Archivi categoria: le mie ricette

Ricette facili, veloci, tradizionali, cucina esotica, ricette per la dieta

DALL’ORIENTE UN PIATTO ECONOMICO E GUSTOSO.

Per 4 persone.

-80 gr. di riso cotto o  di riso avanzato.

-6 piccole foglie di verza senza la costa centrale e sbollentate nell’acqua per 4 minuti.

-150 gr. di carne avanzata (da tritare a coltello o nel mixer) o carne trita.

-1 cipollotto

-1 carota

-salsa di soya o  1/2  dado

-sale, pepe, olio.

Marinare per 30′ la carne, la carota e il cipollotto (tritati finemente) in 5 cucchiai di salsa di soya o dado sciolto in poca acqua.

-Unire carne e riso formando delle polpette di forma oblunga.

-Avvolgerle nelle foglie di verza, chiudete con un filo di porro o erba cipollina oppure trattateli con  molto garbo per non farli aprire.

-Cuocere a vapore o in forno a 180° appoggiati sopra un contenitore con acqua, senza che sia toccata dagli involtini.

-Servire con salsa di soya.

Versione più occidentale.

-Cuocete gli involtini in una salsa fatta con poco pomodoro fresco e basilico o origano e, a piacimento, anche un poco di peperoncino.

-Pepe solo se gradito.

 

RICETTE: PASTA INTEGRALE, COME LA CUCINO?

Pasta integrale per 4 persone

300/350 gr di pasta

4 zucchine o 2 zucchine e 2 peperoni colorati pelati con pelapatate

2 cippollotti freschi

1 porro a rondelle

20 datterini

basilico

olio, sale, pepe  rosa e verde (se gradito)

Affettare molto sottili le verdure o a julienne.

Saltare in padella con olio extra prima il cipollotto,

poi i peperoni e cuocerli al dente.

Aggiungere zucchine per un tempo molto breve.

Poi i  pomodorini tagliati piccolissimi e farli solo scaldare nella pentola, non cuocere.

Buttarvi la pasta scolata e girare per pochi secondi.

Ricordare sempre che è meglio avere i piatti caldi prima di versarvi la pasta.

 —————

 Pasta integrale e zucca per 4 persone

300/350 gr di pasta

200 gr di guanciale tagliato sottile

300 gr. di zucca a pezzetti di un cm di lato

1 porro tagliato sottile

olio, sale , pepe

1 mozzarella di ottima qualità a temperatura ambiente e tagliata a piccoli pezzi

Stufare la zucca con ottimo, poco, olio, aggiungendo poca acqua solo se serve

Rendere croccante il guanciale a fette, saltandolo in padella

Condire la pasta cotta e aggiungere la mozzarella a cubetti sulla pasta fumante e in piatto pre riscaldato.

 —————–

 Pasta integrale per 4 persone

300/350 gr di pasta

70 gr. favette fresche sgusciate e meglio se pelate della pelle che le riveste

50 gr, pisellini freschissimi

1 cipollotto

olio, sale pepe

Saltare il  cipollotto in olio extra e cuocervi, non troppo, le verdure.

Croccare il guanciale in poco olio.

Servire versando la verdura sulla pasta cotta.

Finire con il guanciale, un filo d’olio e pepe colorato.

Ricordare sempre che è meglio avere i piatti caldi prima di versarvi la pasta.

RICETTE: UN PIATTO ECONOMICO, VELOCE E GUSTOSO.

IL FRICO

Piatto tipico del Friuli Venezia Giulia, il Frico è un piatto povero, ma gustoso. Potete prepararlo solo con il formaggio, o solo con l’uovo o pancetta; a piacere.

Ingredienti per 2 persone.

2 patate a fette abbastanza sottili.

a piacere: 4/6 fette sottili o cubetti di guanciale o pancetta o pancetta affumicata

50 grammi di formaggio di montagna; bene anche la fontina, emmentaler, grouviere ecc…a pezzetti piccoli o a fette sottili

ottimo olio per cucinare

1 padella piccola per persona, così si gira meglio.

Volendo si può anche aggiungere un uovo.

sale, pepe.

Preparazione:

1-dividere tutto in 2 parti eguali

2-Scaldare l’olio nella pentola piccola e antiaderente

3-Mettere le fette di patate e premere bene con la paletta

4-lasciare cuocere le patate con il coperchio e controllando sempre la cottura e salando

5-girare le patate, aiutandosi con un altro coperchio più grande o con un piatto dove appoggerete momentaneamente il frico

6-nella/e  padella/e mettere altro olio e  il guanciale o la pancetta e poi le patate dal lato non cotto e, sopra, il formaggio a fette o pezzettini e l’uovo sbattuto, coprire e controllare la cottura; la fiamma non deve essere alta.

7-cuocere e rosolare

8 servire con una spruzzata di pepe, se piace.

 

 

Ricette – pollo arrosto -ricetta facile e altra per chi sa cucinare bene

RICETTA ECONOMICA CHE HA SEMPRE SUCCESSO

IL FRITTO NON FA MALE; BASTA NON ABUSARNE E USARE OLIO DI QUALITA’ E NON QUELLO RICOTTO E SCADENTE USATO DALLA MAGGIORANZA DEI POSTI PUBBLICI E DALL’INDUSTRIA (alcuni marchi garantiscono olio buono e frequentemente ricambiato, vedi KFC; il miglior pollo fritto del mondo; oggi a Milano, Torino e altre grandi  città).

Se siete alle prime armi in cucina acquistate due petti di pollo per due persone o già affettati.

Se sapete disossare e avete buoni coltelli, acquistate l’intera coscia e sovracoscia.

All’Esselunga o alla Coop, trovate polli di buona qualità; alimentati decentemente e quindi migliori per la vostra salute (la Coop li garantisce senza antibiotici).

Abbiamo trovato una buona offerta all’Esselunga; coscia e sovracoscia in conferzione famiglia. Solo 1,99 al Kg., pollo alimentato  con materie prime 100% vegetali e minerali. Per un peso di 2,355 Kg. abbiamo speso 4,69 euro.

Ingredienti:

non tutti sono necessari; dipende dai vs. gusti:

-pollo

-yogurt o latticello

-uova

-semola o farina

-limoni; se graditi, spremuti sul piatto sul fritto aiutano a digerire e danno una piacevole nota di acidità

-rosmarino, timo, buccia di 1 limone, prezzemolo, aglio o polvere d’aglio se volete dare un sapore più forte, erba cipollina, peperoncino dolce o piccante, paprika, origano, cerfoglio …

Partiamo dalla ricetta più facile:

-affettare i petti di pollo, se non lo sono già

-lasciateli a bagno una notte in yogurt o latticello ( se lo trovate), aggiungendo prima; 1 fesa d’aglio pestato (se vi piace), grattuggiato di buccia di 1 limone non trattato, a piacere un peperoncino piccolo e dolce (se vi piace piccante fate voi), due spruzzate di paprika in polvere, poco rosmarino a pezzettini, foglie di origano a piacere, idem per timo, erba cipollina e cerfoglio).

-il giorno seguente scolate bene il pollo dal liquido; asciugatelo bene.

-impanarlo con semola, che può sostituire la farina, ma è più consistente, a cui avrete aggiunto un sapore che vi può piacere come paprika dolce o piccante o prezzemolo o foglie di timo …

-passate nell’uovo sbattuto

-ripassate nella semola o farina

-friggete in abbondante olio; il migliore è quello di arachidi che ha molte caratteristiche comuni all’olio d’oliva, ma un sapore più neutro.

-avrete preparato un piatto ricoperto di carta assorbente da cucina, sovrapponete fette cotte e fogli di carta assobente e servite (solo così avrete modo di eliminare il maggior quantitativo di olio fritto dal vostro piatto e renderlo più leggero).

RICETTA PER ESPERTI CHE SANNO DISOSSARE IL POLLO

Tutto come sopra, ma si usano cosce e sovracosce.

Si toglie la pelle e tutto il grasso possibile; anche tra i muscoli (se siete abili e pazienti). Disossare tutto.

Le ossa, con ancora qualche pezzetto di carne attaccato, sevono per un ottimo brodo aggiungendo:

-carota

-cipolla

-sedanoo-chiodi garofano 2

-foglia alloro

-erbe a piacere

-sale

-acqua quantobasta per coprire tutto.

Cuocere almeno un’ora nella pentola a pressione.

-scolare

-raffreddare in frigorifero.

Togliere il grasso che si è consolidato in superficie.

Avrete un’ottimo brodo nutriente.

::::::::::::::::::::::

Friggete il pollo disossato, dopo averlo ben battuto e impanato come sopra.

Buon appetito !

Noi abbiamo  aggiunto delle patate dolci fritte .. buonissime !!!!

POMODORINI SECCHI PER BRUSCHETTE E SUGHI PER LA PASTA.

Ottimi tritati per bruschetta, magari con l’aggiunta di una acciuga.

Aggiunti tritati alla normale salsa di pomodoro danno un sapore speciale.

Oppure fare proprio una salsa con l’uso di questi pomodori tritati utilizzandoli al posto della passata ristretta.

RICETTA.

500 gr pomodori secchi.

Buttarli in 3 litri di acqua calda con 4 cucchiai di ottimo aceto  e 1 cucchiaio di zucchero.

Portare a bollore e riposare per 3, meglio 8,  ore.

Scolare e asciugare su strofinaccio per almeno 24 ore

Conservare in vasi sterilizzati alternando i pomodori all’olio extra vergine di ottima qualità e:

-peperoncino (secondo il proprio gusto)

-capperi

-menta-basilico-alloro;

aglio o cipolla rossa sbollentata (o cotta al microonde 2′); asciugata  e ridotta a fettine

-noi suggeriamo l’abbinamento aglio-alloro-anche acciughe, se piacciono i sapori forti

-cipolla-menta e basilico è l’abbinamento più delicato.

Eccellente marmellata di arance e salutare

RICETTA SOLO PER CHI AMA CUCINARE E HA LA NECESSARIA PAZIENZA.

Premesso che nell’olio della buccia dell’arancio la ricerca ha scoperto delle sostanze che funzionerebbero come anticancerogeni, noi abbiamo deciso di fare una marmellata usando anche la buccia; ma solo di arance non trattate.

Inoltre, la parte bianca dell’arancia è un’ottima fonte di fibre ed è quindi un peccato buttarla solo perché è amara.

Con un semplice trattamento l’amaro sparisce.

Ecco la ricetta

INGREDIENTI:

-3 1/2 di arance

-1/2 kg. di mandaranci

-3 grosse mele

-2 kg di zucchero (o anche 250 gr./500 gr, in meno; ma dovrete bollire molto di più la marmellata; in compenso avrete tanto zucchero della frutta e meno zuccchero aggiunto).

-2 semi di anice stellato, se piace

-1 bicchiere di Cointreau (se piace)

-3 bacelli di vaniglia (facoltativi, ma danno un sapore speciale)

ESECUZIONE:

-lavare bene la frutta lascinadola in acqua e 2 cucchiai di bicarbonato pe ralmeno 15′

-sciacquare

-togliere la buccia alle arance ed ai  mandaranci con l’apposito pelapatate (per fare un buon lavoro è bene che sia affilatissimo; così senza sforzo si toglie SOLO la parte arancione)

-con un coltello che taglia bene togliere le due calotte alla frutta e con un coltellino più piccolo, tagliare tutte le parti bianche e mettere queste con le calotte in una pentola di acqua calda con fuoco acceso

 

-a questo punto l’arancio o il mandarancio è senza buccia; affetttatelo e mettetelo in una pentola per farlo poi cuocere (il meglio è la pentola wok che facilita l’evaporazione dell’acqua)

-eseguite questo lavoro per tutte le arance  ei mandaranci

-sbucciate le mele, tagliatele a piccoli pezzetti e aggiungerle alla frutta sbuacciata e alle mele

-a questo punto avete una pentola (megli un wok), con le fette della frutta e le bucce senza la parte bianca, aggiungete metà dello zucchero e tutti gli altri ingredienti (i bacelli di vaniglia vanno tagliati a metà e tolti i semini neri che vanno messi nella marmellata con i bacelli); far bollire a lungo controllando che non attacchi al fondo; spegnere quando sobbolle tanto da far sparare fuori la marmellata.

-Intanto avete fatto bollire nell’acqua tutte le parti bianche delle bucce; quando bolle spegnete e buttate l’acqua

-ripete l’operazione con le bucce bianche nell’acqua calda; far bollire e spegnere subito; deve riposare almeno una notte

-il giorno dopo buttate l’acqua delle bucce bianche, frullatele e buttatele nell’altra frutta cotta

-aggiugete l’altro zucchero e fate cuocere sino a che una grossa goccia raffreddata sul piatto, se inclinato, rimane dura e non scivola; la marmellata ha la giusta concentrazione di zuccheri.

-se volete togliete i bacelli di vaniglia e i semi di anice stellato, frullate con il frullatore ad immersione.

Scaldare ancora la marmellata, portatela a bollore e mentre è ancora sul fuoco, debolissimo, mettetela nei vasetti che avrete disinfettato facendoli bollire.

Chiudete subito e rovesciate i vasetti.

Lasciate raffreddare.

Per ulteriore sicurezza, fate bollire i vasetti separati da strofinaccio, lasciate raffreddare.

 

 

Potete trovare altre precisazioni nell’articolo seguente:

Marmellata di arance, buona e sana. Poco zucchero, più fruttosio e fibre.

PIZZA PIZZA PIZZA – Segreti di una buona pizza

Per principianti

Non vi diamo una ricetta della pizza, ne trovate di ottime in internet, ma vi vogliamo svelare alcuni importanti particolari per un’ottimo risultato.

Fondamentale è la temperatura ambiente, sarà più facile avere una buona lievitazione in estate.

Se avete una cucina fredda, l’impasto subirà degli sbalzi termici che possono gravemente danneggiare la lievitazione; lavorare l’impasto in un ambiente più caldo può fare la differenza.

Il sale è un antagonista del levito, quindi non mettete mai lievito e sale insieme.

Meglio aggiungere il sale dopo avere già mescolato una parte della farina con il lievito.

Sull’impasto che deve lievitare è opportuno mettere un panno umido; previene l’evaporazione.

Il meglio sarebbe poter appoggiare la pizza da cuocere nel forno elettrico su di una pietra refrattaria invece che la solita teglia da forno (si crea così la condizione ideale per la cottura della pizza).

Cuocere la pizza in forno dove avete preventivamente inserito, sul fondo, una pentola con acqua (nel forno ci sarà così  una umidità ideale).

Il forno deve essere MOLTO caldo !

Usate solo prodotti di qualità.

Ricette falafel piatto vegetariano – ospiti, cosa cucino?

Felafel o Falafel ovvero golose polpette economiche di origine araba.

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di ceci ammollati una notte e asciugati (io lo faccio anche con le lenticchie)

2 cipolle a pezzetti

2 spicchi d’aglio

pepe una bella grattata (io preferisco quello verde e rosa che è più delicato)

1 cucchiaino di cumino in polvere

1 mazzetto di prezzemolo

-Qualcuno aggiunge la farina per avere più consistenza; io preferisco la farina di mais tostata, che trovo al supermercato e uso solitamente per impanare; perché assorbe meno olio quando friggo): quantitativo 3/4  cucchiai.

-1/2 cucchiaino di bicarbonato

Olio  extra vergine (io preferisco quello di arachidi, ma è difficile trovarlo di ottima qualità)

CONTORNO:

-verdure crude a fettine da servire con salsa di olio, aceto e sale.

-verdure ripiene

SALSA FACOLTATIVA PER I FALAFEL: pasta di sesamo, detta tajina; mescolare aggiungendo acqua e succo limone sino a che diventa fluida, ma non troppo.

Altra salsa: yogurt frullato con foglie di menta, pepe facoltativo.

COME SI PROCEDE

1-metto tutto nel mixer

2-frullo e riduco tutto molto sottile

Falafel 300 IMG_0006

3-se non riuscite a farne palline consistenti aggiungere farina o mais tostato

4-riposare 30′

5- fare delle palline che schiaccerete e metterete a friggere nell’olio o sulla teglia ben unta con olio abbondante, irrorando ancora con un filo d’olio prima di infornare.

Falafel al forno IMG_0007

Falafel al forno.

Servire calde; se volete  con una salsina fatta sbattendo la pasta di sesamo (tahina) con acqua e limone aggiunti poco alla volta per ottenere la consistenza di una maionese.

La salsa di yogurt la ottente frullandolo con pepe, sale e foglioline di menta o basilico, secondo il vostro gusto.

Marmellata di albicocche

Le mie marmellate sono lunghe da preparare perché cerco di aggiungere meno zucchero possibile e concentrare solo gli zuccheri naturali della frutta.

Inoltre le mie marmellate, sono sempre aromatizzare con qualche spezia e/o aroma che le distingua dalle altre.

Compero la frutta al mercato, perché i fruttivendoli che sanno che faccio le marmellate mi chiamano, se mi vedono passare, per informarmi che hanno dell’ottima frutta a basso prezzo; poiché è a completa maturazione e devono venderla in giornata. Al supermercato sarebbe esageratamente costoso comprare la frutta per le marmellate come le preparo io.

Inoltre il mio fruttivendolo preferito del mercato, mi regala sempre una cassetta di frutta al limite della maturazione e con qualche segno che, una volta tolto, non cambia il sapore della marmellata.

Ecco la marmellata di albicocche.

Ingredienti:

4 kg, di albicocche

4 mele; per la pectina naturale che aiuta ad addensare la marmellata

più (per mia scelta ma non è indispensabile) 5 belle pesche che mi sono state regalate (la pesca contiene più acqua dell’albicocca e richiederà una cottura più lunga della marmellata), ma a me piace questo mix di sapori

2 kg di zucchero o 1,5 Kg. se la farò cuocere a lungo

4 stecche di vaniglia (facoltative)

2 bicchierini di liquore alle mandorle (facoltativo)

Vasi sterilizzati, di varie misure secondo l’utilizzo; per i regali uso vasi piccolini; altrimenti non mi basta mai !

ESECUZIONE:

  • Pelare le mele  (io preferisco pelarle, perché non si sa mai cosa ci mettono sopra per conservarle) e le pesche
  • denocciolare la frutta
  • tagliare tutta la frutta a pezzi o passarla nel mixer (nel mixer è più veloce)
  • mettere lo zucchero e la frutta mescolando in parti circa eguali in due grandi pentole meglio antiaderenti e con apertura larga  per favorire l’evaporazione; d’altra parte se la pentola è troppo bassa, attenzione può spruzzare e bruciare; (io uso le wok // i guanti: nella fase finale quando la marmellata  scoppietta e le bolle  escono dalla pentola)
  • prima di fine cottura metto tutto in una sola pentola per equilibrare perfettamente la distribuzione dello zucchero.

  • cuocio anche almeno 3-4 ore, sino a che è tanto densa da rimanere ferma, quando è ben raffreddata, su di un piatto).
  • Metto tutto subito in vasi lavati in lavastoviglie; li riempio bene di marmellata con un mestolo di misura adegiata all’apertura del vaso e rovescio subito i vasi sul piano del lavandino; li lascio sino a che sono freddi
  • Se volete potete bollirli 30′ con uno straccio sotto l’acqua nella pentola (a pressione fate più in fretta, bastano 15′) per una perfetta sterilizzazione e lasciarli nell’acqua sino a che diviene fredda
  • io sono abituata a tenerli in frigorifero e non ho mai avuto problemi; anzi quando li apro sento sempre quel blup del sottovuoto.

ORA AVETE UNA MAGNIFICA MARMELLATA CHE NULLA HA A CHE VEDERE CON QUELLE CHE SI COMPRANO; ANCHE LE PIU’ COSTOSE … ormai sono fatte tutte con pectina; ovvero la frutta è per la maggioranza mela poi ci aggiungono piccoli quantitativi della friutta scritta sul vasetto (magari dopo averla spremuta per farne succhi che vendono pieni di acqua e zucchero) … ve lo dice una che fa le marmellate da 40 anni!

BUONE COLAZIONI E TORTE !!!

 

DOLCE FACILE – Per MERENDA o COLAZIONE – CON MENO CALORIE DELLA BRIOCHE

29IL CIOCCOLATO E’ UN OTTIMO STIMOLANTE PER LA MATTINATA, MA POI NON SI DEVE ECCEDERE A PRANZO.

INGREDIENTI:

300 gr di cioccolato fondente o al latte o bianco, secondo il gusto (quello fondente ha meno grassi e meno calorie)

1/2 bicchiere di latte

300 gr. di cereali assortiti soffiati  (anche solo del riso soffiato) senza zucchero aggiunto

2 cucchiai di nocciole tritate fini o due di mandorle.

ESECUZIONE.

Sciogliere nel latte, sul fuoco leggero o a bagnomaria, il cioccolato; togliere dal fuoco.

Aggiungere i cereali e i semi tritati, mescolare.

Mettere in tortiera o farne delle “barrette” su di una piastra imburrata .

Raffreddare e mettere in frigorifero per addensare più velocemente.

Le barrette sono meglio della solita “brioche” come colazione, più stimolanti e con meno grassi ” cattivi “; come l’ormai famoso OLIO DI COCCO RICCO DI GRASSI SATURI o margarine, grassi vegetali non meglio identificati ecc…. UN VERO VELENO PER LE NOSTRE ARTERIE.