Archivi categoria: libri e poesie

libri e poesie

Da leggere – Mario Marini e le sue sempre belle scritture

Di Mario Marini

Da l’antologia

“Mai la parola rimane sola. 40 anni fra poesia e cultura”.

:::::::::::::

LA TROMBETTINA (Storia d’estate)
– Suggestioni estemporanee dalla lirica di Corrado Govoni –

… E dunque, risoluto dalla fiorente Primavera, crescente ad ogni giorno in spessore e convinzione, Estate arrivava, attraversando noncurante quegli inequivocabili segnali che si susseguivano rinforzandosi l’un l’altro, finché si poteva finalmente concedere a se stessi: “siamo d’estate”, come tacita e piena consapevolezza di un accadimento atteso e imprescindibile.
E allora, allora… quelle giornate, luminose e infinite che si condensavano nell’ocra maturo dei campi di grano; e la festa collettiva della battitura, con i carri in cerchio, stipati di covoni, in paziente aspettativa sulla spianata, desiderato suggello, felice compimento ai giorni silenziosamente consumati nell’alacre rito della mietitura e quei sacchi, quei sacchi, come sai grezzi, preparati in ordinata teoria sull’aia bianca e finalmente straripanti piccoli grani bruni, sputati di lato, dalla macchina rossa, come una gragnuola, con la paglia che ingabbiata e compressa, un colpo dopo l’altro, pazientemente assumeva la forma squadrata di parallelepipedi giallo oro, omaggio estremo del portentoso congegno, offerto ad umani prudentemente dubbiosi per il prodigio meccanico che si compiva al loro vigile cospetto nell’antro spaventoso e magico del marchingegno, ma finalmente sorridenti per il frutto tanto atteso che concretava felicemente quella prima parte di stagione.
Perché la fervida immaginazione dei bimbi aveva tempo, tanto tempo ancora per transitare intatta attraverso gli assolati meriggi, addensanti calore e silenzio, finché l’ora si attardava disfacendosi all’imbrunire e un refolo d’aria spandeva, tra le ombre immanenti, che si estendevano come un sipario tirato sopra il fuoco del tramonto, un po’ di refrigerio e i tremuli puntini, distanti, delle stelle.
E il tempo, quel tempo, portava difilato, dalla ricorrenza operosa del grano maturo, alla fiera sfaccendata delle vanità di giostre e carrozzoni, magnifiche di luci e i lumi e i fuochi, sulle strade e sui sentieri dondolavano percorsi di intenzioni, brulicanti andirivieni di persone, trepidamente accarezzate e univocamente conducenti, persone ed intenzioni, ai gesti giubilanti della festa, in un tripudio di letizia che si spegneva tuttavia, a poco a poco, come i falò, qua e là sui campi e tra le rive, umide di guazza e delle voglie segrete degli innamorati che le celavano anche a se stessi, stringendosi, ad occhi chiusi, in abbracci bisbiglianti…
Fu quella sera, fu proprio quella sera che i passi impazienti di giungere alla festa del bambino, si incontrarono con quelli della bambina che da essa proveniva, munita dell’esultanza gioiosa appena conosciuta e scortata dalla nonna che inciampava insicura negli anni suoi e sulle balze del sentiero. Indossava la bambina, una corto vestitino bianco che lasciava scoperte due esili e volubili gambette e intravvedere le innocenti mutandine, e un nastro tra i capelli, anch’esso candido. Soffiava a tratti in una trombettina da clown, dalla quale traeva allegre suggestioni e canticchiava, nelle pause, improvvisate melodie, eppure ispirate dalla nota strascicata e sempre uguale di quel semplice congegno. Si incontrarono faccia a faccia, sulla traccia ristretta del sentiero e lei sorrise, chissà perché, con un’alzata di spalle.
“Ciao, come ti chiami” disse lui; lei lo guardò con quegli occhi vivaci e sognanti che posseggono i bimbi nei loro impeti di felicità e gli passò di lato, senza una parola, di nuovo sorridendo e strusciandosi un po’ contro la riva.
Poi si mise a correre soffiando a più non posso in quella sua imitazione di strumento e quella nota, strascicata e sempre uguale, si perse, poco alla volta, nella vastità notturna della campagna.
Così giugno splendente luccicando di lucciole la sera, lasciava posto a luglio rovente, riverberante la vampa delle ore che esplodevano in echi ed attese, finché la canicola sovrana sembrava volersi attenuare nei tardi giorni d’agosto, che avanzavano impazienti verso le prime avvisaglie dei temporali, magnifici e paurosi.
E le giornate che s’accorciavano a vista d’occhio già introducevano voglie d’uva e di mosto e aliti più freschi intiepidivano il tempo felice dell’estate, già bagnando di rugiada l’erba matura dei prati, la mattina. E una nostalgia precoce, dorata di ricci e bruna di castagne, ammorbidiva, un poco, la consapevolezza crescente che la bella stagione si avviava al declino, soppiantata presto da Autunno pieno e possente.
Poi, quando le prime foschie si ispessivano umide e fredde nei giorni che imbuivano prematuri e i fuochi scoppiettanti dei camini eccitavano nuove fantasie e desideri imbiancati dalla neve, Inverno collocava le sue mani artigliate nel gelo scricchiolante della terra e la serrava tutta nella sua morsa implacabile.
E allora forse, chissà, se nello specchio sincero di un camino acceso, una bambina, re-immaginando le sue storie, avrebbe lasciato un po’ di spazio alla reminiscenza estiva di quella nota strascicata e sempre uguale che soffiando, modulava, e alla traccia tutta balze del sentiero e ai fuochi, ai lumi, ai cavalli e alle risate, ai carrozzoni incantevoli dei clown e alla lusinga di quell’incontro inaspettato, magia del sogno, impronta e segno della sua sera dei sorrisi…
E allora forse, chissà, se nello specchio sincero di un camino acceso, anche un bambino avrebbe provato a escogitare un modo nuovo per far rinascere le storie e prevedere e credere e presumere possibile ciò che era parso, in un sorriso, ingenua e condivisa gioia di vivere.
Fu in quel momento, fu proprio in quel momento, che l’estro d’artista del grande camino decise di intervenire, assecondando il variegato carico di legna che in esso si esibiva scricchiolando.
Forse una bolla d’aria o forse una vena d’umido nel corpo pure essiccato di quel legno. Prima un sussurro, un bisbiglio, un frusciare, come un moto impaziente di uscir fuori; poi come una nota: sì, una nota, strascicata e sempre uguale di trombettina da clown, come l’estate, come d’incanto, come la sera degli sguardi e dei sorrisi.

:::::::::::::::::::

DOVE S’AFFUSOLA L’INVERNO

Era un richiamo basso sulla strada
quasi l’incanto d’una calamita
colori bruni e rocce, tinte stinte
e riverberi di fuochi come dita

Scrosci di neve straripava l’aria
tracimando coriandoli impazziti
faceva quasi buio e quel biancore
mitigava riflessi intorpiditi

E c’era un lume più acceso del lucore
diffuso e terso sulla pietra viva
danzava svelto ipnotico fulgore
contro il crinale della rupe schiva

“Luce che attrai e attiri d’ogni dove
dimmi quale, qual senso il tuo chiamare?”
“Perché precorri tempo e spazio aperto
ad indagare il cosmo a setacciare

l’animoso dibattersi dell’uomo
dentro le pieghe delle sua paura,
contro i quesiti oscuri e indecifrati,
lungo i barbagli della sua natura,”

“perché lo inviti infine a quel convegno
che sembra non finire nella fine
di ognuno pervenuto a quel confine
e che dunque egli debba pagar pegno?”

Brilla la luce muta nella notte
non ha risposte se non in quel chiamare
nugoli e schiere, stuoli, sciami e frotte
d’esseri alla ricerca dove andare…

E poi dove s’affusola l’inverno,
dove l’estate allude vago al riso,
l’arco di pietra, porta dell’inferno,
la scala fatta d’aria, il paradiso.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Gruppo letterario Acarya presenta l’antologia

“Mai la parola rimane sola. 40 anni fra poesia e cultura”.

LIBRI – Ha conseguito il 1° Premio con Diploma in Pergamena – Targa e Menzione – Comune di Recco- Dimenticare Pompei seguito di Defixiones

libro 300 Cover-Dimenticare Pompei-ritaglio-bassa

IL LIBRO DI MARINNELLA GAGLIARDI SANTI

DEFIXIONES (DIMENTICARE POMPEI) ” ha conseguito il 1° Premio con Diploma in Pergamena, Targa e Menzione
Cerimonia di Premiazione sabato 14 Maggio 2016 alle ore 15,00 presso la Sala Consiliare del Comune di Recco in Piazza Nicoloso, 14.

DEFIXIONES (DIMENTICARE POMPEI) nel 2016 aveva già  VINTO IL PRIMO PREMIO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE  CITTA’ DI RECCO

Dimenticare Pompei, il seguito di Defixiones il mistero delle tavolette magiche, è un invito a viaggiare nel mondo antico del I sec. d. C. seguendo le emozionanti vicende di alcuni Pompeiani tra Ostia, Roma, Italia meridionale e Gallia.

Si avvicendano così nel corso della narrazione i traffici commerciali di Ostia, l’impegnativa navigazione sul Tevere, la grande Roma, l’Italia meridionale con il Vesuvio, Aquae Sextiae (Aix En Provence) con il suo nuovo acquedotto. Si alternano personaggi storicamente esistiti ad altri frutto di immaginazione, profondamente umani e reali.

Il romanzo si impone per suspense, intrighi, colpi di scena, eventi storici, amore e avventura. In più c’è un pizzico di magia, basata su documenti epigrafici: si propone di valorizzare il mondo antico con una storia complessa e avvincente che nasce dalla lotta tra bene e male.

Dimenticare Pompei proprio per non dimenticarla!

Leonardo da Vinci non era vegetariano ; dalla lista della spesa di Leonardo alle ricette di Enrico Panero;

Enrico Panero ha immaginato le nuove ricette basandosi sulle liste della spesa di Leonardo, tratte da diversi documenti e codici vinciani.
350 Leonardo-R09-2101
 In libreria per Maschietto Editore il volume “Leonardo non era vegetariano.
 Dalla lista della spesa di Leonardo alle ricette di Enrico Panero”.
Si tratta di una pubblicazione straordinaria che fonde due elementi di ricerca e studio diversi fra loro e dedicati al genio da Vinci.
350Leonardo-R03-0738
Enrico Panero

 

Il libro, la cui prefazione è a cura di Oscar Farinetti, fondatore e ideatore di Eataly, unisce testi e ricerche su Leonardo, su quanto ha detto, fatto, scritto in tema di cucina e alimentazione, a cura di Alessandro Vezzosi e Agnese Sabato del Museo Ideale Leonardo da Vinci, a quindici nuove ricette di Enrico Panero, Chef del Ristorante Da Vinci di Eataly Firenze.

Enrico Panero ha immaginato le nuove ricette basandosi sulle liste della spesa di Leonardo, tratte da diversi documenti e codici vinciani.

Arricchiscono il volume, e lo completano, un saggio sul Cenacolo di Leonardo di Cristina Acidini, fra le massime conoscitrici al mondo dell’arte leonardiana, e per la parte food l’intervento del gastronauta Davide Paolini che conduce il lettore in un viaggio, anch’esso inedito e assai suggestivo, fra i luoghi e i sapori delle terre vinciane, e soffermandosi sulle nuove invenzioni di Enrico Panero.

Le ricette sono presentate da Annamaria Tossani e fotografate da Yari Marcelli.

Leonardo da Vinci fu grandissimo artista, scienziato, scopritore e inventore. Ma la sua passione e il suo genio si applicarono anche ai temi del cibo, della cucina, dell’alimentazione, tanto da poter ravvisare nei suoi contributi di più varia natura riferimenti importanti per la definizione della moderna cultura gastronomica e culinaria. Maestro di feste, cerimonie e banchetti a Firenze, Milano e Amboise, Leonardo studiò le materie prime, inventò macchine e utensili per la loro lavorazione, ragionò sulle caratteristiche dei territori di produzione, codificò disciplinari di prodotti come l’olio, il pane e il vino, esplorò le proprietà degli alimenti in relazione alla salute del corpo, scrisse favole, ‘profezie’, indovinelli e rebus ispirati al tema del cibo, realizzò straordinari disegni di macchine innovative per la produzione. E ovviamente il cibo è rappresentato in alcuni suoi dipinti, a partire dal Cenacolo milanese, che senza dubbio è la mensa più famosa del mondo. Prendendo spunto da queste suggestioni – presentate e raccontate con voce autorevole da Alessandro Vezzosi e Agnese Sabato del Museo Ideale Leonardo Da Vinci – lo chef Eataly Enrico Panero (Ristorante Da Vinci, Eataly Firenze) presenta 15 nuove ricette capaci di evocare intensamente, con ‘gusto’ e creatività, il mondo di Leonardo.

Il libro è dunque un ritratto inedito del grande genio toscano – illustrato da opere, disegni e documenti leonardiani, compresi materiali inediti o poco noti – e allo stesso tempo un vero e proprio manuale di cucina contemporanea, con nuove ricette sfiziose con cui tutti si possono cimentare, illustrate fotograficamente in ogni fase di preparazione.

Le due anime del libro – storico/artistica e culinaria – sono armonizzate grazie agli interventi di Davide Paolini, che introduce le tappe di un viaggio tra i luoghi, le opere e i sapori di Leonardo e le invenzioni culinarie di Panero. La ricette sono introdotte dalle note di Annamaria Tossani, che collegano la cucina di Leonardo a quella del nostro tempo. Cristina Acidini, tra i massimi esperti mondiali di arte rinascimentale, racconta la poesia del Cenacolo più famoso del mondo.

In appendice, un glossario con gli ingredienti studiati da Leonardo e impiegati nelle ricette di Panero e una cronologia leonardiana.

Leonardo non era vegetariano Dalla lista della spesa di Leonardo alle ricette di Enrico Panero;”Maschietto Editore:

formato cm 20×24
pagine 192
stampato a colori
copertina brossura con bandelle prezzo di copertina: 19 €

Doppia edizione italiano e inglese ISBN italiano: 978-88-6394-100-5 ISBN inglese: 978-88-6394-101-2

 In collaborazione con EATALY
e con il MUSEO IDEALE LEONARDO DA VINCI Pubblicato in occasione di Expo 2015 “Nutrire il Pianeta”

 

POESIA – Corriere della Sera ricorda scrittore ungherese Péter Esterház con una poesia di Alessandro Sándor Lukács

Péter Esterházy, scrittore ungherese, è discendente da una delle più nobili e antiche famiglie aristocratiche ungheresi e considerato “l’anima dell’Ungheria” .

Il suo romanzo più celebre è Harmonia Caelestis, uscito nell’anno 2000. Esterházy, vi racconta le vite dei suoi antenati; dall’Impero Austro-Ungarico al suo declino, sino all’epoca del comunismo. Un libro che è anche la storia dell’epoca.

In memoria della scomparsa dello scrittore, ad un anno dalla sua morte 14 luglio 2015, il Corriere della Sera ha pubblicato, nell’allegato “La lettura” del 24.7.16, una toccante poesia di Alessandro Sándor Lukács:

Esterházy, una voce …

di Sándor Lukács

Ti avrei voluto fratello
e non ti conoscevo ancora,
forse neanche capito.

Sei nato quando
eravamo già adulti
in cerca del verbo.

Non era facile capirti.
Non vendevi biglietti!
Eri “Klauz” * di
un tram speciale
e noi ti piangiamo
con cuore pesante.

Mancavi anche quando
non sapevamo chi eri
e ora che non ci sei,
rimarrai per sempre!

Meriti l’immenso,
parole che non saranno
mai dette.

Alfabeti non ancora eletti
eleganti, non semlici, possenti!

* guida

Alessandro Sándor Lukács; medico, docente in pensione e scrittore. La sua carriera parte dalla Clinica odontoiatrica dell’Università di Milano, per terminare, come primario, presso l’Ospedale Sant’Anna di Como; città dove risiede e da dove continua a scrivere.
I suoi lavori più conosciuti: “Un’agente segreta a Mauthausen”, “Via Mala”, “Il talmudista” (Libri Bianchi editore).

In vendita anche su Amazon:
Via Mala1 giu. 2001
di Alessandro Lukács e F. Cani
Copertina flessibile
EUR 11,48
Prime
————-
Un’agente segreta a Mauthausen1 set. 2002
di Alessandro Lukács e F. Cani
Copertina flessibile
EUR 15,80

LIBRI e SCRITTORI – Come pubblicare il primo libro ? – Parte ilmioesordio.it

Avete un libro nel cassetto ?

Scrittori timidi e impacciati ?

Ecco la vostra possibilità:

6a eEDIZIONE DI ilmioesordio,

evento web dedicato alla ricerca dello scrittore da premiare.

Un nome che è una garanzia; il gruppo editoriale l’Espresso.

L’ Espresso e patner pubblicheranno e promuoveranno le opere in gara.

I libri verranno letti, confrontati da editor professionisti e dal pubblico sul web.

Romanzi, racconti, poesie, saggi, tesi, libri illustrati, fumetti; se scrivere è la vostra passione ilmioesodo potrebbe essere il vostro primo successo.

Inviate la vostra opera ENTRO IL 31 AGOSTO.

In bocca al lupo !

http://ilmiolibro.kataweb.it/premio-letterario-ilmioesordio/

QUALE SCUOLA ? – Roma 4 marzo – Per migliorare e aggiornare la scuola e quindi il nostro Paese.

“Quale scuola?” é il titolo del libro realizzato dagli Accademici dei Lincei per rinnovare nelle scuole l’insegnamento dell’italiano, della matematica e delle scienze, le tre discipline fondamentali per la formazione dei giovani.

“Quale scuola?” Carocci editore, 239 pagine; un libro che tutti i docenti e i genitori dovrebbero leggere.

Il libro sarà presentato lunedì 4 aprile alle ore 15,30 nella Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto, via del Seminario 76, Roma.

Alla presentazione parteciperanno: l’On. Fabrizia Giuliani, gli Accademici dei Lincei Lamberto Maffei, Francesco Clementi, Tullio De Mauro e Luca Serianni, concluderà la Presidente della commissione cultura della Camera On. Flavia Piccoli Nardelli.

Da vari anni alcuni Accademici Lincei organizzano in tutta Italia corsi e seminari per i docenti delle scuole, per rafforzare e rinnovare il sistema di trattare l’insegnamento di queste tre discipline cardine, mostrando in modo trasversale quante e quali sono le relazioni tra i vari saperi e cercando di superare le paratie che spesso li dividono impoverendone le potenzialità.

Il Progetto, ideato dal Prof. Lamberto Maffei Vicepresidente dell’Accademia dei Lincei, è sostenuto dalla Fondazione “I Lincei per la scuola” e si svolge in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

BANCHE SPECULAZIONI E VATICANO – Un libro che spiega molti segreti sulla situazione della finanza mondiale.

Le decisioni economiche vengono prese da persone che stanno tra New York e Washington.

Costoro si limitano a spedire a Bruxelles le conclusioni e ci scrivono sopra “to do” (deve essere fatto !): questo è quello che si legge nel libro intervista che Ettore Gotti Tedeschi, economista cattolico, banchiere, ex Presidente dello IOR, ha recentemente pubblicato insieme al giornalista Paolo Gambi:

-“Un mestiere del diavolo”, Giubilei Regnani, pp.260, 15 euro.

Tutto può essere fatto partire dalla modifica delle leggi anti-riciclaggio dopo l’11 settembre.

Il Comitato di esperti del Consiglio d’Europa, per la valutazione delle misure di lotta contro il riciclaggio del denaro sporco, evidenziò molte lacune nella gestione delle finanze vaticane.

Ettore Gotti Tedeschi, economista cattolico, banchiere, ex Presidente dello IOR, la banca del Vaticano, fu brutalmente cacciato dal vaticano.
Era arrivato anche a temere per la sua incolumità; infatti preparò un memoriale sui segreti della Banca Vaticana; tutto questo è stato poi affidato alla Procura della Repubblica, ma è un argomento del quale preferisce non se ne parli.

Dopo la pubblicazione del suo libro, Ettore Gotti Tedeschi, a proposito della volontà di “ pulizia “ di Papa Francesco, sostiene che il Papa dovrà informarsi bene su cosa successe.

Tornando alle responsabilità di quello che accadde negli anni dello scandalo dei mutui subprime sino ai titoli tossici, Ettore Gotti Tedeschi ritiene che il massimo del cinismo non si può far risalire all’ambiente dei banchieri, bensì fu l’ambiente dei politici i quali, per fronteggiare la crisi, il crollo del PIL e nella speranza di ridurre il debito, intervennero solo superficialmente, liberalizzando il mercato.

I banchieri non aspettavano altro (per poter operare senza le regole imposte dopo la crisi del 1929, per tutelare i cittadini e il loro denaro). La responsabilità è personale; questo è il pensiero di Ettore Gotti Tedeschi.

Dove sta oggi il potere? In mano di chi ?

L’Europa potrebbe aiutare gli USA, che possono essere danneggiati dall’Asia che comunque è in crescita più dell’Occidente.
Ma l’Europa è disunita, non ha una vera politica economico-finanziaria comune; è debole.

Il problema mondiale, della globalizzazione,sta nel non voler capire cosa è bene e cosa è male; non distinguere, per realizzare solo il proprio vantaggio a danno di tutto il resto dell’umanità.

E in questo le religioni e la Chiesa potrebbero avere un ruolo fondamentale; totalmente ignorato dagli ultimi 30 anni.

Libri – ” IL ROMPISCATOLE ” di Giampaolo Pansa

Il sottotitolo del libro Il rompiscatole di Pansa è “L’Italia raccontata da un ragazzo del ’35“.

Un libro che dovrebbe essere letto anche dai giovani; per capire il nostro passato e aiutarci ad affrontare il futuro.

“La faccenda è che viviamo in un’epoca prigioniera di un atteggiamento che mi incute paura. È la distruzione della memoria, sia collettiva sia personale… Ci aspetta un inferno oppure un’epoca serena? Che senso ha avuto la nostra vita? E sino a quando durerà?”.

Il rompiscatole è il libro di un giornalista e scrittore che ha lavorato presso le più prestigiose testate, che sa molte cose sull’Italia e che non gli va né di comandare né di obbedire.

Estratto dalla pagina introduttiva dedicata ai lettori

A chi legge

Ho compiuto ottant’anni il primo giorno di ottobre del 2015. E ho pensato di potermi permettere un’autobiografia o, per usare una parola meno pomposa, un racconto di me stesso. Quello di ex ragazzo del 1935.
Vi avverto che qui troverete poco o nulla della mia vita privata [e questo ci invoglia a leggere il libro]. Gli amori adulti, le passioni, gli errori, i mutamenti, le cadute inevitabili nel corso di un tempo molto lungo sono rimasti fuori da queste pagine. Per rispetto verso chi mi ha accompagnato e per il pudore che difende sempre i sentimenti più intimi.

La mia autobiografia è soprattutto la mia storia professionale [appreziamo]. Un giorno qualcuno ha detto: ciò che rimane della nostra vita è quello che abbiamo scritto. Immagino che anche per me sarà così. Mi è sempre piaciuto scrivere. In tanti anni di giornalismo ho pubblicato migliaia di articoli e una sessantina di libri. Eppure il desiderio di mettere in fila delle parole non mi ha mai abbandonato. Anzi, con il trascorrere del tempo è cresciuto invece che diminuire.
La mattina mi alzo presto e uno dei primi impegni della giornata è accendere il computer. Poi mi dedico a una lettera da spedire a un amico, oppure inizio un nuovo articolo o un capitolo di un libro. Qualche volta mi capita di pestare sulla tastiera per ricostruire l’ultimo sogno che ho fatto all’alba. Il rompiscatole è nato in questo modo, quasi per caso. Ma anche perché riflettevo da tempo su una faccenda che non riguarda soltanto me.
La faccenda è che viviamo in un’epoca prigioniera di un atteggiamento che mi incute paura. È la distruzione della memoria, sia collettiva sia personale. Il mondo è alle prese con mutamenti tanto colossali da obbligarci a lasciar perdere il passato. Per limitarci a scrutare il futuro, nel vano tentativo di immaginare quale sarà. Ci tormentano molte domande. La nostra esistenza scorrerà tranquilla oppure dovremo fare i conti con prove difficili? Ci aspetta un inferno oppure un’epoca serena? Che senso ha avuto la nostra vita? E sino a quando durerà?

Il rompiscatole di Giampaolo Pansa è uscito l’11 febbraio 2016 per Rizzoli nella collana Saggi italiani.

 

LIBRI – MILLE MORTI DI PALERMO di Antonio Calabrò

MILLE MORTI DI PALERMO, di Antonio Calabrò, giornalista e scrittore,  è in libreria per Mondadori, in occasione del 30° anniversario dall’inizio del processo del pool antimafia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Sono pagine intense di cronaca documentata, ricche di speranza e passione civile; con MILLE MORTI DI PALERMO  Antonio Calabrò rende omaggio al sacrificio del pool antimafia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Il 10 febbraio 1986 è la data  dell’avvio del maxiprocesso a Cosa Nostra nell’aula bunker dell’Ucciardone.

Bombe, mitra, pistole, un arsenale da guerra per lo scontro tra clan mafiosi che  insanguinò la città di Palermo, dal 1979 al 1986, con un bilancio di 1.000  morti, 500 per strada, altre 500 rapite e scomparse.

Una mattanza, in un periodo nel quale, il resto d’Italia vive la Milano da bere degli anni ’80.

Il 23 aprile 1981 viene ucciso Stefano Bontade, potente boss di Cosa Nostra; l’ omicidio semina panico nelle file delle famiglie mafiose, seguiranno centinaia di altri morti. Si impongono soprattutto i corleonesi di Totò Riina e Bernardo Provenzano e i loro alleati, i Greco, i Brusca, i Marchese.

Non è solo una guerra interna della mafia, vengono uccisi anche uomini al servizio delle istituzioni: Piersanti Mattarella e Pio La Torre, Boris Giuliano, Cesare Terranova, Gaetano Costa, Carlo Alberto dalla Chiesa, Rocco Chinnici, Ninni Cassarà, e altri … poliziotti e carabinieri, magistrati, giornalisti, medici, imprenditori che non si sono piegati.

LIBRO – CUCINARE CRUDO D’INVERNO

LA COLLANA TASCABILE VEG
PIÙ ORIGINALE ED ECONOMICA, TUTTA A COLORI!

Sara Cargnello Valentina Dalla Pria

CUCINARE CRUDO D’INVERNO

Cuocere il cibo significa impoverirlo, perché si distruggono molte vitamine
e minerali proprio nei mesi in cui abbiamo più bisogno di un cibo che ci fornisca energia e quindi calore.
Per questa ragione tutti i piatti di questo ricettario sono crudisti, ossia sono cotti
a una temperatura che non supera i 45°.

Per chi desidera adottare uno stile di vita sano e naturale, con piatti nutrienti, leggeri che si mangiano anche con gli occhi.

Preparare piatti crudi anche quando la temperatura scende a picco è semplice e divertente. A tutto vantaggio della salute e del benessere psicofisico: ci sentiremo infatti più energici, più puliti e persino più… riscaldati! Tantissime ricette e proposte, tutte fotografate, che spaziano dalle colazioni agli antipasti, dai pani e focacce ai primi piatti, dalle zuppe ai piatti unici ai biscotti e alle torte golose. Con tutte le informazioni sui super cibi da utilizzare, sulle associazioni alimentari corrette e per

iniziare a mangiare sano e crudo; tutte vegetali al 100% e irresistibili. Provare per credere!

Più un alimento è lontano dal suo stato naturale, più ci allontana dalla natura e dal benessere.

Sara Cargnello è autrice di libri sull’alimentazione crudista e il benessere naturale. Vegana da molti anni, laureata in Scienze Ambientali, ha un diploma di Nutritional Therapist e un Master in Nutrizone e Dietetica vegetariana. Grazie al primo blog italiano (www.crudismo.com) dedicato, nel 2004, ha aperto la strada al crudismo in Italia. Ha vissuto e viaggiato in Inghilterra e negli Usa, facendo esperienza diretta del raw food internazionale. Valentina Dalla Pria si considera una fotografa in divenire: incontra la fotografia, se ne innamora e non può più farne a meno. Vegana per scelta etica, ha fatto del cibo uno dei suoi soggetti preferiti.

Formato 16×22 cm – Pagine 96 Prezzo 9,90 € VEG IN TASCA -ISBN 978 88 7106 793 3