Archivi categoria: + BELLE E SANE

bellezza, preservare la bellezza, belle a ogni età, come mantenetesi belle? come mantenersi sempre giovani?

OBESI troppi nel Mediterraneo culla della famosa dieta mediterranea …

“Il Mediterraneo, culla della Dieta più salutistica, è sempre più obeso”

Il professore dell’Università di Siena Angelo Riccaboni, presidente della Fondazione Prima, ha presentato in apertura di “Siena Food Innovation” i risultati dell’SDG Index Report 2017 di UN SDSN con riferimento al Mediterraneo

Quello che qualche decennio fa sarebbe stato considerato un paradosso, oggi è diventato realtà.

Le popolazioni del Mediterraneo, ovvero dell’area unanimemente considerata la culla del più sano regime dietetico possibile, la dieta conosciuta in tutto il mondo proprio come ‘Mediterranea’,  sono caratterizzate, purtroppo, dalla forte presenza di adulti sovrappeso e obesi.

Fra il 20 e il 30 per cento dei cittadini dell’area, infatti, si trova in tale condizione (l’Italia è al quinto posto nel bacino con il 21%).

Va sottolineato che tale condizione convive, nei paesi della costa sud ed est, con il 5% di sottonutriti, in linea con quella coesistenza di obesità e sottonutrizione sempre più spesso rilevabile nei Paesi meno sviluppati.

Dallo studio, di cui più sotto, emerge, innanzitutto, come, in generale, i Paesi dell’Europa mediterranea presentino una situazione sensibilmente peggiore in termini di sostenibilità ambientale, economica e sociale rispetto ai Paesi del Nord Europa, che peraltro riportano i migliori risultati a livello mondiale (con 8 Paesi ai primi 8 posti).

PRIMA è un programma euro-mediterraneo di ricerca e innovazione sui temi delle risorse idriche e dei sistemi agro-alimentari che nei prossimi dieci anni prevede l‘investimento di 500 milioni di euro.

I dati della ricerca SDSN evidenziano che i Paesi dell’area condividono situazioni assai simili in termini di carenza di acqua, aumento delle zone aride e desertiche, perdita di biodiversità, ricorso a pratiche agricole non sostenibili dal punto di vista ambientale, sfruttamento del suolo, diffusione dell’obesità e (con pochissime eccezioni) insufficienti investimenti in ricerca e sviluppo.

I dati relativi all’inquinamento da pesticidi, allo spreco di cibo e alla diffusione dell’obesità, specialmente presso le fasce marginali della popolazione (per la prima volta il numero degli obesi nel mondo supera quello di chi soffre la fame), dimostrano, dunque, che occorre fare molto di più di quello che si sta facendo adesso.

Piuttosto che produrre in maggior quantità, la risposta più efficace per molte delle questioni che assillano le nostre società è, dunque, quella di mangiare meglio, e in tal modo influenzare in senso sostenibile le scelte dei produttori.

Tra le risorse messe a disposizione per l’attuazione del programma, 220 milioni arriveranno dalla Commissione europea nell’ambito del programma quadro per la ricerca Horizon 2020, 300 milioni dai 19 Paesi partecipanti, che attualmente sono 11 Paesi dell’Unione europea (Cipro, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia e Spagna) e 8 Paesi non Ue (Algeria, Egitto, Giordania, Israele, Libano, Marocco, Tunisia, Turchia).

L’ex rettore e attuale docente dell’Università di Siena Angelo Riccaboni da pochi mesi è stato nominato presidente della Fondazione, con sede a Barcellona, incaricata di attuare PRIMA (Partnership on Research and Innovation in the Mediterranean Area). “L’indagine – spiega il professor Riccaboni – pone particolare riguardo ai sistemi agro-alimentari, nella consapevolezza della loro centralità  ai fini della promozione di condizioni ambientali, sociali ed economiche migliori, in ragione delle loro conseguenze sull’ambiente e sulla salute dei singoli e delle comunità nonché dell’ampia occupazione che inducono”.

“Gli indicatori relativi ai Paesi del Mediterraneo – puntualizza Riccaboni – evidenziano che le nostre società hanno bisogno non tanto di maggiori produzioni, anche se il tema non va trascurato, quanto di sistemi alimentari in grado di produrre cibo di qualità, nutriente e sicuro, utilizzando meglio le scarse risorse naturali disponibili, suolo e acqua prima di tutto”.

 “A tal fine  – spiega sempre il professore – due fattori si rivelano indispensabili: la concreta applicazione di innovazioni tecnologiche, organizzative e sociali in grado di indurre pratiche agricole e produttive più sostenibili, in termini di utilizzo delle risorse naturali e di efficiente uso dell’acqua, e l’adozione, da parte dei consumatori, di scelte dietetiche sostenibili, anche sulla base di idonee politiche educative. La ricerca scientifica dimostra con chiarezza, infatti, che un’agricoltura più sostenibile e scelte alimentari corrette portano impatti positivi sull’ambiente, la salute, la società e l’economia”.

“Nel corso del Festival – conclude Angelo Riccaboni – saranno presentate soluzioni concrete a tali questioni, nella consapevolezza che la ricerca e l’innovazione, sempre più globali, sono in grado di fornire risposte alle questioni delle nostre comunità e società. Su questi stessi temi verranno lanciati, a partire dalla primavera 2018, i bandi della Fondazione PRIMA”.

per Ethis srl, comunicazione Siena Food Innovation 2017

SALUTE – 10.000 decessi all’anno per Diesel – Senza Diesel … 2/3 dei morti in meno

Senza Diesel i morti per le conseguenze del suo uso diminuirebbero moltissimo !!! Esattamente i 2/3

L’Italia è prima per inquinamento !!!

10.000 morti in Europa per le auto Diesel

In ITALIA,  SOLO le emissioni dei veicoli diesel, non dichiarate dalle case automobilistiche per dimostrare che gli autoveicoli erano a norma (quando NON era vero), causano 1250 morti all’anno

Secondo uno studio norvegese, l’ ITALIA è il Paese più colpito d’Europa: secondo lo Istituto meteorologico norvegese e l’istituto internazionale Iiasa, studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters.

LE VITTIME DELLA GUERRA DELL’INQUINAMENTO DELLE NOSTRE CITTA’ PER IL TRAFFICO

In Italia, in un anno, muoiono per inquinamento dell’aria 87.ooo persone.

L’Italia è il Paese con il più alto numero di morti premature riconducibili alle polveri sottili generate dai veicoli diesel: 2810 all’anno.

Di cui, 1250 sono strettamente legate al surplus di emissioni rispetto a quanto certificato dalle case automobilistiche nei test di laboratorio. Seguono la Germania, con 960 decessi annui correlati agli ossidi di azoto in eccesso, e la Francia con 680.

” … La situazione molto negativa dell’inquinamento è riscontrata soprattutto nel Nord Italia, tanto densamente popolato”, dice l’autore della ricerca, Jan Eiof Jonson dell’Istituto norvegese di meteorologia.

In cinque anni e mezzo ( periodo della seconda guerra mondiale) sono 478.000 morti per INQUINANTI DA DIESEL 

Una guerra vigliacca, perchè colpisce più i bambini che gli adulti.

Nella seconda guerra mondiale in Italia, in cinque anni e mezzo, sono morti  444.000 persone.

 

VEDI PRECISAZIONI SUGLI  EFFETTI DEL TRAFFICO SULLA SALUTE AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=47934

Diesel addio

il viale del tramonto

Tra 14 anni la quota del gasolio sarà quasi nulla (9%).

Le case europee si preparano a lasciare i motori a gasolio.

DRASTICI PROVVEDIMENTI CONTRO IL DIESEL IN EUROPA A PARTIRE DAL 2020 – 2025

L’auto elettrica, entro la fine del decennio ridurrà drasticamente l’uso si motori diesel (prima per le city car poi per tutti i modelli).

Parigi vuole bloccare i Diesel  a partire dal 2020;  Londra prevede una tassa giornaliera di 20 sterline.

L’Olanda sta per vietarne la vendita a partire dal 2025.

La Norvegia,  è già leader del mercato delle auto elettriche con il 24 per cento di quota (l’Italia è allo 0,1 per cento) e vuoe anullare i Diesel entro il 2050.

La Germania intende chiudere il mercato delle auto diesel e a benzina a partire dal 2030 per passare all’ auto elettrica.

 

PURE BARRE – Novità per la vostra forma

NOVITA’ DAGLI STATI UNITI

Un corpo trasformato e una testa libera in un’ora

Utilizzando la barra di balletto per eseguire piccoli movimenti isometrici impostati su una musica fantastica, Pure Barre è un allenamento totale che tonifica i muscoli e brucia i grassi in un tempo record.

Per essere sempre in forma

La barra è la nostra guida.

Più cardio.

Più sudore.

Per trasformare il corpo e la mente.

Pure Barre è il modo più veloce, più efficace, ma sicuro per cambiare il tuo corpo

In soli 55 minuti si otterrà un allenamento per tutto il corpo; concentrandosi sulle aree che le donne considerano più problematiche: fianchi, cosce, natiche, addominali e braccia.

La tecnica Pure Barre è a basso impatto, le articolazioni sono protette, evitando qualsiasi rimbalzo o salto.

Ogni sezione di forza è seguita da una sezione di stretching per creare muscoli lunghi e magri senza massa.

La concentrazione che richiede Pure Barre, consente di bloccare la “vita” per l’ora di lavoro, creando così i benefici mentali conseguentemente ottenuti dalla pratica dello yoga o della meditazione.

Un corpo trasformato e una testa libera in un’ora, non vi è molto migliore di questo per ottenerli.

Tutto si svolge sedute alzando le braccia verso una barra ed eseguendo gli esercizi che suggerisce l’insegnate, ma le più giovani praticano pure barre per strada, attaccandosi con le braccia a qualunque sicura sporgenza. e poi continuando nella corsa quotidiana.

Quanto presto vedrò i risultati?

Puoi vedere i risultati in soli 10 classi!

Per ottenere risultati ottimali, le lezioni devono essere seguite almeno 3-4 volte a settimana.

I risultati effettivi varieranno, tutto dipende da quanto spesso lavori e da quello che stai mangiando!

TERME & BENESSERE a Milano – 20-22 settembre 2017

“BENESSERE”: UNA “BABELE” CHE VUOLE CHIAREZZA!

Se ne parla ad HUB TURISMO – TERME & BENESSERE
20-22 settembre 2017 Centro Congressi -Palazzo delle Stelline

In un contesto di domanda sempre più diffuso ed articolato, l’offerta di servizi “benessere” rischia di diventare solo un pretesto per attirare una nuova clientela e senza le conoscenze le professionalità idonee inevitabilmente tradisce le aspettative dell’utente finale.

Si capisce quindi che senza un’adeguata informazione e soprattutto senza una catalogazione delle singole realtà diventa difficile districarsi fra day spa, olistic spa, beauty farm, terme e affini.

Se si pensa poi che l’attuale denominazione di « centri benessere » oggi si applica a qualsivoglia attivita`di cura estetica del corpo e riguarda un’eterogenea platea di imprese, dai centri estetici alle palestre, comprendendo anche spazi che offrono trattamenti di medicina naturale, dai poliambulatori che comprendono tra i propri servizi anche il trattamento estetico, ai centri fitness e wellness a quelli che propongono terapie eseguite con apparecchi elettromedicali, fino ai centri di abbronzatura, si capisce come la babele dell’offerta possa generare confusione quando non addirittura essere causa di insoddisfazione.

Il cliente che sceglie di dedicare il suo tempo genericamente ad una vacanza benessere in realtà si trova di fronte ad una molteplice scelta di luoghi e trattamenti che spesso nemmeno conosce. Ciò dipende in buona parte dall’uso inflazionato e a volte improprio del termine “benessere”e “termale” nel contempo da una carente cultura in materia che non ha consentito una esatta determinazione delle attività riconducibili al “comparto benessere”.

Occorre fare chiarezza sull’intero comparto e soprattutto interrogarsi sulla legittimità nell’uso di una terminologia in alcuni casi desueta sia per gli operatori del settore, sia volta verso l’utente finale. L’obiettivo è ripensare alla terminologia:  Terme, Spa e centri benessere – analizzare il significato che queste definizioni hanno oggi nella percezione comune ed interrogarsi sull’impatto che esse hanno sull’utente finale.

Nasce con questi obbiettivi di fare chiarezza questo evento interamente dedicato al Turismo del benessere: l’appuntamento è fissato dal 20 al 22 settembre 2017 al Palazzo delle Stelline di Milano. Si tratta di una tre giorni focalizzata su un mercato che merita attenzione per i numeri che registra sia nel contesto europeo sia in quello italiano. L’evento con il patrocinio di Federterme, dell’Ancot (Associazione dei Comuni Temali), dell’ European Historic Thermal Town Association, di Luiss Business School, si svilupperà fra incontri e conferenze che vedranno protagonisti i principali gruppi termali italiani ed esteri, gli hotel con spa, i Wellness Resort e i diversi attori del “Turismo del benessere”.
La manifestazione sarà articolata in grandi aree tematiche: un’area espositiva dedicata all’eccellenza delle destinazioni termali e turistiche, sale conferenze per business meeting a disposizione degli espositori, workshop e corsi di aggiornamento rivolti a spa manager e all’industria del “benessere”, laboratori tematici rivolti agli ambiti specifici della comunicazione e al marketing di Terme e Spa.
Nell’ambito della manifestazione si svolgerà la BTTB – Borsa del Turismo Terme & Benessere,  che rappresenta l’appuntamento promo commerciale più atteso dagli operatori turistici italiani ed esteri che vi parteciperanno. “Stiamo registrando interesse ed adesioni da diverse Regioni italiane, ma anche, da Slovenia, Austria, Germania, Malta, Russia, Francia. La manifestazione Hub Turismo Terme & Benessere, vuole essere un momento d’incontro rivolto ad un confronto fra l’offerta termale e “wellness” a livello europeo, per far conoscere l’eccellenza del prodotto termale e turistico al pubblico dei curiosi e dei professional” Nicola Ucci, organizzatore dell’evento.
La sede è quella prestigiosa e centrale, nel cuore di Milano, Il Centro Congressi Palazzo delle Stelline

http://www.stelline.it/it/centro-congressi/home/centro-congressi.html

PATROCINI
FEDERTERME, E.H.T.T.A-ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE CITTA’ STORICHE TERMALI, GIST – GRUPPO ITALIANO STAMPA TURISTICA, LUISS BUSINESS SCHOOL, ANCOT-ASSOCIAZIONE DEI COMUNI TERMALI
PARTNER e SPONSOR
QC TERME, ENTE DEL TURISMO SLOVENO, KRKA TERME (SLO), SPA INDUSTRY
MEDIA PARTNER
IL GIORNALE,  YOGA JOURNAL , BIMBOINVIAGGIO, TURISMODELBENESSERE, AGENDAVIAGGI, EDIMAN

CONCEPT e ART DIRECTOR SPA FORUM – Cinzia Galletto
ORGANIZZAZIONE PARTE ESPOSITIVA e BTTB – RETESYSTEM

IL LATTE COSTA POCO – ALLORA SI DICE CHE FACCIA MALE…. !

Tutti “intolleranti” al latte ?

… FANNO BENE SOLO I LATTI CHE SI PRESENTANO COME CARISSIMI SUL MERCATO.

A me viene un sospetto…

Non dimentichiamo che

IL LATTE SI SOIA e’ in gran parte  DI ORIGINE OGM, QUINDI LA GIUSTIFICAZIONE SALUTISTA NON HA ALCUN FONDAMENTO.

 -L’INTOLLERANZA AL LATTOSIO DERIVA QUASI SEMPRE DALLA PERDITA DELL’ENZIMA DELLA LATTASI: una volta si risolveva semplicemente

– bevendo del tè a cui si aggiungeva, gradualmente giorno dopo giorno, un cucchiaio e poi 2 e poi 3 di latte ecc…per riformare questo enzima nell’intestino.

-Ma oggi la soluzione è solo nel latte speciale, perché? Non si tratta forse di favorire precisi interessi economici?

-NON DIMENTICHIAMO CHE IL LATTE VERO CONTIENE ANCHE

FITOESTROGENI PREZIOSI PER LE DONNE IN MENOPAUSA e per gli uomini (per la prevenzione del cancro al seno e del tumore alla prostata), OLTRE AL CALCIO CHE DEVE ESSERE INGERITO DURANTE TUTTA AL VITA

– contiene calcio e fa bene per prevenire l’OSTEOPOROSI (false le affermazioni contrarie; servono solo a promuovere prodotti molto più costosi). 

L’acquirente non sempre si  accorge che spendere anche 4 euro per un litro di latte “speciale”, mentre quello normale viene pagato pochi centesimi al produttore, e questo corrisponde ad una truffa.

Eppure il consumo di latti “speciali” è aumentato in modo esponenziale.

Ci aggiungono poche vitamine, che possiamo assumere con il consumo di una buona banana e/o altra frutta, e il costo va alle stelle.

Oramai quasi tutti siamo convinti di essere “intolleranti” al latte.

La parola “intollerante” è ormai abusata.

A proposito vedi al link: https://www.donnecultura.eu/?cat=34

Latte di  riso, soia e mandorle; ormai appaiono su tutti i banchi dei supermercati arricchiti spesso di zuccheri inutili che danno calorie inutili e poveri dei principi alimentari del latte vero, sostituiti da vitamine aggiunte a prezzo elevato.

Ormai beviamo solo il latte magro o semigrasso e poi ci abbuffiamo di gelati, biscotti, pizze e lasagne preparate industrialmente e dolci che ci danno ben più grassi e zuccheri pericolosi del latte normale…

Negli ultimi mesi la vendita di latte di mucca fresco è calata oltre il 6%.

Mentre i latti di soia, e compagni, sono aumentati del 13,8 %…!

I maniaci della salute ormai considerano il latte un vero nemico, tanto più quello intero.

Ed ecco yogurt magrissimi e pieni di zuccheri che vengono acquistati da signore in odore di dieta ma , ripetiamo non sono quei pochi grammi di grassi contenuti in un vasetto di yogurt che ci fanno ingrassare o danneggiano la salute, ma la somma di tutto quanto mangiamo mediamente.

Da non dimenticare che nel grasso del latte si trovano anche le vitamine A e B, preziosi alimenti per la nostra salute

-e migliori di qualunque crema per il mantenimento della nostra pelle in buone condizioni.

Per non parlare del calcio, così importante per i bambini e gli adolescenti, ma anche per gli adulti e gli anziani.

Sarebbero 3,5 milioni gli italiani con intolleranze alimentari, 2 milioni quelli con allergie e 6,3 quelli con problemi di digestione.

Prodotti chimici pericolosi – Per moda – cosmetici – detersivi per il corpo e la biancheria

Greenpeace International ha commissionato una nuova inchiesta che approfondisce la ricerca sui prodotti chimici pericolosi utilizzati nella: moda, cosmetici, detresivi per il corpo e la biancheria e altro.

. Dopo il successo della campagna Detox di Greenpeace, sulle sostanze chimiche tossiche e l’inquinamento dell’acqua, l’inchiesta è stata ampliata e comprende 20 marchi di moda globali tra cui Armani, Levi e Zara, e i prodotti chimici più pericolosi.

Risultati :

• NPE ( gli alchilfenoli più usati sono quelli sintetici tipo nonilfenoli etossilati: NPE) sono stati trovati in un totale di 89 articoli (63% di tutti gli articoli testati). I livelli variano da poco superiore a 1 ppm6 fino a 45.000 ppm.7

• Tutti i marchi inclusi in questo studio hanno avuto uno o più prodotti che contenevano livelli rilevabili di NPE.

Sono stati rilevati veleni anche in uno o più prodotti di 13 dei 18 paesi di produzione e anche in prodotti venduti in 25 dei 29 paesi e regioni di vendita.

I livelli più elevati di NPE sono stati trovati in una percentuale più elevata dei campioni rispetto alla precedente inchiesta.

Sono stati registrati livelli di NPE oltre 1.000 ppm In 12 dei campioni, rispetto a due nella precedente investigation8.

•Le concentrazioni più alte – oltre 1000 ppm – erano (Un campione), Mango (tre campioni), Levi’s (due campioni), Calvin Klein (un campione), Zara (un campione), Metersbonwe (due campioni), Jack & Jones (un campione) e Marks & Spencer (un campione).

Gli ftalati sono stati rilevati in tutti i 31 campioni del tessuto stampato plastisol. Sono state riscontrate concentrazioni molto elevate in quattro campioni, a livelli fino al 37,6% in peso, indicando il loro uso deliberato come plastificanti nella stampa plastisol. Di questi quattro capi, due dei prodotti sono stati fabbricati per Tommy Hilfiger (37,6% e 20%), mentre l’altro per Armani (23,3%).

Il quarto campione, contenente lo 0,52%, è stato prodotto per Victoria’s Secret.

Due prodotti fabbricati per il marchio di moda veloce Zara contenevano coloranti azoici che rilasciano amine cancerogene.

Mentre i livelli trovati erano entro i limiti regolatori, qualsiasi rilevazione di una sostanza cancerogena è inaccettabile negli articoli di abbigliamento indossati da persone in tutto il mondo.

• Uno screening chimico ha anche identificato numerosi prodotti chimici industriali o gruppi chimici, cinque dei quali classificati come “tossici” o “molto tossici per la vita acquatica”, anche se le concentrazioni non sono state identificate per i prodotti chimici identificati utilizzando questo test di screening. «Sono stati acquistati in totale 141 articoli di abbigliamento Aprile 2012 in 29 paesi e regioni in tutto il mondo da rivenditori autorizzati

Questi sono stati fabbricati in almeno 18 paesi diversi, soprattutto nel Sud Globale, secondo le etichette dei capi.

Tuttavia, il luogo della produzione non è stato identificato per 25, che è sintomatico di un settore che non è così trasparente sulle sue pratiche di produzione come dovrebbe essere.

Gli indumenti, destinati a uomini, donne e bambini, inclusi jeans, pantaloni, t-shirt, abiti e biancheria intima, sono stati fatti sia da fibre artificiali sia naturali; 31 dei campioni hanno una stampa plastisol, e per questi elementi è stata questa parte del tessuto che è stato testato per ftalati e nonilfenolo etossilati (NPE).

Le sostanze chimiche trovate hanno incluso elevati livelli di ftalati tossici2 in quattro degli indumenti e amine cancerogene dall’uso di certi coloranti azo3 in due indumenti.

NPE sono stati trovati in 89 indumenti (poco più di due terzi di quelli sperimentati), mostrando poca differenza dai risultati dell’indagine precedente sulla presenza di queste sostanze in abbigliamento sportivo condotta nel 2011.4

Inoltre, la presenza di molti altri tipi differenti di sostanze chimiche industriali potenzialmente pericolose è stata scoperta in numerosi I prodotti testati.

Come sostanze intrinsecamente pericolose, l’uso di NP, ftalati o coloranti azoici che possono liberare amine cancerogene è inaccettabile

Trovate tutto questo e molto di più, sul testo originale di Greenpeace:

http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2012/inquinamento/tessuti-tossici-parte2.pdf

MANTENERSI GIOVANI – l’invecchiamento può iniziare con la vostra dieta!

UTILI E PRATICHE INFORMAZIONI PER MANTENERSI IN SALUTE

DALLA TRASMISSIONE DEL FAMOSO DOTT. OZ  (insegna alla Columbia University di New York) STELLA TELEVISIVA AMERICANA . Vedi ulteriori informazioni sul dott. Oz alla fine dell’articolo.

http://www.doctoroz.com

——-

LA VITAMINA D E’ MOLTO IMPORTANTE PER MANTENERE UNO STATO DI BUONA SALUTE

 -La vitamina D si trova in: 

salmone, il tonno e  sgombro,  oli di fegato di pesce, fegato di manzo; formaggio e uova ne contengono solo piccole quantità.

Per produrre  vitamina D al nostro corpo bastano circa 10-15 minuti al giorno di sole. Da ricordare:

le protezioni solari impediscono al corpo di produrre  vitamina D.

—In estate è saggio e salutare prendere il sole solo nelle ore precedenti le 11.00 del mattino e  dopo le 17.00 del pomeriggio.

Quale azione svolge la vitamina D?

-Sembra che la vitamina D abbia il potere di controllare i geni che ostacolano la proliferazione cellulare;

quando una cellula viene colpita dal cancro, la vitamina D agisce come segue:
1- stimola l’apoptosi( suicidio) delle cellule tumorali
2- previene l’angiogenesi, ovvero la proliferazione di nuovi vasi sanguigni, indispensabili per la crescita tumorale
3- si unisce ad un enzima( glucosio-6-fosfato-deidrogenasi, detto G6PD) che disattiva i radicali liberi in eccesso (non dimentichiamo che sono i radicali liberi la principale causa della proliferazione tumorale).
Cedric Garland, specialista in prevenzione tumorale a San Diego, sostiene che: ” Aumentando l’apporto di vitamina D, specialmente in quei paesi che sono a nord dell’Equatore, sarebbe possibile

prevenire ben 250.000 casi di cancro al colon retto e ben

350.000 casi di cancro al seno“.

Tutto questo non vuole dire che dobbiamo ingerire pastiglie di vitamina D per avere la certezza di non sviluppare un certo tipo di cancro, anzi

-e’ stato dimostrato che un eccesso di vitamine non solubili, come la vitamina C, possa addirittura causare il cancro.

-Pertanto è meglio lasciare che il nostro corpo produca da solo la vitamina D che gli necessita, esponendoci al sole con prudenza e mangiando cibi che contengono la vitamina D.

Secondo certi studi, pare che una carenza di vitamina D possa essere legata alla comparsa di demenza e di Alzheimer in particolare.

Secondo altri studi, è emersa l’ipotesi che la vitamina D sia in grado di modulare il sistema immunitario.

—-

Il dott.OZ è diventato famoso in tutto il mondo per avere introdotto l’uso dei chetoni; per aiutare i pazienti a dimagrire.

ll chetone è un nuovo ed efficace brucia grasso naturale chiamato anche chetone del lampone (Raspberry Ketone).

Questa sostanza naturale, con un forte potere brucia grasso, la si trova nei lamponi rossi.

-Secondo il dott.OZ il l chetone del lampone è  “il più efficace brucia grasso naturale attualmente esistente”.

-I chetonidei lamponi rossi non hanno effetti collaterali,

-aiutano il corpo a bruciare il grasso dividendo le cellule di grasso in modo da ottenere il risultato più velocemente e facilmente.

-Da 1 chilo di lamponi rossi si ricavano solo 1,4 milligrammi di chetone, quindi

– si dovrebbero mangiare oltre 40 chili di lamponi rossi al giorno, il che è impossibile.

Per la fortuna di chi vuole dimagrire e quella economica del dott. OZ, 2 capsule di chetinoidei al giorno, seguendo le solite regole di vita sana

camminare e mangiare normalmente, senza esagerare,  aiuta a dimagrire più velocemente del normale.

-La risposta è individuale, alcune persone  vedono i risultati immediatamente, altre dopo 5-6 giorni, comunque ci si sente subito più sgonfi e leggeri!

MANGIAMO PEPERONCINO PER LA SALUTE E PER DIMAGRIRE.

A colazione mangiate del peperoncino. Quella che può sembrare una stranezza ha una sua spiegazione; il peperoncino contiene capsicina, una sostanza in grado di controllare i segnali sul bisogno di mangiare che lo stomaco manda al cervello; controllando questi impulsi con il peperoncino (ma anche il peperone normale  ne contiene una piccola quantità) si riuscirebbe a limitare l’appetito durante la giornata.

—-

ATTENZIONE AI MEDICINALI CHE INGERIAMO.

Sempre il dott.Oz ci suggerisce quanto segue.

 IL PARACETAMOLO DANNEGGIA IL FEGATO, la dose max accettata dal nostro corpo è di 3.000 milligrammi al giorno; circa 6 pastiglie. Papa o aceta sono abbreviiazioni di questo farmaco che potete trovare leggendo gli ingredienti di molte medicine (attenzione nessuno è abituato a calcolare la somma di quanto paracetamolo si ingoia in un giorno, ma è molto utile imparare a farlo, (soprattutto se siamo tra quelle persone che prendono farmaci con una certa frequenza).

Attenzione, perché il paracetamolo è contenuto in molti farmaci per la cura del  raffreddore e schioppi per la tosse.

-Negli USA sono stati trovati ben 600 farmaci che contengano paracetamolo.

Se si prendono con leggerezza numerose pastiglie per mal di testa insieme ad altre cure per raffreddore e tosse è facile arrivare all’avvelenamento.

Danni epatici da eccesso di paracetamolo: urina scura, impurità della pelle, pelle giallastra ecc…

Per curare il mal di testa sarebbe consigliabile iniziare provando con 400 milligrammi di magnesio; si porrebbe, forse, così evitare di ingerire paracetamolo per tutta la vita.

 ANTIDOLORIFICI E MAL DI SCHIENA

Iburoprofene ?

La pressione alta è un sintomo di abuso di questo farmaco.

Iburoprofene = emmorregia ?

-Attenzione a stomaco e reni, favorisce i coaguli di sangue ecc…Mai consumarne più di 1.800 mill che sono 6 pillole al giorno; mai per più di 6 gg consecutivi.

Meglio non più di 3 gg alla settimana.

Per curare il dolore è meglio utilizzare i cerotti termici, che sono una valida alternativa all’ingestione di sostanze che, comunque, fanno anche male allo stomaco.

—-

ASPIRINA

Conosciuta sin dal Medioevo.

Ma già Ippocrate capì che macinando le foglie del salice si otteneva una sostanza capace di curare molte malattie.

L’Aspirina è composta da acido acetil salicilico; oggi prodotto da banco in farmacia.

Tutto ruota intorno all’infiammazione; ovvero alla produzione in eccesso di acido da parte del nostro corpo.

Non per niente filosofia e la medicina cinese, parlano di equilibrio tra ying e yang; ovvero tra acido e basico.

L’equilibrio corrisponde allo stato ideale di salute fisica ed equilibrio mentale.

Il corpo produce infiammazione e questa produzione aumenta in varie situazioni: di eccessivo stress, di cattiva o eccessiva alimentazione con abbondanza di alcolici o cibi acidi, ovvero che contengono molto sale, conservanti ecc…sicuramente tutti i cibi pronti contengono un notevole quantitativo di sostanze acide; fosse solo per motivi di conservazione.

Da evitare tutte le conserve sotto aceto, che in realtà è sempre e solo acido acetico, come pure un eccesso di consumo di salumi e vino (che contiene solfiti, innocui in piccole quantità, velenosi in alte).

Ricordiamo che con più il vino è scadente con più solfiti contiene.

La verdura e la frutta (non conservate e senza additivi chimici; o almeno ben lavate con immersione in acqua e bicarbonato) aiutano a riportare il corpo a una situazione basica (ovvero di SALUTE).

Tornando all’aspirina:

-per avere degli effetti  soddisfacenti , ricordiamo che va presa costantemente

Contro  l’infiammazione: da cibo e da ambiente e per prevenire attacchi cardiaci, bastano 325 gr ogni 4 o 6 ore non di più.

In caso di attacco di cuore PUO’ SALVARE LA VITA PRENDERE SUBITO 4 pasticche piccole subito dopo attacco, sotto la lingua.

—-

COLESTEROLO

ZENZERO, MANDORLE, OLIO EXTRA VERGINE, POMODORI, ASPARAGI, AGRUMI… CONTRO IL COLESTEROLO

Lo zenzero abbassa il colesterolo, ma non basta il quantitativo di una tisana … !

Il medesimo effetto si ottiene con anche cibi più economici per il nostro mercato:

-mandorle, agrumi, olio extra vergine di oliva, asparagi, frutti di bosco, tutti i semi come fagioli ecc…, pomodori, avocado, un quadretto al giorno di cioccolato al 70% di cacao.

PROBLEMI DI MEMORIA?

La barbabietola contiene sostanze che possono aiutare la memoria

COME NON AVVELENARE IL NOSTRO CORPO.

Alimenti trasformati e contaminati potrebbero essere intasare le arterie e saturando con ormoni e sostanze chimiche nocive.

L’esperto di nutrizione Tosca Reno, autore di Eat Clean Diet, ha sviluppato queste  regole per aiutare a mangiare pulito e rivitalizzare la vostra salute.

-L’invecchiamento inizia con la vostra dieta!

-Piuttosto che

– spendere cifre inutili di soldi in creme di bellezza e sieri, iniziare a concentrarsi sui cibi che state mettendo nel vostro corpo. 

Queste correzioni semplici possono aiutare a facilitare nel processo di invecchiamento, aiutandovi a sembrare più giovane.

—-

Alcune precisazioni sulla carriera del dott.Oz.

* dottor Oz: medico chirurgo americano di origini turche che, all’interno del suo talk show intitolato “The Dr. Oz Show”, dispensa consigli su come dimagrire.

In America il dottor Oz è diventato famosissimo anche grazie alla sua capacità di parlare di problemi alimentari in modo semplice e coinvolgente, e in Italia è sbarcato su Sky con la rubrica “Chiedilo al Dr. Oz”.

Il dottor Mehmet Oz  è un chirurgo cardiotoracico e professore universitario presso la Columbia University; il  suo successo è da attribuirsi soprattutto ai suoi consigli che spiegano come dimagrire mangiando.

——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

 

INTEGRATORI A BASE DI VITAMINE ? NIENTE ALCOOL CON Il SOLE !

Gli studi pubblicati sul Journal of American Medical Association Pediatrics hanno sollevato il problema di pericolo di sovvradosaggio di vitamine già in età infantile.

193 integratori alimentari a base  di vitamine, secondo lo studio Usa, superano di molto le dosi consigliate dall’Institute of Medicine.

-Infatti un eccesso  vitaminico può essere molto dannoso, soprattutto se si tratta di vitamine liposolubili: A, D, E e K che si accumulano nel fegato.

 -Negli USA quasi la metà degli ultracinquantenni usa integratori a base di vitamine e sali minerali.

Secondo la rivista Lancet, una delle più prestigiose riviste di medicina al mondo, gli integratori con vitamina D non servono a prevenire l’osteoporosi, l’apporto di vitamina D ha senso solo in caso di carenza dichiarata.

Secondo altri studi un eccesso di vitamine non idrosolubili, come la vitamina A, può portare ad un aumento di rischio di contrarre malattie come il cancro. (teniamo presente che negli USA si comincia ad assumere vitamine sin da bambini).

L’ Alzheimer rallenta con la vitamina E

Uno studio pubblicato su Jama, giornale della Medical Association americana, riporta che su 613 pazienti affetti da Alzheimer in modi lieve o moderato, quelli che avevano assunto

-una dose di 2.000 unità internazionali di vitamina E, hanno visto

-ridursi la progressione annuale della malattia del 19%. Secondo i ricercatori questo è dovuto alle proprietà antiossidanti della vitamina E.

La vitamina C è importante.

La vit. C ha un ruolo importante nell’assorbimento del ferro.

La necessità giornaliera è contenuta in

-un’arancia di medie dimensioni, quindi basta un normale consumo di frutta per non necessitare di integratori a base di vitamina C.

Non dimentichiamo la buona abitudine di sostituire il limone (ricchissimo di vitamina C) all’aceto, che quasi sempre è solo acido acetico e non aceto di vero vino!

SOLE E ALCOOL

Attenzione a non bere alcool quando vi esponete al sole !

-Una ricerca guidata dall’Istituto Mario Negri di Milano e pubblicata sul British Journal of Dermatology, l’etanolo contenuto nell’alcool viene convertito in acetaldeide che rende la pelle più vulnerabile alla luce.

Secondo questo studio chi assume

-12 grammi di alcool al giorno, corrispondenti a un bicchiere di vino, aumenta del 20% la possibilità di ammalarsi a causa di un melanoma. 

Salute di figli e nipoti – Prodotti che fanno male alla salute

Gli shampoo che non fanno lacrimare contegono anestetici !!!

Impariamo a consumare e scegliere, eliminando i prodotti che contengono sostanze che fanno male alla salute

MANGIAMO UN CHILO DI ADDITIVI ALL’ANNO …  e poi il cancro è sempre più diffuso e i maschi hanno più problemi di fetilità … il 4% della popolazione soffre di allergie …

I nostri acquisti sono basati su complicati cocktail chimici che ci donano l’effetto desiderato immediatamente … a scapito di un’accumlo di veleni nel corpo.

GREENPEACE HA PUBBLICATO il dossier TOXIC THREADS – The big fashion stritch-up; dove si elencano i prodotti chimici pericolosi rintracciati nei tessuti: ftalati, formaldeide, metalli pesanti, solventi in abbondanza; gli abiti sarebbero rsponsabili dell’8% delle DERMATITI. Vedi al link: http://www.greenpeace.org/sweden/Global/sweden/miljogifter/dokument/2012/Toxic_Threads_The%20Big_Fashion_Stitch_Up.pdf

Sono almeno 360 gli additivi alimentari sconsigliabili … a cui vanno aggiunti gli oltre 3.000 aromi naturali che naturali non lo sono …

La casa è tutta disinfettata … minerali, antibiotici  e plastiche pericolose anche per le capacità di riproduzione passano nel sangue e si accumulano nel corpo … le macchie si sciolgono come per miracolo … tutto luccica … ma i veleni passano nel nostro sangue …  i capelli riflettono la luce come se fossero di seta … alluminio nei deodoranti antitraspiranti … la maglietta costa solo 2 euro, ma …. il gelato resta cremoso e non fa grumi con aggiunta di sostanze che non fanno bene alla salute … le creme solari e molti cosmetici  contengono nanoparticelle sospettate di essere mutagene ( mascono figli deformi); la verità la consceremo tra 10 anni, quando saranno fatti tutti i controlli di legge; per ora intanto è permesso venderle e inserirle in tutto quello che fa risparmiare alla cosmesi e non solo … vedi spazzolini per i denti rivestiti di argento; che non servono a nulla … basta lo spazzolino normale !!! –

Se tutti i consumatori non comprassero più i prodotti che contengono almeno le sostanze più notoriamente pericolose per la salute anche il pianeta terra, insieme alla nostra salute, se ne gioverebbe  e così faremmo l’unico passo buono che possiamo verso un mondo migliore per figli e nipoti.

Il caldo di questa estate e la siccità,  insieme agli incendi ci dovrebbero allamare a sufficienza per farci cercare di contribuire, per quello che possiamo, al miglioramento del futuro dei nostri figli e nipoti.

Ecco alcuni suggerimenti:

-da non dimenticare: i prodotti cosmetici per bambini a partire dai detergenti che contengono sostanze che fanno male, esempio: gli shampoo che non fanno lacrimare contegono anestetici !!! – le irritazioni da pannolino possono anche essere causate dai prodotti chimici contenuti negli stessi pannolini –

-da non acquistare (solo alcuni esempi): gamberetti e gamberi esotici di allevamento; ricchi di antibiotici e/o anidride solforosa come conservante – pulizie con disinfettanti casalinghi contenuti nei detersivi: katthon Cg (antimicrobico), basta pulire NON serve disinfettare (anzi fa male all’apparato immunitari dei bambini che NON impara a difendersi, anzi provoca allergie) – BAGNISCHIUMA SHAMPOO DOCCIA LUCIDANTI PER CAPELLI … DETERSIVI PER LA BIANCHERIA ECC…  usati in grandi quantità, contengono tutti sostanze che fanno male alla salute; comprese sostanze derivate dalla plastica ( perturbanti endocrini) che portano i maschi ad avere riduzioni di sperma ( a meno che non sia precisato il contrario leggere BENE l’etichetta), la doccia poi non li toglie completamente e vengono assorbiti dalla pelle e vanno nel sangue: meglio un sano sapone – IDEM per: oli minerali cosmetici: leggete bene le etichette – Le T-shirt, soprattutto le più economiche e sintetiche, idem per gli abiti, sono colorate con colori che danneggiano gravemente la salute perché contengono dei veleni che arrivano al sangue …

:::::::::::::::::::::::::::::::::::

Se volete seguire la nostra esprienza di donna ecco cosa abbiamo scelto per noi: Yves Rocher e RITUALS

COSMESI SICURA (le leggi francesi, in questo campo, sono più severe di quelle italiane) :

OTTIMI E A BUON PREZZO, ANCHE PER REGALI ECOLOGICI:

—  Yves Rocher (negozi in tutte le grandi – medie città italiane); senza i veleni più noti con prezzi anche inferiori ai 10 euro.


  • Altro prodotto a buon prezzo e gradevole design, con i prodotti RITUALS: utilizzano ingredienti biologici ogniqualvolta sia possibile o alternative sicure; mai  utilizzati i parabeni . https://www.rituals.com/eng-it/home

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

LE AZIENDE ITALIANE CHE PRODUCONO SENZA VELENI:

Peccato che una volta entarti nel sito, ci è stato  impossibile vedere i prezzi e/o capire come acquistarli:

Vagheggi Phytocosmetici dal 1975; http://www.vagheggi.com/cosmetici/catalogo-prodotti/

Confort Zone;  https://www.comfortzone.it/it/

Soha; naturali al 93,3 – 99,9 % dalla Sardegna, mediamente costi dai 25 euro http://www.sohasardinia.com/filter.php?id_category=73&price=0-25

ANCHE LE STAR CAMBIANO ABITUDINI:

  • GWUYNETH PALTROW  “Non c’è niente di megli dell’olio d’oliva” come cosmetico e come detregente al posto dei costosi detergenti
  • CAMERON DIAZ ha cambiato stile di vita: auto ibrida, non mangia più schifezze, ma cibi semplici e genuini e lo scrive in due libri ” The body book ” e ” The longevity book “

:::::::::::::::::::::::::::::::

L’articolo è stato scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Meglio delle creme di bellezza – ESSERE VEGANI … TI SALVA LA PELLE DOPO IL SOLE DELL’ESTATE !

 L’alimentazione è, da sempre, il COSMETICO MIGLIORE e MENO COSTOSO !

VEG AFTER SUN ?

SI, GRAZIE, PERCHE’ ESSERE VEGANI TI SALVA LA PELLE !

Anche se non sarete mai vegani, provate a leggere questo articolo;

diminuire ogni tanto l’eccesso di certi cibi e sostituirli con altri potrebbe essere una scelta saggia anche pe ril pianeta terra.

 ALIMENTAZIONE E CURE DEL DOPO VACANZE PER I VEGANI: I CONSIGLI DEL DERMATOLOGO PER PROTEGGERE LA PELLE E OTTIMIZZARE I BENEFICI DELL’ESPOSIZIONE SOLARE, DECLINATI IN CHIAVE VEGANA

 

  L’alimentazione è, da sempre, il cosmetico – interno- migliore per la cute e gli annessi cutanei (unghie e capelli): un vecchio detto dice che la bellezza vien mangiando e studi e pubblicazioni scientifiche hanno messo in evidenza i benefici di una corretta nutrizione nel combattere i radicali liberi, i processi di ossidazione e, di conseguenza, l’invecchiamento.

Queste virtù degli alimenti, soprattutto nel periodo estivo, possono venire in aiuto a un organismo affaticato dal continuo attacco dei raggi UVA e UVB che interessano maggiori porzioni di corpo esposte per più ore al sole, per limitare i possibili danni che, al ritorno in città, sono amplificati dagli effetti nocivi degli agenti inquinanti.

Quindi che cosa per riparare la pelle disidratata dai raggi ultravioletti, aiutare la secchezza delle chiome ed evitare lo sfaldarsi delle unghie?

L’alimentazione viene in soccorso anche e soprattutto in questi momenti con un programma creato ad hoc e pensato anche per quella larga fascia della popolazione che ha scelto una dieta vegana grazie ai consigli della Dottoressa Maddalena Montalbano, medico dermatologo e specialista in medicina estetica a Milano.

Prima di qualsiasi prodotto o trattamento cosmetico, conta quello che mangiamo: infatti cibo e bellezza sono strettamente collegati, e cute e annessi cutanei traggono un medesimo beneficio se aiutati da alcune specifici principi attivi naturali alimentari anche solo di origine vegetale”.

Quindi cosa fare nello specifico?

Fondamentale è assumere sempre 2 litri di acqua al giorno, un consiglio che vale in qualunque momento dell’anno ma che, nel dopo vacanze, è fondamentale per mantenere un livello di idratazione ottimale anche all’interno del corpo.

Inoltre è necessario integrare l’alimentazione con:

VitaminaA contenuta nella frutta giallo – arancione, rossa e nelle verdure come cavolo, broccolo e spinaci, ricchissimi di zeaxantina, che assorbe le radiazioni solari eccedenti e svolge una forte azione antiossidante;

Vitamina E contenuta in olio di oliva e olio di germe di grano, ad altissima azione antiossidante e sinergizzante con gli altri antiradicali;

Vitamina C di cui sono ricche le verdure rosse, gialle, arancioni ;

Vitamina B5, che stimola i fibroblasti cioè le cellule della pelle a rigenerarsi, presente nel grano saraceno, nella pappa reale, nel polline (di cui basta solo una punta di cucchiaio al giorno), nei cereali integrali e nelle nocciole;

Vitamina H o biotina che favorisce i processi biologici di ristrutturazione della cute, dei capelli e delle unghie con azione antinfiammatoria soprattutto in seguito a eritemi solari e di cui sono ricchi i pomodori, i piselli, i fagioli, gli spinaci e le noci;

Vitamina F che garantisce un corretto apporto di acidi grassi essenziali per l’idratazione cutanea e che si trova nell’olio di oliva, nel ribes nero, nei vegetali a foglia verde, nello zafferano, nell’avena e nella frutta secca.