Archivi tag: salute TRATTAMENTO DEL GLAUCOMA

SALUTE OCCHI – Cataratta solo l’1% ha lenti usate in tutta Europa …

In questa situazione –  la possibilità di operarsi con le nuove metodiche sarà sempre preclusa ai pazienti che si rivolgono agli ospedali pubblici

….“Lamentiamo nel nostro paese ancora un problema organizzativo dovuto alla “ghettizzazione” di questi farmaci nella fascia H …

Come si protegge la testa con il cappello – soprattutto al mare –  con maggior ragione si devono proteggere gli occhi … “Il collirio – spiega il Prof. Pasquale Troiano consigliere SOI – è già disponibile in farmacia da alcuni mesi su prescrizione del medico oculista …

SOI a difesa della salute degli occhi

Se ci sono le nuove tecnologie, lenti multifocali, perché non usarle?

L’Italia è indietro di almeno 10 anni ed i pazienti italiani non usufruiscono dei vantaggi, mentre in altri paesi europei il loro utilizzo è priorità.

Questa denuncia viene dal Dottor Matteo Piovella, presidente della Società Oftamologica Italiana, durante la presentazione del 16° Congresso Internazionale Soi, tenutosi l’8 maggio a Milano presso il Four Seasons.

Matteo Piovella esordisce:

Voi andreste in giro con un parabrezza sporco? Direi di no, è pericoloso.

Così succede a coloro che hanno problemi agli occhi: cataratta, glaucoma, degenerazione maculare, occhio secco, tutti problemi oculari risolvibili oggigiorno con le nuove tecnologie.

E’ un dovere etico il loro utilizzo, anche se i governi pongono dei limiti al loro utilizzo per contenere la spesa sanitaria.”

Gli oculisti della SOI, ente morale dal 1869 a difesa della vista, sono agguerriti nel denunciare l’assurdità dell’utilizzo di metodi e protesi vecchi negli ospedali pubblici, non facendo neppure gli aggiornamenti necessari per potere utilizzare le nuove tecnologie.

In Italia siamo indietro almeno di dieci anni, ed è ora di cambiare.

La vista offuscata viene data dalla cataratta, curando questa in un solo colpo si correggono i più importanti difetti di vista da lontano: miopia, astigmatismo, ipermetropia e da vicino la presbiopia.

Le lenti multifocali di nuova generazione permettono il miglioramento ottimale della vista : sono le lenti TRIFOCALI e le EDOF.

“Su 600.000 cataratte che facciamo ogni anno – dichiara Matteo Piovella – quelle con i cristallini di nuova generazione multifocale sono solo 6000, l’1 per cento, e nessuna offerta della Sanità pubblica.

Negli altri Paesi, come la Germania, sono al 15 per cento del totale.

Per l’intervento di cataratta, il Sistema Sanitario Nazionale, rimborsa circa 800 euro contro i 3000 che vengono rimborsati in Germania.

In questa situazione, la possibilità di operarsi con le nuove metodiche sarà sempre preclusa ai pazienti che si rivolgono agli ospedali pubblici.”

NUOVA TECNICA SMILE per la chirurgia refrattiva, soprattutto per la miopia ed altri difetti visivi.

E’ una tecnica laser per la correzione della miopia controllata da un computer che, con una precisione straordinaria, disegna all’interno della cornea un lenticolo cioè una piccola lente centrale, separata dal tessuto circostante, che viene successivamente rimossa dal chirurgo” ha spiegato Piovella.

In sostanza l’intervento consiste nell’estrarre una parte di tessuto corneale, senza ablare la cornea, come quando si utilizza il laser ad eccimeri, evitando per questo la presenza di cicatrici corneali postoperatorie significative: risultati ottimi”.

TRATTAMENTO DEL GLAUCOMA

Negli Stati Uniti si sta diffondendo l’utilizzo degli stent.

Spiega Piovella:

“ Si tratta di piccoli tubicini metallici inseriti chirurgicamente a livello del trabecolo dell’occhio in modo da creare un bypass per l’umor acqueo, e abbassare così la pressione intraoculare che è all’origine del danno al nervo ottico”.

In sintesi mettono in comunicazione l’interno dell’occhio con la parte esterna sotto la congiuntiva dove scaricano parte dei liquidi in eccesso che causano un aumento della pressione oculare.

DEGENERAZIONE MACULARE

Si allarga l’accesso alle terapie a base di iniezioni intravitreale di anti-VEGF.

“I tanti attesi risultati sui farmaci di seconda e terza generazione si fanno ancora desiderare” ha commentato Piovella.

“Lamentiamo nel nostro paese ancora un problema organizzativo dovuto alla “ghettizzazione” di questi farmaci nella fascia H, cioè nella prescrizione e nella somministrazione ospedaliera;

questo fa sì che in un anno in Italia si fanno circa 300.000 iniezioni, cioè un terzo di quelle che si praticano in Germania, in Francia o in Inghilterra che sono le nazioni con cui ci confrontiamo:

su questo fronte continueremo come SOI a fare pressioni perché i vincoli vengano tolti e la terapia liberalizzata a vantaggio di tutti quanti ne hanno diritto.

UN COLLIRIO PER PREVENIRE LA DEGENERAZIONE MACULARE

Perché serve da schermo all’occhio e lo protegge dai raggi UV-A e dalla luce blu, le componenti della radiazione solare più dannose per l’occhio.

Come si protegge la testa con il cappello, soprattutto al mare, con maggior ragione si devono proteggere gli occhi. Purtroppo molte mamme si dimenticano di questa precauzione: quindi in spiaggia e durante le passeggiate in montagna, munire tutta la famiglia di cappellino e occhiali scuri.

“Il collirio – spiega il Prof. Pasquale Troiano consigliere SOI – è già disponibile in farmacia da alcuni mesi su prescrizione del medico oculista, perché non dimentichiamo che le lacrime artificiali sono già un prodotto di larghissimo impiego nei soggetti che hanno superato i quarant’anni di età:

la prevalenza di una condizione come l’occhio secco secondo le epidemiologiche, è notevole.

Con una singola somministrazione di questo prodotto si fornisce alla superficie oculare un efficiente schermo per le radiazioni luminose”.

La salute della vista, secondo il Presidente SOI, si preserva seguendo semplici regole di comportamento come facendo regolari visite oculistiche periodiche, fin da piccoli:

“Stiamo lottando anche con la Fondazione Insieme per la vista per superare un vecchio approccio di screening della vista dei bambini piccoli e arrivare a una visita oculistica completa che possa valutare tutti gli aspetti della salute dell’occhio – ha concluso Piovella –

Stiamo sostenendo la Fondazione con una campagna di sensibilizzazione sulle reti televisive, stampa, e web per promuovere l’informazione,

“perché – spiace doverlo ricordare – ma molte persone si stupiscono che al giorno d’oggi si possa ancora perdere la vista, come se la cecità fosse una tragica eventualità del passato, ormai dimenticata: i controlli periodici da uno specialista sono l’arma più preziosa per arrivare in tempo a salvare la vista”.
PIA BASSI