Archivi categoria: + BELLE E SANE

bellezza, preservare la bellezza, belle a ogni età, come mantenetesi belle? come mantenersi sempre giovani?

Come prevenire e curare l’unghia nera o l’onicomicosi o “tinea unguium” ?

Perché si manifesta l’unghia nera o l’onicomicosi o “tinea unguium” ?

L’infezione da onicomicosi, al suo inizio, colpisce una piccola porzione dell’unghia, che presenta colorazioni diverse; dal bianco al giallo al marrone, verde o nero.

Se la micosi non viene trattata, il fungo si spinge in profondità.

L’onicomicosi o “tinea unguium”, è causata da un fungo; in genere non è un disturbo pericoloso, ma è un problema antiestetico e può causare la comparsa di macchie, ispessimento e sbriciolamento delle unghie ai lati:

Questa micosi alle unghie può essere anche difficile da curare e tende a ripresentarsi.

Come prevenire l’unghia nera o l’onicomicosi o “tinea unguium” ?

CONSIGLI PER LA PREVENZIONE

Per prevenire la micosi dell’unghia è necessario proteggere sempre i piedi dal contatto diretto con il pavimento di piscine, docce e spogliatoi, indossando ciabatte. Lavarsi con saponi disinfettanti (solo dopo la piscina o sulle parti con micosi).

-tenere i piedi asciutti, asciugarli bene dopo la doccia in piscina, indossando calzature che favoriscono la traspirazione e calze che assorbano il sudore. Ottimo il cotone e disinfettarle se avete l’infezione (ottima anche qualche goccia di acqua ossigenata nella punta delle scarpe, passata con un batuffolo di cotone, e lasciarla poi asciugare).

-Non farsi fare pedicure e manicure se non si è più che certi della sterilità di tutti gli attrezzi e spugne usate per l’asciugatura di mani e piedi.

-Non fare uso di smalti e unghie finte, perché contribuiscono alla proliferazione dei funghi.

Perché si manifesta ?

Piscine e luoghi pubblici non adeguatamente disinfettati, ma non solo, anche biancheria infetta ecc…

Non usare forbici e altro materiale usato da altre persone infette per manicure o pedicure, se non ben sterilizzati.

In caso di calo delle difese immunitarie, i funghi dell’unghia possono replicarsi in modo incontrollato dando origine a vere e proprie infezioni.

Gli anziani sono più colpiti, poiché spesso con difese immunitarie deboli e ridotta microcircolazione, rispetto ai giovani.

CURE CASALINGHE MA EFFICACI

-Lavare sempre le mani dopo aver toccato l’unghia infetta

-mettere dell’acqua ossigenata sull’unghia ogni giorno e continuare saltuariamente anche dopo la guarigione

Altre soluzioni
-Applicare ogni giorno una goccia di tee tree oil controllare che sia “PURO” fare breve massaggio per aiutare assorbimento, continuare saltuariamente anche dopo la scomparsa dei problemi.

-Due cucchiaini di sale fino in acqua con bicarbonato per pediluvi quotidiani.

-Applicare aglio schiacciato, coperto con cerotto (magari solo quando state in casa) ; l’aglio è un potentissimo antibiotico.

Nei casi più gravi andare dal dermatologo e pretendere subito esami per comprendere con sicurezza il battere o fungo che causa il disturbo; solo così la cura sarà sicuramente efficace. In caso contrario si rischiano lunghe e diverse inutili cure … costose.

DETOX per 24 ore

Ricaricarvi di energia buona? Bastano 24 ore di detox.

Il digiuno totale è molto diffcile da seguire e richiede molta forza di volontà.

Fatevi un programma che preveda delle camminate durante la giornata; stare in casa aiuta la tentazione di mangiare.  Fatevi anche più di una doccia e/o bagno per aiutare a rilassarvi.

Meglio affrontare il detox con un compagno o compagna di detox.

Ogni volta che si ha lo stimolo della fame, spremute di frutta, centrifugati o semplice frutta o frullati con frutta e /o verdure – acqua e dolcificante (se non potete farne a meno).

Anche masticare, lentamente, una mela aiuta. Tanta frutta in un giorno non vi farà ingrassare, ma aiuterà a disintossicarvi e bruciare i grassi (evitate la frutta più nutriente come le banane, la frutta secca e i datteri; perché contengono troppi  zuccheri).

Appena sveglie bevete, a digiuno, una tazza di acqua calda con il succo di limone.

Suggerimenti:

Aggiungete all’acqua …

-pera e rosmarino, detox water dolce-aromatico

melagrana, fettine di arance e stecche di cannella

pera, melagrana, chiodi di garofano

mela, limone e zenzero

fettine di kiwi e limone.

BEVANDE CALDE:

-tisane varie con erbe essiccate e spezie.

tè nero o verde in foglie, dei chiodi di garofano e delle stecche di cannella spezzettate

Suggerimenti da: La Cucina Italiana

www.lacucinaitaliana.it

VIVERE A LUNGO – LEGUMI E MINI DIGIUNI

Come vivere a lungo ?

Qualcosa di molto diverso dal manuale dieta-fai-da-te per dimagrire.

Lo spiega il dott. Valter Longo, direttore del Centro Studi Invecchiamento della University Southern of California e presso l’Istituto di Oncologia Molecolare Ifom Milano; la miglior prevenzione sta nella dieta. Ma che sia una dieta secondo le ultime scoperte della scienza moderna.

Inoltre la dieta può curare meglio delle medicine, sempre secondo le ultime dimostrazioni scientifiche.

Il dott. Longo ha viaggiato in tutto il mondo alla ricerca delle motivazioni che rendono alcune popolazioni molto longeve.

Tra i consigli, la dieta dovrebbe essere ricca olio  di oliva, frutta secca, poca pasta e riso e solo integrali, molte verdure e legumi.

L’applicazione di mini – digiuni seguiti da un medico, può coadiuvare le terapie contro alcune forme tumorali, diabete, morbo di Alzheimer, artrite reumatoide.

LA DIETA DELLE LONGEVITA’, Valter Longo, Vallardi, pp.31,euro 15.

CONTRO L’INVECCHIAMENTO DELL’ORGANISMO: ACIDO IALURONICO TUTTOFARE.

CONTRO L’INVECCHIAMENTO DELL’ORGANISMO. L’ACIDO IALURONICO CI PUO’ AIUTARE A VIVERE MEGLIO

ACIDO IALURONICO , per cosa viene usato in

medicina ?

-chirurgia oftalmica, per la produzione di lacrime artificiali

-soluzione viscoelastica nella chirurgia della cataratta

-l’applicazione di acido ialuronico stimola la formazione di tessuto cicatriziale

-trattamento di ustioni di secondo e terzo grado

-reumatologia e ortopedia ecc … Leggi più sotto.

L’ ACIDO IALURONICO protegge inoltre l’organismo da virus e batteri; un amico prezioso non solo per la pelle e la chirurgia estetica, ma anche per la cataratta, problemi articolari, cicatrizzazione dei tessuti, nel caso di ferite, ulcere, membrane timpaniche forate, afte e stomatiti, trattamento di ustioni di secondo e terzo grado, in campo urologico, ginecologico, cistiti..ecc.

PELLE PIU’ IDRATATA, ARTICOLAZIONI MEGLIO FUNZIONANTI ECC..

1. COS’E’L’ACIDOIALURONICO ?

Una molecola chiave per i nostri tessuti

-L’acido ialuronico è una lunga molecola che esiste naturalmente nell’organismo umano, oltre che negli animali e in alcuni batteri.

-Nel nostro corpo viene prodotto da cellule chiamate fibroblasti (e da altre popolazioni cellulari. es. sinoviociti) allo scopo di

proteggere e idratare i tessuti, dando loro turgore e plasticità.

Si trova in grandi concentrazioni nel derma, tessuto connettivo della pelle, ma

-è presente anche nell’umor vitreo dell’occhio, nei tendini, nel liquido sinoviale che riempie le cavità articolari, nelle pareti aortiche e nel cordone ombelicale.

Con il tempo, la quantità di acido ialuronico presente nell’organismo tende a diminuire, generando fenomeni come l’invecchiamento cutaneo, la perdita di plasticità e compattezza della pelle e la comparsa delle rughe, oltre a possibili problemi alle articolazioni e una diminuzione generale di elasticità dei tessuti.

2. COME FUNZIONA

Una spugna idratante e protettiva

Per le sue caratteristiche chimico-fisiche, l’acido ialuronico

ha un alto potere idratante. 

Dal punto di vista chimico viene classificato come un glicosaminoglicano (GAG): la molecola, infatti, è formata dal ripetersi di lunghe sequenze di due zuccheri semplici, l’acido glucuronico e la N-acetilglucosamina.

-Ne risulta una molecola lineare, flessibile e altamente polare, con un elevato grado di solubilità in acqua.

Ed è proprio grazie alla sua struttura molecolare che

l’acido ialuronico si comporta come una spugna, in grado di assorbire, trattenere saldamente e rilasciare grandi quantità di acqua in base al fabbisogno locale.
Componente essenziale, insieme a collagene e fibre elastiche della cosiddetta “matrice extracellulare” (ECM – Extra Cellular Matrix) del derma,

garantisce il giusto grado di umidità alla pelle.

Oltre alla capacità di legare l’acqua, questa preziosa macromolecola agisce come lubrificante ed è

-in grado di assorbire gli urti all’interno delle parti mobili del corpo umano come le articolazioni. Ha una funzione importante nel trasporto delle sostanze nutritive.

-Protegge inoltre l’organismo da virus e batteri: le molecole di acido ialuronico, grazie alla loro lunghezza e all’alto potere di idratazione, si organizzano nel derma in una struttura di tipo reticolare che, oltre a dare tono e forma al tessuto,

costituisce un filtro contro la diffusione di sostanze potenzialmente tossiche. Ha anche

importanti proprietà anti- infiammatorie e cicatrizzanti, favorendo la produzione di nuovo collagene e i processi di riparazione tissutale.

COME E QUANDO SI USA

Un amico prezioso non solo per la pelle e la chirurgia estetica, ma anche per la cataratta, problemi articolari, cicatrizzazione dei tessuti., membrane timpaniche forate, come afte e stomatiti, trattamento di ustioni di secondo e terzo grado, aiuta a risolvere anche gravi problemi dell’apparato respiratorio..

Oggi, quando si parla di acido ialuronico, lo si associa immediatamente 

-alle più avanzate terapie antirughe e alle nuove frontiere della dermoestetica.

Senza dubbio le proprietà anti-age di questa molecola hanno portato una piccola, grande rivoluzione in campo estetico.

I filler di acido ialuronico permettono infatti di affrontare quasi tutti gli inestetismi,

dal rimodellare gli zigomi, al restituire turgore e idratazione a viso, mani e décolleté, fino all’aumentare il volume delle labbra.

Con il grande vantaggio di

-una sostanza biocompatibile, già prodotta dal nostro organismo, che in soggetti in buona salute ha rischi e controindicazioni praticamente nulli.

Ma forse non tutti sanno che l’acido ialuronico trova

numerose ed efficaci applicazioni in molti altri ambiti medici e terapeutici.
Nella chirurgia oftalmica, per la produzione di lacrime artificiali nel trattamento della sindrome dell’occhio secco e

-come soluzione viscoelastica nella chirurgia della cataratta. Nella chirurgia otologica come rigenerante delle

membrane timpaniche forate: l’applicazione di acido ialuronico stimola la formazione di tessuto cicatriziale. Anche nelle

infiammazioni e lesioni ulcerose della bocca, come afte e stomatiti, o nel

-trattamento di ustioni di secondo e terzo grado, esistono terapie che si avvalgono delle proprietà riparatrici di questa molecola.

In reumatologia ed ortopedia l’acido ialuronico viene utilizzato come terapia intraarticolare, non solo come lubrificante del liquido sinoviale, ma anche per il suo ruolo protettivo dei tessuti, limitando la penetrazione di radicali liberi ed enzimi proteolitici.

In campo urologico, infine, l’acido ialuronico in sinergia con altre sostanze svolge una 

-importante funzione antinfiammatoria e riparatrice nei confronti dell’epitelio vescicale (urotelio).

Nel caso di ferite, ulcere e ustioni, questa molecola si rivela particolarmente efficace nell’accelerare e favorire il processo di cicatrizzazione e riparazione dei tessuti.

Acido ialuronico e apparato respiratorio

L’acido ialuronico è universalmente riconosciuto come il principale componente molecolare della matrice extracellulare. Nell’apparato respiratorio è sintetizzato dai fibroblasti del rinofaringe e dell’interstizio polmonare, dalle ghiandole della sottomucosa tracheo-bronchiale, e dalle goblet cell dell’epitelio di rivestimento che lo addizionano al muco che riveste e protegge le vie respiratorie. Grazie a questa sua distribuzione,

l’acido ialuronico svolge un ruolo centrale nella fisiologia respiratoria intervenendo in molteplici meccanismi omeostatici.

L’acido ialuronico

somministrato per via aerosolica penetra rapidamente e si integra nell’ interstizio polmonare

prevenendo la diffusione delle macromolecole e regolando la migrazine delle popolazioni cellulari che intervengono nelle reazioni flogistiche. La sua elevata idrofilia consente inoltre di idratare l’intero albero respiratorio facilitando

la rimozione di cataboliti ed allergeni. Grazie alla sua capacità di integrarsi nella componente glicoproteica che riveste la mucosa pre-respiratoria

interviene nella regolazione della clearance muco ciliare interferendo con potenziali fattori perturbanti allergenici o infiammatori, ambientali o endogeni.

L’Acido Ialuronico in Urologia e Uroginecologia

LA RICERCA IBSA E LE DISFUNZIONI DELL’UROTELIO

In ambito urologico e uro-ginecologico la ricerca IBSA ha raggiunto risultati d’eccellenza, con la realizzazione e il brevetto esclusivo di un importante dispositivo medico per la cura delle disfunzioni dell’urotelio. L’Italia, in particolare, è stato il primo Paese al mondo ad adottare questo dispositivo

-per i pazienti che soffrono di patologie riconducibili a queste disfunzioni.

L’UROTELIO, TRANSDUTTORE DI SEGNALI

Gli epiteli sono membrane semipermeabili capaci di svolgere un’importante funzione: selezionare le molecole da neutralizzare e quelle da assorbire per essere utilizzate dall’organismo. L’epitelio è quindi il primo elemento di un sistema integrato (Sensory Web) che regola il funzionamento di tutto l’organo a cui appartiene.

L’urotelio, che riveste tutto l’apparato urinario, risulta essere il più “differenziato” fra tutti gli epiteli: infatti, ha il compito di selezionare, sintetizzare, rilasciare molecole e, soprattutto, trasformare impulsi meccanici in segnali chimici. E’ un “transduttore” di segnali.

Le caratteristiche principali che l’urotelio conferisce alla mucosa che riveste l’intero apparato urinario sono l’impermeabilità e la distensibilità. La perdita di tali funzioni come conseguenza di una “lesione” dello stesso sono causa di diverse patologie urologiche.

DISFUNZIONI UROTELIALI. DALLA MODIFICAZIONE DEL COATING ALLA CISTITE

Quando l’alterazione di una o più funzioni in senso qualitativo e/o quantitativo, sia per eccesso che per difetto, interessa l’urotelio, quest’ultimo non è più in grado di svolgere la sua normale attività fisiologica. Si determina, così, un anomalo funzionamento del “sensory web”.

Le modificazioni del coating sono in grado di compromettere l’intera funzionalità dell’urotelio. Si hanno significative variazioni a carico delle glicoproteine e dei proteoglicani e si evidenzia una marcata riduzione dei GAGs e della quasi totalità delle componenti molecolari del coating.

Il collasso strutturale al quale va incontro il coating è riconducibile alla perdita dei proteoglicani.
I GAGs non riescono più a integrarsi nel coating per la mancanza di fondamentali strutture capaci di legarli: in primis le HB-EGF.

 Le uroplachine (proteine deputate al controllo della permeabilità) si disassemblano rendendo l’urotelio permeabile.

La perdita del coating e, di conseguenza, della barriera apicale innesca il meccanismo di distruzione della totalità delle barriere di protezione, con conseguente passaggio di sostanze nocive, tossiche ed allergizzanti.

Gli stimoli meccanici di origine uroteliale vengono trasformati in anomali segnali distorti che interferiscono con la rete neuro-sensoriale: le contrazioni non sono più ritmiche e sequenziali ed è così che insorge la chiara sintomatologia della cistite contraddistinta da frequenza minzionale aumentata, urgenza minzionale e dolore, causato dall’attivazione delle fibre C, non attive in un contesto fisiologico.

3 L’ACIDO IALURONICO DI IBSA

La molecola utilizzata nei prodotti IBSA risponde ad un elevato standard di qualità che ne permette l’utilizzo sia in ambito farmaceutico che dermoestetico.
Questa tipologia di acido ialuronico viene infatti prodotta in un moderno impianto biotecnologico presso Altergon Italia attraverso un processo a piu’ fasi che, partendo dalla fermentazione batterica ed attraverso stadi intermedi di filtrazione e purificazione, arriva all’ottenimento di un prodotto finito altamente purificato.

Grazie all’utilizzo di un sistema produttivo di tipo biofermentativo, l’acido ialuronico di IBSA

è privo dunque di contaminazioni di prodotti di derivazione animale, eliminando un possibile rischio allergico e/o di trasmissione di agenti patogeni (es. virus, prioni).

4 CARATTERISTICHE E PRODUZIONE DELL’ACIDO IALURONICO IBSA:

ALTERGON ITALIA
Nel 2005 IBSA stringe una partnership con Altergon Italia per la produzione di acido ialuronico. Con sede a Morra De Santis (Avellino), Altergon Italia nasce nel 2000 da Altergon SA, fondata in Svizzera con la mission di sviluppare formulazioni farmacologiche innovative e nuovi principi attivi per uso farmaceutico.

Grazie ad un’intensa attività di ricerca e sviluppo, in Altergon Italia è attualmente in funzione un impianto innovativo dedicato alla produzione di acido ialuronico attraverso un processo a piu’ fasi che, partendo dalla fermentazione batterica ed attraverso stadi intermedi di filtrazione e purificazione, arriva all’ottenimento di un prodotto finito altamente purificato per uso farmaceutico e dermoestetico.

E’ proprio l’utilizzo di questa tipologia di acido ialuronico a garantire l’elevato standard qualitativo e l’elevata tollerabilità dei prodotti IBSA.

In Altergon inoltre è presente un moderno impianto di produzione di cerotti medicati.

INVECCHIAMENTO CUTANEO

La nostra pelle è soggetta a due distinti tipi di invecchiamento: l’invecchiamento intrinseco, detto anche cronoinvecchiamento, e quello estrinseco, ovvero il fotoinvecchiamento.

Il cronoinvecchiamento è un processo continuo e naturale che inizia intorno ai 25 anni di età: in questo periodo la produzione di collagene, di elastina e acido ialuronico rallenta; il ricambio cellulare diventa meno rapido, lo spessore dello strato corneo aumenta. Tutto ciò porta alla comparsa dei classici segni dell’invecchiamento: rughe, linee di espressione, perdita di idratazione, di tono e di elasticità. La velocità con cui il cronoinvecchiamento diventa visibile è legata al proprio patrimonio genetico; in alcuni soggetti la pelle si segna prima, in altri rughe e segni di espressione sono visibili solo più avanti. Questo processo “naturale” può essere accelerato e/o aggravato da una serie di fattori esterni, quali le radiazioni ultraviolette, il fumo da sigaretta (attivo o passivo), lo stress, i trattamenti cosmetici scorretti: tutti questi fattori costituiscono il cosiddetto fotoinvecchiamento.

Ma cosa succede davvero all’interno del nostro “organo barriera” con il passare del tempo?
La pelle è composta essenzialmente da tre strati: l’epidermide, il derma e lo strato sottocutaneo. Ogni strato contiene tessuto connettivo composto da fibre di collagene che forniscono sostegno all’intero organo e fibre di elastina che conferiscono flessibilità. Con l’invecchiamento, l’epidermide si assottiglia e la pelle tende ad apparire più sottile, pallida e traslucida. Questo processo è anche causa delle cosiddette “macchie cutanee”, che compaiono spesso sulle zone molto esposte, come il viso e il dorso delle mani, e che peggiorano con un’esposizione al sole scorretta e prolungata. Le modificazioni che avvengono all’interno del tessuto connettivo riducono anche la robustezza e l’elasticità della pelle: questo processo è noto come elastosi. Anche in questo caso, è evidente come gli effetti del cronoinvecchiamento e del fotoinvecchiamento si sommino per accelerare la comparsa dei segni dell’invecchiamento.

I RADICALI LIBERI
Nel processo di invecchiamento un ruolo importante è svolto dall’aumento nella produzione di radicali liberi, il cosiddetto “stress ossidativo”. Quando le cellule del nostro corpo producono energia, si formano delle molecole ossigenate instabili come sottoprodotto della normale funzionalità cellulare. Queste sostanze, note come radicali liberi, contengono atomi di ossigeno con un solo elettrone (ossigeno radicale) e per questo sono molto instabili e tendono a legarsi ad altre molecole nel corpo provocando dei danni strutturali al DNA, alle proteine e alle membrane cellulari.

Alcune abitudini di vita scorretta, come l’esposizione agli ultravioletti e il fumo, in particolare, accelerano questo processo. Il nostro organismo ha sviluppato una serie di meccanismi di difesa per minimizzare tali danni ed eventualmente ripararli, grazie a sostanze antiossidanti di tipo endogeno, ovvero sostanze che vengono sintetizzate dall’organismo stesso: tra questi, catalasi, superossido dismutasi e glutatione. Altri tipi di antiossidanti possono essere assunti con l’alimentazione, al fine di attivare sistemi biologici di riparazione e di detossificazione:

vitamina A, C ed E, acido lipoico, coenzima Q-10, carotenoidi, acidi grassi, polifenoli – come i picnogenoli. Spesso, però,

-la nostra dieta quotidiana è carente di queste sostanze: ecco perché l’uso di determinati integratori alimentari a base di antiossidanti, soprattutto quando il processo di invecchiamento mostra segni visibili, è particolarmente indicato per contrastare il processo degenerativo endogeno, stimolare il turnover cellulare e ripristinare elasticità, tono e idratazione della pelle.

Solo un approccio anti-aging combinato, che unisca una corretta igiene di vita a un’integrazione nutrizionale e all’uso di preparati topici e/o intradermici, è in grado infatti di restituire alla pelle la sua naturale bellezza.

IL RUOLO DELL’ACIDO IALURONICO NELLA RICERCA ANTI-AGING

L’acido ialuronico è un componente fondamentale dei tessuti connettivi e oggi è la sostanza principe delle ricerche “anti-aging”. Il suo compito è quello di idratare, lubrificare ed elasticizzare la pelle, mantenere la forma dei tessuti e irrobustirne il tono.

Idratazione, turgidità, plasticità e tutte le particolari proprietà del derma sono quindi influenzate dal suo ruolo determinante, come anche la protezione nei confronti dei radicali liberi con azione antiossidante di tipo scavenger, la neosintesi di collagene e altre importanti attività biologiche.

Gli studi mostrano come l’acido ialuronico decresca significativamente con l’età e come questo impoverimento provochi rughe e inestetismi cutanei, come la perdita di tono e di elasticità.

LA PROPOSTA DI TRATTAMENTO IBSA

L’esperienza consolidata del gruppo IBSA nella produzione di acido ialuronico ha portato alla realizzazione di una linea dermoestetica che si contraddistingue per l’elevato standard qualitativo e l’elevata tollerabilità.

Le formulazioni offerte si basano sul sistema “HydroliftTM Action”, l’innovativo ed esclusivo approccio terapeutico mirato alla prevenzione e cura della diminuizione fisiologica di acido ialuronico nella cute, favorendo la ripresa della sua funzionalità e restituendole idratazione, elasticità e tono. Un approccio che supporta maggiormente il concetto della “cura della ruga” rispetto a quello prettamente estetico del “riempimento della ruga”.

HydroliftTM Action” è espressione dell’azione sinergica dell’effetto bio-rigenerativo e meccanico di sollevamento della depressione cutanea da parte dell’HA, grazie all’impiego associato di acido ialuronico naturale e modificato.
In questa complementarietà di azioni, il ruolo primario e fondamentale per la “cura della ruga” viene svolto dall’acido ialuronico naturale che garantisce, oltre all’efficacia e alla naturalezza del risultato, un alto profilo di safety per il paziente e per il medico.

IBSA propone:
una linea antiaging completa
e di grande efficacia grazie a protocolli combinati e personalizzati che consentono di associare il trattamento domiciliare, con la preparazione in crema e con le perle, alla terapia medica intradermica, prolungandone ed esaltandone i risultati. La linea è a base di acido ialuronico naturale associato a elementi dermonutritivi.

La linea filler a base di acido ialuronico altamente purificato è studiata per offrire un effetto lifting naturale, per risultati estetici armonici ed equilibrati.

I TRATTAMENTI DELLA LINEA ANTIAGING

Dispositivi medici intradermici in fiala siringa pre – riempita per trattamenti di bioristrutturazione cutanea costituito da una soluzione fisiologica tamponata di acido ialuronico, ottenuto per via fermentativa.

VISCODERM® CREAM

Una crema per il trattamento domiciliare. Unisce all’acido ialuronico principi attivi dall’azione antiossidante, protettiva e idratante, particolarmente indicata dopo trattamenti dermoestetici.

VISCODERM® PEARLS

È un integratore alimentare a base di acido ialuronico e altri principi nutritivi utili a riequilibrare le proprietà funzionali del derma, a ripristinare la tonicità, l’elasticità e l’idratazione della pelle.

LA LINEA FILLER
Dispositivi medici intradermici
in fiala siringa pre-riempita, a base di acido ialuronico altamente purificato è studiata per offrire un effetto lifting naturale, per risultati estetici armonici ed equilibrati.

L’Acido Ialuronico in Ortopedia, Reumatologia e Medicina dello Sport

LE ARTICOLAZIONI E IL MOVIMENTO OSSEO

Le articolazioni sono complesse strutture anatomiche che si compongono di diversi elementi: nascono dall’incontro di due o più capi (ovvero estremità) ossei, ricoperti da uno strato di cartilagine che favorisce lo scorrimento di uno sull’altro, impedendo che essi si consumino. L’articolazione è ricoperta da una capsula fibrosa che, assieme ai legamenti, ha la funzione di conferire stabilità e di rinforzarla; a ciò partecipano anche i tendini (la parte finale del muscolo che si innesta nell’osso), che permettono i movimenti di flessione, estensione, e roteazione. Infine, all’interno dell’articolazione sono presenti menischi o dischi che fungono da ammortizzatori.

Lo scopo principale delle articolazioni è, quindi, favorire il movimento osseo: per questo sono soggette a notevoli stress meccanici che possono compromettere la loro funzionalità. Questo non accade solo a chi pratica sport: ogni giorno le articolazioni vengono sollecitate e ciò, con l’avanzare dell’età, provoca il loro consumo e di conseguenza problemi di movimento.

LE PATOLOGIE OSTEO-ARTICOLARI

Le patologie che possono colpire le articolazioni sono molto numerose. Fra le più diffuse va ricordata sicuramente l’osteoartrite (meglio conosciuta come artrosi) che in Italia rappresenta da sola il 72.6% delle malattie reumatiche.

L’artrosi è una patologia che provoca la degenerazione della cartilagine delle articolazioni, causando un forte dolore (che peggiora dopo lo sforzo fisico), gonfiore alle articolazioni, difficoltà nella circolazione sanguigna e rigidità. E’ una malattia progressiva che peggiora con il tempo, colpisce soprattutto le articolazioni più sollecitate come dita, ginocchia e piedi; si manifesta soprattutto durante la mezza età ed è più comune nelle donne.

IL RUOLO DELL’ACIDO IALURONICO NELLA FUNZIONALITA’ ARTICOLARE

L’articolazione è normalmente protetta dall’usura e dal logorio grazie alla presenza del liquido sinoviale (fluido limpido, poco filante e viscoso, composto essenzialmente da acqua, glicoproteine, ioni ed acido ialuronico), che riempie la cavità articolare e che funge da vero e proprio “lubrificante”,

In particolare, è proprio l’acido ialuronico a conferire al liquido sinoviale le precipue caratteristiche di resistenza, elasticità ed assorbimento degli shock meccanici dovuti al movimento.

Tuttavia, in presenza di artrosi e di altre patologie osteoarticolari il liquido sinoviale perde le sue caratteristiche fisico-chimiche, in quanto vi è una riduzione della sintesi di acido ialuronico dai sinoviociti e la produzione di una forma di acido ialuronico che non è in grado di garantire la perfetta funzionalità dell’articolazione.

Di conseguenza, l’omeostasi dell’articolazione deve essere ripristinata attraverso l’apporto esogeno di acido ialuronico (“viscosupplementazione”).
L’utilizzo di acido ialuronico intra-articolare è riconosciuto anche dalle piu’ importanti società scientifiche internazionali, quali:

  • –  European League Against Rheumatism (EULAR)
  • –  OsteoArthritis Research Society International (OARSI)
    E’ interessante inoltre sottolineare come l’azione dell’acido ialuronico a livello dell’articolazione sembri andare oltre un puro effetto lubrificante/meccanico, per innescare una serie di effetti biologici (es. stimolazione dei processi riparativi; diminuzione del processo infiammatorio) che possono essere riassunti con il termine “viscoinduzione”.

 UN PO’DI STORIA DELL’ACIDO IALURONICO:

Dalla scoperta di Karl Meyer alle moderne biotecnologie

La storia dell’acido ialuronico inizia nel 1934, quando il biochimico Karl Meyer e il suo assistente John W. Palmer ne isolano per la prima volta la molecola nell’umor vitreo bovino nei laboratori della Columbia University. I due ricercatori battezzano la sostanza Hyaluronic Acid, da Hyalos, che in greco antico significa vitreo, e da Uronic Acid, Acido Uronico, una delle frazioni saccaridiche che compongono l’acido ialuronico.

Tuttavia l’era moderna dell’acido ialuronico si apre solo quando, molto tempo dopo, se ne scopre la presenza, oltre che nell’umor vitreo, nei diversi tessuti connettivi e nel derma e viene identificato il suo ruolo fondamentale nell’idratazione cutanea e nel metabolismo cellulare. I primi impieghi sull’uomo avvengono negli anni ’80. Speciali gel viscosi a base di acido ialuronico vengono iniettati durante alcuni interventi di chirurgia oftalmica. In seguito la sostanza si rivela efficace per i problemi articolari e poi in dermoestetica.

Inizialmente la molecola veniva estratta con procedimenti molto complessi da tessuti animali come le creste di gallo. Oggi la biotecnologia permette di ottenere acido ialuronico per via fermentativa da colture batteriche.

——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Salute e inquinamento – Piante anti smog

Respirare aria buona è sempre più difficile

Smog, prodotti detergenti profumati, profumi ambientali, spray, candele, sostanze tossiche nel legno degli arredi, nelle vernici, nelle colle per parquet … impinati di condizionamento con filtri non cambiati secondo le regole ...

ABBIAMO BISOGNO DI ARIA PIU’ PURA

Alcune piante d’appartamento purificano l’aria

La nostra salute è sempre più compromessa dall’inquinamento delle strade, dei riscaldamenti e delle industrie.

In casa e in ufficio:

— smog, pulviscolo, funghi, batteri.. cariche elettrostatiche, inquinamento elettromagnetico, sostanze tossiche nel legno degli arredi, nelle vernici, nelle colle per parquet, formaldeide, prodotti detergenti profumati, profumi ambientali, monossido di carbonio, stufe a gas, camini, fornelli a gas, cappe aspiranti della cucina che non aspirano a sufficienza o che non esostono .. spray, candele … impinati di condizionamento con filtri non cambiati secondo le regole (i filtri sono molto costosi e anche la manovalanza per cambiarli) …

Problemi polmonari ed anche il cancro sono le consegueze per chi respira aria inquinata.

UNA SOLUZIONE NELLE PIANTE DI APPARTAMENTO

Alcune piante di appartamento, lo dice la scienza, ci aiutano a depurare l’aria.

Perché non approfittarne anche in uffcio ?

Ecco le piante più depurative:

-Lingua di suocera (Sanseveria trifasciata)

-Ficus

-Aloe

-Dracena

-Azalea

-Photos

-Gerbera

-Edera

-Filodendro

-Palma di bamboo

-Spartifillo

-Falangio

Salute – Stress curiamolo con il cibo – Ritrovare l’ energia senza appesantirsi come ? – Integratore ideale e low cost

Curare lo stress con il cibo ?

Oggi lo sostengono molti specialisti in nutrizione e medicina anti- aging; alcuni cibi hanno poteri di prevenzione per molte malattie.
Già all’alba della medicina si disse; siamo quello che mangiamo.

Energia senza appesantire come ?

Il meglio sarebbe assumere tutte le vitamine del gruppo B in quantità appropriata, magnesio in quantità necessaria (non sempre ne siamo carenti, prima un esame del sangue dovrebbe evidenziare la carenza; in caso contrario si possono avere PESANTI effetti collaterali, come dolorose contratture muscolari).

Le mandorle contengono tutto quanto sopra abbiamo elencato; mangiamole come snack o aggiunti alla colazione. Le migliori sono quelle non pelate, contengono anche una buona dose di fibre.

Dose consigliata 40 gr. al giorno.

Banane:
Quelle mature contengono più tiramina; aminoacido che stimola il sistema nervoso ed aumenta la resistenza psichica.

Contengono anche magnesio e potassio; quest’ultimo utile per la forza fisica.

Ottimale anche il contenuto in fibra che aiuta ad assorbire lentamente i glucidi.

Consigliata una banana al giorno.

INTEGRATORE LOW COST

1,3 litri di acqua
30 gr. zucchero di canna integrale
la punta di un cucchiaino di sale integrale o rosa dell’Himalaya
mezzo bicchiere di succo di limone.

Si beve ogni volta che si ha sete o durante uno sforzo fisico.

Non ha conservanti e coloranti, costa poco e si può portare anche in palestra o nello zaino o in bici ecc…

—————

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Salute – Attenzione alla protesi …. implantologia da imbroglio ?

Imbrogli sulle protesi / implantologie, ma per la legge italiana è legale

Vergognosi cavilli legali

Protesi dentaria di minore qualità e il paziente ha TORTO in tribunale !!!!

La legge italiana, lo scrivono i più noti quotidiani, ha dato torto al cliente di un dentista che aveva pagato per una protesi dentale in ceramica e aveva poi scoperto, perché ricoverato in ospedale per problemi di masticazione, che era di qualità enormemente inferiore; ovvero di resina.

La sentenza è della Cassazione, che ha assolto il dentista milanese di 51 anni che ha guadagnato ben 10.000 euro, sostituendo la protesi di ceramica promessa nel contratto, con una di più volgare e meno resistente resina.

La spiagazione della Cassazione: le accuse di frode che sono valide per  qualsiasi attività eocnomica, non lo sono per il dentista …. “attività ontologicamente diverse non assimilabili”.

NOI DICIAMO: vergognosi cavilli legali.

DOVE SONO LE ASSOCIAZIONI PER LA PROTEZIONE DEL CONSUMATORE, COSI’ NUMEROSE IN TUTTA ITALIA  ???

 

 

SALUTE – Aiutare il nostro sistema immunitario – Come prevenire le malattie ?

Il sistema immunitario è come un esercito che entra in funzione quando una malattia minaccia la nostra salute.

Malattie virali, batteriche, infiammazioni e anche il cancro … tutto viene aggredito da un sistema immunitario in buone condizioni.

Ma come mantenerlo al meglio ? In perfetta efficienza ?

Prima di tutto, perché il sistema immunitario si può indebolire ?

Dopo una malattia, un’influenza o altro il sistema immunitario è più debile.

Ma anche uno stress molto intenso e troppo prolungato può essere la causa della debolezza del sistema immunitario.

Ecco i cibi che ci aiutano a mantenere un sistema immunitario perfettamente efficiente:

-tanta frutta di stagione; ricca di vitamina C

-aglio e cipolla (l’importante è non mangiarne tantissimo, ne basta poco, ma frequentemente; la cipolla cotta ha anche una potente capacità depurativa)

-peperoni rossi e melanzane (ricchi di vitamina C)

-yogurt

-tè (combatte i radicali liberi, anche quello nero)

-patate dolci (antiossidanti)

-curcuma (una spezia che si usa anche in polvere; come il curry)

-salmone (contiene molti Omega3 che attivano i linfociti T, che ci aiutano a non ammalarci)

-cavoli, broccoli, cavolfiori … ; ottimi anti – tumorali

Quindi affrontiamo l’inverno con il buon proposito di prevenire le possibili malattie, anche quelle di stagione, mangiando bene e sano.

E’ OVVIO CHE IN CASO DI FEBBRE MOLTO ALTA O FEBBRE PERSISTENTE O PATOLOGIA GRAVE COME BRONCHITE ECC.. SOLO IL MEDICO E’ AUTORIZZATO A SCEGLIERE LA TERAPIA.

—————-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Regala e regalati una spa in Oman

Oman sulle-vette-di-Jabal-Akhdar-sorge-la-Spa-Alila.-Situata-a-2.000-metri-sopra-il-livello-del-mare
OMAN-Alila-Jabal-Akhdar-Spa
Oman Anantara-Spa-un-autentico-capolavoro-architettonico-realizzato-in-perfetta-sintonia-con-il-paesaggio

Le prestigiose Spa del Sultanato offrono rituali miracolosi in grado di risvegliare i cinque sensi

IN OMAN IL BENESSERE È DI CASA

Idee regalo detox dopo feste

Per lasciarsi alle spalle la malinconia invernale o per una remise en forme perfetta dopo le vacanze di Natale, quello che ci vuole è una fuga in una Spa.

L’Oman offre tante possibilità per rigenerare mente e corpo, grazie alle numerose Spa di lusso dei resort, dove lascarsi coccolare dall’alba al tramonto.

L’ampia gamma di trattamenti a disposizione e le location esclusive – in città, sulle vette delle montagne omanite oppure vista mare –  rendono questi luoghi dei veri e propri santuari del benessere, dai quali non si vorrebbe mai uscire.

Situata nell’elegante quartiere di Al Khuwair, a pochi passi dalla spiaggia e non lontano centro di Mascate, The Spa at The Chedi Muscat è, con i suoi 800 m2, la Spa più grande della capitale (da 492 euro a notte).

Distribuita su due piani e composta da 13 suite, l’intera struttura è decorata con pannelli in legno scuro e arredata con mobili in vimini. Al suo interno, vistosi dettagli arabeggianti e minimalismo orientale convivono alla perfezione, mentre le luci calde e soffuse completano l’atmosfera.

Il centro presenta un menu tra i più completi: aromaterapia, ayurveda, trattamenti per il viso e il corpo, riflessologia plantare, scrub, impacchi, massaggi tailandesi, balinesi, tibetani e con le pietre calde dell’Himalaya che, posizionate sui punti chakra, combattono lo stress e riducono la tensione muscolare.

Da provare, da soli o in coppia, i bagni aromatizzati con essenze profumate, come petali di rosa e champagne per il Love Bath oppure uva bianca e olio essenziale di May Chang per l’Oriental Bathing Ceremony.

I prodotti utilizzati sono 100% organic e i brand prescelti sono Voya, Sundari e Sparitual. Al piano inferiore è presente anche una palestra con personal trainer, pesi e macchine per il pilates.

Il Golfo omanita fa da sfondo all’affascinante Shangri-La Al Husn Resort & Spa, riaperto lo scorso ottobre e situato vicino al “gemello” Shangri-La Barr Al Jissah Resort & Spa. “Al Husn” significa “castello” e, in effetti, la sensazione è proprio quella di trovarsi all’interno di un palazzo arabo, dotato di ogni comfort e servizio.

Nonostante si trovi a 35 km dal centro di Mascate (Mascate, la capitale portuale dell’Oman, in arabo: مسقط , Masqaṭ) e a 45 minuti dall’aeroporto, gli ospiti qui possono godere della massima privacy e tranquillità.

In attesa dell’apertura della Hareer Spa by L’occitane, prevista per gennaio 2018, gli ospiti possono rilassarsi presso la CHI, The Spa dello Shangri-La Al Jissah, composta da ben 12 ville, saune e stanze adibite al bagno turco.

Massaggi terapeutici e rivitalizzanti, stone therapy, stretching, idroterapia e meditazione qui si uniscono per aiutare il “Qi”, la forza vitale universale, a scorrere liberamente all’interno del corpo.

Da provare, il Traveler’s Retreat, un trattamento di tre ore che, grazie a bagni a base di olii essenziali e a massaggi rinvigorenti, riduce gli effetti del jet lag.

Infine, la CHI Water Oasis, consente ad ognuno di trovare il proprio equilibrio come preferisce, scegliendo tra l’idromassaggio, un bagno turco alle erbe, docce tropicali e una fontana di ghiaccio capace di risvegliare tutti i sensi.

Club privato ladies-only a Mascate – Six Senses Spa dell’Al Bustan Palace

Tra le novità a Mascate, la Six Senses Spa dell’Al Bustan Palace, che ha riaperto recentemente in seguito alla ristrutturazione.

La Spa, posizionata a pochi passi dal mare, è ospitata all’interno di un forte in stile arabo, per un totale di 3.000 m² di puro lusso.

La particolarità di questa oasi di benessere è quella di essere divisa in aree per maschi e per femmine, con tanto di club privato ladies-only.

Nelle 17 sale a disposizione vengono effettuati trattamenti personalizzati che variano a seconda della stagione.

Per immergersi nel mood relax, si consiglia di provare l’hammam, un’antico rituale di bellezza che libera il corpo da ogni impurità, lasciando la pelle liscia e morbida.

Meritano di essere provati anche i trattamenti viso, tra cui quelli antietà con estratti di papaya e vitamina C oppure i facial che sfruttano le proprietà benefiche dell’oro 24k. Completano questo tempio di benessere saune, padiglione yoga, palestra e aree relax con healthy bar e libri a disposizione.

È firmata Six Senses anche la Spa delloZighy Bay, nel Musandam. La penisola omanita si rivela il luogo ideale per sfuggire dallo stress quotidiano: qui anima e corpo troveranno calma assoluta.

I punti di forza della Spa sono i trattamenti ispirati alla filosofia olistica e la possibilità di consultare un guru del benessereche saprà svelare preziosi segreti per una forma psicofisica smagliante, grazie anche alla conoscenza della medicina alternativa.

I trattamenti sono molteplici e includono massaggi energizzanti e rilassanti, aromaterapia, ayurveda e trattamenti per il viso a cinque stelle, come quello a base di collagene, acido ialuronico e estratti marini. Sono inoltre disponibili due hammam marocchini (tradizionale e royal), due piscine, una di acqua dolce e una di acqua salata, un juice bar, diverse boutique e una palestra che soddisferà anche gli ospiti più esigenti.

2.000 metri sopra il livello del mare Spa Alila

Spostandosi verso le montagne, sulle vette di Jabal Akhdar sorge la Spa Alila.

Situata a 2.000 metri sopra il livello del mare, con vista su un canyon immenso, la Spa Alila è molto più di un centro benessere: oltre ad esser stata progettata nel completo rispetto dell’ambiente circostante – fattore che le ha consentito di ottenere la certificazione LEED – Alila offre un concetto unico di Spa, declinato in una serie di pacchetti wellness davvero speciali.

L’obiettivo è quello di coccolare gli ospiti dalla testa ai piedi; per questo motivo non mancano trattamenti a base di avocado e cocco per capelli luminosi e forti, bagni con olii essenziali e massaggi adatti a tutte le età, persino per bambini.

Ma i trattamenti più gettonati sono quelli che sfruttano le potenzialità della natura, come i massaggi sotto il cielo stellato oppure le “Alila Experiences”, una all’alba per risvegliare i cinque sensi attraverso il rituale tai chi con tanto di colazione detox a seguire, e una al tramonto, un momento prezioso per liberare i polmoni, distendere la muscolatura, riattivare la circolazione sanguigna e prepararsi per immagazzinare nuove energie per il giorno successivo. Il pacchetto “Sunset Dreams” comprende anche una cena preparata dall’executive chef e una tisana della buonanotte.

La “montagna verde” omanita ospita un altro gioiello: l’Anantara Spa, un autentico capolavoro architettonico, realizzato in perfetta sintonia con il paesaggio. Gli interni sono il risultato di un mix perfetto tra dettagli omaniti, arabeggianti e orientali.

Il lusso è di casa e si esprime attraverso dettagli minimal senza mai ricadere nell’opulenza: questo equilibrio tra semplicità e ricercatezza ha consentito all’Anantara Spa di aggiudicarsi la medaglia d’oro nella categoria Spa & Wellness dei prestigiosi AHEAD Awards.

L’architettura curata in ogni particolare costituisce il setting perfetto per ritrovare l’equilibrio tra mente, corpo e spirito, attraverso un mix di terapie tradizionali e innovative.

Da provare, i Signature Treatments che sfruttano le proprietà della rosa damascena, del melograno e dell’incenso, le tre principali ricchezze che la natura omanita offre. Non mancano hammam, massaggi a quattro mani, scrub e maschere per il viso miracolose, rituali su misura per lui e per lei. Se sognate un po’ di tempo per voi stessi, lontano dalla frenesia della vita quotidiana, questo è il posto che fa per voi.

Idee regalo detox

Per un’idea regalo last minute e diversa dal solito, è possibile consultare i siti online delle Spa. The Chedi, ad esempio, propone dei rimedi detox portentosi. In particolare l’Ila Himalayan Cristal Body Polish stimola la circolazione e rimuove le cellule morte grazie alle potenzialità del sale rosa dell’Himalaya combinate con essenze come ginepro, geranio e papavero. Chi ha la pelle delicata, può scegliere il Ren Guerande Salt Exfoliating Body Balm, un trattamento esfoliante a base di sale grigio di Guérande, basilico e olii essenziali di menta, combinati con olio di oliva e di mandorla per nutrire la pelle. Al termine del trattamento, il corpo viene avvolto da asciugamani caldi profumati con olii essenziali e viene applicato una crema lenitiva alla rosa. Ulteriori informazioni.
Alla Spa dello Zighy Bay ci si lascia trasportare da un viaggio sensoriale attraverso le meraviglie dell’Oman: Wonders of Oman è un rituale di 3 ore ispirato alla tradizione omanita e alle ricchezze del territorio. Si inizia con un bagno caldo con cristalli di sale marino e menta, proseguendo poi con uno scrub per il corpo a base di datteri, miele e polvere di mandorla. La seconda parte del trattamento comprende un bagno Rasul, un autentico cerimoniale di purificazione della tradizione araba, e un massaggio drenante. Scopri di più.
La Spa Alila ha una soluzione per ogni componente della famiglia, con un menu che include massaggi specifici per le future mamme, trattamenti per gli under 16 come il Yummi Skin-Scrub a base di aloe vera, avocado o cetriolo e coccole per i più piccini, tra cui il Little Diva Massage, un bagno con olio essenziale di lavanda e massaggio con olio di cocco. La brochure della spa è scaricabile qui.

Alila Jabal Akhdar Spa

Ufficio del Turismo Sultanato dell’Oman
Il Sultanato dell’Oman è situato nella porzione sud-orientale della penisola arabica, ha un’estensione maggiore dell’Italia con i suoi 309.500 km²  e conta circa 2.400.000 abitanti. Punto di incontro tra l’Asia e l’Africa, l’Oman è un paese montuoso circondato da deserti che si affaccia sull’Oceano Indiano e sul Mar d’Arabia. Caratterizzato da 3 climi diversi, temperato, desertico e tropicale, l’Oman si raggiunge in meno di 8 ore di volo dall’Italia ed è a sole +3 ore di fuso (+2 quando in Italia vige l’ora legale). Il Sultanato ospita diversi siti annoverati fra i patrimoni UNESCO e interessanti percorsi culturali come la via dell’incenso, nella regione del Dhofar. La capitale Mascate, i wadi e le montagne, il deserto e i piccoli villaggi sono i guardiani di antiche tradizioni e dell’affascinante natura del Sultanato. Quasi fosse sospeso nel tempo, l’Oman si apre al moderno con un occhio di riguardo per le proprie tradizioni: sport estremi e animati suq, lussuosi resort con moderne SPA convivono con antiche fortezze e tradizioni dei popoli del deserto.

Salute – INTEGRATORI – ATTENZIONE !!!

INTEGRATORI PERICOLOSI

per la vostra salute !!!

Integratori SOLO 90 prodotti su 203 contenevano solo le SOSTANZE DICHIARATE IN ETICHETTA 

La Guardia di Finanza di Torino ha effettuato l’ennesimo sequestro di integratori che contenevano anabolizzanti (finiti anche nei negozi di una gradissima catena di prodotti per lo sport in tutta Italia)

PERCHE’ SONO PERICOLOSI COSA SONO GLI ANABILIZZANTI

Uno studio pubblicato a metà novembre si “Hapatology” dimostra che:

-il 20% di garvi lesioni al fegato (negli USA), è dovuta all‘assunzione di integratori nutrizionali !

-Il fenomeno della tossicità per il fegato è noto da tempo, il network DILIN, ha analizzato più di 200 integratori portati da pazienti sofferenti di epato-tossicità.

Ecco il risultato: SOLO 90 prodotti su 203 contenevano solo le SOSTANZE DICHIARATE IN ETICHETTA.

Coldiretti, in Italia, ha elaborato un elenco dei cibi più pericolosi per la salute:

al secondo posto sono risultati i PRODOTTI DITETICI E INTEGRATORI.

 

SIATE CAUTI NELL’ ACQUISTO DI PRODOTTI DITETICI E INTEGRATORI LEGGETE BENE GLI INGREDIENTI (ma non basta visto che molti non scrivono tuttti gli ingredienti) E ASCOLTATE PRIMA IL MEDICO.