Archivi categoria: dolore e cura

ARTRITE REUMATOIDE ORA SI CURA CON FARMACI… BIOTECNOLOGICI

L’Artrite Reumatoide (AR), è un’infiammazione cronica, causata dalla fine dell’equilibrio tra proteine pro-infiammatorie e anti-infiammatorie.

L’Artrite Reumatoide (AR) è caratterizzata da dolore, tumefazione e rigidità articolare.

Per la maggioranza delle persone questa artrite porta ad alterazioni invalidanti delle articolazioni, con notevole peggioramento della qualità della vita.

L’infiammazione cronica porta anche al precoce invecchiamento delle arterie (aterosclerosi).

Questo genere di artrite (AR) causa enormi costi dovuti alle cure :

-ricoveri, visite, farmaci, contributi di invalidità

-perdita di giornate lavorative

-precoci abbandoni del posto di lavoro.

Con l’aggravarsi della malattia e l’aumento della disabilità, si aggravano anche gli impegni per la famiglia.

E’  possibile cambiare il decorso della malattia e prevenire, o quantomeno ritardare, l’evoluzione di questa malattia.

Il segreto è la  diagnosi precoce e l’ impostazione di una corretta terapia con farmaci anti-reumatici (ma sono medicinali con pesanti effetti collaterali).

Nella cura devono essere coinvolti i Medici di Medicina Generale e gli Specialisti che avranno cura di sorvegliare l’evoluzione della malattia e gli effetti tossici dei farmaci.

Ecco i nuovi farmaci biologici:

-Roactemra (Tocilizumab) assai potente nei casi di elevata infiammazione e anemia secondaria;

-Orencia (Abatacept) pare abbia un un buon profilo di tollerabilità;

-Simponi (Golimumab)  si impiega sottocute una volta al mese;

-Cimzia (Certolizumab) medicinale di  ultima generazione.

 Alcuni farmaci sono attivi solo sui sintomi:

-cortisone e anti-infiammatori non steroidei (con effetti collaterali anche molto pesanti) e NON CURANO; non vanno impiegati da soli.

PER ORA I FARMACI BIOLOGICI SOLO DOPO CHE GLI LATRI FARMACI RISULTANO INUTILI

E’ possibile impiegare i farmaci biologici, SOLO DOPO NUMEROSI TENTATIVI DI ASSOCIAZIONE DI ALTRI FAMACI FALLITI.

I farmaci biologici inducono un soddisfacente controllo dell’artrite e della sua evoluzione .

Mal di schiena – Tecniche diverse – Fisiatra – Chiropratico – Osteopata – Quali le differenze ?

Tante le pratiche che, con l’uso delle mani, dovrebbero aiutare ad alleviare i dolori al dorso.

Non tutte sono riconosciute dalla medicina ufficiale, non sempre coloro che si definiscono “specialisti” del settore hanno le necessarie competenze mediche.

Il fisiatra si occupa diagnosi e della gestione del paziente.

Il fisioterapista aiuta il paziente a recuperare, fisicamente, la funzionalità della parte dolorante.

I fisiatri sono più precisamente definiti: specialisti in Medicina fisica e riabilitativa.

I fisiatri sarebbero coloro che ci aiutano a guarire da cefalee di origine cervicale, dolori al nervo sciatico, coccige, bacino.

Ovvero quei mal di schiena che sono di origine benigna e reversibile; che significa problemi alle vertebre, legamenti, muscoli, nervi.

A seconda della diagnosi il fisiatra stabilisce la giusta tecnica manipolativa.

La manipolazione non è un trattamento senza rischi; fondamentale è avere una adeguata preparazione di tipo medico specialistico.

L’obbiettivo è ridurre il dolore ma anche ridare autonomia al paziente ed educarlo spiegando quali sono i movimenti da evitare ed i comportamenti che aiutano a prevenire i disturbi della colonna.

Ovviamente quanto sopra non è applicabile in caso, per esempio, di lesioni al menisco. Che, ovviamente, sono risolvibili solo con adeguati interventi chirurgici.

LA CHIROPRATICA

Non siamo più nell’ambito della medicina convenzionale.

L’origine della chiropratica e dell’osteopatia è americana; Stati Uniti.

La chiropratica si occupa prevalentemente di problemi alla colonna vertebrale e articolazioni.

Il principio su cui si basa, ma senza alcun riconoscimento della medicina ufficiale, è che ogni alterazione della colonna vertebrale possa alterare lo stato della salute generale.

Comunque negli USA il corso di laurea in chiropratica dura ben otto anni ed è riconosciuta come scienza medica.

In Europa si trovano nove corsi di cinque anni in: Francia, Regno Unito, Spagna, Danimarca e Svizzera; che non prevedono alcun tirocinio in ospedale.

OSTEOPATIA

L’osteopatia si occupa, in prevalenza, di sistema muscolo scheletrico, ma anche come basi per evidenziare problemi ad altri organi.

Per acquistare un minimo di competenze serve un corso di formazione di cinque anni.

Si tratta di una professione non riconosciuta in Italia.
Al momento è in corso un tentativo di riconoscimento.

Il trattamento nella maggioranza dei casi si limita a cinque o sei sedute.

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

EPICONDILITE – Cosa vuol dire ? – Come curarla ?

Gli epicondilei sono i muscoli estensori dell’avanbraccio, ovvero quelli responsabili del sollevamento di mano e polso e di piegamento indietro delle dita.

Epicondilite (detta anche “gomito del tennista”, o anche “gomito del golfista” ):

-malattia diffusa tra gli sportivi professionisti tennisti, golfisti, giocatori di baseball, chi pratica la scherma,  nuotatori, ma soprattutto pittori, muratori, carpentieri o chi utilizza molto computer e mouse.

-insorge anche per  logoramento fisiologico  delle strutture tendino-inserzionali; ovviamente più frequente con il passare degli anni

-la fase iniziale della patologia può rivelare dolori di entità assai modesta, il che può portare a sottovalutare l’infiammazione

-ATTENZIONE: a lungo andare può diventare invalidante; parlarne sempre con il medico

– infiammazione dei muscoli che si inseriscono sull’epicondilo; parte del gomito che si può ben evidenziare piegando il braccio.

L’epicondilite causa forti dolori al braccio e rende impossibili alcuni movimenti semplici come ruotare la maniglia di una porta o versarci da bere.

CAUSE (più comuni) DELL’EPICONDILITE

-l’articolazione del gomito, messa in sovraccarico, tende ad infiammarsi (si parla di gomito del tennista)

 -patologie a carico del rachide cervicale (c5-c6-c7 della colonna vertebrale) e compresenza di Cervicalgia

-anche l’uso del mouse, in particolari condizioni potrebbe causare epicondilite per stress dei muscoli estensori (il mouse trackball potrebbe aiutare)

-in fase avanzata,si possono mettere in risalto la presenza di calcificazioni vicino all’inserzione dei tendini.

COME SI CURA ?

-NON FACILE DA CURARE

– si inizia con un  trattamento orale mediante antinfiammatori (Fans), ma non è consigliato l’uso per oltre i 5 giorni (comunque con controllo medico)

-secondo rimedio; la crioterapia: borsa del ghiaccio o cubetti (ricoperti da un tessuto), posati sulla zona dolorosa per almeno 15 minuti, 3 volte al giorno

-LA SERA impacchi  di crema antinfiammatoria (Voltaren, dicloreum, ecc ecc o creme naturali come arnica), mettere le creme senza massaggiare coprire con pellicola per cibo e andare a dormire; non protrarre mai la cura oltre 1 settimana;  mai dimenticare di sentire anche il parere del medico

-DI GIORNO: oltre ad evitare categoricamente ogni movimento o sforzo che possa peggiorare il dolore,  si può usare  un piccolo tutore, che va posto subito al di sotto della zona dolente

-il prima possibile è bene prendere in esame il trattamento di fisioterapia per l’epicondilite (sempre su consiglio di medico e specialista)

-DA RICORDARE : fenomeni di cronicità ( continuazione per lungo tempo del dolore), possono allungare di molto la guarigione

Antidolorifici – antinfiammatori PARACETAMOLO: UN SOLLIEVO, MA NON ABUSIAMONE. EMORRAGIE E FEGATO…

Il paracetamolo, secondo la rivista inglese New Scientist, è

uno degli antinfiammatori più usati al mondo.

Sicuramente un grande aiuto che la medicina mette a disposizione dell’uomo, il quale dovrebbe però anche leggere bene le istruzioni.

Come tutti i medicinali, anche il paracetamolo,

se ingerito senza controllo, può rivelarsi addirittura mortale.

La rivista New Scientist, arriva addirittura ad accusare il paracetamolo di essere poco efficace.

Sull’efficacia di questa sostanza noi ci asteniamo da ogni giudizio, in quanto non abbiamo elementi per giudicarla. Ci risulta che il paracetamolo abbia una

-capacità analgesica più forte di aspirina e simili. 

  — Il pericolo esiste quando il dolore non cessa e

  — si decida, autonomamente, di aumentare le dosi consigliate.

Tuttavia ci sembra giusto comunicare che ogni anno negli Stati Uniti, si sono calcolati c.a. 80.000 casi di intossicazione da paracetamolo, dei quali 1.500 morti.

Lo stesso Policlinico di Roma, nel 2011, ha rilevato come il farmaco sia causa di dell’1,7% dei ricoveri nel suo Centro Antiveleni.

In Gran Bretagna il medesimo farmaco porta in ospedale un numero di c.a. 1.700 persone causando 200 morti all’anno.

Tutti questi numeri vanno riletti tenendo conto che, ogni giorno, se ne vendono milioni di dosi; per un totale annuale di 27 MILIARDI !

Quindi, ricorriamo pure al paracetamolo, se ne abbiamo bisogno, ma

   — calcoliamo accuratamente di non superare la dose giornaliera consigliata. 

Non dimenticando di fare un vero calcolo totale, ovvero

leggendo bene gli ingredienti di TUTTI i medicinali che prendiamo in un giorno e controllando le eventuali dosi di paracetamolo contenute anche in altre medicine.

La dose terapeutica è di

4 GRAMMI AL GIORNO, mentre la 

-dose pericolosa parte da soli 7-10 GRAMMI AL GIORNO.

La differenza è quindi minima, ma importantissima.

Ecco spiegato perché tante intossicazioni, basta eccedere, anche di poco.

GLI EFFETTI NEGATIVI DA ECCESSO DI PARACETAMOLO.

-oltre la soglia dei 4 grammi al giorno

 —  il fegato non ha più la capacità di normale eliminazione e quindi nel tempo si crea un accumulo del metabolita tossico: Napqi, che ha il potere di

UCCIDERE LE CELLULE EPATICHE.

La situazione è ancora più grave se si assume il paracetamolo

in contemporanea con ALCOLICI.

Si auspica che i farmacisti si sentano in dovere, vendendo del paracetamolo, di

avvisare sui rischi in caso di superamento delle dosi consigliate; speriamo !

 Approfondimenti al link: https://www.donnecultura.eu/?p=12345

 

 

SALUTE CURE ONCOLOGICHE DI ECCELLENZA ; COME SI CURA IL TUMORE CON LE NUOVE MEDICINE

ISTIUTO ONCOLOGICO ROMAGNOLO ( IOR )

“Perché nessuno deve affrontare il cancro da solo”; prof. DINO AMADORI.

Ospedale Forli' medicina

L’Istituto Oncologico Romagnolo, con sede a Meldola, via P. Maroncelli 40, tel. 0543.739110 ior@irst.emr.it, si può definire un modernissimo COMPREHENSIVE CANCER CARE NETWORK.

LO SCOPO DELL’ISTITUTO E’ GARANTIRE I PIU’ ALTI STANDARD DI ECCELLENZA, VALORIZZANDO TUTTE LE STRUTTURE ONCOLOGICHE DELLA ROMAGNA; CHE GIA’ GODONO DI OTTIMI LIVELLI QUALITATIVI E SONO GESTITI DA PERSONALE ALTAMENTE QUALIFICATO.

foto UGIS ospedale Forlì martelli_caprara_amadori

Il Centro, che comprende ospedale, centro di ricerca e farmacologia, è il frutto di un’idea del prof. DINO AMADORI e della sua capacità di realizzarla; grazie ad una eccellente equipe.

Stiamo parlando di un centro di eccellenza, tra le eccellenze, nel campo delle nuove cure contro il cancro; le cure ad personam (ovvero farmaci su misura per ogni paziente).

DA SEGNALARE anche L’ “ASSOCCIAZIONE RIMINESE DI ONCOLOGIA PEDIATRICA (AROP)”.

——-

Piccoli esempi di come funziona l’ ISTITUTO ONCOLOGICO ROMAGNOLO:

-qui i controlli, affinché non accadano errori nella somministrazione dei vari farmaci preparati su misura per ogni paziente, garantiscono una precisione assoluta e scientificamente dimostrabile

un organizzatissimo “ screening “ tra tutta la popolazione, in età – rischio, seleziona i casi, non solo con le solite analisi radiologiche e di controllo medico, ma anche grazie a speciali test che permettono di conoscere, approfonditamente, la storia patologica della famiglia dell’eventuale paziente.

I DATI DELL’ ISTITUTO ONCOLOGICO ROMAGNOLO:

-1.653.817 euro investiti nel 2014

-12 ricercatori

-4 progetti di ricerca che indagano su come le cellule staminali possano divenire veicolo per la diffusione metastatica

-17 convegni scientifici, dei quali 1 internazionale

-1 Risonanza Magnetica Nucleare 3 Tesla (RMN 3T), installata presso l’IRST IRCCS, per ottenere esami più precisi e veloci; mostrando una visualizzazione 3D e dettagliatissima degli organi

-1 Biobanca IRST, per studiare le modificazioni genetiche causanti i tumori.

-6.500 euro di attrezzature per la Skin Cancer Unit, il cui direttore è il prof. STANGANELLI.

———————

LA CONTINUA DISPONIBILITA’ DI VOLONTARI, SEMPRE PRONTI AD ACCOGLIERE ED AIUTARE CHI NE HA BISOGNO, FA PARTE DELLE TANTE IMPORTANTI CARATTERISTICHE DEL CENTRO.

———————

-35.000 i pazienti aiutati ed assistiti senza richiesta di denaro

-110.000 bambini e ragazzi coinvolti in progetti relativi alla salute

-1 ISTITUTO DI RICERCA SCIENTIFICA (IRST)

-230 i professori formati

-170 convegni organizzati (16 dei quali internazionali)

-18 reparti oncologici

-3 Day hospital

-18 reparti di cui : 7 oncologici, 3 Day Hospital, 8 Hospice; tutti in Romagna.

-10 sedi

-100 punti IOR

-1.184 volontari

-6.375 sostenitori

-31.752 sottoscrittori del 5 per mille, dato 2013.

———-

ASSETTO ORGANIZZATIVO:
dott.Giorgio Martelli, direttore generale IRST IRCCS
dott. Mattia Altini, direttore sanitario IRST IRCCS

——-

0 ugis forlì IMG_20151001_142747-2

DINO AMADORI; DIRETTORE SCIENTIFICO

L’ EXPOSOMA è la scienza che studia le relazioni causali tra i fattori di rischio ambientali e l’organismo umano. Grande importanza hanno gli stili di vita.

Gli strumenti sono gli studi epidemiologici di tipo analitico e gli studi sui danni che il genoma (o altri target biologici) può subire per i fattori di rischio precedentemente nominati.

L’importante è essere in grado di individuare i fattori che riconoscano i soggetti a rischio, per attivare le indagini su misura del caso.

Basilare è la “Bioteca di popolazione”.

Infatti, oggi, la ricerca scientifica della PREVENZIONE NON PUO’ FARE A MENO DELLA PRESENZA DI UNA BANCA BIOLOGICA DOVE TROVARE CONSERVATI I MATERIALI BIOLOGICI (tessuti, sangue, cellule) DONATI.

LA NUOVA FRONTIERA DELLA RICERCA SCIENTIFICA, SULLA PREVENZIONE NON SOLO ONCOLOGICA, SI BASA SULLA CORRELAZIONE TRA GLI STILI DI VITA (nel senso più lato del termine) E GLI INDICATORI MOLECOLARI SPECIFICI.

IL FUTURO:

-LA RICERCA MOLECOLARE DELLE INTERAZIONI TRA GENETICA, STILI DI VITA E BANCA BIOLOGICA DI POPOLAZIONE SANA (da cittadini che, volontariamente, ne facciano dono).

FONDAZIONE BIOTECA DELLA ROMAGNA:

-si tratta di una istituzione giuridica che, rappresentando la comunità, ne custodisca e TUTELI l’uso del materiale della “BIOTECA DI POPOLAZIONE” secondo gli scopi statutari per la prevenzione e la salute COLLETTIVA.

LA FONDAZIONE NON HA FINALITA’ DI LUCRO.

LE ATTIVITA’:
-perseguire e tutelare la salute del cittadino
-operare nel settore della ricerca scientifica di particolare interesse sociale, attraverso le università, enti di ricerca e altre fondazioni
-promuovere formazione e informazione
-le nuove teologie informatiche permettono il coinvolgimento diretto e la partecipazione dei cittadini ad un vasto programma di prevenzione efficace e personalizzata.

0 400 ricerca salute d

0 forlì medici specialisti g

0 forlì f
——————-

Dott.ssa Sonia Ronconi, responsabile Gruppo Patologia Ematologia

I pazienti affetti da leucemia mieloide acuta, sono maggiormente esposti a severe infezioni, anche mortali, in particolare le infezioni da funghi.

I linfociti sono la difesa naturale che produce anticorpi; questo avviene quando il corpo gode di buona salute.

Ultimamente è stata scoperta una nuova classe di linfociti (T helper 17 o Th17) che, pare, abbia un ruolo fondamentale nelle difese anche contro le micosi (funghi).

I T helper 17, se opportunamente stimolati, possono trasformarsi in cellule con forte attività anti-infettiva, ma anche in cellule “immunosoppressive” e quindi favorire le infezioni.

Nei pazienti con Leucemia Mieloide Acuta (LAM), i Th17 rivelano una attività pro-infettiva (che favorisce le infezioni).

Secondo gli studi fatti, pare sia colpa della cellula della leucemia l’induzione dei Th17 verso l’attività “immunosopressiva” (favoriscono le infezioni).

Quindi si è deciso di agire in modo tale che i Th17 si comportino nella modalità per ridurre le infezioni, migliorando la prognosidei pazienti.

LA PENTOSSIFILLINA (PTX), FARMACO USATO PER LA SUA ATTIVITA’ ANTITROMBOTICA (EVITA FORMAZIONE DEI TROMBI IN aterosclerosi E ANGIOPATIA DIABETICA), NEGLI STUDI EFFETTUATI HA DIMOSTRATO DI POSSEDERE UNA BUONA ATTIVITA’ ANTITUMORALE IN DIVERSE NEOPLASIE SOLIDE.

E’ STATO QUINDI SCOPERTO UN “NUOVO” MECCANISMO ATTRAVERSO IL QUALE, UN “VECCHIO” FARMACO INDUCE LA MORTE DELLE LE CELLULE TUMORALI DEI LINFOCITI MALATI.

UN’ALTRA SCOPERTA E’ RELATIVA ALL’AUMENTATA INCIDENZA DI TROMBOSI NEI PAZIENTI CON neoplasie mieloproliferative (Trombocitemia Essenziale (TE) e la Policitemia Vera (PV).

La Cardioaspirina, secondo le indagini in alto, potrebbe essere la soluzione del problema.
Diventerebbe quindi necessario scoprire i pazienti a rischio, per attuare un’adeguata prevenzione nei confronti del rischio trombosi.

———————

Dott. Andrea Rocca, responsabile Gruppo Patologia Mammella

DOPO LA RIMOZIONE RADICALE DEL CARCINOMA MAMMARIO, RIMANE IL RISCHIO DI UNA RICADUTA CHE SI IPOTIZZA DOVUTA A PERSISTENZA DI MALATTIA MICROSCOPICA RESIDUA (dopo l’intervento potrebbero rimanere delle microscopiche cellule cancerogene che poi si sviluppano negli anni).
Per questi casi si cerca di mettere in atto, attraverso terapie adiuvanti e follow up delle pazienti, quanto risultato dalle recenti indagini scientifiche al riguardo.

Tra le ricerche anche quella relativa a questionari che dimostreranno eventuali legami con abitudini alimentari e profili metabolomici, il tutto sarà utile per verificare l’impatto dell’alimentazione sulle modifiche dei vari elementi misurati nel sangue e il rischio di ricaduta neoplastica.

IL PROBLEMA DELLE CELLULE TUMORALI CHE NON SONO TUTTE EGUALI FRA LORO
Motivo di questo studio è comprendere come le differenti “sottopopolazioni” cellulari del tumore, abbiano una differente risposta ai farmaci tumorali.
Quando questo avviene la “sottopopolazione” cellulare ha il sopravvento, in quanto non ha risposto ai farmaci che hanno funzionato solo con le altre cellule cancerogene.
Uno studio,a questo riguardo, è stato condotto insieme all’Istituto Jules Bordet dell’Università di Bruxelles.
Queste scoperte avranno grande importanza soprattutto nel futuro, quando si passerà a farmaci a bersaglio molecolare (ovvero: mirati su proteine prodotte dai geni mutati) che sostituiranno gli attuali trattamenti di chemioterapia tradizionali.

DIVERSI PROGETTI SONO IN ATTO RELATIVAMENTE ALLO STUDIO DEL RUOLO DEL RICETTORE DEGLI ANDROGENI NEL TUMORE IN SITU E INFILTRANTE DELLA MAMMAELLA.

——————-

Dott. Stefano Severi, responsabile Medicina Radiometabolica.

Il reparto comprende una radiofarmacia attrezzata per la produzione di radiofarmaci oncologici sperimentali e 3 camere di degenza con due letti ciascuna.
Qui lavorano quattro medici specialisti che collaborano con tre colleghi della sezione Diagnostica, formando la Struttura Complessa di Medicina Nucleare; diretta dal prof. Giovanni Paganelli.

Le terapie sono effettuate, per oltre il 95% dei casi, all’interno di protocolli clinici sia accademici sia in collaborazione con case farmaceutiche.

ATTIVITA’ PREVALENTE: TUMORI CHE COLPISCONO IL SISTEMA NEUROENDOCRINO.

LA TERAPIA RADIO-RICETTORIA SI E’ DIMOSTRATA EFFICACE NEL CONTROLLO DELLA MALATTIA E DI SOPRAVVIVENZA; una delle più importanti terapie per questo genere di tumori.

Il prof. Paganelli è l’ideatore della IART (Intraoperative Avidination for Radionuclide Treatment); questa terapia permette di effettuare una radioterapia EFFICACE IN UNA SOLA GIORNATA.

Iniettando avidina, durante l’intervento di asportazione del tumore (proteina che si localizza preferenzialmente nei tessuti appena operati) e iniettando biotina (o vitamina H) marcata, legata all’isotopo ittrio 90, il giorno dopo l’operazione; poiché le due si attraggono con forza (avidina e biotina) avidina-biotina e isotopo garantiscono una RADIOTERAPIA LOCALIZZATA NELLA SEDE DEL TUMORE piu’ efficace della norma e con meno effetti collaterali.
RISULTATO: UNA SEDUTA INVECE DELLE NORMALI 5/6 SETTIMANE !

——————

Federica Matteucci, responsabile Medicina Nucleare Diagnostica.

L’ATTIVITA’ DEL CENTRO E’ SVOLTA UTILIZZANDO ANCHE TRACCIATI SPERIMENTALI E INNOVATIVI; alcuni prodotti all’interno della Radiofarmacia, di cui l’U.O è provvista.

ATTIVITA’ DI RICERCA DELL’U.O. MEDICINA NUCLEARE DIAGNOSTICA:

-STUDIO DEI TUMORI NEUROENDOCRINI
-STUDIO DELLA PATOLOGIA TUMORALE DELLA PROSTATA
-STUDIO DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA MAMMARIA; lo studio randomizzato in atto, volto a valutare il ruolo della PET/TC con 18F-estradiolo, prevede anche la stretta collaborazione con AAA (produttrice del tracciante sperimentale); questo studio è risultato vincitore del bando TRANSCAN e prevede la collaborazione con altri cinque centri europei.

——————-

Toni Ibrahim, responsabile Centro di Osteoncologia e Tumori Rari (CdO-TR).

L’importanza dello studio dell’osso in oncologia, si è dimostrata cruciale nei più recenti studi.
Tanto che nel 2005 è nato, dopo un lungo percorso formativo anche a livello universitario e un’intensa attività del prof. Dino Amadori, un nuovo settore oncologico denominato: OSTEONCOLOGIA.

Il settore di cui sopra, si occupa di tumori primitivi dell’osso, delle metastasi ossee e della salute dell’osso nel paziente oncologico.

Nel 2011 il Centro ha assimilato anche la gestione dei tumori rari; in particolare: SARCOMI, TUMORI NEUROENDOCRINI E TUMORI CERVICO-FACCIALI.

IL CDO-TR, PROPONE PERCORSI DI CURA SIA MONO CHE MULTIDISCIPLINARI (IN QUESTO CASO OLTRE IL 50% DEI PAZIENTI PROVIENE DA FUORI ROMAGNA).

LINEE DI RICERCA:
-studi clinici; da evidenziare lo studio ZOOM, sul trattamento con Acido Zoledronico (pubblicato su Lancet Oncology)
-studio sul processo di metastatizzazione; in collaborazione con il prof. Yibin Kang (Università di Princeton USA). Il prof. King è stato il primo, al mondo, ad identificare i geni coinvolti nel processo di metastatizzazione nell’osso; le ricerche che hanno coinvolto anche il nostro Centro, hanno permesso di scoprire le molecole chiave che spingono le cellule (nel tumore primitivo mammario e nella metatstasi) ad essere più aggressive.
-piattaforma nanotecnologica (strutture con dimensioni inferiori al micrometro); il prof. Mauro Ferrai e il prof. Ennio Tasciotti, portano avanti la ricerca sulle modalità di crescita della cellula tumorale in laboratorio, ma che mima la crescita nell’uomo.
L’identificazione di molecole “aggressive”, se confermata sull’uomo, potrà essere utilizzata per le cure in ambito nanotecnologico.
-studi dei processi di crescita delle cellule tumorali; avvengono sia in laboratorio che sulle cellule di pazienti “coltivate” in laboratorio, mentre la grande novità è rappresentata soprattutto dallo studio sui pesci (zebrafish). Studio che consente un forte risparmio nei costi e nei tempi di sperimentazione. Tutto questo è stato possibile anche grazie alla collaborazione con i professori: Gabrì Van der Pluijm e prof.ssa Ewa Snaar-Jagalska dell’Università di Leiden (Olanda); tra i maggiori esperti di studi sulle cellule staminali del topo e sui zebrafisch.

——————

Massimo Guidoboni; responsabile Immunoterapia e Terapia Cellulare Somatica

Dal 2001 si è ottenuta una serie di positivi risultati clinici nel trattamento di oltre 80 pazienti affetti da melanoma metastatico. La ricerca ha condotto a nuove vie terapeutiche con dimostrazione della loro efficacia.

Diverse attività sono articolate in tre componenti; tra loro perfettamente integrate:

-Laboratorio di Immunomonitoraggio e R&D
-Laboratorio di Terapia Cellulare Somatica
-Immunoterapia Clinica

——————-

Luca Frassineti, responsabile Gruppo di Patologia Gastroenterico.

Il Gruppo ha dedicato gli sforzi a numerose ricerche di clinica e preclinica, qui riassunte:

-NEOPLASIA COLON RETTALE IN FASE METASTATICA
-STUDI SU EPATOCARCINOMA.

———————

Angelo del Monte; responsabile Gruppo di Patologia Toracica.

Il concetto di personalizzazione è al centro dell’attività del Gruppo ed ha portato, negli ultimi 10 anni di grande rinnovamento grazie alle nuove acquisizioni biologiche, a una serie di nuovi e personalizzati trattamenti per la cura del CANCRO AL POLMONE.

TRE GLI AMBITI DI LAVORO DEL GRUPPO GdP:

-DIAGNOSI, che fornisce un’ “impronta digitale” del tumore, con identificazione di un pannello di circa sette geni, la quale permette trattamenti altamente specifici
-CURA i risultati ottenuti hanno permesso di essere coautori di uno studio di grande rilievo, presto pubblicato su riviste come New England Journal of Medicine
-APPROCCIO OLISTICO; ovvero approccio multidisciplinare che coinvolge: pneumologo, chirurgo toracico, anatomo-patologo, radiologo, medico nucleare, oncologo, terapista del dolore, psiconcologo e infermiera specializzata. In questo modo si ha un’assistenza globale del paziente.

———————

Ugo de Giorgi, responsabile Gruppo di Patologia Uro-ginecologico.

Questo gruppo si occupa di:

-CARCINOMA DELLA PROSTATA
-CARCINOMA DEL TESTICOLO
-LINEA LIBERI DAL CANCRO; dedicata alle persone che sopravvivono al cancro per lungo tempo, con relativi studi sul metabolismo di questi soggetti e di psiconcologia.
-LINEA IMMUNO-ONCOLOGICA; studi clinici attivi con farmaci immunologici. Tra i tanti: checkpoint inibitiors, nei TUMORI DEL RENE, DELLA VESCICA, E TUMORI GINECOLOGICI.

——————

Luca Saragoni; Anatomia Patologica AUSL Romagna Forlì.

CENTRO DI RISORSE BIOLOGICHE

Chiamati anche BRCs, sono servizi che servono a custodire e fornire materiale biologico umano (sangue, liquidi, tessuti) indispensabili per la ricerca clinica, non solo in campo oncologico.

Questo tipo di raccolta di materiale permette al paziente di avere a disposizione una diagnosi molecolare finalizzata per una terapia personalizzata.

——————-

Fabio Falcini, direttore Prevenzione Oncologica AUSL Romagna Forlì e Ravenna.

I registri dei tumori della Romagna sono impegnati in una raccolta di informazioni sui malati di cancro residenti in un certo territorio.

——————

Mattia Altini; Direttore Sanitario.

L’obbiettivo di collegare in rete i diversi regimi assistenziali, serve a favorire l’integrazione e il coordinamento delle risorse.

——————-

SEDI IOR ( ISTITUTO ONCOLOGICO ROMAGNOLO ):

-FORLI’
-MELDOLA c/o IRST
-CESENA
-RAVENNA
-FAENZA
-IMOLA
-LUNGO
-RIMINI
-RICCIONE
-SANTARCANGELO.

——————-

TEMPI, VELOCI, DI REALIZZAZIONE DELLA RETE ONCOLOGICA DELLA ROMAGNA (breve riassunto):
-’70 nasce l’idea
-’90 progetto “Costruzione dell’IRST”
-’96-97 recepimento progetto e programmazione delle Aziende USL della Romagna
-2.000 avvio sperimentazione gestionale
-2005 approvazioni necessarie per il “Piano di rete”; integrazione HUB&SPOKE

-2007 avvio attivita’ IRST : gestione dell’Oncologia di Forlì (DH, DO, ambulatori ecc…)
-2011 IRST prende carico gestione Day Hospital Oncoematologico di Cesena
-2012 riconoscimento IRST come IRCCS
-2013 costruzione AUSL della Romagna e ingresso della RER nel CDA IRST
-2014 IRST prende in carico gestione Radioterapia di Ravenna.

SALUTE CEFALEA DEI BAMBINI ; COME AFFRONTARLA ?

MAL DI TESTA O CEFALEA E’ UN SINTOMO PIU’ DIFFUSO DI QUANTO SI PENSI ANCH ETRA I RAGAZZI ADOLESCENTI E BAMBINI.

Il 18% delle ragazze, già intorno ai 12 anni, alla comparsa del primo ciclo mestruale, è a  rischio malddi testa.

Ma non solo, anche i maschi ne soffrono, anche dall’infanzia.

Solo nel 25% dei casi il mal di testa compare verso i 35 anni di età.

Cosa fare ?

Da poco si trova in farmacia un prodotto, non è un farmaco, a base di ginkgolide B, arricchito dal coenzima Q10, vitamina B 12 e magnesio; la promessa è quella di aiutare a risolvere i casi più generici.

Il prodotti di cui sopra è un antiaggregante che apporta un maggior flusso sanguigno ai neuroni cerebrali; energenizzandoli dall’interno e riducendo la sintomatologia dell’emicrania.

Il prodotto è approvato da diversi studi scientifici pubblicati su riviste internazionali.

Se ne è parlato a Milano in un incontro organizzato da Paidòss, Osservatorio Nazionale sulla Salute dell’Infanzia e Adolescenza.

Il prodotto può essere acquistato liberamente in farmacia, non ha bisogno di ricetta medica; ma è sempre consigliabile informare il medico, indispensabile se già si assumono farmaci.

Secondo la prescrizione medica si possono assumere da 1 a 2 bustine al giorno in mezzo bicchiere d’acqua.

Ovviamente questo trattamento NON può curare i casi di gravi patologie che possono  nascondersi sotto il manifesto dolore al capo.

Articolo di G.Seregni, giornalista iscritta all’ordine e all’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).