Archivi categoria: RICETTE DIETE CIBI SANI CIOCCOLATO E…

Ricette, cibi sani, il cioccolato e la sua storia, menù disintossicante, ottime ricette per la dieta, ristoranti & bistrò.

Weekend 20 -22 ottobre a Milano – Aperti e gratuiti

Chekup medici, showcooking, personal trainer … gratuiti con prenotazione

Starbene festeggia 40 anni di vita, per due giorni alla Microsoft House, via Pasubio 21, con un APERTO A TUTTI

Gratuiti: chekup medici, showcooking con nutrizionisti e con il Gruppo Opedaliero San Donato e chef di Sale&Pepe; ma anche personal trainer.

Obbligatoria la prenotazione su starbene.it

STARBENE è la rivista di benessere della Mondadori.

OBESI troppi nel Mediterraneo culla della famosa dieta mediterranea …

“Il Mediterraneo, culla della Dieta più salutistica, è sempre più obeso”

Il professore dell’Università di Siena Angelo Riccaboni, presidente della Fondazione Prima, ha presentato in apertura di “Siena Food Innovation” i risultati dell’SDG Index Report 2017 di UN SDSN con riferimento al Mediterraneo

Quello che qualche decennio fa sarebbe stato considerato un paradosso, oggi è diventato realtà.

Le popolazioni del Mediterraneo, ovvero dell’area unanimemente considerata la culla del più sano regime dietetico possibile, la dieta conosciuta in tutto il mondo proprio come ‘Mediterranea’,  sono caratterizzate, purtroppo, dalla forte presenza di adulti sovrappeso e obesi.

Fra il 20 e il 30 per cento dei cittadini dell’area, infatti, si trova in tale condizione (l’Italia è al quinto posto nel bacino con il 21%).

Va sottolineato che tale condizione convive, nei paesi della costa sud ed est, con il 5% di sottonutriti, in linea con quella coesistenza di obesità e sottonutrizione sempre più spesso rilevabile nei Paesi meno sviluppati.

Dallo studio, di cui più sotto, emerge, innanzitutto, come, in generale, i Paesi dell’Europa mediterranea presentino una situazione sensibilmente peggiore in termini di sostenibilità ambientale, economica e sociale rispetto ai Paesi del Nord Europa, che peraltro riportano i migliori risultati a livello mondiale (con 8 Paesi ai primi 8 posti).

PRIMA è un programma euro-mediterraneo di ricerca e innovazione sui temi delle risorse idriche e dei sistemi agro-alimentari che nei prossimi dieci anni prevede l‘investimento di 500 milioni di euro.

I dati della ricerca SDSN evidenziano che i Paesi dell’area condividono situazioni assai simili in termini di carenza di acqua, aumento delle zone aride e desertiche, perdita di biodiversità, ricorso a pratiche agricole non sostenibili dal punto di vista ambientale, sfruttamento del suolo, diffusione dell’obesità e (con pochissime eccezioni) insufficienti investimenti in ricerca e sviluppo.

I dati relativi all’inquinamento da pesticidi, allo spreco di cibo e alla diffusione dell’obesità, specialmente presso le fasce marginali della popolazione (per la prima volta il numero degli obesi nel mondo supera quello di chi soffre la fame), dimostrano, dunque, che occorre fare molto di più di quello che si sta facendo adesso.

Piuttosto che produrre in maggior quantità, la risposta più efficace per molte delle questioni che assillano le nostre società è, dunque, quella di mangiare meglio, e in tal modo influenzare in senso sostenibile le scelte dei produttori.

Tra le risorse messe a disposizione per l’attuazione del programma, 220 milioni arriveranno dalla Commissione europea nell’ambito del programma quadro per la ricerca Horizon 2020, 300 milioni dai 19 Paesi partecipanti, che attualmente sono 11 Paesi dell’Unione europea (Cipro, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia e Spagna) e 8 Paesi non Ue (Algeria, Egitto, Giordania, Israele, Libano, Marocco, Tunisia, Turchia).

L’ex rettore e attuale docente dell’Università di Siena Angelo Riccaboni da pochi mesi è stato nominato presidente della Fondazione, con sede a Barcellona, incaricata di attuare PRIMA (Partnership on Research and Innovation in the Mediterranean Area). “L’indagine – spiega il professor Riccaboni – pone particolare riguardo ai sistemi agro-alimentari, nella consapevolezza della loro centralità  ai fini della promozione di condizioni ambientali, sociali ed economiche migliori, in ragione delle loro conseguenze sull’ambiente e sulla salute dei singoli e delle comunità nonché dell’ampia occupazione che inducono”.

“Gli indicatori relativi ai Paesi del Mediterraneo – puntualizza Riccaboni – evidenziano che le nostre società hanno bisogno non tanto di maggiori produzioni, anche se il tema non va trascurato, quanto di sistemi alimentari in grado di produrre cibo di qualità, nutriente e sicuro, utilizzando meglio le scarse risorse naturali disponibili, suolo e acqua prima di tutto”.

 “A tal fine  – spiega sempre il professore – due fattori si rivelano indispensabili: la concreta applicazione di innovazioni tecnologiche, organizzative e sociali in grado di indurre pratiche agricole e produttive più sostenibili, in termini di utilizzo delle risorse naturali e di efficiente uso dell’acqua, e l’adozione, da parte dei consumatori, di scelte dietetiche sostenibili, anche sulla base di idonee politiche educative. La ricerca scientifica dimostra con chiarezza, infatti, che un’agricoltura più sostenibile e scelte alimentari corrette portano impatti positivi sull’ambiente, la salute, la società e l’economia”.

“Nel corso del Festival – conclude Angelo Riccaboni – saranno presentate soluzioni concrete a tali questioni, nella consapevolezza che la ricerca e l’innovazione, sempre più globali, sono in grado di fornire risposte alle questioni delle nostre comunità e società. Su questi stessi temi verranno lanciati, a partire dalla primavera 2018, i bandi della Fondazione PRIMA”.

per Ethis srl, comunicazione Siena Food Innovation 2017

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati nella maggiore delle Isole Baleari

 All’indiscussa fama internazionale delle spiagge eccellenti delle isole Baleari, si unisce una ricca offerta gastronomica e un viaggio in questo arcipelago può diventare un’esperienza gourmet di alto livello.

La cucina locale è il risultato di un mix perfetto tra materie prime di grande qualità e antiche ricette.

Tutte le quattro isole si caratterizzano tra le destinazioni ambite tra coloro che amano e ricercano l’esclusività a tavola, ma in particolare a Maiorca è possibile trovare ristoranti riconosciuti dalla celebre Guida Michelin e premiati con ben dieci stelle.

La cucina a Maiorca è ricercata e prestigiosa:

-sull’isola le proposte gastronomiche sono variegate grazie al talento di professionisti che sono in grado di dare un tocco di creatività alle ricette di una volta.

L’esperienza gourmet sulla maggiore delle isole Baleari è un continuo fondersi sperimentale di tradizione e innovazione tipica dei nostri giorni, in una combinazione perfetta tra i molti prodotti locali, tra i quali abbondano quelli riconosciuti con marchi di denominazione di origine protetta.

Ben nove ristoranti sull’isola sono stati premiati con la stella Michelin e dal 2017 uno di questi, lo Zaranda ne vanta addirittura due. Situato a Calvía, all’interno dell’hotel 5 stelle Castel Son Claret, questo ristorante di alta cucina è gestito dallo chef Fernando Pérez che prima di approdare a Maiorca ha avuto la possibilità di collaborare con molti ristoranti stellati a livello internazionale, fino ad avviare il proprio locale nella Spagna continentale e lì guadagnare la prima stella della sua carriera professionale.

Lo Zaranda consta di un’unica sala, con vista sulle attività della cucina, e di un sobrio dehors. Il fine talento dello chef conquista il palato tramite un’offerta culinaria originale, basata su alcuni menù aperti che lasciano al commensale la possibilità di comporre la propria selezione di piatti.

Al Jardín, Macarena de Castro – riconosciuta tra le migliori 10 giovani chef di Spagna – propone ricette tradizionali maiorchine riviste in chiave moderna: il comune denominatore dei piatti del Jardin è la semplicità degli ingredienti, che devono essere pochi, locali e rigorosamente di stagione. Questo grazioso ristorante fondato nel 1996 da Dani de Castro, fratello sommelier della chef, si trova in una delle zone più turistiche di Maiorca, Port d’Alcudia, e da qualche anno ha incluso tra i propri servizi anche quello di catering per eventi in varie location isolane.

Presso il ristorante Fosh dell’hotel Convent de la Missió, lo chef Marc Fosh propone ai commensali un delizioso e suggestivo menù ispirato a ricette mediterranee ricche di originalità e creatività. La sala del Fosh è situata in un seminario del Seicento che dopo una attenta ristrutturazione presenta un’estetica avanguardista, con spazi spogli decorati in stile minimalista nei toni del bianco e del nero, e affaccia su un’ampia terrazza in cui un muro di acqua a cascata accoglie gli ospiti in un ambiente suggestivo.

Gli altri ristoranti stellati sull’isola di Maiorca sono l’Es Molí d’en Bou, presso l’hotel Protur Sa Coma Playa Hotel & Spa, il Es Fum a Costa d’en Blanes e il Es Racó des Teix a Deia, il Predi Son Jaumell dove è di casa lo chef Andreu Genestra, il Restaurante Argos e il Restaurante Adrián Quetglas.

Per informazioni sull’isola di Maiorca, visita www.infomallorca.net

PIZZA PIZZA PIZZA – Segreti di una buona pizza

Per principianti

Non vi diamo una ricetta della pizza, ne trovate di ottime in internet, ma vi vogliamo svelare alcuni importanti particolari per un’ottimo risultato.

Fondamentale è la temperatura ambiente, sarà più facile avere una buona lievitazione in estate.

Se avete una cucina fredda, l’impasto subirà degli sbalzi termici che possono gravemente danneggiare la lievitazione; lavorare l’impasto in un ambiente più caldo può fare la differenza.

Il sale è un antagonista del levito, quindi non mettete mai lievito e sale insieme.

Meglio aggiungere il sale dopo avere già mescolato una parte della farina con il lievito.

Sull’impasto che deve lievitare è opportuno mettere un panno umido; previene l’evaporazione.

Il meglio sarebbe poter appoggiare la pizza da cuocere nel forno elettrico su di una pietra refrattaria invece che la solita teglia da forno (si crea così la condizione ideale per la cottura della pizza).

Cuocere la pizza in forno dove avete preventivamente inserito, sul fondo, una pentola con acqua (nel forno ci sarà così  una umidità ideale).

Il forno deve essere MOLTO caldo !

Usate solo prodotti di qualità.

Weekend gourmet e Gubbio – STAGIONE DEL TARTUFO

Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO

36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco

CHE LA STAGIONE DEL TARTUFO ABBIA INIZIO!

Dal 26 ottobre al 2 novembre 2017, il tartufo bianco locale sarà il protagonista all’interno di uno dei borghi medievali più suggestivi d’Italia!

Dal 26 ottobre al 2 novembre Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO e di tutti i prodotti agro-alimentari autoctoni, un’occasione unica e imperdibile che offre a tutti gli avventori la possibilità di scoprire le ricchezze, le risorse e le tipicità del territorio, dall’ambiente all’artigianato, dalla cultura all’arte, dall’agricoltura alla gastronomia.

Per l’occasione, Park Hotel Ai Cappuccini si prepara ad accogliere i foodies di tutto il mondo: circondato da splendidi paesaggi naturali l’ex convento di frati cappuccini è il luogo ideale per assaporare i piatti della tradizione umbra fra cui il tartufo.

Si tratta di un appuntamento di assoluto rilievo tra le rassegne autunnali, sia per la straordinaria qualità del tartufo bianco locale (Tuber Magnatum Pico) e delle altre prelibatezze presenti negli spazi espositivi (formaggi di pascolo, norcinerie, carni selezionate, olio, miele, dolci tradizionali etc…), sia per la prestigiosa collocazione nel cuore del centro storico di Gubbio.

La 36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco è dedicata al gusto, alla cultura, e all’artigianato e rappresenta un’occasione imperdibile per gli amanti del travel food.

Le 8 giornate prevedono numerosi appuntamenti imperdibili, fra cui degustazioni guidate, dimostrazioni, la mostra dell’artigianato artistico locale, concerti e spettacoli.

::::::::::::::::::::::::::

Per chi vuole

DORMIRE NEL LUSSO 

Immerso nella quiete di un vasto parco di alberi secolari, Park Hotel ai Cappuccini è il luogo dove passato e futuro si fondono in un connubio unico e indimenticabile.

Un tempo antico monastero di frati cappuccini, oggi è uno splendido Resort & SPA che accoglie i suoi ospiti in un ambiente unico avvolto in un’atmosfera di pace.

Pacchetti 2 notti a partire da € 374 per persona comprende:

  • 2 pernottamenti in camera doppia con piccola colazione a buffet
  • 1 cena gourmand tipica con proposte di piatti al tartufo
  • 1 Ingresso al “Cappuccini Wellness & SPA” con libero accesso, piscina Acque emozionali, vasca baby e nuoto controcorrente, area idromassaggio a 30°, palestra con area cardio-fitness e power-training. Percorso con saune finlandesi, bagno turco, bagno mediterraneo, docce emozionali, wasser paradise, area relax con angolo tisane

• percorso Acque: sala vasche idromassaggio con vasca a forma di arca con acqua addizionata di potassio e magnesio, vasca circolare idrojet e vasca talasso
• 1 trattamento corpo detossinante “Terre d’Umbria” della durata di 1 ora ( un impacco speciale preparato con fanghi ricchi di proprietà nutritive che viene applicato su tutto il corpo dopo un’accurata stimolazione della microcircolazione)

Info: www.parkhotelaicappuccini.it
Indirizzo: Via Tifernate, 06024 Gubbio (Perugia) Tel: 075 9234

Formaggi a latte crudo senza frontiere

DOPO LA FIERA CHEESE

Diciassette testimonianze dai cinque continenti: casari, affinatori, produttori ed esperti hanno preso parte agli Stati Generali, il più importante incontro internazionale sui formaggi a latte crudo.

A partire dagli Stati Uniti. Fino a pochi anni fa i produttori americani dovevano lottare contro una legge che vietava l’utilizzo del latte crudo. Dopo anni di battaglie, anche grazie a Slow Food USA quel divieto è caduto in diversi stati, tra cui il Wisconsin da cui proviene Andy Hatch, produttore del Presidio Slow Food: «Ogni giorno lavoro per offrire sapori più autentici e complessi, ma c’è ancora molto da fare perché i formaggi della mia fattoria siano riconosciuti sul mercato».

In Australia la battaglia è ancora più difficile. Nel Paese di Kris Lyiod fino al 2013 la produzione di formaggi a latte crudo era vietata. Da allora qualcosa si è mosso, grazie anche al suo impegno. «In Australia dovremmo federarci per avere più forza e proporre i nostri prodotti».

Dal Sudafrica arriva l’esperienza di Brian Dick formaggiaio e referente di Slow Food Raw Milk Cheese. «In Sudafrica abbiamo una decina di produttori che usano latte crudo» racconta, «ma i problemi in questo momento sono ben altri. A causa del cambiamento climatico e della siccità uno dei nostri produttori recentemente ha interrotto l’attività».

E mentre la giornalista e attivista brasiliana Débora de Carvalho Pereira realizza una Guia de cura de queijos e lotta al fianco dei 258 produttori di formaggio a latte crudo del suo Paese, da Cuba Kent Ruiz ha iniziato da poco un percorso di sensibilizzazione e informazione per sostenere la produzione di formaggi a latte crudo.

Non solo produttori e consumatori. Fondamentale il contributo degli esperti.

Aldo Grasselli, presidente dell’associazione italiana veterinari, invita i produttori di formaggio a latte crudo a costituire dei comitati scientifici indipendenti in grado di supportare con tesi e ricerche la salubrità e la sicurezza dei propri prodotti. E aggiunge: «Il latte crudo è stato demonizzatoper la pericolosità di alcuni batteri, tra cui l’Escherichia coli. Eppure quel batterio forse è maggiormente connesso alla carne degli hamburger fatti con la carne di vacche portate allo stremo macellata industrialmente».

«Il tempo è maturo per formare un’internazionale dei formaggi a latte crudo, per creare una rete in grado di mobilitarsi per condividere battaglie, problemi e soluzioni, di esercitare una pressione internazionale. Occorre ricordare, però, che accanto al latte crudo l’altro grande tema di Cheese 2017 sono i fermenti industriali. I formaggi naturali, liberi da fermenti selezionati, sono un qualcosa in più rispetto al latte crudo. A tendere, l’internazionale del latte crudo deve diventare l’internazionale dei “formaggi naturali”». Così Piero Sardo, presidente della Fondazione per la Biodiversità, tira le somme del pomeriggio di lavori che ha inaugurato l’undicesima edizione dell’evento.

Per Paolo Ciapparelli, del Presidio Slow Food dello Storico Ribelle, il latte crudo è una filosofia di vita: «Forse perderemo la nostra battaglia perché siamo troppo piccoli. Facciamo un formaggio caro perché è senza fermenti e prodotto da vacche alimentate solo a erba, senza mangimi».

Come lui Bronwen Percival, in rappresentanza di uno dei più importanti affinatori del pianeta, Neal’s Yard Dairy, che pone l’accento sulla biodiversità microbica come elemento cardine del formaggio e della sua territorialità. E che lancia un’iniziativa bellissima: «Neals’ yard, in questi giorni, venderà a Londra solo formaggi a latte crudo per promuovere la filosofia di Cheese».

Infine gli strumenti pratici. Carlos Yescas, messicano e referente della Oldways Cheese Coalition, lancia un sondaggio a livello planetario per conoscere chi fa latte crudo (il sondaggio si trova su www.oldwayscheese.org/bra); l’organizzazione europea FACE network, che raccoglie sotto il suo ombrello numerose associazioni che lottano per il riconoscimento del latte crudo e pubblica un manuale di buone pratiche, in collaborazione con la Commissione europea, per sapersi orientare tra le norme igieniche in piena legalità.

Peter Thomas dall’Irlanda, Guvener Isik dalla Turchia, Maria Procopio dall’Italia e Jean Bernard Maitia dai Paesi Baschi chiudono il cerchio delle testimonianze, sottolineando come la questione del latte crudo sia essenzialmente politica e la necessità di un coordinamento internazionale che abbia, appunto, più forza politica.

 

Street food Castel Gandolfo 15-16-17 settembre 2017

CastelliExperience presenta Food Truck Festival
I furgoncini dello street food, le birre artigianali e tante musica animano il lungo lago di Castel Gandolfo dal 15 al 17 settembre


Settembre a tutto gusto ai Castelli Romani! Nel weekend del 15-16-17 settembre, Castel Gandolfo ospiterà la prima edizione di Food Truck Festival, un grande evento per tutte le età che celebra lo street food in tutte le sue declinazioni e coniuga i sapori della tradizione ad altri più innovativi da assaporare in libertà, mentre si passeggia e si gode dell’incantevole vista del lago Albano.

La manifestazione è targata Castelli Experience e realizzata in collaborazione con il Comune di Castel Gandolfo, e la Stanza delle Meraviglie e osserverà i seguenti orari: dalle 18 alle 24 del 15 settembre e nelle giornate del 16 – 17 dalle 11 alle 24, tutto sul Lungolago di Castel Gandolfo.

Il Festival esalta le eccellenze culinarie a 360 gradi: 16 food truck con un menu ricco e variegato. Ad accompagnare le degustazioni dei prodotti gastronomici ci sarà una vasta selezione di birre chiare e scure tutte provenienti dai birrifici del territorio locale.

Le sorprese non finiscono , infatti, accanto all’area del Food Truck Festival, ci sarà un’area lunapark per vivere emozioni che vi lasceranno senza fiato. Come in ogni festival che si rispetti non può di certo mancare la buona musica, sono, infatti, previsti tre appuntamenti musicali con live concert e dj set.

La product manager di Castelli Experience, Tiziana Micheli, si dichiara soddisfatta della prima edizione di quest’evento: “Sono entusiasta dell’iniziativa e voglio ringraziare il sindaco e il comune di Castel Gandolfo per la proficua collaborazione nella realizzazione di un evento giovane e innovativo come il Food Truck Festival. Una manifestazione “young” che riesce a coniugare gusto e divertimento in una cornice straordinaria come il lungo lago di Castel Gandolfo.”.

Il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi dichiara: “Un evento innovativo per la realtà di Castel Gandolfo, un “esperimento” che ci auguriamo raccolga il gradimento di un target giovane e non solo unendo l’accoglienza turistica e gastronomica per ammirare le bellezze del luogo, con la possibilità di avere la vista privilegiata di un panorama mozzafiato lungolago.”.

Il responsabile dell’associazione “La Stanza delle meraviglie”, SimoneCanestri conclude: “La produttiva sinergia tra CastelliExperience e la Stanza delle Meraviglie, entrambe realtà molto legate al mondo dei Castelli Romani, ha permesso la realizzazione di eventi davvero innovativi che mettono in luce e coinvolgono i luoghi più suggestivi della realtà castellana.”.
Un appuntamento che ha delle ottime premesse e da non perdere per trascorrere un weekend davvero indimenticabile.

Ricette falafel piatto vegetariano – ospiti, cosa cucino?

Felafel o Falafel ovvero golose polpette economiche di origine araba.

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di ceci ammollati una notte e asciugati (io lo faccio anche con le lenticchie)

2 cipolle a pezzetti

2 spicchi d’aglio

pepe una bella grattata (io preferisco quello verde e rosa che è più delicato)

1 cucchiaino di cumino in polvere

1 mazzetto di prezzemolo

-Qualcuno aggiunge la farina per avere più consistenza; io preferisco la farina di mais tostata, che trovo al supermercato e uso solitamente per impanare; perché assorbe meno olio quando friggo): quantitativo 3/4  cucchiai.

-1/2 cucchiaino di bicarbonato

Olio  extra vergine (io preferisco quello di arachidi, ma è difficile trovarlo di ottima qualità)

CONTORNO:

-verdure crude a fettine da servire con salsa di olio, aceto e sale.

-verdure ripiene

SALSA FACOLTATIVA PER I FALAFEL: pasta di sesamo, detta tajina; mescolare aggiungendo acqua e succo limone sino a che diventa fluida, ma non troppo.

Altra salsa: yogurt frullato con foglie di menta, pepe facoltativo.

COME SI PROCEDE

1-metto tutto nel mixer

2-frullo e riduco tutto molto sottile

Falafel 300 IMG_0006

3-se non riuscite a farne palline consistenti aggiungere farina o mais tostato

4-riposare 30′

5- fare delle palline che schiaccerete e metterete a friggere nell’olio o sulla teglia ben unta con olio abbondante, irrorando ancora con un filo d’olio prima di infornare.

Falafel al forno IMG_0007

Falafel al forno.

Servire calde; se volete  con una salsina fatta sbattendo la pasta di sesamo (tahina) con acqua e limone aggiunti poco alla volta per ottenere la consistenza di una maionese.

La salsa di yogurt la ottente frullandolo con pepe, sale e foglioline di menta o basilico, secondo il vostro gusto.

Evento imperdibile per golosi – Castel Gandolfo ospiterà prima edizione di Food Truck Festival

UN WEEKEND DAVVERO INDIMENTICABILE

CastelliExperience presenta Food Truck Festival 

I furgoncini dello street food, le birre artigianali e tante musica animano il lungo lago di Castel Gandolfo dal 15 al 17 settembre.

Settembre a tutto gusto ai Castelli Romani! Nel weekend del 15-16-17 settembre, Castel Gandolfo ospiterà la prima edizione di Food Truck Festival, un grande evento per tutte le età che celebra lo street food in tutte le sue declinazioni e coniuga i sapori della tradizione ad altri più innovativi da assaporare in libertà, mentre si passeggia e si gode dell’’incantevole vista del lago Albano.

La manifestazione è targata Castelli Experience e realizzata in collaborazione con il Comune di Castel Gandolfo, e la Stanza delle Meraviglie e osserverà i seguenti orari: dalle 18 alle 24 del 15 settembre e nelle giornate del 16 – 17 dalle 11 alle 24, tutto sul Lungolago di Castel Gandolfo.

Il Festival esalta le eccellenze culinarie a 360 gradi: 16 food truck con un menu ricco e variegato. Ad accompagnare le degustazioni dei prodotti gastronomici ci sarà una vasta selezione di birre chiare e scure tutte provenienti dai birrifici del territorio locale.

Le sorprese non finiscono , infatti, accanto all’area del Food Truck Festival, ci sarà un’area lunapark per vivere emozioni che vi lasceranno senza fiato. Come in ogni festival che si rispetti non può di certo mancare la buona musica, sono, infatti, previsti tre appuntamenti musicali con live concert e dj set.

La product manager di Castelli Experience, Tiziana Micheli, si dichiara soddisfatta della prima edizione di quest’evento: “Sono entusiasta dell’iniziativa e voglio ringraziare il sindaco e il comune di Castel Gandolfo per la proficua collaborazione nella realizzazione di un evento giovane e innovativo come il Food Truck Festival. Una manifestazione “young” che riesce a coniugare gusto e divertimento in una cornice straordinaria come il lungo lago di Castel Gandolfo.”.

Il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi dichiara: “Un evento innovativo per la realtà di Castel Gandolfo, un “esperimento” che ci auguriamo raccolga il gradimento di un target giovane e non solo unendo l’accoglienza turistica e gastronomica per ammirare le bellezze del luogo, con la possibilità di avere la vista privilegiata di un panorama mozzafiato lungolago.”.

Il responsabile dell’’associazione “La Stanza delle meraviglie”, SimoneCanestri conclude: “La produttiva sinergia tra CastelliExperience e la Stanza delle Meraviglie, entrambe realtà molto legate al mondo dei Castelli Romani, ha permesso la realizzazione di eventi davvero innovativi che mettono in luce e coinvolgono i luoghi più suggestivi della realtà castellana.”.
Un appuntamento che ha delle ottime premesse e da non perdere per trascorrere un weekend davvero indimenticabile

Weekend imperdibile per golosi e gourmet – Comacchio torna la Sagra dell’Anguilla

Prime anticipazioni sul programma della XIX edizione

A Comacchio torna la Sagra dell’Anguilla:

… sarà presente anche lo chef Hiroshi Ogata – uno dei massimi esperti giapponesi

la ‘regina delle valli’ in tavola….e non solo

 Dal 29 settembre al 15 ottobre tante occasioni gourmet

… per tre week end sarà un susseguirsi di numerosissimi appuntamenti ed iniziative …

ma anche escursioni, mercatini, tour e regate nei canali

 Se ‘sua maestà la regina delle Valli’ è certamente la protagonista assoluta, anche l’edizione 2017 della XIX Sagra dell’Anguilla – in programma a Comacchio dal 29 settembre al 15 ottobre – si annuncia ricca di appuntamenti ed iniziative non soltanto per gli appassionati gourmet.

Accanto alle golose tentazioni del grande stand gastronomico allestito a pochi passi da Argine Fattibello – le cui cucine (aperte anche il venerdì sera con menu speciali) ogni sabato e domenica proporranno un po’ tutti i più tipici piatti della tradizione locali (marinati alla comacchiese con sarde € 8,00, insalata di mare € 8,00, bragiolette d’anguilla in agro-dolce € 11,00, sedanini al sugo d’anguilla € 7,50, pennette alla pescatora € 7,00, anguilla ai ferri con polenta € 14,50, brodetto d’anguilla “a bec d’aesen” con polenta € 12,00, fritto di valle alla comacchiese € 7,50, fritto di mare € 9,00, seppie con piselli e polenta € 7,00) – il cartellone della kermesse prevede infatti per i tre week end il susseguirsi di numerosissimi appuntamenti ed iniziative con la buona tavola ed il buon bere e non solo: dalle escursioni a piedi, in bici ed in barca alle visite guidate del centro storico navigando lungo i canali, dalle spettacolari gare dei vulicepi, la tipica e velocissima imbarcazione utilizzata dai pescatori di frodo, ai gemellaggi enogastronomici che vedranno approdare a Comacchio specialità e must agroalimentari provenienti non soltanto da altri territori italiani, ma anche da altri continenti.

Per chi si muove in camper, da non perdere in concomitanza con il primo week end di Sagra (29 settembre 1 ottobre) il grande raduno organizzato da Arcer con il patrocinio di Confedercampeggio (info e programma www.arcerbo.it).

Mentre nei pressi di Argine Fattibello (coordinate GPS 44.691583  12.183572) saranno attivate – a pochi passi da stand gastronomico e centro storico – aree riservate per la sosta dotate di pozzetto per lo scarico di acque nere alle quali si potrà accedere fruendo della tariffa speciale week end (euro 23,00 ad equipaggio, con possibilità di arrivo già fra le 17 e le 22 del venerdì – info 345 5684017) preaccreditandosi sul sito www.comacchio.it.

Aggiornamenti sul programma – insieme a proposte di soggiorno e info dedicate – consultando il sito www.sagradellanguilla.it

Di seguito alcune prime anticipazioni su appuntamenti ed iniziative in programma

(aggiornamento al 23 agosto 2017)

 Ogni sabato e domenica – Fra i canali in Batana

Suggestive escursioni in barca attraverso i canali cittadini, con partenza da piazzetta Trepponti di fianco all’Antica Pescheria, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18,30. Offerta libera.

Ogni sabato e domenica – Mercatino ‘mon amour’

Tante coloratissime bancarelle di alimentari, artigianato, manufatti artistici, cose d’altri tempi, opere dell’ingegno, articoli da collezione e curiosità ‘invadono’ strade e piazze del centro storico.

Ogni sabato e domenica – Gemellaggi EnoGastronomici

Sagra sempre più internazionale fra show cooking, degustazioni guidate e laboratori dedicati a specialità alimentari locali ma anche provenienti da altre province, regioni, paesi e continenti. Insieme allo chef Hiroshi Ogata – uno dei massimi esperti giapponesi nella cucina dell’anguilla (primo week end) – saranno a Comacchio anche delegazioni provenienti da Croazia, Polonia e non solo.

Ogni sabato e domenica (mattino e pomeriggio) – Nel regno dell’Anguilla

Escursione in Valle Campo (8 km. da Comacchio) con navigazione a bordo di imbarcazione tipica e breve passeggiata lungo sentiero naturalistico. Costo: adulti € 15,00; bimbi (da 4 a 10 anni) € 9,00. Info: tel. 320 7803565.

Ogni sabato (mattino) – Pedalata Gourmet dell’Anguilla

Bici-escursione guidata slow nelle Valli e Salina di Comacchio (km. 18 complessivi) conclusa con pranzo allo stand gastronomico della Sagra (menu: primo piatto a scelta; fritto di valle alla Comacchiese o seppie con piselli e polenta+bicchiere di vino e mezzo litro d’acqua). Costo: € 20,00 a persona Offerta Famiglia (due adulti+1 under 13) € 50,00 Info: tel. 329 9341581.

Ogni sabato (pomeriggio) – Storia&Storie di Comacchio

Aneddoti, curiosità vicende e leggende della ‘piccola Venezia delle Valli’ passeggiando fra strade e piazze del centro storico di Comacchio in compagnia del giornalista e scrittore locale, Luciano Boccaccini.

Sabato 30 settembre (pomeriggio) – Urban Walking sulle tracce dell’Anguilla

A passeggio con i bastoncini nella ‘piccola Venezia delle Valli’: in occasione e nell’ambito della tappa comacchiese del ‘Nordic Walking in Tour’, uno straordinario e curiosissimo ‘urban walking’ fra ponti, piazze e stradine della città dei Trepponti ed i numerosi e suggestivi ‘luoghi del cibo’ che la caratterizzano. Costo € 3,00 a persona. Info: tel. 347 0835343.

Sabato 30 settembre (pomeriggio) – Comacchio. La Città e le sue leggendarie Valli

A Palazzo Bellini presentazione del libro di Andrea samaritani e Lucia Felletti (Minerva Edizioni – Bologna). Sarà presente lo scrittore Marcello Simoni.

Ogni domenica (pomeriggio) – Gara dei Vulicepi

L’arte di condurre imbarcazioni nei canali si fa gara: nel pomeriggio dell’1 ed 8 ottobre i migliori barcaioli comacchiesi si sfidano in batterie eliminatorie per conquistare l’accesso alla regata di finale che – nell’ultima giornata della XIX Sagra dell’Anguilla – decreterà il ‘miglior paradello di Comacchio 2017’.

Domenica 1 ottobre (mattino) – Nordic Walking in Tour nelle Valli di Comacchio

Il “Nordic Walking in Tour’, circuito di manifestazioni organizzate appositamente per gli appassionati delle camminate con i bastoncini, fa tappa per la prima volta alla Sagra dell’Anguilla. Con una passeggiata non competitiva (km. 15 complessivi) con possibilità di ristoro finale che, partendo da Comacchio attraverso le Valli raggiungerà l’antica Salina per poi rientrare nella città dei Trepponti. Costo: € 5,00 (solo passeggiata); € 12,00 (passeggiata+pasta party Sagra: primo piatto a scelta/bicchiere vino/0,5 lt. acqua); €  17,00 (passeggiata+menu Sagra: primo piatto a scelta/fritto di valle alla Comacchiese o seppie con piselli e polenta/bicchiere di vino/mezzo litro d’acqua). Info: tel. 347 0835343.

Domenica 1 e 8 Sabato 14 ottobre (pomeriggio) – Gli antichi mestieri e tradizioni comacchiesi (in bicicletta)

Bicipasseggiata guidata – con aperitivo finale – fra piazze, strade e storici laboratori dove si fabbricano alcuni dei più tipici manufatti locali: la forcola, la nassa e gli altri attrezzi per la pesca in valle e, naturalmente, la lavorazione dell’anguilla. Costo: € 10,00 a persona. Info: tel. 329 9341581.

Domenica 1 ottobre (sera) – Sing&Sound: la finale

Aspiranti cantanti di tutti gli stili ed età – selezionati nel corso dell’estate attraverso appuntamenti itineranti ai Lidi organizzati da Agua Do Mar ed accompagnati dall’animazione di Radio Sound 98.1 Fm – si contendono il titolo di miglior voce nuova della costa comacchiese 2017.

Domenica 15 ottobre (mattino) – Magnalonga (in bici) dell’Anguilla

Cicloescursione guidata (km. 30 complessivi) con transfer in bus da Comacchio a Goro e bici-itinerario fra natura e cultura con soste enogastronomiche a Lido Volano (cozze alla marinara), Lido delle Nazioni (pasta del pescatore) e Porto Garibaldi (fritto del marinaio) prima dell’arrivo allo Stand Gastronomico della Sagra (trancio di anguilla ai ferri con polenta). Costo € 38,00 a persona. Info: tel. 329 9341581.

Musei e Valli

 

Museo Delta Antico

via Pescheria, 2 – tel. 0533 311316

orario: domenica dalle 9,30 alle 18,30; dal martedì al sabato dalle 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 18,30. Chiuso il lunedì. Tariffe: intero € 6,00 – ridotto € 3,00 (11-18 anni, over 65) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati.

Manifattura dei Marinati

via Mazzini, 200 – tel. 0533 81742

orario: sabato e domenica dalle 9 alle 20; dal martedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 19. Chiuso il lunedì. Tariffe: intero € 2,00 – ridotto € 1,00 (11-18 anni, over 65, gruppi min. 25 pax) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati. Ogni sabato e domenica alle 10,30 e 16 visita guidata compresa nel prezzo del biglietto e, dalle 12 fino ad esaurimento, degustazione di pesce fritto di valle: € 5,00.

Casa Museo Remo Brindisi

via Nicolò Pisano 51 (Lido di Spina) – tel. 0533 330963

orario: venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 17,30.Tariffe: intero € 4,50 – ridotto € 2,50 (11-18 anni, over 65) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati.

In Barca nelle Valli di Comacchio

Stazione Foce – tel. 340 2534267

Escursione in barca e itinerario guidato lungo i canali interni dello specchio vallivo, con sosta agli antichi casoni da pesca. Orario: tutti i giorni, con partenza Stazione Foce (a 4 chilometri da Comacchio) alle ore 11 e 15; domeniche di Sagra ogni ora dalle 10 alle 17; durata 1 ora e 45 minuti. Tariffe: intero € 12 – ridotto € 9 (7-16 anni) – gratuito per minori di 7 anni accompagnati.