Archivi categoria: nel mondo

viaggiare nel mondo, traveling the world, viaggi nel mondo,

Immersioni e vacanze – Tunisia destinazione ideale per gli amanti del mare

La Tunisia, con i suoi 1250 km di costa, è la destinazione ideale per gli amanti del mare, che si ami stare sopra o sotto il pelo dell’acqua

Infatti oltre alla stupefacente offerta di spiagge bianchissime la Tunisia offre ai suoi visitatori un mondo subacqueo incantevole.

I luoghi più importanti dove è possibile fare immersioni sono Tabarka al nord e il golfo di Hammamet sulla costa orientale.

Grazie anche alla limpidezza delle sue acque, al suo litorale corallino in ottima parte ancora intatto, alle grotte e ai canali che s’insinuano nella scogliera Tabarka è il luogo migliore della Tunisia per fare immersioni.

Qui si trovano fondali esplorabili fino a 15 metri di profondità, coralli rossi e neri, gorgonie, numerosi pesci e crostacei mediterranei.

Ci sono una ventina di siti di immersione al largo di Tabarka, lungo la costa di Coralli così come in prossimità dell’arcipelago della Galite che offre siti stupendi per immersioni in acque cristalline in mezzo a vari rappresentanti della fauna marina nonché la possibilità di visitare il relitto di una nave mercantile affondata 1958.

Alcuni siti sono accessibili ai principianti come lo scoglio delle cernie, altri più in profondità riservano incredibili sorprese come ad esempio il relitto dell’Antico Porto.

Recentemente il 78enne sommozzatore amatoriale belga Jean-Pierre Misson sostiene di aver individuato nelle acque territoriali tunisine, tra Tabarka e Cap Negro, un cimitero di sottomarini a circa 70m di profondità dove si troverebbero i relitti di sei mezzi della Royal Navy e probabilmente uno della Marina Militare italiana, affondati nel corso della seconda Guerra mondiale.

Proseguendo lungo il litorale tunisino, superando Tunisi e Cartagine troviamo la penisola di Cap Bon il cui promontorio si protrae a nord verso la Sicilia, che la ricorda anche nei suoi giardini che producono aranci e limoni perfino nel cuore dell’inverno.

A Kelibia, il porto peschereccio della penisola, si possono praticare immersioni subacquee tra acque limpide e spiagge bianche di sabbia fine, considerate fra le più belle della Tunisia.

Continuando a scendere lungo la costa troviamo Nabeul, a largo di questa splendida cittadina è stata recentemente ritrovata la città perduta di Neapolis grazie a condizioni di mare particolarmente favorevoli verificatesi nel 2017: un gruppo di archeologi subacquei ha potuto completare la mappatura di una vasta area di rovine sommerse di un’antica città romana, nota per l’appunto come Neapolis.

Le rovine si estendono su 20 ettari, circa 0,2 chilometri quadrati in cui è stata localizzata una rete di strade, di monumenti e di centinaia di strumenti che servivano per produrre il garum, una salsa di pesce fermentato che era un condimento molto popolare sia in Grecia che nella Roma antica.

Molti indizi depongono a favore del fatto che il garum fosse anche un elemento importante per l’economia della città. Dall’attuale conformazione dei ritrovamenti gli archeologi hanno potuto dedurre che a causare la distruzione della città furono il terremoto del 21 luglio 365 d.C. e, soprattutto, il successivo tsunami: l’evento, registrato dallo storico Ammiano Marcellino, causò gravi danni anche sull’isola di Creta e ad Alessandria d’Egitto.

Proseguendo la discesa lungo la costa orientale si raggiunge Mahdia, antico villaggio fenicio successivamente chiamato dai romani Aphrodisium, custodisce uno dei siti più preziosi di archeologia sottomarina della Tunisia:

il relitto di Mahdia, un galeone mercantile affondato nel I secolo a.C. e ritrovato all’inizio XX secolo, 6 km al largo di Mahdia, carico di opere d’arte ed elementi architettonici che attualmente possono essere visitati al Museo Nazionale di Bardo.

Inoltre la zona è ricca di splendide scogliere e grotte sottomarine. Non lontano da Mahdia si ha la possibilità di esplorare vari relitti risalenti alla seconda guerra mondiale.

Continuando a scendere lungo il litorale si giunge a Djerba, penisola paradiso dei turisti in cerca di relax.

Con i suoi fondali sabbiosi e non troppo profondi potrebbe ingannare e far credere di non avere una grande offerta per i subacquei. In realtà, la Seconda Guerra Mondiale ha lasciato diverse tracce, costellando il fondale marino della zona di relitti. Per scoprirli, è necessario allontanarsi dalla riva di almeno 8 km e avere una buona esperienza nelle immersioni dato che per la visita è richiesta un’immersione di 20 m. Un altro relitto è stato localizzato a 45 m di profondità. Oltre ai relitti sono visitabili le rocce immerse che si prolungano fino a Ras Taguerness (al largo del faro omonimo) che ospitano cernie, razze pastinaca e spugne.

Il periodo ideale per le immersioni è settembre-ottobre, quando il Mediterraneo offre le acque più limpide.

I principianti potranno tentare un’immersione in uno dei club tunisini. La sessione solitamente dura mezza giornata. Inizia con una lezione in piscina, e prosegue con un’uscita in mare, a 150 m dalla costa, con una profondità di 5 m.

Per maggiori informazioni, visitate il sito www.tunisiaturismo.it

 

Lusso ed eco-resort – The Brando a Tetiaroa Polinesia Francese

Paradiso incontaminato

“Top Luxury Beach Hotel Worldwide”

THE BRANDO: DOVE IL LUSSO È  IN ARMONIA CON LA NATURA

The Brando è un modello all’avanguardia di tecnologie eco-sostenibili

The Brando è ispirato dalla visione originale di Marlon Brando

L’eco-resort e la Tetiaroa Society insieme per preservare luoghi e cultura polinesiana

 – L’impegno di The Brando per la ricostruzione storica dell’isola di Tetiaroa e l’educazione ambientale continua anche nel 2018 con nuovi e già avviati progetti.

Prosegue senza sosta infatti il Tetiaroa Ecology Program, progetto iniziato nel 2017 che ha come obiettivo il ripristino delle condizioni naturali attraverso la reintroduzione di fauna e flora locale.

L’eco-resort di lusso, che sorge sulla regina delle isole che costellano la Polinesia Francese (l’atollo di Tetiaroa), collabora infatti con la Tetiaroa Society, che stimola l’interdipendenza sostenibile attraverso l’educazione ambientale seguendo lo spirito con cui Marlon Brando acquistò l’atollo nel 1967, svolgendo un ruolo attivo attraverso l’accoglienza di studiosi da tutto il mondo.

Di recente infatti l’archeologo Louis Lagarde dell’University of New Caledonia ha non solo avviato un vero e proprio progetto di risanamento e mappatura degli edifici storici rimasti sull’isola , ma ha anche tenuto lezioni di scavo e catalogazione dei reperti ai ranger della Society.

A fare visita all’organizzazione sono stati anche Etienne Taurarui e Tania che, essendo cresciuti proprio a Tetiaroa quando il loro padre e a loro zia lavoravano per la famiglia regnante dell’epoca Williams-Doran (1903-1966), hanno descritto nei minimi particolari la funzione di ogni singolo edificio e raccontato aneddoti sulla vita dell’isola.

Un periodo, quello in cui visse la famiglia Williams-Doran, con una forte valenza storica ed è per questo che nel mese di ottobre la Tetiaroa Society ha lanciato un programma di ricostruzione culturale per scoprire tutti i segreti di questo regno.

L’impegno verso l’educazione ambientale di The Brando si rivolge anche ai più piccoli: lo scorso novembre la Tetiaroa Society ha accolto 20 insegnanti provenienti da Tahiti con l’obiettivo di imparare qualcosa di più sulla natura e sulla cultura di Tetiaroa.

In particolare, a partire dal mese di febbraio arriverà sull’isola la prima classe di bambini di età compresa tra gli 8 e i 9 anni per approfondire il tema sull’importanza della preservazione dell’ambiente e della ricostruzione storico-culturale di Tetiaroa.

In vista di questo responsabile progetto, gli insegnanti hanno visitato alcuni motu, lavorato per la preparazione delle lezioni e attività per i bambini, e collaborato con le guide della Tetiaroa Society in merito ai corsi che la società di ricerca ha già realizzato per i ragazzi e che riguardano la barriera corallina, le tartarughe marine e le piante.

Un 2018 davvero intenso per The Brando e Tetiaroa Society che hanno previsto anche un’azione di eliminazione delle specie invasive che popolano l’isola a partire dal mese di gennaio.

E in attesa di scoprire nuove curiosità e scoperte su questo paradiso incontaminato, non ci resta che fare le valigie e partire alla ricerca dei tesori che popolano l’atollo regalandoci un’esperienza in un resort da sogno.

Per ulteriori informazioni su The Brando:
www.thebrando.com
Infoline: +39 02 66980317

The Brando

The Brando è un esclusivo eco-resort di lusso sito sull’atollo privato di Tetiaroa in Polinesia francese: composto da una dozzina di piccole isole (motu) che circondano una laguna cristallina, l’atollo si trova a circa 60km a nord dell’isola di Tahiti.

The Brando è ispirato dalla visione originale di Marlon Brando di una joint venture di sviluppo sostenibile, volta a promuovere l’opportunità di conoscere sia i luoghi sia la popolazione della Polinesia francese. Accessibile solo tramite collegamenti operati con voli privati, il resort offre un’ospitalità di lusso discreto immersa nella natura incontaminata dell’atollo. Il Resort, che propone una formula all-inclusive, è composto da 35 Deluxe Villa, ognuna delle quali dotate di spiaggia e piscina private, e offre ristoranti che propongono il meglio della cucina polinesiana e francese, una sontuosa spa polinesiana, un bar con vista sulla laguna, un bar sulla spiaggia, una piscina, un orto e un frutteto biologico, una biblioteca, una boutique, una scelta variegata tra diversi sport d’acqua e una stazione di ricerca ambientale con programmi educativi per gli ospiti.

The Brando è un modello all’avanguardia di tecnologie eco-sostenibili, che comprendono un sistema di aria condizionata alimentato dall’acqua di mare e lo sfruttamento di energie rinnovabili quali l’energia solare e l’olio di cocco. Missione di The Brando: la tutela dell’abbondante fauna ittica tropicale e dell’ecosistema marino. The Brando è stato insignito della LEED PLATINUM CERTIFICATION, il più alto riconoscimento in fatto di eco sostenibilità per una struttura ricettiva.

The Brando è un Virtuoso Preferred Resort e membro fondatore del National Geographic Unique Lodges of the World una collezione di boutique hotel in destinazioni uniche nel loro genere in tutto il mondo che si sono impegnate concretamente nella sostenibilità, esclusività ed eccellenza.

The Brando ha ricevuto molteplici riconoscimenti: è stato inserito nel Robb Report’s 2015 Best of the Best all’interno della categoria hotel & resort ed è stato incluso nella Condé Nast Traveler’s 2015 Hot List, la celebre guida che raccoglie i migliori nuovi resort del mondo. The Brando ha inoltre vinto ulteriori illustri premi come il “Best Overseas Resort 2015” e il “Best Eco Tourism Property” nel 2015 e 2016 e “Best Overseas Resort 2016”, entrambi assegnati da Luxury Travel Magazine, testata australiana dedicata ai viaggi di lusso, e ha conquistato il prestigioso titolo di “Miglior resort al mondo” ai Condé Nast Traveler’s 2016 Readers’ Choice Awards. Nel 2017, The Brando è stato nominato dal magazine Travel + Leisure il migliore nella categoria “Best Resort” del Sud Pacifico e si è classificato al secondo posto nella lista dei “100 World’s Best Hotels 2017”. Nello stesso anno, ha conseguito il titolo di “Top Luxury Beach Hotel Worldwide” da parte della rivista Luxury Travel Advisor.

 

Brunei – Lusso e foreste tropicali

Fantastici colori della foresta vergine che stiamo velocemente distruggendo.

Il Brunei, grande come la nostra Liguria,  è uno Stato piccolo ma molto ricco, grazie al petrolio.

La religione di Stato è l’Islam sunnita, 70%; le altre religioni sono sottoposte a molte restrizioni: cristiani, buddisti e animisti.

Il sultano è uno degli uomini più ricchi del mondo; gli abitanti del Brunei non pagano le tasse ed hanno il più alto reddito pro capite del mondo.

Questo Paese è meta solo di un turismo d’élite: perché risulta essere un paradiso terrestre per il lusso e lo sfarzo.

Enormi centri commerciali offrono quanto di più costoso esiste al mondo.

In realtà, qui esiste anche una interessantissima zona di foreste tropicali incontaminate; un’ottima meta per gli amanti della natura con buone disponibilità economiche.

Il Brunei è un Paese islamico, ma gli abitanti hanno usi più simili a quelli della vicina Malesia che a quelli arabi. Comunque, tutte le donne portano un foulard intorno al viso e abiti che le coprono interamente.

La capitale, Bandar Seri Begawan, è famosa per lo sfarzoso Palazzo del sultano, sormontato da cupole d’oro e l’appariscente Moschea (progetto e marmi italiani; sormontata da un’enorme cupola d’oro).

Per coloro che possono e volesser visitare questo Paese, è bene sapere che il miglior punto di vista della capitale è  dall’acqua: a bordo di un water taxi. Dall’acqua si vedono mondo opposti: dalla vita dei pescatori sulle palafitte, tra plastiche galleggianti e acque inquinate e l’enorme, ricchissima cupola d’oro della moschea.

Dopo le 18 non ci sono più autobus e taxi in molte parti del Paese. Comunque la vita serale quasi non esiste; almeno apparentemente.

Fa eccezione il mercato notturno di Gadong che apre dalle 16 alle 23 ; un vero paradiso del cibo!

Nella capitale le telecamere sono ovunque; tutti sono sorvegliati. I cittadini non parlano di politica.

I cittadini ricevono  dallo stato:  la sanità gratuita, l’educazione, sia nel Brunei, che all’estero; dove sono coperte tutte le spese. Comunque, terminato gli studi, si deve tornare e lavorare.

 

Meravigliosa crociera nei mari dei Caraibi partenza 20 marzo 2018

MSC Armonia arrives in Havana

UN’IRRIPETIBILE CROCIERA PER UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DI LUOGHI AFFASCINANTI, ANTICHE CITTA’, SPIAGGE BIANCHISSIME E TEMPLI MILLENARI … A BORDO DI MSC ARMONIA

MSC Armonia  offre una meravigliosa crociera, della durata di 11 notti , che solcherà i mari dei Caraibi, toccando alcune delle destinazioni più affascinanti, dalla capitale di Cuba , l’Avana, alla meraviglia naturale della Giamaica , per poi visitare l’affascinante paradiso tropicale di Cozumel in Messico  e le spettacolari spiagge di sabbia bianca e fondali corallini in Honduras  dove poter vivere emozioni indimenticabili.

Un’ opportunità unica con partenza il 20 marzo che darà vita ad una magnifica crociera con una vasta gamma di attività e intrattenimenti per famiglia e bambini di ogni età, relax e benessere ed escursioni nei luoghi più affascinanti e inediti nel mare dei Caraibi.

Partenza: 20 marzo da L’Avana (Cuba),

Itinerario: Montego Bay (Giamaica), George Town (Isole Cayman), Cozumel (Messico), Isola di Roatan (Honduras), Costa Maya (Messico), Belize City, (Messico), L’Avana (Cuba).

Durata: 11 notti

Prezzo: a partire da € 1219 (tasse e servizi portuali inclusi, volo incluso)

Finnair inaugura il 2018 con strepitose offerte e grandi novità:

Finnair inaugura il 2018 con grandi novità: nuove rotte, incremento delle frequenze a lungo raggio e strepitose offerte

 – L’anno di Finnair si apre con l’annuncio di una nuova rotta verso Lione, l’aggiunta di frequenze a lungo raggio verso Osaka, Hong Kong, Delhi e Phuket e offerte davvero incredibili.

Conosciuta per la sua gastronomia, i monumenti storici e la sua vicinanza alle Alpi francesi, Lione è la seconda area metropolitana più grande della Francia. Dall’11 dicembre 2018, Finnair effettuerà due voli settimanali dal suo hub di Helsinki verso Lione con un aereo E90. Operando il martedì e il sabato, i voli offriranno collegamenti regolari alla rete asiatica di Finnair.

Continuando con la sua strategia di crescita, Finnair riceverà il dodicesimo velivolo A350 nel 2018 e aggiungerà diverse frequenze alle destinazioni più popolari del suo network a lungo raggio. La rotta di Finnair per Osaka diventerà giornaliera durante la stagione invernale con due frequenze aggiuntive il martedì e il giovedì. Due ulteriori frequenze verranno aggiunte alla tratta di Hong Kong il venerdì e la domenica, per un totale di 12 voli settimanali. Inoltre, la rotta verso Delhi diventerà giornaliera durante la stagione invernale con l’aggiunta di un volo il mercoledì. L’orario del volo per Miami verrà modificato in modo da coincidere meglio con le altre partenze nordamericane di Finnair e con i suoi voli di collegamento con l’Europa.

Ulteriori frequenze a corto raggio verranno aggiunte alle destinazioni di Finnair più popolari in Europa durante la stagione invernale. Una frequenza settimanale supplementare per i voli verso Malaga e Visby, due frequenze settimanali per Roma e un volo giornaliero nei giorni feriali verrà aggiunto a Rovaniemi nella Lapponia finlandese. Finnair proseguirà inoltre i voli non-stop in Lapponia da Londra Gatwick, Parigi e Zurigo
ed estenderà inoltre il periodo operativo su alcune delle rotte esistenti. Malta e Antalya continueranno a operare dalla stagione estiva 18 fino al 9 dicembre. Le rotte per Edimburgo e Gazipasa saranno inoltre prorogate fino al 30 marzo 2019, rendendole nuove destinazioni annuali per Finnair.

“Finnair è attualmente nella più grande fase di espansione della sua storia e stiamo anche aumentando la nostra capacità verso destinazioni popolari in Asia ed Europa”, afferma Juha Järvinen. “Queste frequenze aggiuntive offriranno ai nostri clienti più scelta e flessibilità per i loro piani invernali”.

 

OFFERTE FINNAIR:

ECONOMY CLASS DESTINAZIONI A LUNGO RAGGIO –

Voli a lungo raggio (via Helsinki da Milano e Roma): validi per viaggi dall’11 gennaio fino al 31 ottobre 2018* su alcune destinazioni:

Shanghai e Pechino a partire da 419 € a/r** (Black out 1 luglio-31 agosto 2018)

Chongqing e Delhi a partire da 429 € a/r** (Black out 1 luglio-31 agosto 2018)

Xi’an, Canton e Hong Kong a partire da 449 € a/r** (Black out 1 luglio-31 agosto 2018)

Singapore, Seoul, Bangkok e L’Havana a partire da 459 € a/r**(Black out Singapore Bangkok 1 luglio-31 agosto 2018)

ECONOMY CLASS DESTINAZIONE FINLANDIA

Voli da Milano e Romaa Helsinki dal 11 gennaio fino al 31 marzo 2018 a partire da 199 a/r**

Voli da Milano e Romaa Kittilä dal 1° aprile fino al 30 giugno 2018 a partire da 269 a/r**

Voli da Milano e Romaa Ivalo dal 1° aprile fino al 30 giugno 2018 a partire da 279 a/r**

Voli da Milano e Romaa Rovaniemi dal 1° aprile fino al 30 giugno 2018 a partire da 289 a/r**

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di viaggio visitare il sito www.finnair.it.

**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

BUSINESS CLASS LUNGO RAGGIO

Voli di Business Class lungo raggio (via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi dall’11 gennaio fino al 31 ottobre 2018 * su alcune destinazioni:

              Delhi, a partire da 1.399 a/r**

Havana a partire da 1.458 € a/r**

Canton, Xi’an e Chongqing a partire da 1.499 a/r**

Pechino a partire da 1.559 a/r**

Bangkok a partire da 1.599 a/r**

Shanghai a partire da 1.649 € a/r**

Hong Kong a partire da 1.699 € a/r**

Singapore a partire da 1.749 a/r**

Seoul a partire da 1.749 a/r**

TAIWAN shopping low cost , ma non solo – STREET FOOD IL MEGLIO DEL MONDO A TAIWAN

BALI MERCATO CIBO HSB

Bali street food smz
LA CUCINA DI TAIWAN E’ ECCELLENTE PER : rigore e qualità delle materie prime.

La famosa e prestigiosa rivista TRAVELLER L’HA SCELTA COME “destinazione food” DELL’ANNO 2015.

Taiwan è diventata la regina della gastronomia mondiale.

Lo street food di Taiwan è nella top ten della televisione americana CNN.

Dai baracchini street food di Taipei, all’ispirazione fusion (cinese e giapponese), questa è la ristorazione sull’isola di Taiwan.

———-

Grattacieli, treni superveloci, industrie informatiche all’avanguardia e tanto traffico ovunque in città, ma anche templi con angoli che sembrano fuori dal mondo.

La montagna più alta raggiunge i 3.952 metri e tanta natura intatta riveste tutta l’isola; foreste di bambù, alberi della canfora e sorgenti termali a Beitou e Wulai ( a pochi chilometri dalla capitale ).

Arrivati a Taipei, la capitale, il meglio è andare sul grattacielo 101, per un magnifico panorama di tutta la città. La città è caotica, caratterizzata da ingorghi colossali.

Per muoversi è bene usare le 5 linee metropolitane che uniscono tutti i punti importanti della città.

Da visitare:

-tempio buddista di Longshan (la montagna del drago), è il cuore pulsante della città, qui tutti vengono per festeggiare o chiedere aiuto al cielo

-National Palace Museum; qui si trovano i tesori della civiltà plurimillenaria. Da non perdere

-mausolei dedicati ai due padri della Cina moderna: Chiang Kaishek e Sun Yan-sen

-mercati notturni di Shilin e Huax; ci si trova di tutto, la città vive 24 ore su 24: cibo, abbigliamento, steet food  ecc…

-la via dei serpenti: solo per chi ha fegato. Qui vengono cotti anche rettili velenosissimi.

JIOUN FEN: cittadina montana di Taiwan, situata nella municipalità di Nuova Taipei, vicino alle città di Keelung e Rueifang. In OLD STREET: case da tè con vista sull’oceano.

NELL’ISOLA:

-Alishan National Scenic Area; foresta pluviale, terme, piantagioni di tè di montagna ed alpinismo

-Lago Riyue: villaggi aborigeni.

ALL’ESTREMO SUD DELL’ISOLA:

-belle spiagge di sabbia corallina, barriera corallina e snorkeling

——–

Street Food

Già famosa per il suo street food, oggi Taiwan inizia a imporsi come una delle frontiere culinarie più interessanti al mondo anche per la ristorazione..
Cucina fusion, menù che cambiano con le stagioni e prezzi contenuti attirano turisti da tutto il mondo.
THAI PEI ; il cuoco Andre Chiang, ha studiato in Francia, lavorato a Singapore e ha aperto il suo ristorante “Raw” a Taipei.
Andre Chiang è definito come un re-interprete della cucina tradizionale dell’isola.
Il suo ristorante ha 7 menu che cambiano ogni mese : gamberi in cracker di riso viola, cavolfiori in wafer di pelle di pollo, torta all’ananas in versione cubetti semi-ghiacciati; il menu costa sui 24 euro
Tofu fermentato, dolcetti piccanti, panini con maiale bollente, guava verde caramellato….prodotti sempre freschi; ecco il segreto di Taiwan; da provare !!!
INFORMAZIONI
VISTO NECESSARIO?
Per soggiorni inferiori ai 90 giorni non è richiesto il visto ma solo un biglietto di andata e ritorno e passaporto valido.
All’arrivo a Taiwan dovete mostrare il passaporto e la carta di immigrazione compilata è sempre consegnata a bordo dell’aereo o la potete ritirare all’arrivo). Il funzionario applicherà un timbro di entrata ed una copia della carta di immigrazione sarà graffettata in una pagina del passaporto. Non perdetela perché è necessaria per uscire da Taiwan.

CLIMA 

Il periodo migliore per andare a Taiwan è l’autunno: giornate soleggiate e asciutte.
Anche la prima parte della primavera è un buon periodo per andare a Taiwan mentre l’ultima parte della primavera (maggio) è quasi sempre ricco di forti piogge.
Da evitare: il capodanno cinese, tra gennaio e febbraio; tutti viaggiano e voli e alberghi sono pieni e cari.

Inverno ed estate:

-umidità e pioggia per la maggior parte dell’anno e tifoni in estate.
In inverno fronti freddi (dalla Mongolia) con temperature basse; per un isola tropicale.

Per la maggior parte dell’anno la temperatura è facilmente sopra i 30 gradi.

In inverno non di rado si raggiungono i 5-10 C, almeno a Taipei; nel Nord.
DA TENERE PRESENTE: le case non sono riscaldate e il vento è molto frequente.
Piovosità massima al Nord.
Taiwan è più umida della foresta pluviale.

ABBIGLIAMENTO: abiti caldi, a strati, IN INVERNO AUTUNNO E PRIMAVERA.
In estate SOLO abiti molto leggeri.
L’aria condizionata è freddissima, soprattutto d’estate; portate un golfino, una scarpa leggera e un cappello.

SHOPPING: abbigliamento, a costi molto molto convenienti; articoli sportivi, giacche a vento e piumini; QUI TUTTO è PIU’ CONVENIENTE CHE IN EUROPA: RIFATEVI IL GUARDAROBA ! Partite con la valigia semi vuota !

ELETTRICITA’ : corrente elettrica a Taiwan è a 110 V, la presa simile all’ americana (ma spesso senza la terra). NESSUN PROBLEMA per i moderni alimentatori per computers portatili, carica batterie, per telefonini; ma DOVETE avere un adattatore che trovate in aeroporto o in Taiwan.
TELEFONO: da Taiwan in Italia : prefisso 00239 oppure 01939; quest’ultimo con una tariffa leggermente più conveniente.
SIM prepagata : fornire 2 documenti di identità con foto (patente passaporto o passaporto e carta identità).
———
SALUTE :
L’acqua del rubinetto non è potabile LA SI DEVE BOLLIRE.
-consigliata è la vaccinazione per l’epatite A
-COME IN OGNI VIAGGIO E’ DOVEROSO portare le proprie medicine
-I medici parlano quasi tutti inglese (molti hanno studiato in America)
-le cure mediche non sono costose
——–
MONETA
L’Euro viene comunemente cambiato.
Potete usare la vostra carta di credito per ritirare contante.
——-
VOLI
Una soluzione veramente low cost (tipo Ryan Airi) è la malese Air Asia che vola da Londra Stansted o Parigi Orly a Taipei via Kuala Lumpur.
Abbiamo cercato un volo per fine settembre (21.9/ 1.10.2015) e abbiamo trovato questo prezzo :
-Expedia: 616 euro andata/ritorno con Air China 1 solo scalo 18 ore e 55′ per l’andata (586 euro con Tripadvisor, ma senza sconto per hotel)
-più confortevole con Emirates: 718 euro A/R; 23 ore e 30′ per l’andata. 1 scalo.
-Cathay Pacific è il meglio, ma anche il più caro, 960 euro A/R ; 14 ore e 35′ per l’andata, 1 scalo.
Con Expedia si ha lo sconto fino a 282 euro se si prenotano anche gli alberghi.
COLLEGAMENTI DA AEROPORTO
Taoyuan Airport ha due terminali (Terminal 1 e 2). L’aeroporto è collegato a Taipei da frequenti autobus e dai taxi; a efficiente e comoda la metropolitana di Taipei (Taipei MRT).
SPOSTAMENTI IN TAIWAN:
THSR ; Ferrovia ad Alta Velocità da Taipei a Kaohsiung
– collega le principali città della costa occidentale
-da Taipei a: Hsinchu, Taichung, Tainan, Chiayi o Kaohsiung il meglio è il treno ad alta velocità (anche 300Km ora)

-BUS: diverse società private, le più importanti: Ubus, Ho-hsin e GuoGuan.

TAXI E PRUDENZE

Tra Taichung e l’aeroporto di Taoyuan (circa un ora e mezza) costa tra 2000 e 2500 NTD, pedaggi autostradali inclusi; non è caro.

-pochi tassisti non usano il tassametro o “fanno i furbi” allungando l’itinerario; attenzione spessissimo non parlano inglese
-DOVETE sempre avere un biglietto da visita con la vostra destinazione scritta in cinese.

AUTO NOLEGGGIO

Occorre la patente internazionale, non derogate !
-noleggio auto e moto
-guidare a Taiwan è scoprire regole locali molto diverse dalle nostre e, a volte impegnativo, è sicuramente possibile per chiunque abbia preso la patente in Italia.

LINGUA: lingua ufficiale Cinese Mandarino, il Taiwanese è un dialetto della Cina Meridionale
-circa 250.000 persone parlano una delle diverse lingue aborigene chenulla hanno anche vedere con il cinese.
————–
RELIGIONE:
-credenze Taoiste, Buddiste e Confuciane con forte substrato animistico
—————
MONETA:
-Il codice ufficiale ISO ( per conoscere il cambio attuale) è TWD.
—————
SALARI: stipendio medio ammonta a circa 40.000 NTD (CIRCA 820 euro)
————–
COSTO DELLA VITA:
-minore che in Italia.

Evento imperdibile a Milano cucina giapponese per gourmet

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti …

Selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki a Eataly Milano Smeraldo

Assaggi e show cooking … da non perdere !

Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki

Più sotto due ricette di grandi maestri di cucina

Nagasaki; una zona del Giappone da scoprire; ricca di natura, terme, cultura e ottima cucina; più sotto tante informazioni

Foto: preparazione giapponese della pasta, lunga e complessa, richiede grande esperienza e materie prime eccellenti. Il risultato è un prodotto di altissima qualità; in questo caso addirittura preparato con speciale acqua purissima e olio di camelia …

:::::::::

Degustazioni a Eataly Milano Smeraldo

NAGASAKI GOURMET DUET
MENU DEGUSTAZIONE APERTA AL PUBBLICO

12 gennaio ore 18.00 – 20.00
Maguro Shimabara Somen
il piatto con cui chef Lavezzari e il maestro Ichikawa hanno vinto il Girotonno 2017. Si tratta di un particolare tipo di spaghetto di grano giapponese molto sottile cotto nel brodo dashi e condito con:
tonno rosso
Edamame
Sesamo Nero
Alghe Wakame
Ikura
Erba cipollina
Aceto di riso al pompelmo
Salsa di soia

il 13 gennaio alle ore 12.00-14.00
Goto Tenobe Udon (famoso spaghetto in grano duro con olio di camelia) con brodo di pesce volante (ti allego le foto)

il 14 gennaio alle ore 12.00-14.00
Kurogoma Somen (spaghetto sottile con sesamo nero) con Anatra

tutti i piatti saranno accompagnati con il té di Nagasaki.

Maestro Haruo Ichikawa e Chef Lorenzo Lavezzari

:::::::::

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Gli italiani sono stati stregati dalla cucina giapponese: una recente ricerca, ha infatti dimostrato che il piatto più ordinato nel 2017 nel nostro Paese è il sushi.

Da mangiare in un sol boccone, dopo averle intinte nella salsa di soia, le polpettine a base di riso bollito e aromatizzato e pesce, hanno evidentemente conquistato il cuore e i palati nostrani.

Ma, così come la cucina italiana non è sinonimo esclusivo di pizza, anche la tradizione gastronomica del Paese del Sol Levante è ricca di ingredienti e piatti straordinari.

Apparentemente, Italia e Giappone a tavola sono lontanissimi:

la nostra cucina ama mescolare gli ingredienti con grande creatività e innovare le ricette tradizionali grazie ad accostamenti sorprendenti; le parole chiave della cucina giapponese sono invece eleganza e perfezione formale, all’insegna di sapori netti e impiattamenti rigorosi.

In comune, oltre all’attenzione per la freschezza e la qualità degli ingredienti, sicuramente il concetto di convivialità:

nel Paese orientale, a differenza che in Italia, non esiste differenza fra primo piatto, secondo, contorno e frutta; di solito in tavola vengono portati contemporaneamente tutti i cibi, che vengono consumati senza ordine prestabilito.

Nelle case giapponesi spesso però si servono anche piatti cotti con un fornello portatile direttamente in tavola, dove i commensali attingono dalla pentola. È il caso dello shabu shabu: fettine sottilissime di manzo vengono immerse per una ventina di secondi nel brodo di alghe kombu che bolle in un contenitore al centro del tavolo. Una delizia.


Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti: oltre a una fascinazione per il fritto chi non apprezza la tempura?ci unisce infatti l’amore per la pasta.

Il prodotto italiano per antonomasia fa parte infatti anche della tradizione giapponese, con due formati tradizionali e allungati rigorosamente a mano: i sōmen e gli udon, che gli italiani sempre più riconoscono e apprezzano.

Così lontani eppure quindi così vicini, Italia e Giappone hanno iniziato anche a contaminarsi a tavola: quando due culture diverse, ma tanto incentrate sul cibo si incontrano, il risultato non può che essere eccezionale.

Lontanissimi dalla confusione di sapori e forme del fusion, quello che sempre più chef italiani stanno sperimentando è infatti utilizzare ingredienti giapponesi – come sōmen e udon – per esprimere la cucina italiana in un modo diverso, sposando il background, l’impiattamento, e magari una tavola di design in stile giapponese.

1. Fonte: http://www.gamberorosso.it/it/news/1046525-i-piatti-piu-ordinati-nel-2017-le-specialita-che-hanno-spopolato-in-italia-e-all-estero

:::::::::::

Nagasaki Gourmet Duet

A Milano la migliore selezione di prodotti della provincia di Nagasaki 
incontra la cucina italiana

Italia e Giappone hanno da poco più di un anno festeggiato i 150 anni del primo Trattato bilaterale di amicizia e commercio fra i due Paesi

Le tradizioni gastronomiche dei due Paesi saranno protagoniste di una straordinaria quattro giorni all’insegna dell’eccellenza e della contaminazione culinaria: Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki per presentare al grande pubblico e ai professionisti dell’Ho.Re.Ca. i prodotti a marchio Yokamon! Market di Nagasaki.

L’appuntamento è stato venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 gennaio presso Eataly Smeraldo (Piazza XXV Aprile, 10, Milano) con una selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki, lo splendido territorio situato all’estremità occidentale del Giappone noto per la sua ricca produzione agroalimentare e ittica: i suoi pendii toccati dal clima mite sono storicamente dediti all’agricoltura e alla frutticoltura, mentre le numerose isole e i mari pescosi l’hanno reso nei secoli il secondo centro di produzione ittica di tutto il Giappone.

Lunedì 15 gennaio sarà dedicato esclusivamente agli chef e ai professionisti di settore.

Yokamon è la parola che nel dialetto di Nagasaki significa “cosa buona, frutto di scelta attenta”: lo Yokamon! Market di Nagasaki porta a Milano, capitale italiana del food e città da sempre aperta sia alle tendenze internazionali sia alla sperimentazione in ambito gastronomico, sōmen e udon (pasta di grano duro allungata a mano), condimenti e salse come il ponzu e l’agodashi, il prezioso olio di camelia, il tè verde, liquori come il shochu, ma anche oggetti di design.

Durante Nagasaki Gourmet Duet la bellezza, l’armonia e il rigore formale della cucina giapponese incontreranno la tradizione culinaria italiana; i quattro giorni di degustazioni gratuite, sia aperte al pubblico sia riservate ai professionisti dell’Ho.Re.Ca., racconteranno in particolare una eccellenza gastronomica comune ai due Paesi: la pasta. 


Gli udon, un formato di pasta a base di farina di grano duro realizzato da secoli a mano nella prefettura di Nagasaki, verranno infatti utilizzati per reinterpretare una delle ricette maggiormente rappresentative della cucina italiana: l’amatriciana.

A Eataly, a rappresentare la fusione fra il Paese del Sol levante e l’Italia saranno due chef d’eccellenza: il Maestro Haruo Ichikawa e lo chef Lorenzo Lavezzari, che hanno vinto la Tuna Cuisine Competition al Girotonno di Carloforte 2017 proprio con un piatto di Maguro Shimabara Sōmen, dove i tradizionali spaghetti giapponesi sono stati serviti in brodo con tonno, wasabi e dashi.

Si tratta di una gara gastronomica internazionale alla quale partecipano chef provenienti da diversi Paesi che si sfidano presentando ricette a base di tonno.

Nella giornata del 15 gennaio presso Feeling Food Milano invece ad affiancare il Maestro Haruo Ichikawa sarà Vito Mollica, grande interprete della cucina e dei sapori italiani,1 stella Michelin presso Il Palagio del Four Seasons Firenze e La Veranda del Four Seasons Milano.
Programma dettagliato
Venerdì 12 gennaio

– Ore 10:30. Welcome drink Nagasaki Style.
– Ore 11:00. Conferenza stampa e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki, Auditorium Eataly Smeraldo (2° piano).
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon

– Dalle ore 11:30, degustazione presso la cucina Arclinea di Eataly Smeraldo. Show cooking a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello chef Lorenzo Lavezzari che prepareranno i Goto Udon (una varietà di noodles preparati con farina di grano duro e olio di camelia) all’amatriciana e i Maguro Shimabara Sōmen.
– 12:00 Conclusione
– Dalle ore 18:00 alle 20:00, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone) con oltre 80 assaggi. I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki saranno eccezionalmente venduti a Eataly, negli spazi adiacenti la cucina Arclinea, nei quattro giorni del Nagasaki Gourmet Duet. Non è necessaria la prenotazione.

Sabato 13 gennaio e domenica 14 gennaio
– Dalle 12.00 alle 14.00, nella cucina Arclinea di Eataly Smeraldo, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone). Non è necessaria la prenotazione.
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style
– Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
– Ore 18:15. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Lorenzo Lavezzari.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento pomeridiano è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Lunedì 15 gennaio
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style.
- Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Vito Mollica (1 stella Michelin);
Camilo Becerra, GM di Feeling Food Milano;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
– Ore 18:00. Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon.
- Ore 18:30. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Vito Mollica.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento del 15 gennaio è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Gli chef
Haruo Ichikawa
Il Maestro Haruo Ichikawa conosce benissimo l’Italia, dove vive da più di vent’anni. Classe 1954, è stato al timone della cucina di un importante ristorante giapponese a Milano, dopo un percorso che lo ha visto formarsi fra Tokyo e Los Angeles. Pur rimanendo fedele alla tradizione giapponese, lo chef Ichikawa integra spesso e volentieri nelle sue preparazioni prodotti di eccellenza italiana. L’incontro con lo chef Lavezzari è stato determinante per entrambi. Una coppia creativa perfetta che unisce la tradizione all’innovazione.
Lorenzo Lavezzari
Lo chef Lorenzo Lavezzari entra prima alla corte dello chef Igles Corelli, poi dello chef Bruno Barbieri e infine dello chef Mauro Ricciardi. Di ritorno a Milano nel 2008, entra a far parte della brigata dello chef bistellato Claudio Sadler presso il suo Ristorante Sadler (2 stelle Michelin) a Milano, una delle esperienze più importanti della sua carriera.
Lavezzari ha inoltre un passato da responsabile della pralineria di cioccolato e aiuto pasticcere presso Ernst Knam. In seguito, affascinato dal mondo asiatico inizia la sua lunga avventura al fianco del maestro Haruo Ichikawa in un famoso ristorante di Milano, unico in Italia, premiato nel 2014 con una stella Michelin.
Oggi lo chef conduce Otto – Bottega&Cucina, suo progetto innovativo a Novate Milanese. Si tratta di una Bottega dove poter acquistare e degustare i prodotti che l’Azienda Agrituristica produce e di una cucina che offre “merende salate” ed “emozioni di gusto”, le materie prime stagionali a km zero di aziende agricole liguri, toscane e della cerchia milanese. Il progetto dello chef è quello di riportare la gente a stare tutti assieme a tavola, una social kitchen, creando un legame speciale tra Agri-Chef e commensali.
Vito Mollica

Classe 1971, lucano di nascita ma cresciuto a Origgio, nel varesotto, Vito Mollica può definirsi a tutti gli effetti un veterano del Four Seasons: vi entrò per la prima volta nel 1996, nella sede di Milano, per poi trasferirsi, quattro anni dopo, al Four Seasons di Praga. Particolare il rapporto che lo lega ancora oggi alla città, dove sono nati i suoi due figli, che nel 2007 ha lasciato per tornare in Italia alla volta di Firenze, dove oggi è responsabile del comparto Food&Beverage ed Executive Chef del ristorante gourmet dell’hotel, Il Palagio, premiato nel 2011 dalla stella Michelin. Nel maggio 2015 Vito Mollica duplica i suoi incarichi, affiancando alla guida del ristorante fiorentino anche quella de La Veranda del Four Seasons Milano. Un ritorno alle origini che lo vede succedere a un grande maestro della cucina italiana di cui fu allievo, Sergio Mei.
Appassionato cultore della materia prima, Mollica seleziona personalmente i suoi fornitori, setacciando campagne, aziende agricole e mercati regionali in cerca di produttori che con lui condividano la passione per la qualità e l’eccellenza. “La cura nella produzione degli ingredienti – spiega nel suo profilo ufficiale – si riflette nel gusto. Più semplice è la preparazione degli ingredienti, più facile sarà amplificarne il sapore”.

I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Sōmen 
I sōmen sono la pasta allungata a mano di Shimabara, la penisola situata nella parte meridionale del Giappone, circondata dal mare di Ariake. Si tratta di una specie di tagliolini la cui produzione risale a 350 anni fa; oggi Nagasaki ne riesce a soddisfare un terzo del fabbisogno nazionale. Preparati con acque sotterranee pure e ricche di minerali del monte Fugendake e farina a contenuto di glutine medio-alto, arrivano sulle tavole dopo un attento processo di stagionatura. 

Udon allungati a mano di Gotō
Introdotti in Giappone nel VII secolo d. C. da un viaggiatore cinese, questi udon sono fra i tre più celebri del Paese. A medio contenuto di glutine, sono preparati con farina di grano duro, sale delle acque a largo del mare di Gotō e olio di camelia selvatica tipica della città della prefettura di Nagasaki. Data la limitata produzione di questi ingredienti, quelli di Gotō vengono chiamati “udon dei sogni”.
Ponzu
Si tratta di un condimento onnipresente nella cucina giapponese, di una salsa acidula e agrumata. Si prepara con mirin (sakè dolce giapponese da cucina), aceto di riso, fiocchi di katsuobushi (fiocchi filetti di tonnetto striato essiccato, fermentato e affumicato) e alga (konbu), e bollito a fuoco lento. Quando il liquido è raffreddato viene colato per far asciugare il katsuobushi e viene aggiunto succo di yuzu o sudachi (agrumi giapponesi). È il condimento ideale per una grande varietà di piatti, come marinate, cibi alla griglia, tempura. 

Agodashi
Prediletto dagli chef, è un dashi (ingrediente fondamentale per la preparazione dei brodi giapponesi) a base di pesce volante. Cotto accuratamente al carbone e fatto seccare al sole, è un autentico condensato di umami, il sapore raffinato che è uno dei pilastri della cucina giapponese. Al pari del katsuo (tonno striato) e delle alghe konbu, permette di ottenere brodi eccellenti che lo rendono un prodotto davvero popolare se non insostituibile.
Olio di camelia 
Si tratta di un olio vegetale preparato a base di camelia selvatica dell’arcipelago di Gotō.
Con un maggior contenuto di acido oleico dell’olio d’oliva, l’olio di camelia ha un potere idratante che lo rende ideale per la bellezza della cute ed è per questo utilizzato per la preparazione di cosmetici e farmaci.
Tè verde giapponese 
La prefettura di Nagasaki è celebre per essere stata la prima area del Giappone dove si è diffusa la coltivazione delle foglie del tè e l’arte della degustazione. Essa infatti presenta una grande abbondanza di terreno adatto alla coltivazione di foglie di alta qualità ed è rinomata per essere una delle principali regioni di produzione in Giappone, avendo vinto numerosi premi a fiere di settore.
Sochu
Si tratta di un distillato d’orzo prodotto nell’isola di Iki, situata nelle agitate acque del mar Genkainada. Al pari del whisky scozzese, del bourbon e del bordeaux, nel 1995 anche lo shochu di Iki è stata conferita dalla WTO, l’organizzazione mondiale del commercio, la designazione di prodotto a indicazione geografica, trasformandolo così in un marchio riconosciuto a livello internazionale. Le sue caratteristiche distintive sono la dolcezza del malto di riso e l’aroma dell’orzo.
Ingredienti alimentari creativi
Grazie alla nostra abilità dello Yokamon! Market di Nagasaki nello sviluppare nuovi piatti, vengono creati nuovi ingredienti con sapori inediti che vanno incontro alle necessità degli chef che li hanno desiderati. Si tratta di prodotti concepiti con idee molto gustose e ottimi per la salute, dove nessuno dei loro preziosi ingredienti varrà mai sprecato. 

Design giapponese 
In Europa sta crescendo la domanda di design giapponese. L’artigianato in ceramica della prefettura di Nagasaki ha un design che si armonizza facilmente con ambienti di gusto europeo, in luoghi come hotel e ristoranti, case private e altri. Un esempio? Gli origami a forma di gru realizzate con fogli di ceramica, considerate simbolo di pace, oltre che di armonia fra moglie e marito. Sono ideali come regalo.

La prefettura di Nagasaki

Situata all’estremità occidentale del Giappone, la prefettura di Nagasaki vanta il maggior numero di isole di tutto il Paese. Grazie ai mari pescosi e alle terre fertili, questo territorio è il secondo centro di produzione ittica del Giappone e vi prosperano importanti allevamenti di bestiame, agricoltura e frutticoltura. Inoltre, grazie alla vicinanza con il continente asiatico, nei secoli scorsi la prefettura di Nagasaki è stata il punto di accesso del Giappone al mondo esterno, plasmando così la sua vocazione internazionale.

::::::::::

SUPER – RICETTE

GOTO UDON ALL’AMATRICIANA

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

300 g Goto Udon con olio di camelia di Nagasaki
300 g pancetta di Wagyu 
500 g pomodorini ciliegini
1 cipolla bionda
Aceto Balsamico di Modena
Pecorino grattugiato
4 foglie di shiso (basilico giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

In una casseruola, rendere fondente una cipolla bionda tagliata fine con 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, frullare i pomodorini ciliegini, passarli al setaccio e aggiungerli nella casseruola. Sfumare con dell’aceto balsamico e cuocere per circa 20 minuti (aggiustare con del brodo vegetale se la salsa risulta troppo densa).

Tagliare la pancia di Wagyu a pezzettini regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Cuocere i Goto Udon in acqua bollente, senza sale ma con un cucchiaio di salsa di soia, per 6 minuti. Scolare e lavorare in una ciotola con olio extravergine e un po’ di acqua di cottura.

Trasferire i Goto Udon nella casseruola e mantecarli con la salsa di pomodorini, il pecorino grattugiato e metà di pancetta di Wagyu croccante. Creare quattro nidi di pasta, disporli sui piatti da portata e guarnire con la salsa di pomodoro, pecorino, guanciale croccante e foglioline di shiso tritato molto fine.

MAGURO SHIMABARA SOMEN
Vincitore Girotonno 2017

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

200 g Shimabara Somen di Nagasaki
140g tonno rosso
200 g pancetta di tonno
n. 20 fave di edamame
20 g wasabi
n. 4 foglie di shiso (basilico giapponese)
1.600 ml dashi (brodo giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

Preparare il dashi bollendo in una pentola acqua, salsa di soia, mirin, sake, umami dashi (Ago dashi, brodo di pesce volante di Nagasaki).

Affettare la pancetta di tonno a pezzetti regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Preparare il Zuke Maguro (tonno marinato) lasciando per 4 ore il tonno rosso precedentemente affettato in una marinatura a base di salsa di soia e mirin.

Cuocere i Shimabara Somen in acqua bollente, senza sale, per 1/1,5 minuti; scolarli.
Passarli velocemente sotto un getto di acqua fredda per interrompere la cottura e scolarli nuovamente per rimuovere l’acqua in eccesso.

In un piatto fondo disporre in sequenza i Shimabara Somen, alcune fette di Zuke Maguro, la pancetta di tonno croccante, il wasabi, gli edamame e guarnire con delle foglioline di shiso. Prima di servire, aggiungere il brodo di dashi caldo.

New York gourmet sconti 22 gennaio al 9 febbraio 2018

NYC RESTAURANT WEEK:
IL MEGLIO DELLA CUCINA NEWYORKESE A PREZZI SCONTATI

Dal 22 gennaio al 9 febbraio 2018, torna la promozione dei ristoranti
di New York City, con oltre 375 partecipanti nei 5 distretti

– NYC & Company, ente del turismo di New York City, presenta l’edizione invernale della NYC Restaurant Week, che quest’anno si terrà dal 22 gennaio al 9 febbraio 2018 e che coinvolgerà più di 375 ristoranti situati in 42 quartieri dei cinque distretti della città.

Per 17 giorni sarà possibile scegliere menu speciali a tre portate a prezzo fisso, $29 a pranzo e $42 a cena (escluse bevande, mance e tasse; tutti i giorni esclusi i sabati e domeniche a discrezione del ristorante).

Un’opportunità unica per provare alcuni dei migliori indirizzi della ristorazione newyorkese che propongono nel complesso 31 cucine internazionali diverse.

Per l’elenco completo dei ristoranti partecipanti con relativi menu e per prenotare il proprio tavolo, visitare nycgo.com/restaurantweek.

Inoltre, verrà lanciato un concorso fotografico su Instagram che premierà un vincitore a settimana per tutte le 4 settimane del programma con una gift card da $250 da utilizzare nei ristoranti aderenti. Per partecipare è sufficiente caricare la propria foto della NYC Restaurant Week con l’hashtag  #NYCRestaurantWeek.

Quest’inverno, la settimana più vantaggiosa per visitare NYC è quella che va dal 29 gennaio al 4 febbraio,quando saranno attive tre grandi promozioni in contemporanea:

oltre alla NYC Restaurant Week, anche la NYC Broadway Week (16 gennaio-4 febbraio; nycgo.com/broadwayweek) e la NYC Must-See Week (29 gennaio – 11 febbraio 2018; nycgo.com/mustseeweek). Inoltre, le tariffe alberghiere in inverno solo le più basse di tutto l’anno, in particolare durante la serata Super Bowl Sunday (4 febbraio). Per altre idee su cosa fare a NYC questo inverno, visitare nycgo.com/winter.

Per prenotare e consultare la lista completa dei ristoranti con relativi menu, visitare nycgo.com/restaurantweek.

“New York City è una destinazione culinaria di prima classe e la NYC Restaurant Week, che ha festeggiato il suo 25° anniversario la scorsa estate, è un esempio perfetto dell’eccellenza della ristorazione newyorkese”, afferma Fred Dixon, presidente e CEO di NYC & Company.

In questa edizione pertecipano 32 nuovi ristoranti: Almond Flatiron, Antonucci Cafe, Astor Court, Augustine, Babu Ji, ‘Cesca, Fusco, Il Cortile Restaurant, La Pecora Bianca Midtown, Legasea, Loring Place, Massoni, Maxwell’s Chophouse, Momofuku Ma Peche, Momofuku Nishi, Nickel & Diner, One Dine, Ortzi, Osteria della Pace, Paowalla Restaurant, Quality Eats–Upper East Side, Rice & Gold, San Carlo Osteria Piemonte, STK Rooftop, Suzuki, Tarallucci e Vino Upper West Side, The House in Gramercy Park, Tiny’s & The Bar Upstairs, Tutto il Giorno, Vinateria, Yellow Magnolia Café e Yves.

Ritornano su grande richiesta le NYC Restaurant Week Tasting Series, che hanno esordito la scorsa estate.

Si tratta di eventi speciali a pagamento che si svolgono all’interno di istituzioni culturali cittadine con menu degustazione dei ristoranti partecipanti alla Restaurant Week.

I proventi saranno devoluti alle organizzazioni di beneficienza City Harvest, Citymeals on Wheels e Food Bank NYC. I dettagli dell’evento saranno annunciati a breve.

La NYC Restaurant Week è promossa attraverso i contenuti pubblicati sul sito NYCgo.com, con pubblicità digitale e su stampa, anche attraverso il media partner Time Out New York, affissioni sui pali della luce, banner alle pensiline degli autobus, sugli schermi digitali del sistema wifi LinkNYC, sui taxi, sul Toshiba Vision a Times Square e sui treni PATH e nelle stazioni. I partner dell’iniziativa sono OpenTable e l’organizzazione artistica culinaria James Beard Foundation. La campagna creativa di NYC & Company per la NYC Restaurant Week presenta nuovi slogan tra cui “Beat the Cold in Warm Company”, “Best Paired with Best Friends” e “Some things are worth hailing a cab for”.

American Express è lo sponsor fondatore della NYC Restaurant Week. La carta American Express® può essere utilizzata per le migliori esperienze foodie, dai ristoranti, ai mercati gastronomici, fino ai furgoncini dello street food alle lezioni di cucina. Durante la Restaurant Week si possono guadagnare 5X punti Membership Rewards® per ogni dollaro speso nei ristoranti aderenti, fino a 1.000 punti totali. Maggiori informazioni su americanexpress.com/nycrestaurantweek.

I contenuti della NYC Restaurant Week saranno disponibili anche sui social: sulle pagine Istagram @nycgo e @nycrestaurantweek, e su quelle Facebook e Twitter @nycgo.

NYC & Company è l’organizzazione ufficiale per la città di New York di destination marketing i cui obiettivi principali sono la massimizzazione delle opportunità turistiche nei cinque distretti, lo sviluppo economico e la diffusione dell’immagine della città di New York nel mondo. Per maggiori informazioni nycgo.com.

Voli di linea ma low cost per il GIAPPONE !!! Vacanze 2018 da non perdere

IL GIAPPONE,

UN PAESE PER TUTTE LE STAGIONI
A partire da 519€*

Anche una sosta alle fonti termali per una vacanza in completo relax ? …

Siamo lieti di annunciare che ANA offre due città al prezzo di una, un’offerta creata in collaborazione con il JNTO e prenotabile anche su voli Lufthansa, Austrian e SWISS.

È una buona opportunità per unire, in inverno, ma non solo, ad esempio, Osaka – Sapporo – Hakodate con Tokyo in modo da godersi la neve e sperimentare anche la vita metropolitana.

O perché non scegliere in qualsiasi stagione la tratta da Tokyo a Oita – Kagoshima con Osaka, combinando tradizione e innovazione, con una sosta alle fonti termali per una vacanza in completo relax?

La tariffa speciale da 519€* in classe economica è basata sui voli per Tokyo, Osaka o Nagoya e una delle 45 destinazioni in Giappone (andata e ritorno, incluse tasse aeroportuali e supplemento carburante) per voli da Roma, Milano, Venezia, Torino, Bologna, Firenze e Napoli via Francoforte e Monaco per Tokyo Haneda, e via Düsseldorf e Bruxelles per Tokyo Narita.

La prenotazione deve essere effettuata entro il 14 febbraio 2018 per viaggi durante i seguenti periodi: dal 17 gennaio al 28 febbraio 2018, dal 1° maggio al 30 giugno 2018 e dal 1° settembre al 13 dicembre 2018.

* Tariffa promozionale a/r in classe economica, a partire da 519 €, tasse e supplementi inclusi, valida dall’Italia verso il Giappone. La tariffa è soggetta a specifiche restrizioni e alla disponibilità posti nella classe di prenotazione prevista e potrebbe subire variazioni.

Voli operati da ANA , Lufthansa, Austrian e SWISS verso Tokyo , Osaka e Nagoya, inclusa la possibilità di scalo e di continuare il volo verso una delle 45 destinazioni in Giappone servite da ANA. Maggiori informazioni sui siti dei rispettivi vettori e presso le agenzie di viaggio.

ANA

All Nippon Airways (ANA) e’ il primo vettore giapponese per ricavi e numero di passeggeri.
Fondata nel 1952, ANA vola su 85 rotte internazionali e 116 rotte domestiche con una flotta di circa 250 aeromobili.

Il Gruppo ANA ha 35.000 dipendenti. Nell’anno finanziario 2016 ha trasportato 52,1 milioni di passeggeri, generando ricavi per 1.77 miliardi di yen. ANA, parte di Star Alliance dal 1999, ha sottoscritto una joint-venture con United Airlines per le rotte transpacifiche e ha lanciato la joint – venture con Lufthansa, Swiss e Austrian per le rotte Europa-Giappone. La compagnia offre ANA Mileage Club, il programma Frequent Flyer che vanta oltre 26 milioni di iscritti.
Nel 2013 ANA è stata nominata Airline of the Year dalla rivista statunitense Air Transport World e premiata, nel 2017, per il quinto anno consecutivo, con il prestigioso punteggio 5 Star da Skytrax.
ANA è launch customer del Boeing 787 Dreamliner e il vettore che ne opera di più in assoluto.
Per ulteriori informazioni consultare il sito web:
www.anaskyweb.com/it/e .

JNTO

JNTO (Japan National Tourism Organization – Ente Nazionale del Turismo Giapponese) è ideatore e coordinatore di una serie di attività finalizzate alla promozione dei viaggi in Giappone all’interno di paesi stranieri.

Al contempo, si occupa della promozione del turismo all’interno del Giappone stesso.

L’ufficio di Roma del JNTO è stato aperto alla fine del marzo 2017 ed è responsabile del mercato italiano: uno dei suoi obiettivi principali è di aiutare l’industria ad incoraggiare i propri clienti a visitare il Giappone.
I turisti italiani recatisi nel Sol Levante tra gennaio e novembre 2017 sono arrivati a 9.300, con un aumento dell’8,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Da gennaio i turisti connazionali hanno raggiunto quota 116.500 in totale (+5,1% rispetto allo stesso periodo del 2016), mentre i turisti internazionali sono arrivati a 26.169.400 (+19,0% rispetto allo stesso periodo del 2016).

Per maggiori informazioni sul Giappone: JNTO
OPEN MIND CONSULTING – Rappresentante italiano JNTO
Corso Principe Oddone, 12  10122  Torino
T/F: +39 011 812 8633
italy-rep@tourism-japan.it
www.openmindconsulting.it /www.turismo-giappone.it
FB: scopriilgiappone

Viaggi – Bielorussia in primavera avanzata

Bielorussia meta turistica emergente

Pe il 2018 è conisderata una delle nuove mete turistiche.

La Bielorussia ha un clima continentale, con un inverno gelido ed un’estate relativamente calda, e due brevi stagioni intermedie.

Il disgelo, tra marzo e aprile,  è  il periodo peggiore per gli spostamenti a causa del fango, almeno al di fuori dalle città e nelle strade non asfaltate.

Alla fine di aprile si possono avere le prime giornate calde, con più di 25 gradi.

L’estate in Bielorussia è calda, e diventa più calda da nord-ovest verso sud-est (con temperature anche ben oltre i 30 gradi).

L’autunno è breve, la temperatura diminuisce rapidamente; tempo nuvoloso, piovoso e nebbioso. Prime nevicate  tra ottobre e novembre.

I mesi migliori, in assoluto,  sono maggio e giugno. Ma moltissimi turisti ci vanno in estate.

La Bielorussia è senza sbocchi sul mare ed è nota per le architetture di epoca stalinista, le fortificazioni e le foreste vergini.

Lo stesso  presidente Alexander Lukashenko, in carica da 22 anni, ha definito autoritaria la propria politica.

Si consiglia di evitare di visitare la parte sud-est della Bielorussia, pe l’alto livello di radiazioni dopo Chernobyl  .Si consiglia di non bere l’acqua dal rubinetto, ma solo acqua minerale imbottigliata.

La bevanda nazionale è la vodka; moltissime le varietà e poco costosa. Care le birre estere.

Minsk è la capitale;

-il monumentale quartier generale del KGB domina piazza dell’Indipendenza,

-il Museo della Grande Guerra Patriottica ricorda la seconda guerra mondiale

-le chiese sono numerose; la chiesa neo-romanica dei Santi Simone ed Elena è la più visitata.

Molto suggestive le  “dacie” ; piccole case di campagna,  cottage, dotate di giardino e di orto.

Splendida la natura che offre numerosissimi nidi di Cicogne e foreste e pianure incontaminate.

La cucina bielorussa è composta da prodotti semplici: patate, funghi (gribi), frutta.

Colazione a base di vareniki; ravioli accompagnati da panna acida, formaggio fresco o frutta.

A pranzo: draniki,  fatti con patate e fette di salumi o funghi; sopra sempre la panna acida.

Gribnoy sup è la minestra d’orzo e funghi, il gribi v smetane è fatto con funghi con la panna, la kotleta po krestiansky è una polpetta di maiale con salsa ai funghi.

Molti i pesci d’acqua dolce vperché il Paese è ricco di fiumi e di laghi.

Il kvass è la bevanda ottenuta dalla fermentazione di malto, zucchero, menta e frutta.

Altro piatto tipico; la babka – sformato di patate, burro e lardo  cosparso di panna acida

Il lardo,  si chiama salo preparato con sale e glio,  servito tagliato a pezzi fini, posto su pane nero di segale

Se incappate nella burocrazia delle forze dell’ordine: mantenere  la calma e spiegare ripetutaemnte e tranquillamente la vostra versione dei fatti, non arrabbiatevi, non perdete mai la pazienza o passerete comunque dalla parte del torto.