Ecologia – Salviamo gli elefanti africani

Un tempo c’erano 25 milioni di elefanti in Africa.

Ora l’intera specie rischia l’estinzione. Un terribile segno della disconnessione totale dell’essere umano dalla natura. Ma possiamo ancora invertire la rotta e salvare gli elefanti dall’estinzione.


RICEVIAMO LA NOTIZIA DALL’ASSOCIAZIONE AVAAZ

Abbiamo 10 anni prima dell’estinzione degli elefanti africani. 10 anni!!

Li stiamo spazzando via dal pianeta.

E solo per farne inutili gingilli in avorio!

Ma finalmente abbiamo la possibilità di far chiudere uno dei più grandi mercati dell’avorio: l’Europa. Gli esperti denunciano che il commercio legale di avorio “antico” offre una copertura alla vendita illegale, e alimenta la strage di elefanti.

Ora l’UE ha lanciato una consultazione pubblica, in cerca di prove risolutive. Se le troveranno, un bando totale è possibile.

E Avaaz ha un piano per fornirgli quelle prove.

Stiamo per lanciare una collaborazione con l’Università di Oxford e i migliori esperti di fauna selvatica, per comprare avorio venduto legalmente in Europa e testarlo per verificare la sua vera età. Se dimostreremo che non è antico, avremo la prova necessaria per un bando totale!

I bracconieri uccidono 100 elefanti al giorno. Li ammazzano dagli elicotteri, o spesso gli strappano le zanne a colpi di machete quando sono ancora vivi. La cosa più terribile è che gli elefanti capiscono quello che gli sta succedendo. E passano ore a piangere quando muore un membro della famiglia.

L’unico modo per salvarli è la messa al bando totale del commercio di avorio — e non siamo mai stati così vicini a ottenerla. Stati Uniti e Cina hanno già approvato dei divieti. Hong Kong sembra intenzionata a chiudere il commercio entro il 2021. E l’Europa stessa ha appena sospeso l’esportazione delle zanne. Ma ora potrebbero introdurre ulteriori restrizioni.

E noi possiamo produrre le prove schiaccianti e decisive!

Ma è un’operazione che ha un costo.

E Avaaz ha forse l’unica rete di finanziamento globale in grado di raccogliere in così poco tempo i fondi necessari per uno studio scientifico di larga scala e finanziato dal basso, che possa influenzare l’UE proprio mentre si sta decidendo se vietare o no il commercio d’avorio.

È un progetto che non è mai stato provato prima — deve partire subito, e nessun altro può lanciarlo in un tempo così breve. Dona quanto puoi:

La consultazione si chiude tra poche settimane. Con 50mila donazioni ora, possiamo far partire questo piano già oggi.

Dona ora quanto puoi, evitiamo che questa sia l’ultima decade degli elefanti.

https://secure.avaaz.org/page/it/

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Maggiori informazioni

Il grosso dell’avorio illegale è frutto di caccia recente (ANSA)
http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/natura/2016/11/08/il-grosso-dellavorio-illegale-e-frutto-di-caccia-recente_ae610fd4-a3a6-4ae6-ae76-bb15748a8a18.html

Il massacro degli elefanti in docu (ANSA)
http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2017/09/20/il-massacro-degli-elefanti-in-docu_4087c086-4b75-43c7-b23c-fe67a3f514d0.html

Dal primo luglio stop all’export di avorio grezzo dall’Unione Europea (SkyTG24)
http://tg24.sky.it/ambiente/2017/05/16/ue-stop-export-avorio-grezzo-dal-1–luglio.html

La Cina vieterà il commercio dell’avorio entro la fine del 2017 (The post internazionale)
https://www.tpi.it/2017/01/05/cina-vieta-commercio-avorio-entro-fine-2017/#r

Elefanti, il segreto in un cervello molto simile al nostro (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2017/09/28/cultura/opinioni/editoriali/elefanti-il-segreto-in-un-cervello-molto-simile-al-nostro-Yf0nhmBJu3NzHP00YyIBWO/pagina.html

Arte a Torino – OGR oltre 50.000 visitatori

OGR TORINO: È STATO UN VERO “BIG BANG”

OLTRE 50.000 VISITATORI IN DUE SETTIMANE

 

I concerti di The Chemical Brothers e Atomic Bomb! Hanno chiuso  il “Big Bang” delle OGR, le due settimane gratuite di musica e arte organizzate dalla Fondazione CRT in occasione dell’inaugurazione del nuovo hub della creatività e dell’innovazione di Torino. Grandissima la partecipazione di pubblico. Nelle Officine Nord è già iniziato l’allestimento della mostra “Come una Falena alla Fiamma” che inaugurerà il 3 novembre; l’installazione di William Kentridge e l’opera di Arturo Herrera continueranno a essere visitabili tutti i giorni.

 – È stato un vero e proprio Big Bang per le OGR, le nuove Officine Grandi Riparazioni di Torino. Oltre 50.000 persone hanno partecipato al grande opening lungo due settimane, dal 30 settembre al 14 ottobre, organizzato dalla Fondazione CRT per festeggiare la riapertura della storica “cattedrale” di architettura industriale recuperata e restituita alla città con una nuova missione: dalla riparazione dei treni alla generazione delle idee.

Sono stati 12 mila gli spettatori dei concerti gratuiti che, per tre sabati consecutivi, hanno visto alternarsi sul palco Giorgio Moroder, Elisa, Ghali, Omar Souleyman, Danny L Harle, The Chemical Brothers e il super gruppo Atomic Bomb! – per l’occasione con la partecipazione di Samuel.

Sono 40.000invece le persone che hanno potuto ammirare i progetti site-specific a firma di tre protagonisti delle arti visive contemporanee: l’installazione realizzata dall’artista sudafricano William Kentridge, “Procession of Reparationists”, nella Corte Est delle OGR, “Track”, opera dell’artista venezuelano Arturo Herrera e “Tutto Infinito”, un paesaggio futuristico rivestito di terra rossa e animato da totemiche sculture pensate e realizzate da Patrick Tuttofuoco in collaborazione con i piccoli ospiti di CasaOz e con il network ZonArte.

I visitatori delle OGR hanno apprezzato anche l’area di “Snodo”, il nuovo punto di aggregazione con due ristoranti, un’area lounge, un cocktail bar ed uno smart bar con il “social table” dalla lunghezza record di 25 metri.

Partecipazione da record anche per le attività proposte dal network ZonArte – sostenuto dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT –  che ha accolto i visitatori in un suggestivo viaggio di scoperta all’interno delle OGR: incontri di formazione per insegnanti e professionisti, workshop per gli studenti delle Università e Accademie, programmi per i giovani e per le scuole, anche nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, fino al Family (Sun)Day che ha richiamato una folla di famiglie entusiaste, con oltre 10 mila persone nella seconda domenica del Big Bang.

Da oggi l’installazione di William Kentridge e l’opera di Arturo Herrera saranno visitabili tutti i giorni (lunedì-mercoledì dalle 7 all’1 di notte, giovedì-sabato dalle 7 alle 2 di notte, domenica dalle 8 a mezzanotte), mentre gli spazi delle Officine Nord rimarranno chiusi al pubblico per l’allestimento di Come una Falena alla Fiamma, Like a Moth to a Flame, il  grande progetto espositivo che inaugurerà il prossimo 3 novembre, realizzato da OGR Torino, in collaborazione con Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. La mostra sarà firmata da tre curatori internazionali d’eccezione: Tom Eccles, direttore del Center for Curatorial Studies del Bard College di New York, Mark Rappolt, redattore capo della rivista inglese Art Review, e l’artista britannico Liam Gillick. Nella tradizionale Contemporary Art Week di Torino, la Sala Fucine delle OGR ospiterà il festival Club To Club con i live di Richard Russell, Artetetra, Kamasi Washington, Powell & Wolfgang Tillmanns e, dal 4 al 7 novembre, The Catalogue 1-2-3-4-5-6-7-8, lo show antologico dei Kraftwerk con due concerti al giorno in 3D: un vero e proprio evento che, prima di approdare alle OGR, è stato ospitato in alcuni luoghi-simbolo dell’arte mondiale, tra cui il MoMA di New York, la Tate Modern di Londra, il Guggenheim di Bilbao.

 

Arte a Vienna – If it’s too long-make it longer

Thomas-Bayrle-$ cartone-con-automobiline-1980
Thomas-Bayle-Eurocheque-1973 – particolare

Thomas Bayrle

If it’s too long-make it longer

Curatori:   Nicolaus Schafhausen, Bärbel Vischer.

Nella sua mostra personale che riflette la collezione MAK, Thomas Bayrle (nato a Berlino nel 1937) unisce le tecniche artigianali tradizionali con l’arte generata dal computer; esplorando l’ambivalenza dell’arte, dell’artigianato e dell’industria e generando sue proprie forme caleidoscopiche.

Con il progetto di Bayrle, il MAK diventa l’arena per una nuova interazione tra arte e artigianato, artista e tessitore.

La mostra è accompagnata dalla pubblicazione Musterzeichner , curata da Christoph Thun-Hohenstein, Nicolaus Schafhausen e Bärbel Vischer, con testi di Spyros Papapetros, Nicolaus Schafhau-sen, Christoph Thun-Hohenstein e Bärbel Vischer (tedesco / inglese).
 
Questa mostra è stata prodotta in collaborazione con Phileas – Un Fondo per l’Arte Contemporanea .

::::::::::::::::::

Dal 25.10.2017- al 02.04.2018

GALLERIA MAK – Vienna – Austria.

UN MUSEO APERTO ANCHE A BAMBINI E FAMIGLIE CON UN RICCO PROGRAMMA; QUI SOTTO ILLUSTRATO

 

Apertura

Mar, 24.10.2017, ore 19.00
Sulla mostra
Christoph Thun-Hohenstein , Direttore Generale, MAK
Nicolaus Schafhausen , curatore
Bärbel Vischer , curatore

L’artista sarà presente

Apertura
Thomas Drozda , Ministro federale per le arti e la cultura, la Costituzione e i media

Visita guidata

Visite guidate regolari
fino al 10.12.2017: sabato, ore 14 e dom, ore 15.00
dal 16.12.2017: Sab, ore 14.00

Visita della MAK e della mostra
Mar, ore 18.00

Dialogo Tour

Mar, 14.11., Ore 20.00
con Thomas Bayrle ei curatori Nicolaus Schafhausen e Bärbel Vischer

Curatori COME GUIDE

Gio, 25.1.2018, ore 16.00
Tue, 6.2.2018, ore 19.00
Sab, 27.2.2018, ore 19.00
con il curatore Nicolaus Schafhausen

Gio, 9.11, 16.00
Gio, 7.12., 16.00
Mar, 19.12., Ore 19.00
Ven, 9.3.2018, ore 16.00
con curatore Bärbel Vischer

 MAK Design Kids
Laboratorio da 8 a 12 anni (non accompagnati)
Commissione di partecipazione: € 8
Numero limitato di partecipanti
Sab, 04.11.2017, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
Sab, 16.12.2017, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
Sab, 31.03.2018, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
Sab, 03.03.2018, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
Thomas e le mele digitali
L’artista Thomas Bayrle utilizza un numero infinito di immagini in miniatura per costruire i suoi collage impressionanti, che egli definisce “superformi”. Nel laboratorio esploreremo queste immagini, costituite da smartphone, autostrade e mele. Poi ogni bambino farà la propria superforme: dotata di iPads, cercheremo i MAK per gli oggetti, le fotografiamo, e poi usiamo una app speciale per disegnare un ornamento unico e personale con loro. Il risultato: un’opera d’arte e un foglio di carta da imballaggio che puoi portare a casa con te!

MAK4FAMILY

Laboratorio per tutta la famiglia (età 4 anni e più)
Tassa di partecipazione: € 4,50 per bambino
Ammissione ridotta per gli adulti che accompagnano
Sab, 11.11.2017, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
comprare comprare BAYRLE
Tutto in abbondanza – nel lavoro di Thomas, tutto appare più di una volta. Molte mele, un sacco di automobili, un sacco di autostrade, un sacco di coppe. MINI MAK vi mostrerà un sacco di opere dell’artista Thomas Bayrle nella speranza che vi daranno un sacco di ispirazione per le tue opere.
Sab, 24.03.2018, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
JAM TRAFFICO ALTA PASSATA
Che si tratti di automobili o dati, sta scorre e cresce – e tutto si intreccia. Dopo un tour guidato della mostra Thomas Bayrle, tesseremo strutture e campi da cartone, carta e corda.

GIOVEDI AL MAK

Mer, 15.11.2017, ore 15.00 Si prega di registrarsi
THOMAS BAYRLE Se è troppo lungo, farlo più a lungo
Tour attraverso la mostra, seguita da un’ulteriore discussione al ristorante Salonplafond.

Tour MINI MAK

Visita guidata per tutta la famiglia (età 4 anni e più)
Tassa di partecipazione: € 3,50 per bambino
Ammissione ridotta degli adulti che accompagnano
Dom, 19.11.2017, ore 11.00 Si prega di registrarsi
Motif Matrix Money
Visita guidata attraverso tutto il museo in cerca di motivi e matrice.
Dom, 21.01.2018, ore 11.00 Si prega di registrarsi
Un sacco di un po ‘fa qualcosa di grande!
Mele, sedie, strade e intersezioni che seguono Thomas Bayrle per tutto il MAK

MINI MAK in Avvento

Laboratorio per tutta la famiglia (età 4 anni e più)
Tariffa per i materiali € 2,00 per bambino e giorno
Ammissione ridotta per gli adulti che accompagnano
Sab, 02.12.2017, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
Sab, 09.12.2017, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi
Sab, 16.12.2017, 14.00 – 16.00 Si prega di registrarsi

Arte a Bologna – IMPREVEDIBILE

YINKA-SHONIBARE-GIRL-ON-FLYING-MACHINE-2008 PARTICOLARE

Il futuro è già presente

al Centro Arti e Scienze di Marino Golinelli a Bologna

“Imprevedibile, essere pronti per il futuro senza sapere come sarà”

Ha aperto il 13 ottobre, la mostra inaugurale del nuovissimo Centro Arti e Scienze del collezionista, imprenditore e filantropo Marino Golinelli; progetto di M. Cucinella.

Alla base dle progetto della mostra e del nuovo Centro Arti e Scienze, sta il dialogo tra il linguaggio dell’arte e quello della scienza.

Curatori: Cristiana Perrella e Giovanni Carrada.

Imprevedibile coinvolge circa una ventina di artisti internazionali dai nomi famosi come:  Ai Weiwei, Martin Creed, Christian Jankowski e Yinka Shonibare, solo per citarne alcuni.

Ma ci sono anche molti artisti italiani come: Elena Mazzi e Sara Tirelli, Flavio Favelli, Martino Gamper, tra i tanti.

Una mostra che non dà risposte (qui dicono sia voluto), dare risposte sarebbe forse troppo impegantivo?, ma semplicemente parla di temi cruciali, ora tanto di moda, come:

-la raccolta dei dati, l’analisi di questi ultimi

-la possibilità di influenzare e controllare conferita a chi li amministra; siano governi o aziende

-i cambiamenti climatici

-la relazione tra tradizione e innovazione.

::::::::::::

Bologna// dal 13 ottobre 2017 al 4 febbraio 2018

IMPREVEDIBILE, essere pronti per il futuro senza sapere come sarà

A cura di Giovanni Carrada e Cristiana Perrella

Centro Arti e Scienze Golinelli
Opificio Golinelli, via Paolo Nanni Costa, 14, BOLOGNA.

Arte a Lugano – Da Picasso a Valdés – Entrata gratuita – Collezione Braglia

L’arte italiana e internazionale del XX secolo è la protagonista della nuova mostra

Da Picasso a Valdés

Un centinaio di opere realizzate da una cinquantina di artisti.

Dipinti, disegni e sculture formano il nutrito insieme di opere d’arte collezionate a partire dal 1957 da Anna e Gabriele Braglia.

INFORMAZIONI

Località

Fondazione Gabriele e Anna Braglia
Riva Antonio Caccia 6a
6900 Lugano

Prezzo

Entrata gratuita

Orari d’apertura

Durante il periodo espositivo: Giovedì, venerdì e sabato 10:00-13:00 e 14:30-18:30

Arte – Al Pompidou Metz – Il Giappone

Il 2018 la Francia celebra l’anno del Giappone

Storia dello sviluppo urbanistico giapponese del dopoguerra, dal 1945 in poi

Un’ingegnosità spesso stupefacente

Il Centre Pompidou nella sua succursale di Metz, progettata dal giapponese Shigeru Ban, presenta un’importante esposizione, sino all’8 gennaio 2018, che celebra la creatività dell’architettura nipponica. 

La realizzazione della mostra ha imposto di confrontarsi con la scarsità di materiale fornito dagli studi di architettura giapponesi, costretti in spazi ridotti a causa degli altri prezzi dell’immobiliare di casa loro. Purtuttavia il risultato è molto soddisfacente e interessante.

Punto di partenza per tutti questi lavori, il medesimo  per tutte le città: la tabula rasa assoluta, dovuta ai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Gli anni del dopoguerra sono segnati dalla figura  di Kenzo Tange (1913-2005) che aveva trovato un ideale  nell’opera di Le Corbusier.

Nello stesso studio si ritrovavano: Arata Isozaki, Yoshio Taniguchi e gli inventori del cosiddetto «metabolismo», un movimento architettonico e urbanistico fondato nel 1959 che è rimasto il più famoso del Giappone del dopoguerra.

Fumihiko Maki nel 1964 fu il primo teorico e autore dello Spiral Building (1985).

Kiyonori Kikutake (1928-2011), pure gigante dell’architettura giapponese, ha firmato il centro civico di Miyakonogo (1966), il museo d’Edo (1933) e l’hotel Sofitel di Tokyo (1994) demolito nel 2006.

Arata Isozaki, con il suo fisico e l’inconfondibile stile da samurai, fu nel gruppo dei metabolisti prima di convertirsi a un eclettismo che solo le città giapponesi rendono possibile.

Ma è Tadao Ando, 76 anni, che rimarrà nella storia come il più celebre architetto giapponese vivente.

Kazuo Shinohara (1925-2006), pioniere nell’arte di inventare le case. Campione di un’architettura leggera.

Tra i suoi discepoli, Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa, i due pilastri dello studio Sanaa.

L’elenco sarebbe troppo lungo e pieno di progettisti talentuosi.

Sicuramente i prezzi stellari delle aree in Giappone obbliga a dimensioni ridottissime e favorisce un’ingegnosità spesso stupefacente.

 

Il Centro Pompidou-Metz è un museo francese dedicato principalmente all’arte moderna e contemporanea.

LOCALITA’: Metz, tra Nancy e il confine con il Lussemburgo, nel distretto dell’anfiteatro, vicino alla stazione dei TGV e al centro della città.

Arte a Madrid – Patrizia Sandretto una nuova “REINA”

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo conquista Madrid

6.200 mq. della “Nave 9″del Matadero, la fondazione torinese inaugurerà la sua nuova sede spagnola.

Il tutto collocato  nella zona di Arganzuela, a pochi passi dal Madrid Río, perfettamente servita da metro e bike sharing e circondata da aree verdi.

Patrizia Sandretto ha qui presentato la sua nuova impresa; l’apertura ufficiale è prevista per il 2019.

Fantastico il progetto architettonico di David Adjaye.

Cosa è la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Un’ istituzione senza scopo di lucro nata a Torino nel 1995 che sostiene l’arte contemporanea e in particolare la produzione dei giovani artisti.

Weekend 13 – 14 ottobre – Milano – Como e dintorni

A Como

PASSEGGIATE CREATIVE

Domenica, ore 11, partenza da Villa del  di Grumello (sopra villa Olmo- Como), davati alla statua di Foscolo.

Domenica ore 14,30; ritrovo ore 14:30 allo Spazio Parini
via Giuseppe Parini, 6, Como. Salita a San Donato.

Ulteriori informazioni sulla passeggiata: www.passeggiatecreative.it.

::::::::::::::::::::

Sabato 14 ottobre: ore 17 Pinacoteca Civica a Palazzo Volpi: inaugurazione.

MOSTRA DIFFUSA IN TUTTA LA CITTA’

Installazioni d’arte, site-specific in tutta la città.

:::::::::::::::::::::

MINIARTEXTIL

Il giorno 14 ottobre dalle 21.00 alle 24.00 la mostra sarà aperta con ingresso gratuito a tutti

Mostra annuale che propone  la migliore produzione artistica internazionale nell’ambito della Textile Art o Fiber Art.

Una mostra sempre raffinata a livello internazionale

Location(s):

1a sede: Chiesa di San Francesco
Largo Spallino – 22100 Como

2a sede:  Museo del cavallo giocattolo; via Tornese 10, 22070 Grandate (Co)
infomuseo@artsana.com
www.museodelcavallogiocattolo.it

Da martedì a venerdì 15-19
Sabato 10-12 e 15-19
Domenica e lunedì chiuso
Aperture straordinarie domenica 8 ottobre e domenica 26 novembre 15-19

::::::::::::::::::::::::::

 

A Milano

19a SAGRA NAZIONALE DEL GORGONZOLA

La sagra è anche per i bambini e le famiglie

Mostre, stand, mercatini, concerti e iniziative per grandi e piccini.

Centro storico di Gorgonzola, Milano

Il profumo di zola si sparge nell’aria …

I ristoranti, le gastronomie, i panifici, le gelaterie, vendono il formaggio Gorgonzola  come ingrediente unico o  di specialità culinarie.

:::::::::::::::::::::

ARTE A MILANO 

ENTRATA GRATUITA

Hangar Bicocca

SPETTACOLARE MOSTRA 

Lucio Fontana

Ambienti/Environments

A cura di Marina Pugliese, Barbara Ferriani e Vicente Todolí / 21 Settembre 2017 – 25 Febbraio 2018
In collaborazione con Fondazione Lucio Fontana

Pirelli HangarBicocca
Via Chiese 2, 20126 Milano

T (+39) 02 66 11 15 73
F (+39) 02 64 70 275
info@hangarbicocca.org

da giovedì a domenica 10-22
da lunedì a mercoledì chiuso

INGRESSO GRATUITO

::::::::::::::::

FONDAZIONE PRADA

“The Boat is Leaking. The Captain Lied.” è un progetto espositivo transmediale.

“CARNE y ARENA (Virtually Present, Physically Invisible)” è un’installazione di realtà virtuale concepita da Alejandro G. Iñárritu

“The Boat is Leaking. The Captain Lied.” è un progetto espositivo transmediale, risultato di un approfondito confronto tra lo scrittore e regista Alexander Kluge, l’artista Thomas Demand, la scenografa e costumista Anna Viebrock e il curatore Udo Kittelmann.

“EU” è una mostra antologica del fotografo giapponese Satoshi Fujiwara. Il progetto include alcuni dei lavori più significativi dell’artista e “5K Confinement”

Alexander Kluge (Halberstadt, Germania, 1932) è uno scrittore e regista. Fra i pionieri del Nuovo cinema tedesco

BIGLIETTI

Intero – 10 €

Ridotto – 8 €
(studenti fino ai 26 anni, possessori tessere FAI, accompagnatori visitatori con disabilità, gruppi dalle 15-25 persone)

Gratuito
(visitatori sotto i 18 e sopra i 65 anni, visitatori con disabilità, giornalisti accreditati o in possesso di tessera stampa in corso di validità)

L’acquisto del biglietto alla Fondazione Prada consente l’ingresso gratuito presso Osservatorio (Galleria Vittorio Emanuele II) entro 7 giorni dalla sua emissione. L’ingresso omaggio può essere ritirato presentando il biglietto presso la biglietteria di Osservatorio.

 

UN NUOVO MODELLO DI VITA IN UN MOMENTO DI CRISI ?

NEL ‘700 UN GRUPPO DI UOMINI ILLUMINATI, SFIDANDO IL SENTIRE COMUNE, OVVERO LA CHIESA IL RE E LA MORALE CORRENTE, DIEDE VITA AD UN NUOVO MODELLO IN UN MOMENTO DI CRISI PER L’EUROPA; PROPRIO COME OGGI.

PECCATO CHE OGGI NON SI RIESCA A VEDERE NEMMENO UN UOMO/DONNA TANTO “ILLUMINATO  E CORAGGIOSO” da poter  REALIZZARE UN VERO GRANDE CAMBIAMENTO COME QUELLO DELL’ILLUMINISMO.

A tale proposito ricordiamo: Denis Diderot, Voltaire, Jean-Jaques Rousseau…e tutti gli aristocratici che, rischiando la vita, contestarono l’autorità religiosa e politica, i dogmi, i pregiudizi e la superstizione, lottando contro l’ignoranza, la laicità e la libertà di opinione.

Le idee di questi uomini coinvolsero tutti i campi e si espressero con ogni mezzo: musica, romanzo, teatro, enciclopedia; lo scopo era convincere gli esseri umani del diritto alla felicità terrena.

Voltaire poté affermare: “Le streghe hanno cessato di esistere da quando noi abbiamo cessato di bruciarle”.

Oggi siamo smarriti, come lo erano gli uomini/donne del ‘700, non sappiamo più cosa sia bello, cosa sia  giusto, cosa sia scienza e cosa sia fede…

Peccato, dice qualcuno, non completamente a torto, che la libertà abbia portato anche allo scatenarsi dei peggiori istinti dell’uomo. Il che ha anche dimostrato, nella maggior parte dei casi, come, in mancanza della paura dell’inferno o delle peggiori pene corporali, l’uomo non sappia controllare i suoi più bassi istinti.

-Infatti è più facile lasciare prevalere il lato istintuale, la parte più grande del cervello, rispetto alla notevolmente più piccola (proprio fisicamente) parte razionale; la quale richiede più fatica per essere attivata.

-Si potrebbe concludere che alla base delle difficoltà umane verso una pacifica convivenza stia la pigrizia, ovvero il rifiuto della fatica richiesta per attivare il lato razionale del cervello.

Per cercare di capire qualcosa del futuro dell’uomo possiamo solo leggere alcuni buoni libri, come

Homo Deus, breve storia del futuro del prof. Yuval Noah Harari; docente di storia alla Hebrew University di Gerusalemme.

Armi di distruzione matematica,  e se gli algoritmi non fossero aiutanti per  migliorrae la vita dell’uomo, ma “armi di distruzione matematica”? Dai loro impatti negativi sulla vita di molte persone mette in guardia Cathy O’Neil.

DonnE…Cultura