Weekend a COMO – IL LAGO PIU’ BELLO DEL MONDO

Como 672 Lago panorama barche ik

Como 672 Lago ponte sport panorama Lory autunno ijh

Como 672 Lago autunno acqua tramonto panorama ij

Como 672 Lago isola Comacina paesaggio uj

Como lago 672 Bellagio Tremezzo h

Lago di Como, Bellagio visto da Tremezzo.

Da Tremezzo è possibile traghettare a Bellagio o a Varenna; località imperdibile, vedi al link: https://www.donnecultura.eu/?p=12942

Como 672 alba lago Cernobbio

Como lago 672 fiori rt

Incremento di oltre il  30%, dall’inzio dell’anno,  per il turismo comasco.

La città di Como registra un aumento del 60-70 %; per quanto riguarda la richiesta di alloggi negli alberghi.

—–

Como 672 Villa Olmo primavera jh

Villa Olmo, Como.

Como 672 Villa Grumello df Ok

Villa Grumello, Como.

Como 672 lago di Como brunate azalee i

Como Cernobbio Villa Villa Bernasconi Via Regina, 7 | Lungolago Di Fronte Villa Erba 1a

Cernobbio, Villa Bernasconi.

Como Cernobbio Villa Bernasconi Via Regina, 7 | Lungolago Di Fronte Villa Erba 2wajpg

—–

VILLA LITTA A LAINATE (Milano); sull’autostrada Milano-Como.

Villa Litta 672 balcone

VILLA 450 LITTA GALLINA FIRMA

Villa Litta 672 interno ok n

Lainate (Mi), Villa Litta.
Lainate (Mi), Villa Litta.
Villa Litta, Lainate (Mi); la più bella villa di tutta la Lombardia e non solo.
Villa Litta, Lainate (Mi); la più bella villa di tutta la Lombardia e non solo.

Bellezze naturali e cultura: COMO e VILLA LITTA (un capolavoro d’arte) sul ritorno verso Milano.
Vedi altre informazioni sul lago di Como anche a questo link:

https://www.donnecultura.eu/?p=4395

VILLA LITTA (sull’autostrada Como-Milano, uscita Lainate)

La bella stagione invoglia la visita di Villa Litta, appena il tempo lo permette, l’incredibile villa con giardino si illumina come in una favola, ma non vanno dimenticati gli spruzzi d’acqua che sorprendono continuamente il visitatore!

Si spazia dal grande Jazz e dagli intrighi, alle storie d’amore e al ‘gossip’ culturale, sino ai tanti gli appuntamenti con il grande teatro di strada e del circo …ogni anno una serie di sorprese !

——

DIARIO DI DUE WEEK-END,

A SEGUIRE: IL LAGO DI COMO E L’ISOLA COMACINA: FOTO STORIA E STORIE.

Pensando ad una visita a Como, il pensiero va subito alle sue belle ville affacciate sull’omonimo lago, ma noi non abbiamo voluto tralasciare quella che, da molti esperti d’arte, è stata definita la più bella villa di Lombardia e dintorni: Villa Litta che, pur non essendo nel comune di Como vi è assai vicina.

Villa Litta si trova a Lainate, alle porte di Milano e a breve distanza dalla bella meta natural-culturale quale è la città di Como. E’ quindi possibile raggiungerla rapidamente, sull’autostrada Milano-Laghi, sia da Como che da tutta la Brianza, da Milano, dalla Lombardia e regioni limitrofe. Villa Litta ha il ninfeo più grande al mondo ed è inserita tra le 100 meraviglie da visitare segnalate dal FAI.

Passeggiare in questi luoghi significa fare un salto indietro nel tempo, significa lasciarsi stupire dall’incanto di una Venere o di Mercurio, da delfini, draghi e fanciulle realizzati a mosaico, da uno spruzzo improvviso che coglie il visitatore più curioso o da incantevoli zampilli, azionati ancora oggi da abili, ma nascosti fontanieri.

PIU SOTTO TROVERETE ULTERIORI FOTO E LA STORIA DI VILLA LITTA.

—-

Siamo arrivati il sabato mattina di buon’ora, il che ci ha permesso di goderci il lago senza la folla del sabato pomeriggio e della domenica e di dedicare il pomeriggio ad una bella gita in battello sul Lario.

Usciti dall’albergo e raggiunto il lago, ci siamo diretti verso Villa Geno ed eccoci di fianco alla partenza della Funicolare, in pochi minuti siamo arrivati a Brunate godendoci, durante il tragitto, una meravigliosa panoramica sul lago.

LAGO e BRUNATE

Appena scesi a Brunate, ci siamo diretti verso quello che tutti ci hanno indicato come il “belvedere”: un meraviglioso panorama sulle Alpi, sul primo bacino del lago e sulla città.

Tornati sulla strada principale di Brunate, abbiamo proseguito per un breve tratto; sufficiente ad ammirare qualcuna delle belle ville Liberty della zona. Ritornando sulla piazza sovrastante la fermata della funicolare ci siamo guardati in giro, abbiamo bevuto un caffè e promesso di tornare con calma per raggiungere le altre storiche belle ville Liberty, San Maurizio, il CAO e, magari, il monte Palanzone, per un salutare trekking.

Tornati in città ci siamo diretti verso la famosa Villa Olmo, che già si vede da lontano lungo tutto il tragitto. In Piazza Cavour abbiamo visto dove partono i battelli, guardato gli orari e preso i biglietti per il pomeriggio.

Quindi, sempre seguendo il lago (anche se, a tratti, separati dalla paratia dei lavori in corso) abbiamo raggiunto il famoso Mausoleo di Alessandro Volta, immerso tra i giardini pubblici e il lago, e il grande bianco edificio dei Caduti progettato dall’architetto Sant’Elia e poi realizzato dal famoso Terragni.

Altre foto e informazioni sulla storia di Como: https://www.donnecultura.eu/?p=13370

LA PASSEGGIATA PEDONALE VERSO VILLA OLMO CON LE SUE VILLEPALLADIANE.

Le belle ville palladiane, con i loro splendidi giardini, ci hanno accompagnato per tutta la pedonale lungo il lago (e qui non c’è nessun muro che toglie il panorama!!). Raggiunta Villa Olmo abbiamo visitato la mostra del momento e apprezzato gli splendidi interni della villa (anche se necessiterebbero di un buon restauro).

In due minuti, abbiamo raggiunto il nostro battello e siamo partiti per la mini-crociera su Lario.

Abbiamo optato per un battello, piccolo e lento, che è stato meno costoso e ci ha permesso di vedere da vicino le numerose ville, compresa quella famosissima di Jorge Cluney. Durante il tragitto, siamo scesi ad Argegno dove ci siamo fermati nella pasticceria sulla piazza per un tè con dolcetto.

Per la cena abbiamo prenotato all’Osteria del Gallo; ritrovo usuale di conaschi doc.

Buona anche la pizzeria Il Barbarossa, non solo per la pizza, vicino a piazza San Fedele; Como centro. via Odescalchi, 10-12,  telefono: 031 275 3421.

Ottimi e abbondanti, anche i panini, di carni certificate, a Cernobbio, raggiungibile dal centro città in pochi minuti; anche con il battello: Como Burger, Cernobbio: su TripAdvisor trovi 353 recensioni.

La domenica mattina abbiamo visitato la città di Como: il Duomo, la Via Vittorio Emanuele con i suoi negozi, la bellissima chiesa di San Fedele e la sua piazza con due case a graticcio. Quindi ci siamo spinti in fondo a via Vittorio Emanuele, sino al Museo Giovio. Il tutto si trova nel raggio di meno di 600 metri.

Tornati in albergo abbiamo ritirato i bagagli e preso la strada del ritorno con l’obbiettivo di fermarci a Lainate per visitare Villa Litta. La visita va prenotata in quanto i numerosi e spiritosi giochi d’acqua si attivano al semplice sfioramento di alcune parti nel pavimento, ma comunque la sua storia è talmente interessante che merita una guida.

All’arrivo ci era stato consigliato di superare la piazza per trovare un grande parcheggio e così abbiamo fatto; parcheggiare di fronte alla villa costa un euro l’ora.

Le sale si susseguono sempre più sorprendenti, dalla “tappezzeria” di piccoli sassolini di fiume, che compongono forme geometriche e disegni al soffitto decorato con sassi dipinti, alla “sala delle meraviglie”. Qui tra i tanti meccanismi si trova anche una gallina semovente che depositava uova d’oro per stupire gli antichi ospiti non meno di quanto stupisce noi oggi, anche per le continue sorprese dei getti d’acqua sempre diversi e sorprendenti.

E pensare che tutto questo fu creato tanti secoli fa!

Altre grotte contengono statue mitologiche a grandezza naturale: l’illuminazione e i giardini all’italiana, uniti ai getti lasciano stupefatti.

Ideatore dell’intero complesso fu il Conte Pirro I Visconti Borromeo il quale si ispirò alle ville medicee toscane e, verso il 1585, volle cerare un luogo di piacevoli e ludiche sorprese nel suo possedimento agricolo lainatese. Il conte si avvalse della collaborazione dei migliori artisti del tempo che stavano lavorando anche per la Fabbrica del Duomo. Parteciparono alla realizzazione: l’architetto Martino Bassi, gli scultori Francesco Brambilla il Giovane e Marco Antonio Prestinari, i pittori Camillo Procaccini e Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone.

Il Conte fece realizzare anche i giardini e costruire il Palazzo delle Acque, più comunemente conosciuto come Ninfeo.

La residenza divenne sede di feste e ricevimenti, luogo di studio e laboratorio di idee; accogliendo letterati, artisti e poeti.

E ora due parole sui giardini:

– gli alberi appartengono a 56 specie differenti: 15 specie in un parco che si estende per circa 3 ettari

– un raro Ginko Biloba, risale all’Ottocento, inoltre vi si ammirano alcuni cedri dell’atlante, magnolie e ippocastani

-il vero unicum è la carpinata che con i suoi ottocento metri di lunghezza rappresenta l’esempio più lungo d’Europa; un “corridoio verde” utilizzato dai signori come passeggiata rinfrescante soprattutto nella stagione estiva e restituito al pubblico grazie agli interventi avviati nel parco circa quattro anni fa da esperti agronomi

-seguono le limonaie, la fontana, il bacino e il gruppo scultoreo centrale, questi ultimi in marmo di Carrara; opera di Stefano Sanpietro e Carlo Beretta.

www.amicivillalitta.it www.villegentilizielombarde.it

Ci è rimasta solo la curiosità di vedere l’effetto delle luci durante le aperture notturne, ma ci torneremo. Ingresso: € 8 intero, € 5 ridotto, , € 8 gruppi, € 4 scuole. Villa Litta, L.go Visconti Litta, 12, Lainate (Milano); tel. 02.935 98 266 – 267

cultura@comune.lainate.mi.it

Apertura al pubblico il sabato e domenica, verificare gli orari o link del comune: www.comune.lainate.mi.it

Domenica dalle 15 alle 18: dal 6 maggio al 5 agosto e dal 26 agosto al 7 ottobre Sabato dalle 21.15 alle 22.30: dal 2 giugno al 4 agosto e dal 25 agosto al 22 settembre (escluso) 30 giugno e 14 luglio)

Serate a tema:in giugno/luglio; vedere programma annuale. Speciale mercoledì sera: visite al ninfeo 27 giugno, 11 e 18 luglio, ore 21,15, 21,45 e 22.

Rievocazione storica accompagnati da personaggi in costume d’epoca / / Aperitivo con delitto; controllare programmi annualmente.

GIARDINI IN RETE

Il parco di Villa Litta fa parte di alcuni tra i più prestigiosi network di giardini: European Garden Heritage Network – EGHN

www.eghn.eu

Grandi Giardini Italiani www.grandigiardini.it / Sistema Ville nord Milano – Ville Gentilizie Lombarde www.villegentilizielombarde.org/

Rete dei Giardini Storici www.retegiardinistorici.com/

—————-

DOVE DORMIRE A COMO.

Vi avvisiamo subito che Como è una meta cara; meglio prenotare per tempo per godere di maggiore scelta e cercare i prezzi migliori.

Prima di confermare qualunque prenotazione ricordatevi:

-chiedere e verificare sul web i tempi di percorrenza per raggiungere l’alloggio (il lago ha sulle sue sponde molti paesini che richiedono buone capacità di guida per raggiungerli)

chiedere se si dovranno fare scale e quante rampe, se c’è ascensore

gli orari dei mezzi pubblici per i vostri spostamenti

non vergognatevi di precisare se avere delle preferenze per la prima colazione

contrattate sul prezzo, sempre, a volte si richiedono prezzi che non hanno una relazione corretta con la qualità offerta.

—–

Valido per tutto il mondo: 350.000 host. 8 milioni di ospiti. in 192 Paesi. L’affidabilità è la chiave di questo successo. OSPITARE E ESSERE OSPITATI A PREZZI CONCORRENZIALI CON TUTTE LE GARANZIE.vedi: https://www.airbnb.it/

Hotel Quarcino, 2 stelle, pulitissimo, il più economico, con parcheggio, salita Marcino, zona Ferrovie Como-Nord, fermata Lago, prenotare con grande anticipo.

Hotel Larius 3 stelle, in centro con parcheggio,  telefonando in bassa stagione si può trattare il prezzo.

Park Hotel Moublé, 3 stelle, vicinissimo al lago.

Lago di Como: Pigra, B&B “La finestra sul lago” (la strada è per guidatori abili)

Se volete fermarvi per un week-end e dormire con finestra sul lago, in Val d’Intelvi sopra ad Argegno, potete prenotare il B&B: “LA FINESTRA SUL LAGO” in località Pigra. Raggiungibile in auto, ma anche con treno (arrivo a Como) battello (da Como ad Argegno), e funivia da Argegno a Pigra (dovete sempre verificare che la funicolare sia funzionante; in caso di vento forte si deve sospendere il servizio; che riprende appena possibile; a volte può essere chiusa per problemi tecnici). Spettacolare la vista sul lago. www.lafinestrasulago.it ; tel. 3479140124 elgafran@alice.it Camere singola 50 euro, doppia 80 euro con colazione.

All’uscita dalla funicolare trovate un ristorante-pizzeria che vale la pena di provare, nuova gestione e ottima qualità; prezzi molto ragionevoli.

Pigra è situata a 900 mt. di altitudine in Val d’Intelvi ed è raggiungibile in pochi minuti con la funivia da Argegno, sul Lago di Como.

Il Bed & Breakfast di stile montano, è dotato di riscaldamento ed è arredato con cura. A disposizione degli ospiti: 3 camere doppie, due bagni, una piccola area per la lettura ed un balconcino in cui d’estate può essere servita l’abbondante prima colazione.
——

SECONDO WEEK-END:

COMO E PORLEZZA.

Raggiungendo Como il sabato mattina abbiamo visitato con calma il centro città, vedi sopra, e preso un biglietto per una gita sul lago nel primo pomeriggio.

La domenica ci siamo diretti verso Menaggio, ammirando il bel panorama offerto dalla strada sopraelevata.

A Menaggio si incontra la deviazione per Porlezza.

Anche questa strada offre paesaggi piacevoli e rilassanti. In particolare merita una sosta il laghetto del Piano.

Quindi ci siamo diretti verso Montidignino, sopra Porlezza in direzione Val Cavargna, per incontrare un personaggio unico: il signor Valentino La Rosa, allevatore.

Lui è un allevatore felice che vive all’aria pura e fresca, a 800 metri di altezza, come i suoi animali che, in vita, se la spassano piuttosto bene: liberi di pascolare e mangiare i prodotti della natura.

Latte, burro, formaggi tipici come lo “zincarlin”, anche di capra, sono prodotti durante la stagione estiva. Non manca mai un assaggio di salumi (senza conservanti), prodotti da maiali nutriti con gli avanzi della lavorazione del formaggio, proprio come si usava una volta. Qui si vendono anche prosciutti, pancette, salsicce, cotechini, mortadelle e slinzega.

Azienda Agricola F.lli La Rosa, via Parroccchiale, località Montidignino, tel 338.376 978. www.madeinlario.it

Si consiglia sempre una telefonata preventiva per accertarsi che il punto vendita sia aperto; durante le festività i proprietari partecipano a molte fiere artigianali (Sapori di Terra Sapori di Lago).

Quindici siamo diretti verso Porlezza dove abbiamo fatto una passeggiata lungo il lago.

Per il ritorno abbiamo preso la direzione Lugano, costeggiando il panorama dell’omonimo lago, con il bagagliaio arricchito da una borsa termica (siamo stati previdenti) piena di sano e buon cibo, inoltre abbiamo favorito un imprenditore locale che vive del suo onesto lavoro.

——-

IL LAGO DI COMO E L’ISOLA COMACINA. Storia e storie.

Como arte scagliola Lago di Como, Isola Comacina, chiesa di San Giovanni; altare in scagliola, particolare lavorazione, ad imitazione del marmo, tipica dei Magistri Cumacini.
Lago di Como, Isola Comacina scavi archeologici.
Lago di Como, Isola Comacina; chiesa di San Giovanni.
Lago di Como, Isola Comacina; cartello esplicativo.

Lago di Como: complesso di Santa Maria Maddalena: costruita tra l’XI e il XII secolo, annesso un Hospitium, dal quale ha preso il nome il borgo Ospitaletto; tra il XIV e il XV secolo al campanile venne aggiunta una particolarissima cella campanaria in stile Gotico, dando così alla torre una peculiare caratteristica estetica. Indimenticabilmente inserita nel paesaggio.

Isola Comacina: raggiungibile in battello da Como, in alta stagione da Marzo/Aprile a Ottobre, vedi Navigazione Lago di Como in internet. Segue, più sotto,la storia dell’isola. Sull’isola si trovano le Case d’Artista dono del re del Belgio all’Accademia di Brera; siamo in attesa, da un secolo, di un uso consono di questo patrimonio.

L’isola Comacina si trova sul Lago di Como, partendo dalla città e proseguendo verso Bellagio o Tremezzo la si incontra lungo il percorso all’altezza di Ossuccio e Sala Comacina. Da queste località si può sempre chiedere un passaggio ad un barcaiolo privato (chiedere informazioni sul luogo), oppure si può raggiungere l’isola direttamente con il battello da Como, ma solo in alta stagione.

Salendo da Ossuccio verso la montagna in direzione del Santuario della Vergine del Soccorso, si incontra un tipico “CROTTO” che comprende anche delle vasche per l’allevamento delle trote: “LA SORGENTE” vi si mangiano piatti tipici.

Isola Comacina (con parte del testo di G.Paolo Giusti)

Quanto qui riportato è frammentario ed, a volte, in contraddizione come spesso avviene quando si parla del passato. I testi utilizzati sono quelli ritrovati nella biblioteca di Brera, le note di una guida turistica e l’esperienza di chi scrive.

Isola Comacina o Cumana (900 mt. x 200 mt. x 45 mt. di altezza sul livello del lago per un totale di 6 ettari) con questo nome si intendeva non solo l’isola, ma anche la parte di terraferma vicina ovvero anche la sponda di Lezzeno e zone limitrofe che divennero poi la pieve dell’isola, comprendendo anche il territorio della Tremezzina (Tremezzo e dintorni): Lenno a nord e l’Isola a sud. La vegetazione è mediterranea: ulivi, tigli, allori, bagolaro, cerpino nero e gelso.

Solo il mito riconosce la nascita dell’arte Comacina, dei famosi Magistri Cumacini (o Comacini), all’isola Comacina. Questo filone artistico contribuì alla generazione del successivo romanico, molto presente nella zona. Di fatto le murature esterne in pietra squadrata del complesso SS.Faustina e Giovita (a fianco dell’attuale chiesa) sono attribuite alla maestria dei locali artisti del XII secolo.

Sull’isola sono presenti due edifici sacri con doppia abside, caratteristica unica nel comasco. Si tratta del complesso dei SS.Faustino e Giovita e l’Aula battesimale (interna all’attuale chiesa)dove il pavimento musivo presenta motivi naturalistici stilizzati, lì spicca la scritta BONDILAY.

Raffinati affreschi e motivi geometrici della doppia abside sono databili V/IX sec.: un unicum nel territorio.

Sotto l’attuale chiesa di S. Giovanni si trova un colonnato marmoreo di epoca romana, la cripita di Santa Eufemia e le mura in pietra squadrata del complesso SS.Faustino e Giovita.

Accanto alla chiesa attuale è appena stata restaurata un’altra chiesa, con navata biapsidata, con affreschi visibili di età carolingia e ricoperta di mosaici. La scritta leggibile ora si indentifica con le parole: Bundi Lei personaggio longobardo, ma non si sa chi sia. Da osservare un bel pesce in mosaico come pure delle decorazioni che fanno pensare alle onde.

La chiesa di S.Giovanni presenta affreschi databili tra il 1800 e il 1900; l’altare è rivestito di “scagliola” una accurata imitazione del marmo specialità dei maestri locali.

L’isola Comacina, per quanto riguarda l’Alto-Medioevo , può definirsi tra le aree archeologiche più interessanti dell’Italia settentrionale.

Tutti i reperti recuperati durante le campagne di scavi saranno esposti al Museo ANTIQUARIUM a Ossuccio, vicino al lago e imbarcadero.

Tito Livio parla della conquista di Como nel 196 a.C., quando si arrese al console Claudio Marcello. Uno dei 28 “castella” conquistati fu Torre del Soccorso a Spurano (località non sull’isola, ma allora appartenente al territorio dell’Isola Comacina), l’Isola Comacina si può definire futura “Gibilterra” del Lario dell’epoca comunale.

L’isola Comacina a quei tempi era probabilmente un’ importante fortezza che si trovava sulla via tra i valichi alpini e la pianura Padana, vicina alla via Regina, cosiddetta non per la regina Teodolinda, ma perché via “regia” dei romani.

Dice il Giusti: in epoca romana la storia non parla dell’Isola, non ne parla Plinio nelle sue lettere, non ne parlano i poeti della bassa latinità, non è indicata sugli itinerari da Chiavenna a Como che probabilmente corrispondevano ad una “strada” detta via Regia che dal tempo di Marco Aurelio univa Milano allo Spluga, Maloja sino alla Germania.

Si deve arrivare al VI secolo d.C. per trovare 2 documenti dove si parla dell’Isola: uno del vescovo Pavia e una databile 550 c.a. inviata all’abate Floriano. Dimostrano l’importanza dell’isola anche i cimiteri più ricchi del Lario, avanzo di architettura Medioevale, capitelli, colonne, lapidi, una delle quali riporta il nome Ausuccium (oggi Ossuccio) e un’altra nella chiesa di Sant’Eufemia indica l’esistenza di un tempio preesistente. Litigierio vescovo volle venisse fondata la canonica di S.Eufemia nel 1031. Colui che diverrà Sant’Abbondio, patrono di Como, amava ritirarsi sull’isola e pare fu lui a introdurre il culto di S.Eufemia, tornando da Costantinopoli, molto celebrata in oriente e le reliquie “Abundi” dei martiri. Rimane oggi l’epitaffio che ricorda la sepoltura del vescovo Agrippino; questo dice della grande importanza religiosa dell’isola.

Nel VI secolo i Longobardi, che avevano occupato l’Italia settentrionale, cercarono ripetutamente di conquistare l’isola. Ci riuscì il re longobardo Autari, primo marito della regina Teodolinda, ma fu presto cacciato dagli isolani. L’attività principale dell’isola era il commercio che la rese ricca e potente. Si presume quindi che l’isola godesse di buone fortificazioni, potenziate dal comandante bizantino Francione che vi comandò, per 20 anni, un presidio. Taluni ritengono che i longobardi furono attratti dai tesori dell’isola contenuti nelle chiese, ma forse è più logico pensare all’importanza del luogo come transito verso le Alpi.

Il duca di Bergamo, in fuga da re Agilulfo, si rifugiò sull’Isola, ma le forze del re ebbero la meglio e l’oro romano dell’Isola fu spedito a Pavia capitale.

Agrippino era vescovo di Como quando sull’Isola si fondò,VII secolo, la chiesa di S.Eufemia. Si dice che un contadino abbia dato pane e acqua a S.Giovanni che gli disse di andare sull’isola dove avrebbe trovato un tesoro per edificare la chiesa che fu effettivamente costruita nel XVI secolo, su di una precedente chiesa romanica (c.a. 400) a sua volta su una villa o tempio pagano romano di cui resta assai poco.

Nel 964 l’isola è messa a ferro e fuoco dal vescovo-guerriero di Como che cercava di staccarsi dal potere di Milano. La presenza di fortificazioni importanti sull’isola sono dimostrate dal nome che, ancora oggi, i locali danno all’Isola chiamandola “castel”

L’isola fu, nel Medioevo, uno dei più importanti luoghi della diocesi comasca, l’ultimo baluardo bizantino contro i Goti invasori. Qui cercarono rifugio: vassalli ribelli, re spodestati…

Due dei più importanti monumenti comaschi di epoca romanica sono sorti sull’Isola: la collegiata di Sant’Eufemia, tra le mura del castello, e il convento di San Benedetto.

Un documento del 1085 ci dice che possedimenti dell’antica canonica di S. Giovanni furono trasmessi alla nuova canonica di Sant’Eufemia.

L’isola divenne poi un libero comune tanto potente da combattere nella guerra dei 10 anni di Milano contro Como. Alleata con Milano distrusse la città di Como, la quale ottenne vendetta con l’aiuto del Barbarossa: nel 1169 l’isola viene distrutta e rasa al suolo, si dice che anche molti blocchi delle pietre delle mura finirono nel lago. Il Barbarossa ne vietò la ricostruzione. Papa Alessandro 3° scomunicò la città di Como e il vescovo Vidulfo mandò una maledizione verso chi fosse tornato a vivere sull’isola, promettendogli una brutta morte.

Nella canonica, pure di S. Eufemia come la chiesa, da non confondere, fu sepolto, ne è testimone un epitaffio rimosso e trasportato sulla terra ferma, Re Cuniperto, quando Alachi duca di Trento gli si ribellò conquistando Pavia, riparò sull’Isola confidando nelle sue forti mura. Aliberto riuscirà a distruggere le fortificazioni, tanto che per per 50 anni non si parlò più dell’Isola.

La conquista franca affidò al conte di Lecco l’Isola.

Ci sono rimasti i nomi di piccole località all’interno dell’Isola: Magizio, Fontana, Somisola, Crosta, Salexe. All’epoca queste zone del lago erano coltivate a grano, vigne, orti, oliveti, più in alto castagni, pascoli.

Sull’isola le terre erano divise tra i conventi. Nella seconda metà del XI e nella prima del XII secolo sorgono nelle zone circostanti il convento di San Benedetto sul monte Oltirone in Valperlana e quello di S. Maria dell’Acquafredda sopra Lenno e l’Isola finisce per divenirne loro possesso.

Nei secoli XI e XII la popolazione dell’Isola aumentò il proprio potere economico e nel 1100 entrò in conflitto con Como e intrattenne buoni rapporti con Milano. Durante la guerra decennale tra Como e Milano 1118-1127 l’Isola fu sempre alleata con Milano.

L’”Anonimo Cumano”, redattore dell’epoca, ci informa sulla guerra: la vittoria comasca nel 1119, nel 1120 Como attacca le fortificazioni della “Cavagola” e distrugge 100 imbarcazioni, nel 1124 Gravedona si allea con Como ed insieme assediano l’Isola che resiste. Nel 1125 altra vittoria comasca, ma nel 1127 Como è cinta d’assedio dai milanesi ed è sconfitta, mentre gli abitanti dell’Isola esultano. L’Anonimo Cumano ci dice: -l’isola Comacina, castello maledetto, fortificato all’intorno da una difesa di mura…-.

Al termine della guerra l’Isola è ancora alleata con Milano contro Como nella lotta dei comuni lombardi contro l’Impero.

Nel 1159 Barbarossa riesce con abile manovra e minacce a staccare l’Isola dall’alleanza con Milano; l’imperatore manovrava per indebolire Milano.

Como rinasce con l’aiuto del Barbarossa, mentre l’Isola viene abbandonata a se stessa e non può contare su altri aiuti. Como memore della inimicizia dell’Isola si vendica e la distrugge nel 1169. Il Barbarossa emana un decreto che impedisce all’Isola la ricostruzione del castello, documento ripetuto nel 1296 dall’imperatore Adolfo che dona l’Isola al vescovo di Como. I comaschi ne approfittano e distruggono anche tutte le chiese dell’Isola causando l’ira e l’accusa di sacrilegio da parte dell’autorità ecclesiastica.

Elenco dei danni: collegiata di S.Eufemia, la chiesa del convento benedettino femminile di S.Faustino e Giovita (994 d.C. citata come chiesa, 1101 come convento) la primitiva parrocchia di S.Giovanni, la chiesa di S.Maria, citata nel 982 e nel 1145; la chiesa di S.Pietro menzionata nel 1129; non certe sono le chiese di S.Damiano citata nel 1129, e S. Salvatore citata nel 1193 e 1195.

Ora l’Isola non ha più fortificazioni e se ne parla per il colera solo nel 1836, per prigionieri austriaci nel ‘48, ancora per colera nel ’55 e per i soldati austriaci prigionieri nel 1859. L’ombra dei profili rocciosi dell’Isola fu difensiva per la flotta passeggeri nella 2a guerra mondiale dal 1944 al ’45.

Giovio ci informa che a Sala località “Kasba” vi era una grossa torre ancora visibile nel XVI secolo. Altre torri e fortezze a Lezzeno, punta Balbianello o “Dosso di Lavedo” che il Giovio vide in buono stato nel ‘500. Una “Torre del Soccorso” esisteva a Spurano con tanto di feritoie a monte e ponte d’accesso a lago. A Sala e Ospedaletto sorgono ville che probabilmente hanno fondamenta su torri fortificate dell’epoca comunale (Medoevo).

Isola Comacina; gli abitanti del luogo la chiamano anche l’isola di S. Giovanni perché su di essa sorge il cinquecentesco oratorio di S. Giovanni edificato sui ruderi della primitiva chiesa distrutta nel 1169 (dei S.S.Faustino e Giovita) assieme a tutti gli altri edifici religiosi, civili e militari. La chiesa dei SS.Faustino e Giovita ha la caratteristica di avere 8 colonne ed il fonte battesimale annesso è ortogonale l’8 era il segno dell’eternità, per la sua forma. La suddetta vasca è analomamente a lato e non al centro forse per il terreno roccioso, eseguita con 2 lastre di Marmo di Musso.

La successiva, nelle visite guidate all’isola, chiesa di S.M.Del Portico ha svelato 5 tombe, l’esposizione dei contenuti: chiodi, frammenti di ceramica, vaso forse lacrimatoio; avverrà al museo di fronte sulla terra ferma. Non sono stati trovati valori in oro ecc…sicuramente trafugati durante l’assedio.

Il “castello” S.Pietro è la rovina peggio conservata, ma sono in arrivo fondi per il restauro.

L’isola fu donata all’Italia, che la donò a Brera, nel 1919 dal re del Belgio per ospitare un artista italiano, uno fiammingo e uno belga. Brera avrebbe dovuto, per volere del donatore, tutelare l’interesse archeologico e la bellezza del paesaggio.

Nel 1894 nasceva l’arch. Lingeri, progettista delle Ville d’Artista, in una frazione di Tremezzo. Fu importante esponente della corrente razionalista e seguiva il modello di Le Courboisier. Le ville sono in pietra di Moltrasio e legno di castagno, furono volute essenziali, senza ornamenti, funzionali secondo il principio razionalista. La fine della ristrutturazione risale a POCHI mesi fa, ma vi è all’interno un offensivo e penetrantissimo odore di pipì: ottobre 2010.

Si occupò dell’isola Ugo Monneret de Villard, milanese discendente da nobili di Borgogna, passati in Italia al tempo del Terrore, che fu insigne studioso insegnate di archeologia medievale al Politecnico di Milano e di storia della Lombardia; fu anche archeologo in Egitto, Nubia, Etiopia e Medio Oriente. De Villard vi fece i primi scavi nel 1914 alla scoperta dei resti di S.Eufemia. Seguirono altre campagne archeologiche tra il 1958 e il 1978, condotte daall’arch. Luigi Mario Belloni con la moglie dott.ssa Mariuccia Zecchinelli. Scoprirono resti paleo-cristiani e alto-mediioevali. Bellomi compì anche una campagna subacquea e scoprì numerosi reperti.

Sull’isola si trovano anche avanzi di colonnato marmoreo di epoca romana visibili sotto il pavimento della seicentesca chiesa: l’attuale S.Giovanni dove pure si trova il basamento di una torre che forse funse da campanile per la chiesa romanica di S.Eufemia, inoltre vi sono testimonianze paleocristiane come la restauranda aula battesimale biapsidata. Il maggior valore archeologico è nel complesso di S Eufemia, oggi di fianco alla chiesa di S.Giovanni.

OGGI:dopo il recente restauro sono visitabili le tre navate e absidi, la notevole cripta ed il portico antistante “ad ali” di S.Eufemia. Altri resti visitabili sono quelli di S.Maria col Portico e S.Pietro in Castello. Anche le mura di pietra squadrata del complesso medievale dei SS. Faustino e Giovita sono state motivo di studio.

ISOLA COMACINA E LA SUA ANTICA PIEVE

Riassunto del testo di Luigi Mario Belloni

A 25 km da Como si incontra l’isola Comacina. Intorno ulivi pianori e declivi solatii. Gli abitanti da Colonno a Cadenabbia sono chiamati Tremezzini.

Paolo Giovio scrisse nel 1559 del torrente Camoggia: “…su la riviera è il torrente Camoggia, sopra il quale è un ponte di pietra, che oggi è di legno et da il passo ai viandanti per la via reina”.

Gioiello dell’architettura romanica è l’antico monastero di San Benedetto nei pressi del quale gorgoglia il torrente Perlana. Non lontano dalla sottostante Madonna del Soccorso, s’intravede un orrido fonte di terrore per le popolazioni locali. Plinio il Giovane in una lettera descrive il tempio di Cerere, che abbellì con i suoi soldi, e accenna ad un fiume dalle scoscesissime ripe che può essere identificato con l’orrido del Tufo; oggi sovrastato dal Santuario della Madonna del Soccorso, dove anticamente esisteva un tempio pagano.

Nella zona dell’Isola, e nei dintorni, spirano regolarmente due venti: Breva, nel pomeriggio e Tivano al mattino in direzione opposta. Raramente il lago è increspato da venti con fotissime raffiche detti Bergamasca.

La vegetazione è di tipo submediterraneo: magnoglie, ulivi, noci, alloro e mirto, ora quasi scomparso; sui monti castagni.

Il tipico villaggio è composto dalla chiesa, ripide strade acciottolate e gradini con accesso al lago, spiagge in miniatura con le barche dei pescatori e le reti stese ad asciugare.

Di fronte all’isola si affacciano vecchie case, ristrutturate, alte e strette, con piccoli orti e terrazze difesi da grosse mura che scendono sino al lago.

Sull’Isola in epoca romana probabilmente vi sorgeva un grande edificio: villa o tempio o entrambe. Forse qui vi fu una delle due ville di Plinio. Il vescovo comasco S.Abbondio vi costruì un oratorio di S.Eufemia verso la metà del secolo V. L’isola con le sue fortificazioni partecipò alle lotte delle invasioni barbariche aiutando i Franchi e i Goti contro Belisario nel IV secolo.

Francione, “magister militum” bizantino governò per 20 anni nel nome dell’imperatore di Bisanzio e resistette per 6 mesi all’assedio dei Longobardi prima di capitolare nel 585. Nel 591 arrivò sull’Isola Gaidulfo duca di Bergamo, morto nel 616 c.a. Sull’isola fu sepolto il vescovo scismatico di Como Agrippino, che aveva eletto l’isola sua sede episcopale. Successivamente trovarono alloggio sull’Isola: Cuniperto, assalito da Alachi duca di Trento 690, Asprando ribellatosi a re Lutprando dal 701 al 702, i figli di Berengario sino a che Valdo, vescovo di Como, non ne occupò le fortificazioni.

Il continuo rifugiarvisi di principi portò l’isola ad essere chiamata “Crisopoli” volgarizzazione di Crysopolis = città dell’oro che gli storici comaschi trasformarono nel 1600 in Cristopoli = Città di Cristo, derivandolo dall’errata lettura del testo medievale confondendo l’isola di Lérins, sulla Costa Azzurra e sede di un famoso monastero, con l’isola lariense o isola Comacina.

Il Castello dell’isola non è solo il luogo più forte del ducato, ma uno dei punti più sicuri del regno visto che vi giungono re e ribelli anche da lontano. Contemporaneamente alla popolazione aumenta la potenza e l’importanza politica dell’isola che si allea, dopo essere stata (pare) con Como contro Gravedona, con la ricca Milano contro Como, Gravedona, Menaggio e Bellagio. Nel 1124 l’isola è sconfitta da Como con la perdita della flotta. La rivincita arriva 2 anni dopo, il 27 agosto del 1127 isolani e milanesi entrano nell’Isola saccheggiandola e abbattendo le mura. 17 anni dopo F.Barbarossa riusciva con minacce e lusinghe a staccare gli abitanti dell’Isola dall’alleanza con Milano, distrutta Milano e rafforzata Como il Castello dell’isola è abbandonato a se stesso. I comaschi lo cingono d’assedio e lo distruggono, difensori e abitanti scomparvero nella lotta. Incendi e crolli determinarono la fine della piccola comunità. L’ultimo documento datato 1169 si riferisce all’isola poi si parla di “insula Nuova” cioè Varenna dove finirono i più ricchi sopravvissuti, chi viveva in S.Eufemia si rifugò a Balbiano che prese il nome dell’Isola e forse vi costruì una nuova S.Eufemia.

Prima della distruzione vi esistevano: castello, complesso militare, centro abitato sulle pendici settentrionali di fronte a Spurano; S.Eufemia, S.Giovanni, S.M.col Portico, S.Pietro, S.Salvatore, SS. Faustino e Giovita (gli scavi del 1914 e 1958 e 1962 ne hanno provato l’esistenza). Ancora oggi l’isola viene chiamata Castel dai locali.

Un documento del 1240 riporta come l’Isola dipendesse dalla Porta Sala tra via Varese e via Garibaldi a Como, ora scomparsa.

Nel 1756 l’imperatrice Maria Teresa suddivise il territorio comasco in 10 parti parlando anche dell’Isola.

LA FESTA DI S.GIOVANNI

La festa nasce dalla leggendaria apparizione di S.Giovanni Battista in veste di pellegrino nel 1435 e si ripete da sempre la domenica dopo la festa del Santo.

Caratteristica è la processione sul lago che riporta sull’Isola le reliquie dei Martiri, messe in salvo nel 1169, e che ora riposano nella parrocchia dell’Isola sulla terraferma. La barca addobbata è seguita da molte altre altrettanto festose. Le reliquie vengono portate in S. Eufemia dove si celebra la Messa all’aperto.

La sera precedente tutte le case sono illuminate da lumicini (lumaghit, da lumaca, il guscio che una volta conteneva l’olio per illuminare), mente anche il braccio di lago prospiciente l’isola è inondato da lumicini contemporaneamente ad un grande spettacolo di fuochi artificiali.

L’ISOLA E I REPERTI

3 edifici religiosi in 3 punti dell’isola: 1- presso l’attuale S.Giovanni (S.Giovanni con battistero), 2- lungo il dorso dell’isola(S.Maria al Portico), 3- sul pianoro superiore verso Sala (S.Pietro in Castello= Castello).

Nell’oratorio di S.Giovanni è in sistemazione l’Aniquarium che diverrà….[si diceva nel 1966!!!] il museo dell’isola… Conservatore agli scavi e direttore dell’Antiquarium è L.M. Belloni.

S.Giovanni: piccola chiesa dedicata ai SS.Pietro e Paolo del XVI secolo, in generale, con aggiunte del XVII, il tutto edificato sull’antica cappella costruita a fine del 1400 sul luogo dove il tessitore Marinoso del Campo trovò, dice la leggenda, i ruderi dell’antica chiesa seguendo le indicazioni di S.Giovanni apparso in veste di pellegrino.

Nella navata dell’oratorio,…ora divenuto museo…[!!!???], sono affiorate nel 1962 le murature perimetrali e l’altare dei una chiesa romanica monoabsidale simile, planetricamente, a quella di S.Pietro in Castello. Al culto è adibita una cappella realizzata nella vecchia sacrestia dove sono notevoli il paliotto in scagliola del 1706, la statuetta in arenaria di S.Giovanni ed un’altra statua lignea del Precursore. Vi era pure conservata una buona tela databile primi del 1600 raffigurante S.Carlo in preghiera, rubata nel 1965; rimane in cornice la copia fotografica. Nei contrafforti del portico antistante la chiesa sono murati i resti rinvenuti durante gli scavi.

S.Eufemia (basilica): romanica a 3 navate e 3 absidi, con cripta e presbiterio sopraelevato, fu restaurata nel 1031 dal vescovo di Como Litigerio. Nel 1958-59 vi si trovò il portico ad ali e un pozzo profondo oltre 9 mt.; nel 1962 furono trovate la zona tombale e i resti di un edificio addossato all’esterno dell’abside maggiore, dimostrando che l’abside aveva esternamente dell’intonaco affrescato. La basilica fu distrutta nel 1169.

S.Maria col Portico: resti dei muri perimetrali e della pavimentazione della chiesa romanica( sec. XII) monoabsidale e del portico antistante. La chiesa fu costruita su di un oratorio più antico.

S.Pietro in Castello: sul vertice occidentale verso Sala, costruita su più antiche strutture forse appartenenti alla zona fortificata dell’isola.

S.Giovanni Aula Battesimale: il più imortante dell’isola come ritrovamento, resti di edificio sacro paleocristiano a due absidi, subì modifiche planimetriche nei secoli., inizialmente forse a pianta quadrata, poi monoabsidale infine biabsidale.

Affreschi parietali carolingi, pavimento musivo del IX d.C. abside nord, lacerti musivi, del V sec. l’abside sud. Vasca battesimale ad immersione in cocciopesto e rivestimento in lastre di marmo di reimpiego. Avanzi dell’arcosolio tombale del vescovo Agrippino (inizio VII) la cui lastra tombale con poetica iscrizione laudativa è ora murata nella parrocchiale do S.Eufemia sulla terra ferma, mentre le ceneri furono portate prima al monastero dell’Acquafredda, sopra Lenno, poi a Delbio in Valtellina.

SS.Faustino e Giovita: resti della chiesa romanica (sec XII) monoabsidale esternamente, biapsidale internamente, già annessa al monastero benedettino femminile. Chiesa e convento furono distrutti nel 1169.

Altri dati

ISOLA COMACINA eretta a Ente Morale l’11 febbraio 1941 con lo scopo di creare alloggi gratuiti per pittori italiani e belgi, per brevi periodi.

a.D. 545 iscrizione dell’Isola con l’indicazione consolare di BASILIO

a.D. 550 Floriano abate del Monastero Romano scrive a Nicezio vescovo di Treviri perché intervenga presso Teobaldo a favore dei prigionieri fatti a Cristopoli.

VII sec. (600) Agrippino vescovo di Como erige la prima chiesa: S. Eufemia.

585 I Longobardi conquistano l’isola.

DINTORNI:

IL SANTUARIO DELLA BEATA VERGINE DEL SOCCORSO domina il paese di Ossuccio, sopra l’orrido del Tufo, all’inizio della Val Perlana. E’ uno dei due Sacri Monti in Lombardia ed è raggiungibile dopo un camminamento tra 14 cappelle, ognuna delle quali preserva preziose statue policrome in legno e gesso, arte popolare, che rappresentano i Misteri del Santo Rosario. Il percorso del Santuario è raggiungibile sia da Ossuccio sia da Lenno. La chiesa forse sorge nello stesso punto dove, al tempo di Plinio il Giovane, si ergeva un Tempio dedicato a Cerere. Documentazioni negli scritti dello stesso Plinio.

L’EREMO DI S. BENEDETTO IN VALPERLANA. Dal Santuario del Soccorso inizia il sentiero che conduce all’eremo di Val Perlana. Il Monastero, costruito all’inizio del 1000, fu documentato a partire dal 1083. Nel 1298 i frati lo abbandonarono e venne utilizzato come casa colonica. Recentemente la chiesa e il Monastero sono stati restaurati. Il percorsoè in forte pendenza con spettacolare panorama. Tempo di percorrenza 2 h. circa.

LA CHIESA DI S. GIACOMO: situata a lago, frazione di Spurano, è circondata da un antico villaggio di pescatori conservato quasi intatto attraverso i secoli. La chiesa dell’XI secolo è un bell’esempio di costruzione romanica; campanile a vela del XIV secolo. L’abside è a doppia arcata, tipica dell’architettura locale e presenta molte analogie con Sant’Eufemia dell’Isola Comacina. All’interno sono visibili dei lacerti d’affresco dell’XI secolo. Vedi sito Web dedicato alla chiesa di San Giacomo.

OSPEDALETTO: altra frazione a lago del Comune di Ossuccio, comprende un gruppo di case di pescatori e il complesso di Santa Maria Maddalena. Quest’ultima fu costruita tra l’XI e il XII secolo, annesso un Hospitium, dal quale ha preso il nome il borgo. Tra il XIV e il XV secolo al campanile venne aggiunta una particolarissima cella campanaria in stile Gotico, dando così alla torre una peculiare caratteristica estetica, indimenticabilmente inserita nel paesaggio, tanto che il campanile è divenuto uno dei simboli del Lago di Como. All’interno sono visibili alcuni lacerti degli antichi affreschi.

ISOLA

Il borgo di Isola sorge sulla terra ferma, la storia lo narra fondato dagli esuli dell’Isola Comacina, dopo che quest’ultima fu distrutta e incendiata dai Comaschi e dal Barbarossa nel 1169. Non volendo dimenticare la loro origine su di una vera isola, diedero il medesimo nome al nuovo insediamento. Essendo l’Isola Comacina governata dalla Chiesa, anche la sede della Pieve venne trasportata sulla terra ferma. Presso la Chiesa di San Vincenzo, nel 1178 si insediò in modo stabile il Collegio dei Canonici. Pare che a questo periodo risalga l’ampliamento-abbellimento della chiesa. I moderni restauri hanno ben recuperato parecchie parti dell’edificio romanico. Numerosi reperti archeologici e reliquie provengono dall’isola Comacina.

L’ISOLA, riassumendo, ha 2.000 anni di storia; ricca di archeologia; edificio civile di epoca imperiale romana, torre storica, battistero di S.G.Battista, basilica paleocristiana e poi romanica di Sant’ Eufemia, oratorio seicentesco di S.G.Battista, resti della chiesa paleocristiana di S.Maria in Portico, tracce perimetrali della chiesa di S.Pietro a Castello, resti di chiesa monastica romanica dei SS.Faustino e Giulitta, chiesa di S.Giovanni.

Gli scavi archeologici:

Prima campagna di scavi nel 1914 a cura di Ugo Monneret de Villard, altre 4 successive guidate da Luigi Mario Belloni, con la direzione della Sovraintendenza archeologica diretta da Mario Mirabella Roberti, hanno permesso l’identificazione di un minimo di 5 fasi di uso del luogo succedutesi dall’età imperiale romana sino alla distruzione del 1169. Scoperti edifici religiosi, strutture civili e militari.

EPOCA IMPERIALE ROMANA

I ritrovamenti più antichi sono risalenti al II secolo d.C., limitati a reperti inglobati nelle strutture successive. Si pensa trattarsi di un edificio di grandi dimensioni occupante tutto il dosso, ben oltre quanto occupato dal battistero e dalla chiesa barocca.

Disponeva di un basamento a pilastri, distanziati 4 metri, edificato su diverse terrazze sfruttanti la pendenza naturale e la speciale posizione panoramica. Si ipotizza: una villa signorile.

Si è scoperto anche un grande blocco con ovuli e decorazioni tipiche dell’età imperiale e pertinente la trabeazione di grande edificio pubblico, poi identificato nei resti di Sant’Eufemia.

TORRE DELL’EPOCA TARDOANTICA

Di pianta quadrata, oggi inserita sul fianco della chiesetta barocca di S. Giovanni; fa parte delle antiche fortificazioni militari del IV sec., delle quali parla lo storico longobardo Paolo Diacono. Fu campanile per la basilica di Sant’Eufemia durante il periodo romanico.

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Eretta nel V sec. come Battistero, fu semplice aula biabsidiata, poi restaurata da Agrippino e ripresa nel XI sec.. Dimensioni: 16×6 m. La sua navata è pavimentata in cocciopesto e l’abside è rivestita da un mosaico pavimentale tricromo con motivi floreali e marinari. Un’iscrizione lo collega al vescovo Abbondio. Il fonte battesimale lo si è scoperto in una insolita posizione eccentrica. Dell’epoca una tomba all’altezza della navata e un’altra tomba con arcosolio nella parte nord, tutto all’interno dell’attuale chiesa.

BASILICA PALEOCRISTIANA E, SUCCESSIVAMENTE, ROMANICA DI SANT’EUFEMIA

Chiesa paleocristiana nel VII secolo, fu “rifondata” in stile romanico nel 1031 dal vescovo comasco Litigerio. Il culto di Sant’Eufemia, partrona di Calcedonia dove aveva difeso il Credo Tricapitolino contro l’eresia monofisita, fu introdotto dal vescovo Abbondio ed è alla base sei due edifici successivi. In epoca longobarda, inizio VII sec., fu introdotto il culto Tricapitolino e la devozione a Sant’Eufemia e a G.Battista sostenuto dalla regina Teodolinda e dal vescovo di Como Agrippino. Il tutto aveva lo scopo di rafforzare il potere longobardo contro i Bizantini e di convertire le popolazioni locali ancora credenti nel paganesino e arianesimo. La struttura della basilica era a tre absidi e tre navate scandite da pilastri ottagonali. Il presbiterio risulta congiunto con il coro da una campata intermedia e sopraelevata su di una cripta. Un portico, a natrece con ali, precedeva la facciata. Sotto l’edificio romanico si incontrano i resti della struttura peleocristiana.

ORATORIO SEICENTESCO DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Struttura preceduta da un portico; all’interno un altare con paliotto di scagliola e scavi.

RESTI DELLA CHIESA PALEOCRISTIANA DI SANTA MARIA IN PORTICO

Verso ovest, dal complesso archeologico maggiore, si incontrano i resti di quella che avrebbe dovuto essere una aula con una sola abside preceduta da nartece.

TRACCE PERIMETRALI DELLA CHIESA ROMANICA DI SAN PIETRO A CASTELLO: sulla sommità dell’isola.

RESTI DELLA CHIESA MONASTICA ROMANICA DEI SANTI FAUSTINO E GIULITTA :

Questi resti sono, purtroppo, inglobati in una casa colonica, l’ abside è campita internamente in due nicchie come i due santi. Raffinata è la lavorazione esterna ad archi binati con lesene e capitelli simili a quanto si può ammirare nell’antichissima basilica di Sant’Abbondio a Como.

CHIESA DI SAN GIOVANNI

Folclore storico e devozione religiosa fanno parte della tradizionale sagra di San Giovanni. L’ultima domenica di giugno si rievoca l’apparizione di San Giovanni Battista in veste di pellegrino nel 1485 e così pure l’incendio dell’Isola Comacina causata dai Comaschi nel 1169 d.C.

LA LEGGENDA

La leggenda di San Giovanni racconta come un giorno del XV secolo un contadino di Campo, località di fronte all’isola, incontrasse un misterioso pellegrino. Costui gli chiese di potersi rifocillare, ed il contadino benché povero divise con lo straniero il suo pane e l’acqua del pozzo.

Il viandante gradì molto e lo consigliò di recarsi sull’Isola e scavare in un punto particolare, così avrebbe trovato qualcosa di molto prezioso.

Il contadino subito si recò a scavare e così scoprì un paliotto marmoreo raffigurante San Giovanni.

Subito si gridò al miracolo e sul luogo venne eretto un tempio dedicato al Battista il medesimo Oratorio barocco che oggi domina il punto più alto dell’isola.

SAGRA DI SAN GIOVANNI

La sagra richiama ogni anno nei paesi e sulle acque del lago che circondano la Zoca de l’Oli, il golfo antistante l’isola, un numero incredibile di spettatori e turisti per la serata del sabato e nella domenica della settimana in cui cade il 24 giugno; festa di San Giovanni. La partecipazione è tanto numerosa che il ritorno in automobile è fonte di gravi disagi. Anche le barche sono numerose e non sono mancati, negli anni, gli incidenti dove, la peggio, l’avevano le barche più piccole. E’ consigliabile prenotare un posto a bordo dell’imbarcazione della Navigazione del Lago di Como; così si assiste alla festa senza avere problemi per il rientro sul lago.

Sabato sera alle 22.30 località Ossuccio – Isola Comacina: inizia il grande spettacolo pirotecnico. L’“incendio” dell’isola avviene con 1200 postazioni di sparo che proiettano oltre 10 quintali di fuochi d’artificio. Il lago è illuminato anche da migliaia di Lumaghitt, ovvero lumini galleggianti. Lo spettacolo si vede anche da altri paesi del lago: Argegno, Colonno, Sala Comacina, Ossuccio, Lenno, e da Lezzeno, sulla costa est, fra Como e Bellagio.

domenica, h. 10.00, i residenti raggiungono l’isola con una solenne Processione sull’acqua a bordo di barche, Gondole Lariane, e gli altri a bordo del battello di linea con partenza dal pontile Navigazione Laghi, località Campo.

I moderni “pellegrini” riportano per un giorno sull’isola le reliquie dei martiri della Pieve di Isola, in salvo sulla terraferma dal 1169 quando avvenne la distruzione.

Sull’isola fra le rovine romaniche della Basilica di Sant’ Eufemia si svolge la santa Messa.

Domenica h. 16.00: regata di San Giovanni riservata alle barche Lucia dei comuni rivieraschi con partenza da Ossuccio e arrivo a Sala Comacina.

Nella settimana del 24 Giugno a Ossuccio e negli altri comuni della Zoca del L’Oli si svolgono numerosi eventi come mostre, teatri, spettacoli vari, eventi “gastronomici”.

Informazioni presso l’Unione Comuni della Tremezzina ( HYPERLINK “http://www.unionetremezzina.it/” www.unionetremezzina.it) – Comune di Ossuccio (++39 0344.55277); Navigazione Lago di Como +39 031.579211 / numero verde 800 551801

RIASSUNTO DELLA STORIA DELL’ISOLA:

La storia dell’isola fu narrata ai tempi del Longobardo Paolo Diacono e successivamente dall’Anonimo Cumano come roccaforte di potenti delle varie epoche, infine fu assediata e messa a ferro e fuoco dai Comaschi alleati con il Barbarossa nel 1169, poiché rea di essersi alleata con Milano nella guerra decennale fra i due Liberi Comuni.

SALA COMACINA:

A Sala si ammirano le ville eclettiche e la fortificazione della frazione kasba; nella Parrocchiale barocca di San Bartolomeo, sotto la volta affrescata da Carlo Innocenzo Carloni dove ancora si vede una pala d’Altare seicentesca di Giovan Mauro della Rovere detto Il Fiamminghino.

Nelle frazioni costiere di Ossuccio-Ospedaletto, si ammirano i resti del medievale hospitium, vicino alla romanica Santa Maddalena con un campanile sopraelevato dai Magistri Comacini in età gotica, con la tipica cella campanaria arrichhito di marmi e bifore. La razionalista Villa Leoni, dell’architetto Lingeri, che qui si ispira a F. L. Wright.

POSSIBILE ITINERARIO SULLA MONTAGNA DI FRONTE ALL’ISOLA:

Subito dopo Sala si incontra la frazione di Spurano, caratterizzata dall’inconfondibile doppio campanile a vela della romanica chiesa di San Giacomo; al suo interno il ciclo di affreschi più antico del comasco. Una macchia verde a destra sulla costa segnala la Puncia e la villa settecentesca di Cesare Beccaria, l’intellettuale Illuminista che fu il nonno di Alessandro Manzoni, qui sepolto.

A mezza costa si trova il centro di Ossuccio, pagus romano di Ausuciates, dove si incontra una chiesa romanica dedicata ai Santi Agata e Sisinio e successivamente decorata con stucchi e affreschi; in epoca barocca. Anche San Vincenzo è in stile romanico, nella frazione di Isola di Ossuccio. Qui venne trasferita, prima della distruzione del 1169, la sede dell’antica Pieve che era in Santa Eufemia con le spoglie degli antichi martiri. Da qui, ogni anno, durante il solstizio d’estate, in un clima di grande devozione popolare, le sacre reliquie vengono ritrasportate sull’isola con la famosa processione di barche.

Sopra Ossuccio, si vede il barocco Santuario della Beata Vergine del Soccorso, proprio sopra l’Orrido del Tufo, alla fine della boscosa Val Perlana, dove si incontra, dopo faticosa camminata, un vero gioiello della più antica architettura comacina: la basilica romanica che era parte dell’Abbazia cluniacense di San Benedetto in Val Perlana.

Rimessa a nuovo nel 1958 e riportata al suo primitivo fascino. Prima di raggiungere San Benedetto, con una più facile camminata in salita, si incontra il Santuario del Soccorso; fondato nel 1537 con lo scopo di custodire, in un sacello contornato ormai da preziosi Ex Voto, la miracolosa statua di una Madonna con Bambino: opera di fine ‘300 dei Maestri Campionesi. Le 14 Cappelle Barocche, sul cammino, furono costruite fra il 1635 e il 1714 e conservano preziosi affreschi dipinti da Giovan Paolo Recchi e Carlo Gaffuri, furono decorate dai gruppi statuari in terracotta con oltre duecento personaggi a grandezza naturale dalla bottega del ticinese Agostino Silva. I Sacri Monti furono, fenomeno di arte e religiosità fra ‘600 e ‘700 nelle aree prealpine lombarde e piemontesi soggette al Ducato di Milano dal 2003 sono entrati a far parte parte del Patrimonio dell’Umanità censito dall’UNESCO.

LA STORIA DELL’ISOLA COMACINA E DELLA TRISTE GESTIONE DEL SUO PROPRIETARIO L’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA.

Riportiamo delle brevi frasi, dei testi della biblioteca di Brera per aiutare, in breve, a comprendere la complessità dei rapporti tra Brera e l’isola Comacina attraverso un secolo.

Il re del Belgio fece il lascito per simpatia verso la memoria di chi, a sua volta, gli donò l’isola: Caprani, nella pratica, oltre al governo italiano intervenne con particolare impegno il Presidente di Brera Giovanni Beltrami, nobile anima di artista e gentiluomo: diceva che se le fosse stata affidata l’isola ne avrebbe fatto qualcosa di VIVO E ATTIVO a vantaggio degli studi archeologici, dell’arte e degli artisti.

L’Isola VENIVA CONCESSA A PEPETUITA’!

1920 maggio. Il programma che l’Accademia di Brera si proporrebbe di svolgere: “Promuovere nel territorio la costruzione di abitazioni destinate di preferenza ad artisti, per svolgere la loro attività…un centro, un fuocolare d’arte con influenza vivificante anche sulle piccole industrie artistiche locali…

Si bandirà un concorso per un piano regolatore…le costruzioni per i materiali, dimensioni, carattere architettonico, abbiano ad accordarsi armonicamente con il paesaggio isola che dovrebbe rimanere la meta dei numerosi escursionisti e villeggiato nella buona stagione…”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*