Archivi categoria: prevenzione

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

” SMOG – INQUINAMENTO “

= PERICOLO PER LA SALUTE DI TUTTI 

Cosa è la Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva o BPCO ?

La malattia colpisce brochi e polmoni, causando tosse e catarro cronici, inoltre interferisce con la normale funzionalità respiratoria.

Dalla BPCO non si può guarire, ma si possono arrestarne le progressioni e migliorarne la sintomatologia.

Il luogo comune era che fosse una malattia solo degli anziani

Il 60 per cento degli italiani sa cos’è il diabete, ma solo l’11 per cento sa cos’è la BPCO; patologia con coesistenza di malattie diverse: bronchiolite cronica ed enfisema polmonare.

La medicina narrativa per dar voce a chi soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva; BPCO patologia invalidante – poco nota e riconoscibile.

Pesanti le ripercussioni sulla qualità di vita per chi ne è colpito

Presentati I Risultati Della Ricerca Di Medicina Narrativa Condotta Da Fondazione ISTUD Per Chiesi Farmaceutici.

La ricerca di medicina narrativa FARO – Far luce attraverso i racconti di BPCO –

Al progetto hanno aderito 235 pazienti, 55 caregiver (“colui che si prende cura”; tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato ) e 60 medici, per la maggior parte pneumologi.

Le più frequenti parole, utilizzate dai pazienti intervistati nella ricerca ‘Far Luce attraverso i racconti sulla Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva’ (FARO) a cura della Fondazione Istud commissionata da Chiesi Farmaceutici;

‘soffocare nella nebbia’, ‘sensazione di annegare’, ‘vivere in una gabbia che impedisce di respirare’, ‘chiusa dentro un sacchetto’ .

La maggior parte dei pazienti con BPCO, tende a minimizzare i sintomi, il decorso è subdolo, sino al momento dell’arrivo in pronto soccorso.

La diagnosi attraverso la spirometria, arriva troppo tardi, quando l’endotelio polmonare è ampiamente cicatrizzato e il diametro dei bronchioli ormai ridotto.

Cosa si deve fare, tra i tanti consigli del medico e prendere le medicine prescritte ?

-imparare gli esercizi per migliorare la respirazione

-evitare ambienti polverosi (dove, per esempio, gli impianti di aria condizionata non ricevono regolari sostituzioni di filtri costosissimi)

-cambiate frequentemente l’aria dell’ambiente in cui vivete (non quando ci sono le allerte di inquinamento grave)

-attenzione soprattutto in presenza di cattivi odori; sono indicatori di veleni nell’aria

-recarsi  dal medico o chiamare i servizi sanitari di emergenza se il respiro peggiora in modo grave

-DIMAGRIRE se siete in sovrappeso

-andare, almeno nel weekend, quando possibilmente lontano dalle città più inquinate

-NON FUMARE !!!

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Molti specialisti hanno riscontrato difficoltà dei pazienti per l’’uso dei dispositivi inalatori del farmaco o altri ausili, come la bombola d’ossigeno.

Ma, una volta adattati alla portabilità della bombola di ossigeno, la qualità della vita può decisamente migliorare.

SMOG INQUINAMENTO – QUANTO FANNO MALE OSSIDO DI AZOTO E PM10 ?

COSA VUOL DIRE SUPERARE LA SOGLIA DI SMOG CONSENTITA?

QUALI SONO GLI EFFETTI SUL NOSTRO ORGANISMO ?

LA FONTE PRIMCIPALE DELL’INQUINAMENTO IN CITTA’ E’ IL TRAFFICO E NON SOLO I RISCALDAMENTI, nelle strade camminiamo e respiriamo; magari facciamo anche una corsetta iperventilando e immettendo ancora più veleni…  e i veleni più potenti si depositano negli strati più bassi dell’aria … anche in auto siamo costretti a prelevare aria dall’esterno e i filtri NON BASTANO !

LE ULTIME RILEVAZIONI DI PM10 A MILANO SUPERANO DEL DOPPIO QUELLE CONSENTITE !

L’Europa permette di superare il tetto massimo di giornate con inquinamento superiore al consentito per 35 giorni l’anno,  a Milano se ne sono registrati già 84 !!!

La bassa pressione, le belle giornate, lo scarso movimento d’aria, la mancanza di pioggia da mesi, ha creato una cappa di smog ed uno stagnamento delle emissioni di scarico delle auto, che FANNO MOLTO MALE A TUTTA LA POPOLAZIONE.

HANNO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SULLE PIANTE:  riducendo la loro crescita.

GLI EFFETTI DELLO SMOG DA OSSIDO DI AZOTO E PM10:

-cancro

-problemi polmonari (vedi precisazioni più sotto)

-danni a , reni, cervello, denti…

GLI EFFETTI SONO MOLTO PIU’ GRAVI SUI BAMBINI, perché piccoli o in passeggino e quindi stanno più in basso dell’adulto e respirano MOLTO più inquinanti; anche se si tratta di soli 50 cm la concentrazione di inquinanti cambia notevolmente.

Inoltre I BAMBINI RESPIRANO PIU’ VELOCEMENTE E QUINDI IMMETTONO PIU’ VELENO DEGLI ADULTI.

GLI ANZIANI  sono più colpiti a causa di debolezze pregresse.

Gli idrocarburi volatili e il monossido di carbonio penetrano nei polmoni raggiungendo il cervello o  altri organi tramite il sangue.

Le NANOPARTICELLE derivanti dalla circolazione delle auto diffondono  metalli di dimensioni piccolissime che raggiungono il sangue e si possono depositare nelle ossa, nei denti e nei reni.

Anche  piccole quantità di piombo hanno effetti sulle facoltà cerebrali dei bambini.

Il particolato ha effetti DANNOSI ANCHE SUL SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO.

Le particelle in sospensione contenenti metalli PM 10 o di PM2,5 (che vengono dagli scarichi delle auto) possono causare

– infiammazioni nelle vie respiratorie e nel sistema cardiovascolare 

-nelle persone sensibili ( asmatici e  persone con malattie polmonari o cardiache), peggiora la respirazione e si scatenano:

-tosse

-attacchi di asma

-alterazione dei meccanismi di regolazione del cuore e della coagulazione del sangue.

Da troppi giorni, Milano e dintorni … Como … Brescia, …  Torino  ecc… hanno SUPERATO LA SOGLIA RACCOMANDATA PER NON NUOCERE ALLA SALUTE DEGLI ABITANTI.

Purtroppo la situazione coinvolge moltissime città italiane, non solo al nord.

Malattie genetiche ereditarie – analisi

Malattie genetiche ereditarie, l’analisi preimpianto diventa “su misura”. 

Procrea presenta il protocollo per non trasmettere le patologie ai figli

Il centro di Medicina della riproduzione di Lugano è in grado di tarare l’analisi su una singola mutazione genetica responsabile di una delle 8.000 malattie monogeniche conosciute

Una diagnosi specifica per ciascuna delle circa 8.000 malattie monogeniche ereditarie conosciute. Non è fantascienza, ma quanto ha sviluppato il centro di Medicina della riproduzione ProCrea di Lugano. Attraverso il proprio laboratorio di genetica molecolare ProcreaLab, ha accreditato una metodica per l’analisi di studio familiare in grado di intervenire anche nei casi estremamente rari, per evitare che i genitori possano trasmettere la malattia di cui sono portatori sani ai loro figli.

«Parliamo non solamente di patologie come fibrosi cistica, sindrome dell’X fragile o talassemia, che sono tra le malattie monogeniche più diffuse, ma anche – e soprattutto – di malattie che hanno un’incidenza ancora più rara come possono essere Sindrome di Gaucher, atrofia del nervo ottico, malattia di Kennedy e Duchenne, neurofibromatosi, paraganglioma e difetto di Cobalamina C, solo per citarne alcune. Sono tutte malattie monogeniche ereditarie, fortemente invalidanti che in alcuni casi possono portare anche al decesso», spiega la dottoressa Giuditta Filippini, direttore del laboratorio ProcreaLab.

Anche se definite come rare, le malattie monogeniche interessano in Italia quasi due milioni di persone, il 70 per cento sono bambini in età pediatrica (fonte rete Orphanet), con circa 19mila nuovi casi ogni anno. Le circa 8.000 malattie monogeniche indicate dal catalogo OMIM – Online Mendelian Inheritance in Man -, sono responsabili del 18% dei ricoveri pediatrici e del 20% della mortalità infantile.

Procrea, che da anni conduce un’intensa attività clinica e di ricerca in ambito genetico e vanta l’unico laboratorio tra Svizzera e Italia ad aver accreditato secondo la norma internazionale 15189 il processo di analisi per l’intera diagnosi preimpianto delle malattie monogeniche, ha avuto casi di patologie estremamente rare.  «Circa una coppia ogni dieci tra quante si rivolgono al nostro centro presenta una situazione di questo tipo», continua la dottoressa Giuditta Filippini. «Questo perché la specializzazione raggiunta ci permette di intervenire per evitare che i figli possano riportare la stessa malattia riscontrata nei genitori». Nella maggior parte dei casi le coppie che si presentano in ProCrea hanno un vissuto molto particolare: a loro la malattia è già stata diagnosticata perché hanno avuto un figlio con la stessa malattia o hanno dovuto affrontare un aborto terapeutico. «Sono situazioni non semplici che gli stessi genitori non vogliono più affrontare», aggiunge. «Identificata la mutazione genetica che provoca la patologia, con il nostro lavoro arriviamo impiantare attraverso un percorso di fecondazione assistita solamente l’embrione sano, quello che non riporta la medesima mutazione».

Il protocollo indicato da ProCrea prevede il primo colloquio della coppia con il ginecologo e con il genetista. «È un momento fondamentale: verifichiamo con la coppia la presenza tra i parenti della medesima malattia per arrivare ad un setup familiare», prosegue il direttore di ProcreaLab. «Quindi procediamo con la raccolta dei campioni di Dna della coppia e di eventuali familiari attraverso una normale prelievo di sangue. Questo ci permette di preparare l’analisi specifica da fare per il singolo caso. Si tratta di una procedura particolarmente complessa che richiede dai 2 ai 3 mesi di tempo. Quindi la coppia può iniziare in percorso di fecondazione assistita e l’analisi sviluppata servirà per individuare l’embrione sano. È un protocollo che viene attivato nei soli casi di una diagnosi precisa della malattia specifica».

ProCrea – Con una lunga esperienza nel campo della medicina della riproduzione, ProCrea è il maggiore centro di fertilità della Svizzera ed è un polo di riferimento internazionale. ProCrea è composto da un’équipe professionale di medici, biologi e genetisti specialisti in fisiopatologia della riproduzione. Unico centro svizzero ad avere al suo interno un laboratorio accreditato di genetica molecolare (www.procrealab.ch), ProCrea esegue analisi genetiche per lo studio dell’infertilità con tecniche d’avanguardia. La sede principale è a Lugano in via Clemente Maraini, 8. www.procrea.ch.

 

Salute – Meningoencefalite o Tbe da zecca – Tornano malattie dimenticate ?

“Si tratta di una tendenza preoccupante”

Sono riapparse alcune pericolose malattie che avevamo dimenticato, non serve allarmarsi, ma è bene tenersi informati

Cos’è la meningoencefalite da zecche ?

La meningoencefalite da zecche, o meningoencefalite primaverile-estiva, è una malattia virale acuta del sistema nervoso centrale. Identificata per la prima volta  in Italia nel 1994 in provincia di Belluno.

La Tbe è presente in molti Paesi dell’Europa centro orientale e settentrionale; Italia compresa.

Dal 1994 al 1999 sono stati identificati 35 casi di malattia in provincia di Belluno.

Il virus trasmesso dalle zecche infetta differenti animali selvatici e domestici, come: roditori, caprioli, ovini, caprini, gli uccelli, probabilmente, trasportano passivamente le zecche infette.

Dopo il morso della zecca , nel 70% dei casi, nell’uomo  si manifesta un’infezione senza o con quasi irrilevanti sintomi.

Nel 30% dei casi, a 3-28 giorni dal morso di zecca si rilevano sintomi similinfluenzali: febbre alta, forte mal di testa, mal di gola, stanchezza, dolori ai muscoli … Normalmente, dopo 3-4 gg., la temperatura scende e  non ci sono onseguenze.

Nel 10-20 per cento di questi casi, dopo 8-20 giorni senza sintomi, comincia una seconda fase con disturbi del sistema nervoso centrale: encefalite, paralisi flaccida a esito mortale solo nell’1% dei casi.
Nei bambini e nei soggetti più giovani la Tbe mostra generalmente un decorso meno pericoloso.

Il vaccino contro la Tbe è da tempo in uso in molti Paesi dell’Europa centrale e settentrionale.

Non ci sono stati decessi, nonostante i circa 200 casi  dal 1994 ad oggi, ma la mortalità può raggiungere il2%; lo sostiene il dottor Ermenegildo Francavilla, Direttore Unità Operative di Malattie Infettive, all’Ospedale di Belluno e membro Simit, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali.

Anche nella vicina Svizzera:

214 persone si sono ammalate di Meningoencefalite da zecca; causata da un virus che può portare anche alla morte. Due persone sono addirittura decedute.

Da dieci anni che non si registrava un numero così elevato di casi. Lo ha detto Daniel Koch, Ufficio federale della sanità, al giornale “SonntagsZeitung” e ha precisato: “Si tratta di una tendenza preoccupante … [per i prossimi mesi si attende] un incremento ulteriore dei casi”.

Particolarmente a rischio chi va nei boschi (ora è stagione di funghi).

In Europa: l’Austria è un paese, per tanto tempo, considerato ad alto rischio, ma la popolazione vaccinata è dell’83% e casi di malattia sono calati notevolmente. Lo scorso anno si sono ammalate solo 83 persone per meningoencefalite da zecca.

Un hobby per guarire dalle ansie del mondo moderno

Hobby creativi: antidoto a stress – depressione e invecchiamento

Gli hobby, meglio se creativi, proteggono il cervello e la memoria dai danni prodotti dall’invecchiamento.

Staccare la spina e occupare la mente in modo piacevole e coinvolgente,  induce rilassamento fisico e psichico.

Gli hobby accendono la creatività e aprono la mente a nuove possibilità.

Un hobby è anche una pausa mentale, consente di cimentarsi in nuove sfide e scoprire delle nostre risorse che ignoravamo. Lo dicono molte ricerche mediche e psicologiche; un hobby aiuta anche a superare i crolli psicologici.

Ognuno sceglierà quello che preferisce; meglio se  ha a che fare con l’arte, la fantasia ecc…

Ma, a seconda delle persone e delle esigenze o possibilità, gli hobby sono moltissimi. Informatevi bene prima di scegliere.

Dalla camminata mattutina in solitario; pensando ai fatti più belli della propria vita, al corso di creatività attraverso la fotografia, il disegno (anche solo a matita) o con fotocopie da colorare, alla danza ….

Anche leggere può essere un hobby che aiuta ad evadere dalla quotidianità; come guardare bei film e commentarli in compagnia … ognuno cerchi la soluzione che preferisce.

E perché non scrivere un libro ? Non sarà un capolavoro, ma se serve a sentirsi più realizzati, perché non provare ?

Salute – ANTIBIOTICO RESISTENZA – Un problema gravissimo – ASST di Cremona

Molti batteri resistono agli antibiotici

per questo si può morire

e si trovano anche negli impianti di aerazione – riscaldamento – condizionamento di ospedali e …

ANTIBIOTICO RESISTENZA: L’ASST DI CREMONA IN PRIMA FILA PER LA RICERCA

Sono molti i batteri che resistono agli antibiotici e oggi per questo si può morire; un problema gravissimo da affrontare, come hanno capito da tempo i cetri più attenti alla salute del cittadino.

La diffusione dell’antibiotico-resistenza non ha confini: la comunità, gli ospedali per acuti, le strutture per i pazienti cronici, la medicina veterinaria e l’agricoltura.

Fra gli obiettivi che il Ministero si prefigge di raggiungere forse il più ambizioso è il calo della prescrizione di antibiotici del 10% entro il 2020, ma è previsto anche un calo del 10% delle resistenza di due fra i più importati germi multiresistenti, lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina e le Enterobacteriaceae produttrici di carebapenemasi.

Questi obiettivi dovranno passare attraverso l’organizzazione a livello regionale di programmi di sorveglianza e controllo della diffusione della resistenza agli antibiotici e dell’uso ottimale degli antibiotici.

 

ANTIBIOTICI: IL QUADRO DELLA SITUAZIONE

La resistenza agli antimicrobici è oggi uno tra i più importanti problemi di salute pubblica ed è destinata a diventare una delle principali sfide per la salute dei prossimi decenni.

Gli antibiotici sono infatti uno strumento fondamentale della medicina moderna, ed hanno un ruolo centrale per la cura di molti pazienti, come i soggetti ricoverati in terapia intensiva o in ematologia.

Sono molto importanti anche per la prevenzione delle infezioni negli interventi chirurgici in cui viene posizionata una protesi, ad esempio la protesi d’anca o le valvole cardiache.

La crescente frequenza delle infezioni causate da microrganismi multiresistenti riduce le possibilità di una cura efficace e può causare un aumento della mortalità e anche dei costi.

Al problema della rapida diffusione delle resistenze si somma la mancanza di nuovi antibiotici, a causa della riduzione della ricerca in questo settore negli ultimi 20 anni.

Il problema dell’antibiotico-resistenza è particolarmente critico nel nostro Paese per l’elevato consumo di antibiotici, più del doppio pro capite rispetto all’Olanda, che sta alla base della comparsa delle resistenze.

 

Angelo Pan – Direttore UO Malattie Infettive dell’ASST di Cremona –  è fra i 60 esperti a livello mondiale che partecipano alla stesura di due importanti documenti per il Ministero della Salute e l’OMS

L’ASST DI CREMONA E LA RICERCA

Da molti anni l’ASST di Cremona è impegnata nelle attività di controllo della resistenza agli antibiotici e proprio in questi giorni sono stati pubblicati due documenti alla cui stesura ha partecipato Angelo Pan, Direttore dell’UO Malattie Infettive: il Piano per il Contrasto all’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) del Ministero della Salute ed il documento Prioritizzazione dei patogeni per guidare la scoperta, la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici per le infezioni  causate da batteri resistenti agli antibiotici, inclusa la tubercolosi, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il documento del Ministero stabilisce le regole e gli obiettivi nazionali per limitare la diffusione delle resistenze agli antibiotici. Il gruppo di lavoro è molto variegato, costituito da esperti provenienti da Istituzioni nazionali, fra cui l’Istituto Superiore di Sanità e l’Agenzia Italiana del Farmaco, da Agenzie Regionali, dall’Università, dalle società scientifiche e dall’industria farmaceutica.

 

ALTA SPECIALIZZAZIONE E PROFESSIONALITA’ PER L’ASST DI CREMONA

La partecipazione alla stesura di questi documenti rappresenta per l’ASST di Cremona un successo a coronamento di un’attività che procede regolarmente da oltre un quarto di secolo nel controllo dell’antibiotico-resistenza, indice dell’elevata professionalità raggiunta dall’Azienda,ma è anche un importante stimolo per continuare ad offrire alla popolazione una sanità sempre moderna ed aggiornata.

GLI OBIETTIVI DEL MINISTERO DELLA SALUTE E DELL’OMS

Il documento dell’OMS, a cui hanno collaborato oltre 60 esperti provenienti da tutto il mondo, si è posto l’obiettivo di identificare i germi multiresistenti nei confronti dei quali è oggi assolutamente prioritario organizzare programmi di ricerca e sviluppo di nuovi antibiotici che possano permettere di avere a disposizione nuovi farmaci per la cura di infezioni, oggi spesso molto difficili, a volte impossibili da guarire.

Weekend – Autunno tra i Colli Euganei – Low cost o lusso

Il Bacino Termale Euganeo  per il Ministero della Sanità Italiano; gode del riconoscimento del livello di qualificazione “I° Super”.

Abbiamo visitato i Colli Euganei, ed abbiamo scoperto un mondo di sorprese: culturali, bellezze naturali,  gastronomia, enologia e, soprattutto, salute; grazie alle speciali acque termali del luogo.

UN BICCHIERE DI VINO E IL TRAMONTO SUI COLLI EUGANEI

Non dimenticheremo la scenografia dei colli al tramonto, visti dall’alto, con un bicchiere di un vino unico al mondo come il Nero Musqué di Ca’ Lustra (che, da solo, merita il viaggio, ma ce ne sono tanti altri ottimi). Un vino che ha origine nell’antica Grecia; ma la storia è meglio farsela raccontare dal produttore. Il tutto accompagnato da baccalà mantecato ! www.calustra.it

::::::::::

Castello del Cataio a Battaglia Terme

UN CASTELLO DOVE SI ALLAGAVA UNA PIAZZA PER METTERE IN SCENA  BATTAGLIE NAVALI E STUPIRE GLI OSPITI

Castello del Cataio a Battaglia Terme

Si chiama il Castello del Cataio e si trova a poca distanza da Abano Terme; località  Battaglia Terme.

Un castello costruito per stupire gli ospiti e che, ancora oggi, ci stupisce con le sue meraviglie.

Castello del Cataio a Battaglia Terme
Castello del Cataio a Battaglia Terme

Nei tiepidi fine settimana autunnali, nel parco del castello,  si incontrano ancora uomini  e donne vestiti come all’epoca dello splendore del Castello; quando, anche qui, arrivava la ricchezza di Venezia Repubblica Marinara. Non sono figuranti, ma appassionati di costumi antichi, che trascorrono la giornata facendo un suntuoso pic-nic nel parco del castello.

::::::::::::::::::

SE AMATE LE CAMMINATE I COLLI EUGANEI HANNO TANTO DA OFFRIRVI

Il Parco Regionale dei Colli Euganei è ben organizzato e seguito da giovani pieni di entusiasmo.

Antichi sentieri, parco-avventura, sentiero del Giubileo, giardino botanico, anello dei Colli Euganei in bicicletta, percorso geologico … e tanto altro.

Percorsi facili e per grandi camminatori.

Tutto su: www.parcocollieuganei.com

:::::::::::::

PER LA VOSTRA SALUTE

LA RICCHEZZA MAGGIORE DELLA ZONA E’ NELLE TERME

Una ricchezza ed una risorsa termale unica al mondo

Queste terme sono conociute e apprezzate sino dalla protostoria.

” … senza danno fa recuperare il perduto vigore e si placa per il sofferente, che ritorna alla salute, la malattia ” questo diceva Claudiano delle Terme di Abano; nel IV secolo dopo Cristo.

Nel VI secolo d.C., Cassiodoro diceva che portano diletto e salute; non solo delizioso piacere, ma anche  benefica medicina.

SPA PAROLA OGGI ABUSATA;  A SPROPOSITO

NON E’ VERA SPA SE NON E’ DI ACQUE TERMALI

SPA = Salus Per Aquam; così gli antichi romani definivano le acque termali e i loro benefici.

Perché  le Terme Euganee sono diverse ?

L’acqua termale delle Terme Euganee è filtrata dalle antiche terre delle Prealpi, scende a 3.000 metri di profondità e sgorga dopo ben 80 km. di percorso sotteraneo.

L’acqua sgorga a 87°C.

Il fango ” matura ” in speciali vasche per circa 2 mesi; immerso nell’acqua termale. Durante la ” maturazione del fango ” si sviluppano speciali alghe che sono altamente anti – infiammatorie.

In altre località il fango, per varie ragioni,  viene trasportato da altre zone e poi riscaldato artificiosamente; questo non accade ad Abano dove tutto è controllato e certificato.

ECOLOGIA E RISPARMIO: 

l’acqua  termale di Abano è talmente calda che deve essere raffreddata, altrimenti ustionerebbe la pelle.

Tutto il calore in più, viene inoltre utilizzato per riscaldare gli alberghi che hanno le terme.

Quindi nella zona ci sono meno emissioni nocive da impianti di riscaldamento, per la salute anche degli ospiti che fanno le cure.

Hotel Ritz Abano Terme

Noi abbiamo goduto dei benefici delle Terme Euganee, presso l’albergo RITZ di Abano Terme. Un albergo che permette di vivere una lussuosa vacanza termale.

Il Dott. Gianfranco Calfapietra, Direttore Sanitario, ci ha dato suggerimenti preziosi e abbiamo potuto approfittare della sua grande esperienza nel settore.

Bellissima la piscina esterna circondata dal giardino con graziosi conigli selvatici,  molto grande anche quella interna.

Splendide le camere con balcone e salottino.

Prezzi speciali per soggiorni prolungati.

 

 

Problemi respiratori e polmonari raddoppiato il rischio in soli 30 anni.

CNR di Pisa:

30 anni fa si respirava meglio

la ricerca è basata su 3.000 persone, 3 generazioni monitorate, per capire l’incremento delle patologie respiratorie.

Più che raddoppiato il rischio di avere patologie polmonari negli ultimi 30 anni.

Doppio rischio di contrarre patologie respiratorie per chi non vive in zone circondate dal verde.

Questa è la prova inconfutabile che lo smog, l’inquinamento, è sicuramente la causa di molti comuni problemi di salute (anche per chi non fuma !!!).

Cappa inquinante sul nord Italia – INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

https://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – Batteri intestinali resistenti – Clostridium difficile

QUALE E’ LA CAUSA DEI DISTURBI da Clostridium difficile ?

Il Clostridium difficile è un batterio che può sopravvivere nel nostro intestino, senza dare problemi; ma in alcuni casi, come dopo forti trattamenti con antibiotici, può ” risvegliarsi e moltiplicarsi “.

Il Clostridium difficile diventa un problema quando qualcosa sconvolge il normale equilibrio intestinale, in questo caso il batterio può proliferare in modo incontrollato, rilasciando tossine che attaccano la mucosa intestinale.  Questa è la causa dell’’infezione da Clostridium difficile.

CAUSE:

uso di antibiotici, specie quelli ad ampio spettro (quelli cioè che sono in grado di eliminare diversi tipi di batteri), anche protratto nel tempo,
-interventi chirurgici a carico dell’apparato digerente,
-interventi all’addome che coinvolgono l’intestino,
-ricovero in ospedale,
-permanenze in asilo, in asilo nido o in casa di riposo,
-problemi al colon, ad esempio sindrome del colon irritabile o tumore del colon-retto,
-immunodeficienza,
-precedenti infezioni da Clostridium difficile,
-età superiore ai 65 anni.

COME SI EVITA ?

Lavarsi sempre le mani quando si è stati in locali molto frequentati: ospedali, scuole, treni, alberghi ecc…

Usare disinfettanti a base di cloro per pulire le superfici o gli oggetti che possono essere entrati in contatto con un paziente infetto.

Usare il sapone e un disinfettante a base di cloro per lavare le mani entrate in contatto con le feci.

Non usate gli antibiotici se non sotto prescrizione medica. USARE GLI ANTIBIOTICI SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARI E NON INTERROMPERE MAI LA CURA.

Se siete stati infettati lavatevi le mani con acqua e sapone prima di mangiare e dopo essere andati in bagno. Usate un disinfettante a base di cloro per pulire le superfici con cui siete entrati in contatto (ad esempio maniglie, telefoni, telecomandi, sanitari del bagno..) per evitare di diffondere l’infezione.

SINTOMI:

-diarrea acquosa e frequente (tre o più volte al giorno, per diversi giorni),
-mal di pancia o dolore addominale.

SINTOMI IN CASO DI INFEZIONE GRAVE: 

-dissenteria acquosa e frequente (anche sino a 15 scariche al giorno)
-mal di pancia o dolore addominale intenso,
-diminuzione dell’appetito,
-febbre lieve, fino a 38 °C nei bambini o da 37 °C a 39 °C negli adulti,
-sangue o pus nelle feci.

COME SAPERE SE NE SIAMO AFFETTI ?

Un esame delle feci è normalmente sufficiente capire se è in corso un’infezione da Clostridium difficile.

A volte sono necessari ulteriori esami per confermare la diagnosi.

Per alcuni casi il medico potrebbe prescrivervi una radiografia o una TAC del colon.

CURA

Antibiotico prescritto dal medico.

Alcuni probiotici (fermenti lattici), come il Saccharomyces boulardii, possono essere utili per combattere le infezioni da Clostridium. LA CURA NON PUO’ FUNZIONARE SE ASSUNTA IN CONTEMPORANEA CON L’ANTIBIOTICO.