Archivi categoria: cibi sani

Salute – Aglio Nero – Buonissimo e fa bene … niente alito cattivo

L’aglio fa bene, ma puzza …

L’aglio nero non ha questo difetto e fa bene e gualmente.

Aglio nero: rimedio naturale per migliorare le difese e combattere virus e batteri.

Combatte i radicali liberi …

E’ anche considerato un alleato nelle diete e ottimo integratore.

La moda del momento lo chiama: superalimento (sicuramente è salutare, ma non è una scoperta di oggi).

QUALI SONO LE PROPRIETA’ DELL’ AGLIO NERO ?

Ha proprietà antibiotiche, diuretiche, antiossidanti e digestive.

I benefici dell’aglio nero sono 10 volte superiori a quelli dell’aglio fresco.

E’ un alleato per la salute cardiaca e circolatoria; ha  effetti antiossidanti ed antipertensivi.

Fluidifica il sangue, riduce la formazione di placche e il rischio di soffrire di trombosi.

Per l’elevato contenuto di potassio, l’aglio nero è indicato a chi soffre di RITENZIONE IDRICA, edemi o problemi renali.

Aiuta a curare anche: dermatite, acne, psoriasi o rosacea.

I suoi composti solforati (tiosulfinati)  favoriscono la formazione di collagene; che migliora non solo la pelle, ma è indicato anche per i pazienti affetti da artrite e dolori muscolari.

Ottimo in caso di asma o allergia,  per ridurre i sintomi del raffreddore, della faringite e della laringite

Secondo alcuni: serve anche a calmare l’ansia, combattere l’insonnia, ridurre l’irritabilità e il cattivo umore.

COSA CONTIENE L’AGLIO NERO?

-zolfo, acido linoleico e polifenoli,  18 dei 20 amminoacidi essenziali,

L’aglio nero è molto diffuso in Asia, in particolare in Giappone; dove è usato come condimento.

I fanatici lo mangiano a digiuno, ma lo si può includere anche in molte ricette.

L’aglio nero ha proprietà energizzanti, ma bisogna evitarne il consumo prima di andare a letto; potrebbe rendere diffcile l’addormentarsi, come un caffé.

SAPORE:  leggermente dolciastro, ma anche leggermente acidulo.

Gli spicchi di aglio nero hanno una consistenza morbida e cremosa,  ideali per condire, cucinare o da mangiare a digiuno.

COME SI OTTIENE?

-si acquista per circa 15 euro ogni piccola confezione

– cottura o stagionatura per avere un aglio di colore scuro dove la concentrazione di nutrienti è superiore a quello tradizionale (perché ha perso molta acqua).

Diversi i modi di prepararlo:

-13 ore in pentola a pressione a bagno maria (attenzione che l’acqua evapora e va aggiunta), oppure avvolto in carta per alimenti e poi stagnola in modo che non penetri acqua; dovete fare questa cottura a più riprese; meglio in inverno perché potete lasciarlo al freddo tra una cottura e l’altra, ma si ha un buon risultato anche con sole 6 ore di cottura a pressione e vapore

-si lascia in cantina sino a che diventa nero.

-si fanno fermentare le teste d’aglio a determinate temperature (circa 70°) e umidità ( tra l’85 e il 90%) sino a che diventa nero.

COME SI MANGIA L’ AGLIO NERO ?

1 a 3 spicchi d’aglio nero al giorno; dicono a digiuno.

Con una fetta di pane o una fetta biscottata a colazione.

In insalata

Nelle ricette con riso, risotti, pasta …insalate …

Cucinare i fagioli Azuki – benefici e proprietà

Il fagiolo Azuki è un concentrato di proteine vegetali, vitamine (B1, B2, B3), sali minerali:

-ferro, rame, magnesio, manganese, zinco, potassio,
-ricco di fibre solubili, utili per chi soffre di stipsi.

Questo legume contiene pochissimi zuccheri, buono anche per chi deve tener controllato il proprio indice glicemico.

Ricco di ferro, è anche utile per depurare fegato e reni,; pe rie sue sue proprietà diuretiche.

L’alto tasso di isoflavoni, aiuta le difese immunitarie e mantiene di buone condizioni il sistema nervoso.

Questo legume non contiene glutine.

Come cucinare gli Azuki?

Si devono lasciare in acqua fredda e lasciarli per almeno 5 ore, ma se specificato nella ricetta anche 8 ore.

Si scolano e lavano con acqua fredda, poi si lessano o si saltano in padella.

Ottimi come: contorni, zuppe, minestroni, creme o da aggiungere all’insalata.

La famosa marmellata di fagioli Azuki
Gli Azuki sono tra gli alimenti principali della cucina tradizionale giapponese

Questa marmellata dolce serve come ripieno di dessert a base di farina di riso o come salsa sul gelato.

Ingredienti
Una tazza di fagioli azuki secchi
Una tazza di zucchero di canna grezzo (la ricetta originale utilizza zucchero bianco e le dosi erano di una tazza e mezzo)

I fagioli devono essere bolliti con lo zucchero a fuoco lento, fino ad ottenere una consistenza tipica delle nostre confetture di frutta.

C’è birra e birra artigianale – Questa è speciale

L’abbiamo provata ad una manifestazione fieristica e ce ne siamo innamorati … una birra di carattere che ricorda il Vino Cotto e malto tostato; non consigliata a chi ama solo la bionda.

Una sorpresa dalle nostre Marche.

Birra Artigianale Bionda non pastorizzata ad alta fermentazione.

Ingredienti:

Acqua del Monte Nerone, malto di orzo prodotto e maltificato nella regione Marche, Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC, zucchero, luppolo, lievito.

LA SUA CARATTERISTICA E’ LA RIFERMANTAZIONE NATURALE in bottiglia che le dona la sua grande complessità ed armonia.

Fine perlage e schiuma compatta, persistente.

Birra di carattere con sentori di frutta secca, canditi, spezie che ricordano il Vino Cotto e malto tostato.

Alcool

8,00% Vol.

Evoluzione

Birra longeva che può essere apprezzata giovane o affinata entro i 24 mesi dalla produzione.

Birrificazione: prima fermentazione in autoclave per 50 giorni, poi aggiunta di Verdicchio e successiva rifermentazione in bottiglia per 15 giorni.

Consigliata per: carni bianche, salumi e formaggi di media e lunga stagionatura, ma anche pasticceria casereccia della tradizionale marchigiana.

http://shop.moncaro.com/kikkarossa-75.html

MONCARO:

cantina cooperativa produttrice di vini marchigiani: Verdicchio, Rosso Conero, Rosso Piceno, vino biologico delle Marche ecc…

Per Natale anche un vino dolce per cioccolato – dopo pasto – dolci

Lo abbiamo assaggiato con il cioccolato amaro: ottimo !

CHERI

Vino e Visciole

 Vino dolce aromatizzato con visciole (ciliegie selvatiche), bevanda tipica della tradizione marchigiana

Visciole: Prunus cerasus delle province di Ancona e Macerata.

€ 11,75; un buon rapporto qualità/prezzo per un vino dolce fatto con frutti rari.

-Colore rosso scuro con riflessi ambrati

-profumo complesso ed intenso di amarene selvatiche e speze

-dolce ma con una punta di acidità

-retrogusto di mandorla amara.

Servire a 18-20 °C.

Le visciole vengono pigiate e messe a fermentare con lo zucchero per tutta l’estate, in autunno si fa l’aggiunta di mosto-vino di Lacrima e Montepulciano avviando la seconda fermentazione, a fine anno si esegue la svinatura con successiva filtrazione e maturazione in bottiglia in ambiente termocondizionato.

Per acquisti e spedizioni MONCARO:

Telefono: 0731 89245

Fax: 0731 89237

Email: ecommerce@moncaro.com

Indirizzo: Via Piandole, 7/a, Montecarotto (AN)

SITO http://shop.moncaro.com

TERRE CORTESI MONCARO
Moncaro è da sempre caratterizzata per il forte radicamento al territorio della Regione Marche ed al suo ambiente. Si sente espressione della cultura delle Marche e ne rappresenta il cuore. Come altre realtà di questa terra, ha il forte desidero e la voglia di svelarne finalmente le bellezze e la bontà dei suoi prodotti facendo qualità e servizio, con personalità e stile. Parlare la lingua del mondo globale senza paura grazie al fatto di essere indissolubilmente legati alla proprie radici.

Spumante Moncaro brut metodo classico – Lo abbiamo scelto per le feste di Natale e Capodanno

Spumante Moncaro brut metodo classico

Lo abbiamo scelto per le nostre feste, per il suo gusto e per il buon rapporto qualità prezzo

E’ uno spumante che ha vinto 4 Awards.

Gran Curvée metodo classico vino spumante  di qualità.

Perché lo abbiamo scelto:

-l’ottimo rapporto qualità prezzo

-si accompagna bene a molti piatti della cucina raffinata delle feste

-l’importante e morbida struttura, ricca di sapidità, sono ottimi presupposti per gustare questo brut con i piatti più importanti di mare: crostacei, molluschi pregiati, risotti di pesce o di verdure

-la presenza di Vedicchio e Montepulciano, provenienti da microclini favorevoli, garantiscono una sicura possibilità di ulterore invecchiamento; se siete collezionisti, questo spumante è ottimo per farlo maturare ulteriormente, in bottiglia, darà soddisfazioni negli anni futuri.

-giallo paglerino con riflessi ramati

-sentori di pane e frutti rossi

-gusto di grande equilibrio.

Da servire a 10°.

Uve: 80% Verdicchio e 20% Montepulciano.

I vigneti sono nell’area Verdicchio dei Castelli di Jesi e del Rosso Conero.

Vitigno: Verdicchio e Montepulciano vinificato in bianco.

Affinato sui lieviti almeno per tre anni.

Si può sapere di più  e comprare al sito: http://www.moncaro.com/it/vini/20-le-bollicine

AWARDS:

CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES
INTERNATIONAL WINE & SPIRIT COMPETITION LONDON
INTERNATIONAL WINE & SPIRIT COMPETITION LONDON

MONCARO:

Via Piandole, 7/a
60036 Montecarotto (AN)
Tel: 0731 89245
Fax: 0731 89237

Da dove vengono i vini MONCARO?

Le viti nelle Marche

Le coccinelle al posto degli insetticidi

Antiche cantine

 

OCCHI SANI – un libro di ricette dello specialista prof. L. Buratto – prefazione prof. U. Veronesi

Il prof. Lucio Buratto, uno dei massimi esperti mondiali nel settore della chirurgia oftalmica e fondatore del Centro Ambrosiano Oftalmico, ha scritto un libro che raccoglie una preziosa serie di consigli e utili ricette per avere occhi sani per tutta la vita.

La prefazione del libro è scritta da prof. Umberto Veronesi.

 Lucio Buratto, il direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico, ha raccolto alcune gustose ricette salva-vista nel libro Occhio e ricette per la vista. Linee guida per una alimentazione sana e nutriente (FGE Editore).

tra i tanti preziosi consigli vi proponiamo la macedonia di papaya e mango, da consumarsi lontano dai pasti principali, preferibilmente a colazione oppure a merenda.

Dosi per 4 persone:
– 2 manghi ben maturi
– 1 papaya ben matura
– Il succo di mezzo limone

La papaya è ricca di carotenoidi, utili per favorire la funzionalità visiva, ricca di vitamina C, selenio e flavonoidi, tutte sostanze efficaci contro i disturbi della vista.

Il mango contiene alti livelli di vitamina C e di vitamina A, proprio come il limone.

“Occhio e ricette per la vista”, FGE editore; 55 euro.

Burro e speculazioni – Vittima sempre il consumatore

I prezzi dei prodotti lattiero-caseari in Francia sono schizzati al +60% nell’ultimo anno; secondo dati ufficiali.

La “colpa” è della grande moda per croisant e prodotti dolciari nei paesi emergenti; come Cina e sud Est Asiatico.

“ L’aumento è dovuto anche da una generale rivalutazione del burro, a lungo considerato un grasso pericoloso, causa di malattie cardiovascolari,  ma che ora è riconosciuto più salutare rispetto ai grassi che l’avevano sostituito, come per esempio la margarina o l’olio di Palma e altri idrogenati …

Gli speculatori sono entrati anche nel mercato del burro, che funziona come le borse, con le sue bolle”

Luigi Preposti, amministratore delegato Prealpi.

L’origine della carenza di burro è da ricercarsi  nella decisione dell’Unione europea del 2015 di abolire il sistema delle quote latte. Ha poi  fatto seguito l’eccesso di approvvigionamento e il conseguente crollo dei prezzi mondiali.

“Con la globalizzazione si tende a dare spiegazioni assurde, come la siccità in Nuova Zelanda e così via. In realtà anche questo sta diventando un mercato che funziona come le borse, con le sue bolle”, conclude Preposti. “Se fossi un produttore di burro e sapessi che il prezzo continua a salire, e settimana prossima costerà di più, è logico che lo metterei via per un po’…” Lo scrive Euronews.

COME CONSUMATORI: temiamo che questa carenza favorirà la creazione di leggi più “elastiche” che diminuiranno la qualità del burro (permettendo aggiunte di vario genere). E’ già successo per latri prodotti.

Formaggi a latte crudo senza frontiere

DOPO LA FIERA CHEESE

Diciassette testimonianze dai cinque continenti: casari, affinatori, produttori ed esperti hanno preso parte agli Stati Generali, il più importante incontro internazionale sui formaggi a latte crudo.

A partire dagli Stati Uniti. Fino a pochi anni fa i produttori americani dovevano lottare contro una legge che vietava l’utilizzo del latte crudo. Dopo anni di battaglie, anche grazie a Slow Food USA quel divieto è caduto in diversi stati, tra cui il Wisconsin da cui proviene Andy Hatch, produttore del Presidio Slow Food: «Ogni giorno lavoro per offrire sapori più autentici e complessi, ma c’è ancora molto da fare perché i formaggi della mia fattoria siano riconosciuti sul mercato».

In Australia la battaglia è ancora più difficile. Nel Paese di Kris Lyiod fino al 2013 la produzione di formaggi a latte crudo era vietata. Da allora qualcosa si è mosso, grazie anche al suo impegno. «In Australia dovremmo federarci per avere più forza e proporre i nostri prodotti».

Dal Sudafrica arriva l’esperienza di Brian Dick formaggiaio e referente di Slow Food Raw Milk Cheese. «In Sudafrica abbiamo una decina di produttori che usano latte crudo» racconta, «ma i problemi in questo momento sono ben altri. A causa del cambiamento climatico e della siccità uno dei nostri produttori recentemente ha interrotto l’attività».

E mentre la giornalista e attivista brasiliana Débora de Carvalho Pereira realizza una Guia de cura de queijos e lotta al fianco dei 258 produttori di formaggio a latte crudo del suo Paese, da Cuba Kent Ruiz ha iniziato da poco un percorso di sensibilizzazione e informazione per sostenere la produzione di formaggi a latte crudo.

Non solo produttori e consumatori. Fondamentale il contributo degli esperti.

Aldo Grasselli, presidente dell’associazione italiana veterinari, invita i produttori di formaggio a latte crudo a costituire dei comitati scientifici indipendenti in grado di supportare con tesi e ricerche la salubrità e la sicurezza dei propri prodotti. E aggiunge: «Il latte crudo è stato demonizzatoper la pericolosità di alcuni batteri, tra cui l’Escherichia coli. Eppure quel batterio forse è maggiormente connesso alla carne degli hamburger fatti con la carne di vacche portate allo stremo macellata industrialmente».

«Il tempo è maturo per formare un’internazionale dei formaggi a latte crudo, per creare una rete in grado di mobilitarsi per condividere battaglie, problemi e soluzioni, di esercitare una pressione internazionale. Occorre ricordare, però, che accanto al latte crudo l’altro grande tema di Cheese 2017 sono i fermenti industriali. I formaggi naturali, liberi da fermenti selezionati, sono un qualcosa in più rispetto al latte crudo. A tendere, l’internazionale del latte crudo deve diventare l’internazionale dei “formaggi naturali”». Così Piero Sardo, presidente della Fondazione per la Biodiversità, tira le somme del pomeriggio di lavori che ha inaugurato l’undicesima edizione dell’evento.

Per Paolo Ciapparelli, del Presidio Slow Food dello Storico Ribelle, il latte crudo è una filosofia di vita: «Forse perderemo la nostra battaglia perché siamo troppo piccoli. Facciamo un formaggio caro perché è senza fermenti e prodotto da vacche alimentate solo a erba, senza mangimi».

Come lui Bronwen Percival, in rappresentanza di uno dei più importanti affinatori del pianeta, Neal’s Yard Dairy, che pone l’accento sulla biodiversità microbica come elemento cardine del formaggio e della sua territorialità. E che lancia un’iniziativa bellissima: «Neals’ yard, in questi giorni, venderà a Londra solo formaggi a latte crudo per promuovere la filosofia di Cheese».

Infine gli strumenti pratici. Carlos Yescas, messicano e referente della Oldways Cheese Coalition, lancia un sondaggio a livello planetario per conoscere chi fa latte crudo (il sondaggio si trova su www.oldwayscheese.org/bra); l’organizzazione europea FACE network, che raccoglie sotto il suo ombrello numerose associazioni che lottano per il riconoscimento del latte crudo e pubblica un manuale di buone pratiche, in collaborazione con la Commissione europea, per sapersi orientare tra le norme igieniche in piena legalità.

Peter Thomas dall’Irlanda, Guvener Isik dalla Turchia, Maria Procopio dall’Italia e Jean Bernard Maitia dai Paesi Baschi chiudono il cerchio delle testimonianze, sottolineando come la questione del latte crudo sia essenzialmente politica e la necessità di un coordinamento internazionale che abbia, appunto, più forza politica.

 

MANGIARE SOIA ? Natto:  cibo giapponese molto sano

SOIA E’ SANA O SOLO MODA ?

Ricordiamo che la soia non sempre è raccomandabile, anche perché è uno dei più forti allergizzanti (può causare allergie), ma la fermentazione ne riduce i rischi.

Quindi  meglio utilizzare con più frequenza i prodotti fermantati; perché fanno bene alla vostra  salute.

Se siete giovani mamme, soprattutto se vegetariane o vegane, ricordate che  dovete fare estrema attenzione con i cibi a base di soia; anche se li usate anche solo per voi, e sono OGM, li trasmettete a vostro figlio attraverso la placenta, prima, e con il latte dopo. 

Dobbiamo sempre ricordare che la  soia è ricca di fitoestrogeni, come gli isoflavonoidi, che possono causare nocivi effetti effeminanti, ma anche aiutare la donna nelle crisi della menopausa.

Natto:  cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da alcuni batteri. Dal sapore caratteristico e pungente; tanto amato dai giapponesi quanto insolito e sgradito a molti occidentali. Ma basta la solita regola, assaggiarlo per una quantità minima per 10 volte, in tempi dilatati, e il vostro palato lo accettarà.

Prodotti di soia fermentata che fanno bene alla salute:

• Natto: tipico cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da certi batteri.
• Miso: pasta di soia, preparato con riso o orzo e soia e lasciato fermentare per parecchi mesi.
• Tempeh: ottenuto dalla fermentazione dei semi di soia.

Il tamari (che si ottiene dalla soia fermentata) è molto valido per l’elevatissimo contenuto di antiossidanti e per le sue proprietà digestive. Fate attenzione al fatto che sia vero tamari e non salsa di soia che potrebbe contenere il glutammato; anche cancerogeno.

Il natto è  ricco di vit B, C e K2 quest’ultima; eccezionale vitamina, molto simile alla Vit D;  migliora la densità ossea e riduce il rischio di attacchi cardiaci e di cancro.

Il Natto è forse il cibo con la maggiore concentrazione di vit K2.

Miso e tempeh non contengono la vit K2, ma sono eccellenti fonti di probiotici naturali, promotori di buona salute.

Non dimentichiamo che la maggior parte della soia (coltivata in USA) è OGM e  irrirata di Rundup;  tremendo erbicida della Monsanto.

Quindi, anche se abbiamo solo il dubbio,  NON usiamo soia OGM.

COME SI MANGIA E CUCINA IL NATTO ?

Il nattō può essere mangiato da solo, con pochissima senape e salsa di soia, già presenti nelle confezioni che si acquistano al supermercato.

Lo si deve mescolaro con le bacchette velocemente sino ad ottenere una consistenza cremosa e compatta e poi lo si mangia così o lo si mescola ad una ciotola di riso; è’ possibile aggiungere  anche un uovo crudo, di solito si usano quelli di quaglia.

Utilizzato anche nelle omlette ripiene  o nell’impasto di uovo per una frittata.
In alcuni ristoranti è facile trovare anche dei maki preparati con il Nattò.

Nella colazione tipica giapponese è servito da solo o con il riso, così si ottiene un buon apporto proteico, con vitamine (B, C, K), calcio e tante altre sostanze nutritive.

 

Fonte:
http://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2010/10/13/soy-controversy-and-health-effects.aspx

Salute – Frutti di bosco – Una ciotola al giorno toglie il medico di torno

 200 mg di vitamoina C ; il quintuplo delle arance …

Il ribes rosso è il più dotato di vitamine; quello nero abbonda particolarmente di vitamina C.

100 g di bacche in genere contengono  200 mg di vitamoina C , il quintuplo delle arance.

Ancora più importante:

  • questi frutti contengono elevate quantità di sostanze antiossidanti, i polifenoli, in grado di proteggere l’organismo dalle infiammazioni e dai danni prodotti dai radicali liberi.

I piccoli frutti di bosco hanno pochissime calorie (al massimo 30 per 100 g) quindi ci aiutano anche a mantenere al linea.

Ottimi anche in forma di succo; anche frullati con altra frutta.

Il mirtillo (sia rosso sia nero) è impiegato per combattere le infezioni urinarie, secondo una ricerca presentata di recente al Meeting of the American Society for Microbiology, pare possa essere utilizzato anche per combattere i virus gastrointestinali.