Archivi categoria: dove e come vivranno?

LAVORO QUALE FUTURO? UN MONDO CON POCHI RICCHI E MASSE CHE FATICANO A SOPRAVVIVERE

CHE CI PIACCIA O NO DOBBIAMO RENDERCI CONTO DI COME SI STA EVOLVENDO IL MONDO DEL LAVORO; SPERANDO DI TROVARE MIGLIORI SOLUZIONI DI QUELLE CHE CI STANNO PROSPETTANDO.

Lo scrivono gli esperti del McKinsley Global Institute, basati rispettivamente a Londra, San Francisco e Shanghai. Tutto scritto in “No Ordinary Distruption”, edito da PubblicAffairs, 27,99 dollari; studio a cura di R.Dobbs, J.Manyika e J. Woetzel.

4 forze stanno rivoluzionando il mondo:

1-l’asse del mondo si sta spostando versi sud e verso est (non più USA e Europa) e procede a velocità stratosferica, tra 10 anni la metà delle grandi imprese mondiali sarà in quei Paesi che oggi definiamo “emergenti”
2-metà della crescita mondiale verrà da città ancora oggi quasi sconosciute: da Santa Caterina, in Brasile a Hsinchu a Taiwan
3-il crollo della natalità, dopo Europa, Giappone e USA raggiungerà anche Cina e America Latina
4-la velocità del cambiamento tecnologico non da alle imprese alcuna possibilità di stabilizzarsi, insieme all’enorme complessità legata agli scambi internazionali.

COME SALVARCI DA LAVORI SEMPRE PIU’ INESISTENTI PRECARI, MENO PAGATI E GARANTITI ? Infatti: FANNO E FARANNO sempre di più’ i ROBOT.

L’età dell’oro della produttività e dell’aumento degli stipendi è finita già dal lontano 1973, PERCHE’ LE TECNOLOGIE DIGITALI (dal computer in poi), NON RIESCONO A FAR NASCERE SUFFICIENTI NUOVI POSTI DI LAVORO; anzi li riducono a vista d’occhio.

Non regge il paragone con l’epoca della nascita industriale, quando treni, automobili, macchinari vari e elettricità aumentarono enormemente la richiesta di manodopera e di terziario.

NESSUNA PERSONA DOTATA DI BUON SENSO PUO’ CREDERE ALLA FAVOLETTA DEL “SUSSIDIO GENERALIZZATO DI 10.000 DOLLARI L’ANNO”, visto cosa oggi succede davanti alla disoccupazione …e alle nuove classi povere.

Dimentichiamo anche le belle parole dei soliti rabbonitori ben pagati che ci raccontavano che con l‘EPOCA DEL COMPUTER AVREMMO AVUTO TUTTI LA SETTIMANA CORTISSIMA E TANTO TEMPO LIBERO PER ANDARE IN PALESTRA VIAGGIARE…

10 mila dollari sarà il prezzo dei nuovi ROBOT CINESI, presto sul mercato; camerieri, badanti, poliziotti privati…senza stipendio, ferie, malattia…

Marti Ford, autore di “Rise of the robots” appena uscito negli USA, parla di un futuro mondo Neo-feudale, con i pochi ricchi abbarbicati in abitazioni superprotette, superblindate e grandi masse umane che faticano a sopravvivere.

LO SCENARIO DOVREBBE PREOCCUPARE TUTTI QUELLI CHE HANNO A CUORE LA SOPRAVVIVENZA DEL CAPITALISMO E LA TENUTA DEI SISTEMI DEMOCRATICI.

MA E’ PIU’ SEMPLICE DIRE CHE SI TRATTA DELLE SOLITE CASSANDRE…lo abbiamo appena sentito a proposito di coloro che avvertivano della pericolosità degli estremisti islamici ; ben ignorata perché toccava regioni che ci parevano tanto lontane…

ECOLOGIA : IL NOSTRO FUTURO E’ QUI.

verde sulle pareti verde verde

LEGGI QUI SOTTO PER CAPIRE MEGLIO QUANTO L’ARGOMENTO SIA IMPORTANTE PER LA TUA SALUTE E QUELLA DEI TUOI CARI.

-LA META’ DEL PM10 E’ PRODOTTO DAL TRAFFICO E NON DAGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO!

-NEL NOSTRO  MONDO GLOBALIZZATO ORMAI L’INQUINAMENTO SI DIFFONDE VELOCEMENTE ATTRAVERSO I VENTI, LA ROTAZIONE DELLA TERRA, I COLORANTI USATI PER GLI ABITI PRODOTTI IN PAESI LONTANI (ANCHE QUELLI DI GRANDI MARCHE) E IL CIBO.

-LA CINA VIETA LA PUBBLICAZIONE DEI DATI RELATIVI ALL’INQUINAMENTO SOTTERRANEO, LEGGI FALDE ACQUIFERE!!

-IL TUTTO MENTRE L’AUSTRALIA FA GRANDI PASSI VERSO LA PRODUZIONE DI ENERGIA PULITA.

Con l’aumento dell’inquinamento crescono le malattie, eppure non mancano i provvedimenti che potrebbero invertire questa tendenza.

-Nel planisfero terrestre realizzato dalla NASA, la Cina Orientale è di un bel colore rosso cupo, il massimo dell’inquinamento mondiale che raggiunge i 60-90 microgrammi, per metro cubo, di polveri dovute prevalentemente al traffico e all’industria.

Nelle città europee le cifre sono “migliori” e raggiungono i 30 microgrammi per metro cubo; ovvero tre volte il livello raccomandato dall’OMS.

-Tutto è ben spiegato nel libro della giornalista Margherita Fronte: “Aria da morire”, editore Dalai.

-Uno studio europeo dimostra che gli abitanti di Roma guadagnerebbero ben 11,6 mesi di vita se la concentrazione di pm 2,5 dimezzasse.

I rischi più gravi li corrono coloro che abitano entro i 150 metri dalle vie a grande scorrimento o nelle strade strette e fiancheggiate da alti palazzi che impediscono il giro dell’aria.  Qui si trova il minuscolo black carbon pm 0,1 che entra direttamente nei polmoni e quindi nel sangue.

-In pochissime città italiane si sta cercando di risolvere il problema limitando il traffico e con l’obbligo di mezzi a metano per il trasporto delle merci e per i bus, ma siamo ancora lontanissimi da una soluzione radicale anche se basterebbe trasformare così anche tutte le auto.

Il 15-30% dei casi di asma, infarti e angina sono da attribuirsi al traffico.

UNA LOBBY TRANSNAZIONALE HA TRA I PROPRI OBBIETTIVI L’INTRODUZIONE DI NORME PIU’ FLESSIBILI PER VALUTARE GLI INADEMPIMENTI RELATIVI ALLA QUALITA’ DELL’ARIA.

——–
SOS OCEANI; vedi ulteriori precisazioni negli articoli a seguire.

-Dopo il disastro del Golfo del Messico, le compagnie petrolifere continuano ad estrarre petrolio dagli oceani e prepararno lucrosi contratti per l’Artico dove i ghiacci stanno ritirandosi!

-L’ecosistema marino, sino ad ora, è stato il maggior compensatore della crescita dei gas serra: ben la metà delle emissioni di CO2 sono state assorbite dalle acque e dalle foreste.

-Dall’industrializzazione ad oggi: 250 anni, il livello di acidificazione degli oceani è aumentato del 30%!

-In assenza di correttivi nel 2060 sarà salito al 120%! Insostenibile per la vita di molti esseri viventi.

-Inoltre le acque subiscono una vera iniezione di metalli pesanti, pesticidi, diossine, pcb, ftalati ecc… che si concentrano nei grandi pesci e nei mammiferi marini!

“EUROPA 2020” : DECARBONIZZAZIONE

Articolo di Pia Bassi
ridotto Centrale a turbogas della Sorgenia a Bertonico

Centrale-a-turbogas-della-Sorgenia-a-Bertonico. Foto di Pia Bassi.

SIAMO NOI DEL VECCHIO CONTINENTE A DOVER CORRERE AI RIPARI PER ABBASSARE LA TEMPERATURA DEL GLOBO TERRESTRE?

-SI INIZIA CHIUDENDO AL TRAFFICO I CENTRI STORICI DELLE CITTA’
-Una strategia non molto costosa è la riforestazione di intere aree deforestate per creare terreni agricoli, città, vie di comunicazione (aeroporti, porti, strade, autostrade, ecc.), in Paesi che si sono affacciati a uno sviluppo selvaggio.
Tuttavia anche noi in Europa dovremmo avere l’obbligo di ripristinare intere aree abbandonate a boschi e foreste, ma basterebbe ripristinare i lunghi filari di alberi lungo i fossati, fiumi e torrenti.

-Il lodigiano e il basso milanese, per non parlare della pianura padana tutta, fino a qualche decennio fa prima dell’avvento delle colture intensive di mais, poteva vantare uno dei più bei paesaggi tipicamente lombardi, filari di pioppi dischiudevano come velari il paesaggio dal quale emergevano paesi e slanciati campanili. Ora gli alberi non vengono più ripiantati dove abbattuti, distese di campi agricoli non danno più riparo a uccelli e altri animali che fino a qualche decennio fa erano parte integrante della bella campagna lombarda.

RIDOTTO GUFO REALE Gufo Reale. Foto di Pia bassi

-GUFO REALE: UN ABITANTE INUSUALE DI BERTONICO. FORSE LA SUA CASA ERA NEI VECCHI PIOPPI ABBATTUTI LUNGO IL CANALE MUZZA. SI E’ TRASFERITO PER L’INVERNO SUL PINO MARITTIMO VICINO AL COMUNE.

-A BERTONICO (nel lodigiano) QUANDO L’ARIA E’ TERSA, LA FRAZIONE MONTICELLI DIVENTA UN BALCONE SULLE PREALPI BERGAMASCHE .

FIUME ADDAFoto di Pia Bassi

L’ADDA A BERTONICO, L’ACQUA NON E’ PROPRIAMENTE LIMPIDA COME UNA QUARANTINA D’ANNI FA. E’ TEMPO CHE L’UOMO RISPETTI I CORSI D’ACQUA NON TRASFORMANDOLI IN DISCARICHE.

-Secondo l’Unione Europea e precisamente il JRC di Ispra, sì, in quanto siamo i responsabili primi per avere fagocitato buona parte delle risorse del  cosiddetto Terzo Mondo e quindi dobbiamo essere coscienti dei danni causati in nome dello “sviluppo” e intraprendere quei provvedimenti atti a porre rimedio all’aumento della temperatura globale che è una delle cause dello scioglimento dei ghiacci polari definiti fino a qualche decennio fa “ETERNI”.

Secondo l’Unione Europea dobbiamo essere noi i primi:

se non vogliamo essere sommersi oltre che dalle acque da milioni di “rifugiati climatici” che hanno perso case e terre coltivabili situate su isole, delta dei fiumi, coste oceaniche. Anche la civilissima Olanda verrebbe sommersa e non ci sarebbero dighe sufficientemente alte per fermare le invadenti onde oceaniche.

Dal primo congresso internazionale che si è tenuto sull’ambiente a Rio de Janeiro, nonostante i vari protocolli firmati da più Paesi sullo sviluppo sostenibile, le cose sono peggiorate anche perché sono molti i Paesi che non hanno  firmato il trattato di Kyoto (l’ultimo è stato il Canada), per non parlare degli USA che non lo hanno mai sottoscritto. Google ha elaborato alcune mappe della Terra.

– Nel caso il livello degli oceani aumentasse di 50 metri, lo scenario si presenta tragico: molte isole ed atolli scomparirebbero, i delta dei grandi fiumi come il Rio delle Amazzoni, il Mississippi, il Nilo verrebbero sommersi dalle acque salate, pianure e foreste scomparirebbero e le terre adiacenti diventerebbero salate e improduttive. Anche l’Adriatico non sarebbe esente dall’innalzamento e la Valle del Po sarebbe sommersa e il mare arriverebbe a Milano

Chi vuole scoprire sul web gli scenari futuri basta entrare in “Flood Maps”, www.flood.firetree.net, troverete mappe che figurano l’innalzamento da 1 metro a 60 m. Se si sciogliessero i due poli, gli oceani aumenterebbero di 12 metri, ma nel calcolo dobbiamo considerare anche i ghiacciai delle alte vette e catene montuose.

Il ghiacciaio più lungo delle Alpi, l’Aletsch, a Riederalp in Svizzera era lungo 28 chilometri fino cinquant’anni fa, ora è 25. Il ghiacciaio è sempre uno spettacolo da non perdere, scende dalla Jungfraujoch 3.454m, la montagna scavata cent’anni fa per portare in vetta con il mitico trenino che parte da Interlaken, milioni di turisti che non vogliono perdere lo spettacolo di una montagna ammantata di bianco in ogni stagione come una sposa.

Di fronte a questi scenari, come non accettare i consigli degli scienziati che studiano questi eventi catastrofici ai quali, nonostante tutto, molte nazioni non credono: effetto serra? CO2, ozono? Argomenti che gli scienziati devono spiegare in modo semplice affinché tutti possano capire l’importanza dei provvedimenti da intraprendere per limitare l’immissione dei prodotti chimici nell’ambiente.

Obiettivi da sviluppare  e raggiungere a tappe , dice il JRC di Ispra:

1° “La strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva prevede cinque obiettivi principali che definiscono i traguardi che l’UE dovrebbe raggiungere  entro il 2020.

Uno di questi riguarda il clima e  l’energia: gli stati membri si sno impregnati a ridurre le emissioni di gas serra del 20%, a portare al 20% la quota di energie rinnovabili nel mix energetico dell’UE e ad ottenere un incremento del 20% dell’efficienza energetica entro il 2020. Se attualmente vi sono tutti i presupposti perché l’UE riesca a realizzare due di questi obiettivi, sarà indispensabile intensificare gli sforzi per consentire un miglioramento dell’efficienza energetica . La priorità rimane quindi il raggiungimento di tutti gli obiettivi già fissati per il 2020.”
-2° “Contenimento entro i 2° C del riscaldamento globale prodotto dal cambiamento climatico, il Consiglio europeo ha riconfermato nel febbraio 2011 l’obiettivo UE di ridurre le emissioni di gas serra dell’80-90% entro il 2050   rispetto al 1990.  Alcuni Stati membri si sono già mossi in questa direzione o sono in procinto di farlo in particolare fissando obiettivi di riduzione delle emissioni per il 2050.”
-L’Unione Europea ritiene che per raggiungere quanto ci dobbiamo imporre d’ottenere, è necessario rispettare la tabella di marcia per prospettive d’azione fino al 2050, che ci consentirebbe di ridurre le emissioni di gas serra dell’80-95%. Una di queste azioni è stato quello di istituire aree nei centri storici delle città senza traffico automobilismo con motori inquinanti (vedi Milano con l’area C, appena attuata, ma che per ora non da benefici all’inquinamento dell’aria).
– Come correre ai ripari per limitare i danni dei gas serra e inquinanti atmosferici che riscaldano l’atmosfera, danneggiano la salute gli ecosistemi e limitano la produzione agricola? Ricercare e diffondere in modo tempestivo le nuove tecnologie che permettono la produzione di energie a zero o a  basse emissioni di carbonio, la cattura e lo stoccaggio dello stesso (cosa che non avviene nella centrale a turbogas della  Sorgenia di Bertonico,  che brucia metano espandendo i residui della combustione in tutto il Lodigiano, terra dedita all’agricoltura che lentamente ma inesorabilmente viene acidificata dalla CO2 ), costruire reti intelligenti per la distribuzione dell’energia elettrica prodotta da fonti alternative, non proveniente da combustibili fossili, ricerca di tecnologie per produrre motori per veicoli ibridi ed elettrici per tutti i tipi di trasporto – terrestre, aereo, marittimo – e quando questi sono disponibili permetterne la successiva penetrazione ed utilizzo.

La parola chiave per abbattere la CO2 e tutti gli altri inquinanti è introdurre sul mercato una gamma di tecnologie a bassa intensità di carbonio e utilizzare da subito quelle già esistenti ( per esempio il fotovoltaico), che con il tempo diventeranno più economiche e più competitive.

L’articolo sopra riportato è stato scritto da Pia Bassi.

—–

L’AUSTRALIA SI PREPARA AL FUTURO SENZA PETROLIO E NOI?

Una buona notizia l’Australia ci dimostra come sia possibile risolvere i grandi problemi ecologici della nostra epoca.

L’Australia si sta preparano a divenire un pese ad emissioni zero in soli 10 anni.

Lo sostengono gli scienziati dell’Università di Melburne che hanno pubblicato il rapporto Zero Carbon Australia Stationary Energy Plan.

12 centrali solari termodinamiche, da 3.500 Megawatt l’una, potranno procurare il 58% dell’energia necessaria, compresa anche  quella per i trasporti (convertendoli all’elettrico). Si tratta di impianti dove migliaia di specchi riflettono la luce del sole su di una caldaia posta al centro di una torre fondendo una miscela di sali minerali ad oltre 600° C. I sali fusi e accumulati in grandi sebatoi possono far funzionare delle turbine a vapore per molti giorni di seguito anche con tempo nuvoloso.  L’occupazione di spazio è inferiore al terreno occupato dal più grande ranch del Paese.

50 mila Megawatt potranno essere forniti da centrali eoliche poste lungo la costa fornirebbero il 40% dell’energia necessaria a tutto il Paese.

Per i periodi in cui sole e vento fossero insufficienti l’energia necessaria sarà fornita da centrali a biomassa e idroelettriche.

Il costo del piano è di 290 miliardi di euro, reperiti aumentando di 5 centesimi, per 10 anni, il costo del chilowattora; alle famiglie australiane il tutto costerà 330 euro l’anno in più.

Un piano che paesi senza fonti energetiche, come l’Italia, dovrebbero almeno conoscere e studiare!

—–

OLTRE LA META’ DEL Pm10 E’ CAUSATO DAL TRAFFICO, MA SUI GIORNALI NON SE NE PARLA E LA LEGISLAZIONE  INTERVIENE SOLO SULL’ INQUINAMENTO DA CALDAIE, PERCHE’?

La maggior fonte di emissioni di polveri sottili (quelle che entrano direttamente in circolo nel sangue e causano malattie gravi come il cancro) in Lombardia, una delle regioni con l’ aria più inquinata d’Italia,  è il trasporto su strada. Infatti contribuisce al 47% del Pm10 (scarico dei motori, usura dei freni e pneumatici).

Solo il 17-23% di Pm10 è determinata dalla produzione industriale e dalle caldaie di riscaldamento limitate ai mesi invernali, anche quelle a metano (che non ci da nessuna mano; parafrasando una famosa pubblicità).

Il solo riscaldamento con stufe a camini e legna, anch’esso limitato al solo inverno, contribuisce all’11-13% del Pm10 totale.

Il 6-12% è causato dall’agricoltura.

E’ evidente come il problema della nostra salute sia prevalentemente legato allo scarico delle auto che noi, i nostri figli e nipoti respiriamo costantemente tutto l’anno guidando l’auto, camminando per strada, ma anche spalancando le finestre, soprattutto se siamo ai primi piani; l’inquinamento si concentra verso il basso.

E pensare che basterebbe acquistare, almeno tutti quelli che possono, un’auto GPL per risolvere in gran parte questo pericolosissimo problema! Eppure tutti siamo, anche se solo indirettamente, colpiti dalla gravità della diffusione di certe malattie quali i vari tipi di cancro, malattie respiratorie…allergie.

—-

LIBRI.

-A QUALCUNO PIACE CALDO, prof. Stefano Caserini (docente di mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano), Edizioni Ambiente, € 20. Per capire come il clima stia cambiando.
-GLOBAL WORMING: alla domanda gli scienziati sono convinti del cambiamento climatico in atto? Il 97% ha risposto positivamente. Altre informazioni scientifiche su: www.italiaclima.org
-“IL DILEMMA DELL’ONNIVORO” di M.Pollan editore Adelphi per sapere tutto sul cibo che mangiamo e come salvare le future generazioni.


TERREMOTI E PRELIEVI DI IDROCARBURI

Da uno studio di Nature Geosciencie firmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontario:
-il sisma a Lorca, Spagna, dell’11 maggio 2011, è stato causato dal prelievo di acqua sotterranea a fini agricoli, ciò avrebbe destabilizzato la faglia tettonica.
-Secondo il prof.M.Ortolani, Univ. Federico II  di Napoli, in Italia corriamo un rischio analogo.
-La nuova strategia energetica italiana sembra dia mano libera alle attività di estrazione nel nostro Paese.
-Secondo il prof. Ortolani l’Italia ha centinaia di falde che rischiano di essere destabilizzate dall’estrazione di idrocarburi e conseguente immissione di liquidi per mantenere la produzione.
-I liquidi si insinuano nelle fratture rocciose lubrificandole e rendendo più probabile un sisma distruttivo!

———

IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO E’ STRETTAMENTE LEGATO ANCHE A QUELLO DELLA SOVRAPPOPOLAZIONE E DELLA POVERTA’.
NESSUNO SI OCCUPA DI INQUINAMENTO SE DEVE PENSARE, TUTTI I GIORNI, A COME SOPRAVVIVERE.
IL PIANETA E’ UNO E NOI OGGI VIVIAMO COME SE FOSSERO 4!!!

I DATI SCIENTIFICI E IL PROBLEMA DELLA SOVRAPOPOLAZIONE MONDIALE ( da Storia minima della popolazione mondiale, di M.L. Bacci, ed. Il Mulino )
1 milione gli abitanti della terra nel Paleolitico
-10 milioni nel Neolitico
-100 milioni nell’Età del Bronzo
750 milioni all’inizio della rivoluzione industriale
-2 miliardi alla fine della Prima Guerra Mondiale
più di 7 miliardi oggi con una credibile prospettiva  di raggiungere i 10 milairdi alla fine del secolo.
GLI INCREMENTI ANNUI :
-0,1 per mille dal Paleolitico al Neolitico
-0,6  per mille nei 17 secoli precedenti l’avvento delle macchine a vapore
6 per mille sino al 150
-18 per mille dal 150 ad oggi !

ALTRI DATI IMPRESSIONANTI SONO QUELLI SULLA CONCENTRAZIONE URBANA CHE HA RAGGIUNTO IL 50,5% NEL 2010

Il nostro cervello funziona bene per interagire con gruppi di 100-150 individui in comunità gerarchiche, ma molto solidali tra loro.
Oggi, al contrario di quanto detto qui sopra, viviamo in sovraffollate comunità claustrofobiche ed alienanti!

Tutto questo e l’introduzione del p.c. e robot causano: minore necessità di manodopera, rilancio della natalità (Cina e Francia) per proteggere l’identità nazionale o religiosa, problemi ecologici, problemi economici e lavorativi, squlibri razziali ed estremismi religiosi, anziani che non lasciano il lavoro non favorendo il ricambio generazionale,  gestione di anziani che sopravvivono a lungo anche con gravi patologie, ma che non sono più autosufficienti in un mondo che non ne rispetta l dignità, problemi economici nazionali per il pagamento di pensioni prolungato, oltre ogni previsione, a causa di una impennata della longevità (anche se ristretta alla popolazione dei benestanti), popolazioni sempre più povere per carestie e cambiamenti climatici…grandi movimenti migratori ecc…
Non dobbiamo dimenticare che, ancora oggi, tendiamo per istinto ad una alimentazione supercalorica, utile solo quando eravamo cacciatori predatori.
La popolazione dell’Africa sta aumentando in modo esponenziale, nel 2050 saremo in 10 milardi! Ci saranno più indiani che cinesi, che stanno limitando le nascite. La Nigeria sarà la nazione più popolosa del mondo. Non è difficile prevedere le masse di migranti, ma i governi non stanno facendo nulla, mentre i protestanti fondamentalisti americani, ricchi e potenti, mandano in Africa missionari che predicano contro l’uso dei sistemi di controllo delle nascite e non sono i soli.

PICCOLA NOTA, IMPORTANTE PER L’AMBIENTE.
Ricordate che: la spina inserita nella TVlcd 15′, anche se spenta, costa 6 watt, 13 watt se è accesa, 6 watt con lo stand by, altra TV di tipo medio: accesa 105 watt, spenta 0 watt, in stand by 15 watt, se dimentichi la spina inserita, la stampante spenta consuma 11 watt, 20 watt se accesa, scollegando il tutto si risparmiano c.a. 1 kWh  al giorno!!!!!!!!!!

MENTRE MILANO E TORINO SONO LE PIU’ INQUINATE CITTA’ EUROPEE…

–  HAMMARBY SJÖSTAD (sobborgo di Stoccolma), Svezia, è la città bio per eccellenza.
-affacciata su di un lago, che fu inquinatissimo, e dove oggi si pescano i salmoni
ha un metabilismo circolare, come una foresta: tutto si ricicla
-la pioggia serve per la toilette, acque nere e umido producono  biogas per i bus e per riscaldare le case, si ricicla anche il calore umano!
-qui l’auto è un reperto archeologico
80% dei residenti non usa l’auto
760 km. di piste ciclabili
-2030 la data per portare Stoccolma a emissioni zero
-nelle abitazioni un sistema pneumatico sotterraneo spara i rifiuti a 70 km l’ora verso gli impianti di riciclo e di conversione energetica!
A HAMMARBY SJÖSTAD convergono gli architetti di tutto il mondo per apprendere come costruire la cità a consumo zero.

A JÖNKÖPING (SVEZIA) IL 24% DEGLI ABITANTI USA LA BICI(IN ITALIA IL 4%) E SI STANNO CREANDO PISTE CICLABILI PROTETTE DA VETRI, SPAZI LIBERI, SONO IN CORSO RISTRUTTURAZIONI PER RENDERE MIGLIORE E PIU’ ABITATO IL CENTRO;  JÖNKÖPING  VUOLE ARRIVARE DIVENIRE LA CITTA’ PIU’ ECOLOGICA D’EUROPA!

—-
QUALCUNO DICE ANCORA CHE L’INQUINAMENTO NON E’ IL VERO PROBLEMA!!!

Per coloro che non hanno visto personalmente come i ghiacciai  si siano ritirati negli ultimi 50 anni, per chi non ha potuto vedere le conseguenze delle piogge tropicali nei paesi bagnati dall’Oceano Indiano, Maldive comprese con nebbia come a Milano! nel gennaio 2011, o le conseguenze dei tornado americani…
leggete qui di seguito:
Le Compagnie Petrolifere stanno scavando dalla Namibia alla Mongolia, immaginate con quali scarsi o nulli controlli, e questi erano i pochi paesi non contaminati dall’inquinamento!

ALLE MALDIVE UN’INTERA ISOLA E’ DEDICATA AI RIFIUTI: che contaminano direttamente il mare…

Marea nera: si cerca e si cercherà il petrolio sempre più lontano e in profondità, con sempre maggiori rischi per l’ambiente.
I CAMION e I SUV DISEL INQUINANO FINO A 200 VOLTE IN PIU’ DI UN’AUTO A BENZINA Euro 4. Carabelli dirigente della Regione Lombardia  sostiene: “Oggi ci sono in circolazione 150 mila diesel pre-Euro che producono polveri 200 VOLTE IN PIU’ DELLE AUTO A BENZINA Euro 4…sulle strade lombarde girano anche 1 milione e 250 mila macchine diesel immatricolate dopo il 1993: anche se meno inquinanti, hanno emissioni di Pm 10 comunque di 45 VOLTE SUPERIORI RISPETTO AI VEICOLI A BENZINA Euro 4″.

SE VOGLIAMO UN FUTURO SERENO PER I NOSTRI FIGLI E NIPOTI DOBBIAMO SAPERE QUANTO STA ACCADENDO, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, E FORSE GIA’ E’ TROPPO TARDI…

Un rapporto commissionato dall’ONU 4 anni fa si è concluso con la dimostrazione che “Siamo alle soglie dell’estinzione di massa di numerosissime specie animali e vegetali”.
La FAO ci informa che: “I nostri consumi sono superiori alle risorse”.
Siamo in possesso di tecnologie che, se ben utilizzate, potrebbero aiutarci a risolvere molti di questo problemi, soprattutto se unite ad una particolare attenzione verso il risparmio di acqua e fonti energetiche. Tutto dipenderà da come ci comporteremo nel prossimo futuro.
In molte aree del mondo consumiamo ogni giorno più acqua, più minerali, più energia di quanto il nostro pianeta può offrire senza alterare il suo equilibrio.
Secondo il direttore generale della FAO: “…rischiamo di ipotecare  il futuro delle prossime generazioni…ma esistono le risorse scientifiche per far fronte alla sfida…quasi un quarto del pianeta è coltivato. Abbiamo occupato uno spazio enorme senza risolvere i problemi di base. Al contrario la disponibilità di acqua, suolo e cibo rischia di declinare”.
Tra il 2.000 ed il 2002, 856 milioni di esseri umani hanno sofferto di denutrizione, mentre nel periodo 1995-97 i denutriti erano “solo” 32 milioni. Stiamo parlando di una crescita impressionante anche per chi non ha dimestichezza con i numeri!
Il Comitato glaciologico italiano sostiene: “La riduzione del calderone, del Gran Sasso, non è un problema turistico: mette a rischio la portata delle sorgenti ai piedi della montagna. Sull’Appennino la diminuzione del permafrost (terreno ghiacciato) “sembra” avere reso più frequenti frane e crolli…!!
Lucy Jones è la scienziata dell’United States Geological Survey che ha l’incarico, dallo stato Americano, di studiare il fenomeno anche in considerazione del fatto che per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%
LA CALIFORNIA RISCHIA IL DILUVIO: non c’è solo il pericolo big-one (terremoto), pare che qui, ogni 100-150 anni si scateni anche una supertempesta (l’ultima nel 1861). Le inondazioni australiane e quelle californiane, non sono state le uniche dell’inverno del 2010-11, tutti i paesi del sud dell’Asia e il Brasile, ne hanno risentito.

IL TUTTO MENTRE IL GENIO  ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO E NESSUNO FA NIENTE PER FERMARLO !!

DALLE ALGHE 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina! A

ALICANTE:WILLER BORDON, italiano,ha fondato la ENALG che produce “olio di alghe”e pregiati sottoprodotti come acidi grassi omega. Il prodotto è privo di zolfo e benzene, facilmente raffinabile come carburante per veicoli ed aerei. Inoltre si sottraggono all’atmosfera 2 kg. di CO2, che sono assorbiti dalle alghe, vi restano fissati e non sono destinati alla combustione. Ancora una volta IL GENIO ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

Dove nasce la battaglia del CIBO: a Ginevra lo dice il prof. E.Fragnière della Haute Ecole di Ginevra “Quasi la metà dei silos di stoccaggio appartengono alle banche…nessuno ammette, ma le performance di alcuni istituti di credito parlano chiaro“.

Secondo i banchieri il raddoppio delle materie prime alimentari è dovuto solo ai cataclismi naturali. In un anno i prezzi dei cereali sono cresciuti del 57% gli olii e i grassi del 56%, lo zucchero del 77%.

Case fatte con legnami di scarto, boschi in verticale…la proposta è dell’arch. Stefano Boeri per Milano, ma il progetto è stato abbandonato !

“Il fatto di avere una cortina di alberi crea un microclima con2-2,5 gradi in meno d’estate” sostiene Boeri…inascoltato! www.stefanoboeri.it

-Due torri di Bosco Verticale ospiterebbero 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia potrebbe imparare, dal progetto di S.Boeri, a costruire in altezza. La diversità e le caratteristiche delle piante scelte produrrebbero ossigeno e umidità, assorbirebbero CO2 e polveri, proteggerebbero dall’irraggiamento e dalla polluzione acustica, migliorando il confort e risparmiando energia.
PALAZZI VERDI dall’Accademia delle scienze di California (Renzo Piano) al palazzo del Tribunale di Manchester alla californiana OFF THE GRID HOUSE, ovvero scollegata dall’energia elettrica.
PALAZZI VERDI: sono 70 quelli illustrati nel libro ATLANTE DI ARCHITETTURA ECOSOSTENIBILE (LOGOS, 39.95 €)

—-

UNA SERIA PROPOSTA PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO.
LA BLU ECONOMY PATROCINATA ANCHE DAL  PRINCIPE ALBERTO DI MONACO…MA POCHI NE PARLANO.

L’economia “rossa” era basata sul consumo indiscriminato, quella “verde” è di prodotti ecosostenibili, ma costosi quindi per pochi, l’economia “BLU” vuole prodotti di massa per tutti.
“BLU ECONOMY”:
1-fare buisiness 2-prodotti e sevizi realizzati senza sfruttare manodopera in modi disumani 3-niente uso di sostanze tossiche 4-no all’inquinamento di oggi e di domani
Per depurare l’acqua immettiamo sostanze chimiche che vi annientano tutte le forme di vita
Per produrre una batteria impegniamo un’energia di gran lunga superiore a quella che fornirà.
BLU ECONOMY: buisiness globale con consumi sostenibili anche economicamente per tutti gli abitanti del pianeta
La Blu Economy non chiede alle aziende di investire di più per salvare l’ambiente, ma vuole creare maggiori flussi di reddito:
-coltivare funghi sui fondi di caffè
-usare un cellulare che sfrutta il calore del corpo…
-in natura non esistono disoccupati e neppure rifiuti. Tutti svolgono un compito e gli scarti degli uni diventano materia prima per gli altri. IL PRINCIPE DI MONACO ALBERTO SOSTIENE LA “BLU ECONOMY” E LA PROMUOVE NEL SUO STATO.

—-

NON MANGIAMO GAMBERETTI CHE PROVENGONO DA ALLEVAMENTI!!!

Siamo alla bancarotta ecologica, negli ultimi 25 anni abbiamo visto sparire una foresta di mangrovie su tre (le aree vengono anche usate per allevare gamberetti di mare utilizzando quantitativi eccessivi di antibiotici), una barriera corallina su cinque(ma alcuni turisti continuano a raccogliere di nascosto le madrepore e camminano sulla barriera corallina distruggendo migliaia di anni di crescita), due ecosistemi su tre evidenziano segni di declino,il 25% dei mammiferi il 12% degli uccelli ed il 32% degli anfibi sono a rischio di estinzione.
Questo è quanto emerge dal Millennium Ecosystem Assessment, la valutazione dell’ecosistema dell’ultimo millennio che il segretario dell’ONU ha voluto e che dopo quattro anni di lavoro per 1.360 esperti è stata presentata alla FAO.

—-

SMALTIMENTO FOTOVOLTAICO IN GERMANIA

136 mila tonnellate: questo è il quantitativo di impianti fotovoltaici da smaltire in Germania nei prossimi anni. Il vetro e la pellicola che ricoprono le celle si opacizzazano e il rendimento si abbassa. Con la sostituzione dell’inverter, comunque, si può allungare la vita dei pannelli da 10-15 a 30 anni, con una piccola riduzione di rendimento.
La Germania già ha risolto il problema smaltimento pannelli solari. Il loro 90% può essere facilmente riciclato, oppure si inseriscono triturati nell’asfalto: con ottimi risultati di resistenza per l’asfalto!
—-
2 MILIARDI DI ESSERI UMANI…
Nelle zone aride della terra vivono 2 miliardi di esseri umani: 1 miliardo non ha accesso ad un accettabile rifornimento idrico; circa 2 miliardi soffrono di penuria idrica.
—-
TRIPLICATO L’USO DEI  FERTILIZZANTI A BASE DI FOSFORO, ALTAMENTE INQUINANTE!
Dal 1985 abbiamo utilizzato più della metà di tutti i fertilizzanti a base di azoto prodotti nella storia e creati nel 1913. Dal 1960 al 1990 il consumo di fertilizzanti a base di fosforo è praticamente triplicato.

—-

VECCHI COMPUTER il Banco Informatico Tecnologico e Biomedico è una ONLUS che raccoglie computer, fax, stampanti…da aziende li ricondizionano con l’aiuto di volontari e li spediscono nel terzo mondo perché possano essere ancora utilizzati.

—-

VANDANA SHIVA: troppo pochi ne parlano.
VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra.

VANDANA SHIVA: paladina dell’ambiente con laurea in fisica quantistica, denuncia la schiavitù del petrolio e  l’uso degli OGM. Una filosofia del divieto dello spreco dei beni collettivi: aria, acqua, campi coltivati.

-VANDANA SHIVA ha ricevuto l’equivalente del premio Nobel per la Pace: Right Livelihood  award.

VANDANA SHIVA: sostiene 500 mila contadini indiani contro i fertilizzanti chimici; anche lei predica una allegra sobrietà di vita (che è poi quello che ha predicato il papa Francesco appena salito al soglio pontificio!!) come Serge Latouce per un mondo migliore.
UN’IDEA CONCRETA
L’80% di energia GRATIS per la vostra casa con Eolienne il mini mulino a vento firmato Philippe Stark:costa 500/800 euro www.autocostruzionesolare.it

——-
VECCHI ERRORI DA NON DIMENTICARE!!!
IL NOBEL RUBBIA IN SPAGNA PER IL SOLARE, E L’ITALIA SE LO E’ LASCIATO SFUGGIRE  !!!

-Perché il solare e non l’idrogeno? Secondo il premio Nobel Rubbia esistono solo due fonti di energia che ci permetteranno di abbassare la temperatura del pianeta.
-Il nuovo solare ed il nuovo nucleare
-Il nuovo nucleare deve essere in grado di eliminare il problema dei rifiuti e separare il rapporto tra energia nucleare ed usi militari, a questo proposito Rubbia pensa alla fissione fatta sul torio e non sull’uranio.
-L’idrogeno andrebbe bene, ma produrre idrogeno partendo dal gas naturale e dal carbone non serve a nulla perché rilascia la medesima quantità di anidride carbonica
-L’idrogeno secondo Rubbia deve essere prodotto dall’energia solare per essere” pulito”. In questo modo si produce ossigeno che si mette nell’aria e l’idrogeno recuperato può divenire un gas naturale sintetico da utilizzarsi nelle case.

in Italia è stato studiato quello che si chiama “solare termodinamico”, non quello attualmente più conosciuto, ovvero il fotovoltanico, ma un sistema molto più efficicente. Il premio Nobel Carlo Rubbia avrebbe voluto mettere in piedi con la collaborazione di Enea ed Enel a Priolo, vicino a Siracusa.

Si sarebbe così realizzata un’idea partita da Archimede, quella degli specchi ustori, per produrre calore che successivamente genera energia. Il progetto non richiedeva dal Governo grandi somme, perché finanziato in gran parte dalle banche.
Purtroppo trattandosi di nuova tecnologia nessuno del Ministero delle Attività produttive e dell’Ambiente ha voluto esprimersi alla fine di un anno e mezzo lasciato per la risposta.

La Spagna nel frattempo ha fatto, VELOCEMENTE!!, una legge che afferma che il solare termodinamico è verde e quindi interessante perciò è stato permesso a Rubbia di sviluppare il suo lavoro lontano dall’Italia.
Si tratta di un impianto di rilevanza mondiale che porterà anche posti di lavoro alla nazione che lo sviluppa, in questo caso la Spagna.

—-
EFFETTO SERRA QUALCUNO CI VUOLE IMBROGLIARE…E CI GUADAGNA PURE!

Private Empaire“, 700 pagine, è il libro-denuncia da poco uscito negli Stati Uniti. L’autore è Steve Coll, grande firma che ha già vinto 2 premi Pulizer, e un libro-inchiesta su Bin Laden e uno sulle guerre di Georg Bush.

-“Private Empaire” è frutto di anni di ricerche e 400 interviste, comprese numerose fonti interne della compagnia Exxon (petrolio)
-Più volte le Organizzazioni Internazionali a Scopo Umanitario hanno denunciato la Exxon per legami con despoti, come (in passato) in Indonesia, Venezuela, Guinea Equatoriale, Ciad e la Russia di Putin.
-E’ capitato anche che la stessa politica estera degli Stati Uniti sia stata sabotata dalla stessa Exxon!
Lo stesso Bush disse al primier indiano: “Nessuno riesce a influenzare le scelte della Exxon” !!!
Il dittatore del Ciad fu messo sotto pressione da Bush  e dalla Banca Mondiale perché dedicasse almeno una parte degli introiti del petrolio all’istruzione e alle cure mediche del popolo, invece di acquistare solo armi. In quel caso la Exxon lasciò 700 milioni di dollari al dittatore Déby perché potesse permettersi di ignorare le richieste di Busch e della Banca Mondiale.
-Comunque l’argomento centrale del libro di Coll è la guerra della Exxon contro la scienza e le prove di tale guerra condotta in segreto, utilizzando come schermo dei non precisati “Centri di Studio”, in realtà potenti agenzie di Lobbing con scopi di finanziamenti politici.
-L’organizzazione di questa guerra contro la scienza seria ebbe un carattere militare, con tali regole di sicurezza da poterle paragonare alle “scatole nere” delle intellicence delle super-potenze.
-E quanto detto sopra non è fantasia, ma tutto dimostrato da uno dei più conosciuti giornalisti americani e riportato anche, in Italia, dal Corriere della Sera nelle pagine “R2 L’ambiente” del 4.5.12
Lo Chief executive fu Lee Raymond, un ingegnere chimico, “convinto di avere personalmente le conoscenze sufficienti per giudicare gli scienziati climatologi”

Con mezzi economici quasi illimitati si organizzò una campagna di DISINFORMAZIONE, DEPISTAGGIO, DENIGRAZIONE; cercando di imporre una NUOVA SCIENZA utilizzando una serie di pseudo-esperti ben pagati dalle compagnie petrolifere (giornalisti, scienziati..) che accettarono di assecondare gli interessi delle compagnie petrolifere.

-La prima campagna fu organizzata nel 1997, durante gli accordi di Kioto, che infatti videro gli USA starsene in disparte e non accettare le regole proposte
-La Exxon attraverso l’American Petroleum Instiute ( una sorta di Confindustria dei petrolieri) finanziò una serie di piccole e grandi associazioni neo-liberiste per diffondere il dubbio sulla validità dell’annunciato cambiamento climatico e mettendo in  dubbio la relazione tra inquinamento industriale e riscaldamento da CO2
Coll, nel libro, porta le prove che vennero usate tecniche e tattiche simili a quelle usate per discreditare l’industria del tabacco. Addirittura vennero usate anche le medesime persone della campagna antitabacco.
La Exxon mobilitò e finanziò scienziati scettici privi di adeguate competenze, offrendo campagne di comunicazione e relazioni pubbliche ben pagate.
-Il risultato fu, ed è ancora, brillante, l’opinione pubblica americana è ancora molto divisa e incerta sulla serietà delle motivazioni che accusano l’industria di catastrofismo ecologico, insomma non riescono più a capire chi ha ragione e chi ha torto; che è proprio l’obbiettivo della Exxon
Anche con Obama la Exxon si è rivelata capace di non far passare alcuna norma ecologica per la limitazione del CO2
-Coll osserva come gli USA abbiano una Compagnia Petrolifera di Stato capace di condizionare prepotentemente la politica del Paese medesimo!

-La tragica sorpresa è che ora sappiamo che la Exxon e le compagnie petrolifere in genere, hanno già fatto degli accordi con Putin per trarre beneficio, in produzione di petrolio, dal ritiro dei ghiacci artici.

Negli USA, in alcuni Stati, è passata la regola per la quale nelle scuole si deve parlare imparzialmente delle due teorie sugli effetti dell’industria e del petrolio sul pianeta: sia quello negativo che quello che lo mette in dubbio, il tutto al 50%
-Come se i ghiacci, i ghiacciai non si stessero ritirando o alcune isole non fossero già quasi sommerse per il riscaldamento del pianeta e per l’eccesso di produzione di CO2 !!
-Nessuna azienda, nella storia, ha mai avuto tali disponibilità economiche come la Exxon-Mibil per depistare: politici, giornalisti, imprenditori e cittadini

Greenpeace è riuscita a vedere un documento nel quale si parlava di campagna per il “foraggiamento” di scienziati e centri-studio per mettere in dubbio le basi scientifiche della necessità di riduzione delle emissioni di gas (Corriere della Sera pag. 41 del 4.5.12).

—–
EDIFICI AUTOSUFFICIENTI per la casa “EARTHSHIP”, ecologica www.earthship.org (FORNISCE INFORMAZIONI, SCAMBI DI OPINIONI, AIUTA A PROGETTARE CASE CON TECNICI E AUTODIDATTI)

a TAOS, nel NEW MESSICO (USA), da 40 anni i pionieri dell’abitare ecologico costruiscono case autosufficienti
-Taos è divenuto il quartier generale di Michel Reynolds, il luogo è soprannominato “The Land of Enchantment”, qui Reynolds è “bioarchitetto” per autodefinizione, ed ha anche fondato la Earthship Biotecture, diffusa in tutto il mondo
CARATTERISTICHE PRINCIPALI:
-muri esterni di pneumatici e lattine, seminterrati: le gomme riempite di terra sono accatastate come mattoni e coperte con intonaco di terra cruda, così si crea massa termica che permette di stabilizzare una temperatura interna di 20°, indipendentemente dalla temperatura esterna, non servono né riscaldamento né raffreddamento
-muri con bottiglie di vetro: sono di spessore inferiore a quelli sopra citati; si uniscono i colli tagliati di due bottiglie e si sigillano con scotch largo e rinforzato, il cilindro ottenuto è largo quanto la profondità del muro e viene usato come un mattone lasciando libere le due estremità così si ottiene anche una buona illuminazione interna
-le finestre esposte a sud sono inclinate in modo che il sole, in inverno, le irraggi verticalmente, determinando così un sistema termico passivo; il raffreddamento può anche essere affidato a sistema dei camini in uso anticamente nei paesi arabi (una torre dalla quale risale l’aria calda mantiene fresco l’interno)
-l’acqua piovana è riciclata più volte per la cucina, la  lavanderia, il bagno, l’innaffio della serra esposta a sud che fornisce cibo, ossigeno, umidifica e offre ombra alla casa
-l’elettricità è fornita dal fotovoltaico o dall’eolico e viene anche stoccata in batterie
-l’acqua del WC è trattata e usata come concime
-nel villaggio di Tao esiste una connettività a banda larga via satellite per internet e VoIP per telefonare
– gli abitanti di questo villaggio sono tutti convinti che si devono porre veloci rimedi per salvare il pianeta dall’inquinamento totale
E’ POSSIBILE TRASCORRERE UNA VACANZA A TAOS  PER TESTARE QUESTE CASE.

—-
CINA

8.572 persone sono morte in Cina quest’anno per inquinamento.

Lo sostiene uno studio pubblicato dalla Scuola di Sanità Pubblica dell’Università di Pechino insieme a  Greenpeace. Il forte inquinamento ha causato perdite economiche per c.a. 6,8 miliardi yuan (oltre 700 milioni di euro). L’analisi si è svolta in quattro grandi città: Pechino, Shanghai, Guangzhou (la ex Canton) e Xi’an.
La Cina avvolta dallo smog nasconde un mostruoso fantasma: l’inquinamento del suolo e delle falde acquifere causato da metalli pesanti.
Le autorità di Pechino hanno i dati di questo inquinamento, ma che i cittadini non potranno conoscerli in quanto è stato coperto da “segreto di stato”.
Il ministero dell’Ambiente cinese ha condotto un’ampia ricerca  dal 2006 a oggi.
Ma Jun, direttore  dell’Istituto di affari pubblici e ambientali di Pechino, sostiene che la contaminazione del suolo potrebbe comportare un rischio maggiore rispetto ad altre forme di inquinamento, perché meno visibile.
“L’inquinamento del suolo danneggia pericolosamente la popolazione – dice Ma Jun – poiché colpisce: cibo, coltivazioni e falde acquifere”.
L’inquinamento del suolo è subdolo. Chi mangia cibo contaminato è esposto a gravi rischi per la sua salute, ne sono danneggiati in particolare  fegato e reni, mentre nei bambini possono verificarsi gravi problemi di crescita.

ARTE A VENEZIA : HENRI ROUSSEAU Il candore arcaico

 HENRI ROUSSEAU Il candore arcaico

6 marzo – 5 luglio 2015
VENEZIA, Palazzo Ducale – APPARTAMENTO DEL DOGE

“Che uomo meraviglioso era questo Rousseau!” (Vasilij Kandinskij a Franz Marc)

W.Kandinsky, Schwarzer Fleck

Kandinsky, Schwarzer Fleck : particolare.

01_Henri Rousseau

Henri Rousseau, Incantatrice di serpenti (1907).

19_arte Odilon Redon jk

Odilon Redon, particolare.

09_arte 450 h Henri Rousseau

Henri Rousseau

Personalità centrale della cultura figurativa tra la fine del XIX secolo e il rivoluzionario periodo delle avanguardie, Henri Rousseau (Laval, 1844 – Parigi, 1910),

— famoso per le atmosfere oniriche, le foreste e i paesaggi incantati, sfugge da sempre a qualsivoglia catalogazione.

Inutile etichettare il suo lavoro: il modo stesso in cui il pittore è stato interpretato, il più delle volte, è stato frutto di una serie di malintesi; eppure la forza della sua pittura, snobbata dai critici ma apprezzata dagli artisti, è espressione di un fenomeno che non ha paragoni nel campo dell’arte tra Otto e Novecento.

A Rousseau, detto il Doganiere, la Fondazione Musei Civici di Venezia dedica una straordinaria mostra, con la collaborazione scientifica e i prestiti eccezionali dei Musées d’Orsay et de l’Orangerie di Parigi e il patrocinio della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna.

Prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, con oltre cento opere provenienti dalle più importanti istituzioni internazionali (quaranta capolavori dell’artista e sessanta opere di confronto), l’esposizione è ospitata nell’Appartamento del Doge a Palazzo Ducale.

Il progetto, non vuole essere l’ennesima celebrazione della naïveté del pittore francese, ma piuttosto la presentazione di un lungo percorso di studi iniziato più di tre anni fa.

Una ricerca che ha messo nella giusta luce critica e storiografica l’opera di Rousseau, figura di riferimento per i grandi protagonisti delle avanguardie storiche, per intellettuali come Apollinaire e Jarry, per grandi collezionisti come Wilhelm Uhde e Paul Guillaume, ma anche per tanti pittori che precedettero e superarono le avventure del cubismo e del futurismo: da Cézanne a Gauguin, da Redon a Seurat, da Morandi a Carrà, da Frida Kahlo a Diego Rivera, per non dire di Kandinskij e Picasso.

Tutti artisti presenti in mostra con opere che dialogano coerentemente con quelle dipinte dal Doganiere nella sua breve ma intensa stagione creativa, tra il 1885 e il 1910.

Accanto a essi, una scelta mirata di lavori esemplari di antichi maestri – da Liberale da Verona al Maestro della Fruttiera Lombarda, da Giovanni di ser Giovanni detto lo Scheggia a Francisco Goya

ROSSEAU Un “candore arcaico” che emerge anche nelle opere dedicate alla natura selvaggia e nelle famosissime giungle, di cui ben sei sono in mostra – dalla bellissima Incantatrice di serpenti (1907) al Cavallo assalito da un giaguaro (1910) – come pure nei più bucolici paesaggi di campagna e di città.

Quindi, le nature morte e la serie sorprendente dei ritratti maschili e femminili (spesso di amici o familiari), che mostrano anche la capacità di Rousseau di cogliere la vita della piccola borghesia, protagonista della placida e apparentemente innocua periferia cittadina, e la forza identitaria di un artista assolutamente unico e originale.

Proprio per sottolineare ancora una volta l’importanza e l’impatto che la produzione artistica di Rousseau ebbe nell’ambiente intellettuale della Parigi di inizio Novecento, nel percorso della mostra il visitatore rivivrà l’emozione del famoso banchetto che Pablo Picasso organizzò in onore del Doganiere nel 1908, in occasione dell’acquisto del Ritratto di donna.

Il dipinto di Rousseau sarà esposto di fronte alla La bouteille de Bass di Picasso, in una stanza animata dal poema che Guillaume Apollinaire dedicò a Rousseau durante il celebre banchetto e immersa nella musica del valzer “Clemence”, composto dallo stesso Doganiere e suonato in quell’occasione.

HENRI ROUSSEAU
Il candore arcaico
6 marzo – 5 luglio 2015
VENEZIA, Palazzo Ducale – APPARTAMENTO DEL DOGE

ORARI: Da domenica a giovedì: 9.00 – 19.00 Venerdì e sabato: 9.00 – 20.00

(chiusura biglietteria 1 ora prima)

BIGLIETTI: Intero: 13 € Ridotto: 11 €

Infoline e prevendita 041 098 81 69 http://www.ticket.it/rousseau http://www.mostrarousseau.it

IL MONDO PER I NOSTRI NIPOTI: SEMPRE PIU’ DISEGUALE: RICCHI E POVERI.

Genitori, figli e nipoti si trastulliamo coi videogiochi e play station; non stanno comprendendo cosa li aspetta e non sono affatto preparati ad affrontare il futuro

Ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri; è questo il futuro? Si.
DISEGUAGLIANZE SEMPRE PIU’ MARCATE.
LA CINA IL PAESE PIU’ RICCO AL MONDO.

I nuovi ricchi cinesi entrano nelle classifiche mondiali dei Paperoni e fanno raggiungere cifre da vertigine ai superattici (penthouse) dei nuovi grattacieli a Manhattan e Miami: sino a 100 milioni di dollari per un “appartamento” !

Di tutto ciò ne trae vantaggio anche il settore lusso del made in Italy; Ferrari in testa, nonostante la paralisi continua del traffico e l’emergenza smog, intorno a Shanghai e Pechino.

Le dimore principesche di arabi e cinesi sono arredate utilizzando il prezioso marmo di Carrara; non sempre nel più raffinato dei modi.

— Il ridicolo e tragico di tutto ciò sta nella stupida e falsa frase di Ronald Regan che diceva: “Quando la marea sale, alza tutte le barche, sia gli yacht dei miliardari che le barchette dei pescatori”.

— Mai frase si rivelò più falsa, oggi le differenze sociali sono abissali e sempre più scarsa è la possibilità di movimento tra gli strati sociali a causa die costi proibitivi delle buone scuole e dei master che costano sempre di più.

Un esempio per tutti il costo di caffè e cacao, diminuito enormemente alla fonte, aumentato di molto al dettaglio.

Gli “gnomi” svizzeri acquistano quantità enormi di prodotti alimentari, che vengono stoccati nei silos e mantenuti con utilizzo di funghicidi, insetticidi, eccetera…

Poi, non avendo immediato bisogno del raccolto, riducono sul lastrico il produttore che deve vendere la sua produzione per continuare a mangiare e produrre il nuovo raccolto.

Una vera aberrazione del marketing più “avanzato”; una rovina per tanti popoli poveri e un’ulteriore enorme fonte di guadagno per chi dispone di grandi capitali.

— Anche Deng Xiaoping, il successore di Mao, si ispirò al nefasto metodo reganiano: “Arricchirsi è glorioso !”, disse e i più scaltri ne approfittarono portandoci agli attuali risultati.

–In Occidente, per il trentennio post-bellico, nessuno faceva caso alle Ferrari ed alle Bentley che aumentavano. Ognuno era preso nel realizzare il suo piccolo miracolo economico familiare: la lavatrice, il frigorifero, la casa con giardino, l’automobile i mobili nuovi, la televisione…tutto a rate, ma raggiungibile.

— Nessuno, o quasi, si è accorto che le cose stavano cambiando, che il promesso lavoro per tutti e tanto tempo libero, grazie all’introduzione del computer era una falsa promessa.

Ora tutti siamo o più poveri o più ricchi e il futuro sta in una ulteriore differenziazione.

Abbiamo di fronte un Medioevo incombente, ma ci trastulliamo coi videogiochi e lo stesso lasciamo fare a figli e nipoti che non stanno comprendendo cosa li aspetta e non sono affatto preparati ad affrontare un futuro solo per vero ricchi o teste brillanti con studi specifici.

FUTURO DELL’UOMO, FELICEMENTE MIGLIORE SECONDO MICHEL SERRES.

RINASCIMENTO TECNOLOGICO? COSI’ SOSTIENE MICHEL SERRES.

-Secondo Michel Serres, l’introduzione del computer rappresenta un’evoluzione/rivoluzione del sapere umano eguale a quello che fu l’invenzione della stampa.

-Noi, modestamente, vorremmo far notare che, per esempio, la stampa ha dato lavoro a migliaia di persone, mentre l’introduzione dei computer l’ha tolto e continua a toglierlo.

-A nostro parere, l’introduzione del computer può rappresentare quindi solo un’evoluzione favorevole ad alcuni gruppi di studiosi, professionisti, società internazionali, ma non un’evoluzione favorevole alla maggioranza della popolazione; che si è vista ridurre gli stipendi e cancellare posti di lavoro.

-Michel Serres, nato nel 1930, è filosofo, scrittore ed è stato docente nelle università di Parigi e Stati Uniti, nonché membro dell’Accademia Francese e vincitore del Premio Nonino (secondo Wikipedia:un riconoscimento in ambito culturale, letterario ed enogastronomico, che ha come scopo dichiarato “la valorizzazione della civiltà contadina”. Dalla sua istituzione, nel 1975, è organizzato e gestito dalla famiglia Nonino, a Percoto, in provincia di Udine, Italia).

-Il pensiero di Michel Serres ci evidenzia come l’uomo, nella storia, abbia sempre avuto necessità di uno spazio concreto dove immagazzinare beni, pergamene-libri nelle biblioteche, oggetti utili in casa ecc..nello stesso modo in cui l’individuo immagazzina nella mente le conoscenze e le rielabora.

-Ora, sempre secondo Michel Serres, il nostro cervello non serve più per ricordare (i computer ci dicono tutto di tutto, in qualunque luogo del mondo ci troviamo; se abbiamo un pc e una rete internet a disposizione), ma è completamente libero per rielaborare e quindi mettere meglio a frutto la nostra intelligenza.

-Sempre secondo Michel Serres, non abbiamo più bisogno di riunire libri, segni, beni, studenti, case o mestieri, visto che lo fa benissimo il computer.

-Secondo noi, se in generale Serres ha centrato il punto, in particolare le cose stanno un poco diversamente.

-Prima di tutto il nostro cervello non potrà mai creare un pensiero logico, quindi inventare qualcosa di nuovo, se i dati che deve relazionare tra loro non sono presenti nel suo cervello. 

-E’ come se Leonardo da Vinci per avere l’idea di una macchina volante avesse dovuto andare sul pc e ricercare tutti quei dati e pensieri che hanno portato all’idea di creare un mezzo volante.

L’idea geniale nasce dall’elaborazione di dati ben presenti nel nostro cervello, il quale riesce a metterli in relazione tra loro e quindi a proporre qualcosa di completamente nuovo.

Nulla a che vedere con il controllare su un pc la data di nascita di un evento storico o di un personaggio famoso; qui stiamo solo parlando di memoria, che nulla ha a che fare con l’intelligenza, ovvero la capacità di rielaborare quanto appreso per creare qualcosa di  nuovo o per migliorare quanto già esiste.

-Certo, ora si parla di futuri pc intelligenti, capaci di pensare meglio dell’uomo perché in  grado di elaborare più dati contemporaneamente, ma questa è una realtà che riguarda il futuro e sulla quale noi siamo estremamente pessimisti.

-Vedi ai link:

https://www.donnecultura.eu/?p=7209

https://www.donnecultura.eu/?p=8372

Un mondo in mano all’  “intelligenza” dei computer; e quando la linea internet non funziona bene? (ci è capitato che, lontanissimi da casa, per debolezza della connessione internet, il bancomat non erogasse denaro in quanto non riceveva correttamente il numero digitato sulla tastiera….risultato lontanissimi da casa: senza soldi…di peggio succederà quando chi opera sul corpo umano sarà un robot, l’uomo sbaglia, ma la macchina può avere problemi tecnici, di alimentazione, di programmazione e se l’uomo è lontano e il sistema non funziona bene, non è detto che possa fermarla in tempo… un’auto guidata dal pc è quanto mai vicina ad essere venduta, ma quando le connessioni si interrompessero per una catastrofe o un semplice blackout o un errore di programmazione della stessa, quanto danni potrebbe fare ? …Anche le centrali nucleari ci furono presentate come sicurissime; Chernobyl e Fukushima insegnano…e cosa possiamo dire di eventuali attentati terroristici o minacce da parte delle più grandi mafie del mondo?

-Se riconosciamo che per uno studioso, architetto, libero professionista, multinazionale… avere la possibilità di disporre sempre dei dati necessari e  di trasferire il suo lavoro, le sue lezioni, le sue conferenze nel mondo, è un enorme vantaggio,

non altrettanto possiamo dire per la stragrande maggioranza della popolazione che si è vista ridurre i posti di lavoro e aumentare i costi del vivere quotidiano

-Non vogliamo essere solo pessimisti sul futuro, riconosciamo al computer anche enormi vantaggi, non ci resta che sperare che l’uomo ne faccia un uso intelligente e non si limiti a rielaborare i dati forniti da un pc, ma ci metta del suo !

Cominciando con il non divulgare solo notizie positive, lo si era fatto all’introduzione del pc presentato dalla stampa come la riduzione del tempo di lavoro per tutti, della settimana cortissima, del bengodi del tempo libero per tutti…il tempo libero lo hanno acquisito solo i disoccupati e non possono andare in palestra, viaggiare, né giocare a golf!

-Chi divulga solo notizie positive, tacendo i rischi, ci da l’impressione di farlo solo per compiacere la propria carriera…

-Anche il Papa ci sta dicendo che il mondo globalizzato ha delle enormi pecche che si riflettono. come sempre, sui più poveri…

“LA FARFALLA AVVELENATA”: il problema delle discariche in una regione “modello”.

“LA FARFALLA AVVELENATA”: un libro da leggere perché mette in evidenza la

brutalità messa in atto verso

l’ambiente e i cittadini pur di fare quattrini.

IL TRENTINO UNA REGIONE ALLA QUALE DOBBIAMO RICONOSCERE DI ESSERE

ANCHE  STATA PIONIERA IN TANTE  “BATTAGLIE” ECOLOGICHE, A PARTIRE

DALLA COCCINELLA DELLA MELA “MELINDA”.

http://www.melinda.it

“Melinda, è più di una mela: è il frutto dell’unione tra la Natura della Val di Non, e  la passione di oltre 4.000 famiglie del Consorzio.

Nel 2005, l’Unione Europea ha conferito il marchio D.O.P. alle mele della Val di Non. Così i prodotti del Consorzio Melinda diventano anche a Denominazione d’Origine Protetta.

-È una notizia che ci riempie d’orgoglio: è la prima volta che un marchio così prestigioso viene associato ad una mela italiana”.

Il Trentino, si sa,  rappresenta anche una grande ricchezza per il suo turismo: enologico-sciistico-gastronomico-culturale-paesaggistico…

Purtroppo anche nelle migliori famiglie qualche cosa va storto e, senza togliere nulla ai meriti/pregi di questa regione, che sussistono, dobbiamo tuttavia, per amore della verità, segnalare anche la “mela marcia” della situazione:

Dal libro inchiesta sull’ambiente in una valle del  Trentino.

Come si danneggia l’immagine di una regione  con la mal gestione dei rifiuti a fronte di ingenti guadagni.

“LA FARFALLA AVVELENATA” – il Trentino che non ti aspetti

Articolo di Pia Bassi.

Due donne coraggiose e determinate: Alessandra Liverani, Pubblico Ministero e Maria Principe, Vicequestore del Nipaf, Nucleo investigativo Corpo forestale dello Stato, hanno condotto per anni le inchieste sull’inquinamento ambientale in Valsugana. Queste sono le radici di un libro di 158 pagine di denuncie uscito nel novembre 2012  e che ha avuto difficoltà di presentazione e recensione sui grandi giornali.

L’argomento è scottante: i due giornalisti trentini, Andrea Tomasi e Jacopo Valenti descrivono con documenti alla mano il pesante inquinamento ambientale della Valsugana causato da alcune discariche definite ambientali perché negli anni 2007-2008 hanno stoccato previe autorizzazioni comunali nella cava di Monte Zaccon ben 400 mila tonnellate abusive di materiali altamente inquinanti e nella discarica comunale di Fastro 2 mila in più di scorie non trattate.

E’ recente la notizia che il Trentino Alto Adige, regione autonoma, ha ricevuto la bandiera blu per la purezza della sue acque.

-Forse la Valsugana per coloro che distribuiscono le bandierine non è in Trentino!

I cittadini del comune di Roncegno Terme, Valsugana, avevano registrato un andirivieni di camion a ogni ora del giorno e della notte  che andavano a scaricare nella cava di Monte Zaccon, una cava che era stata destinata a ripristino ambientale, da riempirsi quindi  con materiali inerti. E allora perché puzzano, emanando odori forti soprattutto di notte, se sono inerti? I cittadini si allertano, fanno esposti e denunce agli enti predisposti e ai giornali, ma non succede nulla.

I primi ad allarmarsi, scrivono i due colleghi giornalisti trentini, sono proprio i residenti  che hanno le abitazioni vicine alla cava Zaccon;  sono il geologo Stefano Capisani e Laura Stefancich, insegnante. Oltre al rumore e puzza, rilevano che i loro cani da qualche tempo non vanno più in calore, sono pieni di cisti ovariche e le devono sterilizzare. I gatti non figliano più, abortiscono spontaneamente e quelli nati non si sviluppano. La gente parla di bambini  che si ammalano. A Roncegno i medici danno vita a un comitato per valutare e rischi ambientali. Le denuncie inoltrate non davano frutti. Come mai? Proprio il Trentino che fa dell’ambiente il fiore all’occhiello per attirare turisti e la farfalla (lepidottero sensibile agli inquinanti) ne è il simbolo? Perché non si risolve la penosa situazione per i cittadini di Roncegno Terme e dintorni? Qualcosa non funziona, pensano gli sfortunati abitanti che subiscono la sopraffazione dell’inquinamento ambientale.

Siamo nel 2007, ben prima dello scandalo ILVA di Taranto, del quale parlano tutti i media. Spesso il diavolo fa le pentole senza i coperchi e la verità viene a galla. Il caso vuole che in Valsugana abiti un ispettore superiore del Corpo Forestale dello Stato di Vicenza, Veneto. L’ispettore è Nicola Pierotti che ascolta con attenzione la storia e non perde tempo, si butta nell’indagine. Fa alcune verifiche sul posto e ci torna con i colleghi del NIPAF, una squadra specializzata nel contrasto al traffico dei rifiuti e ai reati di stampo ambientale. I forestali dello Stato – coordinati dal vicequestore Maria Principe (ironia della sorte, “Principe” è anche il nome di Lorenzo Dellai, all’epoca dei fatti potentissimo governatore dell’autonoma provincia di Trento)  collaborano anche con il personale della stazione di Enego, che si trova a pochi chilometri oltre il confine del Trentino, in Veneto. Partono le verifiche: seguiranno undici mesi di intenso lavoro per gli investigatori i quali portano in Procura i primi risultati delle indagini e ottengono il via libera. Il pubblico ministero Alessandra Liverani affida al Nipaf il compito di effettuare le indagini.

Queste portano a scoprire un mondo di rifiuti eterogenei scaricati, mescolati al terreno e spianati. Viene sotterrato buono e cattivo. I rifiuti arrivano da ovunque, tal era la cupidigia di fare denaro in barba alla salute dei cittadini e all’ambiente. Il Tam-Tam che nel nord-est era disponibile  una facile pattumiera,  aveva evidentemente fatto il giro delle industrie che avevano rifiuti da smaltire e senza troppi riguardi. Inutile dire che il business dei rifiuti industriali è enorme e si creano apposite società per lo scopo, spesso l’industria che li produce non sa che fine fanno perché da l’incarico a queste aziende “specializzate”. Il Corpo forestale dello Stato scopre un lungo elenco di industrie che conferiscono i rifiuti alla Ripristini Valsugana. Sono le Acciaierie Venete di Sarezzo, Acciaierie Venete di Padova, Acciaierie Venete Arvedi di Cremona, Alfa Acciai di Brescia, Stefana spa di Ospitaletto, Brescia, Cartiere Romanello, Cartiere di Carbonera, Cartiere del Garda, Fedrigoni Cartiere (Verona, Arco, Varone) Cartiere Val Posina, Dasty, Metalcam spa di Breno, Acciaierie Valsugana e il cantiere di bonifica ex Star Oil di Trento. Ecco i materiali impropri trovati nella cava di Monte Zaccon dagli agenti del Nipaf: rifiuti derivati dalla fusione di metalli ferrosi, scorie di acciaieria, rifiuti della produzione e della lavorazione di polpa, carta e cartone, fanghi di cartiera, rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi, terreni con idrocarburi, ed altri ancora.

E’ un libro da leggere perché mette in evidenza la brutalità messa in atto verso l’ambiente e i cittadini pur di fare quattrini. Ecco un titolo mutuato da un’intercettazione: La scoria bianca? “La metto anche nel pane”. Un consiglio ai turisti: prima di scegliere un luogo dove trascorrere le vacanze in posti ameni, controllate su Google come vengono gestiti depuratori e discariche dei rifiuti.

Ma “Cosa resta?” dopo anni di denuncie, processi, sentenze? Riportiamo le prime righe del capitolo: “Cosa resta ai cittadini di Roncegno e a quelli di Sardagna, che vivono con due discariche a pochi passi dalle loro abitazioni? Ad oltre quattro anni di distanza dai fatti – con un processo d’appello che, mentre scriviamo, è alle porte – i due siti sono ancora lì, come le indagini li avevano lasciate o quasi. Nessuno ci ha messo mano, nessuna bonifica è stata avviata. I rifiuti smaltiti sono ancora tutti lì……….”

Il libro è stato presentato a Milano presso la Libreria della Natura, Corso Magenta, 48. Città del Sole Editore, prefazione di Claudio Sabelli Fioretti. Euro 15.

Pia Bassi