ARTE FOTOGRAFICA A MILANO – Racconto fotografico dei bambini di Haiti

 ingresso libero

EY YOU!

�Stefano Guindani_EY YOU_2-r52
�Stefano Guindani_EY YOU_5-r52

il racconto fotografico dei bambini di Haiti ritratti da Stefano Guindani
colora le facciate della Microsoft House

MOSTRA DI STEFANO GUINDANI IN COLLABORAZIONE E A FAVORE
DELLA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA – NPH ITALIA ONLUS

Microsoft House, viale Pasubio 21 Milano
22 novembre 2017 – 6 gennaio 2018
Ingresso libero
Inaugurazione 22 novembre ore 19, aperta al pubblico

Dal 22 novembre al 6 gennaio a Milano prende forma con il Patrocinio del Comune di Milano la prima mostra fotografica in esterni, Ey You! di Stefano Guindani, che utilizza le facciate della Microsoft House per raccontare la vita e i volti dei bambini di Haiti.

EY YOU! prende il nome dalla caratteristica espressione in creolo con cui i bambini accolgono gli stranieri negli slum della capitale Port Au Prince.

Su 100 finestre della Microsoft House saranno applicate le gigantografie dei bambini ritratti da Stefano Guindani mentre saltano, si danno idealmente la mano da un piano all’altro del palazzo e si aprono a calorosi abbracci. EY YOU! diventa così un saluto gioioso da parte dei bambini di Haiti agli Italiani, un invito a visitare la mostra, ma soprattutto un invito a non dimenticarsi di loro.

Contestualmente allo spettacolare allestimento esterno, oltre 65 immagini verranno esposte all’interno dello showroom della Microsoft House.

La mostra raccoglie le immagini realizzate da Stefano Guindani durante il suo ultimo reportage sull’isola, assieme alla Fondazione Francesca Rava, nel luglio 2017, oltre a una selezione di scatti tratti dal volume ‘Do You know?’ edito da SKIRA e ad alcune tra le più suggestive immagini dei primi viaggi di Stefano ad Haiti tra il 2008 ed il 2010.

Al centro del racconto fotografico c’è proprio il sorriso dei bambini di Haiti, accolti nella Casa NPH e quelli negli slums:

Non è stata una mia scelta, sono stati i bambini a entrare con forza nel mio obiettivo. Ad Haiti i bambini sono dappertutto con i loro sorrisi, con le loro fragilità, con la loro allegria e spontaneità. Ho visto bambini sofferenti e malnutriti, li ho fotografati perché non ci si dimentichi di loro, ma ho fotografato anche tanti bambini gioiosi, bambini che – nonostante abbiano una baracca per casa e giochino a piedi scalzi nelle fogne a cielo aperto, hanno una carica vitale che ti sorprende e ti cattura. Li ho fotografati per dare un messaggio di speranza, un invito a non rassegnarsi” dice Stefano Guindani.

La mostra, a ingresso libero, rappresenta un’occasione concreta per sostenere i progetti della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus in Haiti, in particolare le scuole di strada, che accolgono ogni giorno 13.000 bambini nelle baraccopoli di Port au Prince e nelle zone più povere del Paese, dando loro istruzione, cure mediche, un pasto e la protezione dai rischi della vita di strada.

Le immagini in mostra, stampate in tiratura limitata, certificate e autografate da Stefano Guindani sono a disposizione del pubblico e il ricavato sarà interamente devoluto alla realizzazione di una scuola di strada; sarà inoltre possibile contribuire con una donazione per il volume ‘Do You Know?’ oppure con un’offerta libera.

“La filosofia con cui la Fondazione Francesca Rava opera in Haiti e negli altri paesi in cui NPH è presente, è quella dell’aiuto immediato e di empowerment delle popolazioni locali, ma anche creare ponti di conoscenza tra i giovani. Perché i nostri giovani si sentano responsabili di aiutare i loro coetanei nei paesi del quarto mondo, e a loro volta possano imparare dagli stessi, i valori veri e il senso della vita.

Le foto di Stefano Guindani alla Microsoft House ristabiliscono la connessione tra due mondi solo apparentemente lontani” dichiara Mariavittoria Rava, Presidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus.
Il progetto EY YOU!, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milano, è reso possibile grazie al contributo di Fujifilm Italia, Microsoft Italia, Artemide e al sostegno di numerose aziende partner.
Microsoft Italia collabora da diversi anni con la Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus -mettendo a disposizione risorse e competenze e in particolare promuovendo la formazione tecnologica dei ragazzi e la creazione di nuove opportunità attraverso l’acquisizione di skill digitali.

“Siamo particolarmente felici di ospitare per la prima volta un’iniziativa di così forte impatto per sensibilizzare tutti coloro che passeranno vicino alla nostra sede sulle iniziative della Fondazione a sostegno dei bambini bisognosi, in Italia e nel mondo”, ha dichiarato Paola Cavallero, Direttore Marketing & Operations Microsoft Italia. “La mostra e le installazioni presso Microsoft House sono un segno concreto del nostro impegno nel sostenere le organizzazioni del terzo settore e si affiancano alle numerose attività di formazione tecnologica che realizziamo con la Fondazione”.
INAUGURAZIONE E ALTRI EVENTI COLLEGATI ALLA MOSTRA
L’inaugurazione con accesso libero avrà luogo mercoledì 22 novembre alle ore 19:00.
La mostra sarà poi aperta tutti i giorni dal 23 novembre al 6 gennaio 2018 dalle ore 10:00 alle 19:00 in Viale Pasubio 21. Ingresso gratuito.
In questa occasione gli istanti più significativi della serata verranno fissati dalle fotocamere a sviluppo istantaneo Fujifilm Instax e immediatamente condivisi con gli ospiti.

Inoltre, sabato 2 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 13:00 Stefano Guindani terrà nello showroom della Microsoft House il workshop “Sul Set con Stefano Guindani”. L’incontro, gratuito, è rivolto a un massimo di 10 partecipanti che verranno selezionati tramite un social contest.

Si ringraziano per il sostegno e il prezioso contributo:
Bagutta – Cotril – Giovanni Cova & C. – Gabriella Magnoni Dompé – Dr. Farmer – IGP Decaux – Mirtillo – Moet&Chandon – San Pellegrino – Seri-Art – Silvana Editoriale – Taxi 8585 .

STEFANO GUINDANI
Stefano Guindani, fotografo di respiro internazionale, nutre da sempre una grande passione per il linguaggio del reportage. Nel 1998 fonda la sua agenzia, SGP Stefano Guindani Photo, una realtà dinamica e competitiva che unisce alla produzione editoriale servizi per le aziende operanti nel settore moda e lusso. Affermatosi come fotografo di moda, backstage e celebrity, Stefano Guindani approfondisce il suo interesse per il reportage, prima in Cina poi ad Haiti.
Quest’ultima esperienza lascia un segno così profondo da spingerlo a tornare più volte sull’isola per documentare le condizioni di vita di un popolo che, pur devastato da immani tragedie, mantiene dignità e speranza. Il materiale scattato durante i viaggi di Stefano ad Haiti è stato messo a disposizione per la raccolta di fondi destinati alle attività della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus tramite la pubblicazione del libro Haiti through the eye of Stefano Guindani edito da Electa, e la realizzazione di diverse mostre fotografiche a Milano, New York e Firenze.
Negli anni che seguono, l’interesse per la realtà dell’America Latina si rafforza, grazie ai viaggi, oltre che ad Haiti, in Repubblica Dominicana, Honduras, Guatemala, Nicaragua, Messico, El Salvador, Perù e Bolivia. Nel 2015, in occasione dei 60 anni dell’organizzazione internazionale N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos, esce da Skira il volume Do You Know? La prima copia del libro viene consegnata a Papa Francesco da Stefano durante l’udienza del 2 dicembre 2015.
Nel 2014 è coach e giudice di Scattastorie NX Generation, il primo talent show televisivo dedicato al mondo della fotografia andato in onda su Real Time, canale di Discovery.
Nel 2015 Stefano Guindani firma i ritratti fotografici di Ricette e ritratti d’attore, format web e tv realizzato da Rai Cinema e Condé Nast, da cui sono nati in seguito un libro edito da Rai Eri, e una mostra a Los Angeles. A maggio 2016 è uscito il volume Sguardi d’attore che raccoglie i ritratti di oltre 350 attori del cinema italiano.
Nel dicembre 2015 viene chiamato da Samsung a interpretare Porta Nuova, il nuovo quartiere tecnologico di Milano. Da questo reportage è nato il volume fotografico Frames of Milan, di cui Frames of Iceland, uscito a Settembre 2017, è l’ideale prosecuzione.

L’IMPEGNO DELLA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA – NPH ITALIA ONLUS PER I BAMBINI
La Fondazione Francesca Rava aiuta l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo tramite adozioni a distanza, progetti, volontariato, attività di sensibilizzazione sui diritti dei bambini, educa ai valori del volontariato e dell’amore universale. Rappresenta in Italia N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli), organizzazione umanitaria internazionale che dal 1954 accoglie i bambini orfani e abbandonati nelle sue Case ed ospedali in 9 paesi dell’America Latina e la Fondazione Saint Luc di Haiti.
La Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus è particolarmente impegnata nel portare assistenza medica, istruzione, accoglienza nel paese quarto mondo di Haiti sotto la guida di Padre Rick Frechette, medico in prima linea, da 30 anni direttore di NPH Haiti e presidente della Fondazione Saint Luc, con 3 ospedali tra cui l’ospedale Saint Damien unico pediatrico sull’isola, cliniche mobili negli slums, 2 centri per bambini disabili, 2 case orfanotrofio, il centro produttivo e di formazione professionale Francisville città dei mestieri, distribuzione di acqua potabile e cibo nelle baraccopoli, 33 scuole di strada nelle baraccopoli e nelle province più povere del paese.
In Haiti ogni ora due bambini muoiono per malnutrizione e malattie curabili. 1 bambino su 4 non ha accesso alla scuola primaria, 1 ragazzo su 3 è completamente analfabeta. Le Scuole di strada di NPH e della Fondazione Saint Luc, che riunisce i ragazzi cresciuti nella Casa NPH sull’isola che hanno scelto di rimanere al fianco di Padre Rick per aiutare la propria gente, assicurano ogni giorno a 13.000 bambini tra i 2 e 16 anni, un pasto caldo, spesso l’unico della giornata, vaccinazioni e cure mediche, una divisa pulita, libri, matite e quaderni, istruzione per costruire il loro futuro, trasmettono loro valori ed esperienze positive, la fiducia in se stessi e nel mondo che li circonda. Ogni mese inoltre ai bambini vengono consegnati pasta e generi alimentari per aiutare anche i fratellini a casa.

MICROSOFT
Fondata nel 1975, Microsoft è leader mondiale nel software, nei servizi e nelle tecnologie Internet per la gestione delle informazioni di persone e aziende. Offre una gamma completa di prodotti e servizi per consentire a tutti di migliorare, grazie al software, i risultati delle proprie attività – in ogni momento, in ogni luogo e con qualsiasi dispositivo. Ogni informazione relativa a Microsoft è disponibile al sito http://www.microsoft.com/italy/.

ARTEMIDE
Artemide supporta il progetto Ey You! di cui condivide a pieno i valori. Con speciali Tolomeo, appositamente realizzate per sottolineare le fotografie esposte, mette in risalto attraverso la luce l’emozione e la carica vitale che queste immagini trasmettono.
Storica azienda leader nell’illuminazione è da sempre sinonimo di Innovazione e Made in Italy, con prodotti considerati icone del design contemporaneo, a livello internazionale. Le collezioni Artemide, rappresentano un incrocio unico di valori: l’approccio alla luce umana e responsabile si coniuga a un saper fare progettuale e materico, in un incontro tra tecnologia di ultima generazione e antichi saperi. Centrale è da sempre nella visione di Artemide il rapporto tra uomo, luce e ambiente, che negli anni si è sviluppato declinandosi dagli aspetti rivolti al benessere dell’individuo e alla sua percezione degli spazi, fino a confrontarsi con i temi legati alla sostenibilità ambientale.
FUJIFILM Italia
FUJIFILM Italia opera sul mercato italiano con soluzioni integrate e prodotti destinati ai settori Imaging, Electronic Imaging, Graphic Arts e Medical Systems. Utilizza tecnologie proprietarie di alta gamma per fornire prodotti e servizi di elevata qualità che contribuiscano alla promozione della cultura, della scienza, della tecnologia e dell’industria, nonché una maggiore tutela della salute e dell’ambiente nella società. L’obiettivo primario è quello di contribuire a valorizzare la qualità della vita delle persone, sotto il profilo spirituale, culturale e materiale, a livello mondiale.

Fujifilm Italia ha perciò fin da subito riconosciuto nel progetto di Stefano Guindani e di Fondazione Francesca Rava notevoli punti di incontro con la propria filosofia aziendale. L’obiettivo principe di questa collaborazione è quello di dare maggiore risonanza al progetto, con l’auspicio di poter contribuire alla consapevolezza di quanto sia necessario sostenere progetti no profit.

EVENTO – Una notte al Museo delle Scienze di Trento in esclusiva per il pubblico adulto

Notte al MUSE. Incontri del terzo tipo

sabato 9 dicembre

le gallerie del Museo delle Scienze di Trento si aprono in esclusiva per il pubblico adulto e offrono un’esperienza inedita, lunga una notte intera

speciale osservazione guidata delle costellazioni del cielo di dicembre

incontri con talenti e professionisti del mondo dell’arte, dello sport, della scienza

particolari degustazioni a sorpresa

esperienze vissute,  emozioni provate

Incontri del terzo tipo: 9 dicembre ore 20.00

con Roberta Lanfranchi, Flavio Oreglio, Ruggero Tita, Francesco Guatieri, Costantino Bonomi
e lo chef stellato Alfio Ghezzi

 Un format unico per un museo italiano, che ricalca esperienze analoghe offerte da grandi musei internazionali del calibro di Science Museum di Londra e di American Museum of Natural History. Un’iniziativa che accomuna il MUSE Museo delle Scienze di Trento alle grandi strutture culturali grazie a un’iniziativa a metà fra il glamour e la comunicazione scientifica informale, del tutto inedita.

È la NOTTE AL MUSE, dedicata al pubblico adulto, che viene proposta per la prima volta sabato 9 dicembre a partire dalle 20.00. Tema della serata, che è intitolata INCONTRI DEL TERZO TIPO (V.M. 18), è l’importanza della socialità e della relazione per la formazione delle persone e della loro individualità. Una notte da cui uscire divertiti e forse, perché no, anche un po’ cambiati.

Cosa ci rende ciò che siamo?

Cosa influisce sulla nostra vita e plasma la nostra personalità?

Non tutto è frutto di un intreccio di geni ed ereditarietà.

Anche l’ambiente, come si sa, ha la sua influenza così come le esperienze vissute, le emozioni provate, le persone incontrate.

Proprio su quest’ultimo aspetto si sviluppa la serata al Muse che, oltre a offrire l’esclusiva opportunità di vivere gli spazi e gli allestimenti in orario non ordinario, pernottando per un’intera notte al museo, propone anche di vivere esperienze esclusive di commistione di arte, scienza e filosofia, oltre ad alcuni momenti di sfidante uscita dalla propria comfort zone, in attesa dell’incontro che può cambiare, almeno un po’, la vita.

Notte al MUSE, sabato 9 dicembre alle 20.00, è solo per visitatori 18+ e per chi non ha paura di mettersi in gioco.

Il programma prevede un’intera nottata a disposizione dei partecipanti e una serie di incontri con talenti e professionisti del mondo dell’arte, dello sport, della scienza e con vari testimoni che racconteranno l’esperienza o l’incontro che ha cambiato loro la vita.

Tre i principali momenti di dialogo e riflessione, stimolati dagli ospiti presenti al museo: l’attrice, ballerina, conduttrice televisiva e speaker radiofonica Roberta Lanfranchi, il comico Flavio Oreglio, il campione mondiale di vela Ruggero Tita e il ricercatore CNR Francesco Guatieri, il ricercatore e botanico del MUSE Costantino Bonomi.

In particolare, Roberta Lanfranchi svelerà quanto sia presente nel mondo della comunicazione mediatica il problema delle fake news, Flavio Oreglio, assieme al conservatore botanico del MUSE Costantino Bonomi affronterà in modo scanzonato ma scientificamente inappuntabile il tema del “sesso nelle piante”, Ruggero Tita e Francesco Guatieri racconteranno come nella loro vita la passione ha potuto davvero fare la differenza.

Oltre a questi momenti di confronto, negli spazi delle sale opportunamente allestite, si potranno effettuare particolari degustazioni a sorpresa, come un aperitivo di benvenuto con ingredienti inusuali e una calda buonanotte studiata appositamente per gli ospiti dallo chef Alfio Ghezzi, doppia stella Michelin.

Si potranno infine visitare le collezioni del museo e venire a conoscenza dei segreti dei reperti solitamente non esposti al pubblico, oppure visitare sotto una leggera pioggia la serra tropicale (un lembo di foresta pluviale dei Monti Udzungwa, hotspot di diversità ed endemismo dell’Africa Tropicale Orientale in Tanzania).

I più romantici potranno vedere svelati i misteri del cielo grazie a una speciale osservazione guidata delle costellazioni del cielo di dicembre.

Nelle ore più profonde della notte – oltre al riposo – si potrà continuare a dialogare in tranquillità. Come in un vero e proprio bosco, le prime luci dell’alba saranno annunciate dai versi degli animali selvatici. Dopo una robusta (ma sana) colazione, l’ultima attività dedicata al risveglio mentale, ma anche al perfezionamento del benessere fisico, prima di salutarsi e tornare alla vita di sempre. Divertiti e forse, perché no, anche un po’ cambiati.

Info
Tariffa € 80,00.

Ridotto per possessori MyMUSE card
Prenotazioni al numero 0461.270311 o sul sito www.muse.it

Per dormire, il MUSE metterà a disposizione dei materassini. Ogni partecipante dovrà portare con sé, oltre a un abbigliamento adeguato e ai propri effetti personali, il sacco a pelo o la coperta di cui avrà bisogno.

MUSE- Museo delle Scienze
Inaugurato nel 2013 e disegnato da Renzo Piano, è il museo dedicato a scienza, natura, biodiversità, innovazione e tecnologia, con un occhio di riguardo all’ambiente alpino.

In meno di 4 anni ha superato la ragguardevole soglia dei 2 milioni di visitatori, provenienti da tutta Italia e anche dall’estero. Tra le iniziative più apprezzate, da sempre, c’è la Nanna al museo dedicata ai bambini, una proposta che coinvolge ogni volta circa 200 piccoli visitatori che possono trascorrere tutta la notte al museo, tra animali del bosco, scheletri di grandi rettili e installazioni interattive.
Quella del 9 dicembre, invece, è la prima proposta per adulti, un progetto pilota che si basa sull’esperienza maturata in questi anni e si rivolge a chi desidera vivere gli spazi del museo in modo insolito.

Ceramica a Como – Decorare con gli ingobbi – teoria e pratica sul tema

Decorare con gli ingobbi – teoria e pratica sul tema

1.  Mercoledì 22.11.17 dalle ore 20 -22.30

Incontro introduttivo teorico:

Cos’è un ingobbio, quali sono le sue caratteristiche, in che modo e per cosa si applica?

Partecipanti: minimo 4 e massimo 6

Costo: 30 Euro a persona

Prenotazioni entro 7 giorni dalla data dell’incontro

per e-mail

2. Lunedì 27.11.17 dalle ore 19.30 – 22.30 ca.

Passiamo alla pratica:

Applichiamo vari ingobbi sulle superfici crude … 

a) … di piastrelle o piccoli oggetti in gres bianco preparati da me

b) …. e/o in alternativa: di manufatti preparati per questo scopo da voi. Nel caso desiderate portare oggetti di vostra lavorazione, dovete assolutamente considerare che:

•  il materiale utilizzato dovrà essere gres, ciò è adatto alla cottura a 1230 °C

• le superfici dei vostri pezzi dovranno essere ancora leggermente umide (“consistenza cuoio”): quindi non troppo umide e non del tutto asciutte.

Partecipanti: minimo 4 e massimo 6

Costo: 60 Euro a persona (sono compresi i materiali e la prima cottura).

I pezzi biscottati saranno successivamente smaltati (trasparente) da me; cottura a 1230°C.

A secondo del numero/dimensione dei pezzi, il contributo per la smaltatura varierà da 15- 25 Euro.

Prenotazioni entro 7 giorni dalla data dell’incontro

per e-mail

Tedesca di origine, vivo da 30 anni in provincia di Como, e ad ancora più tempo risale la mia passione per la ceramica. Nel 2012 ho concluso un corso quinquennale presso la Staatl. Fachschule für Keramikgestaltung Höhr-Grenzhausen (Istituto di Stato per il Design delle Materie Ceramiche), con la qualifica di  Designer di Materie Ceramiche e formatrice professionale nel settore. Il mio atelier a Como in Via Borsieri 16 è aperto dal 2013, nell’edificio dell’antico monastero di Santa Margherita.

Cell.: 349 241 2583

Finlandia destinazione must-have

 

Visit Finland e Apocalyptica trasformano il DNA in musica

La Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese

“La melodia finale è incredibile. Siamo davvero felici di aver preso parte a questa unione di scienza e arte”

Autenticità e contrasti rendono la Finlandia una destinazione unica

“La Finlandia è una destinazione estremamente interessante sia per la sua autenticità che per i contrasti, poli opposti che non possono che attrarre sempre più visitatori.

Queste dicotomie sono ravvisabili ovunque: nelle persone e nelle stagioni, nella luce e nell’oscurità, nel freddo e nel calore, così come nell’acqua, in tutte le sue forme” ha spiegato il Direttore di Visit Finland Paavo Virkkunen di Finpro.

Un videoclip è stato elaborato in modo da presentare la Finlandia come una destinazione unica, tutta da scoprire.

Tramite l’accostamento di elementi cinematografici d’impatto e differenti effetti visivi legati all’ambiente naturale, il video ispira mente e immaginazione, genera nuove associazioni di idee e favorisce la correlazione tra il contesto naturale della Finlandia e l’identità nazionale.

Unione di arte e scienza

La Sinfonia ha richiesto campioni di DNA che sono stati raccolti in zone della Finlandia molto distanti tra loro: Nuorgam, nell’estremo nord della Lapponia, Hattuvaara, punto più orientale della parte continentale dell’Unione Europea, e le remote isole dell’arcipelago di Hiittinen.

Le basi azotate trovate nei campioni sono state trasformate in suoni con l’aiuto di Jonathan Middleton, professore ordinario dell’Università di Tampere, che ha sviluppato un programma ad hoc.

Tra gli specialisti che hanno collaborato al progetto si ricordano, inoltre, Päivi Onkamo, professoressa ordinaria di genetica all’Università di Helsinki, specializzata in DNA finlandese dell’antichità e Janna Saarela, Direttrice della Ricerca presso l’Istituto di Medicina Molecolare della Finlandia, che si è occupata di raccogliere e analizzare i campioni.

“La melodia finale è incredibile. Siamo davvero felici di aver preso parte a questa unione di scienza e arte”, ha affermato Saarela.

La Sinfonia degli Estremi può essere apprezzata sul sito www.symphonyofextremes.com Ulteriori informazioni sul tema sono scaricabili dal sito http://www.visitfinland.com/it/symphonyofextremes/press/

 

Helsinki, Lunedì 13 novembre 2017, Visit Finland ha ospitato in anteprima mondiale la presentazione della Sinfonia degli Estremi (The Symphony of Extremes), un brano musicale unico, composto da Eicca Toppinen degli Apocalyptica, la cui creazione prende spunto dal DNA finlandese.

La melodia e il videoclip mixano sapientemente arte, scienza e viaggio in modo totalmente inedito, ponendo l’accento sulla personalità dei finlandesi e sui forti contrasti che caratterizzano il Paese.

La celebrazione del centenario dell’Indipendenza – che viene festeggiata quest’anno – e i numerosi, recenti riconoscimenti in ambito turistico hanno puntato ulteriormente i riflettori sulla Finlandia che si impone oggi, ancora di più, come destinazione must-have.

Prova ne sono le ottime performance a livello di arrivi turistici e di overnight (+15% nei primi mesi del 2017*).

Proporsi attraverso attività di marketing insolite è il modo giusto per sottolineare le differenze della Finlandia rispetto alle altre nazioni nordiche.

La nostra intenzione era quella di raccontare la storia della Finlandia attraverso un esperimento che unisse arte, scienza e viaggio.

Questa sinfonia è un eccellente esempio dello spirito innovativo della nazione. Inoltre, la musica è un ottimo aggregatore di persone: il nostro scopo è quello di raggiungere, insieme, nuove platee, attraverso questa campagna” ha affermato Virkkunen.

Una storia di contrasti affascinanti

La Sinfonia degli Estremi è stata composta dal frontman degli Apocalyptica, Eicca Toppinen.

La melodia riunisce in un unico contenitore violoncelli e musica metal.

“E’ stato davvero affascinante comporre una canzone che ha preso spunto dal DNA finlandese.

Certo c’è voluto del tempo per trovare l’approccio giusto, visto che le sequenze del DNA non hanno insite in loro stesse delle vere e proprie melodie. Il risultato finale, ottenuto tramite combinazione di genetica e improvvisazione, ha un tocco decisamente finlandese che ci auguriamo il pubblico riesca a percepire. Questo progetto, altamente gratificante, è il nostro personale tributo al centenario finlandese” ha dichiarato Toppinen, aggiungendo che la sinfonia sarà suonata dagli Apocalyptica, dal vivo, in occasione dei loro prossimi spettacoli.

Informazioni sulla Finlandia

Visit Finland, www.visitfinland.com Twitter, @ourfinland
Facebook, www.facebook.com/visitfinland YouTube, youtube.com/user/VisitFinland Flickr, flickr.com/photos/visitfinland Pinterest, http://pinterest.com/visitfinland Instagram, instagram.com/ourfinland#

UNA MUSICA MAI SENTITA !!!

La Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese.

La Finlandia è una terra di estremi, un ponte tra Est ed Ovest e, allo stesso tempo, tra il Mar Baltico a sud e la tundra artica a nord.

La “Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese” è l’innovativo progetto di Visit Finland che coniuga turismo, scienza e arte, partendo dal genotipo di alcuni personaggi che ben rappresentano i contrasti della nazione nordica. I geni sono stati trasformati in note, grazie alle quali è nata un’inedita composizione musicale in cui si riflettono gli aspetti caratterizzanti di questa terra e della sua gente.

Per celebrare il 100° anniversario dell’Indipendenza finlandese, Visit Finland ha ideato una campagna di comunicazione che non ha uguali a livello mondiale.

Una campagna che si basa su storie autentiche e personaggi reali, senza forzature o finzioni.

Le origini dei finlandesi superano i confini: le regioni occidentali sono influenzate dall’antica cultura agricola europea e dal DNA scandinavo mentre le popolazioni dell’est e del nord derivano da antiche stirpi di cacciatori-raccoglitori arrivati anche da molto lontano. In effetti, a differenza di ciò che si può pensare considerando che la

Finlandia è una tra le più uniformi, egualitarie e sicure nazioni del mondo, i finlandesi delle diverse regioni differiscono molto tra loro, sia da un punto di vista morfologico che genetico.

Scienza e arte: un percorso unico nel suo genere

Jonathan Middleton, professore dell’Università di Tampere e della Eastern Washington University, ha sviluppato un programma che, grazie a degli algoritmi, è in grado di creare suoni dalle coppie di basi del DNA. Eicca Toppinen, della celebre band metal finlandese Apocalyptica, ha utilizzato le note generate dai frammenti di DNA raccolti dai genetisti in giro per la Finlandia per creare una nuova composizione musicale.

I protagonisti

Oltre a Jonathan Middleton, la squadra di scienziati del progetto “Sinfonia degli Estremi – Creata con DNA finlandese” è completata da Päivi Onkamo, docente di genetica all’Università di Helsinki, e Janna Saarela, direttrice della ricerca presso l’Istituto finlandese di Medicina Molecolare (FIMM).

Saranno loro a occuparsi della raccolta del materiale genetico e della creazione dei suoni a partire dal DNA. A quel punto entrerà in gioco Eicca Toppinen, fondatore degli Apocalyptica, gruppo metal di violoncellisti di formazione classica, nato nel 1993 come tribute band dei Metallica, che oggi si esibisce in tutto il mondo suonando musica di propria composizione. Eicca si occuperà dell’aspetto creativo, realizzando il pezzo che andrà a rispecchiare i contrasti estremi che caratterizzano i finlandesi e la loro terra.

Il DNA di partenza è quello dello stesso Eicca Toppinen e di altri personaggi originari delle diverse regioni della Finlandia: Tinja Myllykangas, che vive – senza energia elettrica – nella Lapponia più selvaggia in compagnia dei suoi cani da slitta; Johanna Nordblad, freediver che detiene diversi record mondiali; un gruppo di bambini che vivono a Rosala, in un’isola ai limiti estremi dell’Arcipelago finlandese.

Il DNA della proposta turistica finlandese

La campagna presenta le quattro regioni turistiche della Finlandia – Regione dei Laghi, Lapponia, Arcipelago e Helsinki – attraverso le loro particolarità e i loro contrasti, proponendo offerte rivolte in particolare a una clientela interessata a qualità di vita, natura allo stato puro e sostenibilità.

Il DNA della Regione dei Laghi: un labirinto blu e verde, con specchi d’acqua, isole e fiumi inframmezzati da lingue di terra e foreste, che si stende per centinaia di chilometri a comporre il più grande distretto lacustre d’Europa. Una vacanza nella Regione dei Laghi, con i suoi 500’000 cottage estivi dove i finlandesi vanno a rilassarsi e divertirsi, porta a viaggiare nel cuore dell’identità finlandese.

Il DNA della Lapponia finlandese: terra di miti e natura selvaggia, tradizioni Sàmi sopravvissute alla modernità, renne – più di 190’000 – e Babbo Natale – quello autentico -, i contrasti costituiscono la peculiarità della sua bellezza, caratterizzata da 24 ore di sole in estate e dalla luce blu del “kaamos”, la notte polare, in inverno.

Il DNA dell’Arcipelago: uno stile di vita rilassato, una forte cultura marinara e il senso di libertà caratterizzano l’Arcipelago finlandese che, con le sue 80’000 isole, è il più grande del mondo. Tra antichi villaggi di legno, fari persi nel nulla, patrimoni Unesco e parchi nazionali.

Il DNA della regione di Helsinki: la capitale finlandese è una “metropoli” a misura d’uomo, celebre per il design, l’architettura, il food e i numerosi eventi. Una città di mare viva e attiva ma, allo stesso tempo, rilassata grazie alle sue isole, ai suoi parchi e ai boschi raggiungibili in breve tempo dal centro.

credito fotografico: VisitFinland.com)

BOOKCITY MILANO – Programma – 16 al 19 novembre 2017

BOOKCITY MILANO

Dal 16 al 19 novembre; quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università

Manifestazione dedicata al libro e alla letteratura che si tiene ogni anno da ormai sei edizioni nel capoluogo lombardo. Milano

BookCity Milano: festa metropolitana
diffusa e partecipata del libro e della lettura

Oltre al Castello Sforzesco, luogo simbolo di Bookcity, moltissime le location che ospiteranno incontri e dibattiti, dalle biblioteche comunali e molte delle realtà culturali milanesi.

Incontri con gli autori / reading / laboratori / mostre

Il programma è scaricabile al link:
http://bookcitymilano.it/themes/bookcity/assets/files/programma-2017.pdf

Musei, teatri, scuole, università, biblioteche, palazzi storici, librerie, associazioni, negozi, spazi pubblici e privati mettono in scena la loro passione per il libro e per la lettura promuovendo incontri, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, esplorando nuovi modi di leggere e riflettendo sulla scrittura, sulla lettura e sui mestieri dell’editoria, a partire da libri antichi, nuovi e nuovissimi, dalle raccolte e dalle biblioteche storiche pubbliche e private, non solo come evento individuale ma anche collettivo.

BOOKCITY MILANO 2017 si articolerà dal 16 al 19 novembre in quattro giornate, la prima dedicata alle scuole e alle università. Il centro resta il Castello Sforzesco, al quale si affiancheranno decine di poli tematici nei quali ogni lettore potrà ritrovare le sue passioni e soddisfare le proprie curiosità ma anche scoprire nuovi autori e nuovi interessi.

A BOOKCITY MILANO 2017 i grandi temi vengono raccontati nei poli. Ma il programma consente moltissimi altri percorsi creativi e spesso divertenti, identificati con hashtag come #vogliofareloscrittore, #pariopportunità, #Italia1967_2017, #rosa, #librospettacolo, #migranti, #topoftheopops, #cantautori, #altraEuropa, #hannofattograndeMilano, #transmedialità. Alcuni possono incuriosire i lettori più esigenti, altri offrono suggerimenti per un pubblico più ampio. Questi hashtag, oltre ad una selezione dei migliori suggeriti dal pubblico che arriveranno a segreteria@bookcitymilano.it, si possono ritrovare sul sito bookcitymilano.it.

BOOKCITY MILANO COMINCIA IN LIBRERIA

Quest’anno le librerie milanesi rivestono un ruolo speciale: BOOKCITY MILANO inizia un giorno prima, proprio lì, con una festa.

Giovedì 16 novembre 2017 dalle 18.00 ci sarà una festa diffusa in decine di librerie che offriranno alla città il programma stampato di BookCity, assieme al racconto in anteprima di temi, incontri, idee, letture che nei giorni successivi animeranno Milano. Un momento gradevole e informale per scambiare idee e scoprire i libri protagonisti di BookCity.

Il responsabile di BOOKCITY MILANO 2017, Luca Formenton, dichiara: “Giunto alla sesta edizione BookCity si conferma l’evento diffuso dedicato ai lettori e alla lettura più importante della città. Quest’anno abbiamo deciso di iniziare dalle librerie: nodi centrali per la diffusione della cultura nel territorio.

INAUGURAZIONE DI BOOKCITY MILANO

Venerdì 17 novembre, alle ore 20.30, al Teatro Dal Verme inaugura BOOKCITY MILANO 2017 con Marc Augé intervistato daDaria Bignardi, “Sulla felicità. Nonostante tutto”, alla ricerca di quei momenti di felicità che rappresentano una forma di resistenza all’inquietudine e all’incertezza che pervade il nostro mondo.
Marc Augé riceverà il Sigillo della città
dalle mani del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Sarà presente il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.
La serata sarà arricchita da interludi a cura di Mario Mariotti. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

SERATA CONCLUSIVA DI BOOKCITY MILANO

La manifestazione si chiuderà domenica 19 novembre, alle ore 21, al Teatro Franco Parenti con un omaggio a Umberto Eco che nel 2012 inaugurò la prima edizione di BookCity.A poco più di un anno dalla sua scomparsa Milano rende omaggio a uno dei più stimati protagonisti della cultura contemporanea. Protagoniste della serata saranno le sue parole, a partire dai saggi raccolti in Sulle spalle dei giganti: un fuoco d’artificio del suo pensiero, del suo irresistibile raccontare la storia delle idee, la grande narrativa e il cinema, della disincantata, ironica visione del tempo in cui viviamo.

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre, al Padiglione Visconti, verrà proposta la seconda edizione di LE VOCI DELLA CITTÀ – Una maratona lunga una notte, un progetto a cura di Daniele Abbado.
Una grande maratona di lettura della durata di una notte sul tema delle Lettere luterane
. Al testo-guida di Pier Paolo Pasolini si intersecheranno altri testi collegati ai temi chiave dei suoi scritti e altri che ne amplificano le risonanze in differenti contesti. Si alterneranno letture, presenze e interventi musicali, apparizioni che sviluppano le tante suggestioni contenute nei testi proposti. L’evento coinvolge volontari, scrittori, musicisti, artisti, le comunità internazionali sul territorio. Il pubblico potrà partecipare a tutta la maratona o assistere a una singola parte.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala. Con la partecipazione dell’Accademia Teatro alla Scala, del Forum della città mondo, Associazione città mondo, della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, di SONG onlus – Sistema Orchestre e cori giovanili in Lombardia.

Intesa Sanpaolo organizza alcuni incontri, tra i quali il 19 novembre, al Piccolo Teatro Strehler, il reading teatrale Il caso Malaussène – Mi hanno mentito, di e con Daniel Pennac, che nasce dal desiderio di condividere con il pubblico la gioia del ricongiungimento con i Malaussène.

Durante BOOKCITY MILANO, il programma triennale di rigenerazione urbana Lacittàintorno, recentemente avviato da Fondazione Cariplo per favorire il benessere e la qualità della vita nelle aree periferiche delle città, proporrà alla Casa della Carità ad Adriano e all’Anguriera di Chiaravalle incontri e dibattiti sul tema della città.

Grazie a Borsa Italiana si terrà la seconda edizione di Investire in titoli, un ciclo di incontri a carattere internazionale, dedicato quest’anno al mondo del libro e dell’editoria, per mettere a confronto esperienze virtuose, idee e visioni economiche, analisi e strategie possibili.

Alla Triennale di Milano, il 15 novembre, inaugurerà la mostra “La Lettura. Il colore delle parole”, l’illustrazione d’autore nelle pagine del supplemento del Corriere della Sera, una riflessione sul ruolo dell’illustrazione nel linguaggio giornalistico.

BOOKCITY 2017 si arricchisce di tre nuovi progetti che dialogheranno con la città:

MILANO EXP
Uno dei temi della manifestazione è da sempre l’attenzione per la città di Milano, anche nel suo rapporto con la letteratura e le altre arti. Per BookCity Milano 2017 è stato chiesto ad alcuni autori di condividere un’esperienza con i loro lettori: andranno alla scoperta (o alla riscoperta) di un luogo della città, e racconteranno le loro riflessioni ed emozioni a un gruppo ristretto di appassionati e curiosi. Prenotazione obbligatoria su www.bookcitymilano.it

BOOKCITY NELLE CASE

Nei mesi scorsi alcuni cittadini milanesi hanno risposto alla chiamata di BookCity Milano: “c’è qualcuno in città che trova divertente, poetico, letterario, trasformare le propria casa in una sede #BCM17?”. Abbiamo scoperto che la risposta è si. Nasce dunque BookCity nelle case: letture negli spazi più intimi dei cittadini milanesi.

FESTIVAL DELLE METROPOLI
Durante BookCity si svolgerà il primo Festival delle Metropoli: quattro giorni di narrazione urbana itinerante attorno ai quartieri che cingono il centro cittadino, luoghi colmi di storie da raccogliere e narrare. Percorsi, incontri, proiezioni, mostre, reading danno vita a un calendario di eventi dove mettere in mostra non il singolo quartiere, concepito come “periferia” da redimere, ma l’intera metropoli. Un festival di geografie e di storie in cui ai cittadini/viandanti sarà chiesto di portare in dote memorie e storie personali in grado di dare vita a un

BookCity Milano è sostenuto da Intesa Sanpaolo (main partner) e da Fondazione Cariplo. Partecipano inoltre Borsa Italiana, Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Fiera Milano, Fondazione Fiera Milano e Treccani Cultura. Collaborano il Teatro alla Scala, Intesa Sanpaolo Assicura, Cavanna, Fpe, Ricoh, Bird&Bird, Bauer, Campari, Scuola Holden e Società Esercizi Aeroportuali.
BookCity Milano è realizzato sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con AIE (Associazione Italiana Editori), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

La ricchezza di BOOKCITY MILANO è la sua spontanea ed eterogenea presenza in città.

racconto collettivo e partecipato della città.

BOOKCITY MILANO 2017 conferma i quattro progetti speciali presenti nella passate edizioni:

BOOKCITY YOUNG – Il programma delle biblioteche dedicato agli under 18
Laboratori creativi di scrittura, di disegno e illustrazione, e di robotica. Letture in inglese, spagnolo e arabo con Mamma Lingua. All’insegna della partecipazione attiva, per sperimentare in prima persona e interpretare in modo proprio ciò che è letto, detto, mostrato.

BOOKCITY NELLE UNIVERSITÀ

Fin dalla prima edizione le Università milanesi hanno promosso eventi nei loro spazi. Quest’anno offrono un palinsesto condiviso per riflettere sul Novecento, secolo di accelerazione della storia e di profondi cambiamenti. Organizzato da Accademia di Brera, Bicocca, Bocconi, Cattolica, IULM, Politecnico, San Raffaele, Statale e Fondazione Collegio delle Università milanesi.

BOOKCITY PER LE SCUOLE
170 progetti sono stati presentati da 90 promotori, 1200 classi di ogni ordine e grado coinvolte in attività che, ponendo al centro la lettura, andranno a toccare temi di attualità come il rapporto tra informazione e digitale, la mediazione interculturale, il ruolo dei sogni, la lettura ad alta voce, scoprendo nuovi mestieri e nuove professioni nella prospettiva anche di avvicinare sempre più la formazione al mercato del lavoro.

BOOKCITY PER IL SOCIALE

Incontri, eventi e spettacoli negli ospedali milanesi e nelle carceri di Bollate, Opera e San Vittore, nelle Case delle Associazioni e del Volontariato, che hanno sviluppato un proprio ricco programma di iniziative da offrire non solo al territorio di riferimento, ma all’intera cittadinanza, e nelle tante Biblioteche Condominiali.

BOOKCITY MILANO ha inoltre intensificato collaborazioni con altri importanti festival italiani, tra cui “Tempo di libri” (Milano), “Milano Music Week” (Milano), “Festival della Mente” (Sarzana), “Dialoghi sull’uomo” (Pistoia), “la Milanesiana” (Milano).

Da 5 anni i bambini di Milano disegnano e costruiscono, in occasione di BookCity, La città libro aperto. A novembre, le cesate del cantiere M4 di piazza Vetra diventano le pagine aperte del grande libro-città. Progetto a cura di DOdA design.

Sono media partner dell’edizione 2017 di BOOKCITY MILANO: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, laeffe, RAI Radio2 e Radio3, ibs.it, ilLibraio.it.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

Il programma è consultabile sul sito www.bookcitymilano.it

#BCM17 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

Il Paradiso della neve in Vallese – 2’000 chilometri di piste

Dieci buone ragioni per scoprire il Vallese

Quarantacinque vette oltre i 4’000 metri

Oltre 2’000 chilometri di piste e neve sicura

I comprensori sciistici più alti della Svizzera

Riederalp. Casa tipica.

Sei stazioni termali

Leukerbad. Le terme più grandi d’Europa. Foto gentilmente concessa dall’Ufficio del Turismo.

Cinquanta vitigni, coltivati tra i 400 e i 1’100 metri

Un paese dai mille sapori  e tanta aria buona senza auto

Un autentico paradiso invernale, sospeso tra la terra e il cielo !

 

I più alti comprensori sciistici della Svizzera, con oltre 2’000 chilometri di piste e neve sicura, ti danno il benvenuto! Il Vallese propone un’ampia scelta di attività e di destinazioni, per una vacanza invernale indimenticabile.

Potrai respirare a pieni polmoni l’aria delle nostre montagne, lasciare una traccia del tuo passaggio nella neve immacolata e scaldarti al camino di un confortevole chalet.

La media delle ore di sole, eccezionale per una regione alpina, va di pari passo con un clima fuori del comune : è il Vallese stesso la più bella delle stagioni !

Quarantacinque vette oltre i 4’000 metri

In Vallese la stagione invernale è unica. I suoi maestosi 4’000 plasmano un panorama senza eguali e o rono uno scenario in- comparabile per la pratica degli sport invernali.

Sci, snowboard, slittino, soltre 2’000 chilometri di piste e neve si- cura,ciescursionismo, trekking, gite con le racchette da neve, sci di fondo : concediti una nuova avventura oltre il mare di nebbia !

Con i suoi quarantacinque 4’000, il Vallese promette un inverno in vetta alle emozioni.

I comprensori sciistici più alti della Svizzera

La sua posizione peculiare fa del Vallese la regione svizzera più innevata.

Qui si trovano i comprensori sciistici più elevati del Paese ( no a 3’800 metri).

E se la maggioranza delle stazioni apre i battenti da metà novembre, una parte degli impianti di Saas-Fee e Zermatt funziona tutto l’anno: una benedizione per le squadre nazionali di sci che vengono ad allenarsi qui.

Qualunque sia la destinazione prescelta, in Vallese ognuno potrà vivere esperienze uniche e ineguagliabili no alla metà di aprile.

Duemila chilometri di piste

Il Vallese attende tutti gli appassionati con oltre 2’000 chilometri di piste, suddivise in trentasei comprensori sciistici. Chi in mon- tagna si sente a casa sua, ha voglia di evadere dalla quotidianità e di a rontare le s de della natura qui sarà il benvenuto.

Ma potranno divertirsi sulla neve anche i fan dello sciescursionismo o delle gite con le ciaspole, gli amanti dello sci di fondo o dello slittino. Poiché numerosi comprensori sono aperti la sera, gli sciescursionisti possono allenarsi in tutta sicurezza anche durante la settimana.

Sei stazioni termali

In Vallese la vicinanza delle Alpi, con le loro cime e i loro ghiacciai, o re emozioni a fior di pelle.

Qui puoi fare il pieno di calma, respirare a fondo, rilassarti. Il silenzio delle montagne riempie l’anima e libera i pensieri.

Prova le virtù bene che dell’acqua alpina in queste sei stazioni termali vallesane : Breiten, Brigerbad, Leukerbad, Saillon, Ovronnaz e Val-d’Illiez. Troverai sorgenti d’ispirazione per evadere dalla frenesia quotidiana.

Un paese dai mille sapori

Il Vallese è altrettanto rinomato per le sue deliziose specialità gastronomiche. Ecco allora che la raclette compare in qualsiasi festa di paese o famigliare. Il cantone vanta anche il più alto nu- mero di ristoranti gastronomici per abitante di tutta la Svizzera. Nell’edizione del 2017, la guida Gault&Millau recensisce 72 risto- ranti vallesani con almeno 12 punti ciascuno, per un totale di 996 punti. Inoltre, undici ristoranti sono stati insigniti delle preziose stelle della Guida Michelin. Didier de Courten a Sierre e Ivo Adam a Zermatt incarnano la creatività della cucina regionale, ciascuno con due stelle con due stelle all’attivo.

Cinquanta vitigni, coltivati tra i 400 e i 1’100 metri

Il Vallese è contraddistinto da una grande varietà di terreni, espo- sizione, microclimi e regioni. Con i suoi 5’300 ettari di vigneti, non costituisce soltanto il più grande cantone vitivinicolo della Svizzera, ma anche quello che o re la più ricca varietà di vitigni.

Lasciati tentare!

Una cinquantina di vini vallesani DOC aspettano solo di essere degustati. Tra loro, autentiche rarità locali come l’Arvine, il Cornalin o l’Humagne rouge. Per non parlare, poi, di Fendant, Heida, Syrah e dei deliziosi assemblaggi a base di Petite Arvine, Pinot nero o Gamaret. Benvenuto nella più grande enoteca a cielo aperto della Svizzera !

Otto destinazioni turistiche
con il marchio « Famiglie Benvenute »

L’aria balsamica delle montagne, attività divertenti in piena natura : il Vallese non smette mai di sorprendere con le sue o erte tanto numerose, quanto varie e a misura di famiglia.

Le famiglie, infatti, hanno a disposizione un ampio ventaglio di infrastrutture.

Otto destinazioni sono state insignite del marchio « Famiglie Benvenute » dalla Federazione svizzera del turismo (FST): si tratta di Aletsch Arena, Bellwald, Blatten-Belalp, Crans-Montana, Grächen – Saint-Nicolas, Nendaz, Saas-Fee e Zermatt – Matterhorn (Cervino).

Alcune foto sono state offerte dall’Ufficio del Turismo.

Sole e caldo a Cipro per il ponte dell’Immacolata

Cipro. Tramonto a Kourion
Cipro.Sito archeologico di Amathous

CIPRO, META PERFETTA PER IL PONTE DELL’IMMACOLATA!

 Sport, natura, cultura, eccellente enogastronomia per un long weekend

in una meta di grande suggestione

cantine aperte al pubblico

e uno dei mari più puliti dell’area mediterranea

 360 giorni di sole all’anno rendono il clima di Cipro perfetto per un viaggio in ogni stagione.

La combinazione di date di quest’anno regala per il ponte dell’Immacolata un weekend lungo che può essere l’occasione perfetta per scoprire la terza isola del Mediterraneo, lembo d’Europa esoticamente situato nell’estremità orientale del Mare Nostrum.

E per godersi anche gli ultimi appuntamenti di Pafos2017, capitale europea della cultura, come la bellissima mostra Salone d’Automne in Pafos, spin-off dell’evento parigino dedicato all’arte, creato da artisti come Henri Matisse e Pierre Bonnard e giunto alla sua 114esima edizione.

Il fascino di Cipro è legato anche al suo essere un territorio di confine, conteso nei millenni da tutte le civiltà che hanno fatto la storia della cultura europea e scrigno di tesori storico-artistici di inestimabile valore.

La preziosa eredità legata a tutti i passaggi che hanno attraversato l’isola è custodita da una natura spettacolare che oltre a uno dei mari più puliti dell’area mediterranea, mette a disposizione dei visitatori pittoresche zone montuose, morbide colline e un entroterra vario e caratterizzato da differenti tipologie di vegetazione.

Questo mix rende Cipro una meta suggestiva e tra i fattori che la rendono estremamente piacevole figura l’amabilità dei ciprioti sia nei centri urbani di maggiori dimensioni sia nei piccoli borghi che punteggiano il territorio, schiudendo scorci di commovente bellezza.

Oltre agli amanti dell’arte, gratificati dagli ultimi appuntamenti di Pafos2017, per il ponte dell’Immacolata, lo saranno anche gli sportivi che potranno approfittare del clima mite per fare immersioni, trekking, running sui circuiti delle numerose maratone che ospita l’isola e seguire tracciati in bicicletta adatti a tutti, lungo differenti tipologie di percorso. Le bici possono essere comodamente noleggiate in loco e se la neve si manifesta, potrà essere possibile, magari, anche fare una sciata vista mare, lungo le piste dei monti Troodos.

Una grande soddisfazione attende anche degli amanti dell’enogastronomia che potranno varcare la soglia delle numerose cantine aperte al pubblico per assaggiare le produzioni appena imbottigliate. Senza dimenticare altre leccornie tipiche dei mesi freddi come i dolci Soujouko, a base di mosto.

 Qualsiasi sia l’attività preferita, Cipro regala un’opportunità per viverla al meglio. Naturalmente, è perfetta anche per una vacanza slow, magari, all’insegna del benessere approfittando degli ottimi hotel presenti sull’isola che, secondo la leggenda, diede i natali ad Afrodite.

A volte, per diventare un po’ più belli basta semplicemente staccare la spina.

Farlo nell’isola che ha visto nascere la dea della bellezza è una garanzia! Kaló taxídi, buon viaggio!

 Alcune proposte di viaggio:

Ayii Anargyri Natural Healing Spa Resort, situato in prossimità delle sorgenti curative di Miliou, a pochi chilometri da Pafos, offre uno splendido vigneto, corsi di yoga e vari trattamenti salute e bellezza.

Per il ponte del 7 dicembre la quota parte da euro 380 per 3 giorni, con trattamento di B&B per due persone. Incluso l’utilizzo di tutta la splendida area termale e spa.

Londa, situato nella zona turistica di Limassol, è membro della catena Small Luxury Hotels e offre un centro benessere, una piscina all’aperto affacciata sul Mar Mediterraneo,

Per il ponte del 7 dicembre la quota parte da euro 490 per 3 giorni, con trattamento di B&B per due persone.

Incluso l’utilizzo di tutta la splendida area termale e spa.

 Per informazioni: www.turismocipro.it

FOTO da Ufficio Turismo

TonnI in estinzione – Non abbassiamo la guardia

Quote tonno, Slow Food ai Governi: «Non abbassiamo la guardia»

 

All’interno dell’Ue, poi, il Tac (Totale ammissibile di cattura) per il 2017 è stato stabilito in 7.428,75 tonnellate da dividere tra gli Stati membri, di cui 3.304,82 tonnellate all’Italia (+ 15 tonnellate per pesca sportiva e/o ricreativa).

«Queste cifre sono già eccessive.

Tutta la comunità scientifica internazionale è d’accordo nel sostenere che aumentare le quote o, peggio, abolirle non consentirebbe di ricostituire gli stock.

Invitiamo pertanto i Governi a non abbassare la guardia perché il tonno non è salvo» è il messaggio di Silvio Greco, presidente del comitato scientifico di Slow Fish.

Slow Food ai Governi: «Non abbassiamo la guardia»

Sino al 22 novembre, è riunito in Marocco, a Marrakech, l’Iccat (International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas), l’organizzazione intergovernativa responsabile della conservazione del tonno e delle specie affini nell’Oceano Atlantico e mari adiacenti.

La Commissione è composta da 51 parti contraenti, tra cui l’Unione Europea e il Giappone.

Alla Commissione può unirsi qualunque Governo membro delle Nazioni Unite, qualsiasi agenzia Onu e le organizzazioni intergovernative che abbiano ricevuto deleghe in materia dai Paesi che ne fanno parte: http://www.iccat.es/en/contracting.htm

In seno alla Commissione si sta verificando un fortissimo lavoro di lobbying da parte delle multinazionali del settore che premono affinché si abbandoni il sistema delle quote che in questi anni ha garantito il ripopolamento della specie.

Tanto che il Comitato scientifico Iccat suggerisce come compromesso un aumento del totale delle catture ammissibili fino a 36.000 tonnellate entro il 2020, oltre il doppio del contingente 2015.

E le decisioni dell’organismo internazionale diventano vincolanti per le parti.

Pericolo sicurezza elettronica Italia tra i primi 10 a rischio

SICUREZZA SUL WEB ???

Cybercrimine, 2017 è il nostro anno peggiore secondo Clusit (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica), l’Italia è preda degli hacker

Allarme sul cybercrime in Italia

CLUSIT

invia gli allarmi e nessuno li ascolta

La (non) sicurezza informatica è diventata una minaccia sistemica

Il consumatore NON è informato sui rischi che corre

Il cittadino pensa che i suoi dati non sono interessanti per nessuno; invece NON è così

La scuola italiana non prepara ad affrontare i rischi dell’elettronica avanzata; nemmeno i maestri o professori (in genere) ne sono informati

Mancano informazione e coscienza su quali siano i rischi ai quali ci affacciamo usando i nostri mezzi elettronici.

Si spende poco in sicurezza, molto in nuove tecnologie che il cittadino poi non sa gestire e non capisce i rischi che corre.

Gli incidenti classificati come pericolosi, mostrato una crescita esponenziale nel tempo; questo significa una crescita annua del 600 e 400%”.

In Italia, siamo nella top ten globale per numero di vittime.

LA VERITA’

Alessio Pennasilico, uno degli autori del rapporto Clusit, sostiene che:

” Siamo entrati nella top ten degli attacchi più gravi per via di quello subito dalla Farnesina nei giorni scorsi. Inoltre, “per la prima volta siamo saliti al quarto posto nel mondo per numero di vittime di attacchi informatici. Una  particolarità italiana sono gli attacchi ransomware, che criptano tutti i file dell’hard disk chiedendo un riscatto all’utente per sbloccarli. Un fenomeno che è forte solo in Italia, dato che da noi le vittime sono impreparate e al tempo stesso pagano i criminali per riavere accesso ai propri file, non avendo alternative”.

E’ successo ad aziende, Comuni, ospedali  ecc… 

Il rischio viene sottovalutato e non sempre gli strumenti a disposizione vengono sfruttati al massimo delle loro possibilità, perché affidiamo i nostri dati sensibili (per esempio degli ospedali, manicipalità … ) a persone che non lavorano bene o non sono preparate ...

perché i Italia manca la MERITOCRAZIA …

Ciò che preoccupa maggiormente gli esperti del Clusit,  è l’aumento a quattro cifre (+1.166%) degli attacchi con tecniche di Phishing /Social Engineering, che puntano a  indurre la vittima a fare passi falsi che poi rendono possibile l’attacco informatico vero e proprio.

DonnE…Cultura