Archivi categoria: SCIENZE E RICERCA

Fusione nucleare soluzione al gas serra ?

La fusione nucleare può giocare un ruolo importante nella produzione di energia senza emissione di gas serra.

Il combustibile base, l’idrogeno, è virtualmente illimitato, il processo è intrinsecamente sicuro e la radioattività prodotta ha vita breve:

tutto il materiale può essere in linea di principio riciclato in un nuovo reattore dopo circa 100 anni.

Lo afferma il Prof. Francesco Romanelli dell’Università di Roma Tor Vergata, nella presentazione del seminario “La fusione nucleare stato e prospettive”, che terrà all’Accademia dei Lincei il 15 dicembre alle ore 15, Palazzo Corsini, via della Lungara, 10 Roma.

Il seminario passerà in rassegna lo stato delle ricerche e le principali sfide per arrivare a utilizzare la fusione come fonte di energia.

Per ottenere potenza di fusione occorre confinare un gas di isotopi dell’idrogeno (deutero e trizio) a temperature 20 volte maggiori di quella del nucleo del sole.

Confinare la materia a queste temperature è oggi un obiettivo raggiunto.

Inoltre, in una serie di esperimenti condotti nel 1997,  il JET (Joint European Torus), il più grande reattore a fusione nucleare finora costruito, ha dimostrato la possibilità di produrre potenza di fusione in maniera controllata.

Il reattore sperimentale termonucleare ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor), che entrerà in funzione nel prossimo decennio, ha l’obiettivo di raggiungere condizioni in cui le elevate temperature sono mantenute prevalentemente dalle stesse reazioni di fusione.

Nel seminario verranno discusse le sfide che occorre superare per il successo di ITER, quali il controllo delle instabilità e lo smaltimento degli elevati flussi di calore generati nella camera di reazione, le soluzioni che sono state sviluppate sugli attuali esperimenti di fusione e la loro estrapolazione a ITER.

Il seminario affronterà anche le sfide da superare per la costruzione del reattore dimostrativo che dovrà produrre energia elettrica da immettere in rete e dovrà produrre il trizio necessario al proprio funzionamento. In particolare si discuterà il programma di sviluppo di materiali che possano mantenere le caratteristiche strutturali sotto il flusso dei neutroni prodotti nelle reazioni di fusione e il programma di sviluppo del mantello triziogeno.

L’obiettivo principale del programma fusione è quello di dimostrare la produzione di energia elettrica attorno alla metà di questo secolo. Nel corso della presentazione si analizzerà il contributo al successo del programma che è atteso dagli esperimenti che saranno in operazione in parallelo a ITER.

Nuova era – non solo Pil ma anche Ic Index che valuta le “Intelligent communities”

Nuova era – non solo Pil ma anche Ic Index che valuta le “Intelligent communities”

E’ urgente parlare e prepararsi per la connettività veloce ?

L’arrivo del computer ci era stato presentato come un miglioramento della qualità della vita di tutti …

Cosa sta facendo l’Italia ? Noi non abbiamo notizie positive al riguardo; abbiamo l’impressione che chi dovrebbe oraganizzare il nostro futuro, non abbia nemmeno la capacità e la cultura per capire come si sta sviluppando il mondo intorno a noi.

Esiste già un Intelligent Community Forum che, dal 2002, lavora ad una visione più business delle comunità intelligenti mondiali …

BANDA ULTRALARGA VORRA’ DIRE LAVORARE ALLA VELOCITA’ DELLA LUCE?

I nuovi servizi offerti da internet non possono prescindere dalla

-“banda larga”; ovvero dalla possibilità di far viaggiare i nostri dati alla velocità della luce.

E’ previsto l’uso di una sofisticata piattaforma;

ovvero, da strumenti che migliorano l’efficienza e la competitività delle industrie, al tele-lavoro, alla domotica (un computer che regola tutto nelle case; dalla spesa all’apertura del portone, a quella delle finestre, all’accensione delle luci).

I media ci stanno prospettando tutto questo come un miglioramento della vita del cittadino: sicurezza, semplificazione della burocrazia, e-government, e-commerce ecc…

Per comprendere al portata di questa innovazione prevista dalla ricerca più avanzata, possiamo paragonare la banda larga e la futura ultra-larga, alla rivoluzione economica creata, nel 1800, dall’arrivo del treno, più avanti nel 1900 dalle autostrade, nel XXI secolo parliamo di trasporto dati, secondo gli scienziati è qui che si giocherà il progresso delle nazioni.

Oggi, ci dicono i media, bloccare la banda larga vuole dire disincentivare l’innovazione, bloccare sul nascere il telelavoro e non frenare lo spopolamento delle aree lontane dalle affollatissime città, sempre più megalopoli.

Stiamo entrando in una nuova era dove non saranno più solo il Pil e i vari indicatori economici dell’Ocse, a valutare il nostro livello di sviluppo, ma anche l’Ic Index che valuta le “Intelligent communities”: classifica che si basa sull’economia e sul business innovativo generato dalle città che sono state lungimiranti ed hanno adottato, prima di altre, la connettività veloce assicurata solo dalla banda larga, oggi, e da quella ultra-larga domani.

Esiste già un Intelligent Community Forum che, dal 2002, lavora ad una visione più business delle comunità intelligenti mondiali.

La prima in questa classifica è la città di Taichung a Taiwan; in Europa un ottimo piazzamento lo hanno avuto Eindhoven (Olanda), Stoccolma, Edimburgo, Glasgow e, un poco più indietro nella classifica Héracliton (Grecia), Oulu (Finlandia), Tallin (Estonia), ma l’Italia non è presente.

Non eravamo il paese della sregolatezza, ma anche del genio?

DATI SUL TELELAVORO

-Negli USA , entro il prossimo anno, 4 su 10 lavoratori saranno teleworking.
Anche su queste scelte i media ci stanno dipingendo un futuro dorato:
-niente più inquinamento per gli spostamenti giornalieri negli uffici
-più libertà di scelta degli orari di lavoro e quindi un grande vantaggio anche per le neo-mamme

In India il 57% del lavoro intellettuale è a distanza, in Indonesia il 34 %, in Messico il 30%.

Un recente sondaggio ha dimostrato che, se ne avessero la possibilità, anche i lavoratori intellettuali di Russia, Sud-Africa e Argentina vorrebbero il telelavoro.

L’Europa in questo settore si segnala per il suo ritardo dovuto alla scarsa diffusione della banda larga.

Sempre secondo dati ufficiali 4 telelavoratori su 5 si dichiarano meno stressati.

MA E’ CORRETTO ANCHE PARLARE DEI LATI NEGATIVI …

Noi personalmente abbiamo provato il telelavoro e non ne siamo esattamente entusiasti: in casa ci si impigrisce; meno movimento, meno cura di se stessi…, si perdono i contatti fisici con i colleghi (poco umano lavorare otto o più ore da soli con un computer!), si hanno, almeno come donne, tutte le sollecitazioni da figli, telefonate, richieste varie perché sei a casa … Ma riconosciamo il vantaggio di non spendere tempo, soldi e inquinamento negli spostamenti; mal bilanciati con le alte spese di manutenzione di linea internet, computer, stampanti, tecnici per i guasti, nuovi software a nostre spese …

E’ ovvio che il librero professionista affermato, che stabilisce il numero dei clienti e il costo del suo lavoro non potrà che trarne vantaggio, ma i dipendenti, i piccolissimi lavoratori ??

Premesso che le statistiche andrebbero giudicate anche da come vengono poste le domande per poterle valutare seriamente, a noi risulta che stare in casa, senza vedere nessuno, nemmeno nella pausa pranzo, magari con un bambino che piange o grida mentre si è al telefono per lavoro, con la suocera che chiama perché si sente sola, e con una media di guadagno all’ora bassissima rispetto all’impiegato di 20 anni fa; ore notturne di lavoro per poterlo fare senza telefono, campanello che suona e cibo sul fuoco che brucia…non ci entusiasmano.

Senza dimenticare la situazione abitativa delle famiglie moderne, senza spazi divisori e corridoi tra le camere da letto e il salotto che spesso confina con la cucina e i suoi odori.
La tendenza a dare in appalto esterno il lavoro e rendere così indipendente il lavoratore, lontano da un punto di possibile aggregazione sindacale, non fa che renderlo sempre più vulnerabile e ricattabile.

Inoltre noi non abbiamo dimenticato che

-l’arrivo del computer ci era stato presentato come un miglioramento della qualità della vita di tutti, lavoro per pochi giorni la settimana e poi tanto tempo libero per gli hobbies…

In realtà oggi avere un posto di lavoro è quasi un piccolo miracolo

-gli stipendi medi si sono abbassati tanto da non permettere più alla famiglia di spendere in extra (almeno in molte nazioni europee e negli USA) e, con l’avvento massiccio dei robot la certezza di tanti posti di lavoro in meno !

-Oggi già alcuni ospedali hanno sostituito i fisioterapisti con robot programmati da un computer che, secondo severi esami scientifici, sono più efficienti del personale umano !

Che progresso ! ?

 

Pericolo sicurezza elettronica Italia tra i primi 10 a rischio

SICUREZZA SUL WEB ???

Cybercrimine, 2017 è il nostro anno peggiore secondo Clusit (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica), l’Italia è preda degli hacker

Allarme sul cybercrime in Italia

CLUSIT

invia gli allarmi e nessuno li ascolta

La (non) sicurezza informatica è diventata una minaccia sistemica

Il consumatore NON è informato sui rischi che corre

Il cittadino pensa che i suoi dati non sono interessanti per nessuno; invece NON è così

La scuola italiana non prepara ad affrontare i rischi dell’elettronica avanzata; nemmeno i maestri o professori (in genere) ne sono informati

Mancano informazione e coscienza su quali siano i rischi ai quali ci affacciamo usando i nostri mezzi elettronici.

Si spende poco in sicurezza, molto in nuove tecnologie che il cittadino poi non sa gestire e non capisce i rischi che corre.

Gli incidenti classificati come pericolosi, mostrato una crescita esponenziale nel tempo; questo significa una crescita annua del 600 e 400%”.

In Italia, siamo nella top ten globale per numero di vittime.

LA VERITA’

Alessio Pennasilico, uno degli autori del rapporto Clusit, sostiene che:

” Siamo entrati nella top ten degli attacchi più gravi per via di quello subito dalla Farnesina nei giorni scorsi. Inoltre, “per la prima volta siamo saliti al quarto posto nel mondo per numero di vittime di attacchi informatici. Una  particolarità italiana sono gli attacchi ransomware, che criptano tutti i file dell’hard disk chiedendo un riscatto all’utente per sbloccarli. Un fenomeno che è forte solo in Italia, dato che da noi le vittime sono impreparate e al tempo stesso pagano i criminali per riavere accesso ai propri file, non avendo alternative”.

E’ successo ad aziende, Comuni, ospedali  ecc… 

Il rischio viene sottovalutato e non sempre gli strumenti a disposizione vengono sfruttati al massimo delle loro possibilità, perché affidiamo i nostri dati sensibili (per esempio degli ospedali, manicipalità … ) a persone che non lavorano bene o non sono preparate ...

perché i Italia manca la MERITOCRAZIA …

Ciò che preoccupa maggiormente gli esperti del Clusit,  è l’aumento a quattro cifre (+1.166%) degli attacchi con tecniche di Phishing /Social Engineering, che puntano a  indurre la vittima a fare passi falsi che poi rendono possibile l’attacco informatico vero e proprio.

BUONA NOTIZIA: la tecnologia potrebbe aiutarci a vivere meglio

TECNOLOGIA E NUOVE SCOPERTE SCIENTIFICHE INSIEME ALLE SCELTE QUOTIDIANE  DI TUTTI NOI POTREBBERO CAMBIARE IL FUTURO

Uno scienziato italiano, trasferito all’estero, ha scoperto che: dalle ALGHE si estraggono 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina!

E SE QUALCUNO DI NOI COMINCIASSE A PENSARE AL FUTURO DEI FIGLI E DEI NIPOTI ???

Oggi a Milano, due torri di Bosco Verticale ospitano 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia potrebbe imparare, dal progetto di S.Boeri, a costruire in altezza.

 

 

COSA TUTTI NOI POSSIAMO FARE SUBITO ?

Per esempio: NON MANGIAMO GAMBERETTI DA ALLEVAMENTO DEL SUD EST ASIATICO !!!

Non sprechiamo l’acqua corrente e la luce, non usiamo eccessivi quantitativi di detergenti per il corpo e per la biancheria, elimimiano i pericolosi AMMORBIDENTI (riempiono di alghe i mari), non acquistiamo più cibo di quanto consumiamo, non usiamo l’auto se non quando è indispensabile, impariamo a muoverci con i mezzi pubblici, non acquistiamo oggetti in plastica, ma preferiamoli in sostanze naturali, non sprechiamo la carta, riempiamo uffici e casa di piante resistenti, ma che depurano l’aria come i ficus, non mangiamo qunatitativi eccessivi di carne,  ecc…  se ognuno di noi mettesse in pratica solo una delle azioni nominate sopra, il mondo ne trarrebbe grande vantaggio !

Invece di risolvere ecologicamente i problemi continuiamo ad acquistare e allevare gamberetti di mare utilizzando pericolosissimi quantitativi di antibiotici.

VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra.

SE VOGLIAMO UN FUTURO SERENO PER I NOSTRI FIGLI E NIPOTI DOBBIAMO SAPERE QUANTO STA ACCADENDO, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, E FORSE GIA’ E’ TROPPO TARDI…”

Cosa è la “BLU ECONOMY“?

Un rapporto commissionato dall’ONU 4 anni fa si è concluso con la dimostrazione che “Siamo alle soglie dell’estinzione di massa di numerosissime specie animali e vegetali”. 

-Non tutti comprendono quanto l’estinzione di animali e vegetali possa creare dei problemi diretti e gravissimi anche all’uomo e alla sua sopravvivenza.

Ma non possiamo dimenticare che la FAO ribadisce: I nostri consumi sono superiori alle risorse”.

-Siamo in possesso di tecnologie che, se ben utilizzate, potrebbero aiutarci a risolvere molti di questo problemi, soprattutto se unite ad una particolare attenzione verso il risparmio di acqua e fonti energetiche.

Tutto dipenderà da come ci comporteremo nel prossimo futuro.

In molte aree del mondo consumiamo ogni giorno più acqua, più minerali, più energia di quanto il nostro pianeta può offrire senza alterare il suo equilibrio.

La disponibilità di acqua, suolo e cibo rischia di declinare.

Per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%.

Quasi la metà dei silos di stoccaggio degli alimenti appartengono alle banche…

Secondo il direttore generale della FAO: “…rischiamo di ipotecare  il futuro delle prossime generazioni…ma esistono le risorse scientifiche per far fronte alla sfida…quasi un quarto del pianeta è coltivato. Abbiamo occupato uno spazio enorme senza risolvere i problemi di base.

-Al contrario la disponibilità di acqua pura, suolo e cibo rischia di terminare”.

Tra il 2.000 ed il 2002, 856 milioni di esseri umani hanno sofferto di denutrizione, mentre nel periodo 1995-97 i denutriti erano “solo” 32 milioni. Stiamo parlando di una crescita impressionante anche per chi non ha dimestichezza con i numeri!

Il Comitato glaciologico italiano sostiene:

La riduzione del calderone, del Gran Sasso, non è un problema turistico: mette a rischio la portata delle sorgenti ai piedi della montagna. Sull’Appennino la diminuzione del permafrost (terreno ghiacciato) “sembra” avere reso più frequenti frane e crolli…!!

Lucy Jones è la scienziata dell’United States Geological Survey che ha l’incarico, dallo stato Americano, di studiare il fenomeno anche in considerazione del fatto che per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%

LA CALIFORNIA RISCHIA IL DILUVIO: non c’è solo il pericolo big-one (terremoto) o i grandi incendi, pare che qui, ogni 100-150 anni si scateni anche una supertempesta (l’ultima nel 1861).

-Le inondazioni e gli incendi australiani e quelli californiane, non sono state le uniche, tutti i paesi del sud dell’Asia e il Brasile, hanno risentito di gravissimi danni dovuti al clima/incendi/distruzioni umane.

IL GENIO  ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

DALLE ALGHE 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina!

ALICANTE:WILLER BORDON ha fondato la ENALG che produce “olio di alghe”e pregiati sottoprodotti come acidi grassi omega. Il prodotto è privo di zolfo e benzene, facilmente raffinabile come carburante per veicoli ed aerei. Inoltre si sottraggono all’atmosfera 2 kg. di CO2, che sono assorbiti dalle alghe, vi restano fissati e non sono destinati alla combustione. Ancora una volta IL GENIO ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

Dove nasce la battaglia del CIBO: a Ginevra lo dice il prof. E.Fragnière della Haute Ecole di Ginevra

Quasi la metà dei silos di stoccaggio appartengono alle banche…nessuno ammette, ma le performance di alcuni istituti di credito parlano chiaro”.

Secondo i banchieri il raddoppio delle materie prime alimentari è dovuto solo ai cataclismi naturali. In un anno i prezzi dei cereali sono cresciuti del 57% gli olii e i grassi del 56%, lo zucchero del 77%.

CASE ECOLOGICHE: proposta abbandonata per anni

A MILANO ORA ABBIAMO SOLO 2 EDIFICI CHIAMATI BOSCO (bellissimi e produttori di molto benessere, ma ancora molto costosi per creazione e manutenzione)

Case fatte con legnami di scarto, boschi in verticale...la proposta è dell’arch. Stefano Boeri per Milano, ma il progetto fu abbandonato.

Finalmente !!!!

Il 27 ottobre 2017 La rivoluzione verde ispirata dal Bosco Verticale di Milano, ideato da Stefano Boeri, è oggetto dell’articolo pubblicato sul sito del World Economic Forum, l’Organizzazione Internazionale per la cooperazione pubblico-privato finalizzata al miglioramento dello stato mondiale, che coinvolge politica, finanza, industria e società a livello globale.

“Il fatto di avere una cortina di alberi crea un microclima con 2-2,5 gradi in meno d’estate” sostiene Boeri www.stefanoboeri.it

DAL 2007 AL 2017: finalmente la ralizzazione di un progetto verde anche in Italia.

“In quei mesi del 2007 stavo iniziando il progetto di 2 torri alte nel centro di Milano e di colpo – le idee interessanti e nuove arrivano all’improvviso– mi venne in mente di progettare (come reazione alle centinaia di grattacieli in vetro che spuntavano nel mondo) due torri biologiche, due torri rivestite di foglie. Foglie di piante, di arbusti, ma soprattutto foglie di alberi. Due torri rivestite di vita”.

Un Bosco Verticale è il libro in cui Stefano Boeri racconta il progetto di quello che è diventato, persino prima di essere terminato, uno degli edifici più emblematici di Milano. Il capostipite di una nuova generazione di architetture

Le due torri di Bosco Verticale, finalmente realizzate,  ospitano 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia DOVREBBE imparare, dal progetto di S.Boeri e costruire in altezza con il verde verticale..

La diversità e le caratteristiche delle piante scelte producono ossigeno e umidità, assorbendo CO2 e polveri, proteggono dall’irraggiamento e dalla polluzione acustica, migliorando il confort e risparmiando energia.

PALAZZI VERDI:

dall’Accademia delle scienze di California (Renzo Piano) al palazzo del Tribunale di Manchester alla californiana OFF THE GRID HOUSE; ovvero scollegata dall’energia elettrica.

PALAZZI VERDI IN UN LIBRO:

sono 70 quelli illustrati nel libro ATLANTE DI ARCHITETTURA ECOSOSTENIBILE (LOGOS, 39.95 €)

—-

UNA SERIA PROPOSTA PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO.

LA BLU ECONOMY PATROCINATA ANCHE DAL  PRINCIPE ALBERTO DI MONACO… , MA POCHI NE PARLANO.

L’economia “rossa” era basata sul consumo indiscriminato, quella “verde” è di prodotti ecosostenibili, ma costosi quindi per pochi, l’economia “BLU” vuole prodotti di massa per tutti.

BLU ECONOMY“:

1-fare buisiness

2-prodotti e sevizi realizzati senza sfruttare manodopera in modi disumani

3-niente uso di sostanze tossiche

4-no all’inquinamento di oggi e di domani

COSA DOBBIAMO CAMBIARE:

Per depurare l’acqua immettiamo sostanze chimiche che vi annientano tutte le forme di vita

Per produrre una batteria impegniamo un’energia di gran lunga superiore a quella che fornirà.

BLU ECONOMY: buisiness globale con consumi sostenibili anche economicamente per tutti gli abitanti del pianeta

La Blu Economy non chiede alle aziende di investire di più per salvare l’ambiente, ma vuole creare maggiori flussi di reddito:

-coltivare funghi sui fondi di caffè

-usare un cellulare che sfrutta il calore del corpo…

-in natura non esistono disoccupati e neppure rifiuti.

Tutti svolgono un compito e gli scarti degli uni diventano materia prima per gli altri.

IL PRINCIPE DI MONACO ALBERTO SOSTIENE LA “BLU ECONOMY” E LA PROMUOVE NEL SUO STATO

—-

NON MANGIAMO GAMBERETTI CHE PROVENGONO DA ALLEVAMENTI!!!

Siamo alla bancarotta ecologica, negli ultimi 25 anni abbiamo visto sparire una foresta di mangrovie su tre (le aree vengono anche usate per allevare gamberetti di mare utilizzando quantitativi eccessivi di antibiotici), una barriera corallina su cinque(ma alcuni turisti continuano a raccogliere di nascosto le madrepore e camminano sulla barriera corallina distruggendo migliaia di anni di crescita), due ecosistemi su tre evidenziano segni di declino,il 25% dei mammiferi il 12% degli uccelli ed il 32% degli anfibi sono a rischio di estinzione.

Questo è quanto emerge dal Millennium Ecosystem Assessment, la valutazione dell’ecosistema dell’ultimo millennio che il segretario dell’ONU ha voluto e che dopo quattro anni di lavoro per 1.360 esperti è stata presentata alla FAO.

—-

136 mila tonnellate: questo è il quantitativo di impianti fotovoltaici da smaltire in Germania nei prossimi anni.

Il vetro e la pellicola che ricoprono le celle si opacizzazano e il rendimento si abbassa. Con la sostituzione dell’inverter, comunque, si può allungare la vita dei pannelli da 10-15 a 30 anni, con una piccola riduzione di rendimento.

La Germania già ha risolto il problema smaltimento pannelli solari. Il loro 90% può essere facilmente riciclato, oppure si inseriscono triturati nell’asfalto: con ottimi risultati di resistenza per l’asfalto!

—-

2 MILIARDI DI ESSERI UMANI…

Nelle zone aride della terra vivono 2 miliardi di esseri umani: 1 miliardo non ha accesso ad un accettabile rifornimento idrico; circa 2 miliardi soffrono di penuria idrica.

—-

TRIPLICATO L’USO DEI  FERTILIZZANTI A BASE DI FOSFORO, ALTAMENTE INQUINANTE!

Dal 1985 abbiamo utilizzato più della metà di tutti i fertilizzanti a base di azoto prodotti nella storia e creati nel 1913. Dal 1960 al 1990 il consumo di fertilizzanti a base di fosforo è praticamente triplicato.

—-

VECCHI COMPUTER il Banco Informatico Tecnologico e Biomedico è una ONLUS che raccoglie computer, fax, stampanti…da aziende li ricondizionano con l’aiuto di volontari e li spediscono nel terzo mondo perché possano essere ancora utilizzati.

—-

VANDANA SHIVA: troppo pochi ne parlano.

VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra

VANDANA SHIVA: paladina dell’ambiente con laurea in fisica quantistica, denuncia la schiavitù del petroliol’uso degli OGM. Una filosofia del divieto dello spreco dei beni collettivi: aria, acqua, campi coltivati.

VANDANA SHIVA ha ricevuto l’equivalente del premio Nobel per la Pace: Right Livelihood  award.

VANDANA SHIVA: sostiene 500 mila contadini indiani contro i fertilizzanti chimici; anche lei predica una allegra sobrietà di vita (che è poi quello che ha predicato il papa Francesco appena salito al soglio pontificio!!) come Serge Latouce per un mondo migliore.

E SE QUALCUNO DI NOI COMINCIASSE A PENSARE AL FUTURO DEI FIGLI E DEI NIPOTI ???

SALUTE e TECNOLOGIA a TORINO

SALUTE E TECNOLOGIA:

Il Politecnico di Torino e Thermo Fisher Scientific collaborano sui temi delle tecnologie per la salute, dalla medicina di precisione all’uso dei big data

  – Formazione congiunta, ricerca e scambi di studenti e ricercatori per contribuire all’innovazione in uno dei settori chiave del mercato:

  • quello delle scienze della vita e delle tecnologie per la salute.
  • È questo l’oggetto dell’accordo siglato da Politecnico di Torino e Thermo Fisher Scientific nel corso dell’incontro “The future of Health trough a Technology Lens: from Precision Medicine to Big Data as Boost for a Healthier World”, che ha visto il confronto tra rappresentanti dell’azienda cinese e docenti, ricercatori e studenti dell’ateneo sui temi delle tecnologie più all’avanguardia nel settore biomedicale.

I campi di collaborazione sono vari, dalla medicina di precisione all’uso dei big data, fino alle tecnologie più all’avanguardia, campi nei quali il Politecnico ha una solida tradizione e porta in dote un know-how riconosciuto a livello internazionale.

Thermo Fisher Scientific, azienda leader a livello mondiale nel settore delle tecnologie per la salute, intende promuovere partenariati con istituzioni accademiche di livello internazionale nel campo della ricerca di base e applicata, come ha ricordato Gianluca Pettiti, Presidente di Termo Fisher Scientific China ed ex-allievo del Politecnico, intervenuto con una lezione rivolta agli studenti e relativa al suo percorso di formazione e alla sua carriera di successo.

Nel corso della mattinata di scambi di esperienze, organizzata dal professor Danilo Demarchi del Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni, il Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico Emilio Paolucci ha ricordato la valenza dell’accordo per creare opportunità per gli studenti, oltre che per condividere attività di ricerca su temi strategici come quelli della salute: “Sfide come quelle della salute sono quanto mai attuali e riguardano tutti, a livello globale.

È quindi quanto mai importante stringere partnership strategiche con aziende di rilevanza internazionale, come Thermo Fisher Scientific, che in più opera in uno dei mercati trainanti per l’economia, come quello cinese. Lavoreremo insieme su tematiche strategiche, forti anche della nostra conoscenza della realtà cinese, con la quale abbiamo  forti collaborazioni e nella quale sarà possibile sicuramente creare anche nuove opportunità per i nostri laureati. L’esempio del Presidente Gianluca Pettiti, uno dei nostri più brillanti ex allievi, è in questo senso estremamente significativo e può essere di ispirazione per i nostri studenti e laureati”.

Al termine della mattinata l’ingegner Pettiti è stato insignito del titolo di “Alumnus Testimonial”, riconosciuto agli ex-allievi che si siano particolarmente distinti nelle loro carriere professionali.

Nuove scoperte – Miniera d’oro nello spazio – Onde gravitazionali

QUANDO SI SCONTRANO SFERE DI NEUTRONI 

Le onde gravitazionali ci hanno guidato alla scoperta …

L’uomo è riuscito a dimostrare  come nell’universo si formino i metalli pesanti quali:  oro, platino e uranio.

L’oro e gli altri metalli pesanti che si riuniscono nelle nubi interstellari danno vita ai nuovi pianeti

 Dalle antenne gravitazionali Ligo-Virgo e da 70 telescopi sulla Terra e nello spazio l’uomo, per la prima volta, ha osservato come due stelle di neutroni si siano scontrate a 130 milioni di anni luce dalla terra.

Lo scontro di due stelle di neutroni ha mostrato un’onda gravitazionale, quindi i raggi gamma e le radiazioni di ogni tipo, osservati da 70 strumenti contemporaneamente, hanno sollevato, dopo l’esplosione, una nube di polvere d’oro.

La “miniera spaziale” contiene una quantità d’oro come dieci volte la massa della Terra.

Queste onde gravitazionali furono già previste da Einstein un secolo fa e osservate per la prima volta a settembre del 2015.

Le stelle di neutroni sono uno degli oggetti più “estremi” del cosmo

La loro formazione avviene quando una stella esaurisce il suo carburante e smette di brillare.

A quel punto, la pressione è tanto forte che protoni ed elettroni si fondono, formando neutroni.

I due corpi, filmati dall’uomo, avevano una massa pari a 1,2 e 1,6 volte il Sole.

Mentre il loro diametro era di poche decine di chilometri.

La densità di una stella di neutroni è altissima e il suo peso impressionante.

BARI 5 OTTOBRE 2017 – ART & SCIENCE 2017

ART & SCIENCE 2017: DAL MICRO AL MACRO

Bari, 5 ottobre 2017 – Il Teatro Petruzzelli come un grande Planetario

Pianeti, stelle, galassie, buchi neri, materia oscura, energia oscura, radiazione fossile …

Cosa hanno in comune le cellule dell’uomo o di altri esseri viventi e il cosmo?

In che relazione si trovano le microstrutture dell’uomo con le macrostrutture della nostra galassia?

L’uomo conosce più profondamente il micro o il macro cosmo?

A queste ed altre domande cercheranno di dare una risposta un medico otorinolaringoiatra e un astrofisico ma, dalle prime ipotesi possiamo dire che i due sistemi – micro e macro – si abbracciano e rispecchiano idealmente.

E sono proprio il microcosmo e il macrocosmo al centro dell’attenzione dell’edizione 2017 di “Art&Science”, una performance live, un’esperienza che fa dialogare, oltre alle cellule, anche scienziati provenienti da campi d’azione diversi: medici, astrofisici, biologi molecolari, critici d’arte, musicisti, e stilisti senza confini e senza limiti.

“Il “microcosmo”, spiega Matteo Gelardi, ideatore di Art&Science, otorinolaringoiatra presso il Policlinico Universitario di Bari, Presidente Fondatore dell’Accademia Italiana di Citologia Nasale (AICNA) è profondamente simile al “macrocosmo”, non soltanto nella morfologia ma anche nei colori. L’esame al microscopio rivela che i cromatismi della materia vivente, espressione della funzione metabolica di quel preciso momento, possono persino indicare la nascita o la morte di tale materia, proprio come accade nel macrocosmo quando nasce o muore una stella. L’immagine citologica dell’edizione 2017 di Art&Science si chiama “Big bang” per due motivi: il primo perché rappresenta l’inizio di un “biofilm”, una struttura microbiologica formata dai batteri, in grado di difendersi dall’attacco da parte dei sistemi di difesa dell’organismo e dagli antibiotici; il secondo per la stretta somiglianza con le immagini astronomiche, in particolare il big bang di una stella.

È impressionante confrontare gli aspetti cromatici di un biofilm, organizzazione microbica difensiva che i batteri attuano nei confronti dell’organismo ospite e degli antibiotici, con quelli astronomici. Osservandoli ci si accorge che i due “Big bang” sono espressi da un solo colore: il Ciano, uno dei colori dello spettro che l’uomo riesce a vedere, la cui lunghezza d’onda è intorno a 480 nanometri. Uno dei tre colori primari “sottrattivi” assieme al giallo e al magenta. Si potrebbe persino affermare che la “nascita” ha un solo colore: il “Ciano”! Così come gli astrofisici, studiando gli aspetti cromatici del macrocosmo, riuscendo a datare una stella, o una galassia, oggi è possibile “datare” il microcosmo, rappresentato da cellule e da microrganismi”.

Sarà un lungo viaggio, partendo dall’interno del nostro organismo, giungeremo, grazie al contributo di Fabio Peri, noto astrofisico, sino ai confini dell’universo. Un medico ed un astrofisico si confrontano sulle distanze coperte nelle loro specifiche discipline: abbiamo percorso più strada dentro di noi (microcosmo), o fuori di noi (macrocosmo)? La distanza che va dalla superficie cutanea sino al codice genetico è maggiore della distanza corrispondente ad un anno luce? È proprio vero che la terza guerra mondiale la combatteremo contro i microrganismi? Le nanotecnologie ci aiuteranno a sconfiggere i batteri e i loro biofilm? Partendo dall’interno delle nostre cellule “microcosmo” giungeremo sino ai confini dell’universo “macrocosmo”, trasformando il Teatro Petruzzelli in un grande Planetario.”

 “Ma quanto è grande l’universo? La nostra dimensione naturale, spiega l’astrofisico, Fabio Peri, Direttore Scientifico del Civico Planetario U. Hoepli di Milano, è il metro, un’unità di misura perfetta per misurare una stanza, un tavolo, una passeggiata, ma già in automobile si usano i chilometri e in aereo le migliaia di chilometri. In astronomia si usano gli anni luce… diecimila miliardi di chilometri. Solo con questo “metro” si può misurare l’universo e capire il nostro posto e le nostre reali dimensioni nel cosmo.

Pianeti, stelle, galassie, buchi neri, materia oscura, energia oscura, radiazione fossile.

Esplorando queste enormi distanze abbiamo scoperto una miriade di oggetti affascinanti, curiosi e insoliti che sono diventati patrimonio della scienza e ci hanno aiutato a capire qualcosa sull’evoluzione dell’intero universo, come è nato, come “vive” e come finirà.

Parallelamente a questa dilatazione della misura del mondo “esterno”, del macrocosmo, l’uomo ha sviluppato strumenti per esplorare il microcosmo, l’infinitamente piccolo. Abbiamo così scoperto tessuti, cellule, molecole, atomi e addirittura quark! Il microcosmo si è rivelato pieno di sorprese come il macrocosmo. Ma quanto siamo andati in là “fuori” e “dentro” l’uomo? L’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo hanno un limite? Il nostro attuale orizzonte è un solo un punto di partenza per vedere fin dove potremo spingerci in futuro”?

La performance vedrà l’intervento del gruppo “Il Complesso di Golgi” composto da medici che assieme all’Orchestra di Bepi Speranza, al corpo di ballo “Coreutica”, con i costumi curati dalla stilista Giovanna Gelardi, e a musicisti di fama internazionali e giovani cantanti, eseguiranno brani musicali ispirati al cosmo e alle imprese spaziali.

Arrivederci ad “Art&Science 2017”

Precedenti edizioni

2014 – Quando la Scienza diventa suono con il pianista Maestro Michele Marvulli

2015 – Quando la Scienza diventa Arte con lo storico d’arte Philippe Daverio

2016 –  Il suono e il ritmo nella comunicazione intercellulare con il biologo molecolare Carlo Ventura

Milano evento – ROBOT e LAVORO – John Hagel spiega finalmente la verità

Singularity Summit

per costruire nuovi modelli di crescita e sviluppo

a Milano – Rho si discute anche di come gestire il cambiamento

Dalla California,  organizzato dall’Università della Silicon Valley

L’organizzazione, che si occupa di formazione e innovazione e mette in contatto tra loro influencer e innovatori di tutto il mondo, mette piede per la prima volta in Italia

Finalmente, uno scienziato dalla fama indiscutibile del livello di Hatari John Hagel, parla della reale paura dei posti di lavoro a rischio; a causa dell’avenazare dei robot.

Chi è Hatari John Hagel ?

Hatari John Hagel, è creatore di  startup, vicepresidente Atari, 16 anni in McKisey e fondatore del Centro di Ricerca sull’innovazione di Deloitte per trovare le tendenze emergenti.

LA PAURA E’ CHE I NOSTRI LAVORI

SIANO A RISCHIO E’ GIUSTIFICATA

… Ci aspettano sfide da non sottovalutare”

Finalmente qualcuno ha il coraggio di dire come stanno le cose. E non imbroglia il popolo dicendo che ci saranno tanti e nuovissimi posti di lavoro per tutti … !!

Una soluzione, secondo Hatari John Hagel, sarebbe usare le tecnologie per ripensare il lavoro e CAMBIARE IL SISTEMA .

“Gli uomini per farcela devono focalizzarsi sull’intelligenza critica e sociale cercare una passione e trovare il modo per ricavarci da vivere

…il lato negativo delle tecnologie: creano pressione sulle persone e sul loro lavoro perché spingono a muoversi velocemente [in tempi che non sono quelli naturali per l’uomo].

Se la riduzione dei costi è l’unico ideale, L’UMANITA’ E’ SPACCIATA. … ma ridefinendo il lavoro sulla creazione di valore, allora le persone posso contare ancora.

DOBBIAMO RIPENSARE IL SISTEMA EDUCATIVO [in Italia ci siamo molto lontani … se i nostri politici non capiscono niente di scienza e ricerca, come possono ridefinire la scuola su un mondo di cui non sanno quasi NULLA?].

Chiediamo più creatività e immaginazione a cui le aziende dovranno fare ricorso…

TRA GLI ITALIANI PRESENTI:

Chiara Burberi, co-autrice del libro Le ragazze con il pallino per la matematica, Paolo di Cesare, co-fondatore di Nativa, la prima Benefit Corporation e Certified B Corp in Europa, Francesco Gattei, Executive Vice President Scenarios, Strategic Options & Investor Relations di Eni, e lo scienziato e imprenditore Riccardo Sabatini.

Astronomia – evento – NASA a Milano

La NASA sbarca a MIlano

Modulo Apollo, Space Shuttle, Navicella Mercury … tutto a Milano !

IMPERDIBILE E AFFASCINATE ANCHE PER I BAMBINI

300 manufatti originali provenienti dai programmi spaziali NASA sono esposti allo

SPAZIO VENTURA XV

Via Privata G. Ventura 15, Milano

” NASA – A Human Adventure “

 

1.500 mq. dal primo lancio nello spazio ai giorni nostri.

Fino al 4 marzo.

 

 

Online il sito del progetto Open Data 200 Italia

Open Data 200 Italia

E’ online il sito del progetto Open Data 200 Italia, il primo studio sistematico sulle imprese italiane che utilizzano dati aperti per generare prodotti e servizi.

L’open data è visto anche come uno strumento importante per favorire la crescita economica.

Il censimento è sviluppato dalla Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con il GovLab – New York University che ha realizzato l’analogo progetto Open Data 500 negli Stati Uniti.

“Da oggi”, spiega Francesca De Chiara, ricercatrice della Fondazione Bruno Kessler che grazie al progetto FBK Mobility ha lavorato presso il GovLab di New York, “è possibile esplorare sul nuovo sito, disponibile in italiano e in inglese, i primi dati sulle aziende coinvolte. Da una prima analisi risulta che i dati più usati sono quelli geospaziali, anche grazie alla direttiva INSPIRE che ha fatto un po’ di ordine in materia. Molte aziende usano fonti alternative di dati, si spostano su sorgenti aperte e collaborative come Wikipedia e OpenStreetmap. La maggior parte del mercato dei dati aperti, o degli open government data, genera servizi per la PA, trovando una sua dimensione nel settore del Business to Business. Quest’ultimo aspetto evidenzia la necessità di avere molti dati da elaborare, unire, affinare e re-distribuire a terzi. Un esempio interessante viene dal Ministero della Salute che espone dati molto usati da aziende che operano nel settore del Turismo, in quanto il dataset più richiesto è quello delle farmacie georeferenziate. Preziosa la collaborazione con Spazio Dati per l’utilizzo della banca dati Atoka e l’interesse espresso da dati.gov e dalla Camera di Commercio di padova, con i quali abbiamo organizzato webminar di divulgazione e sessionio di presentazione del progetto”.

“Quando si parla di open data”, sottolinea Maurizio Napolitano, responsabile di Digital Commons Lab alla FBK, “ci si riferisce alle molte aspettative legate ad una crescita che questi sono in grado di offrire alla comunità. I temi più ricorrenti sono quelli della trasparenza e dell’economia. Molte sono le stime di cosa potrebbe accadere se, l’open data, fosse una realtà concreta in grado di fornire dati aggiornati e ben strutturati. Purtroppo, questo percorso, è ancora lontano. Ci sono però persone che ancora ci credono. Fra i principali attori ci sono le aziende che fanno uso di dati. Si tratta per la maggiore di aziende che lavorano nel settore ICT. Queste, assieme alla realtà degli attivisti e dei ricercatori, sono la prova evidente di come il rilascio di dati da parte di pubbliche amministrazioni, enti para-statali, aziende stesse e comunità può realmente creare impatto economico e sociale. L’invito pertanto è quello di prendere visione (anche in maniera critica) dei risultati di questo studio e di continuare a segnalarsi al fine di migliorare e rendere sempre più efficace questa azione”.

Il Contesto

Con il termine “open data” si intende il libero accesso ai dati per qualsiasi scopo e riutilizzo. I dati sono descrizioni di fatti privi di ambiguità e archiviabili in formato digitale (es. temperatura, numero di abitanti, numero di mezzi presenti in questo momento in autostrada, la quantità di merce venduta e così via).

L’evoluzione delle nuove tecnologie ha reso sempre più facile la raccolta e l’archiviazione dei dati in formato digitale. Diversi sono gli attori che raccolgono dati: pubbliche amministrazioni, aziende, comunità. Ognuno di questi, detenendo il diritto sulla banca dati, può decidere di renderli disponibili affinché terzi possano utilizzarli per qualsiasi scopo.

La pubblica amministrazione viene considerata quale attore principale in grado di aprire dati in quanto si occupa di beni comuni. Nelle politiche internazionali, l’open data è visto come uno dei punti di partenza per attivare processi di trasparenza, collaborazione e partecipazione (il tutto si sintetizza con il termine “open government” e Open Government Partnership è un’iniziativa internazionale che promuove la condivisione di questi principi, sono 65 le nazioni che hanno aderito).

L’open data è visto anche come uno strumento importante per favorire la crescita economica.

Diversi sono gli studi di riferimento che intravedono, nell’apertura dei dati, scenari in grado di generare valore sociale ed economico.

Open Data 500

Open Data 500 è un progetto promosso e realizzato dal GovLab presso la New York University dove vengono messi in evidenza gli scenari di riuso da parte dei dati del settore pubblico da parte di 500 aziende negli Stati Uniti.

Il catalogo nazionale dei dati aperti statunitense ha una sezione “impact” (http://data.gov/impact), nel quale trovate una directory di aziende che usano open government data.

Open Data 200 Italia

Grazie al progetto Mobility promosso dalla Fondazione Bruno Kessler, Francesca De Chiara del Digital Commons Lab è stata resident fellow presso Govlab-NYU e ha sviluppato la stessa ricerca su scala italiana, partendo da una prima selezione di 200 aziende. La piattaforma di Open Data 200 Italy è disponibile in Italiano e in inglese.

Dopo una fase di identificazione delle aziende, somministrazione del questionario e ricerca sul campo, ora sono disponibili i primi dati dello studio che offrirà un quadro maggiormente chiaro e aggiornato sullo stato di salute dell’ open data in Italia, e importanti suggerimenti per una migliore implementazione delle politiche nazionali di apertura dei dati.

Dati emersi

Visitando il sito di Open Data 200 Italia è possibile prendere visione di un campione significativo di 55 aziende italiane (sono previsti ulteriori rilasci in futuro e si invitano le aziende a candidarsi compilando qui il survey per partecipare allo studio).

I dati evidenziano che il segmento principale dove queste aziende operano è per il 47% del campione nel B2B (business to business, quindi il mercato fra aziende) con attività di integrazione, analisi e rielaborazione di dati utili a terzi (es. strumenti di supporto per assicurazioni o banche).

Rimanendo nei segmenti di mercato solo il 17% sviluppa soluzioni per gli utenti finali (B2C). Qui la problematica si applica anche sul fronte della disponibilità di dati disponibili e della necessità di incidere su mercati già saturi.

Il restante 36% è occupato da aziende che lavorano nei servizi verso la pubblica amministrazione. Si tratta, per la maggiore, della creazione di piattaforme per la distribuzione di open data o di implementazioni di estensioni per estrarre e convertire dati secondo i paradigmi dell’open data (letteralmente “dati aperti”).

Leggi la news: https://magazine.fbk.eu/it/news/open-data-200-italia-ecco-il-primo-censimento-sulle-imprese-italiane/