Archivi categoria: RICETTE DIETE CIBI SANI CIOCCOLATO E…

Ricette, cibi sani, il cioccolato e la sua storia, menù disintossicante, ottime ricette per la dieta, ristoranti & bistrò.

A scuola di cucina a Milano – Torino … Eataly

Tantissimi i corsi; la pubblicazione intera sul sito o da ritirare in uno dei centri Eataly.

A Eataly Milano -Smeraldo, con 15 euro per visita:

-al mattino è possibile seguire, dietro le quinte, in 4 persone al giorno, lo specialista del caso;

-macellaio; mercoledì dalle 8 alle 9

-vinaio e birraio lunedì  ore 17 -18

-pescivendolo; martedì ore 8-9

-casaro; sabato dalle 10,30 alle 11,30, come si fa la mozzarella e altre specialità

-e altro ancora.

Noi a Milano abbiamo scelto questi corsi di cucina (attenzione alcuni sono al Centro Congressi)

-venerdì 9 febbraio Cocktalil e Finger Food ore 19-21, 35 euro (Centro Congressi)

-il menù perfetto, lunedì 16 aprile, ore 19-22, 70 euro. Dall’antipasto al dolce protagonista la Sardegna.

-corso completo di degustazione vini, sabato 10 e 17 aprile, ore 18-20, 120 euro. Due lezioni ogni lezione si degustano 4 vini.

Pasticceria, degustazione, incontri speciali e grandi cene, entra e scopri tutte le proposte nella tua città: https://www.eataly.net/it_it/corsi/

Per Milano: https://www.eataly.net/it_it/corsi/milano-smeraldo/

TAIWAN shopping low cost , ma non solo – STREET FOOD IL MEGLIO DEL MONDO A TAIWAN

BALI MERCATO CIBO HSB

Bali street food smz
LA CUCINA DI TAIWAN E’ ECCELLENTE PER : rigore e qualità delle materie prime.

La famosa e prestigiosa rivista TRAVELLER L’HA SCELTA COME “destinazione food” DELL’ANNO 2015.

Taiwan è diventata la regina della gastronomia mondiale.

Lo street food di Taiwan è nella top ten della televisione americana CNN.

Dai baracchini street food di Taipei, all’ispirazione fusion (cinese e giapponese), questa è la ristorazione sull’isola di Taiwan.

———-

Grattacieli, treni superveloci, industrie informatiche all’avanguardia e tanto traffico ovunque in città, ma anche templi con angoli che sembrano fuori dal mondo.

La montagna più alta raggiunge i 3.952 metri e tanta natura intatta riveste tutta l’isola; foreste di bambù, alberi della canfora e sorgenti termali a Beitou e Wulai ( a pochi chilometri dalla capitale ).

Arrivati a Taipei, la capitale, il meglio è andare sul grattacielo 101, per un magnifico panorama di tutta la città. La città è caotica, caratterizzata da ingorghi colossali.

Per muoversi è bene usare le 5 linee metropolitane che uniscono tutti i punti importanti della città.

Da visitare:

-tempio buddista di Longshan (la montagna del drago), è il cuore pulsante della città, qui tutti vengono per festeggiare o chiedere aiuto al cielo

-National Palace Museum; qui si trovano i tesori della civiltà plurimillenaria. Da non perdere

-mausolei dedicati ai due padri della Cina moderna: Chiang Kaishek e Sun Yan-sen

-mercati notturni di Shilin e Huax; ci si trova di tutto, la città vive 24 ore su 24: cibo, abbigliamento, steet food  ecc…

-la via dei serpenti: solo per chi ha fegato. Qui vengono cotti anche rettili velenosissimi.

JIOUN FEN: cittadina montana di Taiwan, situata nella municipalità di Nuova Taipei, vicino alle città di Keelung e Rueifang. In OLD STREET: case da tè con vista sull’oceano.

NELL’ISOLA:

-Alishan National Scenic Area; foresta pluviale, terme, piantagioni di tè di montagna ed alpinismo

-Lago Riyue: villaggi aborigeni.

ALL’ESTREMO SUD DELL’ISOLA:

-belle spiagge di sabbia corallina, barriera corallina e snorkeling

——–

Street Food

Già famosa per il suo street food, oggi Taiwan inizia a imporsi come una delle frontiere culinarie più interessanti al mondo anche per la ristorazione..
Cucina fusion, menù che cambiano con le stagioni e prezzi contenuti attirano turisti da tutto il mondo.
THAI PEI ; il cuoco Andre Chiang, ha studiato in Francia, lavorato a Singapore e ha aperto il suo ristorante “Raw” a Taipei.
Andre Chiang è definito come un re-interprete della cucina tradizionale dell’isola.
Il suo ristorante ha 7 menu che cambiano ogni mese : gamberi in cracker di riso viola, cavolfiori in wafer di pelle di pollo, torta all’ananas in versione cubetti semi-ghiacciati; il menu costa sui 24 euro
Tofu fermentato, dolcetti piccanti, panini con maiale bollente, guava verde caramellato….prodotti sempre freschi; ecco il segreto di Taiwan; da provare !!!
INFORMAZIONI
VISTO NECESSARIO?
Per soggiorni inferiori ai 90 giorni non è richiesto il visto ma solo un biglietto di andata e ritorno e passaporto valido.
All’arrivo a Taiwan dovete mostrare il passaporto e la carta di immigrazione compilata è sempre consegnata a bordo dell’aereo o la potete ritirare all’arrivo). Il funzionario applicherà un timbro di entrata ed una copia della carta di immigrazione sarà graffettata in una pagina del passaporto. Non perdetela perché è necessaria per uscire da Taiwan.

CLIMA 

Il periodo migliore per andare a Taiwan è l’autunno: giornate soleggiate e asciutte.
Anche la prima parte della primavera è un buon periodo per andare a Taiwan mentre l’ultima parte della primavera (maggio) è quasi sempre ricco di forti piogge.
Da evitare: il capodanno cinese, tra gennaio e febbraio; tutti viaggiano e voli e alberghi sono pieni e cari.

Inverno ed estate:

-umidità e pioggia per la maggior parte dell’anno e tifoni in estate.
In inverno fronti freddi (dalla Mongolia) con temperature basse; per un isola tropicale.

Per la maggior parte dell’anno la temperatura è facilmente sopra i 30 gradi.

In inverno non di rado si raggiungono i 5-10 C, almeno a Taipei; nel Nord.
DA TENERE PRESENTE: le case non sono riscaldate e il vento è molto frequente.
Piovosità massima al Nord.
Taiwan è più umida della foresta pluviale.

ABBIGLIAMENTO: abiti caldi, a strati, IN INVERNO AUTUNNO E PRIMAVERA.
In estate SOLO abiti molto leggeri.
L’aria condizionata è freddissima, soprattutto d’estate; portate un golfino, una scarpa leggera e un cappello.

SHOPPING: abbigliamento, a costi molto molto convenienti; articoli sportivi, giacche a vento e piumini; QUI TUTTO è PIU’ CONVENIENTE CHE IN EUROPA: RIFATEVI IL GUARDAROBA ! Partite con la valigia semi vuota !

ELETTRICITA’ : corrente elettrica a Taiwan è a 110 V, la presa simile all’ americana (ma spesso senza la terra). NESSUN PROBLEMA per i moderni alimentatori per computers portatili, carica batterie, per telefonini; ma DOVETE avere un adattatore che trovate in aeroporto o in Taiwan.
TELEFONO: da Taiwan in Italia : prefisso 00239 oppure 01939; quest’ultimo con una tariffa leggermente più conveniente.
SIM prepagata : fornire 2 documenti di identità con foto (patente passaporto o passaporto e carta identità).
———
SALUTE :
L’acqua del rubinetto non è potabile LA SI DEVE BOLLIRE.
-consigliata è la vaccinazione per l’epatite A
-COME IN OGNI VIAGGIO E’ DOVEROSO portare le proprie medicine
-I medici parlano quasi tutti inglese (molti hanno studiato in America)
-le cure mediche non sono costose
——–
MONETA
L’Euro viene comunemente cambiato.
Potete usare la vostra carta di credito per ritirare contante.
——-
VOLI
Una soluzione veramente low cost (tipo Ryan Airi) è la malese Air Asia che vola da Londra Stansted o Parigi Orly a Taipei via Kuala Lumpur.
Abbiamo cercato un volo per fine settembre (21.9/ 1.10.2015) e abbiamo trovato questo prezzo :
-Expedia: 616 euro andata/ritorno con Air China 1 solo scalo 18 ore e 55′ per l’andata (586 euro con Tripadvisor, ma senza sconto per hotel)
-più confortevole con Emirates: 718 euro A/R; 23 ore e 30′ per l’andata. 1 scalo.
-Cathay Pacific è il meglio, ma anche il più caro, 960 euro A/R ; 14 ore e 35′ per l’andata, 1 scalo.
Con Expedia si ha lo sconto fino a 282 euro se si prenotano anche gli alberghi.
COLLEGAMENTI DA AEROPORTO
Taoyuan Airport ha due terminali (Terminal 1 e 2). L’aeroporto è collegato a Taipei da frequenti autobus e dai taxi; a efficiente e comoda la metropolitana di Taipei (Taipei MRT).
SPOSTAMENTI IN TAIWAN:
THSR ; Ferrovia ad Alta Velocità da Taipei a Kaohsiung
– collega le principali città della costa occidentale
-da Taipei a: Hsinchu, Taichung, Tainan, Chiayi o Kaohsiung il meglio è il treno ad alta velocità (anche 300Km ora)

-BUS: diverse società private, le più importanti: Ubus, Ho-hsin e GuoGuan.

TAXI E PRUDENZE

Tra Taichung e l’aeroporto di Taoyuan (circa un ora e mezza) costa tra 2000 e 2500 NTD, pedaggi autostradali inclusi; non è caro.

-pochi tassisti non usano il tassametro o “fanno i furbi” allungando l’itinerario; attenzione spessissimo non parlano inglese
-DOVETE sempre avere un biglietto da visita con la vostra destinazione scritta in cinese.

AUTO NOLEGGGIO

Occorre la patente internazionale, non derogate !
-noleggio auto e moto
-guidare a Taiwan è scoprire regole locali molto diverse dalle nostre e, a volte impegnativo, è sicuramente possibile per chiunque abbia preso la patente in Italia.

LINGUA: lingua ufficiale Cinese Mandarino, il Taiwanese è un dialetto della Cina Meridionale
-circa 250.000 persone parlano una delle diverse lingue aborigene chenulla hanno anche vedere con il cinese.
————–
RELIGIONE:
-credenze Taoiste, Buddiste e Confuciane con forte substrato animistico
—————
MONETA:
-Il codice ufficiale ISO ( per conoscere il cambio attuale) è TWD.
—————
SALARI: stipendio medio ammonta a circa 40.000 NTD (CIRCA 820 euro)
————–
COSTO DELLA VITA:
-minore che in Italia.

Evento imperdibile a Milano cucina giapponese per gourmet

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti …

Selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki a Eataly Milano Smeraldo

Assaggi e show cooking … da non perdere !

Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki

Più sotto due ricette di grandi maestri di cucina

Nagasaki; una zona del Giappone da scoprire; ricca di natura, terme, cultura e ottima cucina; più sotto tante informazioni

Foto: preparazione giapponese della pasta, lunga e complessa, richiede grande esperienza e materie prime eccellenti. Il risultato è un prodotto di altissima qualità; in questo caso addirittura preparato con speciale acqua purissima e olio di camelia …

:::::::::

Degustazioni a Eataly Milano Smeraldo

NAGASAKI GOURMET DUET
MENU DEGUSTAZIONE APERTA AL PUBBLICO

12 gennaio ore 18.00 – 20.00
Maguro Shimabara Somen
il piatto con cui chef Lavezzari e il maestro Ichikawa hanno vinto il Girotonno 2017. Si tratta di un particolare tipo di spaghetto di grano giapponese molto sottile cotto nel brodo dashi e condito con:
tonno rosso
Edamame
Sesamo Nero
Alghe Wakame
Ikura
Erba cipollina
Aceto di riso al pompelmo
Salsa di soia

il 13 gennaio alle ore 12.00-14.00
Goto Tenobe Udon (famoso spaghetto in grano duro con olio di camelia) con brodo di pesce volante (ti allego le foto)

il 14 gennaio alle ore 12.00-14.00
Kurogoma Somen (spaghetto sottile con sesamo nero) con Anatra

tutti i piatti saranno accompagnati con il té di Nagasaki.

Maestro Haruo Ichikawa e Chef Lorenzo Lavezzari

:::::::::

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Gli italiani sono stati stregati dalla cucina giapponese: una recente ricerca, ha infatti dimostrato che il piatto più ordinato nel 2017 nel nostro Paese è il sushi.

Da mangiare in un sol boccone, dopo averle intinte nella salsa di soia, le polpettine a base di riso bollito e aromatizzato e pesce, hanno evidentemente conquistato il cuore e i palati nostrani.

Ma, così come la cucina italiana non è sinonimo esclusivo di pizza, anche la tradizione gastronomica del Paese del Sol Levante è ricca di ingredienti e piatti straordinari.

Apparentemente, Italia e Giappone a tavola sono lontanissimi:

la nostra cucina ama mescolare gli ingredienti con grande creatività e innovare le ricette tradizionali grazie ad accostamenti sorprendenti; le parole chiave della cucina giapponese sono invece eleganza e perfezione formale, all’insegna di sapori netti e impiattamenti rigorosi.

In comune, oltre all’attenzione per la freschezza e la qualità degli ingredienti, sicuramente il concetto di convivialità:

nel Paese orientale, a differenza che in Italia, non esiste differenza fra primo piatto, secondo, contorno e frutta; di solito in tavola vengono portati contemporaneamente tutti i cibi, che vengono consumati senza ordine prestabilito.

Nelle case giapponesi spesso però si servono anche piatti cotti con un fornello portatile direttamente in tavola, dove i commensali attingono dalla pentola. È il caso dello shabu shabu: fettine sottilissime di manzo vengono immerse per una ventina di secondi nel brodo di alghe kombu che bolle in un contenitore al centro del tavolo. Una delizia.


Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti: oltre a una fascinazione per il fritto chi non apprezza la tempura?ci unisce infatti l’amore per la pasta.

Il prodotto italiano per antonomasia fa parte infatti anche della tradizione giapponese, con due formati tradizionali e allungati rigorosamente a mano: i sōmen e gli udon, che gli italiani sempre più riconoscono e apprezzano.

Così lontani eppure quindi così vicini, Italia e Giappone hanno iniziato anche a contaminarsi a tavola: quando due culture diverse, ma tanto incentrate sul cibo si incontrano, il risultato non può che essere eccezionale.

Lontanissimi dalla confusione di sapori e forme del fusion, quello che sempre più chef italiani stanno sperimentando è infatti utilizzare ingredienti giapponesi – come sōmen e udon – per esprimere la cucina italiana in un modo diverso, sposando il background, l’impiattamento, e magari una tavola di design in stile giapponese.

1. Fonte: http://www.gamberorosso.it/it/news/1046525-i-piatti-piu-ordinati-nel-2017-le-specialita-che-hanno-spopolato-in-italia-e-all-estero

:::::::::::

Nagasaki Gourmet Duet

A Milano la migliore selezione di prodotti della provincia di Nagasaki 
incontra la cucina italiana

Italia e Giappone hanno da poco più di un anno festeggiato i 150 anni del primo Trattato bilaterale di amicizia e commercio fra i due Paesi

Le tradizioni gastronomiche dei due Paesi saranno protagoniste di una straordinaria quattro giorni all’insegna dell’eccellenza e della contaminazione culinaria: Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki per presentare al grande pubblico e ai professionisti dell’Ho.Re.Ca. i prodotti a marchio Yokamon! Market di Nagasaki.

L’appuntamento è stato venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 gennaio presso Eataly Smeraldo (Piazza XXV Aprile, 10, Milano) con una selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki, lo splendido territorio situato all’estremità occidentale del Giappone noto per la sua ricca produzione agroalimentare e ittica: i suoi pendii toccati dal clima mite sono storicamente dediti all’agricoltura e alla frutticoltura, mentre le numerose isole e i mari pescosi l’hanno reso nei secoli il secondo centro di produzione ittica di tutto il Giappone.

Lunedì 15 gennaio sarà dedicato esclusivamente agli chef e ai professionisti di settore.

Yokamon è la parola che nel dialetto di Nagasaki significa “cosa buona, frutto di scelta attenta”: lo Yokamon! Market di Nagasaki porta a Milano, capitale italiana del food e città da sempre aperta sia alle tendenze internazionali sia alla sperimentazione in ambito gastronomico, sōmen e udon (pasta di grano duro allungata a mano), condimenti e salse come il ponzu e l’agodashi, il prezioso olio di camelia, il tè verde, liquori come il shochu, ma anche oggetti di design.

Durante Nagasaki Gourmet Duet la bellezza, l’armonia e il rigore formale della cucina giapponese incontreranno la tradizione culinaria italiana; i quattro giorni di degustazioni gratuite, sia aperte al pubblico sia riservate ai professionisti dell’Ho.Re.Ca., racconteranno in particolare una eccellenza gastronomica comune ai due Paesi: la pasta. 


Gli udon, un formato di pasta a base di farina di grano duro realizzato da secoli a mano nella prefettura di Nagasaki, verranno infatti utilizzati per reinterpretare una delle ricette maggiormente rappresentative della cucina italiana: l’amatriciana.

A Eataly, a rappresentare la fusione fra il Paese del Sol levante e l’Italia saranno due chef d’eccellenza: il Maestro Haruo Ichikawa e lo chef Lorenzo Lavezzari, che hanno vinto la Tuna Cuisine Competition al Girotonno di Carloforte 2017 proprio con un piatto di Maguro Shimabara Sōmen, dove i tradizionali spaghetti giapponesi sono stati serviti in brodo con tonno, wasabi e dashi.

Si tratta di una gara gastronomica internazionale alla quale partecipano chef provenienti da diversi Paesi che si sfidano presentando ricette a base di tonno.

Nella giornata del 15 gennaio presso Feeling Food Milano invece ad affiancare il Maestro Haruo Ichikawa sarà Vito Mollica, grande interprete della cucina e dei sapori italiani,1 stella Michelin presso Il Palagio del Four Seasons Firenze e La Veranda del Four Seasons Milano.
Programma dettagliato
Venerdì 12 gennaio

– Ore 10:30. Welcome drink Nagasaki Style.
– Ore 11:00. Conferenza stampa e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki, Auditorium Eataly Smeraldo (2° piano).
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon

– Dalle ore 11:30, degustazione presso la cucina Arclinea di Eataly Smeraldo. Show cooking a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello chef Lorenzo Lavezzari che prepareranno i Goto Udon (una varietà di noodles preparati con farina di grano duro e olio di camelia) all’amatriciana e i Maguro Shimabara Sōmen.
– 12:00 Conclusione
– Dalle ore 18:00 alle 20:00, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone) con oltre 80 assaggi. I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki saranno eccezionalmente venduti a Eataly, negli spazi adiacenti la cucina Arclinea, nei quattro giorni del Nagasaki Gourmet Duet. Non è necessaria la prenotazione.

Sabato 13 gennaio e domenica 14 gennaio
– Dalle 12.00 alle 14.00, nella cucina Arclinea di Eataly Smeraldo, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone). Non è necessaria la prenotazione.
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style
– Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
– Ore 18:15. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Lorenzo Lavezzari.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento pomeridiano è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Lunedì 15 gennaio
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style.
- Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Vito Mollica (1 stella Michelin);
Camilo Becerra, GM di Feeling Food Milano;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
– Ore 18:00. Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon.
- Ore 18:30. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Vito Mollica.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento del 15 gennaio è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Gli chef
Haruo Ichikawa
Il Maestro Haruo Ichikawa conosce benissimo l’Italia, dove vive da più di vent’anni. Classe 1954, è stato al timone della cucina di un importante ristorante giapponese a Milano, dopo un percorso che lo ha visto formarsi fra Tokyo e Los Angeles. Pur rimanendo fedele alla tradizione giapponese, lo chef Ichikawa integra spesso e volentieri nelle sue preparazioni prodotti di eccellenza italiana. L’incontro con lo chef Lavezzari è stato determinante per entrambi. Una coppia creativa perfetta che unisce la tradizione all’innovazione.
Lorenzo Lavezzari
Lo chef Lorenzo Lavezzari entra prima alla corte dello chef Igles Corelli, poi dello chef Bruno Barbieri e infine dello chef Mauro Ricciardi. Di ritorno a Milano nel 2008, entra a far parte della brigata dello chef bistellato Claudio Sadler presso il suo Ristorante Sadler (2 stelle Michelin) a Milano, una delle esperienze più importanti della sua carriera.
Lavezzari ha inoltre un passato da responsabile della pralineria di cioccolato e aiuto pasticcere presso Ernst Knam. In seguito, affascinato dal mondo asiatico inizia la sua lunga avventura al fianco del maestro Haruo Ichikawa in un famoso ristorante di Milano, unico in Italia, premiato nel 2014 con una stella Michelin.
Oggi lo chef conduce Otto – Bottega&Cucina, suo progetto innovativo a Novate Milanese. Si tratta di una Bottega dove poter acquistare e degustare i prodotti che l’Azienda Agrituristica produce e di una cucina che offre “merende salate” ed “emozioni di gusto”, le materie prime stagionali a km zero di aziende agricole liguri, toscane e della cerchia milanese. Il progetto dello chef è quello di riportare la gente a stare tutti assieme a tavola, una social kitchen, creando un legame speciale tra Agri-Chef e commensali.
Vito Mollica

Classe 1971, lucano di nascita ma cresciuto a Origgio, nel varesotto, Vito Mollica può definirsi a tutti gli effetti un veterano del Four Seasons: vi entrò per la prima volta nel 1996, nella sede di Milano, per poi trasferirsi, quattro anni dopo, al Four Seasons di Praga. Particolare il rapporto che lo lega ancora oggi alla città, dove sono nati i suoi due figli, che nel 2007 ha lasciato per tornare in Italia alla volta di Firenze, dove oggi è responsabile del comparto Food&Beverage ed Executive Chef del ristorante gourmet dell’hotel, Il Palagio, premiato nel 2011 dalla stella Michelin. Nel maggio 2015 Vito Mollica duplica i suoi incarichi, affiancando alla guida del ristorante fiorentino anche quella de La Veranda del Four Seasons Milano. Un ritorno alle origini che lo vede succedere a un grande maestro della cucina italiana di cui fu allievo, Sergio Mei.
Appassionato cultore della materia prima, Mollica seleziona personalmente i suoi fornitori, setacciando campagne, aziende agricole e mercati regionali in cerca di produttori che con lui condividano la passione per la qualità e l’eccellenza. “La cura nella produzione degli ingredienti – spiega nel suo profilo ufficiale – si riflette nel gusto. Più semplice è la preparazione degli ingredienti, più facile sarà amplificarne il sapore”.

I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Sōmen 
I sōmen sono la pasta allungata a mano di Shimabara, la penisola situata nella parte meridionale del Giappone, circondata dal mare di Ariake. Si tratta di una specie di tagliolini la cui produzione risale a 350 anni fa; oggi Nagasaki ne riesce a soddisfare un terzo del fabbisogno nazionale. Preparati con acque sotterranee pure e ricche di minerali del monte Fugendake e farina a contenuto di glutine medio-alto, arrivano sulle tavole dopo un attento processo di stagionatura. 

Udon allungati a mano di Gotō
Introdotti in Giappone nel VII secolo d. C. da un viaggiatore cinese, questi udon sono fra i tre più celebri del Paese. A medio contenuto di glutine, sono preparati con farina di grano duro, sale delle acque a largo del mare di Gotō e olio di camelia selvatica tipica della città della prefettura di Nagasaki. Data la limitata produzione di questi ingredienti, quelli di Gotō vengono chiamati “udon dei sogni”.
Ponzu
Si tratta di un condimento onnipresente nella cucina giapponese, di una salsa acidula e agrumata. Si prepara con mirin (sakè dolce giapponese da cucina), aceto di riso, fiocchi di katsuobushi (fiocchi filetti di tonnetto striato essiccato, fermentato e affumicato) e alga (konbu), e bollito a fuoco lento. Quando il liquido è raffreddato viene colato per far asciugare il katsuobushi e viene aggiunto succo di yuzu o sudachi (agrumi giapponesi). È il condimento ideale per una grande varietà di piatti, come marinate, cibi alla griglia, tempura. 

Agodashi
Prediletto dagli chef, è un dashi (ingrediente fondamentale per la preparazione dei brodi giapponesi) a base di pesce volante. Cotto accuratamente al carbone e fatto seccare al sole, è un autentico condensato di umami, il sapore raffinato che è uno dei pilastri della cucina giapponese. Al pari del katsuo (tonno striato) e delle alghe konbu, permette di ottenere brodi eccellenti che lo rendono un prodotto davvero popolare se non insostituibile.
Olio di camelia 
Si tratta di un olio vegetale preparato a base di camelia selvatica dell’arcipelago di Gotō.
Con un maggior contenuto di acido oleico dell’olio d’oliva, l’olio di camelia ha un potere idratante che lo rende ideale per la bellezza della cute ed è per questo utilizzato per la preparazione di cosmetici e farmaci.
Tè verde giapponese 
La prefettura di Nagasaki è celebre per essere stata la prima area del Giappone dove si è diffusa la coltivazione delle foglie del tè e l’arte della degustazione. Essa infatti presenta una grande abbondanza di terreno adatto alla coltivazione di foglie di alta qualità ed è rinomata per essere una delle principali regioni di produzione in Giappone, avendo vinto numerosi premi a fiere di settore.
Sochu
Si tratta di un distillato d’orzo prodotto nell’isola di Iki, situata nelle agitate acque del mar Genkainada. Al pari del whisky scozzese, del bourbon e del bordeaux, nel 1995 anche lo shochu di Iki è stata conferita dalla WTO, l’organizzazione mondiale del commercio, la designazione di prodotto a indicazione geografica, trasformandolo così in un marchio riconosciuto a livello internazionale. Le sue caratteristiche distintive sono la dolcezza del malto di riso e l’aroma dell’orzo.
Ingredienti alimentari creativi
Grazie alla nostra abilità dello Yokamon! Market di Nagasaki nello sviluppare nuovi piatti, vengono creati nuovi ingredienti con sapori inediti che vanno incontro alle necessità degli chef che li hanno desiderati. Si tratta di prodotti concepiti con idee molto gustose e ottimi per la salute, dove nessuno dei loro preziosi ingredienti varrà mai sprecato. 

Design giapponese 
In Europa sta crescendo la domanda di design giapponese. L’artigianato in ceramica della prefettura di Nagasaki ha un design che si armonizza facilmente con ambienti di gusto europeo, in luoghi come hotel e ristoranti, case private e altri. Un esempio? Gli origami a forma di gru realizzate con fogli di ceramica, considerate simbolo di pace, oltre che di armonia fra moglie e marito. Sono ideali come regalo.

La prefettura di Nagasaki

Situata all’estremità occidentale del Giappone, la prefettura di Nagasaki vanta il maggior numero di isole di tutto il Paese. Grazie ai mari pescosi e alle terre fertili, questo territorio è il secondo centro di produzione ittica del Giappone e vi prosperano importanti allevamenti di bestiame, agricoltura e frutticoltura. Inoltre, grazie alla vicinanza con il continente asiatico, nei secoli scorsi la prefettura di Nagasaki è stata il punto di accesso del Giappone al mondo esterno, plasmando così la sua vocazione internazionale.

::::::::::

SUPER – RICETTE

GOTO UDON ALL’AMATRICIANA

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

300 g Goto Udon con olio di camelia di Nagasaki
300 g pancetta di Wagyu 
500 g pomodorini ciliegini
1 cipolla bionda
Aceto Balsamico di Modena
Pecorino grattugiato
4 foglie di shiso (basilico giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

In una casseruola, rendere fondente una cipolla bionda tagliata fine con 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, frullare i pomodorini ciliegini, passarli al setaccio e aggiungerli nella casseruola. Sfumare con dell’aceto balsamico e cuocere per circa 20 minuti (aggiustare con del brodo vegetale se la salsa risulta troppo densa).

Tagliare la pancia di Wagyu a pezzettini regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Cuocere i Goto Udon in acqua bollente, senza sale ma con un cucchiaio di salsa di soia, per 6 minuti. Scolare e lavorare in una ciotola con olio extravergine e un po’ di acqua di cottura.

Trasferire i Goto Udon nella casseruola e mantecarli con la salsa di pomodorini, il pecorino grattugiato e metà di pancetta di Wagyu croccante. Creare quattro nidi di pasta, disporli sui piatti da portata e guarnire con la salsa di pomodoro, pecorino, guanciale croccante e foglioline di shiso tritato molto fine.

MAGURO SHIMABARA SOMEN
Vincitore Girotonno 2017

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

200 g Shimabara Somen di Nagasaki
140g tonno rosso
200 g pancetta di tonno
n. 20 fave di edamame
20 g wasabi
n. 4 foglie di shiso (basilico giapponese)
1.600 ml dashi (brodo giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

Preparare il dashi bollendo in una pentola acqua, salsa di soia, mirin, sake, umami dashi (Ago dashi, brodo di pesce volante di Nagasaki).

Affettare la pancetta di tonno a pezzetti regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Preparare il Zuke Maguro (tonno marinato) lasciando per 4 ore il tonno rosso precedentemente affettato in una marinatura a base di salsa di soia e mirin.

Cuocere i Shimabara Somen in acqua bollente, senza sale, per 1/1,5 minuti; scolarli.
Passarli velocemente sotto un getto di acqua fredda per interrompere la cottura e scolarli nuovamente per rimuovere l’acqua in eccesso.

In un piatto fondo disporre in sequenza i Shimabara Somen, alcune fette di Zuke Maguro, la pancetta di tonno croccante, il wasabi, gli edamame e guarnire con delle foglioline di shiso. Prima di servire, aggiungere il brodo di dashi caldo.

Salute – Aglio Nero – Buonissimo e fa bene … niente alito cattivo

L’aglio fa bene, ma puzza …

L’aglio nero non ha questo difetto e fa bene e gualmente.

Aglio nero: rimedio naturale per migliorare le difese e combattere virus e batteri.

Combatte i radicali liberi …

E’ anche considerato un alleato nelle diete e ottimo integratore.

La moda del momento lo chiama: superalimento (sicuramente è salutare, ma non è una scoperta di oggi).

QUALI SONO LE PROPRIETA’ DELL’ AGLIO NERO ?

Ha proprietà antibiotiche, diuretiche, antiossidanti e digestive.

I benefici dell’aglio nero sono 10 volte superiori a quelli dell’aglio fresco.

E’ un alleato per la salute cardiaca e circolatoria; ha  effetti antiossidanti ed antipertensivi.

Fluidifica il sangue, riduce la formazione di placche e il rischio di soffrire di trombosi.

Per l’elevato contenuto di potassio, l’aglio nero è indicato a chi soffre di RITENZIONE IDRICA, edemi o problemi renali.

Aiuta a curare anche: dermatite, acne, psoriasi o rosacea.

I suoi composti solforati (tiosulfinati)  favoriscono la formazione di collagene; che migliora non solo la pelle, ma è indicato anche per i pazienti affetti da artrite e dolori muscolari.

Ottimo in caso di asma o allergia,  per ridurre i sintomi del raffreddore, della faringite e della laringite

Secondo alcuni: serve anche a calmare l’ansia, combattere l’insonnia, ridurre l’irritabilità e il cattivo umore.

COSA CONTIENE L’AGLIO NERO?

-zolfo, acido linoleico e polifenoli,  18 dei 20 amminoacidi essenziali,

L’aglio nero è molto diffuso in Asia, in particolare in Giappone; dove è usato come condimento.

I fanatici lo mangiano a digiuno, ma lo si può includere anche in molte ricette.

L’aglio nero ha proprietà energizzanti, ma bisogna evitarne il consumo prima di andare a letto; potrebbe rendere diffcile l’addormentarsi, come un caffé.

SAPORE:  leggermente dolciastro, ma anche leggermente acidulo.

Gli spicchi di aglio nero hanno una consistenza morbida e cremosa,  ideali per condire, cucinare o da mangiare a digiuno.

COME SI OTTIENE?

-si acquista per circa 15 euro ogni piccola confezione

– cottura o stagionatura per avere un aglio di colore scuro dove la concentrazione di nutrienti è superiore a quello tradizionale (perché ha perso molta acqua).

Diversi i modi di prepararlo:

-13 ore in pentola a pressione a bagno maria (attenzione che l’acqua evapora e va aggiunta), oppure avvolto in carta per alimenti e poi stagnola in modo che non penetri acqua; dovete fare questa cottura a più riprese; meglio in inverno perché potete lasciarlo al freddo tra una cottura e l’altra, ma si ha un buon risultato anche con sole 6 ore di cottura a pressione e vapore

-si lascia in cantina sino a che diventa nero.

-si fanno fermentare le teste d’aglio a determinate temperature (circa 70°) e umidità ( tra l’85 e il 90%) sino a che diventa nero.

COME SI MANGIA L’ AGLIO NERO ?

1 a 3 spicchi d’aglio nero al giorno; dicono a digiuno.

Con una fetta di pane o una fetta biscottata a colazione.

In insalata

Nelle ricette con riso, risotti, pasta …insalate …

ADDIO ALLA CARNE – Per scelta per moda ma anche per problemi economici gli italiani comprano meno carne

Molti italiani si sono messi a dieta, ad alcuni di loro lo ha suggerito un prestigioso nutrizionista, ma alla maggioranza lo ha suggerito il borsellino sempre più vuoto.

A dirlo è una ricerca del CENSIS, presentata in Senato e intitolata: Gli italiani a tavola. Tornano le differenze di ceto.

I consumi degli italiani sono in calo del 12,2% e, nelle famiglie più povere, raggiungono il -28%.

Quella che è stato sacrificata maggiormente è la carne, con una riduzione del 19% (una buona notizia per l’ecologia e la salute, ma non per le tasche di molti italiani).

 Chi guadagna bene mangia meno e meglio, ma la maggioranza che ha un reddito basso, mangia peggio (come qualità) rispetto agli anni scorsi.

Infatti: SONO DIMINUITI ANCHE I CONSUMI DI FRUTTA E VERDURA, PESCE E PASTA.

I ricercatori ora parlano di un evidente Food social gap; ovvero forbice sociale.

FINITA L’EPOCA DELLA FETTINA, MITO DELLA SOCIETA’ DEL BOOM ECONOMICO, ora si può parlare di due estremi dell’attuale società:

-posso ma non voglio

-vorrei ma non posso.

Cucinare i fagioli Azuki – benefici e proprietà

Il fagiolo Azuki è un concentrato di proteine vegetali, vitamine (B1, B2, B3), sali minerali:

-ferro, rame, magnesio, manganese, zinco, potassio,
-ricco di fibre solubili, utili per chi soffre di stipsi.

Questo legume contiene pochissimi zuccheri, buono anche per chi deve tener controllato il proprio indice glicemico.

Ricco di ferro, è anche utile per depurare fegato e reni,; pe rie sue sue proprietà diuretiche.

L’alto tasso di isoflavoni, aiuta le difese immunitarie e mantiene di buone condizioni il sistema nervoso.

Questo legume non contiene glutine.

Come cucinare gli Azuki?

Si devono lasciare in acqua fredda e lasciarli per almeno 5 ore, ma se specificato nella ricetta anche 8 ore.

Si scolano e lavano con acqua fredda, poi si lessano o si saltano in padella.

Ottimi come: contorni, zuppe, minestroni, creme o da aggiungere all’insalata.

La famosa marmellata di fagioli Azuki
Gli Azuki sono tra gli alimenti principali della cucina tradizionale giapponese

Questa marmellata dolce serve come ripieno di dessert a base di farina di riso o come salsa sul gelato.

Ingredienti
Una tazza di fagioli azuki secchi
Una tazza di zucchero di canna grezzo (la ricetta originale utilizza zucchero bianco e le dosi erano di una tazza e mezzo)

I fagioli devono essere bolliti con lo zucchero a fuoco lento, fino ad ottenere una consistenza tipica delle nostre confetture di frutta.

Taste Festival Courmayeur

UN’ESPERIENZA UNICA

FATTA DI ECCELLENZE ITALIANE

Per un’edizione “ad alta quota” che si rispetti  non potevamo non avere grandi brand come ingredienti essenziali di questa nuova “ricetta stellare”: #tasteofcourmayeur

In un luogo magico come Courmayeur, fatto di glamour ma anche di tradizione, tutti i prodotti utilizzati dai nostri chef e nelle svariate attività diurne saranno firmati da un food partner d’eccellenza, Esselunga che da 60 anni è parte integrante della storia italiana.

Ad accompagnare i 24 piatti creati ad hoc dai nostri chef sarà una delle migliori selezioni di vini provenienti da ogni angolo d’Italia e del mondo firmata Trimani, vinai in Roma dal 1821, oggi con oltre 6.000 referenze.

Ad “accogliere” vini unici e cocktail spettacolari, come quelli che potrete degustare nelle tre giornate di evento, sarà “Allegra”, il calice ufficiale dei Taste Festivalitaliani di casa Pasabahce, splendente ed elegante come sempre.

E per ogni “fine pasto” che si rispetti non poteva mancare un unico “blend”, quello del tuo caffè illy, capace di trasmettere un dialogo equilibrato tra note acide e amare, fiorite e fruttate, caramello, pan tostato, cioccolato, sentori di mandorla e miele che infine lasciano al palato una sensazione dolce.

IL 1° TASTE FESTIVAL SUL GHIACCIO

TI ASPETTA DAL 26 AL 28 GENNAIO!

Eventi a Milano – Aperitivi – Dolci – Brunch … con musica

HOTEL PRINCIPE DI SAVOIA

Le proposte de Il Salotto

Al Salotto, la lounge dove si respira la vita vibrante e cosmopolita dell’ hotel, tutti i pomeriggi di gennaio dalle 14 alle 18 sarà possibile lasciarsi tentare dal tipico dolce toscano il castagnaccio e accompagnato dal tradizionale vin brulè.

Da febbraio lo stesso appuntamento proseguirà con deliziose proposte dolci e salate, uno sfizioso fuori pasto con le tipiche frittelle e chiacchiere create dal nostro Maitre patissiere Beniamino Passannante e una bevanda in accompagnamento o un calice di vino Moscato Passito.

A marzo, invece, protagoniste saranno le crepes declinate in gustose varianti dolci o aromatizzate.

Le Merende de Il Salotto sono un delizioso appuntamento per allietare i pomeriggi invernali.

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

Il Salotto: 02.6230.2081 -salotto.HPS@dorchestercollection.com

Aperitivo

Le proposte del Principe Bar

Il Principe Bar è il punto d’incontro d’eccellenza per la Milano da bere più esclusiva. Dal genio del design Thierry Despont nasce una location moderna, di classe; il pianoforte al centro della sala è circondato dalle sinuose sedute su misura. Dal soffitto splende lo strabiliante lampadario in vetro di Murano, gioiello dello stile Italiano. A completare la cornice, deliziosi cocktail e musica di sottofondo: che sia lounge, jazz o sound d’avanguardia, il Principe Bar è una garanzia.

Dall’ 11 gennaio, ogni giovedì dalle ore 19 in poi, riparte l’Aperitivo Italiano al Principe Bar: un appuntamento imperdibile con i migliori cocktail italiani e le eccellenze gastronomiche del nostro Paese al ritmo dei grandi successi della musica italiana e cover anni 60-70-80-90.

Sempre a gennaio, ci saranno due appuntamenti speciali al bar:

sabato 13 gennaio il Fashion Week Cocktail Party in occasione della settimana della moda Uomo

sabato 27 gennaio Elegant dress & Black tie Cocktail Party. Dalle ore 20 fino a chiusura.

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

Principe Bar: 02.6230.2081 – bar.hps@dorchestercollection.com

Brunch della Domenica

Riprende l’appuntamento con il tradizionale Brunch della Domenica.

Dal 7 gennaio per tutte le domeniche, oltre al ricco buffet dolce e salato, gusterete direttamente dalla nostra cucina la prima portata dello chef Alessandro Buffolino, il pescato del giorno e le vostre uova preferite che potrete scegliere à la carte. I più piccoli potranno divertirsi con le attività organizzate da uno specialista dell’animazione e il momento del brunch sarà allietato dalla musica swing dal vivo del trio italiano “Italian Swing Frequency” composto da sax, contrabbasso e batteria. Un momento imperdibile per tutta la famiglia.

Il menu a buffet del Brunch della Domenica è offerto al prezzo di 75 euro a persona e comprende, oltre alle pietanze, un flûte di bollicine Veuve Clicquot all’arrivo. A disposizione: centrifughe, spremute, acqua e soft drink. Per bambini entro i 3 anni il brunch è gratuito e dai 4 anni compiuti fino ai 10 il costo è di 45 euro. Tutte le domeniche dalle 12.30 alle 15.00.

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

Ristorante Acanto: 02.6230.2026 – acanto.hps@dorchestercollection.com

RISTORANTE

Gli appuntamenti del ristorante Acanto

Il nuovo anno si apre con la ripresa delle serate speciali al ristorante Acanto. Per il 2018 gli appuntamenti raddoppiano: ogni mese il team del ristorante vi aspetta per una Serata Gourmet e una Serata Sommelier in cui alta cucina e grandi vini saranno protagonisti.

Per le serate gourmet sarannoospiti della cucina di Acanto importantiChef che realizzeranno un menù esclusivo a quattro mani con il padrone di casa lo chef Alessandro Buffolino; mentre le serate Sommelier saranno realizzate in collaborazione con le più rinomate case vinicole che abbineranno le loro migliori etichette ai prelibati piatti dello chef.

Il sipario si apre mercoledì 17 gennaio con la prima Serata Sommelier in cui ospite d’onore sarà la cantina Banfi, simbolo dell’eccellenza vinicola toscana. Le quattro portate dello speciale menù realizzato dallo Chef Alessandro Buffolino saranno accompagnate dai prestigiosi vini della cantina.

Il menu sarà offerto al prezzo di 95 Euro a persona, calici di vino in abbinamento inclusi.

Proseguono, inoltre, i Giovedì in musica del ristorante Acanto. A partire dall’11 gennaio, tutti i giovedì, il momento della cena sarà allietato dal repertorio di musica internazionale del duo-live “Samsara Duo”: piano e voce femminile.

 

C’è birra e birra artigianale – Questa è speciale

L’abbiamo provata ad una manifestazione fieristica e ce ne siamo innamorati … una birra di carattere che ricorda il Vino Cotto e malto tostato; non consigliata a chi ama solo la bionda.

Una sorpresa dalle nostre Marche.

Birra Artigianale Bionda non pastorizzata ad alta fermentazione.

Ingredienti:

Acqua del Monte Nerone, malto di orzo prodotto e maltificato nella regione Marche, Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC, zucchero, luppolo, lievito.

LA SUA CARATTERISTICA E’ LA RIFERMANTAZIONE NATURALE in bottiglia che le dona la sua grande complessità ed armonia.

Fine perlage e schiuma compatta, persistente.

Birra di carattere con sentori di frutta secca, canditi, spezie che ricordano il Vino Cotto e malto tostato.

Alcool

8,00% Vol.

Evoluzione

Birra longeva che può essere apprezzata giovane o affinata entro i 24 mesi dalla produzione.

Birrificazione: prima fermentazione in autoclave per 50 giorni, poi aggiunta di Verdicchio e successiva rifermentazione in bottiglia per 15 giorni.

Consigliata per: carni bianche, salumi e formaggi di media e lunga stagionatura, ma anche pasticceria casereccia della tradizionale marchigiana.

http://shop.moncaro.com/kikkarossa-75.html

MONCARO:

cantina cooperativa produttrice di vini marchigiani: Verdicchio, Rosso Conero, Rosso Piceno, vino biologico delle Marche ecc…

SPEZIE – Servono anche per la salute ? Fanno bene ? Come si usano le spezie ?

Le spezie non sono solo un ottimo ingrediente per insaporire i nostri cibi e anche per mettere meno sale nelle  pietanze, ma sono dei veri aiuti per mantenersi sani.

Ecco alcuni benefici delle spezie:

peperoncino: stimola il metabolismo e la digestione, ha effetti depurativi, favorisce la circolazione sanguigna ed tiene sotto controllo i livelli degli zuccheri nel sangue, il pepe di Cayenna (tipo di peperoncino) terrebbe sotto controllo il colesterolo, ha anche effetti

antinfiammatori

-noce moscata: aiuta in caso di pressione bassa e di reumatismi e  per le malattie che colpiscono i bronchi o per i problemi di digestione; i suoi preziosi oli essenziali hanno poteri notevoli, non se ne deve assumere dosi irragionevoli

chiodi di garofano;  benefici secondo la medicina naturale per alleviare i dolori legati all’artrite, eviterebbero l’insorgere di disturbi infiammatori, come l’artrite, antibatterico naturale, come decotto si può usare anche come collutorio,  lasciare raffreddare prima di usare l’infuso

cardamomo: può essere usato anche per aromatizzare il caffè, utile in caso di tosse e raffreddore, per tutte le infiammazioni delle vie aeree e per favorire il dimagrimento; infatti timola il metabolismo, i semi servono per tisane

cannella: regola gli zuccheri nel sangue, riduce i dolori causati dall’artrite, migliora la memoria, è  preziosa contro il raffreddore e il mal di gola

zenzero: favorisce la digestione ed aiuta l’organismo a depurarsi, ottimo per tisane e rafreddore e influenza; funzionarebbe  anche cone  antidolorifico in caso di artrite, aiuta a ridurre la cellulite, i gonfiori e i ristagni acquosi, è una spezia brucia-grassi.

curcuma; recenti studi recenti hanno evidenziato la sua influenza per la prevenzione del diabete di tipo 2 e per proteggere l’organismo dalle infezioni: rafforza il sistema immunitario, ha proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e antiossidanti

cumino: tra le principali spezie nella medicina tradizionale  indiana denominata Ayurveda, ricco di ferro, ha potere riscaldante, efficace nella riduzione del colesterolo e dei livelli degli zuccheri nel sangue, potrebbe migliorare la risposta immunitaria e contrastare l’osteoporosi

curry: nel curry la curcuma è accompagnata con zenzero e pepe nero, può inoltre contenere cumino, cardamomo e chiodi di garofano, oltre allo zafferano

anice stellato: considerato come un vero e proprio antibiotico naturale, antiossidante e  antimicotico, contrasta la presenza di virus e batteri.

The spice companion: a guide to the world speces, è il libro scritto da Lior Lev Sercarz, che non è altro che il fondatore del più famoso negozio di spezie di New York: LA BOITE.

Nel suo negozio trovate veramente tutto, e le spezie sono fresche e non sanno di muffa o di fieno, come acacde nei nostri supermercati, ma anche nelle erbiristerie; non sempre, ma molto frequentemente.

The spice companion: a guide to the world speces, ANCHE UN BUON REGALO, PER CHI SA L’INGLESE.