Archivi categoria: fiere gastronomiche

fiere

Cheese 2017 – Bra centro del pianeta formaggio

Cheese 2017: a poco più di un mese dall’evento segnali molto positivi da espositori e visitatori

Bra, tornerà a essere il centro di gravità del pianeta formaggio

 E intanto il programma si arricchisce con le Storie di Pizza: 13 incontri con gli ambasciatori di quella bandiera tricolore in forma rotonda

Dal 15 al 18 settembre prossimi la capitale mondiale di Slow Food, Bra, tornerà a essere il centro di gravità del pianeta formaggio, come accade ogni due anni sin dal 1997.

Per celebrare i 20 anni dall’esordio, Slow Food Italia e Città di Bra vogliono fare le cose in grande, a partire dalla scelta di riservare gli spazi espositivi del Mercato esclusivamente ai formaggi a latte crudo.

In realtà il latte crudo è il protagonista principale di Cheese sin dalla prima edizione, ma fino al 2015 si era sempre esercitata una certa tolleranza verso le produzioni a latte pastorizzato che in alcuni casi sono comunque prodotte da piccole realtà con interessanti storie alle spalle.

Non sarà così quest’anno, con un salto di qualità che intende rafforzare e definitivamente affermare la necessità di difendere, esaltare e valorizzare quei formaggi che, proprio perché prodotti a latte crudo, rappresentano il luogo da cui provengono, la razza animale da cui si raccoglie la materia prima, il modo in cui l’animale è stato alimentato, l’arte del casaro. In poche parole, sono l’espressione più autentica di quella biodiversità la cui difesa è la prima missione di Slow Food.

E la scelta di alzare l’asticella nella selezione degli espositori (farà eccezione alla regola ferrea del latte crudo il Gorgonzola, che per disciplinare può essere prodotto solo a latte pastorizzato), ha premiato l’organizzazione anche più di quanto ci si potesse attendere: l’edizione 2017 registra infatti un incremento delle presenze estere (con la crescita più rilevante registrata dalla Spagna) e una chiusura anticipata delle adesioni da parte degli espositori.

Complessivamente gli espositori di Cheese 2017 saranno oltre 300 (in linea con le presenze del 2015, dal momento che gli spazi disponibili sono i medesimi e dunque si registra anche quest’anno il tutto esaurito). A questi si affiancheranno 36 birrifici artigianali indipendenti nella Piazza della Birra, che sarà contornata da 15 Cucine di Strada e Food truck, oltre agli spazi degli Official Partner e sponsor di Cheese 2017.

Sulla stessa onda anche gli appuntamenti in prevendita, dalle degustazioni guidate da casari ed esperti alle cene con i grandi chef ospitate dal ristorante dell’Albergo dell’Agenzia di Pollenzo: 18 dei 43 eventi messi in vendita a fine giugno sono già andati esauriti, facendo registrare un incremento delle adesioni sia in termini percentuali che in termini assoluti. Molto positivi anche i dati sulla provenienza degli iscritti: il 44% è italiano(praticamente da ogni angolo dello Stivale) mentre ben il 56% proviene da 24 Paesi, dagli Stati Uniti, con la presenza più numerosa, fino all’Australia, passando per la vecchia Europa e nuove presenze come l’Iran.

Visti questi numeri, per chi non avesse ancora scelto un evento dal programma ufficiale di Cheese, gli organizzatori hanno deciso di aumentare i posti a disposizione in alcuni dei Laboratori del Gusto che avevano già registrato il “sold out” e negli Appuntamenti a Tavola. Inoltre, da oggi ci sono 13 nuovi eventi che si vanno ad aggiungere ai 25 ancora in vendita. Si tratta delle Storie di Pizza per celebrare un’eccellenza nazionale in compagnia degli alleati della biodiversità alimentare e anima di quelle pizzerie in cui si può mangiare una buona pizza in ogni regione italiana, secondo le identità territoriali. E non finisce qui: la Piazza della Pizza è sempre aperta per gustare le diverse sfaccettature della pizza nazionale a qualsiasi ora.

Sempre in questi ultimi giorni sono stati messi in vendita online anche i biglietti per lo spettacolo di Luca Mercalli e Banda Osiris Non ci sono più le quattro stagioni, dedicato al cambiamento climatico. L’evento, che si terrà domenica 17 settembre alle 21 al Teatro Politeama di Bra, mostra come letteratura, arte e musica possono anche aiutare a comprendere i cambiamenti climatici: i pittori fiamminghi e Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi, ad esempio, ci raccontano la piccola età glaciale fra Seicento e Settecento, che fu un capriccio naturale. Il ricavato della vendita dei biglietti di ingresso (5 euro posto unico) sarà devoluto alla campagna internazionale di Slow Food sul cambiamento climatico, che verrà lanciata proprio in occasione di Cheese 2017.

In ogni caso e come sempre, al di là degli appuntamenti a pagamento ricordiamo che Cheese è una manifestazione a ingresso libero che, oltre al Mercato italiano e internazionale, alla Via degli affineurs e dei selezionatori e ai Presìdi Slow Food, presenta decine di occasioni per conoscere tutti gli aspetti (e non solo quello gustativo) dei latticini e di tutto ciò che gli gira intorno: la Gran Sala dei Formaggi e l’Enoteca, la Piazza della Birra, le Cucine di Strada e i Food truck e, tra le novità di quest’anno, la Piazza del Gelato con Alberto Marchetti e lo Spazio Libero (con formaggi a latte crudo liberi da fermenti industriali, salumi liberi da nitrati e nitriti e ancora pane e pizza con lievito madre e birra Lambic a fermentazione spontanea). E poi ancora le Conferenze (il programma 2017 è di grandissimo spessore per contenuti e autorevolezza dei relatori) e le novità proposte da Slow Food Editore, gli aperitivi della Casa della Biodiversità, gli appuntamenti organizzati in Casa Slow Food per i soci, le scolaresche, i bambini in visita con la famiglia e dagli Official Partner.

A proposito, volete farvi venire l’acquolina in bocca con alcuni tra i formaggi più curiosi di questo Cheese? Ecco la nostra guida teorico-pratica agli 8 formaggi di cui non potrete più fare a meno!

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

Per gourmet – Bere bene – consapevole a Cheese 2017

A ogni formaggio la sua bevanda

8 occasioni per bere bene, originale, consapevole a Cheese 2017

Vini, bollicine, birre, rhum e addirittura cocktail…

l’abbinamento di una bevanda, che rappresenta un pezzo della tradizione materiale e della cultura gastronomica di un Paese o una regione, con il proprio formaggio ha sempre avuto un posto in prima fila in queste undici edizioni di Cheese. E non poteva essere altrimenti, viste le origini di Slow Food Italia e il territorio che ospita la manifestazione, quella Città di Bra a metà tra le colline di Langa e Roero, entrambe patria di grandi vini.

In questa edizione dei 20 anni però abbiamo superato anche le nostre più ottimistiche aspettative e, per assicurarsi il miglior abbinamento di sempre, abbiamo pensato di redigere la seconda guida teorico-pratica di Cheese 2017, quella alle 8 occasioni per bere bene, originale e consapevole.

1 – Con i grandi classici non si sbaglia mai: Brunelli e Parmigiano Reggiano

Image

Ai soci Slow Food (e a chi coglierà l’occasione per far parte dell’associazione) è riservato il Laboratorio del Gusto Brunelli a confronto: l’importanza del terroir, che accompagna due fantastiche docg ilcinesi ad alcune stagionature del Parmigiano Reggiano di vacca bianca modenese, Presidio Slow Food. Stiamo parlando di Poggio al Vento Col d’Orcia e Vigneto Manachiara di Nardi 1999, 2006, 2010: tre grandi millesimi dei due grand cru delle rispettive aziende per capire l’importanza del terroir. L’appuntamento è domenica 17 settembre alle 16 nella Banca del Vino di Pollenzo, a sei chilometri da Bra, con navette speciali che fanno la spola tra Bra e Pollenzo.

2 – Migrazioni enologiche: degustazioni in libertà dal Nord al Sud Italia nella Banca del Vino di Pollenzo e dell’Enoteca di Bra

Image

Se non avete fatto in tempo a prenotare o non volete limitarvi alle proposte dei Laboratori del Gusto, allora ci sono due luoghi di Cheese 2017 che fanno al caso vostro!

Restiamo in Banca del Vino, il luogo in cui Slow Food costruisce la memoria storica del vino italiano, che nei giorni di Cheese propone un percorso guidato in compagnia di tre grandi vini e altrettanti formaggi del Nord, Centro e Sud Italia, semplicemente passeggiando lungo le suggestive cantine sotterranee dell’ottocentesca Tenuta dei Savoia. Costo del tour con degustazione: 10 euro.

Se preferite degustare e abbinare in libertà allora dovete prendere la navetta e tornare a Bra, e più precisamente in Via Garibaldi che ospita la Gran Sala dei Formaggi e l’Enoteca, rispettivamente con 130 caci e 600 etichette che rappresentano il meglio della cultura enologica italiana. Fanno la parte del leone i formaggi italiani, francesi e spagnoli, ma ce ne sono anche statunitensi (Paese cui Cheese 2017 dedica il focus), portoghesi, inglesi, irlandesi… e poi rumeni, bulgari, belgi, olandesi, polacchi e svizzeri. Insomma, a ogni formaggio il suo bicchiere e via di abbinamenti in libertà!

3 – Il giro del mondo in 80 caci: note d’Oriente con i vini Triple A

Image

Se quello che succede a Est dell’Italia vi intriga, gli appuntamenti alla Casa della Biodiversità sono quelli che fanno al caso vostro! Come quello con le Triple A di Velier, storico importatore e distributore genovese di vini naturali e distillati e Sostenitore Ufficiale di Slow Food Italia. Ai piedi del vulcano Hasan Dag, nell’Anatolia Centrale, crescono varietà autoctone di uve su piede franco a 1500 metri sul livello del mare, vigne antiche di 200 anni coltivate in piccoli giardini e vinificate con fermentazioni spontanee in anfore millenarie. Udo Hirsch, di origine tedesca ma da anni in Turchia, proprietario di Gelveri-Manufactur presenta i suoi vini in abbinamento a formaggi turchi. Non mancano i vini georgiani di Iago Bitarishvili, della regione di Kartli, vicino a Tiblisi, Presidio Slow Food. L’appuntamento è alla Casa della Biodiversità venerdì 15 settembre alle ore 13.30.

 

4 – Una “enclave” di sapori, profumi e consistenze di Langa

Image

Se volete una full immersion di Langa, il posto giusto è l’area lounge allestita nella piazza del Mercato di Cheese a cura del Consorzio Alta Langa Docg – Official Sparkling Wine della manifestazione – dove si potrà vivere un’esperienza di gusto che ha origine interamente nelle famose colline piemontesi: insieme alle bollicine del metodo classico si potrà degustare la morbida robiola di Roccaverano Agrilanga unita alla croccante nocciola Tonda Gentile selezionata dall’Associazione Regina Nocciola. L’Alta Langa Docg (brut o pas dosé, bianco o rosato) è prodotto con uve Pinot Nero e Chardonnay coltivate sulle colline tra Astigiano, Cuneese e Alessandrino e affinato per almeno trenta mesi sui lieviti. Le sue bollicine delicate sposano perfettamente la robiola primaverile, ricca di sentori di erba fresca, ciliegia e nocciolo, o di fine estate, quando il latte si arricchisce di grassi e il formaggio raggiunge la massima estensione sensoriale, e il croccante tostato della nocciola per regalare tre consistenze in un unico assaggio.

 

5 – A tutta birra! – I Laboratori del Gusto

Image

Solo vino in abbinamento ai formaggi di Cheese 2017? No ovviamente! Ormai da anni Slow Food segue il grande fermento che c’è intorno alle birre artigianali, in Italia e oltre confine, grazie alle guide e ai manuali pubblicati da Slow Food Editore, i Laboratori del Gusto e la Piazza della Birra durante i grandi eventi. Tra i più curiosi segnaliamo La regina delle bevande naturali: il Lambic tradizionale (Presidio Slow Food), una birra unica al mondo e sempre più rara, spesso definita come l’anello mancante tra la birra e il vino. Non perdetelo, sabato 16 settembre alle ore 13 a Bra, presso il Cortile delle scuole maschili.

 

E poi come non ricordare il focus di Cheese 2017 sugli Stati Uniti, Raw in the USA: formaggi a latte crudo e birre artigianali, il 17 settembre alle 19 sempre a Bra presso il Liceo scientifico G. Giolitti-G. B. Gandino. Dal 1980, negli Stati Uniti si è assistito a una rinascita del tema delle fermentazioni naturali: dai formaggi alle birre artigianali fino ad arrivare alla produzioni di eccellenti prosciutti e salumi. In questo Laboratorio vi presentiamo alcuni tra i migliori produttori “born in the USA“: Jasper Hill Farm dal Vermont, Meadow Creek Dairy dalla Virginia, Rogue Creamery dall’Oregon e Uplands Cheese dal Wisconsin. La storia dei formaggi si intreccia a quella delle birre grazie alla presenza di Adrian Walker, del birrificio Firestone Walker, nato nel 1996 in California, tutt’oggi uno dei più apprezzati nel territorio statunitense.

 

6 – La cultura brassicola di QBA, La Piazza della Birra e Birrificio Antoniano

Image

Official Partner dei grandi eventi organizzati da Slow Food, Quality Beer Academy nel suo stand in Piazza XX Settembre accoglie tutti gli appassionati con 35 vie di birra alla spina e un ricco programma di degustazioni guidate dai beer sommelier. Anche dal punto di vista brassicolo, il focus di QBA saranno le birre americane di Firestone Walker, con lo stesso Adrian Walker a raccontare segreti e aneddoti del birrificio. E in tema di formaggi non saranno trascurati gli abbinamenti che vedono come protagonista il Belgio, con le sue fermentazioni miste e spontanee di Rodenbach e Boon.

 

Sono addirittura 36 i birrifici artigianali indipendenti della Piazza della Birra. A farla da padrone le realtà brassicole piemontesi e lombarde che condivideranno i calici con i microbirrifici del resto d’Italia e con realtà estere. Obiettivo? Trovare l’abbinamento perfetto con le stuzzicherie delle vicine Cucine di Strada e dei Food Truck e passeggiare tra le bancarelle del Mercato sorseggiando un buon bicchiere.

 

Nella Via dei Presìdi Slow Food, non a caso è presente Birrificio Antoniano che tra le sue proposte presenta le birre realizzate con prodotti tutelati da Slow Food: la Ponte Molino, con grano Timilia del pane nero di Castelvetrano (Trapani), la Torlonga con grano Solina dell’Appennino abruzzese e la Borgo della Paglia con mais biancoperla della pianura veneta centro-orientale.

 

7 – Paloma e Negroni sbagliato per una shakerata da urlo

Image

Un vero e proprio cocktail bar con i migliori bartender selezionati da Velier che vi aspettano con gli abbinamenti più sfiziosi tra formaggi e arte della mixology. Per darvi un esempio, abbiamo chiesto al bartender Angelo Canessa di anticiparci qualcosa ed ecco le sue proposte: il Paloma, con le note amare del Tequila e del succo di pompelmo, è perfetto se abbinato a una robiola di Roccaverano. Mentre ai fan del Negroni sbagliato consigliamo un abbinamento con un Parmigiano Reggiano 36 mesi: le note officinali di bitter e vermouth si sposano perfettamente con la sapidità della Dop. A Cheese 2017 potrete trovare questi e altri drink al cocktail bar Velier, in Piazza XX Settembre a Bra, aperto tutti i giorni a partire dalle ore 16.

 

8 – Rhum: il gusto esotico della vita

Image
Haiti è l’ultima frontiera del rhum e i Clairin sono i rhum di Haiti: varietà di canna originarie, nessuna chimica in agricoltura, fermentazioni spontanee senza lieviti selezionati, distillazioni “arcaiche” e nessuna filtrazione. I rhum più autentici e scalpitanti dei Caraibi incontrano formaggi ricchi e complessi come il gruyère d’alpeggio, il piacentinu ennese e il puzzone di Moena. Chi vincerà la sfida? Per un assaggio di Clairin non mancate la visita allo stand di Velier, in Piazza XX Settembre a Bra.

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

 

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

Per golosi e gourmet in Alto Adige – Festa della zucca a Lana (BZ) anche per i bambini

Festa della zucca a Lana e dintorni dal 22 al 24 settembre 2017.
Laboratori per i bambini

Da venerdì 22 a domenica 24 settembre a Lana di Sotto si celebra la zucca, protagonista in autunno delle specialità proposte nei ristoranti tipici e nelle bancarelle allestite per l’occasione. La “via Bolzano” della piccola località altoatesina si colora dell’esposizione di zucche ornamentali e offre un ricco programma di intrattenimento per grandi e piccini.

Lana e dintorni (BZ) 8 agosto 2017 – A settembre la bacca più grande del mondo è protagonista per un intero fine settimana a Lana e dintorni, località turistica nel cuore dell’Alto Adige. Da venerdì 22 a domenica 24 settembre 2017 via Bolzano a Lana di Sotto ospita la 14 ˆedizione della Festa della zucca: in questi giorni i ristoranti propongono menù tipici con specialità culinarie a base di zucca coltivata in numerose varietà, sia per l’utilizzo in cucina che come elemento ornamentale.

Gli ospiti di Lana e dintorni trovano in questi tre giorni di festa una vasta scelta di pietanze a base di zucca, ingrediente fondamentale nel menu di fine estate della cucina locale, protagonista di molte ricette nate dall’incontro fra arte culinaria italiana e tirolese.

Dalla zucca arancione alla zucchina fino a quella dolce siamese, questo frutto si dimostra un versatile ingrediente utilizzato in cucina in tutte le sue varianti, per la preparazione di piatti salati ma anche di dolci tipici, proposti nei ristoranti e nelle bancarelle allestite per l’occasione.

Ad arricchire le giornate di festa a Lana ci pensa anche un ricco programma di musica e danza; inoltre sabato 23 settembre la sfilata di moda autunnale dei negozi di Lana in collaborazione con l’agenzia di moda Smile and Walk e domenica 24 la sfilata rinascimentale del Gruppo Arzberg Valle di Non in cui sarà possibile provare i costumi d’epoca.

Durante la Festa della zucca la via principale di Lana s i colora delle mille varietà di zucche ornamentali e intagliate, esposte negli stand all’aperto, dove sarà possibile degustare ed acquistare prodotti tipici a base del prelibato ortaggio. Inoltre per l’occasione un ricco programma di intrattenimento attende i più piccoli con tantissimi giochi, teatrino di burattini e naturalmente laboratori per avvicinare i bambini all’arte dell’intaglio della zucca.

Per informazioni: www.lana.info/it
Programma dettagliato: bit.ly/2vBGNgl

Fiera per gourmet a Pavia – Enogastronomia d’Oltrepò – OLTREGUSTO

OLTREGUSTO

Grande ritorno per la miglior espressione

dell’enogastronomia d’Oltrepò

Enoteca Regionale Lombardia – Broni – loc. Cassino Po (PV)  

Sabato 16 e Domenica 17 settembre 2017

Dopo il debutto dello scorso anno torna OLTREGUSTO, l’evento dedicato all’agroalimentare tipico del territorio organizzato dall’Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese in collaborazione con il Consorzio Tutela vini Oltrepò Pavese ed Enoteca Regionale di Lombardia.

La seconda edizione già annuncia un positivo segnale di crescita, si estende infatti su due giornate, sabato 16 e domenica 17 settembre2017 presso la sede di Enoteca Regionale di Lombardia a Broni – Loc. Cassino Po (Pavia).  L’intento è quello di dare un concreto avvio alla manifestazione consolidando la collaborazione con l’Ente Enoteca e rendendolo uno degli appuntamenti di riferimento per la promozione del territorio dell’Oltrepò Pavese e della provincia di Pavia.

Il programma si aprirà sabato 16 settembre alle ore 20.00 con “A Cena con l’Opera”, una speciale serata di anteprima ospitata nella Corte dell’Enoteca Regionale Lombardia. In un’atmosfera di grande eleganza si assisterà ad un originale connubio tra due eccellenze italiane; la musica lirica e il cibo.

Alle 20.45 i prodotti tipici dell’Oltrepò Pavese, della provincia di Pavia e della regione Lombardia saranno abbinati da Emanuele Mascherini, talentuoso chef del ‘Bistrot dell’Enoteca Regionale’ alle più celebri arie liriche scritte dai più famosi compositori italiani e interpretate da professionisti come Angiolina Sensale, dal 1995 organizzatrice del Festival Musicale Ultrapadum, il soprano Susie Georgiadis, il tenore Carlos Antonio De Lucia e la pianista Irina Kravchenko.

Domenica 17 settembrela sede dell’Enoteca Regionale Lombardia sarà aperta al pubblico dalle 9.30 alle 19.30. Numerose le proposte che si succederanno nell’arco della giornata.

‘Sapori Oltrepò’Sala delle Travi – primo piano.

Due momenti di show cooking con due nomi di spicco della ristorazione milanese.

Al mattino alle ore 11.00 Claudio Sadler – ristorante SadlerMilano cucinerà la “Zuppa pavese come la vedo io” Nel pomeriggio alle 15.00 Fabrizio Ferrari – ristorante Unico – Milano, presenterà il “Risotto ai porcini con polvere di Santoreggia e ristretto di Pinot Nero”.

I piatti verranno serviti al pubblico in abbinamento a un vino del territorio.

La partecipazione ad entrambi gli show cooking è valida per un massimo di 50 persone e prevede l’acquisto del calice di degustazione. Prenotazioni direttamente in loco domenica 17 settembre.

‘A Pranzo con l’Oltrepò’dalle 12.30 alle 14.00 – Bistrot dell’Enoteca Regionale

Il Bistrot dell’Enoteca Regionale proporrà un menù a base di materie prime delle filiere agricole del territorio  abbinate ai vini e spumanti delle cantine.  Partecipazione euro 25 – Prenotazioni allo 0385 833820

‘Degusta Oltrepò’ – ore 17.00 – Sala Meeting – in collaborazione con A.I.S. Pavia

A.I.S. Pavia condurrà una degustazione dedicata al Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese nelle sue tre declinazioni: bianco, rosso e rosé. Alla degustazione sarà abbinata una pietanza cucinata dall’esperto enogastronomo e scrittore locale Valerio Bergamini.

La partecipazione è valida per un massimo di 50 persone e prevede l’acquisto del calice di degustazione. Prenotazioni direttamente in loco domenica 17 settembre.

Mostra Agroalimentare – Corte dell’EnotecaRegionale – intera giornata

I produttori esporranno in degustazione le tipicità gastronomiche e i prodotti agricoli del territorio, abbinati alle cantine per permettere al pubblico di apprezzare anche l’abbinamento cibo vino. Possibilità di acquistare i prodotti. 

 

L’ingresso alla manifestazione è libero

Il pubblico potrà assaggiare i piatti preparati dagli chef durante gli show-cooking, degustare i vini e i prodotti tipici nonché acquistare. Per gli assaggi dei vini si può acquistare il calice da degustazione a Euro 5.00

 

Per il concerto e la cena del sabato : euro 40.00 su prenotazione vini inclusi

Per maggiori informazioni:

Segreteria Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese

mobile: +39 349 1088317 – mail: stradaoltrepo@gmail.com

Sito ufficiale: www.oltregusto.org

*** *** ***

 

Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò

Via Riccagioia, 48

27050 Torrazza Coste (PV)

E-mail: stradaoltrepo@gmail.com

 

GOLOSI o GOURMET – 8 formaggi di cui non potrete più fare a meno

Gli 8 formaggi di cui non potrete più fare a meno

Guida teorico-pratica alle curiosità di Cheese 2017

Formaggi a forma di spirale, ricoperti di muffa naturale o avvolti da foglie di vite imbevute di brandy alla pera. A Cheese 2017 c’è solo l’imbarazzo della scelta tra oltre 150 espositori italiani e internazionali del Mercato,affineurs e selezionatori, Presìdi Slow Food e prodotti dell’Arca del Gusto, ognuno con le proprie proposte, tutte rigorosamente a latte crudo, come vuole il regolamento della manifestazione!

Per non perdersi di fronte a tutta questa bontà abbiamo pensato di stilare una guida teorico-pratica agli 8 formaggi più curiosida assaggiare a Bra (Cn) dal 15 al 18 settembre.

Image

1 – Born in the Usa

 

Iniziamo con un bel formaggio dagli Stati Uniti, Paese al quale è dato ampio spazio in questa edizione di Cheese. Da Oltreoceano arriva il Rogue River Blue, fatto solamente d’autunno quando il latte di vacca dà il meglio di sé. Questo formaggio pluripremiato si presenta avvolto in una foglia di vite in precedenza imbevuta nel brandy alla pera. Le venature blu al suo interno conferiscono sapori di nocciole e frutta, mentre la sua pasta si cristallizza con l’invecchiamento. Per assaggiarlo è sufficiente attraversare la Via degli affineurs e selezionatori, il luogo migliore dove sperimentare nuovi gusti e conoscere storie curiose.

2 – Saudade de Cuco

 

Nella stessa Via troviamo altri due formaggi internazionali degni di nota: il primo di questi è il Cuco, un formaggio Dop fatto con il latte crudo delle pecore di Serpa, nell’Alentejo portoghese. Questo cacio è la gioia dei vegetariani: infatti il latte è coagulato tramite un caglio vegetale estratto dal cardo. La produzione artigianale, poi, conta su un drenaggio molto lento del latte e sulla spremitura a mano. Il Cuco ha vinto nel 2015 la medaglia d’argento ai mondiali del formaggio di Tours.

Image
Image

3 – Bodega: queso de volcanos y de la mar

 

Il secondo è il Bodega, dalle Isole Canarie, più precisamente da Lanzarote. Un latticino che tiene in alta considerazione il benessere degli animali da cui proviene il latte: sono diversi gli allevamenti in cui le capre ascoltano pure la musica! La crosta di questo formaggio è lavata con olio d’oliva e il suo sapore dolce e leggermente acido restituisce tracce di frutta secca.

Ma in quanto a stranezze, i formaggi italiani non hanno niente da invidiare. In fase di preparazione e affinamento sono diverse le elaborazioni sperimentate, che danno vita a formaggi eccentrici, curiosi e rari. È il caso dei pecorini al vino, alla salsa di pomodoro, alle erbe aromatiche.

4 – Dalle Alpi con furore

 

Tutti questi si concentrano al Mercato nazionale dove troviamo pure la Toma del lait brusc (Arca del Gusto), prodotta da tempi molto antichi nelle valli piemontesi di Susa, Sangone e Lanzo ma oggi sempre meno diffusa e difficilmente reperibile. Per la sua produzione si utilizza il latte della mungitura acidificato della sera prima, in sostituzione parziale del caglio. Il risultato è un formaggio dalla pasta priva di occhiatura e caratterizzata da una notevole gessosità – o friabilità – della pasta. I sapori che emergono più distintamente sono l’acido e l’amaro, presentando gradevoli sensazioni piccanti se le forme sono stagionate a lungo.

Image
Image

5 – Dalla Sicilia un formaggio più unico che raro

 

Dall’altro lato dell’Italia, i formaggi siciliani rappresentano bene la varietà della lavorazione italiana. Nella Via dei Presìdi troviamo la Vastedda della valle del Belìce, l’unico formaggio di pecora a pasta filata italiano. Lo stile di lavorazione varia a seconda delle abitudini del casaro: quelli più esperti riescono a stabilire empiricamente e manualmente l’esatta maturazione della pasta facendo delle prove di filatura. Una volta raggiunta la giusta consistenza, la pasta viene tagliata e collocata in porzioni all’interno di piatti fondi di ceramica, che in breve tempo conferiscono la tipica forma ovoidale appiattita chiamata vastedda, simile a una pagnotta piatta.

6 – Slovacchia: il formaggio dedicato alla Chiocciola

 

Usciamo di nuovo dai confini nazionali e spostiamoci a Est dove troviamo i Monti Tatra, un’area poco conosciuta della Slovacchia. È in questo paesaggio incontaminato che si producono tre ambasciatori dell’Arca del Gusto tra cui il Parenica, preparato con latte crudo di razze ovine locali, cotto al vapore e dalla tipica forma a spirale. Per conoscerli, l’unica è prendere parte al Laboratorio del Gusto Slovacchia: tra formaggi e birre, pascoli e fiori.

Image
Image

7 – L’erborinato naturale che piace

 

Dalla Slovacchia ci spostiamo a Sud verso la Penisola balcanica, da sempre terra di pastorizia e transumanza. Dalla Bulgaria, Cheese ospita nel Laboratorio del Gusto Balcani: pascoli e formaggi tra oriente e occidente il formaggio verde di Tcherni Vit: durante la stagionatura in alpeggio i recipienti di legno vengono aperti per consentire all’aria umida di penetrare nel formaggio e favorire la fioritura di muffe nobili, verdi, trasformando questo prodotto in uno dei pochissimi erborinati naturali presenti al mondo.

8 – L’importanza di chiamarsi Cheddar

 

Infine, il Cheddar, quello vero. Vi chiederete: ma è un formaggio conosciutissimo, cosa può avere di così particolare? Certo, il Cheddar oggi è uno dei formaggi più diffusi al mondo ma è anche diventato sinonimo di prodotto industriale e omologato. Oggi soltanto tre casari inglesi conservano la tecnica tradizionale, lottando per il riconoscimento del loro lavoro che prevede l’innesto del latte con fermenti lattici tradizionali provenienti dalla zona di Somerset (i cosiddetti pint starters) e l’aggiunta di caglio di vitello, elementi che contribuiscono a donare al formaggio un sapore piacevole e pulito. Nessun Cheddar è uguale all’altro e perfino formaggi prodotti dalla stessa mano in giorni diversi della settimana hanno profili aromatici distinti, altro che omologazione. Il Cheddar artigianale del Somerset, Presidio Slow Food, ha pure una crosta ricca di muffa. Insomma, non il solito Cheddar!

Image

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

 

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

Cheese 2017 a Bra – Latticini senza lattosio ? ! Parmigiano Reggiano concentrato di salute la “caciotta” dalle due facce

«Pizza, ti mangio solo se mi dici da dove viene la tua mozzarella!»

Un Parmigiano Reggiano, un pecorino o un altro formaggio a pasta dura ben stagionato è un concentrato di salute

” I formaggi sono alimenti altamente proteici e a elevato contenuto di grassi, ma hanno anche una buona presenza di fosforo, calcio e vitamina D … 

… meglio una Mozzarella di Bufala piuttosto che un formaggio di fusione, nella minestra una Robiola di Roccaverano piuttosto che una crema spalmabile …

Quali sono i falsi miti in cui si rischia di cadere in fatto di formaggi? (vedi note più sotto)

Fermenti industriali: non fanno male, ma nemmeno bene …

Le grandi aziende leader del mercato stanno cavalcando quest’onda lanciando latticini senza lattosio o a basso o ridotto contenuto di lattosio.

Ma ha senso acquistare prodotti che hanno subito una manipolazione e hanno anche un costo maggiore o si può scegliere di consumare altro? …

FORMAGGI LIGHT ??? Per CREARLI ARTIFICIALMENTE vengono aggiunti coadiuvanti tecnologici. Il fatto è che si tratta di prodotti manipolati, il cui profilo sensoriale è neutro, la consistenza gessosa, gli additivi contenuti nulla hanno a che vedere con il formaggio …

Formaggi e salute: la “caciotta” dalle due facce

Dal lattosio ai fermenti, ecco i falsi miti sui prodotti lattiero-caseari marketing oriented

Quelli buoni, fatti con latte crudo, in alpeggio e salvaguardando i saperi dei casari tramandati di generazione in generazione, sono i protagonisti di Cheese 2017, a Bra dal 15 al 18 settembre. Su www.slowfood.it tutte le info e il programma della manifestazione.

Possiamo raggiungere un apporto equilibrato alle nostre esigenze prediligendo prodotti di qualità?

Ne abbiamo parlato con il dottor Andrea Pezzana, direttore di dietetica e nutrizione clinica all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino e responsabile Salute di Slow Food Italia:

«I formaggi sono alimenti altamente proteici e a elevato contenuto di grassi, ma hanno anche una buona presenza di fosforo, calcio e vitamina D.

È senza dubbio consigliabile alternare il loro consumo a proteine di origine animale e vegetale nel corso della settimana, inserendoli in una dieta ricca di frutta e verdura».

Forse però il punto di vista più interessante e meno scontato, in un mondo in cui vengono contemplati solo gli estremi falsamente salutistici dei prodotti light e l’abbondanza sconsiderata del cibo supersize, è quello che considera i formaggi da più angolature e ne articola il consumo in base alle fasce d’età:

«Riguardo ai prodotti lattiero-caseari possiamo muoverci suggerendo delle “precauzioni d’uso” a un individuo giovane adulto, consigliando cioè un consumo moderato.

Invece, nell’età dell’accrescimento e soprattutto in età senile, quando l’appetito è scarso e il rischio di malnutrizione per mancanza di proteine alto, possiamo suggerire delle “attenzioni all’uso”.

Un Parmigiano Reggiano, un pecorino o un altro formaggio a pasta dura ben stagionato è un concentrato di salute che conta fino a 25/28 grammi di proteine per 100 grammi».

Il consiglio per tutti gli amanti del formaggio è dunque di prestare attenzione al momento dell’acquisto:

piuttosto che consumarne più volte nell’arco della settimana è meglio ridurre a un paio di porzioni scegliendo bene tipologia, provenienza e tipo di lavorazione.

Sulla pizza è meglio una Mozzarella di Bufala piuttosto che un formaggio di fusione, nella minestra una Robiola di Roccaverano piuttosto che una crema spalmabile. E che dire di un gustoso Bra tenero in un’insalata di pasta o di riso al posto di una caciotta senza origine né anima?

Ma quali sono i falsi miti in cui si rischia di cadere in fatto di formaggi?

L’etichetta, ovvero tutti i formaggi sono uguali

Partiamo dalle basi.

Nel 99% dei formaggi in commercio troveremo sempre la stessa etichetta: latte, sale, caglio.

Ma come è possibile che un generico formaggio a pasta dura e una Fontina d’alpeggio abbiano gli stessi ingredienti?

Eppure la legislazione in fatto di formaggi richiede solo queste poche indicazioni.

Ma se territorio e alpeggio, alimentazione e benessere degli animali, lavorazione e stagionatura, fanno la differenza in un formaggio, allora varrebbe la pena aiutare i produttori a raccontare la loro attività e il loro approccio alla produzione, che non riguarda solo l’ambito lavorativo ma per ovvi motivi rappresenta una scelta di vita.

«Pizza, ti mangio solo se mi dici da dove viene la tua mozzarella!» ovvero l’indicazione obbligatoria dell’origine per i prodotti lattiero-caseari

Ormai da qualche mese nei prodotti lattiero-caseari abbiamo cominciato a vedere queste nuove etichette che indicano la provenienza del latte e il paese in cui avviene il condizionamento.

“Paese di mungitura: latte di Paesi non Ue”, piuttosto che “Paesi Ue” oppure “Italia” se tutto il latte proviene da allevamenti italiani.

Ma quando si parla di latti ci riferiamo a un universo dalle mille sfumature che non riguardano solamente l’animale che li produce.

Una bianca modenese e una podolica ci regalano latti dalle caratteristiche diverse, così come non c’è paragone tra una vacca che bruca i prati ricchi di erbe e fiori della Valle d’Aosta e una, anche della stessa razza, allevata in una stalla in pianura e alimentata con insilati.

Figuriamoci se una dicitura che copre tutti i Paesi dell’Unione europea o l’intero mondo può essere soddisfacente.

Il problema più grosso che l’etichetta non può risolvere sono quei semilavorati dai quali dipendiamo così tanto per soddisfare l’esigenza di Made in Italy a tutti i costi, come la cagliata congelata proveniente dall’estero per la produzione di mozzarella (prodotto non Dop come quella di bufala). Se la compriamo in confezione integra, grazie alla nuova etichetta, potremo scegliere cosa consumare ma se la mangiamo sulla pizza? Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto, chi ha dato, ha dato, ha dato…

Fermenti industriali: non fanno male, ma nemmeno bene

Sono uno dei focus di quest’anno e ai formaggi che non li contengono Cheese 2017 dedica lo Spazio Libero.

I fermenti industriali vengono aggiungi al latte quando le condizioni igienico-sanitarie dei locali di mungitura sono così perfette da azzerare la carica batterica che il latte deve avere per far partire la coagulazione.

In alpeggio, quando la mungitura avviene a mano, i batteri naturalmente presenti nella stalla fanno il loro lavoro, ma nei caseifici tutto ciò è impossibile e la cosa più semplice per il casaro è aggiungere i cosiddetti starter.

Questi però uniformano il gusto del formaggio, anche quando il latte di partenza è crudo e di ottima qualità.

«In base alla bibliografia disponibile fino a oggi, i fermenti industriali non fanno male e inoltre scompaiono nel processo di acidificazione del latte.

Scegliendo però un formaggio con starter ( = fermenti industriali) non autoctoni perdiamo l’occasione di nutrire il nostro corpo con tutta quella carica di fermenti lattici vivi che fanno così bene alla nostra salute. Con il risultato che magari poi siamo costretti ad assumere integratori alimentari per ripristinare l’equilibrio della flora batterica», afferma Pezzana.

Formaggi light (che siccome sono light ne mangi il doppio)

Paste filate (fiordilatte e bocconcini), crescenze, “caprini di vacca”, ricotte nella versione light e altri prodotti che non si rifanno ad alcuna tipologia tradizionale, come i fiocchi di latte, hanno ormai invaso gli scaffali dei supermercati, complici le mode dietetiche e salutistiche degli ultimi anni.

Il bersaglio dell’alleggerimento è il grasso, che però non è una componente inerte del formaggio in quanto partecipa alla struttura del coagulo, fornisce quei caratteri di spalmabilità che ci piacciono tanto, di morbidezza e, soprattutto, di sapore.

Come si fa quindi?

È la tecnologia a venirci in aiuto per aumentare la morbidezza quando vengono ridotti i grassi.

Cambiano così i tempi e le temperature della cagliata che viene anche sottoposta a trattamenti particolari o in alcuni formaggi, ad esempio, vengono aggiunti coadiuvanti tecnologici. Il fatto è che si tratta di prodotti manipolati, il cui profilo sensoriale è neutro, la consistenza gessosa, gli additivi contenuti nulla hanno a che vedere con il formaggio. Senza contare che la maggior parte di noi può essere tentata di mangiarne il doppio: tanto è light! Per non rinunciare al gusto e alla qualità, sarebbe certo più saggio mangiare in quantità più consone i prodotti tradizionali.

Sei intollerante al lattosio? Semaforo verde per i formaggi stagionati!

Se è vero che intolleranze e allergie sono in crescita è anche necessario chiarire per bene di cosa si sta parlando e non fare di tutta l’erba un fascio:

le uniche intolleranze accertate scientificamente sono quelle al lattosio e al glutine.

Le persone gravemente intolleranti al lattosio non producono l’enzima in grado di scindere lo zucchero complesso presente nel latte nelle due molecole, glucosio e galattosio, più facilmente digeribili.

Le grandi aziende leader del mercato stanno cavalcando quest’onda lanciando latticini senza lattosio o a basso o ridotto contenuto di lattosio. Ma ha senso acquistare prodotti che hanno subito una manipolazione e hanno anche un costo maggiore o si può scegliere di consumare altro? «Il lattosio negli alimenti è un problema solo nei prodotti lattiero-caseari freschi, nei quali la molecola non ha ancora subito il processo di trasformazione. E quindi, oltre al latte, anche ricotte, yogurt, mozzarelle, robiole. Nei prodotti stagionati anche solo 4 o 5 mesi il lattosio diventa quell’acido lattico fondamentale per determinare le caratteristiche  organolettiche di un formaggio. Quindi via libera a Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Pecorino e tutti quei formaggi stagionati a pasta dura che naturalmente non contengono più lattosio. Un valore aggiunto per il gusto e le proprietà nutritive e un’occasione di risparmio per il portafogli», chiarisce Pezzana.

Per maggiori informazioni: Associazione italiana latto-intolleranti, www.associazioneaili.it

Sei intollerante al glutine? Aspetta, cosa c’entra il glutine nei formaggi?

Niente, o almeno dovrebbe… Nel senso che i formaggi con quel “latte, sale, caglio”, non contemplano ingredienti a rischio per i celiaci. Il problema comincia quando si scelgono prodotti lattiero-caseari frutto dell’evoluzione tecnologica, come ad esempio il burro light che può contenere amido e gelificanti, aggiunti in sostituzione del grasso per ottenere un’emulsione di caratteristiche simili a quelle del burro “tradizionale”. Lo stesso vale per i formaggi fusi, a fette, spalmabili e i dessert di formaggio, per il loro contenuto di addensanti, gelificanti e aromi. Occhio anche agli yogurt alla frutta, al “gusto di…”, cremosi, che possono contenere purea e semilavorati di frutta, preparazioni dolciarie, aromi e addensanti. Anche lo yogurt bianco cremoso con aggiunta di addensanti, aromi, preparazioni dolciarie o altre sostanze può contenere potenziali fonti di glutine.

Il fatto è che un intollerante al glutine potrebbe non porsi il problema del rischio per la propria salute relativo ai formaggi e quindi non guardare l’etichetta. Del resto la domanda potrebbe anche sorgere spontanea: cosa ci fa un ingrediente che contiene glutine in un formaggio?

Fonte: Associazione italiana celiachia, www.celiachia.it

“Bianco come il latte” a chi?

Siamo abituati a bere latte intero di vacca bianchissimo e a consumare formaggi e burro che per antonomasia sono bianchi, convinti che il colore sia indice di qualità. E ci abbiamo azzeccato per fortuna. Già, ma quale colore? Non si tratta di una questione di lana caprina, il colore è dovuto alla presenza di beta carotene, di cui è ricca l’erba fresca, che carica di pigmenti il latte regalando al formaggio bellissime sfumature di giallo. E non finisce qui perché il beta carotene, uno dei più importanti antiossidanti e fonte di vitamina A, è solo la punta dell’iceberg. Le erbe e i fiori di montagna sono ricchissimi di queste sostanze che ci regalano aroma e gusto intensi e anche nutrimento di qualità per il nostro corpo. E allora perché non li consumiamo? Perché il latte degli allevamenti intensivi invece è bianco, così come i formaggi che siamo abituati a vedere al supermercato. Il problema come al solito sta nella filiera. Chi glielo fa fare agli allevatori di portare le vacche in alpeggio quando il loro latte non è accettato dai casari, il loro burro o formaggio non è capito dai consumatori? Per rimanere in una piccola nicchia? Guadagnando bene forse ci si potrebbe fare un pensierino. Purtroppo non c’è nemmeno questo, se si pensa che la differenza tra una Fontina d’alpeggio e una di stalla (stiamo parlando anche di quella invernale) è di qualche euro.

Scopri di più sul sito di Cheese:

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

Festival nazionale di cucina per bambini – 7 e 8 ottobre 2017

“Cuochi per un giorno”: torna a Modena il 00

Sabato 7 e domenica 8 ottobre Modena è ancora una volta la capitale della cucina 0-12 con la sesta edizione di Cuochi per un giorno, il Festival nazionale di cucina per bambini. Decine gli eventi, gli stand e i laboratori in programma: grandi chef come Ascanio Brozzetti, Franco Aliberti, Carlo Alberto Borsarini insegneranno ai piccoli cuochi a cucinare numerose ricette, dagli antipasti ai dolci. L’appuntamento è presso il club la Meridiana, alle porte della città. Parte del ricavato andrà a Dynamo Camp, un luogo di vacanza per bambini con gravi patologie

Cucinare coinvolge i cinque sensi, migliora concentrazione, manualità e precisione, arricchisce il vocabolario e allena al rispetto delle regole e alla pazienza, ecco perchè vale la pena cominciare da piccoli: torna a ottobre “Cuochi per un giorno” (www.cuochiperungiorno.it), il Festival nazionale di cucina per bambini. Cinque edizioni, un grande successo: per il 2017 l’appuntamento è sabato 7 e domenica 8 ottobre a Modena, presso il club la Meridiana (Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo): una villa settecentesca e un parco secolare faranno da sfondo alle creazioni culinarie dei piccoli cuochi. L’evento è ideato da Laura Scapinelli e dallo staff de La Bottega di Merlino, libreria per ragazzi e laboratori creativi di Modena.

Due giornate, decine di appuntamenti e laboratori in cui gli chef in erba potranno annusare, toccare, dosare, impastare, miscelare, modellare, cuocere e mettersi alla prova, imparando tante cose nuove. Non mancheranno vere e proprie lezioni di cucina con chef stellati da tutta Italia, per incuriosire anche mamma e papà: tra gli altri hanno  già confermato la loro presenza Ascanio Brozzetti, pastry chef del ristorante Le Calandre di Padova, Franco Aliberti, chef del ristorante La Presèf a La Fiorida in Valtellina e Carlo Alberto Borsarini del ristorante La Lumira di Castelfranco Emilia (MO); a loro si aggiungeanno molti altri nomi importanti.

Ogni piccolo partecipante potrà cimentarsi in fantasiose ricette con la supervisione di uno chef e di un’animatrice, vivendo un’esperienza ludica ma allo stesso tempo formativa e con la possibilità di imparare le regole del mangiar sano. Non mancheranno attività interattive collaterali: al Festival saranno presenti numerosi stand per avvicinarsi alla cucina attraverso diversi linguaggi espressivi. Ci sarà una libreria golosa spettacoli e storie in cucina, angoli sensoriali e giochi.

“Cuochi per un giorno” è un’occasione per tutti gli uder 12: ” I bambini posseggono le doti giuste per cucinare: passione, creatività e curiosità – spiega Laura Scapinelli,ideatrice del festival – Stare ai fornelli coniuga il fare davvero con il desiderio di imitare l’adulto e realizza quelli che Maria Montessori definiva esercizi di vita pratica, cioè azioni concrete con scopi precisi, che aiutano il corpo e la mente a crescere. Nei due giorni del festival i bambini si divertono a mescolare con le mani, spianare, dar forma alla frolla o alla sfoglia, tramandare le ricette locali. Il nostro, poi, è un festival ecosostenibile: insegnamo ai piccoli chef anche a cucinare con gli avanzi, proponendo diverse attività legate al recupero e al riuso. Ma c’è molto di più, perché cucinando s’impara: tra pentole e ingredienti i bambini, infatti, imparano a mangiare e ad avere un rapporto sano con il cibo.

Inoltre, attraverso la loro partecipazione, i bambini aiutano altri bambini: parte del ricavato della manifestazione verrà infatti devoluto a Dynamo Camp, l’unica struttura italiana di Terapia Ricreativa pensata per ospitare bambini affetti da patologie gravi o croniche nel periodo di post ospedalizzazione e/o in fase di remissione dalla cura; qui minori che convivono con la malattia possono praticare attività ludiche e sportive: è un’esperienza di svago, divertimento, relazione e socialità in un ambiente naturale e protetto.

Dove e quando: sabato 7 e domenica 8 ottobre dalle 10.00 alle 20.00 alle porte di Modena, presso il club la Meridiana, Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo.
Quanto: Il prezzo del biglietto varia a seconda delle attività a cui si sceglie di partecipare. Tutte le informazioni e il regolamento si trovano sul sito www.cuochiperungiorno.it.
Infoline e prenotazioni: La Bottega di Merlino, tel. 059.212221 www.cuochiperungiorno.it

 

Emilia e Romagna tre appuntamenti gastronomici imperdibili !!! Porcini scalogno cipolla

Cipolla, Scalogno e Porcino: la natura ci delizia

dal 6 al 9 luglio a Medicina (BO) prenderà vita “Medicipolla”

dal 20 al 23 luglio a Riolo Terme (RA)

19 e 20 e il 26 e 27 agosto a Castel del Rio (BO)

In luglio e agosto, fra Emilia e Romagna tre appuntamenti gastronomici con altrettanti prodotti eccellenti

 A cavallo fra Emilia e Romagna, nell’area compresa fra i comprensori di Imola (BO) e quello di Faenza (RA), dove è da poco attiva la società di promozione IF Imola Faenza Tourism Company, c’è un territorio ricco di eccellenze gastronomiche.

Nei mesi di luglio e agosto ne verranno celebrate 3, nel corso di altrettanti eventi gustosi: dal 6 al 9 luglio a Medicina (BO) prenderà vita “Medicipolla”, dal 20 al 23 luglio a Riolo Terme (RA) si celebrerà la “Fiera dello Scalogno IGP di Romagna”, il 19 e 20 e il 26 e 27 agosto a Castel del Rio (BO) doppio weekend con la “Sagra del Porcino”.

Dal 6 al 9 luglio a Medicina si celebrerà la “Antica Fiera di luglio” e la XVII° edizione di “Medicipolla”, un omaggio gustoso a sua Maestà la Cipolla di Medicina, che per l’occasione sarà proposta in tutte le sue varianti e in numerosi menù a tema. Nel corso dell’evento, inoltre, ci saranno l’esposizioni di macchine agricole d’epoca e moderne, spettacoli d’intrattenimento, mercatini e specialità gastronomiche da degustare…

Fra i tanti appuntamenti, quelli di maggior interesse sono: “Cipolla d’autore”, la cena a tema a cura dello chef Riccardo Facchini (6 luglio ore 20.30, prenotazione obbligatoria al 345.3865090); il 14° Simposio della Confraternita della Magnifica Cipolla di Medicina (7 luglio ore 21.15); symposium sulla canapa e le sue straordinarie lavorazioni, con relatrice Manuela Pierobon, e a seguire degustazione di crostini (8 luglio ore 18.45); laboratori di cosmesi utilizzando prodotti tipici del territorio come la cipolla, il foraggio e la Patata di Medicina (8 luglio dalle 19)

Per informazioni: Pro Loco Medicina tel. 051 857529; info@prolocomedicina.net

Lo Scalogno IGP di Romagna, che non è un aglio né una cipolla, è un piccolo bulbo che appartiene sempre della famiglia delle Liliacee.

Una prelibatezza enogastronomica tutta locale e assolutamente unica nel panorama nazionale.

A Riolo Terme (Ra),cuore produttivo di questa meraviglia per il palato, dal 20 al 23 luglio si svolgerà la Fiera dello Scalogno IGP di Romagna.

Nelle vie centrali del paese ci sarà la mostra mercato dello Scalogno di Romagna dove, per tutte e quattro le giornate, saranno presenti i produttori di questa prelibatezza. I ristoratori del paese non mancheranno di proporre pietanze a base di Scalogno mentre al Parco Pertini ci sarà lo stand gastronomico della Pro Loco tutto dedicato al piccolo bulbo, con ricchi menù a tema. Si potranno assaggiare, tra le varie pietanze: riso allo Scalogno, tagliolini allo Scalogno, frittata allo Scalogno, arrosto aromatizzato allo Scalogno. E poi tutte le sere: musica, spettacoli e intrattenimento.

Da sempre coltivato in Romagna, la Pro Loco di Riolo Terme nel 1992 decise di organizzare una festa ad hoc per promuovere questo prodotto tipico della tradizione locale, che nel 1997 ha anche ottenuto il riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta).

Per informazioni: IAT Riolo Terme tel. 0546 71044

Il porcino è sicuramente uno dei funghi più celebri e apprezzati. Le colline dell’imolese, lungo la dorsale ai confini con la Toscana, ne sono ricche.

Ecco allora che il comune appenninico di Castel del Rio nel mese di agosto dedica un doppio fine settimana a questo prelibato fungo. Il 19 e 20 e poi il 26 e 27 agosto tra gastronomia, musica e intrattenimento si svolgerà la 32esima edizione della “Sagra del Porcino”.

Per informazioni: 338 3384123 www.prolococasteldelrio.it

Divertente weekend con i bambini – “Cuochi per un giorno” – Festival nazionale di cucina per bambini

“Cuochi per un giorno”: torna a Modena il Festival nazionale di cucina per bambini. Appuntamento il 7 e 8 ottobre
"Cuochi per un giorno": torna a Modena il Festival nazionale di cucina per 
bambini. Appuntamento il 7 e 8 ottobre

 

Sabato 7 e domenica 8 ottobre Modena è ancora una volta la capitale della cucina 0-12 con la sesta edizione di “Cuochi per un giorno”, il Festival nazionale di cucina per bambini.

Decine gli eventi, gli stand e i laboratori in programma: grandi chef come Ascanio Brozzetti, Franco Aliberti, Carlo Alberto Borsarini insegneranno ai piccoli cuochi a cucinare numerose ricette, dagli antipasti ai dolci. L’appuntamento è presso il club la Meridiana, alle porte della città.

Parte del ricavato andrà a Dynamo Camp, un luogo di vacanza per bambini con gravi patologie

Cucinare coinvolge i cinque sensi, migliora concentrazione, manualità e precisione, arricchisce il vocabolario e allena al rispetto delle regole e alla pazienza, ecco perchè vale la pena cominciare da piccoli: torna a ottobre “Cuochi per un giorno”(www.cuochiperungiorno.it), il Festival nazionale di cucina per bambini. Cinque edizioni, un grande successo: per il 2017 l’appuntamento è sabato 7 e domenica 8 ottobre a Modena, presso il club la Meridiana (Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo): una villa settecentesca e un parco secolare faranno da sfondo alle creazioni culinarie dei piccoli cuochi. L’evento è ideato da Laura Scapinelli e dallo staff de “La Bottega di Merlino”, libreria per ragazzi e laboratori creativi di Modena.

Due giornate, decine di appuntamenti e laboratori in cui gli chef in erba potranno annusare, toccare, dosare, impastare, miscelare, modellare, cuocere e mettersi alla prova, imparando tante cose nuove. Non mancheranno vere e proprie lezioni di cucina con chef stellati da tutta Italia, per incuriosire anche mamma e papà: tra gli altri hanno  già confermato la loro presenza Ascanio Brozzetti, pastry chef del ristorante Le Calandre di Padova, Franco Aliberti, pastry chef del ristorante Evviva di Riccione e Carlo Alberto Borsarini del ristorante La Lumira di Castelfranco Emilia (MO); a loro si aggiungeanno molti altri nomi importanti.

Ogni piccolo partecipante potrà cimentarsi in fantasiose ricette con la supervisione di uno chef e di un’animatrice, vivendo un’esperienza ludica ma allo stesso tempo formativa e con la possibilità di imparare le regole del mangiar sano. Non mancheranno attività interattive collaterali: al Festival saranno presenti numerosi stand per avvicinarsi alla cucina attraverso diversi linguaggi espressivi. Ci sarà una libreria golosa spettacoli e storie in cucina, angoli sensoriali e giochi.

“Cuochi per un giorno” è un’occasione per tutti gli uder 12: ” I bambini posseggono le doti giuste per cucinare: passione, creatività e curiosità – spiega Laura Scapinelli, ideatrice del festival – Stare ai fornelli coniuga il “fare davvero” con il desiderio di imitare l’adulto e realizza quelli che Maria Montessori definiva “esercizi di vita pratica”, cioè azioni concrete con scopi precisi, che aiutano il corpo e la mente a crescere. Nei due giorni del festival i bambini si divertono a mescolare con le mani, spianare, dar forma alla frolla o alla sfoglia, tramandare le ricette locali. Il nostro, poi, è un festival ecosostenibile: insegnamo ai piccoli chef anche a cucinare con gli avanzi, proponendo diverse attività legate al recupero e al riuso”. Ma c’è molto di più, perché cucinando s’impara: tra pentole e ingredienti i bambini, infatti, imparano a mangiare e ad avere un rapporto sano con il cibo.

Inoltre, attraverso la loro partecipazione, i bambini aiutano altri bambini: parte del ricavato della manifestazione verrà infatti devoluto a Dynamo Camp, l’unica struttura italiana di Terapia Ricreativa pensata per ospitare bambini affetti da patologie gravi o croniche nel periodo di post ospedalizzazione e/o in fase di remissione dalla cura; qui minori che convivono con la malattia possono praticare attività ludiche e sportive: è un’esperienza di svago, divertimento, relazione e socialità in un ambiente naturale e protetto.

Dove e quando: sabato 7 e domenica 8 ottobre dalle 10.00 alle 20.00 alle porte di Modena, presso il club la Meridiana, Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo.
Quanto: Il prezzo del biglietto varia a seconda delle attività a cui si sceglie di partecipare.

Tutte le informazioni e il regolamento si trovano sul sito www.cuochiperungiorno.it.
Infoline e prenotazioni: La Bottega di Merlino, tel. 059.212221 www.cuochiperungiorno.it

Carbonara con guanciale o pancetta ? Penne o rigatoni? Festival della carbonara

Chiunque potrà  cimentarsi nella preparazione della sua carbonara …

SOLO PER VERI GOLOSI !!!

Prima regola per una buona carbonara:

evitare che il tuorlo si rapprenda e assuma la consistenza dell’uovo strapazzato … più sotto la ricetta della Cucina Italiana.

Con l’uovo a crudo o in cottura?

Guanciale o pancetta? 

Con un tocco di latte per renderla più cremosa, pecorino fresco a volontà o parmigiano?

Penne o rigatoni?

Con il pesce o con le verdure di stagione? Stiamo parlando della carbonara.

NON ESISTE UNA REGOLA, MA MILLE VARIANTI; alcune ottime, altre meno.

Tutti vi diranno che la loro è la unica vera carbonara ….

Rimangono invece degli obblighi come: L’UOVO NON DEVE ESSERE TROPPO COTTO !!!

LA RICETTA DELLA CUCINA ITALIANA:

Per la ricetta della carbonara classica, tagliate il guanciale a fette spesse circa 0,5 cm, dunque a listerelle lunghe 5 cm.

Mescolate i tuorli con i formaggi grattugiati e un pizzico di pepe. A piacere potete aggiungere 2 cucchiai di latte per rendere ancora più cremoso il risultato finale.

Scaldate in una padella un cucchiaio di olio e rosolatevi il guanciale a listerelle per circa 2’, fino a che non sarà croccante, spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata; tenete da parte un mestolo di acqua di cottura, quindi scolate la pasta al dente.

Versate l’acqua calda tenuta da parte nella padella con il guanciale intiepidito: questa operazione manterrà la pasta umida.

Trasferite la pasta nella padella e mescolate.

Unite alla pasta anche il composto di tuorli e formaggio

amalgamando velocemente.

La padella ancora tiepida e la pasta calda cuociono leggermente le uova rendendole cremose. È importante compiere queste operazioni velocemente per evitare che il tuorlo si rapprenda e assuma la consistenza dell’uovo strapazzato.

Insaporite con il pepe nero macinato e servite immediatamente nei piatti ben caldi.

Sino al 25 giugno Eataly Roma ospita il Festival della carbonara.

Gara tra ristoranti, ma non solo:

chiunque potrà  cimentarsi nella preparazione della sua carbonara mentre i più piccoli potranno sbizzarrirsi, guidati da Rossella Nalin, nella realizzazione del Corn Dog, una rivisitazione, con gli ingredienti della carbonara, della pietanza americana.

Il piatto per eccellenza della tradizione culinaria laziale, nato come ricetta popolare, caratterizzato da ingredienti poveri e diventato negli anni un piatto pregiato, riguardo la cui preparazione è stato scritto e sperimentato tantissimo.

Dalle origini alle rivisitazioni

A Roma ogni trattoria ha la «sua» carbonara.

Sino al 25 giugno Eataly Roma ospita il Festival della carbonara: con contest e sfide a colpi di uova e guanciale (ma non solo) per aggiudicarsi il titolo di «miglior carbonara».

Da: http://www.lacucinaitaliana.it/ricetta/primi/carbonara-classica/#step-1