Archivi categoria: sport e salute

Salute è nella flora intestinale – cosa è la flora intestinale ?

BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI PER SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SAREBBE PIÙ SANO.

Quanto più la nostra flora intestinale è varia e ricca, tanto più godiamo di buona salute e metabolizziamo (ovvero bruciamo) le calorie che ingeriamo con il cibo (ovvero rimaniamo in forma, senza ingrassare).

Dopo molti anni di ricerca sulle diete, Tim Spector, docente di epidemiologia al King’s College di Londra e con 500 studi scientifici pubblicati, è giunto alla conclusione di cui sopra.

E’ noto come  i francesi abbiano una dieta a base di vino, formaggi, salse e carni grasse; vedi anatra, oca  ecc.. , nonostante questo hanno meno malattie cardiache rispetto agli inglesi ed una vita media più alta di quattro anni rispetto agli americani.

PERCHÉ ?

Secondo il prof. Spector tutto si spiega con i microbi contenuti nei formaggi, nello yogurt e nel vino.

Più la produzione di questi cibi è artigianale più vario e alto è il numero dei batteri che nello stomaco e nell’intestino favoriscono una sana assimilazione del cibo.

Anche la dieta mediterranea è ricca di batteri; ma solo se i prodotti sono genuini; l’olio extra vergine deve esserlo veramente e non solo sull’ eltichetta ecc..  ( a questo proposito vedi al link: https://www.donnecultura.eu/?p=8439 ).

I polifenoli, contenuti nell’olio extravergine anche di arachidi (purché di sole arachidi si tratti veramente e non solo perchè scritto in etichetta !! ), ma anche nella frutta  e verdura, sono ricchi di batteri.

Per batteri intendiamo quelli buoni, quelli che aiutano a mantenerci in salute e non i batteri dannosi.

COSA UCCIDE I BATTERI BUONI ?

 Gli alimenti industriali , l’eccesso di zuccheri, le bibite come la Coca Cola, i thè preconfezionati pieni di zuccheri …  tutti i cibi pronti … gelati, biscotti anche artigianali; perché quasi sempre contengono molti ingredienti eguali e quelli industriali (costano molto meno).

COSA AIUTA I BATTERI BUONI ?

Correre, camminare, muoversi, anche fare le pulizie di casa, le scale invece dell’ascensore… tutto il movimento fisico aiuta la produzione di batteri buoni che producono il butirrato, un acido grasso che aiuta a mantenere in forma il nostro sistema immunitario.

LA RICERCA DEL PROF. SPECTOR HA EVIDENZIATO UNA CONTINUA DIMINUZIONE DI VARIETA’ MICROBIOTICA (batteri), NEGLI ULTIMI DECENNI.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA DIMINUZIONE DELLA VARIETA’ DI BATTERI PRESENTI NEL NOSTRO ORGANISMO ?

L’EPIDEMIA DI ALLERGIE CHE È IN ATTO è una delle tante evidenze di cosa vuol dire avere meno varietà di batteri a disposizione.

Malattie autoimmuni, diabete, obesità …

E PENSARE CHE BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI IN OGNI SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SARÀ PIÙ SANO !

Mal di schiena – Tecniche diverse – Fisiatra – Chiropratico – Osteopata – Quali le differenze ?

Tante le pratiche che, con l’uso delle mani, dovrebbero aiutare ad alleviare i dolori al dorso.

Non tutte sono riconosciute dalla medicina ufficiale, non sempre coloro che si definiscono “specialisti” del settore hanno le necessarie competenze mediche.

Il fisiatra si occupa diagnosi e della gestione del paziente.

Il fisioterapista aiuta il paziente a recuperare, fisicamente, la funzionalità della parte dolorante.

I fisiatri sono più precisamente definiti: specialisti in Medicina fisica e riabilitativa.

I fisiatri sarebbero coloro che ci aiutano a guarire da cefalee di origine cervicale, dolori al nervo sciatico, coccige, bacino.

Ovvero quei mal di schiena che sono di origine benigna e reversibile; che significa problemi alle vertebre, legamenti, muscoli, nervi.

A seconda della diagnosi il fisiatra stabilisce la giusta tecnica manipolativa.

La manipolazione non è un trattamento senza rischi; fondamentale è avere una adeguata preparazione di tipo medico specialistico.

L’obbiettivo è ridurre il dolore ma anche ridare autonomia al paziente ed educarlo spiegando quali sono i movimenti da evitare ed i comportamenti che aiutano a prevenire i disturbi della colonna.

Ovviamente quanto sopra non è applicabile in caso, per esempio, di lesioni al menisco. Che, ovviamente, sono risolvibili solo con adeguati interventi chirurgici.

LA CHIROPRATICA

Non siamo più nell’ambito della medicina convenzionale.

L’origine della chiropratica e dell’osteopatia è americana; Stati Uniti.

La chiropratica si occupa prevalentemente di problemi alla colonna vertebrale e articolazioni.

Il principio su cui si basa, ma senza alcun riconoscimento della medicina ufficiale, è che ogni alterazione della colonna vertebrale possa alterare lo stato della salute generale.

Comunque negli USA il corso di laurea in chiropratica dura ben otto anni ed è riconosciuta come scienza medica.

In Europa si trovano nove corsi di cinque anni in: Francia, Regno Unito, Spagna, Danimarca e Svizzera; che non prevedono alcun tirocinio in ospedale.

OSTEOPATIA

L’osteopatia si occupa, in prevalenza, di sistema muscolo scheletrico, ma anche come basi per evidenziare problemi ad altri organi.

Per acquistare un minimo di competenze serve un corso di formazione di cinque anni.

Si tratta di una professione non riconosciuta in Italia.
Al momento è in corso un tentativo di riconoscimento.

Il trattamento nella maggioranza dei casi si limita a cinque o sei sedute.

CONTRORDINE: LO SPORT PUO’ FARE ANCHE MOLTO MALE ALLA SALUTE !

COVER VERDE GENERICO STAME DI FOGLIA IMG_5369
CONTRORDINE: LO SPORT PUO’ FARE ANCHE MOLTO MALE ALLA SALUTE !

Articolo di G.Seregni, giornalista diplomata in Scienze Motorie presso l’Università Statale di Milano e insegnante di ruolo per 15 anni nella scuola statale; con 25 di libera attività in  palestra anche come insegnate di ginnastica dolce.

E’ dai tempi dei primi allenamenti aerobici (sforzo prolungato per potenziare la resistenza cardiaca), anni ’70-80, che nel settore sportivo si raccontava della

emblematica morte per arresto cardiaco di James F. Fixx (il 20 luglio 1984 muore , all’età di 52 anni a causa di un infarto fulminante, dopo la sua corsa giornaliera) il quale, nei suoi libri, si vantava di potersi permettere di giocare a tennis sotto il sole delle tre del pomeriggio di Los Angeles.

Secondo Kenneth Cooper, il famoso medico di Dallas che ha studiato l’attività fisica: “Se si corre per più di 15 chilometri a settimana, lo si fa per qualche altro motivo rispetto alla salute”. Inoltre Cooper sostiene che altri studi stanno chiarendo il dubbio secondo il quale l’esercizio fisico eccessivo possa addirittura rendere il corpo più vulnerabile al cancro.

Basterebbe un poco di buon senso per capire che, comunque, tutti gli sforzi superiori alle nostre normali capacità fisiche possano danneggiarci. Ce lo fa capire il nostro stesso corpo, mandandoci salvifici messaggi di stanchezza.

Oggi, sull’European Heart Journal, quindicinale di OxfordUniversity Press, i ricercatori invitano alla cautela verso gli eccessi nell’attività fisica; finalmente !

A tale proposito è forse inutile rammentare i danno fisici e i rischi di gravi danni cardiaci, che subiscono gli atleti professionisti. Per fare un esempio si sa come gli sciatori vadano incontro a gravi danni alle ginocchia; per eccessi di sollecitazione, mentre i ginnasti possano subire gravissimi danni alla zona lombare ecc…

Ovviamente coesistono tesi opposte da chi sostiene l’attività fisica come unico modo per vivere e invecchiare bene a chi ribadisce i rischi di ogni eccesso. Come la logica ci dovrebbe suggerire, la verità sta nel mezzo e tutto dipende sia dalle caratteristiche fisiche e fisiologiche del soggetto, sia dal tipo di allenamento raggiunto; senza mai scordare quanto l’eccesso possa fare sempre male.

Ne è un chiaro esempio lo studio sugli iscritti alla Vasalopper (famosissima gara svedese di sci di fondo) dal 1989 al 1999; proporzionalmente ai tempi di gara raggiunti, nei dieci anni successivi avevano avuto gravi problemi cardiaci.

Mikah True, conosciuto come Cavallo Bianco e grandissimo ultramaratoneta, morì a 58 anni durante un allenamento.

– L’autopsia rivelò un cuore pieno di cicatrici.

-Infatti l’allenamento estremo, anche nel ciclismo e altri sport, può provocare modifiche vascolari strutturali e innalzamento di alcuni biomaker. Solo nel 10% dei casi queste modificazioni rimangono tali per mesi.

-Ma le “piccole lesioni” ripetute possono provocare una fibrosi miocardica e quindi una suscettibilità spiccata verso l’aritmia atriale e ventricolare.

-Le fibre muscolari di un cuore in stato di sofferenza durante uno sforzo eccesivo e costante, rilasciano nel sangue un eccesso di troponina (una proteina) che causa danni alle cellule del muscolo cardiaco.

-Pare che ben il12% degli ultramaratoneti, anche se in apparente ottimo stato di salute, abbiano chiare lesioni miocardiche e, dopo pochi anni, soggetti ad eventi coronarici importanti.

-Ma, secondo noi, non è necessario essere grandi e famosi atleti per sottoporre il nostro cuore a sforzi che lo danneggiano.

Basti pensare a tutte le occasioni che la vita moderna ci riserva per sottoporci a forti stress fisici e psichici e alla moda di dedicarsi agli sport, anche estremi, solo nei brevi periodi di vacanza.

-Nemmeno la semplice attività di palestra è esente da rischi; primo fra tutti quello dei filtri dell’aria condizionata che vengono cambiati assai raramente e secondo un genere di allenamento standard con macchinari e/o musiche che ci aiutano a non percepire i messaggi di stress che il nostro corpo ci invia.

-Ultimo, ma non per importanza, il fatto che

-molti assistenti/insegnati in palestra hanno solo fatto dei corsi specifici, ma non hanno le necessarie nozioni di anatomia e fisiologia per comprenderne il funzionamento e quindi i rischi che certi ritmi possono causare.

-La nostra civiltà, forse, ci ha già fatto raggiungere un tale stadio di tensioni e impegni continui da

non essere più in grado di sentire i messaggi di pericolo/stanchezza che il nostro corpo ci invia. Ed ecco anche spiegato il successo di tante filosofie/ginnastiche orientali, come lo yoga e il Tai Chi, che fanno tanti proseliti tra le donne e gli uomini più famosi della nostra epoca, proprio perché aiutano a ritrovare ritmi più consoni al vero benessere del nostro corpo.

IN FORMA SENZA ANDARE IN PALESTRA: SALIRE E SCENDERE LE SCALE E….

ICOPENAGHEN BICI MAG0954

SALIRE E SCENDERE LE SCALE:

-riduce del 15% il rischio di malattie cardiache

-del 4% il colesterolo

-del 2.3% la pressione

-ed anche il giro-vita si accorcia !!

 

In Emilia e Romagna è stata promossa una campagna, a base e di volantini e opuscoli, che invita a boicottare l’ascensore.

 

E’ nato il VERTICAL RUNNING:

www.runnungitalia.it

Salire e scendere le scale coinvolge il 70% della muscolatura del mosto corpo:

 

 

-muscoli dei glutei, quadricipite femorale (cosce) e muscoli gemelli (polpacci) lavorano il doppio rispetto alla normale camminata;

 

-si tratta di uno sforzo fisico simile a quello della corsa;

 

L’università di Birmingham ha dimostrato, dopo un apposito studio, che salire le scale a piedi previene l’osteoporosi (infatti le ossa sono sottoposte ad una trazione che è quasi il doppio di quanto avviene nella camminata normale);

 

E’ importante sapere che se si salgono le scale utilizzando solo l’ avampiede si rinforzano ulteriormente le caviglie, mentre nella discesa è opportuno appoggiare il piede con tutta la sua pianta per meglio ammortizzare lo sforzo e proteggere la delicata articolazione delle ossa.

 

ULTIMO, MA NON PER IMPORTANZA:

 

il condominio può risparmiare sino al 19% della bolletta elettrica, se gli abitanti del palazzo decidono di non usare l’ascensore.

 

 

ALTRA GINNASTICA A COSTO ZERO ED ALTO REDDITO SALUTARE:

 

-prima di alzarsi, se siamo mattiniere o prima di andare a dormire; TUTTI I GIORNI (o quasi):

 

DISTESE SUL LETTO:

 

50 esercizi di bicicletta, tenendo le gambe sempre più basse ed iniziando anche con soli 20 movimenti (il tutto se non avete problemi alla zona lombare, altrimenti fatevi spiegare da uno specialista se potete farlo usando un cuscino dotto i reni);

 

50 energiche distensioni della sola gamba, alternando le due gambe, e partendo da gambe piegate verso l’alto e con le punte degli alluci che si toccano (e poi si allontanano, uno alla volta, spingendo con decisione verso l’alto-esterno; in diagonale)

 

50 oscillazioni della gamba destra partendo da un appoggio laterale sul fianco sinistro e la mano avanti sul bordo del letto per bloccare la posizione mentre si oscilla la gamba destra.

Ci si gira sull’altro lato e si ripete muovendo la gamba sinistra in direzione parallela al pavimento.

 

Non ha alcuna importanza se le prime volte vi affaticate, partite pure con pochissime ripetizioni, tanto avete una vita per migliorare le vostre prestazioni e, in capo a pochi mesi, non ne saprete più fare a meno, ma all’inizio può essere faticoso; è questione di buona volontà e padronanza di se stesse.

 

Appena vi state annoiando: lunga attesa al semaforo, attesa del bus, attesa che l’acqua bolla, attesa in piedi in coda:

 

-se non avete abiti troppo aderenti potete contrarre i muscoli delle natiche, tenerlo contratti sino a contare il numero 10/15  e poi ripetere

 

-nelle medesime condizioni potete fare un sano irrobustimento dei muscoli pettorali, che non guasta mai…:

 

-braccia conserte le mani abbracciano la prima parte del braccio e spingono verso l’esterno tenendo la presa sul braccio: 50 ripetizioni,

 

-idem, ma si parte palmo contro palmo, con i gomiti bel alti, si spinge forte un palmo contro l’altro: 50 ripetizioni (se avete saltato il giorno precedente e avete tempo: 100).

 

Quando andate in bagno prendete l’abitudine di muovere il collo a destra, sinistra e fate anche delle circonduzioni complete: ottimo per decentrare i muscoli del dorso, sempre sotto stress, anche  a causa del pc, internet…

 

Imparate  anno non stare mai a lungo sedute; alzatevi con qualunque scusa e camminate brevemente, oppure fate dei saltelli o date dei piccoli slanci alla gamba partendo dal piede verso l’esterno in diagonale, in aereo nei lunghi tratti camminate nel corridoio appena potete, ottimi anche i risciacqui delle gambe con acqua fredda o semifredda, secondo la stagione:

 

appena potete appoggiate le gambe in alto, su di una sedia di fronte a voi…

 

– serve a prevenire problemi circolatori alle gambe, vene varicose e trombi.

 

Quando avete qualche minuto libero, anche quando siete ferme al semaforo, potete ruotare il capo e poi alzare e abbassare il mento verso lo sterno.

 

SE CI FATE CASO SI TRATTA DI MASSIMO 10/15′ AL GIORNO, MOLTO MENO CHE ANDARE IN PALESTRA (MAGARI IN AUTO E CON L’ASCENSORE PER SALIRE LE SCALE) NON COSTA NULLA, MA E’ CERTAMENTE PIU’ EFFICACE SE FATTO CONTINUATIVAMENTE (sperando che in casa vostra l’aria non sia inquinata come nella maggior parte delle palestre che non cambiano quasi mai regolarmente i filtri dell’aria condizionata; anche perché sono molto cari).

 

Appena potete andate a piedi, usate la bicicletta o il bus per muovervi: sarete costrette a fare molto più movimento che guidando un’automobile.

 

RIMANERE GIOVANI, I CRUCIVERBA NON BASTANO !

FINALMENTE ANCHE LA SCIENZA HA DIMOSTRATO QUELLO CHE, IL BUON SENSO, CI AVEVA DA TEMPO SUGGERITO.

NON BASTA FARE CRUCIVERBA E SUDOKU O AVERE UNA VITA SOCIALE BRILLANTE PER EVITARE IL DECLINO COGNITIVO

LEGATO ALL’ETA’.

Uno studio dell’Università del Texas pubblicato su Psychological Science, HA DIMOSTRATO CHE per mantenere il cervello efficiente anche in età avanzata, sia fondamentale dedicarsi ad attività mentali stimolanti che richiedano nuovi apprendimenti. 

-Per questi test sono stati confrontati 221 adulti, tra i 60 e i 90 anni, coinvolgendoli in differenti attività per 3 mesi per 15 ore a settimana.

-Si è così verificato come lo sforzo necessario per acquisire nuove abilità produca gli effetti più soddisfacenti.

-Una ricercatrice del Center for Vital Longevity, Denise Park, sostiene che LA DIETA E L’ESERCIZIO FISICO SIANO FONDAMENTALI PER LA SALUTE DELLE ARTERIE,

-MA L’APPRENDIMENTO SIA INDISPENSABILE PER MANTENERE IN EFFICIENZA IL CERVELLO (aiuta a mantenere la plasticità del cervello, ovvero la creazione di nuove sinapsi). 

-ORA CHE LO SAPPIAMO DOBBIAMO METTERLO IN PRATICA: STUDIO E MOTO MANTENGONO GIOVANI.

TROMBOSI MALATTIE CARDIOVASCOLARI ; COME EVITARLE ?

L’articolo è scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

—–

Con il caldo aumenta il rischio di trombosi : 400.000 DECESSI OGNI ANNO NEL MONDO.

Cosa fare ?

L’ASSOCIAZIONE PER LA LOTTA ALLA TROMBOSI E ALLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI (ALT),  ha elencato 10 consigli di base per dare un aiuto concreto.

Ecco come noi li abbiamo interpretati:

– 1° preferire cibi  come frutta e verdura (almeno 5 porzioni al giorno) e bere molta acqua. Evitare salse, patate, riso e mele, preferendo invece pere con buccia (ma se non sono bio è meglio toglierla), yogurt, semi di zucca (non salati), mandorle e pistacchi.

NON MANGIARE GELATI REGOLARMENTE ANCHE SE ARTIGIANALI CONTENGONO UN ENORME QUANTITATIVO DI ZUCCHERI E INGREDIENTI QUASI MAI NATURALI (anche se  si usa dire  il contrario), meglio grandi quantitativi di frutta !!!

– 2°   pasti leggeri e movimento; non  sport pesanti, affaticanti o stressanti, nelle  serate estive consigliate  le lunghe passeggiate lontano dal traffico. Pedalare lontano dal traffico e nelle ore più fresche.

Anche in casa si può fare “sport”:

semplici movimenti di ginnastica, tenere le gambe sollevate da terra, dormire con un cuscino sotto le gambe e usare quella   cyclette che tutti comprano e mai usano, meglio se lo si fa guardando la TV, per alleviare la noia.

– 3° in estate potete sfruttare le feste e l’incontro con parenti lontani per approfondire la storia di patologie pregresse e diffuse in famiglia.

– 4° andare in spiaggia nelle ore meno calde della giornata, con un cappello ( avrete anche meno rughe in viso) o la testa bagnata; lunghe nuotate (solo se siete allenati, altrimenti meglio brevi e frequenti nuotate) o passeggiate in acqua.

Chi resta in città:

tenere le persiane socchiuse,
– uscire SOLO la mattina presto o nel tardo pomeriggio, NON fare lavori faticosi nelle ore più calde e misurarsi la pressione, specie se si è sotto cura.

– 5° chi fa un uso abituale di farmaci che servono per fluidificare il sangue, DEVE mettere in valigia un foglio nel quale siano scritti i nomi e le dosi dei farmaci assunti abitualmente, la patologia di cui si soffre e i numeri da contattare in caso di bisogno.

– 6° chi invece dovesse avvertire sensazioni strane:
– giramenti di testa
-mancanza del respiro,

dovrebbe provare a tastarsi il polso e sentire il ritmo del cuore; deve essere regolare come quello di un tic tac; se le pause fra un battito e l’altro fossero disordinate, provate a respirare profondamente e lentamente, distendete bene il diaframma.

-Se dopo quanto sopra, non si trova giovamento, consultare SUBITO il medico.
NON andate a piedi dal medico o in ospedale nelle ore calde, prendete il taxi eventualmente provate a chiedere uno sconto; la vostra vita VALE PIU’ DELLA SPESA DI UN TAXI.

– 7° l’altitudine PUO’ provocare un rialzo della pressione in chi ne soffre e richiedere un aumento della dose del farmaco che si prende di solito, meglio fermarsi in farmacia e verificare l’opportunità di aumentare la dose abituale del farmaco antiipertensivo (MOLTO MEGLIO CHIEDERE AL PROPRIO MEDICO-SPECIALISTA PRIMA DI DECIDERE QUALUNQUE ESCURSIONE IN MONTAGNA).

La montagna fino a 1000 metri è salubre.

Oltre i 1.000 metri il respiro può diventare difficoltoso, potreste avere sensazioni di vertigini o senso di instabilità.

Meglio una vacanza prolungata ad alte quote (SOLO DOPO AVERNE PARLATO CON IL VOSTRO MEDICO O SPECIALISTA), MAI poche ore, l’organismo necessita di tempo per adattarsi alla diversa altitudine.

—-

– 8° immersioni subacquee; sport proibito per chi ha già avuto una Trombosi cerebrale, un’ischemia, un difetto delle valvole del cuore o un forame ovale pervio.

Meglio evitare di andare sott’acqua se

-si sono subiti interventi chirurgici al cuore
-si è in sovrappeso
-si deve affrontare un lungo volo nelle ore successive.

TERME: meglio in montagna dove l’aria è più fresca e permette di sopportare meglio l’acqua calda che non fa bene alla circolazione del sangue, in generale.

EVITATE DI FARE CURE TERMALI IN PIANURA NELLE STAGIONI CALDE (ora anche giugno o inizio settembre possono presentare periodi di grande calura)

Chi ha già avuto una trombosi può rilassarsi con linfodrenaggio, massaggi, bagni in acque solforose, impacchi di alghe e trattamenti con i Sali del Mar Morto che sgonfiano, guariscono le malattie della pelle.

LE PICCOLE STANZE DOVE SI FANNO I FANGHI POSSONO RAGGIUNGERE ALTE TEMPERATURE IN ESTATE, ATTENZIONE.

I FANGHI NON FANNO BENE ALLA CIRCOLAZIONE DELLE GAMBE, IN PARTICOLARE.

NON STATE A MOLLO IN ACQUA CALDA QUANDO FA CALDO FUORI, SOPRATTUTTO NON STATE FERMI; MUOVETEVI SEMPRE, FATE ANCHE SOLO DEI SEMPLICI MOVIMENTI, SE NON SAPETE NUOTARE.

—-

– 9° IMPORTANTISSIME le calze elastiche

-consigliabili in gravidanza perché aiutano il sangue a tornare rapidamente al cuore e riducono la probabilità che le vene profonde delle gambe perdano elasticità (soprattutto per donne che hanno problemi di circolazione di sovrappeso ecc.. )
sceglierle di cotone o di microfibra, e di prima classe di compressione.

—-

– 10° i sintomi della Trombosi sono vari:

-una gamba gonfia più dell’altra,

-un dolore forte a un polpaccio o sulla schiena,

-un cordone dolente lungo il decorso di una vena su una gamba o su un braccio,

-in alcuni casi la mancanza di respiro o un improvviso mal di testa, con la difficoltà di tenere aperti gli occhi e di mantenere l’equilibrio.

IN QUESTI CASI DOVETE RIVOLGERVI SUBITO AD UN MEDICO per eseguire un ecocolordoppler e un prelievo che indichi la probabilità di trombosi.

«La Trombosi – conclude la dott.ssa Vender – si può curare, prima di tutto con la testa. Per questo è importante sospettarla, diagnosticarla e poi intervenire, se necessario, per un periodo adeguato e con un farmaco adatto, assunto nella giusta dose. Ecco perché non bisogna sottovalutare alcun segnale. E dopo, saremo ancora più contenti e spensierati, pronti a goderci l’estate».

 Articolo scritto da G Seregni

SALUTE : L’ ARTROSI NON E’ INCURABILE

A causa dell’invecchiamento della popolazione, ma anche degli sport estremi praticati da molti giovani o di altri sport che affaticano in modo particolare alcune articolazioni, esempio il ginocchio nello sci; l’artrosi colpisce oltre 5 milioni di persone, soprattutto donne oltre i 40 anni.

Il prof.Marco Lanzetta, luminare della chirurgia della mani e della microchirurgia, vuole sfatare il mito dell’artrosi come malattia incurabile.

Lanzetta sostiene che non solo l’artrosi si cura, ma si può anche evitare l’uso degli antinfiammatori, che non giovano all’organismo; anzi se presi in eccesso possono essere pericolosi.

Le protesi ormai sono un rimedio molto collaudato; ovviamente solo quando veramente necessarie. Ovvero in caso di scomparsa della cartilagine nelle articolazioni.

Il metodo migliore per rallentare il processo infiammatorio, è la buona prevenzione.

Secondo il prof. Lanzetta, chi soffre di artrosi dovrebbe ragionare come un diabetico o come un celiaco; cioè modificare il proprio stile di vita, adottando una dieta vegetariana e personalizzata.

Per seguire questo tipo di dieta è necessario sottoporsi a diversi esami specifici, trai i quali: urine e saliva per conoscere il metabolismo personale.

Nella dieta si dovrebbero eliminare le sostanze che causano infiammazione: zuccheri, carboidrati raffinati, l’acido arachidonico (presente soprattutto nella carne).

Il pesce è bene limitarlo a quello azzurro (sardine, alici, acciughe…).

Ok per le verdure, sconsigliate solo le solanacee (pomodori, melanzane, peperoni e patate bianche). Secondo il prof. Lanzetti, è sconsigliabile anche un eccesso uso degli agrumi.

Benissimo i cavolfiori, il cavolo, la verza e i broccoli.

Utili anche le infiltrazioni indolori; che devono essere fatte da veri esperti.

Il prof. Lanzetti ha esposto la sua teoria in un libro: “Vivere senza artrosi”, ed. Tecniche Nuove, 17,90 euro.

Nel libro anche un menù completo e ricette di chef “stellati” , nonché suggerimenti per della ginnastica mirata.

Noi ricordiamo solo che in natura sono presenti moltissime sostanze che possono aiutarci a “tenere il più possibile lontana l’artrosi”:

-acido acetilsalicilico dal salice (aspirina)
-l’olio di Borraggine; acidi polinsaturi protettivi
-rosa canina per il contenuto di vitamina C; antiossidante per eccellenza
-curcuma (spezia molto usata in India, ha vagamente il sapore dello zafferano e un colore giallo intenso)
-sono considerati antinfiammatori anche: peperoncino e zenzero.
-l’artiglio del Diavolo, lo si trova in farmacia, è consigliato dalla fitoterapia come potente antinfiammatorio.

INTEGRATORI ALIMENTARI : il più grande business delle industrie alimentari

Immagine di copertina: lavoro artistico di Alessandra Angelini.

Le promesse delle case produttrici, più o meno serie, sono invitanti.

Gli Integratori alimentari e i cosiddetti “supercibi” sono diventati un grande business per molte industrie alimentari, farmaceutiche, ma non solo.  Gli integratori alimentari vengono associati a connotazioni di salute, benessere, miglioramento muscolare e generale della persona; sia fisicamente che mentalmente.

Ma la parola INTEGRATORE O SUPERFOOD, non è riconosciuta clinicamente né prontamente riconosciuto tra gli esperti di nutrizione ed ora si parla sempre più a favore di diete equilibrate, piuttosto che di super pillole o superamenti.

Gli esperti sostengono che una dieta corretta, non solo serve a controllare il peso, ma aiuta a limitare le malattie.

LA RICERCA SCIENTIFICA PIU’ AVANZATA SOSTIENE CHE, PER ESSERE IN  FORMA, SI DEVONO COMBATTERE SOPRATTUTTO I FATTORI DI STRESS COME:

-LA MANCANZA DI SONNO,

-LA CATTIVA ALIMENTAZIONE,

-LA CARENZA DI ESERCIZIO FISICO E

-LO STRESS DA LAVORO E

-QUELLO CHE LA VITA QUOTIDIANA CI IMPONE.

Questi fattori di stress possono ridurre enormemente le nostre prestazioni fisiche e mentali e anche causare malattie croniche come l’insufficienza cardiaca o il diabete.

L’IMPORTANZA DELLE BACCHE; che costituiscono ancora oggi un importante sostegno per le popolazioni primitive.

Alle nostre latitudini abbiamo a disposizione:  mirtilli, fragole, e altri,

Le bacche sono il gruppo alimentare più RICCO  in termini di benefici per la salute per la  mente ed il corpo.

IL MIRTILLO ROSSO AMERICANO E’ RICONOSCIUTO come valido presidio contro le infezioni del tratto urinario.

Pare anche che i mirtilli  proteggano il cervello dallo stress e ne migliorino i fattori cognitivi; quale la memoria.

i mirtilli si sono rivelati utili per abbassare la pressione sanguigna, lo sostiene Joy Dubost, portavoce per l’Accademia americana di nutrizione e dietetica.

Alcuni sicenziati scienziati della Tufts University, stanno ricercando i benefici cognitivi del consumo regolare di frutti di bosco.

I mirtilli migliorano la comunicazione  tra le cellule nervose e quindi anche la memoria.

LA DOSE IDEALE E’ DI UNA TAZZA AL GIORNO; un rimedio un poco costoso, ma efficace.

Prove sugli animali, e più recentemente gli esseri umani, hanno dimostrato che le bacche, piene di antiossidanti e composti anti-infiammatori, proteggono contro stress e l’invecchiamento, il fumo, o le  diete ad alto contenuto di grassi.

Eric Rimm, professore di epidemiologia e nutrizione presso la Harvard School of Public Health, ha fatto una ricerca  sui benefici delle bacche nella lotta contro le malattie cardiovascolari . I risultati sono stati:  diminuzione della pressione arteriosa e delle malattie cardiache e ictus

I COMPOSTI ANTINFIAMMATORI DELLE BACCHE ONO IDEALI PER COMBATTERE LO STRESS QUOTIDIANO.

Una ricerca pe rla NASA, ha dimostrato che le bacche proteggono i  ratti contro danni da radiazioni nello spazio, secondo secondo una recente ricerca scientifica.

NOCI
Il team dei ricercatori del prof. Tufts hanno identificato la noce come la soluzione perfetta.

MIGLIORA:

– la memoria,

-la circolazione e il controllo del corpo.

La noce contiene, tra l’altro:  polifenoli, melatonina, acido folico, e omega-3. Questi composti, consumati in dosi elevate potrebbero essere tossici, ma non accade, perché esiste qualcosa nella noce, di non ancora identificato, che non lo permette.

FRUTTA SECCA IN GENERE:

– oli più sani nel corpo per aiutarlo  a proteggersi dalle  malattie cardiache, anche se va calcolato anche l’apporto calorico delle noci nella dieta giornaliera; altrimenti si rischia di ingrassare:

-quindi si alle noci, ma togliere qualche cibo alla dieta, per non aumentare le calorie totali.

Gli acidi grassi omega-3 possono compensare le carenze per chi non mangia  pesce.

Una dieta che comprende cibi grassi non è negativa; DIPENDE DAL GENERE DI GRASSO, QUELLO DELLE NOCI E’ POSITIVO E NON HA CONTROINDICAZIONI.

FUNGHI

Nessuno pensa alla ricchezza alimentare dei funghi:

-proteine ​​e vitamine,

-antiossidanti,

-composti anti-infiammatori

I FUNGHI SONO RICCHI DI POTASSIO, VITAMINE DEL GRUPPO B E ANTIOSSIDANTI.

INOLTRE I FUNGHI FORNISCONO POCHE CALORIE.

CIBI INTEGRALI

Da tempo si sostiene che il cibo integrale sia una importante componente di una dieta sana.

La lignina è il componente duro che si trova nei cereali:

nell’intestino aiuta i batteri intestinali a produrre polifenoli con notevoli proprietà anti-infiammatorie.

La conseguenza è anche un abbassamento della  pressione sanguigna.

CAFFE’

Per anni si è condannato il caffè, ora si è scoperto che serve anche  ad abbassare i tassi di diabete.

L’acido clorogenico, ovvero, il polifenolo, contenuto nel caffè è un potente antiossidante.

PARE CHE INFLENZI L’INSULINA con conseguenti effetti protettivi contro il diabete, favorendo l’assorbimento del glucosio e creando meno stress sul pancreas.

MA NON VA DIMENTICATO CHE NESSUN ALIMENTO può’ compensare una dieta costantemente squilibrata ed un tenore di vita altamente stressante.