Archivi categoria: novità farmacologiche

Salute di bambini – ragazzi – adulti – Pericolo grassi TRANS

L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SALUTE:

ha dichiarato guerra ai GRASSI TRANS

nelle merendine, prodotti da forno, dolci , biscotti… fritti (scadenti)

RESPONSABILI DELLA MALATTIE CARDIACHE  

per il miglioramento della salute umana.

I GRASSI TRANS SONO PRESENTI IN:

-margarina

-fritti (da oli scadenti o non cambiati frequentemente)

  • poiché sono più duraturi degli altri grassi e quindi abbondano nei prodotti a lunga conservazione come;
  • MERENDINE
  • PRODOTTI DA FORNO
  • formaggi e gelati scadenti
  • pizze e pizzette varie
  • FRITTI.

L’OMS raccomada che, non più dell’1% delle calorie quotidiane, può provenire da grassi trans; se vogliamo mamtenerci in salute

 

LA DEGENERAZIONE MACULARE ? SI PUÒ PREVENIRE – ANCHE CON UN COLLIRIO

Un nuovo collirio è in grado di proteggere la retina dai raggi UV-A e dalla luce blu di tablet – computer – telefonini – TV …

Proprio l’esposizione al sole come uno dei fattori ambientali in grado di favorire l’insorgenza della degenerazione maculare

La prima opzione è quella d’indossare un paio di occhiali da sole …

Una categoria di soggetti del tutto particolare: è quella soggetti pseudofachici, cioè che hanno subito l’operazione di cataratta …  che  riporta la retina a una esposizione alla radiazione visibile più energetica che non aveva più avuto da molti decenni …

Nei soggetti operati di cataratta nei quali l’asportazione del cristallino naturale opacizzato e la conseguente sostituzione con un cristallino artificiale trasparente rende la retina particolarmente vulnerabile all’insulto dovuto alla luce ed in particolare alla Luce Blu …

Protezioni quali occhiali da sole (solo con lenti di qualità e MAI chiare), cappellini e di non esporsi alla luce solare nelle ore di maggior incidenza di questa …

DRUSENoff collirio in modo da permettere ai suoi componenti di penetrare nello stroma corneale e di rimanervi a lungo formando una vera e propria lente filtrante …

Il resto lo fa la miscela di sostanze costituita da Vit B2 (riboflavina), atta ad assorbire la luce dannosa, e da sostanze quali la Vit E TPGE e il MSM (metilsulfulfonilmetano) ad alta efficienza antiossidante

Lampadine a led, schermi di smartphone, computer, tablet, televisori fanno parte ormai della nostra vita al pari di oggetti considerati da sempre indispensabil …

Un nuovo collirio è in grado di proteggere la retina dai raggi UV-A e dalla luce blu, le componenti della radiazione solare più dannose per l’occhio, fattori di rischio riconosciuti per le maculopatie.

Il nuovo presidio è disponibile in farmacia già da alcuni mesi, su prescrizione del medico oculista.

– L’arrivo della bella stagione invoglia molti di noi a uscire dal “letargo” invernale e a passare molto più tempo all’aria aperta.

Bisogna sempre però ricordare che l’esposizione alla radiazione solare diretta e per molte ore comporta diversi rischi per la salute, non ultimo quello di danneggiare la vista.

I raggi ultravioletti (UV)-A, non visibili dall’occhio umano, e la luce blu, visibile, rappresentano due delle porzioni più energetiche della radiazione solare e possono, a lungo andare, danneggiare la retina.

Dati epidemiologici recenti indicano proprio l’esposizione al sole come uno dei fattori ambientali in grado di favorire l’insorgenza della degenerazione maculare.

Questa patologia, che colpisce la macula (la regione centrale della retina) è responsabile del 22,9% dei casi di cecità e del 54,4% dei disturbi visivi nella popolazione bianca americana.

“Questa radiazione ad altissima energia che arriva sulla superficie oculare viene in parte schermata dalle lacrime, dalla cornea e dal cristallino ma in parte riesce a raggiunge la retina: nel caso dei raggi UV questo avviene nei soggetti giovani, mentre nel caso della luce blu a qualunque età”, ha esordito il professor Pasquale Troiano- Direttore Unità Operativa Complessa di Oculistica – Ospedale Fatebenefratelli di Erba, Consigliere SOI – Presidente del Comitato Tecnico Scientifico SOI.

E la luce blu è un fattore di rischio ormai identificato per l’insorgenza della degenerazione maculare”.

La correlazione tra luce blu e danno retinico si può capire con qualche nozione di fisiologia della visione.

Quest’ultima infatti si basa su una serie di meccanismi biochimici che implicano un notevole consumo energetico.

E come per ogni processo, il consumo energetico implica la produzione di materiale di scarto, che è alla base della formazione delle drusen.

Ora, la luce blu aumenta considerevolmente questo materiale di scarto, perché induce un fenomeno biochimico noto come fotoinversione dello sbiancamento.

“Finché l’organismo è giovane, cioè fino a trent’anni, questo materiale di scarto viene eliminato in modo molto efficiente dal sistema circolatorio”, ha chiarito il professor Troiano.

“Con l’avanzare dell’età invece questa efficienza si perde, e possono iniziare a formarsi accumuli di materiale di scarto denominati drusen che rappresentano il segno clinico iniziale di quella che potrebbe divenire una vera e propria maculopatia”.

Sfortunatamente, a oggi non è disponibile di una terapia per la degenerazione maculare, ma ci si limita a controllarne gli effetti. L’unico intervento veramente efficace è la prevenzione.

La degenerazione maculare è una malattia multifattoriale, la cui eziopatogenesi è da ricondurre, oltre che alla luce blu, anche a diverse condizioni tra cui l’ipertensione arteriosa, l’ipermetropia, il diabete e l’ipercolesterolemia”, ha aggiunto Troiano.

“Se si vuole quindi ridurre al minimo il rischio occorre intervenire su tutti i fattori eliminabili”.

Per filtrare la radiazione luminosa dannosa la prima opzione è quella d’indossare un paio di occhiali da sole.

Ma ora si è resa disponibile anche una nuova opzione per schermare i raggi UV-A e la luce blu in forma di collirio.

Si tratta di un’opzione molto interessante, disponibile in farmacia già da alcuni mesi su prescrizione del medico oculista, perché non dimentichiamo che le lacrime artificiali sono già un prodotto di larghissimo impiego nei soggetti che hanno superato i quarant’anni di età: la prevalenza di una condizione come l’occhio secchio secondo le stime epidemiologiche, è notevole”, ha sottolineato il professor Troiano.

Con una singola somministrazione di questo prodotto, si fornisce alla superficie oculare un efficiente sistema di lubrificazione e, contemporaneamente un altrettanto efficiente schermo per le radiazioni luminose”.

Ma quali sono i pazienti ideali per la prescrizione di questo nuovo presidio?

“Tutti i soggetti che presentano gli altri fattori di rischio per degenerazione maculare che abbiamo già elencato; poi tutti coloro che per motivi professionali si trovano esposti per lunghe ore alla radiazione blu, presente sia nella radiazione solare sia in quella artificiale: sappiamo bene che molti lavoratori non indossano occhiali da sole perché danno fastidio”, ha aggiunto il professor Troiano.

C’è poi una categoria di soggetti del tutto particolare: è quella soggetti pseudofachici, cioè che hanno subito l’operazione di cataratta.

Con l’avanzare degli anni tutta la porzione dell’apparato visivo destinata a trasmettere la radiazione luminosa alla retina diviene meno efficiente, la cornea e soprattutto il cristallino divengono meno trasparenti soprattutto alle basse lunghezze d’onda dello spettro luminoso come la luce blu, la pupilla si riduce di diametro.

Insomma il sistema diviene naturalmente molto protettivo nei confronti della retina.

Però a un certo punto interviene l’uomo che toglie da dentro l’occhio il cristallino e lo sostituisce con una lente artificiale che riporta la trasmissione della luce alla retina all’età di ventanni.

“Dopo l’intervento di cataratta, molti pazienti riferiscono la loro sorpresa nel poter rivedere proprio le tonalità del blu”, ha concluso il professor Troiano.

“Questo recupero del visus è sicuramente un fattore positivo per il soggetto, ma riporta la retina a una esposizione alla radiazione visibile più energetica che non aveva più avuto da molti decenni: questi soggetti sono quelli che più di tutti hanno bisogno di sistemi efficienti di filtrazione delle radiazioni luminose ad alta energia, come questo nuovo collirio”.

OCCHI: DA OGGI UN’ARMA IN PIU’ PER PROTEGGERLI DAL SOLE E DA FONTI LUMINOSE DANNOSE

DRUSEN off collirio è una soluzione brevettata, utile a filtrare i raggi UV e la Luce Blu ed è un Dispositivo di Protezione Individuale (DPI)

 Lunghezze d’onda della luce visibile (Blu) ed invisibile (UV) sono considerate tra le concause dell’insorgenza della Degenerazione Maculare Legata all’Età.

Questo aspetto sta diventando di particolare importanza anche nei soggetti operati di cataratta nei quali l’asportazione del cristallino naturale opacizzato e la conseguente sostituzione con un cristallino artificiale trasparente rende la retina particolarmente vulnerabile all’insulto dovuto alla luce ed in particolare alla Luce Blu.

Queste considerazioni hanno da sempre portato gli oculisti a consigliare, nei soggetti a rischio e negli pseudofachici, protezioni quali occhiali da sole, cappellini e di non esporsi alla luce solare nelle ore di maggior incidenza di questa.

Tali consigli però, oltre ad essere spesso elusi dal paziente per la scarsa praticità degli strumenti di protezione consigliati, si rivelano sovente insufficienti. Inoltre, come conseguenza dell’evoluzione dei costumi di vita e dell’avanzare della tecnologia, le fonti di luce blu si stanno diffondendo sempre più nella vita di tutti i giorni.

Lampadine a led, schermi di smartphone, computer, tablet, televisori fanno parte ormai della nostra vita al pari di oggetti considerati da sempre indispensabili.In questa ottica un collirio che possa contrastare tale rischio è da considerarsi una soluzione pratica ed efficace.

Perché DRUSENoff collirio è un prodotto da considerare innovativo?

I colliri in generale sono caratterizzati da una presenza fugace sulla superficie oculare, tale aspetto per un prodotto che si pone come obiettivo quello di proteggere la retina filtrando le lunghezze d’onda pericolose, è sicuramente un grosso limite.

La grande innovazione in tal senso è proprio nella tecnica farmaceutica che ha permesso di formulare DRUSENoff collirio in modo da permettere ai suoi componenti di penetrare nello stroma corneale e di rimanervi a lungo formando una vera e propria lente filtrante.

Il resto lo fa la miscela di sostanze costituita da Vit B2 (riboflavina), atta ad assorbire la luce dannosa, e da sostanze quali la Vit E TPGE e il MSM (metilsulfulfonilmetano) ad alta efficienza antiossidante, formulazione che dati sperimentali hanno rivelato essere la sola a proteggere efficacemente dal danno fotossidativo (esperienze effettuate su formulazioni contenenti uno o due dei componenti sopra riportati, hanno dato esito negativo).

Un altro aspetto di pari importanza è la durata che tale protezione può avere.

Tale effetto dipende dal consumo dei principi attivi che si sono accumulati nello stroma corneale ed è inversamente proporzionale all’entità dell’insulto luminoso subito.

Prendendo ad esempio una condizione di luce naturale di entità media UVI 5 (UVI: indice ultravioletto o indice UV è una misura standard internazionale della forza delle radiazioni ultraviolette (UV) che producono le radiazioni solari in un particolare luogo e momento), a queste condizioni la durata della protezione si attesta intorno alle 4 ore.

Facendo una valutazione delle condizioni medie di vita normali, possiamo prendere come riferimento standard proprio UVI 5 (approssimazione per eccesso); a questo valore di UVI possiamo affermare, considerando la durata della protezione sopra riportata, che una efficace protezione la si ottiene con un’istillazione di 1 o 2 gocce di DRUSENoff collirio al mattino ed una ad ora di pranzo (ore 9/ore13).

Ciò non toglie che in condizioni più stressanti la posologia possa essere modulata a seconda dell’ambiente in cui ci si trova: neve, spiaggia, barca a vela, collina o altro.

PREMIO GIORNALISTICO SOI EDIZIONE 2017

E’ tutto rosa il 14° Premio Giornalistico SOI.
Assegnati i Premi a 3 giornaliste della carta stampata.

La Società Oftalmologica Italiana (SOI) ha indetto ormai da oltre 15 anni un Premio giornalistico, istituito con l’intento di stimolare l’impegno di coloro che contribuiscono alla diffusione e allo sviluppo della corretta divulgazione medica-oculistica con completezza di contenuti e ricchezza di linguaggio.

Il Premio realizzato con il patrocinio di UNAMSI – Unione Nazionale Medico Scientifica Italiana e di Fondazione Insieme per la Vista Onlus intende contribuire all’evoluzione di una società correttamente informata in campo oftalmologico- spiega Matteo Piovella e siamo lieti di potrelo organizzare ormai da 15 anni.

Nel corso della Cerimonia organizzata l’8 maggio 2018 sono stati assegnati i tre premi rispettivamente a Chiara Caretoni per il periodico OK Salute e Benessere, a Ida Macchi per Starbene ed a Mariateresa Truncellito per il settimanale OGGI.

 

Salute – INTESTINO e BUONA SALUTE -4 giugno incontro aperto a tutti

Parteipazione  libera e gratuita, – ma è necessario

iscriversi

EQUILIBRIO TRA “SISTEMA INTESTINO” E ORGANISMO UMANO

QUANTO PESA PER LA NOSTRA SALUTE ?

Nel nostro intestino risiedono 100 trilioni di batteri

Quando questo equilibrio è alterato …

Convegno dedicato al pubblico

Il 4 giugno si parlerà di microbiota e benessere presso il Polidiagnostico Synlab CAM di Monza, durante un convegno rivolto al pubblico e patrocinato dall’Ordine dei Medici di Monza e Brianza

 – “Il sistema “intestino”.

Disbiosi ed eubiosi tra microbiota e benessere”

è il titolo del convegno a partecipazione libera e gratuita che si terrà lunedì 4 giugno alle ore 19:45 presso l’Auditorium Synlab CAM di Monza.

Considerando che nel nostro intestino risiedono 100 trilioni di batteri (10 volte il numero delle cellule umane presenti nel nostro organismo) e che questi batteri appartengono a oltre 1.000 diverse specie microbiche, si comprende come questo organo possa essere considerato un vero e proprio ecosistema, in cui convivono cellule umane e batteri.

La colonizzazione del tratto intestinale da parte dei batteri inizia prima ancora della nascita e viene influenzata dalla tipologia di parto e dall’allattamento, oltre che dalle condizioni ambientali, sociali e alimentari del singolo:

tutti parametri che concorrono alla determinazione della composizione del microbiota intestinale, unico e caratteristico per ogni individuo, con un ruolo essenziale nella nostra vita e nel corso di terapie e cure.

Discipline emergenti come la Microbiomica e la Metabolomica, infatti, attraverso indagini estremamente sofisticate, provano l’importanza dell’ambiente intestinale quale regolatore di salute e malattia.

Durante il convegno del 4 giugno si approfondirà la rilevanza del corretto bilanciamento tra i batteri della flora intestinale e come esso venga modificato o migliorato dal nostro stile di vita e, soprattutto, dalle nostre scelte alimentari.

[ NOTA: Gli “a capo” , non corretti, dipendono dal tipo di file ricevuto dall’uffcio stampa non compatibile con il sistema Mac. Ci scusiamo con i lettori; abbiamo corretto solo quanto ci è stato possibile. ]

Quando questo equilibrio è alterato, può compromettere l’efficacia di alcuni farmaci, portare a un aggravamento dei disturbi

dell’umore, di patologie metaboliche ed epatiche e, addirittura, influire negativamente sullo sviluppo

del cervello fetale. Tra le cause più comuni di questa disbiosi (squilibrio) vi sono lo stile alimentare,

lo stress psico-fisico, i farmaci, l’età, l’infiammazione, oltre, naturalmente, a condizioni patologiche specifiche del tratto gastrointestinale.

In occasione dell’incontro “Il sistema “intestino”. Disbiosi ed eubiosi tra microbiota e benessere”

prenderanno parola Silvia Briganti – Specialista in Scienza della Alimentazione Synlab CAM

Monza, Roberto Colombo – Responsabile Medico Area Wellness Laboratori Synlab Italia, Cristina

Hervoso – Specialista in Gastroenterologia Synlab CAM Monza, introdotti dai saluti e dal benvenuto

di Alberto Angelini – Direttore Sanitario Synlab CAM Monza e Carlo Maria Teruzzi – Presidente

OMCeO Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri Monza e Brianza. Il convegno verrà moderato da

Maurizio G. Biraghi – Specialista in Oncologia. Medicina Naturale, Omeopatia Synlab CAM Monza,

che condurrà il convegno fino al dibattito finale.

La partecipazione al convegno, dedicato al pubblico, è libera e gratuita, ma è necessario

iscriversi contattando la Segreteria Organizzativa: sig.ra Sara Casati tel. 039 2397.450 –

sara.casati@synlab.it. Ai signori medici interessati alle stesse tematiche sarà riservato un workshop

nell’ambito del corso ecm di martedì 9 ottobre.

Salute occhi – Tutti devono sapere che ….

OCCHI –  DOVE STA ANDANDO L’OCULISTICA ITALIANA ?

1a parte

Prima potevamo dire  a ragione di essere all’avanguardia … ora …  il paziente è obbligato a rivolgersi al privato ? !

Nel nostro Paese siamo rimasti indietro di almeno 10 anni …

Nella degenerazione maculare è fondamentale la prevenzione …

commercializzazione di un collirio in grado di schermare l’occhio dai raggi UV-A e dalla luce blu … In un paese come il nostro, in cui non c’è una cultura di protezione dell’occhio dal sole

molte persone si stupiscono che al giorno d’oggi si possa ancora perdere la vista, come se la cecità fosse una tragica eventualità del passato, ormai dimenticata …

Matteo Piovella- Presidente SOI

Pasquale Troiano-Consigliere SOI

Il 16º Congresso Internazionale SOI è l’occasione per tutti gli oftalmologi italiani per confrontarsi con i colleghi che provengono dall’estero in tema di nuovi farmaci, aggiornamenti tecnologici per la chirurgia e buone pratiche per l’organizzazione dell’assistenza.

Senza dimenticare le difficoltà e i ritardi che vive l’oculistica nel nostro Paese, soprattutto nel pubblico, e la necessità di diffondere l’abitudine alle visite periodiche per salvaguardare la vista.

A colloquio con Matteo Piovella, Presidente SOI

Milano, 8 maggio 2018-

Da una parte un mondo in perenne mutamento, che propone tecnologie e terapie mediche sempre nuove.

Dall’altra un panorama italiano sempre più in difficoltà per le annose questioni della mancanza di risorse delle strutture pubbliche.

In questo paradosso si devono muovere gli oculisti italiani che si riuniscono Milano, dal 16 al 19 maggio  (MiCom-Milano) prossimi per il 16°  Congresso Internazionale della Società Oftalmologica Italiana (SOI).

“Uno dei due congressi SOI dell’anno è un’occasione per tutti i colleghi per aprirsi al contesto internazionale:

il confronto con gli Stati Uniti, il Giappone e con gli stati più avanzati d’Europa è sempre stato un momento importante per la nostra specialità”, ha sottolineato Matteo Piovella, presidente della SOI, per illustrare i temi dell’edizione di quest’anno.

Rispetto al passato però le cose sono molto cambiate: se prima potevamo dire  a ragione di essere all’avanguardia, da alcuni anni le migliori tecnologie non sono disponibili negli ospedali pubblici e il paziente è obbligato a rivolgersi al privato”.

Stiamo parlando dell’intervento di cataratta che da alcuni anni può essere l’occasione per correggere i più importanti difetti di vista da lontano – la miopia, l’astigmatismo e l’ipermetropia – e da vicino, la presbiopia.

Questo avanzamento è dovuto alla diponibilità di lenti multifocali  di nuova generazione : sono le Trifocali e le  EDOF.

“Su 600.000 cataratte che facciamo ogni anno, quelle con cristallini di nuova generazione multifocali sono solo 6000, cioè l’1 per cento, e nessuna nel pubblico: per confronto, in altri Paesi come la Germania sono ormai al 15 per cento del totale”, ha aggiunto Piovella.

“Questo, come ho ripetuto più volte, è primariamente un problema di risorse finanziarie; per l’intervento di cataratta, il Sistema sanitario nazionale rimborsa circa 800 euro, contro i 3000 che vengono rimborsati in Germania:

si può ben capire che, finché permane questa situazione, la possibilità di operarsi con le nuove metodiche sarà sempre preclusa ai pazienti che si rivolgono agli ospedali pubblici”.

E non è solo un problema di risorse finanziarie e di tecnologie, ma anche di organizzazione sanitaria e competenze dei chirurghi.

Perché l’intervento con le lenti multifocali implica una serie di procedure di valutazione del paziente e di preparazione all’operazione, che sono molto diverse da quelle tradizionali adottate normalmente.

“In qualità di Presidente SOI da anni mi sono attivato istituzionalmente per fare adottare le nuove tecnologie negli ospedali.

Per questo SOI è nella  condizione di dover organizzare  un documento per indicare ai colleghi i corretti adempimenti  quando saranno disponibili le nuove tecnologie negli ospedali pubblici”, ha sottolineato Piovella.

“Questo perché nel nostro Paese siamo rimasti indietro di almeno 10 anni, e non esistono più adeguate esperienze cliniche dedicate ;

questa è la situazione e per questo SOI agisce  per sostenere il necessario cambiamento ”.

Anche in altri specifici campi gli avanzamenti hanno portato notevoli benefici per i pazienti.

Prima fra tutti la nuova tecnica SMILE per la chirurgia refrattiva (cioè per l’intervento di correzione dei difetti visivi).

La SMILE ha rappresentato un vero avanzamento per la chirurgia refrattiva; oggi è prevalentemente dedicata alla correzione della miopia .

Si tratta di una tecnica laser controllata da un computer che, con una precisione straordinaria, disegna all’interno della cornea un lenticolo cioè una piccola lente centrale, separata dal tessuto circostante, che viene successivamente rimossa dal chirurgo”,

ha spiegato Piovella.

In sostanza l’intervento consiste nell’estrarre una parte di tessuto corneale, senza ablare  la cornea, come quando si utilizza il laser ad eccimeri , evitando per questo la presenza di cicatrici corneali postoperatorie significative.: i risultati per il paziente sono ottimi”.

Sul fronte del trattamento del glaucoma, sta diffondendosi negli Stati Uniti l’Utilizzo degli stent.

“Si tratta di piccoli tubicini metallici  che vengono inseriti chirurgicamente a livello del trabecolo dell’occhio in modo da creare un bypass per l’umor acqueo, e abbassare così la pressione intraoculare che è all’origine del danno al nervo ottico”,

ha precisato Piovella. In sintesi mettono in comunicazione l’interno dell’occhio con la parte esterna sotto la congiuntiva dove scaricano parte dei liquidi in eccesso che causano un aumento della pressione oculare.

Nel caso della degenerazione maculare si deve procedere speditamente per allargare l’accesso alle terapie a base di iniezioni intravitreali di anti-VEGF.

“I tanto attesi risultati sui farmaci di seconda e terza generazione si fanno ancora desiderare”, ha commentato Piovella.

“Lamentiamo nel nostro paese ancora un problema organizzativo, dovuto alla ‘ghettizzazione’ di questi farmaci nella fascia H, cioè nella prescrizione e nella somministrazione ospedaliera;

questo fa sì che in un anno in Italia si fanno circa 300.000 iniezioni, cioè un terzo di quelle che si praticano in Germania, in Francia o in Inghilterra che sono le nazioni con cui ci confrontiamo: su questo fronte continueremo come SOI a fare pressioni perché i vincoli vengano tolt e la terapia liberalizzata a vantaggio di tutti quanti ne hanno diritto.

Nella degenerazione maculare è fondamentale la prevenzione.

Per questo, è sicuramente da valutare positivamente la commercializzazione di un collirio in grado di schermare l’occhio dai raggi UV-A e dalla luce blu, tra i fattori ambientali di rischio per le maculopatie.

In un paese come il nostro, in cui non c’è una cultura di protezione dell’occhio dal sole, possono essere sicuramente utili, soprattutto nelle persone che per altre condizioni sono obbligate ad applicare un collirio: senza cambiare le proprie abitudini, danno una protezione in più”, ha sottolineato Piovella.

Al di là di tutte le novità, per il Presidente SOI è doveroso ricordare come la salute della vista si preserva seguendo semplici regole di comportamento, come fare una visita oculistica periodica. Iniziando dai più piccoli.

“Stiamo lottando, anche con la Fondazione Insieme per la vista per superare un vecchio approccio di screening della vista dei bambini piccoli, e arrivare a una visita oculistica completa, che possa valutare tutti gli aspetti della salute dell’occhio”, ha concluso Piovella.

Stiamo infatti sostenendo la Fondazione con una campagna di sensibilizzazione sulle reti televisive, stampa, e web per promuovere l’informazione, “perché – spiace doverlo ricordare – ma molte persone si stupiscono che al giorno d’oggi si possa ancora perdere la vista, come se la cecità fosse una tragica eventualità del passato, ormai dimenticata: i controlli periodici da uno specialista sono l’arma più preziosa per arrivare in tempo e salvare la vista”.

IL CONVEGNO IL SI E’ TENUTO PRESSO: 

HOTEL FOUR SEASONS, MILANO
8 maggio 2018

 

 

Salute – Favorire un più ampio accesso alle cure – Biosimilari in ematologia – Sandoz

Farmaco biosimilare di rituximab, è indicato per alcune malattie ematologiche, quali il Linfoma non-Hodgkin, la Leucemia Linfatica Cronica, e alcune malattie immunologiche tra cui l’artrite reumatoide1

Contribuire alla sostenibilità della spesa sanitaria – a favore di un più ampio accesso alle cure

Dichiarazioni previsionali relative allo United States Private Securities Litigation Reform Act del 1995

I farmaci biosimilari rappresentano oggi uno strumento irrinunciabile per la sostenibilità del sistema sanitario

Biosimilari in ematologia: con Rixathon, biosimilare di rituximab, Sandoz conferma l’impegno nell’ampliare accesso e sostenibilità alle cure

  •   Il farmaco biosimilare rituximab di Sandoz, Rixathon®, è indicato per il trattamento di alcune malattie ematologiche
  •  Da sempre Sandoz lavora per garantire alternative terapeutiche di alto valore e un più ampio accesso alle cure
  •  Sandoz sostiene l’innovazione ponendosi al fianco di medici, istituzioni e pazientiBologna, 11 Maggio 2018 – Con il biosimilare di rituximab, Rixathon®, arrivato in Italia a febbraio scorso, Sandoz consolida la sua leadership nell’area dei farmaci biosimilari, contribuendo alla sostenibilità della spesa sanitaria, a favore di un più ampio accesso alle cure.

    Rixathon®, farmaco biosimilare di rituximab, è indicato per alcune malattie ematologiche, quali il Linfoma non-Hodgkin, la Leucemia Linfatica Cronica, e alcune malattie immunologiche tra cui l’artrite reumatoide1. Rixathon® ha ricevuto approvazione da parte di AIFA successivamente all’autorizzazione della Commissione Europea, in base ai risultati di uno dei più ampi studi su anticorpi monoclonali biosimilari in ematologia, denominato ASSIST-FL2.

    “I dati dello studio ASSIST-FL di comparazione, condotto in pazienti con linfoma follicolare in stadio avanzato non precedentemente trattati, hanno dimostrato l’equivalenza terapeutica di Rixathon al rituximab di riferimento in termini di efficacia, sicurezza e tollerabilità” – commenta il prof. Pier Luigi Zinzani, Professore associato di Ematologia dell’Università di Bologna – “in definitiva i biosimilari rappresentano una valida alternativa terapeutica per tutti i pazienti e sono uno straordinario strumento di cura e al contempo di governance.”

    L’importanza dei biosimilari è ormai riconosciuta: AIFA ha recentemente pubblicato il suo secondo Position Paper, attraverso il quale vengono chiariti gli aspetti scientifici, regolatori e normativi legati a tali farmaci, riconoscendone il valore.

    “Le autorità regolatorie confermano che il rapporto beneficio-rischio dei biosimilari si mantiene positivo tanto quanto il farmaco originator di riferimento” – spiega il prof. Fabrizio Condorelli, Professore associato, Università del Piemonte Orientale – “il posizionamento dell’Agenzia del Farmaco riconosce i biosimilari come farmaci equiparabili ai farmaci originatori biologici di riferimento per efficacia, qualità e sicurezza sia per pazienti naive sia per i pazienti già in cura.”

    I farmaci biosimilari rappresentano oggi uno strumento irrinunciabile per la sostenibilità del sistema sanitario e per un più ampio accesso alle cure”– spiega Manlio Florenzano, Amministratore Delegato di Sandoz SpA – “L’impegno di Sandoz, e dell’intero gruppo

Sandoz SpA

Largo Umberto Boccioni, 1 21040 Origgio – VA
Tel +39 02 96 54.1
Fax +39 02 96 54.3488 www.sandoz.it

Novartis, si rivolge ai bisogni dei pazienti e di tutti gli attori del sistema sanitario: insieme vogliamo favorire l’accesso a farmaci di qualità liberando risorse per la sostenibilità di terapie innovative, che possano migliorare tangibilmente la vita delle persone.”.

Sandoz, divisione del gruppo Novartis, è leader globale nel settore dei farmaci biosimilari, con cinque biosimilari in commercio e tre farmaci biosimilari in corso di registrazione presso l’EMA.

Disclaimer

Il comunicato stampa di cui sopra contiene dichiarazioni previsionali relative allo United States Private Securities Litigation Reform Act del 1995.

Tali previsioni sono identificabili attraverso una terminologia che utilizza concetti come “opinione positiva”, “proposto”, “raccomandato”, “in attesa”, “potere”, “raccomandazioni”, “pipeline”, “piano”, “lancio”, “ben posizionato” o espressioni simili che riguardano la possibile approvazione per la messa in commercio, nuove indicazioni per i prodotti biosimilari o generici sotto studio o approvati decritti in questo comunicato stampa, riguardanti possibili ricavi futuri derivanti da questi prodotti.

Non bisogna dare eccessiva enfasi a queste affermazioni.

Tali dichiarazioni riflettono le attuali opinioni del Gruppo riguardanti eventi futuri e implicano rischi noti e ignoti, incertezze e altri fattori che potrebbero determinare esiti concreti sostanzialmente diversi da qualsiasi risultato, performance o effetto ipotizzati, sia espressi sia impliciti, in queste dichiarazioni.

Non vi è certezza alcuna che i prodotti sotto studio o approvati saranno sottomessi o approvati per la vendita in ciascun mercato o in un particolare momento.

Non vi è inoltre nessuna garanzia che, se approvati, saranno approvati per tutte le indicazioni previste del prodotto di riferimento.

Non vi è inoltre alcuna garanzia che saranno commercializzati con successo in futuro. In particolare, le aspettative della direzione riguardanti questi prodotti possono essere influenzate, tra le altre cose da: azioni normative impreviste o ritardi o regolamenti governativi in generale; incertezze riguardanti le ricerca e sviluppo; particolari preferenze prescrittive da parte di medici e pazienti, competizione in generale, incluso potenziali approvazioni di ulteriori versioni del biosimilare o del generico; trend globali sul contenimento dei costi della sanità da parte di governo, industria e pubblica opinione; contenziosi, inclusi dispute sulla proprietà intellettuale o alti sforzi legali che impediscano o limitino Sandoz nella vendita dei biosimilari; particolari preferenze prescrittive da parte di medici e pazienti; generiche condizioni economiche ed industriali; questioni concernenti la sicurezza, qualità e fabbricazione e altri rischi riferiti al Form 20-F presso Novartis AG conforme con la “US Securities and Exchange Commission”. Novartis fornisce le informazioni contenute nel presente comunicato stampa a partire da questa data e non si assume alcun obbligo di aggiornare le dichiarazioni previsionali contenute nel presente comunicato stampa a seguito di nuove informazioni, di eventi futuri o altro.

Sandoz

Sandoz è leader globale nella produzione e commercializzazione di medicinali equivalenti e biosimilari. In quanto divisione del Gruppo Novartis, la sua missione è quella di trovare nuovi modi di migliorare e prolungare la vita delle persone. Sandoz contribuisce ai crescenti bisogni in ambito sanitario, favorendo l’accesso a farmaci di qualità ad un prezzo accessibile. Sandoz offre un ampio portfolio di oltre 1000 molecole in tutto il mondo, presenti nelle maggiori aree terapeutiche, con un fatturato globale per il 2017 di 10.1 miliardi di dollari. Ogni anno i prodotti Sandoz raggiungono oltre 500 milioni di pazienti.

Sandoz ha la sua sede centrale a Holzkirchen, in Germania, nell’area urbana vicino a Monaco di Baviera.

Bibliografia

1.European Medicines Agency. Rixathon® Summary of Product Characteristics
2 Jurczarck et al., Rituximab biosimilar and reference rituximab in patients with previously untreated advanced

follicular lymphoma (ASSIST-FL): primary results from a confirmatory phase 3, double-blind, randomised, controlled study. The Lancet Haematology 2017, 4-8: 350-3613

###

Sandoz SpA

Simona Cereda
Head of Communications
T +39 02 96543415
M +39 335 1209305 simona.cereda@sandoz.com

Salute – Problemi intestinali – Una soluzione che funziona e regolarizza

LA VITA MODERNA E’ UN CONTINUO ATTACCO ALLA NOSTRA FLORA INESTINALE

mentre la scienza dimostra, ogni giorno meglio, quanto la flora intestinale sia alla base della salute o della malattia, soprattutto dopo una certa atà … ma non solo

Assunzione di antibiotici – mangiare fuori casa – cibo mal conservati – surgelati e risugelati – cibi lasciati a temperature che fanno prlificare i peggiori batteri … verdure mal lavate e mal conservate …

PESCE CRUDO NON FRESCHISSIMO, PESCE NON  COTTO A SUFFICENZA che rimane in parte crudo , pesce venduto per fresco quando non lo è, frigoriferi non abbastanza freddi, MAIONESI E SALSE VARIE LASCIATE AL CALDO …. UOVA DI DUBBIA PROVENIENZA …

Tutto questo altera la flora intestinale; anche con conseguenze molto pesanti e durature.

Prima di eliminare cibi perché sospettati di creare INTOLLERANZE (le indagini fatte in farmacia non sono valide, devono essere fatte in ospedale), sarebbe bene riequilibrare le nostre difese naturali; ovvero la ” flora intestinale buona ” che ci difende naturalmente dalle malattie e da tanti altri problemi.

Tra i tantissimi integratori a base di probiotici, abbiamo provato un integratore che funziona sotto vari aspetti.

La sua formula da sciogliere in abbondante acqua e mescolare bene, raggiunge intatta l’intestino e lo arricchisce con speciali microrganismi probiotici che hanno forti caratteristiche antiossidanti (l’ossidazione 0 invecchiamento e l’invecchiamento inzia pe ruomini edonne  a 20-25 anni). Meglio prevenire … è sempre un utile suggerimento.

Inoltre la massa che si crea nell’intestino favorisce una dolce regolare evacuazione; che anche i medici più antichi consideravano allla base della salute.

Educando così l’intestino al suo buon funzionamento e mettendo le basi per lo sviluppo della flora intestinale ideale.

Proxian® è un integratore alimentare a base di microrganismi probiotici microincapsulati gastroprotetti (arrivano intatti nell’intestino), con aggiunta di selenio e zinco che proteggono dallo stress ossidativo (produzione di tossine = invecchiamento), normale funzionamento immunitario e dei processi cerebrali.

L’integrazione con Proxian® è quindi particolarmente indicata contro lo stress ossidativo e l’infiammazione (che è sempre portatrice di malattie).

Proxian® è molto utile nei cambi di stagione e durante i mesi invernali e in tutte le situazioni in cui le difese naturali possono risultare indebolite:

stati di convalescenza

stanchezza e stress

-mal funzionamento intestinale e GONFIORE

  • sonno inadeguato
  • malessere generale
  • periodi di lavoro eccessivo
  • prolungato sforzo fisico
  • uso di farmaci e/o antibiotici
  • dopo i 60 anni può essere molto utile.

Proxian® è particolarmente indicata nella donna e nell’uomo adulti e anziani, cioè quando diventa importante una protezione nei confronti dello stress ossidativo e dell’infiammazione alla base dei processi di invecchiamento e degenerazione.

CIBI NON SANI – ATTENZIONE A : 

Ortaggi che contengono numerose tracce residue di pesticidi – cibo conservati male e venduti da bar, streetfood e ristoranti; che puntano solo al guadagno rapido … (non vale per tutti, ma per moltissimi; soprattutto nelle zone di maggior passsaggio di turismo).

Il peggio è l’insalata non lavata bene;  20′ in acqua con agggiunta di bicarbonato, 1 cucchiaio per 23 litri circa,  e non altre sostanze disinfettanti che NON  tolgono i pesticidi ( comunque questo vale per tutte le verdure e frutta con la buccia sottile: lattuga, pomodori, cetrioli, mele, peperoni, fragole sono quelle che in media contengono maggiori residui di pesticidi)

NOTA SUI PESTICIDI: dosi residue elevate di pesticidi  possono alterare il metabolismo ormonale. Comunque sono piccole dosi di veleno, che se rimangono minime non fanno alcun danno. DOBBIAMO PORRE GRANDE ATTENZIONE ALLE VERDURE VENDUTE GIA’ LAVATE: è stato più volte dimostrato che si tratta di lavaggi poco efficaci e che in moli casi contengono una flora batterica dannosa in dosi anche elevate; perché conservate male o troppo a lungo.

MANGIARE SPESSO FUORI CASA: non avremo mai la certezza che le verdure, a partire dall’insalata, siano state accuratamente lavate con piccola aggiunta di bicarbonato.

Per non parlare di sostanze insaporitrici, bagni chimici per far durare più a lungo carne  e pesce, cereali molto economici e quindi coltivati con grandi dosi di pesticidi o OGM; molto discusso, ma con ancora tanti punti oscuri. Solo il fatto che ogni seme deve essere pagato, perché le piante creano semi sterili, fa pensare a grandi interessi economici che superano di molto quelli della salute dei comuni mortali. Per non parlare dei problemi per le regioni più povere che si indebitano per pagare i semi e poi il raccolto o è pagato troppo poco o è distrutto dalle intemperie metetndo sul lastrico il debitore.

::::::::::::

L’articolo è stato scritto da Grazia Seregni,  giornalista iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

 

Salute – Farmaci di ultima generazione a quasi mezzo milione di euro c.a.

Alcuni farmaci di nuova generazione sfiorano anche il mezzo milione di euro …

I nuovi medicinali sono molto efficaci – su misura – sempre più mirati  e più cari

Siamo di fronte ad una nuova generazione di medicinali, molto costosi, basati sulla terapia genica.

COS’E’ LA TERAPIA GENETICA ?

terapia genetica è l’ inserimento di  geni artificiali nelle cellule umane.

La cifra così alta è raggiunta dal medicinale KYMRIAH (Kymriah , il farmaco per la leucemia costa 400mila euro) che richiedono un unico trattamento.

Le terapie tardizionali, che si devono ripetere più volte,  possono costare anche 100 mila euro all’anno.

Altro farmaco costosissimo è il LUXTURNA (nuovo farmaco di terapia genica contro la cecità), costa ben 425,000 euro per occhio (quindi 850,000 euro in totale).

VIENE NORMALE PENSARE  CHE 

  • questi costi siano proibitivi per la maggior parte dei sistemi sanitari nazionali, e  il comportamento della case farmaceutiche sia anti-etico con un margine di guadagno esageratamente  alto.

COME SARA’ IL FUTURO ?

  • automatizzazando i sistemi di produzione e affinando le tecnologie, gli stessi medicinali potrebbero essere messi in vendita a prezzi inferiori in un prossimo futuro.

Sta di fatto che è sempre più difficile disporre, per tutti, questi farmaci sempre più costosi.

In Svizzera, una cura oncologica costa 20.000 euro circa al mese, se il malato non ha la disponibilità economica per pagare la percentuale che non passa la cassa malati, muore prima.

Per l’Italia sappiamo per certo che alcuni medicinali molto costosi, cominciano a mancare in molti ospedali, ogni anno, già a partire dal mese di ottobre e vengono sostituiti con altri meno cari e meno efficaci.

E’ evidente che i costi per la salute stanno aumentando enormemente, speriamo che i cittadini italiani smettano di richiedere analisi e cure non necessarie e che i soldi disponibili possano essere utilizzati solo quando realmente necessario.

 

ASPIRINA; UN FARMACO PREZIOSO PER MOLTE PATOLOGIE

05I vecchi farmaci, in genere, sono molto affidabili, perché testati per decenni, e sempre molto meno costosi dei più nuovi che, non sempre, sono meglio, ma costando molto di più sono un affare certo per le case farmaceutiche (senza nulla togliere alle vere grandi innovazioni che aiutano l’uomo a vivere meglio05).

Istituto di Farmacologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Aspirina come farmaco antitrombotico.

Prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina.

Ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale) del processo aterosclerotico (aterotrombosi) con l’aspirina.

L’acido acetilsalicilico, sintetizzato in ambiente industriale nel 1897, è stato commercializzato come Aspirina® nel 1899.

Per i primi 70 anni della sua vita commerciale l’aspirina è stata impiegata come

-farmaco analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio, fornendo il modello per lo sviluppo – a partire dagli anni ‘60 del XX secolo – dei farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Le scoperte relative al meccanismo d’azione dell’aspirina negli anni ’70, e successivamente gli studi di farmacologia clinica sulla biosintesi piastrinica di trombossano (TX)A2 e sulla produzione endoteliale di prostaciclina (PGI2), con la dimostrazione della inibizione selettiva del TXA2 con basse dosi di aspirina, hanno fornito un solido razionale per il disegno di numerosi trial clinici in decine di migliaia di pazienti ad alto rischio cardiovascolare a partire dalla seconda metà degli anni ’80.1

Questi studi, condotti per lo più in maniera indipendente dalla comunità medico-scientifica con fondi pubblici, hanno dimostrato -l’efficacia e la sicurezza dell’aspirina a basse dosi (30-100 mg/die) nel

-ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale)1 del

-processo aterosclerotico (aterotrombosi).2 Tuttavia, laddove il rapporto beneficio (riduzione di eventi vascolari maggiori)/rischio (aumento di complicanze emorragiche) è decisamente favorevole (>10:1) nel trattamento acuto delle sindromi ischemiche coronariche e cerebrali  e nella loro prevenzione secondaria,3 questo rapporto è sostanzialmente incerto (≤2:1) nella cosiddetta prevenzione primaria in soggetti asintomatici e senza una precedente complicanza aterotrombotica.4

Nel corso degli ultimi 10 anni, sono emerse nuove conoscenze circa un possibile effetto chemiopreventivo dell’aspirina nei confronti de cancro colo-rettale (CRC).

In realtà, un’associazione tra uso prolungato di aspirina o altri FANS e ridotta incidenza e mortalità da CRC era già stata documentata da numerosi studi osservazionali in passato.5 I nuovi dati sono emersi da quattro trial clinici randomizzati, controllati con placebo,

-in  soggetti con adenoma colo-rettale sporadico, nei quali il rischio di ricorrenza di un adenoma – dopo asportazione chirurgica – era ridotto dall’aspirina (a dosi giornaliere di 81-325 mg). Risultati analoghi sono stati ottenuti nello stesso modello clinico con l’impiego di coxib, una classe di FANS inibitori selettivi di COX-2.6 Tuttavia, la cardiotossicità dei coxib ne limita l’utilizzo a lungo termine.7  Inoltre, una serie di analisi post-hoc condotte sul follow-up a lungo termine dei soggetti randomizzati nei trial clinici di

prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina per 4-5 anni rispetto ai controlli.8

Le “impronte digitali” dell’effetto chemiopreventivo dell’aspirina includono le seguenti osservazioni:

-1) l’apparente protezione nei confronti del CRC è dimostrabile a dosi giornaliere di 75 mg;

-2) questo effetto è saturabile a basse dosi, cioè dosi fino a 16 volte superiori non risultano più efficaci;

-3) nelle donne apparentemente sane, l’effetto chemiopreventivo è stato documentato anche con un regime posologico di somministrazione di 100 mg a giorni alterni;

-4) l’effetto è dimostrabile con una formulazione a rilascio controllato di 75 mg, sviluppata per massimizzare l’inibizione della COX-1 piastrinica nella circolazione portale e minimizzare l’inibizione di COX-2 nella circolazione sistemica.8

-Queste insolite caratteristiche farmacodinamiche sono virtualmente identiche alle “impronte digitali” dell’

aspirina come farmaco antitrombotico, e suggeriscono un meccanismo d’azione condiviso.8,9

 Bibliografia

 Patrono C. Aspirin as an antiplatelet drug. N Engl J Med 330: 1287-1294; 1994.

Davì G, Patrono C. Platelet activation and atherothrombosis. N Engl J Med 357:2482-2494, 2007.

Patrono C, Garcìa Rodrìguez LA, Landolfi R, Baigent C. Low-dose aspirin for the prevention of atherothrombosis. N  Engl J Med 353: 2373-2383, 2005.

Patrono C. Low-dose aspirin in primary prevention: cardioprotection, chemoprevention, both or neither? Eur Heart J 34:2403-2411, 2013.

Thun MJ, Henly SJ, Patrono C. Nonsteroidal antiinflammatory drugs as anticancer agents: mechanistic, pharmacological and clinical issues. J Natl Cancer Inst 94: 252-262, 2002.

FitzGerald GA, Patrono C. The coxibs, selective inhibitors of cyclooxygenase-2. N Engl J Med 345:433-442, 2001.

Coxib and traditional NSAID Trialists’ (CNT) Collaboration.  HYPERLINK “http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23726390” Vascular and upper gastrointestinal effects of non-steroidal anti-inflammatory drugs: meta-analyses of individual participant data from randomised trials. Lancet 382:769-79, 2013.

Thun MJ, Jacobs EJ, Patrono C. The role of aspirin in cancer prevention. Nature Rev Clin Oncol 9:259-267, 2012.

Patrono C, Patrignani P, Garcìa Rodrìguez LA. Cyclooxygenase-selective inhibition of prostanoid formation: transducing biochemical selectivity into clinical read-outs. J Clin Invest 108:7-13, 2001.

 

Salute – Esame del sangue previene cancro – Scoperto da una donna …

Basta un semplice prelievo di sangue, e  si capisce come prevenire il tumore.

Un  test del sangue che si spera diventerà un esame di routine.

La dottoressa Patrizia Paterlini -Brechot agli inizi della sua carriera, ha deciso di dedicare tutta la sua vita di studiosa a debellare il cancro.

Il suo libro ‘Uccidere il cancro’ ‘ Mondadori editore, pp 227, 17,90 euro, spiega a tutti, esperti e profani i nuovi progressi della scienza per debellare il cancro.

Nell’ottobre del 2014, la dottoressa Patrizia Paterlini -Brechot messo a punto un test che permette con un semplice prelievo di sangue, da i medesimi risultati di una biopsia o intervento chirurgico, per capire se ci sono cellule cancerogene.

Il test si chiama ISET, come la famosa mummia, è sperimentato in diverse parti del mondo.

La sperimentazione più importante è avvenuta a Nizza (esami su fumatori colpiti da broncopatia ostruttiva) e a Parigi (in casi di tumori epatici, virus dell’epatire B).

Altri studi hanno riguardato i tumori al seno e allo stomaco.

Solo una diagnosi precoce ci permette di curare molti tumori subdoli; perché si manifestano quando ormai è troppo tardi per curarli.

Ormai non ci sono dubbi, la biologia molecolare ci ha dimostrato che molti  tumori diffondono cellule cancerose nel sangue.

 Come per il più famoso pap-test anche questa ricerca viene osteggiata

Il pap test ha salvato moltissime  donne, ma il medico greco che lo aveva ideato,  Georgios Papanicolau, è stato a lungo osteggiato e deriso, prima che il risultato delle sue ricerche fosse riconosciuto a livello internazionale.

Tutte noi dobbiamo, almeno moralmente o acquistando il libro, sostenere la dottoressa Patrizia Paterlini -Brechot e la sua ricerca.01

Salute – EPATITE C POTRA’ ESSERE SRADICATA

Portata rivoluzionaria delle ultime novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C

L’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia

IN UN FUTURO NON TROPPO LONTANO L’EPATITE C IN ITALIA POTRA’ ESSERE SRADICATA

L’argomento è stato affrontato, in occasione della presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017” a cura del Prof. Gaetano Ideo, organizzata da SYNLAB Italia.

Dal 1989 (anno in cui fu identificato il virus dell’Epatite C) ad oggi, i passi avanti sono stati tanti, contraddistinti però da altrettanti fallimenti.

Per arrivare a un vero cambio di rotta, occorre guardare a qualche anno fa, al presente e a un futuro prossimo: è in atto una vera rivoluzione terapeutica, che sta portando a risultati quasi strabilianti, mediante l’utilizzo di antivirali che permettono di trattare tutti i genotipi del virus, con risultati ottimali in chi presenta Epatite cronica, cirrosi compensata e avanzata, nei coinfettati con HIV e in tante altre categorie di pazienti.

Come ricordato ieri, vi è stato per molto tempo un grande ostacolo nell’accesso di questi farmaci: il costo.

L’inserimento di tali farmaci nel SSN, ha rilevato il prof. Ideo, è l’unica soluzione per permettere a tutti di curarsi e a partire da marzo 2017 questo auspicio si è in parte avverato.

Sono stati, infatti, ridefiniti i criteri di trattamento per la terapia dell’Epatite C cronica con il SSN dalle Società scientifiche insieme alla Commissione Tecnico Scientifica (CTS) dell’AIFA (Agenzia Italiana dei Farmaci), con il risultato di garantire il trattamento con il SSN anche a chi ha una fibrosi F2 (moderata) e a chi presenta una fibrosi F1 (lieve) insieme ad altre patologie (come l’Epatite B o un diabete o un’ipertensione arteriosa, etc.).

Il Prof. Ideo ha ricordato quanto le attuali strutture SYNLAB di Monza e Como (il CAM di Monza e il San Nicolò di Como e Lecco) abbiano da sempre investito in ricerca e garantito elevati livelli di innovazione e aggiornamento in queste aree. Tesi confermata dal dr. Luca Germagnoli – CMO (Chief Medical Officer) SYNLAB Italia, che, nel suo intervento, ha evidenziato l’attenzione profusa dai laboratori SYNLAB -il più grande gruppo di diagnostica medica in Italia e in Europa- nell’assicurare a medici e pazienti le opportunità diagnostiche più all’avanguardia anche nell’ambito delle malattie epatiche, attraverso test innovativi, nati dalle più recenti scoperte scientifiche a livello mondiale.

 

 All’interno dello spazio eventi di Bellavite Nonsolocarta, si è tenuta la presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017”, organizzata da Synlab Italia.

Sono intervenuti, oltre al Prof. Gaetano Ideo, diversi rappresentanti del Centro Diagnostico Synlab San Nicolò di Lecco e Como, il dr. Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, il dr. Paolo Rubera – in rappresentanza del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como dr. Gianluigi Spata e una folta platea di medici interessati all’argomento.

Dopo il benvenuto di Paolo Bellavite, il saluto di Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, che ha sottolineato l’importanza di tale confronto su un tema tanto delicato e attuale quale quello dell’Epatite C. Il testimone è passato quindi al Prof. Ideo, che ha presentato il suo libro evidenziando la portata rivoluzionaria delle novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C.

Nel mondo occidentale, l’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia (sono circa 1,5 milioni gli italiani portatori del virus) che, purtroppo, non presentando in tanti casi sintomi specifici, può evolvere criticamente prima che l’individuo possa rendersi conto di esserne malato.

Durante la serata ha preso parola anche il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, sottolineando quanto, su questa tematica, la medicina si sia dimostrata reattiva, segnando la storia e superando limiti economici

oggettivi. Il Dr. Paolo Rubera – in rappresentanza dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como si è concentrato sull’importanza di proporre con regolarità incontri come quello di ieri ai tanti medici operanti sul territorio, affinché ogni professionista possa aggiornarsi sulle continue novità da fonti autorevoli, incrementando la propria formazione e credibilità.

    ******************************************

Il Centro Diagnostico San Nicolò nasce nel 1970 come laboratorio di analisi mediche; negli anni seguenti vengono attivati i reparti di Diagnostica per Immagini, Fisioterapia e Poliambulatorio specialistico. Nel 2007 il San Nicolò diventa Casa di Cura e nel 2010 entra a far parte di SYNLAB, oggi il più grande gruppo europeo di diagnostica medica.