Archivi categoria: per nostri bambini

salute dei bambini

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

https://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – 10.000 decessi all’anno per Diesel – Senza Diesel … 2/3 dei morti in meno

Senza Diesel i morti per le conseguenze del suo uso diminuirebbero moltissimo !!! Esattamente i 2/3

L’Italia è prima per inquinamento !!!

10.000 morti in Europa per le auto Diesel

In ITALIA,  SOLO le emissioni dei veicoli diesel, non dichiarate dalle case automobilistiche per dimostrare che gli autoveicoli erano a norma (quando NON era vero), causano 1250 morti all’anno

Secondo uno studio norvegese, l’ ITALIA è il Paese più colpito d’Europa: secondo lo Istituto meteorologico norvegese e l’istituto internazionale Iiasa, studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters.

LE VITTIME DELLA GUERRA DELL’INQUINAMENTO DELLE NOSTRE CITTA’ PER IL TRAFFICO

In Italia, in un anno, muoiono per inquinamento dell’aria 87.ooo persone.

L’Italia è il Paese con il più alto numero di morti premature riconducibili alle polveri sottili generate dai veicoli diesel: 2810 all’anno.

Di cui, 1250 sono strettamente legate al surplus di emissioni rispetto a quanto certificato dalle case automobilistiche nei test di laboratorio. Seguono la Germania, con 960 decessi annui correlati agli ossidi di azoto in eccesso, e la Francia con 680.

” … La situazione molto negativa dell’inquinamento è riscontrata soprattutto nel Nord Italia, tanto densamente popolato”, dice l’autore della ricerca, Jan Eiof Jonson dell’Istituto norvegese di meteorologia.

In cinque anni e mezzo ( periodo della seconda guerra mondiale) sono 478.000 morti per INQUINANTI DA DIESEL 

Una guerra vigliacca, perchè colpisce più i bambini che gli adulti.

Nella seconda guerra mondiale in Italia, in cinque anni e mezzo, sono morti  444.000 persone.

 

VEDI PRECISAZIONI SUGLI  EFFETTI DEL TRAFFICO SULLA SALUTE AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=47934

Diesel addio

il viale del tramonto

Tra 14 anni la quota del gasolio sarà quasi nulla (9%).

Le case europee si preparano a lasciare i motori a gasolio.

DRASTICI PROVVEDIMENTI CONTRO IL DIESEL IN EUROPA A PARTIRE DAL 2020 – 2025

L’auto elettrica, entro la fine del decennio ridurrà drasticamente l’uso si motori diesel (prima per le city car poi per tutti i modelli).

Parigi vuole bloccare i Diesel  a partire dal 2020;  Londra prevede una tassa giornaliera di 20 sterline.

L’Olanda sta per vietarne la vendita a partire dal 2025.

La Norvegia,  è già leader del mercato delle auto elettriche con il 24 per cento di quota (l’Italia è allo 0,1 per cento) e vuoe anullare i Diesel entro il 2050.

La Germania intende chiudere il mercato delle auto diesel e a benzina a partire dal 2030 per passare all’ auto elettrica.

 

MANGIARE SOIA ? Natto:  cibo giapponese molto sano

SOIA E’ SANA O SOLO MODA ?

Ricordiamo che la soia non sempre è raccomandabile, anche perché è uno dei più forti allergizzanti (può causare allergie), ma la fermentazione ne riduce i rischi.

Quindi  meglio utilizzare con più frequenza i prodotti fermantati; perché fanno bene alla vostra  salute.

Se siete giovani mamme, soprattutto se vegetariane o vegane, ricordate che  dovete fare estrema attenzione con i cibi a base di soia; anche se li usate anche solo per voi, e sono OGM, li trasmettete a vostro figlio attraverso la placenta, prima, e con il latte dopo. 

Dobbiamo sempre ricordare che la  soia è ricca di fitoestrogeni, come gli isoflavonoidi, che possono causare nocivi effetti effeminanti, ma anche aiutare la donna nelle crisi della menopausa.

Natto:  cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da alcuni batteri. Dal sapore caratteristico e pungente; tanto amato dai giapponesi quanto insolito e sgradito a molti occidentali. Ma basta la solita regola, assaggiarlo per una quantità minima per 10 volte, in tempi dilatati, e il vostro palato lo accettarà.

Prodotti di soia fermentata che fanno bene alla salute:

• Natto: tipico cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da certi batteri.
• Miso: pasta di soia, preparato con riso o orzo e soia e lasciato fermentare per parecchi mesi.
• Tempeh: ottenuto dalla fermentazione dei semi di soia.

Il tamari (che si ottiene dalla soia fermentata) è molto valido per l’elevatissimo contenuto di antiossidanti e per le sue proprietà digestive. Fate attenzione al fatto che sia vero tamari e non salsa di soia che potrebbe contenere il glutammato; anche cancerogeno.

Il natto è  ricco di vit B, C e K2 quest’ultima; eccezionale vitamina, molto simile alla Vit D;  migliora la densità ossea e riduce il rischio di attacchi cardiaci e di cancro.

Il Natto è forse il cibo con la maggiore concentrazione di vit K2.

Miso e tempeh non contengono la vit K2, ma sono eccellenti fonti di probiotici naturali, promotori di buona salute.

Non dimentichiamo che la maggior parte della soia (coltivata in USA) è OGM e  irrirata di Rundup;  tremendo erbicida della Monsanto.

Quindi, anche se abbiamo solo il dubbio,  NON usiamo soia OGM.

COME SI MANGIA E CUCINA IL NATTO ?

Il nattō può essere mangiato da solo, con pochissima senape e salsa di soia, già presenti nelle confezioni che si acquistano al supermercato.

Lo si deve mescolaro con le bacchette velocemente sino ad ottenere una consistenza cremosa e compatta e poi lo si mangia così o lo si mescola ad una ciotola di riso; è’ possibile aggiungere  anche un uovo crudo, di solito si usano quelli di quaglia.

Utilizzato anche nelle omlette ripiene  o nell’impasto di uovo per una frittata.
In alcuni ristoranti è facile trovare anche dei maki preparati con il Nattò.

Nella colazione tipica giapponese è servito da solo o con il riso, così si ottiene un buon apporto proteico, con vitamine (B, C, K), calcio e tante altre sostanze nutritive.

 

Fonte:
http://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2010/10/13/soy-controversy-and-health-effects.aspx

Salute di figli e nipoti – Prodotti che fanno male alla salute

Gli shampoo che non fanno lacrimare contegono anestetici !!!

Impariamo a consumare e scegliere, eliminando i prodotti che contengono sostanze che fanno male alla salute

MANGIAMO UN CHILO DI ADDITIVI ALL’ANNO …  e poi il cancro è sempre più diffuso e i maschi hanno più problemi di fetilità … il 4% della popolazione soffre di allergie …

I nostri acquisti sono basati su complicati cocktail chimici che ci donano l’effetto desiderato immediatamente … a scapito di un’accumlo di veleni nel corpo.

GREENPEACE HA PUBBLICATO il dossier TOXIC THREADS – The big fashion stritch-up; dove si elencano i prodotti chimici pericolosi rintracciati nei tessuti: ftalati, formaldeide, metalli pesanti, solventi in abbondanza; gli abiti sarebbero rsponsabili dell’8% delle DERMATITI. Vedi al link: http://www.greenpeace.org/sweden/Global/sweden/miljogifter/dokument/2012/Toxic_Threads_The%20Big_Fashion_Stitch_Up.pdf

Sono almeno 360 gli additivi alimentari sconsigliabili … a cui vanno aggiunti gli oltre 3.000 aromi naturali che naturali non lo sono …

La casa è tutta disinfettata … minerali, antibiotici  e plastiche pericolose anche per le capacità di riproduzione passano nel sangue e si accumulano nel corpo … le macchie si sciolgono come per miracolo … tutto luccica … ma i veleni passano nel nostro sangue …  i capelli riflettono la luce come se fossero di seta … alluminio nei deodoranti antitraspiranti … la maglietta costa solo 2 euro, ma …. il gelato resta cremoso e non fa grumi con aggiunta di sostanze che non fanno bene alla salute … le creme solari e molti cosmetici  contengono nanoparticelle sospettate di essere mutagene ( mascono figli deformi); la verità la consceremo tra 10 anni, quando saranno fatti tutti i controlli di legge; per ora intanto è permesso venderle e inserirle in tutto quello che fa risparmiare alla cosmesi e non solo … vedi spazzolini per i denti rivestiti di argento; che non servono a nulla … basta lo spazzolino normale !!! –

Se tutti i consumatori non comprassero più i prodotti che contengono almeno le sostanze più notoriamente pericolose per la salute anche il pianeta terra, insieme alla nostra salute, se ne gioverebbe  e così faremmo l’unico passo buono che possiamo verso un mondo migliore per figli e nipoti.

Il caldo di questa estate e la siccità,  insieme agli incendi ci dovrebbero allamare a sufficienza per farci cercare di contribuire, per quello che possiamo, al miglioramento del futuro dei nostri figli e nipoti.

Ecco alcuni suggerimenti:

-da non dimenticare: i prodotti cosmetici per bambini a partire dai detergenti che contengono sostanze che fanno male, esempio: gli shampoo che non fanno lacrimare contegono anestetici !!! – le irritazioni da pannolino possono anche essere causate dai prodotti chimici contenuti negli stessi pannolini –

-da non acquistare (solo alcuni esempi): gamberetti e gamberi esotici di allevamento; ricchi di antibiotici e/o anidride solforosa come conservante – pulizie con disinfettanti casalinghi contenuti nei detersivi: katthon Cg (antimicrobico), basta pulire NON serve disinfettare (anzi fa male all’apparato immunitari dei bambini che NON impara a difendersi, anzi provoca allergie) – BAGNISCHIUMA SHAMPOO DOCCIA LUCIDANTI PER CAPELLI … DETERSIVI PER LA BIANCHERIA ECC…  usati in grandi quantità, contengono tutti sostanze che fanno male alla salute; comprese sostanze derivate dalla plastica ( perturbanti endocrini) che portano i maschi ad avere riduzioni di sperma ( a meno che non sia precisato il contrario leggere BENE l’etichetta), la doccia poi non li toglie completamente e vengono assorbiti dalla pelle e vanno nel sangue: meglio un sano sapone – IDEM per: oli minerali cosmetici: leggete bene le etichette – Le T-shirt, soprattutto le più economiche e sintetiche, idem per gli abiti, sono colorate con colori che danneggiano gravemente la salute perché contengono dei veleni che arrivano al sangue …

:::::::::::::::::::::::::::::::::::

Se volete seguire la nostra esprienza di donna ecco cosa abbiamo scelto per noi: Yves Rocher e RITUALS

COSMESI SICURA (le leggi francesi, in questo campo, sono più severe di quelle italiane) :

OTTIMI E A BUON PREZZO, ANCHE PER REGALI ECOLOGICI:

—  Yves Rocher (negozi in tutte le grandi – medie città italiane); senza i veleni più noti con prezzi anche inferiori ai 10 euro.


  • Altro prodotto a buon prezzo e gradevole design, con i prodotti RITUALS: utilizzano ingredienti biologici ogniqualvolta sia possibile o alternative sicure; mai  utilizzati i parabeni . https://www.rituals.com/eng-it/home

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

LE AZIENDE ITALIANE CHE PRODUCONO SENZA VELENI:

Peccato che una volta entarti nel sito, ci è stato  impossibile vedere i prezzi e/o capire come acquistarli:

Vagheggi Phytocosmetici dal 1975; http://www.vagheggi.com/cosmetici/catalogo-prodotti/

Confort Zone;  https://www.comfortzone.it/it/

Soha; naturali al 93,3 – 99,9 % dalla Sardegna, mediamente costi dai 25 euro http://www.sohasardinia.com/filter.php?id_category=73&price=0-25

ANCHE LE STAR CAMBIANO ABITUDINI:

  • GWUYNETH PALTROW  “Non c’è niente di megli dell’olio d’oliva” come cosmetico e come detregente al posto dei costosi detergenti
  • CAMERON DIAZ ha cambiato stile di vita: auto ibrida, non mangia più schifezze, ma cibi semplici e genuini e lo scrive in due libri ” The body book ” e ” The longevity book “

:::::::::::::::::::::::::::::::

L’articolo è stato scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

COSA FARE QUANDO UNA MEDUSA…

Tempo di mare di bagni e di …meduse.

Medisa 672 vario mare esotico IMG_0399

Belle da vedere galleggianti nell’acqua; non piacevoli per un incontro ravvicinato.

Molte meduse, anche piccolissime, possono iniettare migliaia di arpioni sulla nostra pelle; ognuno  fa esplodere una vescica carica di liquido altamente tossico.

COSA FARE?

-NON FARSI PRENDERE DAL PANICO se si è in acque profonde, si deve raggiungere la riva continuando a nuotare, non fossennatamente, imponendosi di sopportare il dolore.

UNA VOLTA A RIVA:

-in caso di malessere generalizzato, palpitazioni cardiache ecc… subito da un medico; si potrebbe essere ipersensibili ed avere una crisi anafilattica

-in caso solo di bruciore forte localizzato, sedersi sdraiarsi all’ombra ; coprirsi se si ha freddo

-gli impacchi di ghiaccio leniscono il dolore

-NON usare ACQUA DOLCE per lavare la parte dolorante !!

-Non mettere DISINFETTANTI

-NON mettere TINTURA DI IODIO: a contatto con la sostanza irritante può provocare necrosi nei tessuti!

Con UNA CARTA DI CREDITO o similare, raschiare la superficie della pelle dolorante per rimuovere i frammenti dei tentacoli rimasti nella pelle

Solo su ordinazione medica usare: pomate antistaminiche (DIMINUISCONO IL GONFIORE, ARROSSAMENTI E BRUCIORI); potreste avere delle controindicazioni

Malati immaginari di intolleranze ! ? – Tutti celiaci & c. ? O è molto business ?

Un rapporto dell’Isitituto Superiore di Santà, spiega che in Italia ci sono circa 5 MILIONI di malati immaginari, che comprano prodotti privi di glutine, senza averene un valido motivo.

Sono solo 180.000 i VERI celiaci, intolleranti al glutine, in Italia ( lo dice Marco Silano, direttore del Dipartimento di Sicurezza Almentare all’Iss ).

Gino Roberto Corazza, del Policlinico di Pavia, ha riunito 60 consumatori di prodotti senza glutine e ha somministrato loro una pastigia, senza specificarne il contenuto, solo due persone hanno dichiarato di avere avuto problemi. La pastiglia era un concentrato di glutine.

Il tema è quasi scabroso; in un momento in cui va di moda parlare di intolleranze, noi vi riportiamo alcuni dati scientifici per aiutarvi a guardare questo problema nella giusta dimensione.

Le persone con il colon irritabile vengono spesso invogliate a seguire una dieta gluten free che, sempre secondo  Marco Silano, non ha nessuna spiegazione scientifica valida.

Inoltre va detto che moltissime persone soffrono di digestione lenta, ma per mille motivi diversi, anche se il glutine, in questo caso, può veramente peggiorare la situazione. Ma sono le cause della digestione lenta che andrebbero individuate; non usare un palliativo per alleggerire un disturbo, comunque presente e causato da altro.

 

 

Salute Gravidanza – Analisi per non trasmettere malattie genetiche

Gravidanza –  Le analisi preimpianto del globulo polare aiutano a non trasmettere malattie genetiche

Hanno come vantaggio quello di non andare a toccare in alcun modo l’embrione

ProCrea presenta due studi al congresso Eshre

Tra i principali centri al mondo per le analisi genetiche preimpianto, la clinica di Lugano è presente al 33esimo appuntamento della European Society of Human Reproduction and Embryology in programma a Ginevra dal 2 al 5 luglio

Tra i principali centri al mondo per le analisi genetiche preimpianto, la clinica di Lugano è presente al 33esimo appuntamento della European Society of Human Reproduction and Embryology in programma a Ginevra dal 2 al 5 luglio

 Le analisi genetiche preimpianto sono un valido strumento per i casi di maternità in età avanzata e per prevenire le malattie genetiche trasmissibili per via materna.

Il centro per la fertilità ProCrea di Lugano presenta al 33esimo congresso Eshre – European Society of Human Reproduction and Embryology – in programma a Ginevra dal 2 al 5 luglio, due lavori che si sono focalizzati sul globulo polare. Del resto, ProCrea è tra i centri con la maggiore esperienza a livello mondiale sulle analisi dei globuli polari.

«Parliamo di analisi che hanno come vantaggio quello di non andare a toccare in alcun modo l’embrione. Anzi, il globulo polare, essendo un cosiddetto “prodotto di scarto”, non ha nessuna funzione e non sarà parte dell’embrione», spiega Giuditta Filippini, direttore di ProcreaLab il laboratorio di genetica molecolare del centro ProCrea.

«La diagnosi genetica preimpianto (PGD) permette di prevenire la trasmissione di una malattia genetica di origine materna al figlio in quanto verifica se la mutazione familiare materna è presente oppure no nell’ovocita che genererà l’embrione; lo screening sui globuli polari (PGS) consente invece di individuare l’ovocita senza alterazioni cromosomiche, quello che ha una maggiore possibilità di portare ad una gravidanza».

Filippini presenta al congresso Eshre uno studio condotto sulla gravidanza nelle donne in età avanzata, «quando per età avanzata intendiamo dai 36-38 anni in avanti», precisa.

È ormai assodato nel mondo scientifico che l’età sia il maggior ostacolo alla gravidanza. «L’orologio biologico femminile incide in modo determinante sulla capacità riproduttiva perché uno dei fattori che impedisce la gravidanza è la composizione cromosomica “non normale” degli ovociti prodotti.

Numerosi studi dimostrano che nelle donne di età superiore ai 36 anni gli embrioni aneuploidi – ovvero con un numero di cromosomi anormale – vanno dal 63% fino a oltre l’80%, invalidando la possibilità di rimanere incinta».

Attraverso una tecnica molto sensibile detta Array-CGH, lo screening preimpianto analizza tutti i cromosomi sia per quanto riguarda il loro numero, sia per eventuali anomalie più sottili all’interno di essi.

«Facendo così  è possibile individuare l’ovocita con i parametri normali, quello che ha una maggiore probabilità di dare origine ad una gravidanza», aggiunge la direttrice di ProcreaLab. «I risultati che abbiamo ottenuto nello studio sono significativi, con tassi di gravidanza decisamente elevati rispetto al gruppo di controllo».

L’analisi del globulo polare è utile anche nella prevenzione delle malattie genetiche di origine materna. Al congresso Eshre, Marina Bellavia, specialista in medicina della riproduzione del centro ProCrea presenta due casi relativi alla Sindrome dell’X Fragile e alla malattia di Gaucher.

La prima è  responsabile del ritardo mentale ereditario, la seconda del funzionamento alterato di milza, fegato e midollo osseo che, nelle forme più gravi, può arrivare a manifestazioni neurologiche.

«I casi analizzati riguardano due donne, rispettivamente di 35 e 37 anni, con elevate probabilità di trasmettere ai loro figli queste malattie genetiche», spiega Bellavia. «Con la PGD siamo riusciti a individuare gli embrioni senza la mutazione. E dall’impianto di questi, sono nati due splendidi bambini».

ProCrea – Con una lunga esperienza nel campo della medicina della riproduzione, ProCrea è il maggiore centro di fertilità della Svizzera ed è un polo di riferimento internazionale. ProCrea è composto da un’équipe professionale di medici, biologi e genetisti specialisti in fisiopatologia della riproduzione. Unico centro svizzero ad avere al suo interno un laboratorio accreditato di genetica molecolare (www.procrealab.ch), ProCrea esegue analisi genetiche per lo studio dell’infertilità con tecniche d’avanguardia. La sede principale è a Lugano in via Clemente Maraini, 8. www.procrea.ch.

 

Salute è nella flora intestinale – cosa è la flora intestinale ?

BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI PER SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SAREBBE PIÙ SANO.

Quanto più la nostra flora intestinale è varia e ricca, tanto più godiamo di buona salute e metabolizziamo (ovvero bruciamo) le calorie che ingeriamo con il cibo (ovvero rimaniamo in forma, senza ingrassare).

Dopo molti anni di ricerca sulle diete, Tim Spector, docente di epidemiologia al King’s College di Londra e con 500 studi scientifici pubblicati, è giunto alla conclusione di cui sopra.

E’ noto come  i francesi abbiano una dieta a base di vino, formaggi, salse e carni grasse; vedi anatra, oca  ecc.. , nonostante questo hanno meno malattie cardiache rispetto agli inglesi ed una vita media più alta di quattro anni rispetto agli americani.

PERCHÉ ?

Secondo il prof. Spector tutto si spiega con i microbi contenuti nei formaggi, nello yogurt e nel vino.

Più la produzione di questi cibi è artigianale più vario e alto è il numero dei batteri che nello stomaco e nell’intestino favoriscono una sana assimilazione del cibo.

Anche la dieta mediterranea è ricca di batteri; ma solo se i prodotti sono genuini; l’olio extra vergine deve esserlo veramente e non solo sull’ eltichetta ecc..  ( a questo proposito vedi al link: https://www.donnecultura.eu/?p=8439 ).

I polifenoli, contenuti nell’olio extravergine anche di arachidi (purché di sole arachidi si tratti veramente e non solo perchè scritto in etichetta !! ), ma anche nella frutta  e verdura, sono ricchi di batteri.

Per batteri intendiamo quelli buoni, quelli che aiutano a mantenerci in salute e non i batteri dannosi.

COSA UCCIDE I BATTERI BUONI ?

 Gli alimenti industriali , l’eccesso di zuccheri, le bibite come la Coca Cola, i thè preconfezionati pieni di zuccheri …  tutti i cibi pronti … gelati, biscotti anche artigianali; perché quasi sempre contengono molti ingredienti eguali e quelli industriali (costano molto meno).

COSA AIUTA I BATTERI BUONI ?

Correre, camminare, muoversi, anche fare le pulizie di casa, le scale invece dell’ascensore… tutto il movimento fisico aiuta la produzione di batteri buoni che producono il butirrato, un acido grasso che aiuta a mantenere in forma il nostro sistema immunitario.

LA RICERCA DEL PROF. SPECTOR HA EVIDENZIATO UNA CONTINUA DIMINUZIONE DI VARIETA’ MICROBIOTICA (batteri), NEGLI ULTIMI DECENNI.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA DIMINUZIONE DELLA VARIETA’ DI BATTERI PRESENTI NEL NOSTRO ORGANISMO ?

L’EPIDEMIA DI ALLERGIE CHE È IN ATTO è una delle tante evidenze di cosa vuol dire avere meno varietà di batteri a disposizione.

Malattie autoimmuni, diabete, obesità …

E PENSARE CHE BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI IN OGNI SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SARÀ PIÙ SANO !

Salute – Occhi in pericolo senza buoni occhiali

ATTENTI AGLI OCCHI DEI VOSTRI BAMBINI !!!
I raggi del sole danneggiano più gli occhi della pelle
Occhiali da sole chiari o scadenti NON servono
Per la pelle basta esporsi al sole solo nelle ore meno calde o usare abiti leggeri ma coprenti, ma per gli occhi è tutto diverso !
Allarme sotto l’ombrellone:
3 italiani su 10 in vacanza senza occhiali da sole.
Per prevenire i rischi e proteggere gli occhi sotto il sole estivo cinque consigli degli esperti.

Solo il 60% degli italiani utilizza gli occhiali da sole, e di questi il 30% non li indossa mai, il 18% raramente e solo il 52 % li ritiene “indispensabili. Appena il 17% ne possiede più di un paio, e in troppi cedono alle offerte low cost.

Questi gli ultimi dati diramati dalla Commissione Difesa Vista che sottolinea come gli occhi, soprattutto in estate, vadano protetti dagli agenti esterni che potrebbero danneggiarli, in primis il sole.

L’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti e alla luce blu può provocare danni acuti e cronici agli occhi”, avverte il Dott. Andrea Giani, Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia e Ricercatore presso l’Università degli Studi di Milano.

“L’esposizione prolungata al sole senza protezione o con un occhiale non idoneo può portare a disfunzioni della superficie oculare. Inoltre, secondo alcuni studi, a lungo termine ciò potrebbe contribuire allo sviluppo di patologie croniche come cataratta e maculopatie.

Per questo è necessario imparare a proteggersi in maniera adeguata”.

Infatti, a preoccupare sono soprattutto le giovani generazioni e gli anziani: sono loro a rischiare più degli altri, e invece soltanto l’11% dei giovanissimi e il 10% degli over 55 utilizza lenti protettive con regolarità.

Addirittura il 60% dei piccoli fra 2 e 6 anni non ha mai inforcato un occhiale da sole, benché gli occhi degli under 15 siano i più delicati e bisognosi di uno schermo ad hoc e di qualità.

Gli occhiali da sole, inoltre, andrebbero scelti a seconda delle proprie esigenze e della situazione di utilizzo.

“Non tutti gli occhiali sono uguali” – raccomanda lo specialista.

“Qualche esempio: durante lo sport servono lenti resistenti agli urti e in grado di proteggere dai raggi UV anche in condizioni di performance estreme.

Alla guida occorre prestare attenzione alla colorazione delle lenti per garantire una adeguata protezione senza pregiudicare la visione nel passaggio dalla luce al buio delle gallerie.

Non stiamo parlando quindi solo di un vezzo modaiolo ma di uno strumento che deve rispondere a criteri ben precisi”.

Ecco una serie di consigli utili forniti dal Dott. Andrea Giani:

1. Indossa un cappello con la visiera, protegge il viso;

2.Stai attento alla luce che si riflette sulla sabbia o sull’acqua: intensifica l’esposizione al sole;

3.Tieni d’occhio l’ora: gli occhi sono esposti a maggior rischio di danno solare tra le 10 di mattina e le 2 di pomeriggio poiché i raggi solari sono più intensi.

4.Proteggiti con qualsiasi condizione atmosferica: i raggi UV possono danneggiare gli occhi anche quando il tempo è nuvoloso;

5.Mangia verdure a foglia verde e frutti ricchi di antiossidanti, vitamina A, C ed E. La luteina e la zeaxantina sono sostanze antiossidanti ritenute particolarmente benefiche per mantenere gli occhi in buona salute. La luteina si trova nei peperoni gialli, nel mango e nelle verdure a foglia verde. Broccoli, mais, arance e uova sono buone fonti di zeaxantina;

6. Scegli gli occhiali più adatti a te. Ricorda che il tuo ottico di fiducia e l’oculista di riferimento sono le persone più adatte a rispondere alle tue esigenze visive.

::::::::::::::::::

A voi scegliere la vostra marca preferita.

Qui sotto, se volete, potete trovare i suggerimenti di una delle più famose e serie società produttrici di lenti; la Zeiss

Proprio per rispondere a queste esigenze, ZEISS, azienda leader nel settore dell’ottica e da sempre attenta a trovare le soluzioni più innovative per rispondere alla richieste dei propri clienti, offre la possibilità di decidere la colorazione preferita per la propria lente oftalmica, garantendo sempre un’alta qualità del trattamento e una totale protezione. E’ possibile scegliere fra tre segmenti, per rispondere alle diverse esigenze dei consumatori: Urban, Drive e Active.

ZEISS URBAN: COLORI TRENDY E SPECCHIATURE FASHION

La linea ZEISS Urban è pensata per tutti coloro che indossano gli occhiali da sole tutto il giorno e con intensità di luce differenti. Questa linea di colorazioni permette una personalizzazione al 100% offrendo una selezione di oltre 50 colori, tra cui 34 soluzioni a tinta unita, 14 sfumate e 4 doppie sfumate, per adattarsi alle esigenze di stile di ogni persona, oltre alla possibilità di scegliere colorazioni al campione. Per le fashion victim sono state ideate anche 4 specchiature di tendenza, il must-have dell’estate 2017, che includono l’antiriflesso ZEISS DuraVision® Sun sulla superficie interna delle lenti.

ZEISS DRIVE: SICUREZZA E COMFORT ALLA GUIDA

Sentirsi sicuri e confortevoli quando le condizioni luminose cambiano e uno dei principali bisogni di chi guida. Quando ci si imbatte nei riflessi provocati dal sole, specialmente sul manto stradale e sul parabrezza, risulta fondamentale avere la giusta lente per evitare spiacevoli e pericolose situazioni.
La soluzione che ZEISS ha ideato per tutti coloro che passano molto tempo alla guida è il segmento ZEISS Drive che racchiude lenti polarizzate che garantiscono una perfetta protezione dai raggi solari e la gamma di lenti ad alte performance SkyLet, esclusiva di ZEISS.

ZEISS ACTIVE: LENTI DA SOLE PER GLI SPORT ADDICTED

In Italia una persona su quattro pratica sport all’aria aperta. Di questi, il 79% indossa occhiali da sole e, con l’arrivo dell’estate, il numero è destinato ad aumentare. Per questa fetta di popolazione, i laboratori ZEISS propongono la gamma ZEISS Active ideata appositamente per tutti gli amanti delle attività in esterno, che offre non solo una protezione dai raggi UV, ma anche da fenomeni come vento, riverbero e acqua.
Colori ad alte performance, innovative specchiature e la tecnologia Cosmetic Edge® per lenti avvolgenti, unitamente al trattamento DuraVision® Sun, per abbattere i riflessi sulla superficie interna, rendono queste lenti un prodotto indispensabile per tutti gli sport addicted. I colori e le 4 specchiature della collezione ZEISS DuraVision® Mirror completano l’offerta, contribuendo a fornire un look ad hoc e una visione senza limiti.

Salute – Eccellenza italiana in Sicilia i trapianti

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti)

E’ in Sicilia l’ospedale di eccellenza per trapianti dell’area mediterranea

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) lavora in diretta relazione con l’ UPMC (University of Pittsburgh Medical Center)

Un centro italiano dove si rispettano i paramentri dei migliori centri mondiali come, in questo caso, lo University of Pittsburgh Medical Center

Il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi

SIAMO IN ITALIA, SIAMO IN SICILIA, MA I PARAMETRI CHE VALUTANO questi medici specialisti e questo ospedale, sono rigorosissimi (negli USA obbligatori) e la commissione che giudica segue i medesimi principi utilizzati negli Stati Uniti.

Non a caso questo è stato il primo ospedale in Europa, nel 2009, ad avere status 6; il massimo (ora riconosciuto anche ad altri ospedali; in Italia in Lombardia e Veneto).

La logica che si segue è quella della piena sicurezza del paziente e dell’ottenimento di un miglioramento continuo; coinvolgendo il personale in un modo decisamente diverso da come avviene, per ora, in genere in Italia.

Cosa è l’ISMETT ?

-Una struttura che, tra l’altro, fa ritornare in Italia specialisti che hanno lavorato all’estero.

-In vent’anni di attività sono stati eseguiti oltre 1900 trapianti (207 pediatrici), più di 300 da donatore vivente; per fegato e rene.

-78 posti letto (16 per terapia intensiva e rianimazione).

-Nel solo 2016: 2.800 ricoveri.

-Personale medico: assunto dall’UPMC e corrisponde a 260 dipendenti (oltre alle oltre a 600 persone assunte dall’ISMETT direttamente).

-L’Azienda ospedaliera Civico Di Cristina Benfratelli, possiede il 55% delle quote, mentre le restanti sono in mano alla Pittsburgh University.

Perché centro di eccellenza ?

-primo trapianto al polmone su paziente sieropositivo (2007 prof. Bruno Gridelli)
-primo trapianto di rene su paziente hiv positivo (2009)

-primo trapianto di polmoni utilizzando tecniche del ricondizionamento di polmone ex-vivo (2015)

-primo prelievo di lobo epatico per trapianto con tecnica robotica mini-invasiva (2012).

-primo centro ospedaliero con l’informatizzazione, che permetta l’inserimento della cartella clinica elettronica (1999)

-primo ospedale in Europa con certificazione (indipendente) dalla Joint Commission International (JCI); riconosciuta dall’Oms per la valutazione di strutture sanitarie (2009)

-unico centro in Italia che dispone di sorveglianza domiciliare dopo il trapianto; grazie a monitor e dispositivi medici.

::::::::

::::::::

Scegliere di destinare il 5×1000 a ISMETT è semplice e non costa nulla. Basta inserire il codice fiscale dell’Istituto 04544550827 nella casella della vostra dichiarazione dei redditi riservata al “Finanziamento alla Ricerca Sanitaria” e poi firmare.

Altre informazioni su questo centro al link https://www.ismett.edu/it/

:::::::

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza.

Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Anche i bambini, qui vengono curati nell’eccellenza.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto.

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure. Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”.

 

Dott. Mario Traina; Chief of Endoscopy Unit at ISMETT IRCCS

Lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. Grazie alla sua esperienza ha contribuito allo sviluppo di attività di formazione e ricerca presso l’Istituto. Ha condotto diversi progetti di ricerca su pazienti cirrotici trapiantati con complicanze sulle vie biliari e ha sviluppato terapie innovative per il trattamento delle lesioni neoplastiche del colon, per il trattamento di pazienti obesi e diabetici e di pazienti con complicanze di pancreatiti acute. Ha partecipato a trial multicentrici italiani ed è autore di più di 130 articoli pubblicati su riviste con peer-review e di 16 capitoli di libri.

Recente visita all’ ISMETT IRCCS, del gruppo di giornalisti UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Il Dott. Antonio Arcadipane è il Direttore del Dipartimento di Anestesia e terapia intensiva presso ISMETT, ruolo che ricopre dal 2003.

Persegue le sue finalità operative e di assistenza secondo le linee guida delle maggiori società scientifiche, curando l’aggiornamento continuo e la formazione dei medici e del personale non medico.

Il prof. Salvatore Gruttadauria, lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. E’ stato il primo chirurgo siciliano ad eseguire un trapianto di fegato in Sicilia. Da maggio del 2017 si occupa del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali. Da aprile del 2016 ricopre anche il ruolo di Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.
Dall’aprile del 2016 è responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.

 

Nel mese di maggio 2017, un gruppo di giornalisti iscritti all’UGIS, ha visitato il centro ed ha partecipato all’inaugurazione del nuovo settore; compresa una parte dedicata alla pediatria.

Durante la visita, alcuni specialisti del settore, hanno illustrato ai giornalisti il funzionamento di questo centro di eccellenza.

Uno speciale ringraziamento a coloro che hanno aiutato i giornalisti a capire come funziona questa eccellente “macchina della salute”