Archivi categoria: archeologia

Antropologia novità a Grosseto – Uomo Neanderthal viveva a Roccastrada

Scoperta vicino a Grosseto

L’Uomo di Neanderthal viveva a Roccastrada, nella zona de La Pietra. La conferma dagli scavi dell’Università di Siena

Roccastrada (Grosseto). L’Uomo di Neanderthal viveva anche sul territorio di Roccastrada, in provincia di Grosseto, e, più precisamente, nella zona de La Pietra, la grande cava preistorica sulle sponde del torrente Farma, vicino a Torniella, che fa parte del Parco Tecnologico Archeologico delle Colline Metallifere Grossetane ed è inserita all’interno dell’omonima Riserva Naturale.

A confermarlo sono le ricerche concluse pochi giorni fa dall’Unità di ricerca di preistoria e antropologia dell’Università di Siena, con il Dipartimento di Scienze fisiche della Terra e dell’ambiente, che hanno coinvolto alcuni studenti provenienti dall’Università di Genova e contato sul supporto logistico del Comune di Roccastrada.

Il sito de La Pietra è noto per la presenza di una grande cava e officina risalente all’età del Rame, circa 5.000 anni fa, che serviva a selezionare il diaspro di migliore qualità da lavorare sul posto, attraverso la scheggiatura, per ottenere semilavorati da trasformare in raffinate punte di freccia e di giavellotto, con una lavorazione più minuziosa che veniva fatta altrove.

Le ricerche condotte dall’Unità di ricerca dell’Ateneo senese hanno portato alla luce anche un accumulo di schegge nello strato più basso dello scavo, che ha confermato la presenza del Neanderthal in un periodo precedente ai 40 mila anni fa – Paleolitico medio – in un contesto archeologico rimasto, in alcuni punti, intatto.

L’attribuzione al Neaderthal, in mancanza di una datazione assoluta sul sedimento contenente i reperti, è stata possibile proprio grazie al riconoscimento dell’inconfondibile processo di lavorazione della pietra messo in atto dalle popolazioni del Paleolitico medio, anche se la materia prima del sito è stata utilizzata anche in periodi più antichi da cacciatori-raccoglitori nomadi del Paleolitico per fabbricare strumenti di uso quotidiano e armi per la caccia.

Le ricerche sono iniziate la scorsa primavera e sono state compiute grazie alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Arezzo e Grosseto, con il sostegno dei Carabinieri Forestali, del Parco delle Colline Metallifere Grossetane, della Regione Toscana, del Comune di Roccastrada e della Società Filarmonica Popolare di Torniella. Le ricerche, inoltre, sono state sostenute da aziende del territorio grossetano, quali Diacron International ed Eurit s.r.l. A suscitare crescente interesse, anche internazionale, su La Pietra è stata la pubblicazione sulla prestigiosa rivista internazionale di scienze geologiche Proceedings of the Geologists’ Association, di un articolo in cui il sito sul territorio roccastradino è stata inserita tra i cinque esempi italiani e russi di luoghi dove il valore storico-archeologico e quello geologico si sposano, offrendo potenzialità uniche dal punto di vista della conoscenza sulle antiche popolazioni umane.

“La Pietra – afferma EmilianoRabazzi, assessore alla cultura di Roccastrada – è un luogo importante per la nostra storia più antica e un patrimonio da valorizzare per riscoprire e far conoscere le origini della nostra comunità e la sua evoluzione. Le ricerche condotte dall’Unità di ricerca di preistoria e antropologia dell’Università di Siena hanno portato alla luce le tracce più antiche di utilizzo di questo sito come luogo di approvvigionamento del diaspro, la tipica roccia silicea del luogo, e contribuito a ricostruire la presenza dell’Uomo di Neaderthal nella nostra area. Ringrazio Sem Scaramucci, che ha diretto la ricerca, e Adriana Moroni, dell’Unità di ricerca di preistoria e antropologia dell’Università di Siena, che lo ha affiancato in uno studio molto interessante e che potrebbe proseguire con altre fasi, puntando a rendere La Pietra un altro elemento di promozione territoriale e di riscoperta e valorizzazione della nostra storia più antica”.

Corsi antiche civiltà a Milano

Accademia delle Antiche Civiltà – Milano

In cammino verso il nuovo anno accademico 2017-2018

I corsi programmati per il prossimo anno accademico

I corsi costano 270 / 380 euro oltre iscrizione per 10 o 15 lezioni. Iscrizione: + 120 euro come quota non soci

Corso civiltà egizia 70 euro

Quota associativa intera per socio ordinario 50 euro.

Con il mese di giugno si è concluso il corrente anno accademico. Il corso che ne ha caratterizzato le attività didattiche per i suoi aspetti innovativi e di ricerca sperimentale è stato quello dal titolo:

“Laboratorio di elamico e antico persiano con prove di ricostruzione testuale a partire da frammenti inediti”

tenuto dal prof. Gian Pietro Basello  docente di elamico all’Università di Napoli.

Il corso si è svolto in collaborazione con il dipartimento di Antichità Orientali del Louvre e con il progetto DARIOSH dell’Università di Napoli.

L’Accademia delle Antiche Civiltà (AdAC) ringrazia la dott.ssa Marielle Pic (direttrice del Dipartimento delle Antichità Orientali, Museo del Louvre), il dott. Julien Cuny (conservatore per le antichità achemenidi, Museo del Louvre),  il prof. Adriano V. Rossi (direttore del progetto DARIOSH, Università “L’Orientale”, Napoli) e naturalmente il prof. Gian Pietro Basello, docente del corso, per aver avuto la possibilità di tenere nella sua sede di Milano questo corso innovativo su frammenti inediti del Louvre e si augura che anche con il prossimo anno accademico questa esperienza possa avere un seguito.

SEDE :

Per informazioni telefoniche: cell.  335 5419687
cell. 333 9725757  cell. 338 4493020 

Milano – Via Gherardini – MM 1 e 2: fermata Cadorna Triennale

 tram n.1( da Piazza Cadorna):  fermata Arco della Pace .

I corsi programmati per il prossimo anno accademico

( nella seconda parte del notiziario saranno presentati  gli altri corsi che completano la nostra proposta culturale)

Tutti i corsi inizieranno a gennaio 2018: sono aperte le iscrizioni, scrivere a info@antichecivilta.it .

Laboratorio di elamico e antico persiano con prove di ricostruzione testuale a partire da frammenti inediti.

Dal frammento al testo II:
la Casa delle Colonne e l’Apadana di Susa nelle iscrizione reali achemenidi.

Il corso si presenta come un laboratorio epigrafico che offre la possibilità di lavorare su frammenti inediti, messi a disposizione dei partecipanti in foto ad alta risoluzione grazie alla collaborazione tra il Dipartimento delle Antichità Orientali del Louvre, il Progetto DARIOSH e l’Accademia delle Antiche Civiltà.

I frammenti, ritrovati a Susa (La più longeva sede reale dell’iran sud-occidentale, nota anche dalla Bibbia) nei primi decenni del 1900, appartengono a diversi esemplari delle iscrizioni achemenidi DSd e A2Sa, originariamente scolpite su basi di colonna. Ambedue le iscrizioni fanno riferimento alla costruzione di edifici da parte dei sovrani achemenidi, rispettivamente Dario 1(521-486 a.C.) e Artaserse Il (404-359 a.C.). Tra gli edifici menzionati c’è la Casa (o Palazzo) delle Colonne, evidentemente caratterizzata da vasti ambienti colonnati, e l’Apadana, un termine antico-persiano oggi comunemente usato per indicare due grandi sale ipostile messe in luce a Susa e Persepoli.

L’analisi morfologica, sintattica e lessicale verrà svolta in un’ottica interlinguistica confrontando in particolare i testi in babilonese ed elamico.

La corretta lettura e identificazione dei frammenti porterà a nuove ricostruzioni di dettaglio del testo originario.

Attraverso questo lavoro sarà possibile individuare joins (ricongiungimenti) tra frammenti, aiutando gli esperti di restauro del Louvre nella ricomposizione dei vari esemplari. L’associazione di queste iscrizioni con i resti di palazzi achemenidi individuati a Susa sarà discussa nel corso del laboratorio attraverso l’analisi di rapporti di scavo, planimetrie e fotografie.

Il corso prosegue e completa l’esperienza del laboratorio di epigrafìa achemenide

Dal frammento al testo tenuto all’Accademia delle Antiche Civiltà nell’anno accademico 2016-2017, in cui sono stati analizzati i testi in antico-persiano ed elamico di DSd e in elamico di A2Sa.

La partecipazione al precedente laboratorio non è un requisito in quanto i testi babilonesi saranno affrontati dal principio.

Le lezioni presuppongono una conoscenza di base di babilonese ed elamico, tuttavia anche chi ne è sprovvisto potrà fruire delle parti pratiche fin da subito e imparare gradualmente gli aspetti linguistici, svolgendo un minimo di studio individuale con il supporto del docente (disponibile anche tramite posta elettronica e twitter.corn/elamici).

docente: prof. Gian Pietro BASELLO
Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
In collaborazione con il  Dipartimento di Antichità Orientali del LOUVRE e il progetto DARIOSH / ISMEO .

Corso di storia e archeologia del
Vicino Oriente antico

La storia delle scoperte archeologiche nel Vicino Oriente antico

La storia dell’archeologia orientale è una storia abbastanza recente che nasce e si sviluppa nell’arco degli ultimi due secoli. Seguiremo i suoi sviluppi, dai primi resoconti dei viaggiatori seicenteschi, ai primi esordi degli scavatori di Ninive, Babilonia e Persepoli, con uno sguardo anche alle scoperte di Troia e Cnosso, per poi passare agli scavi sistematici di Hattusa, Ebla, Mari, Ugarit e Megiddo, solo per indicare alcune delle città più conosciute.

Durante il corso si prenderà in esame la storia delle indagini archeologiche nel Vicino Oriente significativa delle avventure e dell’intraprendenze dei primi pionieri, dei problemi che essi affrontarono, dei metodi di scavo che gli archeologi applicarono e dei forti condizionamenti politici che determinarono nell’esplorazione delle lunghe pause, proficue intensificazioni e ancora oggi regioni inaccessibili.

docente: d.ssa Elena Asero
Accademia delle Antiche Civiltà

Investitura di Zimri-Lim, affresco – Palazzo Reale di Mari – Museo del Louvre

Il corso di ittitologia

tra le lingue e le culture anatoliche del II millennio a.C., si afferma prepotentemente quella ittita: una popolazione di caratteristiche indoeuropee che per prima fissò la sua lingua su tavolette d’argilla in caratteri cuneiformi. L”Accademia delle Antiche Civiltà propone per il prossimo anno accademico un interessante corso volto all’apprendimento delle strutture fondamentali della lingua su documenti originali.
continua la lettura
Argomento del corso:
Inni e preghiere dei sovrani ittiti per apprendere la prima lingua indoeuropea scritta in caratteri cuneiformi.

“Tra le tante tavolette scoperte presso il sito della capitale ittita Hattusa, vi è una serie molto interessante e utile per comprendere il pensiero religioso degli Ittiti: le preghiere, pronunciate dai sovrani in varie occasioni. L’analisi di queste preghiere infatti permette di entrare in qualche modo nell’anima di un individuo antico, della sua ricerca del bene, del suo senso di precarietà, insomma dell’essere UOMO.
D’altra parte, la struttura grammaticale di questa tipologia testuale ne fa uno strumento ideale per approfondire la conoscenza della lingua”.

docente: Prof.ssa  Marie-Claude Trémouille

emerita di culture anatoliche del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Rricostruzione dell’acropoli di Hattusa

Il  Corso di lingua e cultura ACCADICA :

“Accadico” è il termine con cui si designa la lingua semitica degli antichi abitanti della Mesopotamia (corrispondente pressappoco all’attuale Iraq) tra la fine del III e la fine del I millennio a. C. Infatti, le due diramazioni più importanti dell’accadico sono l’assiro e il babilonese, parlati dalle due omonime popolazioni semitiche.

Accadico 1: argomento del corso*

 La morte di Enkidu (Gilgameš tavole VII e VIII)

L’episodio della morte di Enkidu rappresenta un momento chiave del poema epico di Gilgameš. Idealmente è il punto di svolta della narrazione, in cui si svela la debolezza dell’eroe urukita e la presa di coscienza della sua mortalità e limitatezza, dopo che nella prima parte  della narrazione erano emerse prevalentemente le sue qualità di sovrano e guerriero pressoché invincibile. Immediatamente dopo il rituale funebre – esemplare di altri mesopotamici – Gilgameš comincerà il suo cammino alla ricerca dell’immortalità e verso il raggiungimento della saggezza.

*(gli iscritti al corso di cultura potranno usufruire del corso “lezioni di grammatica accadica”).

docente: dr. Salvatore Viaggio
Accademia delle Antiche Civiltà

Corso di cultura del vicino oriente ellenizzato

La rivolta giudaica del 135 d.C con lettura di documenti ebraici e greci

Laharut Yerushalaim per la liberazione di Gerusalemme: la rivolta di Bar Kokhba nel 135 e le reazioni del governo romano e dell’imperatore Adriano. Questa rivolta che accese parte del Mediterraneo orientale fu un combattimento per la gehulah, la ‘redenzione’ di Israele. Il corso verterà sull’esame delle fonti greche ed ebraiche (monete, lettere, papiri) naturalmente con l’ausilio di una traduzione italiana riportabili a questa terribile guerra che ancora parla e innalza interrogativi per gli uomini del 2017: fondamentalismo zelota o spirito ellenico erodiano? Si cambia religione, non i dilemmi.

Tetradramma d’argento della rivolta ebraica, raffigurante il Tempio e l’Arca dell’Alleanza all’interno.

docente: dr. Stefano Fumagalli
Accademia delle Antiche Civiltà

Introduzione alla lingua egizia e alla scrittura geroglifica

Il corso introduttivo allo studio della “lingua egizia” si prefigge di fornire le strutture morfologiche-sintattiche dell’egiziano secondo un’interpretazione critica attuale.
La lingua egizia può essere distinta in due grandi periodi, a loro volta suddivisi in sotto-periodi: l’egiziano, che all’inizio del III millennio a.C. diede origine alla scrittura, ed il neoegiziano, che subentrò verso la seconda metà del II millennio a.C. Noi ci occuperemo del primo, in particolare di quella fase nota come Medio Egiziano, la cosiddetta lingua classica, che segna la fioritura di una raffinata letteratura riconducibile al Primo Periodo Intermedio e al Medio Regno (2150-1780 a.C.).
Il corso s’incentrerà sulla lingua espressa dalla grafia classica geroglifica, ovvero la lingua sacra, in contrapposizione a quella utilitaria, lo ieratico, caratterizzato da forme non figurate dei segni- di natura essenzialmente corsiva.
Verranno presi in considerazione l’origine, il contenuto figurativo, l’evoluzione grafica, i suoni e le funzioni delle diverse categorie di segni geroglifici, a cui si accompagnerà la lettura di brevi frasi, man mano sempre più articolate, tratte da opere originali.

docente: dr. Ruggero Pucci
Accademia delle Antiche Civiltà

AI SOCI, AGLI AMICI E AI SIMPATIZZANTI
 
Rinnovate la quota sociale annuale* SE SIETE SOCI oppure aderite all’associazione se non lo siete: il vostro contributo è fondamentale per continuare questa avventura culturale che non ha riscontri nel tessuto culturale milanese e lombardo. Ma soprattutto per consolidare questa scuola universitaria di alta specializzazione iscrivetevi numerosi ai corsi proposti unico modo per rendere sostenibile la loro attivazione!!!.
vai alla pagina specifica del sito: www.antichecivilta.it

CHI E’ IN GRADO DI FARLO E VUOLE SUPPORTARE, OLTRE  ALLA QUOTA SOCIALE, LE ATTIVITA’ CULTURALI DELL’ ACCADEMIA delle ANTICHE CIVILTA’,
ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO,
PUO’ FARE UNA  DONAZIONE DIVENTANDO
SOCIO BENEMERITO.

Si ricorda che la quota sociale annuale scade con il 31 Ottobre prossimo. Si ricorda inoltre che essere in regola con il versamento della quota sociale dà diritto all’iscrizione gratuita ai seminari che saranno programmati nel prossimo anno accademico.

* La quota annuale ordinaria di associazione è sempre di
€ 50.
I versamenti vanno effettuati sul cc/p con IBAN:
IT58M0760101600001002010591
Intestato a:  Accademia delle Antiche

Como – Ingresso gratuito – Nuove scoperte archeologiche – 30 settembre – 10 novembre 2017

CHIESA DI SAN PIETRO IN ATRIO
Como, via Odescalchi
Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio
a cura di Lucia Mordeglia e Marina Uboldi
30 settembre – 10 novembre 2017

https://webmail4b.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=437d11019d32d40&uid=74413&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=7650122d4458284&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=3

Guttus ornitomorfo , dal corredo della Tomba 3, Grandate, 2011

Per la prima volta in mostra, reperti archeologici di grande importanza storica , esito della ricerca condotta a Como negli ultimi dieci anni, vengono esposti nella suggestiva Chiesa di San Pietro in Atrio, dal 30 settembre al 10 novembre.
L’articolata rassegna “Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio” organizzata congiuntamente dalla Soprintendenza Archeologica e dai Musei Civici di Como , accanto alla panoramica sugli ultimi ritrovamenti, illustra le novità scientifiche sulle più antiche fasi di popolamento, sviluppatosi nel corso del primo millennio avanti Cristo, e mette in risalto il valore e il significato del ricco patrimonio archeologico comasco precedente alla fondazione della colonia romana.
Urne cinerarie e vasi per offerte dalle forme inconsuete, ornamenti in bronzo, ferro, ambra, pasta vitrea, elementi dell’abbigliamento, amuleti , simboli di status delle antiche popolazioni e preziosissime armi riferibili alla cultura protostorica detta “di Golasecca” caratterizzano il percorso espositivo, accompagnato da fotografie e disegni ricostruttivi , video e immagini 3D , che forniscono, grazie alle nuove tecnologie, informazioni approfondite finalizzate a coinvolgere un vasto pubblico.
I temi principali della mostra sono i corredi funerari della prima età del Ferro provenienti dagli scavi di S. Fermo della Battaglia, via per Mornago (2006) e di Grandate, emersi nel 2011 durante la costruzione della nuova Pedemontana; l’enigmatica area religiosa/monumentale del Nuovo Ospedale Sant’Anna (scavi 2007), risalente al VI secolo a.C., costituita da un grande circolo del diametro di 70 m, delimitato da un doppio recinto di pietre con piattaforma centrale ad emiciclo e setti radiali in materiali litici e terre diverse, di difficile interpretazione funzionale; un ripostiglio sacro dell’Età del Ferro rinvenuto sul Monte San Zeno in Val d’Intelvi; i più recenti dati archeobiologici sul clima, la vegetazione, l’alimentazione umana in età protostorica; e infine i risultati della nuova ricercacondotta sul Carro cerimoniale del V secolo a.C. della Ca’ Morta dal prof. Bruno Chaume dell’Università della Borgogna, Direttore del programma Vix et son Environnement , che ha messo in evidenza una stretta parentela con i coevi carri di ambito culturale hallstattiano, rinvenuti nel Centro Europa.
Questi ultimi ritrovamenti contribuiscono ad accrescere il ricco patrimonio archeologico del centro protostorico che ha preceduto la fondazione di Como, le cui origini risalgono al I millennio a.C. Infatti, prima della città romana, i rilievi attorno alla città attuale vedono l’insediamento di villaggi e gruppi di abitazioni: diversi reperti e resti di tombe ne conservano la testimonianza. Nei secoli successivi, in particolare il VI e il V a.C., l’abitato raggiunge la sua massima espansione e ricchezza, concentrandosi soprattutto lungo il versante meridionale della Spina Verde, il parco regionale che si estende sulla fascia collinare a nord-ovest di Como. Fondamentale per lo sviluppo del nucleo abitativo è il suo ruolo di centro di contatto e scambi tra la Pianura Padana, stabilmente occupata dagli Etruschi, e il mondo celtico e quello hallstattiano (dalla cittadina di Hallstatt, nei pressi di Salisburgo) del Centro Europa.
L’ininterrotto stanziamento delle popolazioni nella medesima area fino ai giorni nostri, unito all’intensificarsi delle attività edilizie del secondo dopoguerra, ha nascosto o cancellato segni dell’insediamento antico. Tuttavia, l’attività di tutela svolta dalla Soprintendenza Archeologica in sinergia con le Amministrazioni Comunali, consente di recuperare sempre nuove testimonianze del passato della città e dei suoi abitanti, garantendone la salvaguardia.
La ricerca scientifica – che di recente si è avvalsa della collaborazione con importanti centri di studio internazionali, quali il CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique ) e le Università di Berlino e di Mainz – permette ora di porre in risalto il ruolo della civiltà di Golasecca (cultura preromana che si sviluppa nel I millennio a.C. nel territorio della Lombardia occidentale, Piemonte Orientale, Canton Ticino, che deriva dalla località di Golasecca, sulla sponda varesina del fiume Ticino) nel quadro delle relazioni con le coeve civiltà mediterranee e mitteleuropee.
La mostra è inoltre un invito a visitare i beni archeologici presenti in città e nei dintorni: il Museo Civico cittadino, dove sono conservati l’originale del Carro celtico e i reperti dei passati rinvenimenti nella necropoli della Ca’ Morta, il Parco della Spina Verde, il Circolo dell’Ospedale di S. Anna e infine, per l’epoca romana, l’area delle Terme di Viale Lecco e Porta Pretoria.
Il progetto scientifico è stato redatto da Lucia Mordeglia , Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Como, Lecco, Monza-Brianza, Pavia, Sondrio, Varese, Marina Uboldi , Musei Civici di Como, Stefania Jorio , già Soprintendenza Archeologia della Lombardia, con la collaborazione di Marta Rapi , Docente di Preistoria e Protostoria, Università degli Studi di Milano, Mauro Rottoli , Laboratorio di Archeobiologia dei Musei Civici di Como e Mimosa Ravaglia , Archeologa, Como.
Accompagna la mostra un catalogo con testi di Lucia Mordeglia, Stefania Jorio, Mimosa Ravaglia, Bruno Chaume, Marina Uboldi, Mauro Rottoli, edito da Società Archeologica Comense.
Coordinate mostra
Titolo Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio
A cura di Lucia Mordeglia e Marina Uboldi
Sede Chiesa di S. Pietro in Atrio, via Odescalchi, Como
Date 30 settembre – 10 novembre 2017
Orari martedì – venerdì, ore 15-18; sabato e domenica, ore 10-18; lunedì chiuso
Visite guidate per le scuole  solo su prenotazione : martedì e giovedì, ore 10-12
Per prenotazioni: Società Archeologica Comense, Piazza Medaglie d’Oro 6 – 22100 Como
Tel. 031 269022 – didattica@archeologicacomo.it
Ingresso gratuito
Informazioni al pubblico Musei Civici di Como, Museo Archeologico “P. Giovio”
Piazza Medaglie d’Oro 1 – 22100 Como
Tel. 031.252550 – musei.civici@comune.como.it –

ARCHEOLOGIA L’UOMO DEL PALEOLITICO NON SOLO CACCIAVA, MA MACINAVA ANCHE L’AVENA SELVATICA

Nel 1989, sul Gargano (Puglia, Italia), fu trovato un pestello antico di 32.000 anni.

I ricercatori vi hanno scoperto delle tracce di farina; la più antica del mondo.

L’equipe scientifica è stata coordinata dalla botanica Maria Mariotti dell’Università di Firenze.

La ricerca ha evidenziato come l’Homo sapiens cuocesse e macinasse l’avena, migliaia di anni prima di coltivarla (data, non certa, dell’ inizio dell’agricoltura: 11.000 – 10.000 – 8.000 a.C.).

Secondo gli scienziati l’avena selvatica veniva sottoposta ad un trattamento a caldo (probabilmente per accelerarne l’essicamento), poi si procedeva alla macinazione.

Ancora oggi questa procedura è in uso in alcune parti dell’Asia.

Siamo certi che questa pratica fosse ben nota anche in ampie aree circostanti (vedi articolo su: GÖBEKLI TEPE: UNO DEI SITI ARCHEOLOGICI PIÙ SCONOSCIUTI E IMPORTANTI https://www.donnecultura.eu/?p=7548
A Göbekli Tepe, l’uomo si sente superiore all’animale (11.500.); nei bassorilievi e disegni, l’uomo è rappresentato in grande, come figura superiore.

Secondo il prof. Rose, la religione ha portato l’uomo verso l’agricoltura; questa teoria, ribaltando le precedenti, pone l’uomo al di sopra degli animali e della natura…un peccato di superbia necessario per il progresso?

Quindi non fu l’agricoltura a fare la rivoluzione culturale, ma la religione che afferma che gli uomini sono superiori agli animali.

La spinta verso il divino avrebbe dato origine alle nostre società.

PECCATO CHE OGGI L’UOMO SIA ARRIVATO A SENTIRSI TANTO SUPERIORE ALLA NATURA DA RISCHIARE DI ESSERNE TRAVOLTO.

PERU’ L’ALTERNATIVA AL MACHU PICCHU E’ SCONVOLGENTE E FATICOSISSIMA

Il trekking per la città perduta Inca di Choquequirao è uno dei più faticosi.

jnhPerù chichequirao lm

Dalla città di Cachora, 161 chilometri a ovest di Cusco, si fa trekking per  18 km sino a Capuliyoc Mountain, poi si scende a Playa Rosalinas, dove ci si accampa per la notte.

Choquequirao 300ol

Al mattino assai presto, i trekkers attraversano il fiume Apurímac, dopo di che li aspettano ben  8 km di tornanti in salita  per raggiungere il campeggio più vicino al sito archeologico.

Choquequirao jn 300

La mattina successiva sono previsti altri  2 km per raggiungere le rovine; a 3.100m sopra il livello del mare.

Il ritorno avviene attraverso il medesimo percorso.

A Choquequirao arrivano mediamente  30 persone al giorno, durante l’alta stagione (da giugno ad agosto), mentre al Machu Picchu ne arrivano: 2.500.

Ovviamente il sito vale la fatica: natura lussureggiante, vista sulle montagne mozzafiato.

Probabilmente contemporanea del più famoso Machu Picchu,  1445, Choquequirao è in realtà più affascinante e grandiosa.

Choquequirao è poco nota e poco si è anche scritto di questa città del Perù, dove gli archeologi stanno ancora scoprendo la maggior parte delle rovine.

I funzionari peruviani prevedono  la costruzione di una funivia per Choquequirao entro il 2016; il trasferimento non sarà più di giorni, ma di soli 15′.

Previsti: 3.000 visitatori al giorno.

Choquequirao  è stata scoperta nel 1710, da un esploratore spagnolo che si chiamava Juan Arias Díaz.

Gli scavi sono iniziati nel 1970.

Il Machu Picchu è stato scoperto nel 1911, e gli scavi iniziarono l’anno successivo.

Choquequirao è circondata dalle montagne innevate di Ampay, Panta e Quishuar.

Qui tutto è stato costruito con precise conoscenze tecniche idrauliche e architettoniche, come del resto anche, più in piccolo, il Machu Picchu.

Le fontane di acqua sono scolpite in  grandi rocce, le case hanno  doppie porte per vantare la ricchezza e la potenza dei loro abitanti; esisteva anche un sistema che consentiva di   conservare il cibo come in un frigorifero.

Ogni terrazza è stata decorata con rocce bianche.

Gli archeologi hanno stabilito che gli schiavi dei villaggi vicini, probabilmente nel nord, hanno  costruito Choquequirao, utilizzando calcare e granito.

La foto di copertina s riferisce al più famoso Machu Picchu.

5 scoperte archeologiche – International Archaeological Discovery Award 2017

Annunciate le 5 scoperte archeologiche candidate alla vittoria della 3ª edizione dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”

Promosso dalla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico e da Archeo.


Le prime cinque scoperte archeologiche del 2016, candidate sono:

·              Egitto – L’edificio della barca di Sesostri III e i graffiti di 120 navi ad Abido

·              Francia – La prima opera architettonica dei Neanderthal in una caverna di Bruniquel

·              Iraq – La grande città dell’Età del Bronzo presso il piccolo villaggio curdo di Bassetki

·              Pakistan – La città indo-greca di Bazira

·              Regno Unito – Le 400 tavolette di epoca romana ritrovate nella City di Londra

I Premi saranno consegnati venerdì 27 ottobre – in occasione della XX BMTA, nell’area archeologica della città antica di Paestum dal 26 al 29 ottobre – alla presenza dei Direttori delle testate che intervisteranno i protagonisti.
Il Direttore della Borsa Ugo Picarelli e il Direttore di Archeo Andreas Steiner hanno condiviso questo cammino in comune, consapevoli che “le civiltà e le culture del passato e le loro relazioni con l’ambiente circostante assumono oggi sempre più un’importanza legata alla riscoperta delle identità, in una società globale che disperde sempre più i suoi valori”. Il Premio, dunque, si caratterizza per divulgare uno scambio di esperienze, rappresentato dalle scoperte internazionali, anche come buona prassi di dialogo interculturale e cooperazione tra i popoli.

Per informazioni sulle scoperte: www.borsaturismoarcheologico.it/premio-khaled-al-asaad   

MUSEO EGIZIO – L’AVVENTURA DELL’ARCHEOLOGIA – SINO AL 10 SETTEMBRE 2017

L’avventura archeologica M.A.I. raccontata

da non perdere

Le storie dei protagonisti della missione si intrecciano ai reperti e ai quaderni degli scavi

Esposizione dedicata alla storia della ricerca e degli scavi italiani in Egitto nel primo Novecento.

L’avventura di Schiaparelli.

Trentamila oggetti portati al Museo Egizio di Torino dal 1903 al 1920, dalla Missione Archeologica Italiana guidata da Ernesto Schiaparelli; direttore del museo.

Missione Egitto 1903-1920.

L’avventura archeologica M.A.I. raccontata, la nuova mostra temporanea del Museo Egizio.

Giovanni Marro, psichiatra e antropologo, con Schiaparelli si occupò di organizzare le ricerche antropologiche in Egitto con una accurata raccolta di mummie e scheletri interi, in parte ora al Museo di Antropologia ed Etnografia ed ora presenti in mostra.

Il Museo Egizio è il più antico museo al mondo dedicato alla civiltà del Nilo, ma anche il secondo al mondo come numero di reperti.

Un anno fa, la prima mostra temporanea di questo museo, realizzata con il Museo Archeologico di Napoli, Il Nilo a Pompei, portò 256mila visitatori.  Ecco i dati che ci provengono dalla Presidente Evelina Christillin.

MODA E PUBBLICITA’ – INCANTARE LE MASSE -NON dimentichiamo il passato e la storia per capire cosa sta sucecdendo oggi in Italia e nel mondo

L’ARTE E LA SUA CAPACITA’ DI INCANTARE LE MASSE.

Il popolo fu ingannato: Augusto professava umiltà, ma viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione …

Da Dario ad Alessandro Magno ai romani … breve storia che ci aiuta a capire quello che accade oggi e forse accadrà domani …

 OGGI: L’ARTE E’ PASSATA DALLA SUGGESTIONE POLITICA ALLA SUGGESTIONE DI MASSA.

 TUTTO QUESTO CI CONDIZIONA, TANTO PROFONDAMENTE DA INFLUIRE SU DI NOI ANCHE SE NE CONOSCIAMO I MECCANISMI.

 TRASFORMARE LA MENZOGNA IN VERITA’ (La pubblicità ci vende prima di tutto un sogno: il bianco più bianco, la nostra magrezza e salute in un bicchiere d’acqua, di una certa marca !…; una schiera di artisti-grafici-pubblicitari-registi sono al servizio dell’IMMAGINE che farà il successo del prodotto)

DARIO ARCHEOLOGIA 300px-Bisotun_Iran_Relief_Achamenid_Period

A ROMA 40 ANNI PRIMA DI CRISTO, 

-ROMA ERA VICINA ALLA CATASTROFE A CAUSA DELLA GUERRA CIVILE PER LE DIVISIONI TRA POLITICI E NOBILI CHE RAPPRESENTAVANO LA CULTURA; gli uni erano diffidenti rispetto agli altri, come, ormai ieri,  in Italia tra destra e sinistra.

-ANCHE NELL’ANTICA ROMA CI SI VESTIVA IN MODI DIVERSI SECONDO LA FAZIONE ALLA QUALE SI APPARTENEVA.

L’appartenenza politica era visibile anche solo dall’abbigliamento.

-Due campi opposti; ognuno con una propria “divisa”.

I repubblicani volevano il potere delle grandi famiglie ed avevano  abiti austeri e tradizionali: oggi si direbbe classici o conformisti alla moda.

Gli anticonformisti erano i monarchici; indossavano abiti sgargianti per ostentare tendenze esotiche, senso di libertà e fantasia.

-Ed ecco che appare, consapevole del potere dell’immagine, Ottaviano, passato alla storia come Cesare Augusto appartenente al campo monarchico.

-La Roma repubblicana era molto sospettosa e Ottaviano la doveva rassicurare; garantendo che non avrebbe minacciato il potere tradizionale dei repubblicani.

OTTAVIANO, IL FUTURO CESARE AUGUSTO, DEVE REINVENTARE LA SUA IMMAGINE PER CONQUISTARE IL POTERE.

-Ottaviano deve conquistare i repubblicani; per farlo decide di reinventare se stesso con un’immagine discreta capelli corti.  Riproduce l’immagine in centinaia di copie e la fa distribuire in tutto l’impero.

Così crebbe la fama di Augusto nell’Impero, ma non a Roma, sospettato di voler emarginare il patriziato e accentrare in se tutte le cariche.

Nella capitale Augusto  doveva disarmare i nemici con una sua immagine.

-Doveva convincere repubblicani.

-Ecco come Augusto usa l‘arte come strumento politico.

Arma raffinata per un periodo di pace, ma il cui successo avrà sinistre conseguenze.

CON UNA STAUTA RISOLVE IL PROBLEMA DELLA SUA IMMAGINE.

L’immagine è una statua in apparenza di un  generale vittorioso, ma inoltre indossa la corazza militare, ma non deve apparire lo spirito battagliero e si mostra con un un gesto di serena autorità, non ha i sandali del legionario, ma i piedi sono nudi.

Un capolavoro di arte política o immagine pubblica.

-Tutto questo per significare: unita più che potenza.

-Per persuadere.

– Il suo potere militare viene presentato da quella immagine come attraente anche per i repubblicani .

-Appare forte ma non  arrogante; così propone (impone) una  nuova età dell’oro con la pax augustea.

-Riunifica Roma e il mondo intorno con il potere dell’arte  dell’apparenza!

-Augusto si pone come eroe inviato dagli dei per salvare Roma : per un futuro di pace.

-Tutto questo basato sulla menzogna; il popolo è stato  ingannato: Augusto professava umiltà, ma viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione.

-Augusto crea così un sistema dittatoriale che durerà  4 secoli.

—–

-Con un’immagine si può anche spingere a odiare il nemico persuadendo il popolo, che il nemico è diverso, non degno di umana pietà.

-Questo è il potere di persuasione insito nell’arte.

L’arte è un’ arma potente per promuovere se stessi.

-Oggi facciamo le medesime cose che fecero Dario, Alessandro Magno, Augusto fino a Mao e tutti gli altri,

-ma usando la   tecnologia digitale.

-Vedi, ad esempio, le guerre con i robot ed i droni alle quali ci stanno abituando con le play staton  e tanti film ! !

-i twitt scritti con semplici parole che vengono facilmente ricordate e ripetute …

 -TUTTI dovremmo riflettere un poco di più.

—————-

UN PASSO INDIETRO NELLA STRIA: RE DARIO

DARIO ARCHEOLOGIA DISEGNO 192px-DariusRE DARIO I

COMINCIAMO DA CHI PER PRIMO COMPRESE IL POTERE POLITICO NASCOSTO NELL’ARTE: RE DARIO I° DI PERSIA.

 DARIO (Dārayawuš in antico persiano, Colui che possiede il bene) fu capace di centralizzare e stabilizzare l’immenso impero persiano fondato da Ciro II il Grande; ne ampliò i confini rendendo così più sicuri i territori del suo impero; che si stava espandendo verso occidente.

Dario salì al trono nel 522 a.C., mentre re Cambise aveva lasciato la Persia per sottomettere l’Egitto e l’improvvisa e morte di Cambise, durante il ritorno in Persia, favorì non poco Dario che si trovò solo alla testa dell’Impero.

Gaumata, della casta sacerdotale dei magi, usurpò il trono di Persia approfittando dell’assenza di Cambise, allora impegnato nella campagna di conquista dell’Egitto (525 a. C.), facendosi passare  per Smerdi, il fratello e luogotenente del re fatto uccidere in segreto da questi. Morto Cambise nel ritorno dalla campagna d’Egitto, l’inganno di Gaumata fu scoperto da sette nobili congiurati (fra i quali  vi era Dario), e l’usurpatore fu ucciso (522). Alcuni sostengono che sia stato lo stesso Dario a causare la morte di Gaumata.

-Noi preferiamo credere a quanto fatto incidere  dallo stesso Dario sul rilievo di Behistun (Bisutun: “con l’aiuto di altri sorprese Gautama in una delle sue fortezze”.

archeologia 200px-tomb_of_Darius_I

-Erodoto stesso ci riporta i nomi dei commilitoni grazie ai quali riuscì ad “uccidere l’usurpatore Gaumata” e prendere quindi il trono.

Anche Dario è visto da alcuni storici come un usurpatore,  costretto a giustificare il suo potere con la discendenza da un ramo della dinastia degli Achemenidi, collegandosi così con la linea familiare di Ciro II il Grande. Altri sostengono che effettivamente era discendente degli Achemenidi.

-Dario per consolidare il suo prestigio sposò Atossa, figlia del re Ciro II, padre di Cambise, e vedova di Gaumata.

-Tra il 520 e il 519 Dario dovette far fronte a numerose rivolte di nuovi usurpatori nel suo immenso impero, ma ne uscì vittorioso; comandando un piccolo esercito composto da Persiani, da Medi e un ristretto numero di generali fedeli.

-Dario nelle sue iscrizioni appare come un fervente seguace della religione monoteistica di Zaratustra.

-Indubbiamente fu valentissimo statista e riorganizzò l’impero grazie a lungimiranti leggi civili e penali.

-Dario rivoluzionò le leggi relative al commercio degli schiavi; leggi sulle testimonianze e sui prestiti e la corruzione.

-Ogni sua provincia viveva secondo leggi e tradizioni proprie, mentre veniva mantenuta la nobiltà locale. In questo modo i sottomessi potevano continuare le loro tradizioni, anche religiose; al fine di ridurre il rischio di rivolte.

-Permise agli ebrei di riedificare il tempio di Gerusalemme.

-Il nome di Dario appare in Egitto nei templi di Menfi ed Edfu.

-All’epoca di Dario,  tributi venivano pagati in oro e argento e questo, probabilmente, fu uno dei motivi del declino di Babilonia.

-Moli storici sostengono che le guerre combattute da Dario (Grecia compresa: l’unione della Grecia all’Impero persiano avrebbe reso sicura la porzione più debole del confine occidentale) ebbero solamente lo scopo di garantire la stabilità dei confini dell’impero.

Le guerre persiane furono  la conseguenza dell’aiuto militare dato da Atene ed Eretria ai ribelli delle città ionie e carie.

Sempre per motivi di difesa, secondo molti storici,  assoggettò le popolazioni delle zone montuose del Ponto e dell’ Armenia, estese il potere persiano fino al Caucaso, combatté contro gli Saka e le altre tribù delle steppe iraniane  che vivevano oltre il fiume Oxus.

Dario in campo militare svolse una profonda azione innovativa introducendo la coscrizione obbligatoria, la paga per i soldati, un addestramento codificato e rinnovò l’organizzazione dell’esercito e della marina.

Anche Dario usa l’arte per rafforzare il suo potere.

Dario ebbe comunque l’ingegno di rafforzare il suo prestigio ricorrendo all’arte: immagini spettacolari, rilievi, iscrizioni rupestri e regge sfarzose.

-Ne è un esempio il rilievo di Behistun (Bisutun), scolpito su una grande parete rocciosa, dove Dario è raffigurato mentre sconfigge i suoi nemici, concepiti come “il male”. L’iscrizione riporta il medesimo testo in tre lingue: antico persiano, elamico e babilonese (da quest’opera G.F.Grotefend decifrò la scrittura cuneiforme).

-Nell’iscrizione Dario è presentato come inviato dal dio Ahura Mazda con lo scopo di ordinare il mondo.

-La medesima monumentalità spettacolare sarà voluta da Dario anche per la sua sepoltura a Naqsh-e-Rostam, vicino a Persepoli, scavata nella roccia. Accanto si faranno seppellire anche i re Achemenidi che gli succedettero ed anche altre dinastie di re.

Tomba di Dario

Dario fece erigere spettacolari e splendidi palazzi in tutta la Persia: da Persepoli a Pasargade, da Susa a Ecbatana (storica capitale dei Medi).

-Le mura di Persepoli erano alte 20 metri e larghe 11, questa costruzione rappresentò, per l’epoca, un enorme sforzo ingegneristico.

-Nelle varie province crebbe un’intensa attività edilizia per la realizzazione di nuove strade; al fine di collegare meglio l’Impero.

-Le strade, sotto il domino di Dario, disponevano di stazioni di posta e locande ed erano protette da guarnigioni militari per rendere sicuro il traffico, anche postale.

-In Egitto, Dario portò a compimento il progetto di allargamento del canale navigabile tra il Nilo e il Mar Rosso; un’iscrizione geroglifica ricorda le navi del re che dal Nilo arrivavano fino alla mitica Saba, passando per il Mar Rosso.

Tutti i palazzi avevano splendidi giardini (parola che in persiano deriva da paradiso).

-Dario ebbe la lungimiranza di chiamare i migliori artisti e far arrivare i materiali più pregiati da tutto l’impero.

-FECE TRASFERIRE LA CAPITALE DELL’IMPERO DA PASARGADE ALLA NUOVISSIMA  PERSEPOLI.

-La storia e l’archeologia ci tramandano un’immagine di Persepoli ricca di arte raffinata e amministrata con giustizia.

-Alcuni testi di storia sostengono che Dario soffocasse nel sangue le rivolte che, successivamente, scoppiarono in tutto l’impero (ogni storico sostiene la sua tesi).05

Dario comprese l’importanza di introdurre la moneta (coniandovi la propria immagine), usanza inventata in Lidia (piccola regione centro-occidentale dell’attuale Turchia). Fissò il valore, in peso, delle monete e coniò il Darico aureo,  per creare un sistema uniforme adatto alle transazioni commerciali per tutto l’impero.

-Dario introdusse anche un’unità di misura standardizzata (il cubito reale) che favorì i commerci e il loro sviluppo.

-La moneta serviva come “promozione” dell’immagine ed era importantissima per il pagamento dei tributi e per accentrare ulteriormente l’amministrazione dell’Impero.

-Istituì anche un efficientissimo sistema postale.

-Dario si spinse sino in Europa fissando i confini sul Danubio; dopo la sconfitta subita da parte degli Sciti (popolazione seminomade a nord del Mar Nero).

Il tentativo di Dario di conquistare la Grecia fu affossato dall’eroismo della battaglia di Maratona da parte dei greci.

-Dario morì nel 486 a.C. mentre preparava una grande spedizione contro la Grecia.

 DARIO INTRODUSSE UN NUOVO STILE DI GOVERNO.

– CREO’ IL PRIMO LOGO POLITICO DELLA STORIA 

– VEICOLO’ AI SUDDITI L’IMMAGINE DEL GRANDE RE RAFFIGURATO CON ARCO IN PUGNO, OVVERO  IL BRAVO ARCERE.

-Tutti i potenti sfrutteranno la sua intuizione: fino ad oggi con la  statua della Libertà di New York.

Dario aveva unificato un impero vastissimo sino al Mediterraneo e all’India, anche  per i 150 suoi successori che ne sfruttarono i simboli.   


ALESSANDRO MAGNO

ALESSANDRO MAGNO NON ERA CONOSCITORE DELL’ARTE; ma ne comprese il potere.

ALESSANDRO MAGNO SCONFISSE E CONQUISTO’ POESEPOLI, mettendo a ferro e fuoco UN ESEMPIO DI CULTURA DELLA QUALE NON ERA IN GRADO DI RICONOSCERNE IL VALORE, ALESSANDRO(barbaro rispetto alla cultura raffinata della corte di Persepoli) AVEVA IMPARATO DAL PADRE CHE AVREBBE DOVUTO  UNIFICARE L’IMPERO PERSIANO SOTTO DI SE PER AVERE IL POTERE MONDIALE (del mondo allora conosciuto).

ALESSANDRO aveva compreso  la  manipolazione delle immagini inventata da Dario, ma aveva bisogno di creare un’ immagine tutta sua.

-come riuscì  Alessandro Magno a consolidare la pace; dove prese quell’immagine?

Dalla Macedonia: nel nord della Grecia oggi, ma allora regno indipendente di spietati guerrieri

-Del palazzo di Alessandro ci rimangono poche rovine; tombe di re macedoni,  scoperte e razziate da ladri e profanatori.

-Nel 1978 gli  archeologi greci trovarono una tomba intatta che portava a un cunicolo a grande profondità e all’ingresso di una cripta ancora intatta.

-Questa era la Tomba segreta di Filippo il Macedone (padre di Alessandro Magno) con un’enorme sala del tesoro dove erano depositati molto oro lavorato e un enorme sarcofago dorato con il simbolo dei re macedoni:  il sole.

-Incredibili ricchezze furono trovate nel il corredo funebre;  tra la polvere del pavimento si scoprì una scultura d’avorio di fattezze delicate, piccoli frammenti ricomposti formavano scena di caccia, un volto spiccava su tutti: era apparso su busti e dipinti in tutta l’area mediterranea. Si trattava del volto reale di Alessandro Magno; immagine non idealizzata, prima raffigurazione realistica di un re.

-Quel ritratto cattura il potere di Alessandro e la sua capacità di suggestione.

-Quella immagine fu scolpita prima che Alessandro diventasse re quindi il suo potere fu accuratamente preparato, anche attraverso l’immagine, era stata studiata dagli artisti come vincente per che avrebbe dominato il mondo.

I ROMANI, SOTTO IL VESUVIO

-Sotto il Vesuvio i romani amavano l’arte greca; qui si trova un mosaico dell’epoca di Alessandro, oggi al museo archeologa di Napoli, che raffigura la  battaglia dove Alessandro sconfigge l’ armata persiana. Alessandro fissa lo sguardo sul mortale nemico, sul re persiano raffigurato già perdente, Alessandro ha i capelli scompigliati di chi rappresenta un popolo di conquistatori, di vitalità e forza fisica.

-Il re persiano,invece, è rappresentato come pietrificato, come cattivo, come  codardo.

Alessandro e suo padre, avevano capito che l’immagine  convinceva i sudditi del  valore del capo.

-Poteva anticipare la vittoria sul re di Persia semplicemente con un’ immagine di vincente; ancora prima di vincere.

-Doveva  poi fare arrivare l’immagine ai nuovi sudditi; come?

-VOLEVA E DOVEVA ricordare ogni giorno ai sudditi chi comandava; come? La risposta è: il volto su una moneta con un’immagine quanto più possibile simile alla sua; per generazioni i successori coniarono monete con il suo volto.

– Idea geniale usata da tutti i leader successivi, sino a oggi.

-Il volto umano rimane ancora oggi una potente  arma nell’arena della politica.

-Dario e Alessandro Magno compresero  quanto la mente umana fosse disponibile a ricevere e accettare le immagini come ideale.

-Vedi la propaganda di Hitler e di Mussolini, di Mao e oggi lo stesso dello stesso Putin, ma non solo…

ARMANI, PRADA, ROBERTO CAVALLI, DOLCE E GABBANA, LACOSTE, MONCLER, BMW, AUDI …MA ANCHE COCA COLA, MAC DONALD, ADIDAS, BOSS, NESTLE’, EBAY… molti di noi acquistano, anche magari a rate, pur di dimostrare agli altri che possono permettersi quella marca che per loro è simbolo di quello che vorrebbero essere …è la triste storia della persona non abbiente  che lavora di più  per acquistare le scarpe NIKE per il figlio, (fabbricate  con immensi sacrifici da persone e, non solo qualche volta anche da bambini,  in altre parti del mondo; ai quali noi non amiamo pensare), figlio che altrimenti non sarebbe accettato dai compagni….ECCO IL POTERE DELL’IMMMAGINE…

MA NON ERAVAMO UOMINI PENSANTI ?

O NON LO SIAMO MAI STATI PIU’ DI TANTO ?

Mostre 2017 da non perdere – I segreti dei Maya – Archeologia a Verona

09maya-maschera-ok-400-ok-archeologia-messico

La maschera di giada che, da sola, merita la visita.

maya-mostra-verona-messico-archeologia-5t

maya-mostra-verona-2016-7

maya-mostra-verona-2016-7y

maya-300-mostra-verona-2016

Una grande mostra da mettere in calendario.

I Maya. Il linguaggio della bellezza

Palazzo della Gran Guardia di Verona

Sulla grande e misteriosa civiltà dei Maya

Dal 08/10/2016 al 05/03/2017

I Maya, furono tra le civiltà più ricche di storia e di mistero, dal 2000 a.C. al 1542 d.C.

Inventarono e svilupparono sistemi matematici, calendari, spirito artistico, misurazioni del tempo e molto altro.

L’arte dei Maya è fiorita attraversando il periodo preclassico, classico e postclassico.

Straordinari i capolavori come:

-il Portastendardi, pregiata scultura risalente all’XI secolo e realizzata da un maestro di Chichen Itza (inserito nel 2007 fra le sette meraviglie del mondo),

-la Testa raffigurante Pakal il Grande che visse dal 603 al 683 dopo Cristo e fu il più importante re di Palenque

-la Maschera funeraria a mosaico di giada raffigurante un re divinizzato.

mayaverona.it

La città di Nimrud – Iraq rivela i danni provocati da Daesh (Isis)

nimrud-antica-panorama

nimrud-distruzione-daesh-isis

nimrud-antica-sdf

nimrud-distrutta-bomba

nimrud-foto-i

La città di Nimrud in Iraq, recentemente liberata dallo Stato Islamico, ora rivela tutte le piaghe della devastazione da parte degli uomini in nero che nella furia iconoclasta hanno distrutto e venduto a caro prezzo, sul mercato nero e anche in occidente, tesori di enorme valore.

SE prevedono decenni di interventi per restaurare i danni provocati dagli islamisti.

Queste importanti rovine sono state protette dagli iracheni per secoli .

Oggi, agli abitanti della zona è stata ri-affidata la loro protezione.

Ecco cosa riporta Euronews, come parole di un militare iracheno: “Con la caduta del regime di Saddam e l’intervento degli Americani, l’Iraq è rimasto senza Governo. Abbiamo quindi deciso di chiedere alle tribù locali di proteggere questi resti e poi abbiamo inviato nostro personale a creare posti di controllo e pattugliare la zona”.

La città di Nimrud fu fondata intorno al XIII secolo a.C. da Salmanassar I.

Fu fiorente crocevia di scambi commerciali e poi capitale dell’Impero assiro nell’880 a.C.;  sotto re Assurnasirpal II.

Continua l’intervistato da Euronews: “Non sappiamo con esattezza quanti reperti sono stati distrutti dagli estremisti e quanti siano stati rubati, ma sappiamo per certo che alcuni pezzi sono stati contrabbandati”.

Non è una novità che i miliziani islamisti distruggano opere d’arte e pezzi del patrimonio artistico e culturale dei luoghi conquistati.

In passato distrussero le gigantesche statue di Buddha a Bamiyan in Afghanistan e devastarono le rovine di Palmira in Siria.

E’ loro caratteristica contrabbandare pezzi archeologici di grande valore e rivenderli sul mercato nero per aumentare il loro capitale, ma si sospetta, anche per arricchire personalmente alcuni leader.