Archivi categoria: CULTURA

Cultura: mostre d’arte, libri, art from women…la donna nella storia, donne che pensano.

Vergogna ! – Donna denuncia e perde lavoro – ministro Marco Caruso la molestava

IN ITALIA DENUNCIARE PORTA ANCORA A PREDERE IL LAVORO

MA CHE RAZZA DI DEMICRAZIA ?

E POI PARLANO DI EGUAGLIANZA DEI SESSI  E RELATIVE CARICHE PUBBLICHE UFFICIALI, CHE NON HANNO DATO BUONI FRUTTI … e dovrebebro essere licenziate ….

Si chiama Federica B. ed ha avuto il coraggio di denunciare il ministro Marco Caruso, per il quale lavorava e che la molestava.

Ora la giovane donna è rimasta senza lavoro ed ha rilasciato un’intervista dove spiega le continue molestie e la sofferenza per avere capito che farà molta fatica a trovare un nuovo lavoro; dopo la denuncia !!!

Il non onorevole molestatore, dopo  ripetuti inviti a fare sesso, gli aveva mandato anche questo messaggio: “Sono a casa da solo, valuta tu cosa fare”.

Lo riporta l’autorevole rivista femminile Grazia.

Marco Caruso, si difende dicendo di essere stato calunniato …

Mostra Mantova per Antonio Ratti – Conferenze aperte

CONFERENZE APERTE AL PUBBLICO
Il tessuto come arte: Antonio Ratti imprenditore e mecenate

 In occasione della mostra a Mantova dedicata a Antonio Ratti, il Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e la Fondazione Antonio Ratti promuovono un ciclo di conferenze gratuite a cura di studiosi ed esperti di chiara fama che approfondiranno aspetti diversi del mondo del tessuto.

Gli appuntamenti si terranno la domenica nella Sala Polivalente di Palazzo Te e sono organizzati in collaborazione con l’associazione ABITO.

Domenica 22 ottobre 2017, ore 18.30
La seta nell’economia e nella cultura del mantovano e il tessuto di seta a Como nel Novecento. Tra mercato, arte e musei: la mostra a Palazzo Te

Conferenza con la partecipazione di Maurizio Bertolotti (Accademia Nazionale Virgiliana, Mantova) e Chiara Buss (professor “History of Textiles and Costume”, Fashion Institute of Technology, New York; già Direttore del Museo Studio del Tessuto della Fondazione Antonio Ratti, Como).

Domenica 5 novembre 2017, ore 18.30
Antonio Ratti e la Wunderkammer di Gianni Versace
 


 

Conferenza con la partecipazione di Michele Venturini (storico del costume, consulente per Fondazione Gianfranco Ferré, Fondazione Roberto Capucci, Time Records; Associazione Abito) e Donatella Ratti (Presidente, Ratti S.p.A.)
.

 

Domenica 12 novembre 2017, ore 18.30
Il Tempo e il Tessuto

 

Conferenza con la partecipazione di Giulia Chiostrini (Associate Conservator, Textile Conservation, The Metropolitan Museum of Art, New York, New York) e Felicia Caponigri (PhD Student, Analysis and Management of Cultural Heritage – IMT School for Advanced Studies, Lucca, Italy).

 

A concludere il ciclo di conferenze verrà organizzata sabato 18 novembre 2017 (ore 20.30-22.30) una visita guidata alla mostra in collaborazione con gli Amici di Palazzo Te.

 

Image

La mostra Il tessuto come arte: Antonio Ratti imprenditore e mecenateè in corso a Palazzo Te a Mantova fino al 7 gennaio 2018.

Per info e prenotazioni

Palazzo Te, viale Te 13, Mantova
www.centropalazzote.it

+39 0376 323266

Weekend 20 -22 ottobre a Milano – Aperti e gratuiti

Chekup medici, showcooking, personal trainer … gratuiti con prenotazione

Starbene festeggia 40 anni di vita, per due giorni alla Microsoft House, via Pasubio 21, con un APERTO A TUTTI

Gratuiti: chekup medici, showcooking con nutrizionisti e con il Gruppo Opedaliero San Donato e chef di Sale&Pepe; ma anche personal trainer.

Obbligatoria la prenotazione su starbene.it

STARBENE è la rivista di benessere della Mondadori.

Torino cultura weekend ottobre – dicembre con LEZIONI DI STORIA

LEZIONI DI STORIA
Il viaggio

domenica 22 ottobre, 12 e 26 novembre, 3 dicembre, ore 11

con Eva Cantarella, Andrea Carandini,

Franco Farinelli, Luigi Mascilli Migliorin

una collaborazione
LaterzaTeatro Stabile TorinoTeatro Nazionale,
il Circolo dei lettori, La Stampa

con il patrocinio di Città di Torino

Ci sono nomi che rimangono impressi nella memoria perché artefici della Storia, eventi che hanno cambiato il destino dell’umanità.

Studiati a scuola, riecheggiano nel presente perché imprescindibili.

Per comprenderli al meglio, tornano le Lezioni di storia: incontri aperti fra storici e grande pubblico, caratterizzati da rigore scientifico e capacità di comunicare, appassionare, incuriosire. Stessa cornice, il Teatro Carignano, un nuovo fil rouge, il viaggio, uguale fame di conoscenza: quattro domeniche per altrettanti appuntamenti con la memoria.

Per approfondire il tema del viaggio, è in programma a Palazzo Madama (16/11/17-19/2/18)

ODISSEE. Diaspore, invasioni, migrazioni, viaggi e pellegrinaggi.  È la mostra, a cura del direttore di Palazzo Madama Guido Curto, sviluppa in dodici sezioni il tema del viaggio e delle migrazioni, tra preistoria e contemporaneità.  Gli spunti per riflettere, che si rintracciano dall’antichità e rimandano alla mitologia dell’Odissea, seguono un lungo percorso che arriva fino alle migrazioni di oggi.

La prima lezione di storia è domenica 22 ottobre, ore 11 al Teatro Carignano. Eva Cantarella, storica dell’antichità e del diritto antico, autrice di molti amati saggi divulgativi tra cui L’ambiguo malanno e L’amore è un dio, entrambi Feltrinelli, comincia dall’Odissea, eterno racconto di viaggio, primo della letteratura occidentale. È La libertà. Ulisse e i suoi compagni. Ma è davvero un racconto di viaggio, quello di Ulisse? È possibile, ha senso cercare di ricostruire una geografia dei luoghi omerici? Il viaggio verso Itaca non è, piuttosto, la metafora di un percorso durante il quale il suo protagonista, per quanto forte sia la volontà divina, sente, se vuole, di poter scegliere la sua strada?  La coscienza della propria autonomia morale non è un dato innato.  Per molto tempo l’umanità si è sentita in balia di forze esterne, superiori, incontrollabili e invincibili, a cominciare da quelle della natura.  L’Odissea, letta in quest’ottica, racconta un viaggio fondamentale nella storia dell’umanità, che conduce alla consapevolezza del libero arbitrio e alla nascita dell’etica della responsabilità.

Domenica 12 novembre, ore 11 al Teatro Carignano, la seconda lezione di storia, Le origini. Virgilio, Enea e Roma, con Andrea Carandini, professore emerito di Archeologia Classica e presidente del FAI. I primi Romani veneravano una lancia (Marte), un picchio (Pico) e un lupo (Fauno).  Infatti Romolo era stato salvato da un picchio e da una lupa, antenati dei Silvi, i re di Alba. Un pantheon ancora semplice: quando Roma ha avuto coscienza di sé come potenza, si è forgiata un passato meno totemico e più cosmopolita.

Già i Greci del VI e V secolo a.C. ritenevano che l’eroe troiano Enea, caduta Troia, avesse terminato le sue peripezie nel Lazio.

Così non è stato difficile ai re Tarquini trovare in Enea e in suo figlio Ascanio l’origine dei Latini.  Enea avrebbe condotto da Troia sulle coste laziali il culto del fuoco di Vesta e quello dei Penati, che, per i Romani, sarebbero diventati il fuoco sacro e i Penati di Roma.  L’Eneide celebra l’epopea di Augusto, figlio di Cesare, discendente da Iulo, altro nome di Ascanio. Così si concludeva un intero ciclo epocale.

La scoperta. Cristoforo Colombo e l’America è il titolo della terza lezione di storia, domenica 26 novembre, ore 11al Teatro Carignano. Franco Farinelli, professore di Teoria e modelli dello Spazio e Geografia della comunicazione all’Università di Bologna, parte dalla scoperta dell’America, che non fu soltanto la scoperta del Nuovo Mondo. Fu, prima ancora, la verifica della possibilità di una nuova maniera di fare i conti con ciò che esiste, attraverso uno sguardo e una pratica che hanno definito la natura dell’intera modernità e che ancora oggi restano in sostanza i nostri.  Quello di Colombo fu davvero uno strano andare, di cui paradossalmente più tempo passa meno di certo si conosce.  Una cosa è sicura: il viaggio di Colombo ha caratteristiche uniche. Nel corso del tempo ha animato più o meno in controluce l’intera riflessione filosofica occidentale e rimane ancora oggi l’evento da cui ripartire per orientarsi nell’avventura di comprendere il mondo e il suo funzionamento.

Domenica 3 dicembre, ore 11 al Teatro Carignano è La meraviglia. Goethe in Italia, con Luigi Mascilli Migliorin. Conosci il paese dove fioriscono i limoni?  Mille volte ripetuta, la domanda che è nel verso di Goethe conserva ancora lo stupore di chi la pone e la nostalgia di chi la riceve.

Viaggio tra i più famosi dei tanti che vanno a comporre la biblioteca del Grand Tour, quello del grande scrittore tedesco ha, più degli altri, il colore sentimentale di un ritorno al luogo da cui tutti siamo partiti.  La ricerca dell’Antico, distratta a Firenze, intensa a Roma, frenetica a Napoli e in Sicilia, è il suo carattere più appariscente.  Ma più sottile, e forse ancor più vera, è la scoperta della natura italiana, la dolce solarità o la vertiginosa asprezza di paesaggi che, venendoti incontro, ti interrogano sul senso più nascosto dell’esistenza.

Informazioni sull’ingresso alle Lezioni di storia
Singolo incontro € 7
Ridotto Carta Plus, abbonati TST, La Stampa,
possessori biglietto mostra Odissee € 5
Info e biglietteria presso il Circolo dei lettori, via Bogino 9, Torino

011 4326827 | info@circololettori.it

Informazioni sulla Mostra Odissee
Palazzo Madama – Museo Civico d’arte antica, piazza Castello, Torino
Tel. 011 4433501 | palazzomadama@fondazionetorinomusei.it |

palazzomadamatorino.it | Biglietteria: lunedì-domenica ore 10-18, chiuso il martedì; la biglietteria chiude 1 ora prima | Ingresso: intero € 10 | ridotto € 8 | gratuito per i ragazzi fino ai 6 anni e altre categorie | Presentando il biglietto di ingresso per Lezioni di storia ridotto € 8

Donna vittima della serieta’ professionale -Daphne Caruana Galizia

Aveva indicato l’isola di Malta, come “base pirata per l’evasione fiscale in Ue”

Uccisa a Malta la giornalista anti-corruzione Daphne Caruana Galizia

indagava sui Malta-files

Daphne Caruana Galizia era celebre per le sue critiche al governo

LA DEMOCRAZIA STA SPAVENTOSAMENTE DEGENERANDO ???

La cronista e blogger conduceva inchieste su  importanti personalità locali come il primo ministro Muscat e l’ex leader dell’opposizione Busuttil.

Aveva sostenuto che la società panamense Egrant fosse di proprietà della moglie del premier ed aveva indicato l’isola di Malta, come “base pirata per l’evasione fiscale in Ue”. 

La giornalista Daphne Caruana Galizia è rimasta uccisa nel pomeriggio di oggi dall‘esplosione della sua auto.

15 giorni fa, aveva depositato una denuncia dopo aver ricevuto minacce di morte.

 

OLANDA – “Leeuwarden-Frisia Capitale Europea della Cultura 2018”

Leeuwarden-Frisia Capitale Europea della Cultura 2018

Lo scorso 3 ottobre ha preso il via a Leeuwarden, il capoluogo della provincia settentrionale olandese della Frisia, l’evento “Leeuwarden-Frisia Capitale Europea della Cultura 2018”. A meno di 100 giorni dall’inaugurazione ufficiale è arrivato il momento di lanciare un nuovo rinascimento del pensiero che, partendo dalla Frisia, si diffonda in tutto il mondo. La cultura è il motore di Leeuwarden-Frisia 2018, che punta a dimostrare che il coraggio e l’originalità sono essenziali per fare crescere i propri sogni, gesti e diversità a livello internazionale.

 

Una comunità aperta

Riunendo artisti, scienziati, agricoltori, frisoni orgogliosi e visitatori pieni di idee, la Capitale Europea della Cultura contribuisce a ricostruire il mondo per farne una comunità aperta (“iepen mienskip” in lingua frisone). È questo il nucleo su cui è imperniato il calendario di eventi di Leeuwarden-Frisia 2018. Migliaia di frisoni stanno ultimando il programma, creato a partire da un vasto movimento di base. Grazie ai contributi innovativi di artisti internazionali è stato predisposto un calendario che ruota intorno al concetto frisone di comunità aperta.

 

Il calendario

Il calendario completo comprende oltre 60 eventi principali e centinaia di progetti “Mienskip”. I progetti sono articolati seguendo 4 filoni narrativi:

  1. “Osa sognare”: progetti che ci incoraggiano a sognare in grande
  2. “Osa fare”: progetti che puntano ad accrescere la sostenibilità della Terra
  3. “Osa essere diverso”: progetti che promuovono maggiore diversità culturale
  4. “Royal Frisian”: le perle e gli eroi locali della Frisia

Eventi principali

Qui di seguito alcuni degli eventi principali del ricco e interessante calendario:

Il primo evento è la prima grande mostra sul personaggio di Mata Hari

 

Mata Hari, dal 14 ottobre 2017 al 2 aprile 2018 presso il museo Fries Museum

Mata Hari: la cortigiana frisona dalla vita intrigante e misteriosa. A cento anni dalla morte, il museo Fries Museum presenta la più grande esposizione su Mata Hari di tutti i tempi. Oggetti personali, fotografie, album, lettere e dossier militari vi faranno conoscere Margaretha Zelle, la ragazza dietro all’icona frisona soprannominata “Mata Hari”. Partire con lei da Leeuwarden, la sua città natale, alla volta delle Indie Olandesi, per arrivare puntuali all’appuntamento con il destino. Rivivere la sua ascesa nel mondo nei teatri dansant di Francia prima di essere sospettata di spionaggio e scoprire la rete di intrighi in cui si ritrovò intrappolata durante la Prima Guerra Mondiale.

Per comunicato e foto della mostra, clicca qui.

Escher in Viaggio, dal 28 aprile presso il museo Fries Museum
Le sue creazioni sono note in tutto il mondo: le riproduzioni delle sue incredibili immagini sono affisse in camere di adolescenti, esercizi pubblici e abitazioni private. Le opere di Escher sono vere e proprie icone e sono oramai divenute parte integrante della memoria collettiva di tutta l’umanità. Chi non conosce gli uccelli e le salamandre, le scale e i cubi disegnati da Escher? Quando si è l’artista più popolare del XX secolo, una grande esposizione è certamente d’obbligo.

 

11 Fontane dal 18 maggio in undici città della Frisia
Undici artisti tra i più influenti del mondo hanno adottato undici città frisone e i loro abitanti. Ogni artista ha creato una fontana che svela il racconto e la storia della città. Non semplici fontane quindi, ma vere e proprie creazioni artistiche che fondono con originalità la storia e le varie culture delle città frisone.

I Giganti di Royal de Luxe, 17-19 agosto
Il magico spettacolo di strada Royal de Luxe arriva dalla Francia e porta con sé a Leeuwarden i suoi iconici personaggi giganti. Marionette così grandi da svettare al di sopra degli edifici della città, reduci del successo riscosso a Buenos Aires, Montreal, Liverpool e Barcellona: grandiose e impressionanti! Passeggiando per le strade di Leeuwarden I Giganti danno vita, animati da centinaia di volontari, a un racconto ispirato dalla città stessa.

 

Calendario

Il calendario completo per il 2018 è disponibile on-line, con maggiori informazioni sul contenuto degli eventi e dei progetti e con interviste ai volti di Leeuwarden-Frisia 2018:

UN NUOVO MODELLO DI VITA IN UN MOMENTO DI CRISI ?

NEL ‘700 UN GRUPPO DI UOMINI ILLUMINATI, SFIDANDO IL SENTIRE COMUNE, OVVERO LA CHIESA IL RE E LA MORALE CORRENTE, DIEDE VITA AD UN NUOVO MODELLO IN UN MOMENTO DI CRISI PER L’EUROPA; PROPRIO COME OGGI.

PECCATO CHE OGGI NON SI RIESCA A VEDERE NEMMENO UN UOMO/DONNA TANTO “ILLUMINATO  E CORAGGIOSO” da poter  REALIZZARE UN VERO GRANDE CAMBIAMENTO COME QUELLO DELL’ILLUMINISMO.

A tale proposito ricordiamo: Denis Diderot, Voltaire, Jean-Jaques Rousseau…e tutti gli aristocratici che, rischiando la vita, contestarono l’autorità religiosa e politica, i dogmi, i pregiudizi e la superstizione, lottando contro l’ignoranza, la laicità e la libertà di opinione.

Le idee di questi uomini coinvolsero tutti i campi e si espressero con ogni mezzo: musica, romanzo, teatro, enciclopedia; lo scopo era convincere gli esseri umani del diritto alla felicità terrena.

Voltaire poté affermare: “Le streghe hanno cessato di esistere da quando noi abbiamo cessato di bruciarle”.

Oggi siamo smarriti, come lo erano gli uomini/donne del ‘700, non sappiamo più cosa sia bello, cosa sia  giusto, cosa sia scienza e cosa sia fede…

Peccato, dice qualcuno, non completamente a torto, che la libertà abbia portato anche allo scatenarsi dei peggiori istinti dell’uomo. Il che ha anche dimostrato, nella maggior parte dei casi, come, in mancanza della paura dell’inferno o delle peggiori pene corporali, l’uomo non sappia controllare i suoi più bassi istinti.

-Infatti è più facile lasciare prevalere il lato istintuale, la parte più grande del cervello, rispetto alla notevolmente più piccola (proprio fisicamente) parte razionale; la quale richiede più fatica per essere attivata.

-Si potrebbe concludere che alla base delle difficoltà umane verso una pacifica convivenza stia la pigrizia, ovvero il rifiuto della fatica richiesta per attivare il lato razionale del cervello.

Per cercare di capire qualcosa del futuro dell’uomo possiamo solo leggere alcuni buoni libri, come

Homo Deus, breve storia del futuro del prof. Yuval Noah Harari; docente di storia alla Hebrew University di Gerusalemme.

Armi di distruzione matematica,  e se gli algoritmi non fossero aiutanti per  migliorrae la vita dell’uomo, ma “armi di distruzione matematica”? Dai loro impatti negativi sulla vita di molte persone mette in guardia Cathy O’Neil.

TORNA A CRESCERE IL NUMERO DEGLI AFFAMATI NEL MONDO

Noi personalmente abbiamo anche lavorato in Africa; in anni in cui la maggior parte della gente era poverissima, ma non moriva di fame (1975-1985).

Oggi il mondo è più ricco, la scienza è progredita, la medicina è progredita; perché ora di fame si muore molto di più di una volta ?

Le colpe non sono solo dei cambiamenti climatici …

Perché anche in paesi dove non si era mai vista la miseria per tanti decenni, come gli USA e anche la stessa Europa, oggi ci sono abitanti di periferie che vivono nella miseria, senza una casa ?

 E SENZA ANDARE LONTANO, I NOSTRI PENSIONATI CON 700 EURO AL MESE; CHE NON HANNO I SOLDI PER IL DENTISTA E PER ARRIVARE A FINE MESE …

Dati ONU 2016

815 MILIONI di persone hanno sofferto la FAME

= l’11% c.a. della popolazione mondiale.

38 MILIONI in più rispetto al 2015 !!!

CAUSE DELLA FAME:

-i conflitti armati sono aumentati negli ultimi 10 anni !!!
-nello Yemen, in particolare, metà della popolazione – 489 -MILIONI di persone, soffrono la fame
-rischiamo di morire di fame anche moltissimi abitanti di: Siria, Repubblica Democratica del Congo, Myanmar …
-i cambiamenti climatici sono la causa delle principali alluvioni, siccità e conseguentemente delle carestie
-la produzione agricola globale è SCESA, solo nel 2016 è aumentata per la prima volta dopo 8 anni di discesa
-il Sud Sudan è dilaniato dalla siccità: 100 mila persone a rischio di morte per fame e 4,9 milioni riescono a sfamarsi a stento
-Nigeria settentrionale e Somalia: hanno 8,1 milioni e 2,9 milioni di affamati, nel XXI secolo che denuncia gravi problemi di obesità dall’altra parte del mondo …
-Venezuela: oggi in penuria alimentare

-la fame e la miseria sono molto presenti anche nelle periferie delle città più grandi del mondo.

E c’è ancora qualcuno che ritiene i cambiamenti climatici una scelta politica !

G7: Coldiretti a Bergamo

IL CIBO NON DEVE (ma le segue) SEGUIRE LE REGOLE DEL MARKETING

Il nostro mondo è pieno di sprechi, mentre l’altra parte muore di fame …. la dignità dell’uomo è degradata, non stimolata dalla società moderna !

E come mai, con

— milioni di ASSOCIAZIONI SENZA SCOPO DI LUCRO 

nel mondo, LA FAME E’ AUMENTATA E NON

DIMIUNITA ???

La fame è aumentata nonostante si sia verificato un drastico calo dei prezzi dei prodotti agricoli che nel 2016 sono scesi al minimo dell’ultimo quinquennio per le principali materie prime ricomprese nell’Indice Fao”. Lo ha denunciato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalv.

Uno su tre nel mondo – precisa la Coldiretti – lavora in agricoltura o nella pesca con 2,5 miliardi di persone impegnate quotidianamente a sfamare il pianeta che molto spesso sono spinte loro stesse all’indigenza dalle quotazioni irrisorie”.

” … nonostante il forte calo dei prezzi alla produzione agricola – denuncia sempre la Coldiretti – quelli al consumo rimangono alti con conseguenti difficoltà per i più poveri dove resta alta l’insicurezza alimentare tanto che l’11% della popolazione soffre la fame secondo la Fao”.

Domanda semplice;

-a cosa sono servite tutte quelle Società Senza Scopo di Lucro ?

Se la situazione è peggiorata, mentre loro continuano ad aumentare come numero e chiedere soldi con i mezzi più disparati; compresi  ricorsi a immagini di bambini sofferenti ?

E richiami alla morte degli anziani come motivo per donare denaro per essere ricordati ?

Viviamo veramente in un mondo peggiore di quello che abbiamo consciuto nel dopoguerra, o sono solo “pessimistiche visioni” ???

DOCUMENTIAMOCI DA FONTI SERIE E FACCIAMOCI UNA ONESTA IDEA DI COME STANNO ANDANDO LE COSE.

Arte a Lugano – LAC – ” Sulle vie dell’illuminazione “

Dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 il Museo d’arte della Svizzera italiana, nell’ambito del progetto Focus India, dedica una grande mostra all’India e all’influenza da essa esercitata sulla cultura e l’arte occidentale nelle sue diverse espressioni. “Sulle vie dell’illuminazione. Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017” offre uno sguardo ampio e diversificato sul modo in cui, dall’inizio dell’Ottocento a oggi, la realtà indiana – con le sue tradizioni, religioni, paesaggi, culture e forme artistiche – ha affascinato e influenzato in maniera crescente il mondo artistico e culturale occidentale.

A cura di Elio Schenini, la mostra è posta sotto al patrocinio dell’Ambasciata indiana in Svizzera. Il percorso espositivo, esteso sui due piani del Museo, declina il tema portante della mostra attraverso 400 opere e una molteplicità di materiali, mettendo in luce la profonda influenza che l’India ha esercitato sull’arte e sulla cultura occidentale negli ultimi due secoli: dalle riflessioni sull’induismo e sul buddismo di Schopenhauer, cui si rifarà negli anni a venire anche la letteratura di Herman Hesse, divenuta un riferimento per intere generazioni con Siddhartha, alle analisi antropologiche di Carl Gustav Jung; dai romanzi popolari di Kipling ed Emilio Salgari, al cinema di Rossellini e Pasolini.

E poi ancora i Beatles che contribuirono a rendere l’India di moda tra la gioventù occidentale, come testimonia il connubio tra musica, spiritualità orientale e sperimentazione psichedelica della controcultura giovanile tra gli anni Sessanta e Settanta. Senza dimenticare, infine, gli scatti “indiani” di Henri Cartier-Bresson e di Werner Bischof, la città ideale immaginata a Chandigarh da Le Corbusier e i tanti artisti che negli ultimi decenni hanno tratto ispirazione e influenze dal subcontinente indiano: da Robert Rauschenberg a Frank Stella, da Richard Long a Luigi Ontani da Francesco Clemente ad Anselm Kiefer, per citarne solo alcuni. Un percorso espositivo ricco ed estremamente variegato dal quale risulta chiaro come l’India e le sue tradizioni millenarie abbiano sedotto una moltitudine di intellettuali ed esponenti della cultura europea dall’Ottocento ad oggi.

La mostra si propone in questo modo di raccontare come questo grande Paese sia diventato quell’altrove mitico cui il mondo Occidentale, soprattutto a partire dagli anni Sessanta, ha guardato come alternativa a un contesto sempre più rigidamente sottomesso alle logiche materiali della produzione e del consumo. Cosa rimanga di questo mito oggi, di fronte a una realtà sempre più globalizzata, è la domanda con cui l’ultima sezione della mostra ci proietta dentro l’attualità del nostro tempo, cercando di offrire uno sguardo sull’India di oggi attraverso gli scatti di grandi fotografi contemporanei come Sabastiao Salgado, Ferdinando Scianna, Michael Ackerman, Steve McCurry e Martin Parr.

Il catalogo
In occasione della mostra viene pubblicato da Skira un volume di 672 pagine che ripercorre la storia di questa “fascinazione indiana” dell’Occidente attraverso un ricchissimo apparato iconografico e un gran numero di contributi di autori diversi che si soffermano sui molteplici ambiti in cui questa fascinazione si è espressa, dall’arte alla letteratura, dalla musica alla religione, dalla storia del costume alla psicologia. Ne risulta un percorso singolare attraverso gli ultimi due secoli di storia della cultura occidentale, in cui si possono incontrare, tra moltissime altre, le figure di Schopenhauer, Kipling, Salgari, Redon, Gustave Moreau, Mata Hari, Kirchner, Hesse, Jung, Cartier Bresson, Le Corbusier, Ginsberg, Pasolini, Sottsass, i Beatles, Rauschenberg, Francesco Clemente, Luigi Ontani.

70 Years of Swiss-Indian Friendship
La mostra si colloca nell’ambito dell’iniziativa biennale “70 Years of Swiss-Indian Friendship: Connecting Minds – Inspiring the Future (SIF70)”: una serie di eventi organizzati dall’ambasciata Svizzera in India per celebrare i 70 anni dell’amicizia indo-svizzera, sancita dal trattato firmato dai due paesi a Nuova Delhi il 14 agosto 1948.

INFORMAZIONI

Dal 23 Settembre 2017 al 21 Gennaio 2018

LUGANO |

LUOGO: LAC Lugano Arte e Cultura

CURATORI: Elio Schenini

ENTI PROMOTORI:

  • Ambasciata indiana in Svizzera

COSTO DEL BIGLIETTO: Intero 15 CHF, ridotto 10 CHF

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +41 (0)58 866 4200

SITO UFFICIALE: http://india.laclugano.ch.

USA e Italia – Violata anche la libertà di scegliere ! Anticoncezionali a pagamento

Negli USA, ma anche in Italia,  la contraccezione la pagano solo le donne

USA – Donald Trump – Per legge ora a pagamento la pillola anticoncezionale.

Riguarda oltre 55 milioni di donne negli Stati Uniti, ma l’Italia ha preceduto gli USA nel far pagare la pillola anticoncezionale (2016).

IN UN MONDO DOVE LA SOVRAPOPOLAZIONE (oltre 7 miliardi in uno spazio, la terra, che non si può espandere), STA CAUSANDO FAME, POVERTA’, VIOLENZE, GUERRE PER L’ACQUA E L’INVASIONE DI INTERI CONTINENTI ALLA RICERCA DI UNA RICCHEZZA … IRRAGGIUNGIBILE !!!

Ogni secondo, sulla Terra, si registrano infatti 4,17 nascite e 1,80 morti. Ogni anno la popolazione mondiale cresce di quasi 75 milioni di individui. Sono i dati dell’istituto Usa Population Reference Bureau.

L’Africa raddoppierà la sua popolazione attuale arrivando nel 2050 (quasi 2 miliardi); non possiamo pensare di dare alloggio, lavoro e vitto a tutti quelli che scapperanno da quel continente. I NUMERI dicono che è impossibile, non è una posizione politica, è un DATO DI FATTO sul quale conviene riflettere.

Nel contempo, ricchi estremisti religiosi americani finanziano i loro sacerdoti che  percorrono l’Africa e predicano di fare molti figli, di non usare la pilloa, o i preservativi (dove l’AIDS è di casa).

La scienza ha dimostrato che:

  • i topi, quando vengono messi, progressivamente, in gabbie sempre più piccole; prima diventano aggressivi tra loro (e in Italia siamo già a questo livello, almeno in certe periferie), poi arrivano a mangiarsi; gli umani fanno la guerra  …

Ricordiamo che ogni volta che, nella storia, si è avuta una generazione di giovani disoccupati è SCOPPIATA UNA GUERRA (vedi Seconda Guerra Mondiale; Hitler fu votato perché promise alla Germania, piena di disoccupati,  un lavoro).

Il messaggio alle donne sarebbe logico: NON GENERATE CARNE DA MACELLO o POSSIBILI FUTURI NUOVI-SCHIAVI !!! Perché le guerre esistono ed è stupido pensare che da noi, in Europa, non avverrano mai più.

La decisione, rischia di danneggiare la fascia più debole della popolazione

In Italia la pillola anticoncezionale è a pagamento dal 2016. Le ginecologhe italiane di No grazie pago io; “… l’unica ‘pratica anticoncezionale’ rimborsata dal servizio sanitario nazionale è l’aborto”. !!!

ITALIA 2016: la circolare AIFA, presentata come un provvedimento di razionalizzazione, sostanzialmente bolla come “non indispensabile” la pillola anticoncezionale. Togliendo  così alle donne più povere, quelle che hanno più problemi a mantenere tanti figli,  la possibilità di evitare dolorosi aborti. Anche questi ultimi non più semplici, a causa dei numerosissimi ginecologi che rifiutano di praticare l’aborto.