Archivi categoria: cibi sani

La Cucina Italiana – Abbiamo seguito un corso gratuito

Cibo buono e sano

Corso presso La Cucina Italiana

E’ stato divertente, abbiamo imparato tanti piccoli segreti su come cucinare, acquistare, trattare i cibi e abbiamo visto come funziona la redazione di un giornale che cucina ogni piatto del quale presenta una ricetta.

Abbiamo preparato a assaggiato ghiaccioli di frutta anhce guarniti con fiori.

 

Tornerà il MIELE – Vietati 3 pesticidi che uccidono le api

FINALMENTE

TORNERA’ COPIOSO IL MIELE – Vietati 3 pesticidi che le uccidono

NEODICONTINOIDI PROIBITI ALL’APERTO MA NON NELLE SERRE

Le api impollinano fiori e piante; per almeno un terzo dei nostri alimenti

da stidi recenti, risulta che il miele prodotto in sud-America è il meno contaminato da ageni esterni chimici; poiché prodotto in foreste lontane dal’indistria

Dopo anni di battaglia, il 29 aprile 2018, la Commissione europea ha deciso di limitare l’utilizzo di alcuni pesticidi neurotossici.

Si cerca di mettere fine alla strage di api registrata dalla metà degli Anni 90

L’apicoltura vale in Italia 1,5 miliardi di euro l’anno

Negli ultimi 20 anni il tasso di mortalità degli insetti è passato dal 5 al 30%

Dagli studi dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) con sede a Parma:

-secondo le ricerche i pesticidi hanno un effetto mortale sulle api.

::::::::::::::

Bruxelles, a partire dal 1 dicembre 2013, aveva già deciso di vietare per due anni l’utilizzo delle sostanze neurotossiche sulle colture preferite dalle api:

– mais, colza, girasole e cotone e sulle foglie degli alberi da frutto.

:::::::::::::

PESTICIDI E CONSEGUENZE:

NELLE DONNE INCINTE:

La pericolosità dei pesticidi, aumenta nelle donne in stato di gravidanza; i fitofarmaci potrebbero causare la nascita di bambini con problemi di autismo o con problemi di sviluppo degli organi genitali …

i pesticidi prediligono colpire gli organi molli:

fegato,
-pancreas,
-stomaco,
intestino
milza

possono colpire anche la pelle o creare problemi respiratori.

Un SOLO antiparassitario può scatenare diverse malattie; di fatto frutta e verdura ne contengono spesso diversi tipi che, insieme, possono sviluppare una pericolose interazioni … !

ITALIA:

in Italia, l’ASL è l’ente preposto alla verifica della quantità e della tipologia dei pesticidi presenti nella frutta e nella verdura dei mercati ;

-le indagini effettuate dai suoi laboratori riguardano l’identificazione di SOLO 70 tipi di pesticidi su 500 esistenti.

OVVERO: le autorità sanitarie NON sono in grado di verificare la presenza della maggior parte dei pesticidi tossici quando effettuano i controlli … !!!

Pesticidi in frutta e verdura d’importazione:

-molti paesi extra UE hanno legislazioni molto arretrate per la sicurezza alimentare

-in Africa e in Sud America, per esempio, è ancora consentito l’uso del DDT nell’agricoltura

-idem per centinaia di altri antiparassitari pericolosi

-avocado, banane, kiwi, pompelmi, ananas, fagiolini e uva rossa sono stati analizzati dal dottor Alessandro Borgonovo (UL-CONAL): metà ddi frutta e verdura testati presentava pesticidi

-banane: pesticida cancerogeno vietato dalla legislazione UE

-pompelmo: erbicida vietato dal 2002 ed altri 4 pesticidi in concentrazioni superiori di 4/10 volte i limiti di legge

-fagiolini: pesticida legale, ma in quantità 5 volte superiore al consentito

-uva: 5 diversi pesticidi in quantità legali ma dal pericolosi per il loro effetto combinato con altre sostanze contenute in diversi prodotti alimentari

negli USA, è permesso l’utilizzo in alte concentrazioni (5 mg/kg) del Fenpropatrin e del Carbaril; pure ammesso in alte concentrazioni in Australia, Albania e Hong Kong

-Acefate; pesticida proibito in Italia e molto tossico, è invece permesso nelle concentrazioni di ben 2 mg/kg in USA, Algeria, Giappone e Corea

RIFERIMENTI SUIGLI EFFETTI DEI PESTICDIDI DA:

1. Dott. Carmine Ventre, centro analisi biochimiche SAS, intervista nel programma televisivo “Le Iene” di Italia Uno, puntata del 12 marzo 2015.
2. Intervista al dirigente dell’ASL di Milano, “Le Iene”, Italia Uno, puntata del 12 marzo 2015.
3. Giuseppe Messina, agronomo intervistato dal programma televisivo “Le Iene” di Italia Uno, puntata del 12 marzo. 2015.
4. Renata Alleva, nutrizionista, intervista dal programma televisivo “Le Iene” di Italia Uno, puntata del 12 marzo 2015.
5. Pesticidi nel piatto, Relazione Legambiente (dati ARPA) Roma, 23 ottobre 2012.

DIMAGRIRE CON GUSTO : RICETTE PERSONALIZZATE E CONSIGLI

24 milioni di italiani sono sovrappeso.

Da un tradizionale formaggio, nato in un’abbazia, nel convento moderno della EXPO nasce “LA DIETA DEL GRANA PADANO – TRENTIN GRANA o PARMIGANO REGGIANO – scofgliete voi, seocndo il vostro gusto.

Una dieta sana che coincide con i nostri gusti più nostrani.

La dieta, ipocalorica bilanciata, è studiata da specialisti che garantiscono un giusto equilibrio per prevenire colesterolo e ipertensione.

In questa dieta, grazie anche al Grana Padano / Parmigiano Reggiano / Trentin Grana … vengono forniti all’organismo, senza bisogno di costosi preparati ipocalorici e altrettanto costosi integratori, sali minerali e proteine a sufficienza.

Esempio: la torta di patate. cipolle e Grana Padano con rosmarino.

Un piatto unico che si può preparare in anticipo, tenere nel frigorifero, scaldarlo se si vuole e quando si vuole o usarlo per un pic-nic.

Il programma della dieta è semplice, basta compilare un questionario, per avere un dieta adeguata alle nostre esigenze,  e si riceveranno una serie di menù settimanali, anche con alternative vegetariane, secondo il vostro peso,  altezza, età e sesso.

“EDUCAZIONE NUTRIZIONALE GRANA PADANO”

Le informazioni ricevute serviranno anche a mantenere il peso raggiunto con proposte di attività fisica personalizzate.

Vedi a : www.educazionenutrizionale.granapadani.it

RIPORTIAMO ALCUNE RICETTE:

Insalata di salmone e lenticchie

Ingredienti per 4 persone
un cuore d’indivia200 g di spinacino da insalata100 g di lenticchie verdi secche100 g di lenticchie rosse secche200 g di pomodori Ciliegino200 g di pane integrale1 cucchiaio di olio extravergine di oliva400 g di filetti di salmone40 g di Grana Padano DOPsale e pepe nero in grani
Per il condimento (citronette)

4 cucchiai di olio extravergine di oliva – succo di 1 limonesale e pepe nero
Preparazione

In un tegame fate bollire le lenticchie rosse e verdi a fuoco basso finché saranno tenere (per circa 30 minuti), scolatele e lasciatele raffreddare.

Nel frattempo mondate e lavate le verdure, spezzettate l’indivia a pezzi grossi, tagliate i pomodorini in due parti.

In una padella capiente, precedentemente riscaldata a fuoco medio, mettete i filetti di salmone a cui avrete tolto pelle e spine, tagliateli a quadretti e scottateli per 4 minuti.

Tagliate a fette il pane e tostatelo.

Mettete il tutto in una terrina aggiungendo anche lo spinacino e le lenticchie.

Prima di servire preparate la citronette in una ciotola e con una frusta sbattete: olio, limone, sale e pepe fino ad ottenere una emulsione.

Nel piatto di portata dell’insalata aggiungete le scaglie di Grana Padano, guarnite con 2 crostini tostati, cospargete il pepe tritato al momento, condite con la citronette e servite.

Gli alimenti della ricetta apportano i seguenti nutrienti
Carboidrati, proteine e grassi (macronutrienti) che apportano calorie; vitamine e minerali (micronutrienti) che non forniscono calorie ma svolgono importanti funzioni per l’organismo.

———

Fusilli al farro con asparagi, funghi, peperoncino e Grana Padano DOP

Ingredienti per 4 persone
240 g di fusilli al farro 3 cucchiai di olio extravergine di oliva 2 spicchi di aglio 2 piccoli peperoncini rossi 250 g di funghi champignon 1 mazzo di asparagi (150 g) 20 ml di vino biancoqualche fogliolina di timo fresco 40 g di Grana Padano DOP sale e pepe in grani
Preparazione
Mettete a bollire i fusilli in abbondante acqua salata per circa 10 minuti.

In una padella capiente scaldate l’olio a fuoco medio e unite l’aglio sbucciato e schiacciato, i peperoncini privi di semi, i funghi a fettine e gli asparagi a pezzetti.

Versate il vino e fate ammorbidire il tutto per circa 3 minuti senza coprire la padella così che il vino evapori.

Scolate i fusilli al dente, versateli nella padella e lasciateli insaporire per un paio di minuti amalgamando tutti gli ingredienti e, all’ultimo minuto, aggiungete il timo fresco, il pepe macinato e un pizzico di sale. In tavola cospargete il piatto di pasta con il Grana Padano a listarelle sottili.

Gli alimenti della ricetta apportano i seguenti nutrienti
Carboidrati, proteine e grassi (macronutrienti) che apportano calorie; vitamine e minerali (micronutrienti) che non forniscono calorie ma svolgono importanti funzioni per l’organismo.

———-

Mele al Vin Santo:

Ingredienti per 4 persone
4 mele (600 g) Golden di misura omogenea40 g di uva sultanina secca75 ml di Vin Santo15 g di olio extra vergine d’oliva 1 pezzetto di cannella 10 g (un cucchiaio) di mandorle a lamelle 30 g di zucchero di canna
Preparazione

In una ciotola versate l’uva sultanina, copritela con il Vin Santo e lasciate che si ammolli per 20 minuti.

Lavate le mele con la buccia ed eliminate il torsolo con lo scavino.

Mettete in una casseruola non molto grande le 4 mele in posizione verticale e riempite il loro interno con l’uva sultanina che avete sgocciolato e strizzato, le lamelle di mandorle, un filo d’olio extra vergine d’oliva e cospargete il tutto con lo zucchero di canna.

Spruzzate con il Vin Santo usato per l’ammollo dell’uva sultanina, aggiungete un pizzico di cannella e cuocete a fuoco medio per 30 minuti a recipiente coperto.

Di tanto in tanto bagnatele con il loro fondo di cottura per mantenere morbida la buccia. Servitele tiepide per esaltare il profumo degli ingredienti utilizzati.

Gli alimenti della ricetta apportano i seguenti nutrienti
Carboidrati, proteine e grassi (macronutrienti) che apportano calorie e svolgono importanti funzioni per l’organismo.

 

Salute – COSA NON SI DICE – Leggiamo gli ingredienti – Per una colazione sana

COSA NON SI DICE SUI PRODOTTI PER LA COLAZIONE – CREME DI NOCCIOLE O CIOCCOLATO MERENDINE – CICCOLATI (anche di grande marca) – GELATI – DOLCI VARI ...

La qualità di quello che mangiamo si riverbera sulla nostra salute; meglio poco e buono che tanto (fa solo ingrassare e porta a serie malattie) e scadente.

CREMA DI CIOCCOLATO, CIOCCOLATO, CREMA DI NOCCIOLE  …. ma cosa veramente contiengono ???

La maggioranza dei prodotti, in vendita nei supermercati, se leggete gli ingredienti, scoprirete una grande quantità di zucchero  e grassi e una bassa percentuale di pasta di cioccolato o nocciole, almeno questo nei prodotti più venditi.

COS’E’ LA PASTA DI CIOCCOLATO – NOCCIOLE … (contenuta nella maggioranza dei cioccolati e crema al cioccolato) ?

Nella maggioranza dei prodotti si tratta di un ingrediente che contiene emulsionanti e varie sostanze che servono a ridurre la quantità reale della materia prima.

Questo non accade in pochissimi prodotti come Chocobella di Damiano che contiene il 45% di nocciole e NON contiene EMILSIONANTI né CONSERVANTI e sono prodotti di origine BIO certificata. Anche il prezzo è ovviamnete, diverso dai prodotti super-economici (completante diversi anche come contenuto).

UNA NOTIZIA POCO CONOSCIUTA:

Sappiate che gli ingredienti di qualunque cibo, per legge, sono scritti partendo dall’ingrediente in percentuale più alta, calcolate quindi che gli ultimi ingredienti possono essere anche in quantità minime .

ALLARME MERENDE BAMBINI :

se leggete gli ingredienti, in biscotti, cioccolati, merendine varie, gelati ecc… scoprite che l’ingrediente principale è lo zucchero o un’alta percentuale di grasso (anche se  dichiarano  a gradi lettere che contegono meno zucchero o grassi degli altri o che sono salutari ecc … esempio lampante tutti i biscotti ad alta percentuale di fibre hanno molti grassi e/o zuccheri per renderne più accettabile il sapore).

Tornado ai prodotti della ditta Damiano, ma se trovate i medesimi ingredienti e le medesime percentuali vale per qualunque altra marca (noi non ne abbiamo trovate, se le trovate segnalatecelo pure; grazie), la crema di nocciole, per esempio,  è fatta solo di nocciole tritate e BASTA! Nessuna aggiunta di oli, zuccheri, ecc…

IDEM per le creme di mandorle, quelle di pistacchio; solo mandorle o pistacchi tritati; niente oli aggiunti, zuccheri e addittivi vari, come addensanti ecc. coloranti…

Solo elementi naturali, senza aggiunte di insaporitori vari o oli scadenti; tutto allo stato puro, come nella migliore tradizione siciliana.

Noi li abbiamo trovati in vendita da Esselunga; i prodotti sono, ovviamente, più costosi dei similari comuni, ma con ben altre proporzioni e qualità di ingredienti ! 

::::::::::::::

L’articolo è stato scritto dalla giornalista Grazia Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici). Tra l’altro l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

ZENZERO E BACCHE DI GOJI ALIMENTI MIRACOLOSI ? NO

l fenomeno delle bufale alimentari

NUTRIMI DICE STOP ALLE FAKE FOOD NEWS
PRESENTATI I PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO ‘ FOODMYTHBUSTER’: UN’INDAGINE CONDOTTA SU OLTRE 100 PERSONE SVELA I FALSI MITI PIÙ COMUNI

 – Le fake news, ormai sinonimo di “disinformazione”, sono un fenomeno in espansione che coinvolge tutti i settori della nostra società: dalla politica al mondo dello spettacolo fino all’economia.

Le ultime ricerche dimostrano come gli argomenti che più estremizzano le posizioni, sono quelli più facilmente condivisi: dalla politica durante il periodo delle elezioni ai vaccini, dalle condizioni meteo avverse al cibo.

La diffusione di notizie false in ambito nutrizione può diventare tuttavia un pericolo per la salute pubblica: il consumo di determinati alimenti è davvero miracoloso per la salute?

Le diete che fanno ‘notizia’ sono salutari?

Per fare chiarezza sulle ‘bufale’ in ambito nutrizionale è nato il progetto Food-MythBusters che, grazie a un team di professionisti della salute, raccoglie e smentisce con un approccio scientifico le fake food news.

Sul sito ufficiale www.nutrimi.it/foodmythbusters/ è stato reso pubblico il manifesto del progetto che si riassume in alcuni semplici punti:

non esistono alimenti “buoni” o “cattivi”, uno studio scientifico non basta a fare una “verità scientifica”, gli alimenti e le diete miracolosi non esistono, la nutrizione non è uno show né deve essere indicata dagli chef.

Durante la XII edizione di NutriMI,  e grazie a una serie di interviste realizzate a Milano ad oltre 100 consumatori, sono emersi i risultati dell’indagine condotta che rivelano la preoccupante tendenza a costruire le proprie scelte alimentari sulla base di notizie senza alcun fondamento scientifico:

ALIMENTI CONSIDERATI ‘SALUTARI’:

sono in molti ad aver riferito di consumare con una certa frequenza alcuni alimenti considerati benefici se non addirittura miracolosi:

dallo zenzero per curare raffreddore e purificarsi, alle bacche di Goji per fare il pieno di antiossidanti.

ALIMENTI CONSIDERATI ‘DANNOSI’:

carne, farina, latte e latticini, alimenti a base di carboidrati, sono alcuni simboli della Dieta Mediterranea oggi sul banco degli imputati.

DIETA SALUTARE:

sebbene molti citino la Dieta Mediterranea come modello più appropriato, non mancano moltissimi esempi di diete ‘fai da te’ (dove spesso vengono messi al bando i carboidrati a cena) o diete pseudo-scientifiche, come quella dei gruppi sanguigni.

Il quadro che si è delineato conferma la necessità di individuare metodi e canali strategici per promuovere una corretta informazione, basata su evidenze riscontrabili scientificamente e capace di guidare la popolazione verso scelte più consapevoli e meno dettate dalle mode.

Per affrontare al meglio il fenomeno delle bufale alimentari è necessario sviluppare un impegno congiunto con la comunità scientifica al fine di dare vita ad una voce autorevole e creare nuove sinergie per la diffusione di contenuti attendibili e utili per il consumatore.

Tra le società che hanno patrocinato il progetto vi sono il Corso di Laurea in Dietistica dell’Università la Sapienza di Roma, l’ANDID (Associazione Nazionale Dietisti), il SISDCA (Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare), IFMeD (International Foundation of Mediterranean Diet) e il CIISCAM (Centro Interuniversitario Internazionale di Studi sulle Culture Alimentari Mediterranee).

Il progetto vuole coinvolgere non solo la comunità scientifica, ma l’intera popolazione che avrà la possibilità di fugare i propri dubbi e ricevere informazioni puntuali.

È possibile segnalare una bufala alimentare inviando una mail a nofake@nutrimi.it

Salute e cibo buono – Un connubio facile

SALUTE – L’IMPORTANZA DI UN PASTO SANO E TRANQUILLO E CONVIVIALE (quando possibile)

GLI ITALIANI ASSUMONO TROPPI FARMACI

MOLTI SAREBBERO EVITABILI CON

UN’ ALIMENTAZIONE SANA

CUORIAMOCI : stili di vita e alimentazione sana anche per la prevenzione cardiovascolare

Una conferenza stampa con specialisti del settore per la nostra salute

Tra gli intervenuti:

Prof. Andrea Peracino – Medico patologo – Vice Presidente
Fondazione Italiana per il Cuore -Viale Piave 35
20129 Milano. Director of the Integrated Biomarkers Project.

Prof. Paolo Magni – Ricercatore universitario confermato e professore aggregato di Patologia Clinica Dipartimento di Endocrinologia, Fisiopatologia e Biologia Applicata, Università degli Studi di Milano.

DIABETE – PRESSIONE SANGUIGNA TROOPPO ALTA anche nei bambini ! – COLESTEROLO ALTO LEGATO A PROBLEMI CARDIACI ANCHE FAMILIARI – OBESITA’ – SEDENTARIETA’ – AMBIENTE NON SALUTARE – STRESS – CATTIVA ALIMENTAZIONE – ecc…

Tutti ormai conoscono le regole base per una sana alimentazione. Tuttavia, è bene precisare alcuni suggerimenti degli specialisti intervenuti:

  • anche un pasto di 10′ , purché sia semplice e sano, assunto con tranquillità e in ambinete  e apparecchiatura invitanti; può essere  una soluzione nei momenti di grande fretta
  • fare le scale, usare i mezzi pubblici e/o lasciare l’auto più lontana per camminare ogni giorno, sono semplici – economiche regole d’oro per mantenersi sani
  • troppi limiti nell’alimentazione per discutibili esami che segnalano  intolleranze alimentari, portano a carenze di sostanze importanti per la salute in generale
  • demonizzare il latte, come accade regolarmente, e sostituirlo con ” beveroni “ a base di soia (magari OGM), riso e avena … che non sono altro; leggete l’etichetta, acqua più zucchero e minimi quantitativi della sostanza dichiarata a lettere cubitali, non fa bene alla salute
  • oggi il mercato offre latti di buona qualità, controllati e arricchiti di sostanze che ne amplificano gli effetti benefici
  • il calcio e le proteine nobili contenuti nel latte sono indispensabili per una sana crescita o attività fisica e mentale e prevenzioni di patologie in età anziana come l’osteoporosi
  • è inutile eliminare fritti o salumi; basta limitarne l’uso, gustati occasionalmente, purché di buona qualità, non possono danneggiare da soli la salute
  • evitiamo gelati – dolci – biscotti ricchi di grassi e/o zuccheri – merendine – barrette varie, anche artigianali, spesso pieni di zuccheri e poverissimi di sostanze nutritive; a differenza di quanto pubblicizzato; leggete le etichette e le percentuali
  • imparate a consumare prodotti del vostro territorio fa bene alla salute e al pianeta
  • NON TRALASCIATE MAI I GRASSI POLINSATURI = BUONI ( pesce, frutta secca, olio extra vergine …) – in grado di contrastare gli effetti del colesterolo “cattivo” (grassi sautri, grassi idrogenati…)
  • imparate a cucinare al vapore, alla piastra (senza bruciare i cibi a base di proteine animali in particolare), il gusto può essere eccelelnte se usate erbe spezie e poi ottimo olio crudo sul piatto pronto
  • anche il pane passato alla piastra (biscottato) è più digeribile e aiuta a non gonfiare pancia e intestino
  • non usare piatti pronti che contengono sostanze / grassi / zuccheri / addittivi che non fanno bene alla salute; meglio pasta / riso bolliti e conditi semplicemente con ottimo olio e salvia e abbondante Parmigiano, pomodoro fresco e basilico, gorgonzola se piace, mozzarella o burrata con origano fresco  …
  • ottime le zuppe di verdure varie, fatte in casa,  con i robot che cucinano e tritano o con la pentola a pressione è un attimo prepararle … o leggete bene gli ingredienti dei piatti pronti che comprate.

SOWCOOKING DI EMANUELE PATRINI

Un semplice risotto, cotto nel latte, con aggiunta di pezzetti di salmone rosolati a parte e aggiunti all’ultimo momento; l’aggiunta di Parmigiano, non più “alla moda” per i piatti di pesce (ma che arricchisce nutrimento del cibo e sapore invece del troppo sale), completa bene la ricchezza del piatto (comunque ognuno si regoli secondo il proprio gusto)

Il salmone è più buono,  se cucinato o decorato con aneto fresco.

::::::

LATTE UN CIBO SANO

IL LATTE PARMALAT  che CONTIENE OMEGA 3 PLUS è l’esempio di un buon latte che fa bene e sicuramente meglio di ” beveroni ” a base di acqua e zucchero e poche sostanze nutritive.

SUL SITO  www.cuoriamoci.it si può fare un  test sul nostro stile di vita.

NOTA IMPORTANTE :

COLESTEROLO ALTO; ricordiamo che sino a 20 anni fa il limite era 250, oggi si tende a scendere sotto i 200, ma il valore del colesterolo totale non è sufficiente per definire il rischio cardiovascolare. Per il livello del colesterolo, è importante considerare il rapporto tra colesterolo totale e colesterolo buono; chiamato colesterolo HDL .

L’articolo è stato scritto da Grazia Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Cibi sani e di provenienza sicura sono stati serviti come esempio di pasto veloce – gradevole al palato- senza condimenti inutili –  sano: dalle verdure al pesce a veri formaggi di capra ecc…

Pasquettaa fuori porta con eccellenze campane

Pasquetta fuori porta

con il cestino di Eccellenze Campane

Grazie all’ordine on line sarà possibile comporre il proprio cestino assaporando il gusto partenopeo all’aria aperta

  – Pasqua è da sempre sinonimo di primavera, passeggiate all’aria aperta e momenti di condivisione in compagnia ed è proprio in occasione delle festività pasquali che Eccellenze Campane, il polo enogastronomico di prodotti campani di qualità, presenta il suo nuovo servizio da asporto.

Grazie allo spirito innovativo del brand è stato possibile, infatti, ideare un sistema online per comporre, ordinare e ritirare in negozio deliziosi cestini per i picnic di Pasqua e Pasquetta in modo da poter gustare il pranzo composto a proprio piacimento in campagna o in città.

L’offerta è molto varia e in grado di soddisfare tutti i palati: si potrà scegliere tra specialità calde e fredde, dai cannelloni gratinati con ricotta e spinaci al panuozzo con culatello casertano, dalle polpette di melanzane al sugo al timballo di pasta con prosciutto e piselli ma saranno disponibili anche ricette vegane come le ricche insalate e l’immancabile mozzarella alla caprese. E poi sfogliatelle, zeppole e altre dolcezze a scelta, non trascurando la sostenibilità in quanto tutto il materiale e il packaging saranno compostabili.

Il servizio è inoltre facile e veloce: basterà collegarsi al sito www.eccellenzecampanemilano.it/cestini selezionare i piatti che si vogliono gustare tra le diverse opzioni proposte ed effettuare l’ordine specificando il giorno e l’orario del ritiro presso il polo di via Cusani 1 a Milano. Il cestino sarà poi pronto per la presa in negozio.

I cestini di Eccellenze Campane daranno alle gite fuori porta un sapore nuovo, grazie alla semplicità delle ricette, alla bontà degli ingredienti scelti e all’alta qualità dei prodotti per una Pasquetta in pieno stile campano.

Eccellenze Campane

Eccellenze Campane èun polo enogastronomico, con sede a Napoli, Londra, Milano e prossimamente a Roma che riunisce piccole imprese locali, operanti nei diversi comparti del settore di riferimento. Il progetto nasce con l’obiettivo di promuovere e valorizzare le eccellenze agroalimentari direttamente dal “produttore”al “consumatore”, senza passaggi intermedi, nella logica della filiera corta concentrando in un’unica struttura le migliori produzioni regionali. Eccellenze Campane è, infatti, l’unico centro in Italia dove si producono, si vendono e si consumano prodotti gastronomici di alta qualità: si propone di diventare centro di attrazione in cui elementi quali qualità, tipicità, cultura e tradizione si coniugano con i concetti di sostenibilità, accessibilità, economicità.

Weekend per un’ sperienza culinaria al top a Baden Württemberg

Food and fitness

Letteralmente tempestata di stelle Michelin e gremita di ristoranti tipici – etnici – fusion e street food – la regione del Baden Württemberg

Baden Württemberg

Baden Württemberg: aggiungi un posto a tavola, c’è un indirizzo in più…

Non necessariamente, però: per vivere un’esperienza culinaria al top, in questa terra golosa del Sud della Germania non è obbligatorio sedersi a un tavolo.

Anche in questa Regione letteralmente tempestata di stelle Michelin e gremita di ristoranti tipici, etnici e fusion sta infatti spopolando la moda del momento: lo street food.

E con una doppia accezione:

–cibo da strada e cibo per strada.

Se da un lato gli storici chioschi di würstel e bretzel si sono evoluti e ovunque è possibile farsi sedurre da ricette e aromi di ogni sorta con la formula prendi-e-vai, il territorio -è risaputo- è solcato in lungo e in largo da strade a tema gastronomico.

Un’occasione imperdibile, tra l’altro, per godersi, con gli scarponcini ai piedi o in sella alla bicicletta, tutte le leccornie locali senza sensi di colpa… Food and fitness.

©TMBW

Dopo l’outdoor, in città o in campagna che sia, vogliamo però invitarvi attorno a un tavolo, per un pasto classico, ma non troppo.

Ecco una raccolta di indirizzi di tendenza: locali, ristoranti e hotel davvero imperdibili, sparsi per il Baden Württemberg.

Non si contano le location insolite, eleganti e uniche per bere, mangiare, ma anche dormire e fare acquisti al top.

Come per esempio il Liberty Offenburg Hotel:

— un elegante albergo di design ricavato in un’antica prigione, che vanta un raffinatissimo ristorante, ironicamente chiamato “Pane e acqua”. Stelle (nel piatto) persino tra gli ottovolanti dell’Europa Park:

all’Ammolite The Lighthouse Restaurant, ospitato nel faro dell’hotel Bell Rock, la cucina è a 2 stelle Michelin. Barba, baffi e un drink per cortesia… a Mannheim è possibile grazie al nuovo concept di barberia-bar Sieferle und Sailer: ottimi tagli e i cocktail migliori della città.

Al posto del fumo della ciminiera e del rumore dei macchinari, oggi nell’ex fabbrica di tessuti di Karlsruhe solo pace, colore e ottima cucina creativa:

il Kesselhaus è un indirizzo stiloso, consigliato dalla Guida Michelin.

Fare la spesa come un tempo e fermarsi per un boccone di qualità: tutto questo è possibile nella storica Markethalle di Stoccarda, vivace mercato coperto dalla facciata ancora in stile liberty.

I più timorosi troveranno il coraggio in un bicchiere di vino… non si può rinunciare all’emozione delle degustazioni enologiche a bordo di una mongolfiera! Accade nel Lembergerland. Per chi invece sostiene che non sia mai troppo presto per un bicchierino, ecco l’Elizabeth Bar di Friburgo, pub aperto fin dalle 10 del mattino.

Il regno dei superalcolici però è a Stoccarda: nella carta del Bix ben 200 whisky, 70 rum e 40 gin.

A Ulm c’è il Rosebottel, in olandese rosa canina, che al frutto selvatico (e altri) dedica drink analcolici e alcolici. Nick e Nora, a Karlsruhe, è un fornitissimo negozio di liquori ma non solo, dove acquistare tutto ma proprio tutto per il bar di casa.

Una volta il mese, però, si trasforma in un bar vero e proprio, con serate a tema. Drink “preziosi”, infine, allo Jigger&Spoon, tempio del buon bere nascosto nei sotterranei di Stoccarda e più precisamente nel caveau di una ex banca. http://www.tourism-bw.com

Dallo street food all’haute cuisine, Baden-Baden per tutti i gusti

© Baden-Baden Kur & Tourismus GmbH

Storicamente nota per le sue fonti termali, apprezzate fin dai tempi antichi e di gran moda nell’Ottocento tra l’alta borghesia, oggi Baden-Baden è spesso citata per la sua incredibile offerta culinaria, non solo ampia ma variegata e non di rado stellata.

Non ha nulla da invidiare nemmeno al capoluogo Stoccarda.

Si comincia con l’offerta tipica del Geroldsauer Mühle, al limitare della Foresta Nera, dove lo chef Sebastian Holy coccola i suoi ospiti con creazioni che affondano le radici nella cucina tradizionale del Baden utilizzando prodotti freschi e stagionali offerti dalla ricca varietà di questa regione.

Accanto all’offerta tipica locale, forte di prodotti di qualità a chilometro zero e intramontabili ricette antiche, si sta facendo sempre più strada l’alta cucina, firmata da chef già rinomati, spesso pluripremiati, ma anche dalle nuove promesse ai fornelli.

Stephan Bernard, con la sua magnifica reinterpretazione della moderna cucina francese, è per esempio padrone di casa a Le Jardin de France, tempio del gusto a una stella Michelin.

Anche senza stelle, comunque, l’esperienza culinaria a Baden Baden sarà sempre galattica, avvolti tra atmosfere tipiche e viziati con specialità della tradizione.

Provare per credere alla Weinstube Baldreit, dove gustare i piatti tipici regionali e alsaziani.

Per non parlare di una gita tra i curatissimi vigneti del Rebland (a un soffio dal centro città), dove i vignaioli accolgono i visitatori nelle loro cantine con il sorriso e soprattutto con un buon calice in degustazione.

Dalle stalle alle stelle, ecco anche qui un tempio del gusto garantito dalla Guida Michelin, che gli ha attribuito uno dei suoi astri:

— è il Rötteles Restaurant & Residenz, all’interno dello splendido Castello Neuweier. Qui si apprezzano capolavori di cucina mediterranea, annaffiati dai migliori vini locali.
https://www.baden-baden.de/it/tourist-information/

Banchetti da re

©Lothar Bertrams

Von Tisch und Tafel – Essen und Trinken in Schlössern, Klöstern und Gärten.

Ovvero, dal tavolo alle tavole imbandite – mangiare e bere nei castelli, nei conventi e nelle fortezze.

Per il 2018 anche l’associazione Staatliche Schlösser und Gärten Baden-Württemberg, che riunisce i manieri e i giardini monumento del Land, ha ceduto alla gola…

Il tema dell’anno, che fonde storia e cucina, suona come un antidoto alla sete e fame di sola cultura.

D’altro canto, nel mondo dell’aristocrazia, il cibo è stato comunque sempre un fatto di cultura. Nulla era affidato al caso. Le strutture dell’associazione sveleranno al pubblico tutta l’antica cultura dell’ospitalità a corte.

Quindici dimore inviteranno i visitatori a sedersi alle stesse tavole che videro banchettare principi e principesse, alti prelati e cavalieri, per farsi viziare da camerieri e servitori.

Li inviteranno però anche a scoprire le cucine e le cantine da cui uscivano le prelibatezze dell’epoca.

Una chicca?

Le iniziative del castello di Ludwigsburg, vicino a Stoccarda, che riveleranno non solo i segreti delle esotiche tavole barocche, ma anche quelli del rito del caffè pomeridiano tra i reali. Tutte le iniziative a tavola e intorno alla tavola organizzate dall’associazione sono consultabili al sito www.tisch-tafel-2018.de.

Da non dimenticare le cantine ducali, con le loro volte di dimensioni impressionanti dove è possibile ammirare la botte più grande di tutto il Württemberg che può contenere fino a 90.000 litri.
http://www.schloesser-und-gaerten.de/en/home/

COME ARRIVARE

©Stuttgart Airport

©Stuttgart Airport

Il Baden-Württemberg è facilmente raggiungibile dall’Italia in auto, treno o aereo.

In particolare l’Aeroporto di Stoccarda – www.stuttgart-airport.com – è il punto di partenza ideale per raggiungere le diverse regioni turistiche ed è ottimamente collegato all’Italia.

Con i nuovi piani di volo*, Eurowings opera da Bari, Brindisi, Cagliari, Catania, Lamezia Terme, Milano Malpensa, Napoli, Olbia, Palermo, Pisa e Roma Fiumicino e Venezia – www.eurowings.com; easyJet da Milano Malpensa e Venezia – www.easyjet.com.
*Soggetto a modifiche
www.stuttgart-airport.com

Il Baden-Württemberg in breve

La regione del Baden-Württemberg, nel sud-ovest della Germania, confina con Francia e Svizzera ed è facilmente raggiungibile dall’Italia in auto, treno o aereo.

Land tra i più popolosi del Paese, vanta diversi primati: è la regione con il maggior reddito pro-capite della Germania e quella con il miglior sistema scolastico, è conosciuto per l’eccellente offerta culturale, così come per la lunga tradizione termale, i vini i e la cucina gourmet.

Una delle aree più visitate della Germania, offre una grande varietà di panorami e paesaggi, che vanno dagli incontaminati boschi della Foresta Nera alla vivacissima Stoccarda, fino al Lago di Costanza.

Che si tratti di una vacanza-benessere o di un soggiorno attivo, viaggi con bambini o vacanze culturali, esperienze culinarie o grande shopping, il Baden-Württemberg è pronto a dare il benvenuto. Per maggiori informazioni sulla regione e sulla sua offerta turistica: www.tourismus-bw.de.

Colazione sana – con cibi sani si vive più a lungo – DAMIANO

VIVERE PIU’ A LUNGO

MANGIANDO SANO

La crema di nocciole è fatta solo di nocciole tritate e BASTA! Nessuna aggiunta di oli, zuccheri, ecc…

IDEM per le creme di mandorle, quelle di pistacchio; solo mandorle o pistacchi tritati; niente oli aggiunti, zuccheri e addittivi vari, come addensanti ecc. coloranti…

Lo stesso vale per la Tahina  (SOLO SESAMO TRITATO) e la crema CHOCOBELLA: nocciole 45%, zucchero di canna, cacao Bio ( e non pasta di cacao che è tutta un’altra cosa!), pasta di madrole,olio di Mandorle biologico E BASTA NINETE ALTRO !!!

Solo elementi naturali, senza aggiunte di insaporitori vari o oli scadenti; tutto allo stato puro, come nella migliore tradizione siciliana.

PROVARE PER CREDERE

In vendita da Esselunga; i prodotti sono, ovviamente, più costosi dei similari comuni, ma con ben altre proporzioni e qualità di ingredienti ! 

IMPARIAMO A LEGGERE BENE L’ELENCO DEGLI INGREDIENTI E FACCIAMO PARAGONI

Tutti i clienti Esselunga, possono ususfruire di un prodotto che si differenzia enormemente dalle altre paste di mandorle, nocciole, cioccolato, pistacchi (in stagione), Tahina (crema di semi di sesamo; ricchissima di vitamina E, ottima per la pelle, diete vegetariane, vegane ecc…)

La Tahina si prepara come una salsa; aggiungendo succo di limone  e acqua, poco alla volta e mescolando bene.

Si mangia sul pane o per  condire insalate varie; anche come aperitivo sul pane con un pezzo di pomodorino secco (messso prima in acqua per togliere il troppo sale e poi aciugato), acciughe, pezzi di uova sode, insalata o vedure cotte varie ecc…

La Tahina è un componente della salsa humus; fatta di ceci cotti e frullati, con aggiunta di spezie, cipolla e limone a piacere; con il pane può essere un piatto unico veloce e sano; meglio di un panino fatto con salse e carni o uova sode o tonno di pessima qualità; per aumentare i guadagni di molti bar senza scrupoli.

Se non siete abitiuate ad un sapore nuovo, basta metterne una punta su di un cucchiaino ed assaggiarlo per 10 giorni; le papille gustative apprezzeranno il nuovo sapore; se gradito.

Tè eccellente da Sry Lanka ora anche in Italia – Lusso la Rolls Royce dei tè

IL TE’ FA BENE, AIUTA A BRUCIARE I GRASSI E CONTIENE SOSTANZE, ANTIOSSIDANTI,  CHE CI MANTENGONO GIOVANI

75.000 tazze di tè vengono bevute ogni giorno nel mondo

AKBAR – proveniente dallo Sri Lanka: tè nero, verde, alla frutta, infusi, pregiate miscele speciali aromatizzate e selezioni speciali.

Qualità certificata 

Dalle foglie più pregiate e appena spuntate

Questo che vi presentiamo è la Rolls Royce dei tè

Non tutti i tè sono eguali, a volte il tè non piace perché si sono fatte pessime esperienze con qualità assolutamente scadenti; provate per credere.

Non fidatevi di vari marchi sconosciuti che vi propongono come tè speciali, spesso, basandosi sulla vostra scarsa conoscenza del prodotto, rischiate di pagare per eccellente un prodotto che è solo ben confenzionato.

Tutte le informazioni al link: http://www.akbarceylontea.it

Il tè è una bevanda eccellente per la salute, lo riconoscono secoli di esperienze e medicine millenarie.