Archivi categoria: style & luxury

SCI – Sölden Tirolo – Novità sciatori 007 ELEMENTS

A 3050 m di quota è stato realizzato un fabbricato a due piani di 1300 m² … natura mozzafiato !!!

007 ELEMENTS: A SÖLDEN APRE LA NUOVA INSTALLAZIONE CINEMATOGRAFICA DI JAMES BOND 007.

LA COSTRUZIONE DI DESIGN INCANSTONATA NELLA ROCCIA A 3.050 M DI QUOTA E’ VISITABILE A PARTIRE DA DICEMBRE 2017

SÖLDEN, TIROLO.Si chiamerà 007 ELEMENTS la nuova installazione cinematografica dedicata a James Bond, costruita nella pancia della montagna del Gaislachkogl a Sölden, località rinomata per la Coppa del Mondo di Sci.

Il nome  “007 ELEMENTS” rappresenta le 7 gallerie dove verrà inscenato il fantastico mondo di James Bond 007.

L’installazione si concentrerà in special modo sull’ultima produzione „Spectre“ e sulle scene che sono state girate propria a Sölden, ma vedremo anche dei capitoli dedicati alle rispettive 24 produzioni.

Il progetto è nato da una collaborazione tra il direttore creativo Neal Callow (anche art director di Casino Royale, Quantum of Solace, Skyfall e Spectre) e Tino Schaedler, il direttore creativo di Optimist Inc. e dal suo team. Insieme hanno creato un percorso sensoriale che porterà il visitatore ad esplorare l’affascinante mondo di Bond. 

A 3050 m di quota è stato realizzato un fabbricato a due piani di 1300 m², incastonato nella montagna, con un bassissimo impatto ambientale. L’edificio sarà infatti visibile solamente dopo aver attraversato un tunnel. Le  due sale principali offrono una vista spettacolare sulle montagne e sulle vallate attorno.

Grazie alla geniale combinazione tra tecnica avanzata e architettura sobria e contemporanea, la nuova attrazione 007 ELEMENTS promette un’esperienza forte in alta montagna.

L’installazione, costruita in mezzo ad una natura mozzafiato, verrà corredata da una colonna sonora particolare, che renderà il tutto drammatico e emozionante. L’edificio, che accoglierà il fantastico mondo di James Bond è attualmente in costruzione ed è stato progettato dallo studio di architettura Obermoser. Il pluripremiato architetto tirolese Johann Obermoser ha realizzato a partire dal 1983 moltissime costruzioni nel pubblico e privato. Sono suoi anche i progetti di Ice Q – il ristorante futuristico che si trova in cima al Giaslachkogl – e delle cabinovie Gaislachkoglbahn e Giggijochbahn.

007 ELEMENTS è un progetto realizzato da EON Productions,  Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (che detiene tutti i diritti dei film di James Bond) e gli impianti di Sölden.

Informazioni sulle Produzioni  EON
EON Productions Limited e Danjaq LLC sono imprenditori che appartengono e vengono controllati dalla famiglia Broccoli/Wilson. Danjaq è residente negli Stati Uniti e detiene insieme alla Metro-Goldwyn-Mayer Studios tutti i diritti di copyright dei film di James Bond. EON Productions, una costola di Danjaq, è la società di produzione con sede in Gran Bretagna. Il franchise 007 ha prodotto dal 1962 24 film di James Bond.
www.007.com

Informazioni su  Metro-Goldwyn-Mayer
Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) è una delle aziende leader nel mondo dell’intrattenimento con focus sulla produzione e distribuzione internazionale di film e di programmi tv. L’azienda è tra l’altro proprietaria delle Pay TV EPIX ed ha partecipazioni in vari canali televisivi, piattaforme digitali, ecc.
www.mgm.com

Informazioni sulla società Impianti di Risalita di Sölden
La società Impianti di Risalita di Sölden sta investendo da sempre in innovazione e tecnologia avanzata. L’azienda tirolese si è posizionata tra gli impiantisti più all’avanguardia dell’arco alpino ed è orgogliosa di aver creato alcuni gioielli architettonici unici nel loro genere. Tra questi le piattaforme panoramiche BIG 3, che si trovano su tre montagne oltre i 3.000 m di quota, le due cabinovie con la portata più veloce d’Europa (Gaislachkoglbahn e Giggijochbahn) e il ristorante Ice Q sulla cima del Giaslachkogl. Il comune di Sölden è al secondo posto in Austria per il numero pernottamenti, prima c’è solo la città di Vienna
www.soelden.com

Informazioni sullo studio d’architettura Obermoser
Obermoser arch-omo ZT GmbH è uno degli studi d’architettura leader in Austria. Dal 1983 ha realizzato svariati progetti pubblici e privati. L’architetto tirolese Johann Obermoser ha firmato i progetti delle cabinovie Giggijochbahn e Gaislachkoglbahn e del ristorante Ice Q.
www.arch-omo.at

Informazioni su  Optimist Inc.
Optimist Inc. è un’agenzia creativa, che vive di vera innovazione e di novità. Il credo dell’agenzia è basato sull’autenticità e la passione, valori sempre vincenti.
www.optimistinc.com

PUGLIA – Ostuni – Oria – Gallipoli – Archeologia e un parco indimenticabile: Dune Costiere

Nuove informazioni e foto sul nostro viaggio in Puglia:

Puglia; spiaggia della Masseria Santa Lucia; vicino ad Ostuni.

Panorama dalla spa con piscina riscaldata della Masseria Santa Lucia.

Puglia. Ostuni al tramonto

Il buon  pane e i tipici tarallucci fatti con olio extra vergine di ottima qualità. Niente a che vedere con i tarallucci e il pane venduto nei supermercati. Masseria Santa Lucia.

Nuovo Museo-Archeologico-di-Oria-e-dei-messapi. Prezioso cratere.

Puglia Oria Nuovo Museo Archeologico Messapico

Oria, ha restituito importanti vestigia archeologiche del suo passato trimillenario.

Da visitare il Nuovo Museo Archeologico; nei locali dell’elegante Palazzo Martini, in piazza Domenico Albanese.

Non perdetevi i numerosi preziosi pezzi originali dal valore inestimabile:

-il pettine raffigurante una scena della guerra di Troia (Achille che trascina il cadavere di Ettore fuori dalle mura)

-il cratere ritrovato durante gli scavi in via Erodoto

-l’idria con una magnifica rappresentazione di Ulisse e della maga Circe.

Puglia Oria Nuovo Museo Archeologico Messapico

Puglia Oria Nuovo Museo Archeologico Messapico

Inoltre: testimonianze della cultura messapica, sino all’Alto Medioevo.

I Messapi furono un’antica popolazione illirica stanziatasi nella Messapia (Lecce, Brindisi e parte di Taranto).

L’origine dei Messapi è incerta; oggi la più accreditata è l’ipotesi illirica, ma si parla anche di origine egeo-anatolica.

Arrivarono in Puglia verso l’età del ferro; intono al IX secolo a.C.

Dopo il 272 a.C. qui arrivarono i romani, pur tuttavia i Messapi mantennero, in parte, le proprie caratteristiche.

Quasi tutte le città messapiche erano costruite su un luogo elevato ed possedevano una o più cerchie di mura.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Ostuni – Br: la Città Bianca

La chiesa di San Vito Martire è l’accesso al Museo Ancheologico di Ostuni.

Chiesa di San Vito Martire; le “finestre” sono delle grate che permettevano alle suore di clusura di assistere alla messa senza essere viste.

Il convento adiacente alla chiesa, permetteva di aprire una “RUOTA” all’interno della chiesa che confinava con la clausura. La ruota era un’antica istituzione per assistere quelli che sarebbero stati i neonati abbandonati. Usanza molto legata alla povertà assoluta o al timore di dover confessare una maternità non gradita alle tradizioni.

Chiesa di San Vito Martire.

Ostuni e la mamma delle mamme

Museo Civico di “Civiltà preclassiche della Murgia meridionale”, entrata nella chiesa di San Vito Martire.

Ostuni, un gioiello, con anche un museo dedicato alla “mamma di tutte le mamme”. Nel museo archeologico, nella ex chiesa di San Vito Martire, che da sola merita la visita, la mummia di una donna vissuta 28.000 anni fa. La donna incinta più antica conosciuta; ritrovata nella Grotta di Santa Maria di Agnano.

Museo Civico di “Civiltà preclassiche della Murgia meridionale”

Ostuni cattedrale  e suo interno.

Visitabile anche il sito archeologico di Santa Maria d’Agnano per la ormai famosa “Grotta della Maternità”, dove fu trovata la donna incinta, ma anche per altri ritrovamenti, in loco,  e una ricostruzione dell’ambiente naturale primitivo e una capanna del neolitico.

Puglia Nuovo Museo Archeologico Messapico

I reperti di questo museo, sono di tale importanza che anche  la trasmissione “Ulisse” di Alberto Angela  si è interessata ad Ostuni ed ai suoi luoghi archeologici.

Nel museo sono presenti anche reperti ossei degli antichissimi abitanti della zona: elefanti, rinoceronti, orsi ecc…

Il museo civico di “Civiltà preclassiche della Murgia meridionale”, in via Cattedrale, al centro di Ostuni è aperto al pubblico dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13. Sabato e domenica:  mattina dalle ore 10 alle 13 e pomeriggio dalle ore 16 alle 19.

Puglia Ostuni Chiesa di San Francesco
Puglia Ostuni – Municipio
Ostuni piazza-del-Municipio

::::::::::::::::::::

PARCO NATURALE REGIONALE 

DUNE COSTIERE

In bici, a piedi, corsi di erboristeria, visite guidate per le orchidee, formaggi irripetibili, ristoranti e alloggi di eccellenza.

Festa delle anguille da dicembre a gennaio; vendita delle anguille e ristoranti che le cucinano per l’occasione. Tutte le precisazionia l link più sotto.

Puglia – Ostuni – Parco delle Dune e spiagge

Albergabici© TUTTO PER I CICLISTI DI OGNI LIVELLO
Alla Masseria Fontenuova si trova un interessante allevamento di pecore locali che producono un formaggio eccellente; che si spera di poter salvare (gli allevatori preferirebbero un altro tipo di pecora che produce più latte).
Nelle acque, pulitissime, del parco vi è anche un allevamento di anguille e cefali dorati.
Un esemplare recupero di un vecchio impianto dell’Ottocento.

Vedi altre informazioni al link: http://www.parcodunecostiere.org/newsite/ita/index.php

MASSERIA IL FRANTOIO

Soggiornare nel sogno – alla Masseria Il Frantoio (Parco delle Dune)

Masseria il Frantoio; dove nasce il suo olio

:::::::::::::::::::::::

VICINO AD OSTUNI

In un ambiente naturale incontaminato, è possibile visitare questo Parco Archeologico che presenta alcuni spunti di grande interesse.

Reperti vari, vicino alla grotta.

Qui è stata trovata la mummia ora al Museo Archeologico di Ostuni.

:::::::::::::::::::::::::

Un albergo elegante dove mangiare è un’arte tutta pugliese

MASSERIA SANTA LUCIA

Piacevole ed efficiente spa, con piscine esterna calda e fredda , spiaggia e roccia, enorme, splendido e scenografico giardino.

Puglia-Otranto-Masseria-Santa-Lucia

La spiaggia della Masseria Santa Lucia.

 

Il mare di fronte alla Massseria Santa Lucia comprende spiaggia e rocce.

Il vaialone che porta alle spiagge.

Una camera della Masseria Santa Lucia; tutte le camere hanno un giardino privato.

Camere per famiglie alla Masseria Santa Lucia.

Prima colazione con torte fatte in casa, salumi, ottimo pane, frutta ecc…

La cucina merita l’eccellenza, qui abbiamo mangiato anche il miglior tonno alla griglia delle nostre esperienze; grazie alla più alta qualità della materia prima ed alla cottura perfetta.

Tutti i primi qui sono irresistibili, anche per chi non amasse in modo particolare la pasta.

Pesci (freschi), carni verdure e dolci non sono da meno.

Irresistibili: il pane, le friselline all’olio extra vergine di rara qualità e l’olio in tavola in tavola, meriterebbero, da soli, la visita.

Anche se non alloggerete in questo albergo, fermatevi almeno per un pasto.

La spa, dal design modernissimo e funzionale,  dispone di tutto quanto necessario per un completo confort.

Anche durante l’inverno, si può godere della panoramica piscina esterna (con ingresso diretto dall’interno per non sentire sbalzi di temperatura) di acqua calda, jaccuzzi e getti d’acqua.

Comode poltrone massaggianti completano il relax; mentre si ammira il panorama.

Sempre molto graditi gli assaggi di frutta fresca e bevande; sempre a disposizione.

spa

:::::::::::::::::::::

Oria:  non merita solo il nuovissimo museo, ma Oria fu anche residenza di Federico II e nuovo museo archeologico

Oria-Palazzo-dove-vissse-per-bereve-tempo-prima-del-matrimonio-Federico-II-di-Svevia.
Oria-Parte-del-castello-di-Federico-Secondo

Federico II di Svevia (Iesi 1194 – Castelfiorentino 1250), figlio di Enrico IV di Svevia e di Costanza d’Altavilla, fu una personalità eccezionale dalla ricchissima cultura, tanto che, ancora oggi, è oggetto di approfonditi studi.

Colto, abile, valoroso e tenace sostenitore della supremazia dell’Impero contro i  Baroni e i Comuni.

Federico II è ricordato anche come difensore dell’autonomia imperiale di fronte alla politica dei Papi.

In Puglia fece edificare alcuni tra i suoi imponenti manieri-castelli, Castel Del Monte è il più famoso. Anche Oria può vantare una residenza di Federico II, che qui soggiornò per breve tempo; in attesa della nozze con Isabella di Brienne (novembre del 1225).

Oria – San Giovanni Battista

Puglia Oria

———

GALLIPOLI IL SOGNO

Splendidi scenari, grande gastronomia; meglio in bassa stagione.

Galliponi – Hotel e residence Vittoria

Hotel-Vittoria se volete il lusso

Hotel Vittoria – piscina

Hotel Vittoria – spuntini



VIAGGIO DA NON PERDERE: PANAMA FOTO E INFORMAZIONI.

Il rarissimo uccello Quetzal

Un Paese che ci ha affascinato più del Costa Rica.

Meravigliose spiagge e impressionate natura; balene, tartarughe, rari uccelli dalle piume dorate…

UN RAPPORTO QUALITA’ PREZZO MOLTO VANTAGGIOSO.

Panama 672 Contadora mareIMAG4426_BURST001

Panama 672 aereo viaggi ok Contadora MAG4528

Isola di Contadora.

PANAMA 300 IMG_0441

Cascata di Boquete.

PANAMA orchidee fiori IMG_0739

 Orchidea della FINCA DRACULA; il miglior luogo dove vedere orchidee rare al mondo. In questa zona ne crescono 2.000 specie.

PANAMA 300 guida IMG_0515

Boquete.

PANAMA 450 IMG_0402

PANAMA foresta passerella IMG_0318

PANAMA 300 IMG_0513

 Boquete.

Panama canale IMAG4321

Il Canale di Panama dal treno.

Panama IMAG4280

Panama città.

Panama IMAG4319

Antico treno che porta i viaggiatori lungo il canale.

Panama IMAG4322

 

Panama IMAG4317_BURST001

Panama IMAG4576

Panama, chiesa.

PANAMA IMG_9716

Panama la città vecchia; parzialmente ristrutturata.

Panama MAG4245_BURST001

Panama città vecchia.

Panama IMAG4249

 Panama Colon IMAG4387

Storico albergo a Colon, alla fine del Canale sul lato dell’Oceano Atlantico.

Panama cibo IMAG4209

Panama Contadora aereo IMAG4570

PANAMA IMG_9815

PANAMA IMG_9930

Panama IMAG4250

Città di Panama

Panama IMAG4277

PANAMA balena megattera IMG_0071

Balena a Contadora.

PANAMA 672 quezal uccello IMG_0469

Il rarissimo Queztal.

Informazioni generiche su Panama:
tutte le informazioni che possono interessare il turista: www.atp.gob.pa
-telefono dall’Italia 00507
-due stagioni ( 26-30° e oltre, umido durante la stagione delle piogge):
secca da gennaio ad aprile (Boquete a gennaio gode del clima migliore, comunque qui sempre eccellente, con splendidi arcobaleni, in città e lungo la costa del Pacifico fa molto caldo)
umida negli altri mesi, con una diminuzione consistente delle piogge a settembre; comunque il clima è tropicale ed alle piogge si alternano, nella medesima giornata, ore di sole e fa meno caldo che durante il periodo secco.
lingua: spagnolo, ma molti parlano anche inglese
moneta: il dollaro americano è accettato ovunque ed ha un valore identico alla moneta locale
mance: se non sono comprese nel prezzo (servizio) è bene lasciare un 10%
tasse: come negli USA, al prezzo dichiarato si devono sempre aggiungere le tasse
patente: per 90 giorni si può guidare con la patente italiana
assicurazione: ogni turista gode di una assicurazione GRATUITA
ospedali: gli ospedali di eccellente livello sono numerosi, Clinca Paitilla, Clinica San Fernando, Hospital Nacional e Hospital Punta Pacifica
ambulanze: 236-6060
elettricità: PORTARE GLI ADATTATORI PER GLI USA, 110 volts, nessun problema con i dispositivi elettronici se si porta l’adattatore.
-PANAMA CITTA’: trasporto gratuito dal vostro hotel al centro commerciale Multiplaza e Metromall di Panama: telefono 222-8210, 6613-4694
-I pensionati a Panama godono di molti privilegi: sconti sull’elettricità, poche tasse, speciali trattamenti nelle banche, l’Italia gode di vie preferenziali per la richiesta di residenza.
Vedi altre informazioni per i pensionati al link:

Partenza 19 settembre, ritorno il 5 ottobre 2014, (per Panama è bassa stagione, settembre è il mese della stagione delle piogge nel quale le precipitazioni sono abbastanza ridotte; noi ci siamo trovati bene).
Volo Malpensa Panama: 650 euro.
Siamo partiti da Milano Malpensa alle 10 a.m., con un volo American Airlines diretto a New York.
Arrivati a N.Y. all’aeroporto J.F.K. nel pomeriggio, abbiamo raggiunto l’albergo con i mezzi pubblici: Air Train e poi metropolitana.
Albergo: World Center Hotel (144 Woshington Street, www.wordcenterhotel.com; con vista spettacolare su Ground Zero (L’hotel è esattamente di fronte alle fontane) e grattacieli intorno, prenotato con Booking.com. Due persone con cucina e salottino per eventuale terza persona: 200 euro (camera più piccola 150 euro).
L’abbiamo scelto perché centralissimo e vicinissimo ad un ottimo ristorante e ad un ottimo posto per la prima colazione all’americana: tutto entro 30 metri.
Inoltre, l’albergo dista 200 metri (2 strade) dal Century 21; dove si acquista tutto a prezzi eccellenti. Per esempio un set completo per trucco Elizabeth Arden a 20 dollari (matite, fard, rossetti, pennelli in bella scatola con cassettino), principali marche di vestiario scontate del 70 % anche 80.
La cena era programmata al MORTON’S THE STEAK HOUSE, appena usciti dall’ingresso dell’albergo a sinistra la porta vicina. Ristorante elegante. Attenzione perché il ristorante chiude alle 21,30.
Il mattino successivo colazione da BILL?S BAR & BURGER, DI FIANCO ALL’HOTEL: VERA, NOSTRANA CUCINA USA: PAN CAKES E HABURGHER MEGA UOVA E PANCETTA CROCCANTE
Poi siamo partiti per l’aeroporto di Newark con un auto a noleggio prenotata in anticipo via internet con Carmel www.CarmelLimo.com per 70 dollari mancia, tasse, pedaggi compresi.
Volo per Atlanta, sosta in aeroporto in attesa del volo con pranzo a base di prime ribe, tipicamente americano: costolette di maiale in una salsa deliziosa.
Arrivati a Panama abbiamo preso un taxi bianco, quelli segnalati dalle guide, spendendo più del doppio rispetto ai taxi gialli; che negli ultimi anni sono controllati e sicurissimi.
Per muoverci in città poi useremo sempre il taxi giallo del conduttore più simpatico della città, scoprendo così ch eu taxi gialli sono molto meno cari, ma altrettanto sicuri a differenza di quanto dicono tutte le guide che abbiamo letto (Lonely e National Geographic; ultimamente la politica turistica ha permesso l’eliminazione dei tassisti abusivi e poco sicuri.
AVIER e tel 00507 6870 9036: con lui spendevamo circa 6 dollari per ogni spostamento, 25 per andare all’aeroporto internazionale.

Per dormire, abbiamo scelto il Novotel, prenotato con Booking com, 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, con prima colazione (non eccellente), ma avevamo una bellissima grande camera comoda con due grandi letti.
Da questo hotel si può camminare a piedi, anche in piena notte, per raggiungere il vicino ristorante El Prado, ottimo rapporto qualità prezzo, frequentato dai locali; ottimo pesce, ma non solo.
La mattina ci siamo diretti, a piedi, verso il Mercado del Mariscos: mercato del pesce.
Dal mercato, con una breve passeggiata lungo l’oceano, abbiamo raggiunto il centro antico.
Visita del centro, ben ristrutturato, foto e caffè italiano.
Al ritorno, affamati, ci siamo fermati in due dei ristorantini intorno al mercato del pesce (Mercado de Mariscos, via Cinta Costera,) per gustare i piatti locali: “cevice” (pesce crudo nel lime e cipolla) poi due pesci alla piastra: ottimi.
All’albergo ci aspettava il nostro autista per portarci a visitare la foresta vergine Metropolitana: niente di speciale, se avete già visto le foreste tropicali; ma è speciale la vista dei grattacieli della città incorniciata dalle piante della foresta.
il giorno successivo lo abbiamo interamente dedicato al viaggio con l’antica ferrovia che costeggia il canale. Ci siamo fatti portare per le 7,30 alla stazione dal nostro taxi e abbiamo acquistato i biglietti, circa 36 dollari per tratta e per persona.
Il viaggio sulle antiche carrozze permette di vedere tutto il canale e la sua lussureggiante vegetazione. Si deve precisare che non è consigliabile camminare, anche in pieno giorno, nelle strade di Colon, se non si è panamensi.
All’arrivo avevamo chiesto all’autista del vicino hotel Melià di venirci a prendere con l’auto e così abbiamo conosciuto una persona che ci ha raccontato tutto quello che volevamo sapere della zona e della struttura che oggi, in piccola parte è hotel, ma che fu scuola militare americana.
La Scuola delle Americhe (SOA). Nei suoi 56 anni di vita ha insegnato a più di 60.000 soldati latinoamericani: tecniche di repressione, di guerra d’assalto e psicologica, di spionaggio militare e tattiche per gli interrogatori. La storia, purtroppo, ci racconta che centinaia di migliaia di latinoamericani sono stati torturati, stuprati, assassinati, “fatti sparire”, massacrati e obbligati a fuggire ad opera dei “diplomati” presso la SOA. 
La Scuola fu istituita inizialmente a Panama nel 1946 e cacciata dal paese nel 1984 seguendo le condizioni del Trattato del Canale di Panama. Questi “diplomati” hanno spesso utilizzato le loro abilità per intraprendere una guerra contro la loro stessa gente. Qui hanno studiato: Manuel Noriega, Juan Francisco Velasco Alvarado, Roberto Eduardo Viola Prevedini e molti altri.
Dell’antica struttura rimangono ancora edifici abbandonati o ben ristrutturati, come l’hotel Melià che, seppur un poco datato, mantiene il fascino dei vecchi alberghi dei veri viaggiatori.
Un giorno in hotel con uso delle piscine e degli spogliatoi immersi in un giardino spettacolare, pranzo a buffet compreso, ci è costato 36 dollari a testa; una pausa che abbiamo molto apprezzato anche per il magnifico giardino dell’albergo con affaccio sul lago dove si possono fare escursioni, praticare la canoa ecc..
Al ritorno, senza pagare alcun supplemento, l’autista ci ha portato a visitare rapidamente la città di Colon, non raccomandabile ai turisti solitari, meglio in auto .
Abbiamo visitato il vecchio e glorioso hotel Washington, un poco decaduto, ma sempre bello.
Il taxi ci ha mostrato anche la zona tax free, qui si trova di tutto, senza tasse.
Una signora locale conosciuta in aereo ci ha poi raccomandato di farvi gli acquisti, tutto molto scontato.
Qui i prezzi sono ancora più economici che negli outlet statunitensi: si trova tutto, dall’abbigliamento alle macchine fotografiche agli orologi delle marche più prestigiose, tutto esente dalle tasse.
Al ritorno; cena, riposo e partenza per l’isola di Contadora in aereo. Prenotato precedentemente via internet, costo: 120 euro, tasse comprese.
Volo con piccolissimo aereo, dopo una lunga attesa, atterraggio su altra isola (non previsto), panorama mozzafiato sulle isole.
A Contadora abbiamo sbagliato completamente il luogo dove dormire. Seguendo i suggerimenti della Lonely Planet e di Trip Advisor abbiamo prenotato Casa del Solo: non fatelo ! Il secondo letto era più simile ad una cuccia per cani che a un letto per una persona. L’aria condizionata non era regolabile: o freddo gelido o caldo soffocante.
Le pale al soffitto, bassissimo, hanno causato una forte faringite con forzata sosta a letto per 2 giorni!.
Per soli 15 dollari in più, il bellissimo ed elegante Hotel Romantica, direttamente sulla spiaggia, ci offriva una bella ampia camera con aria condizionata ben funzionante !!
Omar 00507 694 08 771 è stato il nostro punto forte a Contadora: bravissimo nocchiere ci ha portato a visitare tutte le isole più vicine con la sua barca.
Grazie a lui abbiamo sempre visto le balene, pescato ottimi pesci, anche il, qui raro, wahoo (buonissimo a tavola); che poi abbiamo mangiato ottimamente cucinato da un ristorante locale raccomandato da Omar (sull’angolo di fianco alla sede della compagnia area, sopra Isla del Pacifico supermercato)
Uscite in barca a 40 dollari l’ora per 2 persone. Omar tel
Il miglior ristorante dell’isola è il Ricon, in centro vicino alla stazione della polizia.
Ottimo anche il ristorante dell’hotel La Romantica.
Nota su Contadora, se siete allergici alla puntura degli insetti, microscopici, che abbondano sull’isola, potreste soffrire parecchio. Pungono anche con il repellente; portate medicine adeguate per combattere l’allergia e per togliere il dolore.
CONTADORA
www.visitcontadoraisland.com
info@contadoraisland.com
Dormire:
Villa Romantica: sulla spiaggia, brezza costante nella stagione umida (maggio-dicembre), ottimo servizio, belle camere. Prezzi speciali in bassa stagione, buono il ristorante; contadora@villa-romantica,com www.contadora-villa-romantica.com
Più economica, al centro dell’isola: Hotel Hibiscus per 32 persone 95 dollari più 10% tasse con colazione ricca di frutta tel +507-6781-1638 (che vanno sempre aggiunte a qualunque prezzo), qui abbiamo trovato un’auto elettrica per 50 dollari al giorno.
Partiti da Contadora, dall’aereo abbiamo fatto delle splendide foto alle isole sottostanti.
All’aeroporto dei voli nazionali di Panama, ci siamo recati all’ufficio della compagnia Thrifty, con la quale avevamo prenotato un’auto dall’Italia.
La compagnia si è rivelata efficientissima; personale educato e sollecito.
Non disponendo dell’auto che avevamo prenotato, l’hanno subito sostituita con una di categoria superiore al medesimo prezzo: fantastico.
Spesa totale: 310 dollari.
La benzina costa 1 dollaro al litro.
In due ore di auto abbiamo raggiunto la località montana di El Valle: famoso centro di soggiorno per panamensi benestanti con villa privata.
E’ subito evidente l’immensa distanza tra i grandi suv e jeep e le povere bici dei locali.
Il paese non offre molto, la cascata è famosa, soprattutto per la possibilità di sorvolarla appesi a una fune. All’entrata abbiamo pagato anche per fare il bagno, ma non era sotto la cascata, solo un bacino artificiale vicino: non ci è piaciuto e abbiamo rinunciato.
Anche la cascata, se siete abituati alle cascate delle foreste tropicali con bagno nella pozza sottostante, non vi sembrerà meritevole della sosta.
Abbiamo invece apprezzato la possibilità di alloggiare nel luogo dove sorgeva un antico albergo, ancora oggi gestito da una famiglia locale.
Situato in un gradevole contesto naturale, ai piedi della montagna, dalle finestre è possibile vedere e fotografare uccelli e un’uscita notturna, con torcia e attenzione, vi farà scoprire la famosa rana dorata, tipica di questa zona e salvata dall’estinzione proprio dalla famiglia proprietaria dell’albergo.
Anni fa queste rane furono vittime di un’aggressione di funghi chiodini che le stava sterminando. I proprietari dell’albergo misero a disposizione delle stanze per salvare le rane.
L’albergo antico è stato distrutto e ora si alloggia in grandi, semplici, camere dotate dei confort necessari.
Se volete il lusso, lo troverete altrove.
Dopo El Valle, con un viaggio sulla Panamericana di 4 ore, abbiamo raggiunto la torrida città di David.
Da qui abbiamo proseguito per Boquete, famosa località di montagna.
Boquete si è rivelata essere una delle più ambite mete dove trascorrere la pensione per gli americani.
Molto meno cara degli USA, dotata di un clima abbastanza fresco tutto l’anno; solo nelle ore centrali del giorno, in centro città si può soffrire un poco il caldo nei mesi delle piogge. mentre in estate, dal nostro gennaio, il cielo è terso e soffia sempre una gradevole brezza.
Gennaio è il mese migliore per visitare Boquete, il cielo terso permette di vedere la cima del vulcano BARÚ e numerosissimi arcobaleni.
Le sistemazioni sono alla portata di tutte le tasche dall’economico a 10 euro a notte, in bassa stagione, ma in centro dove fa caldo e senza aria condizionata, sino agli alberghi con spa.
Per fermarsi a lungo è consigliabile parlare con la gente che vi abita; se vi accontentate potrete trovare alloggio con cucina anche a 100 euro al mese, in località Vulcancito, dove non fa mai caldo, ma nemmeno mai freddo. Ben collegata con la città con i bus e gli economici taxi.
Ottima la frutta tropicale che si acquista nei negozi o al mercato.
Non manca un supermercato fornitissimo che offre tutti i prodotti di marca degli USA, ma anche pasta italiana e sugo Mutti a prezzi alti.
Numerosi e vari i luoghi dove mangiare. A noi è piaciuto il ristorante peruviano Machu Pichu; ottimi pesce, carne e zuppe.
Economico e senza pretese il self service locale denominato Duran. Lo trovate in centro, non lontano dalla piazza principale dove si affaccia il miglior bar; qui l’aria condizionata permette una gradevole sosta nelle ore più calde, il caffè Moccacito è delizioso come i pochi, ma gustosi dolci. Qui trovate anche il famoso caffè qualità DURAN, assai raro e considerato il migliore al mondo.
Passato il ponte sul fiume, girando a sinistra trovate il negozio che vende piante e orchidee accanto ad un giardino eclettico. Qui ha sede la famosa fiera delle orchidee che si tiene a Boquete ogni anno durante il mese di aprile.
Noi abbiamo alloggiato al B&B Palo Alto (85 dollari la camera doppia con colazione in bassa stagione), sulla strada per palo Alto a circa due chilometri dal centro della città di Boquete.
Lo consigliamo perché non è facile trovare un servizio tanto efficiente e delle camere tanto funzionali e gradevoli in un giardino che, da solo meriterebbe la sosta.
La colazione del mattino viene servita di fronte ad un magnifico scenario naturale. uova, salsicce, frutta tropicale, yogurt, pane tostato e corn flakes, succo di frutta esotica e caffè. Qui l’ultima mattina abbiamo mangiato i migliori pan
cakes della nostra vita, cucinati dalla padrona della struttura; fantastici !
I dintorni di Boquete offrono la possibilità di camminate di ogni tipo; dalla più impegnativa, sino alla bocca del vulcano, alle altre non meno faticose alla ricerca del mitico uccello Quetzal; che noi abbiamo avuto la fortuna di fotografare, grazie alla nostra bravissima guida Edoardo tel 00507 6601 6479.
Le passeggiate nella foresta richiedono un’adeguata attrezzatura, ma soprattutto sconsigliamo di avventurarsi da soli in quanto i pericoli sono più numerosi di quanto un profano si aspetti. Ma chiunque può fare delle belle passeggiate all’aria buona intorno alla città.
Le guide hanno sempre con loro i vari sieri contro i morsi dei serpenti, che sono abbastanza rari.
Solo per chi va a cavallo le possibilità di morsi di serpenti aumentano. Il movimento delle braccia che sfiorano i rami degli alberi li spaventa e un serpente, che salta, attacca alle gambe; non servono scarponi, attacca alla coscia.
In ogni caso nella zona ci sono molto meno serpenti che in altre località con foresta tropicale, poiché nelle circostanti piantagioni di caffè viene sparsa una sostanza che li tiene lontani.
Comunque esistono anche possibilità di fare anche n passeggiate non impegnative, fuori dalla città per respirare aria buona di montagna.
I ragazzi giovani arrivano a Boquete per praticare i soliti sport “estremi”; rafting, bike, arrampicate, uscite con mezzi motorizzati per spingersi nelle foreste; quest’ultimo un passatempo che a noi non piace perché inquina, anche per il rumore e non fa bene alla salute.
Molte sono ile zone intorno a Boquete dove gli americani, e non solo, hanno costruito grandi ville, giardini, campi da tennis e da golf.
Uno sport club esclusivo è a loro disposizione.
Nelle vicinanze di Boquete si trovano anche delle acque termali.
La destinazione più interessante, per noi, è stato l’orto botanico di Guadalupe, dopo Cerro Punta. Per raggiungerlo abbiamo dovuto rifare, parzialmente, la strada per David e poi, solo con l’auto del satellitare, siamo riusciti a trovare la strada perché non ci sono indicazioni di alcun genere.
Comunque partendo da David si spendono 36 dollari di taxi per raggiungere la Finca Dracula.
Il parco botanico FINCA DRACULA (il paradiso delle orchidee) , aperto dalle 8 alle 17 tutti i gironi, con visite guidate ben presentate da una ragazza molto competente in materia. 1 adulto e uno studente: 11 dollari, ma dopo avere sentito il profumo di vaniglia di alcune orchidee, avrei pagato qualunque cifra.
Il luogo è definito da molti, anche da noi, una delle più ricche serre di orchidee mai viste.
Qui si incontra il miglior clima al mondo per la crescita delle orchidee. Il nome Dracula proviene dal fatto che i fiori di molte di queste orchidee si aprano solo di notte.
Qui potete acquistare orchidee per pochi dollari, anche se vi sono specie rare che possono costare anche oltre 200 dollari.
Finca Dracula è uno dei più interessanti luoghi al mondo per vedere orchidee rare.
I mesi migliori vanno da aprile a maggio, con quest’ultimo come migliore in assoluto.
Alla Finca Dracula è possibile vedere molto altre piante che non siano orchidee, un bel laghetto e una cascatella.
Comunque siamo riusciti a fotografare diverse orchidee Diablo; scure con sfumature nere, sicuramente emozionanti per qualunque appassionato del genere.
Ma la cosa che ci ha più colpito è stato il persistente e delicatissimo profumo di vaniglia che aleggiava nell’aria; un profumo che mai avevamo sentito tanto intensamente.
Dopo un soggiorno di 3 giorni e le foto del rarissimo Queztal, abbiamo lasciato Boquete ci siamo diretti verso l’oceano Pacifico. Dopo David abbiamo deviato per
Las Lajas Beach; dove si trova Las Lajas Beach Resort www.laslajasbeachresort.com
La località deve ancora svilupparsi dal punto di vista turistico.
La spiaggia è immensa e circondata dalle palme.
Qui si vendono lotti di terreno a 20.000 dollari per 500 mq., ma in seconda linea rispetto alla spiaggia; considerato che la zona è molto calda e dove si deve edificare sono stati tagliati tutti gli alberi grandi, forse non è un affare, anche se la spiaggia è veramente affascinante: immensa e totalmente libera.
Una famosa scrittrice americana (Anna Markland) viene su questa spiaggia per rilassarsi e ispirarsi e non è difficile crederle.
Tornati sulla Panamericana, il viaggio prosegue con una certa lentezza a causa del traffico dei giorni feriali e dei grandiosi lavori in corso per raddoppiare la carreggiata.
L’idea di fermarci per una notte lungo l’oceano si rivela vincente.
Arriviamo all’hotel con tante ore di auto alle spalle, ma ci sentiamo subito meglio anche per la meravigliosa vista sull’oceano dalla nostra camera e la lunghissima e deserta spiaggia dove passeggiare.
L’hotel scelto è lo Sheraton, del quale abbiamo letto anche diverse relazioni negative.
Noi l’abbiamo scelto anche per il prezzo che abbiamo trovato su Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti vista mare, pensione e bevande comprese per 2 persone.
Il buffet non è di quelli che si ricordano, ma comunque c’era tanta buona frutta e dell’ottima coda di toro veramente ben cucinata, i dolci non erano male, il resto non ci interessava.
Il numero delle piscine è notevole come la loro scenografia, ma a noi interessa il mare e così ci precipitiamo in spiaggia: lunghissima, sino all’orizzonte, completamente vuota, salvo le sdraio dell’albergo. Entrando nella parte dedicata agli sport d’acqua scopriamo che la canoa è gratis e ne approfittiamo subito; la corrente non è pericolosa.
Il mare è molto caldo e invita anche ad un bel bagno.
Le onde non sono eccessive, ma non è per nuotatori insicuri.
La sera abbiamo prenotato il ristorante giapponese, compreso nella pensione completa.
La scenografia all’entrata è molto elegante. Tutto il gruppo che ha prenotato viene fatto sedere attorno ad una piastra dove un cuoco locale si esibisce in alcuni giochi d’effetto, giusto per un villaggio turistico.
Non si è trattato di una cena in vero stile giapponese, né il cibo lo era, comunque era tutto commestibile e la gente che ci circondava è sembrata molto soddisfatta. Per noi si è trattato di fare qualcosa di diverso; comunque non eravamo interessati al buffet ,che per questa sera, era a base di piatti italiani.
La colazione del mattino l’abbiamo limitata a tanta frutta, caffè latte e corn flackes.
Poi ci siamo goduti ancora una bella nuotata in mare, anche se il rientro ha richiesto un minimo di attenzione, l’oceano va sempre rispettato ed è solo per chi sa veramente nuotare.
Partiti verso le 10 di mattina, ci siamo rifermati sull’oceano a un’ora da Panama città per ammirare un nuovo gruppo di condomini di lusso in prima fila sull’oceano. Posizione magnifica, grande eleganza e linearità di stile, splendide viste sulla spiaggia e sull’oceano.
Un vero ottimo investimento; a partire da 380,000 dollari per un’ampio bilocale all’ultimo piano con vista mozzafiato,
A Panama abbiamo riconsegnato l’auto a noleggio e con 2,50 dollari ci siamo fatti portare in taxi al ristorante vicino al nostro albergo, sempre il Novotel. Il ristorante, senza pretese, ma quasi sempre buono El Prado è raggiungibile, in piena sicurezza anche di notte camminando 5′ dal Novotel.
Quest’ultimo raccomandabilissimo; per la sua comoda ubicazione anche per raggiungere il nuovissimo ed efficiente metro; un ristorante per mangiare pollo si trova proprio di fronte all’albergo e qui i polli hanno ancora un sapore !
Un poco più avanti dall’hotel, in giornata si può anche raggiungere un altro luogo frequentato solo da locali, dove si può avere un pasto tipico panamense a pochi dollari.
La nostra vacanza è terminata con una partenza la mattina prestissimo con volo per Atlanta, poi volo per New York e quindi per Milano.
Abbiamo prenotato poco prima della partenza e quindi non avevamo molta scelta, non volendo spendere una grossa cifra per il solo volo, ma chi può prenotare con largo anticipo sicuramente troverà dei voli, se non più economici più comodi.
La prossima volta che torneremo a Panama, durante il soggiorno in città prenoteremo presso un’agenzia locale una giornata o due alle isole San Blas e trascorreremo qualche giorno in un albergo a palafitte sul mare sull’arcpelago Bocas del Toro ( tiotomsguesthouse.com Isla Bastimentos; careeningeay.com, www.farodelcolibri.com, , se avremo tempo anche altri giorni nel selvaggio Darien, ma solo con una buona guida (tour organizzati da 4 gg a 6gg. tel. 00507 3958 165 39 Eco Adventure tel locale: 6655-0984; per la pesca d’altura: tel.00507 3467 162 7 Deep Sea Fishing; per bird watching tel 00507 3571 163 16).
Al prossimo viaggio.
Foto e info di altri nostri viaggi su www.donnecultura.eu

PANAMA:
Autonoleggio: Triffy; Sizuky ritirata in aeroporto e lasciata nella sede in centro città; aperta sino alle ore 10 di sera. Ottimo servizio, personale gentile: 337 dollari per 7 giorni. La benzina costa circa 1 euro al litro.

HOTEL A PANAMA: Novotel, in centro, possibile raggiungere, a piedi, ristorante per la cena; zona assolutamente sicura. 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, bassa stagione, su Booking.com; per 3 notti. Eccellente rapporto qualità prezzo. Piccole pecche: profumazione non gradita nella hall e colazione a buffet con caffè-latte veramente inbevibile (ma si può chiedere caffè italiano a 2,5 dollari), pancakes senza sciroppo…
MANGIARE:
Dal Novotel, proprio di fronte un locale che serve dell’ottimo ed economico pollo arrosto; a piedi si raggiunge El Prado: cucina locale discreta. Sempre a piedi (indicativamente verso la metro) anche RIKO POLLO; semplicissima cucina locale rustica, molto economico.
Sushi Itto: cucina giapponese e latina; pesce fresco, anche servizio a domicilio; Multipalza Mall e Plaza Obarrio (vicino a El Santuario).

BOQUETE
All’Ufficio di Informazioni per il Turista: sulla strada principale, prima di arrivare a Boquete centro, all’altezza della deviazione per Vulcancito, ma sul lato opposto della carreggiata. Personale molto gentile; la miglior fonte di informazione; ci ha ricevuto la signora: Cefati.
Dormire:
Hotel Palo Alto; per noi il miglior rapporto qualità prezzo, eccellente servizio, eccellente colazione all’americana con panorama mozzafiato; tutto ok, un poco in alto rispetto al centro (2,5 Km) per godere del fresco della montagna; in città in giornata può fare abbastanza caldo. WiFi gratis nelle camere.
http://hotelpaloaltoboquete.com ; info@hotelpaloaltoboquete
Boquete Tree Trek, per chi non bada a spese e vuole stare immerso nella natura, casette in legno. Non vicino alla città. www.boquetetreetrek.com
Per chi non ha pretese: Casa Pedro, camere da 35 a 100 dollari. La sistemazione è spartana, ma avete tutto il necessario, anche la possibilità di cucinare. Chiedete la camera con il balcone. 5 camere. A 5′ dal centro. WiFi e caffè gratis www.casapedroboquete.com casapedroboquete@hotmail.com
Pe visite accompagnate:
Noi abbiamo fatto riferimento ad una guida espertissima, come segnalato nelle foto
Per chi ama il tutto organizzato, anche direttamente dall’albergo: Boquete Tour, telefono: 730-9353 WWW.BOQUETESAFARI.COM INFO@BOQUETESAFARI.COM

OCEANO PACIFICO:
Sheraton Bijao Beach Resort: località Santa Clara, a circa 2 ore di auto a nord della città di Panama, con Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti e vista oceano, pensione completa, bibite e canoa.  

Fiori 450 Panama varie IMG_9851

Varie aereo 672 Contadora aereo IMAG4522_BURST001

Panama IMAG4612

Mangiare street food sulla Panamericana lungo l’oceano Pacifico.

Panama cucina IMAG4608

Panama IMAG4504

Contadora ristorante casalingo.

panama Contadora IMAG4506

 

 

 

Panama Contadora IMAG4503

Contadora aeroporto.

Panama cibo IMAG4258

Pesce fritto e contorno al Mercado dei Mariscos a Panama città.

Panama IMAG4192

Panama IMAG4251

Panama hotel Boquete Palo Alto IMAG4624

Albergo Palo Alto a Boquete.

Panama Boquete IMAG4633

Boquete la piazza centrale.

Panama Boquete antico treno IMAG4628

L’antico treno che univa Boquete all’oceano Pacifico.

Panama Boquete IMAG4634

Annunci di vendita a Boquete

Panama Boquete ristorante Machu Pichu IMAG4625

Ristorante Machu Pichu a Boquete.

Panama IMAG4274

Camera Novotel a Panama.

Panama Colon interno h Washington IMG_9942

Interno dell’ormai decaduto albergo Washington a Colon

Panama COLON IMG_9968

Panama Colon IMG_9958

 Colon, la chiesa più antica.

Panama Colon Hotel Washington IMG_9945L’ormai decaduto, ex albergo di lusso, Washington a Colon; comunque ancora ricco di fascino.

Panama Colon IMG_9935

 

 

Colon, la città sul canale di Panama dal lato dell’Oceano Atlantico. Una città dove non manca il lavoro, ma gli abitanti preferiscono o non lavorare o spendere i soldi in auto e feste, ma non per pagare l’affitto e la luce.

A Colon si trova anche un grandissimo centro fee tax, dove si acquista tutto senza pagare tasse: dagli orologi di marca ai telefonini agli elettrodomenstici.

Qui i ricchi affari del canale sono anche in mano ad una minoranza araba ed ebrea.

COLON IMG_9976

ORCHIDEE e altri fiori DALLA FINCA DRACULA:

PANAMA orchidee fiori IMG_0716

Abbiamo visitato una delle collezioni più ricche al mondo di orchidee.

Profumi inebrianti, colori e trappole semoventi (come quella fotografata qui sotto)per insetti: ecco cosa sono le orchidee.

PANAMA orchidee fiori IMG_0715

L’orchidea qui sopra fotografata, quando viene toccata da un insetto si muove per far scivolare l’insetto verso  il suo polline !

Si chiama FINCA DRACULA il posto migliore al mondo per chi ama le orchidee. 2.000 specie crescono in questa zona.

PANAMA orchidee fiori IMG_0558

PANAMA orchidee fiori IMG_0711

PANAMA orchidee fiori IMG_0709

PANAMA orchidee fiori IMG_0708

PANAMA orchidee fiori IMG_0707

PANAMA orchidee fiori IMG_0705

PANAMA orchidee fiori IMG_0703

PANAMA orchidee fiori IMG_0691

PANAMA orchidee fiori IMG_0708

PANAMA orchidee fiori IMG_0704

PANAMA orchidee fiori IMG_0703

PANAMA orchidee fiori IMG_0691

PANAMA orchidee fiori IMG_0688

PANAMA orchidee fiori IMG_0654

Alcuni fiori non sono di orchidee, ma li abbiamo fotorafati per laloro rarità e bellezza.

(PIU’ SOTTO TROVERETE LE ORCHIDEE DIABLO)

PANAMA orchidee fiori IMG_0651

PANAMA orchidee fiori IMG_0637

PANAMA orchidee fiori IMG_0618

PANAMA orchidee fiori IMG_0563

QUI SOTTO LE ORCHIDEE DIABLO CHE CRESCONO SOLO QUI

 PANAMA orchidee fiori Dracula vampira IMG_0693

PANAMA orchidee fiori Dracula Vampira IMG_0686

PANAMA orchidee fiori Dracula Vampira IMG_0685

Altre orchidee e fiori che ci hanno affascinato:PANAMA 672 orchidee fioriIMG_0729

PANAMA 672 orchidee fiori ok IMG_0566

PANAMA 672 acqua cascata ok IMG_0677

PANAMA 450 fiori IMG_0458

PANAMA IMG_0243

I grattacieli di Panama city visti dall’aereo.

PANAMA Varano animali IMG_0130

PANAMA animali cerbiatti IMG_0175

PANAMA IMG_0164

Albego Romantica a Contadora

PANAMA 450 fiori IMG_0458

L’uccello idolatrato dagli indigeni; il Quetzal.

PANAMA caimano coccodrillo animali IMG_0266

Caimano.

PANAMA 450 Edoardo +507 66016479 IMG_0460

La nostra guida a Boquete: Edoardo.

PANAMA 450 IMG_0402

Cartelli lungo la strada per Boquete.

PANAMA foresta passerella IMG_0318

PANAMA montagna foresta IMG_0365

Pareti dell’enorme, antichissimo ed enorme vulcano che circonda la zona dove è situata la località montana di El Valle: qui troverete una bella cascata che potrete superare appesi ad una corda in assoluta sicurezza.

A Panama assaggerete il più dolce ananas del mondo.

Weekend coi bambini – Castagna regina ad Ascona

Sagra d’Autunno ad Ascona.

Si arrostiranno sul fuoco più di 2000 kg di castagne.

Le bancarelle del mercatino proporranno varie prelibatezze a base di castagne: marmellate, miele, torte e numerosi prodotti enogastronomici della regione.

A pagamento,  un pranzo tipico con polenta e gorgonzola o mortadella.

La distribuzione di caldarroste sarà assicurata anche in caso di cattivo tempo (senza animazioni).

Indirizzo

Lungolago Motta, 6612 Ascona

Contatti

info@amascona.ch

www.amascona.ch

Quando

7 / 14 ottobre

Orari

  • Sabato: 10.00-17.30

Tokyo – Foto fantastiche dalla crociera con cena gourmet

Lo Yakatabune l’attrazione immancabile per chi visita Tokyo

Ci sono diversi modi per scoprire Tokyo, uno dei più affascinanti, soprattutto la sera, è via fiume in crociera con lo Yakatabune.

Sulla tradizionale barca è possibile effettuare una crociera che diviene un vero e proprio tour sull’acqua della capitale nipponica. La città si offre allo sguardo, le luci della sera, l’atmosfera rarefatta, rendono la città di Tokyo di una bellezza mozzafiato. Non solo, la crociera offre una visione da una prospettiva singolare, nella facilità di uno storico salotto galleggiante.

Lo Yakatabune, infatti, è uno dei simboli di Tokyo, la cui storia risale al periodo Edo, queste imbarcazioni venivano utilizzate dai ricchi signori della regione per ogni sorta di passatempo e per il piacere della navigazione fluviale, oggi sono dei raffinatissimi ristoranti galleggianti e rappresentano uno degli svaghi maggiormente suggeriti per rilassarsi alla fine di una giornata per godere delle viste panoramiche mozzafiato della baia di Tokyo mentre si assapora una deliziosa cena a base di sashimi e tempura, appena preparata, in perfetto stile giapponese.

Alcune delle partenze avvengono dal molo di Shinagawa e offrono un bel tour dello skyline di Tokyo.

Lo Yakatabune è un’attrazione immancabile per chi visita Tokyo.  
Questo e molto altro su GOTOKYO! 

Viaggio in Giappone – Trekking ed ecologia

Foreste – cascate e spiagge … attività all’aria aperta in Giappone … anche dove non ci sono nemmeno siti turistici …

Dal kayak allo snorkeling al trekking … 

Kyushu

Trekking a Yakushima

Chi non conosce Yakushima, l’isola sede della foresta che ispirò il film « La principessa Mononoke » di Miyazaki?

A sud di Kyushu, Yakushima è stato il primo sito ad essere inserito nelle liste del patrimonio dell’umanità UNESCO, grazie all’unicità dei suoi paesaggi e alla natura incontaminata. Il clima dell’isola passa da una zona sub-tropicale a una zona sub-artica racchiudendo in sé tutte le fasce climatiche del Giappone.

Le foreste rigogliose accolgono cedri millenari (‘Yakusigu’, il cedro giapponese anch’esso patrimonio dell’umanità) che riproducono atmosfere magiche e misteriose.

Lungo la strada principale che attraversa l’isola di sovente si incontrano scimmie e cervi: sono talmente numerosi che i locali sostengono siano almeno quanti sono gli abitanti!

Foreste, cascate, spiaggie: le possibilità di fare attività all’aria aperta non si contano qui, dal kayak allo snorkeling, ma rimane il trekking verso lo ‘Jomon sugi’ – la grande cryptomeria giapponese simbolo di Yakushima – il must-do per chi visita l’isola.
L’escursione dura circa 9 ore per 10,7 km di marcia e si sviluppa lungo sentieri indicati che permettono la sosta in tenda nei pressi di ‘Jomon sugi’ per apprezzarlo sotto un cielo stellato.
Maggiori informazioni: http://www.yakumonkey.com/

Yakushima forest

Isola di Ojika a Nagasaki

A Ojika – 2.600 abitanti – non ci sono supermercati né conbini.

Non ci sono nemmeno siti turistici.

E allora perché andarci? La piccola isola, distante da Fukuoka 5 ore di barca, ha conservato in questo isolamento solide tradizioni rurali e un paesaggio intoccato. Lontana da qualsiasi modello turistico si possa immaginare, Ojika accoglie i suoi visitatori con schiettezza facendoli dimorare presso famiglie di agricoltori o pescatori, presso case di legno oppure in un albergo situato sull’isola disabitata di Nojima.
Un’esperienza davvero autentica e decisamente indimenticabile! Maggiori informazioni: www.gotoexperience.com

Okinawa

Baia di Kabira a Ishigaki

A 40 minuti di distanza in auto dal centro della città, la baia di Kabira è inserita nella guida verde Michelin e fa parte del parco nazionale di Iriomote-Ishigaki. Sabbia bianca e acque turchine sono tra le caratteristiche delle 9 isolette deserte dalla natura selvaggia e incontaminata.

Un mezzo per esplorare tutto questo è il SUP (Stand Up Paddle), comoda tavola galleggiante dalla quale osservare il sottofondo marino e nel contempo rassodare i muscoli!

Naturalmente le attività a contatto con la Natura sono varie dal più classico diving all’escursione in barche con il fondo in vetro per osservare da vicino la fauna marina. Maggiori informazioni: http://www.yaeyama.or.jp.e.kg.hp.transer.com/category/asobu/

Kabira

©JNTO

Foresta di Yanbaru

‘Yanbaru’ è un termine dialettale di Okinawa che significa: ‘regione montuosa ricoperta di foreste’.

Questo è il nome di una zona a nord dell’Isola di Okinawa, per altro sede del famoso acquario Churaumi.

Da Naha, in auto, Yanbaru è raggiungibile in 2,30 ore.

Si tratta di un habitat estremamente selvaggio e fitto, abitato da numerose specie animali e vegetali rare.

Resterete ammaliati dalla bellezza delle mangrovie e meravigliati al cospetto del rallo e del picchio d’Okinawa, due specie di uccello rare e in via d’estinzione.

Oltre al ‘birdwatching’ è possibile praticare il kayak, fare escursioni notturne e molto altro. Maggiori informazioni: https://www.turismo-giappone.it/scoprire-il-giappone/destinazione/okinawa/speciale-okinawa/n-3-visitare-yanbaru-un-ambiente-naturale-unico

Gratis sulle piste di Splügen a Sant’Ambrogio !

Sciare low cost in Svizzera ?

Gratis sulle piste di Splügen a Sant’Ambrogio!

Dall’8 al 10 dicembre 2017 skipass gratuito per tutti sulle piste di Splügen-Tambo: un’iniziativa speciale per far conoscere il soleggiato comprensorio al confine con la Valtellina.

Ideale per le famiglie la zona offre anche 40 km di piste da fondo, piste da slittino e piste di ghiaccio naturale. I bambini fino a 12 anni sciano gratis per tutto l’inverno e, in caso di brutto tempo, skipass scontato anche per gli adulti.

APERTURA IMPIANTI

25 novembre 2017: Inizio stagione, apertura impianti nel fine settimana
8, 9 e 10 dicembre 2017: Fine settimana di prova (gratis per tutti)
22 dicembre 2017: Inizio stagione, apertura quotidiana
Ogni giovedì: Prenotazione piste per sciata notturna (su richiesta)
Ogni venerdì, a partire dal 29 dicembre 2017: Sciata/slittata notturna

Vacanze invernali cosa c’è di nuovo ? Svizzera: anticipazioni

Un weekend itinerante  in auto;  da provare

GRAND TOUR OF SWITZERLAND

Svizzera: anticipazioni invernali, viaggi green e “relazioni” genovesi.

Nuove aperture, ferrovie di montagna in continua evoluzione, offerte per famiglie e il resoconto di un viaggio green da Appenzello a San Bernardino.

GRAND TOUR OF SWITZERLAND CON RENAULT ZOE: VIAGGIO GREEN NEL PAESE DI HEIDI

Due equipaggi, partiti da Milano, hanno sperimentato il Grand Tour of Switzerland in chiave eco con una tre giorni a bordo della berlina compatta 100% elettrica Renault ZOE, che con la sua autonomia record di 400 km NEDC si conferma la compagna ideale anche per i viaggi fuori confine.

Dal 2017 il Grand Tour of Switzerland – l’itinerario circolare di 1.600 km che si snoda su strade cariche di fascino attraverso 22 laghi, 12 siti Unesco, 5 passi alpini che superano i 2.000 m e 45 attrazioni – è percorribile anche con auto elettrica.

Lungo tutto il percorso, negli hotel oppure in postazioni pubbliche, sono state installate 300 stazioni di ricarica per andare alla scoperta dei tesori naturalistici e culturali della Svizzera senza preoccuparsi di rimanere “senza energia”.

Nasce da qui l’idea di percorrere una tratta del Grand Tour a bordo di Renault ZOE per sperimentare l’utilizzo “turistico” di un’auto elettrica per viaggi anche fuori dal confine italiano in un Paese, la Svizzera, che garantisce la presenza di stazioni di ricarica non solo nei centri urbani ma su tutto il territorio.

Con zero rumore e zero emissioni di CO2, due equipaggi, partiti da Milano, hanno così esplorato la tratta orientale del Grand Tour da Appenzello a Splügen, percorrendo oltre 800 km. L’itinerario è stato studiato per abbinare la visita alle attrazioni turistiche al tempo necessario alla ricarica, sfruttando al meglio il tempo a disposizione.

La prima tappa ha avuto luogo nel villaggio di Appenzello, una delle zone più rurali e tradizionali della Svizzera dove, una volta all’anno, si vota nella piazza principale per alzata di mano.

Dopo una passeggiata per le vie del centro ad ammirare le case decorate e i graziosi locali, cena tradizionale e pernottamento presso l’Hotel Bären di Gonten, che offre ai viaggiatori la possibilità di ricaricare l’auto elettrica nel parcheggio privato.

L’itinerario è proseguito verso la parte settentrionale dei Grigioni, la Bündner Herrschaft, dove l’autrice Johanna Spyri trasse ispirazione per la sua Heidi.

Un must per chi viaggia con i bambini!

A Maienfeld sorge Heidorf, il villaggio di Heidi, dove si possono rivivere le avventure dell’eroina svizzera tra caprette, baite di legno e memorabilia.

Sosta consigliata per una ricarica e per un pranzo al Bel Air è il Grand Resort di Bad Ragaz con terme, trattamenti wellness all’avanguardia e campo da golf.

Poco distante i vecchi bagni di Pfäfers dove si trova la stretta gola della Tamina con pareti rocciose alte fino a 70 metri. Si può visitare la gola attraverso il sentiero che conduce dalla piccola sorgente termale fino alla grotta di acque sorgive. Davvero impressionante!

Dopo una notte a Davos presso l’Hotel Ameron ,- gli equipaggi hanno raggiunto la cittadina di Thusis per visitare le selvagge gole della Viamala: uno spettacolo naturale che incanta da sempre i viaggiatori in transito per secoli lungo l’asse che univa l’Italia al nord delle Alpi. Il ritorno a Milano è altrettanto scenografico: si passa da Zillis, con la chiesa romanica di St. Martin definita la “Sistina” della Alpi, dai villaggi di Ander (splendida cittadina medioevale con stabilimento termale)  a Splügen (dove si posson acqusiare i prodotti delle Alpi; formaggi e yogurt), per poi proseguire in direzione di San Bernardino.

Renault ZOE si è dimostrata una perfetta compagna di viaggio per i percorsi e le distanze del Grand Tour: compatibile con la maggior parte delle colonnine di ricarica e con un’autonomia adatta a spostarsi da una tappa all’altra affrontando senza alcuna esitazione i passi alpini.

Auto 100% elettrica più venduta in Europa, Renault ZOE si conferma la soluzione ideale di mobilità elettrica, apprezzata dalla clientela per le sue qualità tecnologiche e la sua versatilità di utilizzo.

* NEDC: New European Driving Cycle, norma europea di misurazione delle emissioni e dei consumi.

Il percorso e le soste

1° GIORNO

Milano – San Bernardino (220 km): sosta per pranzo all’Hotel Bellevue (www.bellevue-sanbernardino.ch) e ricarica alla postazione pubblica di fronte all’Ostello e Centro Nordico San Bernadino.

San Bernardino – Appenzello (160 km): cena, pernottamento e ricarica presso Hotel Bären Gonten (www.baeren-gonten.ch)

2° GIORNO

Appenzello – Maienfeld (90km): visita del villaggio di Heidi.

Maienfeld – Bad Ragaz (7 km): pranzo al Ristorante Bel Air c/o Grand Resort Bad Ragaz (www.resortragaz.ch), ricarica e visita dei vecchi bagni di Pfäfers (www.altes- bad-pfaefers.ch)

Bad Ragaz – Davos (60 km): relax nella Spa, cena e pernottamento all’Hotel Ameron (www.ameron-hotel-davos.ch)

3° GIORNO

Davos – Thusis (50 km): ricarica nel parcheggio della Migros e visita delle gole della Viamala (www.viamala.ch)

Thusis – Milano (200 km) con sosta a Zillis, Andeer e Splugen (www.viamala.ch)

2

Il Grand Tour of Switzerland in sintesi

  • 1.643 km.
  • 45 attrazioni, di cui 12 patrimoni Unesco e 2 biosfere.
  • 22 laghi.
  • 5 passi alpini che superano i 2.000 m: Passo del San Gottardo (2’109 m),Passo della Furka (2’429 m), Passo della Flüela (2’383 m), Passo dello Julier(2’284 m), Passo del San Bernardino (2.065 m).
  • Periodo consigliato: da aprile a ottobre.
  • 300 postazioni di ricarica in hotel o pubbliche

Weekend – Autunno tra i Colli Euganei – Low cost o lusso

Il Bacino Termale Euganeo  per il Ministero della Sanità Italiano; gode del riconoscimento del livello di qualificazione “I° Super”.

Abbiamo visitato i Colli Euganei, ed abbiamo scoperto un mondo di sorprese: culturali, bellezze naturali,  gastronomia, enologia e, soprattutto, salute; grazie alle speciali acque termali del luogo.

UN BICCHIERE DI VINO E IL TRAMONTO SUI COLLI EUGANEI

Non dimenticheremo la scenografia dei colli al tramonto, visti dall’alto, con un bicchiere di un vino unico al mondo come il Nero Musqué di Ca’ Lustra (che, da solo, merita il viaggio, ma ce ne sono tanti altri ottimi). Un vino che ha origine nell’antica Grecia; ma la storia è meglio farsela raccontare dal produttore. Il tutto accompagnato da baccalà mantecato ! www.calustra.it

::::::::::

Castello del Cataio a Battaglia Terme

UN CASTELLO DOVE SI ALLAGAVA UNA PIAZZA PER METTERE IN SCENA  BATTAGLIE NAVALI E STUPIRE GLI OSPITI

Castello del Cataio a Battaglia Terme

Si chiama il Castello del Cataio e si trova a poca distanza da Abano Terme; località  Battaglia Terme.

Un castello costruito per stupire gli ospiti e che, ancora oggi, ci stupisce con le sue meraviglie.

Castello del Cataio a Battaglia Terme
Castello del Cataio a Battaglia Terme

Nei tiepidi fine settimana autunnali, nel parco del castello,  si incontrano ancora uomini  e donne vestiti come all’epoca dello splendore del Castello; quando, anche qui, arrivava la ricchezza di Venezia Repubblica Marinara. Non sono figuranti, ma appassionati di costumi antichi, che trascorrono la giornata facendo un suntuoso pic-nic nel parco del castello.

::::::::::::::::::

SE AMATE LE CAMMINATE I COLLI EUGANEI HANNO TANTO DA OFFRIRVI

Il Parco Regionale dei Colli Euganei è ben organizzato e seguito da giovani pieni di entusiasmo.

Antichi sentieri, parco-avventura, sentiero del Giubileo, giardino botanico, anello dei Colli Euganei in bicicletta, percorso geologico … e tanto altro.

Percorsi facili e per grandi camminatori.

Tutto su: www.parcocollieuganei.com

:::::::::::::

PER LA VOSTRA SALUTE

LA RICCHEZZA MAGGIORE DELLA ZONA E’ NELLE TERME

Una ricchezza ed una risorsa termale unica al mondo

Queste terme sono conociute e apprezzate sino dalla protostoria.

” … senza danno fa recuperare il perduto vigore e si placa per il sofferente, che ritorna alla salute, la malattia ” questo diceva Claudiano delle Terme di Abano; nel IV secolo dopo Cristo.

Nel VI secolo d.C., Cassiodoro diceva che portano diletto e salute; non solo delizioso piacere, ma anche  benefica medicina.

SPA PAROLA OGGI ABUSATA;  A SPROPOSITO

NON E’ VERA SPA SE NON E’ DI ACQUE TERMALI

SPA = Salus Per Aquam; così gli antichi romani definivano le acque termali e i loro benefici.

Perché  le Terme Euganee sono diverse ?

L’acqua termale delle Terme Euganee è filtrata dalle antiche terre delle Prealpi, scende a 3.000 metri di profondità e sgorga dopo ben 80 km. di percorso sotteraneo.

L’acqua sgorga a 87°C.

Il fango ” matura ” in speciali vasche per circa 2 mesi; immerso nell’acqua termale. Durante la ” maturazione del fango ” si sviluppano speciali alghe che sono altamente anti – infiammatorie.

In altre località il fango, per varie ragioni,  viene trasportato da altre zone e poi riscaldato artificiosamente; questo non accade ad Abano dove tutto è controllato e certificato.

ECOLOGIA E RISPARMIO: 

l’acqua  termale di Abano è talmente calda che deve essere raffreddata, altrimenti ustionerebbe la pelle.

Tutto il calore in più, viene inoltre utilizzato per riscaldare gli alberghi che hanno le terme.

Quindi nella zona ci sono meno emissioni nocive da impianti di riscaldamento, per la salute anche degli ospiti che fanno le cure.

Hotel Ritz Abano Terme

Noi abbiamo goduto dei benefici delle Terme Euganee, presso l’albergo RITZ di Abano Terme. Un albergo che permette di vivere una lussuosa vacanza termale.

Il Dott. Gianfranco Calfapietra, Direttore Sanitario, ci ha dato suggerimenti preziosi e abbiamo potuto approfittare della sua grande esperienza nel settore.

Bellissima la piscina esterna circondata dal giardino con graziosi conigli selvatici,  molto grande anche quella interna.

Splendide le camere con balcone e salottino.

Prezzi speciali per soggiorni prolungati.

 

 

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati nella maggiore delle Isole Baleari

 All’indiscussa fama internazionale delle spiagge eccellenti delle isole Baleari, si unisce una ricca offerta gastronomica e un viaggio in questo arcipelago può diventare un’esperienza gourmet di alto livello.

La cucina locale è il risultato di un mix perfetto tra materie prime di grande qualità e antiche ricette.

Tutte le quattro isole si caratterizzano tra le destinazioni ambite tra coloro che amano e ricercano l’esclusività a tavola, ma in particolare a Maiorca è possibile trovare ristoranti riconosciuti dalla celebre Guida Michelin e premiati con ben dieci stelle.

La cucina a Maiorca è ricercata e prestigiosa:

-sull’isola le proposte gastronomiche sono variegate grazie al talento di professionisti che sono in grado di dare un tocco di creatività alle ricette di una volta.

L’esperienza gourmet sulla maggiore delle isole Baleari è un continuo fondersi sperimentale di tradizione e innovazione tipica dei nostri giorni, in una combinazione perfetta tra i molti prodotti locali, tra i quali abbondano quelli riconosciuti con marchi di denominazione di origine protetta.

Ben nove ristoranti sull’isola sono stati premiati con la stella Michelin e dal 2017 uno di questi, lo Zaranda ne vanta addirittura due. Situato a Calvía, all’interno dell’hotel 5 stelle Castel Son Claret, questo ristorante di alta cucina è gestito dallo chef Fernando Pérez che prima di approdare a Maiorca ha avuto la possibilità di collaborare con molti ristoranti stellati a livello internazionale, fino ad avviare il proprio locale nella Spagna continentale e lì guadagnare la prima stella della sua carriera professionale.

Lo Zaranda consta di un’unica sala, con vista sulle attività della cucina, e di un sobrio dehors. Il fine talento dello chef conquista il palato tramite un’offerta culinaria originale, basata su alcuni menù aperti che lasciano al commensale la possibilità di comporre la propria selezione di piatti.

Al Jardín, Macarena de Castro – riconosciuta tra le migliori 10 giovani chef di Spagna – propone ricette tradizionali maiorchine riviste in chiave moderna: il comune denominatore dei piatti del Jardin è la semplicità degli ingredienti, che devono essere pochi, locali e rigorosamente di stagione. Questo grazioso ristorante fondato nel 1996 da Dani de Castro, fratello sommelier della chef, si trova in una delle zone più turistiche di Maiorca, Port d’Alcudia, e da qualche anno ha incluso tra i propri servizi anche quello di catering per eventi in varie location isolane.

Presso il ristorante Fosh dell’hotel Convent de la Missió, lo chef Marc Fosh propone ai commensali un delizioso e suggestivo menù ispirato a ricette mediterranee ricche di originalità e creatività. La sala del Fosh è situata in un seminario del Seicento che dopo una attenta ristrutturazione presenta un’estetica avanguardista, con spazi spogli decorati in stile minimalista nei toni del bianco e del nero, e affaccia su un’ampia terrazza in cui un muro di acqua a cascata accoglie gli ospiti in un ambiente suggestivo.

Gli altri ristoranti stellati sull’isola di Maiorca sono l’Es Molí d’en Bou, presso l’hotel Protur Sa Coma Playa Hotel & Spa, il Es Fum a Costa d’en Blanes e il Es Racó des Teix a Deia, il Predi Son Jaumell dove è di casa lo chef Andreu Genestra, il Restaurante Argos e il Restaurante Adrián Quetglas.

Per informazioni sull’isola di Maiorca, visita www.infomallorca.net