Archivi categoria: RICETTE DIETE CIBI SANI CIOCCOLATO E…

Ricette, cibi sani, il cioccolato e la sua storia, menù disintossicante, ottime ricette per la dieta, ristoranti & bistrò.

Evento gourmet a Milano 11 al 13 novembre – GOLOSARIA

GOLOSARIA MILANO

TRE GIORNI DA VIVERE OLTRE IL BUONO

Aglio nero dal Giappone: non ha il noto cattivo odore, ma un sapore delicatissimo … da provare assolutamente anche se non amate l’aglio; questo è tutta un’altra cosa.

Una bottarga da sogno; un sapore più delicato ed elegante delle nostrane, delicatissima, dal prodondo nord da un’italiana che vive in Svezia: Lia Berti wwwbottargaborealis.com … indimenticabile !

Salumi fenomenali di maiali neri; da Norcia, ma anche dalla Calabria, www.nerocalabria.com, dove abbiamo trovato un lardo da incanto.

Da Norcia (stand appena entrati) anche uno yogurt di pecora di una bontà rara (nulla a che vedere con gli yogurt dei supermercati) e una ricotta di pecora da non perdere.

Non lontano dall’ingresso, giovani ragazzi presentano delle mostrade di zucca, di mela, ma anche di anguria … bianca !!! Da non perdere, veramente come fatte in casa; bravissimi.

Sempre non lontano dall’ingresso, una produzione del lecchese, Marco D’Oggiono www.marcodoggiono.com, vende fantastiche mortadelle di fegato, ma anche un buonissimo cotechino e prosciutto…..

Da Pregnana Milanese, anatre e un’azienda agricola per un VERO agriturismo non lontano da MIlano. Ottimi i derivati dall’anatra; prosciutti, salami e altrowww.cascinamadonnina.com

Oli  extra vergine buinissimi; da provare. Da Termoli, Molise, buonissimo: www.mirandaferretti@virgilio.it

Forteto della Luja: nell’oasi WWF, offre dalle passeggiate anche per orchidee selvatiche (marzo-luglio), giardino delle farfalle, deguastazioni guidate dei vini, il moscato “Loazzolo”; a Loazzolo (Asti) www.fortetodellaluja.it

Antica Macelleria e ristorante Turba a Rivolta d’Adda (Cremona; chiuso lunedì), carne di qualità in vendita a Melzo (vicino a Milano)www.macelleriaturba.it

E poi ognuno assaggi e decida secondo il proprio buon gusto.

Meno quattro a Golosaria, la rassegna di cultura e gusto che per il dodicesimo anno, dall’11 al 13 novembre, rinnoverà a Milano l’appuntamento con le migliori produzioni dell’agroalimentare italiano, portando negli spazi del Mi.Co – Milano Congressi (viale Eginardo ang. via Colleoni – ingresso GATE 3) 200 espositori di cibo (con una clamorosa presenza di dolci con 40 pasticceri da tutta Italia) 100 cantine,

-16 Cucine di Strada e un palinsesto con oltre 60 eventi declinati sul concetto di “Oltre il Buono” che alzeranno il sipario sulle nuove tendenze dell’enogastronomia contemporanea; dalla professionalità dell’oste italiano al recupero delle eccedenze, che passa anche attraverso l’offerta della doggy bag entrata tra gli skills dei locali selezionati del GattiMassobrio.

Quindi un affondo sull’agricoltura delle nuove idee, con l’ingresso di giovani innovatori che useranno il palco di Golosaria per presentare alcune curiosità come l’aglio nero, il rabarbaro o l’alchechengi italiani, sullo sviluppo della domotica, ovvero le nuove tecnologie che entrano nella cucina domestica portandola al pari di quella professionale, sulla rivoluzione qualitativa della pizza, siglata dal debutto di un’area dedicata all’arte bianca, e sulla miscelazione vista dall’Italia che vedrà la presenza di grandi firme degli spirits nostrani.

Perno della manifestazione sarà poi l’editoria gastronomica, con il debutto della nuova collana I libri del Golosario firmata in coedizione Cairo–Comunica.

Sabato alle 17.30 con L’Apericena non esiste!

insieme a Federico Francesco Ferrero, alle 18.30 con la presentazione de Il Libro del Riso Italiano di Valentina Masotti e Massimo Biloni e alle 19.30 con Subito Barbecue, in presenza dell’autore Marco Agostini. Domenica sarà la volta de ilGolosario, con il riconoscimento legato anche alla rivista Bell’Italia (ore 14.00) mentre lunedì (ore 11.00) saliranno sul palco i protagonisti del GattiMassobrio 2018.

Tutte le informazioni sul programma e i protagonisti della prossima edizione su www.golosaria.it

PROGRAMMA

SABATO 11 NOVEMBRE

• ore 14.30 | Apertura Manifestazione

• ore 16.00 | agorà – “Oltre il buono” alimenta il futuro
talk show inaugurale condotto da Paolo Massobrio con Elisabetta Soglio, giornalista, direttrice di Buone Notizie del Corriere della Sera. Intervengono Eleonora Bertolone di Riso di Nori; Elena Casadei di Tenuta Casadei; Fabio Cerri dell’Albero del Pane di Visso; Gian Maria Debenedetti di Evolvere; Don Sandro Luparia, autore di Adesso, 365 giorni da vivere con gusto; Giovanni Mazzucotelli di Res Naturae Rabarbaro italiano; Cristiana Poggio di Piazza dei Mestieri; Giacomo Perletti del caseificio Contrada Bricconi; Alessio Rovetta, Pizzeria 7 Ponti; Francesco Trevisani del progetto Re.Me.Diet.

• ore 17.30 |  agorà – L’Apericena non esiste!
Federico Francesco Ferrero spiega i segreti per mantenersi in forma, vivendo una vita sociale molto intensa, fra aperitivi e cene fuori casa. Frutto del suo libro definitivo che debutta in società (coedizione Cairo Editore / Comunica Edizioni). Interviene Cristina Viggè. 

• ore 18.30 | L’ora del risotto. Omaggio al risotto milanese
con presentazione del Libro del riso italiano. Con lo chef Max Masuelli del ristorante Masuelli di Milano. Partecipano Valentina Masotti e Massimo Biloni autori del Libro del riso italiano. Conduce Paolo Massobrio

• ore 19.30 | area esterna BBQ – Accendiamolo!
Presentazione del libro Subito Barbecue di Marco Agostini intervistato da Martino Marai
tutti i segreti per grigliare senza timori (coedizione Cairo Editore – Comunica Edizioni)

• ore 22.00 | Chiusura manifestazione

DOMENICA 12 NOVEMBRE

• ore 10.00 | Apertura Manifestazione

• ore 11.00 I agorà – consegna dei  Top Hundred 2017
i 100 (e più) Migliori Vini d’Italia de ilGolosario e le 24 Cantine evergreen

• ore 14.00 | agorà – riconoscimento ilGolosario/Bell’Italia
preview. Le radici territoriali del buono.
Con intervento Associazione Nazionale Città dell’Olio e Envision Gallura
Le migliori botteghe artigianali d’Italia salgono sul podio e salutano le Ciberie

• ore 16.00 | agorà – La Pizza Contemporanea, 10 anni di rivoluzione qualitativa
Talk con Molino Quaglia e i protagonisti di una nuova storia legata alla pizza

• ore 20.00 | Chiusura manifestazione

LUNEDI’ 13 NOVEMBRE

• ore 10.00 | Apertura Manifestazione

• ore 11.00 | agorà – presentazione de “Il GattiMassobrio 2018″ (III edizione)
il meglio della ristorazione italiana di qualità si ritrova

• ore 17.00 | Chiusura manifestazione

Evento a Roma nel mondo dei super-alcolici – Fiera 19 al 21 maggio 2018

Fiera Roma
Via Portuense, 1645/647 Roma
http://www.fieraroma.it/

SPIRITS & MORE – LA VOCAZIONE INTERNAZIONALE CONSOLIDATA DALLE PRIME CONFERME DI OSPITI INTERNAZIONALI

Per: apprendere i segreti della degustazione e miscelatura, al fine di apprezzare e distinguere i singoli prodotti

A maggio Roma si tinge di “Spirits& More”, il primo grande evento trasversale e verticale che Fiera Roma dedicherà al mondo dei super-alcolici.

Manifestazione di respiro internazionale che vedrà convogliare alcuni dei più importanti players sul mercato, rivolgendo particolare attenzione ai liquori e ai distillati italiani, l’iniziativa – in programma dal 19 al 21 maggio 2018 (il lunedi sarà indirizzato esclusivamente agli operatori del settore, i giorni precedenti aperto anche al pubblico) – coinvolgerà professionisti, estimatori, ed amanti della night life che potranno soddisfare, allo slogan “Mix & Taste” ogni curiosità sull’ampio mondo del Beverage.

La professione del barman a tutto tondo, il nuovo manager dell’Horeca al dettaglio, la sua formazione e aggiornamento come leve per il successo del suo business saranno alcune delle tematiche approfondite in tale contesto: la presenza delle principali scuole di barman, gare e contest di flair e grandi star del mondo degli alcoolici movimenteranno le tre giornate sotto la supervisione di due eccezionali leader del settore.

A coordinare l’articolato programma che prevede da un lato competizioni sulla preparazione del cocktail più originale e dall’altro incontri e show-drink con ospiti di caratura internazionale, saranno rispettivamente Michele Di Carlo e Stefano Turrini.

Il primo, “gustosofo” per eccellenza, è un affermato esperto in miscelazione e bartending, barman e consulente di alcune tra le più importanti aziende multinazionali.

La sua filosofia del gusto è la base strutturale di ogni progetto rivolto alla costruzione di un prodotto giusto: contro ogni eccedenza di ingredienti che spesso mirano solo ad arricchire un cocktail menu senza la giusta pertinenza con l’essenza dello specifico drink,  Di Carlo ha contribuito fortemente ad innovare e stabilizzare alcune modalità di consumo-tipo, tra cui la combinazione dello spritz e il rituale del chupito, sempre in nome della condivisione con il fruitore e di una stimolazione emotivo-sensoriale che sproni ad identificare mnemonicamente e d’istinto il personal drink.

A lui è affidato un contest rivolto a professionisti del settore che, sotto il giudizio di una giuria di esperti, decreterà il prodotto più originale. Diviso in due step, dalla preparazione dei “must” straclassici all’innovazione pura con specifici prodotti, il contest sarà lanciato nelle prossime settimane (regolamento, iscrizioni e scadenze al sito www.spiritsandmore.it)

Il secondo curatore del programma, Stefano Turrini, è accreditato tra i sales e marketing manager più interessanti a livello internazionale.

Dalle winery californiane ai multibrand di settore, è l’inventore del Dimmi liquore di Milano, il noto distillato ispirato all’originale business cocktail americano degli anni Trenta, che ha saputo veicolare all’estero con speciale attenzione verso ottimi ristoranti, bar a cinque stelle con lobby bar e famosi cocktail. A lui il compito di introdurre sulla scena romana, per la prima volta in Italia, alcuni delle più famose star della mixologymondiale che attraverso corsi di training, parleranno della propria esperienza di successo nel settore.

Tra questi ci saranno anche Kevin Diedrich, “bartender of the year” e general manager del  Pacific Cocktail Haven a San Francisco; Jimmy Yeager, proprietario del Jimmy’s di Aspen, Colorado, riconosciuto tra i massimi esperti internazionali di liquori a base di agave, tequila e mezcal, e Allison Widdecombe, bar manager di alcuni locali top di Denver, tra cui il Williams & Graham e il Matsuhisa, il cui Manhattan è stato definito da molti il migliore di tutti gli Stati Uniti.

Un’occasione unica, Spirits & More, per un confronto quindi con alcuni tra i pro di riferimento a livello mondiale.

Oltre gli ospiti internazionali, che naturalmente hanno particolarmente apprezzato l’invito nella Città Eterna, “Spirits& More” dedicherà percorsi monotematici sia ai principali distillati – Gin, Rum, Vodka e Whisky – quanto ai prodotti italiani di maggior diffusione internazionale – amari, grappe, liquori –  con approfondimenti “verticali” su nascita, segreti della produzione e nuove tendenze, che consentiranno anche ai neofiti di apprendere i segreti della degustazione e miscelatura, al fine di apprezzare e distinguere i singoli prodotti.

Saranno infine due gli spazi dedicati alla formazione e business: The Main Stage, con interventi e speech finalizzati a valutare l’andamento del mercato, individuare i principali trend in atto, delineare i possibili scenari futuri, studiare i casi più significativi e i locali di eccellenza; il  Trade Bar, locale espressamente “lounge” dove le aziende potranno organizzare esclusivamente per i propri invitati dimostrazioni, esibizioni e dibattiti.

A confermare la vocazione internazionale dell’appuntamento non solo la presenza di tanti bartender, giornalisti, bar manager di assoluto prestigio da tutto il mondo, ma anche le serate organizzate in alcune tra le location più prestigiose della Capitale, che faranno da suggestivo sfondo a tutta l’iniziativa nella settimana antecedente.

Appuntamento a primavera nella Capitale, per conoscere ed apprezzare l’inconfondibile “True Roman Spirit”!

Sito web: http://www.spiritsandmore.it

OCCHI SANI – un libro di ricette dello specialista prof. L. Buratto – prefazione prof. U. Veronesi

Il prof. Lucio Buratto, uno dei massimi esperti mondiali nel settore della chirurgia oftalmica e fondatore del Centro Ambrosiano Oftalmico, ha scritto un libro che raccoglie una preziosa serie di consigli e utili ricette per avere occhi sani per tutta la vita.

La prefazione del libro è scritta da prof. Umberto Veronesi.

 Lucio Buratto, il direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico, ha raccolto alcune gustose ricette salva-vista nel libro Occhio e ricette per la vista. Linee guida per una alimentazione sana e nutriente (FGE Editore).

tra i tanti preziosi consigli vi proponiamo la macedonia di papaya e mango, da consumarsi lontano dai pasti principali, preferibilmente a colazione oppure a merenda.

Dosi per 4 persone:
– 2 manghi ben maturi
– 1 papaya ben matura
– Il succo di mezzo limone

La papaya è ricca di carotenoidi, utili per favorire la funzionalità visiva, ricca di vitamina C, selenio e flavonoidi, tutte sostanze efficaci contro i disturbi della vista.

Il mango contiene alti livelli di vitamina C e di vitamina A, proprio come il limone.

“Occhio e ricette per la vista”, FGE editore; 55 euro.

Cosa mangiamo ? 500 gr. di insetti all’anno sono già nei piatti degli italiani

Cibo sano ? Attenzione ai preparati industriali

= piatti pronti – cibi pronti – biberoni

Quello che la televisione non dice nei telegionali

L’industria alimentare da tempo include nei suoi preparati ( dai dolci ai biberoni ai piatti pronti, sugelati … ), anche gli insetti per le loro alte concentrazioni di proteine e sali minerali.

NOI NON ABBIAMO NULLA CONTRO GLI INSETTI

anche se preferiamo un ottimo Gorzonzola, pasta aglio olio e peperoncino o risotto ai funghi …

Ammettiamo che gli insetti siano un grande concentrato di proteine e sali minerali, ma vogliamo sempre sapere cosa stiamo mangiando.

Quello che ci ha infastidito è il sapere che gli insetti, che tante persone trovano disgustosi, sono già da tempo nei piatti preparati dall’industria.

Ci infastidisce ogni metodo di nascondere la verità al consumatore: perché non è obbligatorio scriverlo tra gli ingredienti ???

Purtroppo sappiamo bene, perché ci occupiamo di alimentazione da 40 anni, che la legge permette di dichiarare, tra gli ingredienti, anche preparati alimentari che non devono specificare gli ingredienti.

Ci spieghiamo meglio:

nelle lasagne già pronte basta scrivere ” ragù ” e non è necessario precisare cosa contiene il ragù. Tristissimo ricordo a questo proposito: quando si scoprì che alcune lasagne pronte contenevano carne di cavallo; di animali abbattutti dopo le gare e quindi pieni di anabolizzanti e altri veleni …

 

Burro e speculazioni – Vittima sempre il consumatore

I prezzi dei prodotti lattiero-caseari in Francia sono schizzati al +60% nell’ultimo anno; secondo dati ufficiali.

La “colpa” è della grande moda per croisant e prodotti dolciari nei paesi emergenti; come Cina e sud Est Asiatico.

“ L’aumento è dovuto anche da una generale rivalutazione del burro, a lungo considerato un grasso pericoloso, causa di malattie cardiovascolari,  ma che ora è riconosciuto più salutare rispetto ai grassi che l’avevano sostituito, come per esempio la margarina o l’olio di Palma e altri idrogenati …

Gli speculatori sono entrati anche nel mercato del burro, che funziona come le borse, con le sue bolle”

Luigi Preposti, amministratore delegato Prealpi.

L’origine della carenza di burro è da ricercarsi  nella decisione dell’Unione europea del 2015 di abolire il sistema delle quote latte. Ha poi  fatto seguito l’eccesso di approvvigionamento e il conseguente crollo dei prezzi mondiali.

“Con la globalizzazione si tende a dare spiegazioni assurde, come la siccità in Nuova Zelanda e così via. In realtà anche questo sta diventando un mercato che funziona come le borse, con le sue bolle”, conclude Preposti. “Se fossi un produttore di burro e sapessi che il prezzo continua a salire, e settimana prossima costerà di più, è logico che lo metterei via per un po’…” Lo scrive Euronews.

COME CONSUMATORI: temiamo che questa carenza favorirà la creazione di leggi più “elastiche” che diminuiranno la qualità del burro (permettendo aggiunte di vario genere). E’ già successo per latri prodotti.

Novità a Bologna per golosi e gourmet – FICO

FICO

 Fabbrica Italiana Contadina

dalla fattoria al consumo

BOLOGNA

eccellenza dell’enogastronomia italiana;  dal campo alla forchetta

anche: 45 luoghi di ristoro tra ristoranti, chioschi e bar

  •  8 ettari di estensione
  • 40 ristoranti e bistrot
  • 2 milioni di turisti stranieri previsti ogni anno e 2,5 milioni di visitatori italiani.

Grande parco tematico dedicato all’agroalimentare nel mondo.

Prodotti e venduti:

ortaggi, carni, formaggi, olio, pasta e birra in fabbriche contadine dedicate.

SCONTI PER I SOCI COOP; le varie coop italiane organizzeranno anche viaggi con questa meta; su richiesta dei soci.

MANGIARE PER TUTTE LE TASCHE E GUSTI:

7 chioschi di cibo da strada (dalla piadina al gnocco fritto), trattorie ed anche 4 ristoranti; con prezzi adeguati al ristorante di livello: Guido di Rimini per il pesce, Amerigo di Savigno per la pasta, Massimo Pezzali per l’Osteria delle Terre Verdiane e Di Pisa + Rosarose per il Ristorante dell’Orto

 

COME ARRIVARE

entrata gratuita

tutti i giorni dalle 10 alle 24.

Via Paolo Canali 8, Bologna.

Raggiungibile in AUTO: autostrada A14 USCITA BOLOGNA FIERE

Autobus veloci dalle grandi città d’ Italia: www.eatalyworld.it

7 mega bus elettrici (DIVENTERANNO 11)personalizzati, espressamente dedicati solo a FICO, dalla stazione, dalla fiera, dall’aeroporto e dal centro storico.

ALTRE INFO PER VIAGGI E PACCHETTI TUTTO INCLUSO : www.robintour.it

Torino 17 – 19 novembre 2017 Gourmet Food Festival

Aspettando Gourmet Food Festival

Sette tappe tra ristoranti ed enoteche di Torino in avvicinamento alla manifestazione enogastronomica in programma al Lingotto Fiere dal 17 al 19 novembre.

Prende avvio domani, con la prima delle sette tappe in programma, “Aspettando Gourmet Food Festival”, il percorso di avvicinamento verso la prima edizione della manifestazione enogastronomica biennale in programma a Torino dal 17 al 19 novembre al Lingotto Fiere, frutto della collaborazione tra GL events Italia e Gambero Rosso.

Il “fuori salone” di Gourmet Food Festival si sviluppa attraverso un calendario di cene e degustazioni di vini organizzate in una serie di locali di Torino: le prime sono a pagamento ed è necessario telefonare direttamente ai ristoranti per la prenotazione obbligatoria, mentre in alcune enoteche è possibile assaggiare gratuitamente i prodotti messi a disposizione dalle aziende coinvolte.

L’apertura di venerdì 27 ottobre alle ore 19 prevede un aperitivo nei locali di Rossorubino  in via Madama Cristina, 21 che vede protagonisti i vini delle cantine Ronco Margherita e Cesti Vini in un incontro condotto da William Pregentelli.

Ma è con l’approssimarsi della rassegna che si concentra la maggior parte dei momenti enogastronomici, a partire da martedì 7 novembre alle ore 20, quando il Ristorante Carignano (via Carlo Alberto, 35) ospiterà l’appuntamento “A Tavola con l’Amarone Bertani”, che chiama in causa la cucina del talentuoso Fabrizio Tesse, chef resident del Grand Hotel Sitea e i vini Amarone Bertani, introdotti da Gianni Fabrizio. Il costo della cena è di 70 euro ed è possibile riservare il proprio posto al numero 011.5170171.

Il giorno successivo, mercoledì 8 novembre alle ore 19, si ritorna in enoteca facendo tappa da Papà Noè in corso Stati Uniti, 11 con “Bollicine in Città” che offre agli appassionati un aperitivo con degustazione delle bottiglie dell’azienda Tosti.

Si passa quindi a giovedì 9 novembrealle ore 20 per la cena evento che abbina grandi vini e cucina d’autore in cima al grattacielo di Intesa Sanpaolo di corso Inghilterra 3: il Ristorante Piano 35 propone “Mezzacorona ad alta quota”, serata curata dallo chef Fabio Macrì, le cui creazioni saranno accompagnate delle etichette di Mezzacorona, al costo di 65 euro prenotandosi allo 011.4387800.

Altra cena venerdì 10 novembrealle ore 20, quando al costo di 30 euro viene proposta una serata dedicata alla birra artigianale presso il Ristorante Tre Galli (per adesioni 011.5216027) durante la quale sperimentare l‘abbinamento tra provolone Valpadana e birre Flea, grazie al menu ideato da Giovanni Battista Caputo.

La settimana successiva, quella che si concluderà con la tre giorni del festival al Lingotto Fiere, prevede martedì 14 novembre alle ore 20 una cena all’Artemisia Bistrot (tel. 011.7607495, costo 60 euro), con la cucina creativa di Giuseppe Rambaldi abbinata ai vini della cantina Bel Colle.

Infine, alla vigilia dell’apertura della manifestazione, giovedì16 novembre alle ore 19 si chiude il percorso di “Aspettando Gourmet Food Festival” con la degustazione dei vini Bertani per la quale si ritorna all’Enoteca Rossorubino (via Madama Cristina, 21).

Gourmet Food Festival 2017

Dedicato ai foodies e agli amanti dell’enogastronomia di qualità, ma anche agli operatori Ho.Re.Ca. in cerca di idee e stimoli creativi, Gourmet Food Festivaldal 17 al 19 novembre propone al Lingotto Fiere eventi, degustazioni, dibattiti e workshop con chef ed esperti selezionati dal Gambero Rosso, offrendo inoltre al pubblico la possibilità di scoprire e acquistare le eccellenze alimentari di produttori e artigiani in arrivo da tutta Italia.

Cuore della manifestazione è una grande area centrale dedicata alla “cultura” del cibo, suddivisa in quattro ambienti tematici: i prodotti e la cucina (salumi, formaggi, carni, pesci, verdure, oli ecc.), il mondo del dolce (pasticceria, gelateria, cioccolato, caffè, tè e tisane), il pane e la pizza, il beverage (vino, birra, mixology).

Ad animarla, un ricco programma di appuntamenti che coinvolge i volti più noti della scena enogastronomica nazionale: Carlo Cracco, Gino Sorbillo, Iginio Massari, Simone Padoan, Massimo D’Addezio, Gianfranco Pascucci, Sal De Riso e Igles Corelli, con i talent del Gambero Rosso Channel, sono solo alcuni dei personaggi con cui il pubblico potrà interagire facendosi accompagnare in un’esperienza a 360° nel gusto e scoprire le migliori tecniche di preparazione a tavola.

 

Weekend 20 -22 ottobre a Milano – Aperti e gratuiti

Chekup medici, showcooking, personal trainer … gratuiti con prenotazione

Starbene festeggia 40 anni di vita, per due giorni alla Microsoft House, via Pasubio 21, con un APERTO A TUTTI

Gratuiti: chekup medici, showcooking con nutrizionisti e con il Gruppo Opedaliero San Donato e chef di Sale&Pepe; ma anche personal trainer.

Obbligatoria la prenotazione su starbene.it

STARBENE è la rivista di benessere della Mondadori.

OBESI troppi nel Mediterraneo culla della famosa dieta mediterranea …

“Il Mediterraneo, culla della Dieta più salutistica, è sempre più obeso”

Il professore dell’Università di Siena Angelo Riccaboni, presidente della Fondazione Prima, ha presentato in apertura di “Siena Food Innovation” i risultati dell’SDG Index Report 2017 di UN SDSN con riferimento al Mediterraneo

Quello che qualche decennio fa sarebbe stato considerato un paradosso, oggi è diventato realtà.

Le popolazioni del Mediterraneo, ovvero dell’area unanimemente considerata la culla del più sano regime dietetico possibile, la dieta conosciuta in tutto il mondo proprio come ‘Mediterranea’,  sono caratterizzate, purtroppo, dalla forte presenza di adulti sovrappeso e obesi.

Fra il 20 e il 30 per cento dei cittadini dell’area, infatti, si trova in tale condizione (l’Italia è al quinto posto nel bacino con il 21%).

Va sottolineato che tale condizione convive, nei paesi della costa sud ed est, con il 5% di sottonutriti, in linea con quella coesistenza di obesità e sottonutrizione sempre più spesso rilevabile nei Paesi meno sviluppati.

Dallo studio, di cui più sotto, emerge, innanzitutto, come, in generale, i Paesi dell’Europa mediterranea presentino una situazione sensibilmente peggiore in termini di sostenibilità ambientale, economica e sociale rispetto ai Paesi del Nord Europa, che peraltro riportano i migliori risultati a livello mondiale (con 8 Paesi ai primi 8 posti).

PRIMA è un programma euro-mediterraneo di ricerca e innovazione sui temi delle risorse idriche e dei sistemi agro-alimentari che nei prossimi dieci anni prevede l‘investimento di 500 milioni di euro.

I dati della ricerca SDSN evidenziano che i Paesi dell’area condividono situazioni assai simili in termini di carenza di acqua, aumento delle zone aride e desertiche, perdita di biodiversità, ricorso a pratiche agricole non sostenibili dal punto di vista ambientale, sfruttamento del suolo, diffusione dell’obesità e (con pochissime eccezioni) insufficienti investimenti in ricerca e sviluppo.

I dati relativi all’inquinamento da pesticidi, allo spreco di cibo e alla diffusione dell’obesità, specialmente presso le fasce marginali della popolazione (per la prima volta il numero degli obesi nel mondo supera quello di chi soffre la fame), dimostrano, dunque, che occorre fare molto di più di quello che si sta facendo adesso.

Piuttosto che produrre in maggior quantità, la risposta più efficace per molte delle questioni che assillano le nostre società è, dunque, quella di mangiare meglio, e in tal modo influenzare in senso sostenibile le scelte dei produttori.

Tra le risorse messe a disposizione per l’attuazione del programma, 220 milioni arriveranno dalla Commissione europea nell’ambito del programma quadro per la ricerca Horizon 2020, 300 milioni dai 19 Paesi partecipanti, che attualmente sono 11 Paesi dell’Unione europea (Cipro, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia e Spagna) e 8 Paesi non Ue (Algeria, Egitto, Giordania, Israele, Libano, Marocco, Tunisia, Turchia).

L’ex rettore e attuale docente dell’Università di Siena Angelo Riccaboni da pochi mesi è stato nominato presidente della Fondazione, con sede a Barcellona, incaricata di attuare PRIMA (Partnership on Research and Innovation in the Mediterranean Area). “L’indagine – spiega il professor Riccaboni – pone particolare riguardo ai sistemi agro-alimentari, nella consapevolezza della loro centralità  ai fini della promozione di condizioni ambientali, sociali ed economiche migliori, in ragione delle loro conseguenze sull’ambiente e sulla salute dei singoli e delle comunità nonché dell’ampia occupazione che inducono”.

“Gli indicatori relativi ai Paesi del Mediterraneo – puntualizza Riccaboni – evidenziano che le nostre società hanno bisogno non tanto di maggiori produzioni, anche se il tema non va trascurato, quanto di sistemi alimentari in grado di produrre cibo di qualità, nutriente e sicuro, utilizzando meglio le scarse risorse naturali disponibili, suolo e acqua prima di tutto”.

 “A tal fine  – spiega sempre il professore – due fattori si rivelano indispensabili: la concreta applicazione di innovazioni tecnologiche, organizzative e sociali in grado di indurre pratiche agricole e produttive più sostenibili, in termini di utilizzo delle risorse naturali e di efficiente uso dell’acqua, e l’adozione, da parte dei consumatori, di scelte dietetiche sostenibili, anche sulla base di idonee politiche educative. La ricerca scientifica dimostra con chiarezza, infatti, che un’agricoltura più sostenibile e scelte alimentari corrette portano impatti positivi sull’ambiente, la salute, la società e l’economia”.

“Nel corso del Festival – conclude Angelo Riccaboni – saranno presentate soluzioni concrete a tali questioni, nella consapevolezza che la ricerca e l’innovazione, sempre più globali, sono in grado di fornire risposte alle questioni delle nostre comunità e società. Su questi stessi temi verranno lanciati, a partire dalla primavera 2018, i bandi della Fondazione PRIMA”.

per Ethis srl, comunicazione Siena Food Innovation 2017

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati nella maggiore delle Isole Baleari

 All’indiscussa fama internazionale delle spiagge eccellenti delle isole Baleari, si unisce una ricca offerta gastronomica e un viaggio in questo arcipelago può diventare un’esperienza gourmet di alto livello.

La cucina locale è il risultato di un mix perfetto tra materie prime di grande qualità e antiche ricette.

Tutte le quattro isole si caratterizzano tra le destinazioni ambite tra coloro che amano e ricercano l’esclusività a tavola, ma in particolare a Maiorca è possibile trovare ristoranti riconosciuti dalla celebre Guida Michelin e premiati con ben dieci stelle.

La cucina a Maiorca è ricercata e prestigiosa:

-sull’isola le proposte gastronomiche sono variegate grazie al talento di professionisti che sono in grado di dare un tocco di creatività alle ricette di una volta.

L’esperienza gourmet sulla maggiore delle isole Baleari è un continuo fondersi sperimentale di tradizione e innovazione tipica dei nostri giorni, in una combinazione perfetta tra i molti prodotti locali, tra i quali abbondano quelli riconosciuti con marchi di denominazione di origine protetta.

Ben nove ristoranti sull’isola sono stati premiati con la stella Michelin e dal 2017 uno di questi, lo Zaranda ne vanta addirittura due. Situato a Calvía, all’interno dell’hotel 5 stelle Castel Son Claret, questo ristorante di alta cucina è gestito dallo chef Fernando Pérez che prima di approdare a Maiorca ha avuto la possibilità di collaborare con molti ristoranti stellati a livello internazionale, fino ad avviare il proprio locale nella Spagna continentale e lì guadagnare la prima stella della sua carriera professionale.

Lo Zaranda consta di un’unica sala, con vista sulle attività della cucina, e di un sobrio dehors. Il fine talento dello chef conquista il palato tramite un’offerta culinaria originale, basata su alcuni menù aperti che lasciano al commensale la possibilità di comporre la propria selezione di piatti.

Al Jardín, Macarena de Castro – riconosciuta tra le migliori 10 giovani chef di Spagna – propone ricette tradizionali maiorchine riviste in chiave moderna: il comune denominatore dei piatti del Jardin è la semplicità degli ingredienti, che devono essere pochi, locali e rigorosamente di stagione. Questo grazioso ristorante fondato nel 1996 da Dani de Castro, fratello sommelier della chef, si trova in una delle zone più turistiche di Maiorca, Port d’Alcudia, e da qualche anno ha incluso tra i propri servizi anche quello di catering per eventi in varie location isolane.

Presso il ristorante Fosh dell’hotel Convent de la Missió, lo chef Marc Fosh propone ai commensali un delizioso e suggestivo menù ispirato a ricette mediterranee ricche di originalità e creatività. La sala del Fosh è situata in un seminario del Seicento che dopo una attenta ristrutturazione presenta un’estetica avanguardista, con spazi spogli decorati in stile minimalista nei toni del bianco e del nero, e affaccia su un’ampia terrazza in cui un muro di acqua a cascata accoglie gli ospiti in un ambiente suggestivo.

Gli altri ristoranti stellati sull’isola di Maiorca sono l’Es Molí d’en Bou, presso l’hotel Protur Sa Coma Playa Hotel & Spa, il Es Fum a Costa d’en Blanes e il Es Racó des Teix a Deia, il Predi Son Jaumell dove è di casa lo chef Andreu Genestra, il Restaurante Argos e il Restaurante Adrián Quetglas.

Per informazioni sull’isola di Maiorca, visita www.infomallorca.net