Archivi categoria: poesie

poesie, poesia,

Alta poesia – Requiem – ANNA ACHMATOVA

ANNA ACHMATOVA

Anna Achmatova è una dei massimi poeti russi; dai tempi di Aleksandr Sergeevič Puškin.

Requiem di Anna Achmatova.

A queste poesie, l’autrice affida la sua sofferta testimonianza contro il totalitarismo.

Straziata dall’arresto del figlio, ed anch’essa perseguitata, Anna Achmatova alza la sua voce in nome di tutti i perseguitati di tutte le epoche.

San Pietroburgo le ha dedicato una statua che sorge nel punto in cui lei aspettava, fuori dal carcere, notizie di suo figlio.

REQUIEM, NELLA TRADUZIONE DI CARLO RICCIO
[Da Anna Achmatova, Poema senza eroe e altre poesie, Einaudi, Torino 1966, 1993, pp. 24-55]

Requiem
1935-1940

No, non sotto un estraneo cielo,
Non al riparo d’ali estranee:
Ero allora col mio popolo,
La’ dove il mio popolo, per sventura, era.

:::::::

Nei terribili anni della “ezovscina” ho trascorso diciassette mesi a fare la coda presso le carceri di Leningrado.
Una volta un tale mi “riconobbe”. Allora una donna dalle labbra bluastre che stava dietro di me, e che, certamente, non aveva mai udito il mio nome, si ridesto’ dal torpore proprio a noi tutti e mi domando’ all’orecchio (li’ tutti parlavano sussurrando): – Ma lei puo’ descrivere questo? E io dissi: – Posso. Allora una specie di sorriso scivolo’ per quello che una volta era stato il suo volto.

I aprile 1957. Leningrado

::::::

Dedica

Davanti a questa pena s’incurvano i monti,
Non scorre il grande fiume,
Ma tenaci sono i chiavistelli del carcere,
E dietro ad essi le “tane dell’ergastolo”
E una mortale angoscia.
Per chi spiri il vento fresco,
Per chi sia delizia il tramonto,
Noi non sappiamo, siamo ovunque le stesse,
Sentiamo solo l’odioso strider delle chiavi
E i passi pesanti dei soldati.
Ci si alzava come a una messa mattutina,
Si andava per la capitale abbandonata,
La’ ci s’incontrava, più inanimate dei morti,
Il sole più in basso e più nebbiosa la Neva,
Ma la speranza canta sempre di lontano.
La condanna… E subito sgorgano le lagrime,
Ormai divisa da tutti,
Come se con dolore la vita dal cuore le strappassero.
Come se con rozzezza la rovesciassero indietro,
Ma cammina… Barcolla… Sola…
Dove sono ora le amiche occasionali
Di questi due miei anni maledetti?
Che appare loro nella bufera siberiana,
Che balugina nel disco lunare?
A loro invio il mio saluto d’addio.

Marzo 1940

:::::::

Introduzione

Cio’ accadde allorche’ a sorridere
Era solo chi e’ morto – lieto della pace.
E, appendice inutile, si sbatteva
Leningrado intorno alle sue carceri.
E allorche’, impazzite di tormento,
Condannate ormai andavano le schiere
E breve canzone di distacco
I fischi cantavano delle locomotive.
Stelle di morte incombevano su noi
E innocente la Russia si torceva
Sotto sanguinosi stivali
E copertoni di neri cellulari.

:::::::

Ti hanno portato via all’alba,
Io ti venivo dietro, come a un funerale,
Nella stanza buia i bambini piangevano,
Sull’altarino il cero sgocciolava.
Sulle tue labbra il freddo dell’icona.
Il sudore mortale sulla fronte… Non si scorda!
Come le mogli degli strelizzi, ululero’
Sotto le torri del Cremlino.

1935.

:::::::

Placido scorre il placido Don,
Gialla luna entra nella casa.

Entra col cappello sulle ventitre’,
Vede l’ombra la gialla luna.

Questa donna e’ malata,
Questa donna e’ sola,

Il marito nella tomba, il figlio in prigione.
Pregate per me.

::::::

No, non sono io, e’ qualcun altro che soffre.
Io non potrei esser cosi’, ma quel che e’ successo
Neri drappi lo ricoprano,
E portino via le lanterne…
Notte.

::::::

Se mostrato t’avessero, burlona
E prediletta fra tutti gli amici,
Di Carskoe Selo’ allegra peccatrice,
Quel che sarebbe della tua vita:
Startene, col pacco,
Trecentesima sotto le Croci
E con le tue lagrime cocenti
Sciogliere dell’anno nuovo il ghiaccio.
La’ si dondola il pioppo del carcere,
E non un suono – ma quante
Incolpevoli vite vi hanno fine…

:::::::

Diciassette mesi che grido,
Ti chiamo a casa.
Mi gettavo ai piedi del boia,
Figlio mio e mio terrore.
Tutto s’e’ confuso per sempre,
E non riesco a capire
Ora chi sia belva e chi uomo,
E se a lungo attendero’ l’esecuzione.
E solo fiori polverosi, e il tintinnio
Del turibolo, e le tracce
Chissa’ dove nel nulla.
E diritto negli occhi mi fissa
E una prossima morte minaccia
L’enorme stella.

::::::

Lievi volano le settimane,
Quel che e’ stato non capisco.
Come ti guardavano, figlio,
Le notti bianche, in carcere,
Com’esse di nuovo guardano
Con occhio ardente di sparviero,
E della tua alta croce
E della morte parlano.

1939

::::::

La sentenza

Ed e’ caduta la parola di pietra
Sul mio petto ancor vivo.
Non e’ nulla, vi ero preparata,
Ne verro’ a capo in qualche modo.

Ho molto da fare, oggi:
Bisogna uccidere fino in fondo la memoria,
Bisogna che l’anima si pietrifichi,
Bisogna di nuovo imparare a vivere,

Se no… L’ardente stormire dell’estate,
Come una festa oltre la finestra.
Da tempo avevo presentito questo
Giorno radioso e la casa vuota.

1939. Estate

:::::::

Alla morte

Tu lo stesso verrai – perche’ non subito allora?
T’aspetto – ho molta pena.
Ho spento la luce e aperto l’uscio
A te, cosi’ semplice e prodigiosa.
Prendi per questo l’aspetto che vuoi,
Penetra come un proiettile avvelenato
O furtiva avvicinati come un esperto bandito,
O avvelenami col delirio del tifo.
O con una storiella da te inventata
E a tutti nota fino alla nausea,
Ch’io veda l’azzurra sommita’ del berretto
E il capofabbricato pallido di paura.
Ora tutto e’ uguale per me. Turbina lo Enisej,
Brilla la stella polare.
E l’estremo terrore offusca
Il bagliore turchino degli occhi adorati.

19 agosto 1939. Casa delle Fontane

:::::::

9.

La follia ormai con la sua ala
Ha coperto una meta’ dell’anima.
E un vino di fuoco mesce
E in una nera valle invita.

E ho compreso che ad essa
Devo cedere la vittoria,
Prestando ascolto al mio delirio
Come se ormai fosse di un altro.

E nulla essa mi consente
Di portare via con me
(Per quanto la si implori
E la si annoi con le preghiere):

Ne’ gli occhi spaventosi di mio figlio –
Pietrificata sofferenza -,
Ne’ il giorno in cui venne la bufera,
Ne’ l’ora della visita in prigione,

Ne’ il caro refrigerio delle mani,
Ne’ le ombre agitate dei tigli,
Ne’ un lieve suono di lontano –
Le parole dei conforti estremi.

4 maggio 1940. Casa delle Fontane

:::::::::

10.

La crocifissione

Non singhiozzare per Me, Madre, che giaccio nella bara.

I.

Il coro degli angeli glorifico’ l’ora solenne
E i cieli si sciolsero nel fuoco.
Al Padre disse: “Perche’ Mi hai abbandonato?”
E alla Madre: “Oh, non singhiozzare per Me…”

II.

Maddalena si disperava e singhiozzava,
Il discepolo prediletto era impietrito,
E la’ dove in silenzio stava la Madre
Nessuno osava neppure volgere lo sguardo.

1940-1943

::::::

Epilogo

Ho appreso come s’infossino i volti,
Come di sotto alle palpebre s’affacci la paura,
Come dure pagine di scrittura cuneiforme
Il dolore tracci sulle guance,
Come i riccioli da cinerei e neri
D’un tratto si facciano d’argento,
Il sorriso appassisca sulle labbra rassegnate,
E in un ghigno arido tremi lo spavento.
E non per me sola prego,
Ma per tutti coloro che erano con me, laggiu’,
Nel freddo spietato, nell’afa di luglio,
Sotto la rossa muraglia abbacinata.

S’e’ di nuovo avvicinata l’ora del suffragio.
Vi vedo, vi ascolto, vi sento:

E colei che fu a stento condotta allo spioncino,
E colei che non calpesta il suolo natale,

E colei che, scrollando la bella testa,
Disse: “Qui vengo, come a casa”.

Avrei voluto chiamare tutte per nome,
Ma hanno portato via l’elenco, e non so come fare.

Per loro ho intessuto un’ampia coltre
Di povere parole, che ho inteso da loro.

Di loro mi rammento sempre e in ogni dove,
Di loro neppure in una nuova disgrazia mi scordero’,

E se mi chiuderanno la bocca tormentata
Con cui grida un popolo di cento milioni,

Che esse mi commemorino allo stesso modo
Alla vigilia del mio giorno di suffragio.

E se un giorno in questo paese
Pensassero di erigermi un monumento,

Acconsento ad esser celebrata,
Ma solo a condizione di non porlo

Ne’ accanto al mare dov’io nacqui:
Col mare l’ultimo legame e’ reciso,

Ne’ del giardino dello zar presso il desiato ceppo,
Dove l’ombra sconsolata mi cerca,

Ma qui, dove stetti per trecento ore
E dove non mi aprirono il chiavistello.

Perche’ anche nella beata morte temo
Di dimenticare lo strepito delle nere “marusi”,

Di dimenticare come sbatteva l’odiosa porta
E una vecchia ululava da bestia ferita.

E che dalle immobili palpebre di bronzo
Come lagrime fluisca la neve disciolta.

E il colombo del carcere che tubi di lontano,
E placide per la Neva vadano le navi.

1940. Marzo

:::::::

3. REQUIEM, NELLA TRADUZIONE DI EVELINA PASCUCCI
[Da Anna Achmatova, Io sono la vostra voce…, Edizioni Studio Tesi, Pordenone 1990, 1995, pp. 192-207]

Requiem
1935-1940

No! Non sotto estraneo cielo,
Non sotto ali straniere a difesa,
Ero con il mio popolo allora,
La’ dove esso era, per sciagura

1961

::::::

In luogo di prefazione

Negli anni terribili della “ezovscina” io trascorsi diciassette mesi in code d’attesa fuori del carcere, a Leningrado.
Un giorno qualcuno mi “riconobbe”. Allora una donna dietro di me, con le labbra livide, che certamente in vita sua mai aveva sentito il mio nome, riprendendosi dal torpore mentale che ci accomunava, mi domando’ all’orecchio (li’ comunicavamo tutti sottovoce): “Ma lei questo puo’ descriverlo?”. E io dissi: “Posso”. Allora una specie di sorriso scorse per quello che una volta era il suo viso.

I aprile 1957
Leningrado

:::::::

Dedica

Le montagne si piegano dinanzi a questa ambascia,
Non scorre l’ampio fiume,
Ma del carcere sono saldi i chiavistelli,
Le “tane della catorga” al di la’ di quelli
E mortale un’angoscia.
Per qualcuno aleggia fresco il vento,
Per qualcuno e’ diletto il tramonto –
Noi non sappiamo, siamo ovunque le stesse,
Solo sentiamo delle chiavi l’odioso cigolio
E dei soldati i pesanti passi.
Ci levavamo come per la prima messa,
Andavamo per la Capitale in stato di abbandono,
C’incontravamo la’, piu’ esanime dei morti,
Piu’ basso il sole, la Neva piu’ nebbiosa,
La speranza pur sempre canta, ascosa.
La condanna… E in una prorompe in lacrime,
Da tutti ormai separata,
Come se le cavassero la vita dal cuore con dolore,
Come se brutalmente l’atterrassero,
Ma cammina… Vacilla… Sola.
Dove sono ora le spontanee amiche
Di questi miei dannati due anni?
Che cosa appare loro nella tormenta siberiana,
Che cosa sembra loro di vedere nel disco della luna?
A loro invio il mio saluto d’addio.

Marzo 1940

::::::::

Introduzione

Questo fu quando sorrideva
Soltanto il defunto, contento della pace.
E si dibatteva, inutile appendice,
Presso le sue prigioni Leningrado.
E quando, per il supplizio impazzite,
Andavano colonne di condannati ormai
E una breve canzone di commiato
Cantavano i fischi delle locomotive.
Verticali su di noi stelle di morte
E innocente la Rus’ si contorceva
Sotto stivali insanguinati
E copertoni di nere marusi.

:::::::

I

All’alba ti hanno portato via,
Dietro di te, come a un funerale, andavo,
Nella camera buia piangevano i bambini,
Il cero sgocciolava sull’altarino.
Sulle tue labbra il freddo dell’icona.
Sulla fronte un sudore di morte… Come dimenticare!
Urlero’, come le mogli degli strelcy,
Sotto le torri del Cremlino.

Autunno 1935
Mosca

::::::

II

Placido scorre il placido Don,
La gialla luna entra nella casa,
Entra con il cappello di sghimbescio,
Vede la gialla luna un’ombra.
Questa donna e’ inferma,
Questa donna e’ sola,
Il marito nella fossa, il figlio in cella.
Pregate per me.

::::::::

III

No, non sono io, e’ qualcun altro a soffrire
Io cosi’ non potrei, ma quanto e’ successo
Sia da neri drappi coperto,
E portino via le lucerne…
Notte.

::::::

IV

T’avessero mostrata, scherzosa
E prediletta di tutti gli amici,
Di Carskoe Selo peccatrice gioiosa,
Che ne sarebbe stato della tua vita:
Come con l’involto, trecentesima,
Sotto Kresty avresti atteso
E con le tue lacrime ardenti
Fuso il ghiaccio del nuovo anno.
La’ si culla il pioppo del carcere,
E non c’e’ suono – ma quante
Vite innocenti la’ si concludono…

:::::::

V

Diciassette mesi a gridare,
A chiamarti a casa,
Ai piedi del carnefice gettata,
Figlio mio e mio terrore.
Tutto si e’ sovvertito per sempre
E non capisco ora
Chi sia la belva, chi l’umana creatura
E se lunga per l’esecuzione sara’ l’attesa.
E solo rigogliosi fiori
E del turibolo il tinnire, e in qualche dove
Orme verso nessun dove.
E dritto negli occhi mi guarda
E di morte imminente minaccia
Enorme una stella.

:::::::

VI

Volano lievi le settimane,
Che cosa sia successo non capisco.
Come in carcere, figlio,
Le notti bianche ti guardassero,
Come nuovamente guardino
Con occhio di sparviero, ardente
Dell’alta tua croce
Parlino, e di morte.

:::::::

VII

La condanna

E la parola di petra e’ caduta
Sul mio petto ancora vivo.
Non e’ nulla, ecco, ero preparata.
In qualche modo la superero’.

Oggi ho molto da fare:
Occorre la memoria annientare,
Occorre fare l’anima impietrire,
Occorre reimparare a vivere.

Se no… Infuocato il sussurro dell’estate,
Come una festa oltre la mia finestra.
Avevo da molto presentito questo
Radioso giorno e la casa rimasta vuota.

Estate 1939

::::::

VIII

Alla morte

Tu comunque verrai – perche’ non adesso, allora?
Ti aspetto – mi e’ cosi’ penoso.
Ho spento la luce e dischiuso la porta
A te, cosi’ semplice e prodigiosa.
Assumi per questo qualsiasi aspetto:
Penetra da piombo avvelenato
O quatta con un peso avvicinati, da bandito provetto,
O attossicami con delirio da tifo.
O con una fandonia ideata da te
E, fino alla nausea, da tutti conosciuta,
Cosi’ ch’io veda la sommita’ di un berretto azzurro
E pallido di paura il capopalazzo.
Ora per me tutto e’ lo stesso. Turbina lo Enisej,
La stella polare brilla.
E degli occhi amati il terrore estremo
Offusca la turchina scintilla.

19 agosto 1939

:::::::

IX

Gia’ la follia con l’ala
Meta’ dell’anima ha coperto,
E offre ardente un vino
E attrae nella nera dolina.

E ho capito che a lei
Cedere devo la vittoria,
Dando al mio delirio ascolto
Come fosse ormai di un altro.

E nulla ella permette
Ch’io porti via con me
(Per quanto supplicata
E tediata con la preghiera):

Ne’ del figlio gli occhi terribili –
Sofferenza impietrita,
Ne’ il giorno in cui arrivo’ il terrore
Ne’ in carcere l’ora della visita,

Ne’ la cara freschezza delle mani
Ne’ dei tigli le ombre agitate,
Ne’ un lieve suono lontano –
Le parole dei conforti estremi.

4 maggio 1940

:::::::::

X

La crocifissione

Non singhiozzare per Me, Madre,
che sono nella tomba.

1

Il coro degli angeli magnifico’ l’ora grande
E i cieli si fusero nel fuoco.
Al Padre disse: “Perche’ mi hai abbandonato!”.
A alla Madre: “Oh, non singhiozzare per Me…”.

2

Maddalena si dibatteva e singhiozzava,
Il discepolo prediletto impietriva,
Ma la’, dove la Madre stava muta,
Nessuno volgere lo sguardo neppure osava.

:::::::::

Epilogo

1

Ho provato come si scavino i volti,
Come di sotto le palpebre occhieggi la paura,
Come di scrittura cuneiforme ruvide pagine
Tracci la sofferenza sulle guance,
Come le ciocche, da nere e color cenere,
Argentee si facciano di colpo,
Su rassegnate labbra il sorriso declini
E in un freddo ghigno tremi lo spavento.
E io non per me sola prego,
Ma per coloro tutti che stavano li’ con me,
E nel freddo atroce e nell’afa di luglio,
Sotto le rosse mura abbacinate.

2

Di nuovo del suffragio si e’ avvicinata l’ora.
Vi vedo, vi sento, vi percepisco:
E lei che a stento allo spioncino condussero,
E lei che non calca il suolo natio,
E lei che, scrollata la bella testa,
Disse: “Qui vengo come a casa!”
Vorrei tutte chiamarle per nome,
Ma l’elenco sottrassero e, dove saperli?
Per loro un ampio drappo ho intessuto
Di povere parole presso di loro orecchiate.
Loro ricordo sempre e in ogni dove,
Loro non dimentichero’ in una nuova sciagura neppure,
E se chiuderanno la mia bocca estenuata
Con cui un popolo di cento milioni grida,
Che ugualmente mi commemorino esse
Alla vigilia del mio funebre di’.
E se in questo paese un giorno
Di erigermi un monumento si proponessero,
A tale celebrazione acconsento, ma
A condizione solo che non lo innalzino
Ne’ presso il mare dove nacqui:
E’ spezzato col mare l’ultimo legame,
Ne’ presso il sospirato ceppo nel giardino dello zar,
Dove l’ombra inconsolabile mi cerca,
Ma qui, dove trecento ore sono stata
E dove il chiavistello non fu aperto per me.
Poiche’ nella beata morte appunto temo
Di dimenticare delle nere marusi il fragore,
Di dimenticare come la porta odiosa cigolasse
E una vecchia ululasse come bestia ferita.
E che dalle palpebre immobili di bronzo
Come lacrime, disgelata, scorra la neve,
E il colombo del carcere in lontananza tubi,
E pacifiche vadano per la Neva le navi.

::::::::::::::
Anna Achmatova

Ed e’ caduta la parola di pietra
Sul mio petto ancor vivo.
Non e’ nulla, vi ero preparata,
Ne verro’ a capo in qualche modo.

Ho molto da fare, oggi:
Bisogna uccidere fino in fondo la memoria,
Bisogna che l’anima si pietrifichi,
Bisogna di nuovo imparare a vivere,

Se no… L’ardente stormire dell’estate,
Come una festa oltre la finestra.
Da tempo avevo presentito questo
Giorno radioso e la casa vuota.

 

POESIA – bellissima poesia – ” ITACA “

ITACA di Costantino Kavafis

 

“Tienila sempre in mente, Itaca.

La tua meta è approdare là.

Ma non far fretta al tuo viaggio.

Meglio che duri molti anni;

e che ormai vecchio attracchi all’isola,

ricco di ciò che guadagnasti per la via,

senza aspettarti da Itaca ricchezze.

 

Itaca ti ha donato il bel viaggio.

Non saresti partito senza di lei.

Nulla di più ha da darti.

 

E se la trovi povera, Itaca non  ti ha illuso.

Sei diventato così esperto e saggio,

e avrai capito che vuol dire Itaca.

———————–

UNA POESIA CHE SI COMMENTA DA SOLA.

Splendida, secondo noi  !!!

Costantino Kavafis, ( 1863-1933 ), Itaca, in Le poesie, a cura di Nicola Crocetti, testo a fronte, Einaudi, 14,00 euro.

POESIA – Corriere della Sera ricorda scrittore ungherese Péter Esterház con una poesia di Alessandro Sándor Lukács

Péter Esterházy, scrittore ungherese, è discendente da una delle più nobili e antiche famiglie aristocratiche ungheresi e considerato “l’anima dell’Ungheria” .

Il suo romanzo più celebre è Harmonia Caelestis, uscito nell’anno 2000. Esterházy, vi racconta le vite dei suoi antenati; dall’Impero Austro-Ungarico al suo declino, sino all’epoca del comunismo. Un libro che è anche la storia dell’epoca.

In memoria della scomparsa dello scrittore, ad un anno dalla sua morte 14 luglio 2015, il Corriere della Sera ha pubblicato, nell’allegato “La lettura” del 24.7.16, una toccante poesia di Alessandro Sándor Lukács:

Esterházy, una voce …

di Sándor Lukács

Ti avrei voluto fratello
e non ti conoscevo ancora,
forse neanche capito.

Sei nato quando
eravamo già adulti
in cerca del verbo.

Non era facile capirti.
Non vendevi biglietti!
Eri “Klauz” * di
un tram speciale
e noi ti piangiamo
con cuore pesante.

Mancavi anche quando
non sapevamo chi eri
e ora che non ci sei,
rimarrai per sempre!

Meriti l’immenso,
parole che non saranno
mai dette.

Alfabeti non ancora eletti
eleganti, non semlici, possenti!

* guida

Alessandro Sándor Lukács; medico, docente in pensione e scrittore. La sua carriera parte dalla Clinica odontoiatrica dell’Università di Milano, per terminare, come primario, presso l’Ospedale Sant’Anna di Como; città dove risiede e da dove continua a scrivere.
I suoi lavori più conosciuti: “Un’agente segreta a Mauthausen”, “Via Mala”, “Il talmudista” (Libri Bianchi editore).

In vendita anche su Amazon:
Via Mala1 giu. 2001
di Alessandro Lukács e F. Cani
Copertina flessibile
EUR 11,48
Prime
————-
Un’agente segreta a Mauthausen1 set. 2002
di Alessandro Lukács e F. Cani
Copertina flessibile
EUR 15,80

Libri a Como Faloppio – Presentato il libro ” Il Melograno ” Comune di Faloppio

Presso la sede del Comune di Faloppio, il Gruppo Culturale Locale è stato presentato il libro di poesie

“Il Melograno “.

 

Gli autori: Rosanna Bellotti, Elisa Briccola, Cecilia Castelli, Marilena Curti, Mario Marini, Susi Salvadé, Enrico Tavasci, hanno recitato i propri testi.

Ha partecipato anche l’attore teatrale FRANCO MAINO.

Interventi musicali a cura di Gianni Gandini e ospiti a sorpresa per una serata che ha avuto un grande successo.

Alla fine è stato presentato il progetto:

” TUTTI A SCUOLA IN SENEGAL ”

Tutti i presenti hanno gradito il piacevole momento del rinfresco.

 

 

POESIE DI DONNA.

VOLEVO PARLARE.

Volevo parlare

Mi han fatto tacere

Volevo volare

Mi han fatto sedere

Volevo cantare

Mi han fatto tacere.

———————-

PENSARE

Pensare

Pensare

E poi riprovare

Tentar di spiegare,

non farsi capire

Tornare a pensare,

senza mai più spiegare.

————————–

IL DESERTO.

Da sola e il deserto

La sabbia infinita

Il sole che brucia

La lingua che scoppia

La tanica è sporca,

ma l’acqua la bevo

Sapore di vita.

—————–

VOLEVO ANDARE.

Volevo volare

Volare da sola

Volevo andare

Andare da sola

Poi volevo parlare

e parlavo da sola.

—————-

PENSARE ALLA FINE.

Pensare alla fine

La fine del giorno

E’ l’ora più bella

La luce migliore

Il sole che muore

Annega nel mare.

——————-

PIANGENDO.

Piangendo ti penso

Piangendo ti abbraccio

Piangendo ricordo

Piangendo, tua madre.

————————–

LA MORTE E  LA PACE.

La morte è la pace

La vita è la guerra

Amavo la vita

Non pensavo alla morte

Che ora, vicina,

non può farmi male.

Tutte le poesie sono di S.G.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

Reg. Tribunale di Como il 7.6.10 n°7/10

———————–

 

ARTE MOSTRE INTERNAZIONALI Late Rembrandt ; l’ultimo Rembrandt Amsterdam

FOTORitratto-di-famiglia-Anton-Ulrich-Museum-Braunschweig.Late Rembrandt

La prima grandiosa rassegna delle opere dell’ultimo Rembrandt ad Amsterdam

art450 Ritratto di famiglia, Anton Ulrich Museum, Braunschweig. Bassa risoluzione

Il Rijksmuseum presenta per la prima volta una grandiosa rassegna delle opere dell’ultimo Rembrandt van Rijn.

L’esposizione intitolata Late Rembrandt consentirà di ammirare l’apice di un talento che lascia sbalorditi. Rembrandt sperimentò negli ultimi anni della sua vita varie tecniche grafiche e pittoriche, riuscendo a dare alle sue opere una profondità senza precedenti.

Risalgono infatti a questo periodo le sue opere più audaci, individualiste e intimistiche, che hanno reso questa fase della sua esistenza la più caratteristica, innovativa ed eccezionale. I dipinti realizzati in questo periodo, tra cui l’Autoritratto con due cerchi (Kenwood House di Londra), il Ritratto di famiglia (Herzog Anton Ulrich-Museum di Braunschweig), la Benedizione di Giacobbe (Gemäldegalerie Alte Meister di Kassel) e La sposa ebrea (Rijksmuseum) sono già da secoli determinanti per l’immagine di Rembrandt in tutto il mondo.

Il Rijksmuseum è lieto di presentare Late Rembrandt, una rassegna completa delle opere realizzate dal Maestro olandese nel periodo compreso tra il 1652 circa e il 1669, anno della sua scomparsa, per un totale di 40 quadri, 20 disegni e 30 stampe.

I quadri e i disegni provengono da importanti musei e collezioni private in Europa e negli Stati Uniti.

— È la prima volta che viene organizzata una mostra così completa delle opere dell’ultimo Rembrandt.

Il direttore del Rijksmuseum Wim Pijbes ha così commentato l’evento:
Per la prima volta in assoluto, una nuova generazione può conoscere da vicino i migliori lavori del più grande pittore di sempre del nostro paese.

Intimità, contemplazione, conflitti interiori e riconciliazione

Gli ultimi anni della vita di Rembrandt furono segnati da tragiche perdite personali e continue difficoltà economiche, eppure, nonostante le difficoltà, il Maestro riuscì a produrre le sue opere migliori.

Anziché scendere a compromessi, nell’ultimo periodo della sua esistenza l’anticonformista Rembrandt cambiò radicalmente rotta, realizzando i suoi disegni, incisioni e dipinti più caratteristici e audaci, distinguendosi dai suoi contemporanei per la scioltezza con cui creava le sue opere, per il suo modo impareggiabile di utilizzare i colori e la luce grazie a metodi fuori dagli schemi e per la sua fenomenale capacità di scandagliare i pensieri e i sentimenti più profondi dei suoi personaggi principali.

Rembrandt seppe giungere come nessun altro all’essenza delle cose in termini di intimità, contemplazione, conflitti interiori e riconciliazione.

Uno dei tanti esempi di continua sperimentazione di Rembrandt con le tecniche di pittura espressiva negli ultimi anni della sua vita è Il suicidio di Lucrezia, conservato presso il Minneapolis Institute of Arts. In quest’opera, il Maestro fece un uso intensivo della spatola.

Per dipingere parte della manica destra, Rembrandt sovrappose persino due strati ricorrendo a questo strumento piuttosto inconsueto per l’epoca.

Le tre croci rappresenta il punto massimo delle incisioni del suo ultimo periodo, non soltanto perché si tratta in assoluto della prima opera di tali dimensioni ad essere realizzata esclusivamente utilizzando un ago a punta secca, ma anche per via dei favolosi contrasti chiaro-scuri che seppe realizzare con questa tecnica soprattutto nel quarto stato, con raggi di luce celeste che penetrano nella scena avvolta dal buio profondo.

Uno dei disegni più famosi di Rembrandt è la Donna addormentata (Hendrickje Stoffels), proveniente dal British Museum di Londra, realizzato in modo disinvolto, libero e ciononostante assolutamente preciso. Il tema del disegno caratterizza l’opera dell’ultimo Rembrandt, ovvero l’osservazione molto ravvicinata di un momento intimo.

Anche nei dipinti di grandi dimensioni si avvicina alla storia proposta con le stesse modalità. La grande tela Giacobbe benedice i figli di Giuseppe (proveniente da Kassel) immortala un momento di grande armonia e serenità in famiglia.

Informazioni sulla mostra

La mostra è suddivisa in dieci temi diversi: Gli autoritratti tardivi, L’osservazione della vita quotidiana, La rivalità artistica, Le convenzioni artistiche, La tecnica sperimentale, La luce, L’intimità, La contemplazione, La lotta interiore e La riconciliazione.
Late Rembrandt è stata realizzata in collaborazione con la National Gallery di Londra, presso cui la mostra fa tappa dal 15 ottobre 2014 al 18 gennaio 2015. I dipinti Il ritratto di famiglia (Herzog Anton Ulrich-Museum di Braunschweig), il Ritratto di Jan Six (Collezione Six di Amsterdam), l’Autoritratto come Zeusi (Wallraf-Richartz Museum di Colonia) e Giacobbe e l’angelo (Gemäldegalerie di Berlino) saranno esposti solo ad Amsterdam.

Sponsor
Sponsor principali: Philips e KPN
Partner: ING e Blockbusterfonds
Con il patrocinio di: Gieskes-Strijbis Fonds; Ammodo Foundation
Patrocinanti del tour multimediale: Stichting Zabawas
Catalogo
Late Rembrandt
Autori: Gregor J.M. Weber (Responsabile per le arti figurative del Rijksmuseum) e Jonathan Bikker (Conservatore ricercatore del Rijksmuseum).
Contributi di: Erik Hinterding (Conservatore delle stampe del Rijksmuseum), Marjorie E. Wieseman (Conservatrice dei quadri dei maestri fiamminghi e olandesi della National Gallery di Londra), Marijn Schapelhouman (Conservatore senior dei disegni del Rijksmuseum) e Anna Krekeler (Conservatrice dei dipinti del Rijksmuseum).
304 pagine, edizione in olandese, inglese, francese e tedesco.
In vendita dal 1° novembre su rijksmuseum.nl/rembrandt

Lezioni presso il Rijksmuseum, conferenze e workshop
In concomitanza con la mostra, verrà proposto un ampio programma di conferenze, workshop (per adulti e bambini) e una serie di lezioni a cura dei conservatori del Rijksmuseum. Sarà inoltre disponibile un tour multimediale.
Per ulteriori informazioni e per le iscrizioni: rijksmuseum.nl/applications

Orari di apertura
12 febbraio-17 maggio 2015
Tutti i giorni dalle 9 alle 17

Biglietti
I biglietti sono in vendita dal 1° novembre su rijksmuseum.nl/rembrandt
I biglietti danno accesso al Rijksmuseum in determinate fasce orarie. Si consiglia di prenotare i biglietti in tempo.

Prezzi
Fino ai 18 anni e Amici del Rijksmuseum: ingresso gratuito
Supplemento per la mostra: € 7,50
Ingresso al Rijksmuseum: € 17,50
I titolari della Museumkaart pagano solo il supplemento mostra.

rijksmuseum.nl/rembrandt
Per informazioni e materiale illustrato:
rijksmuseum.nl/pers
E-mail: pressoffice@rijksmuseum.nl
Tel.: +31 (0)20 6747 242 / 274

Museumstraat 1
Postbus 74888
1070 DN Amsterdam

Nina Cassian, poetessa morta a 89 anni; la critica l’ha appena scoperta.

Nina Cassian, il suo nome non è conosciuto in Italia, ma la sua auto-descrizione ci ha colpito favorevolmente.

“Mè toccato questo volto strano, triangolare

questo pan di zucchero o questa

polena degna di navi corsare

e capelli lunghi, lunari, sulla cresta”.

Ecco le sue parole in Autoritratto.

“A chi appartengo? Mi rinnegano gli antenati e genitori

Temporaneamente alleate mi rinnegano le razze

i bianchi, i gialli, i rossi e i neri.

Neppure la specie mi riconosce tutta d’un pezzo”.

In questi versi è tratteggiata  la sua dolorosa biografia.

Nata nel 1924 a Galati, sul Danubio.  Studia  aBraşov, poi i trasferirà a Budapest.

Tra l’altro scrive il  La scară 1/1, un’ opera stilisticamente vicina all’espressività delle avanguardie artistiche; che è definita decadente dalla critica ufficiale comunista.

Negli anni successivi accetta di aderire allo stile imposto dal regime e scrive  versi favorevoli al governo dell’epoca  ed a i suoi leader.

Successivamente  Nina Cassian ritornerà una poesia svincolata dall’ideologia del regime comunista e si dedicherà a un’intensa attività poetica e alla produzione di libri per bambini. Nel 1969 consegue  il Premio dell’Unione degli Scrittori di Romania.

Erede e testimone del fecondo ambiente romeno di cui fecero parte Brâncusi e Tzara, Ionesco, Eliade e Cioran,  come loro finirà la sua vita da  esule.

Nel 1985 è invitata negli Stati Uniti come relatrice di un corso  di “Creative Writting” all’università di New York, la polizia segreta  gli crea dei problemi; sostenuta da vari poeti americani, rinasce a nuova vita dopo aver chiesto di vivere in esilio per il resto della sua vita.
Nei versi della Cassian, gli echi  di tutta la  nobile stagione del Novecento: da Mandel’štam a Cvetaeva, da Apollinaire a Brecht a Celan, e si potrebbe risalire fino a Emily Dickinson, «sublime sorella», o anche  all’amoroso furor saf­fico.
Il suo timbro è  diretto, spudorato, lirico, a volte disarmante, a volte  sornione, arguto e brutale insieme, ma sempre seducente.
Passa da punte epigrammatiche avvelenate ai voli pindarici sulle ali d’organo di un Bach. Perché la Cassian compone musica, dipinge, e disegna…una donna poliedrica, che merita un approfondimento.

Cedere il posto agli anziani e agli ammalati

Viaggiavo in piedi
eppure nessuno mi offrì il posto
anche se ero di almeno mille anni più anziana,
anche se portavo, ben visibili, i segni
di almeno tre gravi malanni:
Orgoglio, Solitudine e Arte.

*

Tirata del penultimo atto

Vi lascio, vi lascio, non vi toccherò mai più.
Io non ho più nulla da dimostrare.
Non vedo dunque il motivo di rinviare ancora
questo naufragar di cellule
chiamate mani, occhi o bocca
nell’argilla paziente, nell’argilla che
non mi aspetta né mi reclama,
stanca ormai della certezza
che le appartengo, nell’orizzonte nullo.
Ho detto quasi tutto quello che sapevo,
persino la menzogna ho pronunciato con devozione
poiché l’ho vista esister, prender corpo,
farsi viva come una foglia
o una lepre – e io non sono riuscita
a ignorare, mai, creatura alcuna.
Vi lascio – anche perché sono estenuata
nel vedere come ogni secolo si rovescia
in quello precedente, come se
il latte succhiato dal neonato ritornasse
nel seno della madre o, ancora peggio,
come se la fronte di un filosofo
si assottigliasse tesa verso estinte,
irsute e rampicanti specie.
Qualcosa ho imparato, lontano tuttavia
dagli studi e da quella sacra minuziosità
degli affidabili in-folio – ma piuttosto
dal freddo e dal calore, dalla nascita, dalla morte,
da tutto quello che – ahimè! – non si ripete
e dunque non può essere usato
come esperienza. Sono rimasta altrettanto
vulnerabile, ho conosciuto da vicino
mille oggetti e stati d’animo
ma non sono riuscita a chiamarli per nome
senza che si allontanassero
mutando forma oltre ogni limite,
gettandomi nello sconcerto come in un lago di sangue.
Vi lascio, non vi toccherò mai più. Mi avete detto
così tante volte che non vi vado a genio
anche se ho disegnato con attenzione il mio ritratto
sempre seguendo la vostra traccia. Però,
a quanto pare, non riesco a imitar nulla,
non ho né l’abilità né il dono
di somigliare a voi, e neanche a me stessa.
Sorrido – e tutto viene travisato
per un ghigno! Rido – e la gente si gira
rimproverandomi per l’indecenza.
Quando piango – l’occasione non è felice, perché ecco,
proprio oggi è festa in città.
Faccio una statua – e la folla grida:
«Si sta facendo un idolo!». E quando languo
per una grave malattia – viene considerata
un’ipocrisia del mio corpo intristito
per scatenare una strisciante epidemia…
Vi lascio, vi lascio, vi lascio…

*

Preghiera

Se esisti per davvero – fatti avanti,
sii nuvola, caprone, aviatore,
porta con te occhi, bocca, voce,
– chiedimi qualcosa, lascia che mi sacrifichi,
prendimi tra le braccia, proteggimi,
nutrimi con la settima parte di un pesce,
fammi un fischio, dissodami le dita,
ricolmami di aromi, di stupore,
– resuscitami.

*

Tappezzeria

Un piede nella fossa
e l’altro sulla tigre impallinata
– così vedo
la mia sconfitta e la mia vittoria
in questa scena venatoria.

*

Poeti

Fanatici della quinta ruota,
pericolosi cavalieri lunari,
i capelli verdi a ostruire gli occhi
per non vedere dove son diretti,
mani staccate dalle redini,
corpi straniati da cavallo
e sella.
Solo nudi allungati
sotto le pieghe della notte
che squarciano al galoppo.
Solo nudi ciechi in corsa verso quel globo dove un
.               Dito Enorme
tracciò un tempo una bocca e tre narici
e appese una lacrima di polvere
su un occhio inesistente
e scrisse qualcosa di remoto
– qualcosa che nessuno sa decodificare.

*

La quarta scimmia

Nella ben nota posizione ‘assisa’
come le Tre Scimmiette – Una Non Vede,
Una Non Sente, Una Non Parla –
con la cenere della sigaretta
che cade sulle cosce nude,
davanti a me il mare,
dietro, la morte,
saggio tra i denti una sillaba di eternità
come se fosse una moneta dubbia.

Le unghie si ritraggono,
si gonfiano le dita.
Non scivolano più
sotto il ponte abbattuto dei miei anelli.

Sono la Scimmia Condannata a Scrivere.

———-

Nina Cassian parla di sé come «coccodrillo», come «solo una donna anziana», visitata da sogni furibondi di amanti perduti e carica di sensi di colpa verso le proprie durezze («io, quando dormo, sogno / il mio defunto amato / e mio padre morto / e con loro bene mi comporto, / molto meglio nel sogno / che nella veglia mi sono comportata»).

C’è modo e modo di sparire”
poesie 1945-2007
A cura di Ottavio Fatica
Traduzione di Anita Natascia Bernacchia, Ottavio Fatica
2013, pp. 301;  25 euro.

POESIA: “HO INDOSSATO LA VITA” di MARIO MARINI.

Ho indossato la vita

come l’acqua di un fiume che trascorre

in mille specchi reiteranti

Il lavacro delle lacrime del cielo

copiosamente liete mille anni

avanti d’esser germinate

tra le pieghe artefatte di una luna

vestita a festa a celebrare…

E quando il giorno lascia il tramonto

a replicare desideri vividi di luce

e ingoiando crepuscoli di tenebre

s’affila al filo di una lama

che sfavilla luccicanti lucciole

di stelle comunque ignote

al sincopato balbettare degli umani…

E quando la bufera adulterata

dei pensieri disarticola spazi interminati

a silenziare impeti di gioia

a profanare isole di festa

a relegare della nascita la morte

nel rifiuto sperperante

attese sbigottite d’intenzioni…

 

E come sempre ogni volta

eternamente l’apprensione di vestire

il succedersi di giorni cadenzati

nel dibattersi essenziale delle ore

e il timore di spogliare nostalgie

consumate di perimetri di vuoto

contornando di pretesti contraffatti

il reperto di una vita mai indossata…

Poesia di Mario Marini.