Archivi categoria: style & luxury

CASTADIVA RESORT & SPA ENTRA A FAR PARTE DI VIRTUOSO®

L’elegante e romantico resort sul lago di Como è ora parte dell’esclusivo network dedicato ai viaggi di lusso

 – CastaDiva Resort & Spa è lieto di annunciare il suo ingresso nel network Virtuoso®, esclusivo portfolio di partner nel settore dei viaggi di lusso che comprende più di 1.700 realtà in 100 paesi. Le agenzie di Virtuoso hanno un indotto di più di 23,7 miliardi di dollari annui, questo rende il network uno dei più importanti nel mondo dei viaggi di lusso.

“Per CastaDiva, far parte di Virtuoso aprirà sicuramente nuove opportunità di Sales & Marketing, grazie al loro network di 17.500 consulenti e alla loro clientela di alto profilo”, così ha commentato Francesco Ferruzzi, Direttore Sales & Marketing di CastaDiva Resort & Spa.

“Il processo per entrare a far parte di Virtuoso è incredibilmente selettivo, per questo diventare loro partner è un vero onore per CastaDiva” ha commentato Andrea Luri, General Manager del Resort “L’approccio esclusivo che i consulenti di Virtuoso hanno nei confronti dei propri clienti è perfettamente in linea con la qualità del servizio offerto a CastaDiva. Ora che siamo parte di questo network faremo di tutto per offrire ai consulenti di Virtuoso e ai loro clienti servizi speciali che creino un valore aggiunto ed esperienze che sorpassino le loro aspettative”.

Hotel-Casta-Diva-Como-Villa-Roccabruna

CastaDiva Resort & Spa, recentemente premiato come “Most Romantic Retreat” durante l’ultimo SLH Awards 2017, entra così a far parte della collezione esclusiva di hotel, resort, cruise lines, compagnie aeree, tour operator e altri provider del mondo del turismo nel segmento lusso del network.

Questi partner, specializzati in servizi ed esperienze di altissimo livello, assicurano ai clienti di Virtuoso offerte, opportunità, valori eccezionali e unici.

Queste prestigiose realtà sono in grado di parlare direttamente con i clienti di Virtuoso attraverso il network e di raggiungere le agenzie grazie a diversi canali di comunicazione e eventi, come ad esempio il Virtuoso Travel Week, una delle più grandi assemblee mondiali nell’ambito dei viaggi di lusso.

L’ingresso di CastaDiva Resort & Spa in Virtuoso permetterà loro di relazionarsi direttamente con le più grandi agenzie di viaggio mondiali in Nord America e in America Latina, nei Caraibi, Europa, Asia e area del Pacifico, Africa e Medio Oriente.

Gli ospiti che prenoteranno CastaDiva attraverso Virtuoso potranno accedere ai seguenti servizi dedicati:

• Early check-in e late check-out (soggetta a disponibilità)
• Room upgrade all’arrivo (soggetta a disponibilità)
• Welcome drink “Italian Aperitivo” (all’arrivo)
• Colazione gourmet a buffet
• USD$100 di credito da usare durante il loro soggiorno
• Tour privato guidato della durata di 2 ore nella città di Como (per soggiorni di 3 o più notti)

Le caratteristiche uniche di CastaDiva includono:
• 73 camere e suites, 2 ville private
• Romantico resort con vista mozzafiato sul Lago di Como
• Situato a breve distanza dal centro della città Como
• Ristorazione gourmet vista lago
• Piscina galleggiante con accesso diretto dal resort
• La più grande SPA sul Lago di Como (1.300mq) con 4 Spa Suites private ispirate ai 4 elementi (Aria, Acqua, Terra, Fuoco), per un’esperienza di wellness e relax unica
• Location unica dove celebrare matrimoni con cerimonie dal valore legale

VIRTUOSO
Virtuoso® è il network di agenzie di viaggio internazionali leader del settore, specializzata nei viaggi di lusso ed esperienziali. L’organizzazione, nella quale si può entrare solo tramite invito, comprende oltre 1.000 agenzie di viaggio partner, con 17.500 consulenti di viaggio in più di 45 paesi in Nord America, America Latina, Caraibi, Europa, Asia e area del Pacifico, Africa e Medio Oriente. Grazie alle sue relazioni privilegiate con 1.700 tra i migliori hotel e resort del mondo, oltre a cruise line, compagnie aeree, tour operator e destinazioni di prestigio, la rete offre alla sua clientela di alto livello servizi unici, esperienze rare e accessi privilegiati. Più di USD23,7 miliardi in vendite di viaggi annuali rendono Virtuoso una delle realtà più importanti nel settore dei viaggi di lusso. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.virtuoso.com.

A PROPOSITO DI CASTADIVA RESORT & SPA
Un tempo magione del celebre soprano Giuditta Pasta, CastaDiva Resort & Spa, romantico Hotel 5 stelle lusso, adagiato sulla sponda orientale del lago di Como, è un vero gioiello del hôtellerie internazionale. Composto da 9 ville di cui 2 private – Villa Amina e Villa Norma – per un totale di 73 tra camere e suite, CastaDiva Resort & Spa, unico resort eco-friendly del lago di Como, intende essere per i suoi ospiti “la casa sul lago” con tutti gli indiscussi privilegi di un servizio 5 stelle lusso impeccabile e sofisticatissimo. Ogni dettaglio è studiato per esaltare il carattere da Primadonna e la forte vocazione teatrale del luogo, gli ambienti sono scenografia pura e la musica permea gli spazi comuni, in un abile contrappunto con il distensivo silenzio del lago più romantico e suggestivo d’Italia. Il Resort è impreziosito dalla più grande SPA del lago di Como che dispone di una superficie di 1300 mq. Offre percorsi e trattamenti esclusivi e quattro SPA suite private ispirate ai quattro elementi della natura: acqua, fuoco, aria e terra.

Cena gourmet indimenticabile alla corte dei Malatesta con chef stellati

Una cena alla Corte dei Malatesta con lo Chef Gino Angelini

e la sua brigata di chef stellati

Venerdì 18 e sabato 19 maggio a Castel Sismondo il gusto incontra l’arte e la cultura con una cena-evento dedicata a Sigismondo e ideata dallo chef più celebre d’America, in un contesto unico che unisce le iniziative di Giardini d’Autore e le mostre della Biennale del Disegno. Insieme a Gino Angelini una brigata d’eccezione: Silver Succi, Vincenzo Camerucci, Luca Angelini, Fabio Rossi, Ilario Forcellini, Antonio Palmisani, Claudio di Bernardo, Claudio Moras, Marcello Fabbri, Paolo Raschi, Stefano Ciotti, Andrea Brunelli, Luca Vici, Liuzzi Raffaele, Luigi Sartini, Cristian Pratelli

Costo € 90,00 (comprensivi di aperitivo, cena, preview di Giardini d’autore, mostre al Castello della Biennale del Disegno)

Gino Angelini, lo chef riminese più famoso d’America, torna nella sua città per due sere, per mettersi alla regia e ai fornelli di un evento unico. Far rivivere l’esperienza dei sapori e delle suggestioni della corte di Sigismondo Pandolfo, attraverso una Cena alla Corte dei Malatesta, in un contesto unico come quello del Castello di Rimini.

Nello spazio che è stato la vera residenza di Sigismondo, impreziosito per l’occasione dalla presenza concomitante di Giardini d’Autore e delle mostre della Biennale del Disegno, lo chef dell’Osteria Angelini di Los Angeles, il maestro di coloro che oggi sono i migliori cuochi di Rimini e dintorni, cucinerà insieme a quegli ex allievi che oggi sono chef stellati, per rendere omaggio alle radici più profonde della storia del territorio.

Un evento unico, ‘sito specifico’, che venerdì 18 e sabato 19 maggio, nella straordinaria occasione della ricorrenza dei 600 anni dalla nascita di Sigismondo Pandolfo Malatesta e dei 550 anni dalla sua morte, farà dialogarela cucina del Quattrocento con quella contemporanea.

Ad aprire la serata, alle ore 19,30, l’aperitivo nel Cortile del Soccorso, tra le fioriture di maggio firmate Giardini d’Autore. La serata prosegue con la cena nelle sale e sulla terrazza del castello, liberamente ispirata ai menù e alle atmosfere della corte dei Malatesta. Lo Chef Angelini, insieme alla sua brigata d’eccezione, ripercorrerài sapori e i cibi dell’epoca, non in una semplice riproposizione, ma riconducendoli alla contemporaneità, grazie anche all’uso diprodotti di eccellenza delle nostre terre e all’abbinamento con i migliori vini.

Chi prenoterà questa esperienza culinaria sarà un vero e proprio ospite a corte eavrà la possibilità di godere pienamente della magia del Castello e di raggiungere, al calar del sole, le sale che ospitano le mostre della Biennale del Disegno dedicate ai due maestri del Novecento,Picasso e Fellini,dove li attende la cena in omaggio a Sigismondo.

Il menù della serata è diviso in due parti, seguendo le usanze dei banchetti medievali, che prevedevano un «servizio di credenza», composto da piatti freddi o tiepidi e un «servizio di cucina», composto da piatti caldi. Le ricette dei piatti, liberamente riadattati da chef Gino Angelini secondo il gusto odierno, sono tratti dal libro di Luisa Bartolotti, A tavola con i Malatesti. In omaggio a Sigismondo lo chef Angelini creerà uno speciale risotto alle rose. Ogni piatto «medievale» verrà accompagnato dallo stesso piatto ripensato in chiave moderna, ideato e preparato dagli chef d’eccezione coinvolti: Silver Succi, Vincenzo Camerucci, Luca Angelini, Fabio Rossi, Ilario Forcellini, Antonio Palmisani, Claudio di Bernardo, Claudio Moras, Marcello Fabbri, Paolo Raschi, Stefano Ciotti, Andrea Brunelli, Luca Vici, Liuzzi Raffaele, Luigi Sartini, Cristian Pratelli.

Il servizio di credenza comprende: torta verde di spinaci, bietole, prezzemolo, guanciale, ricotta, uova, sale, pepe e zafferano; torta di carne di con formaggio fresco, pancetta, zafferano, prezzemolo e maggiorana, uova ripiene; sogliole nostrane fritte con succo d’arance e prezzemolo. Il servizio di cucina comprende: zuppa di farro con brodo di pollo, zafferano, uova, formaggio fresco e spezie; capretto arrostito allo spiedo. Come dolce saranno servite «offelle» alle mele con una salsa di vino cotto.

Durante la serata le atmosfere medievali saranno ricreate anche dalla musica di Emanuela Di Cretico e la sua Ensemble e dalle letture di Gianluca Reggiani.

Quando: 18 e 19 maggio, ore 19:30

Dove: Castel Sismondo, Rimini

Posti limitati solo su prenotazione

Costo € 90,00 (comprensivi di aperitivo, cena, preview di Giardini d’autore, mostre al Castello della Biennale del Disegno)

Per informazioni e prenotazioni: infoline 0541 53399 – 3939163581 (Uffici Turistici di Rimini, email info@riminireservation.it

Assessorato al Turismo
Comune di Rimini
Piazzale Fellini 3 – 47900 Rimini

Weekend musica classica – CROCIERA MUSICALE SUL PO – MONTEVERDI FESTIVAL

Nell’ambito del

MONTEVERDI FESTIVAL 5 maggio – 22 giugno 2018 CREMONA – MANTOVA – VENEZIA

“ Uomini – eroi e dei ”

1 – 2 giugno 2018

“ Le desiate acque di Claudio Monteverdi ”

 

1 giugno, venerdì:
ore 11 – Motonave Stradivari ENSEMBLE CAMERISTICO DE LaBarocca

ore 19 – Palazzo Ducale di Mantova – VOX MUSICA

2 giugno, sabato:
ore 18,30 Chiesa di San Rocco, Venezia – ENSAMBLE COSTANZO PORTA & CREMONA ANTIQUA

La crociera comprende: pernottamento a Mantova, pasti a bordo, concerti, viste guidate.
390 euro + extra per singola. Agenzia Viaggi Nobile – Cremona – tel. 0372 26779
giroano@viagginobile.com

www.teatroponchielli.it
www.monteverdifestivalcremona.it

Viaggio di nozze – Top del viaggio romantico

VIAGGIO DA NON PERDERE: PANAMA FOTO E INFORMAZIONI.

Il rarissimo uccello Quetzal

Un Paese che ci ha affascinato più del Costa Rica.

Meravigliose spiagge e impressionate natura; balene, tartarughe, rari uccelli dalle piume dorate…

UN RAPPORTO QUALITA’ PREZZO MOLTO VANTAGGIOSO.

Panama 672 Contadora mareIMAG4426_BURST001

Panama 672 aereo viaggi ok Contadora MAG4528

Isola di Contadora.

PANAMA 300 IMG_0441

Cascata di Boquete.

PANAMA orchidee fiori IMG_0739

 Orchidea della FINCA DRACULA; il miglior luogo dove vedere orchidee rare al mondo. In questa zona ne crescono 2.000 specie.

PANAMA 300 guida IMG_0515

Boquete.

PANAMA 450 IMG_0402

PANAMA foresta passerella IMG_0318

PANAMA 300 IMG_0513

 Boquete.

Panama canale IMAG4321

Il Canale di Panama dal treno.

Panama IMAG4280

Panama città.

Panama IMAG4319

Antico treno che porta i viaggiatori lungo il canale.

Panama IMAG4322

 

Panama IMAG4317_BURST001

Panama IMAG4576

Panama, chiesa.

PANAMA IMG_9716

Panama la città vecchia; parzialmente ristrutturata.

Panama MAG4245_BURST001

Panama città vecchia.

Panama IMAG4249

 Panama Colon IMAG4387

Storico albergo a Colon, alla fine del Canale sul lato dell’Oceano Atlantico.

Panama cibo IMAG4209

Panama Contadora aereo IMAG4570

PANAMA IMG_9815

PANAMA IMG_9930

Panama IMAG4250

Città di Panama

Panama IMAG4277

PANAMA balena megattera IMG_0071

Balena a Contadora.

PANAMA 672 quezal uccello IMG_0469

Il rarissimo Queztal.

Informazioni generiche su Panama:
tutte le informazioni che possono interessare il turista: www.atp.gob.pa
-telefono dall’Italia 00507
-due stagioni ( 26-30° e oltre, umido durante la stagione delle piogge):
secca da gennaio ad aprile (Boquete a gennaio gode del clima migliore, comunque qui sempre eccellente, con splendidi arcobaleni, in città e lungo la costa del Pacifico fa molto caldo)
umida negli altri mesi, con una diminuzione consistente delle piogge a settembre; comunque il clima è tropicale ed alle piogge si alternano, nella medesima giornata, ore di sole e fa meno caldo che durante il periodo secco.
lingua: spagnolo, ma molti parlano anche inglese
moneta: il dollaro americano è accettato ovunque ed ha un valore identico alla moneta locale
mance: se non sono comprese nel prezzo (servizio) è bene lasciare un 10%
tasse: come negli USA, al prezzo dichiarato si devono sempre aggiungere le tasse
patente: per 90 giorni si può guidare con la patente italiana
assicurazione: ogni turista gode di una assicurazione GRATUITA
ospedali: gli ospedali di eccellente livello sono numerosi, Clinca Paitilla, Clinica San Fernando, Hospital Nacional e Hospital Punta Pacifica
ambulanze: 236-6060
elettricità: PORTARE GLI ADATTATORI PER GLI USA, 110 volts, nessun problema con i dispositivi elettronici se si porta l’adattatore.
-PANAMA CITTA’: trasporto gratuito dal vostro hotel al centro commerciale Multiplaza e Metromall di Panama: telefono 222-8210, 6613-4694
-I pensionati a Panama godono di molti privilegi: sconti sull’elettricità, poche tasse, speciali trattamenti nelle banche, l’Italia gode di vie preferenziali per la richiesta di residenza.
Vedi altre informazioni per i pensionati al link:

Partenza 19 settembre, ritorno il 5 ottobre 2014, (per Panama è bassa stagione, settembre è il mese della stagione delle piogge nel quale le precipitazioni sono abbastanza ridotte; noi ci siamo trovati bene).
Volo Malpensa Panama: 650 euro.
Siamo partiti da Milano Malpensa alle 10 a.m., con un volo American Airlines diretto a New York.
Arrivati a N.Y. all’aeroporto J.F.K. nel pomeriggio, abbiamo raggiunto l’albergo con i mezzi pubblici: Air Train e poi metropolitana.
Albergo: World Center Hotel (144 Woshington Street, www.wordcenterhotel.com; con vista spettacolare su Ground Zero (L’hotel è esattamente di fronte alle fontane) e grattacieli intorno, prenotato con Booking.com. Due persone con cucina e salottino per eventuale terza persona: 200 euro (camera più piccola 150 euro).
L’abbiamo scelto perché centralissimo e vicinissimo ad un ottimo ristorante e ad un ottimo posto per la prima colazione all’americana: tutto entro 30 metri.
Inoltre, l’albergo dista 200 metri (2 strade) dal Century 21; dove si acquista tutto a prezzi eccellenti. Per esempio un set completo per trucco Elizabeth Arden a 20 dollari (matite, fard, rossetti, pennelli in bella scatola con cassettino), principali marche di vestiario scontate del 70 % anche 80.
La cena era programmata al MORTON’S THE STEAK HOUSE, appena usciti dall’ingresso dell’albergo a sinistra la porta vicina. Ristorante elegante. Attenzione perché il ristorante chiude alle 21,30.
Il mattino successivo colazione da BILL?S BAR & BURGER, DI FIANCO ALL’HOTEL: VERA, NOSTRANA CUCINA USA: PAN CAKES E HABURGHER MEGA UOVA E PANCETTA CROCCANTE
Poi siamo partiti per l’aeroporto di Newark con un auto a noleggio prenotata in anticipo via internet con Carmel www.CarmelLimo.com per 70 dollari mancia, tasse, pedaggi compresi.
Volo per Atlanta, sosta in aeroporto in attesa del volo con pranzo a base di prime ribe, tipicamente americano: costolette di maiale in una salsa deliziosa.
Arrivati a Panama abbiamo preso un taxi bianco, quelli segnalati dalle guide, spendendo più del doppio rispetto ai taxi gialli; che negli ultimi anni sono controllati e sicurissimi.
Per muoverci in città poi useremo sempre il taxi giallo del conduttore più simpatico della città, scoprendo così ch eu taxi gialli sono molto meno cari, ma altrettanto sicuri a differenza di quanto dicono tutte le guide che abbiamo letto (Lonely e National Geographic; ultimamente la politica turistica ha permesso l’eliminazione dei tassisti abusivi e poco sicuri.
AVIER e tel 00507 6870 9036: con lui spendevamo circa 6 dollari per ogni spostamento, 25 per andare all’aeroporto internazionale.

Per dormire, abbiamo scelto il Novotel, prenotato con Booking com, 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, con prima colazione (non eccellente), ma avevamo una bellissima grande camera comoda con due grandi letti.
Da questo hotel si può camminare a piedi, anche in piena notte, per raggiungere il vicino ristorante El Prado, ottimo rapporto qualità prezzo, frequentato dai locali; ottimo pesce, ma non solo.
La mattina ci siamo diretti, a piedi, verso il Mercado del Mariscos: mercato del pesce.
Dal mercato, con una breve passeggiata lungo l’oceano, abbiamo raggiunto il centro antico.
Visita del centro, ben ristrutturato, foto e caffè italiano.
Al ritorno, affamati, ci siamo fermati in due dei ristorantini intorno al mercato del pesce (Mercado de Mariscos, via Cinta Costera,) per gustare i piatti locali: “cevice” (pesce crudo nel lime e cipolla) poi due pesci alla piastra: ottimi.
All’albergo ci aspettava il nostro autista per portarci a visitare la foresta vergine Metropolitana: niente di speciale, se avete già visto le foreste tropicali; ma è speciale la vista dei grattacieli della città incorniciata dalle piante della foresta.
il giorno successivo lo abbiamo interamente dedicato al viaggio con l’antica ferrovia che costeggia il canale. Ci siamo fatti portare per le 7,30 alla stazione dal nostro taxi e abbiamo acquistato i biglietti, circa 36 dollari per tratta e per persona.
Il viaggio sulle antiche carrozze permette di vedere tutto il canale e la sua lussureggiante vegetazione. Si deve precisare che non è consigliabile camminare, anche in pieno giorno, nelle strade di Colon, se non si è panamensi.
All’arrivo avevamo chiesto all’autista del vicino hotel Melià di venirci a prendere con l’auto e così abbiamo conosciuto una persona che ci ha raccontato tutto quello che volevamo sapere della zona e della struttura che oggi, in piccola parte è hotel, ma che fu scuola militare americana.
La Scuola delle Americhe (SOA). Nei suoi 56 anni di vita ha insegnato a più di 60.000 soldati latinoamericani: tecniche di repressione, di guerra d’assalto e psicologica, di spionaggio militare e tattiche per gli interrogatori. La storia, purtroppo, ci racconta che centinaia di migliaia di latinoamericani sono stati torturati, stuprati, assassinati, “fatti sparire”, massacrati e obbligati a fuggire ad opera dei “diplomati” presso la SOA. 
La Scuola fu istituita inizialmente a Panama nel 1946 e cacciata dal paese nel 1984 seguendo le condizioni del Trattato del Canale di Panama. Questi “diplomati” hanno spesso utilizzato le loro abilità per intraprendere una guerra contro la loro stessa gente. Qui hanno studiato: Manuel Noriega, Juan Francisco Velasco Alvarado, Roberto Eduardo Viola Prevedini e molti altri.
Dell’antica struttura rimangono ancora edifici abbandonati o ben ristrutturati, come l’hotel Melià che, seppur un poco datato, mantiene il fascino dei vecchi alberghi dei veri viaggiatori.
Un giorno in hotel con uso delle piscine e degli spogliatoi immersi in un giardino spettacolare, pranzo a buffet compreso, ci è costato 36 dollari a testa; una pausa che abbiamo molto apprezzato anche per il magnifico giardino dell’albergo con affaccio sul lago dove si possono fare escursioni, praticare la canoa ecc..
Al ritorno, senza pagare alcun supplemento, l’autista ci ha portato a visitare rapidamente la città di Colon, non raccomandabile ai turisti solitari, meglio in auto .
Abbiamo visitato il vecchio e glorioso hotel Washington, un poco decaduto, ma sempre bello.
Il taxi ci ha mostrato anche la zona tax free, qui si trova di tutto, senza tasse.
Una signora locale conosciuta in aereo ci ha poi raccomandato di farvi gli acquisti, tutto molto scontato.
Qui i prezzi sono ancora più economici che negli outlet statunitensi: si trova tutto, dall’abbigliamento alle macchine fotografiche agli orologi delle marche più prestigiose, tutto esente dalle tasse.
Al ritorno; cena, riposo e partenza per l’isola di Contadora in aereo. Prenotato precedentemente via internet, costo: 120 euro, tasse comprese.
Volo con piccolissimo aereo, dopo una lunga attesa, atterraggio su altra isola (non previsto), panorama mozzafiato sulle isole.
A Contadora abbiamo sbagliato completamente il luogo dove dormire. Seguendo i suggerimenti della Lonely Planet e di Trip Advisor abbiamo prenotato Casa del Solo: non fatelo ! Il secondo letto era più simile ad una cuccia per cani che a un letto per una persona. L’aria condizionata non era regolabile: o freddo gelido o caldo soffocante.
Le pale al soffitto, bassissimo, hanno causato una forte faringite con forzata sosta a letto per 2 giorni!.
Per soli 15 dollari in più, il bellissimo ed elegante Hotel Romantica, direttamente sulla spiaggia, ci offriva una bella ampia camera con aria condizionata ben funzionante !!
Omar 00507 694 08 771 è stato il nostro punto forte a Contadora: bravissimo nocchiere ci ha portato a visitare tutte le isole più vicine con la sua barca.
Grazie a lui abbiamo sempre visto le balene, pescato ottimi pesci, anche il, qui raro, wahoo (buonissimo a tavola); che poi abbiamo mangiato ottimamente cucinato da un ristorante locale raccomandato da Omar (sull’angolo di fianco alla sede della compagnia area, sopra Isla del Pacifico supermercato)
Uscite in barca a 40 dollari l’ora per 2 persone. Omar tel
Il miglior ristorante dell’isola è il Ricon, in centro vicino alla stazione della polizia.
Ottimo anche il ristorante dell’hotel La Romantica.
Nota su Contadora, se siete allergici alla puntura degli insetti, microscopici, che abbondano sull’isola, potreste soffrire parecchio. Pungono anche con il repellente; portate medicine adeguate per combattere l’allergia e per togliere il dolore.
CONTADORA
www.visitcontadoraisland.com
info@contadoraisland.com
Dormire:
Villa Romantica: sulla spiaggia, brezza costante nella stagione umida (maggio-dicembre), ottimo servizio, belle camere. Prezzi speciali in bassa stagione, buono il ristorante; contadora@villa-romantica,com www.contadora-villa-romantica.com
Più economica, al centro dell’isola: Hotel Hibiscus per 32 persone 95 dollari più 10% tasse con colazione ricca di frutta tel +507-6781-1638 (che vanno sempre aggiunte a qualunque prezzo), qui abbiamo trovato un’auto elettrica per 50 dollari al giorno.
Partiti da Contadora, dall’aereo abbiamo fatto delle splendide foto alle isole sottostanti.
All’aeroporto dei voli nazionali di Panama, ci siamo recati all’ufficio della compagnia Thrifty, con la quale avevamo prenotato un’auto dall’Italia.
La compagnia si è rivelata efficientissima; personale educato e sollecito.
Non disponendo dell’auto che avevamo prenotato, l’hanno subito sostituita con una di categoria superiore al medesimo prezzo: fantastico.
Spesa totale: 310 dollari.
La benzina costa 1 dollaro al litro.
In due ore di auto abbiamo raggiunto la località montana di El Valle: famoso centro di soggiorno per panamensi benestanti con villa privata.
E’ subito evidente l’immensa distanza tra i grandi suv e jeep e le povere bici dei locali.
Il paese non offre molto, la cascata è famosa, soprattutto per la possibilità di sorvolarla appesi a una fune. All’entrata abbiamo pagato anche per fare il bagno, ma non era sotto la cascata, solo un bacino artificiale vicino: non ci è piaciuto e abbiamo rinunciato.
Anche la cascata, se siete abituati alle cascate delle foreste tropicali con bagno nella pozza sottostante, non vi sembrerà meritevole della sosta.
Abbiamo invece apprezzato la possibilità di alloggiare nel luogo dove sorgeva un antico albergo, ancora oggi gestito da una famiglia locale.
Situato in un gradevole contesto naturale, ai piedi della montagna, dalle finestre è possibile vedere e fotografare uccelli e un’uscita notturna, con torcia e attenzione, vi farà scoprire la famosa rana dorata, tipica di questa zona e salvata dall’estinzione proprio dalla famiglia proprietaria dell’albergo.
Anni fa queste rane furono vittime di un’aggressione di funghi chiodini che le stava sterminando. I proprietari dell’albergo misero a disposizione delle stanze per salvare le rane.
L’albergo antico è stato distrutto e ora si alloggia in grandi, semplici, camere dotate dei confort necessari.
Se volete il lusso, lo troverete altrove.
Dopo El Valle, con un viaggio sulla Panamericana di 4 ore, abbiamo raggiunto la torrida città di David.
Da qui abbiamo proseguito per Boquete, famosa località di montagna.
Boquete si è rivelata essere una delle più ambite mete dove trascorrere la pensione per gli americani.
Molto meno cara degli USA, dotata di un clima abbastanza fresco tutto l’anno; solo nelle ore centrali del giorno, in centro città si può soffrire un poco il caldo nei mesi delle piogge. mentre in estate, dal nostro gennaio, il cielo è terso e soffia sempre una gradevole brezza.
Gennaio è il mese migliore per visitare Boquete, il cielo terso permette di vedere la cima del vulcano BARÚ e numerosissimi arcobaleni.
Le sistemazioni sono alla portata di tutte le tasche dall’economico a 10 euro a notte, in bassa stagione, ma in centro dove fa caldo e senza aria condizionata, sino agli alberghi con spa.
Per fermarsi a lungo è consigliabile parlare con la gente che vi abita; se vi accontentate potrete trovare alloggio con cucina anche a 100 euro al mese, in località Vulcancito, dove non fa mai caldo, ma nemmeno mai freddo. Ben collegata con la città con i bus e gli economici taxi.
Ottima la frutta tropicale che si acquista nei negozi o al mercato.
Non manca un supermercato fornitissimo che offre tutti i prodotti di marca degli USA, ma anche pasta italiana e sugo Mutti a prezzi alti.
Numerosi e vari i luoghi dove mangiare. A noi è piaciuto il ristorante peruviano Machu Pichu; ottimi pesce, carne e zuppe.
Economico e senza pretese il self service locale denominato Duran. Lo trovate in centro, non lontano dalla piazza principale dove si affaccia il miglior bar; qui l’aria condizionata permette una gradevole sosta nelle ore più calde, il caffè Moccacito è delizioso come i pochi, ma gustosi dolci. Qui trovate anche il famoso caffè qualità DURAN, assai raro e considerato il migliore al mondo.
Passato il ponte sul fiume, girando a sinistra trovate il negozio che vende piante e orchidee accanto ad un giardino eclettico. Qui ha sede la famosa fiera delle orchidee che si tiene a Boquete ogni anno durante il mese di aprile.
Noi abbiamo alloggiato al B&B Palo Alto (85 dollari la camera doppia con colazione in bassa stagione), sulla strada per palo Alto a circa due chilometri dal centro della città di Boquete.
Lo consigliamo perché non è facile trovare un servizio tanto efficiente e delle camere tanto funzionali e gradevoli in un giardino che, da solo meriterebbe la sosta.
La colazione del mattino viene servita di fronte ad un magnifico scenario naturale. uova, salsicce, frutta tropicale, yogurt, pane tostato e corn flakes, succo di frutta esotica e caffè. Qui l’ultima mattina abbiamo mangiato i migliori pan
cakes della nostra vita, cucinati dalla padrona della struttura; fantastici !
I dintorni di Boquete offrono la possibilità di camminate di ogni tipo; dalla più impegnativa, sino alla bocca del vulcano, alle altre non meno faticose alla ricerca del mitico uccello Quetzal; che noi abbiamo avuto la fortuna di fotografare, grazie alla nostra bravissima guida Edoardo tel 00507 6601 6479.
Le passeggiate nella foresta richiedono un’adeguata attrezzatura, ma soprattutto sconsigliamo di avventurarsi da soli in quanto i pericoli sono più numerosi di quanto un profano si aspetti. Ma chiunque può fare delle belle passeggiate all’aria buona intorno alla città.
Le guide hanno sempre con loro i vari sieri contro i morsi dei serpenti, che sono abbastanza rari.
Solo per chi va a cavallo le possibilità di morsi di serpenti aumentano. Il movimento delle braccia che sfiorano i rami degli alberi li spaventa e un serpente, che salta, attacca alle gambe; non servono scarponi, attacca alla coscia.
In ogni caso nella zona ci sono molto meno serpenti che in altre località con foresta tropicale, poiché nelle circostanti piantagioni di caffè viene sparsa una sostanza che li tiene lontani.
Comunque esistono anche possibilità di fare anche n passeggiate non impegnative, fuori dalla città per respirare aria buona di montagna.
I ragazzi giovani arrivano a Boquete per praticare i soliti sport “estremi”; rafting, bike, arrampicate, uscite con mezzi motorizzati per spingersi nelle foreste; quest’ultimo un passatempo che a noi non piace perché inquina, anche per il rumore e non fa bene alla salute.
Molte sono ile zone intorno a Boquete dove gli americani, e non solo, hanno costruito grandi ville, giardini, campi da tennis e da golf.
Uno sport club esclusivo è a loro disposizione.
Nelle vicinanze di Boquete si trovano anche delle acque termali.
La destinazione più interessante, per noi, è stato l’orto botanico di Guadalupe, dopo Cerro Punta. Per raggiungerlo abbiamo dovuto rifare, parzialmente, la strada per David e poi, solo con l’auto del satellitare, siamo riusciti a trovare la strada perché non ci sono indicazioni di alcun genere.
Comunque partendo da David si spendono 36 dollari di taxi per raggiungere la Finca Dracula.
Il parco botanico FINCA DRACULA (il paradiso delle orchidee) , aperto dalle 8 alle 17 tutti i gironi, con visite guidate ben presentate da una ragazza molto competente in materia. 1 adulto e uno studente: 11 dollari, ma dopo avere sentito il profumo di vaniglia di alcune orchidee, avrei pagato qualunque cifra.
Il luogo è definito da molti, anche da noi, una delle più ricche serre di orchidee mai viste.
Qui si incontra il miglior clima al mondo per la crescita delle orchidee. Il nome Dracula proviene dal fatto che i fiori di molte di queste orchidee si aprano solo di notte.
Qui potete acquistare orchidee per pochi dollari, anche se vi sono specie rare che possono costare anche oltre 200 dollari.
Finca Dracula è uno dei più interessanti luoghi al mondo per vedere orchidee rare.
I mesi migliori vanno da aprile a maggio, con quest’ultimo come migliore in assoluto.
Alla Finca Dracula è possibile vedere molto altre piante che non siano orchidee, un bel laghetto e una cascatella.
Comunque siamo riusciti a fotografare diverse orchidee Diablo; scure con sfumature nere, sicuramente emozionanti per qualunque appassionato del genere.
Ma la cosa che ci ha più colpito è stato il persistente e delicatissimo profumo di vaniglia che aleggiava nell’aria; un profumo che mai avevamo sentito tanto intensamente.
Dopo un soggiorno di 3 giorni e le foto del rarissimo Queztal, abbiamo lasciato Boquete ci siamo diretti verso l’oceano Pacifico. Dopo David abbiamo deviato per
Las Lajas Beach; dove si trova Las Lajas Beach Resort www.laslajasbeachresort.com
La località deve ancora svilupparsi dal punto di vista turistico.
La spiaggia è immensa e circondata dalle palme.
Qui si vendono lotti di terreno a 20.000 dollari per 500 mq., ma in seconda linea rispetto alla spiaggia; considerato che la zona è molto calda e dove si deve edificare sono stati tagliati tutti gli alberi grandi, forse non è un affare, anche se la spiaggia è veramente affascinante: immensa e totalmente libera.
Una famosa scrittrice americana (Anna Markland) viene su questa spiaggia per rilassarsi e ispirarsi e non è difficile crederle.
Tornati sulla Panamericana, il viaggio prosegue con una certa lentezza a causa del traffico dei giorni feriali e dei grandiosi lavori in corso per raddoppiare la carreggiata.
L’idea di fermarci per una notte lungo l’oceano si rivela vincente.
Arriviamo all’hotel con tante ore di auto alle spalle, ma ci sentiamo subito meglio anche per la meravigliosa vista sull’oceano dalla nostra camera e la lunghissima e deserta spiaggia dove passeggiare.
L’hotel scelto è lo Sheraton, del quale abbiamo letto anche diverse relazioni negative.
Noi l’abbiamo scelto anche per il prezzo che abbiamo trovato su Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti vista mare, pensione e bevande comprese per 2 persone.
Il buffet non è di quelli che si ricordano, ma comunque c’era tanta buona frutta e dell’ottima coda di toro veramente ben cucinata, i dolci non erano male, il resto non ci interessava.
Il numero delle piscine è notevole come la loro scenografia, ma a noi interessa il mare e così ci precipitiamo in spiaggia: lunghissima, sino all’orizzonte, completamente vuota, salvo le sdraio dell’albergo. Entrando nella parte dedicata agli sport d’acqua scopriamo che la canoa è gratis e ne approfittiamo subito; la corrente non è pericolosa.
Il mare è molto caldo e invita anche ad un bel bagno.
Le onde non sono eccessive, ma non è per nuotatori insicuri.
La sera abbiamo prenotato il ristorante giapponese, compreso nella pensione completa.
La scenografia all’entrata è molto elegante. Tutto il gruppo che ha prenotato viene fatto sedere attorno ad una piastra dove un cuoco locale si esibisce in alcuni giochi d’effetto, giusto per un villaggio turistico.
Non si è trattato di una cena in vero stile giapponese, né il cibo lo era, comunque era tutto commestibile e la gente che ci circondava è sembrata molto soddisfatta. Per noi si è trattato di fare qualcosa di diverso; comunque non eravamo interessati al buffet ,che per questa sera, era a base di piatti italiani.
La colazione del mattino l’abbiamo limitata a tanta frutta, caffè latte e corn flackes.
Poi ci siamo goduti ancora una bella nuotata in mare, anche se il rientro ha richiesto un minimo di attenzione, l’oceano va sempre rispettato ed è solo per chi sa veramente nuotare.
Partiti verso le 10 di mattina, ci siamo rifermati sull’oceano a un’ora da Panama città per ammirare un nuovo gruppo di condomini di lusso in prima fila sull’oceano. Posizione magnifica, grande eleganza e linearità di stile, splendide viste sulla spiaggia e sull’oceano.
Un vero ottimo investimento; a partire da 380,000 dollari per un’ampio bilocale all’ultimo piano con vista mozzafiato,
A Panama abbiamo riconsegnato l’auto a noleggio e con 2,50 dollari ci siamo fatti portare in taxi al ristorante vicino al nostro albergo, sempre il Novotel. Il ristorante, senza pretese, ma quasi sempre buono El Prado è raggiungibile, in piena sicurezza anche di notte camminando 5′ dal Novotel.
Quest’ultimo raccomandabilissimo; per la sua comoda ubicazione anche per raggiungere il nuovissimo ed efficiente metro; un ristorante per mangiare pollo si trova proprio di fronte all’albergo e qui i polli hanno ancora un sapore !
Un poco più avanti dall’hotel, in giornata si può anche raggiungere un altro luogo frequentato solo da locali, dove si può avere un pasto tipico panamense a pochi dollari.
La nostra vacanza è terminata con una partenza la mattina prestissimo con volo per Atlanta, poi volo per New York e quindi per Milano.
Abbiamo prenotato poco prima della partenza e quindi non avevamo molta scelta, non volendo spendere una grossa cifra per il solo volo, ma chi può prenotare con largo anticipo sicuramente troverà dei voli, se non più economici più comodi.
La prossima volta che torneremo a Panama, durante il soggiorno in città prenoteremo presso un’agenzia locale una giornata o due alle isole San Blas e trascorreremo qualche giorno in un albergo a palafitte sul mare sull’arcpelago Bocas del Toro ( tiotomsguesthouse.com Isla Bastimentos; careeningeay.com, www.farodelcolibri.com, , se avremo tempo anche altri giorni nel selvaggio Darien, ma solo con una buona guida (tour organizzati da 4 gg a 6gg. tel. 00507 3958 165 39 Eco Adventure tel locale: 6655-0984; per la pesca d’altura: tel.00507 3467 162 7 Deep Sea Fishing; per bird watching tel 00507 3571 163 16).
Al prossimo viaggio.
Foto e info di altri nostri viaggi su www.donnecultura.eu

PANAMA:
Autonoleggio: Triffy; Sizuky ritirata in aeroporto e lasciata nella sede in centro città; aperta sino alle ore 10 di sera. Ottimo servizio, personale gentile: 337 dollari per 7 giorni. La benzina costa circa 1 euro al litro.

HOTEL A PANAMA: Novotel, in centro, possibile raggiungere, a piedi, ristorante per la cena; zona assolutamente sicura. 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, bassa stagione, su Booking.com; per 3 notti. Eccellente rapporto qualità prezzo. Piccole pecche: profumazione non gradita nella hall e colazione a buffet con caffè-latte veramente inbevibile (ma si può chiedere caffè italiano a 2,5 dollari), pancakes senza sciroppo…
MANGIARE:
Dal Novotel, proprio di fronte un locale che serve dell’ottimo ed economico pollo arrosto; a piedi si raggiunge El Prado: cucina locale discreta. Sempre a piedi (indicativamente verso la metro) anche RIKO POLLO; semplicissima cucina locale rustica, molto economico.
Sushi Itto: cucina giapponese e latina; pesce fresco, anche servizio a domicilio; Multipalza Mall e Plaza Obarrio (vicino a El Santuario).

BOQUETE
All’Ufficio di Informazioni per il Turista: sulla strada principale, prima di arrivare a Boquete centro, all’altezza della deviazione per Vulcancito, ma sul lato opposto della carreggiata. Personale molto gentile; la miglior fonte di informazione; ci ha ricevuto la signora: Cefati.
Dormire:
Hotel Palo Alto; per noi il miglior rapporto qualità prezzo, eccellente servizio, eccellente colazione all’americana con panorama mozzafiato; tutto ok, un poco in alto rispetto al centro (2,5 Km) per godere del fresco della montagna; in città in giornata può fare abbastanza caldo. WiFi gratis nelle camere.
http://hotelpaloaltoboquete.com ; info@hotelpaloaltoboquete
Boquete Tree Trek, per chi non bada a spese e vuole stare immerso nella natura, casette in legno. Non vicino alla città. www.boquetetreetrek.com
Per chi non ha pretese: Casa Pedro, camere da 35 a 100 dollari. La sistemazione è spartana, ma avete tutto il necessario, anche la possibilità di cucinare. Chiedete la camera con il balcone. 5 camere. A 5′ dal centro. WiFi e caffè gratis www.casapedroboquete.com casapedroboquete@hotmail.com
Pe visite accompagnate:
Noi abbiamo fatto riferimento ad una guida espertissima, come segnalato nelle foto
Per chi ama il tutto organizzato, anche direttamente dall’albergo: Boquete Tour, telefono: 730-9353 WWW.BOQUETESAFARI.COM INFO@BOQUETESAFARI.COM

OCEANO PACIFICO:
Sheraton Bijao Beach Resort: località Santa Clara, a circa 2 ore di auto a nord della città di Panama, con Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti e vista oceano, pensione completa, bibite e canoa.  

Fiori 450 Panama varie IMG_9851

Varie aereo 672 Contadora aereo IMAG4522_BURST001

Panama IMAG4612

Mangiare street food sulla Panamericana lungo l’oceano Pacifico.

Panama cucina IMAG4608

Panama IMAG4504

Contadora ristorante casalingo.

panama Contadora IMAG4506

 

 

 

Panama Contadora IMAG4503

Contadora aeroporto.

Panama cibo IMAG4258

Pesce fritto e contorno al Mercado dei Mariscos a Panama città.

Panama IMAG4192

Panama IMAG4251

Panama hotel Boquete Palo Alto IMAG4624

Albergo Palo Alto a Boquete.

Panama Boquete IMAG4633

Boquete la piazza centrale.

Panama Boquete antico treno IMAG4628

L’antico treno che univa Boquete all’oceano Pacifico.

Panama Boquete IMAG4634

Annunci di vendita a Boquete

Panama Boquete ristorante Machu Pichu IMAG4625

Ristorante Machu Pichu a Boquete.

Panama IMAG4274

Camera Novotel a Panama.

Panama Colon interno h Washington IMG_9942

Interno dell’ormai decaduto albergo Washington a Colon

Panama COLON IMG_9968

Panama Colon IMG_9958

 Colon, la chiesa più antica.

Panama Colon Hotel Washington IMG_9945L’ormai decaduto, ex albergo di lusso, Washington a Colon; comunque ancora ricco di fascino.

Panama Colon IMG_9935

 

 

Colon, la città sul canale di Panama dal lato dell’Oceano Atlantico. Una città dove non manca il lavoro, ma gli abitanti preferiscono o non lavorare o spendere i soldi in auto e feste, ma non per pagare l’affitto e la luce.

A Colon si trova anche un grandissimo centro fee tax, dove si acquista tutto senza pagare tasse: dagli orologi di marca ai telefonini agli elettrodomenstici.

Qui i ricchi affari del canale sono anche in mano ad una minoranza araba ed ebrea.

COLON IMG_9976

ORCHIDEE e altri fiori DALLA FINCA DRACULA:

PANAMA orchidee fiori IMG_0716

Abbiamo visitato una delle collezioni più ricche al mondo di orchidee.

Profumi inebrianti, colori e trappole semoventi (come quella fotografata qui sotto)per insetti: ecco cosa sono le orchidee.

PANAMA orchidee fiori IMG_0715

L’orchidea qui sopra fotografata, quando viene toccata da un insetto si muove per far scivolare l’insetto verso  il suo polline !

Si chiama FINCA DRACULA il posto migliore al mondo per chi ama le orchidee. 2.000 specie crescono in questa zona.

PANAMA orchidee fiori IMG_0558

PANAMA orchidee fiori IMG_0711

PANAMA orchidee fiori IMG_0709

PANAMA orchidee fiori IMG_0708

PANAMA orchidee fiori IMG_0707

PANAMA orchidee fiori IMG_0705

PANAMA orchidee fiori IMG_0703

PANAMA orchidee fiori IMG_0691

PANAMA orchidee fiori IMG_0708

PANAMA orchidee fiori IMG_0704

PANAMA orchidee fiori IMG_0703

PANAMA orchidee fiori IMG_0691

PANAMA orchidee fiori IMG_0688

PANAMA orchidee fiori IMG_0654

Alcuni fiori non sono di orchidee, ma li abbiamo fotorafati per laloro rarità e bellezza.

(PIU’ SOTTO TROVERETE LE ORCHIDEE DIABLO)

PANAMA orchidee fiori IMG_0651

PANAMA orchidee fiori IMG_0637

PANAMA orchidee fiori IMG_0618

PANAMA orchidee fiori IMG_0563

QUI SOTTO LE ORCHIDEE DIABLO CHE CRESCONO SOLO QUI

 PANAMA orchidee fiori Dracula vampira IMG_0693

PANAMA orchidee fiori Dracula Vampira IMG_0686

PANAMA orchidee fiori Dracula Vampira IMG_0685

Altre orchidee e fiori che ci hanno affascinato:PANAMA 672 orchidee fioriIMG_0729

PANAMA 672 orchidee fiori ok IMG_0566

PANAMA 672 acqua cascata ok IMG_0677

PANAMA 450 fiori IMG_0458

PANAMA IMG_0243

I grattacieli di Panama city visti dall’aereo.

PANAMA Varano animali IMG_0130

PANAMA animali cerbiatti IMG_0175

PANAMA IMG_0164

Albego Romantica a Contadora

PANAMA 450 fiori IMG_0458

L’uccello idolatrato dagli indigeni; il Quetzal.

PANAMA caimano coccodrillo animali IMG_0266

Caimano.

PANAMA 450 Edoardo +507 66016479 IMG_0460

La nostra guida a Boquete: Edoardo.

PANAMA 450 IMG_0402

Cartelli lungo la strada per Boquete.

PANAMA foresta passerella IMG_0318

PANAMA montagna foresta IMG_0365

Pareti dell’enorme, antichissimo ed enorme vulcano che circonda la zona dove è situata la località montana di El Valle: qui troverete una bella cascata che potrete superare appesi ad una corda in assoluta sicurezza.

A Panama assaggerete il più dolce ananas del mondo.

Street food – ristoranti – mercati a Francoforte – La città che non ti aspetti

FRANCOFORTE Lafleur-im-Gesellschaftshaus-Palmengarten-piatto

Street food, ristoranti, mercati all’aria aperta, la scena gastronomica a Francoforte è una festa per i sensi

Visitare il quartiere della stazione, un melting pot culturale e culinario senza paragoni euna grande varietà di prelibatezze internazionali

Chi pensa che l’offerta gastronomica tedesca sia legata ad una cucina fatta di carne, crauti e patate dovrà ricredersi. Francoforte è la città dai mille sapori: ristoranti stellati, bistrot, mercati all’aria aperta, street food;  Francoforte è un crogiuolo di infiniti sapori.

I ristoranti di Francoforte:
I ristoranti nella città affacciata sul Meno sono diversi e multiculturali come la città che li ospita.

L’offerta culinaria è diversificata come ci si può aspettare da una metropoli in continua evoluzione: dai sapori più tradizionali come l’Apfelwein e la Grüne Sauce, ai piatti gourmet provenienti da tutto il mondo.

La metropoli affacciata sul Meno conta ben 8 Ristornati Stellati: “Carmelo Grecco”, “Lafleur”, “Gustav”, “Weinsinn”, “Erno’s Bistro”, “Atelier Wilma”, “Restaurant Villa Merton” e “Français” tutti offrono delizie culinarie di altissima qualità.

Chi invece è alla ricerca di qualcosa di innovativo e gustoso non può non visitare il quartiere della stazione, un melting pot culturale e culinario senza paragoni.

Qui, i visitatori troveranno una grande varietà di prelibatezze internazionali, così come i classici preparati in modo creativo in bar e ristoranti alla moda.

Ecco solo alcuni indirizzi da non perdere: Walon & Rosetti, è un luogo in cui la tradizione incontra la modernità. Il bar-ristorante attira una clientela che ama mangiare e cenare in un’atmosfera accogliente e rilassata. Maxie Eisen, invece, prepara ottimi piatti ebraici à la Kosher Nostra.

I panini pastrami sono davvero da provare.

A Mittagsgold, l’atmosfera ricorda gli anni ’50, gli ospiti si godono i cocktail comodamente seduti sulle sedie a sdraio oppure ai tavoli a forma di fagiolo, così in voga in quel periodo.

La vicina Münchener Straße è ugualmente colorata, eccitante e multiculturale.

I ristoranti e i negozi di alimentari che si trovano qui sembrano provenire dai quattro angoli della terra: supermercati turchi accanto a bistrot libanesi, parrucchieri marocchini adiacenti a ristoranti coreani, calzolai tedeschi di fronte a negozi di dolci indiani. In questa via si può dire che la varietà sia davvero il sale della vita.

La cucina tradizionale:
Anche la cucina tradizionale di Francoforte ha molto da offrire. Che si tratti delle famose salsicce di Francoforte, “Handkäs ‘mit Musik” (piccoli formaggi rotondi marinati in una vinaigrette di cipolle), o la “Grüne Soße” (una salsa verde fredda a base di sette erbe regionali), oppure la dolce Frankfurt Crown Cake (“Frankfurter Kranz”) Fatto con noci, crema al burro e ciliegie rosse, il tutto annaffiato dal famoso vino di mele di Francoforte, sono tutti pilastri della cucina locale.

La cultura del vino di mele o Apfelwein di Francoforte è parte integrante della vita della città da centinaia di anni.

Versato da una cosiddetta “Bembel” (una brocca di terracotta blu-grigia), che ne assicura la temperatura perfetta, viene bevuta dentro uno speciale vetro a coste, noto come “Gerippte”.

Gli amanti di questa bevanda non possono non visitare le birrerie e i pub della zona di Old Sachsenhausen, durante l’estate, il quartiere emana un’atmosfera molto mediterranea e le persone si ritrovano all’aria aperta per bere e scambiare due chiacchiere fino a tarda notte.

I mercati settimanali, coperti e all’aria aperta:

I mercati settimanali di Francoforte sono molto più di una collezione di bancarelle di frutta e verdura all’aperto o al chiuso.

Sono anche popolari luoghi di incontro dove amici e vicini si incontrano per una chiacchierata mentre si gustano cibi freschi e bevande.

L’Erzeugermarkt (mercato dei coltivatori) a Konstablerwache è uno dei più popolari e grandi della città e offre solo prodotti regionali e biologici.

Le bancarelle di cibo e bevande vendono bratwurst, salsa verde, patate arrosto, vino alla mela, vino locale e birra fatta in casa.

Il Markt im Hof (Mercato del cortile) si tiene ogni sabato nel Brückenviertel e attrae la sua clientela con un’offerta gastronomica proveniente da tutto il mondo: empanadas, quiches, chutney e molto altro ancora.

Le specialità di questo mercato sono la limonata fatta in casa e le cialde salate. A Friedberger Markt, gli abitanti di Francoforte si incontrano per gustare un drink dopo il lavoro accompagnato da stuzzichini.

Nella pittoresca Paradiesplatz si svolge il mercato di Freitags-Treff, qui non troverete solo frutta e verdura, ma prodotti più ricercati come salmone affumicato, vini della famosa regione del Rheingau, salumi biologici, specialità turche e sorbetti.

Dopo la conclusione del mercato, i visitatori si fermano spesso per festeggiare l’inizio del weekend in uno dei pub e birrerie che fiancheggiano la piazza.

Direttamente di fronte alla principale stazione ferroviaria di Francoforte, si trova il Kaisermarkt.

Ogni martedì e giovedì questo mercato attrae chi lavora nel quartiere e che spesso ci trascorrono la pausa, al suo interno si trovano bancarelle di street food sia tradizionali che internazionali.

Per chi ama i fiori, ogni venerdì da non perdersi il Blumenmarkt (Mercato dei fiori) a Liebfrauenberg abbellisce i suoi dintorni del centro con un colorato e profumato spettacolo di magnificenza floreale.

Il venerdì è anche il giorno in cui Schillerstraße si trasforma in un delizioso ritrovo culinario: si tiene infatti lo Schillermarkt, con oltre 50 bancarelle che propongono prelibatezze culinarie di altissima qualità.

I visitatori troveranno anche oggettistica artigianale come giocattoli di legno fatti a mano e articoli per la casa in vendita. Chi ha bisogno di una pausa dopo una lunga giornata di shopping può scegliere di riposarsi in uno dei tanti caffè circostanti e godersi la città da un punto di vista più rilassato.

Anche il mercato di Friedberger Platz nella zona nord di Francoforte si svolge ogni venerdì. Qui i clienti sono viziati con una selezione di frutta fresca, formaggi pregiati e vini. Nell’orario serale il mercato (che chiude alle ore 20) si trasforma in una zona ricca di vita, dove le persone amano darsi appuntamento.

Da non perdere il Kleinmarkthalle (il piccolo mercato coperto), che è uno dei monumenti più famosi di Francoforte. Il mercato coperto di generi alimentari è aperto dal lunedì al sabato e le sue 60 bancarelle accolgono i visitatori con una meravigliosa atmosfera, anche quando fuori il tempo è inclemente.

Per maggiori informazioni

Francoforte è la città delle mille possibilità. È una città metropolitana, dallo skyline moderno, dove la notte si festeggia, ma di giorno ci si rilassa nei parchi, dove fare shopping, ma anche scoprire una storia emozionante.Nel centro della città si trova il vecchio quartiere, il DomRömer che era stato completamente distrutto dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, ma è oggi in fase di ricostruzione grazie alle planimetrie storiche e i vecchi modelli. Altro cuore culturale della città, il quartiere dei musei che si estende intorno al nuovo Historischen Museum Frankfurt e crea una grande connessione tra la città e la sua storia.I più importanti musei della città si trovano infatti sulla riva del fiume Meno e danno un carattere unico e originale a questa zona della città. Francoforte è una città innovativa, in continua evoluzione e aperta a nuove idee e cambiamenti, ma allo stesso tempo, ha a cuore le sue tradizioni e la sua storia. La capitale del “Applwein” o vino di mele, ha mantenute intatte le proprie tradizioni gastronomiche come la famosa Grüne Sauce o Salsa Verde e l’Handkäs, un formaggio locale dal sapore pungente. Ma senza dimenticare però la cucina gourmet (Francoforte vanta 8 ristoranti stellati) e la cucina creativa di strada, che mescola prodotti locali e internazionali. Sempre grazie alla sua posizione strategica vicino alla zona di Rhein-Main, Frankfurt offre una base ideale per esplorare la regione. Intorno alla metropoli si trovano pittoresche cittadine medievali con le tradizionali case a graticcio, castelli e siti Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO.

LE METE PIU’ SUGGESTIVE PER VIAGGI ROMANTICI.

Ecco come stupire il proprio partner in un viaggio romantico attraverso continenti

Berkeley International, agenzia leader nel settore del matchmaking internazionale,  ha stilato la classifica delle location più romantiche ed esclusive, unite ad il gusto dell’esotico e alla bellezza dei paesaggi tropicali sono gli ingredienti per la perfetta meta romantica secondo Inga Verbeeck, Managing Director di Berkeley International.

10) Al decimo posto della classifica troviamo Bali che, con i suoi scenari pittoreschi e le sue tradizioni, è la soluzione ideale per rilassarsi in spiaggia bagnati dall’acqua cristallina dell’oceano, affrontare altissime onde su tavole da surf o immergersi in splendidi paesaggi sottomarini. Tra sole, divertimento, paesaggi spettacolari ed un romanticismo dai sapori esotici, l’isola di Bali è un sogno diventato realtà.

9) Dall’Asia all’Africa… Fez, vero cuore del Marocco e la più antica delle città imperiali, con la misteriosa ed affascinante Medina, la parte più vecchia della città, permette di perdersi e di lasciarsi inebriare dal fascino, dagli odori, sapori e colori di una bellezza appartenente ad un’altra epoca.

8) Acqua cristallina, sole accecante, barchette colorate attraccate sulle spiagge: Santorini, grazie alla limpidezza dell’azzurro mar Egeo e all’eleganza delle sue tradizionali casette bianche, è considerata la più suggestiva delle isole greche. Niente di più romantico di una vacanza da sogno in un’isola che unisce storia, bellezza, eleganza e mondanità.

7) Kyoto, il luogo perfetto per chi preferisce il fascino orientale delle tradizioni giapponesi alla solita città europea. Adatto a chiunque ami la cucina raffinata e la saggezza di una cultura antica. Con i suoi bellissimi templi buddisti e magnifici palazzi, l’atmosfera di Kyoto è intrisa di pace e serenità. Per vivere un’esperienza davvero romantica si consiglia di fare un giro in barca lungo il canale Okazaki, incorniciato dalla bellezza dei fiori di ciliegio.

6) Tra le isole più affascinanti delle Hawaii, Maui spicca per essere la più romantica con le sue lunghe spiagge di sabbia bianca. Non è da meno Kauai, conosciuta anche come “The Garden Island” e collocata in pieno Oceano Pacifico: con i suoi paesaggi incontaminati, spiagge e cascate è perfetta per chi ama godersi le vacanze lontano dalle folle e per chi vuole dedicarsi completamente al proprio partner.

5) In questa speciale classifica non poteva mancare la Nuova Zelanda che è sinonimo di romanticismo. La meta adatta per amori non convenzionali, con la natura selvaggia a farla da padrona tra montagne, foreste pluviali e ghiacciai, fino alla spiaggia di Tunnel Beach, una delle più belle del mondo, completamente incontaminata e raggiungibile solo attraverso un tunnel di roccia.

4) Isole dell’amore sono anche le Seychelles. Considerate fra le più belle dell’Oceano Indiano e tra le più affascinanti del mondo, Le Seychelles sono un vero e proprio paradiso tropicale dove potersi godere un tête à tête durante un’immersione alla ricerca di pesci colorati o durante una passeggiata nell’entroterra, tra piante rare e montagne spettacolari.

3) Sale sul podio di questa speciale classifica dell’amore Venezia, la città dove gli innamorati possono passeggiare sognanti tra eleganti palazzi rispecchiati nell’acqua dei canali. Non c’è nulla di più romantico di un giro in gondola tra i suggestivi canali di Venezia e di più dolce di un “ti amo” sul famoso Ponte dei Sospiri mentre cala il sole.

2) Il Rajasthan, l’India dei Maharajia ed il più antico ed esotico stato indiano, è sede di alcune tra le città più affascinanti del mondo: dalla labirintica antica città di Jodhpur fino alla magica città deserta Jaisalmer e a Udaipur, la città ideale per i cuori romantici. Tra cammelli, elefanti e storie di principi coraggiosi, questa terra è il luogo ideale per passare mille e una notte in un camp lussuoso sotto il cielo ricco di stelle.

1) Parigi, capitale dell’amore per eccellenza, non può che essere incoronata come la regina delle location romantiche. Non c’è una coppia al mondo che non sogni di camminare mano nella mano sulla riva della Senna o di cenare a lume di candela in uno dei ristoranti più chic della città. Ricevere un bacio sull’alto della torre Eiffel è il sogno nel cassetto di qualsiasi fanciulla.

Ma se si desidera qualcosa di davvero speciale e spettacolare basterà salire su un elicottero e volare tra le nuvole verso la Grande Barriera Corallina del Queensland, Australia. Dall’alto del cielo si riuscirà a delineare uno strano disegno ed in mezzo al mare apparirà, come per magia, un cuore: l’ “Hearth reef Queensland”. È in quel momento che l’amore della vostra vita cadrà ai vostri piedi in un istante.

MARRAKECH MARRAKECH …MAROCCO !

photographe

QUI E’ POSSIBILE QUASI TUTTO ANCHE:

-passare dal caldo della valle all’aria pura delle cime.

-Un vero lusso: lasciare la piscina del vostro hotel, andare a sciare in montagna per tutta la giornata.

VEDI ANCHE AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=8871

Marocco. La-citta-blu

Marocco scarpe b

Marocco cibo

Il-grand-tour-del-Marocco

Marocco Rabat A-l-abri-des-murailles   Marocco  rabat A-l-abri-des-murailles

 

Festa Marocco 2014

Un giro nella medina o una passeggiata nella piazza Jemaa El Fna sono irrinunciabili. Il vero viaggio inizia adesso. Come

andare indietro nel tempo, i riferimenti cambiano, non è più una questione di chilometri percorsi. In un istante è

il passato che ritorna con i narratori e gli artisti di strada, gli incantatori di serpenti e i maghi che preparano pozioni e cure segrete.

-A due passi, sulla fontana Chrob ou Chouf, nei pressi della moschea Ben Youssef, una delle iscrizioni cesellate invita il passante a “bere e a vedere ciò che succede” (chrob ou chouf).

Marrakech custodisce innumerevoli tesori e fra questi i famosi riad (“giardino” in arabo), dimore completamente chiuse all’esterno e articolate intorno a un patio centrale.

-Spesso trasformate in hotel o ristoranti, sono uno dei simboli dell’arte di vivere marocchina.

Sciare sull’acqua o sulla neve

 A soli venti minuti da Marrakech, il lago di Lalla Takerkoust offre sette chilometri di esplorazioni in pedalò, in barca o in scooter d’acqua!

-Non lontano da qui, una delle stazioni invernali più grandi di tutta l’Africa vi aspetta a Oukaimeden, nell’Atlante.

-Immaginate il panorama che si presenterà ai vostri occhi a 3 300 metri di altitudine! A sud di Oukaimeden, potrete dedicarvi alle escursioni inerpicandovi sul monte Toubkal (4 167 m).

-Una valida organizzazione, una guida certificata e una buona forma fisica vi permetteranno di realizzare questa ascensione senza grandi difficoltà.

-Così, in pochi istanti, potrete passare dal caldo della valle all’aria pura delle cime. Un vero lusso: lasciare la piscina del vostro hotel, andare a sciare in montagna per tutta la giornata e infine ritrovare la dolcezza delle serate di Marrakech.

-JARDIN MAJORELLE RUE YVES SAINT LAURENT www.jardinemajorelle.com Y.St Laurent acquistò il giardino botanico Pierre Bergé, creato dal pittore Jaques Majorelle: oggi un paradiso in città.

-THE’ ALLA MENTA: Dar Cherifa, 8 derb Cherfa Lakbir, ingresso libero, caffé letterario e pasticcini o cus-cus di verdure; eventi e mostre

BELLEZZA i migliori rituali LA MAMOUNIA SPA, mamounia.com ; nel leggendario albergo

-LA MAMOUNIA; tra giardini e alcove principesche, la cerimonia dell’Hammam, tutto con prodotti naturali come l’olio di Argan e il sapone nero

-CASA BOTANICA FLOWER POWER: appena fuori città per un caffé alternativo con prodotti a Km. 0 e succhi fatti in casa www.flower-power-cafe.com

OASI LA PAUSE: lusso nel deserto fuori Marrakech, www.lapause-marrakech.com almeno per 1 notte, solo candele, stelle e nessun rumore.

 TANGERI

Henri Matisse fu stregato dal bagliore accecante e magico di questo luogo e vi dipinse diversi quadri.

 -Eugène Delacroix chiama Tangeri la Ville Blanche, riprendendone i riflessi tremolanti della grande calura, come in un miraggio

 -gli odori sono di spezie, frutta e semi; ma  non ha nulla di turisticizzato come le inevitabili bottegucce di souvenir internazionali; veri negozi di barbiere in miniatura o sartoria, ma anche alimentari a prezzi “africani”, se saprete contrattare

 –il Museo della Kasbah è difficile da trovare, ma è anche un angolo di paradisiaco frescume e grandi mosaici, un trionfo di Venere circondata da ninfe e ancelle…nella kasbah ha vissuto lo scrittore Paul Bowels, vi arrivò per consiglio di Gertrude Stein

 -il giardino pensile del sultano, foresta di rose, melograni, banane…mandarini (tagerine in inglese)

 –Tangeri è la città dei due mari: Mediterraneo e Atlantico, dove ammirare una sfumata Gibilterra.

l’Hotel Continental

 -l’Hotel Continental si trova nella Medina,  ed ha una meravigliosa vista sui mari ed il porto vecchio, un albergo da veri viaggiatori; foto antiche testimoniano la presenza di Hanphrey Bogart, altre di Bertolucci (Tè nel deserto), Ford Coppola, Irene di Grecia… nulla a che vedere con i modernissimi della zona Cap Malabata!

DOVE ANDARE:

GRAN CAFE’ DE PARIS

-14 km. verso il faro di Cap Spartel, nella Vielle Montagne si ammirano le ville kitch del principe del Kuwait, del sovrano dell’Arabia Saudita…e Villa Joséphine, ora trasformata in un hotel di lusso da sogno; più avanti i gruppi di turisti visitano le Grotte d’Ercole, leggendaria alcova e sede di trascorse feste trasgressive; interessanti per il clima fresco che vi si respira.

-oggi la città è una continua caotica espansione..

Le autostrade sono sicure e ben segnalate, si può noleggiare un’auto in aeroporto e raggiungere la costa senza problemi Essajuira e altre località marine sull’oceano offrono anche tanto pesce a buon prezzo.

-Fuori dai soliti itinerari, con un bel clima

ESSAJUIRA

-soprattutto nelle mezze stagioni ESSAJUIRA merita un soggiorno. Anche se non è più la meta agognata solo da una ristretta elite di ricchi vagabondi, amanti dell’arte, il fascino delle sue mura a picco sul mare è invariato, come le spiagge e il vento per i surfisti. Sul lungomare si mangia pesce appena pescato e cucinato ancora a prezzi ragionevoli, ma non ovunque.

EL JADIDA SAFI, sempre sull’Oceano Atlantico, ma ancora incontaminata dal turismo.

Se pretendete una meta sconosciuta allora dovete puntare su EL JADIDA SAFI, sempre sull’Oceano Atlantico, ma ancora intatta. Qui troverete il fascino di Essajuira degli anni ’70. Prezzi molto buoni.

 Dichiarata Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco, l’antica Mazagan diventò El Jadida (la nuova) nel 1815 .

-Molto ben conservata, El Jadida offre uno

-scenario storico e romantico perfetto per bighellonare e godersi il mare.. I Portoghesi edificarono questa città fortificata che inizialmente era dotata di cinque bastioni. Oggi ne rimangono solo quattro. Li scoprirete percorrendo il percorso della ronda perfettamente conservato. Il bastione dell’Angelo offre una bella vista sulla città, il porto e il mare. Il bastione San Sebastiano conserva un’inquietante cappella dell’Inquisizione. Una rampa permette di scendere alla Porta del Mare. Questo deposito che si affaccia sull’acqua permise la fuga dei Portoghesi nel 1769.

-Risalendo la via principale troverete la cisterna portoghese. Caduta nell’oblio, fu riscoperta per caso nel 1916. Un pozzo di luce illumina il centro di questa sala sotterranea sostenuta da cinque file di colonne.

Un magnifico scenario dove sono stati girati film quali Otello di Orson Welles o Harem di Arthur Joffé.

-Proseguendo la passeggiata incontrerete la chiesa dell’Assunzione accanto a una moschea con un minareto unico nel suo genere. E’ probabilmente l’unico minareto al mondo di forma pentagonale.

 Dintorni: Oltre alle belle, gradevoli e tranquille spiagge della costa nord e sud di El Jadida, a 17 km da Azemmour si trova l’antica capitale del paese, Doukkala, posta alla foce del fiume Oum Errabia, rinomato per le sue succulenti alose (simili alle sardine). Godetevi una simpatica passeggiata tra le antiche vie della medina.

—-

Una puntata al di là delle dune di Mogador vi condurrà a Essaouira e al suo retaggio storico.

Dall’alto dei bastioni osserverete la fierezza dell’Atlantico e al porto saluterete i pescatori che rientrano con le barche cariche di pesce. Attraversando la porta Bab El Marse penetrerete nella medina, dichiarata Patrimonio mondiale dall’Unesco, per incontrare gli intarsiatori e gli ebanisti più famosi del Regno. A pochi minuti dal vivace fermento di questo luogo ritroverete rapidamente la pace del vostro giardino dell’Eden: il resort Mogador.

Rabat 

 Oceano, medina e casbah degli Oudayas sono il cuore pulsante della capitale marocchina.

Una medina sorprendente

La muraglia degli Andalusi, costruita in argilla compressa nel XVII secolo, protegge la zona sud della medina. La vecchia città sorprende per il suo tracciato rettilineo, molto diverso dall’abituale dedalo di viuzze. L’accesso è possibile dalla porta Bab El Had dove la domenica si tiene il mercato.

Qui inizia la rue Souika, la via più grande e probabilmente più animata della medina. Essa conduce alla Grande Moschea e termina nel suq Es Sebat, il mercato delle calzature, coperto di stuoie di giunco e traboccante di centinaia di babbucce, di articoli di pelletteria e di artigianato, oltre che di gioielli in oro e argento.

Poi ecco la rue des Consuls, la via dei Consoli, parzialmente coperta da vetrate, dove gli artigiani lavorano sotto i vostri occhi e realizzano tappeti di lana a pelo lungo, stoffe e oggetti in rame. Risalendo verso nord, ci si avvicina alla porta degli Oudayas.

 La casbah degli Oudayas

Questo quartiere fortezza ha conservato i suoi antichi cannoni posizionati su un bastione.

La sua porta, bella e massiccia, è interamente scolpita e una delle torri ospita tre gallerie d’arte.

Le facciate bianche e blu creano un’atmosfera molto mediterranea. Le sue vie lastricate conducono alla moschea El Atiqa, la più antica della città, poi al belvedere chiamato Plateforme du Sémaphore.

Da qui, così come dalla terrazza del Café Maure che si trova proprio accanto, la vista su Rabat, la vicina Salé e l’incontro dell’uadi Bouregreg con l’oceano è semplicemente splendida.

Su in alto, il palazzo degli Oudayas, che oggi ospita il museo nazionale, ha conservato le sue decorazioni originali, simboli di sobrietà ed equilibrio. Il giardino andaluso ai suoi piedi è un’oasi ricca di alberi da frutto, oleandri e cascate di bouganville.

 Ufficio del Turismo http://www.visitmorocco.com/index.php/ita/content/view/full/2

LUSSO A MARRAKECH:

MAROCCO Marrakech riad lusso DarDarma_02

UN SOGGIORNO A DAR DARMA IN UNA STAGIONE RICCA DI EVENTI

Numerosi gli eventi in Marocco nei mesi di maggio e giugno, 

dal festival delle Rose agli eventi musicali della Gnaoua e delle Musiche Sacre

 – Gli ospiti che soggiorneranno a riad  http://www.dardarma.com/Dar Darma, dimora privata nel cuore della Medina a Marrakech, durante i mesi di maggio e giugno, avranno la possibilità di partecipare a suggestivi eventi della tradizione marocchina e a interessanti manifestazioni musicali, dal Festival delle Rose al Festival della Gnaoua a quello delle Musiche Sacre, tutti fuori città ma facilmente raggiungibili con escursioni di 2 giorni.

 A maggio anche la città Marrakech si anima per lo storico Festival delle Rose, uno fra gli eventi più caratteristici del Marocco che festeggia la raccolta della rosa damaschina nei roseti che si estendono a perdita d’occhio per la valle del fiume Dadès e nel vicino villaggio di El Kelaa M’gouna. La valle si tinge di rosa dando vita a uno spettacolo molto suggestivo e che sprigiona un intenso profumo che i venti del deserto portano fino in città. Il villaggio invece si anima di vivaci celebrazioni interamente dedicate a questo fiore con danze, musica a cui partecipano vari gruppi etnici con costumi originali provenienti da tutto il paese e parate floreali.

 Nel mese di giugno il Marocco ospita anche altri due importanti eventi culturali dedicati alla musica: la 17° edizione del  HYPERLINK “http://www.festival-gnaoua.net/en/” Festival della Gnaoua, una manifestazione di musica contemporanea con artisti africani noti a livello internazionale, che dal 12 al 15 giugno anima la città di Essaouira a due ore da Marrakech e il Festival delle Musiche Sacre, festa spirituale che si tiene ogni anno a Fez dal 13 al 21 giugno.

 In occasione di questi eventi Dar Darma organizzerà

-su richiesta i trasferimenti dei suoi ospiti sui luoghi coinvolti dalle manifestazioni. Il calendario della stagione, ricco di eventi, è una ragione in più per una breve sosta nel caratteristico Riad Dar Darma, per tutti coloro che desiderano

-una pausa rilassante immersi nella calda atmosfera delle sue suite o sulle terrazze sorseggiando del buon tè, alla scoperta delle tradizioni del Marocco.

Il riad, da sempre molto sensibile e ricettivo in materia di eventi culturali, offre agli ospiti la possibilità di godere della bellezza della tradizioni marocchine già a partire dai momenti di soggiorno all’interno della struttura.

 – Il Dar Darma ( HYPERLINK “http://www.dardarma.com” ) è un

-lussuoso Riad del XVIII secolo situato nel cuore della Medina, a pochi passi dal Museo di Marrakech. Le 4 lussuose suite (2 Patio suite, la suite degli Specchi e la Orange suite) e i 2 appartamenti (Blu e Rosso) sono superbamente arredati e ricercati nei decori.

-Offrono sale con camino, una o due camere da letto e servizi. Le aree dining, le terrazze con salotti ombreggiati, zone sole e piscina completano l’esclusiva offerta della maison.

Dar Darma accoglie gli ospiti con ampi spazi, un’atmosfera elegante e di assoluta privacy, un servizio personalizzato e al tempo stesso informale. Lo Chef propone piatti tipici della cucina marocchina realizzati tutti i giorni con prodotti freschi.

Vacanze 2018 – Natura e cultura alle Isole Faroe – al fresco !

Una vacanza che è una sorpresa sempre … e qui non fa mai troppo caldo, ma c’è tanto sole anche la sera

SEAFOOD FESTIVAL ALLA NOTTE DELLA CULTURA

eventi musicali – paesaggi mozzafiato

Isole Faroe un paradiso

tranquillità e natura incontaminata

primo boutique hotel alle Faroe

Lo chef Leif Sørensen,  aprirà in un vecchio magazzino vicino al porto di Tórshavn,  un posto informale,  prodotti buoni e cibo semplice

Bird watching, tutta la costa ovest e in particolare l’isola di Mykines è un vero paradiso

Il 5 maggio 2018 la capitale ospiterà il Seafood festival

Dal seafood festival alla notte della cultura, passando per i numerosi eventi musicali, tutto questo in un paesaggio mozzafiato.

Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontaminate e tutte da scoprire.

Sono queste le Isole Faroe, meta ancora poco conosciuta, e territorio autonomo danese situato più a nord.

Si dice spesso che le Isole Faroe non accolgano turisti – ma esclusivamente ospiti.

I Faroesi sono infatti accoglienti e aperti e la meravigliosa natura delle isole invita subito a sentirsi a casa.

È una meta adatta a chi ama l’escursionismo, la pesca, le immersioni, la vela o semplicemente a chi desidera respirare l’aria pulita a pieni polmoni e godersi la tranquillità di una natura incontaminata.

Nonostante siano piccole e disperse in mezzo al nulla, le Isole Faroe hanno molto da offrire anche al viaggiatore più esigente.

Tórshavn è una delle più piccole capitali del mondo, ma offre tanti servizi, dagli hotel 4 stelle e i negozi di design locale, agli ottimi ristoranti che servono cibo a base di prodotti tipici, per non dimenticare la vivace scena musicale e culturale.

Particolarmente interessante è la parte vecchia della città, Reyni, colorata dalle tante casette costruite in legno e con i tetti d’erba, che rendono il quartiere molto pittoresco.

Anche Tinganes, dove risiede il governo è un importante punto di riferimento di Tórshavn con i suoi edifici rossi dai caratteristici tetti d’ erba.

Chi invece è interessato all’arte può visitare il museo Listaskalin, con mostre permanenti di dipinti e arte faroese contemporanea, oppure la Casa Nordica, ovvero il centro culturale dedicato all’intera Scandinavia, dove si svolgono regolarmente concerti, spettacoli e mostre temporanee di pittura.

Novità di quest’anno, il primo boutique hotel alle Faroe, nella capitale Tórshavn.

L’Hotel Havgrím è stato ricavato da un’antica dimora affacciata sull’oceano e presenta camere progettate ispirandosi al fiordo: i colori ricordano i prati, il cielo cangiante e il mare quando è calmo e burrascoso.

Le isole Faroe vantano inoltre un’ottima gastronomia locale.

Anche quest’anno è stata confermata la stella Michelin “faroese” al ristorante KOKS – aperto nel 2011 – con un menu rigorosamente stagionale che unisce tradizione e modernità in modo semplice e delicato.

Il ristorante si sposterà prossimamente in una nuova esclusiva location, una vecchia fattoria sul lago risalente al 17esimo secolo, a 20 minuti dalla capitale.

Altra novità il ristorante che lo chef Leif Sørensen, che ha firmato il manifesto del New Nordic Food e introdotto alle Isole Faroe una cucina raffinata, aprirà in un vecchio magazzino vicino al porto di Tórshavn.

Sarà un posto informale, incentrato sulla gioia della condivisione e del cenare insieme, e su prodotti buoni e cibo semplice.

Un’esperienza culinaria più accessibile ma altrettanto autentica, è rappresentata dall’Heimablíndi, che letteralmente significa “ospitalità a casa” , che offre ai turisti la possibilità di cenare in casa della gente locale, come ad esempio nella casa-fattoria di Anna e Óli, che in determinati giorni organizzano cene anche per vari gruppi di ospiti.

In primavera e in estate le isole si animano di eventi e festival di ogni genere, dalla musica alla cultura, passando ovviamente per il food.

Il 5 maggio 2018 la capitale ospiterà il Seafood festival, una straordinaria esperienza culinaria per locali e turisti che potranno degustare vari tipi di frutti di mare cucinati in modi diversi, quali aragoste, gamberi, sgombri e smerigli.

Il primo venerdì di giugno, invece, si tiene ormai da più di 10 anni la Notte della Cultura a Tórshavn, animata da intrattenimenti per famiglie, eventi culturali, iniziative nei negozi e ristoranti, ed eventi speciali nei musei e alla Casa Nordica.

Ma i faroesi amano moltissimo anche la musica: tra gli eventi musicali più importanti il G-Festival dall’ 11 al 14 luglio 2018 nel villaggio di Gøta dove la musica locale incontra quella internazionale più stravagante e il Summer Festival che si tiene dal 9 all’ 11 agosto 2018 a Klaksvik.

Un’occasione in più per avvicinarsi ai locali e conoscere la loro cultura sono proprio i concerti in casa, organizzati a Gøta due volte a settimana durante l’estate, e per gli amanti del buon cibo la tendenza dei supper club – ristoranti in casa – ha raggiunto anche le Isole Faroe!

A Velbastaður i locali aprono la porta delle loro cucine una volta a settimana nel periodo estivo.

Pur essendo piccole, le Isole Faroe offrono tante opportunità di escursioni e gite, dai vecchi sentieri che collegano i piccoli villaggi, ai percorsi di montagna con vista sull’oceano, accompagnati dal canto degli uccelli e circondanti da pecore e manti di erba verde.

Tra le mete più spettacolari, le alte scogliere di Djupini, la zona di Akraberg con il famoso faro sulla punta più a sud, e l’isola di Stóra Dímun, abitata da una sola famiglia, un’occasione unica per scoprire da vicino la vita della gente locale.

Per chi è amante del bird watching, tutta la costa ovest e in particolare l’isola di Mykines è un vero paradiso, con migliaia di pulcinelle di mare, sule e molti altri uccelli marini che è possibile ammirare da vicino.

Sulle Isole Faroe infatti sono state identificate ben 300 specie di uccelli, dei quali un centinaio sono specie di uccelli migratori abituali del Nord Atlantico.

È possibile prenotare escursioni e tour con www.reika.fo e www.hiking.fo

Come arrivare:

Le Isole Faroe sono facilmente raggiungibili in aereo, con voli diretti tutto l’anno dalla Danimarca, Inghilterra, Islanda e Norvegia. Sia Atlantic Airways sia SAS operano voli giornalieri in partenza da Copenaghen.

Le Isole Faroe dispongono poi di un’ottima rete di collegamenti interni, tramite strade, ponti e tunnel sott’acqua, che permettono di raggiungere tutte le isole e i villaggi di pescatori.

Maggiori informazioni:

www.visitdenmark.it/it/isole-faroe e www.visitfaroeislands.com

Vacanze destinazione ideale 2018 Santiago del Cile

 

Santiago del cile è stata nominata da Lonely Planet la città ideale

consigliata anche e da De Guardian e dal New York Times

Metropoli di 7 milioni di abitanti, ha anche vinto il premio come città con il trasporto più sostenibile.

La città si trova in una valle circondata dalle cime innevate della Cordigliera delle Ande e sta vivendo un forte decollo culturale.

Avveniristici grattacieli si ergono nella parte più nuova, ma è rimasto ancora il cuore coloniale della città antica.

Attorno a Plaza de Armas e al suo circondario, e’ stata scritta gran parte della storia del Cile.

Come nel vicino Perù, anche qui la cucina ha fatto passi da gigante; mantenendo il rispetto delle ottime materie prime del luogo.

L’ offerta gastronomica è molto ampia, dagli eleganti ristoranti alle famose “picadas” (trattorie); tutti sono accontentati.

La via principale, il del classico paseo ahumada, offre antichi bar da dove assistere al passeggio per lo shopping di lusso.

Da non perdere:

– il palacio de la real audiencia, del 1808, ospita il museo nazionale di storia

-la cattedrale è del xviii secolo.

-molto visitata anche l’antica e coloratissima residenza del poeta pablo neruda, la chascona, oggi trasformata in un museo.

Ma ogni guida, anche in internet vi dirà molto di più.

 

 

 

DonnE…Cultura