Archivi categoria: archeologia

MUSEI: IRAQ ARCHEOLOGIA – MUSEO DI BAGDAD – 6.000 ANNI DI STORIA

DA VISITARE ON LINE !

Pochi paesi al mondo sono tanto ricchi archeologicamente come l’Iraq

Più sotto la storia rocambolesca di questo museo che raccoglie gli albori della civiltà

COVER iraq_bc_06

OK ARTE iraq_bc_01

Entrata del nuovo Museo di Bagdad.

BAGADAD MUSEO KMBAGDAD MUSEO OKOKBAGDAD MUSEO NJ

Spendiamo tanto tempo e soldi per visitare musei, ma non dobbiamo dimenticare che internet offre la possibilità di vedere da vicino, anche in 3D, alcuni tra i reperti più preziosi della storia dell’umanità.

Ne è un ottimo esempio il museo virtuale creato dal nostro CNR per mettere a disposizione di TUTTI e GRATIS i preziosi reperti del Museo di Bagdad.

NEL SITO SI POSSONO VEDERE: LA DAMA DI URUK, L’ELMO DI UR, QUEL CHE RESTA DI NINIVE CAPITALE ASSIRA E DELLA BABILONIA DI NABUCODONOSOR O DELLA BAGDAD DELLE MILLE E UNA NOTTE.

link delle immagini scattate dopo il saccheggio dell’8 aprile 2003:  http://www-3.unipv.it/orientpv/htm/g_museo.html

IRAQ MARIO TAMA GETTY IMAGES ARTE museo15

DISPERAZIONE DI UNO DEGLI ADDETTI AI LAVORI DOPO IL SACCHEGGIO.

Altro link che non dobbiamo scordare a proposito dei più grandi musei del mondo:   http://www.google.com/culturalinstitute/collections?projectId=art-project&hl=it&gclid=CNOCt9-9hLsCFQ1c3godxDcAeQ: cliccando su questo link avete a disposizione i musei più importanti di tutto il mondo; moltissime delle loro raccolte sono a disposizione dei vostri occhi, dai reperti romani alle antiche stampe giapponesi, all’arte cinese, indiana, maya … molto più di quanto possiate immaginare !! A costo ZERO !

Il Museo di Bagdad è il quarto al mondo per quanto riguarda l’arte orientale, dopo Louvre, British Museum e Oriental Institut di Chicago; conservava circa 25mila pezzi; oggi non siamo in grado di avere precise informazioni.

Costruito nel 1926 da re Feisal I, ebbe come direttore onorario Gertrude Bell (archeologa, politica, scrittrice e agente segreta britannica) la quale ottenne il trasferimento in una sede più grande in Ma’mun Street. Negli anni successivi, anche questa sede si rivelò insufficiente a contenere la mole degli oggetti provenienti dai numerosi scavi; infatti nel 1957 si cominciò la costruzione dell’attuale Iraq Museum; inaugurato nel 1967.

L’8 aprile 2003 il museo fu abbandonato dal personale a causa dei bombardamenti americani.

Non protetto militarmente, fu prima saccheggiato da ladri comuni che rubarono computer, prese elettriche, arredi e fecero danni di tipo vandalico, quindi arrivarono ladri più esperti che rubarono DECINE DI MIGLIAIA di reperti.

Il 16 aprile 2003 i soldati americani, finalmente ! ! !, ricevettero l’ordine di difendere il museo.

-Dei 15.000 reperti trafugati, solo 4.000 sono stati ritrovati.

In questo museo sono ampiamente documentate le varie epoche della storia della Mesopotamia; dalla preistoria alla dominazione islamica.

ARTE BAGADAD MUSEO JH

ARTE BAGDAD CNR FOTO MUSEO

CNR foto.

—–

Pochi paesi al mondo sono tanto ricchi archeologicamente come l’Iraq.

Il Museo dell’Iraq, con la sua collezione di pezzi archeologici molto ben organizzata e attentamente classificata è lo specchio di questa ricchezza.

– Il museo è il più prezioso documento dei molti popoli e culture che fiorirono in Mesopotamia a partire da tempi immemorabili fino ai secoli della dominazione araba, il Museo offre una vivida testimonianza di resti preistorici, reperti delle civiltà e dell’arte di sumeri, accadi, babilonesi, assiri, caldei, seleucidi, parti, sasanidi, abbasidi.

I saloni delle esposizioni sono organizzati cronologicamente. A beneficio degli studiosi il museo dispone di una ricca biblioteca in varie lingue, che contribuisce alla fama del Museo dell’Iraq ritenuto uno dei migliori al mondo per lo studio della Mesopotamia“.

(trad. da Iraq. Guía turística , State Organization For Tourism General Establishment For Travel and Tourism Services, Baghdad, 1982)

Appuntamenti gratuiti a Milano – #3Egitto 9 – 14 novembre

MILANO CITTÀ MONDO #03 EGITTO

tre appuntamenti gratuiti che il Comune di Milano organizza per tutti e che rientrano all’interno della iniziativa del palinsesto culturale “Milano Città Mondo #3 Egitto”.

Sono tre appuntamenti differenti (una conferenza – 9 novembre – un laboratorio per bambini – 9 novembre – e una performance musicale – 14 novembre).

MILANO CITTÀ MONDO #03 EGITTO

 LABORATORIO PER BAMBINI:

Giovedì 9 novembre 2017 ore 17.30 / 18.30

MUDEC-Museo delle Culture di Milano, Mudec Lab

Racconti dalla Valle dei Re: “IL PRINCIPE NELLA TORRE”

(per ragazzi dai 6 agli 11 anni)

 Laboratorio di fiabe egiziane, a cura dell’Associazione Italeya

 

Parte il primo laboratorio per bambini a tema: le fiabe egiziane.

Come tutte le fiabe del mondo, anche quelle egiziane sono state tramandate di generazione in generazione attraversando deserti e confini e arricchendo l’immaginario di adulti e bambini. Tra dune di sabbia, potenti sultani e coraggiose principesse, i valori e la magia di queste fiabe giungono oggi al Mudec, accompagnati dall’associazione Italeya sotto forma di racconto, ascolto e divertenti attività manuali.”

L’attività prevede la decorazione del piatto di carta.

Gli altri appuntamenti saranno il 23 novembre, 5 e 14 dicembre 2017.

Partecipazione gratuita con iscrizione obbligatoria a:c.reticoopculturale@comune.milano.it

CONFERENZA:

Giovedì 9 novembre 2017 ore 18:00

MUDEC-Museo delle Culture di Milano, Spazio delle Culture  “khaled al-Asaad”

“La Città dei morti del Cairo: un posto pieno di vita.”

Una spiegazione (anche per immagini) da parte di un’antropologa che ha vissuto per anni in questa realtà particolare: Anna Tozzi Di Marco.

 

La necropoli musulmana del Cairo, al-Qarafa, oltre ad avere una notevole importanza storica perché affonda le sue origini nel periodo della fondazione della città e ne segue di pari passo l’evoluzione, possiede un immenso e pregevole patrimonio artistico/architettonico e monumentale. La Città dei Morti cairota, così denominata dagli occidentali, testimonia soprattutto la visione egiziana del rapporto tra la vita e la morte. La sua peculiarità, unica al mondo, risiede nella convivenza tra i vivi e i morti, essendo un cimitero ancora funzionante. Di tutto ciò ci racconterà attraverso immagini suggestive l’antropologa Anna Tozzi Di Marco, che vi ha vissuto per 10 anni ai fini della ricerca sul campo.

 

 

INCONTRO E PERFORMANCE MUSICALE:

Mercoledì 14 novembre ore 18:00

MUDEC-Museo delle Culture di Milano, Spazio delle Culture  “khaled al-Asaad”

I diversi generi della musica egiziana

Sacra, di intrattenimento e per tutti i momenti. Una spiegazione con l’accompagnamento musicale dell’oud suonato da Ghazi Makhoul. Con Stefano Minetti, arabista e musicologo.

 

La musica rappresenta un’interessante punto di contatto e conoscenza di altre culture, in particolare quando la tradizione che si approccia ha una concezione musicale profondamente diversa: capita di provare una strana sensazione di “spaesamento” e di non riuscire, immediatamente, a “entrare in contatto” con questo universo musicale.
La musica araba tradizionale non fa eccezione: la sua struttura è completamente diversa da quanto sviluppato in Europa, da Bach in poi.
Scopo dell’incontro è aiutare, attraverso un percorso guidato, a comprendere e apprezzare nella sua innegabile bellezza questa complessa tradizione musicale, le cui origini si perdono nella notte dei tempi.

Il tutto, con il piacevole accompagnamento dell’oud suonato dal compositore libanese Ghazi Makhoul.

Piramide di Cheope – Scoperta misteriosa cavità

Individuata una misteriosa cavità lunga almeno 30 metri, sopra la Grande Galleria

Lo spazio occupato da questa cavità è grande quanto un aereo passeggeri da 200 posti

La cavità è rimasta intatta e segreta per 4.500 anni.

La via di accesso, fspiegano i ricercatori, non è stata ancora trovata e non è ancora possibile ipotizzare quali sorprese possa custodire.

La scoperta è stata possibile grazie a delle tecniche di rilevamento non invasive basate sulla fisica delle particelle subatomiche (particelle prodotte dall’interazione dei raggi cosmici provenienti dallo spazio con l’atmosfera terrestre).

La  ricerca è stata  pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Nature ed è frutto di due anni di lavoro.

La piramide di Cheope è la più grande e antica delle tre piramidi della piana di Giza, vicino al Cairo.

Antropologia novità a Grosseto – Uomo Neanderthal viveva a Roccastrada

Scoperta vicino a Grosseto

L’Uomo di Neanderthal viveva a Roccastrada, nella zona de La Pietra. La conferma dagli scavi dell’Università di Siena

Roccastrada (Grosseto). L’Uomo di Neanderthal viveva anche sul territorio di Roccastrada, in provincia di Grosseto, e, più precisamente, nella zona de La Pietra, la grande cava preistorica sulle sponde del torrente Farma, vicino a Torniella, che fa parte del Parco Tecnologico Archeologico delle Colline Metallifere Grossetane ed è inserita all’interno dell’omonima Riserva Naturale.

A confermarlo sono le ricerche concluse pochi giorni fa dall’Unità di ricerca di preistoria e antropologia dell’Università di Siena, con il Dipartimento di Scienze fisiche della Terra e dell’ambiente, che hanno coinvolto alcuni studenti provenienti dall’Università di Genova e contato sul supporto logistico del Comune di Roccastrada.

Il sito de La Pietra è noto per la presenza di una grande cava e officina risalente all’età del Rame, circa 5.000 anni fa, che serviva a selezionare il diaspro di migliore qualità da lavorare sul posto, attraverso la scheggiatura, per ottenere semilavorati da trasformare in raffinate punte di freccia e di giavellotto, con una lavorazione più minuziosa che veniva fatta altrove.

Le ricerche condotte dall’Unità di ricerca dell’Ateneo senese hanno portato alla luce anche un accumulo di schegge nello strato più basso dello scavo, che ha confermato la presenza del Neanderthal in un periodo precedente ai 40 mila anni fa – Paleolitico medio – in un contesto archeologico rimasto, in alcuni punti, intatto.

L’attribuzione al Neaderthal, in mancanza di una datazione assoluta sul sedimento contenente i reperti, è stata possibile proprio grazie al riconoscimento dell’inconfondibile processo di lavorazione della pietra messo in atto dalle popolazioni del Paleolitico medio, anche se la materia prima del sito è stata utilizzata anche in periodi più antichi da cacciatori-raccoglitori nomadi del Paleolitico per fabbricare strumenti di uso quotidiano e armi per la caccia.

Le ricerche sono iniziate la scorsa primavera e sono state compiute grazie alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Arezzo e Grosseto, con il sostegno dei Carabinieri Forestali, del Parco delle Colline Metallifere Grossetane, della Regione Toscana, del Comune di Roccastrada e della Società Filarmonica Popolare di Torniella. Le ricerche, inoltre, sono state sostenute da aziende del territorio grossetano, quali Diacron International ed Eurit s.r.l. A suscitare crescente interesse, anche internazionale, su La Pietra è stata la pubblicazione sulla prestigiosa rivista internazionale di scienze geologiche Proceedings of the Geologists’ Association, di un articolo in cui il sito sul territorio roccastradino è stata inserita tra i cinque esempi italiani e russi di luoghi dove il valore storico-archeologico e quello geologico si sposano, offrendo potenzialità uniche dal punto di vista della conoscenza sulle antiche popolazioni umane.

“La Pietra – afferma EmilianoRabazzi, assessore alla cultura di Roccastrada – è un luogo importante per la nostra storia più antica e un patrimonio da valorizzare per riscoprire e far conoscere le origini della nostra comunità e la sua evoluzione. Le ricerche condotte dall’Unità di ricerca di preistoria e antropologia dell’Università di Siena hanno portato alla luce le tracce più antiche di utilizzo di questo sito come luogo di approvvigionamento del diaspro, la tipica roccia silicea del luogo, e contribuito a ricostruire la presenza dell’Uomo di Neaderthal nella nostra area. Ringrazio Sem Scaramucci, che ha diretto la ricerca, e Adriana Moroni, dell’Unità di ricerca di preistoria e antropologia dell’Università di Siena, che lo ha affiancato in uno studio molto interessante e che potrebbe proseguire con altre fasi, puntando a rendere La Pietra un altro elemento di promozione territoriale e di riscoperta e valorizzazione della nostra storia più antica”.

Corsi antiche civiltà a Milano

Accademia delle Antiche Civiltà – Milano

In cammino verso il nuovo anno accademico 2017-2018

I corsi programmati per il prossimo anno accademico

I corsi costano 270 / 380 euro oltre iscrizione per 10 o 15 lezioni. Iscrizione: + 120 euro come quota non soci

Corso civiltà egizia 70 euro

Quota associativa intera per socio ordinario 50 euro.

Con il mese di giugno si è concluso il corrente anno accademico. Il corso che ne ha caratterizzato le attività didattiche per i suoi aspetti innovativi e di ricerca sperimentale è stato quello dal titolo:

“Laboratorio di elamico e antico persiano con prove di ricostruzione testuale a partire da frammenti inediti”

tenuto dal prof. Gian Pietro Basello  docente di elamico all’Università di Napoli.

Il corso si è svolto in collaborazione con il dipartimento di Antichità Orientali del Louvre e con il progetto DARIOSH dell’Università di Napoli.

L’Accademia delle Antiche Civiltà (AdAC) ringrazia la dott.ssa Marielle Pic (direttrice del Dipartimento delle Antichità Orientali, Museo del Louvre), il dott. Julien Cuny (conservatore per le antichità achemenidi, Museo del Louvre),  il prof. Adriano V. Rossi (direttore del progetto DARIOSH, Università “L’Orientale”, Napoli) e naturalmente il prof. Gian Pietro Basello, docente del corso, per aver avuto la possibilità di tenere nella sua sede di Milano questo corso innovativo su frammenti inediti del Louvre e si augura che anche con il prossimo anno accademico questa esperienza possa avere un seguito.

SEDE :

Per informazioni telefoniche: cell.  335 5419687
cell. 333 9725757  cell. 338 4493020 

Milano – Via Gherardini – MM 1 e 2: fermata Cadorna Triennale

 tram n.1( da Piazza Cadorna):  fermata Arco della Pace .

I corsi programmati per il prossimo anno accademico

( nella seconda parte del notiziario saranno presentati  gli altri corsi che completano la nostra proposta culturale)

Tutti i corsi inizieranno a gennaio 2018: sono aperte le iscrizioni, scrivere a info@antichecivilta.it .

Laboratorio di elamico e antico persiano con prove di ricostruzione testuale a partire da frammenti inediti.

Dal frammento al testo II:
la Casa delle Colonne e l’Apadana di Susa nelle iscrizione reali achemenidi.

Il corso si presenta come un laboratorio epigrafico che offre la possibilità di lavorare su frammenti inediti, messi a disposizione dei partecipanti in foto ad alta risoluzione grazie alla collaborazione tra il Dipartimento delle Antichità Orientali del Louvre, il Progetto DARIOSH e l’Accademia delle Antiche Civiltà.

I frammenti, ritrovati a Susa (La più longeva sede reale dell’iran sud-occidentale, nota anche dalla Bibbia) nei primi decenni del 1900, appartengono a diversi esemplari delle iscrizioni achemenidi DSd e A2Sa, originariamente scolpite su basi di colonna. Ambedue le iscrizioni fanno riferimento alla costruzione di edifici da parte dei sovrani achemenidi, rispettivamente Dario 1(521-486 a.C.) e Artaserse Il (404-359 a.C.). Tra gli edifici menzionati c’è la Casa (o Palazzo) delle Colonne, evidentemente caratterizzata da vasti ambienti colonnati, e l’Apadana, un termine antico-persiano oggi comunemente usato per indicare due grandi sale ipostile messe in luce a Susa e Persepoli.

L’analisi morfologica, sintattica e lessicale verrà svolta in un’ottica interlinguistica confrontando in particolare i testi in babilonese ed elamico.

La corretta lettura e identificazione dei frammenti porterà a nuove ricostruzioni di dettaglio del testo originario.

Attraverso questo lavoro sarà possibile individuare joins (ricongiungimenti) tra frammenti, aiutando gli esperti di restauro del Louvre nella ricomposizione dei vari esemplari. L’associazione di queste iscrizioni con i resti di palazzi achemenidi individuati a Susa sarà discussa nel corso del laboratorio attraverso l’analisi di rapporti di scavo, planimetrie e fotografie.

Il corso prosegue e completa l’esperienza del laboratorio di epigrafìa achemenide

Dal frammento al testo tenuto all’Accademia delle Antiche Civiltà nell’anno accademico 2016-2017, in cui sono stati analizzati i testi in antico-persiano ed elamico di DSd e in elamico di A2Sa.

La partecipazione al precedente laboratorio non è un requisito in quanto i testi babilonesi saranno affrontati dal principio.

Le lezioni presuppongono una conoscenza di base di babilonese ed elamico, tuttavia anche chi ne è sprovvisto potrà fruire delle parti pratiche fin da subito e imparare gradualmente gli aspetti linguistici, svolgendo un minimo di studio individuale con il supporto del docente (disponibile anche tramite posta elettronica e twitter.corn/elamici).

docente: prof. Gian Pietro BASELLO
Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
In collaborazione con il  Dipartimento di Antichità Orientali del LOUVRE e il progetto DARIOSH / ISMEO .

Corso di storia e archeologia del
Vicino Oriente antico

La storia delle scoperte archeologiche nel Vicino Oriente antico

La storia dell’archeologia orientale è una storia abbastanza recente che nasce e si sviluppa nell’arco degli ultimi due secoli. Seguiremo i suoi sviluppi, dai primi resoconti dei viaggiatori seicenteschi, ai primi esordi degli scavatori di Ninive, Babilonia e Persepoli, con uno sguardo anche alle scoperte di Troia e Cnosso, per poi passare agli scavi sistematici di Hattusa, Ebla, Mari, Ugarit e Megiddo, solo per indicare alcune delle città più conosciute.

Durante il corso si prenderà in esame la storia delle indagini archeologiche nel Vicino Oriente significativa delle avventure e dell’intraprendenze dei primi pionieri, dei problemi che essi affrontarono, dei metodi di scavo che gli archeologi applicarono e dei forti condizionamenti politici che determinarono nell’esplorazione delle lunghe pause, proficue intensificazioni e ancora oggi regioni inaccessibili.

docente: d.ssa Elena Asero
Accademia delle Antiche Civiltà

Investitura di Zimri-Lim, affresco – Palazzo Reale di Mari – Museo del Louvre

Il corso di ittitologia

tra le lingue e le culture anatoliche del II millennio a.C., si afferma prepotentemente quella ittita: una popolazione di caratteristiche indoeuropee che per prima fissò la sua lingua su tavolette d’argilla in caratteri cuneiformi. L”Accademia delle Antiche Civiltà propone per il prossimo anno accademico un interessante corso volto all’apprendimento delle strutture fondamentali della lingua su documenti originali.
continua la lettura
Argomento del corso:
Inni e preghiere dei sovrani ittiti per apprendere la prima lingua indoeuropea scritta in caratteri cuneiformi.

“Tra le tante tavolette scoperte presso il sito della capitale ittita Hattusa, vi è una serie molto interessante e utile per comprendere il pensiero religioso degli Ittiti: le preghiere, pronunciate dai sovrani in varie occasioni. L’analisi di queste preghiere infatti permette di entrare in qualche modo nell’anima di un individuo antico, della sua ricerca del bene, del suo senso di precarietà, insomma dell’essere UOMO.
D’altra parte, la struttura grammaticale di questa tipologia testuale ne fa uno strumento ideale per approfondire la conoscenza della lingua”.

docente: Prof.ssa  Marie-Claude Trémouille

emerita di culture anatoliche del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Rricostruzione dell’acropoli di Hattusa

Il  Corso di lingua e cultura ACCADICA :

“Accadico” è il termine con cui si designa la lingua semitica degli antichi abitanti della Mesopotamia (corrispondente pressappoco all’attuale Iraq) tra la fine del III e la fine del I millennio a. C. Infatti, le due diramazioni più importanti dell’accadico sono l’assiro e il babilonese, parlati dalle due omonime popolazioni semitiche.

Accadico 1: argomento del corso*

 La morte di Enkidu (Gilgameš tavole VII e VIII)

L’episodio della morte di Enkidu rappresenta un momento chiave del poema epico di Gilgameš. Idealmente è il punto di svolta della narrazione, in cui si svela la debolezza dell’eroe urukita e la presa di coscienza della sua mortalità e limitatezza, dopo che nella prima parte  della narrazione erano emerse prevalentemente le sue qualità di sovrano e guerriero pressoché invincibile. Immediatamente dopo il rituale funebre – esemplare di altri mesopotamici – Gilgameš comincerà il suo cammino alla ricerca dell’immortalità e verso il raggiungimento della saggezza.

*(gli iscritti al corso di cultura potranno usufruire del corso “lezioni di grammatica accadica”).

docente: dr. Salvatore Viaggio
Accademia delle Antiche Civiltà

Corso di cultura del vicino oriente ellenizzato

La rivolta giudaica del 135 d.C con lettura di documenti ebraici e greci

Laharut Yerushalaim per la liberazione di Gerusalemme: la rivolta di Bar Kokhba nel 135 e le reazioni del governo romano e dell’imperatore Adriano. Questa rivolta che accese parte del Mediterraneo orientale fu un combattimento per la gehulah, la ‘redenzione’ di Israele. Il corso verterà sull’esame delle fonti greche ed ebraiche (monete, lettere, papiri) naturalmente con l’ausilio di una traduzione italiana riportabili a questa terribile guerra che ancora parla e innalza interrogativi per gli uomini del 2017: fondamentalismo zelota o spirito ellenico erodiano? Si cambia religione, non i dilemmi.

Tetradramma d’argento della rivolta ebraica, raffigurante il Tempio e l’Arca dell’Alleanza all’interno.

docente: dr. Stefano Fumagalli
Accademia delle Antiche Civiltà

Introduzione alla lingua egizia e alla scrittura geroglifica

Il corso introduttivo allo studio della “lingua egizia” si prefigge di fornire le strutture morfologiche-sintattiche dell’egiziano secondo un’interpretazione critica attuale.
La lingua egizia può essere distinta in due grandi periodi, a loro volta suddivisi in sotto-periodi: l’egiziano, che all’inizio del III millennio a.C. diede origine alla scrittura, ed il neoegiziano, che subentrò verso la seconda metà del II millennio a.C. Noi ci occuperemo del primo, in particolare di quella fase nota come Medio Egiziano, la cosiddetta lingua classica, che segna la fioritura di una raffinata letteratura riconducibile al Primo Periodo Intermedio e al Medio Regno (2150-1780 a.C.).
Il corso s’incentrerà sulla lingua espressa dalla grafia classica geroglifica, ovvero la lingua sacra, in contrapposizione a quella utilitaria, lo ieratico, caratterizzato da forme non figurate dei segni- di natura essenzialmente corsiva.
Verranno presi in considerazione l’origine, il contenuto figurativo, l’evoluzione grafica, i suoni e le funzioni delle diverse categorie di segni geroglifici, a cui si accompagnerà la lettura di brevi frasi, man mano sempre più articolate, tratte da opere originali.

docente: dr. Ruggero Pucci
Accademia delle Antiche Civiltà

AI SOCI, AGLI AMICI E AI SIMPATIZZANTI
 
Rinnovate la quota sociale annuale* SE SIETE SOCI oppure aderite all’associazione se non lo siete: il vostro contributo è fondamentale per continuare questa avventura culturale che non ha riscontri nel tessuto culturale milanese e lombardo. Ma soprattutto per consolidare questa scuola universitaria di alta specializzazione iscrivetevi numerosi ai corsi proposti unico modo per rendere sostenibile la loro attivazione!!!.
vai alla pagina specifica del sito: www.antichecivilta.it

CHI E’ IN GRADO DI FARLO E VUOLE SUPPORTARE, OLTRE  ALLA QUOTA SOCIALE, LE ATTIVITA’ CULTURALI DELL’ ACCADEMIA delle ANTICHE CIVILTA’,
ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO,
PUO’ FARE UNA  DONAZIONE DIVENTANDO
SOCIO BENEMERITO.

Si ricorda che la quota sociale annuale scade con il 31 Ottobre prossimo. Si ricorda inoltre che essere in regola con il versamento della quota sociale dà diritto all’iscrizione gratuita ai seminari che saranno programmati nel prossimo anno accademico.

* La quota annuale ordinaria di associazione è sempre di
€ 50.
I versamenti vanno effettuati sul cc/p con IBAN:
IT58M0760101600001002010591
Intestato a:  Accademia delle Antiche

Como – Ingresso gratuito – Nuove scoperte archeologiche – 30 settembre – 10 novembre 2017

CHIESA DI SAN PIETRO IN ATRIO
Como, via Odescalchi
Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio
a cura di Lucia Mordeglia e Marina Uboldi
30 settembre – 10 novembre 2017

https://webmail4b.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=437d11019d32d40&uid=74413&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=7650122d4458284&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=3

Guttus ornitomorfo , dal corredo della Tomba 3, Grandate, 2011

Per la prima volta in mostra, reperti archeologici di grande importanza storica , esito della ricerca condotta a Como negli ultimi dieci anni, vengono esposti nella suggestiva Chiesa di San Pietro in Atrio, dal 30 settembre al 10 novembre.
L’articolata rassegna “Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio” organizzata congiuntamente dalla Soprintendenza Archeologica e dai Musei Civici di Como , accanto alla panoramica sugli ultimi ritrovamenti, illustra le novità scientifiche sulle più antiche fasi di popolamento, sviluppatosi nel corso del primo millennio avanti Cristo, e mette in risalto il valore e il significato del ricco patrimonio archeologico comasco precedente alla fondazione della colonia romana.
Urne cinerarie e vasi per offerte dalle forme inconsuete, ornamenti in bronzo, ferro, ambra, pasta vitrea, elementi dell’abbigliamento, amuleti , simboli di status delle antiche popolazioni e preziosissime armi riferibili alla cultura protostorica detta “di Golasecca” caratterizzano il percorso espositivo, accompagnato da fotografie e disegni ricostruttivi , video e immagini 3D , che forniscono, grazie alle nuove tecnologie, informazioni approfondite finalizzate a coinvolgere un vasto pubblico.
I temi principali della mostra sono i corredi funerari della prima età del Ferro provenienti dagli scavi di S. Fermo della Battaglia, via per Mornago (2006) e di Grandate, emersi nel 2011 durante la costruzione della nuova Pedemontana; l’enigmatica area religiosa/monumentale del Nuovo Ospedale Sant’Anna (scavi 2007), risalente al VI secolo a.C., costituita da un grande circolo del diametro di 70 m, delimitato da un doppio recinto di pietre con piattaforma centrale ad emiciclo e setti radiali in materiali litici e terre diverse, di difficile interpretazione funzionale; un ripostiglio sacro dell’Età del Ferro rinvenuto sul Monte San Zeno in Val d’Intelvi; i più recenti dati archeobiologici sul clima, la vegetazione, l’alimentazione umana in età protostorica; e infine i risultati della nuova ricercacondotta sul Carro cerimoniale del V secolo a.C. della Ca’ Morta dal prof. Bruno Chaume dell’Università della Borgogna, Direttore del programma Vix et son Environnement , che ha messo in evidenza una stretta parentela con i coevi carri di ambito culturale hallstattiano, rinvenuti nel Centro Europa.
Questi ultimi ritrovamenti contribuiscono ad accrescere il ricco patrimonio archeologico del centro protostorico che ha preceduto la fondazione di Como, le cui origini risalgono al I millennio a.C. Infatti, prima della città romana, i rilievi attorno alla città attuale vedono l’insediamento di villaggi e gruppi di abitazioni: diversi reperti e resti di tombe ne conservano la testimonianza. Nei secoli successivi, in particolare il VI e il V a.C., l’abitato raggiunge la sua massima espansione e ricchezza, concentrandosi soprattutto lungo il versante meridionale della Spina Verde, il parco regionale che si estende sulla fascia collinare a nord-ovest di Como. Fondamentale per lo sviluppo del nucleo abitativo è il suo ruolo di centro di contatto e scambi tra la Pianura Padana, stabilmente occupata dagli Etruschi, e il mondo celtico e quello hallstattiano (dalla cittadina di Hallstatt, nei pressi di Salisburgo) del Centro Europa.
L’ininterrotto stanziamento delle popolazioni nella medesima area fino ai giorni nostri, unito all’intensificarsi delle attività edilizie del secondo dopoguerra, ha nascosto o cancellato segni dell’insediamento antico. Tuttavia, l’attività di tutela svolta dalla Soprintendenza Archeologica in sinergia con le Amministrazioni Comunali, consente di recuperare sempre nuove testimonianze del passato della città e dei suoi abitanti, garantendone la salvaguardia.
La ricerca scientifica – che di recente si è avvalsa della collaborazione con importanti centri di studio internazionali, quali il CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique ) e le Università di Berlino e di Mainz – permette ora di porre in risalto il ruolo della civiltà di Golasecca (cultura preromana che si sviluppa nel I millennio a.C. nel territorio della Lombardia occidentale, Piemonte Orientale, Canton Ticino, che deriva dalla località di Golasecca, sulla sponda varesina del fiume Ticino) nel quadro delle relazioni con le coeve civiltà mediterranee e mitteleuropee.
La mostra è inoltre un invito a visitare i beni archeologici presenti in città e nei dintorni: il Museo Civico cittadino, dove sono conservati l’originale del Carro celtico e i reperti dei passati rinvenimenti nella necropoli della Ca’ Morta, il Parco della Spina Verde, il Circolo dell’Ospedale di S. Anna e infine, per l’epoca romana, l’area delle Terme di Viale Lecco e Porta Pretoria.
Il progetto scientifico è stato redatto da Lucia Mordeglia , Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Como, Lecco, Monza-Brianza, Pavia, Sondrio, Varese, Marina Uboldi , Musei Civici di Como, Stefania Jorio , già Soprintendenza Archeologia della Lombardia, con la collaborazione di Marta Rapi , Docente di Preistoria e Protostoria, Università degli Studi di Milano, Mauro Rottoli , Laboratorio di Archeobiologia dei Musei Civici di Como e Mimosa Ravaglia , Archeologa, Como.
Accompagna la mostra un catalogo con testi di Lucia Mordeglia, Stefania Jorio, Mimosa Ravaglia, Bruno Chaume, Marina Uboldi, Mauro Rottoli, edito da Società Archeologica Comense.
Coordinate mostra
Titolo Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio
A cura di Lucia Mordeglia e Marina Uboldi
Sede Chiesa di S. Pietro in Atrio, via Odescalchi, Como
Date 30 settembre – 10 novembre 2017
Orari martedì – venerdì, ore 15-18; sabato e domenica, ore 10-18; lunedì chiuso
Visite guidate per le scuole  solo su prenotazione : martedì e giovedì, ore 10-12
Per prenotazioni: Società Archeologica Comense, Piazza Medaglie d’Oro 6 – 22100 Como
Tel. 031 269022 – didattica@archeologicacomo.it
Ingresso gratuito
Informazioni al pubblico Musei Civici di Como, Museo Archeologico “P. Giovio”
Piazza Medaglie d’Oro 1 – 22100 Como
Tel. 031.252550 – musei.civici@comune.como.it –

ARCHEOLOGIA L’UOMO DEL PALEOLITICO NON SOLO CACCIAVA, MA MACINAVA ANCHE L’AVENA SELVATICA

Nel 1989, sul Gargano (Puglia, Italia), fu trovato un pestello antico di 32.000 anni.

I ricercatori vi hanno scoperto delle tracce di farina; la più antica del mondo.

L’equipe scientifica è stata coordinata dalla botanica Maria Mariotti dell’Università di Firenze.

La ricerca ha evidenziato come l’Homo sapiens cuocesse e macinasse l’avena, migliaia di anni prima di coltivarla (data, non certa, dell’ inizio dell’agricoltura: 11.000 – 10.000 – 8.000 a.C.).

Secondo gli scienziati l’avena selvatica veniva sottoposta ad un trattamento a caldo (probabilmente per accelerarne l’essicamento), poi si procedeva alla macinazione.

Ancora oggi questa procedura è in uso in alcune parti dell’Asia.

Siamo certi che questa pratica fosse ben nota anche in ampie aree circostanti (vedi articolo su: GÖBEKLI TEPE: UNO DEI SITI ARCHEOLOGICI PIÙ SCONOSCIUTI E IMPORTANTI https://www.donnecultura.eu/?p=7548
A Göbekli Tepe, l’uomo si sente superiore all’animale (11.500.); nei bassorilievi e disegni, l’uomo è rappresentato in grande, come figura superiore.

Secondo il prof. Rose, la religione ha portato l’uomo verso l’agricoltura; questa teoria, ribaltando le precedenti, pone l’uomo al di sopra degli animali e della natura…un peccato di superbia necessario per il progresso?

Quindi non fu l’agricoltura a fare la rivoluzione culturale, ma la religione che afferma che gli uomini sono superiori agli animali.

La spinta verso il divino avrebbe dato origine alle nostre società.

PECCATO CHE OGGI L’UOMO SIA ARRIVATO A SENTIRSI TANTO SUPERIORE ALLA NATURA DA RISCHIARE DI ESSERNE TRAVOLTO.

PERU’ L’ALTERNATIVA AL MACHU PICCHU E’ SCONVOLGENTE E FATICOSISSIMA

Il trekking per la città perduta Inca di Choquequirao è uno dei più faticosi.

jnhPerù chichequirao lm

Dalla città di Cachora, 161 chilometri a ovest di Cusco, si fa trekking per  18 km sino a Capuliyoc Mountain, poi si scende a Playa Rosalinas, dove ci si accampa per la notte.

Choquequirao 300ol

Al mattino assai presto, i trekkers attraversano il fiume Apurímac, dopo di che li aspettano ben  8 km di tornanti in salita  per raggiungere il campeggio più vicino al sito archeologico.

Choquequirao jn 300

La mattina successiva sono previsti altri  2 km per raggiungere le rovine; a 3.100m sopra il livello del mare.

Il ritorno avviene attraverso il medesimo percorso.

A Choquequirao arrivano mediamente  30 persone al giorno, durante l’alta stagione (da giugno ad agosto), mentre al Machu Picchu ne arrivano: 2.500.

Ovviamente il sito vale la fatica: natura lussureggiante, vista sulle montagne mozzafiato.

Probabilmente contemporanea del più famoso Machu Picchu,  1445, Choquequirao è in realtà più affascinante e grandiosa.

Choquequirao è poco nota e poco si è anche scritto di questa città del Perù, dove gli archeologi stanno ancora scoprendo la maggior parte delle rovine.

I funzionari peruviani prevedono  la costruzione di una funivia per Choquequirao entro il 2016; il trasferimento non sarà più di giorni, ma di soli 15′.

Previsti: 3.000 visitatori al giorno.

Choquequirao  è stata scoperta nel 1710, da un esploratore spagnolo che si chiamava Juan Arias Díaz.

Gli scavi sono iniziati nel 1970.

Il Machu Picchu è stato scoperto nel 1911, e gli scavi iniziarono l’anno successivo.

Choquequirao è circondata dalle montagne innevate di Ampay, Panta e Quishuar.

Qui tutto è stato costruito con precise conoscenze tecniche idrauliche e architettoniche, come del resto anche, più in piccolo, il Machu Picchu.

Le fontane di acqua sono scolpite in  grandi rocce, le case hanno  doppie porte per vantare la ricchezza e la potenza dei loro abitanti; esisteva anche un sistema che consentiva di   conservare il cibo come in un frigorifero.

Ogni terrazza è stata decorata con rocce bianche.

Gli archeologi hanno stabilito che gli schiavi dei villaggi vicini, probabilmente nel nord, hanno  costruito Choquequirao, utilizzando calcare e granito.

La foto di copertina s riferisce al più famoso Machu Picchu.

5 scoperte archeologiche – International Archaeological Discovery Award 2017

Annunciate le 5 scoperte archeologiche candidate alla vittoria della 3ª edizione dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”

Promosso dalla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico e da Archeo.


Le prime cinque scoperte archeologiche del 2016, candidate sono:

·              Egitto – L’edificio della barca di Sesostri III e i graffiti di 120 navi ad Abido

·              Francia – La prima opera architettonica dei Neanderthal in una caverna di Bruniquel

·              Iraq – La grande città dell’Età del Bronzo presso il piccolo villaggio curdo di Bassetki

·              Pakistan – La città indo-greca di Bazira

·              Regno Unito – Le 400 tavolette di epoca romana ritrovate nella City di Londra

I Premi saranno consegnati venerdì 27 ottobre – in occasione della XX BMTA, nell’area archeologica della città antica di Paestum dal 26 al 29 ottobre – alla presenza dei Direttori delle testate che intervisteranno i protagonisti.
Il Direttore della Borsa Ugo Picarelli e il Direttore di Archeo Andreas Steiner hanno condiviso questo cammino in comune, consapevoli che “le civiltà e le culture del passato e le loro relazioni con l’ambiente circostante assumono oggi sempre più un’importanza legata alla riscoperta delle identità, in una società globale che disperde sempre più i suoi valori”. Il Premio, dunque, si caratterizza per divulgare uno scambio di esperienze, rappresentato dalle scoperte internazionali, anche come buona prassi di dialogo interculturale e cooperazione tra i popoli.

Per informazioni sulle scoperte: www.borsaturismoarcheologico.it/premio-khaled-al-asaad   

MUSEO EGIZIO – L’AVVENTURA DELL’ARCHEOLOGIA – SINO AL 10 SETTEMBRE 2017

L’avventura archeologica M.A.I. raccontata

da non perdere

Le storie dei protagonisti della missione si intrecciano ai reperti e ai quaderni degli scavi

Esposizione dedicata alla storia della ricerca e degli scavi italiani in Egitto nel primo Novecento.

L’avventura di Schiaparelli.

Trentamila oggetti portati al Museo Egizio di Torino dal 1903 al 1920, dalla Missione Archeologica Italiana guidata da Ernesto Schiaparelli; direttore del museo.

Missione Egitto 1903-1920.

L’avventura archeologica M.A.I. raccontata, la nuova mostra temporanea del Museo Egizio.

Giovanni Marro, psichiatra e antropologo, con Schiaparelli si occupò di organizzare le ricerche antropologiche in Egitto con una accurata raccolta di mummie e scheletri interi, in parte ora al Museo di Antropologia ed Etnografia ed ora presenti in mostra.

Il Museo Egizio è il più antico museo al mondo dedicato alla civiltà del Nilo, ma anche il secondo al mondo come numero di reperti.

Un anno fa, la prima mostra temporanea di questo museo, realizzata con il Museo Archeologico di Napoli, Il Nilo a Pompei, portò 256mila visitatori.  Ecco i dati che ci provengono dalla Presidente Evelina Christillin.