Archivi categoria: allergie

INTOLLERANZE; NON STIAMO ESAGERANDO?

L’articolo è scritto dalla giornalista G.Seregni iscritta all’UGIS: Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

La sovrabbondanza di cibo, medicine e inquinamento ci ha reso tutti più fragili?

E’ sempre più frequente ascoltare amici che dichiarano di avere scoperto di essere intolleranti a qualcosa: al glutine, al lattosio ecc…

Le allergie vere e proprie, poi, sono diventate quasi  pane quotidiano per i bambini.

Viene naturale ricordare che quaranta anni fa era assai raro incontrare persone che dichiarassero allergie, quindi qualcosa è cambiato, o siamo cambiati noi?

Cominciamo con il precisare che gli effetti di una dieta sono soggetti ad  un enorme quantitativo di variabili che influiscono sulla nostra salute; per esempio: i nostri geni, lo stile di vita ecc…

Isolare le variabili dovute solo ad un certo tipo di cibo richiederebbe una ricerca tra un enorme quantitativo di persone e decenni di ricerca.

Al momento questo non è stato fatto, quindi le deduzioni relative alla nostra dieta si possono sempre definire approssimative. Si va per tentativi ed errori.

All’inizio ti tolgono il pomodoro, poi il latte, poi gli agrumi (è solo un esempio) e poi magari ti senti meglio perché una dieta ristretta e severa comunque ha un effetto disintossicante e può fare anche molto bene.

Peccato che può anche fare male, se al persona curata è carente di qualche sostanza la quale viene ancora più ridotta a causa di queste dite a volte troppo limitative.

DA RICORDARE (quasi mai i medici ne sono al corrente, leggono i dati su giornali di categoria e questo a loro basta; oppure ricevono informazioni durante i congressi, ma non hanno mai tempo o interesse, per approfondire la logica e su quali dati si basano le ricerche) : le diete propinate si basano, al massimo, su studi su cavie da laboratorio che vivono solo due anni  e hanno diete ultraregolate, non paragonabili a quelle umane.

Ovviamente non si devono confondere le intolleranze con le vere e proprie allergie, queste ultime vere e proprie reazioni immunitarie (anche gravi sintomi cutanei, respiratori o digestivi).

A questo proposito varrebbe la pena di leggere anche l’articolo al link:

https://www.donnecultura.eu/?p=20285

dove si parla delle relazioni tra gli alimenti OGM (Organismi Geneticamente Modificati o transgenici) e la salute dell’uomo e degli animali.

Le intolleranze, al contrario non hanno una chiara reazione immunitaria, ma solo impossibilità di digestione.

Basti pensare che il latte, se non ingerito regolarmente, da dei problemi di digestione che , una volta, si risolvevano semplicemente riabituando il corpo a produrre quanto necessario per la sua normale  digestione; ovvero aggiungendo ogni giorno un cucchiaino in più di latte ad una tazza di te. Semplice ed efficace. Oggi, invece, si vende del latte speciale per la gioia di chi lo produce!

PER LE INTOLLERANZE ALIMENTARI I TEST ATTENDIBILI SONO POCHISSIMI E RIGUARDANO SOLO GLUTINE E LATTOSIO.

I TEST, PER ALTRI ALIMENTI OLTRE IL LATTOSIO E IL LUTINE, PROPOSTI DA FARMACIE E AMBULATORI NON SONO ACCETTATI DA TUTTA LA COMUNITA’ SCIENTIFICA COME VALIDI, MA SOLO DA UNA PARTE DI ESSA.

I test “alternativi” poi, portano solo a diete che causano gravi carenze.

Comunque i test vanno sempre interpretati alla luce della storia del paziente.

Abbiamo riportato le opinioni del prof. Lorenzo Maria Donini, docente di Fisiologia della Nutrizione Università La Sapienza Roma e della prof.ssa Elisabetta Bernardi, nutrizionista, docente all’Università di Bari, autrice della trasmissione Rai Superquark.

 Trend in crescita esponenziale per diverse cause: i dati dell’Istituto Superiore di Sanità.

Un trend in crescita esponenziale per diverse cause: i dati dell’Istituto Superiore di Sanità riferiscono che il 7,5-8% dei bambini e il 2% della popolazione adulta soffrono di ‘reazioni avverse ad uno o più cibi’ che si manifesta con sintomi esclusivamente gastrointestinali: dolori addominali, crampi, diarrea, vomito.

OPINIONI DIVERSE:

Al contrario delle allergie classiche, nelle reazioni avverse

non c’è coinvolgimento del sistema immunitario e rilascio di istamina e la terapia si basa principalmente sull’eliminazione dell’alimento dalla dieta. Nonostante

-solo un terzo delle intolleranze sia diagnosticato con il Test della Provocazione Orale, considerato il Gold Standard per la conferma della diagnosi,

gran parte della popolazione ritiene di essere ‘intollerante’ a qualche alimento, condizione a cui attribuisce ad esempio un malessere generale, sintomi aspecifici e l’incapacità a perdere peso. Inoltre sotto a questo grande capitolo vengono introdotti 

-anche le avversioni ad alcuni cibi legati ai gusti personali e i condizionamenti psicologici.

Una singolare ipotesi eziologica è quella formulata dalla Dottoressa Edi Salvadori, psicopedagogista e counselor è che

dietro al rifiuto di un cibo da parte dell’organismo ci sia una emozione non riconosciuta e riconducibile all’alimento stesso. Ne consegue che alla

rimozione del blocco emotivo, il sintomo scompaia. Approccio particolarmente utile quando l’intolleranza riguardi alimenti difficili da eliminare completamente come le uova, il latte ecc.

“Nella mia esperienza professionale” sostiene la Dott.ssa Salvadori “mi sono accorta che

-le intolleranze alimentari nascono, essenzialmente, dalla nostra incapacità di ascoltarci, di ascoltare i nostri desideri più profondi, di dare fiducia alla saggezza antica del nostro corpo”. Ecco quali sono le più comuni e le relative  correlazioni sintomatiche:

Mela = Senso di colpa. La correlazione nasce dalla simbologia che associa questo frutto al peccato. Le persone che si sentono in colpa perché hanno atteggiamenti arroganti nei confronti delle persone con cui hanno un legame affettivo più profondo e scagliano su di loro la rabbia inespressa possono sviluppare questa intolleranza che si manifesta con gonfiore a livello addominale o crampi.

Latte = Legame figura materna. E’ una intolleranza legata alla presenza di una madre ansiosa (per paura del distacco, perché ha vissuto un aborto, ha subito violenze, per proteggere la prole)  o una assente, (perché presa dai suoi problemi lavorativi, esistenziali, dai suoi disagi relazionali). Le persone che si sentono un peso per la madre sviluppano insicurezza e spesso intolleranza verso l’alimento che li ha nutriti, perché si carica di stati emotivi che l’organismo non riesce più a “digerire”. Disturbi digestivi, senso di gonfiore o peso diventano i compagni di vita di queste persone. L’intestino è  correlato al secondo chakra che, a sua volta, è correlato alla relazione con la figura materna, per cui una sua distorsione genera un blocco energetico che può provocare la sintomatologia. L’ intolleranza al latte, che compare in età adulta, può esprimere un conflitto irrisolto, che si muove tra il bisogno di fusione e quello di autonomia, oppure è l’effetto di una madre ambivalente, o dal comportamento opprimente. Quando si presenta in un neonato, potrebbe essere l’espressione della relazione con una madre depressa, che non riesce ad accudire il figlio. Trovarsi nella condizione di dover eliminare il latte dalla propria dieta vuol dire “stare alla larga” dagli zuccheri che compongono il latte e che simbolicamente, possiamo associare al bisogno di dolcezza/affetto. Chi non ‘digerisce’ il latte presenta quindi un’ambivalenza fra il bisogno di ricevere dolcezza, amore, affetto, e l’impossibilità di accettarla, accoglierla.

Glutine = Difficoltà di intessere relazioni stabili e paura dell’invischiamento, soprattutto nel contesto familiare. Solitamente i soggetti che  sviluppano questa intolleranza sono persone vissute all’interno di contesti familiari particolarmente “fagocitanti”, dove non è stato facile rivendicare la propria individualità. Potremmo vedere questa intolleranza

come il grido di quelle parti bambine che hanno bisogno di essere viste, di essere al centro dell’attenzione, solo che noi dobbiamo recuperare la percezione che prima di essere importanti per gli altri lo dobbiamo essere per noi stessi, in modo da non essere prevaricati. La paura di un coinvolgimento eccessivo può generare la difficoltà di intessere delle relazioni stabili e profonde, facendoci vivere come delle “api” che vanno di fiore in fiore. I sintomi fisici sono a livello gastrico ed intestinale

Prezzemolo = Difficoltà di porre dei confini. Questa intolleranza può insorgere in quelle persone particolarmente disponibili, gentili, responsabili, sempre pronte a mettere da parte il proprio sentire, al punto tale che non pongono dei confini per cui si lasciano invadere continuamente. Questa intolleranza deve indurre la persona a riflettere che è arrivato il momento di scrollarsi di dosso delle responsabilità eccessive di cui si sta caricando, per eccesso di disponibilità, iniziando a dire dei NO. Alla base di questa intolleranza c’è una bassa autostima e il desiderio di compiacere gli altri.

Carne = Stile di vita frenetico e caotico. Fare tante cose contemporaneamente, non riuscire a stare fermi e quando lo si fa sentirsi in ansia, con un forte stato di angoscia,  ci può portare a prestare attenzione verso il fare e non il sentire. L’azione ci impedisce di pensare, di ascoltare il disagio che c’è dentro di noi. Quando il corpo non regge più questo meccanismo, in quanto emerge un forte stato di stress e di stanchezza, anche come conseguenza di un sovraccarico energetico del fegato. Questa intolleranza può essere l’espressione di persone che non si concedono nemmeno il tempo per nutrirsi, proprio perché la carne necessita di tempi più lunghi per la masticazione e l’assimilazione.

Cioccolato fondente = Vita sessuale vissuta come senso del dovere e non del piacere, Cioccolato al latte = Bisogno di coccole, di affetto, di dolcezze. Il cioccolato, simbolicamente, rappresenta uno dei piaceri della vita , ma quando questa è costellata di dovere non è facile lasciarsi andare nemmeno nell’intimità, così come potremmo non concederci di esternare il nostro bisogno di essere amati. Si tende a compensare ciò che manca con questo alimento, fino al giorno in cui non sarà più sufficiente e il nostro corpo lo esprime con l’intolleranza. L’intolleranza alla cioccolata e quella alla caffeina insorgono in persone particolarmente rigide con se stesse, con un grande senso del dovere e con una forte responsabilità. Soggetti che pensano che ciò che ottengono deve essere sempre il frutto di grandi sacrifici, e se ottengono qualcosa facilmente non se lo godono Per assurdo gli unici momenti che si concedono potrebbero essere proprio le pause caffè ma l’estrema rigidità della personalità genera l’intolleranza.

IL LATTE COSTA POCO – ALLORA SI DICE CHE FACCIA MALE…. !

Tutti “intolleranti” al latte ?

… FANNO BENE SOLO I LATTI CHE SI PRESENTANO COME CARISSIMI SUL MERCATO.

A me viene un sospetto…

Non dimentichiamo che

IL LATTE SI SOIA e’ in gran parte  DI ORIGINE OGM, QUINDI LA GIUSTIFICAZIONE SALUTISTA NON HA ALCUN FONDAMENTO.

 -L’INTOLLERANZA AL LATTOSIO DERIVA QUASI SEMPRE DALLA PERDITA DELL’ENZIMA DELLA LATTASI: una volta si risolveva semplicemente

– bevendo del tè a cui si aggiungeva, gradualmente giorno dopo giorno, un cucchiaio e poi 2 e poi 3 di latte ecc…per riformare questo enzima nell’intestino.

-Ma oggi la soluzione è solo nel latte speciale, perché? Non si tratta forse di favorire precisi interessi economici?

-NON DIMENTICHIAMO CHE IL LATTE VERO CONTIENE ANCHE

FITOESTROGENI PREZIOSI PER LE DONNE IN MENOPAUSA e per gli uomini (per la prevenzione del cancro al seno e del tumore alla prostata), OLTRE AL CALCIO CHE DEVE ESSERE INGERITO DURANTE TUTTA AL VITA

– contiene calcio e fa bene per prevenire l’OSTEOPOROSI (false le affermazioni contrarie; servono solo a promuovere prodotti molto più costosi). 

L’acquirente non sempre si  accorge che spendere anche 4 euro per un litro di latte “speciale”, mentre quello normale viene pagato pochi centesimi al produttore, e questo corrisponde ad una truffa.

Eppure il consumo di latti “speciali” è aumentato in modo esponenziale.

Ci aggiungono poche vitamine, che possiamo assumere con il consumo di una buona banana e/o altra frutta, e il costo va alle stelle.

Oramai quasi tutti siamo convinti di essere “intolleranti” al latte.

La parola “intollerante” è ormai abusata.

A proposito vedi al link: https://www.donnecultura.eu/?cat=34

Latte di  riso, soia e mandorle; ormai appaiono su tutti i banchi dei supermercati arricchiti spesso di zuccheri inutili che danno calorie inutili e poveri dei principi alimentari del latte vero, sostituiti da vitamine aggiunte a prezzo elevato.

Ormai beviamo solo il latte magro o semigrasso e poi ci abbuffiamo di gelati, biscotti, pizze e lasagne preparate industrialmente e dolci che ci danno ben più grassi e zuccheri pericolosi del latte normale…

Negli ultimi mesi la vendita di latte di mucca fresco è calata oltre il 6%.

Mentre i latti di soia, e compagni, sono aumentati del 13,8 %…!

I maniaci della salute ormai considerano il latte un vero nemico, tanto più quello intero.

Ed ecco yogurt magrissimi e pieni di zuccheri che vengono acquistati da signore in odore di dieta ma , ripetiamo non sono quei pochi grammi di grassi contenuti in un vasetto di yogurt che ci fanno ingrassare o danneggiano la salute, ma la somma di tutto quanto mangiamo mediamente.

Da non dimenticare che nel grasso del latte si trovano anche le vitamine A e B, preziosi alimenti per la nostra salute

-e migliori di qualunque crema per il mantenimento della nostra pelle in buone condizioni.

Per non parlare del calcio, così importante per i bambini e gli adolescenti, ma anche per gli adulti e gli anziani.

Sarebbero 3,5 milioni gli italiani con intolleranze alimentari, 2 milioni quelli con allergie e 6,3 quelli con problemi di digestione.

SALUTE – La base è l’equilibrio tra acido e basico – Pericolo acidosi

MANTENERSI IN SALUTE A TUTTE LE ETA’

Le note qui sotto sono scritte volutamente con linguaggio semplice e, speriamo, efficace. Sono state abolite parole e  spiegazioni troppo specialistiche.

L’acidità rallenta le attività biologiche; favorisce la malattia.

L’acidità favorisce anche la formazione dei tumori.

Tutte le proteine animali favoriscono l’acidità; salvo quelle provenienti dai vegetali come fagioli, banane,  lenticchie, soya … ecc. (ma si tratta di aminoacidi non completi che hanno bisogno di essere associati a pasta, riso o pane).

Cibo acidificante per eccellenza: aceto e cibi pronti

Come sapere se abbiamo un eccesso di acidità ?

Acquistare in farmacia una cartina tornasole o stik misuratori del PH; bagnare la punta della striscia con pipì e confrontando con la scala di colori di riferimento. Fare 2 prove al giorno per almeno 3 giorni.

Sotto il 7 l’acidità è troppa.

DEACIDIFICANTI:
Spinaci molto deacidificanti
Uva 7 volte più deacidificante degli spinaci.

I vecchi facevano una giornata mangiando solo uva, ma si può fare con qualunque altro frtto.

Il massimo: mangiare tanto ananas (molto depurativo)

L’organismo acidificato è predisposto anche all’ artrosi.

Eccesso di acidità

Il nostro organismo si difende dall’eccesso di acidità prelevando calcio dalle ossa e favorendo processi di indebolimento e malattie alle ossa.

L’INTESTINO PULITO E’ ESSENZIALE PER VITA SANA

Più dannosi di tutto sono i fecalomi che occludono l’orifizio anale (ammassi di feci non espulse).

Nell’intestino ci possono essere fecalomi anche di vecchia data,  che favoriscono l’infiammazione.

Quando si infiamma l’intestino diviene poroso e lascia passare porcherie nei vasi sanguigni che portano in circolo sostanze che favoriscono intolleranze e malattie.

FOTO DI COPERTINA:

Alessandra Angelini_Insalata-mista_Plexiglass-foglia-d’oro-e-tecnica-mista_2013.

Malati immaginari di intolleranze ! ? – Tutti celiaci & c. ? O è molto business ?

Un rapporto dell’Isitituto Superiore di Santà, spiega che in Italia ci sono circa 5 MILIONI di malati immaginari, che comprano prodotti privi di glutine, senza averene un valido motivo.

Sono solo 180.000 i VERI celiaci, intolleranti al glutine, in Italia ( lo dice Marco Silano, direttore del Dipartimento di Sicurezza Almentare all’Iss ).

Gino Roberto Corazza, del Policlinico di Pavia, ha riunito 60 consumatori di prodotti senza glutine e ha somministrato loro una pastigia, senza specificarne il contenuto, solo due persone hanno dichiarato di avere avuto problemi. La pastiglia era un concentrato di glutine.

Il tema è quasi scabroso; in un momento in cui va di moda parlare di intolleranze, noi vi riportiamo alcuni dati scientifici per aiutarvi a guardare questo problema nella giusta dimensione.

Le persone con il colon irritabile vengono spesso invogliate a seguire una dieta gluten free che, sempre secondo  Marco Silano, non ha nessuna spiegazione scientifica valida.

Inoltre va detto che moltissime persone soffrono di digestione lenta, ma per mille motivi diversi, anche se il glutine, in questo caso, può veramente peggiorare la situazione. Ma sono le cause della digestione lenta che andrebbero individuate; non usare un palliativo per alleggerire un disturbo, comunque presente e causato da altro.

 

 

COSA E’ IL FILM LACRIMALE SANO ? – Occhio secco e le allergie da pollini

Più sotto i consigli per evitare o limitare i problemi dell’occhio secco

S.O.S. primavera:
la sindrome da occhio secco e le allergie da pollini

La primavera può essere accompagnata da infiammazione cronica della superficie oculare, instabilità lacrimale e sofferenza dell’epitelio corneale e congiuntivale.

COSA E’ IL FILM LACRIMALE SANO ?

Un film lacrimale “sano” è costituito da una miscela di lipidi, acqua e mucine.

La secrezione di muco, lipidi e acqua è dunque essenziale per l’idratazione dell’occhio, a sua volta importante per la fisiologia e le funzioni ottiche.

La componente lipidica gioca un ruolo importante nel prevenire l’evaporazione e nello stabilizzare il film lacrimale: quindi, qualsiasi alterazione delle secrezione lipidica si traduce in una più facile evaporazione del film lacrimale e in una sua destabilizzazione. Questa conduce all’occhio secco. 

La componente acquosa costituisce la massa maggiore del film lacrimale e veicola nutrienti e ossigeno alla cornea (che è priva di vasi); inoltre, contribuisce alla rimozione dei detriti, protegge la superficie oculare grazie a enzimi dotati di proprietà antibatteriche e idrata la superficie dell’occhio.

Ovviamente, una diminuita produzione della componente acquosa o una sua eccessiva evaporazione porta alla sindrome dell’occhio secco.
Può anche accadere che l’alterazione del film lacrimale (e il conseguente sviluppo di una sindrome da occhio secco) si verifichi in presenza di una normale produzione e composizione delle lacrime, ciò può avvenire per esempio in seguito a problemi alle palpebre, come per esempio una lassità della palpebra inferiore, un margine palpebrale ectopico, una chiusura palpebrale incompleta, ma anche ad una ridotta frequenza di ammiccamento o a un ammiccamento incompleto.

UN TEST CHE TUTTI POSSONO FARE

SMART TEST PER INDIVIDUARE I SINTOMI DELLA SINDORME DA OCCHIO SECCO
Il questionario DEQ-5 (Dry Eye Questionnaire) per l’individuazione dei possibili casi di occhio secco può essere autosomministrato. La sua compilazione può essere suggerita a tutti coloro che presentino secchezza o fastidi oculari; permette di riconoscere i pazienti in cui sospettare la presenza del disturbo e che dovranno fare riferimento allo specialista.

NELL’ULTIMO MESE CON QUALE FREQUENZA HA PERCEPITO FASTIDIO OCULARE1
0 1 2 3 4
Mai Sempre
IN CASO DI FASTIDIO OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE FASTIDIO AL TERMINE DELLA GIORNATA?
0 1 2 3 4 5
Nullo Molto forte
CON QUALE FREQUENZA HA AVVERTITO SECCHEZZA OCULARE?
0 1 2 3 4
Mai Sempre
IN CASO DI SECCHEZZA OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE SENSAZIONE AL TERMINE DELLA GIORNATA, NELLE DUE ORE PRECEDENTI AL MOMENTO DI CORICARSI?
0 1 2 3 4 5
Nullo Molto forte
CON QUALE FREQUENZA LE SEMBRA CHE I SUOI OCCHI SOFFRANO DI LACRIMAZIONE ECCESSIVA ?
0 1 2 3 4
Mai Sempre
Si considera positivo un punteggio complessivo superiore a 6. Nel caso di un punteggio superiore a 12 è necessario considerare la possibilità di una sindrome di Sjogren2

CONSIGLI PRATICI

Dal gruppo P.I.C.A.S.S.O.* alcuni consigli pratici che possono essere utili per limitare i disturbi in chi soffre di occhio secco:

  • idratare l’occhio adeguatamente con sostituti lacrimali/colliri ad azione completa;
  • evitare di stare a lungo in ambienti secchi (riscaldamento, aria condizionata) che peggiorano i sintomi;
  • evitare l’esposizione diretta a fonti di aria o di calore;
    ricordarsi di chiudere gli occhi per qualche secondo quando si legge, si lavora al computer o si è molto concentrati in qualche attività;
  • umidificare gli ambienti in cui si abita e si lavora;
    evitare l’utilizzo di lenti a contatto finché non si ristabilizza la salute della superficie oculare.

 L’arrivo della primavera coincide in Italia con un appuntamento fisso con le allergie da pollinazione per quasi una persona su 5 (il 19,5% della popolazione). Le allergie sono in continuo aumento, secondo la fotografia scattata da Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione. Questa costante crescita è da correlare al processo di industrializzazione e a quello di urbanizzazione, che ha trasformato le comuni allergie stagionali in fenomeni perenni e persistenti.

A rimetterci sono molto spesso gli occhi: i gas inquinanti e il microparticolato si depositano sulla congiuntiva innescando una reazione infiammatoria. La persistenza dell’infiammazione altera la barriera epiteliale e attiva le cellule del sistema immunitario.

“Ci sono 4 forme di congiuntivite: la congiuntivite allergica stagionale (SAC), la congiuntivite allergica perenne (PAC), la cheratocongiuntivite Vernale (VKC) e la cheratocongiuntivite atopica (AKC).” – sottolinea la dott.ssa Pierangela Rubino, specialista in oculistica della Sezione di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Direttore Prof. S. A. Gandolfi. – La SAC e PAC sono le congiuntiviti allergiche più comuni e si riscontrano nel 15-20% della popolazione. Sono quasi sempre presenti le IgE specifiche per l’allergene perenne o stagionale e interessano i giovani adulti tra i 20-40 anni, senza predilezioni di sesso, e sono spesso associate a malattie atopiche.”
La cronica stimolazione del sistema immunitario si accompagna al rilascio di istamina e di altri mediatori dell’infiammazione, che sono responsabili della: vasodilatazione e aumento della permeabilità vascolare, e quindi del rossore oculare  stimolazione nervosa, che si traduce nel prurito  ipersecrezione a carico della ghiandola lacrimale, con conseguente lacrimazione

“La terapia delle congiuntiviti allergiche è quella di evitare l’agente nocivo che le causa, ma questo può risultare difficile per gli allergeni perenni e perché la superficie oculare è troppo ampia per evitare i comuni allergeni (per esempio quelli presenti nell’aria). Tra i principali trattamenti che sono utili per allontanare l’allergene ricordiamo i sostituti lacrimali che hanno la funzione duplice di diluire l’allergene e i mediatori dell’infiammazione e di rimuoverlo dalla superficie; tali trattamento sono coadiuvanti dei trattamenti specifici per le allergie cioè dei colliri antistaminici, di quelli con gli stabilizzatori di membrana e di quelli con il cortisone che sono usati nei casi più gravi di allergia.” – conclude la dott.ssa Rubino.
Per indirizzare verso un corretto percorso diagnostico la dott.ssa Rubino assieme al Gruppo P.I.C.A.S.S.O.* ha promosso, con il contributo di Thea Farma, lo smart test, grazie al quale è possibile misurare la probabilità di soffrire di occhio secco, che spesso è presente nelle congiuntiviti allergiche. E per una corretta gestione della problematica si ribadisce l’importanza dell’oculista come esperto cui fare riferimento.
Proprio nei casi più comuni di secchezza oculare, quali quelli legati alle allergie, è utile l’uso di un sostituto lacrimale che, oltre a diluire e allontanare l’allergene, vada ad agire sull’instabilità lacrimale, il danno epiteliale e l’infiammazione, grazie all’azione del trealosio (un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti), e dell’acido ialuronico (ialuronato sodico, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua) che è in grado di prevenire la denaturazione delle proteine, la degradazione dei lipidi, e di idratare e lubrificare la superficie corneale.

Le lacrime artificiali ad ampio spettro sono efficaci nel ripristinare il film lacrimale e la qualità dell’epitelio.

* Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema di Superficie Oculare:
prof. Pasquale Aragona – Professore Ordinario di Oftalmologia, Università di Messina, Dipartimento delle Scienze Biomediche
dott.ssa Emilia Cantera – Ospedale Israelitico, Roma
dott.ssa Rita Mencucci – Clinica Oculistica di Firenze
prof. Maurizio Rolando – Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica, Genova
dott.ssa Pierangela Rubino – Dirigente Medico, AOU di Parma

UNA SOLUZIONE AL PROBLEMA DELL’OCCHIO SECCO

Forma:
soluzione oftalmica acquosa in flaconcino multidose, da somministrare mediante instillazione nell’occhio o su lenti a contatto.

Principi attivi:
trealosio 3%, un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti (stabilizzante delle membrane cellulari, previene la denaturazione delle proteine e la degradazione dei lipidi);
ialuronato sodico 0,15%, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua (idratazione e lubrificazione della superficie corneale).

Indicazione d’uso:
è utilizzabile in caso di fastidio, bruciore o irritazione degli occhi. Tali sintomi possono essere causati da fattori esterni come vento, fumo, inquinamento, polvere, esposizione al sole o al freddo, caldo secco, aria condizionata, viaggi in aereo, lavoro protratto di fronte allo schermo del computer, ecc. Protegge, idrata e lubrifica a lungo la superficie oculare in tutti questi casi, per un rapido comfort.

Prezzo:
€ 20,00

È un dispositivo medico CE nr. 0459, leggere attentamente le istruzioni d’uso.
Autorizzazione ministeriale del 04.03.2016.

IL GRUPPO THEA E LA FILIALE ITALIANA THEA FARMA

Laboratoires Théa è il primo laboratorio farmaceutico indipendente in Europa specializzato nella ricerca, nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti oftalmici.
La sua storia è da sempre legata alla famiglia Chibret, dinastia nota nell’oftalmologia francese, che negli anni e attraverso le generazioni della famiglia ha condiviso la passione per l’oftalmologia ed ha introdotto grandi novità dal punto di vista dei trattamenti in campo oftalmico.

Il gruppo Théa infatti è da sempre impegnato nella ricerca e nello sviluppo di prodotti e tecnologie innovative. La missione principale del gruppo è quella di soddisfare le esigenze di tutti gli oculisti e dei loro pazienti, offrendo una gamma di prodotti di alta qualità e tecnologie all’avanguardia.
In Italia, il gruppo Théa arriva nel 2002 con l’acquisizione di Farmila, società privata nata nel 1946 e specializzata nella produzione di prodotti oftalmici e prodotti in ORL. In seguito all’acquisizione, Farmila ha subito una riorganizzazione profonda, sia dal punto di vista delle attività commerciali, affidate a Thea Farma, sia dal punto di vista della produzione, dominio di Farmila-Théa, diventando oggi uno dei siti produttivi più performanti d’Europa.
Thea Farma offre agli oculisti un ampio portfolio prodotti coprendo diverse aree terapeutiche: la secchezza oculare, il glaucoma, le infezioni e le infiammazioni oculari, prodotti per il trattamento e la prevenzione della DMLE, le allergie, prodotti utilizzati nella chirurgia oftalmica. Offre tecnologie all’avanguardia (sistema ABAK) che garantiscono la conservazione dei prodotti senza l’utilizzo di conservanti e di conseguenza senza danneggiare la superficie oculare.

SALUTE in primavera – Sindrome da occhio secco e allergie da pollini

S.O.S. primavera:
la sindrome da occhio secco e le allergie da pollini

La primavera può essere accompagnata da infiammazione cronica della superficie oculare, instabilità lacrimale e sofferenza dell’epitelio corneale e congiuntivale. Le lacrime artificiali ad ampio spettro sono efficaci nel ripristinare il film lacrimale e la qualità dell’epitelio.

. L’arrivo della primavera coincide in Italia con un appuntamento fisso con le allergie da pollinazione per quasi una persona su 5 (il 19,5% della popolazione). A rimetterci sono molto spesso gli occhi: i gas inquinanti e il microparticolato si depositano sulla congiuntiva innescando una reazione infiammatoria.

La persistenza dell’infiammazione altera la barriera epiteliale e attiva le cellule del sistema immunitario.

Ci sono 4 forme di congiuntivite: la congiuntivite allergica stagionale (SAC), la congiuntivite allergica perenne (PAC), la cheratocongiuntivite Vernale (VKC) e la cheratocongiuntivite atopica (AKC).” – sottolinea la dott.ssa Pierangela Rubino, specialista in oculistica della Sezione di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Direttore Prof. S. A. Gandolfi. – La SAC e PAC sono le congiuntiviti allergiche più comuni e si riscontrano nel 15-20% della popolazione. Sono quasi sempre presenti le IgE specifiche per l’allergene perenne o stagionale e interessano i giovani adulti tra i 20-40 anni, senza predilezioni di sesso, e sono spesso associate a malattie atopiche.”

La cronica stimolazione del sistema immunitario si accompagna al rilascio di istamina e di altri mediatori dell’infiammazione, che sono responsabili della: vasodilatazione e aumento della permeabilità vascolare, e quindi del rossore oculare stimolazione nervosa, che si traduce nel prurito ipersecrezione a carico della ghiandola lacrimale, con conseguente lacrimazione

“La terapia delle congiuntiviti allergiche è quella di evitare l’agente nocivo che le causa, ma questo può risultare difficile per gli allergeni perenni e perché la superficie oculare è troppo ampia per evitare i comuni allergeni (per esempio quelli presenti nell’aria).

Tra i principali trattamenti che sono utili per allontanare l’allergene ricordiamo i sostituti lacrimali che hanno la funzione duplice di diluire l’allergene e i mediatori dell’infiammazione e di rimuoverlo dalla superficie; tali trattamento sono coadiuvanti dei trattamenti specifici per le allergie cioè dei colliri antistaminici, di quelli con gli stabilizzatori di membrana e di quelli con il cortisone che sono usati nei casi più gravi di allergia.” – conclude la dott.ssa Rubino.

Per indirizzare verso un corretto percorso diagnostico la dott.ssa Rubino assieme al Gruppo P.I.C.A.S.S.O.* ha promosso, con il contributo di Thea Farma, lo smart test, grazie al quale è possibile misurare la probabilità di soffrire di occhio secco, che spesso è presente nelle congiuntiviti allergiche. E per una corretta gestione della problematica si ribadisce l’importanza dell’oculista come esperto cui fare riferimento.

Proprio nei casi più comuni di secchezza oculare, quali quelli legati alle allergie, è utile l’uso di un sostituto lacrimale che, oltre a diluire e allontanare l’allergene, vada ad agire sull’instabilità lacrimale, il danno epiteliale e l’infiammazione, grazie all’azione del trealosio (un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti), e dell’acidoialuronico (ialuronato sodico, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua) che è in grado di prevenire la denaturazione delle proteine, la degradazione dei lipidi, e di idratare e lubrificare la superficie corneale.

* Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema di Superficie Oculare:
prof. Pasquale Aragona – Professore Ordinario di Oftalmologia, Università di Messina, Dipartimento delle Scienze Biomediche
dott.ssa Emilia Cantera – Ospedale Israelitico, Roma
dott.ssa Rita Mencucci – Clinica Oculistica di Firenze
prof. Maurizio Rolando – Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica, Genova
dott.ssa Pierangela Rubino – Dirigente Medico, AOU di Parma

ALLERGIE DEI BAMBINI – Arachidi ai piccolissimi come prevenzione

CAMBIO DI MARCIA SUI CIBI ALLEGENIZZANTI

Una ricerca chiamata Leap aveva stabilito che dare il burro di arachidi precocemente ai bambini riduceva drammaticamente il rischio di allergia

Lo afferma un editoriale sul New England Journal of Medicine, riportando i risultati di uno studio su 1300 neonati.

Burro di arachidi con le prime pappe ( già a quattro-cinque mesi di vita.), per il nuovo approccio che aiuta a combattere l’eccesso di allergia tra i bimbi delle nuove generazioni.

E’ vero che il burro di arachidi non fa parte della cucina nostrana italiana, ma la nuova scoprta è tutta aamericana; da qui il consiglio delle arachidi.

Quello che vale per gli arachidi, è positivo anche per pesce, latte, uova (considetati ultimamente altamnete allergenizzanti).

Le arachidi erano considerate altamente allegenizzanti e quindi proibite, insieme ad altri cibi allegenizzanti (che favorirebbero le allergie); il nuovo studio americano dimostra che si puà diminuire dell’80% l’allergia tra i piccoli, basterebbe abituarli precocemente ad un cibo considerato allergneizzante.

Caduto così un tabù che si avvicina ai principi delle nostre nonne; condannato dalla moderna pediatria alla ricerca di sempre nuove regole per imporre, a volte molto criticabili, nuove abitudini.

 

 

 

Como pericolo inquinamento ma vale per tutta la Pianura Padana … – INQUINAMENTO – PIU’ PERICOLOSO DELLE SIGARETTE !!!

Il 2017 inizia con i livelli record del Pm10; tre volte oltre i limiti di legge

In 25 giorni a gennaio, nove città lombarde, hanno già superato di ben 15 volte il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo (ma ricordiamo che quando il limite è a 49-45 ecc… microgrammi ... si tratta sempre di valori pericolosi per la salute).

Como  ha registrato 213 microgrammi !!!

Il quotidiano La Stampa, scrive che il superamento dei limiti di inquinamento nel 2012 ha causato morte prematura a 84.400 italiani (gli anni successivi non sono ancora contabilizzati .. ).

L’Unione europea, ha in corso due procedure di infrazione contro il nostro Paese, riguardanti i limiti di biossido di azoto (avviata nel 2015) e di Pm10 (in mora da anni). Se si arriverà alla Corte di Giustizia Ue, la condanna porterebbe a una multa che potrebbe arrivare ad un miliardo di euro

INQUINAMENTO DA TRAFFICO – RISCALDAMENTO – INDUSTRIA – SIGARETTE ???

E’ il traffico che fa ammalare, prima di tutto i bambini piccoli e gli anziani, e uccide con il cancro, ha il suo nemico peggiore nei Diesel euro 3, ma sopprimerli sarebbe IMPOPOLARE.

Come IMPOPOLARE sarebbe una decisione a livello regionale, vedi Regione Lombardia, che preferisce demandare ai sindaci che non vogliono farsi malvolere dai cittadini con misure drastiche …

SE TANTI HANNO SMESSO DI FUMARE

PERCHE’ IL CANCRO CONTINUA AD AUMENTARE ???

Lo avevamo scritto e riscritto; vedi i nostri articolo precedenti sull’argomento.

Finalmente, anche un allegato di un popolare quotidiano lo conferma con il titolo: “L’inquinamento uccide, più delle sigarette”.

-l’Organizzazione Mondiale per la Sanità sostiene che l’inquinamento abbia superato la sigaretta come pericolo per la salute.

-600.000 europei sono morti nel 2012 per esposizione ad agenti inquinanti !

-di cui: 482.000 per inquinamento ambientale

117.000 per inquinamento domestico.

-La Direttrice del Dipartimento di Salute Pubblica ed Ambinetale dell’ONU, Maria Neira, sostiene come i rischi dell’inquinamento siano, oggi, di  molto superiori di quanto si stimasse; soprattutto per ictus e ischemie  cardiache.

-Seguono, in ordine di importanza, disturbi ostruttivi cronici ai polmoni (11 %),

infezioni respiratorie acute nei bambini: 3%

morti da tumore: 6%.

—————————

-Un recente studio dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc), ha definito

sicuramente cancerogeno il cocktail di combustioni da traffico, riscaldamento degli edifici ed emissioni industriali.

A livello mondiale, invece, l’inquinamento più pericoloso risulta essere quello domestico:

-a causa dei combustibili solidi come legna  e carbone;

noi ci permettiamo di ricordare che anche

il nostro gas domestico non  CI DA  affatto UNA MANO… come recitava un cero slogan, almeno dal punto di vista dei veleni prodotti (non a caso la legge impone cappe aspiranti e fori per il ricambio dell’aria!!!).

Anche le allergie aumentano con l’inquinamento: secondo l’Anses, Agenzia di Sicurezza Sanitaria  e Alimentare Francese,

le persone che soffrono oggi di allergie sono  raddoppiate nell’ultimo ventennio !

-30% degli adulti

-7-20% nei bambini

Anche il riscaldamento globale, aumentando il periodo di impollinazione, prolunga i tempi di esposizione agli allergeni.

I media, sino ad oggi, ci hanno spiegato che

-la sigaretta è il male assoluto, senza parlare mai di quanto respiriamo semplicemente vivendo in città inquinate come Milano.

Da tempo gli scienziati hanno calcolato che una giornata a Milano vale, in termini di sostanze dannose all’organismo,

-come il fumo di 80 sigarette….!!

-nel 2012, gli scienziati hanno calcolato che 7 milioni di morti sono legati alle combustioni tossiche e allo smog (che fa aumentare anche le allergie soprattutto nei bambini) !!

ASMA ALLERGICO GRAVE: la terapia biologica

ASMA ALLERGICO GRAVE:
la terapia biologica dopo 10 anni di impiego di Omalizumab

· Omalizumab è il farmaco che ha aperto la strada alla terapia biologica per l’Asma Allergico Grave (AAG)

· I dati real life in 10 anni di impiego ne confermano il profilo di tollerabilità e l’efficacia anche in ambito pediatrico

· Ivantaggi consistenti e clinicamente significativi per la qualità di vita dei pazienti con AAG, pongono il farmaco biologico al centro della scelta terapeutica per coloro che non rispondono ai trattamenti tradizionali (Step 5 Linee Guida GINA – Global INitiative for Asthma) (*)

– Omalizumab, farmaco appartenente alla classe degli anticorpi monoclonalianti-IgE (cioè, anti-immunoglobuline E), compie dieci anni, un anniversario da festeggiare poiché ha aperto la strada alla terapia biologica nell’Asma Allergico Grave, come ribadito anchenei recenti Congressi ‘Pneumo Magna Graecia’ e ‘Highlights in Allergy and Respiratory diseases’.

Il suo profilo di tollerabilità e la sua efficacia, dimostrate da anni di utilizzo, lo rendono ancora oggi la scelta principale per la cura ed il trattamento dell’Asma Allergico Grave, anche in ambito pediatrico.

L’asma Allergico Grave è una patologia complessa che colpisce adulti e bambini, caratterizzata dalla iperproduzione di immunoglobuline E (IgE) in risposta agli allergeni ambientali (quali acari della polvere, pollini e muffe).

Le linee guida GINA (Global INitiative for Asthma) (*) stabiliscono il raggiungimento del controllo ottimale della patologia quale obiettivo primario nella gestione del paziente.

Non controllare questa malattia comporta il persistere dei sintomi e l’insorgere di frequenti riacutizzazioni, che spesso possono causare l’ospedalizzazione e addirittura mettere a rischio la vita stessa del paziente.

L’Asma è un problema mondiale e un consistente onere sociale ed economico per i sistemi sanitari; la maggior parte dei pazienti con Asma Grave soffre di Asma allergico.

Secondo l’OMS oltre 300 milioni di persone soffrono di questa condizione nel mondo; la Global INitiative for Asthma (Gina) stima che in Europa ci siano oltre 30 milioni di asmatici.

“Le immunoglobuline E (IgE) hanno un ruolo molto importante nell’Asma Allergico Grave in quanto sono capaci di influenzare la funzione e, di conseguenza, l’attività di molte cellule comunque coinvolte nella patogenesi della malattia asmatica”, afferma Andrea Matucci – Dirigente medico del Reparto di Immunologia AOU Careggi di Firenze.

Il futuro del trattamento delle forme gravi di asma è affidato alle terapie biologiche che permettono di ottenere una migliore gestione della malattia e una medicina – per così dire – personalizzata.

Omalizumab è l’esempio di farmaco biologico diretto su un “bersaglio” preciso, in questo caso le IgE”.

Come rileva Girolamo Pelaia, Professore Ordinario di Malattie dell’Apparato Respiratorio e Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Respiratorio presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro,“10 anni di impiego dell’anticorpo monoclonale anti-IgE Omalizumab nel trattamento dell’Asma Allergico Grave hanno dimostrato che questo farmaco è caratterizzato da un ottimo pattern di tollerabilità e, soprattutto, da un solido profilo di efficacia, confermato negli anni, che ha consentito di rivoluzionare la terapia dell’asma di natura allergica in oltre 100.000 pazienti nel mondo.

Il trattamento è in grado di ridurre la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni dell’asma, migliorando anche i sintomi respiratori dei pazienti e la loro qualità di vita.

Questi effetti dipendono dalla capacità di Omalizumab di legarsi specificamente alle IgE umane, formando così degli immuno-complessi che impediscono alle IgE di attivare i loro recettori ad alta e bassa affinità, espressi dalle cellule immuno-flogistiche quali mastociti, basofili, eosinofili, cellule dendritiche e linfociti B.

Poichè a livello delle vie aeree i recettori per le IgE sono presenti anche sulle cellule strutturali come le cellule epiteliali bronchiali e le fibrocellule muscolari lisce, Omalizumab può modulare gli eventi strutturali relativi al rimodellamento della parete bronchiale, con possibili riflessi positivi sulla storia naturale dell’Asma“.

(*) Linee Guida Internazionali per l’ASMA (GINA – Global Initiative for Asthma Management)

Novartis
Novartis fornisce soluzioni terapeutiche innovative, in grado di far fronte alle esigenze in continua evoluzione dei pazienti e della società. Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portfolio diversificato, per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci innovativi, prodotti per la cura dell’occhio e generici a costi competitivi. Novartis è la sola azienda al mondo a detenere una leadership in tutte queste aree. Nel 2015, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 49,4 miliardi di dollari, mentre circa 8,9 miliardi di dollari (8,7 miliardi di dollari escluse le svalutazioni e gli ammortamenti) sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo. Le società del Gruppo Novartis contano circa 118.000 collaboratori. I prodotti Novartis sono disponibili in oltre 180 Paesi del mondo. Ulteriori informazioni nei siti www.novartis.it e www.novartis.com.

Novartis Italia è anche su Twitter @novartisitalia.

CELIACI ATTENTI – Con i cibi per celiaci si rischia di diventare diabetici !

GLI ALIMENTI SENZA GLUTINE SONO TROPPO RICCHI DI GRASSI, ZUCCHERI E ADDITIVI

Non è uno scherzo, il problema è stato da poco sollevato, ma ha un suo fondamento scientifico.

Alcuni prodotti confezionati etichettati “senza glutine” e “per celiaci” possono essere molto elaborati e risultare ricchi di grassi, zuccheri e additivi.

Il problema sta nei prodotti per celiaci realizzati a livello industriale senza badare troppo alla qualità degli ingredienti. 

Ecco cosa possono contenere: zuccheri, additivi di dubbia provenienza, grassi poco sani come l’olio di palma, e conservanti superiore alla norma.

Il consiglio ai 165 mila celiaci italiani, arriva direttamente dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino: non sottovalutare quanto sopra, controllare sempre ACCURATAMENTE l’elenco degli ingredienti, anche se acquistate in farmacia o in un negozio specializzato.

Inoltre, nei cibi per celiaci, ma non solo,  possono essere presenti anche: gomme, addensanti e aromi artificiali (che causano allergie) che spesso non vengono specificati. 

LA BUONA NORMA PER CELIACI, MA ANCHE PER I NON CELIACI:

– scegliere gli ingredienti e i cibi più semplici.

Prima cosa da fare è non allarmarsi, ma capire di cosa stiamo parlando.

I cereali, hanno la capacità di trasformarsi in ziccheri ababstanza lentamente e quindi il corpo li assimila poco alla volta e non riceve un picco glicemico ( eccesso di zuccheri improvviso).

Secondo le ultime informazioni, pare che le sostanze contenute nelle paste, pane, farne, biscotti, grissini ecc… confezionate per celiaci contengano sostanze che rilasciano velocemente zuccheri.

Qui sta il problema; quindi se siete celiaci, vi farebbe meglio passare al riso e alla polenta, piuttosto che insistere con farine e paste COSTOSISSIME (se non per voi che le scaricate, come permette la legge italiana (in Svizzera non è possibile), almeno per la comunità e per le finanze della medicina sociale).