Archivi categoria: + BELLE E SANE

bellezza, preservare la bellezza, belle a ogni età, come mantenetesi belle? come mantenersi sempre giovani?

SALUTE E BELLEZZA – “ gambe pesanti ” – ARRIVERA’ IL CALDO … il sole …

Inestetismi e “gambe pesanti”

potrebbe essere malattia venosa

  • Ne soffre 1 donna su 2, tra i 35 e i 45 anni, ma 7 su 10 non la conoscono
  • La salute delle gambe passa da un corretto stile di vita e dalla cura del nostro organo più esteso: l’endotelio
  • Al via “Donne In Gamba”: una campagna social al femminile per imparare a prendersi cura di sé, a partire dalle gambe. Testimonial l’attrice e conduttrice TV Tamara Donà

 Senso di gonfiore e pesantezza alle gambe, dolore e indolenzimento, spesso associati alla comparsa di capillari e varici: per più di 1 donna su 2 si tratta di disturbi comuni, più o meno occasionali, influenzati dalla familiarità e legati all’invecchiamento.

Solo il 32% li inquadra come espressione di una patologia sottostante, la malattia venosa cronica, che interessa fino all’80% della popolazione, le donne tre volte in più degli uomini, e che può insorgere già a partire dai trent’anni.

Malattia complessa sì, ma dal destino non ineluttabile: la salute delle gambe, infatti, passa da un corretto stile di vita e dalla cura del nostro organo più esteso, l’endotelio, il tessuto che riveste la superficie interna degli oltre 50mila chilometri di vasi sanguigni di cui è fatto il corpo umano, e che interviene nei processi infiammatori alla base della malattia venosa cronica.

Se ne è discusso oggi a Palazzo Giureconsulti di Milano, nel corso dell’evento “Donne in Gamba. Imparare a prendersi cura di sé, a partire dalle gambe”, promosso da Mediolanum Farmaceutici.

“La malattia venosa cronica è una patologia causata da disfunzioni nei meccanismi di ritorno del sangue dalla periferia verso i polmoni.

Nelle vene degli arti inferiori, il sangue deve compiere un percorso contro la forza di gravità, possibile solo grazie a valvole che si aprono all’arrivo del sangue sospinto dai muscoli e dalla pompa plantare, e si richiudono dopo il suo passaggio per impedire che ritorni verso il basso”, spiega Angelo Santoliquido, Responsabile Unità di Angiologia, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma.

Già verso i trent’anni, però, complici anche la gravidanza,la sedentarietà, il sovrappeso, unitamente alla predisposizione genetica, le pareti delle vene cominciano a perdere elasticità e le valvole tendono a dilatarsi, provocando quella serie di sintomi fastidiosi – gonfiore, pesantezza, dolori, crampi – che, se non si interviene tempestivamente, tendono a progredire con la formazione di vene varicose che possono degenerare in edemi, ulcere, fino ad arrivare all’evenienza estrema della trombosi.

Per questo motivo “anche in assenza di segni estetici evidenti, alla presenza di questi disturbi è sempre consigliabile il consulto di uno specialista per una corretta diagnosi della malattia”, aggiunge il prof. Santoliquido.

“Le donne non hanno consapevolezza del significato dei diversi sintomi associati alla malattia venosa: quasi 7 su 10ignorano che possono essere segnali di una patologia cronica, tant’è che solo il 30% si rivolge al medico per intraprendere un percorso di cura”, afferma Paola Parenti, Vice President DoxaPharma, commentando i risultati di un’indagine condotta su oltre 500 italiane tra i 35 e i 45 anni.

La scarsa conoscenza del problema – continua l’esperta – si scontra però con il peso dei sintomi sulla qualità di vita, anche delle giovani donne: ben 1 donna su 2,tra i 35 e i 45 anni, dichiara di aver sofferto o di soffrire di disturbi alle gambe, in particolare gonfiore (37%), presenza di vene varicose (19%), pesantezza (18%), dolore (13%). Non va poi trascurato che per 1 donna su 2 la malattia venosa ha un impatto psicologico notevole, dovuto soprattutto alla visibilità degli inestetismi (65%) e alle limitazioni nello stile di vita (43%)”.

 Se non è possibile agire su fattori di rischio quali la familiarità, il sesso, l’età, è invece possibile fare prevenzione intervenendo sulle abitudini di vita quotidiane:

controllare il peso,

fare attività fisica,

evitare di stare sedute o in piedi ferme per troppo tempo

usare scarpe e indumenti comodi che rispettino la nostra anatomia e non creino un ostacolo al ritorno venoso.

Sovrappeso e obesità possono peggiorare i disturbi della circolazione, rallentando il flusso del sangue verso il cuore.

Per questo motivo consigliamo di arricchire la dieta con frutta e verdura che, oltre a favorire il controllo del peso, forniscono vitamine e nutrienti ad azione antinfiammatoria e antiossidante che preservano l’integrità dei vasi”, spiega Ambra Morelli dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID).

Anche l’idratazione – prosegue la dietista – è fondamentale per un buon funzionamento del sistema cardiovascolare. Infine, sarebbe opportuno mantenere il più possibile le gambe in movimento durante il giorno, magari preferendo le scale all’ascensore o scegliendo di andare a piedi per piccoli spostamenti”.

 

“È consigliata anche la somministrazione di terapie specifiche”, conclude il Prof. Santoliquido.

Il trattamento efficace non è quello che riduce soltanto l’intensità dei sintomi – come accade, ad esempio, con gli integratori alimentari – ma che agisce sulla causa del problema, ovvero l’infiammazione, con il duplice effetto sia di limitare la progressione della malattia, sia di migliorare i sintomi.

Esistono diversi farmaci di provata efficacia clinica, tra i quali il mesoglicano che, essendo costituito dagli stessi componenti di cui è fatto l’endotelio, lo ‘nutre’ correggendone le disfunzioni e agendo così sul tono del microcircolo venoso”.

 “È importante sensibilizzare le donne a non trascurare i primi campanelli d’allarme della malattia venosa, il primo passo verso una diagnosi corretta e un percorso di cura più tempestivo e consapevole. Il mesoglicano, molecola ‘made in Italy’, frutto della ricerca e sviluppo di Mediolanum Farmaceutici, rappresenta una valida opzione terapeutica che siamo orgogliosi di poter mettere a disposizione delle donne che soffrono di malattia venosa”, dichiara Alessandro Del Bono, Amministratore delegato di Mediolanum Farmaceutici.

 È anche a queste donne che si rivolge la campagna “Donne in Gamba”, un’iniziativa social al femminile che coinvolgerà le piattaforme Facebook e Instagram, per condividere esperienze e scambiarsi consigli per affrontare con grinta ogni situazione (#proteggiletuegambe).

Vite intense e stimolanti contraddistinguono le donne dei nostri tempi, divise tra studio, lavoro, famiglia e mille impegni.

Ma per essere veramente “in gamba” bisogna innanzitutto imparare a prendersi cura di sé, a partire dalle gambe.

Queste ultime sono state protagoniste, nel corso dell’evento, di una performance di body art dal vivo eseguita dalla pittrice Manuela Iniart che utilizza il corpo femminile come tela su cui dipingere.

 

Prodotti di bellezza e salute – shampoo e gel doccia che non danneggiano la pelle e l’ ambiente

98% di ingredienti naturali e lo si può verificare leggendone l’elenco

OTTIMO RAPPORTO QUALITA’ / PREZZO

1 confezione piccola e una sola pressione sul beccuccio erogatore = 30 shampoo = 30% di plasticata in meno = 50% di riduzione delle emissioni di gas serra.

Gel doccia concentrato, per una perfetta pulizia –  anche senza rimanere per lunghi tempi sotto la doccia e consumare molta acqua per sciacquarsi; come accade con prodotti che aderiscono inutilmente alla pelle, lasciando poi una sensazione di secchezza.

Confezioni piccole e concentrate per un trasporto più ecosostenibile; per minore produzione di plastica e carburante/inquinanti nel trasporto.

Qualità superiore a tanti prodotti più cari.

Shampoo concentrato che fa brillare i vostri capelli pur utilizzando ingredienti che non danneggiano la cute e l’ambiente.

Molti prodotti hanno un aspetto e un design studiati per apparire ecologici, ma NON lo sono affatto.

Solo la lettura degli ingredienti e la serietà del marchio produttore, possono garantirne la reale ecosostenibilità.

Tra questi, il super-collaudato marchio Yves Rocher.

Linea: I LOVE MY PLANET

Consigli e condivisioni di esperienze su:
#ILOVEMYPLANET
.

 

Salute di bambini – ragazzi – adulti – Pericolo grassi TRANS

L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SALUTE:

ha dichiarato guerra ai GRASSI TRANS

nelle merendine, prodotti da forno, dolci , biscotti… fritti (scadenti)

RESPONSABILI DELLA MALATTIE CARDIACHE  

per il miglioramento della salute umana.

I GRASSI TRANS SONO PRESENTI IN:

-margarina

-fritti (da oli scadenti o non cambiati frequentemente)

  • poiché sono più duraturi degli altri grassi e quindi abbondano nei prodotti a lunga conservazione come;
  • MERENDINE
  • PRODOTTI DA FORNO
  • formaggi e gelati scadenti
  • pizze e pizzette varie
  • FRITTI.

L’OMS raccomada che, non più dell’1% delle calorie quotidiane, può provenire da grassi trans; se vogliamo mamtenerci in salute

 

Salute – Salviamo i nostri occhi dal sole

SALUTE E OCCHI

OCCHIO AL SOLE !!!

Ci riempiamo di creme solari, anche quando non servono (mattino sino alle ore 11 e dopo le 17)

IL SOLE PROVOCA AGLI OCCHI PIU’ DANNI CHE ALLA PELLE !!!

SE LA LENTE NON E’ DI QUALITA’ O CHIARA NON PROTEGGE GLI OCCHI DAI DANNI DEL SOLE

Solo lenti fotocromatiche dalla alte caratteristiche tecniche

informiamoci

Salute – Occhi in pericolo senza buoni occhiali

I PIU’ GRAVI  SONO I DANNI PROVOCATI AGLI OCCHI DAL SOLE DI ALTA MONTAGNA !!!

In montagna è fondamentale proteggere gli occhi da sole e vento

Oggetto: MONTAGNA: la protezione degli occhi in alta quota con gli occhiali Julbo e il ritorno di un classico

L’ESTATE CON JULBO: MODELLI PER L’ALTA MONTAGNA E CHAM, IL RITORNO DI UN CLASSICO

Proteggere gli occhi è fondamentale in alta montagna e Julbo, nel corso della sua storia, non si è mai fermata nella ricerca di soluzioni innovative e nella proposta di occhiali che sappiano rispondere alle esigenze degli alpinisti.

Per l’estate alle porte l’azienda francese propone agli amanti dell’outdoor Shield e Monterosa con lenti fotocromatiche per la massima prestazione.

E poi Cham, l’occhiale retrò con scocche in cuoio e lenti specchiate che si ispira al modello del 1950 e che può essere indossato anche in città, per uno stile unico.

Hashtag di riferimento:#TheWorldNeedsYourVision #Julboeyewear

In montagna è fondamentale proteggere gli occhi da sole e vento e Julbo, storica azienda francese di occhialeria sportiva, sviluppa occhiali per rispondere a questa esigenza.

JULBO_PE18_cham
JULBO_PE18_shield_j5063112_zebra
JULBO_PE18_cham_

Una mission iniziata nel 1888 con la realizzazione dei primi occhiali per cercatori di cristalli di Chamonix e che prosegue con la creazione del modello Vermont da ghiacciaio nel 1950.

Da quel momento, grazie all’investimento nella ricerca e nello sviluppo di modelli innovativi, Julbo ha saputo proporre occhiali capaci di adattarsi alle esigenze degli alpinisti e degli amanti dell’outdoor. Nella proposta 2018 si annoverano Shield, per lui, e Monterosa, per lei, realizzati con lenti fotocromatiche dalla alte caratteristiche tecniche e Cham, rivisitazione del modello classico da alpinismo con scocche laterali in cuoio e lenti a specchio, da portare con sé anche in città.

JULBO_PE18_SHIELD
Protegge gli occhi in montagna come uno scudo
Novità Julbo per la primavera/estate 2018: il modello Shield unisce un design moderno e attuale alla protezione e sicurezza necessarie durante le avventure in montagna. Occhiale idoneo per qualsiasi terreno, anche in presenza di neve in alta quota, Shield offre un campo visivo molto ampio e massima protezione grazie all’alta qualità delle lenti fotocromatiche e polarizzate e alle protezioni laterali.
Le protezioni laterali sono realizzate in morbido tessuto che risulta delicato sulla pelle della zona intorno agli occhi e sono amovibili, per poter indossare l’occhiale anche dopo una giornata in montagna. Shield è inoltre dotato di aste sagomate antiscivolo e grip nose che permettono all’occhiale di rimanere in posizione con qualsiasi movimento e di piccoli fori sulla montatura, esattamente sopra e sotto l’area della lente, per una perfetta ventilazione, evitando così la formazione della condensa. La forma rettangolare lo rende un modello dallo stile elegante ma anche audace.
Shield è disponibile con lenti Zebra (fotocromatiche, di categoria 2-4) e con lenti Cameleon (fotocromatiche e polarizzate, di categoria 2- 4) reattive alle variazioni di luce.
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Cameleon: Euro 190,00
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Zebra: Euro 150,00

JULBO_PE18_MONTEROSA
Donna in montagna, donna in città
Modello femminile ideato sia per l’alta montagna e le condizioni estreme, sia per l’utilizzo urbano, grazie alle protezioni laterali amovibili, alle lenti speciali e alla forma ergonomica.
Disponibili con lenti Cameleon, fotocromatiche, antiappannanti e polarizzate per una visibilità perfetta in montagna e con lenti Zebra¸ fotocromatiche e anti-appannamento.
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Cameleon: Euro 180,00
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Zebra: Euro 130,00

JULBO_PE18_CHAM
Il ritorno di un classico
Julbo si ispira al suo modello tradizionale e iconico da alpinismo per proporre un nuovo occhiale con le scocche laterali in cuoio e lenti a specchio ad alte prestazioni. Un modello che è un’alchimia perfetta tra metallo e morbida pelle, tra tradizione e modernità, per uno stile unico in montagna e in città. Cham è proposto in tre varianti colore: nero, marrone e bianco.
Prezzo consigliato al pubblico: Euro 120,00

Per maggiori informazioni: www.oberalp.com – www.julbo.com

INTOLLERANZE; NON STIAMO ESAGERANDO?

L’articolo è scritto dalla giornalista G.Seregni iscritta all’UGIS: Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

La sovrabbondanza di cibo, medicine e inquinamento ci ha reso tutti più fragili?

E’ sempre più frequente ascoltare amici che dichiarano di avere scoperto di essere intolleranti a qualcosa: al glutine, al lattosio ecc…

Le allergie vere e proprie, poi, sono diventate quasi  pane quotidiano per i bambini.

Viene naturale ricordare che quaranta anni fa era assai raro incontrare persone che dichiarassero allergie, quindi qualcosa è cambiato, o siamo cambiati noi?

Cominciamo con il precisare che gli effetti di una dieta sono soggetti ad  un enorme quantitativo di variabili che influiscono sulla nostra salute; per esempio: i nostri geni, lo stile di vita ecc…

Isolare le variabili dovute solo ad un certo tipo di cibo richiederebbe una ricerca tra un enorme quantitativo di persone e decenni di ricerca.

Al momento questo non è stato fatto, quindi le deduzioni relative alla nostra dieta si possono sempre definire approssimative. Si va per tentativi ed errori.

All’inizio ti tolgono il pomodoro, poi il latte, poi gli agrumi (è solo un esempio) e poi magari ti senti meglio perché una dieta ristretta e severa comunque ha un effetto disintossicante e può fare anche molto bene.

Peccato che può anche fare male, se al persona curata è carente di qualche sostanza la quale viene ancora più ridotta a causa di queste dite a volte troppo limitative.

DA RICORDARE (quasi mai i medici ne sono al corrente, leggono i dati su giornali di categoria e questo a loro basta; oppure ricevono informazioni durante i congressi, ma non hanno mai tempo o interesse, per approfondire la logica e su quali dati si basano le ricerche) : le diete propinate si basano, al massimo, su studi su cavie da laboratorio che vivono solo due anni  e hanno diete ultraregolate, non paragonabili a quelle umane.

Ovviamente non si devono confondere le intolleranze con le vere e proprie allergie, queste ultime vere e proprie reazioni immunitarie (anche gravi sintomi cutanei, respiratori o digestivi).

A questo proposito varrebbe la pena di leggere anche l’articolo al link:

https://www.donnecultura.eu/?p=20285

dove si parla delle relazioni tra gli alimenti OGM (Organismi Geneticamente Modificati o transgenici) e la salute dell’uomo e degli animali.

Le intolleranze, al contrario non hanno una chiara reazione immunitaria, ma solo impossibilità di digestione.

Basti pensare che il latte, se non ingerito regolarmente, da dei problemi di digestione che , una volta, si risolvevano semplicemente riabituando il corpo a produrre quanto necessario per la sua normale  digestione; ovvero aggiungendo ogni giorno un cucchiaino in più di latte ad una tazza di te. Semplice ed efficace. Oggi, invece, si vende del latte speciale per la gioia di chi lo produce!

PER LE INTOLLERANZE ALIMENTARI I TEST ATTENDIBILI SONO POCHISSIMI E RIGUARDANO SOLO GLUTINE E LATTOSIO.

I TEST, PER ALTRI ALIMENTI OLTRE IL LATTOSIO E IL LUTINE, PROPOSTI DA FARMACIE E AMBULATORI NON SONO ACCETTATI DA TUTTA LA COMUNITA’ SCIENTIFICA COME VALIDI, MA SOLO DA UNA PARTE DI ESSA.

I test “alternativi” poi, portano solo a diete che causano gravi carenze.

Comunque i test vanno sempre interpretati alla luce della storia del paziente.

Abbiamo riportato le opinioni del prof. Lorenzo Maria Donini, docente di Fisiologia della Nutrizione Università La Sapienza Roma e della prof.ssa Elisabetta Bernardi, nutrizionista, docente all’Università di Bari, autrice della trasmissione Rai Superquark.

 Trend in crescita esponenziale per diverse cause: i dati dell’Istituto Superiore di Sanità.

Un trend in crescita esponenziale per diverse cause: i dati dell’Istituto Superiore di Sanità riferiscono che il 7,5-8% dei bambini e il 2% della popolazione adulta soffrono di ‘reazioni avverse ad uno o più cibi’ che si manifesta con sintomi esclusivamente gastrointestinali: dolori addominali, crampi, diarrea, vomito.

OPINIONI DIVERSE:

Al contrario delle allergie classiche, nelle reazioni avverse

non c’è coinvolgimento del sistema immunitario e rilascio di istamina e la terapia si basa principalmente sull’eliminazione dell’alimento dalla dieta. Nonostante

-solo un terzo delle intolleranze sia diagnosticato con il Test della Provocazione Orale, considerato il Gold Standard per la conferma della diagnosi,

gran parte della popolazione ritiene di essere ‘intollerante’ a qualche alimento, condizione a cui attribuisce ad esempio un malessere generale, sintomi aspecifici e l’incapacità a perdere peso. Inoltre sotto a questo grande capitolo vengono introdotti 

-anche le avversioni ad alcuni cibi legati ai gusti personali e i condizionamenti psicologici.

Una singolare ipotesi eziologica è quella formulata dalla Dottoressa Edi Salvadori, psicopedagogista e counselor è che

dietro al rifiuto di un cibo da parte dell’organismo ci sia una emozione non riconosciuta e riconducibile all’alimento stesso. Ne consegue che alla

rimozione del blocco emotivo, il sintomo scompaia. Approccio particolarmente utile quando l’intolleranza riguardi alimenti difficili da eliminare completamente come le uova, il latte ecc.

“Nella mia esperienza professionale” sostiene la Dott.ssa Salvadori “mi sono accorta che

-le intolleranze alimentari nascono, essenzialmente, dalla nostra incapacità di ascoltarci, di ascoltare i nostri desideri più profondi, di dare fiducia alla saggezza antica del nostro corpo”. Ecco quali sono le più comuni e le relative  correlazioni sintomatiche:

Mela = Senso di colpa. La correlazione nasce dalla simbologia che associa questo frutto al peccato. Le persone che si sentono in colpa perché hanno atteggiamenti arroganti nei confronti delle persone con cui hanno un legame affettivo più profondo e scagliano su di loro la rabbia inespressa possono sviluppare questa intolleranza che si manifesta con gonfiore a livello addominale o crampi.

Latte = Legame figura materna. E’ una intolleranza legata alla presenza di una madre ansiosa (per paura del distacco, perché ha vissuto un aborto, ha subito violenze, per proteggere la prole)  o una assente, (perché presa dai suoi problemi lavorativi, esistenziali, dai suoi disagi relazionali). Le persone che si sentono un peso per la madre sviluppano insicurezza e spesso intolleranza verso l’alimento che li ha nutriti, perché si carica di stati emotivi che l’organismo non riesce più a “digerire”. Disturbi digestivi, senso di gonfiore o peso diventano i compagni di vita di queste persone. L’intestino è  correlato al secondo chakra che, a sua volta, è correlato alla relazione con la figura materna, per cui una sua distorsione genera un blocco energetico che può provocare la sintomatologia. L’ intolleranza al latte, che compare in età adulta, può esprimere un conflitto irrisolto, che si muove tra il bisogno di fusione e quello di autonomia, oppure è l’effetto di una madre ambivalente, o dal comportamento opprimente. Quando si presenta in un neonato, potrebbe essere l’espressione della relazione con una madre depressa, che non riesce ad accudire il figlio. Trovarsi nella condizione di dover eliminare il latte dalla propria dieta vuol dire “stare alla larga” dagli zuccheri che compongono il latte e che simbolicamente, possiamo associare al bisogno di dolcezza/affetto. Chi non ‘digerisce’ il latte presenta quindi un’ambivalenza fra il bisogno di ricevere dolcezza, amore, affetto, e l’impossibilità di accettarla, accoglierla.

Glutine = Difficoltà di intessere relazioni stabili e paura dell’invischiamento, soprattutto nel contesto familiare. Solitamente i soggetti che  sviluppano questa intolleranza sono persone vissute all’interno di contesti familiari particolarmente “fagocitanti”, dove non è stato facile rivendicare la propria individualità. Potremmo vedere questa intolleranza

come il grido di quelle parti bambine che hanno bisogno di essere viste, di essere al centro dell’attenzione, solo che noi dobbiamo recuperare la percezione che prima di essere importanti per gli altri lo dobbiamo essere per noi stessi, in modo da non essere prevaricati. La paura di un coinvolgimento eccessivo può generare la difficoltà di intessere delle relazioni stabili e profonde, facendoci vivere come delle “api” che vanno di fiore in fiore. I sintomi fisici sono a livello gastrico ed intestinale

Prezzemolo = Difficoltà di porre dei confini. Questa intolleranza può insorgere in quelle persone particolarmente disponibili, gentili, responsabili, sempre pronte a mettere da parte il proprio sentire, al punto tale che non pongono dei confini per cui si lasciano invadere continuamente. Questa intolleranza deve indurre la persona a riflettere che è arrivato il momento di scrollarsi di dosso delle responsabilità eccessive di cui si sta caricando, per eccesso di disponibilità, iniziando a dire dei NO. Alla base di questa intolleranza c’è una bassa autostima e il desiderio di compiacere gli altri.

Carne = Stile di vita frenetico e caotico. Fare tante cose contemporaneamente, non riuscire a stare fermi e quando lo si fa sentirsi in ansia, con un forte stato di angoscia,  ci può portare a prestare attenzione verso il fare e non il sentire. L’azione ci impedisce di pensare, di ascoltare il disagio che c’è dentro di noi. Quando il corpo non regge più questo meccanismo, in quanto emerge un forte stato di stress e di stanchezza, anche come conseguenza di un sovraccarico energetico del fegato. Questa intolleranza può essere l’espressione di persone che non si concedono nemmeno il tempo per nutrirsi, proprio perché la carne necessita di tempi più lunghi per la masticazione e l’assimilazione.

Cioccolato fondente = Vita sessuale vissuta come senso del dovere e non del piacere, Cioccolato al latte = Bisogno di coccole, di affetto, di dolcezze. Il cioccolato, simbolicamente, rappresenta uno dei piaceri della vita , ma quando questa è costellata di dovere non è facile lasciarsi andare nemmeno nell’intimità, così come potremmo non concederci di esternare il nostro bisogno di essere amati. Si tende a compensare ciò che manca con questo alimento, fino al giorno in cui non sarà più sufficiente e il nostro corpo lo esprime con l’intolleranza. L’intolleranza alla cioccolata e quella alla caffeina insorgono in persone particolarmente rigide con se stesse, con un grande senso del dovere e con una forte responsabilità. Soggetti che pensano che ciò che ottengono deve essere sempre il frutto di grandi sacrifici, e se ottengono qualcosa facilmente non se lo godono Per assurdo gli unici momenti che si concedono potrebbero essere proprio le pause caffè ma l’estrema rigidità della personalità genera l’intolleranza.

Terme – SALUTE E BENESSERE – LEVICO E VETRIOLO

SALUTE E BENESSERE ALLE TERME DI LEVICO E VETRIOLO

 

Hanno riaperto il 16 aprile le Terme di Levico apprezzate per le acque arsenicali-ferruginose, uniche in Italia e rare in Europa, che sgorgano a ben 1.600 m di quota nella catena del Lagorai quale prezioso rimedio naturale per la salute di adulti e bambini. 

Oltre alle cure termali convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale, il reparto “Thermal e Beauty Space” propone vari trattamenti di bellezza e di benessere.

 L’acqua termale di Levico, nota come “Acqua Forte”, è di origine meteorica e ha origine nell’incontaminata catena del Lagorai:

filtrando attraverso le rocce entra in contatto con giacimenti metalliferi e si carica di preziosi elementi minerali (quali ferro, solfati e rame), acquisendo le eccezionali proprietà terapeutiche che hanno contribuito a rendere famosa la cittadina ottocentesca di Levico.

L’acqua solfato-arsenicale-ferruginosa calcio magnesiaca delle Terme di Levico e Vetriolo aiuta ad alleviare i dolori articolari, a lenire dermatiti e psoriasi e a trattare le affezioni delle vie respiratorie di grandi e piccini attraverso una serie di trattamenti convenzionati con il Sistema Sanitario Nazionale quali fangoterapia, balneoterapia, cure inalatorie e irrigazioni vaginali, ai quali si può accedere tramite impegnativa medica pagando esclusivamente il ticket.

All’interno del Palazzo delle Terme sono inoltre attivi un servizio riabilitativo di recupero e di rieducazione funzionale con una palestra attrezzata, una piscina e una serie di attrezzature tra cui spicca la Human Tecar®, tecnica innovativa per problemi muscolari e articolari utilizzata soprattutto in ambito riabilitativo e sportivo, nonché un servizio poliambulatoriale specialistico che propone visite cardiologiche, otorinolaringoiatriche, dermatologiche, ginecologiche, fisiatriche, ortopediche, servizi di angiologia, sedute di psicoterapia e servizio di dietetica e nutrizione.

In più per il piacere di una piccola evasione dedicata solo a se stessi e per sfuggire al ritmo frenetico della vita quotidiana, il repartoThermal e Beauty Space si prende cura del benessere psicofisico con la sua ricca offerta di massaggi antistress e di trattamenti estetici viso e corpo.

Il Palazzo delle Terme di Levico sarà attivo per la stagione 2018 fino al 10 novembre mentre il Palazzo delle Terme di Vetriolo, il centro termale più alto d’Europa, aprirà dal 25 giugno al 1° settembre.

www.termedilevico.it

Crema – colore e lifting – qualcosa di speciale

Comodo e veloce – tutto in uno !

Fondotinta effetto lifting cremoso, senza depositarsi nelle micro-rugosità, distendendo i segni d’espressione e regalando un colorito uniforme.

Formula arricchita con Acido Ialuronico e Vitamina E.

• Coprenza media, modulabile;
• Distende rughe e segni di espressione;
• Nasconde i segni della stanchezza;
• Idrata a lungo ed in profondità.

Pelle  idratata, con  effetto velluto, imperfezioni  attenuate !

Prodotto eccellente, diponibile in vari colori, il prezzo non è basso, ma dobbiamo anche calcorale costa costerebbero una buona crema liftante + fondotinta di buona qualità.

Costo 39, 00  euro

Testato per Nickel, Cobalto, Cromo, Palladio e Mercurio*

*ognuno inferiore a cinque parti per milione.

 

ZENZERO E BACCHE DI GOJI ALIMENTI MIRACOLOSI ? NO

l fenomeno delle bufale alimentari

NUTRIMI DICE STOP ALLE FAKE FOOD NEWS
PRESENTATI I PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO ‘ FOODMYTHBUSTER’: UN’INDAGINE CONDOTTA SU OLTRE 100 PERSONE SVELA I FALSI MITI PIÙ COMUNI

 – Le fake news, ormai sinonimo di “disinformazione”, sono un fenomeno in espansione che coinvolge tutti i settori della nostra società: dalla politica al mondo dello spettacolo fino all’economia.

Le ultime ricerche dimostrano come gli argomenti che più estremizzano le posizioni, sono quelli più facilmente condivisi: dalla politica durante il periodo delle elezioni ai vaccini, dalle condizioni meteo avverse al cibo.

La diffusione di notizie false in ambito nutrizione può diventare tuttavia un pericolo per la salute pubblica: il consumo di determinati alimenti è davvero miracoloso per la salute?

Le diete che fanno ‘notizia’ sono salutari?

Per fare chiarezza sulle ‘bufale’ in ambito nutrizionale è nato il progetto Food-MythBusters che, grazie a un team di professionisti della salute, raccoglie e smentisce con un approccio scientifico le fake food news.

Sul sito ufficiale www.nutrimi.it/foodmythbusters/ è stato reso pubblico il manifesto del progetto che si riassume in alcuni semplici punti:

non esistono alimenti “buoni” o “cattivi”, uno studio scientifico non basta a fare una “verità scientifica”, gli alimenti e le diete miracolosi non esistono, la nutrizione non è uno show né deve essere indicata dagli chef.

Durante la XII edizione di NutriMI,  e grazie a una serie di interviste realizzate a Milano ad oltre 100 consumatori, sono emersi i risultati dell’indagine condotta che rivelano la preoccupante tendenza a costruire le proprie scelte alimentari sulla base di notizie senza alcun fondamento scientifico:

ALIMENTI CONSIDERATI ‘SALUTARI’:

sono in molti ad aver riferito di consumare con una certa frequenza alcuni alimenti considerati benefici se non addirittura miracolosi:

dallo zenzero per curare raffreddore e purificarsi, alle bacche di Goji per fare il pieno di antiossidanti.

ALIMENTI CONSIDERATI ‘DANNOSI’:

carne, farina, latte e latticini, alimenti a base di carboidrati, sono alcuni simboli della Dieta Mediterranea oggi sul banco degli imputati.

DIETA SALUTARE:

sebbene molti citino la Dieta Mediterranea come modello più appropriato, non mancano moltissimi esempi di diete ‘fai da te’ (dove spesso vengono messi al bando i carboidrati a cena) o diete pseudo-scientifiche, come quella dei gruppi sanguigni.

Il quadro che si è delineato conferma la necessità di individuare metodi e canali strategici per promuovere una corretta informazione, basata su evidenze riscontrabili scientificamente e capace di guidare la popolazione verso scelte più consapevoli e meno dettate dalle mode.

Per affrontare al meglio il fenomeno delle bufale alimentari è necessario sviluppare un impegno congiunto con la comunità scientifica al fine di dare vita ad una voce autorevole e creare nuove sinergie per la diffusione di contenuti attendibili e utili per il consumatore.

Tra le società che hanno patrocinato il progetto vi sono il Corso di Laurea in Dietistica dell’Università la Sapienza di Roma, l’ANDID (Associazione Nazionale Dietisti), il SISDCA (Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare), IFMeD (International Foundation of Mediterranean Diet) e il CIISCAM (Centro Interuniversitario Internazionale di Studi sulle Culture Alimentari Mediterranee).

Il progetto vuole coinvolgere non solo la comunità scientifica, ma l’intera popolazione che avrà la possibilità di fugare i propri dubbi e ricevere informazioni puntuali.

È possibile segnalare una bufala alimentare inviando una mail a nofake@nutrimi.it

Profumi in casa solo se non sono pericolosi – CULTI

L’Europa ha bandito una grande quantità di sostanze contenute nei più economici profumi / spray / candele  ecc… da interno, per le nostre case, perché le loro basi chimiche danneggiano la salute e favoriscono l’inquianmento ambientale.

Se vogliamo godere del piacere di un aroma che caratterizzi la nostra casa, dobbiamo rivolgeci sono all’alta gamma; altrimenti è meglio rinunciare.

Culti, rappresenta uno dei milgiori prodott del settore.

Una selezione di materie prime di origine naturale, privi nelle loro formulazioni di oli minerali e parabeni

Ecco le novità.

La linea WELCOME di CULTI MILANO racchiude tutta la vitalità della natura, coccolando il corpo con profumi vivifici e diffondendo negli ambienti fragranze originali.

Costituita da diffusori ambiente e prodotti di Body care, è caratterizzata da un design lineare che esalta i valori del marchio.

Novità 2018: un vaporizzatore con trigger e l’ultima creazione la fragranza ‘OFICUS.

‘OFICUS prende vita dalla maestosità della pianta del fico, dall’energia vitale delle sue radici, dalla dolcezza dei suoi frutti e dall’unicità delle sue foglie.

Dalla sfaccettatura verde del fico, ‘OFICUS diffonde un avvolgente e rilassante tono di vaniglia che si unisce alla spiritualità del sandalo, creando una sensazione di equilibrio destinata a durare. Le note briose di ‘OFICUS rendono la fragranza perfetta per creare una gradevole armonia tra anima e corpo.

Il nuovo Spray ambiente da 500 ml con sistema trigger pensato per WELCOME, permette una fruizione immediata e una vaporizzazione fine espandendo il profumo nella stanza come una nuvola impalpabile.

I nuovi elementi di WELCOME sono disponibili nelle boutique italiane di CULTI MILANO.

Hand & Body Soap e Hand & Body Lotion si adattano con sobrietà a tutti gli spazi in cui il benessere è una componente imprescindibile del buon vivere.

Destinati ad una distribuzione anche nel canale alberghiero, sono prodotti secondo una selezione di materie prime di origine naturale, privi nelle loro formulazioni di oli minerali e parabeni. Risultano gradevolmente emollienti e super-idratanti, donando vitalità con le note energizzanti della fragranza AQQUA e dolcezza con le note fresche e fiorite della fragranza ODE ROSAE.

Anti CELLULITE – Non sono cosmetici e contengono ormoni …

Se si fosse inventato il cosmetico che distrugge la cellulite; nessuna donna, potenziale cliente, non  ne soffrirebbe più

Invece, anche le signore più aggiornate e che si possono permettere le cure migliori soffrono di cellulite e NESSUNA CREMA LA FARA’ SPARIRE !

Solo il movimento, inteso come attività fisica regolare, stile di vita sano negli anni, cibi sani, sono il segreto per non avere la cellulite.

Una dieta drastica e un buon massaggio, con un’ottima crema drenante, potranno fare qualcosa, ma mai proporzionalmente al costo pagato !

La “buccia d’arancia” è situata negli strati profondi della pelle; dove nessun cosmetico non dovrebbe arrivare per legge.

L’Associazione Altroconsumo ha fatto un’inchiesta molto accurata su vari cosmetici anticellulite.

Ecco le marche che si sono classificate prime, che però non evidenziano una notevole diminuzione della riduzione  circonferenza della coscia:

Collistar crio-gel

Shiseido Super slimming reducer

Clarins Body Fit

Nuxe siero snellente Lierac Body Slim

I prezzi variano da 23 (NUXE) a 49 euro di Collistar a 76 di Shiseido. Ma ne vale la pena ? Se non c’è riduzione  calcolabile in centimentri ?

FANNO  MOLTO DI PIU’

UNA  BUONA DIETA 

BUONI MASSAGGI

TANTA ATTIVITA’ ALL’APERTO O IN PISCINA

La palestra lasciatela per l’inverno, si suda e non sempr e i filtri dell’aria non sono quasi mai cambiati …

Infatti, esiste una crema che promette miracoli e non è un cosmetico, ma contiene un ormone tiroideo. Da non usare MAI senza il parere del medico. Si chiama Somatoline. Tutti sappiamo che intervenire sull’equiibrio ormonale può essere pericoloso; dipende dai casi, ma NON è certo da considerarsi senza possibili effetti collaterali; anche imprevedibili o a lunga distanza.