Basta bugie sulle intolleranze alimentari !!!

Finalmente lo scrive chiaramente anche il CORRIERE DELLA SERA

” INTOLLERANZE ALIMENTARI  TANTI TEST FALSI “

-nessun singolo alimento può essere la causa di mancato dimagrimento

-dall’iride al capello; sono esami di FANTASIA

-ecludere cibi dalla dieta? ; consultate prima due specialsiti 8se potete) per ascoltare almeno due pareri diversi

-non togliete il glutine dalla dieta se non sotto precisa prscrizione medica ed esami ospedalieri; il resto sono fai da te solo pericolosi e squilibranti

-sempre un errore fare da soli.

LA VERITA’ E’ CHE I NOSTRI PROBLEMI SONO LEGATI ALL’ECCESSO DI CIBO, AI PASTI VELOCI, ALLA CUCINA PRONTA CHE FA MALE ALLO STOMACO E INTESTINO .. E AGLI INGREDIENTI CHE NON SONO QUASI MAI NATUALI...

Noi ne avevamo già parlato a lungo anche molti anni fa, basandoci sulle nostre conoscenze scintifiche (tesi sll’alimentazione con prof. Rodolfo Maragria Università statale di Milano)giornalistiche e esperienze personali:

Ecco i link dove potete trovare cosa avevamo scritto:

Malati immaginari di intolleranze ! ? – Tutti celiaci & c. ? O è molto business ?

INTOLLERANZE AL GLUTINE ; PASTA CON GRANO DAL CANADA

::::::::::::::::

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

N° tessera iscrizione Ordine Nazionale Giornalisti: 097176.

A partire da oggi troverete foto e informazioni che abbiamo scoperto per voi alla BIT 2018

Abbiamo visitato per voi la BIT Borsa Internazionale del Turismo di Milano 2018.

A Partire da ora,  pubblicheremo quelli che ci sono sembrati i prezzi più interessanti, le località più affascianti, gli itinerari meno turisici …

LANZAROTE, IL MEGLIO DELLE ISOLE CANARIE.

   LANZAROTE: DOVE C’E’ SEMPRE IL SOLE, ANCHE IN PIENO INVERNO.

Tutte le foto sono di proprietà di Grazia Seregni; è vietato qualunque tipo di riproduzione..

Isola La Graciosa, località Caleta de Sebo. Chiesa.
Isola La Graciosa, località Caleta de Sebo. Chiesa.

PERCHE’ SCEGLIERE LANZAROTE?

Lanzarote. Playa Blanca. Punta Papagajo.
Lanzarote. Playa Blanca. Punta Papagajo.
Lannzarote nord est. Arrieta, case di pescatori.
Lannzarote nord est. Arrieta, case di pescatori.
Lanzarote sud, Playa Blanca. Punta del Papagayo. Le spiagge più suggestive dell'isola.
Lanzarote sud, Playa Blanca. Punta del Papagayo. Le spiagge più suggestive dell’isola.

-Perché  vi splende sempre il sole e per  il suo clima secco; ideale per la salute (grazie al vento che soffiando dal Sahara tiene lontane le nuvole, ma non è quasi mai caldissimo perché si raffredda attraversando l’oceano); comunque se soffrite il caldo non andateci da metà giugno a fine settembre.

Playa Blanca è la località più soleggiata di tutte le isole Canarie.

Isola La Graciosa. Caleta de Sebo. Baia vicino al porto di approdo dei traghetti provenienti da Lanzarote.
Isola La Graciosa. Caleta de Sebo. Baia vicino al porto di approdo dei traghetti provenienti da Lanzarote.

 -Lanzarote è stata dichiarata dall’Unesco ” Riserva Mondiale della Biosfera” per la sua natura intatta, quasi primitiva, che offre spettacolari panorami.

-Lanzarote è la meno affollata di turisti di tutte le isole Canarie; soprattutto in bassa stagione.

-Ha un buon rapporto qualità/prezzo.

La Graciosa gabbiani

Lanzarote nord. Dune sul mare vicino ad Orzola.
Lanzarote nord. Dune sul mare vicino ad Orzola.
Lanzarote. Colori sui vulcani spenti.
Lanzarote. Colori sui vulcani spenti.

piante contro lice IMG_2861

Vulcano con ciuffi di primavera.
Vulcano con ciuffi di primavera.

Rosso vulcani cactus

Colori di primavera sui vulcani spenti.
Colori di primavera sui vulcani spenti.
Cespugli di primavera sul vulcano spento.
Cespugli di primavera sul vulcano spento.
Lanzarote terra di vento e mulini.
Lanzarote terra di vento e mulini.
Lanzarote panorama.
Lanzarote panorama.
Isola La Graciosa, Playa Cucina.
Isola La Graciosa, Playa Cucina.
Lanzarote. El Puerto scorcio panoramico dalla passeggiata verso il lago de los Clicos.
Lanzarote. El Puerto scorcio panoramico dalla passeggiata verso il lago de los Clicos.

-Lanzarote è molto tranquilla dal punto di vista della delinquenza; una donna vi può andare in vacanza sola senza rischi e fastidi.

COVER fiore uccello da alto

-La vita di tutti i giorni costa meno che in Italia.

Tipico paesaggio di Lanzarote.
Tipico paesaggio di Lanzarote.

-Lo spagnolo è una lingua facile da imparare e tutti capiscono un poco l’italiano.

La Graciosa 1 gabbiano e il vulcano originale

-Al momento il costo degli immobili è in caduta per la grave crisi spagnola, ma forse è meglio aspettare almeno un anno. Comunque i costi degli immobili in prima linea sul mare e a Puerto Calero, località di lusso, sono sempre più alti di altri e lo saranno anche in futuro.

COME SPOSTARSI  A LANZAROTE?

Paesaggio di Lanzarote.
Paesaggio di Lanzarote.

BUS

-Una efficiente rete di bus attraversa quasi tutta l’isola, l’unico punto mancante importante è EL GOLFO molto amato dai buongustai per la freschezza del pesce (anche se un ristorante ha in bella vista, al piano superiore, un grosso surgelatore!) .
-Alla reception degli alberghi forniscono gli orari dei bus e possono indicare quale è il punto di fermata più vicino.  Andata e ritorno attraverso tutta l’isola costa: 8,40 euro con aria condizionata.
-Consigliabile la tessera ricaricabile che permette uno sconto.
-Anche l’aeroporto è raggiunto dai  bus che collegano direttamente, o con cambio, il centro e gli alberghi più importanti delle varie località.
All’aeroporto vi è un ufficio del turismo che può dare le informazioni necessarie.
trasferimenti da e per aeroporto a buon prezzo con www.lastminute-transfer.com
Isola La Graciosa. Caleta de Sebo.
Isola La Graciosa. Caleta de Sebo.
Onde alle Salinas de Janubio.
Onde alle Salinas de Janubio.
Lanzarote panorama primaverile; quando i vulcani spenti si ricoprono di verde.
Lanzarote panorama primaverile; quando i vulcani spenti si ricoprono di verde.
Arrieta; case antiche.
Arrieta; case antiche.
– taxi dall’aeroporto a Playa Blanca:  a partire da 36 euro.
 Case sotto il vulcano spento.
Case sotto il vulcano spento.
-Se si è in due o più persone vale la pena di considerare il noleggio di un’auto. L’isola è molto bella è differenziata; se poi amate le fotografie l’auto è il mezzo migliore.
Cactus fiorito e insetto. Jardin de Cactus a Guatiza.
Cactus fiorito e insetto. Jardin de Cactus a Guatiza.
-Uno dei noleggi più economici è “DIRECT CAR”: 0034 928 51 22 21 per 45 euro si può avere un’auto piccola per 2 giorni compresa polizza casco,  esclusa solo la benzina. Gli uffici sono in tutte le località più importanti. Il sabato e domenica lavorano sino alle 12,30. Gli altri giorni riaprono dalle 17  alle 20.
Cactus dei Giardini dei Cactus (Jardin de Cactus).
Cactus dei Giardini dei Cactus (Jardin de Cactus).
-Ad Arecife si trovano auto meno care che in altre località costiere: anche 70 euro per 1 settimana per un’auto di piccola cilindrata, ma comunque si può sempre trattare, l’importante è avere la polizza tutto incluso; compresa la casco.
fiore esot grande ok

-Nelle agenzie turistiche è possibile prenotare il bus “Lanzarote Vision”, con le spiegazioni in varie lingue, e che ha due itinerari differenti comprendenti quasi tutta l’isola.  Ci si può fermare e risalire a piacere (19,50 euro per 1 giorno, 24,35 per 2 giorni). Ottimo per chi ha fretta e non sa organizzarsi da solo.

Lanzarote ciuffi di primavera tra i vulcani ok

ISOLA GRACIOSA

-Con 28 euro si possono prenotare il bus dall’albergo e il traghetto per l’isola Graciosa. Una volta sull’isola le spiagge si raggiungono camminando o con le bici che si affittano sul posto; con 48 euro è compreso anche  il giro in barca su alcune spiagge, pasti e bibite: LINEAS MARITIMAS ROMERO www.lineasromero.com. prenotazioni tel 0034.902 401 666, uffici tel 0034.928 84 20 55 info@lineasromero.com.

Grandi cactus a Playa Blanca.
Grandi cactus a Playa Blanca.

-I traghetti da Orzola all’Isola Graciosa: partenze ogni ora dalle 10 da Orzola sino alle 18, e alle 19 solo giugno-ottobre; partenze dall’isola Graciosa dalle 8, ogni ora,  sino alle 17, sino alle 18 in estate. Studiando bene gli orari è possibile usare anche i bus pubblici, ma a conti fatti non vale la pena.

Lanzarote vulcano rosso2

SPOSTAMENTI PER MARE: per raggiungere l’isola La Graciosa o Fuerteventura, quest’ultima a soli 40 minuti da Playa Blanca.
LINEAS MARITIMAS ROMERO www.lineasromero.com www.videocosta.com  tel. 0034-928 84 20 55.
Fuerteventura è visibitabile in giornata: sia prendendo il traghetto (c.a. 20/23 euro) da Palya Blanca, sia pagando l’escursione (45/48 euro) che preleva dall’albergo, comprende il ferry e il bus che porterà a visitare l’isola e le sue dune; ricordarsi che, sulle dune, non c’è riparo dal sole.
Voli da un’isola all’altra con la compagnia BINTER CANARIAS.
Lanzarote vista da Fuerteventura.
Lanzarote vista da Fuerteventura.
LOCALITA’ DA NON PERDERE.
Partendo da sud:
Playa Blanca dal mare.
Playa Blanca dal mare.
Playa Blanca. Porto.
Playa Blanca. Porto.
Playa Blanca. La spiaggia denominara Playa Dorada.
Playa Blanca. La spiaggia denominara Playa Dorada.
Playa Blanca; il centro.
Playa Blanca; il centro.
PLAYA BLANCA,  a sud ovest,  è la migliore località come clima, abbastanza tranquilla e con buone spiagge come quella di Playa Dorada.
Ibiscus.
Ibiscus.
PUERTO DEL CARMEN, a sud di Arrecife (la capitale), è la zona più ricca di divertimenti, più turistica e più frequentata.
Lanzarote. El Golfo, Lago de los Clicos.
Lanzarote. El Golfo, Lago de los Clicos.
EL GOLFO, a nord-ovest di Playa Blanca, è frequentato per i suoi famosi ristoranti, per il vicino piccolo lago de los Clicos, molto scenografico, e per le vicine Salinas del Janubio.
Salinas de Janubio.
Salinas de Janubio.

 

Salinas de Janubio.
Salinas de Janubio.
Playa Quemada: spiagge. Quella in fondo è in sottilissima arena nera.
Playa Quemada: spiagge. Quella in fondo è in sottilissima arena nera.
PLAYA QUEMADA: a nord-est di Playa Blanca; una meta più frequentata sia dai locali che dai turisti; la spiaggia assolutamente nera e le case bianchissime meritano più di uno sguardo. Al largo si coltivano frutti di mare. Tante le trattorie tipiche, come la “7 islas”.
La tradizionale trattoria "7 Islas" a Playa Quemada.
La tradizionale trattoria “7 Islas” a Playa Quemada.
PUERTO CALERO: tra Playa Quemada e Puerto del Carmen è la località più chic dell’isola. Frequentata soprattutto dai possessori di barche per il comodo porto, la pesca d’altura e il golf.
Puerto Calero.
Puerto Calero.
YAIZA: la cittadina più bella di Spagna per la sua ordinata urbanizzazione di sole case basse e bianche magnificamente contrastanti con la lava nera che le circonda.
Yaiza.
Yaiza.
ARRECIFE: la capitale con una bella passeggiata lungo il mare, grandi giardini pubblici ben attrezzati ed immensa spiaggia in centro città.
Spiaggia in centro città.
Spiaggia in centro città.
Giardini pubblici e pratica dello sport.
Giardini pubblici e pratica dello sport.
Arrecife. Biciclette lungo la spiaggia in centro città.
Arrecife. Biciclette lungo la spiaggia in centro città.
Arrecife: giardini pubblici.
Arrecife: giardini pubblici.
COSTA TEGUISE: a nord di Arrecife è una delle spiagge più famose e belle.
LA SANTA: località isolata a nord di Tinajo, è famosa per un albergo dove si allenano anche i più noti atleti del mondo. Qui si praticano numerosissimi sport per la perfetta messa in forma: dalla bici, al wind-srf… alle più sofisticate forme di allenamento.
-Sono famosi i deliziosi, e quasi dolci, gamberi che si pescano qui ed hanno il medesimo nome della località.
LA CALETA DE FAMARA: a nord ovest dell’isola, è famosa tra i surfers.
Arrieta.
Arrieta.
ARRIETA: a nord est, si tratta di un piccolo paese, molto caratteristico, e amato da un certo turismo che cerca tranquillità e un bel mare. Qui le spiagge non sono scenografiche, ma offrono riparo e permettono il bagno anche quando tira vento, quest’ultimo è una costante dell’isola di Lanzarote e serve a mitigare il caldo dell’estate.
Arrieta spiaggia riparata dal vento; dove si può fare il bagno anche in pieno inverno.
Arrieta spiaggia riparata dal vento; dove si può fare il bagno anche in pieno inverno.
ARRIETA: deliziosa la terrazza sul mare del BAR EL PASITO.
Bar El Pasito. La sua terrazza sul mare.
Bar El Pasito. La sua terrazza sul mare.
Arrieta. Spiaggetta ben riparata dal vento, ottima per i bagni invernali.
Arrieta. Spiaggetta ben riparata dal vento, ottima per i bagni invernali.
ARRIETA AFFITTI: nel negozio di alimentari “Supermercato Arrieta”, vicino al bar EL PASITO; appartamenti da 30 euro al giorno, anche per 4/5 pax; chiedere di Concha o Aurora al  tel. 0034- 680 39 77 19, 0034-92 88 42 132, 0034-92 88 420 36. claudiago2422@hotmail.com  apartamentosarrieta@hotmail.com
Arrieta. Splendida facciata.
Arrieta. Splendida facciata.
Numerosissimi i cartelli affittasi; si può concordare un buon prezzo per 1 o 2 mesi in bassa stagione.
Arrieta. Casa dei pescatori.
Arrieta. Casa dei pescatori.
Arrieta. Bar El Pasito con terrazza sul mare.
Arrieta. Bar El Pasito con terrazza sul mare.
PUNTA MUJERES: subito a nord di Arrieta è molto più  frequentata, ma ha mantenuto il suo fascino tradizionale.
piante grasse particolare

-All’interno dell’isola meritano una visita anche i villaggi di: Macher, Uga e la bellissima Yaiza, (già sopra nominata) quest’ultima riconosciuta come il più affascinante  e pulito villaggio spagnolo; un vero incanto bianco circondato dalla nerissima lava.

Lanzarote sud. La Geria a nord di Jaiza. Qui l'antica lava, nera calda e ricca di nutrienti, è usata per facilitare la produzione di un vino eccellente.
Lanzarote sud. La Geria a nord di Jaiza. Qui l’antica lava, nera calda e ricca di nutrienti, è usata per facilitare la produzione di un vino eccellente.
La Geria.
La Geria.

La Geria, nord di Yaiza, è spettacolare per le foto al mattino presto o verso il tramonto. Qui  si può vedere come il genio umano sia riuscito a sfruttare il desolato territorio delle eruzioni e trasformarlo in fruttuose coltivazioni, specie vigneti.

La Geria.
La Geria.
La Geria, grafica e agricoltura.
La Geria, grafica e agricoltura.
La Geria. Coltivazioni di uve nella lava, protette da muretti a semicerchio.
La Geria. Coltivazioni di uve nella lava, protette da muretti a semicerchio.

-Orzola cittadina di pescatori/ristoranti  è anche il porto da dove partono i traghetti per l’isola della Graciosa.

Orzola, a nord dell'isola di Lanzarote, famosa per la pesca e per essere il porto di partenza per l'isola della Graciosa. Numerosi i ristoranti che offrono pesce fresco.
Orzola, a nord dell’isola di Lanzarote, famosa per la pesca e per essere il porto di partenza per l’isola della Graciosa. Numerosi i ristoranti che offrono pesce fresco.
Orzola. Vulcano spento e ristoranti.
Orzola. Vulcano spento e ristoranti.

-Agenzia Last Munte Travel escursioni da 33 euro per gli adulti, 17 euro per i bambini. www.lastminute-transfer.com book@lastminute-tranfer.com;  anche per trasferimenti da per aeroporto.

Il porto di Orzola, estrema punta nord a 40' di barca dall'Isola della Graciosa.
Il porto di Orzola, estrema punta nord a 40′ di barca dall’Isola della Graciosa.
ISOLA LA  GRACIOSA
La Graciosa, piccolissima isola a nord di Lanzarote; Caleta de Sebo, porto di approdo da Lanzarote (40' di navigazione).
La Graciosa, piccolissima isola a nord di Lanzarote; Caleta de Sebo, porto di approdo da Lanzarote (40′ di navigazione).
-La destinazione più tranquilla e intatta è l’isola Graciosa; con una superficie di solo 25 kmq., pochissimo turismo e niente strade asfaltate.
-E’ il luogo ideale solo se non temete la solitudine. Unico difetto: è un poco più piovosa (in inverno) del sud dell’isola di Lanzarote.
-La Graciosa è il sogno di ogni pescatore, amante della tranquillità più assoluta, nuotatore-apneista e buongustaio del pesce.
Isola La Graciosa; Caleta de Sebo.
Isola La Graciosa; Caleta de Sebo.
48 euro è il prezzo per raggiungere l’imbarco per la Graciosa dall’albergo, ovunque vi troviate, e poi circumnavigare l’isola Graciosa con una barca e sostare su di una bellissima spiaggia. La cifra comprende anche l’aperitivo e una deliziosa pajella.
-Altre precisazioni più sotto.
COSA VISITARE:
Jardin de Cactus. Disegno.
Jardin de Cactus. Disegno.
Jardin de Catus. Guatiza.
Jardin de Catus. Guatiza.
JARDIN DE CACTUS
JARDIN DE CACTUS: il meglio è andarci in primavera; fine marzo, quando sbocciano i fiori.
Disegnati dal famoso e bravo artista di Lanzarote César Manrique, che tanto si occupò dello sviluppo dell’isola e della sua armonia con la natura.
Possibilmente visitare i giardini al mattino o verso il tardo pomeriggio; in pieno giorno fa molto caldo.
Orario: 10-17,45, entrata 3-5 euro.
Panorama dal Jardin de cactus.
Panorama dal Jardin de cactus.
Jardin de Cactus.
Jardin de Cactus.
La Graciosa panni stesi e safari
MONTANAS DEL FUEGO. TIMANFAYA: un istruttivo percorso, in uno straordinario paesaggio, per apprendere molto sui vulcani.
-La meta obbligata di tutti i turisti, ma anche di studiosi.
Lanzarote. Paesaggio al tramonto.
Lanzarote. Paesaggio al tramonto.
CULTURA DA VISITARE
Diverse sono le mete culturali: il Museo Internazionale di Arte Moderna  (MIAC) di Arrecife si trova nell’antica Fortezza del Castello di San José, il Monumento al Campesino creato da César Manrique, vicino a Mozaga, la Fundacion César Manrique a nord di Arrecife e il mercadillo (mercato) di Teguise.
fiore esot aranc
MIRADOR DEL RIO: si trova al nord dell’isola e viene visitato per il panorama di Lanzarote e sulla vicina isola Graciosa. La strada per raggiungerlo è abbastanza stretta.
Lanzarote nord. Mirador del Rio.
Lanzarote nord. Mirador del Rio.
JAMEOS DE AGUA e CUEVA DE LOS VERDES: entrambi sono scenografiche mete turistiche realizzate da César Manrique dentro tunnel creati dalla lava vulcanica. All’interno esiste un lago creatosi per infiltrazione delle acque.
www.centrosturisticos.com fornisce anche biglietti scontati per la visita a tutti i 4 centri culturali: Timanfaya, Jardin de cactus, Jameos de agua valido 7 gg, per 26 euro.
Ibiscus.
Ibiscus.
MILANA: Associazione Artistica Femminile che si occupa di lavori con colori naturali come la cocciniglia; qui ancora coltivata per produrre il famoso rosso naturale. La sede si trova a nord dell’isola di Lanzarote.
Lanzarote casa
DOVE DORMIRE?
-Playa Blanca:
Hotel Princesa Yaiza, 5 stelle.
Hotel Princesa Yaiza, 5 stelle.
-hotel 5 stelle: “Vulcano” non lontano dal centro, molto elegante, ottimi ristoranti / “Princesa Yaiza” centralissimo, eccellente hotel, molto chic.
-hotel 4 stelle: “Gran Castillo”; camere da c.a. 120 euro mezza pensione, diversi ristoranti, ottimo rapporto qualità/prezzo. Lontano 25′ a piedi dal centro di Playa Blanca che si raggiunge con una bellissima passeggiata pedonale, lontano dal traffico e affacciata sul mare.
-il più economico 4 stelle: hotel Hesperia, offerte speciali in  bassa stagione da 1700 euro al mese in mezza pensione. Frequentazione e stile culinario tedesco. Buon albergo che deve essere ristrutturato. Vicinissimo alla spiaggia. Piscina interna a pagamento, non è affatto calda.
-hotel 3 stelle: Melià con un ottimo rapporto qualità prezzo.
PUERTO CALERO:
Per un soggiorno elegante il lusso del 5 stelle: “Hotel Esperia”; Urb. Cortijo Viejo (Puerto Calero) Lanzarote (Canarie) – Spagna Tel. +34 828080800 | Fax: +34 828080810 | Email: hotel@hesperia-lanzarote.com Centro Prenotazioni +800 0115 0116 (vedi più sotto altre precisazioni)

www.nh-hotels.it

VEDI ANCHE:  INFORMAZIONI SUGLI APPARTAMENTI IN AFFITTO.

DOVE SONO LE SPIAGGE PIU’ AFFASCINANTI?

-A sud dell’isola, è  imperdibile la gita alla zona di Punta Papagajo: le spiagge più seducenti dell’isola. Da Palya Blanca si raggiungono con una bella e lunga camminata, con le bici  o con il bus, chiedere all’ufficio del turismo in centro paese) dove è la fermata. I biglietti si fanno a bordo. Queste spiagge si trovano abbastanza vicino all’albergo “El Castillo”, all’esterno lato est di Playa Blanca.

Meritano sicuramente una sosta anche le isole LOBOS, raggiungibili solo con le barche che offrono passaggi a pagamento; da Fuerteventura.

-Con una barca privata si possono raggiungere le isole Los Lobos, tra Lanzarote e Fuerteventura. Qui il mare è meraviglioso e pescosissimo. Ottimo anche per lo snorkeling e per incontrare i delfini (Escursione da 50 euro a persona per un giorno).

La Graciosa, caleta de Sebo dal mare.
La Graciosa, caleta de Sebo dal mare.
Ristoranti sull’isola di Lanzarote:
-il più caratteristico e familiare è “7 ISLAS” a Playa Quemada, una meta più frequentata dai locali che dai turisti, ma la spiaggia assolutamente nera e le case bianchissime meritano uno sguardo. Al largo si coltivano frutti di mare. www.larutadelbuenyantar.com/7islas.html  tel. 0034 928 17 32 49
13 euro per una birra, un grande piatto di grandi e freschissime sardine alla griglia più il caffè con la moka
-i migliori ristoranti di pesce si trovano a EL GOLFO, a nord ovest di Plaga Blanca.
-“EL CALETON” senza grandi pretese, con tavoli vista mare, buon rapporto qualità prezzo. Farsi portare il pesce del giorno e scegliere. Attenzione loro non tengono il famoso pesce “la vieja” se non preso all’amo il giorno stesso. Infatti quello catturato nelle “ceste” può essere vecchio di qualche giorno e il sapore delicato ne risente moltissimo. Antipasto con frutti di mare, birre, pesce fresco alla piastra con contorno da 42 euro per 2 persone.  Avenida Maritima del Golfo, 66, www.larutadelbuenyantar.com/caleton.html tel. 0034 650 064 693
-il “MAR AZUL”, attenzione ne esiste uno all’inizio del centro di El Golfo con un  nome simile,  ma il “Mar Azul” è il più elegante, si può prenotare un tavolo sulla spiaggia o al primo piano sul terrazzo con una magnifica vista mare, riparato se c’è vento. Purtroppo hanno anche un enorme congelatore; sconsigliabile andarci durante le festività. Abbastanza caro per la media del luogo. Per 2 persone 72 euro: frutti di mare, pesce alla griglia, dolce, birre, caffè.

ATTIVITA’ SPORTIVA.

-Camminare è l’attività più sana e meno costosa per conoscere i dintorni di dove si alloggia.

-Comunque esistono tutte le possibilità di fare sport: dalla bici, la surf, alle immersioni, alla pesca d’altura (I campionati internazionali si tengono in settembre), palestre ecc…

-I più prestigiosi nomi dello sport mondiale si ritirano a La Costa, nord ovest dell’isola, per la messa in forma. Specialisti e super attrezzature a disposizione dei clienti.

-PESCA D’ALTURA: Marlin, Wahoo, Tonni, Squali, Swordfish… i campionati mondiali si tengono in settembre, che è il meglio per pescare sino a novembre. Rubicon Fishing aPlaya Blanca, 500 euro per noleggiare una barca, oppure è possibile partecipare alle uscite di  pesca con altre persone. www.rubiconfishing.com info@rubiconfishing.com. Altro indirizzo a Playa Blanca: Fishing “MIZU”.

ULTERIORI DETTAGLI SULL’ISOLA LA GRACIOSA

La Graciosa Caleta de Sebo escursioni

La Graciosa si trova nel punto più settentrionale dell’arcipelago delle Canarie. Ha un clima meno soleggiato e più ventilato di Lanzarote, pochi abitanti di cui molti ancora pescatori, poco cemento, natura, ampie spiagge selvagge, mare da infarto!

La Graciosa cane

Qui ci si rilassa, si gode il mare e il silenzio. Il  ritmo di vita è particolarmente lento; ottimo il pesce fresco!

La Graciosa è l’unica isola abitata dell’arcipelago di Chinijo, isole e isolotti di orgine vulcanica a nord di Lanzarote.

Tutto l’arcipelago è riserva naturale. Le cinque isole del parco sono caratterizzate da spettacolari formazioni vulcaniche, un’avifauna di grande interesse naturalistico; ideale per il bird-watching; si tratta della più ampia riserva marina d’Europa. Chinijo è uno degli angoli meno conosciuti e più selvaggi delle di tutta la Spagna.

La Graciosa si raggiunge via mare dal porto di Órzola, nel nord di Lanzarote, soltanto 20 minuti per raggiungere  Caleta de Sebo (in tutta l’isola solo 600 abitanti).

Le spiagge dell’isola hanno il segreto del loro facino nella loro bellezza selvaggia :  Playa Francesa ( si raggiunge abbastanza velocemente dal porto di Caleta de Sebo),  Playa Cucina (dove si usa cucinare alla brace), Playa Amarilla, Playa Las Conchas (bella, ma abbastanza lontana)  e Playa de los Conejos dove vanno gli apneisti e raggiungibile con una lunga camminata.

E’ bene ricordare che le spiagge non hanno ripari; indispensabile un cappello, gli occhiali da sole e un abbigliamento che difenda dal sole che è forte anche in inverno.

In inverno sull’isola non  mancano anche giornate nuvolose e ventose.

I sentieri di Isla Graciosa si percorrono a piedi o in bicicletta, la gita consigliata è organizzata con bus e barca per un giro dell’isola e pranzo.

Gli appassionati di pesca scopriranno un paradiso unico in Europa.

E’ possibile fare anche katesurf e le immersioni; il meglio sulla costa nord orientale.

Gli alloggi, abbastanza economici, sono reperibili da internet o tel 0034 928842118 / 680 397 719 / 928 842 036, camere da 25 euro o 28 con balcone (per una sola notte 3 euro in più). Appartamento 40 euro a notte. Quasi tutti, comunque, affittano camere. 

Alla Caleta del Sebo si trova quanto serve, dalla banca, alla farmacia, al medico a tutti i negozi basilari.

fiori ok

IMMOBILI, AFFITTI E ACQUISTI.

Lanzarote: tramonti.
Lanzarote: tramonti.

Tutte le foto del servizio e i testi sono di Grazia Seregni.

—————————————————-

A LANZAROTE SI PRODUCE L’ALOE VERA CHE DONA BENEFICI EFFETTI AL NOSTRO CORPO. CURE E MASSAGGI PRESSO L’HOTEL ESPERIA,  5 STELLE DI PORTO CALERO.

image001

Hotel Esperia, Porto Calero. Foto di Pia Bassi

Articolo di Pia Bassi.

Rivitalizzante, idratante, rinfrescante, lenitiva, antiossidante, antinfiammatoria, stimolante collagene ed elastina: sono alcune delle virtù dell’aloe vera, pianta dai poteri miracolosi. L’isola di Lanzarote vanta il primato europeo per estensione di piantagioni. L’estratto della pianta grassa coltivata nell’arcipelago a pochi chilometri dalle coste marocchine è uno degli ingredienti utilizzati per massaggi rigeneranti nella Spa dell’Hotel Hesperia di Lanzarote, esotico resort a 5 stelle affacciato sull’Oceano.

Una pianta dalle mille virtù: l’aloe vera, la regina delle piante medicinali

L’aloe vera (Aloe Barbadensis Miller) è una pianta succulenta che predilige i climi caldi e secchi. In Europa, le uniche coltivazioni di aloe di una certa importanza sono proprio quelle delle isole Canarie: la sua presenza è una costante a Lanzarote, sia come vegetale ornamentale nei giardini, sia nelle piantagioni destinate al commercio. Chi vuole provare le proprietà cosmetiche dei suoi componenti, può acquistare infatti a Lanzarote una vasta gamma di prodotti a base di aloe vera: dalle creme ai gel, fino al dentifricio.

Il suo uso è testimoniato già presso i Sumeri attorno al 2000 a.C. e pare che anche la regina egizia Nefertiti (1366-1338 a.C.) ne facesse uso per mantenere la sua bellezza. Grazie alle sostanze contenute nel gel trasparente interno (soprattutto zuccheri complessi), le creme estratte da questa pianta grassa svolgonouna forte azione rigenerate della pelle, proteggono da batteri e infiammazioni e hanno eccezionali proprietà curative nel trattamento delle ustioni.

 

Il trattamento da provare assolutamente nella Spa del’Hotel Hesperia, 5 stelle di Porto Calero, è il massaggio all’aloe vera (68,00 Euro, 45 minuti): massaggio rilassante che grazie alle proprietà dell’aloe vera dona nutrimento e vitalità alla pelle, penetra negli strati più profondi della pelle esercitando con le sue vitamine, zuccheri, enzimi e minerali un’azione rigenerante e rivitalizzante.

La filosofia del centro benessere dell’Hotel Hesperia si basa sull’utilizzo di ingredienti locali: oltre all’aloe,le pietre nere laviche, che prima di essere impiegate nei massaggi vengono portate sul vulcano Timanfaya per essere ricaricate di energia, e il vino dell’isola, che nasce da viti coltivate in buche scavate nel terreno lavico e protette da muretti di pietra a secco. I trattamenti «a chilometro zero» sono un ottimo modo per rigenerarsi assorbendo le vibrazioni positive emanate da questa terra di origine vulcanica.

Hotel Hesperia, 5 stelle di Porto Calero: un’offerta imperdibile per soggiornare in un hotel di lusso a un prezzo molto vantaggioso: camera doppia standard con prima colazione a partire da Euro 81,00 + 7% tasse nei mesi di aprile, maggio e giugno 2013. Possibilità di avere il trattamento ‘All inclusive’ con supplemento di Euro 50,00 al giorno a persona.

Prenotazioni sul sito www.hesperia-lanzarote.com, oppure telefonando al +34 828 080 800.

Dall’Italia  Lanzarote si raggiunge con voli diretti Ryanair da Bergamo Orio al Serio e Bologna, oppure via Spagna.

L’Hesperia Lanzarote è un hotel 5 stelle che si affaccia sull’Oceano con quattro piscine esterne e vari ristoranti, una spiaggia di sabbia vulcanica dotata di un’enorme terrazza che la notte ospita un fantastico Chill Out Bar: il Lanz Beach Club. E soprattutto una Spa che gode di luce naturale ed è dotata di piscina interna e di Sport Club con solarium, vasca idromassaggio, sauna, bagno turco. La Spa offre un’ampia scelta di massaggi eseguiti con tecniche manuali benefiche, oltre ad una vasta gamma di trattamenti: ciotole tibetane, cristalloterapia e pietre calde che sapranno infondere nuova energia.

Hesperia Lanzarote fa parte di NH hotels (www.nh-hotels.com) il terzo gruppo europeo di operatori alberghieri con circa 400 hotel e 60.000 camere in 26 paesi tra Europa, America e Africa. Attualmente la società sta costruendo 21 nuovi hotel che forniranno complessivamente più di 3.000 camere.

—–

 HOTEL ESPERIA A PUERTO CALERO

L’Hotel Hesperia Lanzarote, situato nella più affascinante isola delle Canarie, annuncia la novità del 2013: un pacchetto all inclusive rivolto alla clientela più esigente, che comprende tutte le proposte gastronomiche ed i servizi per il tempo libero. Gli ospiti potranno così godere dell’esclusività di un resort a 5 stelle usufruendo di un pacchetto completo a prezzi molto competitivi.

Oltre al soggiorno in camere ultra confortevoli, il pacchetto comprende un’ampia gamma di servizi: cucina internazionale, piscine attrezzate con sedie a sdraio e asciugamani, intrattenimento, bevande in tavola, standard WI-FI, accesso alla palestra e alle attività sportive (tennis, padel tennis, squash, beach volley, ping pong e minigolf), noleggio di attrezzature sportive, inoltre sale da lettura e TV, area giochi, show e musica dal vivo al Piano Bar.

Prezzo della camera doppia nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno 2013: a partire da Euro 81,00 + 7% tasse al giorno (Pasqua esclusa). Supplemento ‘All inclusive’: Euro 50,00 a persona al giorno.

I bambini apprezzeranno particolarmente l’area giochi riservata a loro e l’animazione offerta dalla mascotte dell’albergo, Hesperio. L’hotel dispone anche di Kids Rooms, camere dedicate alle famiglie con un arredamento pensato appositamente per farle sentire proprio “a casa”.

Jordi Caralt, General Manager di NH Resorts, di cui l’Hesperia Lanzarote fa parte, commenta: “Con questa nuova iniziativa i nostri ospiti potranno usufruire di servizi di lusso ad un prezzo molto competitivo in un paesaggio paradisiaco”.

Il supplemento “All Inclusive”, sommato ai prezzi di Bed & Breakfast e di Mezza Pensione offerti dall’albergo, sarà strutturato in tre livelli, Gold, Silver e Kids, inclusivi di differenti prodotti e servizi, in modo da soddisfare le diverse esigenze di un singolo, di una coppia o di una famiglia che desidera godere al massimo di una vacanza a Lanzarote.

Gli altri due NH Hotel nelle Canarie – l’Hesperia Playa Dorada, sempre a Lanzarote, e l’Hesperia Troya a Tenerife – inizieranno anch’essi quest’anno ad offrire una tariffa standard “all inclusive”.

L’Hotel Hesperia Lanzarote nel paradiso delle Canarie

L’Hotel Hesperia Lanzarote è ubicato a fianco dell’esclusiva marina di Puerto Calero, a soli 10 minuti d’auto dall’aeroporto e a breve distanza da tutte le attrazioni dell’isola. Il complesso comprende 335 camere e dispone di WI-FI, ampi spazi, tre piscine per adulti e una per bambini, tre ristoranti, mini club, area giochi, campi da tennis, squash e padel tennis, oltre a programmi anti stress e trattamenti personalizzati nella Spa e nello Sport Club.

HOTEL HESPERIA LANZAROTE 5 STELLE Urb. Cortijo Viejo (Puerto Calero) Lanzarote (Canarie) – Spagna  Tel. +34 828080800 | Fax: +34 828080810 | Email: hotel@hesperia-lanzarote.com Centro Prenotazioni +800 0115 0116 www.nh-hotels.it 

 —-

IL MERCATO IMMOBILIARE A LANZAROTE

Il mercato immobiliare è in discesa, scarsi gli acquirenti, scendono meno le proposte di lusso. Le banche hanno un loro dipartimento che si occupa di fallimenti e le offerte, a volte, sono veramente interessanti, Vedere sul sito delle varie banche come: Banco di Sant’Ander ecc…, per le precisazioni si deve telefonare ai numeri indicati o fissare un appuntamento.

Gli affitti partono da 280 euro al mese, per lunghi periodi. Se si affitta a settimana i prezzi cambiano completamente, ma in bassa stagione si può trattare.

E bene ricordare che il prezzo di vendita è inferiore, anche di molto, rispetto alla richiesta ufficiale.

I migliori immobili a Playa Blanca si trovano da AGueri, Avda. Maritima 117, ovvero sulla passeggiata sul mare. Come sempre sono anche i più costosi. Fronte mare, 1 camera da letto, cucina-salotto e 2 bagni, su 2 piani, balcone, giardinetto, vista sulle piagge di Punta Papagayo, in prima fila sul mare: 150 euro; condominio di lusso, come l’arredo elegante e moderno comprende la lavastoviglie. www.agueri.com info@agueri.com tel. 0034.51 80 99. Con vista mare si trovano anche a partire da 120.000 euro, ma in condizioni molto più modeste.

Anche la lussuosa Porto Calero è compresa nelle varie offerte di Location, Property Consultants,  a Costa Teguise (nord est dell’isola),  C/Los Geranios, local 1, (vicino a Lanzarote Bay), info@location-lanzarote.com www.locationlanzarote.com tel. 0034. 928 827 257. Offerte interessanti da 133/150 euro.

Altro immobiliarista: House Lanzarote, Avda.de las Playas 1, L2, Puerto del Carmen, www.HouseLanzarote.com tel. 0034.928 596 220.

 

 

Libro La stanza dell’Ambra 2a puntata 2018

I “SEGNI” E LE MEMORIE CHE NON DOVREMMO DIMENTICARE PER UN FUTURO, SI PUO’ SOLO SPERARE, MIGLIORE.

La memoria dei rari sopravvissuti all’assedio di Leningrado (oggi San Pietroburgo) e la Storia, dovrebbero aiutare gli europei, ma non solo, a non dimenticare perché non si ripeta quello che qui accadde durante la seconda guerra mondiale e in tutte le altre simili tragedie, purtroppo ancora tanto attuali nel mondo. Ricordare per dire basta, ma quanti lo vogliono veramente? L’egoismo, l’ingordigia, l’indifferenza, l’ignoranza e la superficialità non sono mai morte!

QUESTA E’ LA STORIA

Prima di sconfiggere: Polonia, Danimarca, Belgio, Olanda e Norvegia, verso la fine del 1940, Hitler programmò il piano “Barbarossa”; convinto di poter annientare rapidamente la Russia.
L’esercito tedesco, per aggredire l’Unione Sovietica, mise in campo ben 5,5 milioni di soldati e ufficiali, 4.300 carri armati, 47.200 cannoni e mortai, 4.980 aerei da combattimento e 192 navi da guerra. Inoltre, anticipatamente, svolse un’accurata opera di spionaggio preventivo tra la Germania e Leningrado; Kauai alla Poipu Beach proponendosi come salvatore dell’oppressore comunista e trovando molti dissidenti ben disposti a tradire la patria.
“Alle quattro del mattino del 22 giugno del 1940 la Germania, violando i reciproci accordi di non belligeranza, aggredì la Russia sganciando bombe su città e villaggi immersi nel sonno. Ungheria, Romania, Finlandia ed Italia entrarono in guerra in appoggio alla Germania. A mezzogiorno dello stesso giorno le stazioni radio dell’URSS informarono la popolazione che la responsabilità dell’aggressione doveva ricadere solo sui dirigenti militari tedeschi”. Questo è il riassunto di quanto Jaqueline imparerà leggendo uno dei tanti libri disponibili nella biblioteca del palazzo di San Pietroburgo.
In un altro testo, più precisamente nel libro “I 900 giorni dell’assedio di Leningrado”, dell’americano Harrison Salsbury, Jaqueline leggerà un’interpretazione dei fatti totalmente in contrasto con il libro “L’epopea di Leningrado” scritta da militari russi. Questi ultimi, qualunque sia stata la verità, non avrebbero mai potuto scrivere sull’impreparazione dei vertici dell’URSS ad affrontare l’improvvisa aggressione delle SS. I concetti espressi dal testo rimarranno così nella memoria di Jaqueline e l’aiuteranno a vedere il mondo con occhi diversi: “La situazione non lasciava presumere alcunché di buono. Di fatto, il tragico assedio a Leningrado fu la conseguenza di molti errori strategici e di disinteresse.
L’attacco nazista aveva trovato Stalin assolutamente impreparato e questo lo fece precipitare in un grave stato di collasso psichico. Se ne stava chiuso nella sua stanza, incapace di partecipare attivamente al governo del paese. Zhdanov, il vero artefice della politica russa nei confronti del governo nazista, nel 1930 aveva detto della Germania: “Non può e non sarà disposta a combattere su due fronti”. Zhdanov aveva anche fatto scrivere il 29 giugno del 1939 sulla Pravda, come opinione personale, che l’Inghilterra e la Francia non avrebbero mai stretto un’alleanza con la Russia; anzi erano intenzionate ad intrappolarla per coinvolgerla nella guerra contro Hitler. Tuttavia, ammise anche che: “Amici erano di opinione contraria”.
Zhdanov era il delfino di Stalin e fu certo determinante per il patto nazi-sovietico del 23 giugno 1939. Forse fu proprio per questi fatti che, allo scoppio della guerra tra Russia e Germania, egli era irreperibile sia a Leningrado che a Mosca: si trovava in vacanza in Crimea. Il grande stato sovietico i primi giorni dell’attacco nazista era completamente alla deriva, senza una guida.
Questo fu uno dei grandi errori che “prepararono” la tragedia dei 900 giorni di assedio a Leningrado.
Prima dell’attacco, le spie tedesche avevano, da tempo, superato le frontiere dell’URSS e si erano accordati con i dissidenti per la facile resa di alcune città importanti e le forze schierate erano assolutamente impari. Oltre al vantaggio della sorpresa, i tedeschi avevano dalla loro parte milioni di soldati e ufficiali, mezzi corazzati ed aerei decisamente superiori, oltre al ben congelato piano “Barbarossa”.
Nessuno il 22 giugno poteva immaginare cosa sarebbe accaduto; a Leningrado si viveva come sempre, quasi increduli dell’attacco tedesco alle frontiere sovietiche”.
Come già accennato sopra, ben diversa è la versione nel libro “L’epopea di Leningrado” (1985), del generale russo N.Kislizyn e del colonnello V.Zubakov, che fu accusato da Salisbury di essere “partigiano” e di non avere sufficientemente evidenziato i giochi di potere ai quali veniva sacrificato il bene della città e, soprattutto, di non avere abbastanza chiarito la prima decisione di Mosca di abbandonare Leningrado al suo destino per salvare la capitale.
A questo proposito i russi Kislizyn e Zubakov scrissero: “…i sacrifici…non furono vani, come cercarono di presentarli alcuni storici e giornalisti occidentali. Il libro “I 900 giorni dell’assedio di Leningrado” è chiaramente esplicativo. L’autore era il giornalista americano Harrison Salisbury, che si trovava nell’URSS durante la guerra; in veste di corrispondente dell’agenzia “United Press”.
Egli, visitò nel 1944 Leningrado liberata dall’assedio. Nel suo libro troviamo esempi di coraggio e di eroismo; riportati (secondo la versione russa dei fatti) soltanto per creare l’apparenza di un’esposizione obbiettiva, mettendone in risalto gli episodi più scabrosi e i fatti più foschi e penosi. Secondo i russi, Salisbury scrive di Leningrado come di una città condannata, sostiene come il successo nella sua difesa sia un fatto più dovuto al caso che alla capacità di resistenza dei russi. “..in questo libro…si riflette l’aspirazione…a ridurre l’importanza delle gesta eroiche del popolo sovietico…”; questa è la tesi sostenuta dalla Russia.
Ovviamente ognuno parla dei fatti secondo il proprio punto di vista politico, ma le sofferenze, l’eroismo dei combattenti e dei comuni abitanti della città martire è bene che rimangano come monito per le generazioni future.
Nel 2008 il settimanale Der Spiegel ha pubblicato alcuni documenti inediti, rinvenuti negli archivi di Mosca. Da essi si evince che Stalin fu diffidente nei confronti dei rapporti dei propri agenti, relativi alla possibilità di intervento del Terzo Reich contro la Russia, perché già in passato si erano rivelati non affidabili. Infatti, nel 1936 gli fu erroneamente riferito che Hitler soffriva di un cancro non operabile e che i medici gli avevano dato, come massimo, un anno di vita. Addirittura si parlò della designazione di un successore. Secondo le ultime rivelazioni fu per questo che Stalin non accettò come possibilmente vera la notizia della imminente aggressione da parte delle SS.

SECONDO CAPITOLO

L’  “ASSEDIO” AL CUORE DI JAQUELINE

La viziatissima Jaqueline, abituata a fare ed avere sempre tutto quello che voleva, arrivando a San Pietroburgo, non poteva presagire che il suo cuore avrebbe subito un assedio “devastante”. Anche lei avrebbe vissuto i suoi 900 giorni; pur in ben altro contesto.

QUESTA SARA’ LA TUA REGGIA

“Questa sarà la tua reggia”. Affermò Emanuel portando Jaqueline in braccio dentro il palazzo.
Le luci elettriche all’interno erano state spente. I vetri dei quadri e gli specchi riflettevano il luccichio multicolore dei grandi lampadari di cristallo illuminati dalle bianche candele strategicamente collocate anche sugli antichi candelabri d’argento.
“Tutto qui sembra una grande favola”. Disse Jaqueline, facendo sfavillare la vera nuziale intarsiata di diamanti mentre avvicinava le sue dita lunghe e sottili ad una candela.
La cena venne servita da un cameriere svizzero con i guanti bianchi nel salottino accanto alla camera da letto. I crostini caldi furono ignorati, Emanuel e Jaqueline mangiarono il caviale direttamente con i cucchiaini di madreperla ingurgitando vodka come fosse acqua.
“E’ stato molto carino da parte tua ordinare questi squisiti gamberi di fiume”. Disse Jaqueline non appena il cameriere servì loro “riso pilaff con corona di crostacei di acqua dolce”. “Sapevo di farti felice, da ora sei la zarina del palazzo e ogni tuo desiderio sarà un ordine”. Rispose Emanuel. “Sarai sempre così carino con me per tutta la vita?”. “Certamente, se tu sarai altrettanto comprensiva nei miei riguardi”. “Vorresti dire che dovrò acconsentire ad ogni tua decisione?”; precisò Jaqueline alquanto perplessa. “Ovvio, tu qui sei la zarina, ma io sono lo zar e nessuno ha mai osato contraddirmi. In Russia le mogli hanno sempre obbedito al marito”. “La Russia degli zar non esiste più caro e spero tu stia scherzando e poi mi ricordo di una “certa” Caterina la Grande, alla quale nessuno osava dire di no. Sai bene quanto io sappia essere ribelle!”, rispose Jaqueline. “Smettiamola con i discorsi seri, questa è una delle nostre notti di follia e nulla deve oscurarla”; rispose Emanuel aprendo la cerniera dell’abito di Jaqueline. “Sei troppo bella per fare discorsi seri”. Prese la mano di lei e baciandola disse: “Ti vorrei nuda”. “Per ora accontentati di slacciare sino in fondo la cerniera”, rispose Jaqueline alzandosi e voltandogli le spalle.
L’aderente abito nero, alquanto scollato, scivolò posandosi sui fianchi. I suoi seni perfetti come quelli di una sedicenne erano avvolti solo dalla nuvola di voile di seta del reggiseno trasparente. I capezzoli si inturgidirono e Jaqueline abbandonò il suo corpo tra le braccia del neo marito. Dopo pochi passi di danza entrambi si sentirono avvolti da una vampata di fuoco.
“Dobbiamo ancora assaggiare la torta Sacher che ho fatto arrivare appositamente per te da Vienna”. Emanuel sapeva bene come prolungare l’eccitazione. “Lasciati rivestire, così possiamo richiamare il cameriere”.
Al suono del prezioso campanello di Fabergé il cameriere entrò per servire la torta accompagnata da un raro Moscato di Mumiano, lo stesso che l’imperatore Francesco Giuseppe voleva per i suoi pranzi importanti.
Nel bicchiere di Jaqueline, mentre Emanuel la distraeva, furono versate delle strane gocce.”
Da questo momento non abbiamo più bisogno di te, puoi andare”, disse con la massima disinvoltura il novello sposo al domestico.
Emanuel si alzò ed aprì di nuovo la lampo del vestito della moglie mentre la baciava sul collo lasciando due, poco eleganti, lividi.
Jaqueline rispose voltandosi e baciandolo in bocca profondamente. “Voglio mangiare il dolce ammirando il turgore del tuo seno”, proseguì Emanuel slacciandole anche il reggiseno”.
“Sei bellissima. Brindo ai tuoi occhi, alle tue fossette, alle tue splendide mani, alla tua bocca che non si nega mai ed ai tuoi seni che desidero succhiare all’infinito”.
“Ed io brindo all’uomo che mi fa sentire sexy come nessun altro. Solo tu sei capace di farmi vedere la vita attraverso lenti rosate; anzi rosso fuoco…”. Rispose Jaqueline, mentre un brivido, che ben conosceva, le attraversava tutto il corpo.
Altre due fette di torta accompagnarono la fine della bottiglia.
A questo punto Emanuel si alzò, un poco barcollando, raggiunse la bella moglie e la baciò, “Sembri una dea. Devi ballare con me!”. “Non devo, ma voglio”, rispose Jaqueline, sentendosi pervadere da un fuoco che le bruciava tutta la pelle.

LA VERITA’ SULLA VITA DI EMANUEL.

Qualcuno aveva sussurrato che un pro-zio di Emanuel fosse riuscito, rocambolescamente, a murare nel palazzo di famiglia durante la seconda guerra mondiale, la famosa Stanza dell’Ambra, sparita, senza lasciare alcuna traccia, dopo che i tedeschi l’avevano “messa al sicuro” dalle bombe.
Sentite queste voci, Emanuel aveva organizzato una accuratissima ricerca, rivelatasi infruttuosa e così il tutto era stato accantonato come stupida diceria.
“Dalla vita ho avuto tutto”, era solito dire Emanuele, e l’affermazione corrispondeva al vero, almeno per quello che lo interessava.
Aveva sempre pilotato personalmente il suo aereo e viaggiava pernottando in case private. Il resto per lui non valeva nulla, salvo i soldi e le belle donne; anzi bellissime. Tutte storie finite male, compresa un’ex fidanzata rinchiusa in un lussuoso ospedale psichiatrico.
Secondo gli intimi la colpa sarebbe stata di una strana pillola che lui le aveva somministrato per calmarne la, più che giustificata, gelosia.
Gli psichiatri lo conoscevano bene, alcuni dei più noti avevano cercato di curarlo, ma la sua salute mentale era peggiorata con la maturità, senza che nessuno fosse riuscito a comprenderne a fondo la pericolosa personalità.
Brillante e spregiudicato, lucido e freddo, sapeva come ingannare; quasi tutti.
In un Paese del terzo mondo si trovò nella lista dei ricercati per l’omicidio di una delle tante “fidanzate”, ma gli bastò stare alla larga da quel Paese sino a che il delitto non cadde in prescrizione e dichiarare alla stampa che era stato vittima di una persecuzione giudiziaria.
Per il resto l’aveva sempre fatta franca, fuggito diverse volte dopo incidenti automobilistici che lui stesso aveva causato per ubriachezza, non solo si era salvato grazie alla sua prontezza di riflessi nel rispondere alle domande degli inquirenti, ma anche corrompendo o minacciando quando era il caso.
Vigili, poliziotti e “bravi cittadini” dall’Australia agli USA avevano dovuto o voluto arrendersi alle sue pretese e la sua fedina penale era immacolata, almeno nei paesi dove aveva posseduto una casa. Le impronte digitali di Emanuel non erano mai state segnalate e questo era un bel vantaggio sugli altri; che chiamava stupidi delinquentelli.
“Mi manda Ravin, ti devo segnalare i magazzini Unker, all’una di notte avrai un’ora a disposizione senza le guardie. Entra dall’ingresso laterale sulla via Martin Luter King, in fondo a destra, dietro i pallets con la scritta “Pasta italiana”, troverai i contenitori che ti interessano. Tutti hanno un piccolo bollino verde fosforescente”.
In questo modo era riuscito anche a vendere del materiale radioattivo ad un certo gruppo terroristico, semplicemente segnalando dove e come rubarlo. La percentuale ricevuta era stata usata per largheggiare qualche mese nelle sue spese personali.
Di fatto utilizzava le sue “risorse intellettuali e pratiche” per manomettere auto e moto di amici con affascinanti fidanzate. Una volta messo ko l’uomo, in ospedale o all’obitorio, lui interveniva per consolare la fanciulla di turno. Era un vero esperto, infaticabile inventore di trucchi che facevano sempre sembrare accidentale l’accaduto.
Nella vita aveva anche provato a lavorare “onestamente”. Sfruttando la sua laurea in legge, con specializzazione in diritto internazionale. Aveva esercitato la professione come associato presso un notissimo ufficio a Londra. Il tutto terminò bruscamente con la laconica frase dell’avvocato più anziano dello studio: “Lei ha indebitamente intascato buona parte dei pagamenti dovuti, dalle assicurazioni, ad alcuni nostri clienti. Nel nome di suo padre nulla sarà ufficializzato. Da questo momento la diffido dal cercare lavoro in alcun studio legale, fosse anche nell’Antartico”.
L’altra esperienza lavorativa, nel settore bancario, aveva dato risultati altrettanto disastrosi, sempre per quel suo vizio di intascare soldi altrui. I suoi trucchi, infatti, non erano passati inosservati agli gnomi della banca svizzera presso la quale lavorava. Anche qui fu licenziato con poche parole: “Per il buon nome del suo defunto padre e della banca si tenga ben lontano da ogni tipo di attività finanziaria. I nostri segugi sono già informati, sappia che noi non dimentichiamo mai”.
A cinquant’anni suonati aveva deciso di mettere la testa a posto; leggi trovare una bella e ricca moglie che lo mantenesse.
Nonostante la sua esperienza, la cosa non fu facile.
Le nuove generazioni, laureate presso le più prestigiose università, si rivelarono un osso duro; facevano troppe domande specifiche e lui, prima o poi cadeva in contraddizione. Sapeva ingannare bene, ma non quando si trovava di fronte a persone con una cultura ed una intelligenza superiore alla sua.
Inoltre la stampa gossip, in alcuni Paesi, lo aveva screditato.
Comunque, alla fine i suoi sforzi furono premiati; di lui si era invaghita la giovane figlia del noto produttore cinematografico Le Roy, l’attuale moglie Jaqueline.

NOTA: Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

Seguirà il  3° capitolo; di questa pubblicazione, ma corrispondente al secondo capitolo dle libro.

DUE VOLTE VIOLENTATE – ‘ Così i carabinieri ci hanno stuprate ‘ Una sviene in tribunale … l’altra piange

Violenze verbali, hanno portato a lacrime e svenimento,  anche in Tribunale da parte degli avvocati che difendevano i Carabinieri

I fatti riguardano le due raggazze – studentesse  americane stuprate dai carabinieri, Pietro Costa e Marco Camuffo,, in divisa

a Firenze la scorsa  estate

Per 12 ore nell’aula bunker del tribunale.

Gli avvocati Giorgio Carta e Andrea Gallori, che difendevano i carabinieri, hanno promesso battaglia:

-«Abbiamo presentato 250 domande per ognuna delle studentesse».

 L’interrogatorio risultante è stato definito: lunghissimo, doloroso, spigoloso.

Spesso interrotto  dalle lacrime delle ragazze, e da un malore di una di loro !!!

“Una delle due ragazze americane è svenuta, entrambe hanno pianto ripetutamente”.

La notizia non necessita di commenti.

E’ VERGOGNOSA !!!!

Vedi alcuni dei fatti al link:

SEMPRE PIU’ VIOLENZE SULLE DONNE – A Bergamo operatrice a Catania dottoressa … Roma stuprata e legata nuda … ! – A Firenze da carabinieri – Tentata violenza a bambina da Tunisino

22.500 euro e i nigeriani si potevano rimpatriare

NON è vero, come dichiarato ripetutamente da persone tra le più importanti del nostro governo, che SIA IMPOSSIBILE RIMPATRIARE I “migranti” che delinquono in Italia.

Tra i diversi accordi che abbiamo, già in atto, anche la NIGERIA: li possiamo rimpatriare quando vogliamo.

PERCHE’ NON LO FACCIAMO ?

ALMENO QUELLI CHE SONO NOTI PER DELINQUERE RIPETUTAMENTE !!!

Smettetela di dire bugie alla televisione ! = Non possiamo rimpatriarli, non abbiamo accordi… 

IN REALTA? abbiamo accordi con 3-4 stati e l’Europa con 7 , quindi basta muoversi.

La notizia di cui sopra è stata anche pubblicata dal quotidiano: La Verità 14.2.18

I DATI STATISTICI CHE NON CI DICONO

Non siamo contro l’immigrazione in generale, ma contro ogni persona o politico che permetta un’immigrazione disperata in un paese che dovrebbe risolvere i problemi dei suoi poveri a partire dai numerosi pensionati che non hanno i soldi per il dentista e hanno paura di uscire di casa per la presenza di gruppi di giovani ventenni, senza alcun livello culturale, nullafacenti tutto il giorno, ma ben attrezzati con scarpe, abiti e telefonini che molti nostri pensionati, e non, non possono permettersi.

Inutile dire che è evidente che dietro a questa immigrazione c’è la speculazione di tanti, troppi … e i loro guadagni diretti e indiretti.

La Spagna non ha permesso l’arrivo di tanti immigrati come l’Italia; eppure loro sono ancora più vicini di noi all’Africa … è chiaro che i loro politici e cittadini che li hanno votati, hanno scelto di non approfittare della possibile speculazione conseguente e delle situazioni così normali in Italia (Ong anche poco serie, pubblicità matellanti per chiedere continuamente soldi  e addirittura inviti a fare testamento mostrando bambini in condizioni disperate …).

E’ giusto dare se non hai per te stesso ? Che diano i ricchi, chi ha le pensioni d’oro, ma non  prelevate soldi pe ri migranti dalle tasche dei poveri lavoratori e pensionati che sono poi gli unici che pagano le tasse in Italia.

COMUQUE ECCO I RISULTATI DELLA POLITICA DELL’ACCOGLIENZA SENZA DISCRIMINAZIONE E MALE ORGANIAZZATA:

gli immigrati o migranti sono solo l’8% della popolazione, ma incidono pesantemente sulla delinquenza nel nostro Paese

-IL 50% DEI FURTI IN ITALIA E’ DOVUTO A IMMIGRATI O MIGRANTI

-IL 40% DELLE VIOLENZE ALLE DONNE E’ DOVUTO AI MEDESIMI DI CUI SOPRA.

E’ inutile dire che la maggioranza dei crimini è di italiani, senza fare le dovute percentuali.

Al 1 gennaio 2016 gli stranieri residenti in Italia erano 5.026.153, pari all’8,3%

Nel 1990 gli stranieri erano lo 0,8% della popolazione, nel 2000 il 2,5%, e solo nel 2006 hanno superato il 5%.

Sono  cinque le regioni con la maggiore incidenza della popolazione straniera residente:

-Emilia-Romagna (12%),

-Lombardia (11,5%),

-Lazio (11%),

-Umbria (10,9%),

-Toscana (10,6%).

Dalla BIT all’India il Paese più vicino ai vostri sogni …

India-Mahabalipuram-sculture

India-Mahabalipuram-scultura

   

Two women are shuffling red pepper which were wet by the dew drops last cold winter night in a village near Jodhpur,Rajasthan,India.Red peppers are plucked from plant and spread in field to dry for making spice powder.This spice powder enhances the taste of food.

     

India, from Goa – Palolem Beach

VACANZE DOVE TROVERETE TUTTO QUELLO CHE CERCATE

DA UNA NAUTURA INCONTAMINATA ANCHE LE TIGRI – LE VETTE PIU’ ALTE- LA CULTURA PIU’ VARIEGATA UNA CUCINA AFFASCINANTE E SANA – UNA POPOLAZIONE CHE VI SORPRENDERA’ PER LA SUA GENTILEZZA – GRANDI SPIAGGE E ANCORA CULTURA 

L’India è il paese dei contrasti e delle forti emozioni, un grande continente dove il passato si incontra con il presente: dalle cime innevate dell’Himalaya alle calde spiagge tropicali del sud, dai sontuosi palazzi del Maharaja ai bungalow nelle riserve faunistiche, passando per i mercati folkloristici, i templi, i deserti e i numerosi luoghi iconici che ogni anni attirano milioni di turisti provenienti da tutto il mondo.

La storia dell’India, una delle più grandi e antiche civiltà, risale a 5.000 anni fa, quando la civiltà della Valle dell’Indo fiorì tra il 2.500 ed il 1.700 a.C. Con la recente scoperta di un’intera città riesumata nel Golfo di Cambay nel Gujarat, l’India può ora vantare un civiltà antichissima, risalente ad oltre 7.000 anni fa.

L’INDIA DEL NORD

L’India occupa una superficie totale di 3.287.263 kmq ed è suddivisa in 29 stati e 7 territori, fra cui quello della capitale Delhi, principale punto d’accesso del paese.

Nella parte settentrionale si trova il Punjab, letteralmente “la terra dei cinque fiumi”, uno stato prevalentemente agricolo con una fertilità della terra senza eguali nel mondo. Centro economico e culturale del territorio è Amritsar, città che ospita il luogo di culto più sacro della religione sikh: il Golden Temple.

Sempre a nord si trova invece lo stato più grande dell’India, il Rajasthan.

Conosciuto per i suoi leggendari guerrieri, la bellezza delle donne, l’eleganza reale e la varietà dei colori, ricco di storia, arte e cultura, questo stato conserva ancora splendidi fortezze che si ergono imponenti dalle sabbie del deserto, e sontuosi palazzi, un tempo residenze dei sovrani e ora trasformate in hotel di lusso.

La capitale dello stato è Jaipur, conosciuta come la “città rosa” per l’utilizzo diffuso di arenaria rosa nella costruzione delle abitazioni che crea suggestivi giochi cromatici; qui si trovano maestosi templi, palazzi, forti e giardini ma anche numerosi bazar dove acquistare oggetti di artigianato, tra cui le celebri sete.

Udaipur, invece, è una delle città più romantiche del Rajasthan, nota soprattutto come città dei laghi blu, dei palazzi marmorei e dei magnifici giardini, che la rendono meta di incredibile fascino e magia.

Posto ai piedi delle pendici dell’Himalaya, lo stato di Himachal Pradesh è caratterizzato da ampie vallate e magnifici scenari naturali. Proprio da qui, in passato, partivano le tratte commerciali dirette in Tibet.

Gli stati di Jammu e Kashmir sono tra i più settentrionali dell’intero paese e sono composti da aree differenti sia dal punto di vista topografico che culturale. Jemmu fu dimora dei re hindu, mentre a Srinagar, capitale del Kashmir, si trova il magnifico lago Dal. Da qui, inoltre, è possibile raggiungere l’altopiano del Tibet e scoprire i suoi numerosi monasteri buddisti. Lo stato dell’Uttarachal comprende le regioni collinari di Garhwal e Kumaon, mete da sogno per gli amanti del trekking e dello scii; mentre l’Uttar.

CALCUTTA E L’EST

L’India dell’est è composta da cinque stati: Chhattisgarh, Jharkhand, Orissa, Sikkim e Bengala occidentale di cui fa parte Calcutta (odierna Kolkata).

Calcutta è la più vasta città dell’India, capitale intellettuale, città artistica d’avanguardia di poeti, scrittori e registi di fama mondiale.

Fu, inoltre, la prima sede della Compagnia delle Indie e alcuni dei suoi edifici più famosi furono costruiti da imprenditori inglesi.

Il Victoria Memorial, un edificio a cupola di marmo bianco, è uno dei monumenti più noti della città.

Le strade trafficate pullulano di risciò, auto, filovie, venditori ambulanti e folle multicolore, ma è possibile trovare un’oasi di pace all’interno del parco di Maidan, dove all’alba gli abitanti si dedicano allo yoga per rilassarsi dallo stress urbano.

Da Calcutta si raggiunge Darjeeling; qui, in un angolo di Inghilterra che convive con i monasteri buddisti, si coltiva uno dei tè più famosi, di fronte alle imponenti vette dell’Himalaya.

“Nel mondo vi sono alcuni luoghi davvero speciali, e Orissa è uno di quelli”.

Ricca di templi squisiti e di monumenti straordinari, patria di diverse migliaia di artisti e di proliferi artigiani, padrona di spiagge, santuari di vita incontaminata e paesaggi naturali dalla bellezza spesso incantevole,

Orissa è una terra unica e affascinante che, nonostante tutto, resta in gran parte ignota ai turisti. Nello stato di Orissa, le tre grandi città-tempio di Bhubaneswar, Puri e Konarak sono l’altro “Triangolo d ́oro” dell’India.

MUMBAI E L’OVEST

L’India occidentale, o regione occidentale dell’India, è costituita dagli stati di Goa, del Gujarat e del Maharashtra insieme alle Unioni Territoriali di Daman e Diu e di Dadra e Nagar Haveli.

Fulcro di quest’area è Mumbai, l’ex Bombay, capitale del Maharashtra, centro economico e finanziario del paese nonché una delle città più popolose del mondo.

La sua Marine Drive è un ampissima arteria lungo il mare dove si affaccia anche la Porta dell’India, un monolito di basalto giallo che è uno dei simboli della città. Di qui, con una breve traversata in barca, si raggiunge la piccola isola di Elephanta per ammirare gli splendidi templi scavati, scolpiti e affrescati nella roccia, vecchi di duemila anni.

Il Gujarat, invece, è lo stato di Mahatma Gandhi, il padre della nazione. Terra di abilissimi commercianti, di allevatori e agricoltori, il Gujarat presenta oggi anche grandi zone industriali all’avanguardia e tradizionalmente un’eccellente produzione tessile artigianale, che ha la sua punta di diamante più evidente nelle straordinare e celebri stoffe ricamate dalle popolazioni tribali.

Per immergersi nel divertimento assoluto, senza privarsi di momenti di pace, Goa, il piccolo stato che è la più famosa stazione climatica della regione, è la destinazione giusta.

Chilometri di spiaggia d’argento bordata di palme, un mare scintillante e una luce magica: Goa è un’affascinante unione di cultura latina e indiana e Panaji, la capitale, conserva l’impronta portoghese nell’architettura urbana.

Negli oltre cento chilometri di spiaggia dello stato si può scegliere tra Colva, un villaggio di pescatori dove l’acqua è turchese, o la mondana Aguada, e ancora Anjuna e Chapora, col suo Forte portoghese e le sue spiagge appartate.

Goa è anche natura: a la Bondla, una delle riserve faunistiche dello stato, è possibile vedere il cinghiale e il cervo nel loro habitat naturale.

IL NORD EST 

L’India nordorientale è la parte situata più a oriente dell’India. È collegata al resto del paese tramite uno stretto corridoio compreso fra gli stati del Bhutan e del Bangladesh chiamato corridoio di Siliguri

L’area comprende gli stati di Arunachal Pradesh, Assam, Manipur, Meghalaya, Mizoram, Nagaland e Tripura (chiamati Seven Sister States).

Fatta eccezione per la regione di Goalpara nell’Assam, il resto del territorio è entrato a far parte dell’India solo a partire dal XIX secolo. La regione della valle di Brahmaputra è divenuta parte dell’Impero anglo-indiano nel 1824.

Le “sette sorelle” custodiscono un patrimonio culturale pressoché intatto, ovvero quello delle comunità tribali indigene che le abitano.

La popolazione complessiva si concentra per il 70% nel solo Assam, tipicamente tropicale con palmeti di cocco, che con le sue verdi valli è anche il secondo Stato più esteso della regione, il più accessibile al turismo e quello che, da solo, realizza il 65% della produzione totale di tè in India.

Qui si trovano due importanti parchi che ospitano gli ultimi esemplari di rinoceronti unicorni indiani: Manas e Kaziranga, entrambi dichiarati Patrimonio dell’Umanità.

La fertilità di questi suoli che producono il riso, la ricchezza delle foreste che procurano il legname, e le risorse minerarie che forniscono un po’ di petrolio, sono alla base dell’economia di questi luoghi.

L’INDIA DEL SUD

La parte meridionale dell’India è caratterizzata da una straordinaria varietà di paesaggi, popolazione e culture, cosa che la rende una meta affascinante per i viaggiatori. Madras, la capitale dello stato di Tamil Nadu è una roccaforte dell’induismo, centro della danza tradizionale indiana e della scultura templare.

Nella sua storia si intrecciano altre culture – cinese, armena, portoghese – il cui ricordo rimane anche nei nomi delle strade. Madras, efficiente e brulicante di vita, ha magnifici templi a guglie la cui architettura non ha uguali nel paese, e un lungomare tra i più belli al mondo.

A nord di Madras, lo stato di Andhra Pradesh è ricco di tesori archeologici e architettonici e nella capitale, Hyderabad, si respira un’atmosfera da mille e una notte, con splendidi palazzi e antiche dimore residenziali e il Forte di Golconda, l’antica città dei diamanti.

Questa è la terra dei templi che, grandiosi e completamente ricoperti da centinaia di statue policrome, destano in chi li vede un ammirato stupore e che, nella loro imponenza, si annunciano a miglia di distanza.

Nel vicino stato di Karnataka è possibile ammirare i templi scolpiti di Belur e Halebid; a Mysore, la città dove si produce il celebre incenso indiano, l’aria profuma di rose, muschio, gelsomino e legno di sandalo.

Sulla punta più a sud, invece, si trova lo stato di Kerala, antico crocevia di culture, dove le reti da pesca cinesi, le sinagoghe ebraiche, le fortezze portoghesi, le chiese siriane e olandesi si alternano ai templi e ai palazzi della cultura indiana.

Le bellezze naturali del territorio, il suo clima mite, le spiagge, i centri ayurvedici, l’arte, i festival, i monumenti e la sua cucina esotica hanno fatto di questa zona una delle più visitate in tutta l’Asia.

INFORMAZIONI

Ufficio del Turismo Indiano

Via Albricci 2

Milano

http://www.indiatourismmilan.com/home

 

 

Via il Questore – ma restano tutti gli irregolari – spacciatori ecc

PRODEZZA DEL GOVERNO :

via il Questore – ma restano tutti gli irregolari, spacciatori ecc…

Non possiamo tacere quando veniamo a conoscenza di fatti che, evidentemente, stridono contro ogni seria logica umana.

“Lo spaccio qui avviene sotto gli occhi di tutti”, vanno ripetendo gli abitanti di Macerata.

Non troviamo nessuna logica nella lotta alla malavita, che non esiste da pochi mesi ma da molti anni e la rimozione di un questore arrivato da pochissimo tempo.

 

1 miliardo e 100 mila euro ogni anno per pagare affitti per i “migranti”

Lo dice Milena Gabbanelli
da due anni ….

1 miliardo e 100 mila euro ogni anno per pagare affitti a privati per dare casa ai “migranti”, mentre lo stato possiede moltissimi stabili disabitati e utilizzabili.

Risposta dell’Europa:

SE l’Italia presentasse un piano del genere all’Europa potrebbe anche trovare fondi di aiuto, ma NESSUNO a oggi è andato a presentare un piano del genere a Bruxelles

SE NE DEDUCE CHE :

I POLITICI ITALIANI PER LOGICA DEDUZIONE SONO:

PIGRI – LAZZARONI – INCOMPETENTI – DISTRATTI – POCO ONESTAMENTE USANO GLI STIPENDI FAVOLOSI CHE RICEVONO DA TUTTI NOI CITTADINI

…. o hanno degli interessi a non risolvere questo tipo di problema ????

DonnE…Cultura