Archivi categoria: CULTURA

Cultura: mostre d’arte, libri, art from women…la donna nella storia, donne che pensano.

Le città globali e la sfida dell’integrazione – ISPI 6 giugno 2018

MILANO

6 giugno, ore 17.30
ISPI (Palazzo Clerici, Via Clerici, 5)

Nella grande sfida per l’integrazione, le città europee sono in prima fila.

Mentre gli stranieri in Italia sono l’8% della popolazione, a Milano sfiorano il 19%.

Una percentuale che nelle altre grandi città europee – come Berlino, Vienna e Londra – può addirittura toccare il 40%.

A quali problemi vanno incontro le città nel gestire le politiche per l’integrazione?

Quali sono e come possono essere messe in atto le buone pratiche su questo tema?

E come è possibile migliorare il dialogo tra le città, le regioni, i governi nazionali e le istituzioni europee? 

Apertura dei lavori
Pierfrancesco Majorino , Comune di Milano

Intervengono
Dirk Gebhardt , GRITIM-Universitat Pompeu Fabra, Barcellona
Elisabeth Gruber , Universität Wien, Vienna
Alyna Smith , Platform for International Cooperation on Undocumented Migrants (PICUM), Bruxelles – in collegamento
Matteo Villa , ISPI

L’evento è organizzato in occasione della presentazione del Rapporto ISPI “Le città globali e la sfida dell’integrazione”, a cura di Matteo Villa, realizzato con il contributo del Comune di Milano e disponibile sul sito dell’Ispi dal 6 giugno.

L’incontro si svolgerà in lingua inglese con traduzione simultanea.

Sul sito dell’ISPI sarà possibile seguire la diretta streaming dell’incontro e il live tweeting su #SfidaIntegrazione .

La partecipazione è libera con registrazione obbligatoria.
Per registrarti clicca qui

https://www.ispionline.it/it/eventi/evento/le-citta-globali-e-la-sfida-dellintegrazione

L’accesso alla sala sarà garantito fino al raggiungimento della capienza massima.

Segreteria ISPI
tel: +39 02 86.93.053
email : ispi.eventi@ispionline.it
web: www.ispionline.it
‌ ‌ ‌ ‌

ISPI | Via Clerici, 5, Milano, 20121 Italia

Libro – LA STANZA DELL’AMBRA – 1a puntata 2018

Tra poco questo libro sarà in concorso per ” Il mio libro 2018″ e acquistabile su Il mio linro o Amazon

LA STANZA DELL’AMBRA
di G. Seregni

NOTA: Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

INTRODUZIONE

LA MAGIA DI SAN PIETROBURGO

“…Ogni cosa acquista delicatezza fiabesca, un manto di ermellino steso come una coperta sopra la città …” Bagliori a San Pietroburgo, Jan Brokken, Iperborea 2017

Il titolo del libro, La Stanza dell’Ambra, è stato ispirato dal  più prezioso manufatto artistico del mondo: la Stanza dell’Ambra; chiamata anche l’ottava meraviglia del mondo. Bene artistico sparito durante la Seconda Guerra Mondiale e mai più ritrovato.

La Stanza dell’Ambra fu donata dal Re di Prussia, Federico Guglielmo I (1713-1740), al suo (allora) alleato Pietro il Grande e successivamente decorò il palazzo di Caterina la Grande a Carskoe Selo (oggi Puškin o Tsarskoye Selo in russo) e che significa: “Villaggio dello Zar”, situato nei pressi di San Pietroburgo.
Il preziosissimo manufatto, un’intera stanza di 55mq. in pura ambra intarsiata da abilissimi artigiani, scomparve misteriosamente durante la Seconda Guerra mondiale e, dopo strane morti che colpirono i ricercatori, non se ne è saputo più nulla.

Il Palazzo di Caterina fu la residenza estiva degli imperatori russi (1752); all’origine era destinato a Caterina I di Russia, moglie preferita dell’Imperatore Pietro il Grande, successivamente subì notevoli modifiche seguendo i gusti e le mode di altri momenti storici.
L’Imperatrice Elisabetta Petrovna, figlia di Caterina I di Russia e dell’Imperatore Pietro il Grande, dopo la morte dei suoi genitori fece ristrutturare il Palazzo trasformandolo in una sfarzosa residenza in stile russo-barocco, con molta luce, grande presenza di specchi e preziosi dettagli lignei ricoperti con vero oro zecchino.

Oggi, nel Palazzo di Caterina, è ancora possibile ammirare una copia della Stanza dell’ambra. Voluta e perfettamente ricostruita grazie ad un imponente finanziamento da parte del Governo russo e di quello tedesco.

Il libro La stanza dell’Ambra

I fatti storici, l’amore per l’arte, il bello e la letteratura russa sono stati gli ispiratori di questo modesto scritto.

Storia e moderne vanità si intrecciano con lo scopo di dimostrare che tutti possiamo cambiare; anche in meglio.

Dopo gli orrori delle guerre mondiali del XX secolo, dal genocidio armeno al nazismo, al comunismo di Stalin e di Mao, dopo i genocidi che hanno attraversato il ‘900 e il mondo dai Khmer Rossi agli Hutu e Tutsi, a quello che sta succedendo nello Yemen e non solo, vorremmo sperare che una generazione distratta e viziata, prenda coscienza degli orrori che continuano ad attraversare il mondo e, alla fine, cerchi di porvi rimedio. Come ha provato a fare la nostra protagonista.

PRIMO CAPITOLO

“La culla dondola sopra un abisso e il buonsenso ci dice che la nostra esistenza è solo un breve spiraglio di luce tra due eternità fatte di tenebra.
— Vladimir Nabokov, Parla, ricordo

LA STANZA DELL’AMBRA. TRACCE E CONFINI.

“Ora ci aspetta solo la morte! Nessuno potrà scappare! Sono finito” così scriveva il comandante Mannu-Ki-Libbali di Tushan città assira, oggi Ziyaret Tepe nella zona curda della Turchia. Questo fatto avveniva intorno al 630 a.C. quando l’impero assiro, impreparato allo scontro, poté offrire solo una debole resistenza allo strapotere babilonese che avanzava. Così la civiltà di Tushan e Ninive dovette chinare il capo.

La storia ci racconta di molti crudeli assedi, terminati con la fine di importanti culture o la sconfitta del nemico: da Troia a Masada a San Pietroburgo (allora Leningrado), sino alla più recente Sebrenica.

L’assedio di Pskow, da parte del re di Polonia che aveva invaso la Russia nel XVI secolo, terminò con una vittoria come avvenne a Leningrado, ma nulla, forse, fu mai tanto atroce e la difesa tanto tenace, quanto per quest’ultima.
Dell’assedio di Pskow, durante la Guerra di Livonia, 1581- 1582, ricordiamo che persino quando una delle cinque mura cedette gli abitanti riuscirono, nonostante tutto, a serrare i ranghi e respingere l’esercito invasore costituito da ben 50.000 polacchi.
Leningrado non aveva nemmeno delle mura difensive.
Leningrado e Pskow insieme, comunque, lasciano alla storia un messaggio triste per gli orrori subiti, ma anche una speranza grazie alla loro vittoria finale.

TUTTA UN’ALTRA STORIA

Ben meno eroica è la storia, che riportiamo qui di seguito, e che riguarda una coppia dei giorni nostri; protagonista e vittima dell’apoteosi di un mondo dove tutto sembra possibile, senza limiti né frontiere.

“Le tracce sono sotto gli occhi di tutti, il tempo può averle intorbidite, ma noi non possiamo permettere che vengano oscurate”. Così lesse Jaqueline sul testamento di Nikolajev Mikoloij morto per una bronchite nel 2002, uno dei pochi sopravvissuti ai 900 giorni dell’assedio di Leningrado, oggi San Pietroburgo, durante la seconda guerra mondiale.

“IO NON HO CONFINI”

“Io non ho confini”. Emanuel lo diceva sempre, ed a ragione almeno dal punto di vista geografico e come stile di vita. Nato e cresciuto negli Stati Uniti tra l’appartamento di New York a Central Park e la villa sulle colline di San Francisco aveva sempre avuto l’impressione che il mondo fosse ai suoi piedi.
Dopo la morte del padre e della petulante, approfittatrice ed insopportabile madre, si era trasferito nel meraviglioso palazzo di famiglia a San Pietroburgo. Unico bene immobile riacquistato, dopo la caduta del muro di Berlino, con i soldi rimasti dopo anni di spese spropositate e amministrazioni disastrose.
Viziato, fanatico, egoista; questi era, in breve, Emanuel o Em; così si faceva chiamare dagli amici. In realtà nei documenti ufficiali risultava essere anche: Alexeij, Adolf, Gragorian, Ferdinando, Leopoldo, Andrej ed altri nomi che la famiglia gli aveva donato insieme agli illustrissimi cognomi.
Emanuel era figlio del ben più conosciuto padre Alexander, Nikolaj, Petrović, Adolf, Fransisco, Frederic… Volkonskij, Demidov, Jusupov, Golenischev-Kutuzov, Hanover, Voznitsky, Cherkasov, Woolf.  Discendente dalle più note dinastie europee ed, anche, proprietario di una delle più importanti case farmaceutiche svizzere.
Alto, capelli scuri, colpiva sempre per quegli occhi azzurro-ghiaccio, penetranti come due stalattiti appuntite e per quel largo disarmante sorriso che aveva imparato a sfoderare al momento opportuno. Mentre la grande bocca, contornata da sottilissime labbra e la frequente espressione sarcastica, ai più, passavano inosservate.

UNA PROPOSTA DI MATRIMONIO

“Come potrei dire di no ad una proposta di matrimonio da parte dello scapolo ambito da molte delle donne più belle al mondo?”. Rispose Jaqueline Le Rey; viziatissima figlia del noto regista hollywoodiano Max Le Rey; una vera regina del gossip.
Anche lei a modo suo non aveva frontiere. Parlava cinque lingue, russo compreso, apprese poco a scuola e tanto viaggiando.
All’apparenza Jaqueline era una delle tante belle ragazze americane cresciute a bistecche e sport. In realtà, la doppia fossetta sul lato sinistro del suo sorriso e due vivaci occhi verde-smeraldo sulla luminosa carnagione sempre dorata la rendevano unica. Come unica, secondo lei, era stata la sua sofferenza per essere cresciuta senza la madre: morta “spiaccicata” sul marciapiede per una “accidentale caduta” dal terrazzo del suo super-attico in uno dei recenti palazzi di vetro e acciaio di Singapore. Sicuramente la spinse laggiù il fallimento del suo matrimonio, o forse fu lo stesso marito, come molti parenti, figlia e amici, avevano sempre sostenuto.
“Non ti impressionano i carati e la luce azzurra del diamante dell’anello di fidanzamento?”. Domandò Emanuel.
“Sai bene che potrei comprarmene anche di più grandi, se solo volessi! Il diamante servirà solo a tranquillizzare mio padre sulle tue capacità finanziarie”, fu la risposta di Jaqueline.
Lei non poteva immaginare che, dopo la morte del padre di Emanuel, i capitali di famiglia si fossero sciolti come neve al sole. In pochi anni i vari amministratori, non più sorvegliati, avevano affondato i loro artigli nelle varie società, mentre Emanuel continuava il suo costosissimo tenore di vita. I creditori cominciavano ad inseguirlo e il matrimonio con la ricca ereditiera americana era la sua ultima speranza.
“Non trovi che qui si mangi uno dei più sofisticati e deliziosi piatti esistenti al mondo, come l’anatra laccata cinese?”; chiese Jaqueline infilandosi il diamante al dito; mentre Emanuel pensava: -Finalmente!-, ma diceva, a voce alta: “Ti ho portato da Da Dong, perché questa è la filiale del pluri-stellato Da Dong di Pechino. Ma qui si assaggia la cucina cinese imperiale; ottanta piatti diversi che ruotano secondo stagione. Comunque è proprio sull’anatra che il grande chef Dong Zhenxiang ha costruito la sua fama!”.
“Penso che tu ami questo ristorante soprattutto per la sua cantina e non voglio nemmeno tentare di immaginare quanto ti sia costata questa cena. In ogni caso anche lo Château Margaux è stata un’esperienza mistica come il Sauternes”; disse Jaqueline che aveva, da poco, imparato ad apprezzare il buon vino.
“Sai perché accetto di spendere oltre duemila dollari per 375 decilitri del Sauternes che ti piace tanto? La verità è che anch’io adoro il fungo Botrytis Cinerea che gli conferisce quel suo sentore di ananas, pesca, albicocca e il fresco legno di Allier che ne esalta il sapore di vaniglia ed infine il sapore di miele e spezie dolci; un cocktail simile al sapore della tua pelle. Ritieni che tuo padre accetterà di buon grado il nostro fidanzamento?” Domandò Emanuel; fingendo di non aver mai discusso dell’argomento con il padre di lei.
“Se mi sposo a mio padre resteranno molto più tempo e soldi per dedicarsi alle sue amanti e ne sarà felicissimo”, rispose Jaqueline.
In realtà Emanuel aveva già parlato con il padre di Jaqueline ed erano arrivati ad un accordo che accontentava entrambi: “Mi sono informato e so bene quali siano le tue reali condizioni finanziarie, sposandola ti sistemi economicamente, per quanto mi riguarda devi solo continuare a passarmi le più belle pollastrelle che ti girano intorno. In questo modo non perderò più tempo e soldi a rincorrere e pagare, profumatamente, i direttori dei giornali per evitare la pubblicazione dell’ultimo scandalo con mia figlia protagonista”; aveva chiarito Marx Le Roy, il padre di Jaqueline, a Emanuel.

IL NOBILE PALAZZO DI SAN PIETROBURGO

L’idea di andare a vivere nella storica residenza appartenuta alla famiglia di Emanuel a San Pietroburgo, soddisfaceva appieno le aspirazioni romantico-sociali di Jaqueline. Il matrimonio le avrebbe permesso di superare l’unica frontiera che conoscesse: l’accesso alla cerchia della nobiltà europea. Era convinta che non avrebbe mai fatto fare alcuna brutta figura al marito. Le due università private, mai terminate, l’avevano comunque messa nelle condizioni di poter sostenere conversazioni di arte e storia e questo, secondo lei, bastava.
Usciti dal ristorante, li aspettava una decappottabile a due posti del 1932 che suscitava sempre l’ammirazione dei loro amici e non solo; un prestito, mai restituito, del padre della futura sposa.
Jaqueline era un’esperta autista: “Il corso anti-rapimento che ho seguito in Svizzera, mi fa sentire padrona dell’auto come un pilota professionista. Ora posso finalmente affrontare con sicurezza anche le manovre più adrenaliniche”. Emanuel si divertiva come un pazzo quando seminavano gli amici lungo i grandi viali di New York prima dell’alba. Le multe non erano un problema; pagava papà.
La città illuminata dalle luci notturne era sempre uno spettacolo e, con la luna piena che si rispecchiava nel fiume Hudson, il ponte di Brooklyn ricordava una ragnatela magica dietro la quale sfavillavano pietre preziose incastonate in ogni finestra illuminata nei grandi grattacieli.
“Mi baci?” Chiese Jaqueline frenando.
All’improvviso videro un’auto che veniva verso di loro con i fari abbaglianti. Chi poteva essere? Un ficcanaso, un’auto della polizia, qualcuno con cattive intenzioni? Subito Jaqueline riprese il volante schizzando via dopo una rapidissima inversione di marcia. Il conducente dell’auto pensò: “Ricchi e irraggiungibili; meglio aspettare qualcuno più sprovveduto”.

“LE TRACCE”
Superando le frontiere del tempo e dello spazio, un secolo prima, dall’altra parte dell’oceano ben altra realtà era quotidianità storica.
Daniel Leonidovic Andrejev, figlio del grande Leonid Andrejev, visse per intero l’assedio di Leningrado. A proposito dell’apocalisse di Leningrado scrisse:
“Abbiamo conosciuto ogni cosa…
… in russo non esiste
parola per quel folle inverno di guerra…
quando l’Ermitage tremava sotto le bombe…
le case diventavano di ghiaccio e le tubature scoppiavano per il gelo…
la razione-100 grammi…
…sulla Nevskij, cadaveri.
E abbiamo saputo, anche, di cannibalismo.
[Vedevamo quelli con le gote rosse e piene…]
Abbiamo conosciuto ogni cosa…”.

LA FAMIGLIA LE ROY.

Da dove veniva la straordinaria ricchezza dei Le Roy? La famiglia vantava origini francesi; il che faceva sempre il suo effetto, soprattutto tra gli intellettuali di Boston e New York, ma anche a San Francisco e Los Angeles.
Di certo un antenato del padre di Jaqueline aveva partecipato alla corsa all’oro e ne aveva investito i proventi in ranch texani. Successivamente i figli si erano trovati padroni di diversi pozzi petroliferi.
Nessuno in famiglia approvò la scelta di Mark Le Roy di andarsene a Los Angeles a giocarsi la sua parte di eredità facendo il regista. Solo quando vinse il primo Oscar tutti lo chiamarono al telefono, ma Mark non si fece mai trovare.
Il padre di Jaqueline era tanto geniale nel suo lavoro, quanto dissoluto e arrogante nella vita privata.
Dopo una lunghissima serie di fidanzate, più o meno ufficiali, fu incantato dalla bellezza, dolcezza e innocenza della madre di Jaqueline, Caterine. Peccato che lui la trattò sempre come un bel giocattolo anche quando nacque l’ agognato erede; che avrebbe dovuto essere maschio; secondo gli ideali del buon “macio texano”.
Alla nascita di Jaqueline, Marks non fece nulla per nascondere la sua delusione alla già provata Caterine.
Lei non resse il colpo e cadde in un grave stato di depressione che si concluse con un assai “dubbio” suicidio.
In realtà Caterine amava moltissimo la figlia e chi la conosceva bene non poté dimenticare le ultime sue parole prima del fatidico viaggio a Singapore: “Soffro molto, ma devo rimettermi al più presto per amore di mia figlia”.
Al contrario Jaqueline non aveva mai provato alcun sentimento per la madre, sicuramente sempre depressa e offesa dai continui sfacciati tradimenti del marito.
Appena adolescente Jaqueline preferì vivere lontana da sua madre; coltivando un forte rancore per non avere mai conosciuto il calore di una famiglia.

LE NOZZE E LA LUNA DI MIELE

Le nozze vennero celebrate a Hollywood, con il maggior sfarzo possibile, nella villa del padre di Jaqueline ; senza farsi mancare quel tocco pensate di kitsch; tipico di una certa parte di ricchi americani texani.
“Ho vissuto la nostra luna di miele come un grande sogno. Mi hai fatto conoscere e apprezzare anche quella piccola parte del mondo che era sfuggita alle mie peregrinazioni mondane. Non ero mai stata alle isole Figi, né su di un panfilo regale. Come hai fatto ad ottenere il permesso di attraccare il batiscafo, anche di notte, presso l”isola Molokini delle Hawaii? Non dimenticherò mai quella foca che dormiva sulla spiaggia vicino a noi quando soggiornammo nell’isola di Kauai di fronte a Poipu Beach.
Ho un meraviglioso ricordo anche delle cene al lume di candela di fronte a quell’immenso camino nella villa di Frederich, a Lech in Austria. Non conoscevo Lech, ma voglio tornarvi in estate per fotografare le numerose specie di orchidee di montagna che, secondo il filmato dell’ufficio del turismo, in inverno vengono protette da neve artificiale, senza addittivi, per difenderle dagli sciatori! E la cantina di Frederich? Mi ha permesso di apprezzare dei vini poco noti. Chi avrebbe mai immaginato di trovare un tale tesoro tra le montagne austriache? Ho copiato i nomi dei vini e dei produttori più interessanti e mi devi promettere che li comprerai per noi”. Aveva commentato Jaqueline. “Forse, come ospiti, non avremmo dovuto approfittare tanto, ma si è trattato di una vera iniziazione a vini che anch’io non conoscevo.” Era stata la risposta di Emanuel.
Nonostante tutto, Jaqueline non riusciva a dimenticare un fatto che la lasciava alquanto perplessa. Visitando un vulcano durante il viaggio di nozze era stata invitata da Emanuel ad indietreggiare, per una foto, proprio sul bordo di un piccolo lago dove affioravano minuscole bolle e un grosso cartello avvertiva del pericolo. Per fortuna si era fermata in tempo. Ma certamente si trattava di una distrazione di Emanuel, tutto preso dalla sua nuova mania di fotografare e spedire subito a tutti gli amici.

SAN PIETROBURGO COME UNA VENEZIA CONGELATA.

La città era un’immensa Venezia congelata. Tutte le vie brillavano, tanto da poter essere scambiate con i canali. I brividi dei passanti forse non erano dovuti solo ai 35 gradi sotto zero, ma anche alla bellezza del paesaggio. La luce riflessa dalla neve gelata accentuava le decorazioni architettoniche. Le luci dei lampioni che si riflettevano sul ghiaccio della Neva, sui canali, nelle strade, nei bianchi giardini, sembravano luminose onici immerse nel ghiaccio.
Il silenzio totale infieriva ulteriormente sull’anima del viandante attento e trasportava ai suoi occhi l’immagine di un miraggio: poteva vedere in fondo alla via spuntare il protagonista del “Cappotto” di Gogol’ con la sua “marsina” nuova; orgoglioso di avere raggiunto, dopo tanti sacrifici, cotanto confortevole lusso. Poi a quella figura si sovrapponeva qualcosa di totalmente differente: un uomo le cui molecole cerebrali erano state devastate come dopo una deflagrazione nucleare; semi-congelato dal freddo e disperato per il furto del cappotto subito.

CHI PERDEVA LA TESSERA MORIVA DI FAME.

Davanti al grande incanto degli edifici di San Pietroburgo sommersi tra ghiaccio e neve, non si comprende quale follia portò i tedeschi, durante la seconda guerra mondiale, al drammatico assedio della città di Leningrado. “In quei giorni perdere la tessera del pane voleva dire morire. Subito qualcuno l’avrebbe rubata; impossibile averne una copia. Chi perdeva facilmente la tessera? I vecchi con scarsa memoria, i numerosi bambini ormai soli al mondo …quanti morirono solo per aver smarrito quella preziosissima tessera!
Dove siete oggi voi che avevate le guance ancora rotonde, mentre tutti soffrivano la fame? Noi sapevamo cosa mangiavate … i nostri sguardi erano di disprezzo e le nostre guance incavate dalla fatica e dalla fame. Il cannibalismo rappresentò il livello più abbietto di quei giorni che non devono essere dimenticati…per non ripeterli”. Anche questo scoprirà, la nostra bella Jaqueline, nel diario di Vladimir Bukorovick.

DALL’ORRENDO PASSATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE ALLE INGIOIELLATISSIME MODELLE DI OGGI.

Poco nella città, risorta dopo il lungo assedio della seconda guerra mondiale, ricorda oggi il suo orrendo passato. Lussuosi panfili sfrecciano sulla Neva. “Chi sono quelle ingioiellatissime splendide e giovani donne che vivono tra un party e l’altro come nelle favole? quale è la loro vera storia?”
Oggi ci sarà un party nel Palazzo d’Inverno, la tavola sarà decorata con ortensie incastonate in cubi di ghiaccio rischiarati da luci nascoste ed ogni ospite riceverà in dono un orologio d’oro massiccio in edizione speciale.
Domani alla Fortezza di San Pietroburgo, per il ricevimento ufficiale dell’Ambasciata del Qatar, splendide rose blu, decorate con cascate di piccoli cristalli, accoglieranno gli invitati insieme a molte altre sorprese.
Questa è la città che la nostra Jaqueline si accinge a “conquistare”.

Como evento Villa del Grumello – 27 maggio wellness day per Bambini e adulti

IMPERDIBILE

NELLA MAGNIFICA CORNICE DEL PARCO CIRCOSTANTE VILLA GRUMELLO (dopo Villa Olmo sulla strada per Cernobbio)

Dalle ore 11 Qi quong e Taiji quan nel parco; sino alle ore 12.

Negli stessi orari giochi marziali pe ri bambini.

Dalle ore 10.30 alle 12 e dalle 15,30 alle 17; usi e consumi delle erbe aromatiche per la salute; da renotare: parco@villadelgrumello.it

Ore 16- 17 altra attività relativa ad erbe aromatiche; riconoscimento olfattivo delle erbe aromatiche.

 

 

Il mondo in Italia a Ciuduno (BG) – Lo spirito del pianeta

“Lo spirito del pianeta”,  18° edizione

Da Venerdì 25 Maggio 2018 16:00
a Domenica 10 Giugno 2018 23:00

Da venerdì 25 maggio a Chiuduno (Bg)

Tanti ospiti provenienti da tutto il mondo.

Popoli maori, masai, tufi, inuit, zulu, maka, indios, indiani …

Mercatini etnici e numerosi punti di ristoro per provare la cucina di diversi Paesi. 

-27 maggio la Marcia delle donne per pace,

-30 l’accensione del Fuoco sacro dei Gruppi indigeni,

-4 giugno la notte dei tamburi

-10 giugno,

– chiudono la manifestazione, canti e danze tradizionali di tutti i gruppi ospiti.

https://www.lospiritodelpianeta.it/festival/2018/

Nanoparticelle sono sicure ? Dove si trovano ?

Se volete avere informazioni sulle nanoparicelle e loro pericolosità , non è facile trovarne di serie.

Le nanoparticelle sono compresi nella scala dei miliardesimi di metro (o milionesimi di un millimetro).

Le nanoparticelle usate in medicina o in campo alimentare sono controllate e il loro livello di sicurezza è coniderato elevato.

Altri tipi di nanoparticelle sono meno controllati e rimangono sospetti sulla loro innocuità e rimangono dubbi e incertezze al rigurado.

Le nanoparticelle hanno dimostrato in laboratorio di avere effetti mutageni ( nacita di esseri deformi ).

La situaione è in evoluzione, oggi si sta cercando di creare nanoparticelle non pericolose.

Tuttavia, mentre si stanno facendo i controlli uffciali, che per legge durano 10 anni, le nano particelle sono contenute in numerosi prodotti che usiamo quotidianamente come; lucidanti dei capelli, shampoo, dentifrici, creme; soprattutto con i filtri solari, fondotinta  ecc… come nell’industria alimentare  (per proteggere e conservare meglio e più a lungo gli alimenti), nell’industria dell’energia e della protezione dell’ambiente, nell’industria tessile e altro.

La nano particella permette al produttore, che la usa, di ottenere ottimi risultati; basta uno strato infinitesimale di prodotto per avere risultati sorprendenti. Quindi grandi guadagni e risultati , con poca materia utilizzata.

Ma si sa anche che le primitive forme di nano particelle hanno dimostrato di poter essere anche mutagene; nacita di esseri deformi.

Tutte le nano particelle contenute nei nostri shampoo, detergenti per la pelle, creme solari, deteregenti che tolgono le macchie … dentifrici ecc… finiscono nelle acque che nel tempo finiscono nel sottosuolo o nel mare e ritornano a noi come pesce o come acqua da bere …

Evitiamo almeno di farn eun uso dissennato, usiamone il minimo necessario.

L’Europa ha obbligato, per legge, di porre un simbolo che identifichi il contenuto di nanoparticelle, ma è difficilmente identificabile pe ril non esperto in materia.

USI MOLTO POSITIVI

Le nano particelle sono utilizzate anche per  veicolare medicinali che arrivano direttamente dove devono agire; una soluzione ottimale per curare cancro ecc…, m ala strada da seguire è ancora lunga. Siamo solo ai primi approcci; con ottimi risultati per la salute dei malati gravissimi.

Se volete informazioni scientifiche aggiornate dovete sapere l’inglese o usare Google traduttore:

https://www.researchgate.net/publication/235941056_Nanosafety_by_design_Risks_from_nanocompositenanowaste_combustion

EVENTO MILANO – full immersion Corea 28 maggio – 1° giugno 2018

A Milano full immersion sulla Corea

dal 28 maggio al 1° giugno

ENTRATA GRATUITA

Cultura – beauty – cucina – musica – danza – dibattito politico  ….

Dalla politica internazionale – agli chef –  dai musici ai ballerini – dagli atleti del Taekwondo al make up

Gratis cibo, corsi e spettacoli per cinque giorni
aperti a tutti coloro che vogliono conoscere
il Paese del Calmo Mattino

In apertura K-Union, un convegno sulle 2 Coree

Da Palazzo Clerici al Teatro Burri nel Parco Sempione, al Consolato Generale della Repubblica di Corea, allo Spazio Oberdan e al Teatro No’hma, tutti i luoghi per conoscere la Corea

 – Dagli studiosi di politica internazionale agli chef, dai musici ai ballerini, dagli atleti del Taekwondo alla make up artist, sono queste le personalità che per 5 giorni accompagneranno milanesi e non solo alla scoperta di uno dei più affascinanti Paesi dell’Estremo Oriente: la Repubblica di Corea.

Dal 28 maggio al 1° giugno si svolge, infatti, la Korea Week, organizzata dall’Ambasciata Coreana, dal Consolato Generale della Repubblica di Corea a Milano, in collaborazione con il Comune di Milano; una settimana di approfondimenti, workshop, degustazioni, musica e cinema.
La kermesse è diretta dall’Istituto Culturale Coreano che ha organizzato un fitto calendario di eventi, tutti gratuiti: la settimana si apre con un convegno politico sulle relazioni tra le due Coree, dove sarà presente l’Ambasciatore della Repubblica di Corea, e continuerà con una vera e propria festa al Teatro Burri al Parco Sempione, dove scenderanno in campo numerose maestranze dell’artigianato, artisti e atleti coreani. Al Teatro No’hma sarà, invece, organizzata una nuovissima forma di performance coreana, mentre al Consolato Generale della Repubblica di Corea, sarà celebrata con una mostra la calligrafia coreana. Chiude la settimana il cinema coreano allo Spazio Oberdan, accompagnato dal Mini Food Truck di street food coreano.

Ecco tutti i dettagli degli eventi.

Lunedì 28 maggio, ore 17.30

PALAZZO CLERICI
Via Clerici, 5

K – UNION
Forum politico sulle due Coree

Jong Hyun Choi, ambasciatore della Repubblica di Corea in Italia, terrà insieme all’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale ISPI di Milano, un forum internazionale sulle relazioni tra le due Coree e sulla situazione attuale di quest’ultime.
Si discuterà delle circostanze coreane, come il vertice del 27 aprile tra le due Coree, il vertice del 22 maggio tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud e il vertice del 12 giugno tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti, e sulle prospettive future.
Parteciperanno, inoltre, esperti sul campo come Myung Hyun Ko, ricercatore sulla Corea del Nord, e altri numerosi ricercatori italiani sulle relazioni tra le due Coree.

Martedì 29 e mercoledì 30 maggio, dalle 15.00 alle 19.00

TEATRO BURRI
Parco Sempione

Padiglioni aperti al pubblico con attività gratuite per conoscere in prima persona la cultura coreana
K-BEAUTY per conoscere il make up Coreano
La make up artist anglo-coreana Maria Gomez insegnerà a tutte le ragazze (e non) i trucchi per realizzare un make up coreano di tendenza, di straordinaria lucentezza dove punto focale sono le labbra con famoso effetto pillow lips. La make up artist fornirà inoltre spiegazioni sullo skin care delle donne coreane
K-PAPER, giornate dedicate alla carta coreana Hanji con laboratori per creare ventagli tradizionali
K-FOOD, il cibo e la cultura culinaria della Corea attraverso mostre e degustazioni

L’arte gastronomica coreana si concentra sulle salse fermentate che partono dai fagioli di soia, come ad esempio ganjang (salsa di soia), dwenjang (pasta di fagioli di soia fermentati),gochujang (pasta di peperoncino) e via dicendo. Insieme al Kimchi, un piatto già molto conosciuto, esse rappresentano la cultura culinaria coreana.
Presente sarà l’esposizione e la presentazione dei cibi fermentati e dei vari alimenti provenienti dalla Corea.
Dalle 15.00 alle 17.00: assaggi dei prodotti agricoli come Yakgwa (il dolce coreano tradizionale) e lo snack di riso che si mangia spesso in Corea.

Martedì 29 maggio dalle 17.00 alle 19.00 e mercoledì 30 maggio dalle 18.00 alle 20.00: degustazione cibi tra i quali Kimchi, bulgogi, japchae , ssamjang al bap, insalate coreane e bevande.

Il kimchi è l’alimento fermentato più conosciuto della Corea e si contraddistingue per il suo sapore particolare. In un solo Kimchi possono esserci più di 10 erbe e verdure differenti che si armonizzano in modo impareggiabile. I fermenti lattici del Kimchi, dal sapore fresco e delizioso, rafforzano il sistema immunitario del nostro organismo.

Bulgogi (manzo marinato alla griglia)

Il bulgogi è un caratteristico piatto di carne coreano fatto con strisce sottili di manzo marinato in salsa di soia e poi grigliato. Nonostante il termine Bulgogi letteralmente significhi “Carne cotta al fuoco”, questa pietanza viene spesso anche saltata in padella.

Japchae

Questo piatto si ottiene con spaghetti di patate dolci e verdure, funghi e carne in salsa di soia.
La caratteristica principale è che tutti gli ingredienti vengono cotti a parte prima di essere messi insieme.
Grazie al suo aspetto molto vivace e colorato viene presentato spesso durante i pranzi o le cene familiari in occasione di festività. Il termine ‘Jap’ significa mischiare, mettere insieme; mentre ‘chae’ significa verdure.

Ssamjang al bap
Il Ssamjang al bap è un piatto che prende il nome dalla sua forma. Al significa “la forma palline”, mentre Bap e’ il riso.Esso e’ infatti una pallina di riso, verdura e ssamjang (una pasta con peperoncino e fagioli di soia fermentati).

Insalata di Yuja
La Yuja è un tipo di agrume ricco di qualità nutrizionali, si utilizza in cucina con la sua polpa. In Corea spesso d’inverno si beve il the di Yuja. La polpa di questo frutto è usata anche come condimento per l’insalata.

K- FASHION possibilità di provare magnifici abiti della tradizione coreana, chiamati “Hanbok”

K-CALLIGRAPHY stand di scrittura in calligrafia coreana del proprio nome su carta Hanji

Martedì 29 maggio, dalle ore 18.30
TEATRO BURRI
Parco Sempione

K-TAEKWONDO

La tradizionale arte marziale coreana.

La prima parte della performance (dalle 18.30 alle 19.00), organizzata in collaborazione con la Federazione Italiana Taekwondo (FITA), coinvolge le principali Associazioni Sportive della Regione Lombardia, che si esibiranno sul palco del Teatro Burri, subito prima della performance del WT Demo Team.

A partire dalle ore 19, invece, gli atleti del World Taekwondo si esibiranno in uno spettacolo intitolato ‘La Mattina dell’Oriente’. In questa esibizione la squadra del World Taekwondo darà dimostrazione della bellezza di questa disciplina con la partecipazione di atleti delle Associazioni Sportive della Regione Lombardia, mostrando un’altra volta che la forza dello sport può unire paesi diversi, come già successo ai Giochi Invernali di Pyeongchang con le due Coree.

Mercoledì 30 maggio, dalle ore 20.00
TEATRO BURRI
Parco Sempione

K-DANCE&FASHION
Danze tradizionali e moda si uniranno a partire dalle 20 per 30 minuti circa con i musicisti della compagnia ‘Doodulsori’ con la percussione di strumenti tradizionali coreani. Alle 20.30 andranno in scena le ballerine della compagnia ‘Do dance’, che mostreranno la dinamicità della danza tradizionale coreana.
Tutti gli spettacoli sono gratuiti.
Doodulsori

Gylnori

Gylnori, chiamato anche Gylgut o Geoligut, ha il ruolo di scaldare l’atmosfera prima dell’esecuzione vera e propria attraverso gli esecutori che, muovendosi, iniziano a suonare gli strumenti a percussione.

Pangut

Il Pangut è una tipologia di esecuzione con danza che fa parte dei Pungmulnori (genere di musica basata sugli strumenti a percussioni) ed è caratterizzato da movimenti spettacolari e acrobazie. È un’esecuzione in cui il pubblico e gli esecutori possono condividere l’euforia dello spettacolo.

Samulnori

È un’esecuzione in cui vengono suonati gli strumenti principali del Pungmulnori (come il Kkwaenggwari, il Jing, il Janggu e il Buk), ma, a differenza del Pungmulnori, non ci sono danze e ci si concentra solo sul ritmo degli strumenti.

Do Dance

Hwagwanmu

È una danza eseguita con una corona di fiori in cui si lascia ondeggiare in aria l’Hansam (pezzo di stoffa di vari colori usato durante la danza) e vengono usati come musica d’accompagnamento il Seyongsan e il Dodeuri che fanno parte del Yongsanhwesang.

Hanbyeokcheongyeon
Hanbyeokru è un luogo in cui, fin dall’antichità, si svolgevano ricerche sulla lingua coreana e, nello stesso tempo, venivano composte raffinate poesie. È quindi un’esecuzione in cui viene espressa la fermezza d’animo degli antichi studiosi.

Buchaechum

È una danza eseguita tenendo per ogni mano un ventaglio, su cui sono disegnati dei fiori, e indossando l’abito tradizionale Dangui.

Nelle coreografie si viene a formare la forma di un grande fiore e questo tipo di esecuzione venne elogiato molto durante le Olimpiadi in Messico del 1968 e, ancora oggi, è considerato come una delle opere più famose.
Shinnori

È un’esecuzione fatta con il Kyonggo (una piccola percussione tradizionale coreana) e attraverso il Madangnori (Buponori) si prega per avere un buon anno, fortuna e ricchezza. Vengono inoltre rappresentati i colori caratteristici della Corea.
Sfilata di Hanbok

È una rappresentazione degli abiti tradizionali coreani tra cui i Dangui (usati nell’era Chosun dalle donne), i Soryebok (abiti usati durante piccole cerimonie) e i più moderni Hanbok. Infine ci sarà una presentazione di come potrebbero evolversi nel futuro questi Hanbok.

Mercoledì 30 e giovedì 31 maggio, ore 21.00
TEATRO NO’HMA
Via Orcagna, 2

K-MODERN PERFORMANCE
Ingresso gratuito, con prenotazione al sito www.nohma.org, telefonando allo 02 4548 5085/ 02 2668 8369 o tramite e-mail a: nohma@nohma.it
Spettacolo The “Drawing Show”, il primo tentativo di portare l’arte sul palcoscenico, lanciando un nuovo mondo di performance artistiche. Il pubblico sarà “inghiottito” in straordinarie sessioni di disegno dal vivo.

Dal 1° – 11 giugno, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18
Inaugurazione 31 maggio, ore 18.00
CONSOLATO GENERALE DELLA REPUBBLICA DI COREA
4° piano, Piazza Cavour, 3

K-CALLIGRAPHY
Mostra di calligrafia coreana dal titolo “Arte calligrafica, Danza del pennello ed Eco dell’inchiostro che risuona”
Il visitatore avrà l’opportunità di conoscere l’antica arte della calligrafia sviluppatasi in Asia Orientale. Il 2018 segna inoltre il 600° anno dall’invenzione dell’alfabeto coreano “Hangeul”, ad opera del Re Sejong. Per commemorare tale evento, verranno presentate alla mostra delle opere di arte calligrafica in Hangeul del maestro Kim Byeong-gi e di altri artisti di calligrafia italiani.
Venerdì 1° giugno, ore 19.00
SPAZIO OBERDAN
Piazza Oberdan

K-MOVIE, proiezione del film coreano “A Taxi Driver” (2017), sottotitolato in italiano.
L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.
Proiezione del film coreano con sottotitoli in italiano “A Taxi Driver”, un action drama diretto dal regista Jang Hun, con la partecipazione di Song Kang-Ho nel ruolo principale. Il film è incentrato sulla storia di un autista di taxi di Seoul che casualmente viene coinvolto negli eventi del Movimento di Democratizzazione di Gwangju del 1980.

Venerdì 1° giugno, dalle 15.30 alle 19.30
Mini Food Truck
Zona Piazza Oberdan / c.so Buenos Aires

STREET FOOD COREANO

Organizzato da Korea Agro-Trade Center Milano, in un simpatico food truck si potranno degustare gratuitamente alcuni cibi coreani come pollo fritto con salsa Ganjang e Ginseng (Ganjang è la salsa di soia coreana),

Teokpokki con funghi coreani (gnocchi di riso con salsa piccante e funghi coreani), Frittella Kimchi.

L’attività si svolgerà dalle 15.30 alle 19.30 in c.so Buenos Aires (verso P.ta Venezia) e si sposterà davanti allo Spazio Oberdan per accompagnare gli spettatori del K-MOVIE.

 

Euronews – aumento immigrazione clandestina = schiavitù moderna

LO DIMOSTRA EURONEWS

Turni di 24 ore per 50 euro al giorno

NON GIRIAMO LA FACCIA DALL’ ALTRA PARTE – ANCHE LA NOSTRA VITA SARA’ INFLUENZATA, SE QUESTI MODI DI LAVORARE CONTINUERANNO A SVILUPPARSI ANCHE IN EUROPA

Gli avvocati intervistati da Euronews TV, precisano:

” Difficile difenderli; perché la vittima all’inizio non ammette gli abusi e le violenze per orari e ritmi inumani (ha paura di non trovare più lavoro o di perdere quello che ha), poi quando la chiamano in tribunale parla della verità, ma è accusata di dare versioni diverse e quindi poco credibili  “.

A Bruxelles in condizioni disumane:  3 turni di 8 ore 24 ore di fila durante i lavori della metropolitana.

Sfruttamento legato a tratta esseri umani , ma ora anche per cittadini europei.

Le vittime costrette a lavorare sotto minaccia.

Pochi denunciano, perderebbero il lavoro.

L’inchiesta è della TV Euronews:

http://it.euronews.com/2018/05/22/turni-di-24-ore-per-50-euro-al-giorno-viaggio-nella-schiavitu-moderna-nel-cuore

Arte – Reggia di Caserta – Marco Lodola – Giovanna Fra Tempus – Time

REGGIA DI CASERTA
Caserta, via Douhet 2/A
Marco Lodola – Giovanna Fra
Tempus – Time
a cura di Luca Beatrice
14 giugno – 15 settembre 2018
conferenza stampa mercoledì 13 giugno, ore 18
inaugurazione su invito

https://webmail32a.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=d26d90d22d67109&uid=91100&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=37d355040d45585&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=3

Marco Lodola, Pegaso Viola , 2018

Unione tra passato e contemporaneo è la mostra “Marco Lodola – Giovanna Fra. Tempus – Time” a cura di Luca Beatrice, esposta presso la Reggia di Caserta dal 14 giugno al 15 settembre.
L’esposizione, organizzata da Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e da Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, gode del patrocinio del Comune di Caserta, del Madre – fondazione donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta.
Il titolo della mostra è un voluto riferimento al trait d’union che Marco Lodola e Giovanna Fra, grazie alle loro opere, creano fra il Tempus, la dimensione temporale legata all’antichità, al classico, alla storica sede espositiva e il Time , sintesi del mondo contemporaneo.
La Reggia di Caserta, la residenza reale più grande del mondo, accoglie il percorso espositivo composto da una selezione di opere dei due artisti, che dall’ingresso si snoda negli spazi interni, nel parco reale, fino ad arrivare agli appartamenti del piano nobile. L’immenso parco della sontuosa villa, nel raggio di un chilometro, è punteggiato da oltre venti monumentali sculture luminose di Marco Lodola che rappresentano alcuni dei suoi soggetti tipici, uomini e donne, ballerini, danzatrici, animali, figure reali e immaginarie, che metaforicamente partecipano a una festa di corte. Questi lavori, oltre al forte impatto creato grazie alla loro imponenza e alla vivacità dei colori, si caratterizzano per la loro peculiarità: l’emanare luce, che genera dinamismo, potenza, vitalità; qualità che non riguardano solamente le opere in sé, ma che vengono trasmesse anche all’ambiente circostante.
Le installazioni di Lodola appaiono in grande sintonia con le tele di Giovanna Fra che accolgono il visitatore negli appartamenti reali e, caratterizzate da un forte cromatismo, incarnano perfettamente quell’arte contemporanea in cui la contaminazione di tecniche e la sperimentazione sono elementi imprescindibili. L’artista si misura con lo spazio interno e l’architettura vanvitelliana, reinterpretando nelle sue opere i motivi decorativi settecenteschi, arazzi, carte da parati, arredi Barocchi e Neoclassici, attraverso il linguaggio segnico, costituito da tracce di colore dalle forme imprevedibili e uniche, da textures astratte che si intrecciano con le trame del supporto digitale. I suoi lavori di matrice informale abbandonano infatti i mezzi tradizionali e, partendo da frame fotografici stampati su tela, Giovanna Fra arriva al risultato finale, percorrendo un cammino a ritroso, che la conduce a terminare l’opera con delle pennellate tradizionali, un’ulteriore dimostrazione del legame fra tempus e time e nel caso specifico del “passaggio da time a tempus”.
Seppure provenienti da formazioni diverse i lavori di Marco Lodola e Giovanna Fra creano un profondo dialogo e si completano vicendevolmente, ma soprattutto instaurano un forte legame con il luogo che li ospita, come afferma Luca Beatrice nel testo dedicato alla mostra: ” Dialogare con stucchi, decorazioni, pitture di genere e, soprattutto, con un’architettura di inestimabile pregio può costituire infatti una sfida ardua eppure affascinante per gli artisti contemporanei, a partire dall’utilizzo di materiali anomali che solo da poco sono entrati nel novero appunto dell’artisticità. Senza contare volumi, cubature e l’immensità di un parco che farebbe spaventare chiunque. […] Realizzare un cortocircuito visivo tra il tempus e il time, ovvero il passato e il presente, è rischio che l’arte di oggi sente di correre con sempre maggior frequenza. Ora, in particolare, tra pittura, elaborazione digitale, plastica e luce “.
La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Skira , con un vasto repertorio di immagini, il testo del curatore Luca Beatrice e numerosi interventi fra cui quelli di Renzo Arbore, Aldo Busi, Lorenzo “Jovanotti” Cherubini, Piero Chiambretti, Roberto D’Agostino, Salvatore Esposito, Ciro Ferrara, Antonio Stash Fiordispino, Enzo Iacchetti, Max Pezzali, Andrea Pezzi, Red Ronnie e di critici illustri quali Achille Bonito Oliva, Philippe Daverio, Gillo Dorfles, Martina Corgnati, Vittorio Sgarbi.
Cenni biografici .
Marco Lodola nasce a Dorno (Pavia), frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze e di Milano. Successivamente, all’inizio degli anni ’80, si affianca al nuovo futurismo. Si avvicina presto all’uso di materiali plastici che sagoma e colora con una tecnica personale, l’evoluzione della sua ricerca lo porta ad inserire fisicamente la luce nei suoi lavori: nascono le sculture luminose, che caratterizzeranno tutta la produzione artistica. Le sue opere sono presenti in vari musei, ha inoltre realizzato scenografie per film, trasmissioni, concerti ed eventi. In particolare è stato attivo nella moda e nel teatro. Fra le numerose mostre, si ricorda la sua presenza al Padiglione Italia della 53ª Biennale di Venezia con un’installazione luminosa e alla 54ª Biennale di Venezia con il progetto a cura di Vittorio Sgarbi “Cà Lodola”.
Giovanna Fra nasce a Pavia, si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera, con una tesi su John Cage ed il rapporto tra arte e musica.
La sua visione creativa ha privilegiato la fisicità dinamica del colore in relazione alle diverse consistenze della materia, fissando nell’immediatezza del gesto attimi di vibrante musicalità. Recentemente è stata invitata ad esporre al Friendschip project nel Padiglione della Repubblica di San Marino per la 57° edizione della Biennale di Venezia.
Main sponsor: GRAND HOTEL BILLIA – PARC HOTEL BILLIA – SAINT-VINCENT RESORT & CASINO – CASINO DE LA VALLÉE SAINT-VINCENT
Sponsor: DHL – OFFICE DEPOT – HARMONT&BLAINE
In collaborazione con DEODATO ARTE
Coordinate mostra
Titolo Marco Lodola – Giovanna Fra. Tempus – Time
A cura di Luca Beatrice
Sede Reggia di Caserta, via Douhet 2/A – 81100 Caserta
Date 14 giugno – 15 settembre 2018
Conferenza stampa mercoledì 13 giugno, ore 18
Inaugurazione su invito
Catalogo Skira
Orari Appartamenti storici : tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 19 – uscita dal museo 19.25) – Parco : dalle 8.30 alle 19 (ultimo ingresso ore 18) – Giardino Inglese : dalle 8.30 alle 18 (ultimo ingresso ore 17) – MARTEDÌ CHIUSURA SETTIMANALE
Ingresso mostra compreso nel biglietto della Reggia
Appartamenti storici, Parco e Giardino Inglese € 12,00 intero – € 6,00 ridotto
Solo Appartamenti Storici (acquistabile quando il parco è chiuso) € 9,00 intero – € 4,50 ridotto
La prima domenica di ogni mese Appartamenti storici gratuito – Parco della Reggia € 5,00 intero –
€ 2,50 ridotto – gratis fino a 18 anni
Info pubblico
www.tempustime.com – info@tempustime.com
Facebook/Instagram: Tempus Time

Musica a Milano – Fondazione Prada programma di eventi musicali

FONDAZIONE PRADA PRESENTA IL PROGRAMMA DI EVENTI MUSICALI

“I WANT TO LIKE YOU BUT I FIND IT DIFFICULT” NELLA SEDE DI MILANO

L’8 GIUGNO E IL 28 SETTEMBRE 2018

 – Fondazione Prada presenta, venerdì 8 giugno e venerdì 28 settembre dalle ore 19 a mezzanotte, il programma di eventi musicali “I WANT TO LIKE YOU BUT I FIND IT DIFFICULT”, a cura di Craig Richards, nella sede di Milano.

Concepito come una serie di tre appuntamenti, il progetto è stato anticipato il 19 aprile 2018 da un evento speciale a cui hanno partecipato Ricardo Villalobos e Richards.

Con questa nuova attività Fondazione Prada espande ulteriormente il proprio campo d’azione, includendo la ricerca e la sperimentazione musicale all’interno della propria offerta culturale e creando in questo modo risonanze inedite tra discipline.

“I WANT TO LIKE YOU BUT I FIND IT DIFFICULT” rappresenta un tentativo di esplorare una pluralità di generi e linguaggi, dalla musica elettronica all’Ethio-jazz, dalla minimal all’Afrobeat, ospitando artisti internazionali come Tony Allen, Mulatu Astatke, E/Tape, Burnt Friedman, Nicolas Lutz, Monolake Live Surround, Joy Orbison, Craig Richards e Midori Takada.

Partendo da una visione personale, sviluppata dall’artista inglese Craig Richards, la costellazione di performer selezionati per le due line-up intende avvicinare pubblici diversi alla vocazione della Fondazione Prada, dimostrando che la cultura è tanto coinvolgente e attrattiva quanto utile e necessaria.

Il programma, ideato come un’intensa esperienza culturale, è aperto alle contaminazioni e propone dialoghi inaspettati tra artisti affermati ed emergenti.

La musica è concepita come una manifestazione di libertà creativa sia per i musicisti stessi che per il pubblico presente.

Come afferma Craig Richards,

“l’idea sulla quale si basa il mio progetto curatoriale è che questo linguaggio possa essere stimolante, provocatorio e perfino scomodo.

Da collezionista e appassionato di musica, questo concetto mi ha sempre affascinato.

Il mio ruolo di curatore è di presentare le mie scoperte in questo campo, sia passate che attuali, in una sequenza che porti ispirazione, divertimento, mistero e un potenziale disturbo.

L’attrito tra le differenti proposte rende possibile questa visione.

Il mio obiettivo principale è riconoscere un filo conduttore che percorre la musica e in qualche modo la unifica.

Sostengo l’idea che ‘apprezzare’ la musica non sia sempre facile, ma che il tentativo di conoscerla in profondità possa generare un grande piacere”.

I DJ-set e le performance dal vivo si svolgono in diversi luoghi all’interno della sede di Milano della Fondazione Prada.

Il pubblico è invitato a muoversi liberamente negli ambienti esterni, sperimentando nuove modalità con cui interagire con l’architettura e ampliando in questo modo le potenzialità degli spazi.

Cinque artisti dagli stili musicali diversi e contrastanti sono presentati durante l’evento di venerdì 8 giugno.

Il jazzista etiope Mulatu Astatke, padre dell’Ethio jazz, suona accompagnato dalla sua orchestra di nove elementi, mentre la percussionista giapponese Midori Takada presenta un interessante repertorio solista minimal.

Queste due performance dal vivo sono completate dalla partecipazione di due DJ noti per la loro ricerca ai margini della dance floor culture: Nicolas Lutz e E/Tape. Il 28 settembre, la line-up include il leggendario batterista e compositore nigeriano Tony Allen, uno dei pionieri dell’Afrobeat, l’artista techno Monolake Live Surround di base berlinese, il polistrumentista tedesco Burnt Friedman e il musicista elettronico inglese Joy Orbison. Craig Richards partecipa come DJ a entrambi gli eventi.

INFORMAZIONI PRATICHE E BIGLIETTI

Gli eventi si svolgono negli spazi esterni della Fondazione Prada venerdì 8 giugno e venerdì 28 settembre, dalle ore 19 a mezzanotte. I cancelli aprono alle 18.30.

I biglietti per venerdì 8 giugno saranno disponibili a breve sul sito della Fondazione Prada, al costo di 18 euro, o all’entrata degli spazi (Largo Isarco 2) il giorno stesso dell’evento, a partire dalle ore 17, al costo di 25 euro.

LINE-UP

8 giugno 2018 Mulatu Astatke Midori Takada Nicolas Lutz E/Tape

Craig Richards

28 settembre 2018 Tony Allen
Monolake Live Surround Burnt Friedman

Joy Orbison Craig Richards

BIENNALE ARCHITETTURA A VENEZIA – Apre il 26 maggio 2018

BIENNALE ARCHITETTURA 2018

Da sabato 26 maggio a domenica 25 novembre

75 Paesi partecipanti

sette per la prima volta

curata da due donne architetto irlandesi come Yvonne Farrell e Shelley Mc Namara.

Freespace (Spazio libero)

è il titolo dell’esposizione 2018

PIU’ SOTTO SPECIALE CINA E PERU’

Quest’anno la novità è che la mostra non sarà solo ai Giardini ed all’Arsenale, ma l’intera città aprirà alla mostra:

-molte esposizioni collaterali

alcuni padiglioni stranieri con sede nei palazzi veneziani.

Più che  mostra, sarà una nuova idea di architettura “sociale”.

Saranno presenti anche molti architetti pressoché sconosciuti, che Farrell e McNamara hanno scoperto e selezionato in giro per il mondo. Scelta che fa onore alle curatrici.

Ovviamente non mancano i progettisti famosi:

David Chipperfield, Alvaro Siza, Kazuyo Sejima (già direttore di Architettura), Rafael Moneo, Souto Moura, Odile Decq, Toyo Ito, tra i tanti.

Italiani: Cino Zucchi, Marco Pogacnik, Francesca Torzo, Maria Giuseppina Grasso Canizzo.

Per la prima volta, saranno presenti: Antigua e Barbuda, Arabia Saudita, Guatemala, Libano, Mongolia, Pakistan e la Santa Sede.

Dopo la Brexit, il Padiglione inglese, intitolato “Island”, diventerà uno spazio pubblico per incontri popolari per un intero anno.

“Repair” è titolo del padiglione australiano, 30 mila piante esposte all’interno;  65 specie della prateria che rischiano di scomparire.

“In Statu Quo: Architecture of Negotiation” è il tema del  padiglione israeliano; sull’ attuale  tormentata relazione tra Israele e Palestina. Sarà uno dei padiglioni con maggiori misure di sicurezza insieme alla Russia.

Il Padiglione Italia all’Arsenale è curato da Mario Cucinella, con il nome di  “Arcipelago Italia”; per indagare le complessità dei territori interni al Paese Italia.

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Padiglione della Cina

Il ritorno alla vita pastorale è stato a lungo un ideale della tradizione letteraria cinese

16a Mostra Internazionale di Architettura La Biennale di Venezia
COSTRUIRE UNA CAMPAGNA DEL FUTURO

26 maggio – 25 novembre 2018 Giorni di anteprima: 24-25 maggio 2018

Anteprima stampa: 25 maggio, 14.45 Cerimonia di apertura: 25 maggio, ore 15.30

“La motivazione per questa mostra è più che solo xiangchou, un termine cinese che si riferisce alla nostalgia per le terre rurali.

Ritorniamo nelle campagne dove la cultura cinese ha origine per recuperare valori dimenticati e possibilità trascurate; da lì, costruiremo una futura campagna. “- Li Xiangning (Curatore)

Una delle maggiori sfide per gli ambienti contemporanei costruiti è il futuro dello sviluppo rurale. In Cina, la campagna è diventata una nuova frontiera per gli esperimenti in questo settore, e il paese sta sviluppando le sue campagne a una velocità e una scala invisibili in Occidente.

Disegnati dalla promessa di opportunità illimitate, architetti, artisti, sviluppatori e il flusso di capitali stanno convergendo nelle aree rurali di tutta la nazione.

Il ritorno alla vita pastorale è stato a lungo un ideale della tradizione letteraria cinese.

Nei tempi moderni, vivere in aree rurali coinvolge in genere aspetti come politica, capitale, infrastrutture e tecnologia.

Mentre la modernizzazione e il progresso tecnologico ci promettono una vita migliore con le condizioni di vita moderne, anche loro, in una certa misura, separano il legame tra vita rurale e tradizione.

Di fronte alle abitazioni rurali prodotte in serie dall’urbanizzazione, gli architetti cercano di trovare una via di mezzo tra tradizione e modernizzazione, sfruttando la tecnologia moderna alla ricerca di una connessione vernacolare.

Dalla grande distesa gialla dell’altopiano di Loess alle città acquatiche a sud dello Yangtze, dalle vaste e abbondanti pianure della Cina nord-orientale alle verdi e bellissime fattorie del sud, centinaia e migliaia di villaggi sono diventati siti per lo sviluppo industriale, -building e creazione culturale.

Questi siti godono di enormi opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche, tra cui internet, sistemi logistici e economie di condivisione.

Lo sviluppo della campagna nella Cina contemporanea non ha precedenti sia nella sua scala che nei suoi approcci.

Ancora più importante, questo sviluppo anticipa una nuova soluzione fondata sulle condizioni uniche della Cina.

Costruire un futuro La campagna descrive la campagna della Cina contemporanea attraverso sei episodi: abitazioni poetiche, produzione locale, pratiche culturali, turismo agricolo, ricostruzione della comunità e esplorazione futura. Questa mostra delinea un freespace per opportunità e anticipa lo sviluppo futuro.

PROGETTI PRINCIPALI
Entrando nel padiglione, seguendo il percorso della mostra, i progetti principali sono:
Forno in legno Bing Ding di Zhang Lei, AZL Architects
Xinzhai Coffee Manor di Hua Li, Trace Architecture Office – TAO
Una vecchia-nuova casa di John Lin + Joshua Bolchover, Rural Urban Framework Cidi Memo, una città della memoria di Liu Yuyang, Atelier Liu Yuyang Architects Mountain Dwelling. Abitazione Waterside. Forest Dwelling di Dong Yugan In Bamboo di Philip F. Yuan, Archi-Union Architects, co. Ltd

Fuori dal padiglione della Cina, nel giardino:

Cloud Village di Philip F. Yuan, Shanghai Digital Fabrication Engineering Technology Centre
LI XIANGNING, CURATORE

Il Dr. Li Xiangning è vice preside e professore ordinario di storia, teoria e critica all’Università di architettura e pianificazione urbana dell’Università di Tongji. È membro della CICA (Comité International des Critiques d’Architecture), ha lavorato come curatore per numerose mostre e ha pubblicato numerose pubblicazioni sull’architettura e l’urbanistica cinese contemporanea. È capo redattore di Architecture China e President of Architecture China Foundation. Inoltre, ha lavorato con musei e istituti internazionali ed è stato membro della giuria di numerosi premi e concorsi internazionali.
PADIGLIONE DELLA CINA – 16 MOSTRA INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA LA BIENNALE DI VENEZIA
Commissario: China Arts and Entertainment Group (CAEG)
Organizzatore: Ministero della cultura e del turismo della Repubblica popolare cinese. Presentatore: China International Exhibition Agency
Vice commissario: Li Jinsheng, Wang Chen
Commissari aggiunti: Huang Xiaogang, Liu Zhenlin, Li Rui, Yang Xin, Xie Yanyi, Li Yunyun, Zhang Ziwei
Collaboratori: Zhu Di, Zheng Hao, Wang Mingxian, Zhu Wenyi, Shi jian, Li Hu
Curatore: Li Xiangning
Assistenti del curatore: Yao Weiwei, Mo Wanli, Gao Changjun Research Team: Zhang Xiaochun, Lin Lin, Deng Yuanye
Display Design: Liu Yuyang, Zhang Ziyue
Graphic Design: Ni Minqing, Li Jixin
Espositori: Dong Yugan, Hua Li, Liu Yuyang, Philip F. Yuan, Rural Urban Framework, Zhang Lei, Atelier Archmixing, Atelier Deshaus, Chen Haoru, Cina Nuova pianificazione rurale e design, Dong Gong, Drawing Architecture Studio, Hsieh Ying-Chun , Jin Jiangbo, Li Yikao, Li Xinggang, Seung H-sang, Nishizawa Ryue, Li Zhenyu, Lyu Pinjing, Naturalbuild, O-office Architects, temp architects, Xu Tiantian, Zhang Li, Zhao Yang, Zhu Jingxiang

Photo: CINA Biennale 2018 Philip F. Yuan, In Bamboo, © Bian Lin Courtesy Pavilion of China at the 16th International Architecture Exhibition of La Biennale di Venezia

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PERU’ ALLA BIENNALE 2018

Biennale di Architettura di Venezia 2018 – Il Perù si prepara

Per ulteriori informazioni:

http://www.peru.travel

Facebook: www.facebook.com/visitperu

Twitter: https://twitter.com/visitperu

Youtube: www.youtube.com/VisitPeru

Instagram: https://instagram.com/peru/