Archivi categoria: prevenzione

Unicef – 17 milioni di bambini respirano aria molto inquinata

Ci voleva un nome famoso per poter dire la verità sull’inquinamento dell’aria (le sigarette sono solo una piccola parte rispetto ai veleni scaricati dalle auto, specie se diesel, e dall’industria)

-Nell’inchiesta UNICEF si parla solo di Asia e Oceania, ma  da noi?

-Più sotto noi precisiamo cosa riportano i nostri quotidiani sull’inquinamento nelle nostre città; si parla di superamento di 36 volte dei limiti….91.000 morti in Italia (all’anno!), 66.630 sono per le polveri sottili PM2,5, 21.040 per il biossido di azoto (NO2), 3.380 per l’ozono (O3)

La cosa più triste è che la maggioranza della popolazione mondiale, e l’Italia non è da meno, non è nemmeno in grado o non vuole, capire quanto la situazione non sia frutto dei soliti pessimismi, ma realtà scientifica che tutti noi, anche se parzialmente, potremmo contribuire a migliorare.

Monossido di azoto, micro particelle velenose, una concentrazione altissima di Anidride Carbonica come la terra non conosceva da millenni … tutto questo sta minando la nostra salute, ma l’uomo accecato da un cieco egoismo, sta preparando un triste futuro ai propri figli e nipoti.

3 milioni e mezzo i morti nel mondo per inquinamento ambientale

Finalmente nessuno nega più che le sostanze inquinanti non solo danneggiano i polmoni in via di sviluppo nei bambini, ma possono anche danneggiare permanentemente il loro sviluppo cerebrale.

17 milioni i bambini con meno di un anno di età che vivono in aree in cui l’inquinamento atmosferico è di almeno sei volte superiore ai limiti internazionali fissati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms)

Le immagini satellitari, hanno mostrato che in Asia Meridionale si trova la maggior concentrazione di bambini che vivono in aree duramente colpite da malattie causate dall’inquinamento; 12,2 milioni.

Nell’Asia dell’Est e nel Pacifico vivono altri 4,3 milioni di bambini in aree in cui l’inquinamento supera di 6 volte i limiti.

MA COSA SUCCEDE DA NOI ???

Ecco i titoli di quotidiani italiani

L’ITALIA è tra i peggiori paesi europei per l’inquinamento atmosferico che fa più morti degli incidenti stradali con 1.500 decessi per milione di abitanti

Lo rivela il rapporto “La sfida della qualità dell’aria nelle città italiane” presentato al Senato dalla Fondazione sviluppo sostenibile. … Dei 91.000 morti in Italia, 66.630 sono per le polveri sottili PM2,5, 21.040 per il disossido di azoto (NO2), 3.380 per l’ozono (O3). (Repubblica 29.9.17)

-Italia avvolta dalle polveri sottili: 2017 inizia con livelli record. Pm10 oltre tre volte i limiti di legge

-Analizzando le cifre presenti sul sito dell’Arta, si evince che, sommando i valori nelle zone di Pescara rilevate, la presenza di polveri sottili ha oltrepassato il limite 124 volte da gennaio a oggi (Il Centro)

-Milano – La concentrazione media giornaliera a Milano supera di tre volte il limite consentito (50 microgrammi/metrocubo). E fa registrare picchi di 161 microgrammi al Verziere e di 191 a Limito. Un record assoluto nella regione. (Corriere della Sera)

Per le polveri sottili PM2,5 si contano nel nostro Paese 1.116 morti premature all’anno per milione di abitanti, contro una media europea di 860. La zona dove il particolato fine uccide di più è l’area di Milano e hinterland, poi Napoli, Taranto, l’area industriale di Priolo in Sicilia, le zone industriali di Mantova, Modena, Ferrara, Venezia, Padova, Treviso, Monfalcone, Trieste e Roma.
-Smog, inquinamento 34 volte oltre i limiti: nel 2015 Milano è già fuorilegge ( Repubblica)

 

Diabete 2 – Scompare con minestre e frullati

Il diabete 2, scompare con dieta a base di minestre e frullati

Questo è il risultato di una sperimentazione fatta a Newcastle e Glasgow; la famosa e prestigiosa rivista di medicina Lancet medical journal, lo ha pubblicato.

Ovviamente una dieta liquida o comunque molto restrittiva, va fatta sotto controllo medico, unendovi anche l’attività fisica.

La dieta solo liquida, se ben varia e fatta assumendo anche una buona dose di fibre attraverso frutta, verdura e legumi, non causerà problemi all’ attività intestinale.

I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE:

Il diabete di tipo 2 è stato sconfitto, a seguito di una dieta drastica, solo liquida, fatta di minestre e frullati a basso contenuto calorico.

La dieta è durata sino a 5 mesi durante i quali molti pazienti sono riusciti a perdere almeno 15 chili: quasi la metà dei 298 volontari che hanno partecipato alla sperimentazione tenutasi a Newcastle e Glasgow.

I dettagli della dieta sono descritti sul Lancet medical journal.

Ogni giorno i pazienti, assumevano almeno quattro pasti liquidi:

-bustine di polvere da sciogliere in acqua, per fare una minestra o un frullato, per 200 calorie ogni pasto e la giusta composizione di nutrienti e fibre per attivare l’intestino.

Finita la sperimentazione, i dietisti hanno aiutato i pazienti a ritornare ad una dieta di cibi solidi e salutari.

I dati pubblicati evidenziano che il 46% dei pazienti che ha iniziato la sperimentazione è guarito dal diabete 2 in un anno.

Per l’86% che ha ripreso il peso, il diabete è ritornato.

Secondo il dott.Giorgio Sesti, presidente della Società italiana di diabetologia (Sid),  si deve stare molto attenti nell’affrontare una dieta tanto drastica, sotto le 900 calorie al giorno; perché non funziona con tutti e c’è il rischio di riprendere in fretta i chili persi.

La raccomandazione è di procedere gradualmente, perdendo il 5-10% del proprio peso in un anno, perché solo così è più difficile riacquistare peso velocemente,

Salute – Integratori alimentari fanno male alla salute ?

Gli integratori alimentari fanno male alla salute?

Ormoni, conservanti e antibiotici sono spesso gli ingredienti principali

NON DIMENTICHIAMO CHE NULLA PUO’ SOSTITUIRE UNA DIETA SANA E VARIA !!!

 Fanatici della palestra, fitness lover o semplicemente persone che cercano il proprio equilibrio nello yoga.

Qualunque sia il profilo che meglio ci descrive, sicuramente, un fattore ci accomuna tutti, la ricerca di risultati rapidi ed efficaci, o semplicemente un piccolo aiutino per raggiugerli.

E così, barrette o bevande esclusivamente proteiche sono diventate quasi una routine, prima dell’allenamento, dopo, o magari al mattino al posto della colazione.

Ma sono davvero quello di cui il nostro corpo ha bisogno?

Capire cosa ingeriamo.

A parte il fatto che condannare i carboidrati e i grassi, che fanno parte del nostro fabbisogno alimentare, per una dietra altamente proteica non fa che sovraccaricare il nostro fegato, la maggior parte di questi prodotti contengono additivi chimici e conservati.

E questo lo si sente anche nel gusto, o forse no, visto che oramai ci siamo abituati.

NON DIMENTICHIAMO CHE NULLA PUO’ SOSTITUIRE UNA DIETA SANA E VARIA !!!

E se anche il settore degli integratori alimentari potesse essere rivoluzionato?

Ci ha pensato FoodSpring, inventando il concetto “finest fitness food”.

Foodspring è un vero e proprio stile di vita:

niente ormoni né agenti chimici ma solo prodotti autenticamente naturali per gli sportivi e per tutti coloro che desiderano vivere una vita sana. Le proteine, ad esempio, derivano tutte dal siero di latte di mucche allevate esclusivamente al pascolo che seguono, dunque, un’alimentazione 100% naturale. Per sviluppare le barrette proteiche, l’Azienda si è affidata al consulto di uno Chef stellato. E risposta a qualsiasi esigenza con alimenti gluten free, senza lattosio, senza soia, vegani e molto altro ancora.

Consulenza grauita da parte di esperti certificate. Chi necessita poi di un aiuto per orientarsi nella vasta offerta di noci, bacche ed oli, inoltre, può ricevere supporto dal “Body-Check” online: uno strumento che fornisce il fabbisogno calorico, l’indice di massa calorica e suggerimenti personalizzati sull’allenamento e sull’ alimentazione.

La sfida per migliorare l’alimentazione degli Italiani. Con un dipartimento di Ricerca e Sviluppo che studia costantemente le ricette e 95 persone nel suo organico, FoodSpring ha tutti i numeri per reinventare i concetti base del settore migliorando l’alimentazione.

Contatti

https://www.foodspring.it

Salute occhi – Inquinamento da PM10 – bambini – menopausa

OCCHIO SECCO E MENOPAUSA

ma non solo 

insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari

il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

PERICOLO INQUINANTI PER LA NOSTRA SALUTE E QUELLA DEI BAMBINI

Il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari.

:::::::::::::::::

La letteratura scientifica mostra una correlazione tra ormoni sessuali e organo della vista; l’effetto degli ormoni sessuali si manifesta a molteplici livelli, che interessano in senso quantitativo e qualitativo la secrezione lacrimale, i processi accomodativi di messa a fuoco delle immagini, la pressione dell’occhio, la formazione della cataratta.

Nella società moderna le modificazioni a carico del film lacrimale e della superficie oculare sono statisticamente in forte aumento, tuttavia i sintomi nella donna possono comparire anche anni prima in seguito alle modifiche ormonali pre o menopausali.

Già dal periodo pre-menopausale e  dopo la classica  menopausa, ben  il 45% delle donne si lamenta di avere sintomi  come l'”occhio arrossato”, la difficoltà di messa a fuoco, fenomeni di transitorio offuscamento visivo, la sensazione di “occhio secco”, riduzione della tolleranza alle lenti a contatto: si tratta di sintomi talmente comuni e persistenti  da essere stati classificate con il nome di “discomfort syndrome”, che sta ad indicare l’aspetto cronico di un persistente fastidio e disagio oculare.

Il film lacrimale rappresenta una specie di barriera liquida e dinamica, che nutre e protegge la superficie dell’organo della vista dalla polvere, dal vento, dalla disidratazione, dai mille fattori esterni che possono creare problemi.

Le variazioni ormonali legate al periodo menopausale possono facilitare l’insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari anche in età precoce, e rendere clinicamente evidenziabili patologie su base immunologia come alcune infiammazioni della tiroide o tiroiditi autoimmuni.

OCCHIO SECCO E INQUINAMENTO
L’inquinamento atmosferico è l’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento…

Contaminanti gassosi importanti sono: il monossido di carbonio, il benzopirene e il benzene, sospetti cancerogeni; l’ozono e l’anidride solforosa che hanno effetti a carico del sistema respiratorio come bronchiti, tracheiti, spasmi bronchiali; l’ossido di azoto che causa infiammazione acuta delle mucose respiratorie e dell’occhio e può contribuire all’insorgenza dell’occhio secco.

Tra gli inquinanti particolati il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città; uno studio realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nei grandi centri italiani, quando ci sono concentrazioni superiori ai 20 nanogrammi per m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno.

Il Pm10 è inoltre responsabile di problemi oculari come occhio secco e congiuntivite.

Secondo uno studio pubblicato sul British Journal, a causa dell’inquinamento, il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari (colpevole anche l’uso indiscriminato di piccoli schermi come il telefonino, ma anche computer ecc…).

Milano e Roma sono le città italiane più colpite dallo smog.

I telerilevamenti da satellite mostrano come l’inquinamento nella pianura padana sia il più grave di tutta Europa.

Screening eseguiti nelle città di New York e Chicago hanno riportato una proporzione 4 volte maggiore di pazienti affetti da secchezza oculare rispetto a zone con minor tasso di inquinamento dell’aria.

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

Un dato interessante per contrastare l’inquinamento nelle nostre case in città viene dal dipartimento di scienze ambientali dell’Università di Parma, dove hanno testato una settantina di specie di piante da appartamento e stanno preparando un database sulle capacità anti-smog della natura.

Foglie e fusti sarebbero predisposti ad assumere sostanze nell’aria e in alcuni casi a modificarle e disintossicarle.

SALUTE OCCHI – PREVENZIONE MACULOPATIA LEGATA ALL’ETA’

Entro una trentina d’anni la maculopatia della popolazione mondiale triplicherà

Si chiama OCT e dovete chiederlo al vostro medico, per avere l’esame che è mutuabile, ma importantissimo

LA MACULOPATIA NON PORTA ALLA TOTALE CECITA’ MA PEGGIORA GRAVEMENTE LA QUALITA’ DELLA VITA

La tempistica della diagnosi è determinante per la cura

A febbraio 2018 è prevista la possibilità di fare un esame gratuito nel giorno dedicato alla prevenzione della MACULOPATIA negli ospedali che aderiranno

Solo l’11% deli italiani conosce il vero significato della parola  maculopatia e i suoi rischi.

L’OCT è un esame solitamente IGNORATO,  ma importantisssimo per evitare di ritrovarsi con gravi problemi visivi, quando è troppo tardi per curarsi al meglio.

In Australia, per curare in tempo la maculopatia, sono stati disegnati dei reticoli geometrici sugli autobus.  Chiunque dovesse vedervi delle righe storte, deve immediatamente richiedere l’esame OCT per curare la maculopatia quando è ancora in tempo per avere soddisfacenti risultati.

Chiunque può fare la prova con un quaderno a quadretti grandi.

LE CAUSE DELLA MACULOPATIA:

-il processo di invecchiameno e cattivi stili di vita (mangiare troppo, camminare poco, obesità, ipertensione..)  comportano  una riduzione di apporto di sangue e di elementi nutritivi all’occhio e quindi un accumulo di “scorie” al di sotto della macula; poi la visione comuncia a peggiorare.

Ci sono varie forme di maculopatia e diversi metodi  per curarla; secondo ilcaso aprticolare.

NEL MONDO

L’OMS (Organizzazione Mondiale Sanità) ritiene che, nel mondo, ben 101 milioni di persone di 60 anni ed oltre, dipendono da cure mediche; un ruolo cruciale è riferibile a errati stili di vita che causano malattie croniche come il diabete.

Maculopatia diabetica; da complicanza della retinopatia diabetica a sua volta causata dal diabete.

Uno studio pubblicato da Lancet, evidenzia come la maculopatia possa gravemente danneggiare lo stile di vita delle persone che ne sono affette (non porta alla cecità completa, ma impedisce di svolgere molti dei compiti quotidiani che rendono l’anziano indipendente).

Inoltre, sempre Lancet Public Health,ha evidenziato un aumento, quasi esponenziale,  di cecità e difetti visivi i cui pazienti passeranno da 200 a 550 milioni di persone colpite nel mondo nel prossimo futuro.

In Italia si denunciano 80.000 nuovi casi all’anno di Degenerazione Maculare Legata all’Età.

La diffusione della malattia, riguarda il 10% dei 65-75 enni, ma arriva al 30% dopo i 75 anni, per raggiungere il 40-50% tra le persone con più di 80 anni.

ESAME DELLA VISTA CHE SALVA DALLA CECITA’

Si chiama OCT e dovete chiederlo al vostro medico, per avere l’esame che è mutuabile, ma importantissimo per eventualmente curare preventivamente la maculopatia.

I dati riportati qui sopra sono stati forniti dalla conferenza stampa tenuta il 30 ottobre 2017, ore 11, presso il Four Seasons Hotel –  via Gesù 6 Milano.

RELATORI:

Prof. Francesco Bandello, Professore Ordinario di Oftalmologia, Direttore della Clinica Oculistica dell’Università Vita-Salute, Istituto Scientifico San Raffaele, Milano.

Dott. Lucio Buratto, Direttore scientifico Centro Ambrosiano Oftalmico Milano; 40 anni di esperienza diretta, decine di migliaia di interventi chirurgici e  centinaia di migliaia di pazienti visitati.

Dott. Matteo Cereda, Dirigente Medico presso Ospedale Sacco Milano.

::::::::::::::::::

Scoprire la maculopatia legata all’età, un disturbo visivo poco conosciuto.

I PROBLEMI GENERATI DALLA MACULOPATIA AL PAZIENTE E ALLA SUA FAMIGLIA.

COSA E’ LA MACULOPATIA DEGENERATIVA LEGATA ALL’ETA’?

La maculopatia si può manifestare con visione alterata e distorta delle immagini, una riduzione della acuità visiva centrale o visione di una “macchia” al centro del campo visivo.

– In Italia, quasi il 50% dei malati di maculopatia degenerativa legata all’età non conosce il proprio disturbo visivo e lo sottovaluta o non ammette il problema (29%) nonostante si tratti di una malattia diffusa che colpisce circa un milione di persone nel nostro Paese.

Coloro i quali decidono invece di rivolgersi con tempestività ad un medico oculista del territorio nel 29% hanno riscontrato criticità nell’accesso alle cure: liste d’attesa (29%), mancata diagnosi (17%), errata terapia (7%), disservizi (11%) ecc.

Tre aspetti chiave del problema:

-la scarsa consapevolezza che il paziente ha della propria patologia, la difficile qualità di vita di chi convive con la maculopatia degenerativa, la speranza che si basa sull’efficacia delle terapie nel preservare o migliorare la vista.

L’impatto sulla qualità della vita e sulle proprie abitudini è forte; il 77% ha ridotto o cessato di svolgere attività quotidiane a causa della malattia.

Il 40% ha smesso di leggere o lo trova difficoltoso e il 16% non guarda più la televisione, ma si limita ad ascoltarla.

L’ambiente esterno alla propria casa è vissuto come più ostico, privo di quelle certezze che invece l’ambiente domestico offre.

-Tra gli aspetti critici maggiormente sottolineati: la guida dell’automobile, cui ha rinunciato il 26% di rispondenti, riconoscere per strada le persone, fare la spesa ecc.

La maculopatia ha un costo per le famiglie: il 34% dichiara di spendere fino a 3.816 euro l’anno dovuti alla maculopatia, in particolare per visite private, esami diagnostici, costi di spostamento, acquisto di nuove lenti ed ausili visivi.

COSA E’ LA MACULOPATIA DEGENERATIVA LEGATA ALL’ETA’?

La maculopatia degenerativa legata all’età si caratterizza per il progressivo deterioramento della macula (regione centrale della retina), con la compromissione della funzione visiva centrale: colpisce le persone a partire dai 55 anni, rappresentando una delle prime cause di cecità nei Paesi industrializzati.

La maculopatia si può manifestare con visione alterata e distorta delle immagini, una riduzione della acuità visiva centrale o visione di una “macchia” al centro del campo visivo.

Questa malattia ha un forte impatto sulla qualità di vita: studi presenti in letteratura evidenziano come la qualità della vita nelle persone malate di maculopatia degenerativa legata all’età in fase avanzata possa ridursi del 17% rispetto a coetanei sani – valori paragonabili a quelli di pazienti affetti da malattie come il cancro, oppure in condizioni successive a cardiopatia ischemica o ictus.

Riconoscere precocemente la malattia, accedere al centro di cura che eroga le terapie efficaci significa migliorare e sostenere la qualità di vita della persone con maculopatia e del suo nucleo familiare.

OCCHI SANI – un libro di ricette dello specialista prof. L. Buratto – prefazione prof. U. Veronesi

Il prof. Lucio Buratto, uno dei massimi esperti mondiali nel settore della chirurgia oftalmica e fondatore del Centro Ambrosiano Oftalmico, ha scritto un libro che raccoglie una preziosa serie di consigli e utili ricette per avere occhi sani per tutta la vita.

La prefazione del libro è scritta da prof. Umberto Veronesi.

 Lucio Buratto, il direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico, ha raccolto alcune gustose ricette salva-vista nel libro Occhio e ricette per la vista. Linee guida per una alimentazione sana e nutriente (FGE Editore).

tra i tanti preziosi consigli vi proponiamo la macedonia di papaya e mango, da consumarsi lontano dai pasti principali, preferibilmente a colazione oppure a merenda.

Dosi per 4 persone:
– 2 manghi ben maturi
– 1 papaya ben matura
– Il succo di mezzo limone

La papaya è ricca di carotenoidi, utili per favorire la funzionalità visiva, ricca di vitamina C, selenio e flavonoidi, tutte sostanze efficaci contro i disturbi della vista.

Il mango contiene alti livelli di vitamina C e di vitamina A, proprio come il limone.

“Occhio e ricette per la vista”, FGE editore; 55 euro.

Salute – Occhi – sonno – cellulari e TV

Dal  G7 della Salute a Milano, sono emersi molti consigli per la salute di tutti

eccone alcuni che riguardano i dispositivi  elettronici e informatici.

Occhi e sonno sono disturbati, gravemente e pericolosamente, dalla vicinanza e dalla visione su cellulari, pc e TV.

La luce blu dei sussidi elettronici danneggia gravemente la vista soprattutto di bambini ed anziani.

Inoltre stimola il cervello mandando il messaggio che è pieno giorno, anche durante la notte,  quindi il cervello ferma la produzione di melatonina e il sonno viene bloccato.

Se ricordiamo che il sonno è fondamentale per ogni tipo di apprendimento, possiamo ben capire i danni ai quali vanno incontro i nostri giovani.

Il consiglio è drastico, anche per evitare di sottoporre noi e i nostri figli a radiazioni ancora non ben chiarite come conseguenze:

ELIMINARE DALLE CAMERE DA LETTO

  • TV
  • COMPUTER
  • CELLULARI (che sarebbe bene spegnere dopo cena)
  • Tablet ecc…

Salute – Cambiamenti climatici e nuove malattie

Cambiamento climatico conseguenze

malattie infettive, arrivo e crescita di insetti portatori di malattie tropicali, aumento dei pollini e delle allergie, qualità dell’aria indoor, alterazioni nella produttività e sicurezza degli alimenti …

Lo smog che stagna sulle città immette nei nostri polmoni l’equivalente in veleni di 90 o più sigarette al giorno ...

1 morte su 6 è dovuta all’inquinamento lo dicono i dati ufficiali dell’Unione Europea

STRAGE DI BAMBINI PER L’INQUINAMENTO

  L’allarme è lanciato da due rapporti dell’Oms: si parla di 1,7 milioni di bambini ogni anno muoiono a causa di fattori ambientali, 570.000 per la tossicità dell’aria.

Un esempio per l’Italia: a Battipaglia si teme per la salute e gli incendi peggiorano la situazione, ma Battipaglia è solo un esempio…

Sono numerosissimi gli incendi nei luoghi dove vengono ammassati i rifiuti pericolosi; costosissimi da smaltire. Respirare quell’aria e bere l’acqua di quelle falde acquifere NON fa bene alla salute, ma causa anche il cancro, oltre a problemi respiratori gravissimi …

La situazione è più seria di quanto vorremmo credere,

speriamo nella capacità di prevenzione di seri professionisti che illuminino le menti di chi deve prendrere decisioni e manca delle adeguate conoscenze scientifiche; altrimenti ci sarebbero già state grandi campagne di sensibilizzazione ….

Circa il 50% di tutte le malattie infettive note negli stati membri Ue risultano sensibili alle variabili meteo climatiche attraverso l’esposizione a acque e cibo contaminato o la puntura di insetti vettori di malattie infettive.

Le condizioni meteo-climatiche modificate, hanno favorito  l’insediamento di insetti (zanzare, zecche) vettori di malattie infettive, insieme a una maggiore mobilità sociale internazionale.

Da segnalare la comparsa di alcune malattie virali nell’uomo tradizionalmente presenti in aree asiatiche e africane: virus Chikungunya, febbre del Nilo occidentale – West Nyle Fever, virus Usutu, meningoencefalite da zecche o Tbe.

Negli ultimi decenni nella quasi totalità delle regioni italiane sono stati segnalati cianobatteri produttori di tossine neuro ed epatotossiche in invasi naturali e artificiali utilizzati per la fornitura di acque potabili.

 

SESSO E INFEZIONI – Sifilide cresciuta del 400% – HIV picco over 50 …

SESSO E INFEZIONI SEMPRE PIU’ A BRACCETTO, AUMENTANO LE  MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE: SIFILIDE CRESCIUTA DEL 400%

HIV: STABILE TRA I GIOVANI, PICCO DI NUOVE INFEZIONI TRA GLI OVER 50

L’ALLARME AL 56° CONGRESSO ADOI

– Sono più di 20 gli agenti patogeni tra batteri, virus, funghi e parassiti che possono rendere meno piacevole l’attività sessuale, rendendo ogni rapporto non protetto un rischio per la salute a breve e lungo termine.

Eppure le Malattie Sessualmente Trasmesse (MST) sono sempre più diffuse con il riemergere di patologie che sembravano scomparse, in primis la sifilide che in Italia è cresciuta di oltre il 400% dal 2000, ma anche la gonorrea che ha visto quasi raddoppiare i casi in Europa tra il 2008 al 2013.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ogni anno l’impatto di quattro MST, tra le più diffuse, corrisponde a 498,9 milioni di nuovi casi.

Questo vuol dire che nel mondo oltre un milione e mezzo di persone ogni giorno si ammala per una di MST.

In Italia secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, negli ultimi anni i casi di MST sono sempre aumentati, passando dai circa 3500 del 2006 ai circa 6500 del 2013.

Un aumento registrato soprattutto tra gli italiani e i maschi.

Oggi ad aumentare sono soprattutto malattie batteriche come le infezioni da Chlamydia trachomatis e la sifilide, ma anche quelle determinate da virus; come i condilomi acuminati dovuti ad alcuni tipi di HPV e le epatiti da virus A o C.

Per non parlare poi dell’infezione da HIV, oggi diventata la più importante malattia a trasmissione sessuale per le sue rilevanti implicazioni cliniche e di spesa sanitaria e i cui nuovi casi non accennano a diminuire nel mondo occidentale, Italia compresa.

“In Europa, dalla metà degli anni ’90 alcune MST hanno trovato ‘terreno fertile’ per espandersi dopo un decennio di declino dei trend epidemiologici, soprattutto nelle grandi metropoli e in alcuni gruppi di popolazione maggiormente a rischio (ad esempio, i maschi omosessuali)” spiega il Professor Antonio Cristaudo, Presidente del 56mo Congresso ADOI dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri,

Negli ultimi anni poi questa crescita è stata amplificata dalla facilità degli incontri sessuali occasionali dovuta all’utilizzo di Internet e delle App”.

Qualsiasi rapporto vaginale, anale e orale non protetto tra partner non monogami è potenzialmente pericoloso per contrarre una MST.

Stiamo assistendo anche ad una minore percezione del rischio HIV da parte della popolazione over 50 e anziana che riceve una diagnosi tardiva nei centri clinici come il nostro, nel 63% dei casi (contro il 47% dei più giovani) e con segni di infezione avanzata.

Le ragioni?

Mancanza di consapevolezza, sottostima del rischio, carenza di campagne di sensibilizzazione ad hoc su queste fasce trascurate della popolazione sessualmente attiva” continua il Professor Cristaudo “questo nonostante il beneficio dato dal trattamento precoce delle persone con l’infezione che limita molto la diffusione del virus ad altri soggetti e cronicizza la malattia..

In totale sono 30mila i nuovi casi ogni anno in Europa e circa 3500 in Italia, e il trend non accenna a diminuire soprattutto in alcuni gruppi ad alto rischio sessuale.”.

“Oggi l’aumento delle infezioni sessualmente trasmesse ci preoccupa non solo per le ripercussioni che queste hanno sul benessere del singolo individuo, sulla collettività e sui costi sociali che concentrano” precisa il Dr. Massimo Giuliani, dell’Istituto Dermatologico San Gallicano, ma anche perché questo aumento è la spia di un abbassamento della guardia e della percezione del rischio soprattutto a in alcune fasce più vulnerabili della popolazione.

Oggi sappiamo che tutto questo sta sostenendo soprattutto la circolazione dell’infezione da HIV, che viene facilitata largamente dalle MST. In fatti, siccome i guai non vengono mai da soli, i portatori di una MST hanno un rischio aumentato tra le 2 e le 5 volte di contrarre a breve anche un’infezione da HIV”.  

“Ecco perché oggi la lotta all’infezione da HIV passa attraverso la lotta alla diffusione delle MST.

Una lotta che va fatta aumentando la consapevolezza del rischio infettivo del comportamento sessuale, allargando tra i giovani l’uso routinario del preservativo”, continua il Dr. Giuliani, “ma anche migliorando l’accesso alle strutture cliniche delle persone che sospettano un’infezione o un rischio e andando loro incontro mediante tecniche rapide di diagnosi facilmente eseguibili anche fuori dagli ospedali.

Oggi si può diagnosticare una sifilide su una goccia di sangue da un dito o fare nello stesso modo un test HIV a casa.

Oppure in ospedale si può ricevere un risultato per un’infezione da Clhamydia o di gonorrea in 2 ore su una piccola quantità di urine”. Di questo e di altro si parla durante le giornate del Congresso ADOI che si svolge a Roma sino al 21 ottobre presso l’Auditorium di Confindustria.

LINFOGRANULOMA DA CHLAMIDIA DA RARO A DIFFUSO IN UN DECENNIO

– Singolare è anche il caso del Linfogranuloma venereo, nome che identifica i particolari sierotipi L1 L2 e L3 di Chlamidia prima confinate in India, Est Asiatico e Sud America e dal 2003 progressivamente in aumento anche in Europa prima nella comunità più a rischio di maschi omosessuali e poi anche tra gli etero.

La diffusione è partita da pochi casi identificati nei Paesi Bassi e poi passati al Regno Unito e poi nel resto di Europa.

Un contagio che va a braccetto con un picco di infezioni di Epatite C perché si è ipotizzato che le lesioni della mucosa rettale favoriscano anche da diffusione del virus HCV e di quelle da HIV a causa di un cluster di popolazione che adotta comportamenti ad alto rischio. Non a caso la maggior parte dei pazienti riferisce di aver avuto rapporti non protetti con partner anonimi

Sino a pochi anni fa si trattava di una patologia rara mentre di recente l’ESSTI European Surveillance of Sexually Transmitted Infections l’ha definita una ‘vera e propria epidemia’. I casi di cervicite da Chlamydia trachomatis hanno mostrato una modica riduzione fino al 2000 e un successivo incremento, raggiungendo il picco massimo nel 2011, con un aumento più che doppio dei casi rispetto a quelli segnalati nel 2000.

(i)                   Http://www.iss.it/binary/ccoa/cont/Notiziario_ISS_giugno_2013_26_6_pp.3_9.pdf

Salute – intestino – malattie croniche infiammatorie

INTESTINO – MALATTIE CRONICHE INFIAMMATORIE: SIAMO DAVVERO INFORMATI?

Sabato 4 novembre 2017 CREMONA

In Italia, 200.000 persone sono affette da malattie infiammatorie croniche intestinali

Con un esordio clinico che in genere si colloca fra i 15 e i 45 anni

Servizio ambulatoriale specializzato della Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Cremona

Per l’argomento vedi anche:

Salute – HELICOBACTER PYLORI – Infetto un adulto su tre – La maggioranza ignora questo grave problema che riguarda al nostra salute

Salute – DISTURBI DIGESTIVI E INTESTINALI – Intestino permeabile e acidità

SALUTE – Batteri intestinali resistenti – Clostridium difficile

Salute – COLON IRRITABILE – COME SI CURA IL COLON IRRITABILE ?

 

Negli ultimi 10 anni, IN ITALIA,  la diagnosi di nuovi casi e il numero di ammalati sono aumentati di circa 20 volte

Un incontro aperto ai cittadini per parlare di cause, diagnosi e terapie delle patologie intestinali più diffuse. Intervengono gli esperti dell’Ambulatorio per le malattie infiammatorie croniche intestinali dell’Ospedale di Cremona.

Sabato 4 novembre, presso l’aula magna dell’Ospedale di Cremona si terrà l’incontro “Malattie croniche infiammatorie intestinali“ aperto a tutta la cittadinanza ed in particolare ai pazienti affetti da queste patologie.

L’evento, organizzato con la collaborazione dell’associazione A.M.I.C.I. Lombardia (Associazione Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali), nasce con l’intento di informare i cittadini sulle cause, i metodi diagnostici più moderni e le terapie per curare queste malattie.

L’INCIDENZA IN ITALIA

Si calcola che in Italia circa 200.000 persone siano oggi affette da malattie infiammatorie croniche intestinali, che comprendono la malattia di Crohn e la rettocoliteulcerosa.

Negli ultimi 10 anni la diagnosi di nuovi casi e il numero di ammalati sono aumentati di circa 20 volte. Le malattie infiammatorie intestinali colpiscono con la stessa frequenza i due sessi, con un esordio clinico che in genere si colloca fra i 15 e i 45 anni.

Si ritiene che ci siano oggi in Italia circa 150.000 ammalati. Sino a quando non saranno state individuate le cause di queste malattie, e conseguenti terapie risolutive, il loro numero è destinato ad aumentare.

IL RUOLO DELL’ASSOCIAZIONE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI

L’associazione Amici è costituita da persone affette da Colite Ulcerosa o Malattia di Crohn e dai loro familiari; non ha fini di lucro ed è articolata su base regionale.

Dal 25 maggio 2010, A.M.I.C.I. Onlus e’ associazione nazionale con sedi in 15 regioni.

Obiettivo dell’associazione è garantire un più sereno inserimento nell’ambito familiare e sociale ad ammalati cronici la cui condizione è spesso sconosciuta all’opinione pubblica ed alla legislazione sociale.

L’appuntamento sarà un’importante occasione per far conoscere il servizio ambulatoriale specializzato della Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Cremona che dispone, da circa un anno, di due posti al giorno di attività ambulatoriale complessa per la gestione dei pazienti in terapia con farmaci biologici e di quattro posti di degenza ordinaria per la gestione dei casi più gravi.

Tra i relatori: Federico Buffoli (Direttore Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva), Katerina Vjero (Referente Ambulatorio per le malattie infiammatorie croniche intestinali), Mario Martinotti (Direttore Chirurgia), Angelo Pan (Direttore Malattie Infettive).