano l’argilla e creano oggetti decorati in rosso e marrone in stile berbero. C’è anche una stazione ferroviaria coloniale a Sejnane, le cui ex strutture industriali (trasporto del minerale di ferro) sono oggi colonizzate ogni primavera da cicogne che vengono a nidificare. La splendida spiaggia di Cape Serrat si trova a pochi chilometri di distanza.

Ogni estate le due città si animano grazie ai festival di musica che si svolgono in luglio e agosto:

Il Tabarka Jazz Festival,

il Tabarka Latino Days

il Festival Internazionale di Biserta.

Per maggiori informazioni, visitate il sito www.tunisiaturismo.it

MARRAKECH MARRAKECH …MAROCCO !

photographe

QUI E’ POSSIBILE QUASI TUTTO ANCHE:

-passare dal caldo della valle all’aria pura delle cime.

-Un vero lusso: lasciare la piscina del vostro hotel, andare a sciare in montagna per tutta la giornata.

VEDI ANCHE AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=8871

Marocco. La-citta-blu

Marocco scarpe b

Marocco cibo

Il-grand-tour-del-Marocco

Marocco Rabat A-l-abri-des-murailles   Marocco  rabat A-l-abri-des-murailles

 

Festa Marocco 2014

Un giro nella medina o una passeggiata nella piazza Jemaa El Fna sono irrinunciabili. Il vero viaggio inizia adesso. Come

andare indietro nel tempo, i riferimenti cambiano, non è più una questione di chilometri percorsi. In un istante è

il passato che ritorna con i narratori e gli artisti di strada, gli incantatori di serpenti e i maghi che preparano pozioni e cure segrete.

-A due passi, sulla fontana Chrob ou Chouf, nei pressi della moschea Ben Youssef, una delle iscrizioni cesellate invita il passante a “bere e a vedere ciò che succede” (chrob ou chouf).

Marrakech custodisce innumerevoli tesori e fra questi i famosi riad (“giardino” in arabo), dimore completamente chiuse all’esterno e articolate intorno a un patio centrale.

-Spesso trasformate in hotel o ristoranti, sono uno dei simboli dell’arte di vivere marocchina.

Sciare sull’acqua o sulla neve

 A soli venti minuti da Marrakech, il lago di Lalla Takerkoust offre sette chilometri di esplorazioni in pedalò, in barca o in scooter d’acqua!

-Non lontano da qui, una delle stazioni invernali più grandi di tutta l’Africa vi aspetta a Oukaimeden, nell’Atlante.

-Immaginate il panorama che si presenterà ai vostri occhi a 3 300 metri di altitudine! A sud di Oukaimeden, potrete dedicarvi alle escursioni inerpicandovi sul monte Toubkal (4 167 m).

-Una valida organizzazione, una guida certificata e una buona forma fisica vi permetteranno di realizzare questa ascensione senza grandi difficoltà.

-Così, in pochi istanti, potrete passare dal caldo della valle all’aria pura delle cime. Un vero lusso: lasciare la piscina del vostro hotel, andare a sciare in montagna per tutta la giornata e infine ritrovare la dolcezza delle serate di Marrakech.

-JARDIN MAJORELLE RUE YVES SAINT LAURENT www.jardinemajorelle.com Y.St Laurent acquistò il giardino botanico Pierre Bergé, creato dal pittore Jaques Majorelle: oggi un paradiso in città.

-THE’ ALLA MENTA: Dar Cherifa, 8 derb Cherfa Lakbir, ingresso libero, caffé letterario e pasticcini o cus-cus di verdure; eventi e mostre

BELLEZZA i migliori rituali LA MAMOUNIA SPA, mamounia.com ; nel leggendario albergo

-LA MAMOUNIA; tra giardini e alcove principesche, la cerimonia dell’Hammam, tutto con prodotti naturali come l’olio di Argan e il sapone nero

-CASA BOTANICA FLOWER POWER: appena fuori città per un caffé alternativo con prodotti a Km. 0 e succhi fatti in casa www.flower-power-cafe.com

OASI LA PAUSE: lusso nel deserto fuori Marrakech, www.lapause-marrakech.com almeno per 1 notte, solo candele, stelle e nessun rumore.

 TANGERI

Henri Matisse fu stregato dal bagliore accecante e magico di questo luogo e vi dipinse diversi quadri.

 -Eugène Delacroix chiama Tangeri la Ville Blanche, riprendendone i riflessi tremolanti della grande calura, come in un miraggio

 -gli odori sono di spezie, frutta e semi; ma  non ha nulla di turisticizzato come le inevitabili bottegucce di souvenir internazionali; veri negozi di barbiere in miniatura o sartoria, ma anche alimentari a prezzi “africani”, se saprete contrattare

 –il Museo della Kasbah è difficile da trovare, ma è anche un angolo di paradisiaco frescume e grandi mosaici, un trionfo di Venere circondata da ninfe e ancelle…nella kasbah ha vissuto lo scrittore Paul Bowels, vi arrivò per consiglio di Gertrude Stein

 -il giardino pensile del sultano, foresta di rose, melograni, banane…mandarini (tagerine in inglese)

 –Tangeri è la città dei due mari: Mediterraneo e Atlantico, dove ammirare una sfumata Gibilterra.

l’Hotel Continental

 -l’Hotel Continental si trova nella Medina,  ed ha una meravigliosa vista sui mari ed il porto vecchio, un albergo da veri viaggiatori; foto antiche testimoniano la presenza di Hanphrey Bogart, altre di Bertolucci (Tè nel deserto), Ford Coppola, Irene di Grecia… nulla a che vedere con i modernissimi della zona Cap Malabata!

DOVE ANDARE:

GRAN CAFE’ DE PARIS

-14 km. verso il faro di Cap Spartel, nella Vielle Montagne si ammirano le ville kitch del principe del Kuwait, del sovrano dell’Arabia Saudita…e Villa Joséphine, ora trasformata in un hotel di lusso da sogno; più avanti i gruppi di turisti visitano le Grotte d’Ercole, leggendaria alcova e sede di trascorse feste trasgressive; interessanti per il clima fresco che vi si respira.

-oggi la città è una continua caotica espansione..

Le autostrade sono sicure e ben segnalate, si può noleggiare un’auto in aeroporto e raggiungere la costa senza problemi Essajuira e altre località marine sull’oceano offrono anche tanto pesce a buon prezzo.

-Fuori dai soliti itinerari, con un bel clima

ESSAJUIRA

-soprattutto nelle mezze stagioni ESSAJUIRA merita un soggiorno. Anche se non è più la meta agognata solo da una ristretta elite di ricchi vagabondi, amanti dell’arte, il fascino delle sue mura a picco sul mare è invariato, come le spiagge e il vento per i surfisti. Sul lungomare si mangia pesce appena pescato e cucinato ancora a prezzi ragionevoli, ma non ovunque.

EL JADIDA SAFI, sempre sull’Oceano Atlantico, ma ancora incontaminata dal turismo.

Se pretendete una meta sconosciuta allora dovete puntare su EL JADIDA SAFI, sempre sull’Oceano Atlantico, ma ancora intatta. Qui troverete il fascino di Essajuira degli anni ’70. Prezzi molto buoni.

 Dichiarata Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco, l’antica Mazagan diventò El Jadida (la nuova) nel 1815 .

-Molto ben conservata, El Jadida offre uno

-scenario storico e romantico perfetto per bighellonare e godersi il mare.. I Portoghesi edificarono questa città fortificata che inizialmente era dotata di cinque bastioni. Oggi ne rimangono solo quattro. Li scoprirete percorrendo il percorso della ronda perfettamente conservato. Il bastione dell’Angelo offre una bella vista sulla città, il porto e il mare. Il bastione San Sebastiano conserva un’inquietante cappella dell’Inquisizione. Una rampa permette di scendere alla Porta del Mare. Questo deposito che si affaccia sull’acqua permise la fuga dei Portoghesi nel 1769.

-Risalendo la via principale troverete la cisterna portoghese. Caduta nell’oblio, fu riscoperta per caso nel 1916. Un pozzo di luce illumina il centro di questa sala sotterranea sostenuta da cinque file di colonne.

Un magnifico scenario dove sono stati girati film quali Otello di Orson Welles o Harem di Arthur Joffé.

-Proseguendo la passeggiata incontrerete la chiesa dell’Assunzione accanto a una moschea con un minareto unico nel suo genere. E’ probabilmente l’unico minareto al mondo di forma pentagonale.

 Dintorni: Oltre alle belle, gradevoli e tranquille spiagge della costa nord e sud di El Jadida, a 17 km da Azemmour si trova l’antica capitale del paese, Doukkala, posta alla foce del fiume Oum Errabia, rinomato per le sue succulenti alose (simili alle sardine). Godetevi una simpatica passeggiata tra le antiche vie della medina.

—-

Una puntata al di là delle dune di Mogador vi condurrà a Essaouira e al suo retaggio storico.

Dall’alto dei bastioni osserverete la fierezza dell’Atlantico e al porto saluterete i pescatori che rientrano con le barche cariche di pesce. Attraversando la porta Bab El Marse penetrerete nella medina, dichiarata Patrimonio mondiale dall’Unesco, per incontrare gli intarsiatori e gli ebanisti più famosi del Regno. A pochi minuti dal vivace fermento di questo luogo ritroverete rapidamente la pace del vostro giardino dell’Eden: il resort Mogador.

Rabat 

 Oceano, medina e casbah degli Oudayas sono il cuore pulsante della capitale marocchina.

Una medina sorprendente

La muraglia degli Andalusi, costruita in argilla compressa nel XVII secolo, protegge la zona sud della medina. La vecchia città sorprende per il suo tracciato rettilineo, molto diverso dall’abituale dedalo di viuzze. L’accesso è possibile dalla porta Bab El Had dove la domenica si tiene il mercato.

Qui inizia la rue Souika, la via più grande e probabilmente più animata della medina. Essa conduce alla Grande Moschea e termina nel suq Es Sebat, il mercato delle calzature, coperto di stuoie di giunco e traboccante di centinaia di babbucce, di articoli di pelletteria e di artigianato, oltre che di gioielli in oro e argento.

Poi ecco la rue des Consuls, la via dei Consoli, parzialmente coperta da vetrate, dove gli artigiani lavorano sotto i vostri occhi e realizzano tappeti di lana a pelo lungo, stoffe e oggetti in rame. Risalendo verso nord, ci si avvicina alla porta degli Oudayas.

 La casbah degli Oudayas

Questo quartiere fortezza ha conservato i suoi antichi cannoni posizionati su un bastione.

La sua porta, bella e massiccia, è interamente scolpita e una delle torri ospita tre gallerie d’arte.

Le facciate bianche e blu creano un’atmosfera molto mediterranea. Le sue vie lastricate conducono alla moschea El Atiqa, la più antica della città, poi al belvedere chiamato Plateforme du Sémaphore.

Da qui, così come dalla terrazza del Café Maure che si trova proprio accanto, la vista su Rabat, la vicina Salé e l’incontro dell’uadi Bouregreg con l’oceano è semplicemente splendida.

Su in alto, il palazzo degli Oudayas, che oggi ospita il museo nazionale, ha conservato le sue decorazioni originali, simboli di sobrietà ed equilibrio. Il giardino andaluso ai suoi piedi è un’oasi ricca di alberi da frutto, oleandri e cascate di bouganville.

 Ufficio del Turismo http://www.visitmorocco.com/index.php/ita/content/view/full/2

LUSSO A MARRAKECH:

MAROCCO Marrakech riad lusso DarDarma_02

UN SOGGIORNO A DAR DARMA IN UNA STAGIONE RICCA DI EVENTI

Numerosi gli eventi in Marocco nei mesi di maggio e giugno, 

dal festival delle Rose agli eventi musicali della Gnaoua e delle Musiche Sacre

 – Gli ospiti che soggiorneranno a riad  http://www.dardarma.com/Dar Darma, dimora privata nel cuore della Medina a Marrakech, durante i mesi di maggio e giugno, avranno la possibilità di partecipare a suggestivi eventi della tradizione marocchina e a interessanti manifestazioni musicali, dal Festival delle Rose al Festival della Gnaoua a quello delle Musiche Sacre, tutti fuori città ma facilmente raggiungibili con escursioni di 2 giorni.

 A maggio anche la città Marrakech si anima per lo storico Festival delle Rose, uno fra gli eventi più caratteristici del Marocco che festeggia la raccolta della rosa damaschina nei roseti che si estendono a perdita d’occhio per la valle del fiume Dadès e nel vicino villaggio di El Kelaa M’gouna. La valle si tinge di rosa dando vita a uno spettacolo molto suggestivo e che sprigiona un intenso profumo che i venti del deserto portano fino in città. Il villaggio invece si anima di vivaci celebrazioni interamente dedicate a questo fiore con danze, musica a cui partecipano vari gruppi etnici con costumi originali provenienti da tutto il paese e parate floreali.

 Nel mese di giugno il Marocco ospita anche altri due importanti eventi culturali dedicati alla musica: la 17° edizione del  HYPERLINK “http://www.festival-gnaoua.net/en/” Festival della Gnaoua, una manifestazione di musica contemporanea con artisti africani noti a livello internazionale, che dal 12 al 15 giugno anima la città di Essaouira a due ore da Marrakech e il Festival delle Musiche Sacre, festa spirituale che si tiene ogni anno a Fez dal 13 al 21 giugno.

 In occasione di questi eventi Dar Darma organizzerà

-su richiesta i trasferimenti dei suoi ospiti sui luoghi coinvolti dalle manifestazioni. Il calendario della stagione, ricco di eventi, è una ragione in più per una breve sosta nel caratteristico Riad Dar Darma, per tutti coloro che desiderano

-una pausa rilassante immersi nella calda atmosfera delle sue suite o sulle terrazze sorseggiando del buon tè, alla scoperta delle tradizioni del Marocco.

Il riad, da sempre molto sensibile e ricettivo in materia di eventi culturali, offre agli ospiti la possibilità di godere della bellezza della tradizioni marocchine già a partire dai momenti di soggiorno all’interno della struttura.

 – Il Dar Darma ( HYPERLINK “http://www.dardarma.com” ) è un

-lussuoso Riad del XVIII secolo situato nel cuore della Medina, a pochi passi dal Museo di Marrakech. Le 4 lussuose suite (2 Patio suite, la suite degli Specchi e la Orange suite) e i 2 appartamenti (Blu e Rosso) sono superbamente arredati e ricercati nei decori.

-Offrono sale con camino, una o due camere da letto e servizi. Le aree dining, le terrazze con salotti ombreggiati, zone sole e piscina completano l’esclusiva offerta della maison.

Dar Darma accoglie gli ospiti con ampi spazi, un’atmosfera elegante e di assoluta privacy, un servizio personalizzato e al tempo stesso informale. Lo Chef propone piatti tipici della cucina marocchina realizzati tutti i giorni con prodotti freschi.