Archivi categoria: SCIENZE E RICERCA

Nuove scoperte – Miniera d’oro nello spazio – Onde gravitazionali

QUANDO SI SCONTRANO SFERE DI NEUTRONI 

Le onde gravitazionali ci hanno guidato alla scoperta …

L’uomo è riuscito a dimostrare  come nell’universo si formino i metalli pesanti quali:  oro, platino e uranio.

L’oro e gli altri metalli pesanti che si riuniscono nelle nubi interstellari danno vita ai nuovi pianeti

 Dalle antenne gravitazionali Ligo-Virgo e da 70 telescopi sulla Terra e nello spazio l’uomo, per la prima volta, ha osservato come due stelle di neutroni si siano scontrate a 130 milioni di anni luce dalla terra.

Lo scontro di due stelle di neutroni ha mostrato un’onda gravitazionale, quindi i raggi gamma e le radiazioni di ogni tipo, osservati da 70 strumenti contemporaneamente, hanno sollevato, dopo l’esplosione, una nube di polvere d’oro.

La “miniera spaziale” contiene una quantità d’oro come dieci volte la massa della Terra.

Queste onde gravitazionali furono già previste da Einstein un secolo fa e osservate per la prima volta a settembre del 2015.

Le stelle di neutroni sono uno degli oggetti più “estremi” del cosmo

La loro formazione avviene quando una stella esaurisce il suo carburante e smette di brillare.

A quel punto, la pressione è tanto forte che protoni ed elettroni si fondono, formando neutroni.

I due corpi, filmati dall’uomo, avevano una massa pari a 1,2 e 1,6 volte il Sole.

Mentre il loro diametro era di poche decine di chilometri.

La densità di una stella di neutroni è altissima e il suo peso impressionante.

BARI 5 OTTOBRE 2017 – ART & SCIENCE 2017

ART & SCIENCE 2017: DAL MICRO AL MACRO

Bari, 5 ottobre 2017 – Il Teatro Petruzzelli come un grande Planetario

Pianeti, stelle, galassie, buchi neri, materia oscura, energia oscura, radiazione fossile …

Cosa hanno in comune le cellule dell’uomo o di altri esseri viventi e il cosmo?

In che relazione si trovano le microstrutture dell’uomo con le macrostrutture della nostra galassia?

L’uomo conosce più profondamente il micro o il macro cosmo?

A queste ed altre domande cercheranno di dare una risposta un medico otorinolaringoiatra e un astrofisico ma, dalle prime ipotesi possiamo dire che i due sistemi – micro e macro – si abbracciano e rispecchiano idealmente.

E sono proprio il microcosmo e il macrocosmo al centro dell’attenzione dell’edizione 2017 di “Art&Science”, una performance live, un’esperienza che fa dialogare, oltre alle cellule, anche scienziati provenienti da campi d’azione diversi: medici, astrofisici, biologi molecolari, critici d’arte, musicisti, e stilisti senza confini e senza limiti.

“Il “microcosmo”, spiega Matteo Gelardi, ideatore di Art&Science, otorinolaringoiatra presso il Policlinico Universitario di Bari, Presidente Fondatore dell’Accademia Italiana di Citologia Nasale (AICNA) è profondamente simile al “macrocosmo”, non soltanto nella morfologia ma anche nei colori. L’esame al microscopio rivela che i cromatismi della materia vivente, espressione della funzione metabolica di quel preciso momento, possono persino indicare la nascita o la morte di tale materia, proprio come accade nel macrocosmo quando nasce o muore una stella. L’immagine citologica dell’edizione 2017 di Art&Science si chiama “Big bang” per due motivi: il primo perché rappresenta l’inizio di un “biofilm”, una struttura microbiologica formata dai batteri, in grado di difendersi dall’attacco da parte dei sistemi di difesa dell’organismo e dagli antibiotici; il secondo per la stretta somiglianza con le immagini astronomiche, in particolare il big bang di una stella.

È impressionante confrontare gli aspetti cromatici di un biofilm, organizzazione microbica difensiva che i batteri attuano nei confronti dell’organismo ospite e degli antibiotici, con quelli astronomici. Osservandoli ci si accorge che i due “Big bang” sono espressi da un solo colore: il Ciano, uno dei colori dello spettro che l’uomo riesce a vedere, la cui lunghezza d’onda è intorno a 480 nanometri. Uno dei tre colori primari “sottrattivi” assieme al giallo e al magenta. Si potrebbe persino affermare che la “nascita” ha un solo colore: il “Ciano”! Così come gli astrofisici, studiando gli aspetti cromatici del macrocosmo, riuscendo a datare una stella, o una galassia, oggi è possibile “datare” il microcosmo, rappresentato da cellule e da microrganismi”.

Sarà un lungo viaggio, partendo dall’interno del nostro organismo, giungeremo, grazie al contributo di Fabio Peri, noto astrofisico, sino ai confini dell’universo. Un medico ed un astrofisico si confrontano sulle distanze coperte nelle loro specifiche discipline: abbiamo percorso più strada dentro di noi (microcosmo), o fuori di noi (macrocosmo)? La distanza che va dalla superficie cutanea sino al codice genetico è maggiore della distanza corrispondente ad un anno luce? È proprio vero che la terza guerra mondiale la combatteremo contro i microrganismi? Le nanotecnologie ci aiuteranno a sconfiggere i batteri e i loro biofilm? Partendo dall’interno delle nostre cellule “microcosmo” giungeremo sino ai confini dell’universo “macrocosmo”, trasformando il Teatro Petruzzelli in un grande Planetario.”

 “Ma quanto è grande l’universo? La nostra dimensione naturale, spiega l’astrofisico, Fabio Peri, Direttore Scientifico del Civico Planetario U. Hoepli di Milano, è il metro, un’unità di misura perfetta per misurare una stanza, un tavolo, una passeggiata, ma già in automobile si usano i chilometri e in aereo le migliaia di chilometri. In astronomia si usano gli anni luce… diecimila miliardi di chilometri. Solo con questo “metro” si può misurare l’universo e capire il nostro posto e le nostre reali dimensioni nel cosmo.

Pianeti, stelle, galassie, buchi neri, materia oscura, energia oscura, radiazione fossile.

Esplorando queste enormi distanze abbiamo scoperto una miriade di oggetti affascinanti, curiosi e insoliti che sono diventati patrimonio della scienza e ci hanno aiutato a capire qualcosa sull’evoluzione dell’intero universo, come è nato, come “vive” e come finirà.

Parallelamente a questa dilatazione della misura del mondo “esterno”, del macrocosmo, l’uomo ha sviluppato strumenti per esplorare il microcosmo, l’infinitamente piccolo. Abbiamo così scoperto tessuti, cellule, molecole, atomi e addirittura quark! Il microcosmo si è rivelato pieno di sorprese come il macrocosmo. Ma quanto siamo andati in là “fuori” e “dentro” l’uomo? L’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo hanno un limite? Il nostro attuale orizzonte è un solo un punto di partenza per vedere fin dove potremo spingerci in futuro”?

La performance vedrà l’intervento del gruppo “Il Complesso di Golgi” composto da medici che assieme all’Orchestra di Bepi Speranza, al corpo di ballo “Coreutica”, con i costumi curati dalla stilista Giovanna Gelardi, e a musicisti di fama internazionali e giovani cantanti, eseguiranno brani musicali ispirati al cosmo e alle imprese spaziali.

Arrivederci ad “Art&Science 2017”

Precedenti edizioni

2014 – Quando la Scienza diventa suono con il pianista Maestro Michele Marvulli

2015 – Quando la Scienza diventa Arte con lo storico d’arte Philippe Daverio

2016 –  Il suono e il ritmo nella comunicazione intercellulare con il biologo molecolare Carlo Ventura

Milano evento – ROBOT e LAVORO – John Hagel spiega finalmente la verità

Singularity Summit

per costruire nuovi modelli di crescita e sviluppo

a Milano – Rho si discute anche di come gestire il cambiamento

Dalla California,  organizzato dall’Università della Silicon Valley

L’organizzazione, che si occupa di formazione e innovazione e mette in contatto tra loro influencer e innovatori di tutto il mondo, mette piede per la prima volta in Italia

Finalmente, uno scienziato dalla fama indiscutibile del livello di Hatari John Hagel, parla della reale paura dei posti di lavoro a rischio; a causa dell’avenazare dei robot.

Chi è Hatari John Hagel ?

Hatari John Hagel, è creatore di  startup, vicepresidente Atari, 16 anni in McKisey e fondatore del Centro di Ricerca sull’innovazione di Deloitte per trovare le tendenze emergenti.

LA PAURA E’ CHE I NOSTRI LAVORI

SIANO A RISCHIO E’ GIUSTIFICATA

… Ci aspettano sfide da non sottovalutare”

Finalmente qualcuno ha il coraggio di dire come stanno le cose. E non imbroglia il popolo dicendo che ci saranno tanti e nuovissimi posti di lavoro per tutti … !!

Una soluzione, secondo Hatari John Hagel, sarebbe usare le tecnologie per ripensare il lavoro e CAMBIARE IL SISTEMA .

“Gli uomini per farcela devono focalizzarsi sull’intelligenza critica e sociale cercare una passione e trovare il modo per ricavarci da vivere

…il lato negativo delle tecnologie: creano pressione sulle persone e sul loro lavoro perché spingono a muoversi velocemente [in tempi che non sono quelli naturali per l’uomo].

Se la riduzione dei costi è l’unico ideale, L’UMANITA’ E’ SPACCIATA. … ma ridefinendo il lavoro sulla creazione di valore, allora le persone posso contare ancora.

DOBBIAMO RIPENSARE IL SISTEMA EDUCATIVO [in Italia ci siamo molto lontani … se i nostri politici non capiscono niente di scienza e ricerca, come possono ridefinire la scuola su un mondo di cui non sanno quasi NULLA?].

Chiediamo più creatività e immaginazione a cui le aziende dovranno fare ricorso…

TRA GLI ITALIANI PRESENTI:

Chiara Burberi, co-autrice del libro Le ragazze con il pallino per la matematica, Paolo di Cesare, co-fondatore di Nativa, la prima Benefit Corporation e Certified B Corp in Europa, Francesco Gattei, Executive Vice President Scenarios, Strategic Options & Investor Relations di Eni, e lo scienziato e imprenditore Riccardo Sabatini.

Astronomia – evento – NASA a Milano

La NASA sbarca a MIlano

Modulo Apollo, Space Shuttle, Navicella Mercury … tutto a Milano !

IMPERDIBILE E AFFASCINATE ANCHE PER I BAMBINI

300 manufatti originali provenienti dai programmi spaziali NASA sono esposti allo

SPAZIO VENTURA XV

Via Privata G. Ventura 15, Milano

” NASA – A Human Adventure “

 

1.500 mq. dal primo lancio nello spazio ai giorni nostri.

Fino al 4 marzo.

 

 

Online il sito del progetto Open Data 200 Italia

Open Data 200 Italia

E’ online il sito del progetto Open Data 200 Italia, il primo studio sistematico sulle imprese italiane che utilizzano dati aperti per generare prodotti e servizi.

L’open data è visto anche come uno strumento importante per favorire la crescita economica.

Il censimento è sviluppato dalla Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con il GovLab – New York University che ha realizzato l’analogo progetto Open Data 500 negli Stati Uniti.

“Da oggi”, spiega Francesca De Chiara, ricercatrice della Fondazione Bruno Kessler che grazie al progetto FBK Mobility ha lavorato presso il GovLab di New York, “è possibile esplorare sul nuovo sito, disponibile in italiano e in inglese, i primi dati sulle aziende coinvolte. Da una prima analisi risulta che i dati più usati sono quelli geospaziali, anche grazie alla direttiva INSPIRE che ha fatto un po’ di ordine in materia. Molte aziende usano fonti alternative di dati, si spostano su sorgenti aperte e collaborative come Wikipedia e OpenStreetmap. La maggior parte del mercato dei dati aperti, o degli open government data, genera servizi per la PA, trovando una sua dimensione nel settore del Business to Business. Quest’ultimo aspetto evidenzia la necessità di avere molti dati da elaborare, unire, affinare e re-distribuire a terzi. Un esempio interessante viene dal Ministero della Salute che espone dati molto usati da aziende che operano nel settore del Turismo, in quanto il dataset più richiesto è quello delle farmacie georeferenziate. Preziosa la collaborazione con Spazio Dati per l’utilizzo della banca dati Atoka e l’interesse espresso da dati.gov e dalla Camera di Commercio di padova, con i quali abbiamo organizzato webminar di divulgazione e sessionio di presentazione del progetto”.

“Quando si parla di open data”, sottolinea Maurizio Napolitano, responsabile di Digital Commons Lab alla FBK, “ci si riferisce alle molte aspettative legate ad una crescita che questi sono in grado di offrire alla comunità. I temi più ricorrenti sono quelli della trasparenza e dell’economia. Molte sono le stime di cosa potrebbe accadere se, l’open data, fosse una realtà concreta in grado di fornire dati aggiornati e ben strutturati. Purtroppo, questo percorso, è ancora lontano. Ci sono però persone che ancora ci credono. Fra i principali attori ci sono le aziende che fanno uso di dati. Si tratta per la maggiore di aziende che lavorano nel settore ICT. Queste, assieme alla realtà degli attivisti e dei ricercatori, sono la prova evidente di come il rilascio di dati da parte di pubbliche amministrazioni, enti para-statali, aziende stesse e comunità può realmente creare impatto economico e sociale. L’invito pertanto è quello di prendere visione (anche in maniera critica) dei risultati di questo studio e di continuare a segnalarsi al fine di migliorare e rendere sempre più efficace questa azione”.

Il Contesto

Con il termine “open data” si intende il libero accesso ai dati per qualsiasi scopo e riutilizzo. I dati sono descrizioni di fatti privi di ambiguità e archiviabili in formato digitale (es. temperatura, numero di abitanti, numero di mezzi presenti in questo momento in autostrada, la quantità di merce venduta e così via).

L’evoluzione delle nuove tecnologie ha reso sempre più facile la raccolta e l’archiviazione dei dati in formato digitale. Diversi sono gli attori che raccolgono dati: pubbliche amministrazioni, aziende, comunità. Ognuno di questi, detenendo il diritto sulla banca dati, può decidere di renderli disponibili affinché terzi possano utilizzarli per qualsiasi scopo.

La pubblica amministrazione viene considerata quale attore principale in grado di aprire dati in quanto si occupa di beni comuni. Nelle politiche internazionali, l’open data è visto come uno dei punti di partenza per attivare processi di trasparenza, collaborazione e partecipazione (il tutto si sintetizza con il termine “open government” e Open Government Partnership è un’iniziativa internazionale che promuove la condivisione di questi principi, sono 65 le nazioni che hanno aderito).

L’open data è visto anche come uno strumento importante per favorire la crescita economica.

Diversi sono gli studi di riferimento che intravedono, nell’apertura dei dati, scenari in grado di generare valore sociale ed economico.

Open Data 500

Open Data 500 è un progetto promosso e realizzato dal GovLab presso la New York University dove vengono messi in evidenza gli scenari di riuso da parte dei dati del settore pubblico da parte di 500 aziende negli Stati Uniti.

Il catalogo nazionale dei dati aperti statunitense ha una sezione “impact” (http://data.gov/impact), nel quale trovate una directory di aziende che usano open government data.

Open Data 200 Italia

Grazie al progetto Mobility promosso dalla Fondazione Bruno Kessler, Francesca De Chiara del Digital Commons Lab è stata resident fellow presso Govlab-NYU e ha sviluppato la stessa ricerca su scala italiana, partendo da una prima selezione di 200 aziende. La piattaforma di Open Data 200 Italy è disponibile in Italiano e in inglese.

Dopo una fase di identificazione delle aziende, somministrazione del questionario e ricerca sul campo, ora sono disponibili i primi dati dello studio che offrirà un quadro maggiormente chiaro e aggiornato sullo stato di salute dell’ open data in Italia, e importanti suggerimenti per una migliore implementazione delle politiche nazionali di apertura dei dati.

Dati emersi

Visitando il sito di Open Data 200 Italia è possibile prendere visione di un campione significativo di 55 aziende italiane (sono previsti ulteriori rilasci in futuro e si invitano le aziende a candidarsi compilando qui il survey per partecipare allo studio).

I dati evidenziano che il segmento principale dove queste aziende operano è per il 47% del campione nel B2B (business to business, quindi il mercato fra aziende) con attività di integrazione, analisi e rielaborazione di dati utili a terzi (es. strumenti di supporto per assicurazioni o banche).

Rimanendo nei segmenti di mercato solo il 17% sviluppa soluzioni per gli utenti finali (B2C). Qui la problematica si applica anche sul fronte della disponibilità di dati disponibili e della necessità di incidere su mercati già saturi.

Il restante 36% è occupato da aziende che lavorano nei servizi verso la pubblica amministrazione. Si tratta, per la maggiore, della creazione di piattaforme per la distribuzione di open data o di implementazioni di estensioni per estrarre e convertire dati secondo i paradigmi dell’open data (letteralmente “dati aperti”).

Leggi la news: https://magazine.fbk.eu/it/news/open-data-200-italia-ecco-il-primo-censimento-sulle-imprese-italiane/

Dal mare: creature possono rigenerare perfino il loro cervello in 3 giorni e mezzo.

Capire come rigenerare gli esiti delle lesioni spinali o di quelle al cervello.

Una medusa a pettine, ha la capicità di far ricrescere molto in fretta le parti del suo corpo.

DA EURONEWS LE INFORMAZIONI CHE CI INTERESSANO

Dal link: http://it.euronews.com/2014/04/30/gli-alieni-del-mare/

Un ricercatore emerge da un tuffo nel mare di Florida e porta con se una bustina trasparente con dentro strane creature.

Una è una medusa a pettine, ha la capicità di far ricrescere molto in fretta le parti del suo corpo che vengono amputate. Gli studiosi chiamano questa ed altre specie simili “gli alieni dei mari”.

Al’interno di un natante dotato di laboratorio collocato in un container in acciaio, i ricercatori studiano i segreti nascosti nella biologia di questi animali e nelle loro strutture genetiche.

-Diversamente dagli esseri umani queste

creature possono rigenerare perfino il loro cervello in 3 giorni e mezzo. Si cerca di capire quale attività genetica sproni la rigenerazione.

RACHEL SANFORD, RICERCATORE:
“Lavoro su questi animali che sono simili alle meduse ma non sono del tutto meduse. Ho estratto il loro cervello e ho visto che ricresce. Cerco di capire in che modo ricresce e quali molecole o altri elementi inneschino la rigenerazione del loro elementare cervello”.

Gli scienziati cercano di osservare i meccanismi regolatori, le molecole chiave che controllano la rigenerazione.

-Se riescono a rintracciarli si potrebbe vedere se esitono negli uomini meccanismi analoghi e per esempio cercare di capire come rigenerare gli esiti delle lesioni spinali o di quelle al cervello.

Copyright © 2014 euronews

DOMANDE SUL FUTURO – Quale futuro per i nostri figli e nipoti ? – Come vivremo nel futuro ?

Il cosmologo britannico Martin Rees, sostiene che sia il Polo Sud che la Vetta dell’Everest, siano più ospitali di qualunque luogo nello spazio che conosciamo.

Al contrario, Stephen Hawking, il famoso scienziato che può comunicare solo attraverso un computer, vede nella migrazione umana dalla Terra l’unica vai di salvezza per la nostra specie.

Per la Nasa gli esseri umani potranno vivere lunghi periodi sui pianeti, almeno nei prossimi 50 anni, ma ci vorrà molto più tempo per poter essere autosufficienti rispetto alla Terra. Lo sostiene Catharine A.Conley; responsabile del settore Planetary protection.

SARA’ POSSIBILE EVITARE UNA ESTINZIONE DI MASSA ?

La risposta, del biologo Edward O.Wilson, è che la nostra sopravvivenza non può prescindere dalla trasformazione del Pianeta in una grande riserva naturale.

 Per quanto riguarda la minaccia nucleare e le catastrofi naturali, secondo il fisico Calton Caves Università del New Messico, non riusciranno mai ad uccidere completamente la razza umana. Mentre per eventuali pericoli che possano derivare da robot più potenti degli uomini, sarà sempre possibile (lo speriamo!!!) staccarli dalla fonte energetica che li alimenta.

Tornando ancora alla possibile migrazione, di parte dell’umanità, verso altri mondi, il cosmologo e astrofisico americano Martin Rees, sostiene che sarà indispensabile ricorrere a biotecnologie e cyborg (organismo cibernetico o organismo bionico) per poter vivere nello spazio; sarà quindi necessario creare una specie post-umana.

Computer batte uomo 5 a 0 – Avanza l’intelligenza artificiale

COMPUTER E FUTURO DELL’UOMO

Considerazioni su questo argomento nel libro ” HOMO DEUS ”

Per la prima volta un programma di Google ha vinto sull’uomo al difficilissimo gioco giapponese ” Go “.

” Go ” è un antico e complesso gioco giapponese, un gioco che richiede particolari doti cerebrali; un gioco di strategia.

Nel gioco ” Go “, in media, ogni mossa non ha le 35 alternative degli scacchi, ma ben 250 !

Il programma, ideato da Google, AlphaGo ha battuto 5 a 0 il campione europeo Fan Hui. Una possibilità che appariva impossibile, sino a poco tempo fa.

Il gioco ” Go ” è nato, circa, nel VI secolo avanti Cristo.

Questo fatto è un chiaro segno che l’intelligenza artificiale non è utopia, ma un fatto che, prima o poi si imporrà all’umanità e cosa siccederà poi ???

Considerazioni su questo argomento e sul possibile futuro ci vengono chiarite dallo scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme nel libro ” HOMO DEUS “:

GIA’ IN CALIFORNIA (MA ANCHE  NELLA PIU’ VICINA GENOVA) LE MACCHINE STANNO SILENZIOSAMENTE SOSTITUENDO LE FUNZIONI SVOLTE DALL’UOMO.

BANCHE SOLO VIA INTERNET, NEGOZI SENZA COMMESSI, AUTO-BUS-TRENI-AEREI GUIDATI DA ROBOT, ANZIANI CURATI DA ROBOT-BADANTI…I FISIOTERAPISTI IN ALCUNI OSPEDALI (ITALIANI) SONO GIA’ SOSTITUITI DA MACCHINE; QUALE E’ IL FUTURO DELL’UOMO LAVORATORE?

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Da leggere, per capire,   ” HOMO DEUS “; dello scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme.

In molti aeroporti già le macchine prevalgono sull’uomo nel servizio biglietteria. Si arriva e una serie di macchine attendono il passeggero per servire biglietti:

-denaro già cambiato nella moneta locale dai bancomat

-biglietti per il bus o il treno ( e non si può sbagliare altrimenti nessuno ti rimborsa sia il biglietto sbagliato sia la ricevuta non richiesta…prima bastava spiegarsi e il bigliettaio provvedeva!) Ma come fai a spiegare a una macchina che hai sbagliato a digitare?, MOLTO PIU’ DIFFICILE SE   si tratta di lingua straniera e in luoghi sconosciuti.

-anche i bed & breakfast più moderni hanno sostituito il portiere con un codice da digitare; e se perdi il codice?

-è vero che con internet puoi collegati e controllare e trovare quasi tutto, ma se non sei abile o non riesci a collegarti o hai il telefono energeticamente scarico o non hai la ricarica sufficiente?

-se per caso sporchi il pavimento un robot-inserviente provvede a ripulire (basta schiacciare un bottone), ma la cameriera disponibile ai piani ha perso il posto.

Non stiamo scrivendo sciocchezze,  e lo conferma il documentario del prof. Robert Reich, professore aBerkeley ed ex Ministro del Lavoro di Clinton “Inequality for all“, nel quale si dice: “Scegliere di non fare il biglietto alle macchinette è un atto politico”.

Mentre a Genova in ben due ospedali i robot sostituiscono i fisioterapisti, perché vi sono test scientifici che hanno dimostrato come il lavoro dei robot sia più efficiente di quello dei fisioterapisti ( e sai quanti stipendi risparmiati… e quanti posti di lavoro in meno!)

-A San Francisco all’University of California esiste già la farmacia più  robotizzata del mondo. All’University of California migliaia di dosi di medicinali per altrettanti pazienti vengono preparate, ogni giorno, da robot; e il robot non sbaglia.

Qui siamo già nel futuro con codici a barre, barre Qr ed etichette Rfid, come quelle antifurto degli abiti nei supermercati.

Il vanto dei tecnici è la riduzione di personale …  questo robot fa il lavoro di 6 tecnici  e 4 infermieri, ora ridotti a 1 + 1.

-A questo proposito il mensile “Fortune” scrive: “Una farmacia il cui unico personale è un robot“.

-Una compagnia di Chicago ha messo a punto un software che dai dati di base realizza un articolo completo = annullamento della redazione di giornalisti, altra gente che sarà, in parte lo è già, senza lavoro. E questo  vale  anche per  ottenere dati finanziari e chissà quanto altro in futuro.

-A noi questo fatti ricordano tanti i tempi, lontani…, quando i giornali ci assicuravano che l’arrivo dei computer non avrebbe tolto posti di lavoro, ma aumentato il tempo libero, settimane di 5 giorni per tutti e tanto tempo libero e tutti saremmo diventati almeno tecnici specializzati. Peccato che   ai disoccupati creati dai computer sia rimasto solo il tempo libero senza soldi per utilizzarlo al meglio..

-E che dire dei professori che già, non solo in Australia, sono sostituiti da web-video.

-A Silicon Valley,  Coursera, che ha appena raddoppiato i suoi uffici, offre lezioni universitarie a 4 milioni di persone.

-Già nel 1958 Isaac Asimov ci parlava di un futuro, remoto, dove le macchine avrebbero fatto tutto, anche la progettazione di altre macchine meglio di loro, mentre l’umanità  sarebbe regredita dimenticando tutto …

-Il pericolo è divenire, ma non lo siamo già, totalmente dipendenti da qualcosa (tecnologia) che divienti assolutamente nullo appena si stacca la spina (blackaut)!

-Secondo molti dopo l’auto che si guida da sola arriveranno i sostituti robotici di tassisti e  camionisti, proprio come è già avvenuto per molti agenti di viaggio e cassieri di banca: senza lavoro.

– Già esistono i robot-sommozzatori e si stanno progettando robot che sostituiranno la mani, a volte non fermissime, del chirurgo

-I robot manifatturieri sono arrivati alla perfezione e non necessitano nemmeno di essere riprogrammati.

-Le centraliniste virtuali rispondono alle chiamate senza bisogno di alcuna pausa e non hanno mai una voce stanca o nervosa!

-Qualcuno prevede che i medici in carne ed ossa visiteranno sono le persone molto abbienti, per gli altri ci sarà il dottore su internet.

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

IL FUTURO DEL LAVORO: ROBOT AL POSTO DI UOMINI?

SCIENZE 500 ROBOT GE ROSSO

GIA’ IN CALIFORNIA (MA ANCHE  NELLA PIU’ VICINA GENOVA) LE MACCHINE STANNO SILENZIOSAMENTE SOSTITUENDO LE FUNZIONI SVOLTE DALL’UOMO.

BANCHE SOLO VIA INTERNET, NEGOZI SENZA COMMESSI, AUTO-BUS-TRENI-AEREI GUIDATI DA ROBOT, ANZIANI CURATI DA ROBOT-BADANTI…I FISIOTERAPISTI IN ALCUNI OSPEDALI (ITALIANI) SONO GIA’ SOSTITUITI DA MACCHINE; QUALE E’ IL FUTURO DELL’UOMO LAVORATORE?

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Da leggere, per capire,   ” HOMO DEUS “; dello scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme.

In molti aeroporti già le macchine prevalgono sull’uomo nel servizio biglietteria. Si arriva e una serie di macchine attendono il passeggero per servire biglietti:

-denaro già cambiato nella moneta locale dai bancomat

-biglietti per il bus o il treno ( e non si può sbagliare altrimenti nessuno ti rimborsa sia il biglietto sbagliato sia la ricevuta non richiesta…prima bastava spiegarsi e il bigliettaio provvedeva!) Ma come fai a spiegare a una macchina che hai sbagliato a digitare?, MOLTO PIU’ DIFFICILE SE   si tratta di lingua straniera e in luoghi sconosciuti.

-anche i bed & breakfast più moderni hanno sostituito il portiere con un codice da digitare; e se perdi il codice?

-è vero che con internet puoi collegati e controllare e trovare quasi tutto, ma se non sei abile o non riesci a collegarti o hai il telefono energeticamente scarico o non hai la ricarica sufficiente?

-se per caso sporchi il pavimento un robot-inserviente provvede a ripulire (basta schiacciare un bottone), ma la cameriera disponibile ai piani ha perso il posto.

Non stiamo scrivendo sciocchezze,  e lo conferma il documentario del prof. Robert Reich, professore aBerkeley ed ex Ministro del Lavoro di Clinton “Inequality for all“, nel quale si dice: “Scegliere di non fare il biglietto alle macchinette è un atto politico”.

Mentre a Genova in ben due ospedali i robot sostituiscono i fisioterapisti, perché vi sono test scientifici che hanno dimostrato come il lavoro dei robot sia più efficiente di quello dei fisioterapisti ( e sai quanti stipendi risparmiati… e quanti posti di lavoro in meno!)

-A San Francisco all’University of California esiste già la farmacia più  robotizzata del mondo. All’University of California migliaia di dosi di medicinali per altrettanti pazienti vengono preparate, ogni giorno, da robot; e il robot non sbaglia.

Qui siamo già nel futuro con codici a barre, barre Qr ed etichette Rfid, come quelle antifurto degli abiti nei supermercati.

Il vanto dei tecnici è la riduzione di personale …  questo robot fa il lavoro di 6 tecnici  e 4 infermieri, ora ridotti a 1 + 1.

-A questo proposito il mensile “Fortune” scrive: “Una farmacia il cui unico personale è un robot“.

-Una compagnia di Chicago ha messo a punto un software che dai dati di base realizza un articolo completo = annullamento della redazione di giornalisti, altra gente che sarà, in parte lo è già, senza lavoro. E questo  vale  anche per  ottenere dati finanziari e chissà quanto altro in futuro.

-A noi questo fatti ricordano tanti i tempi, lontani…, quando i giornali ci assicuravano che l’arrivo dei computer non avrebbe tolto posti di lavoro, ma aumentato il tempo libero, settimane di 5 giorni per tutti e tanto tempo libero e tutti saremmo diventati almeno tecnici specializzati. Peccato che   ai disoccupati creati dai computer sia rimasto solo il tempo libero senza soldi per utilizzarlo al meglio..

-E che dire dei professori che già, non solo in Australia, sono sostituiti da web-video.

-A Silicon Valley,  Coursera, che ha appena raddoppiato i suoi uffici, offre lezioni universitarie a 4 milioni di persone.

-Già nel 1958 Isaac Asimov ci parlava di un futuro, remoto, dove le macchine avrebbero fatto tutto, anche la progettazione di altre macchine meglio di loro, mentre l’umanità  sarebbe regredita dimenticando tutto …

-Il pericolo è divenire, ma non lo siamo già, totalmente dipendenti da qualcosa (tecnologia) che divienti assolutamente nullo appena si stacca la spina (blackaut)!

-Secondo molti dopo l’auto che si guida da sola arriveranno i sostituti robotici di tassisti e  camionisti, proprio come è già avvenuto per molti agenti di viaggio e cassieri di banca: senza lavoro.

– Già esistono i robot-sommozzatori e si stanno progettando robot che sostituiranno la mani, a volte non fermissime, del chirurgo

-I robot manifatturieri sono arrivati alla perfezione e non necessitano nemmeno di essere riprogrammati.

-Le centraliniste virtuali rispondono alle chiamate senza bisogno di alcuna pausa e non hanno mai una voce stanca o nervosa!

-Qualcuno prevede che i medici in carne ed ossa visiteranno sono le persone molto abbienti, per gli altri ci sarà il dottore su internet.

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Tecnologia – Siamo padroni del tempo e del clima ?

04Ioduro d’argento pericoloso per la salute umana ?

Siamo già in grado di dominare gli elementi atmosferici ?

1896: primo serio tentativo di modificare il clima con l’invenzione del cannone antigrandine di Albert Stiger, sindaco di Windisch-Feistritz (Austria) e viticoltore.

Novembre 1946: Bernard Vonnegut, scienziato americano della General Electric,   capì che i nuclei di ioduro d’argento erano in grado di catalizzare l’umidità contenuta nelle nubi per produrre pioggia.

Nel 2009, a Pechino, nel tentativo di tramutare in pioggia alcune nubi di passaggio sulla città, afflitta da due mesi di siccità,  ha cambiato la pioggia in neve a causa di un improvviso fronte freddo; così Pechino si è fatta cogliere impreparata, causa paralisi titale dei dei trasporti …

Oggi, lo sfruttamento dello ioduro d’argento per produrre pioggia è divenuto un processo molto utilizzato.

 

Soprattutto grazie ad Israele che utilizzò moltissimo questa tecnologia negli anni 50 e 60 per sfruttare ogni possibile risorsa idrica del suo terreno desertico.

Oggi non meno di 40 paesi utilizzano questa tecnica, con  un consumo mondiale annuo di circa 50 tonnellate di sali d’argento.

Purtroppo si vanno anche moltiplicando le denunce sulla loro possibile pericolosità per la salute umana.

Sono circa 2 milioni i “trattamenti” con sali d’argento che si effettuano ogni anno; la metà dei quali effettuati dalla Cina.

L’agenzia d’informazioni cinese valuta in 250 miliardi di tonnellate la pioggia artificiale prodotta tra il 1999 e il 2006.

La Cina ricorre continuamente a questa tecnica per contrastare la desertificazione.

Negli aeroporti viene usata l’inseminazione delle nuvole principalmente per ridurre la nebbia.

Un metodo che appare meno pericoloso, è nato in Sudafrica e si è diffuso fino in Messico; in questo caso si usano sali igroscopici (calcio e sodio).

Anche limitare le piogge è una necessità molto sentita, in questo periodo di pericolosi e numerosi tifoni e uragani.

Tutto questo è possibile cospargendo le nuvole con un  polimero polverizzato, capace di assorbire acqua fino a 1.500 volte il proprio peso. Si crea così una sostanza gelatinosa che cadendo al suolo, riduce l’intensità delle precipitazioni.

QUALCOSA DI BUONO 

Pare che sia riuscito il disperato tentativo dell’ex Unione Sovietica d’inseminare di ioduro d’argento le nubi causate dall’incidente di Chernobyl, per circoscrivere la diffusione di dosi micidiali di radioattività.

Cosa è utile sapere al riguardo della nostra salute ?

Ci sono molte teorie complottistiche sull’inseminazione delle nubi ma nessuna è mai stata dimostrata.

Le vari etcniche utilizzate possono essere perfezionate perché diventino il più possibile innocue per l’ambiente e per l’uomo.

IODURO D’ARGENTO:

pericoloso per l’ambiente acquatico – pericolo acuto.

Questa sostanza viene immessa nell’atmosfera soprattutto attraverso produzioni industriali e non per le inseminazioni di nuvole.

Lo ioduro d’argento ha una bassa tossicità; così dicono alcune note stampa; ovviamente dipende sempre dai quantitativi.