Plastica – pellicola alimentare – detergenti – detersivi – grave pericolo ftalati pvc per bambini e adulti

DETERSIVI PROFUMATI PER PAVIMENTI – SPRAY ANTIPOLVERE PROFUMATI – VARI SPRAY PER PULIRE CUCINA – DOCCIA – BAGNO…. – ma anche mobili – tappezzerie – materassi e rivestimenti murali – candele profumate  – MOLTI  CONTENGONO VELENOSI FTALATI

NESSUNO NE PARLA – O POCHI – PERICOLO PELLICOLE ALIMENTARI E LORO ABUSO

– NEGLI ULTIMI TEMPI E’ DI MODA USARLE IN CONTINUAZIONE …

SPRECARLE PERCHE’ E’ QUESTO CHE VUOLE IL MERCATO

E GLI CHEF LO SEGUONO CON RELATIVE PERCENTUALI (non tutti…)

L’elenco delle sostanze che possono portare al cancro conta ben 116 elementi

ben oltre il fumo e la carne rossa !!!

PIU’ SOTTO L’ELENCO … 

Qualunque tipo di plastica quando viene scaldato – anche le bottiglie d’acqua sui camion al sole – rilascia particelle di plastica e molti detergenti e detersivi che usiamo regolarmente contengono sostanze pericolose per la salute (e tante nano particelle di plastica vengono poi assorbite dai nostri pori – passano nella catena alimentare e nelle falde acquifere )…

 Lo pubblicava già  il Daily Mail, nel 2016,  dopo una ricerca di 22 esperti provenienti da dieci paesi dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Oms.

TUTTI I MARI DEL MONDO SONO ZEPPI DI PLASTICHE CHE SI SGRETOLANO E RILASCIANO SOSTANZE PERICOLOSE ALLA SALUTE. Un’isola grande come l’Europa, vaga al di sopra delle isole Hawaii.

Sui componenti delle plastiche e dei loro gravi pericoli per la nostra salute, avevamo già scritto tempo fa; ora tutto è stato ribadito, con tante informazioni in più, dalla trasmissione REPORT, della famosa giornalista Gabanelli (2016).

Tra l’altro la trasmissione ha messo in evidenza con dovizia di particolari alcuni fatti che dovremmo tutti conoscere:

-TUTTE LE SOSTANZE PLASTICHE RILASCIANO SOSTANZE TOSSICHE

-il pericolo di utilizzare plastiche a contatto con cibi CALDI; bicchieri di plastica, piatti di plastica, posate di plastica 

PELLICOLE DI VARIO GENERE SUPER-ADESIVE (sono le più pericolose), carta per non attaccare il cibo cotto in forno .. la carta che avvolge l’hambuger, il cartone per la pizza calda, TUTTE le pentole antiaderenti (non sono fatte di pietra, è un clamoroso falso), i mestoli di plastica o materiali similari come il silicone  …

-anche le bottiglie dell’acqua minerale (fabbricate con formaldeide, acetaldeide … ), possono enormemente peggiorare (di ben 9 volte) il rilascio di sostanze chimiche pericolose se tenute a temperature sopra i 20 o 30 °; molto cambia anche se l’acqua è in bottiglia da oltre 3 mesi.

-le tende della doccia in PVC, possono contenere sostanze pericolose che si volatilizzano a contatto con l’acqua calda e persistono anche per 28 giorni nell’ambiente: si tratta di 108 sostanze che possono portare danni al fegato all’apparato riproduttivo e respiratorio

-tutti gli imballaggi di plastica possono rilasciare sostanze pericolose, peggio se rimangono al caldo

gli imballaggi in plastica sono stampati, molto frequentemente, con colori che non dovrebbero mai entrare in contatto con il cibo; addirittura si arriva a mettere un altro strato di plastica come isolamento, ma è attaccato con una colla pericolosa (invisibile)…

——

Breve storia della Formaldeide; presente nelle materie plastiche:

-NEL 1976 SI E’ RICONOSCIUTA LA FORMALDEIDE COME PERICOLOSA

-NEL ’77 CANCEROGENA

-NEL ’95 CORROSIVA

-RISULTATO: L’EUROPA NON HA MAI VIETATO LA FORMALDEIDE.

Le case che producevano pentole aderenti con sostanze pericolose hanno cambiato il nome e la sostanza, che risulta comunque altrettanto pericolosa.

GLI FTALATI

Gli ftalati, ora limitati nei giocattoli in plastica per bambini, sono presenti nelle pellicole per avvolgere gli alimenti.

BIOSFENOLO A

Indurente della plastica; quasi eliminato dai biberon, ma usato ancora nel rivestimento di:

lattine e scatolette, dal tonno al pomodoro.

Alcuni composti del fluoro sono presenti come additivo nel teflon che riveste le padelle.

PERICOLI PER IL FETO

Queste sostanze hanno azioni importanti durante lo sviluppo del feto, nel periodo neonatale e in quello puberale” lo ha detto Paola Palanza, docente all’Università di Parma che fa ricerca sugli interferenti endocrini. In una intervista Panorama. 24.2.14

———————-

Cosa vuol dire Pfas?

Lo Pfas riveste la maggioranze della tenute da trekking, montagna, scarpe, impermeabili da città; è indispensabile per l’impermeabilizzazione.

Significa perfluoroalchiliche; ovvero sostanze chimiche usate nell’industria per rendere impermeabili i tessuti e i rivestimenti.

In Veneto l’Istituto superiore della Sanità ha scoperto elevate concentrazioni di Pfas nelle zone di Montecchio Maggiore, Lonigo, Brendola, Creazzo, Altavilla, Sovizzo e Sarego e nelle acque dei fiumi.

L’agente inquinante è stato riscontrato in grandi quantità nel sangue delle persone; si tratta di persone che hanno bevuto spesso acqua del rubinetto.

il dottor Vincenzo Cordiano esperto di tumori del sangue, rappresentante regionale di “Medici per l’ambiente” e responsabile degli ambulatori di Ematologia Generale ed Oncoematologia dell’ospedale di Valdagno, è stato il primo a lanciare l’allarme Pfas.

Aveva ipotizzato un collegamento tra la presenza di sostanze tossiche nell’acqua ed alcune patologie nella popolazione.

La sua relazione che chiedeva di promuovere una “Indagine epidemiologica sulle malattie ambientali da sostanze chimiche inquinanti persistenti”  risale all’estate 2013. 

PFAS SONO LE SOSTANZE PIU’ PERSISTENTI CHE CONOSCIAMO

I Pfas sono resistenti all’acqua

si trovano anche:

-nella carta del burro

-nella carta di confezione dei dolci

-sacchetti pop corn per microonde

cartoni per pizza … e il contatto CON IL CALDO E’ PIU’ PERICOLOSO !!!!

———

Plastiche tossiche nei cosmetici e in casa : PVC e ftalati

 Gravi rischi presentati dai pavimenti in PVC

——-

EFFETTI DEGLI FTALATI:  
-criptorchidismo (testicoli ritenuti), ipospadia (l’apertura dell’uretra è sulla parte inferiore del pene) e oligospermia (basso numero di spermatozoi) e cancro ai testicoli
Interferenze nella differenziazione sessuale in utero
Ipertrofia prostatica
-cicli ovulatori anomali e ovaio policistico (PCOS)
-varie disfunzioni ormonali
-pubertà precoce o ritardata
-cancro al seno e fibromi uterini

MOLTI prodotti per la casa, DETERSIVI PROFUMATI PER PAVIMENTI,

SPRAY ANTIPOLVERE PROFUMATI,

VARI SPRAY PER PULIRE CUCINA DOCCIA BAGNO….

ma anche mobili, tappezzerie, materassi e rivestimenti murali, CONTENGONO VELENOSI FTALATI

COSA EVITARE  (i particolari in fondo all’articolo):

-NESSUN profumo per l’ambiente, NO ammorbidenti, NON candele profumate; le vere fragranze naturali sono vendute a prezzi carissimi e mai nei supermercati e nei negozi facilmente reperibili
-cibi e le bevande nel vetro NON nella plastica ed evitate l’uso della pellicola trasparenti

Avete pavimenti in plastica flessibile, come il vinile o quelli imbottiti (play-mat) per bambini, usati anche negli asili, probabilmente sono fatti con cloruro di polivinile (PVC).

Il PVC contiene ftalati (plastificanti), utilizzate nella plastica per ottenere un PVC più flessibile e resiliente.

MA SONO ANCHE DEI DISTRUTTORI ENDOCRINI ! (sistema endocrino: è deputato all’invio di “messaggi” ai vari organi e tessuti dell’ organismo; ORMONI COMPRESI)

GLI FTALATI, SONO I distruttori endocrini più diffusi finora scoperti.

Alcuni studi svedesi hanno verificato che i livelli di alcuni ftalati risultano più elevati nelle urine di bambini che vivono in case con pavimenti in PVC nella loro camera da letto.

Alti livelli di ftalati nella polvere di casa, risultano legati a condizioni di salute croniche come allergie e asma.

Secondo uno studio scientifico i bambini che vivono in camere da letto con pavimenti in vinile rischiamo di avere il DOPPIO delle probabilità di divenire autistici.

Gli ftalati si trovano anche in: giocattoli, imballaggi per alimenti, tende da doccia in plastica, apparecchi medicali, detergenti per la casa, cosmetici come shampoo, bagno doccia, creme varie, balsami, deodoranti… detergenti per la biancheria… ammorbidenti…

Gli ftalati sono stati TROVATI ANCHE in alimenti per lattanti e alimenti per l’infanzia, livelli di alcuni ftalati erano minori nei bambini di età inferiore a 2 mesi allattati solo con latte materno.
Anche i biberon non andrebbero sterilizzati con prodotti chimici, ma con semplice BOLLITURA !

I bambini prematuri ricevono alte concentrazioni di ftalati presenti nel materiale plastico medicale utilizzato durante la terapia intensiva neonatale: per esempio ogni tubo di plastica cui un neonato è collegato esala ftalati.
La Food and Drug Administration (FDA) Americana sostiene che il DEHP si trova anche:
-Infusori venosi e sacche da infusione
-Tubature impiegate in procedure di bypass cardiopolmonare
-Sacche di sangue e relative tubi da infusione
-Tubature per ventilazione polmonare
-Sacche per nutrizione enterale
-Tubature usate per l’emodialisi

L’EHHI sostiene che i bambini maschi esposti agli ftalati, a causa di varie procedure mediche sono a maggior rischio per la salute e in particolare verso l’ eccessiva infiammazione.
L’infiammazione comporta:
disturbi cronici polmonari come la displasia broncopolmonare -l’enterocolite necrotizzante, una grave patologia intestinale.

CONSIGLI:
–   giocattoli costruiti con materiali naturali
-per la casa usare materiali “ecologici”, non tossici, al posto delle regolari pitture e NON pavimenti in vinile.-
– tende da doccia in tessuto o possibilmenteuna cabina doccia in vetro
-CERCARE cosmetici, saponi e dentifrici naturali; non usare inutili quantitativi di detregenti lucidanti per capelli, creme per il corpo e viso; meglio l’olio d’oliva, di mandorle, ecc… leggete bene gli INGREDIENTI !!!
-scegliere erogatori da doccia e rubinetterie che non contengano particolari in PVC
-NESSUN profumo per l’ambiente, NO ammorbidenti, NON candele profumate; le vere fragranze naturali sono vendute a prezzi carissimi e mai nei supermercati e nei negozi facilmente reperibili
-cibi e le bevande nel vetro NON nella plastica ed evitate l’uso della pellicola trasparenti
-NON AI CIBI PRONTI !!!
-lattate i bambini al seno
-per i biberon, preferite il vetro.
-IN CASA SI PUO’ PULIRE USANDO LA CANDEGGINA, L’AMMONIACA L’ACETO, IL BICARBONATO E NON PRODOTTI COSTOSI E CHIMICI E PERICOLOSI

———————————————-

Elenco delle 116 sostanze potenzialmente”cancerogene”:
1. Fumo del tabacco
2. Lampade e lettini solari
3. Produzione di alluminio
4. Arsenico nell’acqua 5. Produzione di auramina, disinfettante
6. Produzione e riparazione di scarpe e stivali
7. Fare lo spazzacamino
8. Produzione del gas dal carbone
9. Produzione catrame da carbone
10. Produzione di carbone coke
11. Fabbricazione di mobili
12. Estrazione minerale in miniera con esposizione al radon
13. Fumo indiretto
14. Fusione di ferro e acciaio
15. Produzione di isopropanolo
16. Tintura
17. Dipingere
18. Pavimentare e coprire tetti con catrame
19. Industria della gomma
20. Esposizione a vapori con acido sulfurico
21. Respirare aflatoxine, prodotte naturalmente da una specie di funghi, Aspergillus flavus and Aspergillus parasiticus. Da tempo le aflatoxine erano considerate fra le sostanze più cancerogene al mondo.
22. Bevande alcoliche
23. Noci della palma areca, di solito masticate con le foglie di betel
24. Foglie di betel senza tabacco
25. Foglie di bete con tabacco
26. Pezzi di catrame naturale da carbone
27. Catrame naturale
28. Bruciare carbone in casa
29. Scarico di diesel
30. Oli minerali, non trattati o poco trattati
31. Fenacetina (antidolorifico)
32. Piante contenenti acidi aristolochici (usate nella erboristeria medica cinese)
33. Bifenile policlorinato (fuori legge in molti Paesi) usato in impianti elettrici e carta copiatrice senza carbone
34. Pesce salato alla cinese
35. Olio di scito
36. Particelle non bruciate di carbone
37. Tabacco sena fumo (fiuto, masticazione)
38. Segatura
39. Carne lavorata
40. Acetaldeide (etanale; aldeide acetica)
41. 4Aminobifenil
42. Acidi aristolochici e piante che li contengono
43. Amianto
44. Arsenico e composti con arsenico
45. Azatioprina, usata nei trapianti di fegato
46. Benzene
47. Benzidina
48. Benzopirene
49. Berillio
50. Chlornapazina (N, N-Bis(2-chloroethyl)-2-naphthylamine)
51. Etere bis(chloromethyl)
52. Etere hloromethyl methyl
53. 1,3-Butadiene
54. 1,4-Butanediolo dimethanesulfonato (Busulphan, Myleran)
55. Cadmio and composti di cadmio
56. Chlorambucil
57. Methyl-CCNU (1-(2-Chloroethyl)-3-(4-methylcyclohexyl)-1-nitrosourea)
58. Composti a base di cromo
59. Ciclosporina
60. Anticoncezionali, ormonali, forme combinate (quelli che contengono estrogeni e progestogeni)
61. Anticoncezionali, orali, forme di contraccezione in sequenza (un periodo di soli estrogeni seguito da un periodo di estrogeni e progestogeni)
62. Cyclophosphamide
63. Diethylstilboestrol
64. Tinture a base di benzidina
65. Virus di Epstein-Barr
66. Estrogeni, nonsteroidei
67. Estrogeni, steroidi
68. Terapia con estrogeni per menopausa
69. Etanolo negli alcolici
70. Erionite
71. Ossido di ethylene
72. Etoposide solo e in combinazione
73. Formaldeide
74. Arsenide di Gallio
75. Infezione di Elicobactero del pilori
76. Epatite B cronica
77. Epatitis Cronica
78. Rimedi a base di erbe con piante del genere Aristolochia (vedi punto 42)
79. HIV tipo 1
80. Papilloma virus tipo 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59, 66
81. Virus limfotropico tipo-I
82. Melphalan
83. Methoxsalen (8-Methoxypsoralen) con raggi ultravioletti A
84. 4,4′-methylene-bis(2-chloroaniline) (MOCA)
85. MOPP e altre chemoterapie
86. Gas nervino (sulphur mustard)
87. 2-Naphthylamine
88. Radiazioni di neutroni
89. Composti di nickel
90. 4-(N-Nitrosomethylamino)-1-(3-pyridyl)-1-butanone (NNK)
91. N-Nitrosonornicotina (NNN)
92. Infezioni con Opisthorchis viverrini
93. Inquinamento dell’aria
94. Particolato pesante nell’inquinamento atmosferico
95. Fosfati
96. Plutonio-239
97. Radio iodine, isotopi a corto ciclo vitale (esposizione da bambini)
98. Radionuclides, α-particle-emitting, internally deposited
99. Radionuclides, β-particle-emitting, internally deposited
100. Radio-224
101. Radio-226
102. Radio-228
103. Radon-222
104. Schistosoma haematobium
105. Cristalli di silicio
106. Raggi solari
107. Polveri con fibre di amianto
108. Tamoxifen
109. 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-para-diossina
110. Thiotepa
112. Treosulfan
113. Ortho-toluidine
114. Clorato di Vinyl
115. Raggi ultravioletti
116. Raggi X e raggi gamma.

———————————-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*