AZERBAIJAN vacanza insolita cultura natura birdwatching artigianato terme

Una  meta poco conosciuta con una città modernissima, tanta cultura e artigianato, ma anche splendida natura, ricco di animali anche rarissimi, il paradiso per il birdwatching: l’AZERBAIJAN (CAUCASO), merita di essere conosciuto.

Baku-oggi Azerbaijan

BAKU LA CAPITALE CITTA’ MODERNA, MA HA CONSERVATO ANCHE L A PARTE  ANTICA.

Bakula-sede-del-governo-dal-1936-al-1952 Azerbaijan -300x192

Antica Baku.

TAPPETI,  LAVORAZIONE DEL METALLO, TERME E…

Baku: nuova metropolitana quasi psichedelica.

Il vecchio delle costruzioni dell’ex Unione Sovietica è sovrastato dal nuovo di giganteschi grattacieli.

shirvan-Azerbaijan

Tappeti.

flamingo_natura Azerbaijan animali varie

Natura.

Azerbaijan Ismayilli

Storia: Ismayilli.

Sul lato est (centro-sud) del Mar Caspio, l’Azerbaijan si protende nel mare con una caratteristica forma che lo fa sembrare il becco di un rapace; il cui corpo è l’entroterra dello stato.

A nord confina con la Georgia e la Russia, a ovest con l’Armenia, a sud con l’Iran.

Occupando la parte sudorientale del Caucaso, sul confine tra Europa e Asia, l’Azerbaigian gode di una posizione geograficamente e geopoliticamente vantaggiosa.
Dai tempi antichi ha svolto un ruolo importante nei rapporti internazionali sia economici che culturali.

Da tre lati, il territorio azerbaigiano è circondato dalle montagne; a nord il Gran Caucaso con la vetta più alta del paese, il Monte Bazarduzu. Nella parte sudoccidentale si trova la regione montuosa transcaucasica. A Sud s’innalzano i Monti Talish, confinante con l’Iran. La vetta più alta dei Monti Talish, in territorio azerbaigiano, è il Monte Gizyurdu che raggiunge i 2433 m.

La bassa pianura dei fiumi Kur-Arazfa del territorio azerbaigiano uno scivolo gigante in  pendenza verso il Mar Caspio, il lago più grande del mondo.

Il Mar Caspio ha più di 70 denominazioni: Mare di Khazar, Mar Caspio, Mare di Khvalynsk, Mare di Baku, Mar di Gyurgyan, Mare di Derbent.

Le coste dell’Azerbaigian si estendono per oltre 800 km e, in inverno. il mare è molto mosso e le tempeste  frequenti.

– Il Caspio ha un’influenza benefica per l’Azerbaigian: mitiga il clima, favorisce notevolmente i trasporti, è ricco di pesce, di petrolio e favorisce il turismo con: case di cura, centri di riabilitazione e strutture ricreative.

-Il fiume più importante del Caucaso è la Kur, che nasce in Turchia e attraversa il territorio georgiano e poi l’Azerbaigian, buttandosi nel Caspio.

-I magnifici boschi che formano i numerosi Parchi Nazionali, si trovano lungo le sponde del fiume Kur e sono famosi per l’aria fresca e pura.

– Il territorio azerbaigiano è disseminato di migliaia di fiumi e decine di laghi e cascate.

– La temperatura media annuale va da 14,5°C nelle zone di bassa pianura a 0°C (anche meno sulle montagne). A luglio la temperatura media nei territori in pianura va da 25-27°C a 5°C; con massime di 40-43°C.

-In Azerbaigian si incontrano: zone umide subtropicali, nevi perenni e i ghiacciai Shakhdag e Murovdag, boschi di Ismailli, Lachin, Kalbajar, convivono con le torride steppe di Mil, Mughan e Shirvan. nebbie e piogge sulle piantagioni di tè,  agrumi nelle zone pedemontane di Talish si alternano alle tiepide raffiche del vento marino Khazri che attraversa la penisola di Absheron.

FLORA E FAUNA

Prati alpestri e subalpestri, una fitta fascia di boschi ripariali, giuncheti e canneti, macchie di ninfee e loto vicino al Caspio.

-Molte le  piante officinali con proprietà curative; diffuse nell’intero territorio azerbaigiano, nelle aree desertiche e semidesertiche: Guba-Khachmaz, Sheki-Zagatala, Karabakh, Talish, ma anche nelle regioni aride.
I frutti della rosa selvatica possono essere raccolti in grandi quantità, ma anche: i fiori della camomilla caucasica, i fiori e i frutti di biancospino, timo, origano, zafferano, valeriana, menta, asperula, pimpinella.

– La foce della Kur e le rive del Caspio sono il regno degli uccelli e del birdwatching; nel bassopiano di Lankaran svernano oltre 200 specie d’uccelli migratori.

-Qui si caccia il cinghiale, ma anche il castorino, l’anatra, l’otarda minore, la folaga.

-Il Mar Caspio e la Kur sono ricchi di pesce come: salmone, storione, storione stellato, storione ladano e vi si trova anche la foca.

-4 sono le specie di serpenti velenosi; il più diffuso  è la macrovipera lebetina. Il suo veleno è una preziosa materia prima nel campo farmaceutico. Inoltre si incontrano: crotalo comune e il crotalo adamantino, le bisce d’acqua. Colubridi non velenosi: colubride di Schmidt, il Platyceps najadum, Hemorrhois ravergieri, Elaphe quatuorlineata, Elaphe dione. L’Hemorrhois ravergieri è sottile come una frusta (detto: serpente freccia) ed altri.

PARCHI NAZIONALI
Il territorio protetto è di 699.329 ettari, l’8,1% complessivo, con sette parchi nazionali, undici riserve e ventuno santuari della natura.
Parco Nazionale di Absheron
piante fluviali nelle zone paludose, sabbiose o paludose e salmastre.
-sulla terraferma: gazzelle dalla coda nera, sciacalli, volpi, tassi e lepri. Nel Caspio: foche e svariati pesci.
-Uccelli: gabbiano reale nordico, cigno trombettiere,  folaga, pantera grigia, anatra nera, moretta grigia, moriglione testarossa, beccaccia di mare, falco di palude e altri uccelli migratori.
Parco Nazionale di Ag-Gol Si estende sulla steppa di Mil, in territorio semidesertico ed è il più importante luogo per lo svernamento e la nidificazione degli uccelli di tutto il paese.
-140 specie d’uccelli
-negli ecosistemi nelle zone umide nidificano uccelli migratori, acquatici e limicoli.
Parco Nazionale di Altyaghach
Qui vivono: caprioli, orsi, cinghiali, linci, procioni, volpi, serpenti, scoiattoli, lupi e molte altre specie.
Parco Nazionale di Hirkan
-Tra le sue caratteristiche è da segnalare la presenza di: bosso sempreverde di Hirkan, alberi dal legno duro, quercia dalle foglie di castagno, fico di Hirkan, pero di Hirkan, albizia,  loto caucasico, ontano e altri.
-Fauna: leopardo, fagiano di Talish, cinciallegra, cicogna nera, aquila reale, ecc.
Parco Nazionale di Ordubad
Si tratta di un territorio montagnoso.

-Qui si può incontrare il rarissimo: leopardo asiatico, ma anche: la pecora argali, il muflone, l’egagro, l’aquila di mare dalla coda bianca, l’aquila reale e la grande otarda.

Parco Nazionale di Shakhdag
Qui troviamo: il tasso, la betulla, il frassino, il salice, il melo, il pero, il susino, e una molteplicità di piante che producono bacche.
Tra gli animali: cinghiali, lepri, orsi bruni, procioni, volpi, lupi, tassi, linci, scoiattoli, cervi, ecc
Uccelli: quaglie, tordi, colombacci, picchi, succiacapre, rigogoli e altri.
Parco Nazionale di Shirvan
-Il paesaggio è semidesertico e va segnalata la presenza delle gazzelle gozzute e altre specie di flora e fauna di questa unica zona.
-Tra gli anfibi: il rospo smeraldino, la raganella, la rana verde maggiore
-Rettili: la testuggine d’acqua, la tartaruga greca, la tartaruga caspica, la lucertola striata, la biscia comune e la biscia d’acqua, il colubro lacertino, la macrovipera lebetina, il Pelobates syriacus.
-Ma si trovano anche: cinghiali, i rari lupi rossi, volpi, tassi, gatti della giungla, lepri comuni, sciacalli e rare specie d’uccelli.
Parco Nazionale di Goygol
Caratteristica di questo parco sono i laghi contornati da boschi montani con: faggi, querce e carpini;  boschi di querce e betulle, sorbo selvatico, rosa selvatica, caprifoglio e altro.
-Animali: caprioli, il cervo del Caucaso, la capra del Caucaso orientale, l’orso bruno, la lontra, la donnola, la martora e altri animali.
-Uccelli più caratteristici: il gipeto, l’avvoltoio monaco, il tetraogallo del Caucaso e il chukar.

Riserva di Besitchay
L’età media degli alberi è di 170 anni, ma vi sono anche esemplari vecchi di 1200/1500 anni. SI TRATTA DEL BOSCO DI PLATANI PIU’ ESTESO AL MONDO.
Riserva di Garagol Il lago Garagol si è formato nel cratere del vulcano spento, la sua flora comprende 102 specie e sottospecie di piante, appartenenti a 68 generi e 27 famiglie.

Riserva di Garayazi La riserva comprende 9.658 ettari di superficie nella golena della  Kur e nella bassa pianura di Garayazi, con: salici, crespini, elaeagnus, biancospino, il pioppo bianco, la quercia, l’ontano, la robinia, boschi di querce, pioppi, acacie, olmi, pioppi tremuli e salici.

-Animali: cervi, cinghiali, lupo, sciacallo, gatto della giungla, donnola, faina, lepre comune, riccio, e nutria. Tra gli uccelli ; l’aquila di mare a coda bianca, la cicogna nera, la grande otarda e il fagiano.
Riserva di Gizilagach 240 specie di uccelli, e più di 50 specie di pesci, per un clima mite subtropicale con fitti canneti e giuncheti .
Inclusa nella lista dei 12 territori acquatico-palustri della Convenzione relativa alle zone umide di importanza internazionale quale habitat per uccelli acquatici; qui svernano enormi stormi di uccelli migratori: anatre e cigni, oche e galline prataiole, pellicani crespi, fenicotteri rosa e rossi, pollo sultano viola (con una meravigliosa tavolozza delle piume).
Riserva di Zagatala Boschi di faggi, carpini, querce, aceri, tigli, castagni, cachi e altro.
-Animali: la capra del Caucaso orientale, il camoscio, il capriolo, l’orso bruno, la volpe e la lince, il gufo, il gheppio, il capovaccaio, il grifone, l’avvoltoio monaco, il gipeto, l’aquila reale, il falco pellegrino.
Riserva di Ilisu Querce, faggi e carpini, frassini, aceri, noci, salici e alberi da frutto selvatici: il melo, il pero, il ciliegio, il nocciolo turco, il loto, il castagno, la rosa canina dell’Azerbaigian e molti altri qui sono protetti, insieme all’orso e al capriolo, il cervo, la capra del Caucaso orientale, il cinghiale, il lupo, la volpe, lo scoiattolo, il tasso, il procione, la lepre, il riccio.

Riserva di Turyanchay

Tra le piante: il melograno comune e il ginepro odoroso.

Gli uccelli: il chukar, il piccione, la tortora, il gheppio, il grifone e l’avvoltoio monaco. I mammiferi: cinghiale, l’orso bruno, il tasso, la faina, la lince, lo sciacallo, il gatto selvatico, la lepre, ecc…
Riserva Statale Di Shahbuz Il paesaggio è montano e di campagna.
-Flora: piante officinali e querce; fauna: uccelli come pernici e usignoli, e mammiferi come l’orso bruno, il tasso, la lince.

Riserva Naturale Nazionale “Pino di Eldar” Luogo unico al mondo per quanto concerne l’insediamento naturale del pino di Eldar.
Riserva Naturale Statale Kerchay Il suo territorio è di 4.833,6 ettari nella Regione di Goranboy e possiede rari ecosistemi.

SANTUARI NATURALI STATALI
Numerosi e tutti interessanti per la protezione del territorio

MONUMENTI GEOLOGICI
Le rocce più antiche risalgono al paleozoico inferiore.  L’epoca delle rocce montane dell’Azerbaigian va da 570 milioni di anni (scisti, rocce metamorfiche) sino alle più nuove formazioni marine (calcare, limo, sabbia, ciottoli). Famosi i sedimenti sarmati nello Shakhdag, che si sono conservati a 3.600 metri.

-Molto originali sono i vulcani di fango nella penisola di Absheron.

POZZI DI PETROLIO: nell’antichità qui le popolazioni praticavano una religione detta zoroastrismo; il fuoco era venerato come sacro, dato che veniva dalla terra spontaneamente e senza spiegazioni naturali, per l’epoca; poi si sono scoperti i pozzi de petrolio e oggi la regione è ricca grazie a questa fonte.

Già alla fine dell’Ottocento, il petrolio di Absheron veniva estratto tramite pozzi scavati a mano. I pozzi antichi si sono conservati presso i villaggi di Khirdalan, Balakani, Binagadi, Fatmai e Hokmeli.

Le fuoriuscite del gas naturale furono divinizzate come luoghi di culto; i pellegrini provenienti dall’India vi costruirono un tempio del zoroastrismo.

Bocche di gas metano si vedono anche nei crateri dei vulcani di fango attivi, sul versante meridionale dell’altopiano Gyzylgaja, a 2200 m sul livello del mare, qui fuoriesce il gas naturale, le cui fiamme creano un paesaggio irripetibile.

Il monte Kapaz, di calcare del giurassico, attira i turisti per la sua bellezza. Fonti di acque minerali sono  monumenti idrogeologici. Nel territorio azerbaigiano, sono stati scoperti oltre 10 tipi di sorgenti minerali. La maggior parte delle sorgenti di acque minerali emette gas di zolfo, carbonio e solfuro di carbonio e le acque si utilizzano per la cura di malattie reumatiche, dello stomaco, l’intestino, della pelle e per curare il sistema cardiocircolatorio. Tra le tante sorgenti minerali  curative segnalaimo anche: Darydag, Sirab, Badamly, Turshsu, Shirlan-Istisu, Slavianka, Agkerpju, Khaltan, Khashi, Gimi, Khalkhal, Beshbarmag, Girkbulag.

CASCATE E ACQUE
In territorio azerbaigiano esistono due tipi di cascate: quelle perenni tipiche dei fiumi di montagna e quelle temporanee. Tra le maggiori: Afurja (fiume Velvele), Michig (Damiraparan), Khamzali, Katek, Kirintov e Sarygun (Kish) e Ilisu (Kurmuk). ANCHE I LAGHI SONO DI UNA INCOMPARABILE BELLEZZA.

LA CAPITALE MODERNISSIMA, RICCA DI GRATTACIELI E CON UNA PREZIOSA ZONA ANTICA

Baku oggi

Baku si estende tra colline e il mare. Città moderna, emergente,ma anche antica e viva. Il suo nome in farsi significa città dei venti, mentre in turco significa città capitale.

Per conoscere Baku è bene iniziare dalla baia dalle acque cangianti, ora grigio-madreperla, ora azzurre, ora grigio piombo.

E anche possibile camminare lungo la costa per i 4 chilometri del parco nazionale (gli abitanti lo chiamano Boulevard).
I viali del parco sono ricchi di: castagni, rododendri, platani e palme, mentre chi lo desidera può andare in barca per i canali della cosiddetta “Venezia di Baku”, con le sue isolette.

Caratteristica la fontana con musica e colori; vi si ascoltano musiche classiche, opere di compositori azerbaigiani e stranieri.

Di fronte al Centro Museale c’è un’altra fontana musicale: i getti d’acqua puntano in alto, si contorcono e s’intrecciano creando “magiche danze” al ritmo di musiche di Tchaikovsky, Strauss e Sviridov, del mugham di Alim Gasimov.

Una funicolare porta al Parco montuoso di Kirov, dal quale si può ammirare un bellissimo panorama.

-La Città Vecchia (Icheri Sheher) è il posto più interessante di Baku: un labirinto dove si rischia di perdersi. Qui furono girate le scene di film molto famosi e popolari come: “Crociera di lusso per un matto”, “Nido di spie”, “Uomo anfibio”.

La Città Vecchia è un museo a cielo aperto: moschee, caravanserragli, torri orientali, case e monumenti unici come la Torre della Vergine e il Palazzo degli Shirvanshah. I venti forti e le calde estati hanno determinato il carattere particolare delle costruzioni nella Città Vecchia; le case sono addossate le une alle altre, con innumerevoli stradine e vicoli ciechi

La Città Vecchia è stata decretata dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

L’attuale via Boyuk Gala fu il centro della vita sociale e il luogo più animato della cittàe. Oggi vi si trovano negozietti che vendono souvenir e tappeti, gallerie d’arte e il celebre ristorante “Karavan-sarai”.
Il complesso del Palazzo degli Shirvanshah, costruito nel XV secolo, conferisce alla Città Vecchia particolare bellezza. Nella Città Vecchia la Torre della Vergine (Giz Galasy) è divenuta il simbolo di Baku

LE SPIAGGE DI ABSHERON

La penisola di Absheron, da tempo ha fatto innamorare di sé i turisti per le sue spiagge, i moderni alberghi costruiti recentemente e i villaggi turistici

-La stagione balneare inizia a metà maggio e termina a metà settembre. Spiagge bellissime si susseguono lungo tutta la costa della penisola.
A nord troviamo le località balneari di Novkhany, Bilgah, Pirshaga e Zagulba; a nord-est Buzovna, Shuvalan e Mardakan; a sud Sahil, Govsan, Shihovo.

Le più famose sono Mardakan, Novkhany e Zagulba.

Gobustan

Il Gobustan, territorio collinare di dirupi e burroni, situato a 60 km da Baku. Qui si incontrano testimonianze del passato come: raffigurazioni rupestri, grotte e insediamenti di uomini preistorici e manufatti artigianali di grande qualità.
– Nel Gobustan ci sono più di quattromila raffigurazioni rupestri: persone, animali, scene di lavoro, di caccia in gruppo e di danza. Si tratta di petroglifi, ovvero di “incisioni sulla pietra”: del X-VIII millennio a.C..
Gli uomini sono in tenuta da caccia con archi e frecce; alti, slanciati e con una muscolatura ben sviluppata. Delle donne si esagerano i fianchi e i seni. La donna è intesa come simbolo del bene e della prosperità, prosecutrice della specie.

-Le incisioni rupestri raccontano la danza popolare azerbaigiana di girotondo Yalli, la caccia con vari tipi di armi, il raccolto, i combattimenti tra animali, l’attacco dei predatori agli erbivori, ecc.

-Il sole, le stelle, le croci, i carri a due ruote, i pesci, i serpenti, le lucertole e le tavolette da gioco rappresentati sulle pareti ci danno un’idea della varietà dei disegni.

-Della medesima epoca le barche fatte di canne intrecciate

-Lo scienziato norvegese Thor Heyerdahl venne nel Gobustan per conoscere i disegni delle barche tipo “Tigris” e osservò che, a differenza di altri luoghi, nel Gobustan il sole non viene raffigurato sull’albero della barca, ma a prua. Questo lo portò a pensare un legame tra i popoli della Norvegia e dell’Azerbaigian
-Vi è una roccia con un’incisione in latino che testimonia la presenza di una centuria romana nel Gobustan nel I secolo d.C.
I Dintorni di Baku

Amirajan

Circondato su quattro lati da colline e ubicato esso stesso su una collina, il villaggio di Amirajan, un tempo si chiamava Khila, dal nome della tribù locale.

Tra edifici ad uno o due piani che si sviluppano orizzontalmente, risalta il profilo della moschea, fatta costruire dal mecenate M. Mukhtarov, con due minareti verticali alti 40 metri.

Buzovna

Il villaggio di Buzovna, ubicato a 38 km da Baku, è formato da tre quartieri: Tapinti, Dashli e Nazranli. Tapinti è il quartiere superiore del paese, Dashli quello inferiore e Nazranli quello centrale.

Durante il regno dello Shirvanshah Khalilullah (1487) vi furono costruiti palazzi sontuosi. Ci sono ancora i resti del famoso parco “Khan bagi”, un tempo appartenente all’avo Abbas Gulu Aga Bakikhanov, sultano di Baku, figlio di Dergah Gulu Bey Geibat. Le rovine dei monumenti storici risalgono ai secoli XIV-XIX. Nel 1306, nel villaggio venne costruito il mausoleo-santuario di Garapaltar.

Ricordiamo ancora il bacino di raccolta delle acque, il mulino, le terme, il mausoleo, il palazzo dei Khan di Baku a Khan bagi, costruito nel 1758-1759. Secondo una testimonianza, nel villaggio erano state costruite diverse torri difensive, i cui resti sono giunti fino a noi. A Buzovna ci sono quattro moschee dei secoli XVI-XVII, l’antico santuario di Alyagi e una moschea del XX secolo, meta di pellegrini provenienti da tutte le regioni dell’Azerbaigian, e da altri paesi.

Gala

Gala, uno dei villaggi più antichi della penisola di Absheron, ed è situato nella zona centrale della penisola. Qui il clima è più caldo e secco.
-Nell’antichità il villaggio era attraversato da un’animata carovaniera che andava dal porto marittimo nord-orientale nella penisola di Absheron a Baku.

– Prodotto tipico era l’allevamento degli ovini, producevano lana, ma gli abitanti si occupavano anche dell’estrazione del sale; allora Gala era famosa per i suoi laghi di sale.
A Gala vi sono numerosi monumenti storici: la moschea del Venerdì, sei moschee rionali, le terme, sotterranei, mausolei e bacini di raccolta dell’acqua; di questi il più antico si trova nel cimitero. Fu costruito al tempo dello scià Abbas II nel 1665.

-Tra le terme ricordiamo quella di Shor khamami (terme salate), vicino al lago salato, le cui acque erano usate per fini curativi. Alcune terme antiche sono ancora oggi funzionanti.

-La torre di Gala del XIV secolo è simile alle torri quadrangolari di Mardakan e Raman. Oggi della torre resta soltanto una parete alta 2-3 metri.

Mardakan

Mardakan è uno dei centri abitati più grossi nei pressi di Baku e uno dei villaggi più antichi nella penisola di Absheron.

Deve il suo nome alla tribù dei Mardi, stabilitasi qui nei primi secoli dopo Cristo.
Sulle rocce adiacenti è possibile vedere incisioni rupestri raffiguranti capre e archi risalenti all’età del bronzo.

– I monumenti più belli di Mardakan sono i suoi due castelli: uno con torre tonda al centro, e l’altro con torre quadrilatera. Queste torri sono solo una piccola parte di una catena di torri e altre fortificazioni di Absheron, che si estendeva su tutta la penisola.

Mardakan e il vicino villaggio di Shuvalan sono le località dove gli abitanti di Baku erano soliti costruire le loro dacie. Questa tradizione risale alla fine del XIX secolo quando i milionari, arricchitisi con il petrolio, cominciarono a costruire ville lussuose a Mardakan.
Erano attratti dal microclima favorevole di questi luoghi, dai frutteti e dai campi. Mardakan è una località balneare e climatica.

–Sono sempre attivi i centri di cura, creati durante il regime sovietico, dove gli ospiti vengono curati con fanghi naturali e acqua di iodio e bromo.
Oggi, sulla riva del mare, sono stati realizzati centri benessere moderni e confortevoli.

Surakhany

Il villaggio di Surakhany si trova tra i campi petroliferi attivi. Fin dall’antichità Surakhany era abitata dai Tati di lingua farsi e il termine Surakhany deriva dal loro lessico. Surakhany vuol dire “sorgente che zampilla da un buco”.

Un tempo in Azerbaigian lo zoroastrismo (adorazione del fuoco) era la religione principale. A Surakhany il tempio degli adoratori del fuoco esisteva molto prima del XVII secolo, quando venne eretto il tempio degli adoratori del fuoco di Ateshgah, giunto fino a noi.

L’isola Pirallahi
L’isola Pirallahi, grazie alla presenza di acqua potabile, è stata abitata fin dall’antichità.

Già nel primo secolo dopo Cristo gli storici romani Pomponio Mela e Caludio Tolomeo scrivono che nel Caspio c’è l’isola Talhe con acqua potabile, e che in questa terra sacra cresce moltissima frutta e verdura.

L’isola Talhe che s’incontra nei documenti antichi è proprio l’isola Pirallahi. Durante il califfato arabo, l’isola si chiamava Pirallahi.

Nel 914 gli slavi che avevano invaso la costa del Mar Caspio conquistano e saccheggiano alcuni centri abitati, tra cui l’isola Pirallahi.

— Nel 1723, durante le crociate verso sud dello Zar Pietro I, i marinai russi indicano sulla mappa l’isola di Pirallahi con il nome di “Santa”.

–Durante il regime sovietico l’isola è denominata Artyom, riacquistando la sua denominazione iniziale nel 1991. L’estrazione di petrolio, ha interessato anche, seppur in quantità non significative, l’isola Pirallahi.

Nardaran

Villaggio caratteristico a 25 km da Baku.

Uno dei monumenti più importanti è il castello di Nardaran, fortezza medievale; fu costruito nel 1301. L’iscrizione sulla parete cita il nome dell’architetto, Mahmud ibn Saad, che costruì anche la moschea di Bibi- Heybat e di Molla Ahmed a Baku. Per la soluzione costruttiva e compositiva il castello, ricorda il complesso del Palazzo degli Shirvanshah a Baku.
A Nardaran si trovano ancora i resti di alcune moschee antiche. La più interessante è la moschea di Hajji Bakhshi, costruita nel 1663 dall’architetto Murad Ali, in cui la cupola della sala delle preghiere poggia su quattro eleganti colonne.

-Da segnalare anche le terme Khan Khamami, caratterizzate dalla particolare precisione delle forme architettoniche e costruite nel 1388 dall’architetto Kashtasif Musa oglu, il caravanserraglio del XVII secolo e la moschea Pirsaid (1363-1364) , tutti monumenti storici di Nardaran.

Sumgayit

Sumgayit, è città industriale, il clima secco e di tipo semidesertico. In gennaio si registra la temperatura più bassa, -13°C, ed in agosto quella più alta, +40°C.
Le precipitazioni hanno luogo prevalentemente in autunno-inverno.
Sono frequenti i venti del nord.

–La città è attraversata dal fiume Sumgayitchay. Il letto del fiume è sempre asciutto, si riempie solo dopo forti piogge.
La vegetazione naturale nei pressi della città è costituita da assenzio e piante botaniche; in collina, tra i canneti, vivono animali della steppa, quali volpi, sciacalli, lepri, lupi e uccelli (anatre, piccioni, stornelli, tarabusi, folaghe).

— Manufatti in ceramica, vasellame, stoviglie e monete, rinvenuti durante gli scavi di fondazione dell’edificio sede dell’attuale esecutivo, hanno dimostrato l’esistenza di un antico insediamento.

Nel XX secolo gli abitanti di Baku soffrirono la mancanza d’acqua potabile. Le autorità furono costrette a costruire sulla riva del Caspio un impianto per dissalare e purificare l’acqua marina.

la Regione di Shirvan

–Shirvan è uno dei centri famosi per la tessitura dei tappeti azerbaigiani.
Shirvan, Gobustan, Shamakhi, Agsu, Ismailli, Kurdamir, Goychay, Ujar, Agdash, Zardab
Shirvan è una regione d’importanza storica in Azerbaigian, a nord-ovest di Baku.

-Qui vi fu uno dei regni più famosi dell’Azerbaigian, il regno degli Shirvanshah con capitale a Shamakhi. Il loro regno durò fino al XVI secolo ed ebbe un ruolo importantissimo nella storia medievale dell’Azerbaigian.

— I tappeti di Shirvan si caratterizzano per la ricchezza di elementi decorativi, che spesso formano piccole zone di colore, producendo l’effetto mosaico. Le raffigurazioni di foglie, decori che richiamano la lettera S, rosette e triangoli sono i motivi caratteristici dei tappeti di Shirvan.

La regione di Shirvan è spesso denominata Gulistan, ovvero “aiola”, famosa come località di montagna adatta in tutte le stagioni dell’anno e capacità fisiche; dalle passeggiate a piedi alle arrampicate estreme, alle scalate su cascate ghiacciate.

Qui si trovano fabbriche e stabilimenti, ma anche l’allevamento del bestiame e degli ovini. Lungo le rive del fiume Kur, ci sono buone possibilità per la caccia e la pesca. Tra gli antichi mestieri ricordiamo la tessitura dei tappeti, l’incisione della pietra e la produzione di ceramiche.

Gobustan

Il distretto del Gobustan si trova a est di quello di Shamakhi.
Il distretto è situato sull’arteria stradale Baku-Gazakh. Gobu in azerbaigiano significa “burrone”.
Da qui la denominazione “Gobustan”, ovvero terra di burroni e dirupi.

— Qui in primavera fioriscono gli iris rosso porpora, grossi papaveri e margherite.

Non lontano da Maraza, c’è una fonte di acque minerali salmastre. I turisti sono attratti dai labirinti di grotte dall’altro lato di Maraza, collegati tra di loro da passaggi e bocche d’accesso intrecciate ingegnosamente. E’ un vero e proprio sistema di gallerie, attraversamenti, labirinti sotterranei, costruito ancora nel Medioevo. Pascoli estivi e invernali creano condizioni favorevoli per l’allevamento degli ovini. Il distretto è uno dei principali centri di tessitura di tappeti. Sono famosissimi tappeti locali quali Maraza, Nabur, Chukhanli, Jigirli e Jemjemli.

Shamakhi

Non ci sono freddi intensi o estati afose.

— Nei villaggi di Demirchi e Archiman, la tessitura dei tappeti e la forgiatura dei metalli sono antiche tradizioni che continuano a essere tramandate.

Il distretto di Shamakhi è il cuore della regione di Shirvan. Il capoluogo del distretto, Shamakh non è attraversato dalla ferrovia. C’è una strada statale di 34 km. La maggior parte delle merci trasportate attraverso questo territorio avviene tramite il settore di trasporto non convenzionale.

Conferiscono particolare fascino la natura del tutto speciale, il clima mite e le sorgenti di acque minerali.

La neve cade 40-80 giorni all’anno (max. 30-50 cm). Da primavera fino in autunno l’alta montagna è rallegrata da boschi di latifoglie (quercia, faggio, carpine), e da prati e cespugli. Nei boschi vivono innumerevoli animali e uccelli. Ricordiamo il capriolo, il cinghiale, l’orso, il gatto selvatico.
– Qui troviamo una delle vette preferite dagli alpinisti di Baku, il monte Babadag, dove nascono i fiumi Garachay, Velvelichay, Girdimanchay. D’inverno è possibile praticare lo sci alpino, mentre in estate si possono fare divertenti passeggiate a cavallo.

— La pittoresca località di Girkh-bulag, è caratterizzata da moltissime fonti con acqua di sorgente e tra le querce e i carpini crescono il melo selvatico, il pero, la mirabella, il nocciolo e il corniolo. Nel bosco vivono renne, capre, cinghiali, volpi e lupi. Oltre il bosco, a nord inizia la gola con sorgenti d’acqua sulfurea. Gli scavi archeologici hanno dimostrato l’esistenza di un insediamento risalente a 2500-3000 anni fa.

Shamakhi, città dell’Albània Caucasica, viene menzionata negli scritti dello storico greco Tolomeo.

–Fin dall’antichità Shamakhi è nota per i suoi giardini e i tessuti di seta. Il nome della città è stato cambiato innumerevoli volte e s’incontrano anche nomi quali Shirvan, Sharvan, Khairvan, Ashmakh, Shah-Makh, Shamukh e altri ancora.

L’Osservatorio astrofisico di Shamakhi è situato tra i contrafforti orientali del Gran Caucaso, 22 km a nord-ovest della città di Shamakhi, a un’altitudine di circa 1435 m. L’Osservatorio si occupa principalmente di tre discipline: fisica del Sole, fisica delle stelle variabili, fisica e dinamica dei corpi del sistema solare. L’Osservatorio è dotato di telescopi di prim’ordine: telescopio-riflettore con diametro dello specchio di 2 m, telescopio fotoelettrico stellare, telescopio orizzontale solare, ecc.

-E’ altresì sviluppata la viticoltura e la produzione di vino. Inoltre, l’avicoltura è uno dei settori in crescita.

— Nel piccolo villaggio di Jangi, situato all’uscita della strada di Shamakhi in pianura, i turisti possono conoscere abili maestri che tessono i famosi tappeti Shirvan, Gobustan, Shamakhi, Israfil, Arjiman.

Nelle famiglie dei pastori si fanno a maglia i jorabi, calzettoni colorati di lana, decorati con motivi nazionali.

Agsu

— Oggigiorno, nonostante le difficoltà, a Lahich ci sono ancora artigiani locali che portano avanti il mestiere dei loro antenati: ramai, conciatori, cesellatori, vasai, fabbri, papakhchi (artigiani che fabbricano antichi copricapo), intarsiatori, incisori di legno e metallo.


Sulla strada che porta a nord-est da Kurdamir in direzione Shamakhi, a 37 km da Shamakhi, sulla riva del fiume Agsu, troviamo la città di Agsu, capoluogo del distretto omonimo.
Il territorio non è attraversato dalla ferrovia.

E’ percorso per 38 km dalla strada statale Baku-Gazakh, e per 18 km dalla strada Agsu-Kurdamir. Il territorio è caratterizzato da monti e pianure.
In inverno e in estate la temperatura media è di +13/14°C, l’umidità è del 50-81%, le precipitazioni raggiungono i 400- 800 mm annui.
In Azerbaigian ci sono molti fiumi denominati Agsu. Si chiamano così semplicemente perché nascono da monti innevati. Agsu significa acqua pulita, trasparente.

A Dilman c’è una veduta bellissima delle cascate Durchay, dove nasce il ruscello Gurju. Quando il cielo è limpido c’è una vista straordinaria sulla vallata di Shirvan. Quando la nebbia avvolge il valico, chi lo attraversa ha la sensazione di trovarsi tra le nuvole.

Nel distretto ci sono impianti per la trasformazione dell’uva e dei bozzoli del baco da seta.

— Agsu è famosa per i tappeti birjo, hashed e pirsaganli.

A 4 km dalla città, c’era un tempo il villaggio Eni Shamakhi. Nel 1734, lo scià persiano Nadir, dopo aver distrutto Shamakhi, ordinò ai sopravvissuti di trasferirsi là. Si sono conservate le rovine di questo villaggio che i locali chiamano Haraba-sheher. Tra gli antichi mestieri ricordiamo la tessitura dei tappeti e la forgiatura dei metalli. A Gasad e Bidjo gli abitanti sono dediti alla tessitura dei tappeti.

Ismailli

Lahich Piccola cittadina circondata dai monti, e uno dei più interessanti centri artigianali dell’Azerbaigian, da sempre famosa per la produzione di armi e utensili cesellati in rame.

Gli utensili e le armi degli artigiani di Lahich erano particolarmente richiesti in tutto il Caucaso. Da qui partivano per tutto il mondo giachi a doppia maglia, armature resistenti e lame di straordinaria qualità: tutte lavorazioni molto raffinate.

A Lahich, il sistema centrale di fognatura funziona dal VI secolo. Gli abitanti locali dicono con orgoglio che è uno dei sistemi fognari più antichi del mondo.

Gli scarichi di tutte le abitazioni vengono convogliati in un enorme tubo e inviati lontano nella gola della montagna. Proprio come nella Roma antica.

— Le case, costruite nel XVIII sec., sono davvero particolari. Alcune file di pietre si susseguono ad uno strato di legno allo scopo di evitare la distruzione dell’abitazione in caso di terremoto; il legno infatti riduce la forza delle scosse e in un certo qual modo le ammortizza. Grazie a questa tecnica sui generis di costruzione delle case, a Lahich non si è mai verificato un crollo.

Situato sulle pendici meridionali dei monti del Gran Caucaso, circondato da boschi e montagne, il distretto di Ismailli è uno dei più affascinanti dell’Azerbaigian.

Il territorio è fondamentalmente montuoso e non c’è la ferrovia, ma solo le strade statali Mughanli-Ismailli e Garamariam-Ismailli- Sheki.

Le principali risorse naturali sono i giacimenti di argilla e le sorgenti di acque minerali.
— La natura, i fiumi montani, le superfici boschive, i monti, i laghi naturali ed artificiali, le cascate, la flora e la fauna lasciano un ricordo indimenticabile a tutti coloro che visitano questi luoghi.

La temperatura media di gennaio è -0,1°C in pianura e -0,7°C in montagna. La temperatura media di luglio è rispettivamente +25,6°C e +20,5°C. In media le precipitazioni annuali raggiungono i 584 mm.

–Ci sono le cascate di Galajig, Chaigovushan, Istisu, Burovdal, Mudrusa. I fiori all’occhiello del territorio sono tre laghi naturali, disposti uno vicino all’altro, sul monte Babadag a 3.400- 3.500 m., e due laghi artificiali vicino ai villaggi di Kudmashi e Ashigbairamli.

—Questi laghi offrono buone opportunità per gli appassionati di pesca.

Nei boschi troviamo lo stambecco, il cervo, il capriolo, l’orso, il cinghiale, la volpe, lo scoiattolo, la lince, il lupo, il procione, il gatto selvatico, il gallo cedrone, l’aquila e molte altre specie di animali e uccelli.

Kurdamir
Il distretto di Kurdamir, istituito nel 1930, si estende sulla bassa pianura del Kur-Araz (pianura di Shirvan), lungo la riva sinistra del fiume Kur. Lungo questo fiume troviamo i boschi.

Il clima è subtropicale con estati calde.

Gli animali che vivono in queste terre sono il lupo, la volpe, lo sciacallo, il cinghiale.

Tra gli uccelli ricordiamo il fagiano, il francolino, l’oca, l’anatra, ecc.

La temperatura media in inverno è di -5°C, mentre a luglio oscilla tra +35°C e +40°C. Le precipitazioni medie annue raggiungono i 250-300 mm.

Villaggio di Shahargah; cittadina medievale situata vicino ad Arabgubali. Al 13° km dell’autrostrada Baku-Gazah ci sono i resti dell’antica città di Shirvan. In questo luogo, durante gli scavi archeologici, sono state ritrovate monete, brocche, oggetti d’uso quotidiano e frammenti delle mura di cinta della città. A Sigirli troviamo l’antico insediamento di Garatepe e un antico cimitero risalente all’inizio del Medioevo.

L’economia si basa fondamentalmente su coltivazione del cotone, orticoltura e viticoltura.

Il distretto di Kurdamin è famoso per il vino Shirvanshahi.

L’industria manifatturiera è sviluppata.
Ci sono impianti per la produzione di succhi e bevande.
E’ in costruzione un caseificio e una fabbrica per la produzione di ascensori.

Vengono tessuti i seguenti tipi di tappeti: Azerbaigian, Guba, Karabakh, Piravadi, Golu Chichi. Sono da sempre rinomati i tappeti Shilan, il cui nome deriva dall’omonimo villaggio.

— A Mollakend, sulla riva della Kur, a 25 km dal capoluogo, troviamo il centro di cure Ulusu (prima Shefget) che utilizza per fini curativi l’acqua arricchita di radon della sorgente calda che zampilla a Jarli.

Goychay

Il capoluogo, Goychay, deve il suo nome all’omonimo fiume sulla cui riva è situato.
L’acqua del fiume è limpidissima e azzurra.
Il distretto di Goychay si trova al centro dell’Azerbaigian, nella parte settentrionale della pianura di Shirvan, ai piedi dei monti del Gran Caucaso.
Il territorio si divide in due diverse aree geologiche: montagna e pianura. L’area montana comprende Bozdag e l’altipiano del Garamaryam, mentre l’area di pianura include tutte le restanti zone.

-Il clima è secco, di tipo semidesertico e sub-continentale. Gli inverni sono miti e le estati calde e secche. Le precipitazioni annuali raggiungono i 400-600 mm.
La fauna non è molto ricca.

Ogni anno, a partire dal 2006, alla fine di ottobre a Goychay si svolge la “Festa del melograno”; la strada che porta alla piazza principale tradizionalmente viene decorata ai lati con ceste di melograni maturi, succosi e lucidi.

Viene allestito anche un mercato del melograno dove è possibile conoscere la produzione di melograni delle aziende “Goychaysud”, “Goychay-cognac”, “Goychay-konserv”, e della fabbrica di prodotti alimentari di Goychay.

Durante la festa viene organizzato il concorso per il melograno più grande e ai vincitori vengono consegnati premi di valore.

Come sempre, nel giorno della festa a Goychay giungono le stelle del varietà dell’Azerbaigian; un grande concerto, con canti, danze e fuochi d’artificio chiude la festa.

Ujar
Il distretto è situato nella pianura di Shirvan. Il territorio è attraversato dalla ferrovia Baku-Tbilisi e dall’autostrada Baku-Gazakh.

— Il distretto si trova sull’antica Via della Seta.

Il territorio è al di sotto del livello del mare.

Il clima è semidesertico, caratteristico della steppa, con estati calde. In inverno la temperatura media oscilla tra -5°C e -10°C, d’estate tra +30°C e +38°C.

Il nome di Ujar viene menzionato dal poeta azerbaigiano Shirvani (XV sec.) nelle sue opere. Si presume che il nome derivi da quello dell’antica tribù degli Uchari, che visse a Shirvan. Secondo un’altra teoria, il nome deriva dalla parola ujgar (periferia), in quanto benché oggi si trovi al centro del distretto di Ujar, in realtà nel passato la città si trovava nella parte più periferica di Shirvan. Nel libro del geografo arabo Al-Sitakrin “Le vie del paese”, Ujar viene menzionata come città medievale.

Agdash
Il distretto di Agdash occupa la parte nord-occidentale della pianura di Shirvan. Il distretto è attraversato dalla linea ferroviaria Baku-Tbilisi. Qui scorrono il canale principale di Shirvan e il canale superiore di Shirvan. La riserva di Turianchay si estende prevalentemente tra i fiumi Alinjachay e Turianchay. In questa riserva troviamo essenze di alberi resistenti alla siccità, tra cui il famoso pino di Eldar. La flora e la fauna sono molto diversificate. Ci sono 11 specie di mammiferi, 10 specie di rettili, 95 specie di uccelli, 800 specie di piante. La temperatura media in inverno oscilla tra -1°C e -3°C, mentre in estate tra +30°C e +35°C.

—Fin dall’antichità l’uomo si stabilì in queste terre grazie alle favorevoli condizioni naturali e climatiche.

-Lo scrittore greco Strabone (I sec. a.C.) nei suoi scritti parla di popoli che vivevano qui e che si occupavano di attività economiche, dell’utilizzo del tratto alto e medio del fiume Turianchay per finalità economiche e per la navigazione.

Dai tempi più remoti questo territorio è stato dedito all’agricoltura, all’allevamento del bestiame, e alla coltivazione del frumento di qualità, con particolare diffusione della coltivazione del cotone.

Nel tardo Medioevo questo territorio si chiamava Arash. Questa città viene menzionata nelle opere di Evliya Chelebi, Sharafkhan Bidlisi, Connely de Bruin, Anthony Jenikson, ecc.

— Situata sulla carovaniera, in Medio Oriente Arash era famosa per le sue sete. All’inizio del XVII secolo la città era costituita da 10 mila case e 800 botteghe.

Zardab
Il distretto di Zardab è situato in territorio pianeggiante, a sud-ovest di Shirvan.
La maggior parte del territorio si trova sotto il livello del mare.
Il clima è di tipo steppico secco.
L’area è attraversata dai fiumi Kur e Garasu. La temperatura media in gennaio è di +1,8°C, mentre in luglio è di +30,2°C.

La vegetazione è di tipo semidesertico. I boschi ripariali si estendono sulle rive del fiume Kur. La fauna è rappresentata da animali quali il lupo, la lepre, la volpe, la gazzella gozzuta, il cinghiale, la pernice e il fagiano. Il capoluogo è la città di Zardab.
Il villaggio di Zardab viene menzionato nei documenti a partire dal 1578. La popolazione locale da sempre si occupa dell’allevamento del bestiame e della coltivazione di piante.

— In passato Zardab aveva un’importanza strategica, in quanto si trovava nel punto di incrocio di strade funzionali.

In città c’erano 500 case e vicino al villaggio Alvand passava una delle carovaniere.
Zardab è la patria del celebre scrittore azerbaigiano Hasanbek Zardabi, che nella metà del XIX secolo fondò il primo giornale azerbaigiano “Ekinchi” (Contadino). I ponti sui fiumi Garasa e Kur collegano il capoluogo con Agjebedi e, in generale, con il Karabakh. A partire dagli anni ’60 del XIX secolo si assiste allo sviluppo della coltivazione del cotone, della pesca e della produzione della radice di liquirizia.

Informazioni anche da http://www.azembassy.it/?page_id=479

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*