Archivi categoria: immagini e ricordi

Altre foto di orchidee anche rare

B-Francesca

Dopo la visita alla fiera Flormart, di Padova, avevamo pubblicato alcune foto di rochidee rare al ink:

https://www.donnecultura.eu/?p=49659

Ora eccovi altre bellissime orchidee; un’ode alla bellezza !

Rhyncholaeliocattleya-Alma-Kee-22Tipmalee22

Cattleya-forbesii

 

Keferstenia-sanguinolenta
C.-warneril-x-C.-purpurata
Cocleanthes-ibrido

 

Rossiglossum-grande
Psychopsis-N.I
P.-philippinense-x-godefroyae
Dendrobium-Sweet-Dawn-HOF
leucochilum

Paphiopedilum-Charles-Steinmetz
Paphiopedilum-Maudiae
Paphiopedilum-sukhakulii
Brassia-sp.

Encyclia-coleata

 

Lill Haugen una donna fotografa subacquea di grande talento !

Lill Haugen una fotografa degli oceani

Foto: ocean-art-winner_2015

Si chiama Lill Haugen, è norvegese e professionista di foto subacquee.

L’amore per il mare e le sue bellezze la spingono a dalla sua natale Norvegia verso tutti i mari del mondo; soprattutto dove si trovano le barriere coralline.

Lill Haugen 500 sub mare barriera DSC_1147_by Lill Haugen

Le sue bellissime foto le trovate al link:

http://www.lillhaugen.com

 

Passaggio a Teheran – Victoria Mary Sackville-West ci parla del viaggio

Nel suo libro Passaggio a Teheran, Vita (Victoria Mary) Sackville-West,, ci parla del viaggio e di perché i veri viaggiatori amino viaggiare nonostante le difficoltà
Perché viaggiare? E’ costoso, faticoso, scomodo, fonte di noia per gli amici e isolamento per chi viaggia.

Ma per un vero solitario è l’ ideale.

Ma da solo, da più soddisfazione di un libro, il viaggio a volte comporta di stare con altri; in aereo treno autista per spostamenti in territori sconosciuti…

Nessuno scritto o foto potranno rendere l’ emozione di stare immersi in certi paesaggi vedere certi monumenti o altro…

Scrivere libri di viaggio di livello letterario, non è da tutti.

Il risultato è qualcosa di completamente diverso dalla mera descrizione dei luoghi.

E’ un insegnamento per chi vuole apprendere l’essenza del viaggio nel senso più ampio del termine; un goderne in tutti i sensi, compreso il piacere che ci dona leggere la grande letteratura, anche quando parla di viaggi.

Il libro di eccellenza, di viaggi o no, non sempre è compreso; perché ?

Ce lo spiega la West nel suo libro Passaggio a Teheran

” Il pubblico non iniziato alle formule del credo letterario, e che giudica le opere letterarie unicamente sulla base di parametri puramente umani e ordinari: “buono”, si, certo, buono, ma troppo deprimente “, sentiamo dire di romanzi non a lieto fine, mentre viene tralasciato qualsiasi giudizio letterario, o sui punti di vista originali, personali. Il che induce a credere che alla letteratura si chieda solo di fornirci un’evasione dalla vita normale..un mezzo per fuggire…una romantica irrealta’…
Ma l’opera letteraria …deve essere indipendente…far valere i propri diritti..”.

Aggiungiamo noi, l’opera letteraria è tale quando leggerla e rileggerla è sempre un piacere e una ulteriore scoperta di significati che, probabilmente, ci erano sfuggiti nelle prime letture. Anche perché, nel tempo, noi stessi ci siamo trasformati e siamo in grado di comprendere il tutto da angolazioni sempre differenti.

COMO cultura e viaggi – 4 ottobre un video sulla via dell’incenso e l’esodo

Martedì 4 ottobre, alle ore 21.00, a Como, presso la Sala Arcobaleno della Casa Divina Provvidenza (via T. Grossi 18, ampio parcheggio interno), IUBILANTES presenta

Sui passi dell’Esodo e della Via dell’Incenso con video del più recente e suggestivo cammino (febbraio 2016) in Israele, dal Mar Rosso a Gerusalemme attraverso il deserto del Neghev e le città nabatee.

Nel corso della serata verranno presentati anche le immagini più belle dei precedenti cammini di IUBILANTES in Israele e il viaggio previsto per il prossimo novembre e organizzato dal socio Francesco Gallo, Guida Ambientale Escursionistica ed esperto di itinerari spirituali.
Partecipazione libera.

Contatti:
tel 031 279684 mail iubilantes@iubilantes.it
www.iubilantes.it

COMO: QUALCHE MEMORIA DEL PASSATO.

Como antica foto Sant'Agostino IMG_0322

Como, il porto.

Como storia cartolina passato IMG_0342

Piazza San Fedele in un’ antica fotografia.

Durante le ricerche promosse dall’Amministrazione Comunale di Como, 1968-69, Matteo Gianoncelli intraprese indagini storiche sulle case della città murata di Como; anteriori al 1850.

Indagini che furono portate a termine da Stefano della Torre.

Oggi, per chi fosse interessato, è possibile visionare i testi originali alla base di questi studi presso gli Archivi di Stato.

La vicinanza al porto e/o la disponibilità di acqua per le tintorie sono state alla base della dislocazione delle più importanti attività della zona.

Como storia mappa IMG_0313

La qualità degli immobili di alcuni proprietari di tintorie, ci rimane come chiaro segno di prosperità economica.

Significative sono le costruzioni di Casa Mantero alla fine di via Volta e all’angolo tra via Giovio via Odescalchi.

Como 672 via Diaz Mantero IMG_0326

All’epoca un giardino con piantumazione a “moroni”, ovvero gelsi, era degno di essere segnalato ufficialmente; data la grande importanza del gelso nella produzione della seta.

Molto dettagliate, e quindi importanti per la comprensione dello sviluppo urbanistico della città, sono le relazioni scritte del vescovo Feliciano Ninguarda (1524-1589).

Como storia documenti IMG_0318

Feliciano Ninguarda, e probabilmente anche i suoi arcipreti, ci hanno lasciato minuziose descrizioni della città, sobborghi e pievi circostanti la città di Como; con precisazioni sullo stato di ogni chiesa e sulle abitazioni dei parrocchiani.

Veniamo così a sapere che l’attuale via Muralto, fu via S.Nazaro, fu abitata da falegnami e come gli stessi artigiani, anche prima del 1600, fossero proprietari della loro casa-bottega; a volte in parte affittata a terzi.

Tra la via Ballarini e la vecchia Contrada delle Tre Beccherie si trovava una torre medioevale, oggi con facciata ancora visibile, sede Dell’Università dei Mercanti.

Mentre in via Rusconi abitava un chiavennese (fine 1500), tale Flaminio Pestalozza, che impiantò un redditizio commercio non solo di sete; anche oltre confine.

Como via Odescalchi IMG_0331

Como elegante dificio in Via Vittorio EmanieleIMG_0334

La bella via Vittorio Emanuele è oggi, come allora, la via del commercio. All’epoca sede di piccole case con bottega. Mente nelle vicinanze esistevano già ampie unità residenziali.

Como piazza San Fedele casa a graticcio IMG_0338

Piazza San Fedele; case a graticcio.

Como piazza San Fedele particolare case a graticcio IMG_0339

Piazza San Fedele era sede del mercato del grano (Mercatum Blava) con botteghe e portici.

Da vedere la “nevera”, ovvero l’antesignano del frigorifero, situata a destra della chiesa verso i giardini pubblici di Via Vittorio Emanuele.

Como Nevera IMG_0337 copy

Nevera.

Il vicino San Giovanni in Atrio è indicato generalmente come foro della città romana (con tempio di Giove) e spazio aperto dell’antico atrium.

Di fronte alla facciata della chiesa di San Fedele (precedente a San Fedele fu la basilica di Sant’Eufemia, 1600), anticamente esisteva un portico su colonne di marmo, chiamato atrio, il quale diede il nome al rione e alla chiesa di San Pietro (oggi spazio espositivo in via Odescalchi) e al battistero di San Giovanni (1400-1500; attualmente incluso nel civico 34 della piazza S.Fedele); definito appunto “in atrio”.

Nel 1788 il battistero venne sconsacrato a causa delle misure riformistiche di Giuseppe II d’Asburgo e l’edificio inglobato dalle abitazioni, mentre le sue colonne vennero utilizzate per il porticato del Liceo Volta.

Como 350 Liceo Giovio colonne IMG_0330

 Liceo Volta.

Parlando della Piazza San Fedele non possiamo tralasciare il fregio, sotto il tetto della ex collegiata a sinistra della chiesa, simbolo della Grande Opera; ovvero dell’alchimia di Paracelso (trasformazione dei metalli in oro e argento).

Como piazza San fedele particolare IMG_0340

Da segnalare anche la lapide sotto i portici di fronte alla chiesa, ora introvabile, che recita: «I commissari della Pubblica Annona Zanino Volta e Gian Battista Peregrini fecero allargare e sistemare questa pubblica piazza- Anno del Signore 1615». Se ne può dedurre come la famiglia Volta fosse importante ben prima della nascita del più famoso Alessandro, inventore della pila. Tanto che già nel 1691 , i Volta furono  insigniti di titolo nobiliare.

Prima del processo di riqualificazione (‘700-‘800) dell’isolato, intorno all’attuale piazza San Fedele, erano segnalati orti con piante di gelso.

Como storia documenti IMG_0317

Abbiamo riportato solo una piccolissima parte di quanto descritto nel “NOTIZIARIO. Tecnico tessile” dell’Associazione Allievi del Setificio “Paolo Carcano “, Como (Anno LI aprile-maggio-giugno). Dal testo: “Microanalisi di una città” di M.Giannoncelli e S.Della Torre (edizioni New Press – Como); con aggiunta di nostre divagazioni, nella speranza di insinuare un’ulteriore curiosità per conoscere la storia economica e l’architettura della bella città di Como.

IN CROCIERA AI CARAIBI: FOTO.

Digital Camera

Tobago.

Digital Camera

Cuba.

Digital Camera

Digital Camera

Martinica.

Digital Camera

Cuba.

Digital Camera

Barbados.

Digital Camera

Barbados.

Digital Camera

Aruba.

Digital Camera

Aruba.

Digital Camera

Aruba

.Digital Camera

Digital Camera

MOLTE  INFORMAZIONI  SU TRINIDAD E TOBAGO AL LINK:

https://www.donnecultura.eu/?p=2057

—-

CUBA

CUBA, fuori dai circuiti più conosciuti si può incontrare una Cuba meno nota, ma non meno affascinante

-un’isola simile, ma anche  molto diversa dai soliti Caraibi

NATURA: spiagge solitarie, barriera corallina incontaminata, delfini vicino alla spiaggia, foreste tropicali, orchidee…

CULTURA: il “suono” cubano, l’architettura coloniale ed i palazzi dell’Avana  protetti dall’Unesco…

ALLEGRIA: il popolo cubano è amichevole e sempre disponibile ad aiutare lo straniero, ma anche a trasmetterle un poco della sua innata allegria.

www.gocuba.comwww.habanaguanex.cu (info. turistica Avana Vecchia); www.transturencar.cu (noleggio auto)

INDIRIZZI PER CHI VIAGGIA SENZA AGENZIA

-Casa Coloniale di Gladis e dariel, C.lle S.Ignacio 506, tra Luz a S.ta Clara; ottima prima colazione

-Habana 1791, per un profumo personalizzato, C.lle de los  Mercaderes 156, tra Obrapia e Lamparilla.

-La Monequita Azul, C.lle Obispo angolo Marcaderes, stoffe e scampoli, un negozio pieno di antica atmosferA

-El Templete: Av. del Puerto all’angolo con Narciso Lopez, ottimo pesce e buona scelta di vini.

-Isla de la Juventud, dove la natura sembra di sognarla: da 1.400 a 1.800 € c.a.: volo + trasferimenti e pernottamenti e mezza pensione, nei 2 pernottamenti ad Avana è compresa solo la colazione , con adeguamento di prezzo è possibile includere anche le immersioni ;

-Hotel Bucanero: presso Santiago de Cuba, direttamente sul mare, 200 camere con aria condizionata, Tv satell. ecc.., Pensione completa. all inclusive, da 45 a 58 € al giorno, sport: pallavolo, tennis, piscina, wind-surf, vela, sci nautico, possibilità di escursioni a cavallo

www.havanatur.it (viaggio su misura anche fuori dai soliti circuiti):

-volo+ 7 pernttamenti+ auto a partire da 1200 € c.a.

-esempio di pernottamento:AVANA (la capitale): Hostal Valencia: Calle de Los Oficios (Avana Vecchia) a pochi passi dalla Plaza de Armas, fu la residenza del regidor Sotolongo, 12 camere con bagno, TV, aria condizionata, frigo-bar; il suo ristorante è consigliato per gustare la migliore “paella” della città; da 26 a 28 € a notte; 2 notti in hotel 5 stelle e volo: da  1.300 € c.a.

CARNEVALE AI CARAIBI.

QUI PARLIAMO DEL CARNEVALE A SANTO DOMINGO, MA ANCHE IN ALTRE LOCALITA’ IL CARNEVALE ATTIRA MIGLIAIA DI TURISTI.

FAMOSISSIMO TRA GLI INTENDITORI QUELLO DI TRINIDAD.

l carnevale è la più significativa, vivace e gioiosa espressione della cultura popolare dominicana, una grande festa alla quale partecipa l’intera popolazione e che ogni anno affascina migliaia di turisti.

Ogni domenica di febbraio, le varie città dell’isola organizzano le proprie sfilate e le strade si animano di musica e colori.

La grande parata del carnevale nazionale si svolge sul lungo mare di Santo Domingo tra l’ultima domenica di febbraio e la prima domenica di marzo. A questa importante sfilata partecipano i principali gruppi provenienti dalle diverse province e dai distretti della capitale, con dozzine di carri allegorici e gruppi di ballerini per creare un incredibile evento collettivo che chiude i festeggiamen ti del carnevale.

Una delle caratteristiche del carnevale è il mix di influenze derivanti dalla cultura spagnola, così come da altri paesi europei e africani, visibili nelle maschere e nei diversi costumi, dai coloratissimi “diablos cojuelos” di Santo Domingo ai gruppi “Broncos” e “Fieras” di La Vega, dai diavoli “Lechones” e “Pepines” di Santiago ai “Charamicos” e “Caraduras” di Bonao, proseguendo con i “Guloyas” con costumi ornati di perle di ogni genere di San Pedro di Marcorìs fino alle splendide maschere cornute dei Cachúas nel carnevale di Cabral alle antiche maschere di Azua.

Nonostante il carnevale di La Vega sia quello più riconosciuto tanto da essere stato proclamato patrimonio folklórico nacional dal Parlamento Dominicano per partecipazione e indotto economico,  in tutto il Paese il Carnevale è una manifestazione molto sentita e se ne contano ben 13 di ufficiali, ciascuno con le sue personali caratteristiche. Il comune della città di Santo Domingo (Alcaldìa Districto Nacional),  in particolare, sta lavorando per rafforzare e rilanciare il Carnevale in città e la sua immagine a livello internazionale tanto da candidarsi come riferimento principale culturale dell’intero paese. Le aspettative per quest’anno sono alte, si prevedono 700.000 persone durante tutto il mese, rispetto alle 400.000 dell’anno scorso.

ORCHIDEE FOTO

fiori 672 orchidee asc

Orchidee insolite

Bali orchidee fiori rara 1zx

PANAMA orchidee  fiori Dracula Vampira IMG_0685

Orchidea Dracula Vampira, crescono solo nel nord di Panama. In una zona dove vivono 2.500 specie diverse.

PANAMA orchidee  fiori Dracula vampira IMG_0693

PANAMA orchidee  fiori IMG_0711

PANAMA orchidee  fiori IMG_0715

Quando viene toccata da un insetto, una parte di questa orchidea si muove e aiuta l’impollinazione.

PANAMA orchidee  fiori IMG_0726

PANAMA orchidee  fiori IMG_0723

fiori 450 orchidee yhbImmaginatevi circondati da un alone di intensissimo profumo di vaniglia; tanto forte da essere indimenticabile e quasi percettibile dopo mesi da quando lo avete sentito: ecco il mio ricordo di queste orchidee che profumano di vaniglia: indimenticabile !

PANAMA orchidee  fiori IMG_0703

fiori 450 orchidee saxf

fiori 450 orchidee sdc

Bali orchidee rare 20z

Londra, KG, orchidee rare

Bali Z orchidee rare dv

fiori 450 orchidee kma

PANAMA orchidee  fiori IMG_0736

fiori 450 orchidee ok

fiori 450 m orchidee

Panama Boquete giardino fiori IMAG4641

Il gambo di queste orchidee è alto fino a 2 metri circa.

PANAMA orchidee  fiori IMG_0718

LONDRA FIORI ORCHIDEE gIMG_6912

TAILANDIA UNA SPIAGGIA PER SOGNARE E… VIAGGIARE ; FOTO DAL NOSTRO AMICO VIAGGIATORE RICCARDO BETTONI

Le foto sono gentilmente  offerte dal nostro corrispondente di “viaggi nel mondo” Riccardo Bettoni.

Vacanza mare in Thailandia.

Tailandia spiaggia dirailay beach,i

Tailandia 672 spiaggia di railay beach,

 

Tailandia mare 450 barca vacanza

Le foto si riferisco alla bellissima spiaggia di railay beach, la caratteristica principale di questa spiaggia è che può essere raggiunta solo in barca pur essendo collegata alla terra ferma da un istmo.

LIBRO PER VIAGGIARE NEI GIARDINI DI VERSAILLES ; SENZA AFFATICARSI

Viaggiare è sempre più rischioso, costoso e, con certi caldi estivi, sempre più faticoso.

Così a noi piace anche viaggiare guardando documentari (i migliori sono quelli della BBC e del National Geographic), ma anche leggendo libri.

Questo che vi proponiamo è un libro speciale, scritto da Alain Baraton; il capo giardiniere dei giardini di Versailles.

Baraton lavora nei giardini di Versailles da 30 anni.

Vi è entrato, come dice, ignorante e povero, ora è il coltissimo capo giardiniere che scrive un libro.

Per arrivare a tanto,  Baraton ha letto tutto il possibile sui giardini di Versailles e sulla storia di Francia.  Oggi è assai popolare grazie a trasmissioni radiofoniche e rubriche sui giornali.

Visitare i giardini di Versailles richiede molto tempo ed energie, ma lo si può fare facilmente con questo libro che parla dello spirito del luogo mentre descrive le querce e gli alberi di Giuda, i fiori con i colori della bandiera francese, i prati lasciati al naturale e i tanti boschi con piante secolari.

“Il giardiniere di Versailles”, di A. Baraton; editore SKyra, 213pp., 17 euro.

Vi si raccontano anche le sue vicende iniziate nel 1607, quando il futuro Luigi XIII e  visita un bosco con suo padre Enrivco IV che va a caccia in anonimato cenando in anonime trattorie locali….