Archivi tag: Slow food in Svizzera

SVIZZERA, LA VOSTRA PROSSIMA VACANZA.

 

SVIZZERA,

SE SIETE TURISTI ESIGENTI ECCO  LA VOSTRA PROSSIMA VACANZA:

Nuovo e gustoso: il treno del formaggio.

 

Dal 6 dicembre al 27 aprile circola da Montreux a Château d’Oex il treno del formaggio ogni venerdì, sabato e domenica. Il viaggio A/R a bordo di carrozze panoramiche include sosta nel ristorante Le Chalet dove, dopo aver assistito alla produzione del formaggio “Le Chalet Bio” con cottura su fuoco a legna, viene servita unʼottima fondue. Lʼesperienza prosegue con la visita al Musée du Vieux Pays dʼEnhaut dedicato allʼarte del ritaglio, tipica di queste zone. Il costo è di 79 CHF (65 euro) per gli adulti ma sono previste riduzioni per i ragazzi e per i possessori dello Swiss Pass.

125 anni di fascino a bordo della Ferrovia retica

 

Sono 125 anni che la Ferrovia retica viaggia nei Grigioni, il Cantone più grande per superficie. Nata nel 1889, su iniziativa dell’olandese Willem Jan Holsboer, con l’inaugurazione della linea da Landquart a Klosters, la rete ferroviaria si sviluppa oggi per 384 chilometri. Con i treni panoramici, Bernina Express e Glacier Express, la Ferrovia retica affascina i passeggeri provenienti da tutto il mondo.
Il 10 maggio 2014 prenderanno ufficialmente il via i festeggiamenti nelle officine di Landquart dove verranno esposti cimeli e vetture storiche. Numerose sono le iniziative commemorative: giri con locomotive a vapore o storica (la celebre “Coccodrillo”) con pranzo a bordo treno e spiegazione da Landquart a Samedan o da Samedan a Scuol.

Da 125 in cima al Pilatus sulla cremagliera più ripida del mondo.

 

Il 4 giugno 1889, la ferrovia del Pilatus – una delle montagne simbolo di Lucerna – iniziò la propria attività a vapore. In 400 giorni, 600 uomini costruirono un’opera pionieristica. Quella che a oggi è la cremagliera più ripida del mondo con il 48% di pendenza, è un’opera d’arte dell’ingegneria, unica all’epoca, autentica e modernissima nel XXI secolo. In 125 anni, la ruota del tempo non si è fermata. Dopo 120 anni, nel 2010 il Pilatus Kulm Hotel è stato completamente ristrutturato ed è considerato oggi uno degli alberghi sotto tutela architettonica più belli della Svizzera. Da provare l’Anello d’Oro, il percorso circolare che da Lucerna conduce in vetta in battello, cremagliera e funivia.

Sulle tracce della fata verde

 

Svizzero doc è il distillato dal sapore amaro, tanto amato dai poeti maledetti. Sopravvissuto in clandestinità per quasi un secolo, lʼassenzio viene prodotto nella Val-de-Travers – la zona del Giura che si estende dal lago di Neuchatel fino alla frontiera francese – già nel XVIII secolo come elisir curativo. Nel 1910, allʼapice del suo successo, viene messo al bando ma la sua produzione continua clandestinamente. Dopo la riabilitazione, avvenuta nel 2005, lʼassenzio è oggetto di una vera e propria rinascita. Le distillerie di Couvet, Moutiers e degli altri villaggi aprono i loro battenti per degustazioni e per svelare i segreti della bevanda proibita, fatta di una miscela di erbe aromatiche. Chi vuole abbinare la visita delle distillerie alla scoperta delle bellezze naturalistiche del territorio può percorrere a piedi parte della “Via dellʼAssenzio”, lunga 48 km, che collega la Val-de-Travers a Pontarlier (in Francia).

100 anni “selvaggi” per il Parco Nazionale Svizzero.

 

Grande festa l’1 agosto a Zernez, esattamente 100 anni dopo la fondazione del Parco Nazionale Svizzero, il più antico delle Alpi. Natura selvaggia e incontaminata da esplorare su sentieri tracciati che non possono essere abbandonati proprio per proteggere flora e fauna. Qui potrete ammirare gli stambecchi, i camosci, le marmotte, le lepri bianche, le lucertole e innumerevoli varietà di uccelli in libertà. Nel Centro Visitatori di Zernez, in Engadina, si trovano esposizioni permanenti, mostre cicliche su argomenti di storia naturale, nonché una piattaforma per le organizzazioni per la tutela ambientale. Tante le proposte didattiche ed escursionistiche per i bambini.

E ANCORA:

 Presidi Slow Food in Canton Ticino

 ll Canton Ticino vanta benquattro presidi slow food: la Farina Bona della Valle Onsernone, le Paste Frolle della Valle Bedretto, il formaggio Zincarlin de la Val da Mücc, ed i Cicitt dalle Valli del Locarnese.

 S. Pellegrino Sapori Ticino

 L’edizione 2014 di S.Pellegrino Sapori Ticino è dedicata allacucina svizzera che si distingue per il suo mix di stili, sapori, materie prime e metodi artigianali. 8 chef di hotel 5 stelle del brand Swiss Deluxe saranno ospiti in Ticino dal 6 aprile all’11 maggio e cucineranno le ormai celebri cene a quattro mani con esponenti ticinesi dell’alta cucina.