Archivi tag: cardiopatie e alimentazione

PROBLEMI AL CUORE? FORSE E’ COLPA DELLA DIETA? LIMITIAMO IL SALE !

Un limitato apporto di sale aiuterebbe il cuore ad essere meno rigido e più efficiente.

L’IMPORTANTE E’  SCEGLIERE I CIBI CORRETTI DAL MOMENTO DELLA SPESA.
NO AI CIBI PRONTI !

Il premio è importantissimo e ne vale la pena: UNA SALUTE MIGLIORE !

Ipertensione ? Meglio ridurre l’apporto di sodio, attenzione NON solo il sale nei cibi, ma anche quello che si introduce con i salumi, dadi ecc..

Per chi non avesse riscontrato problemi cardiaci raccomandiamo la lettura del link che segue (dove si spiega che il sale va limitato solo se la nostra dieta ne è troppo ricca e non eliminato)

https://www.donnecultura.eu/?p=3133

Se abbiamo problemi al cuore,  dobbiamo mangiare:

-MENO salumi, NON aggiungiamo i dadi nel cibo limitiamoci a piccoli quantitativi, poco sale e tanti aromi per dare sapore:

-erbe aromatiche (prezzemolo, basilico, salvia, rosmarino, aglio, cipolla, ginepro, timo…peperoncino, zenzero (che abbassa il colesterolo), curry…

Il palato si ALLENA, a sentire anche i sapori più delicati, MA dobbiamo fare uno sforzo che necessita di TEMPO e un poco di SOFFERENZA.

Il premio è importantissimo e ne vale la pena: UNA SALUTE MIGLIORE !

– La dieta DASH, acronimo di Dietary Approaches to Stop Hypertension, è stata studiata dall’Istituto di Sanità statunitense per

-contrastare l’ipertensione ed è utile anche a chi soffre di insufficienza cardiaca.

Lo hanno confermato alcuni ricercatori statunitensi durante il meeting della Heart Failure Society of America, tenutosi a Orlando, pubblicato sulla rivista Circulation: Heart Failure.

Lo studio è di un’equipe di cardiologi dell’Università del Michigan, guidata da Scott Hummel.

L’equipe di cardiologi dell’Università del Michigan, guidata da Scott Hummel, ha sperimentato la dieta DASH con 13 pazienti (60 e i 70 anni)  i quali soffrivano di insufficienza cardiaca diastolica, quest’ultima causa rigidità al cuore che non è più in grado di pompare  il sangue necessario.

I partecipanti allo studio sono stati a dieta

per sole 3 settimane mangiando esclusivamente i pasti preparati nelle cucine dell’istituto di ricerca statunitense secondo i dettami della dieta DASH.

Successivamente alla dieta sono stati riscontrati:

– una riduzione della pressione paragonabile a quella che si sarebbe potuta ottenere con una terapia farmacologica 

un miglioramento nel rilassamento del ventricolo.

Tutto questo significa:

-una camera cardiaca meno rigida e quindi più efficiente nel pompare il sangue in circolo.

Meno sale. Come?

prediligere alimenti ricchi in potassio, magnesio, calcio e  cibi con caratteristiche antiossidanti

-la dieta DASH limita l’apporto di sale, e quindi di sodio, che viene assunto durante i pasti.

-I pasti preparati, secondo la dieta, non contengono più di 1.150 mg di sodio come totale giornaliero (un americano medio assume quotidianamente  3.300-4.200 mg di sodio).

-Diminuire la dose di sodio – precisa il cardiologo statunitense Scott Hummel- permette di limitare l’accumulo di liquidi che costringerebbe il cuore a lavorare di più, rendendolo più rigido e meno efficiente nel trasferire il sangue al sistema vascolare, disturbo tipico di chi soffre di insufficienza cardiaca diastolica».

I  risultati di questa ricerca confermano i benefici della dieta DASH sulla salute cardiovascolare.

Come già affermato, in passato, nella ricerca del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston pubblicata su JAMA.

In questo caso si dimostrava come, dopo aver analizzato oltre 36mila donne, il regime alimentare povero di sale riducesse il rischio di  scompenso e insufficienza cardiaca.

L’IMPORTANTE E’  SCEGLIERE I CIBI CORRETTI DAL MOMENTO DELLA SPESA.
NO AI CIBI PRONTI !

Evitando gli alimenti pronti e lavorati, ricchi di sodio, si consiglia di leggere con attenzione le etichette dei prodotti alimentari.

ABBONDARE CON:  frutta e verdura, meglio se fresche, latticini magri, riso e cereali, limitare i grassi, prediligendo sempre quelli insaturi rispetto a quelli saturi (ricordatevi NO OLIO DI PALMA contenuto in tutti i cibi pronti, pasticceria, gelati, biscotti anche nelle merendine bio per bambini)

Nonostante l’importanza dei diuretici al fine di eliminare l’accumulo di liquidi e di qualche altro farmaco, non esiste una terapia standard per curare il problema cardiaco in genere.