Archivi categoria: CULTURA

Cultura: mostre d’arte, libri, art from women…la donna nella storia, donne che pensano.

Cultura a Milano – Entrata gratuita18 gennaio – Museo Nazionale della Scienza

LEONARDO 39. LA COSTRUZIONE DI UN MITO

Giovedì 18 gennaio una giornata di studi  accompagnata da un’esposizione documentaria sulla “Mostra Leonardo da Vinci e delle invenzioni italiane” del 1939 che fu decisiva per la creazione del mito del genio universale

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

via San Vittore 21, Milano

All’indirizzo http://www.museoscienza.org/areastampa/leonardo39/sono disponibili il comunicato stampa e alcune immagini

 La “Mostra Leonardo da Vinci e delle Invenzioni Italiane” organizzata a Milano nel 1939 è stato il più importante ma anche discusso evento culturale mai concepito attorno alla figura dell’artista vinciano. Se ne parlerà giovedì 18 gennaio, in unagiornata di studiaperta al pubblico, concepita dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia in collaborazione con il Centro Internazionale per la Storia delle Università e della Scienza dell’Università di Bologna.

In occasione della giornata di studi sarà inaugurata la mostra documentaria “Leonardo 39. La costruzione di un mito”, curata e realizzata dal Museo, che resterà aperta fino a domenica 6 maggio. Attraverso documenti, volumi, fotografie, disegni e oggetti storici provenienti dalle collezioni, dall’archivio e dalla biblioteca del Museo, questa esposizione ripercorre la genesi e il contesto della mostra del 1939 e i suoi sviluppi, fino ad arrivare alla nascita del Museo stesso nel 1953.

Nel 1939 al Palazzo dell’Arte di Milano furono esposti molti dipinti, disegni e codici di Leonardo insieme alle opere degli allievi. Fu inoltre costruita con grandissima cura un’enorme quantità di modelli di macchine tratte dai suoi disegni. In pieno clima di autarchia, l’immagine di Leonardo che emerge dalla mostra è quella dell’inventore capostipite di una tradizione italica che, dal Rinascimento a Guglielmo Marconi, è destinata a svettare su tutti gli altri popoli rivendicando i propri primati scientifici e tecnologici. Questa lettura, depurata dai tratti ideologici più compromettenti, ha avuto influenza duratura anche dopo la caduta del fascismo, consacrando anche all’estero l’immagine di Leonardo da Vinci come genio universale,anticipatore delle più disparate scoperte scientifiche: un mito più che mai vivo ancora oggi.

Le celebrazioni leonardiane organizzate nel 1952-53 in Italia e all’estero ripresero e svilupparono  l’idea di Leonardo genio anticipatore dei tempi. Tra queste rientra ancheil Museo, che venne inaugurato nel 1953 proprio con una mostra dedicata a Leonardo da Vinci e la cui storia si è intrecciata a più riprese con il mito di Leonardo.

La mostra “Leonardo 39. La costruzione di un mito”prende le distanze dal mito costruito nel secolo scorso sottolineandone allo stesso tempo l’importanza storica. Tra i beni esposti, alcuni tra i primi facsimili di manoscritti leonardeschi pubblicati a fine Ottocento, come il Codice Hoepli, che hanno contribuito a diffondere gli studi di Leonardo ingegnere; le fotografie della mostra aeronautica del 1934, allestita da Giuseppe Pagano al Palazzo dell’Arte; fotografie, lettere, cartoline, articoli di giornale, cataloghi e locandine della mostra leonardesca del 1939, insieme a un grande modello di argano per sollevare artiglierie realizzato nel 1952 sul modello di quello esposto nel 1939 al Palazzo dell’Arte; documenti, disegni, fotografie della mostra leonardesca del 1953 con cui si inaugura il Museo.

Lo studio e la divulgazione della figura di Leonardo rappresentano ancora oggi la più importante missione del Museo. Il convegno del 18 gennaio e la mostra documentaria sono le prime tappe di un percorso che porterà il Museo al 2019, anno delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo. Per questa occasione è in corso un ampio progetto di studio e ricerca mirato al rinnovamento totale della storica Galleria Leonardo che renderà conto delle interpretazioni storiografiche più aggiornate dell’opera scientifico-tecnologica di Leonardo da Vinci.

Dal 19 gennaio, la visita alla mostra documentaria “Leonardo 39. La costruzione di un mito” sarà compresa nel biglietto d’ingresso al Museo.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI STUDI DEL 18 GENNAIO
Sala del Cenacolo
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili
Iscrizioni sul sito del Museo

9.30-9.45
Registrazione partecipanti

9.45-10.15
Saluti
Fiorenzo Galli, Università degli Studi di Milano, Direttore Generale Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Filippo del Corno, Assessore alla Cultura Comune di Milano
Luca Del Gobbo, Assessore all’Università, Ricerca e Open Innovation Regione Lombardia
Marco Edoardo Minoja, MIBACT, Segretariato Regionale per la Lombardia, Comitato Territoriale “Milano e l’eredità di Leonardo 1519-2019”

10.15-12.15
Chairman della sessione:  Pietro Cesare Marani, Politecnico di Milano
Marco Beretta, Università di Bologna, “Leonardo nella storiografia della scienza italiana. 1797-1939”
Alessandro Tosi, Università di Pisa, “Le arti e le scienze intorno a Leonardo”
Francesco Cassata, Università di Genova, “Il fascismo e il mito della scienza”
Elena Canadelli, Università di Padova, “La Mostra delle Invenzioni italiane e le esposizioni della scienza e della tecnica nella Milano degli anni Trenta”
Claudio Giorgione, Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, “La Mostra delle Invenzioni Italiane. La storia al servizio dell’autarchia”

12.15-13.00
Discussione

14.30-16.30
Chairwoman della sessione: Maria Conforti, Università La Sapienza, Roma
Roberto Cara, Storico dell’Arte, “Quanto di più assurdo si possa oggi immaginare nel campo del buon gusto e della museografia. Giuseppe Pagano ‘supervisore’ e l’allestimento della Mostra Leonardesca”
Monica Azzolini, Università di Bologna, “Rileggere Leonardo: anatomia, storiografia e storia”
Andrea Bernardoni, Museo Galileo di Firenze, “L’alba della filologia macchinale vinciana: i modelli di macchine per il volo (1929-1939)”
Davide Colombo, Università di Parma, “La Leonardesca in trasferta a New York. Un modello per le mostre delle macchine vinciane negli Stati Uniti”
Yoshimi Takuwa, Università di Kobe, “La Mostra di Leonardo da Vinci nel 1942 a Tokyo: il ruolo della mostra leonardesca come strumento di propaganda di guerra e la sua eredità culturale nel Giappone postbellico.”

16.30-17.30
Discussione

In collaborazione con
Centro Internazionale per la Storia delle Università e della Scienza, Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna

Nell’ambito di
Palinsesto Novecento Italiano
Progetto Nuove Gallerie Leonardo

Con il contributo di
Fondazione Cariplo

Si ringrazia
Famiglia Beretta che, in memoria di Gianmario Beretta, ha finanziato un progetto di ricerca e valorizzazione della storia del Museo in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano Bicocca

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Giorni e orari di apertura: da martedì a venerdì: 9.30 – 17 | sabato e festivi 9.30 – 18.30.
Biglietti d’ingresso
intero 10,00 € | ridotto 7,50 € per bambini e giovani da 3 a 26 anni; persone oltre i 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; giornalisti in visita personale dietro presentazione del tesserino dell’Ordine dei Giornalisti in corso di validità e compilando il form di accredito; docenti delle scuole statali e non statali; convenzioni | speciale 4,50 € per gruppi di studenti accompagnati dall’insegnante previa prenotazione.
Ingresso gratuito per: visitatori disabili e accompagnatore, bambini sotto i 3 anni; giornalisti che stanno realizzando un servizio sul Museo, accreditati in precedenza.
Biglietti online
Sul sito del Museo è possibile acquistare il biglietto d’ingresso al Museo – intero o ridotto, il biglietto per il sottomarino Enrico Toti. È possibile prenotare alcune attività interattive e visite guidate (max. 1 attività per persona), al costo di prevendita di 1 euro.
www.museoscienza.org | info@museoscienza.it | T 02 48 555 1

Ancora violenze contro donne e muore figlio di 18 anni …

Accade a Crotone.

La mamma della vittima, Katia  Villirillo, aveva la “colpa” di lavorare in una associazione contro al violenza verso le donne; “Libere donne”.

L’associazione ha sede nella casa vicino a dove abita l’assassino, Salvatore Gerace, 57 anni e passato da tossicodipendente.

A questo personaggio dava fastidio il via vai di donne dell’associazioe; anche di colore !!!.

Da tempo c’era attrito su questo argomento tra Salvatore Gerace e Katia  Villirillo.

Ieri l’uomo prima si è affacciato alla finestra, inveendo contro la signora Katia, poi è sceso ed entrato nella sede la stava per aggredire, quando il figlio diciottenne della signora si è frapposto per difendere la madre; allora il  Gerace ha estratto la pistola e sparato uccidendo il ragazzo.

Tra giovani decenni che aggrediscono in branco i coetanei (accade a Napoli) e le violenze alle donne … non riusciamo a vedere un futuro migliore.

 

LISBONA – QUINTESSENZA DI ARTE E CULTURA

Lisbona Portogallo ferro battuto kj

Lisbona Parque das Nacoes

Portogallo lisbona q

La capitale lusitana e i suoi dintorni sono un concentrato di bellezze artistiche

 – E’ difficile trovare una capitale europea in grado di competere con Lisbona, una città poliedrica adatta allo svago, ai viaggi di lavoro e ai weekend fuori porta, ma soprattutto ricca di arte e cultura.

I motivi per visitarla sono tanti e si può farlo in qualsiasi periodo dell’anno:

gli inverni sono miti e le notti estive rinfrescate dalla brezza oceanica.

Ben collegata via aereo, dista 1-3 ore di volo dalle principali città europee.

— Rispetto ad altre capitali europee, è economica, sia per mangiare che per dormire.

Lisbona è anche una città aperta e ospitale: i suoi 800 anni di storia e la posizione strategica l’hanno resa un insieme di influenze culturali diverse, che si riflettono ancora oggi negli edifici di stampo francese e arabo.

Il quartiere di Alfama, il più antico della città, è un ottimo esempio di come le influenze moresche abbiano modellato Lisbona: costruita come un reticolo di viuzze e salite, Alfama oggi ospita monumenti storici, ristoranti e bar dove si suona il fado.

Da non perdere è la piazza Dom Pedro IV situata al centro del Rossio, cuore della città e della vita politica e sociale tra caffè, teatri, fontane e il verde che la circonda.

Buona idea iniziare la visita della città dal Lisboa Story Centre in Terreiro do Paço (ludico e interattivo, rispettando l’accuratezza storica, qui si vede il passato di Lisbona  attraverso il sistema audio guida, 60 minuti di un viaggio nel tempo e spazio ), e godere della vista sulla città dall’Arco da Rua Augusta; al tramonto spettacolare la vista che si gode dai vari miradouros o dal Castello di São Jorge che imperante su una collina domina la capitale.

IMPERDIBILI:

– una passeggiata tra gli edifici manuelini della città – come il Mosteiro dos Jerónimos, la Torre di Belém e il portale della chiesa di Nossa Senhora da Conceição Velha – diventa un vero e proprio tour nel passato, nel periodo d’oro delle scoperte rinascimentali, quando marinai ed esplorazioni mettevano Lisbona al centro del mondo.

A poca distanza da Belém, ha da poco aperto il nuovissimo MAAT – Museu Arte Arquitetura Tecnologia con diverse mostre e spazi di riflessione e dialogo che fanno riferimento sia alle esposizioni che ai trend contemporanei. Info: www.maat.pt

Altro museo da non perdere è il MNAA-Museu Nacional de Arte Antiga, che ospita la più importante collezione portoghese d’arte, con oggetti che spaziano dalla pittura alla scultura, oro e argenteria, così come tessili, ceramiche e mobili provenienti da Europa, Africa ed Estremo Oriente. Composta da oltre 40.000 oggetti, la collezione del MNAA ha il maggior numero di opere classificate come “tesori nazionali” portoghesi. Info: http://www.museudearteantiga.pt

Un altro bellissimo posto da visitare, forse meno conosciuto, è il Museo Nazionale dos Coches (o Museu dos Coches Reais), situato vicino al fiume Tago. Occupa i locali già appartenenti alle Oficinas Gerais do Exército. Ne fa parte l’ala della Cavalleria Reale, parte del Palazzo Reale di Belém, attualmente residenza ufficiale del Presidente della Repubblica, che può essere visitata come un nucleo espositivo del museo. Info: http://museudoscoches.pt

La città conserva tuttora la vivacità e l’energia rinascimentali. Il calendario è ricco di eventi, le strade vibranti.

Uno degli appuntamenti più importanti è il NOS Alive, tre giorni di concerti vicino al fiume Tago in programma in luglio. Definito come uno dei principali festival europei.

Anche i dintorni della capitale sono ricchi di storia e cultura.

Si può, ad esempio, visitare Sintra, patrimonio UNESCO, un luogo talmente magico che il poeta romantico inglese Lord Byron lo definì «giardino dell’Eden».

Nata come insediamento arabo sulla costa a ovest di Lisbona, Sintra fu la residenza estiva dei re portoghesi, e tuttora affascina i visitatori con i suoi palazzi mistici, colorati e unici, che fanno di Sintra la capitale dell’architettura romantica.

Tra i monumenti da non perdere ci sono Palácio Nacional, Quinta de Regaleira, Palácio de Seteais, Castelo dos Mouros e il Palácio da Pena, eletto tra le sette meraviglie del Portogallo. Costruito nel 1840 da re Ferdinando II, Palácio da Pena si erge sulle rocce della Serra De Sintra ed è l’esempio più completo di architettura romantica portoghese, un insieme di stile gotico, neomanuelino, arabo, rinascimentale e barocco.

Lo stile neomanuelino, in particolare, riprende i motivi del tardo gotico portoghese (XVI secolo), chiamato anche manuelino in onore di Manuele I, re all’epoca del suo sviluppo. Caratterizzato da elementi marinari che celebravano le scoperte dei navigatori portoghesi come Vasco da Gama, lo stile manuelino si ritrova nelle chiese, monasteri, palazzi e castelli, ma anche nella scultura e nella pittura.

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com

Bellomo – Espulso dalla Magistratura

DEVE LASCIARE LA MAGISTRATURA

UNA VITTORIA PER LE DONNE !!!

Voleva, per contratto nella sua scuola privata per magistrati (con una percentuale di vincitori del concorso del 75%, mentre la media è bassissima) le allieve con

-tacchi a spillo

-minigonne

-non potevano sposarsi   … !!!!!!!!!!!!!

AVEVAMO GIA’ PUBBLICATO:

18 Dic, 2017

Bellomo magistrato vuole tacchi a spillo e mini – Continuiamo a denunciare

SCUOLA DI FORMAZIONE PER MAGISTRATI (scuola privata e si auspica che diventi solo una cosa pubblica)

le donne dovevano PRESENTARSI AI CORSI IN MINIGONNA, TACCHI A SPILLO E CON TRUCCO MARCATO E ADDIRITTURA  NON SPOSATE.

Se ne  parla troppo poco, quasi niente, alla televisione e sui giornali italiani; soprattutto se pensiamo allo spazio dedicato a simili scandali in America e Inghilterra.

Forse perché è coinvolta un’alta istituzione dello stato italiano: IL CONSIGLIO DI STATO.

Infatti, finalmente, per salvaguardare il nome dell’istituzione, il 10 gennaio è convocata un’ adunanza del Consiglio di Stato sulla  destituzione di Bellomo.

La Procura, aveva aperto un fascicolo d’indagine senza ipotesi di reato, ma oggi basandosi su alcuni elementi acquisiti  la Procura di Bari, ipotizza che il magistrato amministrativo abbia obbligato alcune sue allieve della Scuola di formazione per magistrati a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e con trucco marcato e addirittura preteso che non fossero sposate.

Il padre di una studentessa aveva da tempo denunciato il fatto che la figlia aveva sofferto notevolmente a causa della situazione di cui sopra.

Ecco cosa ha detto il padre, dopo la denuncia, i carabinieri “sono venuti più volte, chiedevano a mia figlia di firmare un atto di conciliazione. Sono venuti a maggio, e poi a ottobre, ma lei era in ospedale”. La denuncia risale alla fine del 2016 .

Il consigliere di Stato Francesco Bellomo è oggi indagato a Bari per estorsione.

GLI ANTEFATTI:

Anche in Italia escono, a fatica, i nomi degli uomini che hanno molestato ripetutamente e approfittato della loro posizione per pretendere attenzioni da allieve e altre donne.

La denuncia, di qualche anno fa, da parte del padre di una allieva del magistrato Bellomo, riferisce che la ragazza doveva sottoscrivere una dichiarazione che le imponeva di presentarsi ai corsi con tacchi alti e minigonna ….

Bellomo, il cui nome è uscito su TV e giornali, sino a ieri promeva battaglia legale.

Violenze e libertà di importunarci ? ! Non condividiamo le affermazioni di Catherine Deneuve

Catherine Deneuve: “Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci …  La donna, oggi, può vigilare affinché il suo stipendio sia uguale a quello di un uomo, ma non sentirsi traumatizzata per tutta la vita se qualcuno le si struscia contro nella metropolitana”.? ! ?

Ma scherziamo ??? Vogliamo dare la libertà agli uomini di importunare le donne in metropolitana? e perché non lottare pe ril medesimo stipendio degli uomini?

NO NO NO !!! NON “Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci”

Per noi è solo basso pettegolezzo, ma non possiamo ignorarlo.

Cara Catherine Deneuve, forse l’età che avanza ti spinge a cercare ancora protagonismo … ma un uomo può fare la corte in mille modi; con parole gentili, con dei fiori, scrivendo qualcosa di carino … ma forzare un bacio non voluto, toccare dove la donna non gradisce NO NO NO NO NO NO per le molte donne  è violenza anche questa !

Se poi la signora Catherine Deneuve è abituata e gioisce di questo, abbia il pudore di STARE ZITTA !!! Invece di condannare le attrici di Hollywood che stanno facendo uno sforzo per portare alla luce vergogne e secoli di silenzi e paure ….

Forse, non cara Catherine Deneuve, per le tue frequentazioni ti sei abituata ad altro, ma ci sono ancora donne che hanno una dignità secondo regole ben precise e NON gradiscono e NON vogliono che qualcuno tenti di baciarle con la forza o toccarle dove non vogliono !!! …

Possibile che non si possa capire una cosa così semplice???

Ma che uomini sei abituata a frequentare cara (non) Catherine ???

Cultura a Torino – Circolo dei lettori 12 gennaio si parla di donne …

Voices of woman è un progetto di storytelling fotografico dedicato al femminile

venerdì 12 gennaio alle ore 18, il Circolo dei lettori ospita Raquel Lourençoe Voices of women, un progetto di storytelling fotografico dedicato al femminile, alla discriminazione e all’identità di genere. Incontro a cura di SeNonOraQuando? con la linguista Manuela Manera e Laura Onofri di SeNonOraQuando? Torino.
il Circolo dei lettori, via Bogino 9, Torino

venerdì 12 gennaio, ore 18

VOICES OF WOMEN
progetto di storytelling fotografico
incontro con Raquel Lourenço,
Manuela Manera, linguista
e Laura Onofri, SeNonOraQuando?Torino
a cura di SeNonOraQuando?

Cosa vuol dire essere donna?

Raquel Lourenço gira il mondo con la sua macchina fotografica.

Ma non è una turista.

È un’attivista per i diritti delle donne che viaggia alla ricerca di volti, quelli delle donne, da immortalare nei suoi scatti, donne in difficoltà, perseguitate per motivi religiosi, politici e sociali. In Asia, attraverso Vietnam, la Thailandia, l’India, Lourenço ha trovato volti poveri, stanchi, maltrattati, sciupati, facce di chi esiste solo difendendosi sempre dalle violenze.

La fotografa porta con sé questi volti struggenti, per farli conoscere in luoghi lontani. L’incontro è al Circolo dei lettorivenerdì 12 gennaio, ore 18.

Voices of woman è un progetto di storytelling fotografico dedicato al femminile, alla discriminazione e all’identità di genere, che raccoglie testimonianze di donne di tutto il mondo. Ma non solo, è anche una piattaforma in fase di costruzione, per mettere in collegamento Ong e realtà del volontariato che si occupano della condizione femminile nel mondo.
È su Facebook, Instagram e Twitter.
Un esempio di realtà a cui Lourenço spera di dare maggior rilevanza è quella di Hope Unending, Ong che si occupa del dramma delle donne vendute come spose schiave dal Vietnam, soprattutto verso la Cina. Hope Unending sta raccogliendo risorse attraverso una campagna di crowdfunding.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili

Eco – Architettura Bosco Verticale per il sociale – Trudo Vertical Forest

La Trudo Vertical Forest sarà il primo Bosco Verticale destinato al social housing (abitazioni non di lusso)

sulle facciate 125 alberi e 5.200 tra arbusti e piante

La Trudo Vertical Forest di Eindhoven:

-il nuovo progetto sociale di Forestazione Urbana di Stefano Boeri Architetti.

Sorgerà a Eindhoven il primo Bosco Verticale in edilizia sociale, firmato da Stefano Boeri Architetti per Trudo.

www.stefanoboeriarchitetti.net/trudoverticalforest

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di architetture sostenibili nel mondo.

Dopo i progetti di Bosco Verticale di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e dopo la diffusione globale del video/appello per la Forestazione Urbana (stefanoboeriarchitetti.net/urbanforestry) – arriva oggi l’annuncio del nuovo Bosco Verticale che sarà costruito nei Paesi Bassi, ad Eindhoven.

La Trudo Vertical Forest sarà il primo Bosco Verticale destinato al social housing e dunque rivolto a un’utenza popolare e in particolare a giovani coppie. La torre ospiterà nei suoi 19 piani appartamenti con affitto calmierato, che godranno della presenza sui balconi di centinaia di alberi e piante delle specie più varie.

“Il grattacielo di Eindhoven conferma la possibilità di unire le grandi sfide del cambiamento climatico con quelle del disagio abitativo.

La forestazione urbana non è solo una necessità per migliorare l’ambiente delle città nel mondo, ma l’occasione per migliorare le condizioni di vita dei cittadini meno abbienti” dichiara Stefano Boeri.

L’edificio è stato fortemente voluto dal committente Sint-Trudo e darà spazio a 125 unità abitative adibite a social housing.

“La Trudo Vertical Forest definisce nuovi standard abitativi.

Ogni appartamento avrà una metratura di meno di 50 mq e disporrà di 1 albero, 20 cespugli e più di 4 mq di terrazzo.

Tramite l’utilizzo della prefabbricazione, la razionalizzazione di alcune soluzioni tecniche di facciata, e quindi l’ottimizzazione delle risorse, sarà il primo prototipo di Bosco Verticale destinato ad alloggi sociali” dichiara Francesca Cesa Bianchi, Project Director di Stefano Boeri Architetti.

La Trudo Vertical Forest sarà un grattacielo di 75 metri che ospiterà sulle facciate 125 alberi e 5.200 tra arbusti e piante.

Creerà all’interno dell’ambiente metropolitano un habitat verde per lo sviluppo della biodiversità, un vero e proprio ecosistema con oltre 70 specie vegetali differenti in grado di contrastare l’inquinamento atmosferico, grazie alla capacità degli alberi di assorbire oltre 50 tonnellate di anidride carbonica ogni anno.

La caratteristica degli edifici della famiglia di Boschi Verticali è quella di concepire la vegetazione e la natura vivente come elementi costitutivi – e non più solo ornamentali – dell’architettura.

Per la progettazione della componente vegetale della Trudo Vertical Forest, lo Studio Laura Gatti, diretto dall’agronoma Laura Gatti (che ha collaborato nella realizzazione del Bosco Verticale di Milano e in altri progetti di forestazione urbana con Stefano Boeri Architetti) lavorerà a stretto contatto con DuPré Groenprojecten di Helmond e il vivaio Van den Berk di Sint-Oedenrode.

Sint Trudo sarà responsabile per la manutenzione.

Dopo Milano, Losanna, Nanchino, Parigi, Tirana, Shanghai, Utrecht e Liuzhou Forest City, è ora il turno di Eindhoven, nuovo tassello del grande disegno di forestazione urbana di Stefano Boeri Architetti

Crediti Trudo Vertical Forest

Location

Strijp-S, Eindhoven, The Netherlands

Cliente

Sint Trudo

General contractor

Stam + De Koning

Architecture
Stefano Boeri Architetti
Partner: Stefano Boeri
Project Director: Francesca Cesa Bianchi Project Leader: Paolo Russo
Team: Giulia Chiatante; Elisa Versari Inbo
Project Coordinator: Aron Bogers

Landscape consultant

Studio Laura Gatti

Façade consultant

SCE Project

Structure

Adviesbureau Tielemans

MEP Engineer

Ten Hooven

Landscape contractor

Dupre

Visualization*

The Big Picture Visual

* Ovunque applicabile specialmente su blog, pubblicazioni online e social media, si prega di citare “© The Big Picture” e taggare l’account instagram @bigpicturevisual nella didascalia dell’immagine.

SERATA EVENTO Sabato 13 gennaio a Rancate

A corredo della mostra DIVINA CREATURA. La donna e la moda nelle arti del secondo Ottocento
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst, Rancate (Mendrisio)

SERATA EVENTO
Sabato 13 gennaio, ore 20.30

MOI
Monologo dedicato alla scultrice francese Camille Claudel, allieva, modella e amante di Auguste Rodin
Prima della pièce verrà presentata la figura di Camille Claudel, una “divina creatura” vissuta tra Otto e Novecento. Camille fu una scultrice di grande valore, ma la sua opera fu apprezzata solo dopo la morte, avvenuta in un asilo per alienati mentali dove era ricoverata.
Ingresso comprensivo di spettacolo e visita libera alla mostra (19.30-22.30): fr. / € 15.-
(V. ALLEGATI)

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: Tel.  0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch

In collaborazione con il Circolo di cultura di Mendrisio e dintorni e con le Amiche e Amici della Filanda
_______________________________________________________________

Info: www.ti.ch/zuest; Tel.  0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch.
Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscritti l’evento verrà annullato.
I partecipanti verranno avvisati tempestivamente.

COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST
Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con l’ausilio della segnaletica. Per chi proviene dall’autostrada Milano-Lugano l’uscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate. La Pinacoteca è di fronte alla chiesa parrocchiale di Santo Stefano, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti, o con l’autobus (linea 524, Mendrisio-Serpiano).

La Pinacoteca cantonale Giovanni Züst è su Facebook!  Vieni a trovarci!

#MeToo le donne si organizzano – Hollywood

#MeToo contro le molestie sessuali

La National Society of Film Critics elegge Lady Bird Miglior film del 2017

Golden Globe 2018:  Missouri ha vinto da outsider, così come Lady bird, per la categoria miglior commedia o musical.

Lady bird

Film  scritto e diretto da una donna, Greta Gerwig; una delle poche donne registe di Hollywood

L’opera parla della crescita artistica e personale di una giovane donna,Saoirse Ronan (che ha vinto come migliore attrice brillante)

Ha detto Barbra Streisand:

“Io sono stata la prima donna a ricevere un premio come regista, è successo più di 30 anni fa, signori, è ora di cambiare, i tempi sono maturi, time’s up“.

Premiate anche, tra le altre;

-Nicole Kidman ha vinto il Globo d’oro per la migliore attrice protagonista,

-Laura Dern quello per la migliore non protagonista.

#MeToo non è solo solidarietà verso le donne vittime di molestie sessuali, ma anche richiesta di  equità professionale e salariale fra uomini e donne, anche a Hollywood.

Foto di copertina: la tomba dell’unica faraona donna Hatshepsut

Milano giornata di studi Museo della Scienza e “ Leonardo da Vinci e delle invenzioni italiane ” 18 gennaio 2018

LEONARDO 39. LA COSTRUZIONE DI UN MITO

Dal 18 gennaio una mostra documentaria e una giornata di studi sull’esposizione “Leonardo da Vinci e delle invenzioni italiane” del 1939 che fu decisiva per la creazione del mito del genio universale

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

via San Vittore 21, Milano

La Mostra Leonardo da Vinci e delle Invenzioni Italiane organizzata a Milano nel 1939 è stato il più importante ma anche discusso evento culturale mai concepito attorno alla figura dell’artista vinciano.

Se ne parlerà giovedì 18 gennaio, in una giornata di studi concepita dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia in collaborazione con il Centro Internazionale per la Storia delle Università e della Scienza dell’Università di Bologna.
In occasione della giornata di studi sarà inaugurata la mostra documentaria “Leonardo 39. La costruzione di un mito”, curata e realizzata dal Museo, che resterà aperta fino a domenica 6 maggio. Attraverso documenti, volumi, fotografie e oggetti storici provenienti dalle collezioni, dall’archivio e dalla biblioteca del Museo, questa esposizione ripercorre la genesi e il contesto della mostra del 1939 e i suoi sviluppi, fino ad arrivare alla nascita del Museo stesso nel 1953.

Nel 1939 al Palazzo dell’Arte di Milano furono esposti molti dipinti, disegni e codici di Leonardo insieme alle opere degli allievi. Fu inoltre costruita con grandissima cura un’enorme quantità di modelli di macchine tratte dai suoi disegni. In pieno clima di autarchia, l’immagine di Leonardo che emerge dalla mostra è quella dell’inventore capostipite di una tradizione italica che, dal Rinascimento a Guglielmo Marconi, è destinata a svettare su tutti gli altri popoli rivendicando i propri primati scientifici e tecnologici. Questa lettura, depurata dai tratti ideologici più compromettenti, ha avuto influenza duratura anche dopo la caduta del fascismo, consacrando anche all’estero l’immagine di Leonardo da Vinci come genio universale,anticipatore delle più disparate scoperte scientifiche: un mito più che mai vivo ancora oggi.

Le celebrazioni leonardiane organizzate nel 1952-53 in Italia e all’estero ripresero e svilupparono  l’idea di Leonardo genio anticipatore dei tempi. Tra queste rientra ancheil Museo, che venne inaugurato nel 1953 proprio con una mostra dedicata a Leonardo da Vinci e la cui storia si è intrecciata a più riprese con il mito di Leonardo.

Lo studio e la divulgazione della figura di Leonardo rappresentano ancora oggi la più importante missione del Museo. Il convegno del 18 gennaio e la mostra documentaria sono i primi eventi di un percorso verso le celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo nel 2019. Per questa occasione è in corso un ampio progetto di studio e ricerca mirato al rinnovamento totale della storica Galleria Leonardo che renderà conto delle interpretazioni storiografiche più aggiornate dell’opera scientifico-tecnologica di Leonardo da Vinci.

La visita alla mostra documentaria “Leonardo 39. La costruzione di un mito” è compresa nel biglietto d’ingresso al Museo.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI STUDI DEL 18 GENNAIO

9.30-9.45
Registrazione partecipanti

9.45-10.15
Saluti
Fiorenzo Galli, Università degli Studi di Milano, Direttore Generale Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Filippo del Corno, Assessore alla Cultura Comune di Milano
Luca Del Gobbo, Assessore all’Università, Ricerca e Open Innovation Regione Lombardia
Marco Edoardo Minoja, MIBACT, Segretariato Regionale per la Lombardia, Comitato Territoriale “Milano e l’eredità di Leonardo 1519-2019”

10.15-12.15
Chairman della sessione:  Pietro Cesare Marani, Politecnico di Milano
Marco Beretta, Università di Bologna, “Leonardo nella storiografia della scienza italiana. 1797-1939”
Alessandro Tosi, Università di Pisa, “Le arti e le scienze intorno a Leonardo”
Francesco Cassata, Università di Genova, “Il fascismo e il mito della scienza”
Elena Canadelli, Università di Padova, “La Mostra delle Invenzioni italiane e le esposizioni della scienza e della tecnica nella Milano degli anni Trenta”
Claudio Giorgione, Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, “La Mostra delle Invenzioni Italiane. La storia al servizio dell’autarchia”

12.15-13.00
Discussione

14.30-16.30
Chairwoman della sessione: Maria Conforti, Università La Sapienza, Roma
Roberto Cara, Storico dell’Arte, “Quanto di più assurdo si possa oggi immaginare nel campo del buon gusto e della museografia. Giuseppe Pagano ‘supervisore’ e l’allestimento della Mostra Leonardesca”
Monica Azzolini, Università di Bologna, “Rileggere Leonardo: anatomia, storiografia e storia”
Andrea Bernardoni, Museo Galileo di Firenze, “L’alba della filologia macchinale vinciana: i modelli di macchine per il volo (1929-1939)”
Davide Colombo, Università di Parma, “La Leonardesca in trasferta a New York. Un modello per le mostre delle macchine vinciane negli Stati Uniti”
Yoshimi Takuwa, Università di Kobe, “La Mostra di Leonardo da Vinci nel 1942 a Tokyo: il ruolo della mostra leonardesca come strumento di propaganda di guerra e la sua eredità culturale nel Giappone postbellico.”

16.30-17.30
Discussione

In collaborazione con
Centro Internazionale per la Storia delle Università e della Scienza, Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna

Nell’ambito di
Palinsesto Novecento Italiano
Progetto Nuove Gallerie Leonardo

Con il contributo di
Fondazione Cariplo

Si ringrazia
Famiglia Beretta che, in memoria di Gianmario Beretta, ha finanziato un progetto di ricerca e valorizzazione della storia del Museo in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano Bicocca

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Giorni e orari di apertura: da martedì a venerdì: 9.30 – 17 | sabato e festivi 9.30 – 18.30.
Biglietti d’ingresso
intero 10,00 € | ridotto 7,50 € per bambini e giovani da 3 a 26 anni; persone oltre i 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; giornalisti in visita personale dietro presentazione del tesserino dell’Ordine dei Giornalisti in corso di validità e compilando il form di accredito; docenti delle scuole statali e non statali; convenzioni | speciale 4,50 € per gruppi di studenti accompagnati dall’insegnante previa prenotazione.
Ingresso gratuito per: visitatori disabili e accompagnatore, bambini sotto i 3 anni; giornalisti che stanno realizzando un servizio sul Museo, accreditati in precedenza.
Biglietti online
Sul sito del Museo è possibile acquistare il biglietto d’ingresso al Museo – intero o ridotto, il biglietto per il sottomarino Enrico Toti. È possibile prenotare alcune attività interattive e visite guidate (max. 1 attività per persona), al costo di prevendita di 1 euro.
www.museoscienza.org | info@museoscienza.it | T 02 48 555 1