Archivi categoria: colesterolo

colesterolo

Salute di bambini – ragazzi – adulti – Pericolo grassi TRANS

L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SALUTE:

ha dichiarato guerra ai GRASSI TRANS

nelle merendine, prodotti da forno, dolci , biscotti… fritti (scadenti)

RESPONSABILI DELLA MALATTIE CARDIACHE  

per il miglioramento della salute umana.

I GRASSI TRANS SONO PRESENTI IN:

-margarina

-fritti (da oli scadenti o non cambiati frequentemente)

  • poiché sono più duraturi degli altri grassi e quindi abbondano nei prodotti a lunga conservazione come;
  • MERENDINE
  • PRODOTTI DA FORNO
  • formaggi e gelati scadenti
  • pizze e pizzette varie
  • FRITTI.

L’OMS raccomada che, non più dell’1% delle calorie quotidiane, può provenire da grassi trans; se vogliamo mamtenerci in salute

 

Salute – Soluzioni ai problemi di colesterolo … e marketing

A ritmo regolare un cibo particolare diventa la soluzione ai problemi di salute più comuni

Crederci ?

Alcune sono solo nuove versioni di quanto i nostri nonni già sapevano … magari  molto più costose.

Si tratta di vere e proprie operazioni di marketing; si riabilità una vecchia verità per fare soldi.

Lo scopo è vendere un prodotto, magari sconociuto o esotico .. che raggiunge costi prima impensabili.

IL PROBLEMA CHE CI SI PONE RARAMENTE E’ QUALE E’ ESATTAMENTE IL QUANTITATIVO GIORNALIERO PERCHE’ IL PRODOTTO SIA EFFICACE

Più sono esotiche le soluzioni più se ne può aumentare il prezzo …

Curcuma, zenzero, bacche esotiche, aglio, legumi, riso rosso …

Sono tutte soluzioni molto valide e serie (nei giusti quantitativi), ma attenzione al prezzo … a volte la soluzione NOSTRANA; più semplice e economica viene dimenticata per prodotti esotici e costosi.

Succo di bergamotto

Uno studio dell’Università di Roma Tor Vergata ha dimostrato che il succo di bergamotto genera un notevole aumento di colesterolo HDL (quello buono) e una diminuzione dell’LDL.

CHE L’AGLIO FACESSE BENE PER CONTROLLARE IL COLESTEROLO LO SI SAPEVA DA MOLTO TEMPO

MA ORA SI VUOLE VENDERE, A CARO PREZZO, L’AGLIO NERO … (ma lo potete fare voi con  6/13 ore di cottura a vapore in pentola a presssione; attenzione che l’acqua evapora e necessita di agggiunte regolari; oppure lasciate l’aglio in cantina o in garage per lungo tempo sino a che divenga nero).

ECCO LA NOTIZIA DEL ” GIORNO “

L’estratto di aglio (meglio invecchiato) aiuta a combattere il colesterolo cattivo (LDL).
–  Lo spiega uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition ESPEN e condotto presso l’Università della Florida.

Un’altra cicerca dimostra che mandorle e cioccolato sono validissimi contro il colesterolo ‘cattivo’ (LDL). Lo studio è stato condotto dalla Pennsylvania State University e pubblicato sul Journal of the American Heart Association.  Precisamente: 42,5 grammi di mandorle al giorno, e successivamente, anche 43 grammi di cioccolato fondente insieme a 18 grammi di polvere di cacao.

Una ricerca dell’Università della Finlandia orientale, pubblicata su Molecular Nutrition & Food Research, dimostra come l’olio di camelina sia  un elisir per ridurre colesterolo; perché ricco di acido alfa-linolenico.

Salute è nella flora intestinale – cosa è la flora intestinale ?

BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI PER SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SAREBBE PIÙ SANO.

Quanto più la nostra flora intestinale è varia e ricca, tanto più godiamo di buona salute e metabolizziamo (ovvero bruciamo) le calorie che ingeriamo con il cibo (ovvero rimaniamo in forma, senza ingrassare).

Dopo molti anni di ricerca sulle diete, Tim Spector, docente di epidemiologia al King’s College di Londra e con 500 studi scientifici pubblicati, è giunto alla conclusione di cui sopra.

E’ noto come  i francesi abbiano una dieta a base di vino, formaggi, salse e carni grasse; vedi anatra, oca  ecc.. , nonostante questo hanno meno malattie cardiache rispetto agli inglesi ed una vita media più alta di quattro anni rispetto agli americani.

PERCHÉ ?

Secondo il prof. Spector tutto si spiega con i microbi contenuti nei formaggi, nello yogurt e nel vino.

Più la produzione di questi cibi è artigianale più vario e alto è il numero dei batteri che nello stomaco e nell’intestino favoriscono una sana assimilazione del cibo.

Anche la dieta mediterranea è ricca di batteri; ma solo se i prodotti sono genuini; l’olio extra vergine deve esserlo veramente e non solo sull’ eltichetta ecc..  ( a questo proposito vedi al link: https://www.donnecultura.eu/?p=8439 ).

I polifenoli, contenuti nell’olio extravergine anche di arachidi (purché di sole arachidi si tratti veramente e non solo perchè scritto in etichetta !! ), ma anche nella frutta  e verdura, sono ricchi di batteri.

Per batteri intendiamo quelli buoni, quelli che aiutano a mantenerci in salute e non i batteri dannosi.

COSA UCCIDE I BATTERI BUONI ?

 Gli alimenti industriali , l’eccesso di zuccheri, le bibite come la Coca Cola, i thè preconfezionati pieni di zuccheri …  tutti i cibi pronti … gelati, biscotti anche artigianali; perché quasi sempre contengono molti ingredienti eguali e quelli industriali (costano molto meno).

COSA AIUTA I BATTERI BUONI ?

Correre, camminare, muoversi, anche fare le pulizie di casa, le scale invece dell’ascensore… tutto il movimento fisico aiuta la produzione di batteri buoni che producono il butirrato, un acido grasso che aiuta a mantenere in forma il nostro sistema immunitario.

LA RICERCA DEL PROF. SPECTOR HA EVIDENZIATO UNA CONTINUA DIMINUZIONE DI VARIETA’ MICROBIOTICA (batteri), NEGLI ULTIMI DECENNI.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA DIMINUZIONE DELLA VARIETA’ DI BATTERI PRESENTI NEL NOSTRO ORGANISMO ?

L’EPIDEMIA DI ALLERGIE CHE È IN ATTO è una delle tante evidenze di cosa vuol dire avere meno varietà di batteri a disposizione.

Malattie autoimmuni, diabete, obesità …

E PENSARE CHE BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI IN OGNI SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SARÀ PIÙ SANO !

Salute – Far regredire il diabete con la dieta ?

Pare che una rigida dieta ipocalorica che riduca i depositi di grasso in alcuni organi,  soprattutto nel pancreas, possa addirittuta far guarire dal diabete.

Questa è la teoria del dott. Roy Taylor, medico dell’università di Newcastle;  il grasso “soffoca” il pancreas e impedisce una corretta produzione di insulina e quindi favorisce il diabete.

LA DIETA:

-otto settimane a 600-700 calorie

-nelle due settimane successive si torna ad un’alimentazione normale, ma mangiando circa un terzo rispetto a prima della dieta.

Salute – Colesterolo come abbassarlo ?

Colesterolo alto ? Sappiate che sino a 20 anni fa a 50 anni avere un  valore di 250 come colesterolo era considerato nella norma.

Oggi, la moderna medicina, i “maligni”  dicono per vendere più medicine, ha stabilito che il colesterolo cattivo, HDL, non deve superare la misura di 200.

Comunque, avere i valoro di colesterolo HDL bassi fa molto bene alla salute.

Il problema è il rapporto tra colesterolo totale e colesterolo HDL.

Controllare solo il livello ematico di colesterolo non è sufficiente.

Per abbassare il colesterolo HDL non basta diminuire, anche se in grande quantità, i grassi saturi nell’alimentazione.

In caso di ipercolesterolemia può essere utile comportarsi come segue (saranno il medico e i risultati degli esami a dirvi se questo metodo funziona)..

ESAMI DA CONTROLLARE OGNI 6 MESI
Colesterolo totale, colesterolo HDL, trigliceridi, VES, proteina C reattiva, omocisteina.
(l’omocisteina, se inferiore a 10 per due volte di seguito, va controllata solo una volta all’anno).
ALIMENTAZIONE
• molte verdure crude e cotte
• niente formaggi (tranne qualche rara spolverata di grana)
• niente insaccati; permessi solo prosciutto crudo, bresaola e prosciutto cotto senza proteine del latte e polifosfati (senza parti grasse);
• diminuire molto le carni bovine e suine. Preferire le carni bianche (cotte senza la pelle), cavallo, uova (non più di 4 alla settimana, meglio alla coque o occhio di bue);
• prodotti animali non più di una volta al giorno; nell’altro pasto: legumi molto variati come qualità
• pesce tre o quattro volte alla settimana
• Condimento: olio extravergine di oliva usato a freddo.
INTEGRATORI
• un cucchiaio di lecitina di soia al giorno);
• 2 gr di omega 3 nei giorni quando non si mangia il pesce
• 1 cucchiaio di crusca di avena in due pasti della giornata
• i cucchiaio di semi di lino macinati al momento al mattino o nella giornata.

INOLTRE
• Fare molto movimento: camminate o nuoto o palestra
• Evitare stress fisici ed emozionali
• Tenere sotto controllo il peso.

AUTISMO – IPERTENSIONE – ALZHEIMER – OBESITA’ – PATOLOGIE OCULARI curare con il cibo secondo la Nutraceutica

Scoperta una cura per l’autismo

di Valeria Feramonte

Il tentativo di combattere le malattie attraverso la nutrizione è, si può dire, vecchio come il mondo: sembra infatti la strada più semplice e logica da seguire anche se talora è difficile da tradurre in evidenza scientifica.

La Società Italiana di Nutrizione (SINUT) promuove per l’appunto l’uso di integratori alimentari per la cura di patologie anche gravi come l’ipertensione, l’Alzheimer e l’autismo.

E’ stata fondata, in memoria del padre Giorgio, nel 2009 dal professor Cesare Sirtori (famoso tra le altre cose per aver scoperto in un gruppo di abitanti di Limone del Garda il segreto del ‘colesterolo buono’).

“Il numero di molecole che si rivelano efficaci in diverse patologie è in continua crescita”, dice il professor Sirtori. Per verificare l’efficacia di questi prodotti, proprio come si fa per i farmaci di sintesi sono state condotte ricerche i cui risultati sono stati presentati a Milano in un importante workshop che si è tenuto al Padiglione Italia dell’EXPO.

Ecco i risultati più sorprendenti:

AUTISMO: è un problema sanitario silente ma molto grave. Oggi nasce un bambino autistico ogni 68 nascite, e nei bambini nati con parto cesareo l’incidenza è addirittura doppia.

Come mai?

L’osservazione della maggior frequenza di autismo dopo i parti cesarei ha suggerito che una delle cause possa essere un alterato microbioma del neonato dovuto anche all’uso di antibiotici durante il parto, che impediscono alla madre di trasferire al neonato dei batteri intestinali sani come avviene più di frequente nel parto naturale.

All’università di Harvard (USA, Boston) un gruppo di ricercatori si è messo a tritare broccoli per estrarne una sostanza, – il sulforafano – che ha poi somministrato ad adulti autistici. Quasi tutti sono migliorati moltissimo e il 10% è quasi guarito.

Un risultato quasi trionfale, commenta il professore, e anche un po’ inatteso.

Forse per questo nell’ultimo congresso mondiale sull’autismo che si è tenuto a Salt Lake City non ne è stato ancora preso atto.

Se questo è finora il risultato più eclatante, data la gravità della malattia, ci sono altri settori in cui l’azione degli integratori alimentari si è dimostrata molto efficace.

Nell’IPERTENSIONE.

Da oltre 10 anni il cioccolato amaro è noto come un potente prodotto per la pressione alta. Il motivo è che dentro il cioccolato ci sono delle molecole note come flavanoli che dilatano le arterie e riducono la pressione.

Sempre ad Harvard per 4 anni è stato fatto uno studio, detto Cosmos trial – su 18mila persone ad alto rischio vascolare e si è visto che nei consumatori di flavanoli il rischio di complicanze si riduce del 12% e migliora anche il tono muscolare, la salute delle ossa e le capacità cognitive.

In Svizzera vendono specifiche tavolette di cioccolato (10 grammi con 200 milligrammi di flavanoli) che sono utilissime per abbassare il colesterolo senza gli effetti collaterali di altri farmaci.

Purtroppo in Italia il prodotto non c’è ed occorre andare a Lugano per procurarselo.

Il nome commerciale è Acticoa.

Nell’ALZHEIMER. Si è visto che il ‘caprilidene’ stimola il consumo di zucchero nel cervello e migliora le funzioni cerebrali.

Ma più sorprendente è il caso della Melatonina, di solito impiegata per il jet-lag nei viaggiatori.

E’ efficace infatti in un sintomo assai fastidioso dell’Alzheimer, l’alterato sonno veglia per cui il paziente dorme di giorno e cammina per casa la notte. Con la melatonina questo fenomeno si normalizza e migliora anche la funzione cerebrale.

Anche la curcumina, componente del curry, è efficace come è dimostrato dal fatto che dove si consuma curry l’Alzheimer è raro.

Ma ancora non si hanno dati certi.

Nell’OBESITA’
Ci sono due nuove molecole molto promettenti, la betulina, estratta dalla betulla e la berberina , che interferisce nella formazione del grasso.

Infine nelle PATOLOGIE OCULARI.

Nel caso di malattie come la degenerazione maculare e il meno grave glaucoma, sostanze come l’astaxantina, la luteina e altri prodotti pigmentati sono efficacissime nel prevenire le complicanze della degenerazione maculare.

In USA si è concluso di recente lo studio AREDS, che ha fornito conferme convincenti sull’utilità di questi prodotti.

Nutraceutica è un neologismo coniato nel 1990 dal farmacologo americano Stephen De Felice unendo i termini ‘nutrizione’ e ‘farmaceutica’. Sta ad indicare i componenti alimentari o i principi attivi negli alimenti che determinano effetti positivi per la salute.

Ricadono quindi nella nutraceutica i principi attivi di orgine naturale, gli alimenti funzionali, gli integratori alimentari e di erboristeria.
In pratica tutto ciò che viene comunemente definito ‘supplemento alimentare’.

L’agenzia Europea per la sicurezza alimentare che ha sede a Parma, (EFSA) ha ora anche il delicato compito di verificare la validità dei nutraceutici.

L’Italia guida anche un importante progetto chiamato PLANTLIBRA per migliorare le conoscenze sull’uso della piante medicinali.

Il settore è comunque in continua espansione ( in Italia è aumentato del 7% in pochi anni nonostante la crisi). Occupa diecimila addetti per un totale di 540 aziende e un fatturato annuo di circa due miliardi e mezzo di euro. In pratica, più della FIAT…

I GRASSI FANNO ANCHE BENE – BASTA CONOSCERLI

Il grasso non è solo causa dell’aumento di peso ma, se ben distribuito (e questo dipende da quanta attività fisica facciamo e da come mangiamo), fa da isolante termico, protegge i nostri organi interni da pressioni e traumi, è fondamentale nella produzione di ormoni e dei tessuti.

IL GRASSO E’ INDISPENSABILE PER IL TRASPORTO DELLE VITAMINE LIPOSOLUBILI. Se, per esempio, mangiamo delle carote scondite non avremo il veicolo che permette l’assorbimento della vitamina A.

D’altra parte l’eccesso di grasso fa male alla salute e causa:
-sovrappeso
-arteriosclerosi
-colesterolo alto
-gotta
-infiammazioni alle articolazioni
-problemi circolatori.

I grassi dovrebbero rappresentare il 30% del nostro cibo quotidiano.

I GRASSI SI DIVIDONO IN SATURI E INSATURI
I GRASSI SATURI

Sono i più pericolosi, ma indispensabili in minima quantità.
Generalmente di origine animale: burro ecc.., ma anche il famoso olio di palma e l’olio di cocco, sono grassi saturi.
I GRASSI SATURI NON DEVONO SUPERARE IL 10% DELL’APPORTO DEI GRASSI QUOTIDIANO.

Il nostri corpo, in caso di necessità (o malattia), può trasformare anche altri alimenti in grassi saturi, per sopperire al minimo indispensabile per il buon funzionamento dell’organismo.

I GRASSI INSATURI e polinsaturi

-olio extra vergine di oliva
-olio di arachidi (il più simile all’olio extra vergine di oliva come caratteristiche organolettiche)
-olio di noci, nocciole, zucca, avocado

GLI ACIDI GRASSI Omega-3 e Omega-6, fanno parte degli acidi grassi polinsaturi.

Dei due i più rari, nella normale alimentazione, sono gli Omega-3 che sono contenuti in:

-olio di lino
-olio di colza
-olio di semi di zucca.

I grassi Omega-3,

– prevengono la formazione di coaguli nel sangue
abbassano il colesterolo
favoriscono l’attività cerebrale
rinforzano il sistema vascolare
hanno proprietà antinfiammatorie
fanno bene alla pelle secca.

ATTENZIONE AI GRASSI CHE AD LATA TEMPERATURA PRODUCONO VELENI PE RIL FEGATO:

-tutti gli oli più economici per i fritti e non solo; contengono anche oli non consigliabili
-olio di colza; non dovrebbe essere usato per cucinare
-olio di vinacciolo.

L’olio di lino è, in assoluto, da consigliare per il suo altissimo contenuto di Omega-3, maggiore che in qualunque altro olio.
Si tratta di un olio delicato, che va tenuto in frigorifero dopo l’ apertura. Non deve essere usato cotto.

Salute – Colesterolo sopra i 200 ? Non è così tanto pericoloso …

Il colesterolo totale sopra il limite di 200 è accusato dalla medicina e da una assai triste pubblicità, di essere la causa di terribili malattie che portano alla morte…

Colesterolo totale oltre i 200 eguale pericolo.
Non era così sino a circa 25 anni fa. Infatti, allora, tutti i testi di medicina, quando si parlava di persone oltre i 50 anni, consideravano pericolosa solo la soglia oltre i 250… !!!

Cosa è successo ?
Semplice; le case farmaceutiche hanno individuato una ricchissima fascia di clienti che superava, anche di poco i 200 (mg/dl di colesterolo totale), ed ecco aprirsi un immenso business; basta abbassare la soglia a 200 come limite massimo.

Comunque al di là delle polemiche, gli esperti, nel frattempo, sono divenuti più flessibili; anche con dati statistici alla mano.

Ora, nel settore, si riconosce che il colesterolo NON E’ EGUALE PER TUTTI.

Anzi non lo è il limite di 200.

Infatti il dato del puro colesterolo totale va affiancato ad altri dati sul paziente come:
-fumo eccessivo
-vita sedentaria
-obesità
-pressione alta
-diabete
-elevati valori di omocisteina nel sangue.

Altri valori importanti per una valutazione obbiettiva:
-avere parenti stretti che hanno sofferto per infarti o ictus prima dei 55 anni
-essere maschi (almeno sino a 60 anni, poi anche le donne rischiano).

Dopo avere letto questi dati, ricordate anche che i limiti dei dati ufficiali sono, per forza, sempre dei valori convenzionali; non validi per tutte le persone.

Ovviamente il rischio è molto alto se si è già sofferto di un problema cardiovascolare.

Se non si rientra nelle categorie più pericolose è comunque importante fare del movimento regolarmente (anche solo 30’ a piedi al giorno) e seguire una dieta equilibrata.

fare solo attenzione agli eccessi; mai mangiare grandi quantitativi di sostanze che contengono moltissimi zuccheri come gelati, yogurt alla frutta, dolci in genere. Lo stesso vale per per i grassi animali; non abbiate una dieta a base di formaggi (ma piccoli quantitativi sono possibili), o ricca di grassi animali (hamburger, salsicce …), ma anche le pizze che si mangiano fuori (raramente sono fatte con vero olio extravergine e mozzarella di buona qualità …; lo dicono le varie segnalazioni e gli accertamenti nel settore).

TUTTI I PREPARATI INDUSTRIALI SONO RICCHI DI GRASSI SATURI (vedi olio di Palma); cibi pronti ecc…

Comunque, se il medico dice che ne avete bisogno, le statine vanno prese; nel frattempo stiamo aspettando i nuovi medicinali “biologici”, ma costosissimi e che sanno riservati ai casi più gravi.

E non fate mai la faccia, come nella pubblicità, di quel signore che addirittura chiede scusa e si vergogna del suo colesterolo oltre i 200 e compra, tutto sottomesso alle parole della moglie, un costoso yogurt che promette il miracolo … in realtà abbassa talmente poco il tasso di colesterolo che serve a chi di cure NON NE HA BISOGNO; NEMMENO DI QUELLO YOGURT.

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

OLIO DI PALMA – SOSTENIBILE E SANO ? La verità è fare chiarezza

Nella fotto di copertina: i magnifici colori di quello che rimane della foresta vergine nello Sry Lanka. In soli 35 anni abbiamo visto e fotografato  una enorme deforestazione, in tutto il mondo, per lasciare spazio a varie coltivazioni.

Olio Tabella 500 salute colesterolo

Sino ad oggi ci hanno detto che l’olio extra vergine di oliva è il miglior olio in assoluto perché (come anche l’olio di arachidi, di girasole, di noce, nocciole e zucca) contiene acidi grassi insaturi in grande  quantità che aiutano a tenere pulite le arterie e quindi a prevenire anche l’infarto; ed ecco che ci vogliono far credere che l’olio di palma, ricco di grassi saturi, fa bene alla salute…

CECHIAMO DI FARE UN POCO DI CHIAREZZA

L’immensa crescita esponenziale della popolazione mondiale ha fatto sì che l’umanità necessiti di sempre maggior spazio per coltivare il suo cibo; distruggendo l’ambiente anche in modi crudeli e dannosi al futuro della stessa umanità.

Questo NON vuole dire che mangiare un cucchiaio di Nutella sul pane, la mattina, sia poco sano… 

Il sito oliodipalmasostenibile.it è stato creato per ” lavare ” l’immagine negativa sull’olio di palma.

Ecco cosa si dice nel sito: 

Oggi quello di palma è l’olio vegetale più usato al mondo (35% del totale), seguono quello di soia (circa 27%), colza (circa 14%), girasole (8%) e oliva che rappresenta solo l’1% del mercato degli oli vegetali (Fonte Oil World – dicembre 2015).

L’Italia importa in media 1.600.000 tonnellate di olio di palma (Fonte Coeweb ISTAT): il 21% viene impiegato dall’industria alimentare, mentre il rimanente 79% viene usato dal settore bioenergetico, da quello zootecnico, dall’oleochimico, dal cosmetico e dal farmaceutico.

Peccato che l’olio di palma sia il piu’ diffuso, ma non il piu’ sano !!!

E poi ricordatevi che i quantitativi tollerati di grassi saturi sarebbe bene siano riservati al consumo delle sanissime UOVA, che contengono, tra l’altro, enormi quantità di vitamina A e proteine a basso costo.

NON TOGLIERE LE UOVA DALLA DIETA PER SOSTITUIRLE CON I GRASSI DEI BISCOTTI, DOLCI, GELATI O PIATTI GIA’ PRONTI; PIZZA COMPRESA !!!

I giornali da tempo diffondono la verità, su piantagioni che hanno distrutto intere foreste tropicali e l’altissimo contenuto di grassi SATURI dell’olio di palma; un dato scientifico incontestabile.

Ora possiamo riconoscere che siano state create anche delle piantagioni meno aggressive nei confronti dell’ambiente, ma avendo visto e fotografato, personalmente, la grande diffusione che l’olio di palma ha nel mondo, ci domandiamo quanta piccolo possa essere un tale cambiamento e  COMUNQUE L’OLIO DI PALMA CONTIENE PREVALENTEMENTE GRASSI SATURI (molto negativi per la circolazione sanguigna e quindi per la salute).

INOLTRE: i territori disponibili per enormi piantagioni non possono essere DILATATI, LA TERRA HA UNA SUPERFICIE CHE NON SI PUO’ CAMBIARE … quindi solo distruggendo altre piantagioni o la foresta vergine troviamo le superfici per produrre QUEGLI ENORMI QUANTITATIVI DI OLIO DI PALMA CHE L’INTERA INDUSTRIA ALIMENTARE E DOLCIARIA MONDIALE RICHIEDE.

ESEMPIO: PIATTI PRONTI, DOLCI, BISCOTTI, MERENDINE ecc…

Questo NON vuole dire che mangiare un cucchiaio di Nutella sul pane, la mattina, sia poco sano; dipende dal tipo di attività che si fa, se i grassi vengono tutti bruciati, non si depositeranno nelle arterie e non daranno conseguenze.

Il pericolo è per chi mangia grandi quantitativi di cibi pronti, dolci o gelati, dolcissimi yogurt alla frutta, magari abbinandoli alle bevande gasate ricchissime di zuccheri E NON FA UNA SANA E COSTANTE ATTIVITA’ FISICA !!!

— Attività fisica non sempre possibile, visto che molti di noi lavorano davanti ad un computer per almeno 8 ore al giorno; mentre l’uomo è fisiologicamente adatto per cacciare, raccogliere cibo, correre nelle praterie tutto il giorno per procurarsi il cibo…

— Anche cammminando almeno ’30 minuti al giorno o andando in palestra, se non facciamo un’attività violenta e costante, dobbiamo contenere il nostro consumo di calorie o ingrasseremo e avremo gravi problemi di salute.

—SE NON ABBIAMO UNA VITA MOLTO ATTIVA FISICAMENTE, DEPOSITERA’ TUTTE LE CALORIE NON BRUCIATE NELLE NOSTRE ARTERIE (come grassi)… con le conseguenze del caso.

Per altre precisazioni sulle conseguenze di una  dieta ricca di grassi saturi e per cosa sia già successo all’ambiente per le grandi piantagioni di palma da olio vedi al link:

https://www.donnecultura.eu/?p=20071