Archivi categoria: LIBRI

libri, libro, il mio libro, i libri più belli, libri di viaggio, libri di donne,

Programma – 19 novembre BOOKCITY MILANO 2017 omaggio a Umberto Eco

Si conclude domenica 19 novembre

BOOKCITY MILANO 2017

con un omaggio a Umberto Eco

e, per tutta la giornata,

incontri con gli autori, reading, laboratori, mostre

 Una festa metropolitana diffusa e partecipata del libro e della lettura

 

Il programma è scaricabile al link:

http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

gallery foto: http://bookcitymilano.it/gallery/2017

Domenica 19 novembre, ultimo giorno di BookCity Milano 2017: incontri con gli autori, reading, spettacoli, mostre, una grande festa metropolitana diffusa e partecipata del libro e della lettura.

Al Piccolo Teatro Strehler, grazie a Intesa Sanpaolo, si terrà il reading teatrale Il caso Malaussène – Mi hanno mentito, di e con Daniel Pennac, che nasce dal desiderio di condividere con il pubblico la gioia del ricongiungimento con i Malaussène, mentre proseguono al Castello Sforzescogli appuntamenti, tra cui “Il Divino che si rivela nella maestosità della Natura. Le parole di Folco Terzani e i disegni di Nicola Magrin per riscoprire la maestosità e il senso di libertà della natura” con Folco Terzani, Nicola Magrin e Laura Pezzino; “Le contraddizioni del presente, la forza della memoria” con Walter Veltroni, Claudio Bisio, Massimo Gramellini, modera Alessandra Tedesco; “Cambiare insieme uomini e donne: la sfida incompiuta di questo secolo” con Tiziana Ferrario, Daria Colombo, Mara Maionchi, Federica Marchionni, Luisa Pronzato, modera Anna Scalfati; “Saghe da Oscar. Napoleone e i Medici star della letteratura” con Simon Scarrow, Matteo Strukul e Massimo Lugli; “La realtà dell’Islam politico e le ipocrisie del politicamente corretto” con Maurizio Belpietro, Francesco Borgonovo, Peter Gomez.

Tra gli appuntamenti ai poli tematici: all’ARCI Bellezza – Palestra“Buoni da morire” con Luca Iaccarino e Marco Malvaldi; a Base Milano“Il linguaggio delle storie” con Licia Troisi, Roberto Recchioni e Emilio Cozzi; alla Borsa Italiana “Investire in titoli I Valore economico del catalogo e del marchio editoriale” con Luca Formenton, Anna Dávid, Ágnes Orzóy, Mario Piazza e Marco Zapparoli, e “Investire in titoli I Valore economico delle librerie di domani” con Andrea Vecci, Massimiliano Lepratti, Paolo Ambrosini, Cristina Giussani, Alessandro Monti e Marco Zapparoli; “Evasione fiscale: un problema irrisolvibile per l’Italia?” con Mario Monti, Vincenzo Visco, Fabrizio Massaro; alla Casa Della Memoria“Chi sono i terroristi?” con Marco Belpoliti, Luigi Zoja, Omar Bellicini e Nicole Janigro; al Central District“Shakespeare o dell’immortalità” con Francesco Carofiglio e Camilla Tagliabue; al Centro Culturale di Milano“Ken Follett tra buona e cattiva fede” con Alessandro Zaccuri; al Circolo Filologico Milanese“Pensare con il cuore” con Vito Mancuso e Antonio Sanfrancesco; “Si può ancora parlare di valori nella post modernità?” con Francesco Alberoni e Roberta Russo.

Al FAI –  Villa Necchi Campiglio“La narrativa al femminile: stati generali” con Ricciarda Barbieri, Patricia Chendi, Chiara Ferrari, Maria Paola Romeo, Valentina Rossi; “Ricordando Tiziano Terzani. Il giornalista, lo scrittore, l’uomo” con Angela Terzani Staude, Folco Terzani e Luciano Fontana; alla Fondazione Piero Portaluppi “I salvagenti dell’editoria: i libri per ragazzi e la letteratura rosa” con Elisabetta Fiumeri, Gabriella Giacometti, Luigi Spagnol, Alice Basso, Cristiana Verazzo e Rachele Bindi, modera Désirée Pedrinelli; all’Ispi – Palazzo Clerici“Il legno storto della giustizia” con Gherardo Colombo che dialoga con Ferruccio De Bortoli; “Piazza Tahrir. Un romanzo” con Omar Robert Hamilton e Viviana Mazza; all’Istituto dei Ciechi di Milano“L’ossessione del potere” con Herman Koch e Giuseppe Culicchia; al Mudec – Museo delle Culture“Accogliere i migranti. Per una politica dell’ospitalità” con Donatella Di Cesare, David Bidussa e Pierfrancesco Majorino; al Museo Tennis Italia“Le strade bianche del ciclismo: aneddoti, poesia e sudore tra la polvere leggendaria” con Marco Pastonesi e Vittorio Seghezzi; al Museo di Storia Naturale “Gli alberi ci fissano dal cuore del tempo” con Tiziano Fratus e Emanuela Rosa Clot; al Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo Da Vinci “Quello che le donne (non) dicono” con Clara Sanchez e Antonella Fiori; “Le linee rosse” con Federico Rampini; “Il populismo nell’era del Web: il fascismo travestito da democrazia diretta” con Alessandro Dal Lago e Armando Besio.

Per il progetto “Da Sud a Nord: storie di Milano”, a cura della Fondazione Cariplo, all’Angureria di ChiaravallePiero Colaprico racconterà “Storie del Corvetto” e alla Casa della CaritàLivia Grossi parlerà di “Due storie di donne coraggio”.

A Palazzo Greppi“Dimagrire è facile, bastano 5 tappe” con Evelina Flachi e Susanna Messaggio; “Per mangiare e comprare il giusto, basta scoprire quanto basta” con Lisa Casali e Gianluca Gazzoli; a Palazzo Moriggia “La memoria contundente: perché i conflitti sui simboli del fascismo e del comunismo non finiscono mai” con Luca Telese;aPalazzo Reale“Tra fotografia e poesia: bestie, animali e uomini” con Ferdinando Scianna e Franco Marcoaldi; “La gioia del tesoro d’Italia” con Vittorio Sgarbi; al Piccolo Teatro Grassi “Ho visto un Fo. Racconto della vita di Dario” con Giuseppina Manin e Natalia Aspesi; “Un’altra forma di Legge: liberare la vita dal peso del sacrificio” con Massimo Recalcati; al Teatro Dal Verme“Music week a BookCity: 40 anni di musica dal vivo in Italia” con Claudio Trotta, Luca De Gennaro, Giampiero Ingrassia, Gian Paolo Serino, Stefano Boeri e Franco Mussida; al Teatro del Buratto “Dal romanzo al film” con Sofia Viscardi; “Ti racconto una favola” con Gianni Biondillo; “Ogni bambino è il mio bambino”, un’iniziativa per raccogliere  fondi per ricostruire la Plaster School al confine con la Siria, a cui parteciperanno, tra gli altri, Claudio Bisio, Marco Bonini, Paolo Calabresi, Giorgia Cordaci, Alessandro Cattelan, Martina Colomari, Anna Foglietta, Sofia Viscardi; al Teatro Elfo Puccini “La suspense è donna” con Paula Hawkins e Matteo Strukul; al Teatro Franco Parenti“Piero Angela, 90 anni di storie” con Piero Angela e Elvira Serra; “Il potere di chi scrive” con Ferruccio De Bortoli e Milena Gabanelli, presenta Piergaetano Marchetti; “Festival della mente a BookCity Milano: l’incanto. Dalla Val Grande ai ghiacci polari” con Marco Albino Ferrari e Denis Biason, a cura di Fondazione Carispezia e Fondazione Cariplo; alla Triennale di Milano“L’Allieva diventa grande” con Alessia Gazzola, Lino Guanciale e Roberta Scorranese;“Guarire con passione” con Mattia Torre e Valerio Mastandrea; “Le cicatrici di Rocco Schiavone” con Antonio Manzini e Alessandro Robecchi; “Indiani di montagna” con Mauro Corona e Luigi Maieron; “Domus a BookCity Milano. La moda del design il design della moda. Contaminazione, aporie, utopie” con Walter Mariotti, Daniela Hamaui e Arthur Arbesser.

BOOKCITY MILANO 2017 si chiuderà domenica 19 novembre, alle ore 21, al Teatro Franco Parenti con un omaggio a Umberto EcoSulle spalle di Umberto Eco – che nel 2012 inaugurò la prima edizione di BookCity.A poco più di un anno dalla sua scomparsa Milano rende omaggio a uno dei più stimati protagonisti della cultura contemporanea. Protagoniste della serata saranno le sue parole, a partire dai saggi raccolti in Sulle spalle dei giganti: un fuoco d’artificio del suo pensiero, del suo irresistibile raccontare la storia delle idee, la grande narrativa e il cinema, della disincantata, ironica visione del tempo in cui viviamo.  Intervengono Natalia Aspesi, Marco Belpoliti e Vincenzo Trione. Coordina Mario Andreose. Letture di Michela Cescon.

BOOKCITY MILANO è una manifestazione dedicata al libro e alla lettura che si svolge in più di 200 spazi della città metropolitana e che fin dalla prima edizione registra una straordinaria partecipazione di pubblico. È promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Associazione BOOKCITY MILANO, fondata da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori  e Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri.

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Lavazza, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden, Società Esercizi Aeroportuali, Lavazza e Fondazione Fiera.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

 

Da leggere – Mario Marini e le sue sempre belle scritture

Di Mario Marini

Da l’antologia

“Mai la parola rimane sola. 40 anni fra poesia e cultura”.

:::::::::::::

LA TROMBETTINA (Storia d’estate)
– Suggestioni estemporanee dalla lirica di Corrado Govoni –

… E dunque, risoluto dalla fiorente Primavera, crescente ad ogni giorno in spessore e convinzione, Estate arrivava, attraversando noncurante quegli inequivocabili segnali che si susseguivano rinforzandosi l’un l’altro, finché si poteva finalmente concedere a se stessi: “siamo d’estate”, come tacita e piena consapevolezza di un accadimento atteso e imprescindibile.
E allora, allora… quelle giornate, luminose e infinite che si condensavano nell’ocra maturo dei campi di grano; e la festa collettiva della battitura, con i carri in cerchio, stipati di covoni, in paziente aspettativa sulla spianata, desiderato suggello, felice compimento ai giorni silenziosamente consumati nell’alacre rito della mietitura e quei sacchi, quei sacchi, come sai grezzi, preparati in ordinata teoria sull’aia bianca e finalmente straripanti piccoli grani bruni, sputati di lato, dalla macchina rossa, come una gragnuola, con la paglia che ingabbiata e compressa, un colpo dopo l’altro, pazientemente assumeva la forma squadrata di parallelepipedi giallo oro, omaggio estremo del portentoso congegno, offerto ad umani prudentemente dubbiosi per il prodigio meccanico che si compiva al loro vigile cospetto nell’antro spaventoso e magico del marchingegno, ma finalmente sorridenti per il frutto tanto atteso che concretava felicemente quella prima parte di stagione.
Perché la fervida immaginazione dei bimbi aveva tempo, tanto tempo ancora per transitare intatta attraverso gli assolati meriggi, addensanti calore e silenzio, finché l’ora si attardava disfacendosi all’imbrunire e un refolo d’aria spandeva, tra le ombre immanenti, che si estendevano come un sipario tirato sopra il fuoco del tramonto, un po’ di refrigerio e i tremuli puntini, distanti, delle stelle.
E il tempo, quel tempo, portava difilato, dalla ricorrenza operosa del grano maturo, alla fiera sfaccendata delle vanità di giostre e carrozzoni, magnifiche di luci e i lumi e i fuochi, sulle strade e sui sentieri dondolavano percorsi di intenzioni, brulicanti andirivieni di persone, trepidamente accarezzate e univocamente conducenti, persone ed intenzioni, ai gesti giubilanti della festa, in un tripudio di letizia che si spegneva tuttavia, a poco a poco, come i falò, qua e là sui campi e tra le rive, umide di guazza e delle voglie segrete degli innamorati che le celavano anche a se stessi, stringendosi, ad occhi chiusi, in abbracci bisbiglianti…
Fu quella sera, fu proprio quella sera che i passi impazienti di giungere alla festa del bambino, si incontrarono con quelli della bambina che da essa proveniva, munita dell’esultanza gioiosa appena conosciuta e scortata dalla nonna che inciampava insicura negli anni suoi e sulle balze del sentiero. Indossava la bambina, una corto vestitino bianco che lasciava scoperte due esili e volubili gambette e intravvedere le innocenti mutandine, e un nastro tra i capelli, anch’esso candido. Soffiava a tratti in una trombettina da clown, dalla quale traeva allegre suggestioni e canticchiava, nelle pause, improvvisate melodie, eppure ispirate dalla nota strascicata e sempre uguale di quel semplice congegno. Si incontrarono faccia a faccia, sulla traccia ristretta del sentiero e lei sorrise, chissà perché, con un’alzata di spalle.
“Ciao, come ti chiami” disse lui; lei lo guardò con quegli occhi vivaci e sognanti che posseggono i bimbi nei loro impeti di felicità e gli passò di lato, senza una parola, di nuovo sorridendo e strusciandosi un po’ contro la riva.
Poi si mise a correre soffiando a più non posso in quella sua imitazione di strumento e quella nota, strascicata e sempre uguale, si perse, poco alla volta, nella vastità notturna della campagna.
Così giugno splendente luccicando di lucciole la sera, lasciava posto a luglio rovente, riverberante la vampa delle ore che esplodevano in echi ed attese, finché la canicola sovrana sembrava volersi attenuare nei tardi giorni d’agosto, che avanzavano impazienti verso le prime avvisaglie dei temporali, magnifici e paurosi.
E le giornate che s’accorciavano a vista d’occhio già introducevano voglie d’uva e di mosto e aliti più freschi intiepidivano il tempo felice dell’estate, già bagnando di rugiada l’erba matura dei prati, la mattina. E una nostalgia precoce, dorata di ricci e bruna di castagne, ammorbidiva, un poco, la consapevolezza crescente che la bella stagione si avviava al declino, soppiantata presto da Autunno pieno e possente.
Poi, quando le prime foschie si ispessivano umide e fredde nei giorni che imbuivano prematuri e i fuochi scoppiettanti dei camini eccitavano nuove fantasie e desideri imbiancati dalla neve, Inverno collocava le sue mani artigliate nel gelo scricchiolante della terra e la serrava tutta nella sua morsa implacabile.
E allora forse, chissà, se nello specchio sincero di un camino acceso, una bambina, re-immaginando le sue storie, avrebbe lasciato un po’ di spazio alla reminiscenza estiva di quella nota strascicata e sempre uguale che soffiando, modulava, e alla traccia tutta balze del sentiero e ai fuochi, ai lumi, ai cavalli e alle risate, ai carrozzoni incantevoli dei clown e alla lusinga di quell’incontro inaspettato, magia del sogno, impronta e segno della sua sera dei sorrisi…
E allora forse, chissà, se nello specchio sincero di un camino acceso, anche un bambino avrebbe provato a escogitare un modo nuovo per far rinascere le storie e prevedere e credere e presumere possibile ciò che era parso, in un sorriso, ingenua e condivisa gioia di vivere.
Fu in quel momento, fu proprio in quel momento, che l’estro d’artista del grande camino decise di intervenire, assecondando il variegato carico di legna che in esso si esibiva scricchiolando.
Forse una bolla d’aria o forse una vena d’umido nel corpo pure essiccato di quel legno. Prima un sussurro, un bisbiglio, un frusciare, come un moto impaziente di uscir fuori; poi come una nota: sì, una nota, strascicata e sempre uguale di trombettina da clown, come l’estate, come d’incanto, come la sera degli sguardi e dei sorrisi.

:::::::::::::::::::

DOVE S’AFFUSOLA L’INVERNO

Era un richiamo basso sulla strada
quasi l’incanto d’una calamita
colori bruni e rocce, tinte stinte
e riverberi di fuochi come dita

Scrosci di neve straripava l’aria
tracimando coriandoli impazziti
faceva quasi buio e quel biancore
mitigava riflessi intorpiditi

E c’era un lume più acceso del lucore
diffuso e terso sulla pietra viva
danzava svelto ipnotico fulgore
contro il crinale della rupe schiva

“Luce che attrai e attiri d’ogni dove
dimmi quale, qual senso il tuo chiamare?”
“Perché precorri tempo e spazio aperto
ad indagare il cosmo a setacciare

l’animoso dibattersi dell’uomo
dentro le pieghe delle sua paura,
contro i quesiti oscuri e indecifrati,
lungo i barbagli della sua natura,”

“perché lo inviti infine a quel convegno
che sembra non finire nella fine
di ognuno pervenuto a quel confine
e che dunque egli debba pagar pegno?”

Brilla la luce muta nella notte
non ha risposte se non in quel chiamare
nugoli e schiere, stuoli, sciami e frotte
d’esseri alla ricerca dove andare…

E poi dove s’affusola l’inverno,
dove l’estate allude vago al riso,
l’arco di pietra, porta dell’inferno,
la scala fatta d’aria, il paradiso.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Gruppo letterario Acarya presenta l’antologia

“Mai la parola rimane sola. 40 anni fra poesia e cultura”.

BOOKCITY MILANO – Programma sabato 18 novembre

PROSEGUE IL 18 NOVEMBRE

BOOKCITY MILANO

la festa metropolitana

diffusa e partecipata del libro e della lettura

 

Il programma è scaricabile al link:

http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

gallery foto: http://bookcitymilano.it/gallery/2017 

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre (con una pausa fra le 3.00 e le 9.00), al Padiglione Visconti (via Tortona 58), verrà proposta la seconda edizione di LE VOCI DELLA CITTÀ – Una maratona di suoni, luci, voci, un progetto ideato e curato da Daniele Abbado, con la collaborazione di Marco Zapparoli. L’ingresso è libero.

Una grande maratona di lettura della durata di dodici ore sul tema delle Lettere luterane. Al testo-guida di Pier Paolo Pasolini si intersecheranno altri testi collegati ai temi chiave dei suoi scritti e altri che ne amplificano le risonanze in differenti contesti. Si alterneranno letture e interventi musicali. L’evento coinvolge volontari, scrittori, musicisti, artisti, le comunità internazionali sul territorio.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala. Con la partecipazione dell’Accademia Teatro alla Scala, del Forum della città mondo, Associazione città mondo, della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, di SONG onlus – Sistema Orchestre e cori giovanili in Lombardia.

Tra i tanti incontri previsti nella giornata del 18 novembre,  nelle sale del Castello Sforzesco:

“Arte e Vita” con Geoff Dyer e Andrea Gentile;  “Segreti dello scrittore: le storie che colpiscono gli editori, ma anche i produttori di cinema, videogiochi o serie tv. Premiazione IoScrittore” con Alessia Gazzola, Massimo Del Frate, Ivan Cotroneo, Monica Rametta, Rosario Rinaldo, Giuseppe Strazzeri, Alessandra Tedesco, Stefano Mauri, Luigi Spagnol, Lucia Tomelleri, Laura Pezzino, Eugenio Trombetta Panigadi, Nicoletta Bencivenni, Sabrina Perucca; “Radio magia” con Massimo Cirri, Sara Zambotti, Gian Marco Bachi e Luca Sofri; “Stregata dal fantasy” con Scarlett Thomas e Alessandra Tedesco; “La felicità è una febbre leggera” con Margherita Oggero e Diego De Silva; “Libertà nel piatto. Ci deve essere un’etica nel mangiare?”  con Giuseppe Cruciani, Nicola Porro e Gianfranco Vissani.

All’Acquario Civico di Milano “Orientarsi nella bioetica: ragione contro sentimento” con Gilberto Corbellini, Chiara Lalli, Armando Massarenti; “Cosa fa il nostro cervello mentre noi siamo impegnati a vivere” con Mariano Sigman, Julio Velasco e Pierangelo Garzia; all’Archivio di Stato  “Ancora un passo. Il nostro impegno contro le mafie sulla strada di Peppino” con Giovanni Impastato e Gianni Barbacetto; “Come la ‘ndrangheta lava i soldi sporchi” con Nicola Gratteri, Antonio Nicaso e Mario Giordano; Base Milano “Wait till I’m dead. Allen Ginsberg e la beat generation” con Luca Formenton e Chiara Brambilla; Biblioteca Sormani “Il coraggio di vivere, amare e educare” con Paolo Crepet; Circolo Filologico Milanese “Parliamo scientificamente di calcio” con Edoardo Boncinelli, Giovanni Boncinelli e Luciano Tellaroli; Civica Scuola Interpreti e Traduttori “Il gulco gianigeva le brale. Lingue possibili e impossibili” con Andrea Moro e Michele Di Francesco; Teatro Dal Verme “Amore e d’altri rimedi” con Federico Moccia e Eleonora Gaggero; Fondazione Adolfo Pini: “Il fascino dell’antieroe” con Michele Dalai.

Alla Borsa Italiana inizia la seconda edizione di Investire in titoli (18 e 19 novembre), un ciclo di incontri a carattere internazionale, dedicato quest’anno al mondo del libro e dell’editoria, per mettere a confronto esperienze virtuose, idee e visioni economiche, analisi e strategie possibili. Sabato 18 novembre si terranno due incontri: “Valore  economico e relazionale delle manifestazioni legate al libro” con Jürgen Boos, Nicola Lagioia, Giulia Cogoli e Guido Guerzoni; “Impegno economico delle istituzioni nel mondo del libro” con Yari Bernasconi, Nicolas Georges, Pietro Lironi e Flavia Piccoli Nardelli.

Alla Fondazione Corriere della Sera si terrà “Racconti di guerra. Ricordando Maria Grazia Cutuli”,  l’inviata del Corriere della Sera che fu uccisa con altri tre colleghi in un agguato in Afghanistan, il 19 novembre del 2001. Tre giornate di dialoghi, testimonianze e incontri per parlare dei conflitti contemporanei.

Nel pomeriggio alla Triennale di Milano si svolgerà la presentazione della biografia di Emilio Isgrò intitolata Autocurriculum, alla quale intervengorranno Ferruccio de Bortoli e Salvatore Silvano Nigro per Sellerio. L’incontro precede la cerimonia di presentazione della definitiva collocazione, in via Emile Zola nel Parco Sempione, dell’opera Il Seme dell’Altissimo di Emilio Isgrò.

Alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli “Migrazioni dalla Cina all’Italia” con Yang Shi e Marianella Sclavi; “Disobbedire per cambiare” con Marco Cappato e Marianna Aprile; “L’Amaca e altre parole strane” con Michele Serra; “La disfatta” con Alessandro Barbero.

Alla Fondazione Piero Portaluppi: “L’amico dei libri? L’ebook” con Luciano Simonelli, Nicoletta Salvatori, Claudio Pina, Sabrina Talarico, Alberto Beonio-Brocchieri, Paolo Menon, Luigi Gattinara, Danilo Maggi; alla Gam Galleria d’Arte Moderna “L’orchestra dei Bambini” con Paolo Rumiz e Moni Ovadia; Ispi – Palazzo Clerici “Sulle macerie di Aleppo” con Domenico Quirico; all’Istituto dei Ciechi di Milano “I segreti più inviolabili dei sacri palazzi” con Gianluigi Nuzzi e Mario Giordano; al Laboratorio Formentini “Premio Babel-Booksinitaly: premiazione e lectio magistralis del vincitore/della vincitrice dell’edizione 2017” con Luca Formenton, Ilide Carmignani, Franca Cavagnoli, Yasmina Mélaouah, Ada Vigliani, Luisa Finocchi; al Mudec – Museo delle Culture “L’Europa di oggi raccontata con gli occhi dei migranti” con Kader Abdolah e Alberto Rollo; “Nessuno può volare, dal libro al documentario” con Simonetta Agnello Hornby e Alessandro Milan; al Museo Tennis Italia “Vogliamo la bicicletta! La grande avventura del ciclismo” con Davide De Zan, Felice Gimondi e Giuseppe Saronni; al Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci “I love Tokyo. Viaggio nella capitale del Sol Levante” con La Pina e Emiliano Pepe, “Una grande scommessa del chimico: sapere di non sapere per trovare soluzioni” con Marco Malvaldi; “Madre natura” con Matteo Righetto, Mauro Corona e Paolo Foschini; a Palazzo Greppi“Prendersi cura di lei” con Eliana Liotta, Paolo Veronesi e Filippa Lagerback; a Palazzo Reale “Immaginare” con Oliviero Toscani, Angela Madesani, Nicoletta Ossanna Cavadini; al Philo – Pratiche Filosofiche: “L’onda d’urto del 1977” con Gianfranco Manfredi e Andrea Arrighi; al Piccolo Teatro Grassi “La verità e la giustizia sui desaparecidos in Argentina in un libro e in un film” con Daniele Biacchessi, Gaetano Liguori e Giulio Peranzoni; “Ogni volta che si racconta una storia” con Marco Baliani; al Teatro Dal Verme – Music Week a BookCity: “Come un racconto chiamato jazz. Immagini di un viaggio con la musica e i musicisti” con Pino Ninfa, Enrico Intra, Renato Diaz; al Teatro del Buratto “Crescere le nuove generazioni” con Daniele Novara e Annalisa Monfreda; al Teatro Elfo Puccini “Quando tutto inizia” con Fabio Volo;  “Maigret è tornato” con Marco Malvaldi, Enrico Arosio e Chiara Maffioletti; al Teatro Franco Parenti: “Il commissario Ricciardi: dai romanzi ai fumetti” con Maurizio De Giovanni, Luca Crovi, Federica Fracassi e Michele Masiero; “Mi sono svegliato vivo nell’aldilà” con Jean Blanchaert, Filippo Timi, Michele Capuano, Vjiaya Bol Bechis e Achille Mauri; “La mia radio sei tu” con Marco Presta; alla Triennale di Milano “Danza. Istruzioni per la vita” con Aurora Marsotto e Carla Fracci; “Le tre del mattino” con Gianrico Carofiglio e Francesco Colombo.

In occasione di BOOKCITY #BCM17 sabato 18 novembre all’Aeroporto di Milano Malpensa ci saranno tre appuntamenti dedicati alle Alpi: “Bertone: la montagna come rifugio” di Guido Andruetto, presentato da Alessandro Gogna, “Con la roccia tra le mani” con Maurizio Zanolla, in arte “Manolo”, presentato da Roberto Mantovani, “La Chimera” di Sebastiano Vassalli, letture di Stefania Tagliaferri, a cura del Forte di Bard.

BOOKCITY MILANO è una manifestazione dedicata al libro e alla lettura che si svolge in più di 200 spazi della città metropolitana e che fin dalla prima edizione registra una straordinaria partecipazione di pubblico. È promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Associazione BOOKCITY MILANO, fondata da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto  Mondadori  e  Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri.

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Lavazza, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden, Società Esercizi Aeroportuali, Lavazza e Fondazione Fiera.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

Il programma è consultabile sul sito www.bookcitymilano.it

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

 

Libro – Edgar Allan Poe – LETTERE

Lettere

di Edgar Allan Poe

“Se ha imparato l’inglese, l’ho fatto per meglio leggere l’opera di Poe”

Stéphane Étienne Mallarmé (poeta, scrittore e drammaturgo francese).

Un autore, scrittore, poeta, critico letterario, giornalista, editore e saggista statunitense,  che non ha bisogno di presentazioni.

Scambiava lettere con i grandi del suo tempo (1089-49), prendendoli in giro.

Da questi epistolari emerge un’immagine assai meno cupa di quella più nota di Allan Poe; che non ebbe una vita facile.

Ma le sue capacità di redattore fecero si che raddoppiasse o quadruplicasse le vendite dei giornali dove lavorava.

Accuse di plagio, portarono Edgar Allan Poe verso una profonda depressione nervosa che, unite alle difficoltà economiche, lo portarono alla povertà e alla malattia; peggiorando al sua propensione all’alcol.

Ignorato in Europa durante la sua vita, dalla seconda metà dell’Ottocento deve la crescita di popolarità alla mediazione di Baudelaire. Edgar Allan Poe, fu poi riscoperto nel Novecento; quando gli venne riconosciuta la sua intrinseca modernità.

 

Edgar Allan Poe, Lettere, Il Saggiatore, 48 euro.

Libro da leggere e regalare – Una ciambella ci salverà – Kate Raworth

Un’economia che funzioni per il 21° secolo

tra pessimismo della ragione e ottimismo della volontà

La crescita non può essere infinita

Sottotitolo:  “Sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo

PER UN MONDO MIGLIORE

Kate Raworth è un’economista britannica; docente a Oxford, già ricercatrice per Oxfam e Onu.

Con un linguaggio semplice, Kate Raworth ci aiuta a capire i dogmi del mercato e della crescita a ogni costo, mentre ci spiega come sia possibile reindirizzare la distribuzione della ricchezza e lo sfruttamento delle risorse.

L’autrice ci spiega come ridisegnare  l’attività umana, definita da 12 priorità tra cui: cibo, salute, istruzione, igiene, energia, equità; rendendo la vita umana tollerabile e sostenibile.

Non vorremmo che l’autrice peccasse di ottimismo, con la sua speranza di cambiare i paradigmi che reggono il mondo e i rapporti di forza tra Stati del G8, unicamente con la sua appassionata persuasione.

Kate Raworth,  L’economia della Ciambella. Sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo, Edizioni Ambiente, pp.302, 22 euro.

BOOKCITY MILANO – Programma – 16 al 19 novembre 2017

BOOKCITY MILANO

Dal 16 al 19 novembre; quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università

Manifestazione dedicata al libro e alla letteratura che si tiene ogni anno da ormai sei edizioni nel capoluogo lombardo. Milano

BookCity Milano: festa metropolitana
diffusa e partecipata del libro e della lettura

Oltre al Castello Sforzesco, luogo simbolo di Bookcity, moltissime le location che ospiteranno incontri e dibattiti, dalle biblioteche comunali e molte delle realtà culturali milanesi.

Incontri con gli autori / reading / laboratori / mostre

Il programma è scaricabile al link:
http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

Musei, teatri, scuole, università, biblioteche, palazzi storici, librerie, associazioni, negozi, spazi pubblici e privati mettono in scena la loro passione per il libro e per la lettura promuovendo incontri, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, esplorando nuovi modi di leggere e riflettendo sulla scrittura, sulla lettura e sui mestieri dell’editoria, a partire da libri antichi, nuovi e nuovissimi, dalle raccolte e dalle biblioteche storiche pubbliche e private, non solo come evento individuale ma anche collettivo.

BOOKCITY MILANO 2017 si articolerà dal 16 al 19 novembre in quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università. Il centro resta il Castello Sforzesco, al quale si affiancheranno decine di poli tematici nei quali ogni lettore potrà ritrovare le sue passioni e soddisfare le proprie curiosità ma anche scoprire nuovi autori e nuovi interessi.

A BOOKCITY MILANO 2017 i grandi temi vengono raccontati nei poli. Ma il programma consente moltissimi altri percorsi creativi e spesso divertenti, identificati con hashtag come #vogliofareloscrittore, #pariopportunità, #Italia1967_2017, #rosa, #librospettacolo, #migranti, #topoftheopops, #cantautori, #altraEuropa, #hannofattograndeMilano, #transmedialità. Alcuni possono incuriosire i lettori più esigenti, altri offrono suggerimenti per un pubblico più ampio. Questi hashtag, oltre ad una selezione dei migliori suggeriti dal pubblico che arriveranno a segreteria@bookcitymilano.it, si possono ritrovare sul sito bookcitymilano.it.

BOOKCITY MILANO COMINCIA IN LIBRERIA

Quest’anno le librerie milanesi rivestono un ruolo speciale: BOOKCITY MILANO inizia un giorno prima, proprio lì, con una festa.

Giovedì 16 novembre 2017 dalle 18.00 ci sarà una festa diffusa in decine di librerie che offriranno alla città il programma stampato di BookCity, assieme al racconto in anteprima di temi, incontri, idee, letture che nei giorni successivi animeranno Milano. Un momento gradevole e informale per scambiare idee e scoprire i libri protagonisti di BookCity.

Il responsabile di BOOKCITY MILANO 2017, Luca Formenton, dichiara: “Giunto alla sesta edizione BookCity si conferma l’evento diffuso dedicato ai lettori e alla lettura più importante della città. Quest’anno abbiamo deciso di iniziare dalle librerie: nodi centrali per la diffusione della cultura nel territorio.

INAUGURAZIONE DI BOOKCITY MILANO

Venerdì 17 novembre, alle ore 20.30, al Teatro Dal Verme inaugura BOOKCITY MILANO 2017 con Marc Augé intervistato daDaria Bignardi, “Sulla felicità. Nonostante tutto”, alla ricerca di quei momenti di felicità che rappresentano una forma di resistenza all’inquietudine e all’incertezza che pervade il nostro mondo.
Marc Augé riceverà il Sigillo della città
dalle mani del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Sarà presente il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.
La serata sarà arricchita da interludi a cura di Mario Mariotti. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

SERATA CONCLUSIVA DI BOOKCITY MILANO

La manifestazione si chiuderà domenica 19 novembre, alle ore 21, al Teatro Franco Parenti con un omaggio a Umberto Eco che nel 2012 inaugurò la prima edizione di BookCity.A poco più di un anno dalla sua scomparsa Milano rende omaggio a uno dei più stimati protagonisti della cultura contemporanea. Protagoniste della serata saranno le sue parole, a partire dai saggi raccolti in Sulle spalle dei giganti: un fuoco d’artificio del suo pensiero, del suo irresistibile raccontare la storia delle idee, la grande narrativa e il cinema, della disincantata, ironica visione del tempo in cui viviamo.

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre, al Padiglione Visconti, verrà proposta la seconda edizione di LE VOCI DELLA CITTÀ – Una maratona lunga una notte, un progetto a cura di Daniele Abbado.
Una grande maratona di lettura della durata di una notte sul tema delle Lettere luterane
. Al testo-guida di Pier Paolo Pasolini si intersecheranno altri testi collegati ai temi chiave dei suoi scritti e altri che ne amplificano le risonanze in differenti contesti. Si alterneranno letture, presenze e interventi musicali, apparizioni che sviluppano le tante suggestioni contenute nei testi proposti. L’evento coinvolge volontari, scrittori, musicisti, artisti, le comunità internazionali sul territorio. Il pubblico potrà partecipare a tutta la maratona o assistere a una singola parte.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala. Con la partecipazione dell’Accademia Teatro alla Scala, del Forum della città mondo, Associazione città mondo, della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, di SONG onlus – Sistema Orchestre e cori giovanili in Lombardia.

Intesa Sanpaolo organizza alcuni incontri, tra i quali il 19 novembre, al Piccolo Teatro Strehler, il reading teatrale Il caso Malaussène – Mi hanno mentito, di e con Daniel Pennac, che nasce dal desiderio di condividere con il pubblico la gioia del ricongiungimento con i Malaussène.

Durante BOOKCITY MILANO, il programma triennale di rigenerazione urbana Lacittàintorno, recentemente avviato da Fondazione Cariplo per favorire il benessere e la qualità della vita nelle aree periferiche delle città, proporrà alla Casa della Carità ad Adriano e all’Anguriera di Chiaravalle incontri e dibattiti sul tema della città.

Grazie a Borsa Italiana si terrà la seconda edizione di Investire in titoli, un ciclo di incontri a carattere internazionale, dedicato quest’anno al mondo del libro e dell’editoria, per mettere a confronto esperienze virtuose, idee e visioni economiche, analisi e strategie possibili.

Alla Triennale di Milano, il 15 novembre, inaugurerà la mostra “La Lettura. Il colore delle parole”, l’illustrazione d’autore nelle pagine del supplemento del Corriere della Sera, una riflessione sul ruolo dell’illustrazione nel linguaggio giornalistico.

BOOKCITY 2017 si arricchisce di tre nuovi progetti che dialogheranno con la città:

MILANO EXP
Uno dei temi della manifestazione è da sempre l’attenzione per la città di Milano, anche nel suo rapporto con la letteratura e le altre arti. Per BookCity Milano 2017 è stato chiesto ad alcuni autori di condividere un’esperienza con i loro lettori: andranno alla scoperta (o alla riscoperta) di un luogo della città, e racconteranno le loro riflessioni ed emozioni a un gruppo ristretto di appassionati e curiosi. Prenotazione obbligatoria su www.bookcitymilano.it

BOOKCITY NELLE CASE

Nei mesi scorsi alcuni cittadini milanesi hanno risposto alla chiamata di BookCity Milano: “c’è qualcuno in città che trova divertente, poetico, letterario, trasformare le propria casa in una sede #BCM17?”. Abbiamo scoperto che la risposta è si. Nasce dunque BookCity nelle case: letture negli spazi più intimi dei cittadini milanesi.

FESTIVAL DELLE METROPOLI
Durante BookCity si svolgerà il primo Festival delle Metropoli: quattro giorni di narrazione urbana itinerante attorno ai quartieri che cingono il centro cittadino, luoghi colmi di storie da raccogliere e narrare. Percorsi, incontri, proiezioni, mostre, reading danno vita a un calendario di eventi dove mettere in mostra non il singolo quartiere, concepito come “periferia” da redimere, ma l’intera metropoli. Un festival di geografie e di storie in cui ai cittadini/viandanti sarà chiesto di portare in dote memorie e storie personali in grado di dare vita a un

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden e Società Esercizi Aeroportuali.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

La ricchezza di BOOKCITY MILANO è la sua spontanea ed eterogenea presenza in città.

racconto collettivo e partecipato della città.

BOOKCITY MILANO 2017 conferma i quattro progetti speciali presenti nella passate edizioni:

BOOKCITY YOUNG – Il programma delle biblioteche dedicato agli under 18
Laboratori creativi di scrittura, di disegno e illustrazione, e di robotica. Letture in inglese, spagnolo e arabo con Mamma Lingua. All’insegna della partecipazione attiva, per sperimentare in prima persona e interpretare in modo proprio ciò che è letto, detto, mostrato.

BOOKCITY NELLE UNIVERSITÀ

Fin dalla prima edizione le Università milanesi hanno promosso eventi nei loro spazi. Quest’anno offrono un palinsesto condiviso per riflettere sul Novecento, secolo di accelerazione della storia e di profondi cambiamenti. Organizzato da Accademia di Brera, Bicocca, Bocconi, Cattolica, IULM, Politecnico, San Raffaele, Statale e Fondazione Collegio delle Università milanesi.

BOOKCITY PER LE SCUOLE
170 progetti sono stati presentati da 90 promotori, 1200 classi di ogni ordine e grado coinvolte in attività che, ponendo al centro la lettura, andranno a toccare temi di attualità come il rapporto tra informazione e digitale, la mediazione interculturale, il ruolo dei sogni, la lettura ad alta voce, scoprendo nuovi mestieri e nuove professioni nella prospettiva anche di avvicinare sempre più la formazione al mercato del lavoro.

BOOKCITY PER IL SOCIALE

Incontri, eventi e spettacoli negli ospedali milanesi e nelle carceri di Bollate, Opera e San Vittore, nelle Case delle Associazioni e del Volontariato, che hanno sviluppato un proprio ricco programma di iniziative da offrire non solo al territorio di riferimento, ma all’intera cittadinanza, e nelle tante Biblioteche Condominiali.

BOOKCITY MILANO ha inoltre intensificato collaborazioni con altri importanti festival italiani, tra cui “Tempo di libri” (Milano), “Milano Music Week” (Milano), “Festival della Mente” (Sarzana), “Dialoghi sull’uomo” (Pistoia), “la Milanesiana” (Milano).

Da 5 anni i bambini di Milano disegnano e costruiscono, in occasione di BookCity, La città libro aperto. A novembre, le cesate del cantiere M4 di piazza Vetra diventano le pagine aperte del grande libro-città. Progetto a cura di DOdA design.

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

Il programma è consultabile sul sito www.bookcitymilano.it

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

Libro da leggere – Francesca Borri Ma quale paradiso ? – Non andiamo alle Maldive !

Ma quale paradiso?

Tra i jihadisti delle Maldive

Un video che non potete perdere – Le Maldive non sono il paradiso che ci dicono

Alle Maldive, noi ci siamo stati quando non c’erano voli diretti e molti non sapevano nemmeno dove, queste isole, fossero nel mondo.

Abbiamo visto un paradiso, almeno sotto l’acqua, che oggi è in gran parte distrutto;  sino ai 17 metri sotto il livello dle mare (la barriera corallina è grigia e morta con qualche pesce colorato sopravvissuto).

Poi abbiamo verificato di persona la nascita del turismo più becero e dell’impoverimento terribile della popolazione; mentre i prezzi salivano e il pesce, una volta abbondantissimo, ora quasi ASSENTE NEL MERCATO DELLA CAPITALE!!!

Foto: la barriera grigia e un pesce colorato tra i pochi sopravvissuti fino a 17 metri sotto il mare.

CONTEMPORANEAMENTE, LA POPOLAZIONE PIU’ SVEGLIA SI E’ ARRICCHITA ED E DIVENTATA ARROGANTE, NULLA SI E’ FATTO PER LA DISCARICA GRANDE QUANTO UNA GRANDE ISOLA DI FORNTE ALLA CAPITALE …

E NULLA SI RIESCE A FARE DI FRONTE ALLA  SEMPRE MAGGIOR DIFFUSIONE DI UNA RELIGIONE MUSSULMANA SEMPRE PIU’ ESTREMISTA … pericolosa … 

Ma torniamo al libro Ma quale paradiso ? 

Tutti conosciamo qualcuno che è stato alle Maldive.

Ma quanti di noi sanno che si tratta di un paese musulmano?

E che sono il paese con il piú alto numero pro capite di foreign fighters?

Alle Maldive tutti conoscono qualcuno che è stato in Siria.

Nonostante la pretesa universalità del «califfato», i jihadisti sono molto influenzati dai contesti nazionali.

Nella scelta di arruolarsi l’emarginazione economica e sociale spesso ha un ruolo piú decisivo della religione.

Icona del turismo di lusso, sinonimo di paradiso, le Maldive OGGI sono in realtà tra le isole piú inospitali del pianeta.

La popolazione è concentrata nella capitale, Male, una delle città piú sovraffollate al mondo, preda di povertà, criminalità, eroina.

Dal turismo arrivano miliardi di dollari, che finiscono a una manciata di imprenditori vicini al governo, che non tollera alcun dissenso.

In questo libro-reportage non parlano solo i jihadisti.

Parlano i loro fratelli, i loro amici.

Che anche se non condividono le loro ragioni, non li contrastano, perché non si sentono parte del mondo contro cui combattono.

I jihadisti, alle Maldive, non sono degli squilibrati.

Sono i nostri autisti e camerieri.

Un libro per capire …

Ma quale paradiso ?, Francesca Borri, Einaudi, 16 euro.

Libro da leggere – Il serpente dell’Essex – Sarah Perry

Anche se l’inizio del libro e l’ambientazione ci ricordano  tanto “Ogni passione spenta” della grande Victoria Mary Sackville-West, questo libro merita di essere letto.

Il serpente dell’Essex è «un romanzo di straordinaria bellezza» (The Independent) che «per l’originalità, la ricchezza della prosa e la profondità nella caratterizzazione dei personaggi» (Sunday Times) si conferma «un lavoro di grande intelligenza e fascino, da un’autrice di indubbio talento» (Sarah Waters).

Questo libro è stato definito anche: “un’attenta esplorazione del cuore umano e dei suoi misteri“.

Londra, fine Ottocento. Le campane di St-Martin- in-the-Fields suonano a morto per le esequie di Michael Seaborne e i rintocchi si diffondono in tutta Trafalgar Square. Cora Seaborne, la giovane vedova del defunto, invece di mostrarsi contrita tira un sospiro di sollievo: la morte di Michael, un uomo stimato e influente, ma anche freddo e crudele, l’ha resa finalmente libera, sollevandola da un ruolo, quello di moglie, che non ha mai sentito suo.

Dopo il funerale, accompagnata dal figlio undicenne Francis, un bambino taciturno e stravagante, e dalla fidata bambinaia Martha, Cora cerca rifugio a Colchester, nell’Essex, dove stanno portando alla luce dei fossili lungo la costa.

Da sempre appassionata naturalista, la giovane donna vuole approfittare della ritrovata libertà per dedicarsi a quelli che lei chiama «i suoi studi»: frugare tra le rocce e il fango alla ricerca delle ossa fossilizzate di animali vissuti migliaia di anni fa, sull’esempio della paleontologa Mary Anning.

A Colchester Cora si imbatte in alcune bizzarre voci secondo cui un serpente mostruoso, ricoperto di scaglie ruvide e con occhi grandi come una pecora …. Cora sospetta di trovarsi davanti a un caso di probabile interesse per il British Museum …

Il serpente dell’Essex, Sarah Perry, Neri Pozza, 18 euro.

Libro – Naomi Klein ” Una rivoluzione ci salverà “

Dall’autrice di no logo e shock economy, un attacco politico al cuore del capitalismo

I cambiamenti non sono affatto catastrofici; al contrario, sono entusiasmanti …

PERCHÉ IL CAPITALISMO NON È SOSTENIBILE ?

A meno di cambiamenti radicali nel modo in cui la popolazione mondiale vive, produce e gestisce le proprie attività economiche – con i consumi e le emissioni aumentati vertiginosamente – non c’è modo di evitare il peggio.

Cosa fare allora?

Il messaggio è dirompente:

si è perso talmente tanto tempo nello stallo politico del decidere di non decidere, che se oggi volessimo davvero salvarci dal peggio dovremmo affrontare tagli così significativi alle emissioni da mettere in discussione la logica fondamentale della nostra economia: la crescita del PIL come priorità assoluta.

Non abbiamo intrapreso le azioni necessarie a ridurre le emissioni perché questo sarebbe sostanzialmente in conflitto con il capitalismo deregolamentato, ossia con l’ideologia imperante nel periodo in cui cercavamo di trovare una via d’uscita alla crisi.

Siamo bloccati perché le azioni che garantirebbero ottime chance di evitare la catastrofe – e di cui beneficerebbe la stragrande maggioranza delle persone – rappresentano una minaccia estrema per quell’élite che tiene le redini della nostra economia, del nostro sistema politico e di molti dei nostri media.”

La via d’uscita che intravede Naomi Klein non è una Green Economy all’acqua di rose, ma una trasformazione radicale del nostro stile di vita.

La buona notizia è che molti di questi cambiamenti non sono affatto catastrofici; al contrario, sono entusiasmanti.

” Una rivoluzione ci salverà “, Naomi Klein , Rizzoli, 14 euro.