Archivi categoria: SCIENZE E RICERCA

L’uomo andrà su Marte – E’ solo questione di tempo

Abbiamo assistito all’incontro

MARS PLANET

RESEARCH & INNOVATION

MARS TO EARTH

11.5.2018 Milano – Sede Regione Lombardia

Le foto illustrano meglio di ogni parola

Qui sotto i luoghi dove è possibile atterrare:

 Nuovi equilibri anatomici, saranno necessari per conquistare lo spazio … 

L’uomo è passato alla stazione eretta e ora dovrà adattarsi alle esigenze dello spazio … esempio nello spazio non si cammina si salta; serve sviluppare il muscolo quadricipite come alcuni animali terrestri che saltano e non camminano … nuovi equilibri saranno necessari

Far crescere piante commestibili su Marte:

 

 

 

 

QUALE FUTURO PER L’ECONOMIA? “The limits to Growth” (I limiti della crescita).

Uno studio inizialmente completato al MIT,

Quarant’anni dopo la sua iniziale pubblicazione, uno studio chiamato

-“The limits to Growth” (I limiti della crescita) 

-si sta dimostrando tristemente premonitore.

Commissionato da un think thank internazionale chiamato “Club di Roma”, questo report del 1972 disse che se la civiltà avesse continuato il suo cammino verso l’aumento dei consumi,

-l’economia globale sarebbe collassata entro il 2030. Ne sarebbero seguite perdite della popolazione e tutto il sistema crollerebbe.

 Lo studio è stato –  e rimane –  una controversia tra economisti che dubitano delle sue previsioni e screditando l’idea di imporre dei limiti alla crescita economica.

Il ricercatore australiano Graham Turner  negli ultimi anni ha esaminato i presupposti dello studio in modo dettagliato e

apparentemente, i risultati della sua ricerca, sono in linea con le predizioni del rapporto, secondo il Smithsonian Magazine. “Il mondo è sulla buona strada verso il disastro” dice la rivista.

Lo studio, inizialmente completato al MIT, si basava su alcuni modelli informatici di trend economici, e stimò che, se le cose non fossero cambiate molto e gli esseri umani avessero continuato a consumare risorse naturali a ritmo elevato, si sarebbe arrivati al punto della fine del mondo.

Il petrolio avrebbe raggiunto il picco (alcuni dicono che sia già avvenuto) prima di scendere in picchiata dall’altra parte della curva a campana, eppure la domanda di cibo e servizi avrebbe solo continuato a crescere.

Turner dice che i dati del mondo reale dal 1970 al 2000 che sono stati tracciati dalle previsioni draconiane dello studio:

“Sta suonando un campanello d’allarme molto chiaro. Non siamo sulla traiettoria della sostenibilità” spiega a Smithsonian.

-E’ impossibile rimediare a tutto questo?

No, secondo entrambi gli studi, il primo e quello di Turner.

-Se i governi adottassero tecnologie e  politiche più rigorose, ciò potrebbe essere d’aiuto per ridurre il nostro impatto ambientale, la crescita economica non deve essere per forza una “nana bianca” del mercato, che marcia verso una implosione inevitabile. Il modo in cui farlo però è un altro paio di maniche.

Traduzione a cura di Vincenzo BarbatoDaniel Iversen e Juan Matus

.FONTE: POPSCI

Da: https://lospiritodeltempo.wordpress.com/tag/economia/page/4/

Pubblicato:  da ive in News & Articoli, Scienze Sociali

GLI SCIENZIATI CONFERMANO: IL FUTURO E’ ROBOT ! !

Lo si diceva già nel 2014 e oggi è realtà quotidiana che avanza senza sosta … contro il lavoro dell’uomo ???

Richard Watson è futurologo ed esperto di trend, consulente per la Cambridge University e l’IBM e sostiene che …vedi più sotto.

Aggiungiamo una notizia dell’ultima ora che è strettamente legata all’invasione dei computer nella nostra vita:

-il ricercatore Catalin Voss, considerato il genio tedesco della Silicon Valley, ha portato sul mercato un programma per leggere e analizzare le espressioni del viso e quindi degli stati d’animo.

-La società che produce questo “lettore della nostra anima” si chiama Sension e vi fanno parte i più prestigiosi informatici e matematici del mondo.

Tra i tanti che finanziano la Sension anche Alex Taussing, amico d’infanzia di Zuckerberg e Reid Hoffmann, inventore di Linkedin; e scusate se è poco !

-CONCLUSIONE: saremo tutti giudicati da un computer che potrebbe anche mal interpretare una nostra espressione, magari un tic nervoso, un momento di depressione o di rabbia e farci passare per bugiardi davanti a una giuria, o perdere una possibilità di lavoro, solo perché  un computer ci decreta bugiardi  ?? !!!

Ma il futuro, pare riservarci anche molte altre sorprese.

-NEL FUTURO BERE UN BICCHIERE D’ACQUA POTREBBE DIVENTARE ASSAI COSTOSO  !!!!!!

-A CAUSA DELL’INQUINAMENTO, DELL’INNALZAMENTO DELLE TEMPERATURE E DELLA CRESCITA DEMOGRAFICA    !!!!!!!!

NEL XXI SECOLO LA POPOLAZIONE MONDIALE AUMENTERA’ DI UN TERZO E IL CONSUMO DELL’ACQUA SARA’ DI 6 VOLTE SUPERIORE ALL’ATTUALE !

UNA MACCHINA PIU’ INTELLIGENTE E VELOCE DEI CERVELLI UMANI PROGGETTERA’ MACCHINE ANCORA PIU’ INTELLIGENTI.

-ENTRO IL 2020 I VEICOLI MILITARI AMERICANI SARANNO SENZA GUIDATORE UMANO !

La nostra speranza sta nel fatto che le previsioni siano veramente difficili.

 Richard Watson è futurologo ed esperto di trend, consulente per la Cambridge University e l’IBM,una tra  le maggiori aziende informatiche al mondo.

Dal suo pulpito precisa che oggi abbiamo

 – più promesse e più minacce di un tempo.

 -Quando la nostra intelligenza non sarà più l’autrice del progresso, ma il suo posto verrà preso dall’intelligenza artificiale, allora – preconizza Richard Watson – tutto è ancora di più difficile previsione.

 -Tra 15 anni un computer di 1.000 euro sarà potente quanto il nostro cervello.

 -Nel 2050 un computer da 1.000 euro, sarà potente come tutti i cervelli dell’intero pianeta ! (questi calcoli si riferiscono alla famosa legge di Moore)

 CI POTREMO TROVARE NELLA SITUAZIONE PER CUI:

 -UNA MACCHINA PIU’ INTELLIGENTE E VELOCE DEI CERVELLI UMANI PROGETTERA’ MACCHINE ANCORA PIU’ INTELLIGENTI…

 -…UN FUTURO AL DI FUORI DELLE CAPACITA’ COMPRENSIVE DELL’UOMO !

 -Non prima del 2050 potremo avere reattori a fusione nucleare

 -L’efficienza del fotovoltaico sarà di molto superiore all’attuale, grazie alle nano tecnologie.

 -Alghe produrranno idrocarburi come l’ottano;  una scienza ancora da sviluppare.

-Entro il 2050 le auto saranno elettriche, almeno all’80%.

-nel 2020 sono già previste le prime auto senza guidatore; con tutte le conseguenze legali del caso, che noi abbiamo presentato al link: https://www.donnecultura.eu/?p=7209

 -AVREMO SEMPRE PIU’ ROBOT CHE SOSTITUIRANNO IL LAVORO DELL’UOMO:

-I DRONI HANNO GIA’ INCOMINCIATO A SOSTITUIRE I FOTOGRAFI, I GIORNALISTI, GLI UOMINI SUGLI AEREI MILITARI, LE SPIE… VEDI AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=7661

-GUIDERANNO LE AUTO, I MEZZI PUBBLICI…

-CURERANNO GLI ANZIANI

-LAVORERANNO I CAMPI

–ENTRO IL 2020 I VEICOLI MILITARI AMERICANI SARANNO SENZA GUIDATORE UMANO ! ecc…

hanno già sostituito il lavoro di migliaia di operai e impiegati in tutto il mondo

gia’ sostituiscono i fisioterapisti in alcuni ospedali italiani

-da tempo molte funicolari e funivie sono guidate da robot…i sistemi automatici aiutano gli aerei ad atterrare nella nebbia totale…

Noi ci domandiamo:

 Sarà un bel futuro? La nostra speranza sta nel fatto che le previsioni siano veramente difficili e quindi

possiamo ancora avere speranza che l’intelligenza dell’uomo riesca a gestire al meglio questo imprevedibile futuro.

-Forse l’istinto della sopravvivenza ci aiuterà ancora una volta !

Salute a Catania e in Sicilia – 3 i robot per la chirurgia robotica mininvasiva

L’innovazione fa 100:

 Annunciata oggi l’introduzione del centesimo sistema robotico da Vinci a Catania presso il Policlinico Vittorio Emanuele

L’arrivo a Catania della piattaforma da Vinci – chiarisce Filippo Pacinotti, Business Director di ab medica – rientra in un più ampio progetto che la nostra azienda sta perseguendo …

Salvatore Paolo Cantaro, Direttore Generale del Policlinico-Vittorio Emanuele: “Nell’ottica di un piano di efficienza aziendale, obiettivo di questa Direzione è la condivisione di tecnologie innovative con le Aziende sanitarie del bacino territoriale di riferimento …

Catania, 20 aprile 2018 – Una giornata importante per la sanità del Sud: l’atteso traguardo dei 100 sistemi robotici da Vinci in Italia è stato raggiunto proprio in Sicilia, più precisamente a Catania.

Con questa ultima e recentissima installazione salgono a 3 i robot per la chirurgia robotica mininvasiva in Regione.

La piattaforma, acquistata dall’Università di Catania e in uso al Policlinico Universitario cittadino –  spiega il rettore Francesco Basilerappresenta per il nostro Ateneo l’espressione più completa di quella sinergia tra attività didattica, ricerca e assistenza, sviluppata con l’Azienda ospedaliero-universitaria Policlinico e, al contempo, una risposta concreta ed efficace alle istanze didattico-formative degli studenti e di aggiornamento dei docenti, ricercatori e medici, attuabili attraverso soluzioni tecnologiche innovative”.

Proprio con il preciso scopo di garantire training a specializzandi e nuovi chirurghi, la struttura si è dotata di un da Vinci Xi HD nella sua configurazione completa, ovvero comprensiva di doppia console, simulatore e tavolo operatorio dedicato.

L’acquisto di questa tecnologia all’avanguardia è un’incredibile evoluzione per l’offerta clinica dell’Ospedale, come sottolinea Salvatore Paolo Cantaro, Direttore Generale del Policlinico-Vittorio Emanuele: “Nell’ottica di un piano di efficienza aziendale, obiettivo di questa Direzione è la condivisione di tecnologie innovative con le Aziende sanitarie del bacino territoriale di riferimento, al fine di soddisfare la domanda di bisogno assistenziale che ricopre gli ambiti specialistici indicati. Potranno perciò essere concordati percorsi assistenziali integrati in convenzione, per creare team multi specialistici che possano interagire, rappresentando così un ulteriore passo verso l’eccellenza cui tende la sanità siciliana”.

Saluta l’arrivo della piattaforma da Vinci anche Candeloro Bellantoni, Direttore generale dell’Ateneo:

Si tratta di un investimento di grandissima portata. Si pensi, infatti, alle enormi potenzialità derivanti dall’utilizzo del robot, sia per quanto riguarda la formazione dei nostri specializzandi, sia per la sperimentazione di avanzate tecniche chirurgiche, con conseguente occasione per la sanità catanese di divenire, nel campo della chirurgia, un polo di eccellenza della sanità pubblica regionale; senza contare poi la possibilità di istituire, tra un paio di anni, un corso in chirurgia robotica, che permetterà di trattenere i nostri studenti e di attrarre quelli di altri atenei”.

D’ora in poi – aggiunge il prof. Giuseppe Morgia, Direttore dell’Uoc di Urologia del Policlinico –  saremo in grado di offrire ai nostri pazienti un nuovo percorso chirurgico di avanguardia. Il robot, infatti, consente una maggior facilità di accesso a vie anatomiche particolarmente difficoltose, oltre ad una maggior precisione demolitiva nei confronti dei tumori e riduzione della degenza post-operatoria. E rispetto alla chirurgia laparoscopica tradizionale, ci restituisce una visione tridimensionale magnificata (aumentata fino a 10 volte rispetto alla normale visione del nostro occhio), con un’immagine ferma a garantire la possibilità di eseguire manovre più delicate e complesse”.

La piattaforma robotica, prodotta da Intuitive Surgical Inc. e distribuita in esclusiva in Italia da ab medica, si compone di tre parti: un carrello paziente, un carrello visione e una console chirurgica. Quest’ultima componente, posta al di fuori del campo sterile, consente al chirurgo di muovere a distanza i bracci robotici che replicano i gesti dell’operatore, azzerandone il fisiologico tremore, accrescendone la precisione, consentendo una libertà di movimento degli strumenti chirurgici su ben 7 assi e con una rotazione di 540°.

L’arrivo a Catania della piattaforma da Vinci – chiarisce Filippo Pacinotti, Business Director di ab medica – rientra in un più ampio progetto che la nostra azienda sta perseguendo, in particolare negli ultimi anni, per rendere più omogenea la distribuzione di nuove tecnologie sanitarie tra Nord e Sud Italia. Penso ad esempio alla realtà campana che ha costruito una vera e propria rete di eccellenze robotiche tra ospedali (GRIO), alla creazione di un Centro di formazione robotico partenopeo (RAIN), all’approdo nel 2016 del primo robot da Vinci in Calabria, regione fino a quel momento sprovvista della tecnologia robotica. L’obiettivo è di riuscire a innestare anche in Siciliaun progetto strutturato e articolato che si aggiunga alla serie di operazioni che hanno contribuito e desiderano contribuire nel tempo a portare ai pazienti del Sud Italia l’eccellenza sanitaria a cui hanno diritto”.

Al CERN una macchina produce bellezza

Sorprendente documentario diretto da Valerio Jalongo

Arte e scienza usate per spiegare e stupire

CERN di Ginevra 

dove si dà la caccia all’invisibile

«Le particelle che osserviamo durante i nostri esperimenti seguono leggi semplici, eleganti, intuitive. C’è una bellezza intrinseca nelle leggi fondamentali della fisica». Lo dice Fabiola Gianotti – dal 2016 direttrice generale del CERN di Ginevra.

Il documentario CERN –  Il senso della bellezza  – del regista Valerio Jalongo, è  film che affronta il tema della la divulgazione scientifica; tradizionalmente ostico per il cinema.

Ne è un esempio l‘universo della fisica quantistica; fuori della portata dei nostri cinque sensi e non immaginabile per la mente umana.

Nel documentario sono sfruttate le immagini astratte che la gigantesca «macchina fotografica» dell’acceleratore di particelle del CERN riproduce per ogni esperimento; arte e scienza usate per spiegare e stupire.

Il tema sviluppato è fatto di un sapiente accostamento tra discorso scientifico e discorso artistico.  Due mondi che sembrerebbero non aver nulla in comune.

Ogni fenomeno naturale, da quello più banale a quello più  difficle da comprendere, racchiude in sé una dimensione di bellezza. Pensiamo alla vita ed ai colori della barriera corallina o alla magnificenza degli uccelli del Paradiso ….

 

Salute – Occhi e tubi tracheali con cellule staminali

Cellule staminali di occhio sano per guarire occhio ustionato e cieco
“Sesto congresso nazionale Del Gruppo Nazionale di Bioingegneria, il GNB 2018”
Giugno 2018 al Politecnico di Milano dal 25 al 27
“ …la bioingegneria, le cellule staminali, le nanotecnologie, sono necessarie per una medicina rigenerativa di frontiera … “
Lo ha spiegato Manuela Teresa Raimondi, docente del Politecnico di Milano, Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica “Giulio Natta”, esperta in nanotecnologie, mentre annunciava l’evento GNB 2018; durante il seminario “Anticipare il futuro: le tecnologie per l’energia, l’innovazione per la salute”, tenutosi a Piacenza presso la Fondazione Piacenza e Vigevano, durante la riunione annuale Ugis (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).
Nel medesimo ambito, il Prof, Riccardo Gottardi dell’università di Pittsburgh; finanziato dalla Nasa, per un esperimento che permette la crescita di cellule staminali sulla stazione spaziale internazionale ISS, destinato allo studio del tessuto osseo e cartilagineo, ha sostenuto che:
—- questo tipo di studio, oggi, appare come la migliore via per combattere la degenerazione dei tessuti ossei e cartilaginei.
“Un problema fondamentale per la terza età le cui articolazioni – ginocchia, piedi, spalle, mani, colonna vertebrale – subiscono processi degenerativi causati dall’artrosi, fino all’assottigliamento della cartilagine che serve da ammortizzatore fra le ossa, provocando dolore ed invalidità.
Coltivare e fare ricrescere i propri tessuti connettivi per mezzo delle cellule staminali e impiantarle dove necessario, eviterebbe impianti di protesi al titanio che spesso vanno sostituite e non risolvono del tutto il problema.
La perdita di contenuto minerale del tessuto osseo, interessa sia i pazienti anziani affetti da osteoporosi, che gli astronauti”.
Al Politecnico di Milano, con le cellule staminali prelevate dal midollo osseo in collaborazione con il gruppo del Prof. Remuzzi presso l’I.R.C.S. Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri: è già realtà far crescere tali cellule su un’apposita struttura tridimensionale disegnata dal laser.
La scoperta di come far moltiplicare le cellule staminali in coltura su adeguati supporti, è importantissima nel nuovo campo di ricerca della medicina rigenerativa.
A oggi, è già stata realizzata ed impiantata una cornea a vari pazienti con occhi ustionati.
Cellule staminali dell’occhio sano sono state utilizzate per rigenerare la cornea dell’occhio danneggiato con un totale recupero della vista.
Inoltre, è già realtà anche la ricostruzione di un tubo tracheale ammalato; con l’utilizzo di proprie cellule staminali, cosa che non necessità più di farmaci antirigetto; indispensabile nel caso di trapianti da donatori.
Per saperne di più: www.gnb2018.polimi.it
www.nichoid.polimi.it

 

Un consumo energetico di mille volte meno rispetto a quello attuale; è possibile !

Una nuova generazione di dispositivi super efficienti, con un consumo energetico che potrebbe ridursi di oltre mille volte

Memorie magnetiche: nuovo meccanismo minimizza i consumi

 L’esperimento, illustrato su ‘Nature Communications’, coinvolge Cnr, Elettra Sincrotrone Trieste e Politecnico di Milano

apre la strada a una nuova generazione di dispositivi super efficienti, con un consumo energetico che potrebbe ridursi di oltre mille volte rispetto a quello attuale.

scienze clip_image002

1. Piero Torelli tiene in mano il campione analizzato. (Foto di Tommaso Pincelli)

 Un nuovo meccanismo capace di scrivere l’informazione nelle memorie digitali con un’efficienza mai raggiunta prima.

È stato ottenuto  presso il centro di ricerca Elettra Sincrotrone Trieste di Area Science Park da un gruppo internazionale di ricercatori, in primis Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e Politecnico di Milano. L’esperimento, illustrato su ‘Nature Communications’,

-si basa sulla magnetizzazione di un materiale tramite un impulso elettrico e apre la strada a una nuova generazione di dispositivi super efficienti, con un consumo energetico che potrebbe ridursi di oltre mille volte rispetto a quello consentito dalle tecnologie attuali.

scienze clip_image004

2. Elettra Sincrotrone Trieste: veduta interna di camera sperimentale per la produzione dei campioni (Foto di Tommaso Pincelli)

“L’immagazzinamento dell’informazione nei sistemi di memoria, come i dischi rigidi dei computer – spiega Piero Torelli, fisico dell’Istituto officina dei materiali del Cnr di Trieste e fra gli autori del paper – viene ancor oggi effettuata tramite un piccolo elettromagnete che magnetizza la superficie del disco: un processo lungo, energeticamente costoso e che non permette elevata miniaturizzazione.

Indurre questa magnetizzazione attraverso un campo elettrico darebbe enormi vantaggi, permettendo di superare le attuali limitazioni, diminuendo il consumo energetico di un fattore mille e

realizzando uno dei sogni della comunità scientifica e di chi cerca nuove soluzioni tecnologiche per l’elettronica moderna”.

Con questo esperimento il gruppo di ricerca ha ottenuto proprio un sistema in cui la magnetizzazione può essere spenta o accesa in risposta all’applicazione di un campo elettrico, in modo reversibile e a temperatura ambiente.

-“Il sistema che abbiamo studiato – continua Torelli – è costituito da due strati di materiale facilmente reperibile e poco costoso: uno di ferro e uno di ossido di bario e di titanio, che una volta sovrapposti reagiscono formando un sottilissimo ossido di ferro nella zona di interfaccia.

Sottoponendo il campione a un’analisi spettroscopica con la luce di sincrotrone di Elettra siamo riusciti a seguire le proprietà di ciascuno strato, verificando come il grado di magnetizzazione all’interfaccia variasse in base al campo elettrico applicato sullo strato di ossido, in modo controllabile e reversibile”.

Il successo dell’esperimento conferma che l’abbinamento di materiali con proprietà ferroelettriche e ferromagnetiche in strati contigui rappresenta una via promettente verso il controllo elettrico della magnetizzazione e apre la strada a una nuova generazione di dispositivi di memoria.

Un’elettronica moderna capace di riunire i vantaggi della ferroelettricità (basso costo di scrittura delle informazioni) e quelli del magnetismo (durata dell’informazione immagazzinata).

La scheda

 Chi: Istituto officina dei materiali (Iom) del Cnr di Trieste; Elettra Sincrotrone Trieste; Politecnico di Milano

Che cosa: Studiato un meccanismo capace di scrivere l’informazione nelle memorie digitali con un’efficienza mai raggiunta prima. Ricerca pubblicata su ‘Nature Communications’

 Riferimenti editoriali:

Pubblicazione: Nature Communications 5, Article number:3404  DOI: 10.1038/ncomms4404

Titolo originale: “Electric control of magnetism at the Fe/BaTiO3 interface”.

Autori: G. Radaelli, D. Petti, E. Plekhanov, I. Fina, P. Torelli, B. R. Salles, M. Cantoni, C. Rinaldi, D. Gutiérrez, G. Panaccione, M. Varela, S. Picozzi, J. Fontcuberta and R. Bertacco

Per maggiori informazioni su Elettra Sincrotrone Trieste (http://www.elettra.eu)

 Elettra Sincrotrone Trieste è un centro di ricerca internazionale, che opera al servizio della ricerca e dell’industria. È insediato nel parco scientifico tecnologico AREA Science Park ed è specializzato nello studio dei materiali attraverso uno strumento d’analisi di grande versatilità e potenza: la luce di sincrotrone.

 Questa luce permette di rivelare i dettagli della struttura e del comportamento di atomi e molecole, per dare soluzione ai problemi più diversi, in ambiti che vanno dall’elettronica alle scienze ambientali, dalla farmacologia alla diagnostica, dall’ingegneria alle nanotecnologie e alla tutela dei beni culturali.

 Per maggiori informazioni sul CNR (http://www.cnr.it)

 Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è Ente pubblico nazionale di ricerca con competenza scientifica generale, vigilato dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). È dotato di personalità giuridica di diritto pubblico e di autonomia scientifica, finanziaria, organizzativa, patrimoniale e contabile.

Il CNR, in un quadro di cooperazione e integrazione europea, ha il compito di svolgere, promuovere, trasferire, valutare e valorizzare ricerche nei principali settori della conoscenza. E di applicarne i risultati per lo sviluppo scientifico, culturale, tecnologico, economico e sociale del Paese.

La rete scientifica del CNR è composta da oltre 100 Istituti, articolati in 7 Dipartimenti, con circa 8.000 dipendenti. Le dimensioni, l’articolazione e la diffusione su tutto il territorio nazionale fanno del CNR il più grande Ente di ricerca italiano, caratterizzato da un elevato grado di multidisciplinarietà che lo distingue da tutti gli altri Enti, e uno dei maggiori a livello internazionale.

————

L’articolo è qui pubblicato dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

LA SCIENZA PER UN MONDO MIGLIORE: METALLI PREZIOSI COLTIVANDO LA SALVIA…

Con semplici coltivazioni di piante, grazie alla ricerca scientifica moderna,  è possibile estrarre NICKEL, COBALTO, TALLIO (molto tossico) E CADMIO… possiamo anche disinquinare i terreni !

La pianta dell’alisso  estrae nickel dal terreno, come un minatore; la salvia cadmio e piombo.

 -E’ scaduto  nel 2015 il brevetto americano che blocca la possibilità di sfruttare questo ecologico metodo di estrazione dei minerali dal terreno.

Una fantastica possibilità per i minatori che non dovranno più scendere nelle viscere della terra per estrarre un minerale, ma basterà coltivare le varie piante che lo accumulano dentro di loro.

Le piante che sono in grado di accumulare metalli al loro interno, potranno

risolvere semplicemente tanti problemi di terreni inquinati.

Speriamo che i politici, presi dalla loro carriera e distrazioni varie, vengano a sapere di questa magnifica possibilità.

Infatti la scienza ha scoperto tanti metodi per risolvere i gravi problemi del nostro pianeta e potrebbe trovarne molti altri, se l’ignoranza dei politici non li rendesse assolutamente indifferenti a questo tipo di realizzazione e  di investimento nella ricerca.

Nell’indifferenza della maggioranza dei potenti del mondo, la scienza ha scoperto le piante “superaccumulatrici”, ovvero in grado di assorbire metalli da suoli che ne sono ricchi, concentrandoli in radici e foglie.

Lo scopritore è il biologo inglese, Alan Baker, che trovò nelle Filippine un arbusto il quale, se tagliato, perdeva una linfa ricchissima di nickel.

Uno studio americano finanziò la ricerca e vi pose il brevetto di estrazione, che non è mai stato realizzato

-e pensare che il mondo è pieno di territori inquinati da minerali dannosi per la terra, ma preziosi per l’estrazione…e migliaia di uomini sono morti nella storia a causa dei rischi del lavoro in miniera !

Le piante “superaccumulatorici” possono raccogliere dal terreno anche:

COBALTO,

-TALLIO (molto tossico), 

-CADMIO

Miniere di Nickel potrebbero diventare delle semplici coltivazioni in

-Madagascar, Filippine e Nuova Caledinia; Paesi che potrebbero trarne motivo di sviluppo economico senza sacrificare inutilmente i minatori nelle anguste e pericolose miniere ! 

-E  senza sacrificare le foreste vergini per scavare miniere !

-Nella vicina Albania un terreno inadatto alle culture risulta essere ricco di nichel, materiale le cui normali miniere si stanno esaurendo.

-La capacità di estrazione della pianta dell’alisso va da 22 a 105 chili di nickel per ettaro.

-Camomilla e salvia possono accumulare cadmio e piombo; lo dicono recenti studi effettuati in Grecia.

Chi riuscirà  ad informare i politici di queste possibilità e nel caso, sapranno capire l’importanza della scoperta ? !

CAMBIAMENTI CLIMATICI NEL MEDITERRANEO: pesci avvelenati.

 EFFETTI TOSSICI SUI PESCI E PER L’ALIMENTAZIONE UMANA 

 STIAMO PASSANDO DA UN MARE PIENO DI PESCI AD UN MARE PIENO DI MEDUSE

 E’ NATA IN ADRIATICO UNA NUOVA SPECIE DI MEDUSE FINORA SCONOSCIUTA 

L’evaporazione, dovuta al surriscaldamento globale, sta facendo aumentare in mare la concentrazione di sostanze tossiche.

I pesci si rivolgono per l’alimentazione a specie animali meno mobili come ad esempio vermi, che vivono sul fondale spesso fangoso dove più alta è la concentrazione degli elementi tossici.

 -Gli effetti tossici sui pesci e sulla catena alimentare umana e le conseguenze sulla biodiversità delle specie marine tra le quali i pesci diventano sempre meno e le popolazioni di meduse stanno crescendo sempre più numerose, sono due degli effetti del cambiamento climatico del nostro mare di cui si è discusso all’Accademia dei Lincei in occasione del convegno sulla “Gestione sostenibile del Mare Mediterraneo”.

-“Il cambiamento climatico mette a rischio la biodiversità e causa perduranti effetti nocivi, attraverso la catena trofica acquatica marina, anche sulla specie umana”, ha detto il prof. Enrico Alleva, Accademico dei Lincei, aggiungendo che “questo

colpisce in particolare i soggetti più vulnerabili quali i bambini, gli individui anziani e i portatori di patologie per esempio a carattere neuro-immunitario o nutrizionale. La causa principale è

l’evaporazione dovuta al surriscaldamento globale, che sta facendo aumentare in mare la concentrazione di sostanze tossiche che sono assorbite dai pesci e da questi all’uomo nella catena alimentare”.

“Per quanto riguarda le due specie ittiche eduli

-più frequentemente allevate in acquacoltura, la spigola (Dicentrarchus labrax) e l’orata (Sparus aurata) – ha aggiunto il Prof. Alleva – da alcuni anni conduciamo ricerche, in collaborazione con il dipartimento di biologia e biotecnologia ‘Carlo Darwin’ dell’Università ‘Sapienza’ di Roma, l’Istituto di Tecnologia della Cognizione del CNR e l’Università Cà Foscari di Venezia,

-sugli effetti della variazione di temperatura (fino a un massimo di 34° C) al fine di simulare in acquario condizioni di riscaldamento globale.

-Dai risultati ottenuti si evidenzia che le sostanze tossiche assorbite hanno effetti neurologici sui pesci tali che questi perdono parte della capacità di difendersi dagli uccelli predatori come i cormorani e perdono anche la capacità di catturare le prede marine più veloci di cui si alimentano.

-La conseguenza è che i pesci si rivolgono per l’alimentazione a specie animali meno mobili come ad esempio vermi, che vivono sul fondale spesso fangoso dove più alta è la concentrazione degli elementi tossici. Ne sono risultate – aggiunge il Prof. Alleva – alterazioni comportamentali potenzialmente in grado di influire sulla crescita ponderale, il rilascio di ormoni dello stress, cambiamenti selettivi in parametri neurochimici del sistema nervoso centrale, soprattutto l’aumentata biomagnificazione nell’assorbimento di neurotossici; questo ultimo effetto potrebbe nocivamente

-colpire il sistema nervoso centrale umano nel caso di immissione di tali soggetti ittici nella catena trofica alimentare complessiva”.

Per  quanto riguarda la perdita di biodiversità del Mediterraneo il prof. Ferdinando Boero dell’Università del Salento, ha sintetizzato la situazione dicendo

-“stiamo passando da un mare pieno di pesci ad

-un mare pieno di meduse, questo accade in tutti i mari e negli oceani, stiamo decimando le specie di pesci, e le meduse occupano lo spazio biologico lasciato libero. Finora

molte specie di meduse sono arrivate nel nostro mare trasportare dalle navi, oggi per la prima volta abbiamo scoperto in Adriatico una nuova medusa finora sconosciuta che sta sviluppando una nuova popolazione”.

-La nuova medusa, che appartiene alla genere Pelagia, sarà dedicata al famoso biologo marino croato Adam Benovic recentemente scomparso. “Le meduse – conclude il Prof. Boero – ci stanno dicendo che abbiamo sfruttato troppo il mare”. Nel corso del convegno sono stati trattati tutti i principali aspetti riguardanti la gestione del Mare Mediterraneo, dai trasporti alla pesca, alle ricerche scientifiche, all’inquinamento, agli aspetti geopolitici e demografici.

Conosciamo 538 geni del DNA relativi all’intelligenza …

Rivelati 538 geni del DNA relativi all’intelligenza

Ogni scoperta scientifica ha sempre fatto fare un passo avanti nella conoscienza, ma qualche volta si è rivelata un pericolo mortale per l’umanità; vedi la bomba atomica ecc…

Oggi conosciamo ben 538 geni del DNA che svolgono un ruolo determinante nell’intelligenza umana.

Quanti potenti, un giorno, resisteranno all’idea di creare un figlio o un genere di uomo sicuramente più intelligente della media o, possibile nel futuro, più intelligente di ogni uomo vivente ? ? !!!

O questo ruolo sarà occupato prima dai nuovi futuri robot con capacità mentali superiori a quelle umane ?

Sono domande che l’uomo deve cominciare a porsi, prima che sia troppo tardi.

Identificati: ” 538 geni che svolgono un ruolo nell’intelligenza, contro i 52 identificati finora. I geni legati all’intelligenza sembrano influenzare anche altri processi biologici: per esempio alcuni sono associati alla longevità, mentre la capacità di risolvere i problemi sembra legata alla migrazione delle cellule nervose da un’area all’altra del cervello “.

Fonte:  ANSA http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2018/03/15/lintelligenza-in-500-geni-pronta-la-prima-mappa_de473439-d8a9-4bed-8c5c-8a90241a6f98.html