Archivi categoria: per nostri bambini

salute dei bambini

Salute – CANCRO INFANTILE SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI

CANCRO INFANTILE: FIAGOP, COMMISSIONE EUROPEA DISATTENDE PROMESSE SULLO SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI ONCOLOGICI PEDIATRICI

Il Regolamento Europeo pediatrico, nato per migliorare la salute dei bambini facilitando lo sviluppo e la disponibilità di farmaci adatti alla loro età, a dieci anni dalla sua introduzione registra degli insuccessi soprattutto nel campo della medicina oncologica infantile.

Dal 2007 a oggi, sono stati sviluppati solamente due farmaci oncologici ad uso pediatrico.

La Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP) si appella alla Commissione UE per chiedere modifiche specifiche al regolamento al fine di sviluppare nuovi medicinali e terapie per il cancro pediatrico e salvare la vita di molti bambini.

A 10 anni dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici restano ancora in gran parte disattese le speranze delle migliaia di bambini e adolescenti che, in Italia e in Europa, affrontano l’esperienza di cancro e che aspettano di poter ricevere cure adeguate.

È l’allarme lanciato da Angelo Ricci, presidente della Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP), che insieme a Unite2Cure – network europeo delle associazioni di genitori in oncologia – e la Società europea per l’oncologia pediatrica (SIOPE) non nasconde la preoccupazione che, almeno per i medicinali anti-cancro, l’industria farmaceutica resti concentrata sul potenziale di mercato negli adulti, piuttosto che sulle esigenze dei tumori infantili.

Stando alla fotografia scattata dalla Commissione Europea sui progressi compiuti nei primi 10 anni di vita del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici, in alcuni campi e per alcune malattie, la nuova regolamentazione ha dato riscontri positivi ma per l’oncologia, ad esempio, questo strumento è risultato inefficace.

La Commissione Europea non percepisce come urgente lo sviluppo di medicinali studiati espressamente per i bambini, che siano più sicuri, con meno effetti collaterali a breve e lungo termine – dichiara Angelo Ricci, presidente di FIAGOP, federazione che raggruppa alcune delle maggiori associazioni di genitori impegnate in tutta Italia a sostegno del bambino e dell’adolescente malato di tumore e della sua famiglia – Bambini e tumori, sono due parole che non dovrebbero incontrarsi mai eppure, ogni anno in Europa, il cancro è la causa principale di morte tra bambini e adolescenti, si contano circa 6.000 decessi in tutto il continente europeo.

Ad oggi, a 10 anni dall’introduzione del Regolamento, sono stati validati solamente due farmaci oncologici per i piccoli pazienti, tutti gli altri rientrano sotto la categoria off –label, cioè studiati per essere usati con gli adulti e, invece, riconvertiti per la popolazione pediatrica, con tutto quello che ne deriva in termini di efficacia e tossicità. Non solo, così facendo le forme tumorali più severe non vedranno migliorare le percentuali di guarigione Non possiamo più continuare a percorrere la strada dei farmaci off label, invochiamo un’azione urgente per accelerare la ricerca e l’innovazione in campo farmaceutico e offrire così cure migliori ai bambini che vivono l’esperienza di tumore”.

Il Regolamento Europeo dei Farmaci Pediatrici, introdotto nel 2007 dalla Commissione Europea con l’intento di incentivare e finanziare l’industria farmaceutica a sperimentare farmaci a uso esclusivo della popolazione pediatrica, prevede un Piano di Indagine Pediatrica che certifichi le potenzialità e l’efficacia del farmaco sui bambini. Questo iter decade qualora venga sviluppato un farmaco per una forma tumorale riconosciuta, al momento, solo nell’adulto, nonostante sia scientificamente provato che a fare la differenza per la guarigione non è solo la malattia in sé, ma l’azione del farmaco stesso.

La norma, inoltre, permette alle compagnie farmaceutiche possibilità di deroga dall’obbligo dello studio di medicinali in ambito pediatrico.

Di qui la richiesta alla Commissione Europea da parte di Angelo Ricci, insieme a Unite2Cure e Siope, di rivedere il Regolamento e fare pressione sulle compagnie farmaceutiche per avviare un piano di sperimentazione per farmaci, più efficaci e sicuri, a uso esclusivo di bambini e adolescenti con cancro infantile.

Per gli specialisti europei in oncologia pediatrica e le associazioni dei genitori dei bambini con tumore, tra gli aspetti correlati ai forti ritardi nel campo della sperimentazione di farmaci oncologici pediatrici rientrano: ampio ricorso a rinvii nell’applicazione del Regolamento, con conseguenti ritardi nello sviluppo di farmaci pediatrici, spesso fino a quando non sia garantita la loro introduzione sul mercato sulla base di una prescrittibilità nei tumori degli adulti; la mancanza di un adeguato disciplinamento del sistema di deroghe al Regolamento, cosa che offre alle aziende una facile opportunità per evitare l’obbligo dello sviluppo pediatrico dei farmaci, anche quando il meccanismo di azione di questi ultimi potrebbe essere efficace nel trattamento di alcuni tumori pediatrici.

GLI STATI UNITI APPROVANO IL RACE FOR CHILDREN ACT

Mentre in Europa, ogni possibile proposta di revisione del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici è rimandata al 2019, negli Stati Uniti la Food and Drug Administration (FDA) ha portato la legge al passo con la scienza approvando, l’agosto scorso, il RACE for Children Act, il quale stabilisce che vengano studiati nuovi medicinali per tutte le forme tumorali infantili per i quali il bersaglio molecolare del farmaco oncologico è rilevante.

Ufficio stampa FIAGOP c/o INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione: Federica Aruanno, cell.348.4151778 f.aruanno@inc-comunicazione.it

FIAGOP Onlus, Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica (www.fiagop.it), nasce nel 1995 con l’obiettivo di creare sinergie tra le Associazioni confederate e assicurare una rappresentanza istituzionale a livello nazionale e internazionale, presso enti pubblici e privati, per garantire ai bambini malati di tumore o leucemia il diritto alla salute, promuovere, anche attraverso i media, campagne di informazione, manifestazioni, seminari e convegni per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alle problematiche psicologiche e sociali dei bambini e ragazzi colpiti da tumore, dei guariti, e delle famiglie impegnate ad affrontare questo difficile percorso; sviluppare e facilitare i contatti con analoghe organizzazioni italiane ed estere; sostenere la ricerca nel campo dell’oncoematologia pediatrica. FIAGOP, è socio fondatore di CCI (Childhood Cancer International) e aderisce alla Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile che ricorre il 15 febbraio di ogni anno organizzando in Italia una manifestazione a forte impatto mediatico volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate al bambino e all’adolescente colpito da tumore. Le Associazioni federate, fondate e gestite da genitori di bambini colpiti da tumori o leucemie, sono nate in modo capillare sul territorio nazionale con lo scopo di abbattere la solitudine della malattia e offrire sostegno e aiuto concreto ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie. Operano presso gran parte dei centri di Oncoematologia Pediatrica aderenti ad AIEOP (Associazione Italiana Ematologia ed Oncologia Pediatrica) e si occupano di: attività di supporto di più ampio raggio come reparti a misura di bambino, sale giochi, scuola in ospedale; sono attive tradizionalmente con azioni quali sostegno ai reparti, copertura di borse di studio, accoglienza e ospitalità per le famiglie obbligate a lasciare il proprio ambiente per periodi spesso anche lunghi, ricerca scientifica volta ad individuare nuove e più efficaci terapie. Grazie al contributo di FIAGOP, è nato il Progetto SIAMO, Società scientifiche italiane Insieme per gli Adolescenti con Malattie Onco-ematologiche (www.progettosiamo.it), che si propone di far uscire gli adolescenti e i giovani adulti con malattie oncologiche dalla terra di nessuno dove attualmente si trovano – non più bambini, non ancora adulti – per portarli ad essere oggetti della doverosa attenzione che si deve a quel periodo della vita, alle sue specificità, alle sue particolari esigenze.

 

Salute occhi – Inquinamento da PM10 – bambini – menopausa

OCCHIO SECCO E MENOPAUSA

ma non solo 

insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari

il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

PERICOLO INQUINANTI PER LA NOSTRA SALUTE E QUELLA DEI BAMBINI

Il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari.

:::::::::::::::::

La letteratura scientifica mostra una correlazione tra ormoni sessuali e organo della vista; l’effetto degli ormoni sessuali si manifesta a molteplici livelli, che interessano in senso quantitativo e qualitativo la secrezione lacrimale, i processi accomodativi di messa a fuoco delle immagini, la pressione dell’occhio, la formazione della cataratta.

Nella società moderna le modificazioni a carico del film lacrimale e della superficie oculare sono statisticamente in forte aumento, tuttavia i sintomi nella donna possono comparire anche anni prima in seguito alle modifiche ormonali pre o menopausali.

Già dal periodo pre-menopausale e  dopo la classica  menopausa, ben  il 45% delle donne si lamenta di avere sintomi  come l'”occhio arrossato”, la difficoltà di messa a fuoco, fenomeni di transitorio offuscamento visivo, la sensazione di “occhio secco”, riduzione della tolleranza alle lenti a contatto: si tratta di sintomi talmente comuni e persistenti  da essere stati classificate con il nome di “discomfort syndrome”, che sta ad indicare l’aspetto cronico di un persistente fastidio e disagio oculare.

Il film lacrimale rappresenta una specie di barriera liquida e dinamica, che nutre e protegge la superficie dell’organo della vista dalla polvere, dal vento, dalla disidratazione, dai mille fattori esterni che possono creare problemi.

Le variazioni ormonali legate al periodo menopausale possono facilitare l’insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari anche in età precoce, e rendere clinicamente evidenziabili patologie su base immunologia come alcune infiammazioni della tiroide o tiroiditi autoimmuni.

OCCHIO SECCO E INQUINAMENTO
L’inquinamento atmosferico è l’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento…

Contaminanti gassosi importanti sono: il monossido di carbonio, il benzopirene e il benzene, sospetti cancerogeni; l’ozono e l’anidride solforosa che hanno effetti a carico del sistema respiratorio come bronchiti, tracheiti, spasmi bronchiali; l’ossido di azoto che causa infiammazione acuta delle mucose respiratorie e dell’occhio e può contribuire all’insorgenza dell’occhio secco.

Tra gli inquinanti particolati il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città; uno studio realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nei grandi centri italiani, quando ci sono concentrazioni superiori ai 20 nanogrammi per m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno.

Il Pm10 è inoltre responsabile di problemi oculari come occhio secco e congiuntivite.

Secondo uno studio pubblicato sul British Journal, a causa dell’inquinamento, il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari (colpevole anche l’uso indiscriminato di piccoli schermi come il telefonino, ma anche computer ecc…).

Milano e Roma sono le città italiane più colpite dallo smog.

I telerilevamenti da satellite mostrano come l’inquinamento nella pianura padana sia il più grave di tutta Europa.

Screening eseguiti nelle città di New York e Chicago hanno riportato una proporzione 4 volte maggiore di pazienti affetti da secchezza oculare rispetto a zone con minor tasso di inquinamento dell’aria.

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

Un dato interessante per contrastare l’inquinamento nelle nostre case in città viene dal dipartimento di scienze ambientali dell’Università di Parma, dove hanno testato una settantina di specie di piante da appartamento e stanno preparando un database sulle capacità anti-smog della natura.

Foglie e fusti sarebbero predisposti ad assumere sostanze nell’aria e in alcuni casi a modificarle e disintossicarle.

Salute – Occhi – sonno – cellulari e TV

Dal  G7 della Salute a Milano, sono emersi molti consigli per la salute di tutti

eccone alcuni che riguardano i dispositivi  elettronici e informatici.

Occhi e sonno sono disturbati, gravemente e pericolosamente, dalla vicinanza e dalla visione su cellulari, pc e TV.

La luce blu dei sussidi elettronici danneggia gravemente la vista soprattutto di bambini ed anziani.

Inoltre stimola il cervello mandando il messaggio che è pieno giorno, anche durante la notte,  quindi il cervello ferma la produzione di melatonina e il sonno viene bloccato.

Se ricordiamo che il sonno è fondamentale per ogni tipo di apprendimento, possiamo ben capire i danni ai quali vanno incontro i nostri giovani.

Il consiglio è drastico, anche per evitare di sottoporre noi e i nostri figli a radiazioni ancora non ben chiarite come conseguenze:

ELIMINARE DALLE CAMERE DA LETTO

  • TV
  • COMPUTER
  • CELLULARI (che sarebbe bene spegnere dopo cena)
  • Tablet ecc…

Salute – Bambini e anziani – Veleni e salute

SOS dei pediatri, dagli specialisti di pneumologia, allergologia ecc… : negli ultimi due mesi si è registrato un picco di emergenze respiratorie tra i più piccoli e tra gli anziani; soprattutto nelle grandi città.

L’aumento è almeno del 25% .

Il consiglio dei medici è quello di tenerli lontani dai centri più trafficati e portarli, quando possibile, nel fine settimana lontano dalle zone inquinate.

Quando possibile, non uscire di casa nei giorni di maggior inquinamento.

Ricordate che i bimbi che sono più piccoli dell’adulto, respirano un maggior numero di inquianati degli adulti; perché i peggiori inquinanti si concentrano verso il suolo.

Inoltre un bambino respira molto più velocemente dell’adulto; ingerendo così più inquianti anche per questo motivo.

PER TUTTI: non fare attività sportiva all’aperto, quando l’inquinamento è alto, e nemmeno nelle palestre se i filtri dell’aria condizionata non sono cambiati regolarmente e certificati.

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

” SMOG – INQUINAMENTO “

= PERICOLO PER LA SALUTE DI TUTTI 

Cosa è la Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva o BPCO ?

La malattia colpisce brochi e polmoni, causando tosse e catarro cronici, inoltre interferisce con la normale funzionalità respiratoria.

Dalla BPCO non si può guarire, ma si possono arrestarne le progressioni e migliorarne la sintomatologia.

Il luogo comune era che fosse una malattia solo degli anziani

Il 60 per cento degli italiani sa cos’è il diabete, ma solo l’11 per cento sa cos’è la BPCO; patologia con coesistenza di malattie diverse: bronchiolite cronica ed enfisema polmonare.

La medicina narrativa per dar voce a chi soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva; BPCO patologia invalidante – poco nota e riconoscibile.

Pesanti le ripercussioni sulla qualità di vita per chi ne è colpito

Presentati I Risultati Della Ricerca Di Medicina Narrativa Condotta Da Fondazione ISTUD Per Chiesi Farmaceutici.

La ricerca di medicina narrativa FARO – Far luce attraverso i racconti di BPCO –

Al progetto hanno aderito 235 pazienti, 55 caregiver (“colui che si prende cura”; tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato ) e 60 medici, per la maggior parte pneumologi.

Le più frequenti parole, utilizzate dai pazienti intervistati nella ricerca ‘Far Luce attraverso i racconti sulla Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva’ (FARO) a cura della Fondazione Istud commissionata da Chiesi Farmaceutici;

‘soffocare nella nebbia’, ‘sensazione di annegare’, ‘vivere in una gabbia che impedisce di respirare’, ‘chiusa dentro un sacchetto’ .

La maggior parte dei pazienti con BPCO, tende a minimizzare i sintomi, il decorso è subdolo, sino al momento dell’arrivo in pronto soccorso.

La diagnosi attraverso la spirometria, arriva troppo tardi, quando l’endotelio polmonare è ampiamente cicatrizzato e il diametro dei bronchioli ormai ridotto.

Cosa si deve fare, tra i tanti consigli del medico e prendere le medicine prescritte ?

-imparare gli esercizi per migliorare la respirazione

-evitare ambienti polverosi (dove, per esempio, gli impianti di aria condizionata non ricevono regolari sostituzioni di filtri costosissimi)

-cambiate frequentemente l’aria dell’ambiente in cui vivete (non quando ci sono le allerte di inquinamento grave)

-attenzione soprattutto in presenza di cattivi odori; sono indicatori di veleni nell’aria

-recarsi  dal medico o chiamare i servizi sanitari di emergenza se il respiro peggiora in modo grave

-DIMAGRIRE se siete in sovrappeso

-andare, almeno nel weekend, quando possibilmente lontano dalle città più inquinate

-NON FUMARE !!!

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Molti specialisti hanno riscontrato difficoltà dei pazienti per l’’uso dei dispositivi inalatori del farmaco o altri ausili, come la bombola d’ossigeno.

Ma, una volta adattati alla portabilità della bombola di ossigeno, la qualità della vita può decisamente migliorare.

Cappa inquinante sul nord Italia – INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

https://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – 10.000 decessi all’anno per Diesel – Senza Diesel … 2/3 dei morti in meno

Senza Diesel i morti per le conseguenze del suo uso diminuirebbero moltissimo !!! Esattamente i 2/3

L’Italia è prima per inquinamento !!!

10.000 morti in Europa per le auto Diesel

In ITALIA,  SOLO le emissioni dei veicoli diesel, non dichiarate dalle case automobilistiche per dimostrare che gli autoveicoli erano a norma (quando NON era vero), causano 1250 morti all’anno

Secondo uno studio norvegese, l’ ITALIA è il Paese più colpito d’Europa: secondo lo Istituto meteorologico norvegese e l’istituto internazionale Iiasa, studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters.

LE VITTIME DELLA GUERRA DELL’INQUINAMENTO DELLE NOSTRE CITTA’ PER IL TRAFFICO

In Italia, in un anno, muoiono per inquinamento dell’aria 87.ooo persone.

L’Italia è il Paese con il più alto numero di morti premature riconducibili alle polveri sottili generate dai veicoli diesel: 2810 all’anno.

Di cui, 1250 sono strettamente legate al surplus di emissioni rispetto a quanto certificato dalle case automobilistiche nei test di laboratorio. Seguono la Germania, con 960 decessi annui correlati agli ossidi di azoto in eccesso, e la Francia con 680.

” … La situazione molto negativa dell’inquinamento è riscontrata soprattutto nel Nord Italia, tanto densamente popolato”, dice l’autore della ricerca, Jan Eiof Jonson dell’Istituto norvegese di meteorologia.

In cinque anni e mezzo ( periodo della seconda guerra mondiale) sono 478.000 morti per INQUINANTI DA DIESEL 

Una guerra vigliacca, perchè colpisce più i bambini che gli adulti.

Nella seconda guerra mondiale in Italia, in cinque anni e mezzo, sono morti  444.000 persone.

 

VEDI PRECISAZIONI SUGLI  EFFETTI DEL TRAFFICO SULLA SALUTE AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=47934

Diesel addio

il viale del tramonto

Tra 14 anni la quota del gasolio sarà quasi nulla (9%).

Le case europee si preparano a lasciare i motori a gasolio.

DRASTICI PROVVEDIMENTI CONTRO IL DIESEL IN EUROPA A PARTIRE DAL 2020 – 2025

L’auto elettrica, entro la fine del decennio ridurrà drasticamente l’uso si motori diesel (prima per le city car poi per tutti i modelli).

Parigi vuole bloccare i Diesel  a partire dal 2020;  Londra prevede una tassa giornaliera di 20 sterline.

L’Olanda sta per vietarne la vendita a partire dal 2025.

La Norvegia,  è già leader del mercato delle auto elettriche con il 24 per cento di quota (l’Italia è allo 0,1 per cento) e vuoe anullare i Diesel entro il 2050.

La Germania intende chiudere il mercato delle auto diesel e a benzina a partire dal 2030 per passare all’ auto elettrica.

 

MANGIARE SOIA ? Natto:  cibo giapponese molto sano

SOIA E’ SANA O SOLO MODA ?

Ricordiamo che la soia non sempre è raccomandabile, anche perché è uno dei più forti allergizzanti (può causare allergie), ma la fermentazione ne riduce i rischi.

Quindi  meglio utilizzare con più frequenza i prodotti fermantati; perché fanno bene alla vostra  salute.

Se siete giovani mamme, soprattutto se vegetariane o vegane, ricordate che  dovete fare estrema attenzione con i cibi a base di soia; anche se li usate anche solo per voi, e sono OGM, li trasmettete a vostro figlio attraverso la placenta, prima, e con il latte dopo. 

Dobbiamo sempre ricordare che la  soia è ricca di fitoestrogeni, come gli isoflavonoidi, che possono causare nocivi effetti effeminanti, ma anche aiutare la donna nelle crisi della menopausa.

Natto:  cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da alcuni batteri. Dal sapore caratteristico e pungente; tanto amato dai giapponesi quanto insolito e sgradito a molti occidentali. Ma basta la solita regola, assaggiarlo per una quantità minima per 10 volte, in tempi dilatati, e il vostro palato lo accettarà.

Prodotti di soia fermentata che fanno bene alla salute:

• Natto: tipico cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da certi batteri.
• Miso: pasta di soia, preparato con riso o orzo e soia e lasciato fermentare per parecchi mesi.
• Tempeh: ottenuto dalla fermentazione dei semi di soia.

Il tamari (che si ottiene dalla soia fermentata) è molto valido per l’elevatissimo contenuto di antiossidanti e per le sue proprietà digestive. Fate attenzione al fatto che sia vero tamari e non salsa di soia che potrebbe contenere il glutammato; anche cancerogeno.

Il natto è  ricco di vit B, C e K2 quest’ultima; eccezionale vitamina, molto simile alla Vit D;  migliora la densità ossea e riduce il rischio di attacchi cardiaci e di cancro.

Il Natto è forse il cibo con la maggiore concentrazione di vit K2.

Miso e tempeh non contengono la vit K2, ma sono eccellenti fonti di probiotici naturali, promotori di buona salute.

Non dimentichiamo che la maggior parte della soia (coltivata in USA) è OGM e  irrirata di Rundup;  tremendo erbicida della Monsanto.

Quindi, anche se abbiamo solo il dubbio,  NON usiamo soia OGM.

COME SI MANGIA E CUCINA IL NATTO ?

Il nattō può essere mangiato da solo, con pochissima senape e salsa di soia, già presenti nelle confezioni che si acquistano al supermercato.

Lo si deve mescolaro con le bacchette velocemente sino ad ottenere una consistenza cremosa e compatta e poi lo si mangia così o lo si mescola ad una ciotola di riso; è’ possibile aggiungere  anche un uovo crudo, di solito si usano quelli di quaglia.

Utilizzato anche nelle omlette ripiene  o nell’impasto di uovo per una frittata.
In alcuni ristoranti è facile trovare anche dei maki preparati con il Nattò.

Nella colazione tipica giapponese è servito da solo o con il riso, così si ottiene un buon apporto proteico, con vitamine (B, C, K), calcio e tante altre sostanze nutritive.

 

Fonte:
http://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2010/10/13/soy-controversy-and-health-effects.aspx

Salute di figli e nipoti – Prodotti che fanno male alla salute

Gli shampoo che non fanno lacrimare contegono anestetici !!!

Impariamo a consumare e scegliere, eliminando i prodotti che contengono sostanze che fanno male alla salute

MANGIAMO UN CHILO DI ADDITIVI ALL’ANNO …  e poi il cancro è sempre più diffuso e i maschi hanno più problemi di fetilità … il 4% della popolazione soffre di allergie …

I nostri acquisti sono basati su complicati cocktail chimici che ci donano l’effetto desiderato immediatamente … a scapito di un’accumlo di veleni nel corpo.

GREENPEACE HA PUBBLICATO il dossier TOXIC THREADS – The big fashion stritch-up; dove si elencano i prodotti chimici pericolosi rintracciati nei tessuti: ftalati, formaldeide, metalli pesanti, solventi in abbondanza; gli abiti sarebbero rsponsabili dell’8% delle DERMATITI. Vedi al link: http://www.greenpeace.org/sweden/Global/sweden/miljogifter/dokument/2012/Toxic_Threads_The%20Big_Fashion_Stitch_Up.pdf

Sono almeno 360 gli additivi alimentari sconsigliabili … a cui vanno aggiunti gli oltre 3.000 aromi naturali che naturali non lo sono …

La casa è tutta disinfettata … minerali, antibiotici  e plastiche pericolose anche per le capacità di riproduzione passano nel sangue e si accumulano nel corpo … le macchie si sciolgono come per miracolo … tutto luccica … ma i veleni passano nel nostro sangue …  i capelli riflettono la luce come se fossero di seta … alluminio nei deodoranti antitraspiranti … la maglietta costa solo 2 euro, ma …. il gelato resta cremoso e non fa grumi con aggiunta di sostanze che non fanno bene alla salute … le creme solari e molti cosmetici  contengono nanoparticelle sospettate di essere mutagene ( mascono figli deformi); la verità la consceremo tra 10 anni, quando saranno fatti tutti i controlli di legge; per ora intanto è permesso venderle e inserirle in tutto quello che fa risparmiare alla cosmesi e non solo … vedi spazzolini per i denti rivestiti di argento; che non servono a nulla … basta lo spazzolino normale !!! –

Se tutti i consumatori non comprassero più i prodotti che contengono almeno le sostanze più notoriamente pericolose per la salute anche il pianeta terra, insieme alla nostra salute, se ne gioverebbe  e così faremmo l’unico passo buono che possiamo verso un mondo migliore per figli e nipoti.

Il caldo di questa estate e la siccità,  insieme agli incendi ci dovrebbero allamare a sufficienza per farci cercare di contribuire, per quello che possiamo, al miglioramento del futuro dei nostri figli e nipoti.

Ecco alcuni suggerimenti:

-da non dimenticare: i prodotti cosmetici per bambini a partire dai detergenti che contengono sostanze che fanno male, esempio: gli shampoo che non fanno lacrimare contegono anestetici !!! – le irritazioni da pannolino possono anche essere causate dai prodotti chimici contenuti negli stessi pannolini –

-da non acquistare (solo alcuni esempi): gamberetti e gamberi esotici di allevamento; ricchi di antibiotici e/o anidride solforosa come conservante – pulizie con disinfettanti casalinghi contenuti nei detersivi: katthon Cg (antimicrobico), basta pulire NON serve disinfettare (anzi fa male all’apparato immunitari dei bambini che NON impara a difendersi, anzi provoca allergie) – BAGNISCHIUMA SHAMPOO DOCCIA LUCIDANTI PER CAPELLI … DETERSIVI PER LA BIANCHERIA ECC…  usati in grandi quantità, contengono tutti sostanze che fanno male alla salute; comprese sostanze derivate dalla plastica ( perturbanti endocrini) che portano i maschi ad avere riduzioni di sperma ( a meno che non sia precisato il contrario leggere BENE l’etichetta), la doccia poi non li toglie completamente e vengono assorbiti dalla pelle e vanno nel sangue: meglio un sano sapone – IDEM per: oli minerali cosmetici: leggete bene le etichette – Le T-shirt, soprattutto le più economiche e sintetiche, idem per gli abiti, sono colorate con colori che danneggiano gravemente la salute perché contengono dei veleni che arrivano al sangue …

:::::::::::::::::::::::::::::::::::

Se volete seguire la nostra esprienza di donna ecco cosa abbiamo scelto per noi: Yves Rocher e RITUALS

COSMESI SICURA (le leggi francesi, in questo campo, sono più severe di quelle italiane) :

OTTIMI E A BUON PREZZO, ANCHE PER REGALI ECOLOGICI:

—  Yves Rocher (negozi in tutte le grandi – medie città italiane); senza i veleni più noti con prezzi anche inferiori ai 10 euro.


  • Altro prodotto a buon prezzo e gradevole design, con i prodotti RITUALS: utilizzano ingredienti biologici ogniqualvolta sia possibile o alternative sicure; mai  utilizzati i parabeni . https://www.rituals.com/eng-it/home

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

LE AZIENDE ITALIANE CHE PRODUCONO SENZA VELENI:

Peccato che una volta entarti nel sito, ci è stato  impossibile vedere i prezzi e/o capire come acquistarli:

Vagheggi Phytocosmetici dal 1975; http://www.vagheggi.com/cosmetici/catalogo-prodotti/

Confort Zone;  https://www.comfortzone.it/it/

Soha; naturali al 93,3 – 99,9 % dalla Sardegna, mediamente costi dai 25 euro http://www.sohasardinia.com/filter.php?id_category=73&price=0-25

ANCHE LE STAR CAMBIANO ABITUDINI:

  • GWUYNETH PALTROW  “Non c’è niente di megli dell’olio d’oliva” come cosmetico e come detregente al posto dei costosi detergenti
  • CAMERON DIAZ ha cambiato stile di vita: auto ibrida, non mangia più schifezze, ma cibi semplici e genuini e lo scrive in due libri ” The body book ” e ” The longevity book “

:::::::::::::::::::::::::::::::

L’articolo è stato scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

COSA FARE QUANDO UNA MEDUSA…

Tempo di mare di bagni e di …meduse.

Medisa 672 vario mare esotico IMG_0399

Belle da vedere galleggianti nell’acqua; non piacevoli per un incontro ravvicinato.

Molte meduse, anche piccolissime, possono iniettare migliaia di arpioni sulla nostra pelle; ognuno  fa esplodere una vescica carica di liquido altamente tossico.

COSA FARE?

-NON FARSI PRENDERE DAL PANICO se si è in acque profonde, si deve raggiungere la riva continuando a nuotare, non fossennatamente, imponendosi di sopportare il dolore.

UNA VOLTA A RIVA:

-in caso di malessere generalizzato, palpitazioni cardiache ecc… subito da un medico; si potrebbe essere ipersensibili ed avere una crisi anafilattica

-in caso solo di bruciore forte localizzato, sedersi sdraiarsi all’ombra ; coprirsi se si ha freddo

-gli impacchi di ghiaccio leniscono il dolore

-NON usare ACQUA DOLCE per lavare la parte dolorante !!

-Non mettere DISINFETTANTI

-NON mettere TINTURA DI IODIO: a contatto con la sostanza irritante può provocare necrosi nei tessuti!

Con UNA CARTA DI CREDITO o similare, raschiare la superficie della pelle dolorante per rimuovere i frammenti dei tentacoli rimasti nella pelle

Solo su ordinazione medica usare: pomate antistaminiche (DIMINUISCONO IL GONFIORE, ARROSSAMENTI E BRUCIORI); potreste avere delle controindicazioni