Archivi categoria: ONCOLOGIA

Salute – CANCRO INFANTILE SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI

CANCRO INFANTILE: FIAGOP, COMMISSIONE EUROPEA DISATTENDE PROMESSE SULLO SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI ONCOLOGICI PEDIATRICI

Il Regolamento Europeo pediatrico, nato per migliorare la salute dei bambini facilitando lo sviluppo e la disponibilità di farmaci adatti alla loro età, a dieci anni dalla sua introduzione registra degli insuccessi soprattutto nel campo della medicina oncologica infantile.

Dal 2007 a oggi, sono stati sviluppati solamente due farmaci oncologici ad uso pediatrico.

La Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP) si appella alla Commissione UE per chiedere modifiche specifiche al regolamento al fine di sviluppare nuovi medicinali e terapie per il cancro pediatrico e salvare la vita di molti bambini.

A 10 anni dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici restano ancora in gran parte disattese le speranze delle migliaia di bambini e adolescenti che, in Italia e in Europa, affrontano l’esperienza di cancro e che aspettano di poter ricevere cure adeguate.

È l’allarme lanciato da Angelo Ricci, presidente della Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP), che insieme a Unite2Cure – network europeo delle associazioni di genitori in oncologia – e la Società europea per l’oncologia pediatrica (SIOPE) non nasconde la preoccupazione che, almeno per i medicinali anti-cancro, l’industria farmaceutica resti concentrata sul potenziale di mercato negli adulti, piuttosto che sulle esigenze dei tumori infantili.

Stando alla fotografia scattata dalla Commissione Europea sui progressi compiuti nei primi 10 anni di vita del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici, in alcuni campi e per alcune malattie, la nuova regolamentazione ha dato riscontri positivi ma per l’oncologia, ad esempio, questo strumento è risultato inefficace.

La Commissione Europea non percepisce come urgente lo sviluppo di medicinali studiati espressamente per i bambini, che siano più sicuri, con meno effetti collaterali a breve e lungo termine – dichiara Angelo Ricci, presidente di FIAGOP, federazione che raggruppa alcune delle maggiori associazioni di genitori impegnate in tutta Italia a sostegno del bambino e dell’adolescente malato di tumore e della sua famiglia – Bambini e tumori, sono due parole che non dovrebbero incontrarsi mai eppure, ogni anno in Europa, il cancro è la causa principale di morte tra bambini e adolescenti, si contano circa 6.000 decessi in tutto il continente europeo.

Ad oggi, a 10 anni dall’introduzione del Regolamento, sono stati validati solamente due farmaci oncologici per i piccoli pazienti, tutti gli altri rientrano sotto la categoria off –label, cioè studiati per essere usati con gli adulti e, invece, riconvertiti per la popolazione pediatrica, con tutto quello che ne deriva in termini di efficacia e tossicità. Non solo, così facendo le forme tumorali più severe non vedranno migliorare le percentuali di guarigione Non possiamo più continuare a percorrere la strada dei farmaci off label, invochiamo un’azione urgente per accelerare la ricerca e l’innovazione in campo farmaceutico e offrire così cure migliori ai bambini che vivono l’esperienza di tumore”.

Il Regolamento Europeo dei Farmaci Pediatrici, introdotto nel 2007 dalla Commissione Europea con l’intento di incentivare e finanziare l’industria farmaceutica a sperimentare farmaci a uso esclusivo della popolazione pediatrica, prevede un Piano di Indagine Pediatrica che certifichi le potenzialità e l’efficacia del farmaco sui bambini. Questo iter decade qualora venga sviluppato un farmaco per una forma tumorale riconosciuta, al momento, solo nell’adulto, nonostante sia scientificamente provato che a fare la differenza per la guarigione non è solo la malattia in sé, ma l’azione del farmaco stesso.

La norma, inoltre, permette alle compagnie farmaceutiche possibilità di deroga dall’obbligo dello studio di medicinali in ambito pediatrico.

Di qui la richiesta alla Commissione Europea da parte di Angelo Ricci, insieme a Unite2Cure e Siope, di rivedere il Regolamento e fare pressione sulle compagnie farmaceutiche per avviare un piano di sperimentazione per farmaci, più efficaci e sicuri, a uso esclusivo di bambini e adolescenti con cancro infantile.

Per gli specialisti europei in oncologia pediatrica e le associazioni dei genitori dei bambini con tumore, tra gli aspetti correlati ai forti ritardi nel campo della sperimentazione di farmaci oncologici pediatrici rientrano: ampio ricorso a rinvii nell’applicazione del Regolamento, con conseguenti ritardi nello sviluppo di farmaci pediatrici, spesso fino a quando non sia garantita la loro introduzione sul mercato sulla base di una prescrittibilità nei tumori degli adulti; la mancanza di un adeguato disciplinamento del sistema di deroghe al Regolamento, cosa che offre alle aziende una facile opportunità per evitare l’obbligo dello sviluppo pediatrico dei farmaci, anche quando il meccanismo di azione di questi ultimi potrebbe essere efficace nel trattamento di alcuni tumori pediatrici.

GLI STATI UNITI APPROVANO IL RACE FOR CHILDREN ACT

Mentre in Europa, ogni possibile proposta di revisione del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici è rimandata al 2019, negli Stati Uniti la Food and Drug Administration (FDA) ha portato la legge al passo con la scienza approvando, l’agosto scorso, il RACE for Children Act, il quale stabilisce che vengano studiati nuovi medicinali per tutte le forme tumorali infantili per i quali il bersaglio molecolare del farmaco oncologico è rilevante.

Ufficio stampa FIAGOP c/o INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione: Federica Aruanno, cell.348.4151778 f.aruanno@inc-comunicazione.it

FIAGOP Onlus, Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica (www.fiagop.it), nasce nel 1995 con l’obiettivo di creare sinergie tra le Associazioni confederate e assicurare una rappresentanza istituzionale a livello nazionale e internazionale, presso enti pubblici e privati, per garantire ai bambini malati di tumore o leucemia il diritto alla salute, promuovere, anche attraverso i media, campagne di informazione, manifestazioni, seminari e convegni per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alle problematiche psicologiche e sociali dei bambini e ragazzi colpiti da tumore, dei guariti, e delle famiglie impegnate ad affrontare questo difficile percorso; sviluppare e facilitare i contatti con analoghe organizzazioni italiane ed estere; sostenere la ricerca nel campo dell’oncoematologia pediatrica. FIAGOP, è socio fondatore di CCI (Childhood Cancer International) e aderisce alla Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile che ricorre il 15 febbraio di ogni anno organizzando in Italia una manifestazione a forte impatto mediatico volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate al bambino e all’adolescente colpito da tumore. Le Associazioni federate, fondate e gestite da genitori di bambini colpiti da tumori o leucemie, sono nate in modo capillare sul territorio nazionale con lo scopo di abbattere la solitudine della malattia e offrire sostegno e aiuto concreto ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie. Operano presso gran parte dei centri di Oncoematologia Pediatrica aderenti ad AIEOP (Associazione Italiana Ematologia ed Oncologia Pediatrica) e si occupano di: attività di supporto di più ampio raggio come reparti a misura di bambino, sale giochi, scuola in ospedale; sono attive tradizionalmente con azioni quali sostegno ai reparti, copertura di borse di studio, accoglienza e ospitalità per le famiglie obbligate a lasciare il proprio ambiente per periodi spesso anche lunghi, ricerca scientifica volta ad individuare nuove e più efficaci terapie. Grazie al contributo di FIAGOP, è nato il Progetto SIAMO, Società scientifiche italiane Insieme per gli Adolescenti con Malattie Onco-ematologiche (www.progettosiamo.it), che si propone di far uscire gli adolescenti e i giovani adulti con malattie oncologiche dalla terra di nessuno dove attualmente si trovano – non più bambini, non ancora adulti – per portarli ad essere oggetti della doverosa attenzione che si deve a quel periodo della vita, alle sue specificità, alle sue particolari esigenze.

 

Ospedale di Cremona – Nuovo punto accoglienza dedicato ONCOLOGIA

“I malati saranno indirizzati al reparto e presi in cura da un team multidisciplinare deputato a inquadrare e rispondere meglio ai loro bisogni assistenziali, in un’ottica centrata a facilitare i percorsi, ridurre il carico burocratico e i tempi di attesa …

ACCOGLIENZA E ACCETTAZIONE PER L’ONCOLOGIA

All’Ospedale di Cremona è attivo un nuovo punto accoglienza dedicato ai pazienti oncologici. Lo scopo? Facilitare la prenotazione di tutte le prestazioni utili alla diagnosi e alla terapia, sulla base di un percorso di cura (integrato e multidisciplinare) definito dallo specialista. L’ordine cronologico delle prestazioni verrà stabilito dalle priorità sanitarie (urgenze) di ogni singolo caso.

“L’attivazione del punto Accoglienza e Accettazione per l’oncologia – al quarto piano dell’ospedale di Cremona – risponde alla strategia aziendale di attenzione alla persona e replica il modello dell’AREA DONNA” spiega Camillo Rossi (Direttore Generale dell’ASST di Cremona). Il paziente può prenotare subito – dopo la prima visita o la visita di controllo e in post-dimissione – tutte le prestazioni necessarie al suo percorso di cura, in un luogo dedicato e vicino al reparto e agli ambulatori. E’ un ulteriore passo verso la realizzazione del Cancer Center e – in prospettiva – verso implementazione del Centro Servizi che, sulla base del medesimo principio, consentirà di programmare ed erogare tutte le prestazioni e i servizi necessari alla presa in carico dei pazienti cronici”

“L’attivazione del punto Accoglienza e Accettazione dell’Oncologia, decentrato rispetto al CUP aziendale – aggiunge Alessandra Bruschi (Direttore Amministrativo ASST di Cremona) – è la prova concreta del lavoro che stiamo facendo e di come l’attività amministrativa non sia più da intendere quale mero adempimento burocratico, bensì come una parte fondamentale e integrante del percorso di cura del paziente in applicazione della anche della legge regionale 23”.

 

COSA CAMBIA?

“Per i pazienti oncologici che si rivolgono all’Ospedale di Cremona cambia il modo con cui saranno accolti e il modo con cui sarà organizzato il loro percorso di cura – aggiunge Rodolfo Passalacqua (Direttore del Dipartimento Oncologico dell’ASST di Cremona). Il nuovo puntoAccoglienza e Accettazione sarà lo snodo principale per tutti i nuovi pazienti oncologici che arrivano per la prima volta in Ospedale.

COSA ACCADE?

I malati saranno indirizzati al reparto e presi in cura da un team multidisciplinare deputato a inquadrare e rispondere meglio ai loro bisogni assistenziali, in un’ottica centrata a facilitare i percorsi, ridurre il carico burocratico e i tempi di attesa a vantaggio del migliorar esito delle cure e, soprattutto, della loro qualità di vita – continua Passalacqua. Tutto questo accadrà in collaborazione con i medici di famiglia, i servizi territoriali e le altre unità operative ospedaliere (come ad esempio Pronto Soccorso, Chirurgia, Medicina, Radiologia, Radioterapia, ecc)”.

QUAL E’ L’ATTIVITA’ DEL NUOVO punto ACCOGLIENZA E ACCETTAZIONE?

Il nuovo sportello non va scambiato per Centro Unico di Prenotazione (CUP) in senso stretto, ossia per uno sportello che fissa gli appuntamenti in base ai posti disponibili. In questo luogo si cercherà di mettere la persona a proprio agio e trattare anche la parte burocratica con umanità. Il momento della prenotazione sarà interpretato e vissuto come il momento in cui si accoglie un bisogno specifico.  

LA NOVITA’ PRINCIPALE?

La principale novità è rappresentata dalla stretta collaborazione fra il punto Accoglienza e Accettazione e il medico specialista curante, che definisce cosa è urgente fare per quel singolo paziente. Lo specialista, infatti, richiede le prestazioni, in base alle necessità sanitarie (e non a liste di attesa). Nella pratica significa che la cronologia degli appuntamenti sarà definita dai percorsi diagnostici stabiliti e validati dagli specialisti, che seguono il paziente e tengono conto dei bisogni e delle urgenze di ogni singolo caso.

 

GRAZIE A MEDEA CHE HA DONATO GLI ARREDI

Come sempre l’associazione MEDeA è presente a sostenere tutto quello che è utile per i malati oncologici. Anche in questo caso ha finanziato l’acquisto di tutti gli arredi del punto Accoglienza e Accettazione con la progettazione e supervisione di Donatello Misani, presidente di MEDeA.

I volontari dell’Associazione saranno vicini ai malati anche all’interno di questo nuovo servizio, garantendo ascolto e supporto a chi ha bisogno, sia al mattino che al pomeriggio.

 

Orari di apertura al pubblico e recapiti

Il Punto Accoglienza e Accettazione è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 16.00.

Tel. 0372 405246; e-mail: accoglienzacancercenter@asst-cremona.it.

Salute – Tumori femminili prevenzione e ricerca

Tumori femminili

Negli ultimi dieci anni i casi di tumore nel mondo sono aumentati del 33% …  maggiore sopravvivenza, più agevole accesso alle cure e migliore qualità della vita delle pazienti …

… permangono intollerabili diseguaglianze in termini di accesso alla salute e ai servizi sanitari, aspettativa di vita e mortalità …

Il cancro è ancora la seconda causa di morte nel mondo dopo le malattie cardiovascolari…

In Italia l’incidenza dei tumori femminili è in aumento, solo nel 2016 sono stati registrati  50.000 nuovi casi di tumore della mammella …

Grazie alla prevenzione, però, la sopravvivenza delle pazienti in Italia è mediamente più elevata rispetto al resto d’Europa.

Prevenzione e ricerca le chiavi di un “Futuro in Rosa”

Roma, Senato della Repubblica –

A che punto sono la prevenzione e la ricerca sui tumori femminili nel nostro Paese?

Ne hanno parlato alcuni dei principali attori del sistema Salute italiano nella tavola rotonda  “Futuro in Rosa”, tenutasi in Senato con il sostegno non condizionato di Daiichi Sankyo. Un incontro più che mai necessario poiché, se è vero che la ricerca scientifica ha consentito negli ultimi anni un aumento della sopravvivenza, restano indispensabili il confronto e la stretta collaborazione tra Istituzioni, Classe Medica, Industria e Associazioni di Pazienti, o il tumore continuerà ad avere l’ultima parola.

Negli ultimi anni, rispetto ai tumori femminili si sono registrati maggiore sopravvivenza, più agevole accesso alle cure e migliore qualità della vita delle pazienti. Ma la ricerca sta aprendo ulteriori prospettive, sia nella prevenzione che nella cura: i tumori femminili saranno sempre più curabili.

Bisogna mettere le strutture sanitarie in grado di recepire e attuare i grandi progressi fatti dalla ricerca” ha dichiarato il Senatore Lucio Malan, che ha promosso e aperto la discussione fra i partecipanti alla tavola rotonda.

I dati sono chiari.

Negli ultimi dieci anni i casi di tumore nel mondo sono aumentati del 33%, un trend in continua crescita, dovuto anche al generale invecchiamento della popolazione.

Il cancro è ancora la seconda causa di morte nel mondo dopo le malattie cardiovascolari e, per le donne, il tumore più comune resta quello al seno, che solo nel 2015 ne ha colpite 2,4 milioni.

Le malattie croniche, trasmissibili o non trasmissibili come i tumori, sono patologie in cui permangono intollerabili diseguaglianze in termini di accesso alla salute e ai servizi sanitari, aspettativa di vita e mortalità, tanto più intollerabili in quanto molte di queste malattie sono oggi prevenibili e curabili – ha spiegato il Prof Stefano Vella,  direttore del centro per la Salute Globale dell’ISS- Per affrontare questi problemi è cresciuto il concetto di Salute Globale, un’area emergente e intersettoriale di studio, ricerca e azione, orientata al miglioramento della salute di tutta l’umanità, superando le prospettive, gli interessi e le possibilità delle singole nazioni”.

Numeri e prevenzione. In Italia l’incidenza dei tumori femminili è in aumento, solo nel 2016 sono stati registrati  50.000 nuovi casi di tumore della mammella. Questo dato, strettamente legato alla decisione di alcune Regioni di ampliare la fascia di screening mammografico, ha rivelato un aumento significativo dell’incidenza tra i 45 e i 49 anni.

Grazie alla prevenzione, però, la sopravvivenza delle pazienti è mediamente più elevata rispetto al resto d’Europa.

Nel tumore al seno la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi si avvicina al 90%, e al 68% per il tumore alla cervice uterina, percentuali ancora più elevate quando la malattia viene diagnosticata nel suo stadio precoce.

I programmi di prevenzione, quindi, contribuiscono a ridurre significativamente la mortalità nel nostro Paese, che è in testa alla classifica europea sulla sopravvivenza per quasi tutti i tumori.

 

Qualità della prevenzione Si potrebbe fare di più. Alcuni studi scientifici, infatti, dimostrano che se una donna si affida a strutture specializzate come le Breast Unit, ha una percentuale di sopravvivenza più alta del 18% rispetto a coloro che si rivolgono a strutture non specializzate.

Anche se i più moderni approcci terapeutici hanno portato ad un forte miglioramento della prognosi, ancora oggi troppi fattori di rischio non vengono sufficientemente considerati: cattiva alimentazione, fumo, mancanza di attività fisica.

A queste cattive abitudini va naturalmente aggiunto l’elemento umano psicologico della paura che rallenta o frena l’esecuzione dei dovuti controlli, e che può essere affrontato con adeguate campagne che esaltino il ruolo delle associazioni nell’informazione, prevenzione e assistenza fisica e psicologica alle pazienti e alle famiglie colpite da questo tipo di patologie.

Affrontare il cancro significa affrontare un cammino lungo che inizia con la diagnosi e prosegue con le terapie e i controlli periodici fino alla guarigione o cronicizzazione della malattia, soprattutto per quanto riguarda i tumori femminili.

Ma alcuni effetti collaterali possono perdurare anche dopo la conclusione delle terapie e altri possono manifestarsi a distanza di mesi o anni ed in molti casi chi ha avuto un tumore presenta un rischio maggiore, rispetto alle persone sane, di svilupparne un secondo.

E’ importante che si investa anche in ricerca e prevenzione terziaria per completare il processo di cura che consenta di ricominciare a vivere dopo il cancro, ritornare alla normalità, trovare nuovi equilibri, accettare e valorizzare le mutate capacità ed abilità relazionali, lavorative, psicofisiche – ha dichiarato Elisabetta Iannelli Vice Presidente AIMaC (Associazione Italiana Malati di Cancro) e segretario generale FAVO (Federazione Associazione di Volontariato in Oncologia) – La F.A.V.O. e le organizzazione dei malati oncologici affermano con forza e convinzione l’importanza del sostegno psicologico, dell’adesione agli screening ed ai corretti stili di vita, dell’inclusione socio-lavorativa nella consapevolezza che, solo in questo modo, si potrà vincere la sfida della sopravvivenza al cancro e che alla guarigione clinica possa realmente corrispondere quella sociale”.

Ricerca, Prevenzione, Risorse. Il progresso della scienza dipende strettamente dalle risorse che in essa vengono investite: se scienziati e ricercatori disponessero di maggiori finanziamenti, la vittoria contro il cancro sarebbe più veloce e sempre più vicina.  Investire quindi cifre importanti di denaro nella ricerca scientifica non è solo una scelta di importanza vitale per il bene comune, ma anche una strategia lungimirante e conveniente per il sistema sanitario ed economico dell’intero Paese. L’Italia sta già agendo in questa direzione, infatti il Governo ha appena stanziato 500 milioni per farmaci innovativi nella cura del cancro.

Siamo molto felici di aver sostenuto la realizzazione di questo importante incontro. La mission di Daiichi Sankyo è  da sempre ‘Passione per l’innovazione e considerazione per i pazienti’ e ci impegniamo ogni giorno a tradurlo in realtà, rispondendo ai bisogni non ancora soddisfatti dei pazienti,  non solo attraverso lo sviluppo di terapie farmacologiche innovative per il miglioramento della loro qualità di vita, ma anche offrendo il nostro contributo nell’aumentare l’attenzione alla prevenzione e alla diagnosi precoce, due aspetti di vitale importanza, per i quali serve la collaborazione di tutti   – ha concluso Massimo Grandi Presidente e Amministratore Delegato di Daiichi Sankyo Italia, spiegando il motivo per cui l’azienda farmaceutica giapponese ogni anno investe circa il 23% del suo fatturato globale in ricerca e sviluppo e contribuisce in modo incondizionato a iniziative di disease awareness.

Eventi come quello di oggi nascono proprio per rafforzare la partnership tra istituzioni, associazioni e privati al fine di raggiungere questo comune obiettivo, una migliore sensibilizzazione su queste patologie”.

 

Salute – Eccellenza italiana in Sicilia i trapianti

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti)

E’ in Sicilia l’ospedale di eccellenza per trapianti dell’area mediterranea

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) lavora in diretta relazione con l’ UPMC (University of Pittsburgh Medical Center)

Un centro italiano dove si rispettano i paramentri dei migliori centri mondiali come, in questo caso, lo University of Pittsburgh Medical Center

Il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi

SIAMO IN ITALIA, SIAMO IN SICILIA, MA I PARAMETRI CHE VALUTANO questi medici specialisti e questo ospedale, sono rigorosissimi (negli USA obbligatori) e la commissione che giudica segue i medesimi principi utilizzati negli Stati Uniti.

Non a caso questo è stato il primo ospedale in Europa, nel 2009, ad avere status 6; il massimo (ora riconosciuto anche ad altri ospedali; in Italia in Lombardia e Veneto).

La logica che si segue è quella della piena sicurezza del paziente e dell’ottenimento di un miglioramento continuo; coinvolgendo il personale in un modo decisamente diverso da come avviene, per ora, in genere in Italia.

Cosa è l’ISMETT ?

-Una struttura che, tra l’altro, fa ritornare in Italia specialisti che hanno lavorato all’estero.

-In vent’anni di attività sono stati eseguiti oltre 1900 trapianti (207 pediatrici), più di 300 da donatore vivente; per fegato e rene.

-78 posti letto (16 per terapia intensiva e rianimazione).

-Nel solo 2016: 2.800 ricoveri.

-Personale medico: assunto dall’UPMC e corrisponde a 260 dipendenti (oltre alle oltre a 600 persone assunte dall’ISMETT direttamente).

-L’Azienda ospedaliera Civico Di Cristina Benfratelli, possiede il 55% delle quote, mentre le restanti sono in mano alla Pittsburgh University.

Perché centro di eccellenza ?

-primo trapianto al polmone su paziente sieropositivo (2007 prof. Bruno Gridelli)
-primo trapianto di rene su paziente hiv positivo (2009)

-primo trapianto di polmoni utilizzando tecniche del ricondizionamento di polmone ex-vivo (2015)

-primo prelievo di lobo epatico per trapianto con tecnica robotica mini-invasiva (2012).

-primo centro ospedaliero con l’informatizzazione, che permetta l’inserimento della cartella clinica elettronica (1999)

-primo ospedale in Europa con certificazione (indipendente) dalla Joint Commission International (JCI); riconosciuta dall’Oms per la valutazione di strutture sanitarie (2009)

-unico centro in Italia che dispone di sorveglianza domiciliare dopo il trapianto; grazie a monitor e dispositivi medici.

::::::::

::::::::

Scegliere di destinare il 5×1000 a ISMETT è semplice e non costa nulla. Basta inserire il codice fiscale dell’Istituto 04544550827 nella casella della vostra dichiarazione dei redditi riservata al “Finanziamento alla Ricerca Sanitaria” e poi firmare.

Altre informazioni su questo centro al link https://www.ismett.edu/it/

:::::::

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza.

Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Anche i bambini, qui vengono curati nell’eccellenza.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto.

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure. Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”.

 

Dott. Mario Traina; Chief of Endoscopy Unit at ISMETT IRCCS

Lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. Grazie alla sua esperienza ha contribuito allo sviluppo di attività di formazione e ricerca presso l’Istituto. Ha condotto diversi progetti di ricerca su pazienti cirrotici trapiantati con complicanze sulle vie biliari e ha sviluppato terapie innovative per il trattamento delle lesioni neoplastiche del colon, per il trattamento di pazienti obesi e diabetici e di pazienti con complicanze di pancreatiti acute. Ha partecipato a trial multicentrici italiani ed è autore di più di 130 articoli pubblicati su riviste con peer-review e di 16 capitoli di libri.

Recente visita all’ ISMETT IRCCS, del gruppo di giornalisti UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Il Dott. Antonio Arcadipane è il Direttore del Dipartimento di Anestesia e terapia intensiva presso ISMETT, ruolo che ricopre dal 2003.

Persegue le sue finalità operative e di assistenza secondo le linee guida delle maggiori società scientifiche, curando l’aggiornamento continuo e la formazione dei medici e del personale non medico.

Il prof. Salvatore Gruttadauria, lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. E’ stato il primo chirurgo siciliano ad eseguire un trapianto di fegato in Sicilia. Da maggio del 2017 si occupa del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali. Da aprile del 2016 ricopre anche il ruolo di Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.
Dall’aprile del 2016 è responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.

 

Nel mese di maggio 2017, un gruppo di giornalisti iscritti all’UGIS, ha visitato il centro ed ha partecipato all’inaugurazione del nuovo settore; compresa una parte dedicata alla pediatria.

Durante la visita, alcuni specialisti del settore, hanno illustrato ai giornalisti il funzionamento di questo centro di eccellenza.

Uno speciale ringraziamento a coloro che hanno aiutato i giornalisti a capire come funziona questa eccellente “macchina della salute”

 

Salute ed esami di medicina nucleare – Aiutare bambini e adulti ad affrontare gli esami di medicina nucleare

Questo materiale educativo non si rivolge solo ai lettori più giovani, ma può aiutare anche gli adulti con scarse conoscenze in materia a scoprire  i metodi e gli obiettivi della medicina nucleare

Modi innovativi per educare alla salute: cartoni animati divertenti per aiutare i bambini ad affrontare gli esami di medicina nucleare

 Gli esami di medicina nucleare sono motivo di stress per i pazienti, specialmente per i bambini.

Ora però sarà più facile per loro affrontare gli esami grazie all’aiuto di Sunny the Isotope, Tim the Tracer e Rob the Receptor. Questi personaggi da cartone animato sono opera di Ronald van Rheenen, specialista dell’Associazione Europea di Medicina Nucleare (EANM). Il progetto Educazione visiva da cui sono nati fornisce ai pazienti più giovani informazioni adattate alla loro età sugli esami di imaging. I bambini possono così capire con facilità e un pizzico di allegria e avventura le varie fasi della somministrazione degli esami.

Sottoporsi a un esame di medicina nucleare può creare forte disagio. Alcuni durano più di un’ora, durante la quale il paziente deve rimanere completamente immobile sul lettino da imaging, in quanto il minimo movimento potrebbe rendere inutili alla diagnosi le immagini realizzate. Per evitare questo rischio, a volte si richiede al paziente anche di non assumere cibo prima dell’esame. Tutto questo rappresenta un arduo sforzo per i bambini, oggetto di circa il 10% di tutti gli esami di medicina nucleare. I pazienti più giovani, inoltre, si sentono spesso intimiditi dall’ambiente anomalo e dalle grandi fotocamere di medicina nucleare, i cui rivelatori sono posti molto vicino al corpo, quando non addirittura sopra la testa. Questo potrebbe costituire un’ulteriore fonte di ansia per i più piccoli. I genitori non sempre sono in grado di rasserenare i figli, in quanto sono loro stessi in ansia per l’incognita dei risultati degli esami.

Alla ricerca di Rob the Receptor

Per alleviare questi timori e migliorare la precisione della diagnosi attraverso una più proficua collaborazione fra medici e giovani pazienti, il Dott. Ronald van Rheenen, specialista di medicina nucleare all’ospedale universitario di Groningen (Paesi Bassi), ha avviato il progetto no-profit Educazione visiva. I suoi “eroi” sono Sunny the Isotope e Tim the Tracer, personaggi da cartone animato che appaiono in tre diverse storie dove rappresentano rispettivamente la sostanza radioattiva e il tracciante, che insieme compongono il radiofarmaco somministrato per iniezione al paziente. Tim guida Sunny in un viaggio attraverso il corpo per raggiungere Rob the Receptor, l’organo target dove il radiofarmaco si accumula. Qui Sunny emana la sua “luce speciale”, che rappresenta la radiazione emessa, e permette al “Dottore delle foto” di scattare delle immagini delle aree malate.

Oltre a queste storie sulle metodiche diagnostiche, ne è stata realizzata un’altra che affronta la terapia medico- nucleare: Sunny e Tim sono stavolta in compagnia di Sam the Demolisher, che risolve il problema con le maniere forti.

È possibile vedere gratuitamente i cartoni su YouTube o acquistare i libri illustrati (per i link, vedi sotto). Il Dott. van Rheenen, che si dedica a queste attività educative nel tempo libero, collabora strettamente con il graphic designer Floris de Jonge, che ha dato vita ai personaggi e alle storie ideati dal Dott. van Rheenen. Insieme hanno realizzato altre tre storie, che trattano degli esami di imaging radiologico.

Favorire la trasmissione di conoscenze

Le storie avventurose, raccontate in modo semplice con l’aiuto di illustrazioni accattivanti, non solo aiutano a superare l’ansia, ma preparano anche fattivamente i bambini alla somministrazione dell’esame.

Questo materiale educativo non si rivolge solo ai lettori più giovani, ma può aiutare anche gli adulti con scarse conoscenze in materia a scoprire  i metodi e gli obiettivi della medicina nucleare. “La nostra idea di trasmettere informazioni sotto forma di storie visive nasce dal fatto che in gran parte le informazioni fornite per iscritto o a voce prima di somministrare i nostri esami o terapie non vengono, nel migliore dei casi, ricordate in modo corretto”, afferma il Dott. van Rheenen. Il progetto, avviato tre anni fa a Groningen come iniziativa locale, ha già visto un’ampia diffusione del suo materiale. È possibile infatti scoprire o vedere queste animazioni sui siti web dell’EANM, di diversi ospedali europei e di piattaforme di pazienti. Con il sostegno dell’EANM, il progetto è ora sul punto di svilupparsi come iniziativa globale. Attualmente sono in preparazione le versioni in tedesco, spagnolo, francese e cantonese, e il Dott. van Rheenen sta discutendo di ulteriori possibilità di diffusione con diverse società di medicina nucleare nazionali.

“È fondamentale adattare le spiegazioni alla capacità di comprensione dei bambini. Presentare la medicina nucleare pediatrica al paziente attraverso il progetto Educazione visiva e spiegare la metodologia con personaggi da cartone animato rappresenta un valido aiuto per superare timori e ansie e trasformare l’esame di medicina nucleare in un’esperienza più piacevole. Un migliore vissuto del paziente porta a una migliore collaborazione, che dà come esito esami di qualità tecnica più elevata e pertanto una maggiore precisione diagnostica”, dichiara il Dott. Zvi Bar-Sever, presidente del comitato pediatrico dell’EANM.

Photo-Download 1,5 MB

Sunny & Tim fanno parte di una grande squadra di personaggi da cartone animato, creati dal Dott. Ronald van Rheenen, specialista di medicina nucleare, e da Floris de Jonge, graphic designer

Per maggiori informazioni:

Sito web: www.sunnyandtim.com
Opuscolo informativo digitale: tinyurl.com/INVOLVED-EN
YouTube: www.youtube.com/c/sunnyandtim
Pagina Facebook: www.facebook.com/sunnyandtim
App Sunny & Tim: apps.appmachine.com/sunnytim

Che cos’è la medicina nucleare?

La medicina nucleare è una specialità medica che usa sostanze radioattive (radiofarmaci) per la diagnosi e il trattamento di specifiche malattie. Molti associano l’espressione “medicina nucleare” all’idea di pericolose radiazioni. Questi timori sono infondati. Le dosi di radiazioni a cui è esposto il paziente sono così basse secondo l’EANM (European Association of Nuclear Medicine) che non mettono in discussione i vantaggi delle possibilità diagnostiche e terapeutiche della medicina nucleare.

www.whatisnuclearmedicine.com
www.facebook.com/officialEANM

SALUTE – Specialisti per combattere i tumori toraco-polmonari e metastasi ossee

Combattere i tumori toraco-polmonari e metastasi ossee in tutto il territorio italiano

FONICAP: specialisti per combattere i tumori toraco-polmonari e metastasi ossee

curare meglio usando una intera equipe di specialisti

Il Dottor Antonio Santo, pneumologo, pugliese salentino appena laureato, si curò e sopravvisse ad un tumore.

Comprese così la necessità di creare un gruppo di specialisti che mettessero insieme le loro sinergie per combattere il tumore.

Questo fu fatto anni fa per il cancro al seno, istituendo utilissimi Brest center, sparsi da anni in tutta Italia.

Il confronto – dice il dottor Antonio Santo alla conferenza stampa tenutasi in marzo a Milano – è fondamentale per il benessere del paziente.

Il cancro al polmone non è ancora guaribile, ma lo si può rendere cronico e curarlo nel tempo, mentre la scienza fa passi da gigante nella ricerca.

Dottor Antonio Santo; presidente dell’associazione no profit FONICAP.

L’associazione  FONICAP si occupa di servizi per gli operatori e i pazienti; eliminando la sensazione di essere soli a combattere la malattia.

Quello che FONICAP offre è una speranza verso una futura possibile guaririgione dal cancro polmonare (cause prime il fumo del tabacco e inquinamento atmosferico), grazie alla possibilità di allungare la vita sino alle nuove scoperte scientifiche. Queste ultime, molto probabilmente, in grado di guarrire la malattia.

Sito web: www.fonicap.it

I Gruppi Interdisciplinari Oncopneumologici FONICAP, sono così composti:

  • Chirurgia Toracica, Oncologia, Radioterapia, Pneumologia, Anatomia Patologica, Biologia molecolare, Radiologia – Medicina Nucleare.

Non indispensabili, ma importanti, altre figure professionali quali:

  • data manager, epidemiologico clinico/statistico, internista, palliativista, laboratorista, psicologo, ed altri.
  • Tutti specialisti preparati per aiutare al meglio il paziente nel combattere la malattia con farmaci personalizzati biologici e immunoterapici che ultimamente possono sostituire la chemioterapia.
  • In Italia ci sono 40mila nuovi casi/anno.
  • L’associazione FONICAP auspica la nascita di un grandissimo Gruppo Oncopneumologico Nazionale ben origannizato per favorire  anche la  ricerca scientifica.
  • “Qualsiasi GIOF può produrre studi clinici/traslazionali/Survey – continua il dottor Antonio Santo – che saranno valutati da un’apposita commissione scientifica in base a parametri oggettivi predefiniti. Se il giudizio è positivo verranno presentati al Direttivo Nazionale per l’approvazione definitiva e la successiva proposta nel “Circuito nazionale FONICAP”, il tutto all’insegna della massima trasparenza.”
  • La FONICAP non chiede soldi, la quota d’iscrizione è assai modesta, per poter dimostrare di essere una Forza Operativa Interdisciplinareveramente super partes”.
  • FONICAP vuol dire:
  •  spazio e visibilità a chiunque abbia idee valide e passione per continuare la ricerca accettando di confrontarsi con i vari “Opinion leaders” nazionali/internazionali.
  • Alla conferenza stampa del 17 marzo presso lo Spazio Copernico di Milano Centrale, erano presenti anche i presidenti onorari professori Franco Salvati, pneumologo (socio fondatore di FONICAP), Luigi Portatone, pneumologo, Maurizio Mezzetti chirurgo toracico, il vicepresidente Giovanni Silvano, radioterapista oncologo, il dottor Paolo Bidoli, oncologo coordinatore di FONICAP Lombardia e l’Ing. Paolo Lillo, web master del sito FONICAP.
  • Testimonianze della malattia e della guarigione, sono state portate da:
  • il calciatore della Juventus, Beniamino Vignola che gioca nella squadra nazionale FONICAP con il capitano della squadra stessa Vladimiro Basilio. Presenti
  • il presidente dell’Associazione regionale pugliesi di Milano, Camillo de Milano,
  • il vicepresidente Giuseppe Selvaggi e il direttivo dell’Associazione “Sogno Salentino” di Verona.
  • La XIII edizione del Congresso Nazionale FONICAP che svolgerà a Verona dal 30 novembre al 2 dicembre 2017 presso la Camera di Commercio di Verona, nei pressi dell’Arena, Palazzo della Gran Guardia e di Piazza Brà.
  • Si parlerà di varie tematiche oncopneumologiche alla presenza  dei più autorevoli esperti in campo nazionale
  • Ampio spazio sarà riservato alla caratterizzazione biomolecolare delle neoplasie polmonari e conseguentemente alle nuove terapie target ed all’immunoterapia, che rappresenta la nuova frontiera nella cura delle neoplasie toracopolmonari.
  • Un premio di 2500 euro, per il miglior lavoro scientifico, originale presentato entro il 15 settembre 2017, è riservato ai i giovani colleghi e ricercatori  vedi al sito  www.fonicap.it.

SALUTE – RENDIAMO L’ARIA PIU’ PULITA – Tutti possono basta impegnarsi per un futuro migliore per figli e nipoti

Oramai lo hanno capito tutti, anche i non ecoclogisti, che l’aria inquinata fa male, anzi malissimo;

-soprattutto a bambini ed anziani.

In moltissimi, negli ultimi anni, hanno smesso di fumare, ma i casi di cancro continuano ad aumentare in modo esponenziale; questa è la più gradiosa prova di quanto l’aria che respiriamo e quello che mangiamo determina molte delle malattie più diffuse.

Inutile ripetere che chi paga di più sono i più deboli:

-bambini

-anziani.

Basterebbe che tutti noi decidessimo, quando dobbiamo cambiare l’auto, di sceglierne una più eoclogica.

All’improvviso nelle strade i livelli di inquinamento si abbasserebbero e tutti godremmo di una migliore slaute !!!

Perché nessuno ci pensa ?

L’uso del metano al posto die carburanti tradizionali poterebbe ad una diminuzioen del 40% di anidride carbonica CO2.

Diminuzine del 94% di NANO PARTICELLE (che entrano direttamente nel sangue,  causando cancro e altre malattie pericolose; sono prodotte soprattuto dai diesel EURO3).

DIMINUZIONE DEL 95% DEL PM (particolato, causa di cancro).

I dati di cui sopra sono stati pubblicati da SNAM.

Salute – Tumore dell’Osso – NUOVE POSSIBILITA’ TERAPEUTICHE PER IL TUMORE DELL’OSSO

Si aprono nuove possibilità terapeutiche per il tumore maligno dell’osso, utilizzando terapie avanzate basate su biofarmaci anti-infiammatori come complemento ai trattamenti convenzionali.

UNIBO ( Università di Bologna ). 

Le cellule staminali normali sono attivate dall’osteosarcoma e ne inducono la progressione: lo svela uno studio svolto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Bologna e di VU University Medical Center Amsterdam, i cui risultati sono pubblicati su Clinical Cancer Research

Si aprono nuove possibilità terapeutiche per il tumore maligno dell’osso, utilizzando terapie avanzate basate su biofarmaci anti-infiammatori come complemento ai trattamenti convenzionali. È il risultato di uno studio congiunto dell’Università di Bologna e VU University Medical Center Amsterdam. Nei pazienti con osteosarcoma, le cellule staminali, responsabili in condizioni fisiologiche della riparazione dei tessuti, “sentono” il tumore come una ferita che si ripara senza sosta. I segnali a cui rispondono sono specifici e rilasciati dal tumore stesso: ad esempio il TGFB, trasportato da nano vescicole secrete dalle cellule trasformate.

A questi segnali le cellule staminali rispondono liberando una grande quantità di Interleuchina 6, una molecola infiammatoria che stimola il tumore a produrre metastasi.

L’osteosarcoma è il tumore maligno primitivo più frequente dello scheletro.

Si tratta di una neoplasia estremamente aggressiva che colpisce in particolare bambini e adolescenti e che non sempre risponde alla chemioterapia.

La rarità e l’eterogeneità dell’osteosarcoma, caratterizzato da un assetto genetico estremamente complesso, rappresentano un ostacolo per l’identificazione di bersagli molecolari mirati.

I diversi tentativi in questo senso non hanno avuto successo, suggerendo la necessità di intraprendere nuovi percorsi di ricerca.

In linea con questo obbiettivo, studi recenti hanno messo in evidenza l’importanza del microambiente dell’osteosarcoma: quanto è ossigenato il tessuto, se si accumulano protoni e se sono presenti cellule reattive.

Come in altri tumori solidi, anche nell’osteosarcoma il microambiente extracellulare presenta un eccesso di protoni, e quindi un pH acido, dovuto a un alterato metabolismo energetico.

In uno studio pubblicato nel 2016 su Oncotarget, gli stessi ricercatori dell’Università di Bologna avevano dimostrato che questa acidità extracellulare contribuisce direttamente e in modo significativo alla chemioresistenza.

Più recentemente, in due studi pubblicati su PLoS One e International Journal of Cancer, si è osservato che l’acidità del microambiente tumorale stimola la formazione di cellule staminali tumorali, elementi responsabili della resistenza alla terapia e della ripresa di malattia (questo avviene tramite le cellule staminali normali che si trovano vicino o dentro al tumore e la loro secrezione di molecole infiammatorie come IL-6, IL-8 e altre).

Anche in questo caso, dunque, si delinea l’importanza fondamentale delle cellule staminali normali nel mod ulare il comportamento delle cellule neoplastiche.

“In passato abbiamo studiato l’osteosarcoma isolandone le cellule tumorali, facendole crescere in coltura e indagandone le alterazioni genotipiche e fenotipiche – dichiara il prof. Nicola Baldini del Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Alma Mater. – Questi studi sono serviti a identificare alcune caratteristiche peculiari di questa neoplasia: alterazioni del corredo genetico, produzione di proteine anomale, chemioresistenza. Purtroppo la capacità di trasferire queste conoscenze al contesto clinico è risultata insufficiente.

Appare sempre più evidente che la neoplasia è assai più di un semplice aggregato di cellule con un corredo genetico alterato, ma un tessuto complesso, nel quale le cellule staminali normali, attivate in risposta al tumore, ne alimentano le caratteristiche di malignità: resistenza alla terapia, invasione, metastasi.

Con questa visione allargata è possibile aprire la strada a trattamenti diretti a modulare il microambiente della neoplasia, in modo da agire in modo efficace per colpire la frazione di cellule tumorali che sfuggono al controllo con le terapie convenzionali.”

Gli studi, condotti all’Istituto Ortopedico Rizzoli nell’ambito di un progetto di ricerca finanziato da AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, consentono già oggi di considerare l’acidità del microambiente tumorale e l’attivazione delle cellule staminali normali come nuovi bersagli terapeutici per colpire l’osteosarcoma.

Dolore cronico – NON VA PIU’ SOPPORTATO ma CURATO !!!

Dolore cronico

vedi più sotto filmato
con Alessio Faliva (Terapia del dolore – ASST di Cremona)

Il dolore cronico è una malattia. In Italia colpisce circa 12 milioni di persone tra i 40 e i 60 anni, in particolare le donne.
I sintomi più frequenti sono le malattie dell’apparato muscolo-scheletrico e la lombalgia. La localizzazione più comune è la schiena, seguita da ginocchia, testa e gambe.
Il dolore non va sopportato, ma curato.

Contatta gli ambulatori di Terapia del dolore dell’ASST di Cremona.

VERGOGNA NAZIONALE per ALKERANDA – Chemioterapico Alkeranda da 5 euro a 85 euro

Alcuni medicinali, fondamentali per la sopravvivenza di alcuni pazienti, sono stati sospesi ed erano introvabili nelle farmacie.

Poi sono riapparsi mesi dopo, con prezzi aumentati anche di 16 volte, passando da 5,23 euro a 85,33 euro, come nel caso del chemioterapico Alkeran.

E’ una denuncia di Altroconsumo.

Ecco cosa dice Altroconsumo:

Da febbraio 2014 ad agosto 2014, sono arrivate attraverso il nostro sito 170 segnalazioni da consumatori e farmacisti. Segnalate sia carenze di prodotti su cui c’era già stata comunicazione ufficiale, noti all’Agenzia italiana del farmaco e reperibili sul sito Aifa, sia carenze non note, né ufficiali, non comprese nell’elenco di Aifa, ma reali, tangibili, segnalate dai consumatori e inoltrate da Altroconsumo all’Aifa”.

“Dietro la ‘sparizione’ di un farmaco ci possono essere diverse motivazioni: problemi produttivi o regolatori, esportazione parallela, traffici illegali. Ma ha attirato la rabbia dei pazienti e la curiosità di Altroconsumo – spiega l’associazione – il caso di 3 anticancro, Alkeran, Leukeran, Purinethol, tutti della Aspen Pharma: scomparsi dalla circolazione in momenti diversi sono riapparsi con un prezzo lievitato, rispettivamente da 5,23 a 85,33 euro (+1.630%), da 7,13 a 90,20 euro (+1.265%), da 15,98 a 90,35 euro (+565%). ‘Delta’ di prezzo enormi – denuncia l’associazione – tali da portarci a chiedere immediate spiegazioni formali all’Aifa che ha rinegoziato il prezzo con la casa produttrice, e al ministero della Salute. Una lettera di Altroconsumo indirizzata alle due istituzioni non ha ancora ricevuto risposta”.

“In qualche caso – denuncia ancora Altroconsumo – la carenza è risolvibile chiedendo al medico la prescrizione di un farmaco equivalente. Quando non ci sono alternative, il problema per i pazienti può diventare più serio. Se le carenze sono note ad Aifa, l’Agenzia può mettere in atto azioni di monitoraggio e adottare misure di contenimento del disagio per i pazienti (per esempio autorizzare l’importazione del medicinale dall’estero); se invece le carenze non sono note ad Aifa, nessuna misura di protezione per i pazienti può essere adottata”.

In data 2.11.2016 abbiamo sentito il Ministro della Salute rispondere ad un interrogazione aprlamentare:

“Stiamo prendendo provvedimenti”. Ma i fatti risalgono al 2014 !