Archivi categoria: Intestino problemi

Salute – INTESTINO e BUONA SALUTE -4 giugno incontro aperto a tutti

Parteipazione  libera e gratuita, – ma è necessario

iscriversi

EQUILIBRIO TRA “SISTEMA INTESTINO” E ORGANISMO UMANO

QUANTO PESA PER LA NOSTRA SALUTE ?

Nel nostro intestino risiedono 100 trilioni di batteri

Quando questo equilibrio è alterato …

Convegno dedicato al pubblico

Il 4 giugno si parlerà di microbiota e benessere presso il Polidiagnostico Synlab CAM di Monza, durante un convegno rivolto al pubblico e patrocinato dall’Ordine dei Medici di Monza e Brianza

 – “Il sistema “intestino”.

Disbiosi ed eubiosi tra microbiota e benessere”

è il titolo del convegno a partecipazione libera e gratuita che si terrà lunedì 4 giugno alle ore 19:45 presso l’Auditorium Synlab CAM di Monza.

Considerando che nel nostro intestino risiedono 100 trilioni di batteri (10 volte il numero delle cellule umane presenti nel nostro organismo) e che questi batteri appartengono a oltre 1.000 diverse specie microbiche, si comprende come questo organo possa essere considerato un vero e proprio ecosistema, in cui convivono cellule umane e batteri.

La colonizzazione del tratto intestinale da parte dei batteri inizia prima ancora della nascita e viene influenzata dalla tipologia di parto e dall’allattamento, oltre che dalle condizioni ambientali, sociali e alimentari del singolo:

tutti parametri che concorrono alla determinazione della composizione del microbiota intestinale, unico e caratteristico per ogni individuo, con un ruolo essenziale nella nostra vita e nel corso di terapie e cure.

Discipline emergenti come la Microbiomica e la Metabolomica, infatti, attraverso indagini estremamente sofisticate, provano l’importanza dell’ambiente intestinale quale regolatore di salute e malattia.

Durante il convegno del 4 giugno si approfondirà la rilevanza del corretto bilanciamento tra i batteri della flora intestinale e come esso venga modificato o migliorato dal nostro stile di vita e, soprattutto, dalle nostre scelte alimentari.

[ NOTA: Gli “a capo” , non corretti, dipendono dal tipo di file ricevuto dall’uffcio stampa non compatibile con il sistema Mac. Ci scusiamo con i lettori; abbiamo corretto solo quanto ci è stato possibile. ]

Quando questo equilibrio è alterato, può compromettere l’efficacia di alcuni farmaci, portare a un aggravamento dei disturbi

dell’umore, di patologie metaboliche ed epatiche e, addirittura, influire negativamente sullo sviluppo

del cervello fetale. Tra le cause più comuni di questa disbiosi (squilibrio) vi sono lo stile alimentare,

lo stress psico-fisico, i farmaci, l’età, l’infiammazione, oltre, naturalmente, a condizioni patologiche specifiche del tratto gastrointestinale.

In occasione dell’incontro “Il sistema “intestino”. Disbiosi ed eubiosi tra microbiota e benessere”

prenderanno parola Silvia Briganti – Specialista in Scienza della Alimentazione Synlab CAM

Monza, Roberto Colombo – Responsabile Medico Area Wellness Laboratori Synlab Italia, Cristina

Hervoso – Specialista in Gastroenterologia Synlab CAM Monza, introdotti dai saluti e dal benvenuto

di Alberto Angelini – Direttore Sanitario Synlab CAM Monza e Carlo Maria Teruzzi – Presidente

OMCeO Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri Monza e Brianza. Il convegno verrà moderato da

Maurizio G. Biraghi – Specialista in Oncologia. Medicina Naturale, Omeopatia Synlab CAM Monza,

che condurrà il convegno fino al dibattito finale.

La partecipazione al convegno, dedicato al pubblico, è libera e gratuita, ma è necessario

iscriversi contattando la Segreteria Organizzativa: sig.ra Sara Casati tel. 039 2397.450 –

sara.casati@synlab.it. Ai signori medici interessati alle stesse tematiche sarà riservato un workshop

nell’ambito del corso ecm di martedì 9 ottobre.

Salute – Problemi intestinali – Una soluzione che funziona e regolarizza

LA VITA MODERNA E’ UN CONTINUO ATTACCO ALLA NOSTRA FLORA INESTINALE

mentre la scienza dimostra, ogni giorno meglio, quanto la flora intestinale sia alla base della salute o della malattia, soprattutto dopo una certa atà … ma non solo

Assunzione di antibiotici – mangiare fuori casa – cibo mal conservati – surgelati e risugelati – cibi lasciati a temperature che fanno prlificare i peggiori batteri … verdure mal lavate e mal conservate …

PESCE CRUDO NON FRESCHISSIMO, PESCE NON  COTTO A SUFFICENZA che rimane in parte crudo , pesce venduto per fresco quando non lo è, frigoriferi non abbastanza freddi, MAIONESI E SALSE VARIE LASCIATE AL CALDO …. UOVA DI DUBBIA PROVENIENZA …

Tutto questo altera la flora intestinale; anche con conseguenze molto pesanti e durature.

Prima di eliminare cibi perché sospettati di creare INTOLLERANZE (le indagini fatte in farmacia non sono valide, devono essere fatte in ospedale), sarebbe bene riequilibrare le nostre difese naturali; ovvero la ” flora intestinale buona ” che ci difende naturalmente dalle malattie e da tanti altri problemi.

Tra i tantissimi integratori a base di probiotici, abbiamo provato un integratore che funziona sotto vari aspetti.

La sua formula da sciogliere in abbondante acqua e mescolare bene, raggiunge intatta l’intestino e lo arricchisce con speciali microrganismi probiotici che hanno forti caratteristiche antiossidanti (l’ossidazione 0 invecchiamento e l’invecchiamento inzia pe ruomini edonne  a 20-25 anni). Meglio prevenire … è sempre un utile suggerimento.

Inoltre la massa che si crea nell’intestino favorisce una dolce regolare evacuazione; che anche i medici più antichi consideravano allla base della salute.

Educando così l’intestino al suo buon funzionamento e mettendo le basi per lo sviluppo della flora intestinale ideale.

Proxian® è un integratore alimentare a base di microrganismi probiotici microincapsulati gastroprotetti (arrivano intatti nell’intestino), con aggiunta di selenio e zinco che proteggono dallo stress ossidativo (produzione di tossine = invecchiamento), normale funzionamento immunitario e dei processi cerebrali.

L’integrazione con Proxian® è quindi particolarmente indicata contro lo stress ossidativo e l’infiammazione (che è sempre portatrice di malattie).

Proxian® è molto utile nei cambi di stagione e durante i mesi invernali e in tutte le situazioni in cui le difese naturali possono risultare indebolite:

stati di convalescenza

stanchezza e stress

-mal funzionamento intestinale e GONFIORE

  • sonno inadeguato
  • malessere generale
  • periodi di lavoro eccessivo
  • prolungato sforzo fisico
  • uso di farmaci e/o antibiotici
  • dopo i 60 anni può essere molto utile.

Proxian® è particolarmente indicata nella donna e nell’uomo adulti e anziani, cioè quando diventa importante una protezione nei confronti dello stress ossidativo e dell’infiammazione alla base dei processi di invecchiamento e degenerazione.

CIBI NON SANI – ATTENZIONE A : 

Ortaggi che contengono numerose tracce residue di pesticidi – cibo conservati male e venduti da bar, streetfood e ristoranti; che puntano solo al guadagno rapido … (non vale per tutti, ma per moltissimi; soprattutto nelle zone di maggior passsaggio di turismo).

Il peggio è l’insalata non lavata bene;  20′ in acqua con agggiunta di bicarbonato, 1 cucchiaio per 23 litri circa,  e non altre sostanze disinfettanti che NON  tolgono i pesticidi ( comunque questo vale per tutte le verdure e frutta con la buccia sottile: lattuga, pomodori, cetrioli, mele, peperoni, fragole sono quelle che in media contengono maggiori residui di pesticidi)

NOTA SUI PESTICIDI: dosi residue elevate di pesticidi  possono alterare il metabolismo ormonale. Comunque sono piccole dosi di veleno, che se rimangono minime non fanno alcun danno. DOBBIAMO PORRE GRANDE ATTENZIONE ALLE VERDURE VENDUTE GIA’ LAVATE: è stato più volte dimostrato che si tratta di lavaggi poco efficaci e che in moli casi contengono una flora batterica dannosa in dosi anche elevate; perché conservate male o troppo a lungo.

MANGIARE SPESSO FUORI CASA: non avremo mai la certezza che le verdure, a partire dall’insalata, siano state accuratamente lavate con piccola aggiunta di bicarbonato.

Per non parlare di sostanze insaporitrici, bagni chimici per far durare più a lungo carne  e pesce, cereali molto economici e quindi coltivati con grandi dosi di pesticidi o OGM; molto discusso, ma con ancora tanti punti oscuri. Solo il fatto che ogni seme deve essere pagato, perché le piante creano semi sterili, fa pensare a grandi interessi economici che superano di molto quelli della salute dei comuni mortali. Per non parlare dei problemi per le regioni più povere che si indebitano per pagare i semi e poi il raccolto o è pagato troppo poco o è distrutto dalle intemperie metetndo sul lastrico il debitore.

::::::::::::

L’articolo è stato scritto da Grazia Seregni,  giornalista iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

 

Salute – intestino – malattie croniche infiammatorie

INTESTINO – MALATTIE CRONICHE INFIAMMATORIE: SIAMO DAVVERO INFORMATI?

Sabato 4 novembre 2017 CREMONA

In Italia, 200.000 persone sono affette da malattie infiammatorie croniche intestinali

Con un esordio clinico che in genere si colloca fra i 15 e i 45 anni

Servizio ambulatoriale specializzato della Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Cremona

Per l’argomento vedi anche:

Salute – HELICOBACTER PYLORI – Infetto un adulto su tre – La maggioranza ignora questo grave problema che riguarda al nostra salute

Salute – DISTURBI DIGESTIVI E INTESTINALI – Intestino permeabile e acidità

SALUTE – Batteri intestinali resistenti – Clostridium difficile

Salute – COLON IRRITABILE – COME SI CURA IL COLON IRRITABILE ?

 

Negli ultimi 10 anni, IN ITALIA,  la diagnosi di nuovi casi e il numero di ammalati sono aumentati di circa 20 volte

Un incontro aperto ai cittadini per parlare di cause, diagnosi e terapie delle patologie intestinali più diffuse. Intervengono gli esperti dell’Ambulatorio per le malattie infiammatorie croniche intestinali dell’Ospedale di Cremona.

Sabato 4 novembre, presso l’aula magna dell’Ospedale di Cremona si terrà l’incontro “Malattie croniche infiammatorie intestinali“ aperto a tutta la cittadinanza ed in particolare ai pazienti affetti da queste patologie.

L’evento, organizzato con la collaborazione dell’associazione A.M.I.C.I. Lombardia (Associazione Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali), nasce con l’intento di informare i cittadini sulle cause, i metodi diagnostici più moderni e le terapie per curare queste malattie.

L’INCIDENZA IN ITALIA

Si calcola che in Italia circa 200.000 persone siano oggi affette da malattie infiammatorie croniche intestinali, che comprendono la malattia di Crohn e la rettocoliteulcerosa.

Negli ultimi 10 anni la diagnosi di nuovi casi e il numero di ammalati sono aumentati di circa 20 volte. Le malattie infiammatorie intestinali colpiscono con la stessa frequenza i due sessi, con un esordio clinico che in genere si colloca fra i 15 e i 45 anni.

Si ritiene che ci siano oggi in Italia circa 150.000 ammalati. Sino a quando non saranno state individuate le cause di queste malattie, e conseguenti terapie risolutive, il loro numero è destinato ad aumentare.

IL RUOLO DELL’ASSOCIAZIONE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI

L’associazione Amici è costituita da persone affette da Colite Ulcerosa o Malattia di Crohn e dai loro familiari; non ha fini di lucro ed è articolata su base regionale.

Dal 25 maggio 2010, A.M.I.C.I. Onlus e’ associazione nazionale con sedi in 15 regioni.

Obiettivo dell’associazione è garantire un più sereno inserimento nell’ambito familiare e sociale ad ammalati cronici la cui condizione è spesso sconosciuta all’opinione pubblica ed alla legislazione sociale.

L’appuntamento sarà un’importante occasione per far conoscere il servizio ambulatoriale specializzato della Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Cremona che dispone, da circa un anno, di due posti al giorno di attività ambulatoriale complessa per la gestione dei pazienti in terapia con farmaci biologici e di quattro posti di degenza ordinaria per la gestione dei casi più gravi.

Tra i relatori: Federico Buffoli (Direttore Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva), Katerina Vjero (Referente Ambulatorio per le malattie infiammatorie croniche intestinali), Mario Martinotti (Direttore Chirurgia), Angelo Pan (Direttore Malattie Infettive).