Archivi categoria: per nostri bambini

salute dei bambini

Salute – I batteri sono anche nostri alleati

I BATTERI NON SONO SEMPRE I NOSTRI NEMICI

I batteri non vanno combattuti come fossero solo un nemico per la salute

3 milardi di batteri vivono dentro e su di noi; per un peso totale di 2Kg.

Molti batteri sono alleati della salute

Vivere in ambienti sterili non ci preserva dalle malattie, ma ci espone ad allergie (vedi al link https://www.donnecultura.eu/?p=38521)e problemi anche intestinali.

Infatti, gli americani (USA) sono famosi tra i viaggiatori perché, abituati a cibi sterili, vengono facilmente colpiti da dissenteria durante i viaggi in paesi esotici; molto di più rispetto ad altre popolazioni (Americani del centro-sud, europei ed asiatici).

E’ sbagliato nutrirsi sempre con i medesimi alimenti, preconfezionati (piatti vari, verdure, pizze e sughi pronti, scatolame ecc…) con una carica vitaminica pari a zero.

Questo comportamento alimentare provoca, nel tempo, un grave impoverimento del microbiota intestinale ed ecco che arrivano intolleranze, problemi digestivi e disagi psicologici.

La fermentazione è un modo sano e antico di conservare il cibo. La fermentazione si basa su di una grande produzione di batteri; che rendono anche il cibo più digeribile.

Tra gli alimenti fermetati che consumiamo ancora oggi: pane, caffè, tè, alcuni formaggi, salumi, cioccolata, vino, yogurt, ecc…

Tutti questi cibi sono stati modificati dalla capacità di trasformazione dei microorganismi (batteri).

I batteri sono, nella loro maggioranza, nostri preziosi alleati.

La guerra ai batteri, a parte quelli patogeni e pericolosi, è una guerra contro noi stessi e la nostra salute.

Quindi impariamo a non averne terrore (ma ovviamente  prendere anche seri provvedimenti per diferderci da quelli veramente pericolosi).

Per fare un esempio;  la conservazione tramite fermentazione può essere paragonata ad una pre-digestione. I microrganismi (batteri) della fermentazione, rendono più digeribile il cibo semplificando alcune sostanze presenti. Inoltre l’azione dei batteri buoni, rende innocue anche sostanze molto tossiche e fa sparire sostanze difficili da digerire

Nella fermentazione delle verdure (es. crauti), i batteri generano acido lattico o acetico e rendono inospitale l’ambiente ad altri microrganismi “concorrenti” ed a volte molto nocivi;  come l’ Escherichia coli , la salmonella, il botulino.

Inoltre, recentemente gli chef più famosi e quotati del mondo, studiano continuamente nuove fermentazioni per offrire al palato dei clienti nuovi stimolanti sapori.

Quindi non è fuoriluogo dire viva i batteri (quelli buoni).

SALUTE – VIVERE A LUNGO – Vivremo più a lungo ? Perché ?

Le statistiche ci dicono che viviamo sempre più a lungo.

In realtà queste statistiche si riferiscono alla generazione che oggi ha 80-100 e più anni.

Questa generazione (degli attuali ottantenni),  è una generazione che proviene da una forte selezione naturale; allora molti bambini morivano alla nascita o ancora piccolissimi, non esistevano antibiotici. Le due Guerre Mondiali hanno selezionato brutalmente e hanno imposto anche lunghi periodi di privazioni alimentari.

Inoltre, gli attuali ottantenni-novantenni, per la maggior parte della loro vita hanno avuto a disposizione poco cibo molto sano (nulla di tutti quegli additivi e funghicidi, antibiotici e ormoni nella carne, pesci di allevamenti con mangimi sempre più scadenti e meno costosi , conservanti, pesticidi ecc…).

Per non parlare delle migliorate condizioni di vita degli ultimi anni; inteso come medicinali antibiotici, anticoagulanti, anti fibrillazione, anti-colesterolo, operazioni al cuore, cure avanzatissime contro il cancro ecc…

Cure che sempre meno persone potranno permettersi nel futuro, visto che i farmaci saranno sempre più efficaci, ma anche molto più cari di quelli attuali e le assistenze sanitarie non potranno permetetrsi di sostenere quel genere di costi; che già cominciano a influenzare le scelte dei medicinali.

Da anni, dal mese di ottobre, alcuni medicinali sono sostituiti con altri perché gli ospedali non hanno più i finanziamenti necessari per arrivare alla fine dell’anno (sono dati controllabili, non di fantasia).

Quindi, non è logico sostenere che se l’attuale generazione di ottantenni, noventenni e centenari ha enormemente aumentato l’aspettattiva di vita, avverrà altrettanto per il futuro di tutta l’umanità.

Le stesse statistiche hanno già rilevato negli ultimi anni una continua e costante  inversione di rotta. Molti pensionati rinunciano a curarsi già oggi; sono una minoranza, ma cosa accadrà in futuro ?

Secondo le nuove statistiche, se abbaimo meno di 50 anni,  vivremo meno a lungo dei nostri genitori (escludendo chi potrà rivolgersi a cure pagate privatamente, che promettono un futuro sano almeno sino a 120 anni).

Salute – Attenzione alla protesi …. implantologia da imbroglio ?

Imbrogli sulle protesi / implantologie, ma per la legge italiana è legale

Vergognosi cavilli legali

Protesi dentaria di minore qualità e il paziente ha TORTO in tribunale !!!!

La legge italiana, lo scrivono i più noti quotidiani, ha dato torto al cliente di un dentista che aveva pagato per una protesi dentale in ceramica e aveva poi scoperto, perché ricoverato in ospedale per problemi di masticazione, che era di qualità enormemente inferiore; ovvero di resina.

La sentenza è della Cassazione, che ha assolto il dentista milanese di 51 anni che ha guadagnato ben 10.000 euro, sostituendo la protesi di ceramica promessa nel contratto, con una di più volgare e meno resistente resina.

La spiagazione della Cassazione: le accuse di frode che sono valide per  qualsiasi attività eocnomica, non lo sono per il dentista …. “attività ontologicamente diverse non assimilabili”.

NOI DICIAMO: vergognosi cavilli legali.

DOVE SONO LE ASSOCIAZIONI PER LA PROTEZIONE DEL CONSUMATORE, COSI’ NUMEROSE IN TUTTA ITALIA  ???

 

 

Raffreddore – influenza e malattie tipiche della stagione fredda – Cure naturali o medicine che ci guariscano il più in fretta possibile ?

CIBI BASICI PER LA NOSTRA SALUTE

Aiuti dalla natura contro i malanni invernali.

Premesso che se abbiamo la febbre alta dobbiamo ricorrere al medico e se ci troviamo di fronte a bronchiti e broncopolmoniti, ovvero a qualunque sintomo di malattia grave, è indispensabile una adeguata cura con medicinali, vediamo come curare i malanni più comuni e più leggeri.

A volte bastano una o più giornate a letto al caldo. Come prescriveva il vecchio dottore.

NON DIMENTICHIAMO CHE IL NOSTRO ORGANISMO CI MANDA MESSAGGI IMPORTANTI: LA FEBBRE CHE CI COSTRINGE A LETTO CI AVVISA CHE ABBIAMO MESSO SOTTO STRESS IL NOSTRO CORPO (per un colpo di freddo, per eccesso di lavoro, per una sofferenza psicologica ecc…) E QUINDI E’ NECESSARIO PRENDERE UN MOMENTO DI RIPOSO.

SE VOGLIAMO MANTENERE IL CORPO IN SALUTE E NON ARTIFICIALMENTE SENZA FEBBRE.

Oggi, per mandare subito i bambini all’asilo o a scuola, per non fare assenze sul lavoro, ecco che si chiede al medico di darci la medicina che ci guarisca il più in fretta possibile.

Dalla natura:

Echinacea e Astragalo, sono veri e proprio alleati del nostro sistema immunitario; ovvero ci aiutano a tenere lontane le malattie (troviamo gli estratti di queste piante in tutte le farmacie).

L’Echinacea è utilizzata in fitoterapia per le sue grandi proprietà immunostimolanti e capacità di aumentare la resistenza alle infezioni; specialmente da malattie da raffreddamento e da stati influenzali.

L’Astragalo è una pianta della famiglia delle Fabaceae conosciuta per le sue proprietà immunostimolanti e disintossicanti; ottimo per evitare le malattie da raffreddamento.

COSA CONSIGLIAVA LA NONNA ?

STARE A LETTO, AL CALDO, sino a che passano la febbre e la stanchezza.

Bere spremute di arancio e mangiare frutta fresca; NO A QUALUNQUE TIPO DI SUCCO (contengono molto zucchero, acqua e comunque, almeno i conservanti, che provocano i bruciori allo stomaco).

PER GUARIRE E MANTENERSI SANI:

Cibi alcalini (ph maggiore di 7),  cibi acidi (con ph minore di 7); non si devono eliminare del tutto i cibi acidi, ma preferire i cibi basici; detti anche  alcalini.

SEGUIRE UNA DIETA CHE ABBIA PIU’ CIBI BASICI CHE ACIDI

Il PH acido è fortemente dannoso perché:

-rallenta il metabolismo (bruciate meno calorie e quindi tenderete ad ingrassare)
favorisce la conservazione del grasso e l’aumento dell’appetito.

Seguire una dieta alcalina:

70-80% di cibi alcalini
20-30% di cibi acidi

Cibi basici:

-frutta, anche mandorle

-verdura

-yogurt

-olio di ottima qualità

CIBI MOLTO ALCALINI: asparagi, pepe di cayenna, meloni e angurie, cetrioli.

Cibi acidi;

acidificano il sangue e sottraggono all’organismo i sali minerali  (solo se hanno la prevalenza sui cibi basici, ovvero: si mangiano più cibi acidi che basici):

-bibite alcoliche, dal vino alla birra

-BIBITE GASATE

-pizza

-scatolame

-cibi pronti

-cereali (pasta, pane, riso, farine  …)

formaggi lavorati con prodotti chimici, come le sottilette (contengono conservanti)

-dolci e gelati (con conservanti, addensanti, coloranti, aromi allergenizzanti e grassi che non favoriscono uno stato di buona salute)

-insaccati

-biscotti…

CIBI POCO ACIDI: carne, pesce, legumi, frutta secca, latticini .

NOTA: Il limone, per esempio, ha un pH molto basso ed è considerato un alimento alcalino, poiché le sue parti acide sono di natura organica e quindi vengono facilmente metabolizzate dall’organismo, mentre quelle basiche e inorganiche permangono nel nostro organismo più a lungo.

Come curarsi e prevenire:

-PRIMO IN ASSSOLUTO; NON FARSI MAI MANCARE UN SONNO RISTORATORE

-evitare, per quanto possibile, ogni situazione che comporta uno stress eccessivo e prolungato nel tempo

-mangiare regolarmente e sano

-evitare di mangiare fuori casa regolarmente; meglio un panino, ma che sia preparato da noi con ottimi ingredienti e magari pane di segale (evitare piatti pronti- espressi, tipo lasagne e pizza che sono di fabbricazione industriale; è difficile che in pizzeria troviate dell’ottima mozzarella e dell’ottimo olio o pomodoro; di solito sono di qualità molto scadente per aumentare i guadagni)

Al mattino sempre un cucchiaio di miele e un frutto o un cucchiaio di buona marmellata (su di una fetta di pane).

La sera, quando fa freddo, coricarsi con un bicchiere di latte e miele (ma dovete togliere qualcosa alla vostra cena, altrimenti aggiungete calorie alla dieta).

Oggi si demonizza il latte perché costa poco e poi si consigliano i vari latti di soia o altro, la maggioranza di questi, SE LEGGETE BENE L’ETICHETTA, contiene molti zuccheri e acqua … e anche se non lo dicono, sempre contengono antiossidanti come conservanti che provocano bruciori allo stomaco …

Unicef – 17 milioni di bambini respirano aria molto inquinata

Ci voleva un nome famoso per poter dire la verità sull’inquinamento dell’aria (le sigarette sono solo una piccola parte rispetto ai veleni scaricati dalle auto, specie se diesel, e dall’industria)

-Nell’inchiesta UNICEF si parla solo di Asia e Oceania, ma  da noi?

-Più sotto noi precisiamo cosa riportano i nostri quotidiani sull’inquinamento nelle nostre città; si parla di superamento di 36 volte dei limiti….91.000 morti in Italia (all’anno!), 66.630 sono per le polveri sottili PM2,5, 21.040 per il biossido di azoto (NO2), 3.380 per l’ozono (O3)

La cosa più triste è che la maggioranza della popolazione mondiale, e l’Italia non è da meno, non è nemmeno in grado o non vuole, capire quanto la situazione non sia frutto dei soliti pessimismi, ma realtà scientifica che tutti noi, anche se parzialmente, potremmo contribuire a migliorare.

Monossido di azoto, micro particelle velenose, una concentrazione altissima di Anidride Carbonica come la terra non conosceva da millenni … tutto questo sta minando la nostra salute, ma l’uomo accecato da un cieco egoismo, sta preparando un triste futuro ai propri figli e nipoti.

3 milioni e mezzo i morti nel mondo per inquinamento ambientale

Finalmente nessuno nega più che le sostanze inquinanti non solo danneggiano i polmoni in via di sviluppo nei bambini, ma possono anche danneggiare permanentemente il loro sviluppo cerebrale.

17 milioni i bambini con meno di un anno di età che vivono in aree in cui l’inquinamento atmosferico è di almeno sei volte superiore ai limiti internazionali fissati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms)

Le immagini satellitari, hanno mostrato che in Asia Meridionale si trova la maggior concentrazione di bambini che vivono in aree duramente colpite da malattie causate dall’inquinamento; 12,2 milioni.

Nell’Asia dell’Est e nel Pacifico vivono altri 4,3 milioni di bambini in aree in cui l’inquinamento supera di 6 volte i limiti.

MA COSA SUCCEDE DA NOI ???

Ecco i titoli di quotidiani italiani

L’ITALIA è tra i peggiori paesi europei per l’inquinamento atmosferico che fa più morti degli incidenti stradali con 1.500 decessi per milione di abitanti

Lo rivela il rapporto “La sfida della qualità dell’aria nelle città italiane” presentato al Senato dalla Fondazione sviluppo sostenibile. … Dei 91.000 morti in Italia, 66.630 sono per le polveri sottili PM2,5, 21.040 per il disossido di azoto (NO2), 3.380 per l’ozono (O3). (Repubblica 29.9.17)

-Italia avvolta dalle polveri sottili: 2017 inizia con livelli record. Pm10 oltre tre volte i limiti di legge

-Analizzando le cifre presenti sul sito dell’Arta, si evince che, sommando i valori nelle zone di Pescara rilevate, la presenza di polveri sottili ha oltrepassato il limite 124 volte da gennaio a oggi (Il Centro)

-Milano – La concentrazione media giornaliera a Milano supera di tre volte il limite consentito (50 microgrammi/metrocubo). E fa registrare picchi di 161 microgrammi al Verziere e di 191 a Limito. Un record assoluto nella regione. (Corriere della Sera)

Per le polveri sottili PM2,5 si contano nel nostro Paese 1.116 morti premature all’anno per milione di abitanti, contro una media europea di 860. La zona dove il particolato fine uccide di più è l’area di Milano e hinterland, poi Napoli, Taranto, l’area industriale di Priolo in Sicilia, le zone industriali di Mantova, Modena, Ferrara, Venezia, Padova, Treviso, Monfalcone, Trieste e Roma.
-Smog, inquinamento 34 volte oltre i limiti: nel 2015 Milano è già fuorilegge ( Repubblica)

 

Salute – CANCRO INFANTILE SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI

CANCRO INFANTILE: FIAGOP, COMMISSIONE EUROPEA DISATTENDE PROMESSE SULLO SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI ONCOLOGICI PEDIATRICI

Il Regolamento Europeo pediatrico, nato per migliorare la salute dei bambini facilitando lo sviluppo e la disponibilità di farmaci adatti alla loro età, a dieci anni dalla sua introduzione registra degli insuccessi soprattutto nel campo della medicina oncologica infantile.

Dal 2007 a oggi, sono stati sviluppati solamente due farmaci oncologici ad uso pediatrico.

La Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP) si appella alla Commissione UE per chiedere modifiche specifiche al regolamento al fine di sviluppare nuovi medicinali e terapie per il cancro pediatrico e salvare la vita di molti bambini.

A 10 anni dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici restano ancora in gran parte disattese le speranze delle migliaia di bambini e adolescenti che, in Italia e in Europa, affrontano l’esperienza di cancro e che aspettano di poter ricevere cure adeguate.

È l’allarme lanciato da Angelo Ricci, presidente della Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP), che insieme a Unite2Cure – network europeo delle associazioni di genitori in oncologia – e la Società europea per l’oncologia pediatrica (SIOPE) non nasconde la preoccupazione che, almeno per i medicinali anti-cancro, l’industria farmaceutica resti concentrata sul potenziale di mercato negli adulti, piuttosto che sulle esigenze dei tumori infantili.

Stando alla fotografia scattata dalla Commissione Europea sui progressi compiuti nei primi 10 anni di vita del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici, in alcuni campi e per alcune malattie, la nuova regolamentazione ha dato riscontri positivi ma per l’oncologia, ad esempio, questo strumento è risultato inefficace.

La Commissione Europea non percepisce come urgente lo sviluppo di medicinali studiati espressamente per i bambini, che siano più sicuri, con meno effetti collaterali a breve e lungo termine – dichiara Angelo Ricci, presidente di FIAGOP, federazione che raggruppa alcune delle maggiori associazioni di genitori impegnate in tutta Italia a sostegno del bambino e dell’adolescente malato di tumore e della sua famiglia – Bambini e tumori, sono due parole che non dovrebbero incontrarsi mai eppure, ogni anno in Europa, il cancro è la causa principale di morte tra bambini e adolescenti, si contano circa 6.000 decessi in tutto il continente europeo.

Ad oggi, a 10 anni dall’introduzione del Regolamento, sono stati validati solamente due farmaci oncologici per i piccoli pazienti, tutti gli altri rientrano sotto la categoria off –label, cioè studiati per essere usati con gli adulti e, invece, riconvertiti per la popolazione pediatrica, con tutto quello che ne deriva in termini di efficacia e tossicità. Non solo, così facendo le forme tumorali più severe non vedranno migliorare le percentuali di guarigione Non possiamo più continuare a percorrere la strada dei farmaci off label, invochiamo un’azione urgente per accelerare la ricerca e l’innovazione in campo farmaceutico e offrire così cure migliori ai bambini che vivono l’esperienza di tumore”.

Il Regolamento Europeo dei Farmaci Pediatrici, introdotto nel 2007 dalla Commissione Europea con l’intento di incentivare e finanziare l’industria farmaceutica a sperimentare farmaci a uso esclusivo della popolazione pediatrica, prevede un Piano di Indagine Pediatrica che certifichi le potenzialità e l’efficacia del farmaco sui bambini. Questo iter decade qualora venga sviluppato un farmaco per una forma tumorale riconosciuta, al momento, solo nell’adulto, nonostante sia scientificamente provato che a fare la differenza per la guarigione non è solo la malattia in sé, ma l’azione del farmaco stesso.

La norma, inoltre, permette alle compagnie farmaceutiche possibilità di deroga dall’obbligo dello studio di medicinali in ambito pediatrico.

Di qui la richiesta alla Commissione Europea da parte di Angelo Ricci, insieme a Unite2Cure e Siope, di rivedere il Regolamento e fare pressione sulle compagnie farmaceutiche per avviare un piano di sperimentazione per farmaci, più efficaci e sicuri, a uso esclusivo di bambini e adolescenti con cancro infantile.

Per gli specialisti europei in oncologia pediatrica e le associazioni dei genitori dei bambini con tumore, tra gli aspetti correlati ai forti ritardi nel campo della sperimentazione di farmaci oncologici pediatrici rientrano: ampio ricorso a rinvii nell’applicazione del Regolamento, con conseguenti ritardi nello sviluppo di farmaci pediatrici, spesso fino a quando non sia garantita la loro introduzione sul mercato sulla base di una prescrittibilità nei tumori degli adulti; la mancanza di un adeguato disciplinamento del sistema di deroghe al Regolamento, cosa che offre alle aziende una facile opportunità per evitare l’obbligo dello sviluppo pediatrico dei farmaci, anche quando il meccanismo di azione di questi ultimi potrebbe essere efficace nel trattamento di alcuni tumori pediatrici.

GLI STATI UNITI APPROVANO IL RACE FOR CHILDREN ACT

Mentre in Europa, ogni possibile proposta di revisione del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici è rimandata al 2019, negli Stati Uniti la Food and Drug Administration (FDA) ha portato la legge al passo con la scienza approvando, l’agosto scorso, il RACE for Children Act, il quale stabilisce che vengano studiati nuovi medicinali per tutte le forme tumorali infantili per i quali il bersaglio molecolare del farmaco oncologico è rilevante.

Ufficio stampa FIAGOP c/o INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione: Federica Aruanno, cell.348.4151778 f.aruanno@inc-comunicazione.it

FIAGOP Onlus, Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica (www.fiagop.it), nasce nel 1995 con l’obiettivo di creare sinergie tra le Associazioni confederate e assicurare una rappresentanza istituzionale a livello nazionale e internazionale, presso enti pubblici e privati, per garantire ai bambini malati di tumore o leucemia il diritto alla salute, promuovere, anche attraverso i media, campagne di informazione, manifestazioni, seminari e convegni per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alle problematiche psicologiche e sociali dei bambini e ragazzi colpiti da tumore, dei guariti, e delle famiglie impegnate ad affrontare questo difficile percorso; sviluppare e facilitare i contatti con analoghe organizzazioni italiane ed estere; sostenere la ricerca nel campo dell’oncoematologia pediatrica. FIAGOP, è socio fondatore di CCI (Childhood Cancer International) e aderisce alla Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile che ricorre il 15 febbraio di ogni anno organizzando in Italia una manifestazione a forte impatto mediatico volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate al bambino e all’adolescente colpito da tumore. Le Associazioni federate, fondate e gestite da genitori di bambini colpiti da tumori o leucemie, sono nate in modo capillare sul territorio nazionale con lo scopo di abbattere la solitudine della malattia e offrire sostegno e aiuto concreto ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie. Operano presso gran parte dei centri di Oncoematologia Pediatrica aderenti ad AIEOP (Associazione Italiana Ematologia ed Oncologia Pediatrica) e si occupano di: attività di supporto di più ampio raggio come reparti a misura di bambino, sale giochi, scuola in ospedale; sono attive tradizionalmente con azioni quali sostegno ai reparti, copertura di borse di studio, accoglienza e ospitalità per le famiglie obbligate a lasciare il proprio ambiente per periodi spesso anche lunghi, ricerca scientifica volta ad individuare nuove e più efficaci terapie. Grazie al contributo di FIAGOP, è nato il Progetto SIAMO, Società scientifiche italiane Insieme per gli Adolescenti con Malattie Onco-ematologiche (www.progettosiamo.it), che si propone di far uscire gli adolescenti e i giovani adulti con malattie oncologiche dalla terra di nessuno dove attualmente si trovano – non più bambini, non ancora adulti – per portarli ad essere oggetti della doverosa attenzione che si deve a quel periodo della vita, alle sue specificità, alle sue particolari esigenze.

 

Salute occhi – Inquinamento da PM10 – bambini – menopausa

OCCHIO SECCO E MENOPAUSA

ma non solo 

insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari

il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

PERICOLO INQUINANTI PER LA NOSTRA SALUTE E QUELLA DEI BAMBINI

Il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari.

:::::::::::::::::

La letteratura scientifica mostra una correlazione tra ormoni sessuali e organo della vista; l’effetto degli ormoni sessuali si manifesta a molteplici livelli, che interessano in senso quantitativo e qualitativo la secrezione lacrimale, i processi accomodativi di messa a fuoco delle immagini, la pressione dell’occhio, la formazione della cataratta.

Nella società moderna le modificazioni a carico del film lacrimale e della superficie oculare sono statisticamente in forte aumento, tuttavia i sintomi nella donna possono comparire anche anni prima in seguito alle modifiche ormonali pre o menopausali.

Già dal periodo pre-menopausale e  dopo la classica  menopausa, ben  il 45% delle donne si lamenta di avere sintomi  come l'”occhio arrossato”, la difficoltà di messa a fuoco, fenomeni di transitorio offuscamento visivo, la sensazione di “occhio secco”, riduzione della tolleranza alle lenti a contatto: si tratta di sintomi talmente comuni e persistenti  da essere stati classificate con il nome di “discomfort syndrome”, che sta ad indicare l’aspetto cronico di un persistente fastidio e disagio oculare.

Il film lacrimale rappresenta una specie di barriera liquida e dinamica, che nutre e protegge la superficie dell’organo della vista dalla polvere, dal vento, dalla disidratazione, dai mille fattori esterni che possono creare problemi.

Le variazioni ormonali legate al periodo menopausale possono facilitare l’insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari anche in età precoce, e rendere clinicamente evidenziabili patologie su base immunologia come alcune infiammazioni della tiroide o tiroiditi autoimmuni.

OCCHIO SECCO E INQUINAMENTO
L’inquinamento atmosferico è l’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento…

Contaminanti gassosi importanti sono: il monossido di carbonio, il benzopirene e il benzene, sospetti cancerogeni; l’ozono e l’anidride solforosa che hanno effetti a carico del sistema respiratorio come bronchiti, tracheiti, spasmi bronchiali; l’ossido di azoto che causa infiammazione acuta delle mucose respiratorie e dell’occhio e può contribuire all’insorgenza dell’occhio secco.

Tra gli inquinanti particolati il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città; uno studio realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nei grandi centri italiani, quando ci sono concentrazioni superiori ai 20 nanogrammi per m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno.

Il Pm10 è inoltre responsabile di problemi oculari come occhio secco e congiuntivite.

Secondo uno studio pubblicato sul British Journal, a causa dell’inquinamento, il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari (colpevole anche l’uso indiscriminato di piccoli schermi come il telefonino, ma anche computer ecc…).

Milano e Roma sono le città italiane più colpite dallo smog.

I telerilevamenti da satellite mostrano come l’inquinamento nella pianura padana sia il più grave di tutta Europa.

Screening eseguiti nelle città di New York e Chicago hanno riportato una proporzione 4 volte maggiore di pazienti affetti da secchezza oculare rispetto a zone con minor tasso di inquinamento dell’aria.

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

Un dato interessante per contrastare l’inquinamento nelle nostre case in città viene dal dipartimento di scienze ambientali dell’Università di Parma, dove hanno testato una settantina di specie di piante da appartamento e stanno preparando un database sulle capacità anti-smog della natura.

Foglie e fusti sarebbero predisposti ad assumere sostanze nell’aria e in alcuni casi a modificarle e disintossicarle.

Salute – Occhi – sonno – cellulari e TV

Dal  G7 della Salute a Milano, sono emersi molti consigli per la salute di tutti

eccone alcuni che riguardano i dispositivi  elettronici e informatici.

Occhi e sonno sono disturbati, gravemente e pericolosamente, dalla vicinanza e dalla visione su cellulari, pc e TV.

La luce blu dei sussidi elettronici danneggia gravemente la vista soprattutto di bambini ed anziani.

Inoltre stimola il cervello mandando il messaggio che è pieno giorno, anche durante la notte,  quindi il cervello ferma la produzione di melatonina e il sonno viene bloccato.

Se ricordiamo che il sonno è fondamentale per ogni tipo di apprendimento, possiamo ben capire i danni ai quali vanno incontro i nostri giovani.

Il consiglio è drastico, anche per evitare di sottoporre noi e i nostri figli a radiazioni ancora non ben chiarite come conseguenze:

ELIMINARE DALLE CAMERE DA LETTO

  • TV
  • COMPUTER
  • CELLULARI (che sarebbe bene spegnere dopo cena)
  • Tablet ecc…

Salute – Bambini e anziani – Veleni e salute

SOS dei pediatri, dagli specialisti di pneumologia, allergologia ecc… : negli ultimi due mesi si è registrato un picco di emergenze respiratorie tra i più piccoli e tra gli anziani; soprattutto nelle grandi città.

L’aumento è almeno del 25% .

Il consiglio dei medici è quello di tenerli lontani dai centri più trafficati e portarli, quando possibile, nel fine settimana lontano dalle zone inquinate.

Quando possibile, non uscire di casa nei giorni di maggior inquinamento.

Ricordate che i bimbi che sono più piccoli dell’adulto, respirano un maggior numero di inquianati degli adulti; perché i peggiori inquinanti si concentrano verso il suolo.

Inoltre un bambino respira molto più velocemente dell’adulto; ingerendo così più inquianti anche per questo motivo.

PER TUTTI: non fare attività sportiva all’aperto, quando l’inquinamento è alto, e nemmeno nelle palestre se i filtri dell’aria condizionata non sono cambiati regolarmente e certificati.

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

” SMOG – INQUINAMENTO “

= PERICOLO PER LA SALUTE DI TUTTI 

Cosa è la Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva o BPCO ?

La malattia colpisce brochi e polmoni, causando tosse e catarro cronici, inoltre interferisce con la normale funzionalità respiratoria.

Dalla BPCO non si può guarire, ma si possono arrestarne le progressioni e migliorarne la sintomatologia.

Il luogo comune era che fosse una malattia solo degli anziani

Il 60 per cento degli italiani sa cos’è il diabete, ma solo l’11 per cento sa cos’è la BPCO; patologia con coesistenza di malattie diverse: bronchiolite cronica ed enfisema polmonare.

La medicina narrativa per dar voce a chi soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva; BPCO patologia invalidante – poco nota e riconoscibile.

Pesanti le ripercussioni sulla qualità di vita per chi ne è colpito

Presentati I Risultati Della Ricerca Di Medicina Narrativa Condotta Da Fondazione ISTUD Per Chiesi Farmaceutici.

La ricerca di medicina narrativa FARO – Far luce attraverso i racconti di BPCO –

Al progetto hanno aderito 235 pazienti, 55 caregiver (“colui che si prende cura”; tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato ) e 60 medici, per la maggior parte pneumologi.

Le più frequenti parole, utilizzate dai pazienti intervistati nella ricerca ‘Far Luce attraverso i racconti sulla Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva’ (FARO) a cura della Fondazione Istud commissionata da Chiesi Farmaceutici;

‘soffocare nella nebbia’, ‘sensazione di annegare’, ‘vivere in una gabbia che impedisce di respirare’, ‘chiusa dentro un sacchetto’ .

La maggior parte dei pazienti con BPCO, tende a minimizzare i sintomi, il decorso è subdolo, sino al momento dell’arrivo in pronto soccorso.

La diagnosi attraverso la spirometria, arriva troppo tardi, quando l’endotelio polmonare è ampiamente cicatrizzato e il diametro dei bronchioli ormai ridotto.

Cosa si deve fare, tra i tanti consigli del medico e prendere le medicine prescritte ?

-imparare gli esercizi per migliorare la respirazione

-evitare ambienti polverosi (dove, per esempio, gli impianti di aria condizionata non ricevono regolari sostituzioni di filtri costosissimi)

-cambiate frequentemente l’aria dell’ambiente in cui vivete (non quando ci sono le allerte di inquinamento grave)

-attenzione soprattutto in presenza di cattivi odori; sono indicatori di veleni nell’aria

-recarsi  dal medico o chiamare i servizi sanitari di emergenza se il respiro peggiora in modo grave

-DIMAGRIRE se siete in sovrappeso

-andare, almeno nel weekend, quando possibilmente lontano dalle città più inquinate

-NON FUMARE !!!

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Molti specialisti hanno riscontrato difficoltà dei pazienti per l’’uso dei dispositivi inalatori del farmaco o altri ausili, come la bombola d’ossigeno.

Ma, una volta adattati alla portabilità della bombola di ossigeno, la qualità della vita può decisamente migliorare.