Archivi categoria: LIBRI

libri, libro, il mio libro, i libri più belli, libri di viaggio, libri di donne,

Libro – LA STANZA DELL’AMBRA – 1a puntata 2018

Tra poco questo libro sarà in concorso per ” Il mio libro 2018″ e acquistabile su Il mio linro o Amazon

LA STANZA DELL’AMBRA
di G. Seregni

NOTA: Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

INTRODUZIONE

LA MAGIA DI SAN PIETROBURGO

“…Ogni cosa acquista delicatezza fiabesca, un manto di ermellino steso come una coperta sopra la città …” Bagliori a San Pietroburgo, Jan Brokken, Iperborea 2017

Il titolo del libro, La Stanza dell’Ambra, è stato ispirato dal  più prezioso manufatto artistico del mondo: la Stanza dell’Ambra; chiamata anche l’ottava meraviglia del mondo. Bene artistico sparito durante la Seconda Guerra Mondiale e mai più ritrovato.

La Stanza dell’Ambra fu donata dal Re di Prussia, Federico Guglielmo I (1713-1740), al suo (allora) alleato Pietro il Grande e successivamente decorò il palazzo di Caterina la Grande a Carskoe Selo (oggi Puškin o Tsarskoye Selo in russo) e che significa: “Villaggio dello Zar”, situato nei pressi di San Pietroburgo.
Il preziosissimo manufatto, un’intera stanza di 55mq. in pura ambra intarsiata da abilissimi artigiani, scomparve misteriosamente durante la Seconda Guerra mondiale e, dopo strane morti che colpirono i ricercatori, non se ne è saputo più nulla.

Il Palazzo di Caterina fu la residenza estiva degli imperatori russi (1752); all’origine era destinato a Caterina I di Russia, moglie preferita dell’Imperatore Pietro il Grande, successivamente subì notevoli modifiche seguendo i gusti e le mode di altri momenti storici.
L’Imperatrice Elisabetta Petrovna, figlia di Caterina I di Russia e dell’Imperatore Pietro il Grande, dopo la morte dei suoi genitori fece ristrutturare il Palazzo trasformandolo in una sfarzosa residenza in stile russo-barocco, con molta luce, grande presenza di specchi e preziosi dettagli lignei ricoperti con vero oro zecchino.

Oggi, nel Palazzo di Caterina, è ancora possibile ammirare una copia della Stanza dell’ambra. Voluta e perfettamente ricostruita grazie ad un imponente finanziamento da parte del Governo russo e di quello tedesco.

Il libro La stanza dell’Ambra

I fatti storici, l’amore per l’arte, il bello e la letteratura russa sono stati gli ispiratori di questo modesto scritto.

Storia e moderne vanità si intrecciano con lo scopo di dimostrare che tutti possiamo cambiare; anche in meglio.

Dopo gli orrori delle guerre mondiali del XX secolo, dal genocidio armeno al nazismo, al comunismo di Stalin e di Mao, dopo i genocidi che hanno attraversato il ‘900 e il mondo dai Khmer Rossi agli Hutu e Tutsi, a quello che sta succedendo nello Yemen e non solo, vorremmo sperare che una generazione distratta e viziata, prenda coscienza degli orrori che continuano ad attraversare il mondo e, alla fine, cerchi di porvi rimedio. Come ha provato a fare la nostra protagonista.

PRIMO CAPITOLO

“La culla dondola sopra un abisso e il buonsenso ci dice che la nostra esistenza è solo un breve spiraglio di luce tra due eternità fatte di tenebra.
— Vladimir Nabokov, Parla, ricordo

LA STANZA DELL’AMBRA. TRACCE E CONFINI.

“Ora ci aspetta solo la morte! Nessuno potrà scappare! Sono finito” così scriveva il comandante Mannu-Ki-Libbali di Tushan città assira, oggi Ziyaret Tepe nella zona curda della Turchia. Questo fatto avveniva intorno al 630 a.C. quando l’impero assiro, impreparato allo scontro, poté offrire solo una debole resistenza allo strapotere babilonese che avanzava. Così la civiltà di Tushan e Ninive dovette chinare il capo.

La storia ci racconta di molti crudeli assedi, terminati con la fine di importanti culture o la sconfitta del nemico: da Troia a Masada a San Pietroburgo (allora Leningrado), sino alla più recente Sebrenica.

L’assedio di Pskow, da parte del re di Polonia che aveva invaso la Russia nel XVI secolo, terminò con una vittoria come avvenne a Leningrado, ma nulla, forse, fu mai tanto atroce e la difesa tanto tenace, quanto per quest’ultima.
Dell’assedio di Pskow, durante la Guerra di Livonia, 1581- 1582, ricordiamo che persino quando una delle cinque mura cedette gli abitanti riuscirono, nonostante tutto, a serrare i ranghi e respingere l’esercito invasore costituito da ben 50.000 polacchi.
Leningrado non aveva nemmeno delle mura difensive.
Leningrado e Pskow insieme, comunque, lasciano alla storia un messaggio triste per gli orrori subiti, ma anche una speranza grazie alla loro vittoria finale.

TUTTA UN’ALTRA STORIA

Ben meno eroica è la storia, che riportiamo qui di seguito, e che riguarda una coppia dei giorni nostri; protagonista e vittima dell’apoteosi di un mondo dove tutto sembra possibile, senza limiti né frontiere.

“Le tracce sono sotto gli occhi di tutti, il tempo può averle intorbidite, ma noi non possiamo permettere che vengano oscurate”. Così lesse Jaqueline sul testamento di Nikolajev Mikoloij morto per una bronchite nel 2002, uno dei pochi sopravvissuti ai 900 giorni dell’assedio di Leningrado, oggi San Pietroburgo, durante la seconda guerra mondiale.

“IO NON HO CONFINI”

“Io non ho confini”. Emanuel lo diceva sempre, ed a ragione almeno dal punto di vista geografico e come stile di vita. Nato e cresciuto negli Stati Uniti tra l’appartamento di New York a Central Park e la villa sulle colline di San Francisco aveva sempre avuto l’impressione che il mondo fosse ai suoi piedi.
Dopo la morte del padre e della petulante, approfittatrice ed insopportabile madre, si era trasferito nel meraviglioso palazzo di famiglia a San Pietroburgo. Unico bene immobile riacquistato, dopo la caduta del muro di Berlino, con i soldi rimasti dopo anni di spese spropositate e amministrazioni disastrose.
Viziato, fanatico, egoista; questi era, in breve, Emanuel o Em; così si faceva chiamare dagli amici. In realtà nei documenti ufficiali risultava essere anche: Alexeij, Adolf, Gragorian, Ferdinando, Leopoldo, Andrej ed altri nomi che la famiglia gli aveva donato insieme agli illustrissimi cognomi.
Emanuel era figlio del ben più conosciuto padre Alexander, Nikolaj, Petrović, Adolf, Fransisco, Frederic… Volkonskij, Demidov, Jusupov, Golenischev-Kutuzov, Hanover, Voznitsky, Cherkasov, Woolf.  Discendente dalle più note dinastie europee ed, anche, proprietario di una delle più importanti case farmaceutiche svizzere.
Alto, capelli scuri, colpiva sempre per quegli occhi azzurro-ghiaccio, penetranti come due stalattiti appuntite e per quel largo disarmante sorriso che aveva imparato a sfoderare al momento opportuno. Mentre la grande bocca, contornata da sottilissime labbra e la frequente espressione sarcastica, ai più, passavano inosservate.

UNA PROPOSTA DI MATRIMONIO

“Come potrei dire di no ad una proposta di matrimonio da parte dello scapolo ambito da molte delle donne più belle al mondo?”. Rispose Jaqueline Le Rey; viziatissima figlia del noto regista hollywoodiano Max Le Rey; una vera regina del gossip.
Anche lei a modo suo non aveva frontiere. Parlava cinque lingue, russo compreso, apprese poco a scuola e tanto viaggiando.
All’apparenza Jaqueline era una delle tante belle ragazze americane cresciute a bistecche e sport. In realtà, la doppia fossetta sul lato sinistro del suo sorriso e due vivaci occhi verde-smeraldo sulla luminosa carnagione sempre dorata la rendevano unica. Come unica, secondo lei, era stata la sua sofferenza per essere cresciuta senza la madre: morta “spiaccicata” sul marciapiede per una “accidentale caduta” dal terrazzo del suo super-attico in uno dei recenti palazzi di vetro e acciaio di Singapore. Sicuramente la spinse laggiù il fallimento del suo matrimonio, o forse fu lo stesso marito, come molti parenti, figlia e amici, avevano sempre sostenuto.
“Non ti impressionano i carati e la luce azzurra del diamante dell’anello di fidanzamento?”. Domandò Emanuel.
“Sai bene che potrei comprarmene anche di più grandi, se solo volessi! Il diamante servirà solo a tranquillizzare mio padre sulle tue capacità finanziarie”, fu la risposta di Jaqueline.
Lei non poteva immaginare che, dopo la morte del padre di Emanuel, i capitali di famiglia si fossero sciolti come neve al sole. In pochi anni i vari amministratori, non più sorvegliati, avevano affondato i loro artigli nelle varie società, mentre Emanuel continuava il suo costosissimo tenore di vita. I creditori cominciavano ad inseguirlo e il matrimonio con la ricca ereditiera americana era la sua ultima speranza.
“Non trovi che qui si mangi uno dei più sofisticati e deliziosi piatti esistenti al mondo, come l’anatra laccata cinese?”; chiese Jaqueline infilandosi il diamante al dito; mentre Emanuel pensava: -Finalmente!-, ma diceva, a voce alta: “Ti ho portato da Da Dong, perché questa è la filiale del pluri-stellato Da Dong di Pechino. Ma qui si assaggia la cucina cinese imperiale; ottanta piatti diversi che ruotano secondo stagione. Comunque è proprio sull’anatra che il grande chef Dong Zhenxiang ha costruito la sua fama!”.
“Penso che tu ami questo ristorante soprattutto per la sua cantina e non voglio nemmeno tentare di immaginare quanto ti sia costata questa cena. In ogni caso anche lo Château Margaux è stata un’esperienza mistica come il Sauternes”; disse Jaqueline che aveva, da poco, imparato ad apprezzare il buon vino.
“Sai perché accetto di spendere oltre duemila dollari per 375 decilitri del Sauternes che ti piace tanto? La verità è che anch’io adoro il fungo Botrytis Cinerea che gli conferisce quel suo sentore di ananas, pesca, albicocca e il fresco legno di Allier che ne esalta il sapore di vaniglia ed infine il sapore di miele e spezie dolci; un cocktail simile al sapore della tua pelle. Ritieni che tuo padre accetterà di buon grado il nostro fidanzamento?” Domandò Emanuel; fingendo di non aver mai discusso dell’argomento con il padre di lei.
“Se mi sposo a mio padre resteranno molto più tempo e soldi per dedicarsi alle sue amanti e ne sarà felicissimo”, rispose Jaqueline.
In realtà Emanuel aveva già parlato con il padre di Jaqueline ed erano arrivati ad un accordo che accontentava entrambi: “Mi sono informato e so bene quali siano le tue reali condizioni finanziarie, sposandola ti sistemi economicamente, per quanto mi riguarda devi solo continuare a passarmi le più belle pollastrelle che ti girano intorno. In questo modo non perderò più tempo e soldi a rincorrere e pagare, profumatamente, i direttori dei giornali per evitare la pubblicazione dell’ultimo scandalo con mia figlia protagonista”; aveva chiarito Marx Le Roy, il padre di Jaqueline, a Emanuel.

IL NOBILE PALAZZO DI SAN PIETROBURGO

L’idea di andare a vivere nella storica residenza appartenuta alla famiglia di Emanuel a San Pietroburgo, soddisfaceva appieno le aspirazioni romantico-sociali di Jaqueline. Il matrimonio le avrebbe permesso di superare l’unica frontiera che conoscesse: l’accesso alla cerchia della nobiltà europea. Era convinta che non avrebbe mai fatto fare alcuna brutta figura al marito. Le due università private, mai terminate, l’avevano comunque messa nelle condizioni di poter sostenere conversazioni di arte e storia e questo, secondo lei, bastava.
Usciti dal ristorante, li aspettava una decappottabile a due posti del 1932 che suscitava sempre l’ammirazione dei loro amici e non solo; un prestito, mai restituito, del padre della futura sposa.
Jaqueline era un’esperta autista: “Il corso anti-rapimento che ho seguito in Svizzera, mi fa sentire padrona dell’auto come un pilota professionista. Ora posso finalmente affrontare con sicurezza anche le manovre più adrenaliniche”. Emanuel si divertiva come un pazzo quando seminavano gli amici lungo i grandi viali di New York prima dell’alba. Le multe non erano un problema; pagava papà.
La città illuminata dalle luci notturne era sempre uno spettacolo e, con la luna piena che si rispecchiava nel fiume Hudson, il ponte di Brooklyn ricordava una ragnatela magica dietro la quale sfavillavano pietre preziose incastonate in ogni finestra illuminata nei grandi grattacieli.
“Mi baci?” Chiese Jaqueline frenando.
All’improvviso videro un’auto che veniva verso di loro con i fari abbaglianti. Chi poteva essere? Un ficcanaso, un’auto della polizia, qualcuno con cattive intenzioni? Subito Jaqueline riprese il volante schizzando via dopo una rapidissima inversione di marcia. Il conducente dell’auto pensò: “Ricchi e irraggiungibili; meglio aspettare qualcuno più sprovveduto”.

“LE TRACCE”
Superando le frontiere del tempo e dello spazio, un secolo prima, dall’altra parte dell’oceano ben altra realtà era quotidianità storica.
Daniel Leonidovic Andrejev, figlio del grande Leonid Andrejev, visse per intero l’assedio di Leningrado. A proposito dell’apocalisse di Leningrado scrisse:
“Abbiamo conosciuto ogni cosa…
… in russo non esiste
parola per quel folle inverno di guerra…
quando l’Ermitage tremava sotto le bombe…
le case diventavano di ghiaccio e le tubature scoppiavano per il gelo…
la razione-100 grammi…
…sulla Nevskij, cadaveri.
E abbiamo saputo, anche, di cannibalismo.
[Vedevamo quelli con le gote rosse e piene…]
Abbiamo conosciuto ogni cosa…”.

LA FAMIGLIA LE ROY.

Da dove veniva la straordinaria ricchezza dei Le Roy? La famiglia vantava origini francesi; il che faceva sempre il suo effetto, soprattutto tra gli intellettuali di Boston e New York, ma anche a San Francisco e Los Angeles.
Di certo un antenato del padre di Jaqueline aveva partecipato alla corsa all’oro e ne aveva investito i proventi in ranch texani. Successivamente i figli si erano trovati padroni di diversi pozzi petroliferi.
Nessuno in famiglia approvò la scelta di Mark Le Roy di andarsene a Los Angeles a giocarsi la sua parte di eredità facendo il regista. Solo quando vinse il primo Oscar tutti lo chiamarono al telefono, ma Mark non si fece mai trovare.
Il padre di Jaqueline era tanto geniale nel suo lavoro, quanto dissoluto e arrogante nella vita privata.
Dopo una lunghissima serie di fidanzate, più o meno ufficiali, fu incantato dalla bellezza, dolcezza e innocenza della madre di Jaqueline, Caterine. Peccato che lui la trattò sempre come un bel giocattolo anche quando nacque l’ agognato erede; che avrebbe dovuto essere maschio; secondo gli ideali del buon “macio texano”.
Alla nascita di Jaqueline, Marks non fece nulla per nascondere la sua delusione alla già provata Caterine.
Lei non resse il colpo e cadde in un grave stato di depressione che si concluse con un assai “dubbio” suicidio.
In realtà Caterine amava moltissimo la figlia e chi la conosceva bene non poté dimenticare le ultime sue parole prima del fatidico viaggio a Singapore: “Soffro molto, ma devo rimettermi al più presto per amore di mia figlia”.
Al contrario Jaqueline non aveva mai provato alcun sentimento per la madre, sicuramente sempre depressa e offesa dai continui sfacciati tradimenti del marito.
Appena adolescente Jaqueline preferì vivere lontana da sua madre; coltivando un forte rancore per non avere mai conosciuto il calore di una famiglia.

LE NOZZE E LA LUNA DI MIELE

Le nozze vennero celebrate a Hollywood, con il maggior sfarzo possibile, nella villa del padre di Jaqueline ; senza farsi mancare quel tocco pensate di kitsch; tipico di una certa parte di ricchi americani texani.
“Ho vissuto la nostra luna di miele come un grande sogno. Mi hai fatto conoscere e apprezzare anche quella piccola parte del mondo che era sfuggita alle mie peregrinazioni mondane. Non ero mai stata alle isole Figi, né su di un panfilo regale. Come hai fatto ad ottenere il permesso di attraccare il batiscafo, anche di notte, presso l”isola Molokini delle Hawaii? Non dimenticherò mai quella foca che dormiva sulla spiaggia vicino a noi quando soggiornammo nell’isola di Kauai di fronte a Poipu Beach.
Ho un meraviglioso ricordo anche delle cene al lume di candela di fronte a quell’immenso camino nella villa di Frederich, a Lech in Austria. Non conoscevo Lech, ma voglio tornarvi in estate per fotografare le numerose specie di orchidee di montagna che, secondo il filmato dell’ufficio del turismo, in inverno vengono protette da neve artificiale, senza addittivi, per difenderle dagli sciatori! E la cantina di Frederich? Mi ha permesso di apprezzare dei vini poco noti. Chi avrebbe mai immaginato di trovare un tale tesoro tra le montagne austriache? Ho copiato i nomi dei vini e dei produttori più interessanti e mi devi promettere che li comprerai per noi”. Aveva commentato Jaqueline. “Forse, come ospiti, non avremmo dovuto approfittare tanto, ma si è trattato di una vera iniziazione a vini che anch’io non conoscevo.” Era stata la risposta di Emanuel.
Nonostante tutto, Jaqueline non riusciva a dimenticare un fatto che la lasciava alquanto perplessa. Visitando un vulcano durante il viaggio di nozze era stata invitata da Emanuel ad indietreggiare, per una foto, proprio sul bordo di un piccolo lago dove affioravano minuscole bolle e un grosso cartello avvertiva del pericolo. Per fortuna si era fermata in tempo. Ma certamente si trattava di una distrazione di Emanuel, tutto preso dalla sua nuova mania di fotografare e spedire subito a tutti gli amici.

SAN PIETROBURGO COME UNA VENEZIA CONGELATA.

La città era un’immensa Venezia congelata. Tutte le vie brillavano, tanto da poter essere scambiate con i canali. I brividi dei passanti forse non erano dovuti solo ai 35 gradi sotto zero, ma anche alla bellezza del paesaggio. La luce riflessa dalla neve gelata accentuava le decorazioni architettoniche. Le luci dei lampioni che si riflettevano sul ghiaccio della Neva, sui canali, nelle strade, nei bianchi giardini, sembravano luminose onici immerse nel ghiaccio.
Il silenzio totale infieriva ulteriormente sull’anima del viandante attento e trasportava ai suoi occhi l’immagine di un miraggio: poteva vedere in fondo alla via spuntare il protagonista del “Cappotto” di Gogol’ con la sua “marsina” nuova; orgoglioso di avere raggiunto, dopo tanti sacrifici, cotanto confortevole lusso. Poi a quella figura si sovrapponeva qualcosa di totalmente differente: un uomo le cui molecole cerebrali erano state devastate come dopo una deflagrazione nucleare; semi-congelato dal freddo e disperato per il furto del cappotto subito.

CHI PERDEVA LA TESSERA MORIVA DI FAME.

Davanti al grande incanto degli edifici di San Pietroburgo sommersi tra ghiaccio e neve, non si comprende quale follia portò i tedeschi, durante la seconda guerra mondiale, al drammatico assedio della città di Leningrado. “In quei giorni perdere la tessera del pane voleva dire morire. Subito qualcuno l’avrebbe rubata; impossibile averne una copia. Chi perdeva facilmente la tessera? I vecchi con scarsa memoria, i numerosi bambini ormai soli al mondo …quanti morirono solo per aver smarrito quella preziosissima tessera!
Dove siete oggi voi che avevate le guance ancora rotonde, mentre tutti soffrivano la fame? Noi sapevamo cosa mangiavate … i nostri sguardi erano di disprezzo e le nostre guance incavate dalla fatica e dalla fame. Il cannibalismo rappresentò il livello più abbietto di quei giorni che non devono essere dimenticati…per non ripeterli”. Anche questo scoprirà, la nostra bella Jaqueline, nel diario di Vladimir Bukorovick.

DALL’ORRENDO PASSATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE ALLE INGIOIELLATISSIME MODELLE DI OGGI.

Poco nella città, risorta dopo il lungo assedio della seconda guerra mondiale, ricorda oggi il suo orrendo passato. Lussuosi panfili sfrecciano sulla Neva. “Chi sono quelle ingioiellatissime splendide e giovani donne che vivono tra un party e l’altro come nelle favole? quale è la loro vera storia?”
Oggi ci sarà un party nel Palazzo d’Inverno, la tavola sarà decorata con ortensie incastonate in cubi di ghiaccio rischiarati da luci nascoste ed ogni ospite riceverà in dono un orologio d’oro massiccio in edizione speciale.
Domani alla Fortezza di San Pietroburgo, per il ricevimento ufficiale dell’Ambasciata del Qatar, splendide rose blu, decorate con cascate di piccoli cristalli, accoglieranno gli invitati insieme a molte altre sorprese.
Questa è la città che la nostra Jaqueline si accinge a “conquistare”.

Letture insolite di viaggi – Blaise Cendrars Prosa della Transiberiana

Blaise Cendrars

Prosa della Transiberiana

Libri – Cendrars – L’uomo che amava la fuga

Questa prosa,ha spinto intere generazioni ad appassionarsi e viaggiare sulla Transiberiana.

Il testo, parla di questo speciale treno e viaggio dell’autore in modi insoliti:

attraversata la Russia per fermarsi poco  prima, della fine della Transiberiana, a Kharbin, in Manciuria e ci si trova  a Parigi. Per la magia/pazzia?  della penna dello scrittore.

Si tratta di una prosa “particolare”, ma da una lettura attenta si può scoprine il fascino; che può apparire nascosto ad una lettura superficiale.

da “Cendrars”
Nuova Accademia Editrice, Milano, 1965

A quel tempo ero soltanto un ragazzo
Sedici anni, ma chi si ricordava più dell’infanzia
A 16000 leghe dal luogo di nascita.
Ero a Mosca, nella città dei mille e tre campanili e delle sette stazioni
Ero a Mosca e non mi bastavano le sette stazioni e i mille e tre campanili
Poiché così ardente e folle era allora la mia adolescenza
Che il mio cuore volta volta bruciava come il tempio di Efeso o la Piazza Rossa
Al tramonto del sole.
E i miei occhi illuminavano piste dimenticate.
Ero già sì cattivo poeta
Al punto da non sapere andare fino in fondo alle cose.

Il Cremlino era un immenso dolce di Tartaria
Con la sua crosta dorata,
Le grosse mandorle delle cattedrali bianchissime
Il miele prezioso delle campane…
Un vecchio monaco mi leggeva la leggenda di Novgorod
Avevo sete
E decifravo caratteri cuneiformi
Poi d’un tratto s’alzavano dalla piazza le colombe dello Spirito Santo
E le mie mani prendevano il volo, con fruscii di gabbiani
Ultime memorie dell’ultimo giorno
Dell’ultimo viaggio
Del mare.

Ma ero un pessimo poeta.
Non sapevo andare fino in fondo alle cose.
Avevo fame
E tutti i giorni e tutte le donne nei caffè e tutti i bicchieri
Avrei voluto berli e spezzarli
E tutte le vetrine e tutte le strade
E tutte le case e tutte le esistenze
E tutte le ruote delle carrozze che svoltavano in un turbine sul cattivo selciato
Avrei voluto gettarle in una fornace di spade
E avrei voluto frantumare tutte le ossa
E strappare tutte le lingue
E liquefare tutti quei corpi immensi strani e nudi sotto panni di incubo…
Presentivo la venuta del grande Cristo rosso della rivoluzione…
E il sole era una brutta piaga aperta come un braciere.

A quel tempo ero soltanto un ragazzo
Sedici anni, ma chi si ricordava più dell’infanzia
A Mosca, dove volevo nutrirmi di fiamme
Né mi bastavano i campanili e le stazioni che costellavano i miei occhi
In Siberia tuonava il cannone, era la guerra
La fame il freddo la peste il colera
E le acque fangose dell’Amur trascinavano milioni di carogne
In tutte le stazioni vedevo partire tutti gli ultimi treni
Nessuno più poteva partire perché non davano più biglietti
Mentre i soldati che se ne andavano avrebbero tanto voluto restare…
Un vecchio monaco mi cantava la leggenda di Novgorod.

lo, il cattivo poeta che non voleva andare in nessun posto, io potevo andare dovunque
E anche i mercanti avevano ancora abbastanza denaro
Per tentare di andare a fare fortuna.
Il loro treno partiva ogni venerdì mattina.
Si diceva che vi erano molti morti.
Uno portava cento casse di sveglie e di orologi a cucù della Foresta Nera,
Un altro delle cappelliere, dei cilindri e un assorti¬mento di cavatappi di Sheffield
Un altro delle bare di Malmo piene di scatole di conserva e di sardine sott’olio
Poi c’erano molte donne
Donne e gambe aperte a pagamento che potevano far comodo
Casse da morto
Erano tutte munite di permesso
Si diceva che vi erano molti morti laggiù
Viaggiavano a tariffa ridotta
Avevano tutte il loro conto in banca.

Un venerdì mattina fu infine il mio turno
Si era di dicembre
Partii anch’io per accompagnare il viaggiatore di gioielli diretto ad Harbin
Avevamo due scompartimenti sull’espresso e 34 forzieri di gioie di Pforzheim
Cianfrusaglie tedesche «Made in Germany »
Mi aveva rivestito a nuovo, e salendo sul treno, avevo perduto un bottone
– Me ne ricordo, me ne ricordo, vi ho ripensato spesso ¬-
Dormivo sui forzieri ma ero soprattutto felice di giocherellare con la browning nichelata che mi
aveva affidato

Ero estremamente felice e spensierato
Mi immaginavo di giocare ai banditi
Avevano rubato il tesoro di Golconda
E andavamo sulla transiberiana a nasconderlo all’altro capo del mondo
Il mio compito era di difenderlo dai predoni degli Urali che avevano attaccato i saltimbanchi di Giulio Verne
Dai Tungusi, dai boxers della Cina
Dai fanatici piccoli mongoli del Gran Lama
Da Ali-Babà e dai quaranta ladroni
Dai seguaci del terribile Vecchio della montagna
Ma soprattutto dai più moderni
I topi d’albergo
E gli specialisti degli espressi internazionali.

Eppure, eppure
Ero triste come un bambino
I ritmi del treno
La «marrow railway» degli psichiatri americani
Il frastuono degli sportelli delle voci degli assi cigolanti sulle rotaie ghiacciate
Il quattrino d’oro del mio avvenire
La mia browning il piano e le imprecazioni dei giocatori di carte nel vicino scompartimento
La stupefacente presenza di Jeanne
L’uomo dalle lenti azzurrate che passeggiava nervosamente nel corridoio e mi guardava passando

Strusciarsi di donne
E il fischio del vapore
E l’incessante rumore delle ruote impazzite nelle carreggiate del cielo
I vetri sono gelati
Addio paesaggio!
E dietro, le pianure siberiane il cielo basso e le immense ombre dei Taciturni che salgono e scendono
Sono disteso in una coperta
Variopinta
Come la mia vita
E la mia vita non mi tiene più caldo di questo plaid scozzese
E tutta quanta l’Europa intravista al finestrino di un espresso lanciato a tutto vapore
Non è più ricca della mia vita
La mia povera vita
Questo scialle
Sfilacciato su forzieri pieni d’oro
Coi quali viaggio
Li sogno
Ci fumo sopra
La. sola fiamma dell’universo
È un povero pensiero…

Mi salgono lacrime dal fondo del cuore
Solo che pensi, Amore, alla mia amica;
È appena una bambina, la trovai così
Pallida, immacolata, in fondo a un bordello.
Appena una bambina, bionda, ilare e triste,
Non piange e non sorride mai;
Ma in fondo agli occhi, quando vi lascia veder dentro,
Trema un dolce giglio d’argento, il fiore del poeta.

È dolce e muta, senza rimprovero alcuno,
Con un lungo trasalire se vi avvicinate;
Ma quando arrivo io, di qui, di là, di festa,
Fa un passo, poi chiude gli occhi – e fa un passo.

Poiché è il mio amore, e le altre donne
Hanno soltanto vestiti d’oro su grandi corpi di fiamma,
La mia povera amica è così sola,
Completamente nuda, senza corpo – è troppo povera.

È soltanto un candido fiore, delicatissimo,
Il fiore del poeta, un povero giglio d’argento,
Tutto freddo, tutto solo, e già sì appassito
Che mi viene da piangere se penso al suo cuore.

E questa notte è simile a tante altre quando un treno corre nella notte
– Cadono le comete ¬-
E l’uomo e la donna, giovani perfino, giocano all’amore.

Il cielo è come la tenda strappata di un povero circo in un piccolo paese di pescatori
Nelle Fiandre
Il sole è una lampada fumosa
E in cima a un trapezio una donna fa da luna.
Il clarinetto la cornetta un flauto stridulo e un tamburo stonato
Ed ecco la mia culla
La mia culla
Era sempre vicino al piano quando mia madre come Madame Bovary suonava Beethoven
Ho passato l’infanzia nei giardini pensili di Babilonia
E ho marinato la scuola, nelle stazioni davanti ai treni in partenza
Oggi, ho fatto correre tutti i treni alle mie spalle Basilea- Timbuctù
Ho pure giocato alle corse a Auteuil e a Longchamp
Parigi-New York
Oggi ho fatto correre tutti i treni lungo tutta la mia vita
Madrid-Stoccolma
E ho perso tutte le mie scommesse
Non resta che la Patagonia, la Patagonia, alla mia immensa tristezza, la Patagonia e un viaggio nei mari del Sud
Sono in viaggio
Sono sempre stato in viaggio
Sono in viaggio con la piccola Jehanne de France
Il treno fa un salto mortale e ricade sulle ruote
Il treno ricade sulle sue ruote
Il treno ricade sempre su tutte le ruote

«Dimmi, Blaise, siamo molto lontani da Montmartre? »

Siamo lontani, Jeanne, sei in treno da sette giorni
Sei lontana da Montmartre, dalla Collina che ti ha nutrita, dal Sacro Cuore dove ti sei rannicchiata
Parigi è scomparsa nella sua vampa immensa
Non restano altro che ceneri a non finire
La pioggia che cade
La torba che si gonfia
La Siberia che gira
La greve coltre di neve che sale.
E il sonaglio della follia che tintinna come un estremo desiderio nell’aria illividita
Il treno palpita nel cuore degli orizzonti plumbei
E la tua pena sogghigna…

«Dimmi, Blaise, siamo molto lontani da Montmartre?»

Le inquietudini
Dimenticale
Tutte le stazioni screpolate oblique sui binari
I fili del telegrafo ai quali stanno sospese
I pali che fanno smorfie gesticolano e le strozzano
Il mondo si stira si allunga e si ritira come una fisarmonica tormentata da una sadica mano
Negli squarci del cielo, le locomotive infuriate
Fuggono via
E nei buchi
Le ruote vertiginose le bocche le voci
E i cani del malaugurio che ci abbaiano alle calcagna
Sono scatenati i demoni
Ferraglie
Tutto è un accordo stonato
« Il brun-run-run » delle ruote
Urti
Sussulti
Siamo un temporale nel cranio di un sordo…

«Dimmi, Blaise, siamo molto lontani da Montmartre?»

Ma sì, mi dai ai nervi, lo sai pure che siamo lontanissimi
La follia surriscaldata mugola nella locomotiva
La peste il colera si destano come ardenti braci sulla strada ferrata
Scompariamo nella guerra ingoiati in una galleria
La fame, sgualdrina, si aggrappa alle nuvole in corsa
Resta lo sterco delle battaglie, l’atroce lezzo dei mucchi di morti
Ma fa come lei, fa il tuo mestiere…

«Dimmi, Blaise, siamo molto lontani da Montmartre?»

Si, siamo lontani, siamo lontani
Tutti i capri espiatori sono crepati in questo deserto
Senti i campani di questo gregge rognoso Tomsk Celjabinsk Cainsk Obi Taichet Verchne Udinsk Curgan Samara Pensa-Tulun
La morte in Manciuria
E’ il nostro scalo è il nostro ultimo rifugio
Questo viaggio è terribile
Ieri mattina
Ivan Ulic aveva i capelli bianchi
E Colia Nicolai Ivanovic si morde le dita da quindici giorni…
Fa come loro la Morte la Carestia fa il tuo mestiere
Costa cento soldi, sulla transiberiana, costa cento rubli
Mette la febbre ai sedili e rosseggia sotto il tavolo
Il diavolo è al piano
Le sue dita nodose eccitano tutte le donne
La Natura
Le Puttane
Fa il tuo mestiere
Fino ad Harbin…

«Dimmi, Blaise, siamo molto lontani da Montmartre?»

La vuoi finire… e lasciarmi in pace
Hai le anche ossute
Il ventre amaro e sei infetta
Parigi non ha saputo metterti di meglio nel grembo
E un po’ d’anima anche… se no non saresti infelice
Ho pietà ho pietà vieni un po’ qui sul mio cuore
Le ruote sono mulini a vento del paese di Cuccagna
E i mulini a vento sono stampelle fatte volteggiareda un mendicante
Siamo gli storpi dello spazio
Avanziamo sulle nostre quattro piaghe
Ci hanno tagliato via le ali
Le ali dei sette peccati
E tutti i treni sono zimbelli del diavolo
Un pollaio
Il mondo moderno
La velocità non può fare miracoli
Il mondo moderno
Le lontananze sono veramente troppo lontane
E alla fine del viaggio è terribile essere un uomo con una donna…

«Dimmi, Blaise, siamo molto lontani da Montmartre?»

Ho pietà ho pietà vieni qui ti racconto una storia
Vieni nel mio letto
Vieni sul mio cuore
Ti racconto una storia…

Vieni! Vieni!
Alle isole Figi regna l’eterna primavera
La pigrizia
L’amore fa venir meno le coppie nell’erba alta e sotto i banani va attorno la calda sifilide
Vieni nelle isole perdute del Pacifico!
Portano il nome della Fenice, delle Marchese
Borneo e Giava
E Celebes dalla forma di gatto

Non possiamo andare in Giappone
Vieni nel Messico!
I tulipani fioriscono sugli alti pianori
Le tentacolari liane sono la chioma del sole
Fanno pensare alla tavolozza e ai pennelli di un pittore
Colori che stordiscono come gong,
Rousseau c’è stato
Ne è rimasto abbagliato
È il paese degli uccelli
L’uccello del paradiso, l’uccello lira
Il tucano, l’uccello che ride
E il colibrì fa il nido nel calice degli gigli neri
Vieni!
Ci ameremo fra le rovine maestose di un tempio azteco
Sarai il mio idolo
Un idolo variopinto infantile un po’ brutto e strana¬mente bizzarro
Vieni!
Se vuoi andremo in aereo e sorvoleremo il paese dei mille laghi
Le notti vi sono incredibilmente lunghe
L’antenato preistorico avrà paura del mio motore
Atterrerò
E costruirò un hangar per il mio aereo con ossa fossili di mammut
Il fuoco primitivo riscalderà il nostro povero amore
Samovar
E ci ameremo come due buoni borghesi vicino al polo
Vieni!

Jeanne Jeannette Ninette nini ninon nichon .
Mimi mamour ma poupoule mon Pérou
Dodo dondon
Carotte ma crotte
Chouchou p’tit-coeur
Cocotte
Chérie p’tite chèvre
Mon p’tit-péché mignon
Concon
Coucou
Elle dort.

Dorme
E di tutte le ore del mondo non ne ha avuto nemmeno una
Tutti i volti intravisti nelle stazioni
Tutti gli orologi
L’ora di Parigi l’ora di Berlino l’ora di Pietroburgo e l’ora di tutte le stazioni
E a Ufa, il viso insanguinato dell’artigliere
E il quadrante stupidamente luminoso di Grodno
E il continuo anticipo del treno sull’ora
Ogni mattina bisogna regolare l’orologio
Il treno va avanti e il sole sta indietro
Non vi è scampo, sento le campane sonanti
Il campanone di Notre-Dame
La campana stridula del Louvre che diede il segnale della notte di San Bartolomeo
I carillon arrugginiti di Bruges la Morta
I campanelli elettrici della biblioteca di New York
Le campane di Venezia
E le campane di Mosca, l’orologio della Porta Rossa che mi dava il conto delle ore quando ero in ufficio
E i miei ricordi
Il treno ha rumore di tuono sulle piattaforme girevoli
Il treno corre
Un grammofono stride una marcia tzigana
E il mondo, come l’orologio del ghetto. di Praga, gira inesorabilmente a rovescio.

Sfoglia la rosa dei venti
Ecco il suono confuso degli uragani scatenati
Corrono in un turbine i treni sull’intrico dei binari
Giocattoli del diavolo
Vi sono treni che non s’incontrano mai
Altri si smarriscono per strada
I capostazione giocano a scacchi
Tric-trac
Bigliardo
Carambole
Parabole
La strada ferrata è una nuova geometria
Siracusa
Archimede
E i soldati che lo sgozzarono
E le galere
E le navi
E gli ordigni prodigiosi di sua invenzione
E tutti i massacri .
La storia antica
La storia moderna
I vortici
I naufragi
Anche quello del Titanic che ho letto sul giornale
Altrettante associazioni di immagini che non riesco a sviluppare nei versi
Poiché sono ancora un pessimo poeta
Poiché trabocca in me l’universo
Poiché non ho pensato ad assicurarmi sugli infortuni ferroviari
Poiché non so andare fino in fondo
E ho paura.

Ho paura
Non so andare fino in fondo
Come il mio amico Chagall potrei fare una serie di quadri dementi
Ma non ho preso appunti in viaggio
« Scusate la mia ignoranza
« Scusate se non conosco il gioco antico dei versi»
Come dice Guglielmo Apollinaire
Tutto quanto riguarda la guerra lo si può leggere nelle «Memorie» di Kuropatkin
O nei giornali giapponesi che sono anche crudamente illustrati
Perché dovrei documentarmi
Mi abbandono
Ai sussulti della memoria…

A partire da Ircutsk il viaggio divenne troppo lento
Assai troppo lento
Eravamo nel primo treno che correva attorno alle rive del Baical
La locomotiva era imbandierata e ornata di lampioni
E avevamo lasciato la stazione sotto le note tristi dell’inno allo Zar.
Se fossi pittore metterei molto rosso, molto giallo sulla fine di questo viaggio
Poiché sono persuaso che fossimo tutti un po’ matti
E che un immenso delirio insanguinasse le facce disfatte dei miei compagni di viaggio
Man mano che ci avvicinavamo alla Mongolia
Che crepitava come un incendio.
Il treno aveva rallentato la sua corsa
E percepivo nel cigolio incessante delle ruote
I folli accenti e i singhiozzi
Di una liturgia eterna.

Ho visto
Ho visto i treni silenziosi i neri treni che tornavano dall’Estremo Oriente passando come fantasmi
E il mio occhio, come il fanale di coda, è ancora in corsa dietro quei treni
A Taiga 100.000 feriti agonizzavano per mancanza di assistenza
Ho visitato gli ospedali di Crasnoiarsk
E a Hilok abbiamo incrociato una lunga tradotta di soldati impazziti
Nei lazzaretti ho visto piaghe troppo vaste, ferite che sanguinavano a fiotti
E le membra amputate danzavano attorno o prendevano il volo nell’aria velata
L’incendio era su tutte le facce in tutti i cuori
Dita idiote picchiettavano su tutti i vetri
E sotto la pressione della paura gli sguardi scoppiavano come ascessi
In tutte le stazioni si bruciavano tutti i vagoni
E ho visto
Ho visto treni di 60 locomotive fuggire a tutto vapore inseguite dagli orizzonti in calore e stormi di corvi alzarsi a un disperato inseguimento
Scomparire
In direzione di Port Arthur.

A Cita si ebbe qualche giorno di respiro
Sosta di cinque giorni causa l’ingombro della strada ferrata
Li passammo in casa del signor Iankelevic che voleva farmi sposare l’unica figlia
Poi il treno ripartì.
Ora ero io al piano e col mal di denti
Rivedo senza difficoltà questo interno così tranquillo la bottega del padre e gli occhi della ragazza che di sera veniva a letto con me
Mussorgski
E i lieder di Hugo Wolf
E le sabbie del Gobi
E a Hailar una carovana di cammelli bianchi
Sono sicuro di essere stato ubriaco per più di 500 chilometri
Ma ero al piano e non ho visto altro
Quando si viaggia si dovrebbero chiudere gli occhi
Dormire
Avrei tanto voluto dormire
Riconosco tutti i luoghi ad occhi chiusi dal loro odore
E riconosco tutti i treni dal rumore che fanno
I treni d’Europa sono a quattro tempi mentre quelli d’Asia sono a cinque o a sette tempi
Altri vanno in sordina sono ninne nanne
E ve ne sono che nel rumore monotono delle ruote mi ricordano la prosa greve di Maeterlinck
Ho decifrato tutti i testi confusi delle ruote e ho messo insieme gli sparsi elementi di una bellezza violenta
Che posseggo
E che mi fa violenza.
Tsitsicar e Harbin
Non vado più in là
È l’ultima stazione
Sbarcai ad Harbin proprio quando avevano appiccato il fuoco agli uffici della Croce Rossa.

o Parigi
Gran focolare cordiale coi tizzoni incrociati delle tue strade e le tue vecchie case chinate sopra a riscaldarsi
Come nonne
Ed ecco dei manifesti, rosso verde multicolori come il mio breve passato giallo
Giallo il fiero colore dei romanzi francesi all’estero.
Mi piace farmi sfiorare dagli autobus in corsa nelle grandi città
Quelli della linea Saint-Germain-Montmartre mi tra¬sportano all’assalto della Collina
I motori mugghiano come i vitelli d’oro
Le vacche del crepuscolo brucano il Sacro Cuore
O Parigi
Stazione centrale scalo delle volontà crocevia delle in¬quietudini
Soltanto i negozianti di vernici hanno ancora un po’ di luce alla porta
La Compagnia Internazionale dei Vagoni Letto e dei Grandi Espressi Europei mi ha inviato il suo opuscolo
È la più bella chiesa del mondo
Ho amici che mi circondano come paracarri
Quando parto hanno paura che non torni più
Tutte le donne che ho incontrato si levano agli orizzonti
Coi miseri gesti e gli sguardi tristi dei semafori sotto la pioggia .
Bella, Agnès, Catherine e la madre di mio figlio in Italia
E quella, la madre del mio amore in America
Vi sono urla di sirena che mi strappano l’anima
Laggiù in Manciuria un ventre sussulta ancora come in un parto
Vorrei
Vorrei non avere fatto mai i miei viaggi
Stasera mi tormenta un grande amore
E mio malgrado penso alla piccola Jehanne de France
È in una sera di tristezza che ho scritto questa poesia
In suo onore
Jeanne
La piccola prostituta
Sono triste sono triste
Andrò al « Lapin agile» a ricordarmi della giovinezza perduta .
E a bere poi rincaserò solo

 

Libri – Philip Roth gigante della novella americana

Parlò di: religione, sentimento di classe, paura, razzismo, sesso, morte, tradimento … molto americano.

La sua storia personale era solo un punto di partenza per le sue narrazioni.

Ebbe la capacità di “fare abitare”, al lettore, i personaggi dei suoi libri.

Raccontò il cambiamento radicale nella natura americana

Fu definito: “Massimo narratori di lussuria e vita americana”.

Era ebreo, ma disse “Se non sono americano non sono niente”.

Dei suoi libri spiegò: “Scavo un buco, poi faccio brillare la torcia in quel buco”.

Ha vinto  i più prestigiosi premi letterari, era stato nominato, più volte, anche per il Nobel per la letteratura, che quest’anno non è stato assegnato.

Scrisse 30 romanzi.

Nel primo libro Goodbye, Columbus del 1959, c’era già tutto: sesso, religione, famiglia.

Con Il lamento di Portnoy, Roth scandalizzerà tutti.

Il capolavoro che lo consacra  nell’Olimpo della letteratura mondiale è: Pastorale americana, 1997; premio Pulitzer.

 

Libro – Botanico e sciamano – Da avvenimenti storici

Un’avventura realistico – fantastica

LE TORRI DI VETRO di Natasha Pulley

Natasha Pulley è un’inglese erede talentuosa dei maestri del Fantasy del secolo scorso.

La sua scrittura, mai noiosa, non tralascia un’insegnamento morale; senza farlo pesare al lettore.

Il tema

A Merrick Tremayne (botanica), all’epoca della Compagnia delle Indie, viene affidato il compito di trafugare dalla foresta peruviana preziose talee per produrre il chinino.Indispensabile per combattere la malaria; diffusissima nei nuovi possedimenti inglesi in Asia.

Natasha Pulley, prende spunto da autentici avvenimenti del passato, per creare una fantastica storia.

Giunta nella terra degli Incas, Merrick Tremayne, si trova di fronte a foreste impenetrabili ed indigeni con poteri sovrannaturali.

Un sacerdote sciamano aiuterà l’autrice a districarsi tra ostilità e gravi pericoli.

Le torri di vetro, Natasha Pulley, Bonpiani, 10 euro.

Libri – Straordinaria ” biografia ” di Malaparte

Il buonuomo Lenin

Curzio Malaparte

“In tutto il corso della sua vita, Lenin non si è mai battuto per la libertà. Si è battuto per ben altro.

Le illusioni umanitarie e le ideologie democratiche dei patrioti russi del diciannovesimo secolo, le romantiche aspirazioni liberali dei Decembristi, lo spirito di sacrificio dei nichilisti, non rientrano nella sua logica.

Egli non si batte per la libertà, ma per il potere, rien que pour le pouvoir.

La parola libertà, durante gli anni d’esilio, dalla prima “Iskra” al suo ritorno in Russia, gli suona male in bocca: è una di quelle parole che egli pronunzia sorridendo e stringendo gli occhi.

«Spero di mostrare un Lenin del tutto diverso da come appare agli occhi dell’opinione pubblica europea» confidò Malaparte all’amico Halévy nel  1931.

Il suo intento era, in realtà,  mostrare il personaggio Lenin come appare agli occhi dei «Russi intelligenti».

Uscito a Parigi nel 1932, ebbe l’effetto di una scossa tra i lettori e l’intellighenzia dell’epoca.

Per Malaparte, Lenin non  il Gengis Khan proletario sbucato dal fondo dell’Asia per conquistare l’Europa, ma un piccolo borghese.

Nessuna pretesa di realtà storica, ma è un libro da leggere per capire meglio quello che sappiamo dalla storia ufficiale e trane le nostre personali conclusioni. Ora che la storia ha messo a nudo molte verità.

Lenin è riportato come:

-uomo che ambisceal potere, senza ideali romantici

-freddo, riflessivo, sedentario, burocratico, animato da una «crudeltà platonica», ostile a ogni romanticismo terrorista

-a suo agio più nelle discussioni politiche e nelle faide personali

– Lenin non è che un fanatico e un opportunista, per il quale la rivoluzione è solo il risultato di ossessivi calcoli

-incapace di fare i conti con la realtà, dovrà poi affrontarla e inventarla, imponendola ai suoi collaboratori, al popolo russo e alla rivoluzione proletaria.

Il buonuomo Lenin, Curzio Malaparte, Adelphi, 20 euro.

Libri – Cendrars – L’uomo che amava la fuga

Blaise Cendrars

(La Chaux-de-Fonds, Svizzera, 1887 – Parigi 1961) poeta e narratore francese di origine svizzera.

Condusse vita errabonda, viaggiando in tutti i continenti.

Visse pericolosamente, anche poveramente, amante dell’avventura; incapace di stare fermo nel medesimo luogo. Si arruolò anche nella Legione Straniera.

in guerra, perse l’uso della mano destra, ma imparò ad usare la sinistra.

Da sarto a Macellaio, pianista di strada, poi a Holliwood; fu cacciato dappertutto.

Sino a che un giorno si mise a scrivere.

Primo libro: Pasqua a New York.

Provocatore e amico dei grandi del XX secolo come Modigliani, Chagall …

Di Picasso e Braque diceva: ” Sanno di cubismo come Pascal e Arnauld  al giansenismo”.

Il nostro suo libro preferito: PROSA DELLA TRANSIBERIANA; un testo che ebbe, almeno, il pregio di avvicinare molti viaggiatori a questa mitica ferrovia.

Curava poco le pagine scritte, aveva troppo bisogno di tempo per sperimentare…. vivere, filmre elefanti nell’Alto Sudan …

Anche Balzac, disse di lui che non ebbe mai il culto della “Littérature”.

“Prima che scritta la poesia va vissuta. Scrivere è superfluo” …

Un personaggio che merita più attenzione di quanta ne

abbia vuta sino ad ora.

.

Libri – Man Booker International Prize – 50.000 sterline

I libri selezionati provengono da 13 diversi paesi e sono scritti in 11 diverse lingue

Il premio, intende celebrare il miglior romanzo internazionale tradotto in lingua inglese; 50.000 sterline da dividere  tra eventuali autori e traduttori.

Il vincitore sarà eletto vincitore in una cerimonia a Londra il 14 giugno.

Tra i finalisti segnaliamo:

Moderno Frankenstein in Iraq

“Frankenstein a Baghdad” di Ahmed Saadawi; versione moderna del Classico di Mary Shelley. Nel 2014 il Romanzovinse il Booker Prize arabo.

Grandi scrittori – E’ MORTO WOLFE – LEGGIAMO WOLFE

Tom Wolfe – autore di “Il falò delle vanità”

Giornalista, saggista e romanziere; quasi sempre controcorrente.

Coniò espressioni come: “radical chic”, statusphere, the right stuff, the Me Decade, good ol’ boy.

Thomas Kennerly Wolfe Jr., ha rappresentato l’icona del dandy conservatore, ma anche irriverente, con completi elegantissimi; sempre old fashion.

Contrario all’architettura dei nostri giorni; aveva scritto il pamphlet Maledetti architetti.

Eclettico, creativo, voleva portare nel giornalismo la sua vena creativa; inventando neologismi, scrivendo periodi lunghissimi, usando sopra le righe le lettere maiuscole e i punti esclamativi; per evidenziare … approvando il “politicamente scorretto”.

Ha detto: «La mia più grande ammirazione è per Balzac, che si è definito segretario sociale della società francese».

Lasciato il giornalismo, divenne romanziere acuto e irripetibile.

Nel 1987, Wolfe pubblicò Il falò delle vanità, denunciando l’edonismo della New York degli anni Ottanta.

Tra i tanti suoi libri:

The Painted Word; forte critica verso il mondo dell’arte.

È morto all’età di 87 anni, a Manhattan; sua amata città, anche se era originario della Virginia.

Libri – Leggiamo e pubblichiamo su ilmiolibro.it

Concorso letterario ilmioesordio

ilmiolibro.it compie 10 anni e vogliamo ringraziarvi:

abbiamo raggiunto un traguardo importante, e la cosa più bella è festeggiarlo con te.
Da qui alla fine dell’anno abbiamo in serbo tantissime novità, che tutti gli autori, i talent scout e i lettori della community sicuramente apprezzeranno. Ne abbiamo parlato qui.

La nuova home page
Abbiamo appena rinnovato la vostra home page! E per farlo siamo partiti dalle vostre idee, attraverso le interviste e i feedback arrivati tramite il servizio clienti e sui nostri canali social. Ora le abbiamo messe in pratica: anche grazie a te la nuova home del sito è più intuitiva e semplice da navigare! Trovi qui un articolo che ne spiega il funzionamento.

I vostri video per i dieci anni del sito
La festa è iniziata con ilmiolibro Stories, l’iniziativa rivolta agli autori per promuovere il proprio libro attraverso la creazione di un breve video.
Qui puoi vederli tutti, e abbiamo montato i più divertenti in un video presente sul nostro canale YouTube. Ne abbiamo raccolti tantissimi, e tanti ne stanno ancora arrivando!

Il nostro spazio al Salone di Torino
In questi giorni siamo al Salone del Libro di Torino con il nostro stand (Pad.2-F122), un’occasione per incontrarci e per raccontare i migliori libri alla platea di lettori e appassionati che ogni anno invade Torino, e per presentare le opere dei nostri autori.

Concorso letterario ilmioesordio
Il Salone del Libro coincide oramai con il lancio di ilmioesordio, giunto all’ottava edizione. ilmioesordio è il concorso editoriale più popolare del web. Quattro sezioni: narrativa, poesia, saggi e fumetti. Premi in denaro e pubblicazione dei migliori, grazie alle importanti partnership costruite con Newton Compton, Scuola Holden, Scuola Internazionale di Comics, Festival Internazionale di Poesia di Genova e L’Espresso.

Storiebrevi, racconti in gara
Infine, nei prossimi giorni lanceremo il nostro nuovo progetto dedicato alla letteratura in forma breve. Preparati a partecipare alla “battaglia letteraria”!

Libro da non perdere – BALI – L’ISOLA CHE NON ESISTE PIU’

Tutte le foto sono di Grazia Seregni

BALI 

Idanna Pucci

La scrittrice antropologia Idanna Pucci, ci racconta la vita romanzata del principe Madé Djelantik e la magica cultura di Bali.

 

 

Spettacoli d’ombre che raccontano il mondo dell’invisibile, un’infanzia favolosa, scimmie ammaestrate, pirati leggendari e danze raffinate.

Tra gli avi del protagonista una bellissima principessa; sposa promessa al dio del vulcano sacro (quello che minacciava pericolose eruzioni nei mesi scorsi).

Il principe Madé Djelantik, scampò miracolosamente ai bombardamenti in Olanda, visse anche come medico, specializzato in malattie tropicali, tra le giungle Sulawesi e le paludi dell’Iraq.

Allora, nell’isola di Bali, l’arte era contemplazione e quotidianità.

Offerte, abiti, profumi, cibi, sculture e maschere, erano periodicamente dedicate alle feste degli dei.

La popolazione credeva fermamente nella filosofia Tra Hita Karana. Spiegata nel grande ciclo pittorico visibile nell’unico tribunale della Bali antica.

Una pittura che illustrava il viaggio nell’aldilà; una specie di DIVINA COMMEDIA INDU’ che funzionava come un codice legale.

Nessuno, all’epoca del principe, avrebbe mai tagliato foreste per scopi economici, o demolito case tradizionali per costruirvi un Centro Commerciale.

Oggi quell’isola non c’è più, il dipinto è mal ridotto … ma se si vuole si può ancora trovarvi qualche nascosto angolo di pace; non certo visibile ai turisti dei grandi alberghi e viaggi organizzati.

Pochi vivono secondo le regole del saggio Madé:

VIVI IN MODO TALE DA DIVENTARE UN BUON ANTENATO

L’isola che non c’è, Idanna Pucci, Libreria Editrice Fiorentina, 16 euro.

 

::::::::::::