Nuova meta per veri viaggiatori – Sant’Elena

PER VIAGGIATORI CORAGGIOSI E INTRAPRENDENTI

Centinaia di uccelli e paesaggi mozzafiato

Fra novembre e maggio si avvistano squali balena e cetacei di ogni tipo

Forse la zona abitata più lontana e remota del pianeta

Un posto dove scrivere un romanzo.

Primi Jet di linea a Sant’Elena che vuole aprirsi al turismo

Quattromila abitanti ed ora anche un aeroporto

Sino a poco tempo fa, l’unico modo per arrivare sull’isola era con una nave postale, dopo un viaggio di cinque giorni, con partenza da Cape Town, in Sudafrica.

Da Cape Town, i primi voli sono costati un miglieio di euro, ma si pensa che il costo scenderà fino a circa 300 euro.

Tra il maggio 2016 e il maggio 2017 Sant’Elena è stata visitata da 3.975 turisti.

Sant’Elena è un’isola grande quanto la metà dell’isola d’Elba nell’Oceano Atlantico a circa duemila chilometri dalla costa africana.

Sant’Elena deve la sua nototrietà soprattutto perché vi è morto Napoleone Bonaparte; durante l’esilio.

Sant’Elena fu scoperta dai portoghesi nel Sedicesimo secolo; ed era disabitata.

CHI VA A SANT’ELENA ?

-appassionati di ornitologia

-appassionati di storia; per il cimitero con le tombe di migliaia di prigionieri Afrikaneer, e i luoghi in cui Napoleone visse

-chi è appassionato di passeggiate, giri in mountain bike e immersioni (le acque intorno all’isola avrebbero una visibilità sia di circa 30 metri, ma il mare può essere molto agitato),

  • chi cerca uno dei pochi posti al mondo in cui è possibile avvistare gli squali balena.
  • per Jonathan, «una tartaruga di 185 anni»
  • per la distilleria dove si produce il Tungi, un forte alcolico a base di fichi d’India.

CLIMA:

Il tempo non è granché; Napoleone scrisse che c’erano sempre così tante nuvole che si faceva fatica a vedere il sole o la Luna.

PRENOTARE PER TEMPO

Sull’isola ci sono pochi Bed&Breakfast e privati che affittano stanze e solo il Mantis St Helena; hotel di lusso con 30 stanze in tre diversi edifici in architettura georgiana.

L’AEROPORTO

Inutile nasconderlo: forti venti che mettono a rischio partenze e atterraggi.

Dopo lunghi studi,  sono state individuate nuove e più sicure  rotte di approccio all’aeroporto.

Per costruirlo ci sono voluti 11 anni e oltre 300 milioni di euro finanziati dal governo britannico.

A causa dei venti fortissimi che soffiano fra le rocce di origine vulcanica dell’isola la pista è stata a lungo inutilizzata.

La compagnia sudafricana Airlink, propone collegamenti settimanali fra l’isola e il continente, con voli da sei ore e rifornimento tecnico previsto in Namibia.

PER CHI VUOLE SAPERNE DI PIU’:

L’isola di Ascensione, a 730 miglia nautiche più a Nord di Sant’Elena, ed anch’essa protettorato di Sua Maestà la Regina d’Inghilterra, è meglio connessa con il resto del mondo; poiché è sede di una base aerea dell’aviazione britannica usata anche dagli Stati Uniti.

Libro – L’oggi letto attraverso la storia dell’Impero ottomano

Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del moderno Medio Oriente. 1908-192

McMeekin, autore del libro,  scrive dopo lunghe ricerche svolte negli archivi turchi e russi (solo recentemnte consultabili), e mostrando al lettore la fine dell’Impero ottomano sotto una nuova luce.

Le vicende dell’Impero ottomano, offrono nuove e profonde riflessioni sulle origini della Prima guerra mondiale e il Medio Oriente contemporaneo.

Mentre gli europei decidevano come spartirsi i territori, Costantinopoli appariva impotente contro agli accordi dei vincitori; ma ecco nascere un’entità del tutto inaspettata: la Turchia moderna.

La genialità di Mustafa Kemal aveva fatto nascere un nuovo potente stato dai frammenti dell’impero ottomano.

McMeekin scrive questo libro come un racconto epico ; dagli albori fino al trattato di Losanna del 1923.

Le ripercussioni della «guerra di successione ottomana» hanno influenzato tutto il XXI secolo, e paesi diversissimi come Serbia, Grecia, Libia, Armenia, Iraq e Siria, ancora oggi devono fare i conti con quel passato.

Il libro nasce da una serie di ricerche e utilizzando inedite fonti inglesi, tedesche, francesi, americane e austro-ungariche.

Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del moderno Medio Oriente. 1908-1923 , Sean MacMeekin, Einaudi, 10,99 euro.

MOSTRA FOTOGRAFICA – Verbania Pallanza dal 25 Novembre 2017

MUSEO del PAESAGGIO

MOSTRA FOTOGRAFICA
NICCOLO’ AIAZZI E GIORGIO MAJNO
25 NOVEMBRE 2017 – 14 GENNAIO 2018

In occasione della mostra della Camelia e dei Giardini d’inverno 2017, il Museo del Paesaggio – in collaborazione con MIA PHOTO FAIR di Milano – propone una doppia mostra fotografica. Protagonista degli scatti di Niccolò Aiazzi e Giorgio Majno è il paesaggio rappresentato nella sua potenza:

gli scatti dei due fotografi ritraggono la poliedricità della natura incontrata durante viaggi alla ricerca del mistero del creato, in luoghi unici e magici, da proteggere e ammirare con umiltà. Niccolò Aiazzi presenta il ciclo fotografico dedicato alla Patagonia mentre Giorgio Majno un progetto sugli alberi secolari d’Italia.

Le mostre fotografiche saranno allestite presso il piano nobile di Palazzo Viani Dugnani – sede storica del Museo del Paesaggio – in Via Ruga 44 a Verbania Pallanza dal 25 Novembre 2017 al 14 Gennaio 2018. L’inaugurazione si terrà congiuntamente con quella della mostra della camelia – per il primo anno ospitata all’interno delle sale del Museo – Sabato 25 Novembre alle ore 10.30.

La mostra sarà visitabile tutti i venerdì pomeriggio dalle 14.00 alle 17.00 e il sabato e la domenica dalle 11.00 alle 17.00 con orario continuato. In settimana la sede sarà aperta su prenotazione per i gruppi e le scuole. Per le aperture durante i giorni festivi consultare il sito del museo www.museodelpaesaggio.it.

PATAGONIA DI NICCOLO’ AIAZZI

“La vera casa dell’uomo non è una casa, è la strada” B. Chatwin, Viaggio in Patagonia

Per conoscere un paesaggio, il veicolo, il mezzo di trasporto, fa la differenza: il movimento e l’esperienza corporea e sensoriale che facciamo, cambia e assume ritmi diversi. Niccolò Aiazzi realizza questo reportage nel febbraio 2017 durante un lungo viaggio in motocicletta realizzato in Patagonia, tra Cile e Argentina: da Bariloche, attraverso gran parte della Carretera Austral e della Ruta 40, per poi terminare a la “fin del Mundo”, Ushuaia. Aiazzi ci racconta di territori selvaggi fatti di terra, di pietra, di legno di acqua e di ghiaccio, che scopriamo con lui straordinariamente vivi, sconosciuti e carichi di poesia. Paesaggi solcati e uniti da strade fatte dall’uomo, unico punto di riferimento nell’immensità che attrae e spaventa allo stesso tempo. Nelle sue immagini il paesaggio diventa un luogo pieno di dei, di storia, di miti, come di silenzio, un’opera d’arte creata per noi dalla natura. Luoghi fisici e metafisici, che trasmettono la forza e la potenza della natura ma allo stesso tempo la sua fragilità e i suoi limiti terreni. La Patagonia si rivela un luogo che fa parte della geografia di ognuno, anche di chi non c’è mai stato. Paesaggi purtroppo in pericolo, che rischiano di essere distrutti o compromessi dalla civilizzazione e dall’inquinamento del mondo industrializzato. In un momento storico tristemente caratterizzato da cambiamenti climatici epocali. Ora che la nostra specie rischia la propria vivibilità sul pianeta terra, il paesaggio da sfondo assume una centralità che è figlia della malinconia e di un senso di perdita e che richiede un profondo cambiamento di idee e di comportamenti. Ed è proprio la fondamentale coappartenenza di uomo e paesaggio a dettare uno dei precetti meno eludibili dei nostri tempi, ossia la responsabilità nei confronti dei luoghi.
__________________________________________
Niccolò Aiazzi Nasce nel 1982 a Ferrara, gli studi di economia lo portano negli Stati Uniti dove si specializza con un Master in marketing e comunicazione. NYC favorisce il suo approccio al mondo della fotografia dove approda come fotografo di interni, allo stesso tempo però la luce che si traduce nell’attività frenetica della metropoli lo forma e deforma la sua fotografia verso lo storytelling e l’astrattismo. Le storie degli uomini e del loro rapporto estremo con la natura e la natura stessa, influenzano la ricerca che Niccolò approfondisce in sperimentazioni, viaggi, spedizioni ed esplorazioni.

STABILITAS LOCI DI GIORGIO MAJNO. ALBERI SECOLARI D’ITALIA
Foto di Giorgio Majno Progetto di Giorgio Majno e Oddina Pittatore
Questo progetto è nato dall’amore, che condivido con mia moglie Oddina, per gli alberi secolari, testimoni del tempo e della storia, esseri viventi che hanno saputo intessere un profondo rapporto di armonia con l’ambiente di cui fanno parte.
Abbiamo viaggiato per gran parte dell’Italia alla ricerca di questi patriarchi, affascinati dalle loro caratteristiche specifiche: dimensioni eccezionali, forme uniche, resilienza, rilevanza storica. Ma anche attratti dal loro equilibrio dinamico, in continuo cambiamento e trasformazione e dalla forza e dalla resilienza che esprimono.
Con un adattamento intelligente al ritmo stagionale, al cambiamento climatico, all’unicità geografica, gli alberi hanno sviluppato un’intelligenza specifica, molto diversa dalla nostra. Sono organismi sofisticati e complessi, le cui capacità sono ancora poco conosciute, ai quali ci siamo avvicinati con rispetto, in silenzio, ascoltandoli, prima di ritrarli.
Il lavoro è presentato con foto singole, dittici, trittici e polittici, per comunicare con maggiore intensità l’altezza, l’ampiezza e la tridimensionalità di queste sculture viventi. Ogni singolo albero è un ritratto unico.
_________________________________________
Giorgio Majno è nato a Milano, dove vive e lavora. E’ autore e docente di fotografia. Si è laureato al DAMS di Bologna e si è specializzato negli Stati Uniti presso la SIU, Southern Illinois University, nel dipartimento di Cinema e Fotografia, ottenendo un MFA, Master of Fine Arts. Le sue foto sono pubblicate in numerosi libri, tra cui: “I Diamanti sono stelle. Giulio Manfredi incontra il genio della scienza”, Ed. Istituto Lombardo 2013, “L’Oro Invisibile. Gioielli” di Giulio Manfredi, Ed. Electa 2011, “Grandi Giardini Italiani”, Credit Suisse 2008, Villa Necchi Campiglio a Milano, Skira ed. 2008, “Landscape Design”, Electa 2008, “Il Libro del F.A.I.”, Skira 2005, “Mario Buccellati, Storie di uomini e gioielli”, Leonardo arte 1998. Pubblica regolarmente sulle riviste: Arte, Antiquariato, Elle decor, Casa Amica, Gardenia, Ville e Giardini. E’ docente presso lo IED, Istituto Europeo di Design, sede di Milano, lo spazio FORMA, Centro internazionale di fotografia, e presso NABA, Nuova Accademia delle Belle Arti Milano. E’ docente presso la Facoltà di Design ed Arti dell’Università Iuav di Venezia, sede di San Marino, corso di laurea di Disegno industriale. Come autore ha esposto le sue immagini in Italia e all’estero, in mostre personali e collettive.

INFORMAZIONI SULLA MOSTRA

Museo del Paesaggio – Via Ruga 44 Verbania
Tel: 0323 557116
Mail: segreteria@museodelpaesaggio.it
Costi: 5€ intero// 3€ ridotto
Orari: venerdì 14.00-17.00, sabato e domenica 11.00-17.00 (orario continuato).
In settimana la sede sarà aperta su prenotazione per i gruppi e le scuole.
Per le aperture durante i giorni festivi consultare il sito del museo www.museodelpaesaggio.it.

Golf al mattino – sci nel pomeriggio ? In Ticino

TICINO: DALLE PALME, SULLE SPONDE DEL LAGO, AI PIACERI DELLO SPORT INVERNALE

Image

 

Al mattino una partita di golf e nel pomeriggio un’escursione con le racchette da neve? In Ticino tutto questo è possibile.

L’interazione di questi contrasti della natura, sole e ghiaccio, si vive solo nel Cantone che può vantare l’unico inverno mediterraneo della Svizzera.

In questa stagione il Ticino offre una gamma di diverse opportunità destinata a intrattenere anche i visitatori più esigenti.

Le sponde del Lago Maggiore e del Lago di Lugano vi invitano infine per un cappuccino in Piazza con vista sul lago e sulle montagne innevate che creano un contrasto con le palme e le camelie in fiore.

 Escursione con le racchette da neve, al chiaro di luna

In cinque minuti la funivia, ideata dal famoso architetto Mario Botta, porta i passeggeri sulla Cardada.

La montagna di Locarno, alta 1340 metri, è forse il luogo più soleggiato in Svizzera.

Con un equipaggiamento minimo e senza particolari conoscenze tecniche, potete visitare questo paesaggio da fiaba, ricoperto in inverno da un manto bianco, anche con le racchette da neve.

Durante la gita di circa un’ora sull’Alpe Cardada, adatta anche ai principianti, si può fare una sosta alla Capanna Cardada, gestita da Theo Wittmann, ex giocare professionista di hockey su ghiaccio. La montagna locarnese offre un’esperienza indimenticabile anche di notte, durante una gita con le racchette da neve al chiaro di luna.

Una volta iscritti, i partecipanti incontrano la loro guida alpina alle ore 18, presso la stazione a valle di Orselina per un’escursione di due o tre ore in direzione della piattaforma panoramica di Cimetta che offre una vista magnifica sui paesi illuminati di notte intorno al Lago Maggiore, oltre ai pendii di Cardada e Cimetta illuminati dalla luna piena.

Alla fine dell’escursione si potrà gustare una cena a base di maccheroni e sugo di pomodoro nel Ristorante Cardada, prima del rientro individuale a Orselina, entro le ore 23.

L’escursione costa CHF 60 per adulto, (CHF 42 per bambino), e include il viaggio con la funivia, le istruzioni tecniche basilari, la guida alpina e la cena (bibite escluse). Questo tour è organizzato con la luna piena il 2/3/31 gennaio, il 1° febbraio e il 2/3 marzo 2018.

www.cardada.ch

 ::::::::::::::::::::::::::::

Arrampicata sull’albero di ghiaccio in Leventina

Per gli amici della scalata temeraria, in inverno il Club Alpino Ritom ha in programma una magnifica esperienza outdoor.

Durante i mesi invernali più freddi viene realizzato un cosiddetto “albero di ghiaccio” vicino alla palestra d’arrampicata ad Audan in Leventina.

Sulla parete di ghiaccio gli scalatori possono allenarsi nella tecnica, che è normalmente praticata sulle cascate gelate.

L’arrampicata sull’albero di ghiaccio è possibile di giorno o di notte, dopo una preiscrizione, al prezzo di 5 franchi svizzeri. Naturalmente soltanto quando le condizioni metereologiche garantiscono una buona stabilità del ghiaccio.

www.satritom.ch

:::::::::::::::::::::::::::::

Telemarkada nella Valle di Blenio – vivere le origini dello sci

Al raduno Telemarkada, nella Valle di Blenio, si incontrano tutti gli anni gli appassionati di sci di tutta la Svizzera e da oltre confine.

La tecnica dello sci Telemark, originaria della Norvegia, si è diffusa negli ultimi anni anche in Svizzera.

Una sorpresa annunciata, infatti questo sport invernale è entusiasmante e ideale per le persone che amano muoversi nella natura e dispongono di una discreta forza, resistenza, capacità di coordinazione ed equilibrio.

Il fine settimana dedicato al Telemark al Nara, che si svolgerà dal 24 al 25 febbraio 2018 e giungerà alla sua 16a edizione, inizia il sabato con una corsa nostalgica, in cui i telemarker indosseranno l’abbigliamento norvegese storico, comprese le donne con la gonna e con i classici sci e bastoni di legno, scendendo lungo la pista con il loro inconfondibile affondo.

Chi desidera provare personalmente per una volta questa tecnica di sci tradizionale, nello scenario innevato della Valle di Blenio, ne ha l’occasione la domenica. Il Telemark Club Ticino mette a disposizione gratuitamente l’equipaggiamento e comunica le istruzioni tecniche per scendere elegantemente dalla montagna con questa “tecnica dello sci a tallone libero” del Telemark.

www.ssnara.ch

:::::::::::::::::::::::::

Aperitivo invernale nella botte di legno

La stazione sciistica di Campo Blenio, con i suoi otto chilometri di piste e tre impianti, è particolarmente adatta per le famiglie e per i principianti degli sci e dello snowboard.

Per chi ama le escursioni invernali, ci sono sentieri ben marcati per passeggiare a piedi e con le racchette da neve, incontrando persino caprioli, lepri o scoiattoli. Se desiderate coronare questa esperienza nella natura con un finale indimenticabile, potete abbinare l’escursione con le racchette da neve con un aperitivo in tinozza ed infine una cena nel Ristorante Fopp Zott.

L’escursione di una o due ore (secondo le condizioni della neve) inizia alla stazione a valle di Campo Blenio, presso la scuola di sci, dove riceverete anche l’equipaggiamento.

Attraverso la Pianchera si giunge nella Valle di Campo fino a Orsera. Da qui un sentiero porta, attraverso un bosco incantevole di larici, a Fopp Zott dove vi aspetta un bagno in una botte di legno con aperitivo all’aperto, sotto il cielo e con vista panoramica sul Sosto (2221 m), un monte a forma di piramide, e sulla grandiosa diga di Luzzone.

Dopo la cena nel ristorante si torna al punto di partenza dell’escursione, seguendo lo stesso percorso.

L’offerta è riservata a gruppi di almeno 10 persone, al prezzo di CHF 49 per persona, e include il noleggio delle racchette da neve, l’aperitivo nella botte di legno e la cena (bibite escluse). Per maggiori informazioni e prenotazioni, si prega di rivolgersi alla cassa della stazione a valle di Campo Blenio.

www.campoblenio.ch

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Sci freestyle ad Airolo

Doris De Agostini, Michela Figini e Lara Gut: il Ticino vanta una serie di campionesse dello sci.

La maggior parte ha cominciato la carriera sulle piste della Leventina. Il più grande comprensorio sciistico del Ticino si trova ad Airolo.

Grazie alla sua posizione nel massiccio del Gottardo, Airolo-Pesciüm dispone di condizioni di neve quasi sempre ottimali ed è perciò sempre aperto durante la stagione invernale, dal 16 dicembre 2017 all’8 aprile 2018.

Oltre ai 30 km di piste per lo sci alpino, Airolo ha anche una lunga tradizione nell’organizzazione di eventi di allenamento e freestyle; è inoltre riconosciuto come centro di allenamento regionale freestyle.

L’evento più importante per quest’inverno è la FIS Freestyle World Cup Moguls 2018 AIROLO dal 10 all’11 marzo 2018 con le discipline aerials (salto), moguls (pista con gobbe), dual moguls (pista con gobbe parallele), skicross, halfpipe, slopestyle e big air. Madrina prominente dell’evento è Debora Scanzio, sciatrice svizzera di freestyle nata in Ticino.

www.airolo.ch

::::::::::::::::::::::::

I piaceri dello sport invernale nel comune più alto del Ticino

Bosco Gurin, con la sua popolazione originaria Walser, ha un valore privilegiato in Ticino: il comune più alto (1506 m s.l.m.) della Svizzera italiana è abitato prevalentemente dai discendenti degli antichi colonizzatori, che ancor oggi parlano, oltre all’italiano, l’antico dialetto Walser “Guryner Ditsch”.

Grazie alla sua posizione nella parte posteriore della Vallemaggia, la località è innevata nella stagione fredda ed è quindi un punto di partenza ideale per gli appassionati di sport sulla neve.

La tipica architettura Walser, che caratterizza il borgo, è un testimone vivente della popolazione alpina, che ha colonizzato Bosco Gurin più di settecento anni fa. Il borgo risplende con la propria bellezza originaria nel bianco paesaggio invernale.

La stazione sciistica di Bosco-Gurin dispone di oltre 30 km di piste variegate, aperte dal 25 novembre 2017 fino all’8 aprile 2018, adatte sia ai principianti che agli sciatori più esperti.

Nello Snowpark nei pressi della “Sandiga Boda” possono scatenarsi anche gli sciatori freestyle.

Completano l’offerta il pattinaggio sul ghiaccio, le discese in slitta sulle piste lunghe quattro chilometri, oltre alle discese con uno snowscoot, un agile incrocio tra una bicicletta BMX e uno snowboard.

In collaborazione con SvizzeraMobile è stata inoltre creata e marcata un’incantevole escursione con le racchette da neve, descritta anche online. Dalla stazione a valle si salgono complessivamente 500 metri di altezza sulla montagna, tra larici maestosi, vicino ai tipici “gadumschi” ed alle altre costruzioni caratteristiche, che si trovano lontane dalle piste da sci. Il paesaggio da cartolina della vallata, incorniciata da alte cime e molto assolata, accompagna l’escursione lunga quattro chilometri fino a Grossalp, un piccolo insediamento in cui l’omonimo rifugio invita a una piacevole sosta. Si prosegue poi per l’ultima salita fino alla stazione intermedia e si scende infine con la funivia a valle, o si può ritornare seguendo lo stesso percorso.

www.bosco-gurin.ch

 ::::::::::::::::::::::::::::::::::

Trekking con i lama in inverno

In Ticino si può fare un’escursione con i lama anche in inverno. Il punto di partenza di questa speciale gita, disponibile da ottobre a maggio, è Losone-Arcegno. Da qui l’organizzazione Lamatrekking Ticino inizia le escursioni di mezza giornata o di una giornata, o anche trekking di due o più giorni (come richiesto), accompagnati dai loro sette lama, nella regione del progetto Parco Nazionale del Locarnese. Grazie al carattere ludico di questa attività i bambini vi partecipano con entusiasmo. Gli accompagnatori a quattro zampe sono docili da tenere alla briglia e si lasciano accarezzare volentieri sul morbido pelo durante l‘escursione. I bambini possono così conoscere la mansuetudine dei lama e il comportamento di questi animali, che rendono il trekking ancora più attraente.

www.lamatrekkingticino.ch

Viaggi culturali per veri viaggiatori da dicembre 2017 a giugno 2018

Viaggaire per la STORIA – l’ ARCHEOLOGIA – la NATURA

Ancient city of Yazd in sunrise lights. Iran
Baku, Azerbaijan – September 10, 2016: Maiden Tower in Old city, Icheri Sheher is the historical core of Baku. World Heritage Site by UNESCO

CAPODANNO IN IRAN, TOUR GIARDINI DI PERSIA

I rigogliosi giardini del cinquecentesco Palazzo Golestan a Tehran; il Parco degli Usignoli che avvolge il Palazzo degli Otto Paradisi a Esfahan; i giardini Eram a Shiraz. Senza dimenticare una delle più grandi piazze al mondo: Piazza dell’Imam, a Esfahan, museo a cielo aperto con cupole, minareti, ceramiche azzurre e oro, soffitti intarsiati e affreschi.

Si tratta di un viaggio completo, che si sviluppa nell’arco di 10 giorni e comprende

Yazd, mistica patria del zoroastrismo, la contemporaneità di Tehran, la necropoli di Persepolis e il sito Unesco di Pasargade.

È un’esclusiva Parextour proposta regolarmente.

La partenza di fine anno è il 29 dicembre da Milano, Venezia e Roma.

Da euro 2.080 a persona in pensione completa.

www.parextour.it/tour/giardini-di-persia/

::::::::::::::::::::::

IRAN, TOUR ZIGGURAT E MOSCHEE

Nuovissima proposta nei territori dell’Antica Mesopotamia, che, senza tralasciare

i grandi classici dell’antica Persia, fa visitare siti archeologici poco toccati nei classici circuiti turistici.

Il tour di 9 giorni si spinge fino alla regione del Khuzestan i cui tesori archeologici sono la piramide/ziggurat di Choga Zanbil e le rovine di Shush, dove 70.000 prigionieri romani costruirono un’imponente opera idraulica.

È un’esclusiva Parextour con una partenza al mese.

Da euro 2.250 a persona.

www.parextour.it/tour/ziggurat-e-moschee/

:::::::::::::::::::

GIORDANIA, TOUR SIMPLY JORDAN

Un viaggio che concentra i luoghi topici della Giordania in 7 giorni e che per un paio di mesi viene proposto a un prezzo decisamente competitivo.

L’essenza del Regno in un connubio di storia, sabbia e natura: il brulicante centro urbano della capitale Amman, gli imponenti castelli del deserto, la “Pompei del Medioriente” Jerash, l’incontaminato Wadi Rum, la misteriosa Petra, i mosaici di Madaba.

Possibilità di prolungare la vacanza con un soggiorno sul Mar Morto, nell’oasi di Ma’In o ad Aqaba sul mar Rosso.

Promozione gennaio e febbraio, partenze tutte le domeniche
euro 1.190 da Roma, tasse aeroportuali incluse.
www.parextour.it/tour/simply-jordan/

::::::::::::::::::::

ARMENIA, TOUR & TREKKING WALKING IN ARMENIA

Perla della collezione Vacanza Attiva, abbina le visite imprescindibili ad esperienze di trekking. Un viaggio escursionistico di 8 giorni alla scoperta del cuore culturale e storico dell’Armenia, terra antica dalle tradizioni ancora forti.

Cinque percorsi a piedi tra i villaggi sperduti e siti archeologici, incontri con i pastori e un modo “slow” di assaporare la natura del Caucaso.

È un’esclusiva Parextour con partenze nelle date richieste del cliente.

Da euro 1.815 a persona.

www.parextour.it/tour/walking-in-armenia/

 :::::::::::::::::::::: 

AZERBAIJAN, CITY BREAK BAKU EXPRESS

City break di 5 giorni a Baku, la “perla del Caspio”, con il suo skyline avveniristico dove architetture in acciaio e vetro convivono in armonia con caravanserragli e palazzi di epoca medievale.

Fuori città la natura torna padrona, con montagne di fuoco e vulcani di fango.

È un’esclusiva Parextour con due partenze al mese da tutta Italia.

Da euro 1.230 a persona.

www.parextour.it/tour/baku-express/

 ::::::::::::::::::::::: 

UZBEKISTAN, TOUR PANORAMI UZBEKI

Una speciale partenza estiva per questo viaggio che è un’esclusiva Parextour.

Un tour di 8 giorni in quello che è il Paese più ricco di storia di tutta l’Asia Centrale, epicentro dell’antica Via della Seta e patria della città che solo al nome ha fatto sognare generazioni: Samarcanda.

La partenza del 13 giugno da Milano si realizzerà con 15 iscritti poiché avrà accompagnatore dall’Italia.

Da euro 1.240 a persona in pensione completa.

www.parextour.it/tour/panorami-uzbeki-speciale-13-giugno/

Ricetta facile ” chilli chicken ramen ” di wagamama – Ottimo piatto invernale – Originale portata per feste Natale

RAMEN

Un piatto caldo e dal profumo invitante

Un’ originale portata da inserire nel menù delle feste natalizie

Arriva la ricetta dei ramen firmati wagamama, per assaporare anche a casa i profumi e i sapori della cucina pan-asiatica

E, in occasione delle feste natalizie, al ristorante di Orio Center si gustano i “Christmas Omakase”

wagamama, il brand di cucina pan-asiatica che, in soli pochi mesi dal suo arrivo in Italia, ha già raccolto l’entusiasmo di migliaia di clienti, è lieta di condividere con tutti gli appassionati di asian food, la ricetta del suo “chilli chicken ramen”.

Un piatto speciale che racchiude e incarna lo spirito wagamama:

— ingredienti semplici, per un piatto preparato e servito al momento.

Un mix di sapori perfettamente intrecciati per una pietanza bilanciata e nutriente.

Un piatto caldo e dal profumo invitante, perfetto da servire nelle fredde giornate invernali, ma anche un’originale portata da inserire nel menù delle feste natalizie per stupire e deliziare gli ospiti con una proposta dal sapore orientale.

Ingredienti (per due persone)

1l di brodo di pollo
4 cucchiai da tavola di salsa sriracha (la salsa chili a base di peperoncini)
300 g di noodles all’uovo
2 petti di pollo marinati*
2 manciate di germogli di soia
1/2 cipolla rossa finemente tagliata
2 cipollotti a fette
2 peperoncini rossi freschi a fette

Per guarnire, a piacere:  rametti di coriandolo e ½ lime fresco.

*Per la marinatura del pollo utilizzare 4 cucchiai da tavola di salsa di soia e due di zenzero fresco grattugiato.

Procedimento
Marinare il pollo per circa un’ora.
Far bollire i noodles all’uovo in una padella ampia (seguire il tempo necessario indicato sulla confezione). Scolarli e disporli in una ciotola.

Aggiungere la salsa sriracha e il brodo di pollo, poi agitare per separare i noodles.

Tagliare il petto in diagonale in strisce di circa un centimetro, adagiarle poi delicatamente sui noodles.

Aggiungere nel piatto gli ingredienti già tagliati e suddivisi (cipolle, cipollotti, peperoncini, germogli di soia).

Guarnire con alcuni rametti di coriandolo e ½ lime fresco. Servire le ciotole ancora fumanti.

Oggi è possibile gustare tutte le proposte firmate wagamama, nel primo ristorante aperto in Italia (inaugurato lo scorso maggio) all’interno dell’elegante food court dell’Oriocenter di Bergamo e presto anche al Terminal 1 di Milano Malpensa.

Ad accompagnare il ricco menù ispirato ai sapori del Giappone – tra cui le profumate zuppe di noodles con carne o verdure, i gyozas (tipici ravioli giapponesi) e il golosissimo chicken katsu curry (petto di pollo accompagnato da riso bianco e coperto di salsa curry) – un ambiente ricercato, accogliente e confortevole, insieme all’iconico motto che da sempre ispira il marchio wagamama: “diffondere positività dalla scodella all’anima”.

Una filosofia che il brand, nato a Londra nel 1992, ha portato fino ad oggi in oltre 170 ristoranti presenti in ben 22 paesi nel mondo.

Christmas Omakase

E in occasione delle feste di Natale, il ristorante wagamama di Oriocenter inviterà tutti i suoi clienti a sperimentare i “Christmas Omakase”,

i piatti più ricercati del brand:

Teriyaki Lamb (agnello teriyaki grigliato con funghi, asparagi, cavolo riccio e taccole), Grilled Duck Donburi (fettine di tenera coscia d’anatra in salsa piccante teriyaki), Grilled Tuna (trancio di tonno scottato su letto di quinoa, cavolo riccio, peperoni, cipolle rosse e fagioli edamame).

Omakase, nella cultura culinaria giapponese, indica la piena fiducia nell’esperienza dello chef, un’esclusiva opportunità per chi è indeciso su cosa gustare e per chi non vuole perdere il meglio offerto dalla cucina wagamama.

A proposito di wagamama:

propone cucina di ispirazione giapponese in grado di unire cibo fresco e nutriente ad un servizio amichevole dal buon rapporto qualità-prezzo.

Dall’apertura del primo ristorante a Londra nel quartiere di Bloomsbury nel 1992, wagamama ha proposto una nuova esperienza gastronomica nel Regno Unito ed è attualmente presente in 22 paesi.

wagamama è stato insignito con numerosi premi, tra i quali il CGA Peach Honours Award nel 2015 come “Best Evolutionary Brand”; il Consumer Choice Award nel 2014 (votato da oltre 20.000 consumatori inglesi) come brand numero uno del Regno Unito, sulla base del sondaggio condotto dalla CGA Peach per misurare la percezione del brand utilizzando i parametri “soddisfazione del cliente”, “l’intenzione di tornarci” e di “raccomandarlo ad un amico”. wagamama è arrivato secondo nella categoria “Best Brand” al Marketing Society Awards nel 2015, oltre ad aver ottenuto l’ambito ‘London’s Favourite Chain Restaurant’ award nel 2013 della London Zagat Guide. wagamama è stato anche insignito con il ‘Best Places for Kid’s Meals’ dalla Soil Association nella campagna “Out to Lunch” del 2013.

Per ulteriori informazioni: www.wagamama.it

Evento Villa Reale di Monza – Inaugurazione 28 novembre

Per favorire il restauro di opere d’arte danneggiate dal terremoto

Giovanni Francesco Guerrieri

Gianluca Quaglia

IL MIGLIOR POSTO

Un dialogo tra artisti nel tempo

alla Villa Reale di Monza

 A cura di Antonio D’Amico

29 novembre 2017 – 14 gennaio 2018

Monza, Cappella della Villa Reale

INAUGURAZIONE 28 NOVEMBRE ORE 17:30

Image

La Reggia di Monza, diretto da Piero Addis, riapre la Cappella Reale con la mostra, patrocinata e sostenuta da Regione Lombardia e Comune di Monza, Il miglior posto. Un dialogo tra artisti nel tempo alla Villa Reale di Monza, un punto di vista privilegiato da cui osservare e ammirare tre opere d’arte che mettono in contatto il visitatore con un dipinto seicentesco del pittore caravaggesco marchigiano Giovanni Francesco Guerrieri e l’installazione ambientale dell’artista contemporaneo Gianluca Quaglia.

La mostra, curata da Antonio D’Amico e organizzata da Opera d’Arte, ha l’obiettivo di raccogliere fondi per restaurare alcuni dipinti danneggiati dal terremoto che ha colpito il centro Italia e in particolare Fossombrone, città natale di Guerrieri.

Due artisti lontani nel tempo, uno vissuto nel Seicento e l’altro contemporaneo, dialogano su un tema che ha attraversato la storia dell’arte e su cui tutti gli artisti si sono da sempre interrogati e misurati: la capacità e la possibilità di guardare al di là del proprio punto di vista, al di là del visibile. Guerrieri fornisce una risposta figurativa, consona al suo tempo, devozionale e piena di pathos, Quaglia s’interroga sul divino mostrando una visione cosmica, legata alla sacralità laica dell’universo.

 La mostra propone una riflessione sul sacro e sulle sue svariate possibilità di interpretazione e lettura che oggi possono emergere.

L’invito è quello di entrare in uno spazio architettonico lasciandosi coinvolgere dal miglior posto, ossia un punto di vista preciso, pensato e organizzato appositamente per facilitare l’osservazione.

Il visitatore entrando nella chiesa potrà sopraelevarsi fisicamente e guardarsi intorno per vedere la delicata apparizione frontale che emerge dal buio della notte in cui Maria, insieme a sant’Anna, scruta il figlio che dorme nella culla, un’immagine del divino che per Guerrieri è l’accoglimento di un credo, di una conferma alle proprie domande. Sugli altari laterali, invece, Gianluca Quaglia attiva una riflessione che si aggrappa a codici laici, interpretativi, al di là di certezze fideistiche.

La Vergine con il Bambino e sant’Anna è una tela che Guerrieri realizza per la famiglia Brollini di Fossombrone nel 1627, di ritorno da Roma e dopo aver fatto l’esperienza dell’arte di Caravaggio, tanto che molti dettagli del quadro riconducono al maestro lombardo.

Collocata in un altare laterale della Cattedrale di Fossombrone, oggi chiusa precauzionalmente dopo le scosse dello scorso anno, la tela porta con sé storie lontane e segrete che giungono fino a noi grazie alla lettura delle immagini, offrendoci la possibilità di ripensare al sacro come una fonte a cui attingere.

Con un approccio che tenta di scrutare l’imperscrutabile, anche i cosmi ridisegnati da Gianluca Quaglia rappresentano il tentativo di attingere al sacro o, quantomeno, di osservarlo da lontano, soffermandosi a guardare l’universo e con esso le stelle, immaginando l’infinito.

Ripensando dunque lo spazio architettonico sacro, il visitatore potrà trovarsi immerso in uno scenario che accoglie un palcoscenico sul quale si è invitati a salire per osservare tre diverse “pale d’altare”, ossia tre riflessioni evocative.

 Il miglior posto. Un dialogo tra artisti nel tempo alla Villa Reale di Monza è un invito a lasciarsi coinvolgere dall’arte antica e contemporanea su un tema trasversalmente affrontato, offrendo al visitatore chiavi di lettura che favoriscono una possibile relazione con qualcosa di infinitamente grande ma lontano che l’uomo tende e ricerca da secoli.

L’obiettivo della mostra è quello di favorire il restauro di opere d’arte danneggiate dal terremoto e custodite nella città di Fossombrone, grazie alla vendita del catalogo, pubblicato da Silvana Editoriale che si presenta come un interessante volume in cui sono raccolte le fotografie della mostra e i contributi di studiosi italiani quali Stefano Papetti, Michela Gianfranceschi, Renzo Savelli, Marco Luzi, Giancarlo Lacchin, Lorenzo Madaro e Antonio D’Amico.

Spedizione invernale – Vuoi partecipare ? – Circolo Polare Artico

Fjällräven Polar 2018:
Via alle iscrizioni per partecipare all’incredibile avventura artica

Per Fjällräven è prioritario agire responsabilmente nei confronti delle persone, degli animali e della natura

Ritorna l’evento di grande successo firmato Fjällräven che, da quest’anno, grazie ad una nuova procedura di selezione, estende ad ancora più persone la possibilità di prendere parte alla celebre spedizione invernale nella natura più incontaminata del Circolo Polare Artico.

Fjällräven Polar è il sensazionale viaggio lungo 300 km che esplora la natura più selvaggia e incontaminata del Circolo Polare Artico.

A vivere la prossima edizione di questa magica esperienza saranno 20 persone comuni, provenienti da tutto il mondo che, dal 9 al 15 Aprile 2018, con partenza da Signaldalen (Norvegia) e arrivo fissato a Väkkäräjärvi (Svezia), attraverseranno la tundra subartica a bordo di slitte trainate da cani, supportati dai consigli di un team di esperti ed equipaggiati con i migliori capi di abbigliamento e attrezzature Fjällräven.

Durante il viaggio, ognuno dei 20 partecipanti sarà chiamato a guidare la propria slitta, prendersi cura dei suoi cani, farsi da mangiare ed allestire il proprio accampamento.

Il tutto per dimostrare che chiunque, dotato della giusta preparazione e del giusto equipaggiamento, può prendere parte ad un’avventura invernale in condizioni ambientali per molti versi estreme.

I partecipanti verranno selezionati secondo una procedura che da quest’anno raggruppa tutti i Paesi del mondo in 10 diverse Regioni e permette di individuare, per ciascuna di esse, 2 diversi concorrenti:

il primo eletto dal pubblico votante, il secondo dalla

Giuria del concorso.

Per inviare la propria candidatura, gli aspiranti partecipanti devono registrarsi sul portale dedicato, caricando un video e una raccolta di immagini che siano in grado di raccontare chi sono e di convincere il pubblico a votarli.

Una volta completata la procedura di registrazione, sarà possibile iniziare a raccogliere i voti del pubblico, diffondendo la propria candidatura su blog e social networks.

Le iscrizioni sono aperte dal 16 Novembre al 14 Dicembre 2017.

Al termine di questo primo periodo, si qualificheranno automaticamente le 10 persone che, all’interno di ciascuna Regione, avranno ricevuto il maggior numero di voti. Successivamente, la Giuria Fjällräven procederà a selezionare, per ogni Regione, una seconda persona sulla base della qualità dei materiali inviati e delle caratteristiche del profilo. I risultanti 20 finalisti saranno quindi i protagonisti di questo memorabile viaggio nel cuore del Nord.
Per conoscere tutti i dettagli del concorso,
consultare il portale dedicato:

Fjällräven Polar

Il primo Fjällräven Polar si svolse nel 1997 come gara di slitte trainate da cani, ispirato dalla leggendaria Iditarod Race in Alaska. Proseguì con questo format fino al 2006, ma poi ne fu interrotta l’organizzazione sino al 2012.

Quando venne ripresentato, il Fjällräven Polar era qualcosa di completamente nuovo. Tutti i 20 partecipanti avrebbero viaggiato sullo stesso percorso con slitte trainate da cani, ma invece di competere avrebbero dovuto farsi testimoni della vita outdoor, con l’obiettivo di ispirare sempre più persone a vivere la vita all’aria aperta durante l’inverno.

Da allora a oggi migliaia di persone si sono candidate e hanno parlato di Fjällräven Polar, facendolo diventare un evento unico al mondo.

Fjällräven – www.fjallraven.com

Nel 1960, Ake Nordin fonda Fjällräven nello scantinato di casa a Örnsköldsvik, nel nord della Svezia.

Oggi i capi outdoor dell’azienda – intramontabili, funzionali e robusti – sono apprezzati in tutto il mondo e distribuiti in oltre trenta Paesi.

La gamma di prodotti Fjällräven propone capi di abbigliamento e accessori outdoor per uomo e donna, zaini, tende e sacchi a pelo.

Per Fjällräven è prioritario agire responsabilmente nei confronti delle persone, degli animali e della natura, incoraggiare e sostenere l’interesse per le attività all’aria aperta. L’azienda è promotrice di due famosi eventi outdoor, Fjällräven Classic e Fjällräven Polar, che ogni anno attirano migliaia di partecipanti.

VERGOGNA ! Violenta ancora minorenni tornato in libertà

Edgar Bianchi ha scontato 8 anni di carcere per 25 violenze sessuali su BAMBINE !!!

Si è presentato in Procura a Milano per costituirsi dopo l’ennesimo abuso … dopo la scarcerazione !

Le sue parole: ” …Ma ci sono ricaduto e voglio essere curato 

28 settembre 2017 violenta l’ennesima ragazzzina di 12 anni mentre rientra da scuola !!!!

EVIDENTEMENTE LE CURE AVUTE IN CARCERE NON SONO SERVITE

-O GLI SPECIALISTI SONO UNA MASSA DI INCAPACI E ALLORA PERCHE’ LI PAGHIAMO ?

-O C’E’ DELLA GENTE INCURABILE E ALLORA PERCHE’ GLI SPECIALISTI NON SONO IN GRADO DI RICONOSCERLI ? COSA LI PAGHIAMO PER FARE ???

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Tra i tantissimi altri casi:

ALTRO CASO DI VIOLENZA ADDIRITTURA CONTRO BAMBINO DISABILE  !!!

E’ in carcere? NO

Ai domiciliari?  NO

INGIUSTIZIA ALL’ITALIANA !

Ha solo l’obbligo di firmare, il  divieto di avvicinare la vittima e divieto di espatrio.

21enne pakistano richiedente asilo, viveva a Reggio Emilia vicino dalla casa della vittima, un 13enne disabile. 10 luglio 2017: il violentatore avrebbe attirato il ragazzino in una zona isolata per violentarlo (come confermato da una visita in ospedale), cercando di convincere il ragazzo a non dire nulla ai genitori.

PERCHE’ LE NOSTRE MINISTRE  NON usano il loro tempo  per spingere una SEVERISSIMA LEGGE CONTRO LA VIOLENZA SUI  MINORI ??? 

 

Artigiano in fiera 2 – 10 dicembre – Per regali di Natale anche speziati

Fiera di Rho Pero – Milano

Tonno di Carloforte e tappeti iraniani, porcellane cinesi e calzature marchigianespendiamo bene i nostri soldi per aiutare i migliori artigiani ed acquistare prodotti di qualità.

2 – 10 dicembre – Orario dalle 10 alle 22.30.

Ospite d’onore l’Iran e la sua cultura e artigianato millenari.

Grande spazio anche alle antiche tradizioni cinesi (anche tessuti lavorati dall’etnia Miao).

Cultura e acquisti per Natale si mescoleranno dal 2 al 10 dicembre 2017 a Milano Rho fiera.

LE SPEZIE DI

ASANTE MAMA

Imperdibili le spezie  e le erbe promosse da una donna Ugandese; per dare lavoro e dignità alle donne più povere e insegnare come coltivare, raccogliere e preparare per la vendita, le spezie e el erbe più pregiate.

Per un’agricoltura sostenibile.

::::::::::

La Nazionale italiana degli chef, che si esibirà per nove giorni nella realizzazione di piatti e showcooking nel nuovo Artimondo restaurant.

DonnE…Cultura