Montagna al fresco – Mocenigo – agriturismo in sasso

cliccare sulle immagini per ingrandirle

Natura – camminate – natura e camminate … la passeggiata più nota e alla portata di tutti i camminatori è quella verso le malghe.

Ma le camminate possibili sono quasi infinite; dipende dalla vostra resistenza e abilità.

Mocenigo-Malga-Lavazzé – indicazioni camminate – cliccare per ingrandire le immagini

1069 metri s.l.m – oggi sono una garanzia per chi soffre il caldo (ancora meglio se in una casa di sassi, perché notoriamente mantengono il fresco)

Cliccare sulle immagini per ingrandirle – fontana di mulino lungo la passeggiata intorno al lago Zoccolo

Nessuna vita mondana

diga di Zoccolo – qui è possibile nuotare

Relax totale – tutti sono gentili

Mocenigo fa parte del comune di Rumo – in provincia di Trento – 1069 metri s.l.m

cliccare per ingrandire – diga di Zoccolo – qui è possibile nuotare

Quelle rare volte che passa un elicottero disturba la quiete …

Mocenigo centro paese

Il contatto con la natura lo sentite appena arrivate; silenzio totale, i canti degli uccellini e le mucche che muggiscono ogni tanto.

Mocenigo – palazzo-storico – Casa Baldessari

IN MALGA

Cliccare sulle immagini per ingrandirle — Mocenigo-Malga-Lavazzé
Mocenigo-Malga-Lavandè-

Tra le tante malghe ho visitato più volte quella di Lavazzé perché molto vicina a Mocenigo Ci si arriva in breve tempo con una strada per auto solo locali,  e una bella salita.

Mocenigo-Malga-Lavazzé

Prenotando, la signora rumena che vi abita in estate, cucina piatti come lo spezzatino con la polenta. Io ho ordinato un piatto tipico rumeno, da chiedere con anticipo, che consiste in rotoli di verza ripieni di riso e carne con contorno di polenta. Non mancano mai formaggi e salumi; per tre persone abbiamo speso in totale, antipasto compreso, 36 euro.

Mocenigo-Malga-Lavazzé

Cellulare 349 498 90 67

Mocenigo-Malga-Lavazzé

______

BREVE STORIA DI MOCENIGO E DINTONI

Prima di arrivare al centro del paese si trova Casa Baldessari; una casa signorile rinascimentale del Cinquecento. Fu residenza dei Coret, signori di Rumo e ramo collaterale della famiglia Tun.

La pesantezza della struttura è alleggerita dalle pitture murali e dalle bifore; in stile corinzio quelle inferiori e ad architrave piano spartito da un sottile pilastro quelle più sopra.

cliccare per ingrandire

Gli affreschi sulla facciata rappresentano gli stemmi  dei due rami dei Coret, Sant’Antonio Abate, la Madonna, San Cristoforo, San Nicola,  San Francesco ed una Santa  incoronata non identificata.

____

Tito Livio, originario di luoghi posti a stretto ridosso dell’area alpina e retica, scrive che i Galli, venuti in Italia, “vennero a frequenti scontri” con gli “Etruschi che abitavano tra gli Appennini e le Alpi  …[ ed ]… alcune popolazioni alpine sono indubitabilmente di origine etrusca, soprattutto i Reti, ma la natura dei luoghi li inselvatichì tanto che mantennero soltanto il modo di parlare etrusco, anche se con notevoli alterazioni” (Liv., V, 33).

L’invasione gallica,  tagliò fuori gli Etruschi delle zone alpine dalle zone di pianura e i Reti sarebbero degli Etruschi rimasti isolati a causa delle invasioni celtiche. Questa  tesi è sostenuta anche da Plinio il Vecchio, nella sua opera Naturalis Historia (III,133), dove precisa: “Si ritiene che i Reti, discendenti degli Etruschi, sotto il loro capo Reto, siano stati cacciati dai Galli”.

Le antiche popolazioni della zona di Mocenigo (Rumo) e dintorni, ebbero, a partire dal VI secolo a.C., delle significative relazioni con gli Etruschi che si trovavano  nel periodo di massima espansione nell’Italia settentrionale. Allora, gli Etruschi, svolsero  un importante ruolo di mediazione tra il mondo mediterraneo e quello transalpino.

 La valle di Non  era la via più breve per arrivare ai due passi di Resia e del Brennero per chi proveniva dall’Alto Garda passando da Molveno, Mechel, Rumo passo Castrin (Castrum), passo Resia. Su questa via fioriva il ricco commercio dell’ambra dei Balcani.

Dal 1° secolo d. C.,  la popolazione locale risulta totalmente integrata nel mondo romano.

Sulla principale via di collegamento con la val di Non, sino al XVII secolo, troviamo ancora incisi i segni delle carreggiate tipici della cultura romana.

Nelle zone intorno a Mocenigo/Rumo,  le attività minerarie furono molto importanti. In particolare, fra il XII e il XVI secolo soprattutto per l’argento; come un metallo strategico per battere moneta.

La Nonsberg era la miniera della Val di Non più importante e si estendeva fra Tregiovo, Rumo, Livo e Proves.

La documentazione ci riferisce delle sponde del torrente Lavazzè in Val di Rumo come sede della prima miniera, di rame; esisteva già nel Duecento.

Si scavarono poi anche piombo e argento.

La ricerca delle miniere era affidata a minatori cèchi, tanto che nel 1475 la miniera si chiamava Künberg, come la signoria di Starà Vozice.

Nel 1491 le venne affiancata la “Rumcan”; la galleria di Rum, Rumo. Il torrente Lavazzé, che solca la valle, originariamente era chiamato Rumés. Nel Quattrocento si diffusero, come in tutta Europa, le macchine idrauliche, mulini, a servizio delle attività artigianali; per tritare i semi per la farina ecc…

Nei pressi di Mocenigo e sul confine con Livo, fu rinvenuta una grande struttura sotterranea, che certamente utilizzava delle ruote idrauliche. La memoria popolare racconta che in questa zona “si faceva l’argento”. Pare che questa sia la struttura interna della fonderia per l’argento che serviva anche al recupero del piombo metallico; in un complesso sistema di riduzione al fuoco con la condensazione. Se confermata sarebbe la fonderia  più antica d’Europa.

____

MOCENIGO – curiosità

Giovanni Francesco Mocenigo (Venezia, 5 luglio 1558 – Venezia, 6 aprile 1607) fu un politico italiano. Seguace di Giordano Bruno, invitò il filosofo, allora a Francoforte, a vivere con lui. Bruno accettò e fu accolto da Mocenigo nel 1591 a Venezia.

Un palazzo a Venezia tutto da visitare

Nel 1945 il Palazzo Mocenigo di San Stae,  fu donato al Comune di Venezia da Alvise Nicolò, ultimo discendente della nobile famiglia veneziana; lo scopo scritto era quello di farne una “ Galleria d’Arte, a completamento del Museo Correr“.

Alla morte della moglie Costanza Faà di Bruno, furono consegnate ai Musei Civici di Venezia le stanze del primo piano nobile con le decorazioni ad affresco e gli arredi, soprattutto settecenteschi.

L’appartamento Mocenigo venne aperto al pubblico nel 1985 come museo.

Nello medesimo anno venne istituito a palazzo Mocenigo il Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, comprendente le ampie collezioni tessili e di abiti antichi dei Musei Civici e una biblioteca specializzata, sempre aperta, dove spicca l’importante raccolta di oltre 13.000 figurini dal ‘700 al ‘900.

Completamente rinnovato e ampliato nel 2013, il percorso museale si snoda in venti sale al primo piano nobile. L’ allestimento fu concepito da Pier Luigi Pizzi, architetto, regista e scenografo di fama internazionale.

Arredi e dipinti del palazzo furono integrati con un gran numero di opere, dei diversi settori e depositi dei Musei Civici di Venezia, comprendenti: tele e pastelli, suppellettili e vetri. L’ambiente evoca i diversi aspetti della vita e delle attività del patriziato veneziano tra XVII e XVIII secolo, ed è abitato da manichini che indossano preziosi abiti e accessori antichi.

__________________________________

Io ho alloggiato qui: B&B Agriroom

colazione all’Agriroom

Pulizia, cortesia e tanto fresco nelle camere; la struttura è in sasso, completamente ristrutturata e moderna, ma ha mantenuto lo stile originale.

la mia camera

La proprietaria si chiama Carla e fa lei marmellate e torte della colazione. Uova, speck e formaggio a vostro piacere; su richiesta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*