Weekend di cultura – arte e gastronomia a Valeggio sul Mincio

Valeggio sul Mincio 450 castello

Valeggio tortellini 450

Valeggio sul Mincio 450 castello

Valeggio sul Mincio
Valeggio sul Minciora è localizzato tra colline moreniche. all’incontro di due Regioni; Lombardia e Veneto.

Valeggio, fu edificato nei pressi di un antico guado: presso il fiume Mincio.
Trentacinque secoli fa, qui si instaurarono le prime comunità umane socialmente organizzate abitando gli isoloni del Mincio; età, del Bronzo (3.500 a.C. – 1.200 a.C.),

Palazzo Municipale (XVIII sec.)

Della seconda metà del XVIII secolo, il palazzo Municipale si affaccia sulla piazza centrale; la cui facciata è caratterizzata dall’alto portale di ingresso, incastonato fra forti colonne bugnate che sostengono un importante balcone. Il timpano sommitale, include l’orologio ed è sormontato da un campaniletto marmoreo e sottolinea le rigorose forme neoclassiche della struttura.
Nel 1631, dopo una devastante pestilenza ed una disastrosa guerra, i valeggiani superstiti iniziarono un’opera di ricostruzione.

Chiesa parrocchiale di San Pietro in Cattedra (XVIII sec.)

I lavori di costruzione sono iniziati nel 1753, dopo l’abbattimento della precendente (eretta dal 1603).
Nel 1782 l’edificio era ultimato; tranne la facciata rimase incompleta a causa di mancanza di fondi.

Palazzo Guarienti (XVIII sec.)

Via Antonio Murari (già Contrada di S.Zeno, “la Crosagna”), è l’indirizzo del palazzo che fu la residenza di campagna dei marchesi Guarienti di Verona.

Costruito su edifici più antichi, il grandioso palazzo fu progettato da un architetto verone del ‘700, Piero Ceroni (1737-1802).

Villa Maffei – Sigurtà (XV sec.)

Il 21 Luglio 1649 il Doge di Venezia Francesco Molin investì i fratelli Alvise e Carlo Maffei del feudo di Valeggio e Monzambano, donandogli il nobile titolo di Conti, con l’autorizzazione a trasmettere possedimenti e onori ai “…loro discendenti Maschi in perpetuo…”.

Villa Gandini – Zamboni (XVIII sec.)

Villa Zamboni è una villa veneta del XVIII secolo.
Fu edificata a ridosso di antiche mura risalenti al XIII – XIV secolo di pertinenza del Castello Scaligero; di epoca tardo medievale.
La Villa si trova in posizione sopraelevata rispetto al paese di Valeggio sul Mincio.

Castello Scaligero (X – XIV sec.)
Il Castello Scaligero domina Valeggio e la valle del Mincio; inalterate le fortificazioni medievali.
La parte più antica fu quasi totalmente rasa al suolo dal terremoto del 1117: dell’epoca ci resta solo la Torre Tonda (costruzione a ferro di cavallo risalente al X sec). Quanto oggi si vede risale al XIV sec. Il castello ra dotato di tre ponti levatoi.

Ponte Visconteo (XIV sec.)

Straordinaria diga fortificata per volontà di Gian Galeazzo Visconti, signore del Ducato di Milano, per garantirsi la sicurezza dei confini occidentali, e assicurarsi i collegamenti con i territori veronesi. Pare che il progetto iniziale del Visconti prevedesse il rafforzamento della linea d’acqua fra il Mincio e l’Adige.
I lavori di costruzione del Ponte Visconteo nella valle del Mincio iniziarono Il 14 Aprile 1393.

Chiesa di San Marco Evangelista di Borghetto (XVIII sec.)

La Chiesa di San Marco Evangelista di Borghetto risale al XVIII secolo.

La chiesa fu edificata sui resti di una pieve romanica del XI secolo, dedicata a Santa Maria, anche antica precettoria templare.
Stile neoclassico e pianta a navata unica a volta ribassata.
Sull’altare a sinistra, entrando, un dipinto di Giovanni Caliari del 1835.
La forte devozione mariana della comunità di Borghetto ed i suoi antichi legami con il Monastero di Santa Maria della Mason è dimostrata dalla presenza della Vergine con Bambino (caratteristica unica: la Madonna veste di scuro).

DOVE MANGIARE AL MEGLIO:

SAN MARCO, di Forioni Franco;
Specialità tuta la cucina locale qui è ottima: tortellini di zucca, tagliatelle verdi al ragù di germano, tortellini mantovani, anguilla alla brace e tanto altro … info@ristorante-sanmarco.com www.ristorante-sanmarco.com tel. 045 7950018

Buon fine settimana; noi ci siamo trovati benissimo e abbiamo apprezzato il connubio arte, cultura e cibo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*