Archivi categoria: artrosi

Salute e malattie reumatiche – Visite gratuite a Milano – 4 ottobre 2017

4 ottobre 2017

Saranno gratuiti: visite ed esami di screening con specialisti, varie discipline (yoga, danzaterapia, tai-chi)…

Una giornata di prevenzione e diagnosi precoce per le malattie reumatiche

Milano, Piazza Città di Lombardia – 4 ottobre 2017

Gratuiti – dalle 9.30 alle 17.30 – visite ed esami di screening con specialisti, varie discipline (yoga, danzaterapia, tai-chi), sessioni di economia articolare e di terapia occupazionale

Tre tende per un percorso informativo e di salute

ALOMAR ONLUS, attiva sul territorio lombardo dal 1986 a fianco delle persone che vivono con patologie reumatiche e dei loro caregivers, sviluppa un insieme di attività di sensibilizzazione e di sostegno.

Nel mese di ottobre 2017, e in relazione con la Giornata Mondiale del Malato Reumatico 2017, organizza una iniziativa di piazza volta a sensibilizzare, informare e offrire consulti specialistici e screening gratuiti alla popolazione interessata al fine di promuovere una corretta conoscenza di tali malattie croniche invalidanti e contribuendo così, almeno per un giorno, ad ovviare anche alle lunghe liste d’attesa.

Obiettivo dell’iniziativa è anche quello di promuovere un’occasione di condivisione di pratiche dedicate al benessere psicofisico di chi vive con patologie reumatiche, offrendo sessioni gratuite di yoga, danzaterapia e tai-chi, e promuovendo sessioni pratiche e informative di economia articolare e terapia occupazionale.

Il presidio, sito a Milano presso Piazza Città di Lombardia e aperto alla popolazione il giorno 4 ottobre dalle ore 9:30 alle ore 17:30, si svilupperà articolandosi in 3 zone, destinate a diverse aree tematiche: prevenzione, benessere psico-fisico, informazione.

Ad ogni area tematica corrisponderà una tenda, suddivisa al suo interno da teli divisori, cui si accederà da entrate separate.

1.TENDA PREVENZIONE

Accoglienza
I volontari e uno specialista reumatologo accoglieranno le persone interessate le quali, a seconda dei sintomi descritti, saranno indirizzate verso l’esame strumentale più adeguato.

Gli screening proposti in occasione di tale giornata esploreranno le tre seguenti patologie reumatiche:

Osteoporosi
Per diagnosticare preventivamente l’osteoporosi, definita come “una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da ridotta massa minerale e deterioramento microstrutturale del tessuto osseo, con conseguente aumento della fragilità dell’osso e maggior rischio di fratture”, gli operatori dopo il consulto reumatologico somministreranno alla cittadinanza che riporta sintomi inerenti a tale patologia un questionario atto a rilevare la presenza eventuale e il grado dei sintomi

Connettiviti
Per diagnosticare preventivamente una eventuale connettivite un segno clinico costante è il Fenomeno di Raynaud: esso si manifesta con un tipico pallore delle dita delle mani e dei piedi. Il pallore è dovuto alla diminuzione dell’afflusso di sangue alle dita e si accompagna, generalmente, ad una diminuzione della temperatura cutanea, a dolore e ad alterata sensibilità. E’ questo un campanello d’allarme che potrebbe precedere di mesi o di anni l’insorgenza delle altre manifestazioni. Per mettere in evidenza eventuali alterazioni vascolari caratteristiche dell’insorgenza di una malattia a probabile percorso cronico ed evolutivo come il LES (Lupus Eritematoso Sistemico) o la Sclerosi Sistemica, viene effettuata la Capillaroscopia (1 capillaroscopio + 1 muletto)

Artrosi, Artrite Reumatoide, Artrite Psoriasica, Artrite Idiopatica Giovanile
L’artrosi, la più frequente tra le malattie reumatiche, rappresenta un’importante causa di disabilità per milioni di persone, con un pesante impatto sulla qualità di vita, sulle possibilità di relazione e sui costi assistenziali. Secondo l’OMS circa il 25% degli adulti sopra i 25 anni è affetto da disabilità e dolore collegati a questa malattia. L’artrosi oggi non è più considerata una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento, ma piuttosto una malattia che si può prevenire e curare mediante interventi di correzione dei fattori di rischio, diagnosi precoce e appropriatezza terapeutica. L’esame strumentale utilizzato per diagnosticarla sarà l’Ecografia muscolo scheletrica. Lo stesso esame verrà utilizzato per verificare eventuali danni causati da una probabile diagnosi di artrite reumatoide o artrite psoriasica o per i pazienti più giovani/pediatrici artrite idiopatica giovanile, malattie croniche e invalidanti, il cui decorso si può rallentare o controllare. Una diagnosi precoce ed una terapia adeguata possono evitare danni irreversibili causa di gravi invalidità. Le risorse farmacologiche sistemiche e locali oggi disponibili permettono ai pazienti di guardare a queste diffuse malattie reumatiche con ottimismo e non con rassegnazione, come accadeva in passato

Consegna dei referti
Ogni operatore incaricato riporterà i risultati dell’esame sulla scheda di anamnesi e la darà all’intervenuto. Si consegnerà al cittadino il referto per eventuali ulteriori accertamenti da effettuare tramite il proprio medico curante spiegando quanto necessario per una diagnosi precoce ed illustrando i comportamenti utili a contrastare l’evolversi della patologia

2.TENDA INFORMAZIONE
All’interno di tale area intendiamo organizzare una conferenza stampa con giornalisti, specialisti e rappresentanti dei pazienti. Un presidio di volontari ALOMAR ONLUS sarà a disposizione durante tutta la durata dell’evento per informazioni e divulgazione di materiale relativo all’operato dell’associazione

3. TENDA BENESSERE PSICOFISICO
Nel corso della giornata/delle giornate un programma da stabilire scandirà il susseguirsi di sessioni gratuite, classi open e falsh mob di diverse discipline (yoga, danzaterapia, tai chi, sambaterpaia, NIA), proposte da istruttori certificati e competenti e aperte alla popolazione. Saranno inoltre promosse sessioni pratiche e teoriche di Economia Articolare e Terapia Occupazionale

ARTRITE REUMATOIDE ORA SI CURA CON FARMACI… BIOTECNOLOGICI

L’Artrite Reumatoide (AR), è un’infiammazione cronica, causata dalla fine dell’equilibrio tra proteine pro-infiammatorie e anti-infiammatorie.

L’Artrite Reumatoide (AR) è caratterizzata da dolore, tumefazione e rigidità articolare.

Per la maggioranza delle persone questa artrite porta ad alterazioni invalidanti delle articolazioni, con notevole peggioramento della qualità della vita.

L’infiammazione cronica porta anche al precoce invecchiamento delle arterie (aterosclerosi).

Questo genere di artrite (AR) causa enormi costi dovuti alle cure :

-ricoveri, visite, farmaci, contributi di invalidità

-perdita di giornate lavorative

-precoci abbandoni del posto di lavoro.

Con l’aggravarsi della malattia e l’aumento della disabilità, si aggravano anche gli impegni per la famiglia.

E’  possibile cambiare il decorso della malattia e prevenire, o quantomeno ritardare, l’evoluzione di questa malattia.

Il segreto è la  diagnosi precoce e l’ impostazione di una corretta terapia con farmaci anti-reumatici (ma sono medicinali con pesanti effetti collaterali).

Nella cura devono essere coinvolti i Medici di Medicina Generale e gli Specialisti che avranno cura di sorvegliare l’evoluzione della malattia e gli effetti tossici dei farmaci.

Ecco i nuovi farmaci biologici:

-Roactemra (Tocilizumab) assai potente nei casi di elevata infiammazione e anemia secondaria;

-Orencia (Abatacept) pare abbia un un buon profilo di tollerabilità;

-Simponi (Golimumab)  si impiega sottocute una volta al mese;

-Cimzia (Certolizumab) medicinale di  ultima generazione.

 Alcuni farmaci sono attivi solo sui sintomi:

-cortisone e anti-infiammatori non steroidei (con effetti collaterali anche molto pesanti) e NON CURANO; non vanno impiegati da soli.

PER ORA I FARMACI BIOLOGICI SOLO DOPO CHE GLI LATRI FARMACI RISULTANO INUTILI

E’ possibile impiegare i farmaci biologici, SOLO DOPO NUMEROSI TENTATIVI DI ASSOCIAZIONE DI ALTRI FAMACI FALLITI.

I farmaci biologici inducono un soddisfacente controllo dell’artrite e della sua evoluzione .

ARTROSI E ARTRITI – Curarasi anche con lo stile di vita

Artrosi e artriti

Le artrosi e artriti sono  difficilmente curabili.
Si può migliorare la situazione, ma non eliminare il problema.

DA RICORDARE:

Alimentazione corretta con poche  proteine animali (soprattutto poche carni rosse e insaccati in particolare);
Controllo dell’acidosi tessutale
Controllo dell’igiene intestinale
Integratori alimentari.

MOVIMENTO
Importante è il movimento, con prudenza e costanza, seguendo i consigli di un fisiatra.

ALIMENTAZIONE
L’alimentazione è al centro di ogni terapia

  •  alcuni cibi hanno effetto infiammatorio (es. quelli che contengono troppi grassi saturi o un eccesso di omega-6). Anche l’eccesso di zuccheri e di proteine animali, soprattutto da carni rosse e salumi, è infiammatorio;
  • altri cibi hanno un potente effetto antiossidante e antinfiammatorio (alcune famiglie di verdure, il pesce, etc);
  • male i “cibi spazzatura” o preparati industrialmente o con prodotti indistriali.

Ogni pasto:
– verdure crude e verdure cotte
– proteine e carboidrati
– olio extravergine di oliva consumato crudo.

Possono aggravare i sintomi:
pomodori (soprattutto crudi), patate, e le altre solanacee (melanzane, peperoni, ecc.)
occorre verificare anche la tolleranza dei cereali contenenti glutine (grano, segale, orzo) e di alcune verdure della famiglia dei cavoli.

INTEGRATORI

Gli integratori alimentari non sostituiscono la corretta alimentazione, ma possono aiutare 

1 cucchiaio e mezzo di semi di lino + 1 cucchiaio di cereali bio crudi (grano saraceno, riso, orzo, avena, ecc.) macinati al momento è meglio.

2 capsule da 1 gr circa di olio di pesce, nei giorni in cui non si mangia pesce;

olio di borragine, meglio ogni giorno, anche solo 1 cucchiaino.

——————
————-

CAMBIARE I RITMI DI VITA

La malattia è frutto di
-fattori esterni (batteri, virus)
-stress generale, fisico e psichico: superlavoro, crisi esistenziali,
-grandi dolori, lutti, isolamento, cattivi rapporti umani, sensazione di fallimento.

Miglorare il proprio stile di vita è determinante per conbattere qualunque patologia: 

più spazi per il nostro  riposo
ridurre le situazioni che creano tensione
-curare le amicizie e le relazioni interpersonali
-contatto con la natura.

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

Salute – Prevenzione e cura dei dolori articolari – Collagene e proteoglicani quello che non introduciamo nel nostro corpo con l’alimentazione e l’età distrugge …

Dolori articolari, male al ginocchio, alle spalle, ai gomiti, ai polsi … dopo i 60 anni è assai frequente.

Nell’800 un medico americano consigliava di introdurre nell’alimentazione anche i nervetti (nervi attaccati alle parti ossee degli animali); sostanza naturale che contiene le medesime sostanze di cui sono fatti i nostri nervi e possono aiutare a mantenerne lo stato ottimale.

Premesso che in alcuni casi gravi, solo un interventi chirurgico può risolvere il problema, a volte si può cercare di prevenire il peggio assumendo un prodotto che aiuta il mantenimento-rigenerazione delle cartilagini.

Altra soluzione eccellente, solo per chi non è ancora in condizioni di essere operato,  sono le infiltrazioni di acido ialuronico (eseguito  da veri esperti professionisti che conoscano perfettamente quando, come e dove fare l’iniezione).

INOLTRE

CURARE L’ARTROSI E MIGLIORARE LA PELLE DEL VISO CON UN SOLO PRODOTTO? 

Studi scientifici hanno dimostrato che 10gr. di collagene idrolizzato, come quello contenuto in CHONDROVITA, una volta ingerito viene assorbito a livello delle mucose intestinali senza che i peptidi di cui è composto subiscano alterazioni strutturali nella barriera gastrica.

Attraverso il circolo ematico questi peptidi si accumulano a livello delle cartilagini articolari soprattutto di spalla, anca e ginocchio, dove aiutano a stimolare il metabolismo articolare, la sintesi di collagene e dei proteoglicani.

Studi clinici dimostrano che un’assunzione protratta nel tempo previene non solo dolori articolari ma anche la perdita di densità ossea e l’invecchiamento della pelle.

Infatti Adams dimostra che pazienti affetti da artrosi degenerativa alle articolazioni di anca o ginocchio e trattati con CH, presentavano una riduzione del dolore compresa tra l’81-85% accompagnata da una riduzione di più del 60% nell’ assunzione di analgesici rispetto al gruppo di controllo confermati nel successivo lavoro di Moskowitz.

RISULTATI:

riduzione statisticamente significativa del dolore e del consumo di analgesici, nonché  miglioramento della mobilità articolare, in tutti i pazienti che hanno assunto 10 g di CH al giorno per un periodo di almeno tre mesi.

Risultati possibili, se il paziente non ha ancora raggiunto stadi gravi:

Sollievo dalla sintomologia dolorosa

Riduzione della rigidità

Miglioramento della mobilità articolare

Mantenimento del corretto trofismo articolare.

IDENTICI RISULTATI ANCHE IN CASO DI:

dolore articolare di origine degenerativa

atleti sottoposti a pesante carico di lavoro con conseguente comparsa di microtraumi articolari.

——

Pubblicazioni scientifiche al riguardo

Carpenter, MR., Carpenter, RL., Mc Carthy, SM., Kline, G., Angelopoulos, TJ.,Rippe, JM. “Collagen hydrolysate supplementation improve symptoms in patients with severe osteoarthritis.”
Med Sci Sports Exerc. 2005; 37 (suppl) S91-S92

Benito-Ruiz, P. et al. “A randomized controlled trial on the efficacy and safety of a food ingredient,
collagen hydrolysate, for improving joint comfort.”
Int J Food Sci Nutr. 2009 Feb 12:1-15

Adam, M. “What effects do gelatin preparations have ? ”
Therapiewoche 41 (1991) 2456-2461

SALUTE – Penna stampa-cellule per riparare la cartilagine ! Fantastico per tutti gli anziani

UN ENORME PASSO AVANTI CHE RIGUARDA TUTTE LE PERSONE ANZIANE CHE HANNO, SOVENTE, PROBLEMI DI CARTILAGINE CHE CAUSANO FORTI DOLORI NEI MOVIMENTI.

Si chiama BIO-PEN; è una penna chirurgica che stampa all’istante cellule staminali umane.

Questo dispositivo è stato ideato in collaborazione con il Centro Australiano Aces e ricercatori dell’Ospedale Saint Vincent di Melbourne.

I chirurghi possono così creare protesi cartilaginee.

Una speciale penna consente al chirurgo di realizzare a mano libera strutture tridimensionali di tessuti artificiali; assolutamente compatibili con il caso specifico.

Le cellule stampate sopravvivono al 97% .

SALUTE ARTRITE E ARTROSI – L’artrite si può combattere a tavola

L’articolo è scritto dalla  giornalista G.Seregni,  iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

——-

Secondo le ultime ricerche, il tipo di dieta può aiutare a bloccare quel processo infiammatorio cronico che è l’artrite.

L’artrite va combattuta appena se ne hanno le prime percezioni; è fondamentale evitare che si trasformi in artrosi; situazione cronica con gravi conseguenze, molti difficile da combattere.

Dopo i 40 anni si deve curare l’alimentazione che deve essere ricca di antinfiammatori:

OTTIMI GLI SPAUNTINI A BASE DI 5 NOCI AL GIORNO; O MANDORLE O PISTACCHI O NOCCIOLE (meglio alternare); si assumono grassi insaturi, danno senso di sazietà, ma attenzione a non esagerare; se aggiunti ad un dieta ricca fanno ingrassare (eliminare l’abitudine ai gelati, ricchi di zuccheri e/o grassi e vantaggiosi solo per chi li produce; il fatto che siano artigianali non è garanzia di qualità e sostanze naturali !!! Eliminare biscotti e dolci, ricchissimi di grassi saturi come l’olio di palma; meglio una fetta di pane con 1 cucchiaio di marmellata)

PRIMI FRA TUTTI I GRASSI INSATURI OMEGA3, CONTENUTI NEL PESCE AZZURRO: sardine, acciughe e sgombri

MOLTI VEGETALI E LEGUMI (lenticchie, ceci, fagioli, fave, piselli, soia); attenzione i legumi, pasta e pane, sono di per se abbastanza nutrienti e quindi male si accordano con una dieta ricca di carni, formaggi, peggio se grassi – invece, se i quantitativi assunti sono bassi, tutti i cibi sono accettati dall’organismo; salvo serie patologie specifiche

-CRUSCA E FIBRE VEGETALI IN GENERE: hanno un’azione di pulizia e miglioramento del transito intestinale -i cereali, meglio se integrali e bio, contengono fibre, minerali, vitamine, antiossidanti, fito-nutrienti e grassi insaturi E REGOLANO LA GLICEMIA.

tanta frutta e verdura

DA LIMITARE:

GRASSI ANIMALI (l’eccesso di consumo di carni grasse, hamburger ricchi di grassi, affettati. grassi.. è sicuramente dannoso)

SALE: provoca ritenzione idrica che è dannosa per le articolazioni affette da artrosi

-superalcolici; si depositano nel tessuto adiposo e danneggiano il fegato

-verdure che contengono troppa solanina (in particolare quando non sono ben mature): pomodori, melanzane, peperoni, patate.

Osteoporosi – tumori alle ossa – Nasce una impalcatura ossea artificiale

Riparare le ossa, come si ripara il buco in una gomma ?

UNA NUOVA SCHIUMA PER RIPARARE LE OSSA DANNEGGIATE:

anche i dentisti la potrebbero usare per riempire i solchi lasciati dai denti estratti, per rimpiazzare tessuto osseo rimosso per un tumore ecc..

E’ quello che si potrebbe fare con la nuova schiuma iniettabile; dove le bolle d’aria rimangono intatte a lungo e non creano problemi al tessuto osseo circostante.

Il chimico Franck Tancret, dell’Institut des Materiaux, J.Rouxel di Nantes,  ha usato fosfato di calcio, ma ha prima trattato la pasta di cemento con un polimero molto viscoso, che stabilizza la schiuma e le bolle rimangono intatte a lungo.

Questa schiuma può fare da impalcatura anche per la crescita ossea; abbinandola a medicinali del caso,  anche i dentisti la potrebbero usare per riempire i solchi lasciati dai denti estratti, rimpiazzare tessuto osseo rimosso per un tumore ecc…

SALUTE ARTROSI ; TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL’ARTROSI

L’articolo è scritto da una giornalista iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice ha anche studiato presso l’Università Statale di Milano, (ISEF); la sua tesi fu firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

La notizia è di quelle molto buone; oggi abbiamo modo di risolvere brillantemente i gravi problemi di artrosi, soprattutto al ginocchio e all’anca.

L’aumento dell’età media ha reso sempre più frequente il problema.

48 ORE DOPO L’OPERAZIONE IL PAZIENTE E’ IN GRADO DI CAMMINARE.

Il consiglio è quello di informarsi bene e rivolgersi ad un ospedale rinomato per questo tipo di operazioni.
Meglio ancora, fare una visita privata, se è possibile, dal primario dell’ospedale e farsi spiegare bene che tipo di protesi metteranno; di che materiale e se si tratta del materiale di ultima generazione.

Solo gli ultimi materiali garantiscono, alla protesi, una durata di 30 anni.

Purtroppo ci risulta che in alcuni ospedali si utilizzano materiali, oggi superati, per smaltire le scorte; contenendo le spese.

Controllate di non avere allergie riguardanti i materiali della protesi; per questo dovete pretendere di conoscere di cosa esattamente e’ fatta la vostra futura protesi.

Non affidatevi MAI all’ospedale più vicino perché comodo per i parenti !!! Meglio tante visite di parenti in meno, tante scomodità in più, ma un risultato ottimale; che non vi costringerà a perdere poi tempo per risolvere eventuali conseguenze negative.

i materiali più innovativi, sono quelli ceramici, e sono anche quelli che danno maggiori garanzie di durata nel tempo ed evitano allergie verso i metalli.

All’avanguardia ci risulta essere, tra altri che non conosciamo, il Reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’Istituto Clinico San Rocco di Ome; nei pressi di Bergamo.

APPUNTAMENTO RISERVATO AGLI SPECIALISTI DEL SETTORE:

9-10 ottobre a Bergamo:  importante incontro dell’Associazione Nazionale Riproteizzazione.

SU INTERNET È POSSIBILE SAPERE DI PIÙ SULL’ARGOMENTO PROTESI, vedi la link:

http://www.riprotesizzazione.eu/

G. Seregni